INDICE DESCRIZIONE ATTIVITA' RESPONSABILITA' BIBLIOGRAFIA INDICATORI...9

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE...1 1 DESCRIZIONE ATTIVITA'...2 2 RESPONSABILITA'...8 3 BIBLIOGRAFIA...9 4 INDICATORI...9"

Transcript

1 Prima Stesura Data: Redattori: Dott. M. Trenta SIMT POS 030 GESTIONE PAZIENTE ANEMICO PRESSO IL DH TRASFUSIONALE INDICE INDICE DESCRIZIONE ATTIVITA' RESPONSABILITA' BIBLIOGRAFIA INDICATORI...9 1

2 1 DESCRIZIONE ATTIVITÀ La presente PROCEDURA operativa si applica alle attività trasfusionali su pazienti inviati c/o il SIMT da Medici dell' Azienda Ospedaliera, Medici di base o altri Medici specialisti. Le terapie trasfusionali sono rivolte a quei pazienti affetti da anemie, piastrinopenie, in cui sia necessario mantenere i valori del'' Hb e/o delle piastrine a valori clinicamente adeguati alle condizioni del paziente. Modalità di accesso: Le prestazioni vengono effettuate previo appuntamento da prenotare direttamente presso il DHT o telefonicamente al n 0761/ e vengon o effettuate dal lunedì' al venerdì dalle ore 08,00 alle ore 11,00. Il giorno dell' appuntamento il paziente, munito della prenotazione, della richiesta medica e di altra eventuale documentazione clinica, si presenta al DHT del SIMT ove viene accolto dal personale infermieristico del settore ed accompagnato in sala visita. Il Medico visita il paziente e provvede a far eseguire al personale infermieristico un esame emocromocitometrico. Modalità di effettuazione della prestazione: Stabilita l' indicazione alla esecuzione della trasfusione di sangue e/o piastrine, il Medico procede ad acquisire il consenso informato del paziente, facendogli sottoscrivere il Consenso Informato, e compila la Cartella Clinica Aziendale, registrando l'avvenuta trasfusione riportando i numeri legali delle unità trasfuse, ed i valori pretrasfusionali di Hb e Ht, sulla diaria. Visite successive alla prima: Al termine della prima visita, sia nei casi in cui venga effettuato una terapia trasfusionale, sia nei casi in cui questa venga ritenuta non necessaria, il Medico provvede a fissare al Paziente un nuovo appuntamento per un successivo controllo, registrandolo sulla agenda degli appuntamenti. PARTE TECNICA: TRASFUSIONE CON EMAZIE CONCENTRATE La normale produzione giornaliera di globuli rossi nell adulto sano e di circa o,25ml/kg e la loro vita media e di circa 120 giorni,quella delle emazia trasfuse e di circa giorni. Orientativamente nell adulto una unita di emazie concentrate aumenta l emoglobina di un grammo per decilitro e l ematocrito di circa il 3% in funzione del peso e della volemia del paziente La trasfusione di globuli rossi e indicata per aumentare rapidamente l apporto di ossigeno, quando i meccanismi di compenso messi in atto dall organismo non sono sufficienti a compensare o una bassa concentrazione di emoglobina o una ridotta capacita ossiforetica. 2

3 Ogni volta che si verifica una condizione di necessita di ossigeno l organismo mette in moto i meccanismi di compenso che sono :.aumento della gittata cardiaca.aumento del flusso arterioso coronarico..ridistribuzione del flusso ematico..aumento dell estrazione di ossigeno. L ossigenazione tessutale dipende dalla concentrazione di emoglobina,dalla saturazione di emoglobina e dalla e dalla domanda di ossigeno da parte dei tessuti Quando sussistono condizioni cliniche che alterano i meccanismi di compenso come: ipovolemia,coronaropatie,patologie cardiache di varia natura, o diminuita capacita di estrazione di ossigeno come nel distress respiratorio, o condizioni di incremento del consumo di ossigeno come: febbre dolore stress sepsi sindrome da iperventilazione e necessario ricorrere alla terapia con globuli rossi. Dove e possibile attuare una strategia di attesa e consigliabile l utilizzo di alternative farmacologiche come l eritropoietina la terapia marziale la vitamine adiuvanti l eritropoiesi. Se questo non e possibile diviene necessario ricorrere alla trasfusione. Per stabilire la necessita della terapia con globuli rossi oltre ai parametri di laboratorio cioe alla valutazione dell emoglobina e dell ematocrito si devono considerare: Eta Segni e sintomi di anemia Rapidita di anemizzazione Entita della perdita ematica Condizioni cardiorespiratorie Patologie concomitanti In relazione all età, alla patologia di base, e alle condizioni cliniche del paziente si ha la possibilità di scegliere diversi tipi di concentrati eritrocitari che sono: Emazie concentrate Emazie concentrate prive di buffy coat Emazie concentrate con aggiunta di soluzioni additive Emazie leucodeplete Emazie lavate Emazie congelate Emazie da aferesi Anemia acuta :L indicazione alla trasfusione nella condizione di anemia acuta e la prevenzione dello shock ipovolemico.per ripristinare un adeguato flusso sanguigno che assicuri l ossigenazione tessutale e necessario come primo intervento ripristinare la volemia mediante l infusione di cristalloidi e collodi. Perdite di volume ematico inferiore al 15%( <750ml) generalmente non necessitano di trasfusione se non c e anemia pre-esistente. 3

