RIUNIONI ORGANIZZATE DALLA BPW INTERNATIONAL A NEW YORK IN OCCASIONE DELLA CSW54. SEMINARIO PER LE PRESIDENTI BPW INTERNATIONAL febbraio 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIUNIONI ORGANIZZATE DALLA BPW INTERNATIONAL A NEW YORK IN OCCASIONE DELLA CSW54. SEMINARIO PER LE PRESIDENTI BPW INTERNATIONAL 25-26 febbraio 2010"

Transcript

1 RIUNIONI ORGANIZZATE DALLA BPW INTERNATIONAL A NEW YORK IN OCCASIONE DELLA CSW54 SEMINARIO DELLE PRESIDENTI BPW INTERNATIONAL febbraio 2010 N.2 CORSI LEADERSHIP E LIFELONG LEARNING-EDUCATIONAL PROGRAMS 2 e 4 marzo 2010 CENA DEGLI 80 ANNI DELLA BPW intitolata a Claire Fulcher 4 marzo 2010 WORKSHOP SU DIVERSITA DI GENERE 1 marzo 2010 WORKSHOP SU EQUAL PAY DAY 5 marzo 2010 SEMINARIO PER LE PRESIDENTI BPW INTERNATIONAL febbraio 2010 Care amiche, come vedete la BPW International ha organizzato diversi eventi in occasione della 54 CSW di New York. La nostra delegazione presente a New York era costituita dalla Presidente Nazionale, dalla Segretaria Nazionale Pia Petrucci, dalla Tesoriera Nazionale Maria Rao, dalla Past Presidente Internazionale Livia Ricci, dalla nostra Rappresentante presso la FAO e l IFAD Annarosa Colangelo, dalla nostra rappresentante presso la FAO Cristina Gorajski, dalla Presidente della sezione di Villafranca B.V. Giuseppina Tripodi, da socie delle sezioni di Roma e Villafranca, alcune accompagnate dai mariti. Al Seminario delle Presidenti, ho partecipato insieme alla Tesoriera Nazionale Maria Rao. Si è tenuto presso l Harmonie Club di New York ed è stato un significativo momento di incontro con le Presidenti BPW dei vari Paesi del mondo in un ambiente altamente professionale e di leadership. E stata un opportunità per scambiare le idee e avere momenti di confronto per portare la nostra Federazione a nuovi livelli! Abbiamo potuto conoscere le strategie d intervento della BPW International e condividere nuove idee e buone prassi. Il Seminario è stato presentato dalla Presidente Internazionale Liz Benham, dalle Vice Presidenti Gabriella Canonica e Freda Miriklis e dalle Coordinatrici Regionali. Gli obiettivi del Seminario: Promuovere l empowerment delle Presidenti e delle dirigenti Attuare programmi di leadership e scambi di esperienze Creare opportunità di confronto tra le Federazioni e i Club associati. I temi trattati sono stati: Direttive per l organizzazione Sistemi e procedimenti amministrativi La comunicazione. Buone prassi Programmi educativi Erano presenti le Presidenti e alcune socie dei seguenti Paesi: 1