4 Se la perdita e compresa tra il 15 e il 30% ( ml)si ha tachicardia compensatoria e la trasfusione puo essere indicata solo se esiste una condizione di concomitante patologia cardio-polmonare Perdite superiori al 30% ( ml) possono causare shock Se la perdita supera il 40%la trasfusione e un provvedimento salvavita. Valori di Hb inferiori a 6g/dl rendono quasi sempre necessaria la terapia trasfusionale. Valori tra 6 e 10 g/dl nel paziente stabilizzato richiedono una valutazione clinica.,valori tra 6-7g/dl sono tollerati nelle anemie croniche e nei soggetti giovani in buone condizioni cardiocircolatorie e respiratorie Valori intorno a 8gr/dl devono essere considerati trigger per pazienti con compromissione dei meccanismi di compenso fisiologico Per valori che superano i 10g/dl la trasfusione e necessaria in rarissimi casi.(grave malattia coronaria o vascolare grave pneumopatia cronica.) E importante ricordare che nel paziente con emorragia acuta i valori di ematocrito possono apparire normali finche non si ripristina il volume plasmatico,in questi casi la valutazione della necessita di trasfusione e esclusivamente clinica. Anemia cronica In questo tipo di anemia va sempre valutata l eziopatogenesi, infatti in questa condizione sono sempre aumentati la gittata cardiaca la frequenza respiratoria e i livelli di 2/3 difosfoglicerato con conseguente spostamento a destra della curva di dissociazione dell emoglobina e quindi maggiore cessione di ossigeno ai tessuti. Se le condizioni cliniche del paziente lo consentono e necessario valutare la possibilita di utilizzare strategie alternative come l uso di ematinici nelle forme carenziali e/o eritropoietina nelle forme mielodisplastiche o di insufficienza renale. In pazienti in terapia antineoplastica in cui non e possibile attendere l effetto della terapia sostitutiva e bene mantenere livelli di emoglobina tra 9/10 g/dl sia perche l ipossia ha un effetto protettivo sulle neoplasie che per l aumentata tossicita di alcuni chemioterapici in condizioni di anemia. Nei talassemici si deve mantenere un livello di emoglobina tra 9/9,5 gr/dl per garantire un equilibrio tra inibizione dell eritropoiesi e sovraccarico marziale. Nei piastrinopenici puo essere importante mantenere un ematocrito intorno a 30% per ridurre il rischio emorragico,infatti gli eritrociti modulano l emostasi primaria favorendo l aggregazione e la marginazione delle piastrine. INDICAZIONI A TRATTAMENTI SPECIFICI CONCENTRATI ERITROCITARI LEUCODEPLETI Contengono un numero di leucociti inferiore a 1x10 6per unita e sono indicati nella prevenzione di reazioni trasfusionali febbrili non emolitiche indotte dalla presenza di anticorpi antileucocitari nella prevenzione dell infezione da CMV in soggetti immunodepressi, nella prevenzione della refrattarieta alla trasfusione piastrinica, nella 4

5 prevenzione della alloimmunizzazione antileucocitaria nei casi di supporto trasfusionale a lungo termine. nelle trasfusioni intrauterine CONCENTRATI ERITROCITARI LAVATI Contengono una quantita minima di proteine plasmatiche,che sono rimosse dopo lavaggio dei globuli rossi con soluzione fisiologica e sono indicati Nella prevenzione di reazioni allergiche nei confronti di proteine plasmatiche infuse, quindi nei rari casi di deficit di IgA o per pregresse reazioni allergiche alla infusione di plasma Nelle reazioni febbrili post trasfusionali presenti anche con l utilizzo di concentrati eritrocitari leucodepleti CONCENTRATI ERITROCITARI IRRADIATI L irradiazione e il solo modo per prevenire la GVHD associata alla trasfusione e dovuta alla presenza dei linfociti attivi.i Iinfociti sono inattivati con l irradiazione Sono indicati: nelle trasfusioni con emocomponenti donati da parenti di 1 2 grado nei pazienti in terapia neoplastica da valutare caso per caso in rapporto al grado di immunosoppressione. TRASFUSIONE DI PIASTRINE La trasfusione di piastrine è indicata per la profilassi e la terapia delle emorragie,nei pazienti affetti da piastrinopenia o da deficit funzionali,primitivi o secondari,delle PLT. CONCENTRATI PIASTRINICI DISPONIBILI Il concentrato piastrinico (CP ) può essere ottenuto da una donazione di sangue intero fresco,sottoposta a centrifugazione, oppure da una donazione in aferesi. Il contenuto di PLT è diverso in relazione al tipo di prodotto: -CP da singola unità di sangue intero o da buffy coat :0,45-0,85 x CP da pool di buffy coat : contenuto minimo 2,5 x CP da aferesi : contenuto minimo : 3 x CP da plasma piastrinoaferesi o da prelievo multicomponente:contenuto minimo 2 x10 11 I pool di CP da singola unità di sangue intero e i CP da aferesi contengono circa la stessa quantità di PLT; studi comparativi hanno dimostrato la loro equivalenza terapeutica,in termini di incremento post-trasfusionale e di efficacia emostatica, se trasfusi freschi,e simile incidenza di effetti collaterali. I CP da pool,rispetto a quelli da aferesi, espongono i pazienti a un maggior numero di donatori. 5

6 INDICAZIONI PER L USO La decisione di trasfondere CP non deve basarsi esclusivamente su un basso conteggio piastrinico. Indicazione assoluta deve essere considerata una severa piastrinopenia accompagnata da emorragie clinicamente rilevanti. Tutte le altre indicazioni sono più o meno relative e dipendono dalle condizioni cliniche del paziente. PIASTRINOPENIE IPORIGENERATIVE Nei pazienti con piastrinopenia iporigenerativa, l indicazione alla trasfusione piastrinica è consolidata e di sicura efficacia come intervento terapeutico. L utilizzo a scopo profilattico è possibili, talora inevitabile, per piastrinopenie molto spinte. In questi casi la soglia trasfusionale attualmente raccomandata è di PLT/µL nei pazienti clinicamente stabili, cioè in assenza di tutte le seguenti condizioni cliniche: - febbre > 38,5 C -sindrome settica -aspergillosi invasiva -disordini plasmatici della coagulazione -cefalea importante -alterazioni/modificazioni dello stato di coscienza -deficit neurologici -alterazioni visus -emorragie minori recenti -rapido calo del conteggio piastrinico -GB >75000/µL Eccezioni sono rappresentate da: -leucemia acuta (LA) esclusa la promielocitica: a) quando il rischio di allo immunizzazione e/o refrattarietà piastrinica è particolarmente elevato: la soglia raccomandata è di 5000 PLT/µL b) in presenza di condizioni di instabilità clinica: la soglia raccomandata è di PLT/µL -neoplasie vescicali o tumori necrotici,durante il trattamento attivo e aggressivo: la soglia raccomandata è di PLT/µL PROFILASSI PER INTERVENTI CHIRURGICI Negli interventi di chirurgia maggiore o manovre invasive come rachicentesi, anestesia epidurale, biopsia epatica, endoscopia con biopsia, posizionamento di catetere venoso centrale(cvc) è bene portare la conta piastrinica sopra 50000/µL; negli interventi chirurgici in sede critiche, in oculistica e in neurochirurgia la soglia deve essere portata a PLT/µL; 6

7 INDICAZIONI IN TERAPIA (SANGUINAMENTO IN ATTO) La necessita di CP, in presenza di piastrinopenie (PLT< /µL) o di difetti funzionali (anche iatrogeni) delle PLT dipende dalla natura e dalla sede del sanguinamento, dalla presenza o meno di coagulopatia, dai trattamenti intercorrenti oltre che dalle condizioni cliniche delle paziente. CONDIZIONE SOGLIA PLT/µL PZ chirurgico con sanguinamento in atto <50000/µL Trasfusioni massive <75000/µL CID acuta ~50000 Deficit funzionali piastrinici (congeniti o Indicate solo per emorragia perioperatoria acquisiti) Tromboastenia di Glanzmann Terapia con fattore VII att. Trombocitopenia autoimmune Solo per emorragia maggiore e/o pericolosa Porpora post trasfusionale Solo per gravi emorragie in fase acuta e in attesa della risposta alle IG ev. Dose media di CP per ogni trasfusione: -paziente pediatrico: 0,5 X10 11 PLT/10 kg (1 CP da sangue intero ogni 10 kg) -paziente adulto: circa 3 X PLT (1 CP da aferesi o 1 CP da pool di 5-8 CP da sangue intero o da pool di buffy coat) Controllo dell efficacia trasfusionale Il monitoraggio dell efficacia della trasfusione piastrinica è fondamentale come guida per successive trasfusioni piastriniche; perciò è opportuno rilevare la conta piastrinica prima, dopo un ora e dopo 24 ore dalla trasfusione, calcolando il cosiddetto incremento corretto (CCI) CCI= x BSA Legenda: CP.POST:conta piastrinica post trasfusione(plt/µl) CP.PRE: conta piastrinica pre trasfusione (PLT/µL) CCI: incremento corretto BSA: superficie corporea in m 2 L incremento corretto deve essere >a 7500 alla1 or a e > a 4500 alla - 24 ora. COMPATIBILITA ABO / RH I CP trasfusi dovrebbero essere ABO identici per una resa efficace o,almeno,abo compatibili.i CP di gruppo 0 possono essere usati per pazienti di gruppo A B AB solo se risospesi in soluzioni additive / conservanti, o saline,o se negativi per anti A/ A,B ad alto titolo. I pazienti Rh negativi,e in particolare le donne in età fertile,dovrebbero ricevere,se possibile,cp Rh-D negativi, in caso contrario, alle donne negative che vengono trasfuse con CP Rh positive,dovrebbero essere somministrate 250 UI di Ig anti D.. 7

8 INDICAZIONI INAPPROPRIATE Porpora trombotica trombocitopenia ed altre microangiopatie quali la sindrome emoliticouremica e la sindrome HELLP ; la trasfusione di PLT è controindicata salvo la presenza di emorragia a rischio di vita per il pz. Trombocitopenia autoimmune( PTI ) al di fuori di sanguinamento a rischio di vita per il pz. CID cronica in assenza di sanguinamento Profilassi durante trasfusione massiva Porpora post-trasfusionale 2 RESPONSABILITA Responsabilità: le responsabilità per le attività e gli operatori previsti nella presenta procedura sono indicate dalla seguente tabella secondo la priorità: C = Collabora, R = Responsabilità Attività MEDICO INF.PROF TEC LAB Accettazione Paziente C R Visita paziente R C Esecuzione prelievo per esame emocromocitometrico e prove di compatibilità C R pretrasfusionali Accettazione ed esecuzione esame R emocromocitometrico. Richiesta emocomponenti R C Controllo emocomponenti da trasfondere R C Esecuzione trasfusione C R Prenotazione successivi controlli R C 3 BIBLIOGRAFIA PROCEDURA AZIENDALE Gestione del paziente anemico non emopatico e delle reazioni trasfusionali del

9 4 INDICATORI N trasfusioni effettuate N reazioni trasfusionali Rapporto trasfusioni effettuate/ reazioni trasfusionali 5 ABBREVIAZIONI SIMT: Servizio Immuno Trasfusionale DHT: Day Hospital Trasfusionale 6. Allegati SIMT MOD 099 Consenso informato 9

Il supporto trasfusionale rappresenta un presidio fondamentale nella terapia sia medica sia chirurgica di numerose patologie.

Il supporto trasfusionale rappresenta un presidio fondamentale nella terapia sia medica sia chirurgica di numerose patologie. 1 Il supporto trasfusionale rappresenta un presidio fondamentale nella terapia sia medica sia chirurgica di numerose patologie. la trasfusione di sangue è stata identificata come una delle 8 funzioni chiave

Dettagli

5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica

5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica 5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica EMOCOMPONENTI: PRODUZIONE E LAVORAZIONI Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale A.O.U. San Luigi Gonzaga-Orbassano EMOCOMPONENTI Emazie concentrate

Dettagli

SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE

SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE Aula Magna I.I.S.S. O. Notarangelo-G. Rosati Foggia AIL Pazienti Mielodisplasie La trasfusione di sangue: Quando è necessaria e quali rischi comporta 22

Dettagli

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca Università degli studi G. D Annunzio Cattedra di Ematologia Direttore Prof. Giovanni Davì Medicina trasfusionale Corso di Laurea in Infermieristica AA 2008-20092009 Dr.ssa Francesca Santilli Fonti di sangue