2 America, Australia, Brasile, Canada, Cile, Costa d Avorio, Cipro, Egitto, Irlanda, Italia, Korea, Lettonia, NuovaZelanda, Nigeria, Russia, Spagna, Svizzera, Taiwan, Turchia, U.S.A., U.S.A.NewYork, Svizzera, Brasile, Canada, Messico, Francia, Korea, Benin. La Presidente Internazionale nella sua relazione ha presentato l organizzazione internazionale e ha parlato del passato della BPWI e di cosa vogliamo per il futuro, ha sottolineato che Tutte noi siamo responsabili del nostro futuro. Alla luce degli 80 anni di esperienza oggi gli obiettivi che ci dobbiamo proporre sono: Modernizzare l organizzazione Potenziare e migliorare la comunicazione e avere stabilità finanziaria Rendere l organizzazione efficiente ed operativa a sostegno di tutte le socie. Promuovere la leadership Attuare politiche di mentoring e di networking Ha evidenziato i punti deboli della BPWI: Poca continuità Incostante volontà di lavorare, visto che è un lavoro volontario Fondi inadeguati per garantire alle dirigenti un supporto economico, che potenzierebbe la motivazione, visto che molte socie valide non hanno la possibilità di sostenersi autonomamente. Ha parlato, poi, dell importanza della comunicazione, che deve essere promossa in senso orizzontale e verticale, solo così ci sarà uno scambio di esperienze e una crescita continua della BPWI. Ha sottolineato l importanza di creare un modello efficace di comunicazione a tutti i livelli. Però bisogna, anche, pagare chi cura la comunicazione se vogliamo promuovere l informazione e la pubblicizzazione delle attività svolte. Bisogna promuovere la comunicazione attiva. Ci ha anche presentato un modello di comunicazione: mezzi: website, giornali, brochure Contenuti: servizi, informazioni, business page, ecc.. Contatti: BPW Roster Protocollo: professionale di comunicazione Importante è promuovere la comunicazione via internet e usare in tutte le comunicazioni sempre il logo ufficiale. La prima Vice Presidente Gabriella Canonica ha parlato dell importanza della customer satisfaction nell organizzazione. E importante tenere conto delle richieste delle socie e cercare di soddisfarle, se vogliamo la crescita dei nostri club. Bisogna creare integrazione tra le socie e privilegiare la comunicazione e lo scambio di esperienze tra i club. Si sono susseguiti gli interventi dei Coordinatori regionali che hanno presentato la situazioni dei vari Paesi e sono stati concordi sull importanza della comunicazione per fare crescere i vari club e creare momenti di positivo confronto. Durante le due giornate abbiamo avuto momenti di lavoro di gruppo e di scambio di esperienze. La nostra presenza è stata molto apprezzata e ci è stato chiesto come mai la BPW Italy riesce ad avere tante socie e a portare avanti tanti progetti (che avevo presentato nel mio report che troverete sul sito nazionale). Abbiamo avuto, anche, l opportunità di stabilire contatti con le Rappresentanti degli altri Paesi e di programmare insieme futuri partenariati e condivise azioni d intervento. 2

3 WORKSHOP PUTTING DIVERSITY ON THE A-GENDER 1 marzo 2010-CURCH CENTER.NEW YORK Il Workshop è stato coordinato dalla seconda Vice Presidente Freda Miriklis. Ha partecipato la delegazione italiana, che si distingueva per dei fazzoletti blu, fornitici dalle amiche della sezione di Roma. La Presidente Liz è stata molto contenta di vederci così numerose e ci ha particolarmente ringraziato. Hanno partecipato al workshop delle relatrici molto interessanti: la Rappresentante della Commissione Europea Belinda Pyke, che ha relazionato sui diversi sistemi di quote sviluppate nei paesi europei e sulla necessità di trovare ulteriori sistemi di rappresentanza per le donne; l australiana Elizabeth Broderick,Commissario per la discriminazione fra i sessi della Commissione dei diritti umani, che ha relazionato sul lavoro che si sta facendo per aumentare la proporzione delle donne nei Consigli di Amministrazione al 51% in Australia, dove le donne ancora non hanno una rappresentanza uguale ai più alti livelli negli affari; l indiana Dr. Pam Rajput, Direttore esecutivo del Women s Resource and Advocacy Centre in India, ha relazionato su come ha avviato in India il Parlamento delle Donne al fine di potere dare voce alle donne di ogni ceto sociale. E stata una esperienza molto interessante e tutte le nostre socie erano contente di avere partecipato. In serata, grazie a Crisitina Visconti, abbiamo avuto un incontro con il Direttore dell ENIT a New York: Riccardo Strano. Siamo state ospiti nella sede dell ENIT e abbiamo discusso su eventuali progetti, a cui la nostra Federazione potrebbe partecipare, per lo sviluppo dei nostri territori e delle relative risorse. Il Direttore è stato molto contento di averci incontrato. Agli altri eventi della BPW, in calendario, non ho potuto partecipare, dovendo rientrare in Italia il 4 marzo. In rappresentanza della BPW Italy, hanno partecipato Annarosa Colangelo e Cristina Visconti, che ci stanno facendo pervenire le relazioni. Alla Celebrazione degli 80 anni della BPWI hanno partecipato le amiche della nostra delegazione rimaste a New York. 3