Dettagli

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII Giancarlo Maria Liumbruno Direttore Centro Nazionale Sangue Istituto

Dettagli

LINEE GUIDA INTERNE: RACCOMANDAZIONI SULL USO CLINICO DI EMAZIE CONCENTRATE

LINEE GUIDA INTERNE: RACCOMANDAZIONI SULL USO CLINICO DI EMAZIE CONCENTRATE LINEE GUIDA INTERNE: RACCOMANDAZIONI SULL USO CLINICO DI EMAZIE CONCENTRATE SOMMARIO SCOPO CAMPO DI APPLICAZIONE INDICAZIONI GENERALI ANEMIA DA EMORRAGIA ACUTA AMBITO PERI-OPERATORIO ANEMIA CRONICA ANEMIA

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord S.C IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE ASLTO2 1. ORARI del SERVIZIO TRASFUSIONALE...1 2. RICHIESTA di TERAPIA TRASFUSIONALE...2 3. CAMPIONI di SANGUE...3 4. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE e DEI CAMPIONI

Dettagli

RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI

RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI A LLEGATO V RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI PARTE A A.1 Modalità per la raccolta del sangue intero e degli emocomponenti raccolti mediante aferesi

Dettagli

Terapia Trasfusionale

Terapia Trasfusionale Percorso Didattico S.I.M.U.T.I.V Ordine dei medici veterinari della provincia di Ravenna Ravenna, 15 settembre 2014 Pronto Soccorso Terapia Trasfusionale Dott. Paolo Gaglio Ospedale Veterinario Gregorio

Dettagli

Gestione del rischio clinico AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE CATANZARO PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITA AB0

Gestione del rischio clinico AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE CATANZARO PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITA AB0 Gestione del rischio clinico AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE CATANZARO PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELLA REAZIONE TRASFUSIONALE DA INCOMPATIBILITA AB0 2 INDICE Premessa pag. 3 Azioni pag.3 Obiettivo pag.

Dettagli

INDICAZIONI ALLA TRASFUSIONE

INDICAZIONI ALLA TRASFUSIONE INDICAZIONI ALLA TRASFUSIONE Pierluigi Piccoli Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata EMOCOMPONENTI PER USO TRASFUSIONALE CONCENTRATI ERITROCITARI CONCENTRATI PIASTRINICI PLASMA FRESCO CONGELATO Il

Dettagli

REGIONE LAZIO. Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita. Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT)

REGIONE LAZIO. Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita. Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) La sede della Sezione di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale

Dettagli

Da che cosa è composto il sangue?

Da che cosa è composto il sangue? DONAZIONE DEL SANGUE La donazione di sangue non è solo un gesto di altruismo, ma soprattutto una necessità per l intera collettività. A tutt oggi non esiste sangue artificiale, cioè un sostituto con le

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA RICHIESTA TRASFUSIONALE URGENTISSIMA

PROTOCOLLO PER LA RICHIESTA TRASFUSIONALE URGENTISSIMA INDICE Pag. 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. PAROLE CHIAVE... 2 3. PERSONALE INTERESSATO... 2 4. MODALITA OPERATIVA... 2 4.1 PREMESSA... 2 4.2 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA... 3 4.2.1 Richiesta

Dettagli

SIMT-POS 054 PROCEDURA OPERATIVA AZIENDALE PER L ATTIVITA DI DONAZIONE PREOPERATORIA DI SANGUE AUTOLOGO DPSA

SIMT-POS 054 PROCEDURA OPERATIVA AZIENDALE PER L ATTIVITA DI DONAZIONE PREOPERATORIA DI SANGUE AUTOLOGO DPSA 1 Prima Stesura Data: 16-12-2015 SIMT-POS 054 PROCEDURA OPERATIVA AZIENDALE PER L ATTIVITA DI DONAZIONE PREOPERATORIA DI SANGUE AUTOLOGO DPSA Indice Pagina 1. Scopo 2 2. Campo di Applicazione 2 3. Destinatari

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A LLEGATO VII PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A. Prelievi ematici per indagini immunoematologiche e pre-trasfusionali 1 I campioni di sangue destinati alla tipizzazione eritrocitaria,

Dettagli

La donazione di sangue

La donazione di sangue La donazione di sangue Storia della trasfusione 1616: Scoperta della circolazione del sangue da parte del medico inglese William Harvey. 1665: prima trasfusione di sangue da cane a cane documentata, effettuata

Dettagli

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE.

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. SI PUÒ SOLO DONARE! DIVENTA UN DONATORE ED OGNI TUA STILLA DIVENTERÀ UN PALPITO PER IL CUORE DI UN ALTRO! Misericordia di Pietrasanta Gruppo Fratres Per info

Dettagli

A.O. S. Giovanni- Addolorata. UOC Medicina Immuno- Trasfusionale. CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI

A.O. S. Giovanni- Addolorata. UOC Medicina Immuno- Trasfusionale. CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI A.O. S. Giovanni- Addolorata UOC Medicina Immuno- Trasfusionale CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI 1. GENERALITA La presente Carta dei Servizi descrive le attività trasfusionali che costituiscono

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

La trasfusione di concentrati piastrinici: efficacia e indicazioni cliniche

La trasfusione di concentrati piastrinici: efficacia e indicazioni cliniche La trasfusione di concentrati piastrinici: efficacia e indicazioni cliniche Vincenzo Toschi SIMT & Centro Emostasi e Trombosi AO San Carlo Borromeo - Milano Open Issues Goodnough LT, Levy JH, Murphy MF,

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 013 Validazione Emocomponenti

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 013 Validazione Emocomponenti 1 1 2 1 SCOPO Lo scopo della seguente procedura è descrivere le modalità di esecuzione della validazione finale e dell etichettatura degli emocomponenti derivanti dalla donazione di sangue intero o di

Dettagli

S.I.M.T. VERCELLI ALL. Standard di Servizio: Guida all'autodonazione mediante Predeposito. Approvata da: DIRIGENTE DI STRUTTURA COMPLESSA

S.I.M.T. VERCELLI ALL. Standard di Servizio: Guida all'autodonazione mediante Predeposito. Approvata da: DIRIGENTE DI STRUTTURA COMPLESSA Pagina 1 di 6 FIRMA PER REDAZIONE CAMISASCA GIOVANNI _FIRMATO IN ORIGINALE FIRMA PER APPROVAZIONE MARI RAFFAELE _FIRMATO IN ORIGINALE EMESSO IL : 15/04/2010 SOMMARIO: SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2

Dettagli

IL PAZIENTE NEOPLASTICO

IL PAZIENTE NEOPLASTICO IL PAZIENTE NEOPLASTICO Indipendentemente dal tipo di neoplasia è possibile riconoscere alcune condizioni cliniche comuni che richiedono particolare attenzione dal punto di vista medico ed infermieristico.

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE A cura del Centro immunotrasfusionale dell ASL SA1 Direttore Mariarosaria Schiavo Prefazione La stesura di questo opuscolo nasce dal desiderio di contribuire a sfatare

Dettagli

C è bisogno di te: DONA IL SANGUE

C è bisogno di te: DONA IL SANGUE C è bisogno di te: DONA IL SANGUE IL NOSTRO SANGUE Il sangue, anche se liquido, è un tessuto; Esso circola all interno di arterie, vene e capillari; Rappresenta il 7% del nostro peso corporeo; È costituito

Dettagli

SIMT-IO 003 MODALITA OPERATIVA DI CQ

SIMT-IO 003 MODALITA OPERATIVA DI CQ 1 Prima Stesura Data: 15-02/2013 Redattori: Gasbarri, De Agelis, Rizzo SIMT-IO 003 MODALITA OPERATIVA DI CQ Indice 1 DESCRIZIONE ATTIVITÀ... 2 2 RESPONSABILITA... 10 3 BIBLIOGRAFIA... 10 4 INDICATORI...

Dettagli

MANUALE DI TERAPIA TRASFUSIONALE

MANUALE DI TERAPIA TRASFUSIONALE MANUALE DI TERAPIA TRASFUSIONALE A cura del SIMT Ospedale L. Sacco Dott.ssa L. Arrigoni Dott.ssa L. Gallo Dott.ssa S. Birindelli Dott.ssa C. Masseroni Dott. M. Ieri Dott. E. Rossi Anno 2003 Revisione Anno

Dettagli

MANUALE DEL BUON USO DEL SANGUE SOMMARIO. 4. Indicazioni alla trasfusione di emocomponenti ed emoderivati

MANUALE DEL BUON USO DEL SANGUE SOMMARIO. 4. Indicazioni alla trasfusione di emocomponenti ed emoderivati MANUALE DEL BUON USO DEL SANGUE A cura della U.O. di Medicina Trasfusionale e del Comitato Ospedaliero per il Buon Uso del Sangue. SOMMARIO 1. Generalità. Riferimenti normativi e legislativi 3. Modalità

Dettagli

MATERIALE INFORMATIVO PER LA DONAZIONE DI SANGUE

MATERIALE INFORMATIVO PER LA DONAZIONE DI SANGUE S. C. Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Ospedale San Paoloo Savonaa Direttore: Dott. Andrea Tomasini MATERIALE INFORMATIVO PER LA DONAZIONE DI SANGUE DONARE SANGUE Facile e vitale Il sangue è un

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE Claudia Ferocino TSLB; Dott.ssa Francesca Tanzi Responsabile Accreditamento Servizio Immunoematologia e Dott.ssa

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI. AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta PROCEDURA STANDARDIZZATA PER PREVENIRE IL VERIFICARSI DI ERRORI TRASFUSIONALI A cura della Unità Operativa di Medicina Trasfusionale

Dettagli

Manuale per il Buon Uso del Sangue ed Emoderivati

Manuale per il Buon Uso del Sangue ed Emoderivati Pagina 1 di 73 Manuale per il Buon Uso del Sangue ed Emoderivati COBUS A.S.P. PALERMO A cura del Direttore del SIMT P.O. Cefalù Barone 1 Pagina 2 di 73 1. Premessa Il sangue per uso trasfusionale è di

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI

INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI Informazioni sulla donazione rev. 1 del 30 settembre 2013 Pagina 1/7 Gentile donatrice, Caro donatore, vorremmo innanzitutto darle il benvenuto nel

Dettagli

Tecniche di preparazione e conservazione degli emocomponenti Franco Verlicchi Centro Trasfusionale Faenza/Lugo AUSL Ravenna

Tecniche di preparazione e conservazione degli emocomponenti Franco Verlicchi Centro Trasfusionale Faenza/Lugo AUSL Ravenna Tecniche di preparazione e conservazione degli emocomponenti Franco Verlicchi Centro Trasfusionale Faenza/Lugo AUSL Ravenna La Legge 21/10/2005, n 219 - Nuova disciplina delle attività trasfusionali e

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 118 DEL 12 MARZO 2014 CONVENZIONE TRA. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof.

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 118 DEL 12 MARZO 2014 CONVENZIONE TRA. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof. ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 118 DEL 12 MARZO 2014 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, Partita IVA n. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof. Giovanni Persico,

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE LA DONAZIONE DI SANGUE Testi ed illustrazioni dal sito www.avis.it 1 Perché Donare? Perché il sangue non è riproducibile in laboratorio, ma è indispensabile alla vita. Perché tutti domani potremmo avere

Dettagli

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI COINVOLGONO ENDOTELIO PIASTRINE FATTORI DELLACOAGULAZIONE Piccin Nuova

Dettagli

DELLA PROVINCIA DI PADOVA

DELLA PROVINCIA DI PADOVA DELLA PROVINCIA DI PADOVA 1 2 PRESENTAZIONE Milioni di vite vengono salvate ogni anno grazie alla terapia trasfusionale. Tuttavia, in molti Paesi in via di sviluppo, le persone ancora muoiono per mancanza

Dettagli

Donare il sangue è un gesto di solidarietà... Significa dire con i fatti che la vita di chi sta soffrendo mi preoccupa.