4 GLOBAL FORUM FOR WOMEN: BIJING FEBBRAIO THE SALVATION ARMY NEW YORK Partecipare al Global Forum è stata un esperienza molto significativa, un opportunità per incontrare donne di tutto il mondo e ascoltare la loro voce, per confrontarci sul lavoro svolto sulle ONG a supporto delle donne e della loro piena affermazione in tutti gli ambiti sociali. Si sono tenuti vari Panel nelle due giornate di lavoro: Panel 1: L affermazione dei diritti delle donne dal 1975 al Fra i relatori Gertrude Mongella, che ha riconosciuto come le donne sono state le basi per lo sviluppo delle donne. Gertrude è stato il segretario generale della Conferenza delle Nazioni Unite sulle donne a Pechino, Cina ed è oggi il presidente del Parlamento Panafricano. Lei ha descritto i progressi nella regione africana, il Ruanda ha il 57% di donne in parlamento, oggi la maggior parte delle ragazze ha un livello di istruzione della scuola primaria e molte altre stanno frequentando l'istruzione secondaria. Ha discusso su questioni quali: il terrorismo, la crisi alimentare mondiale e la crisi petrolifera, sulla necessità di continuare ad andare avanti su questi temi. Gertrude ha evidenziato l'accessibilità acquisita dalle donne con l uso del computer e ha sottolineato come in molte parti del mondo i fondi per l'istruzione e i programmi sociali siano spesso dirottati in vendite di armi militari. L Afghanistan ha firmato la CEDAW. Gertrude Mongella incoraggia tutte le donne a continuare a lavorare verso la parità. Al Panel ha partecipato anche Patricia Licuanan, Presidente del Collegio Miriam a Manila e fiduciario del Centro per l'asia del Pacifico donne in politica. Ha parlato dell'importanza della partnership e di rivedere il mainstreaming di genere. Si auspica che le donne lavorino sempre più sulla loro autostima per acquisire piena consapevolezza dei loro diritti. Panel 2: Lo stato delle donne nel mondo: Patriarcato-Violenza sulle donne e sulle bambine-la salute delle donne-i cambiamenti climatici. E intervenuta Nyaradzayi Gumbodzvanda, Segretario Generale, YWCA (Zimbabwe). Ha iniziato la sessione chiedendo un minuto di silenzio per le sorelle che sono morte a causa di malattie per mancanza di prevenzione, per le sorelle che sono morte partorendo, per le sorelle che sono morte di HIV / AIDS e per le tante donne che vorrebbero avere una voce, ma sono messe a tacere. Si è discusso su come il rispetto dei diritti umani delle donne debba essere considerato il paradigma della famiglia e della comunità. Panel 3: Voci delle donne dal mondo: Priorità regionali e strategie d intervento Interessante l intervento di Cai Yiping, Direttore di Isis International (Cina) che ha evidenziato la nascita della Conferenza delle donne di Pechino grazie agli sforzi del movimento internazionale delle donne, che voleva un mondo di uguaglianza, giustizia e pace. Ha sottolineato la necessità di stare attenti e fare in modo che i progressi raggiunti non vengano perduti a causa della grave situazione di non sicurezza delle donne e della violazione dei diritti umani. E intervenuta,anche,brigitte Triems, Presidente della Lobby Europea delle donne: ha evidenziato che la priorità è quella di completare l'attuazione degli interventi esistenti per superare tutti i livelli di discriminazione e tutte le forme di violenza contro le donne. Ha chiuso il suo intervento con l impegno che l Unione Europea, insieme con i suoi Stati membri, continuerà il lavoro verso la parità tra i sessi e si concentrerà sulla dimensione di genere della crisi finanziaria mondiale e sociale. 4