Donare il sangue è un gesto di solidarietà... Significa dire con i fatti che la vita di chi sta soffrendo mi preoccupa. Donare Perché donare Donare il sangue è un gesto di solidarietà... Significa dire con i fatti che la vita di chi sta soffrendo mi preoccupa. Il sangue non è riproducibile in laboratorio ma è indispensabile

Dettagli

La compatibilità nella trasfusione di emocomponenti

La compatibilità nella trasfusione di emocomponenti Milano, 23 Febbraio 2013 La compatibilità nella trasfusione di emocomponenti Gabriella Girelli Sapienza Università degli Studi di Roma La compatibilità nella trasfusione di emocomponenti La compatibilità

Dettagli

Manuale per il Buon Uso del Sangue ed Emoderivati

Manuale per il Buon Uso del Sangue ed Emoderivati SIMT- Cefalù Manuale per il Buon Uso del Sangue Revisione anno 2007 SIMT /EMO. Il Direttore del SIMT AUSL n 6 P.O. Cefalù Manuale per il Buon Uso del Sangue ed Emoderivati COBUS AUSL N 6 PALERMO A cura

Dettagli

INFORMAZIONI PER I DONATORI DI SANGUE

INFORMAZIONI PER I DONATORI DI SANGUE INFORMAZIONI PER I DONATORI DI SANGUE Gentile donatrice, Caro donatore, vorremmo innanzitutto darle il benvenuto nel nostro Servizio Trasfusionale e a nome dei pazienti ringraziarla per il Suo atto di

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DI SANGUE

PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DI SANGUE Ospedale IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo Opera di San Pio da Pietrelcina PICCOLA GUIDA ALLA DONAZIONE DI SANGUE a cura di: Servizio Trasfusionale e di Immunoematologia Tel.:

Dettagli

DELLA PROVINCIA DI PADOVA

DELLA PROVINCIA DI PADOVA DELLA PROVINCIA DI PADOVA 1 PRESENTAZIONE Milioni di vite vengono salvate ogni anno grazie alla terapia trasfusionale. Tuttavia, in molti Paesi in via di sviluppo, le persone ancora muoiono per mancanza

Dettagli

Donare è vita È un semplice gesto se vuoi puoi farlo!

Donare è vita È un semplice gesto se vuoi puoi farlo! NAPOLI Associazione Giuseppe Mango Onlus Donare è vita È un semplice gesto se vuoi puoi farlo! Donare è vita tante gocce possono formare il mare Il sangue è un importantissimo mezzo terapeutico spesso

Dettagli

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara Valutazione iniziale del paziente con emorragia digestiva

Dettagli

C È SEMPRE PIÙ BISOGNO IL SANGUE DI SANGUE E INDISPENSABILE ALLA VITA

C È SEMPRE PIÙ BISOGNO IL SANGUE DI SANGUE E INDISPENSABILE ALLA VITA Il sangue è un tessuto fluido, composto da elementi cellulari (globuli rossi, globuli bianchi e piastrine) e da un elemento liquido (plasma), nel quale sono disciolte proteine, sali minerali, grassi e

Dettagli

CHI DONA SANGUE HA CUORE.

CHI DONA SANGUE HA CUORE. Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax IL E I SUOI COMPONENTI. LE DIVERSE FORME DI DONAZIONE. Il sangue è un tessuto fluido che circola nei vasi sanguigni, rappresenta l 8% del peso corporeo ed è

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 051 Gestione del Campione di Sangue

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 051 Gestione del Campione di Sangue 1 1 2 1 SCOPO. Descrivere le caratteristiche e le modalità di invio dei campioni inviati da soli, in associazione alle richieste trasfusionali o allo scopo di eseguire esami immunoematologici anche sulla

Dettagli

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO Viale Mazzini 117 28887 OMEGNA (VB) Struttura: Firma per redazione Ermanna Cotti Piccinelli Emesso il: 14-11-2014 Pagina 1 di 5 Firma per approvazione Paolo Cerutti Firma Direttore

Dettagli

SIMT. U.O.C. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE (Direttore FF Dott. Silvestro Volpe)

SIMT. U.O.C. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE (Direttore FF Dott. Silvestro Volpe) 2014 GUIDA AI SERVIZI SIMT U.O.C. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE (Direttore FF Dott. Silvestro Volpe) Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale ed Alta Specialità San Giuseppe Moscati C.da Amoretta

Dettagli

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Prodotto e realizzato da ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Promuovere la donazione del midollo osseo e delle cellule staminali

Dettagli

Associazione ROCCHICIANI O.N.L.U.S.

Associazione ROCCHICIANI O.N.L.U.S. Associazione ROCCHICIANI O.N.L.U.S. IL GIORNO 30 AGOSTO 2009 DALLE ORE 08.00 ALLE ORE 13.00 IN ROCCA DI CAVE GIORNATA DI SENSIBILIZZAZIONE ALLA DONAZIONE DI SANGUE SARA PRESENTE PERSONALE MEDICO DEL CENTRO

Dettagli

Alterazioni equilibrio acidobase

Alterazioni equilibrio acidobase Alterazioni equilibrio acidobase In base all equazione di HendersonHasselbalch ph = pk+ log [HCO 3 ] [CO 2 ] Acidosi: rapporto HCO 3 /CO 2 ph. Se diminuzione dipende da: HCO 3 acidosi metabolica (nonrespiratoria)

Dettagli

ESECUZIONE DELL ACCERTAMENTO DI IDONEITA ALLA DONAZIONE

ESECUZIONE DELL ACCERTAMENTO DI IDONEITA ALLA DONAZIONE Servizio di Medicina Trasfusionale S.Orsola Malpighi Bologna LA DETERMINAZIONE DELL EMOGLOBINA E/O L ESECUZIONE DELL ESAME EMOCROMOCITOMETRICO Dr.ssa Monica Benni 1 CENTRO RACCOLTA SANGUE ED EMOCOMPONENTI

Dettagli

Paola Giordano, paola.giordano@uniba.it. Approccio Clinico Nel Paziente Pediatrico Emorragico

Paola Giordano, paola.giordano@uniba.it. Approccio Clinico Nel Paziente Pediatrico Emorragico Paola Giordano, paola.giordano@uniba.it Approccio Clinico Nel Paziente Pediatrico Emorragico INTEGRITA DEL SISTEMA VASCOLARE PIASTRINE VASI SANGUIGNI FATTORI DELLA COAGULAZIONE Eziologia chiara Trauma,

Dettagli

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico

Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico Linee Guida per Sepsi Severa e Shock Settico Carlo Feo Sezione e U.O. di Chirurgia Generale Università degli Studi di Ferrara Azienda Ospedaliero - Universitaria di Ferrara Introduzione Costituzione di

Dettagli

Verifica. Tutto il materiale informativo per gli studenti. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione

Verifica. Tutto il materiale informativo per gli studenti. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione Livello 1 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/5 Riferimento Tutto il materiale informativo per gli studenti Compito Gli studenti svolgono la verifica. Materiale Soluzione Forma sociale Lavoro

Dettagli

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche LO SHOCK Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche Obiettivi Identificare un bambino in stato di shock Differenziare lo shock compensato da quello scompensato Saper porre

Dettagli

TRASFUSIONI DOMICILIARI:

TRASFUSIONI DOMICILIARI: Esperienze e ricerche in Medicina TRASFUSIONI DOMICILIARI: LAVORI IN CORSO Generale GIORGIO SENSINI Medico Medicina Generale, Amelia (Terni) Mentre la trasfusione di sangue o di sue componenti in ambito

Dettagli

Catalogo Prestazioni Diagnostica ST Anno 2011

Catalogo Prestazioni Diagnostica ST Anno 2011 Pagina 1 di 9 Catalogo Prestazioni Diagnostica ST Anno 2011 File CPD - ST Data applicazione 23/05/2011 Copia controllata Redazione RQAT Roberta Aonzo Verifica RQAM Angela Perata Approvazione Direttore

Dettagli

Gestione della terapia trasfusionale

Gestione della terapia trasfusionale Regione Sicilia Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Papardo - Piemonte Gestione della terapia trasfusionale Rev. data Causale della modifica Redatta da Condivisa/Valutata da 00.00 ---------- Stesura Direttore

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

RAZIONALE DEL PROTOCOLLO

RAZIONALE DEL PROTOCOLLO Protocollo di studio multicentrico prospettico per valutare l efficacia del plasma virus-inattivato con solvente-detergente o con blu di metilene rispetto al PFC o al plasma decriato come liquido sostituente

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 24 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 24 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 24 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1806 del 24 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano sul

Dettagli

D.M. 25 gennaio 2001. Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti IL MINISTRO DELLA SANITÀ

D.M. 25 gennaio 2001. Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti IL MINISTRO DELLA SANITÀ D.M. 25 gennaio 2001 Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti (Pubblicato nella Gazz. Uff. 3 aprile 2001, n. 78) IL MINISTRO DELLA SANITÀ Vista la legge 23 dicembre 1978,

Dettagli

GEL PIASTRICO AUTOLOGO

GEL PIASTRICO AUTOLOGO GEL PIASTRICO AUTOLOGO NECESSITA DI COOPERAZIONE CON IL CENTRO TRASFUSIONALE Considerazioni Medico-Legali L I.S.S. in una nota del 27/12/2001, precisa che: 1) Il prelievo e tutta la procedura di preparazione

Dettagli

Il sangue, con i suoi componenti, costituisce per molti ammalati un fattore unico e insostituibile di sopravvivenza:

Il sangue, con i suoi componenti, costituisce per molti ammalati un fattore unico e insostituibile di sopravvivenza: Cos è il sangue Il sangue è un tessuto formato da elementi cellulari sospesi in un liquido detto plasma. Costituisce circa il 5-7% del volume corporeo. Nel nostro organismo ne circolano, in media, 4-5

Dettagli

La vaccinazione delle persone ad alto rischio di infezione invasiva pneumococcica

La vaccinazione delle persone ad alto rischio di infezione invasiva pneumococcica La vaccinazione delle persone ad alto rischio di infezione invasiva pneumococcica Dott. Pietro Ragni, Direzione Sanitaria Azienda USL di Reggio Emilia Le patologie che espongono a rischio aumentato

Dettagli

PROGETTO PER SCOPI DI CONSULTAZIONE SOLTANTO

PROGETTO PER SCOPI DI CONSULTAZIONE SOLTANTO REQUISITI TECNICI PROPOSTI PER IL SANGUE E I COMPONENTI DEL SANGUE Fascicolo 1 PROGETTO PER SCOPI DI CONSULTAZIONE SOLTANTO ALLEGATO I REQUISITI RELATIVI ALL'INFORMAZIONE A. INFORMAZIONI DA FORNIRE AI

Dettagli

Avis Regionale Lombardia

Avis Regionale Lombardia Avis Regionale Lombardia Il contributo essenziale del donatore di sangue e di emocomponenti al perseguimento degli obbiettivi strategici della medicina trsfusionale: Qualità, Sicurezza e Autosufficienza

Dettagli

Comitato Buon Uso Del Sangue. S.C. Servizio Trasfusionale Giorgio Lubrano ASL Caserta AUTOTRASFUSIONE

Comitato Buon Uso Del Sangue. S.C. Servizio Trasfusionale Giorgio Lubrano ASL Caserta AUTOTRASFUSIONE Comitato Buon Uso Del Sangue S.C. Servizio Trasfusionale Giorgio Lubrano ASL Caserta AUTOTRASFUSIONE L autotrasfusione è una procedura trasfusionale che si realizza mediante predeposito, recupero preoperatorio