5 Panel 4: Mantenere la promessa di uguaglianza di genere, la pace e lo sviluppo: donne, pace e sicurezza, rafforzare i meccanismi istituzionali e gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. E intervenuta Lia van parti Broekhoven affermando l importante ruolo delle donne per la costruzione della pace e la garanzia della sicurezza delle persone. Radhika Balakrishnan, Direttore del Center for Women sglobal Leadership, Rutgers University (India), ha parlato della grave crisi economica del mondo e dell importante ruolo delle donne nel porvi rimedio. E stata molto significativa la testimonianza delle donne afghane sul fatto che nel loro Paese le leggi esistenti vengono interpretate in maniera sbagliata dagli integralisti. Tutte le relatrici hanno concordato che per affermare i diritti delle donne bisogna puntare sull educazione dei popoli e promuovere il rispetto dei diritti umani. Importante è anche sensibilizzare le donne a lottare per l affermazione dei loro diritti e creare a livello mondiale una Risoluzione per i diritti umani. Altro problema per le donne dei Paesi in via di sviluppo è la scarsa istruzione e formazione, bisogna puntare sul gender mainstreaming e sulla formazione specifica, in particolare sull educazione all uso delle nuove tecnologie informatiche. Fondamentale è la promozione dei diritti di donne e uomini per raggiungere gli obiettivi del Millennio. 5

6 54 SESSIONE DELLA COMMISSIONE SULLA CONDIZIONE DELLE DONNE 1-12 MARZO 2010-UNITED NATION NEW YORK Altra significativa esperienza è stata la partecipazione ai lavori della 54esima Sessione della Commissione sulla condizione delle donne(csw) Commissione funzionale del Comitato Economico e Sociale (ECOSOC) delle Nazioni Unite, a New York. Quest'anno l'attenzione è stata posta all esame dell attuazione della Dichiarazione e della Piattaforma d'azione di Pechino, a 15 anni dalla sua adozione, e all'analisi dei risultati della 23esima sessione speciale dell' Assemblea generale (2000). Hanno partecipato a tale processo di riesame diversi attori, primo tra tutti il Segretariato Generale delle Nazioni Unite, ma anche gli stati membri, i rappresentanti delle organizzazioni non governative e delle agenzie delle Nazioni Unite. Anche il nostro Dipartimento per le P. O. era presente. La discussione generale è stata focalizzata sui seguenti temi: la rassegna di attuazione della Piattaforma d'azione e dei risultati della 23a sessione speciale dell'assemblea generale, con particolare attenzione alla condivisione di esperienze e buone prassi, e con uno sguardo agli ostacoli ancora esistenti e alle sfide del futuro; la valutazione del suo contributo alla creazione di un punto di vista di genere verso la piena realizzazione degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. Si sono tenuti vari eventi paralleli che hanno costituito un'ulteriore opportunità di scambio di informazioni e di esperienze, fra cui i workshop della BPW. Durante i lavori si è evidenziato che sono molti i paesi ancora lontani dagli Obiettivi di Sviluppo del Millennio e che molte situazioni di disuguaglianza ancora non sono state eliminate: la presenza delle donne nei ruoli decisionali-la violenza contro le donne-la mancanza di lavoro per le donne-gli stereotipi di genere. Il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha denunciato che a 30 anni dalla Convenzione sull'eliminazione di Tutte le Forme di Discriminazione contro le Donne (CEDAW) migliaia di donne e bambini sono ancora vittime della piaga della violenza. Oltre sono le donne violentate lo scorso anno dai militanti delle fazioni in lotta nella Repubblica Democratica del Congo e tre milioni le giovani donne che rischiano di subire la mutilazione dei genitali in tutto il mondo, secondo stime del Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA). Circa i casi di abuso sessuale e oltre quelli di violenza domestica denunciati in Sierra Leone nel 2009, a fronte dei quali nessuna condanna è stata inflitta. Nel suo rapporto ha anche evidenziato che le donne sono maggiormente a rischio di malnutrizione e povertà, hanno meno possibilità di accedere ad un'istruzione e quindi costituiscono la maggioranza della popolazione analfabeta, hanno lavori precari e muoiono ancora di parto. Egli ha anche evidenziato che le molteplici crisi mondiali, comprese quella economica e finanziaria e quella alimentare ed energetica e il cambiamento climatico, sono fattori deterrenti per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo concordati dalla comunità internazionale. "È quindi opportuno ripensare e modificare approcci politici, strategie e azioni per assicurare una crescita e uno sviluppo più giusto, sensibile alla questione di genere e sostenibile", conclude il suo rapporto. Da più parti è stato chiesto alle Nazioni Unite di far fede all'impegno preso sulla costituzione di un nuovo organismo di genere che sia direttamente responsabile anche dell'attuazione della Piattaforma di Azione di Pechino. A questo proposito, l'iniziativa per la riforma architetturale dell'uguglianza di genere (GEAR) [Gender Equality Architecture Reform Campaign] - un network che comprende oltre 300 6

7 organizzazioni impegnate in tutto il mondo per la promozione dei diritti delle donne, dei diritti umani e della giustizia sociale - ha lanciato un appello alle Nazioni Unite perché procedano speditamente alla creazione della nuova entità di genere. GEAR chiede inoltre che sia data alla nuova entità la leadership del coordinamento di tutte le azioni del sistema Nazioni Unite in tema di uguaglianza di genere ed empowerment delle donne sia a livello politico che operativo. GEAR chiede infine l'inclusione di rappresentati della società civile e delle organizzazioni nongovernative in tavoli di concertazione, enti di governo e di consultazione della nuova entità di genere. Anche il Ministro Carfagna ha partecipato ai lavori,dichiarando che "Le donne, in tutto il mondo, rischiano di essere particolarmente penalizzate dalla crisi economica che ha investito tutti i Continenti. Bisogna intervenire presto, tutti insieme, ciascuno a suo modo, affinché la crisi possa invece diventare un occasione di sviluppo". Il Ministro ha illustrato le iniziative del Governo italiano a sostegno delle politiche dell occupazione femminile, dichiarando di avere investito sulle politiche di sostegno alle donne lavoratrici e sui servizi all'infanzia. Il Ministro ha poi affermato la volontà di voler "insistere nel promuovere tutte quelle politiche che prevedano servizi alla persona, strutture per bambini ed anziani, modelli di organizzazione del lavoro più flessibili". Ha focalizzato l attenzione sul tema dell attiva partecipazione delle donne nei processi decisionali e nel mondo del lavoro. L accrescimento dei poteri e dell autonomia delle donne e il miglioramento delle loro condizioni sociali, economiche e politiche sono fattori essenziali per l esistenza di governi e di amministrazioni trasparenti e responsabili. Il giorno 3 marzo abbiamo partecipato alla sessione dedicata al contrasto delle mutilazioni genitali femminili promossa da Italia, Egitto e Senegal. Ho consegnato al Ministro un documento sulle attività promosse dalla nostra associazione sulla grave problematica. Penso che sia nostro dovere adoperarci perché vengano rimossi i tanti gravi problemi che impediscono alle donne di affermare i loro diritti e potere avere pari opportunità di partecipazione alla vita dei vari Paesi, è l impegno che abbiamo sancito con le donne di tutto il mondo incontrate a New York e dobbiamo impegnarci per rispettarlo!. Giuseppina 7

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere 12.11.2014 2014/0000(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sulla parità tra donne e uomini nell'unione europea nel 2013

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Il futuro che vogliamo

Il futuro che vogliamo Il futuro che vogliamo traduzione italiana di Laura Catalani, Claudio Falasca e Toni Federico Fondazione per lo Sviluppo sostenibile I. La nostra visione comune 1. Noi, i Capi di Stato e di Governo e rappresentanti

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

n. 85 - dicembre 2013 A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale)

n. 85 - dicembre 2013 A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) La Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul) n. 85 - dicembre 2013 A cura del CeSPI

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro Uno sguardo sull ILO Organizzazione Internazionale del Lavoro La pace universale e duratura può essere fondata soltanto sulla giustizia sociale Costituzione dell OIL, 1919 Uno sguardo su ll I LO L Organizzazione

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE

Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE COMUNICATO STAMPA 17.10.2007 Con cortese preghiera di diffusione Mercoledì 24 ottobre: PORTE APERTE ALLE CELEBRAZIONI TRIESTINE PROGRAMMATE PER LA GIORNATA MONDIALE DELLE NAZIONI UNITE -Incontro pubblico

Dettagli

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa Europa e Africa Focus Intervista a Giovanni Bersani L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa a cura di Matteo Montanari Europarlamentare per quasi trent anni (1960-1989), lei ha ricoperto anche

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK I. IL FRAMEWORK IN AMBITO NAZIONI UNITE (a) Il framework sviluppo per il post-obiettivi di Sviluppo del Millennio(MDG) A partire, formalmente,

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

e altri documenti Indice

e altri documenti Indice 1 Convenzione sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (Convention on the Elimination of all forms of Discrimination Against Women - CEDAW) Indice e altri documenti Ringraziamenti...

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Quanto vale una donna?

Quanto vale una donna? Quanto vale una donna? Sotto esame: Maggior equità nel settore degli appalti pubblici 7 marzo 2014 L'Equal Pay Day è un'iniziativa di BPW Switzerland che ha luogo in tutta la Svizzera. Dobbiamo imparare

Dettagli

CARTA EUROPEA PER L UGUAGLIANZA E LA PARITA. delle donne e degli uomini nella vita locale

CARTA EUROPEA PER L UGUAGLIANZA E LA PARITA. delle donne e degli uomini nella vita locale [ [ LA CARTA EUROPEA PER L UGUAGLIANZA E LA PARITA delle donne e degli uomini nella vita locale Presentata agli Stati Generali del CCRE Innsbruck Maggio 2006 Scritta dal CCRE nel quadro del V Programma

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica Serie dei Trattati del Consiglio d Europa N 210 Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica Istanbul, 11 maggio

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA Adottata dalla Conferenza dei Capi di Stato e di Governo dell'oua riuniti

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità

Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità L Italia, con legge n 18 del 3 marzo 2009 (pubblicata

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

per prevenire la discriminazione nei confronti delle comunità rom

per prevenire la discriminazione nei confronti delle comunità rom Guida pratica rivolta alle ONG per prevenire la discriminazione nei confronti delle comunità rom Con il sostegno finanziario del Programma Diritti Fondamentali e Cittadinanza dell Unione Europea Numero

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE

PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE PIANO D AZIONE STRAORDINARIO CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE Introduzione La Convenzione del Consiglio d'europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE

NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE Oggi aprono le pre-iscrizioni sul sito www.nuvolarosa.eu 150 corsi gratuiti,

Dettagli

GeMUN Genoa ModelUnited Nations

GeMUN Genoa ModelUnited Nations GeMUN Genoa ModelUnited Nations 1 Indice Checos èilgemun...3 PerchéprenderpartealGeMUN...4 ProssimieventiMUNaGenova...5 Laconferenzainpratica...6 Lastrutturadellaconferenza...7 StoriadelGeMUN...8 2 Che

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza Italiana iglio dell unione Europea 2014 Presidenza Italiana iglio ne Europea 1 Luglio - 31 Dicembre 2014 EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW)

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Adottata dall Assemblea generale delle NU il 18.12.1979, in vigore internazionale dal 3.9.1981.

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari.

Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari. Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari. maggio 2008 Nazioni Unite Assemblea Generale Sessantunesima sessione

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Promuovere la sensibilizzazione nella Prevenzione della Violenza di Genere tramite l Educazione tra Pari. medinstgenderstudies.org

Promuovere la sensibilizzazione nella Prevenzione della Violenza di Genere tramite l Educazione tra Pari. medinstgenderstudies.org Promuovere la sensibilizzazione nella Prevenzione della Violenza di Genere tramite l Educazione tra Pari medinstgenderstudies.org Promuovere la sensibilizzazione nella Prevenzione della Violenza di Genere

Dettagli