Dettagli

Raccomandazioni per la terapia trasfusionale in Neonatologia

Raccomandazioni per la terapia trasfusionale in Neonatologia Raccomandazioni per la terapia trasfusionale in Neonatologia SOCIETÀ ITALIANA DI NEONATOLOGIA E GRUPPO DI STUDIO DI EMATOLOGIA NEONATALE Motta M, Casadei AM, Casani A, Chirico G, D ajello L, Del Vecchio

Dettagli

LA TRASFUSIONE DI SANGUE EMOCOMPONENTI ED EMODERIVATI

LA TRASFUSIONE DI SANGUE EMOCOMPONENTI ED EMODERIVATI LA TRASFUSIONE DI SANGUE EMOCOMPONENTI ED EMODERIVATI 3 a edizione Dicembre 2008 Questa terza edizione delle Linee Guida per la trasfusione di sangue ed emoderivati, frutto della collaborazione e dell

Dettagli

Malattie da Pneumococco

Malattie da Pneumococco 1 Malattie da Pneumococco La Circolare Ministeriale relativa alla vaccinazione Antipneumococcica si riporta come aggiornamento ritenendo corretto spendere qualche parola in più vista la novità legislativa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

- EMOPOIESI E MIELOPOIESI

- EMOPOIESI E MIELOPOIESI INDICE PREFAZIONE................................................ XI Parte prima - EMOPOIESI E MIELOPOIESI EMOPOIESI.................................................. 3 Cenni generali, 3 - Anatomia e fisiologia

Dettagli

Decreto Ministeriale 25 Gennaio 2001 Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SANITA'

Decreto Ministeriale 25 Gennaio 2001 Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SANITA' Decreto Ministeriale 25 Gennaio 2001 Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SANITA' Vista la legge 23 dicembre 1978, n. 833, istitutiva del Servizio

Dettagli

Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti.

Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti. DECRETO 25 gennaio 2001 Caratteristiche e modalità per la donazione di sangue e di emocomponenti. IL MINISTRO DELLA SANITA' Vista la legge 23 dicembre 1978, n. 833, istitutiva del Servizio sanitario nazionale,

Dettagli

Perché donare? sangue. piastrine. plasma. sangue. midollo osseo. cordone ombelicale. piastrine. midollo osseo cordone ombelicale. plasma.

Perché donare? sangue. piastrine. plasma. sangue. midollo osseo. cordone ombelicale. piastrine. midollo osseo cordone ombelicale. plasma. plasma piastrine midollo osseo cordone ombelicale Perché donare? sangue plasma sangue midollo osseo midollo osseo cordone ombelicale plasma piastrine midollo osseo plasma piastrine sangue cordone ombelicale

Dettagli

ANEMIA. L'anemia può essere definita come una riduzione della quantità di emoglobina normalmente contenuta nel sangue. L'anemia

ANEMIA. L'anemia può essere definita come una riduzione della quantità di emoglobina normalmente contenuta nel sangue. L'anemia HOME ANEMIA ANEMIA Dr. Alessandro Bernardini L'anemia può essere definita come una riduzione della quantità di emoglobina normalmente contenuta nel sangue. L'anemia è una condizione clinica comune secondaria

Dettagli

Glossario. L ABC della donazione: Appropriatezza Buon Uso Controllo

Glossario. L ABC della donazione: Appropriatezza Buon Uso Controllo Glossario L ABC della donazione: Appropriatezza Buon Uso Controllo Glossario L ABC della donazione: Appropriatezza, Buon Uso, Controllo Nel febbraio 2011 è stato organizzato a Casalnuovo (NA) il Forum

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 027 Analisi Immnunoematologiche

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 027 Analisi Immnunoematologiche 1 1 2 1 SCOPO Scopo della presente procedura è quello di illustrare le analisi immunoematologiche che vengono effettuate presso il SIMT andando a descrivere le modalità attraverso le quali vengono gestite.

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA A cura di: Dott.ssa R. Fiorentini Dott.ssa E. Palma QUANTITA E COMPOSIZIONE DEI LIQUIDI CORPOREI IL 60% del peso corporeo di un adulto è costituito da liquidi. I

Dettagli

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Studio clinico randomizzato, con gruppo di controllo, sull Agopuntura Tradizionale Cinese come Terapia di Supporto in pazienti sottoposti a trattamento Chemioterapico

Dettagli

D.M. 3-3-2005 Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti. Pubblicato nella Gazz. Uff. 13 aprile 2005, n. 85.

D.M. 3-3-2005 Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti. Pubblicato nella Gazz. Uff. 13 aprile 2005, n. 85. D.M. 3-3-2005 Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti. Pubblicato nella Gazz. Uff. 13 aprile 2005, n. 85. D.M. 3 marzo 2005(1). Caratteristiche e modalità per la donazione

Dettagli

SOMMARIO 3.2. SICUREZZA DELLA DONAZIONE 4. CONCLUSIONI. pag. 2 pag. 2. pag. 8 pag. 9. pag. 11. pag.15 pag.16

SOMMARIO 3.2. SICUREZZA DELLA DONAZIONE 4. CONCLUSIONI. pag. 2 pag. 2. pag. 8 pag. 9. pag. 11. pag.15 pag.16 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE 2.1. LA DONAZIONE DEL SANGUE Che cos è il sangue: la composizione e la sua funzione Perché donare sangue A chi servirà la nostra donazione Chi può donare Frequenza delle donazioni

Dettagli

Decreto Ministero Sanità 25 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001)

Decreto Ministero Sanità 25 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001) Decreto Ministero Sanità 25 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001) IL MINISTRO DELLA SANITA' Vista la legge 23 dicembre 1978, n. 833, istitutiva del Servizio sanitario nazionale, con particolare riguardo

Dettagli

Decreto Ministero Sanità 25 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001)

Decreto Ministero Sanità 25 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001) Decreto Ministero Sanità 25 Gennaio 2001 - (G.U. n. 78 3/04/2001) IL MINISTRO DELLA SANITA' Vista la legge 23 dicembre 1978, n. 833, istitutiva del Servizio sanitario nazionale, con particolare riguardo

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli