RIUNIONI ORGANIZZATE DALLA BPW INTERNATIONAL A NEW YORK IN OCCASIONE DELLA CSW54. SEMINARIO PER LE PRESIDENTI BPW INTERNATIONAL febbraio 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIUNIONI ORGANIZZATE DALLA BPW INTERNATIONAL A NEW YORK IN OCCASIONE DELLA CSW54. SEMINARIO PER LE PRESIDENTI BPW INTERNATIONAL 25-26 febbraio 2010"

Transcript

1 RIUNIONI ORGANIZZATE DALLA BPW INTERNATIONAL A NEW YORK IN OCCASIONE DELLA CSW54 SEMINARIO DELLE PRESIDENTI BPW INTERNATIONAL febbraio 2010 N.2 CORSI LEADERSHIP E LIFELONG LEARNING-EDUCATIONAL PROGRAMS 2 e 4 marzo 2010 CENA DEGLI 80 ANNI DELLA BPW intitolata a Claire Fulcher 4 marzo 2010 WORKSHOP SU DIVERSITA DI GENERE 1 marzo 2010 WORKSHOP SU EQUAL PAY DAY 5 marzo 2010 SEMINARIO PER LE PRESIDENTI BPW INTERNATIONAL febbraio 2010 Care amiche, come vedete la BPW International ha organizzato diversi eventi in occasione della 54 CSW di New York. La nostra delegazione presente a New York era costituita dalla Presidente Nazionale, dalla Segretaria Nazionale Pia Petrucci, dalla Tesoriera Nazionale Maria Rao, dalla Past Presidente Internazionale Livia Ricci, dalla nostra Rappresentante presso la FAO e l IFAD Annarosa Colangelo, dalla nostra rappresentante presso la FAO Cristina Gorajski, dalla Presidente della sezione di Villafranca B.V. Giuseppina Tripodi, da socie delle sezioni di Roma e Villafranca, alcune accompagnate dai mariti. Al Seminario delle Presidenti, ho partecipato insieme alla Tesoriera Nazionale Maria Rao. Si è tenuto presso l Harmonie Club di New York ed è stato un significativo momento di incontro con le Presidenti BPW dei vari Paesi del mondo in un ambiente altamente professionale e di leadership. E stata un opportunità per scambiare le idee e avere momenti di confronto per portare la nostra Federazione a nuovi livelli! Abbiamo potuto conoscere le strategie d intervento della BPW International e condividere nuove idee e buone prassi. Il Seminario è stato presentato dalla Presidente Internazionale Liz Benham, dalle Vice Presidenti Gabriella Canonica e Freda Miriklis e dalle Coordinatrici Regionali. Gli obiettivi del Seminario: Promuovere l empowerment delle Presidenti e delle dirigenti Attuare programmi di leadership e scambi di esperienze Creare opportunità di confronto tra le Federazioni e i Club associati. I temi trattati sono stati: Direttive per l organizzazione Sistemi e procedimenti amministrativi La comunicazione. Buone prassi Programmi educativi Erano presenti le Presidenti e alcune socie dei seguenti Paesi: 1

2 America, Australia, Brasile, Canada, Cile, Costa d Avorio, Cipro, Egitto, Irlanda, Italia, Korea, Lettonia, NuovaZelanda, Nigeria, Russia, Spagna, Svizzera, Taiwan, Turchia, U.S.A., U.S.A.NewYork, Svizzera, Brasile, Canada, Messico, Francia, Korea, Benin. La Presidente Internazionale nella sua relazione ha presentato l organizzazione internazionale e ha parlato del passato della BPWI e di cosa vogliamo per il futuro, ha sottolineato che Tutte noi siamo responsabili del nostro futuro. Alla luce degli 80 anni di esperienza oggi gli obiettivi che ci dobbiamo proporre sono: Modernizzare l organizzazione Potenziare e migliorare la comunicazione e avere stabilità finanziaria Rendere l organizzazione efficiente ed operativa a sostegno di tutte le socie. Promuovere la leadership Attuare politiche di mentoring e di networking Ha evidenziato i punti deboli della BPWI: Poca continuità Incostante volontà di lavorare, visto che è un lavoro volontario Fondi inadeguati per garantire alle dirigenti un supporto economico, che potenzierebbe la motivazione, visto che molte socie valide non hanno la possibilità di sostenersi autonomamente. Ha parlato, poi, dell importanza della comunicazione, che deve essere promossa in senso orizzontale e verticale, solo così ci sarà uno scambio di esperienze e una crescita continua della BPWI. Ha sottolineato l importanza di creare un modello efficace di comunicazione a tutti i livelli. Però bisogna, anche, pagare chi cura la comunicazione se vogliamo promuovere l informazione e la pubblicizzazione delle attività svolte. Bisogna promuovere la comunicazione attiva. Ci ha anche presentato un modello di comunicazione: mezzi: website, giornali, brochure Contenuti: servizi, informazioni, business page, ecc.. Contatti: BPW Roster Protocollo: professionale di comunicazione Importante è promuovere la comunicazione via internet e usare in tutte le comunicazioni sempre il logo ufficiale. La prima Vice Presidente Gabriella Canonica ha parlato dell importanza della customer satisfaction nell organizzazione. E importante tenere conto delle richieste delle socie e cercare di soddisfarle, se vogliamo la crescita dei nostri club. Bisogna creare integrazione tra le socie e privilegiare la comunicazione e lo scambio di esperienze tra i club. Si sono susseguiti gli interventi dei Coordinatori regionali che hanno presentato la situazioni dei vari Paesi e sono stati concordi sull importanza della comunicazione per fare crescere i vari club e creare momenti di positivo confronto. Durante le due giornate abbiamo avuto momenti di lavoro di gruppo e di scambio di esperienze. La nostra presenza è stata molto apprezzata e ci è stato chiesto come mai la BPW Italy riesce ad avere tante socie e a portare avanti tanti progetti (che avevo presentato nel mio report che troverete sul sito nazionale). Abbiamo avuto, anche, l opportunità di stabilire contatti con le Rappresentanti degli altri Paesi e di programmare insieme futuri partenariati e condivise azioni d intervento. 2

3 WORKSHOP PUTTING DIVERSITY ON THE A-GENDER 1 marzo 2010-CURCH CENTER.NEW YORK Il Workshop è stato coordinato dalla seconda Vice Presidente Freda Miriklis. Ha partecipato la delegazione italiana, che si distingueva per dei fazzoletti blu, fornitici dalle amiche della sezione di Roma. La Presidente Liz è stata molto contenta di vederci così numerose e ci ha particolarmente ringraziato. Hanno partecipato al workshop delle relatrici molto interessanti: la Rappresentante della Commissione Europea Belinda Pyke, che ha relazionato sui diversi sistemi di quote sviluppate nei paesi europei e sulla necessità di trovare ulteriori sistemi di rappresentanza per le donne; l australiana Elizabeth Broderick,Commissario per la discriminazione fra i sessi della Commissione dei diritti umani, che ha relazionato sul lavoro che si sta facendo per aumentare la proporzione delle donne nei Consigli di Amministrazione al 51% in Australia, dove le donne ancora non hanno una rappresentanza uguale ai più alti livelli negli affari; l indiana Dr. Pam Rajput, Direttore esecutivo del Women s Resource and Advocacy Centre in India, ha relazionato su come ha avviato in India il Parlamento delle Donne al fine di potere dare voce alle donne di ogni ceto sociale. E stata una esperienza molto interessante e tutte le nostre socie erano contente di avere partecipato. In serata, grazie a Crisitina Visconti, abbiamo avuto un incontro con il Direttore dell ENIT a New York: Riccardo Strano. Siamo state ospiti nella sede dell ENIT e abbiamo discusso su eventuali progetti, a cui la nostra Federazione potrebbe partecipare, per lo sviluppo dei nostri territori e delle relative risorse. Il Direttore è stato molto contento di averci incontrato. Agli altri eventi della BPW, in calendario, non ho potuto partecipare, dovendo rientrare in Italia il 4 marzo. In rappresentanza della BPW Italy, hanno partecipato Annarosa Colangelo e Cristina Visconti, che ci stanno facendo pervenire le relazioni. Alla Celebrazione degli 80 anni della BPWI hanno partecipato le amiche della nostra delegazione rimaste a New York. 3

4 GLOBAL FORUM FOR WOMEN: BIJING FEBBRAIO THE SALVATION ARMY NEW YORK Partecipare al Global Forum è stata un esperienza molto significativa, un opportunità per incontrare donne di tutto il mondo e ascoltare la loro voce, per confrontarci sul lavoro svolto sulle ONG a supporto delle donne e della loro piena affermazione in tutti gli ambiti sociali. Si sono tenuti vari Panel nelle due giornate di lavoro: Panel 1: L affermazione dei diritti delle donne dal 1975 al Fra i relatori Gertrude Mongella, che ha riconosciuto come le donne sono state le basi per lo sviluppo delle donne. Gertrude è stato il segretario generale della Conferenza delle Nazioni Unite sulle donne a Pechino, Cina ed è oggi il presidente del Parlamento Panafricano. Lei ha descritto i progressi nella regione africana, il Ruanda ha il 57% di donne in parlamento, oggi la maggior parte delle ragazze ha un livello di istruzione della scuola primaria e molte altre stanno frequentando l'istruzione secondaria. Ha discusso su questioni quali: il terrorismo, la crisi alimentare mondiale e la crisi petrolifera, sulla necessità di continuare ad andare avanti su questi temi. Gertrude ha evidenziato l'accessibilità acquisita dalle donne con l uso del computer e ha sottolineato come in molte parti del mondo i fondi per l'istruzione e i programmi sociali siano spesso dirottati in vendite di armi militari. L Afghanistan ha firmato la CEDAW. Gertrude Mongella incoraggia tutte le donne a continuare a lavorare verso la parità. Al Panel ha partecipato anche Patricia Licuanan, Presidente del Collegio Miriam a Manila e fiduciario del Centro per l'asia del Pacifico donne in politica. Ha parlato dell'importanza della partnership e di rivedere il mainstreaming di genere. Si auspica che le donne lavorino sempre più sulla loro autostima per acquisire piena consapevolezza dei loro diritti. Panel 2: Lo stato delle donne nel mondo: Patriarcato-Violenza sulle donne e sulle bambine-la salute delle donne-i cambiamenti climatici. E intervenuta Nyaradzayi Gumbodzvanda, Segretario Generale, YWCA (Zimbabwe). Ha iniziato la sessione chiedendo un minuto di silenzio per le sorelle che sono morte a causa di malattie per mancanza di prevenzione, per le sorelle che sono morte partorendo, per le sorelle che sono morte di HIV / AIDS e per le tante donne che vorrebbero avere una voce, ma sono messe a tacere. Si è discusso su come il rispetto dei diritti umani delle donne debba essere considerato il paradigma della famiglia e della comunità. Panel 3: Voci delle donne dal mondo: Priorità regionali e strategie d intervento Interessante l intervento di Cai Yiping, Direttore di Isis International (Cina) che ha evidenziato la nascita della Conferenza delle donne di Pechino grazie agli sforzi del movimento internazionale delle donne, che voleva un mondo di uguaglianza, giustizia e pace. Ha sottolineato la necessità di stare attenti e fare in modo che i progressi raggiunti non vengano perduti a causa della grave situazione di non sicurezza delle donne e della violazione dei diritti umani. E intervenuta,anche,brigitte Triems, Presidente della Lobby Europea delle donne: ha evidenziato che la priorità è quella di completare l'attuazione degli interventi esistenti per superare tutti i livelli di discriminazione e tutte le forme di violenza contro le donne. Ha chiuso il suo intervento con l impegno che l Unione Europea, insieme con i suoi Stati membri, continuerà il lavoro verso la parità tra i sessi e si concentrerà sulla dimensione di genere della crisi finanziaria mondiale e sociale. 4

5 Panel 4: Mantenere la promessa di uguaglianza di genere, la pace e lo sviluppo: donne, pace e sicurezza, rafforzare i meccanismi istituzionali e gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. E intervenuta Lia van parti Broekhoven affermando l importante ruolo delle donne per la costruzione della pace e la garanzia della sicurezza delle persone. Radhika Balakrishnan, Direttore del Center for Women sglobal Leadership, Rutgers University (India), ha parlato della grave crisi economica del mondo e dell importante ruolo delle donne nel porvi rimedio. E stata molto significativa la testimonianza delle donne afghane sul fatto che nel loro Paese le leggi esistenti vengono interpretate in maniera sbagliata dagli integralisti. Tutte le relatrici hanno concordato che per affermare i diritti delle donne bisogna puntare sull educazione dei popoli e promuovere il rispetto dei diritti umani. Importante è anche sensibilizzare le donne a lottare per l affermazione dei loro diritti e creare a livello mondiale una Risoluzione per i diritti umani. Altro problema per le donne dei Paesi in via di sviluppo è la scarsa istruzione e formazione, bisogna puntare sul gender mainstreaming e sulla formazione specifica, in particolare sull educazione all uso delle nuove tecnologie informatiche. Fondamentale è la promozione dei diritti di donne e uomini per raggiungere gli obiettivi del Millennio. 5

6 54 SESSIONE DELLA COMMISSIONE SULLA CONDIZIONE DELLE DONNE 1-12 MARZO 2010-UNITED NATION NEW YORK Altra significativa esperienza è stata la partecipazione ai lavori della 54esima Sessione della Commissione sulla condizione delle donne(csw) Commissione funzionale del Comitato Economico e Sociale (ECOSOC) delle Nazioni Unite, a New York. Quest'anno l'attenzione è stata posta all esame dell attuazione della Dichiarazione e della Piattaforma d'azione di Pechino, a 15 anni dalla sua adozione, e all'analisi dei risultati della 23esima sessione speciale dell' Assemblea generale (2000). Hanno partecipato a tale processo di riesame diversi attori, primo tra tutti il Segretariato Generale delle Nazioni Unite, ma anche gli stati membri, i rappresentanti delle organizzazioni non governative e delle agenzie delle Nazioni Unite. Anche il nostro Dipartimento per le P. O. era presente. La discussione generale è stata focalizzata sui seguenti temi: la rassegna di attuazione della Piattaforma d'azione e dei risultati della 23a sessione speciale dell'assemblea generale, con particolare attenzione alla condivisione di esperienze e buone prassi, e con uno sguardo agli ostacoli ancora esistenti e alle sfide del futuro; la valutazione del suo contributo alla creazione di un punto di vista di genere verso la piena realizzazione degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. Si sono tenuti vari eventi paralleli che hanno costituito un'ulteriore opportunità di scambio di informazioni e di esperienze, fra cui i workshop della BPW. Durante i lavori si è evidenziato che sono molti i paesi ancora lontani dagli Obiettivi di Sviluppo del Millennio e che molte situazioni di disuguaglianza ancora non sono state eliminate: la presenza delle donne nei ruoli decisionali-la violenza contro le donne-la mancanza di lavoro per le donne-gli stereotipi di genere. Il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha denunciato che a 30 anni dalla Convenzione sull'eliminazione di Tutte le Forme di Discriminazione contro le Donne (CEDAW) migliaia di donne e bambini sono ancora vittime della piaga della violenza. Oltre sono le donne violentate lo scorso anno dai militanti delle fazioni in lotta nella Repubblica Democratica del Congo e tre milioni le giovani donne che rischiano di subire la mutilazione dei genitali in tutto il mondo, secondo stime del Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA). Circa i casi di abuso sessuale e oltre quelli di violenza domestica denunciati in Sierra Leone nel 2009, a fronte dei quali nessuna condanna è stata inflitta. Nel suo rapporto ha anche evidenziato che le donne sono maggiormente a rischio di malnutrizione e povertà, hanno meno possibilità di accedere ad un'istruzione e quindi costituiscono la maggioranza della popolazione analfabeta, hanno lavori precari e muoiono ancora di parto. Egli ha anche evidenziato che le molteplici crisi mondiali, comprese quella economica e finanziaria e quella alimentare ed energetica e il cambiamento climatico, sono fattori deterrenti per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo concordati dalla comunità internazionale. "È quindi opportuno ripensare e modificare approcci politici, strategie e azioni per assicurare una crescita e uno sviluppo più giusto, sensibile alla questione di genere e sostenibile", conclude il suo rapporto. Da più parti è stato chiesto alle Nazioni Unite di far fede all'impegno preso sulla costituzione di un nuovo organismo di genere che sia direttamente responsabile anche dell'attuazione della Piattaforma di Azione di Pechino. A questo proposito, l'iniziativa per la riforma architetturale dell'uguglianza di genere (GEAR) [Gender Equality Architecture Reform Campaign] - un network che comprende oltre 300 6

7 organizzazioni impegnate in tutto il mondo per la promozione dei diritti delle donne, dei diritti umani e della giustizia sociale - ha lanciato un appello alle Nazioni Unite perché procedano speditamente alla creazione della nuova entità di genere. GEAR chiede inoltre che sia data alla nuova entità la leadership del coordinamento di tutte le azioni del sistema Nazioni Unite in tema di uguaglianza di genere ed empowerment delle donne sia a livello politico che operativo. GEAR chiede infine l'inclusione di rappresentati della società civile e delle organizzazioni nongovernative in tavoli di concertazione, enti di governo e di consultazione della nuova entità di genere. Anche il Ministro Carfagna ha partecipato ai lavori,dichiarando che "Le donne, in tutto il mondo, rischiano di essere particolarmente penalizzate dalla crisi economica che ha investito tutti i Continenti. Bisogna intervenire presto, tutti insieme, ciascuno a suo modo, affinché la crisi possa invece diventare un occasione di sviluppo". Il Ministro ha illustrato le iniziative del Governo italiano a sostegno delle politiche dell occupazione femminile, dichiarando di avere investito sulle politiche di sostegno alle donne lavoratrici e sui servizi all'infanzia. Il Ministro ha poi affermato la volontà di voler "insistere nel promuovere tutte quelle politiche che prevedano servizi alla persona, strutture per bambini ed anziani, modelli di organizzazione del lavoro più flessibili". Ha focalizzato l attenzione sul tema dell attiva partecipazione delle donne nei processi decisionali e nel mondo del lavoro. L accrescimento dei poteri e dell autonomia delle donne e il miglioramento delle loro condizioni sociali, economiche e politiche sono fattori essenziali per l esistenza di governi e di amministrazioni trasparenti e responsabili. Il giorno 3 marzo abbiamo partecipato alla sessione dedicata al contrasto delle mutilazioni genitali femminili promossa da Italia, Egitto e Senegal. Ho consegnato al Ministro un documento sulle attività promosse dalla nostra associazione sulla grave problematica. Penso che sia nostro dovere adoperarci perché vengano rimossi i tanti gravi problemi che impediscono alle donne di affermare i loro diritti e potere avere pari opportunità di partecipazione alla vita dei vari Paesi, è l impegno che abbiamo sancito con le donne di tutto il mondo incontrate a New York e dobbiamo impegnarci per rispettarlo!. Giuseppina 7

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere P7_TA-PROV(2010)0037 Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere Risoluzione del Parlamento europeo del 25 febbaio 2010 su Pechino +15: Piattaforma d'azione delle Nazioni

Dettagli

IMPACT 10X10X10 UNIVERSITIES FRAMEWORK. UN Women Solidarity Movement for Gender Equality

IMPACT 10X10X10 UNIVERSITIES FRAMEWORK. UN Women Solidarity Movement for Gender Equality IMPACT 10X10X10 UNIVERSITIES FRAMEWORK 1.0 2.0 HEFORSHE L agenzia delle Nazioni Unite UN Women, promuove la parità di genere e l empowerment femminile. HeforShe è una campagna mondiale volta a sensibilizzare

Dettagli

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

DECISIONE N.7/14 PREVENZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE MC.DEC/7/14/Corr.1 1 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio dei ministri Basilea 2014 ITALIAN Original: ENGLISH Secondo giorno della ventunesima Riunione Giornale MC(21)

Dettagli

Le conferenze mondiali delle donne

Le conferenze mondiali delle donne Le conferenze mondiali delle donne Cronologia minima Città del Messico, 1975. Le Nazioni Unite convocano la Prima Conferenza mondiale sulle donne e proclamano aperto il Decennio della Donna.. Alla Tribuna

Dettagli

2''/)8'(%$'"?8/'"0%)7%00 2B$89!

2''/)8'(%$'?8/'0%)7%00 2B$8</0(:$) C5808$%)@)E/<8%(F)<8A80%)4)) 6/'($8D:(/)7%00%)3>9! !/0-1)0/(234561557891( :*;#%.;*C';=( ($"78?8/'%)@)8''/A"?8/'%)4)"085%'("?8/'%)&($"(%B8%)#%$) C"$% )"B$8

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

VERSIONE NON UFFICIALE

VERSIONE NON UFFICIALE VERSIONE NON UFFICIALE DICHIARAZIONE CONGIUNTA DEI MINISTRI DELL ENERGIA, DEL COMMISSARIO EUROPEO E DEI MINISTRI DELL ENERGIA DI ALGERIA, AUSTRALIA, BRASILE, CINA, EGITTO, INDIA, INDONESIA, COREA, LIBIA,

Dettagli

KIT DI GENERE NORMATIVA DI PARITÀ LE CONFERENZE MONDIALI DELLE DONNE

KIT DI GENERE NORMATIVA DI PARITÀ LE CONFERENZE MONDIALI DELLE DONNE KIT DI GENERE NORMATIVA DI PARITÀ LE CONFERENZE MONDIALI DELLE DONNE Le cinque conferenze mondiali sulle donne si sono svolte a Città del Messico (1975), Copenaghen (1980), Nairobi (1985), Pechino (1995)

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Le donne nel mondo della scienza; le attività del Centro Internazionale Ipazia Maria Paola Azzario Chiesa

Le donne nel mondo della scienza; le attività del Centro Internazionale Ipazia Maria Paola Azzario Chiesa Le donne nel mondo della scienza; le attività del Centro Internazionale Ipazia Maria Paola Azzario Chiesa La mia vuol essere una breve presentazione di quanto il Centro UNESCO di Torino, di cui sono presidente,

Dettagli

La vostra Presidente in cammino.

La vostra Presidente in cammino. News Letter Ufficiale a tutti gli Organismi Nazionali, Distrettuali e di Sezione e alle Socie. Fidapa - BPW Italy La vostra Presidente in cammino. News dalla Presidente Nazionale Eufemia Ippolito I cinque

Dettagli

*Perché parliamo di. genere e salute. augusta.angelucci@alice.it

*Perché parliamo di. genere e salute. augusta.angelucci@alice.it *Perché parliamo di genere e salute augusta.angelucci@alice.it La conferenza di PechIno 1995 ha a introdotto i principi di : EMPOWERMENT E GENDER MAINSTREAMING 28/10/15 La Conferenza ha adottato la Piattaforma

Dettagli

DICHIARAZIONE DEL CAIRO PER L ELIMINAZIONE DELLE MGF

DICHIARAZIONE DEL CAIRO PER L ELIMINAZIONE DELLE MGF Sotto l alto patronato di S. E. SUZANNE MUBARAK il Consiglio nazionale per l infanzia e la maternità Nel quadro della Campagna Stop FGM SEMINARIO AFRO-ARABO DI ESPERTI NORME LEGISLATIVE PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Per migliorare la condizione della donna, nel corso della storia si sono fatti dei passi importantissimi. Queste sono le principali tappe:

Per migliorare la condizione della donna, nel corso della storia si sono fatti dei passi importantissimi. Queste sono le principali tappe: Per migliorare la condizione della donna, nel corso della storia si sono fatti dei passi importantissimi. Queste sono le principali tappe: NEL 1946 L ONU COSTITUISCE LA COMMISSIONE DEI DIRITTI DELLE DONNE

Dettagli

Piattaforma d azione Verso l abbandono della escissione/mutilazione genitale femminile (E/MGF)

Piattaforma d azione Verso l abbandono della escissione/mutilazione genitale femminile (E/MGF) Piattaforma d azione Verso l abbandono della escissione/mutilazione genitale femminile (E/MGF) Una questione di parità di genere Il Gruppo di lavoro dei donatori sulla E/MGF Lavorare insieme > Portare

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE NELLA NUOVA U.E. ALLARGATA: UN INTRODUZIONE

I DIRITTI DELLE DONNE NELLA NUOVA U.E. ALLARGATA: UN INTRODUZIONE Ente accreditato dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per la formazione professionale Servizio di promozione europea della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia. Punto della Rete informativa per

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

LEGGERE DENTRO. Diritti umani in primo luogo. www.al-maqdese.org. Problema 2 / marzo 2011. Introduzione. Le attività del progetto a Gerusalemme

LEGGERE DENTRO. Diritti umani in primo luogo. www.al-maqdese.org. Problema 2 / marzo 2011. Introduzione. Le attività del progetto a Gerusalemme NewsLetter Mensile Emesso da: Al-Maqdese per lo sviluppo della società - in arabo, inglese, e in Italia LEGGERE DENTRO «La promozione di opportunità di pace attraverso lo sfruttamento finale contro i diritti

Dettagli

Relatore Prof.ssa Emiliana De Blasio Matr.624002 Correlatore Prof.ssa Carmela Decaro

Relatore Prof.ssa Emiliana De Blasio Matr.624002 Correlatore Prof.ssa Carmela Decaro Dipartimento di Scienze Politiche Cattedra Media Gender e Politica Donne per le donne. Studio di una ONG Relatore Prof.ssa Emiliana De Blasio Matr.624002 Correlatore Prof.ssa Carmela Decaro Anno Accademico

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

UN MONDO A MISURA DI BAMBINE, BAMBINI, RAGAZZI, RAGAZZE. Guida per le ragazze e i ragazzi 13-17

UN MONDO A MISURA DI BAMBINE, BAMBINI, RAGAZZI, RAGAZZE. Guida per le ragazze e i ragazzi 13-17 UN MONDO A MISURA DI BAMBINE, BAMBINI, RAGAZZI, RAGAZZE Guida per le ragazze e i ragazzi 13-17 IL PIDIDA Per i Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza Il PIDIDA (Per I Diritti dell Infanzia e Dell Adolescenza)

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

Le Carte della Diversità in Europa

Le Carte della Diversità in Europa Le Carte della Diversità in Europa La Commissione Europea, negli ultimi anni, ha incoraggiato i datori di lavoro a inserire con maggiore impegno, la gestione della diversità e delle pari opportunità nelle

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

Campagna europea contro la violenza domestica

Campagna europea contro la violenza domestica Campagna europea contro la violenza domestica Rompere il silenzio 3 Perché una campagna europea? Da secoli la violenza domestica è considerata un tema tabù. Nessuno ne parla, nessuno ammette di esserne

Dettagli

Guida al sistema internazionale dei diritti umani

Guida al sistema internazionale dei diritti umani Guida al sistema internazionale dei diritti umani I. Gli strumenti giuridici fondamentali sui diritti umani Nel corso dei secoli, il tema dei diritti fondamentali della persona ha attraversato diverse

Dettagli

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 15 maggio 2007 (21.05) (OR. EN) 9561/07 DEVGEN 91 SOC 205

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 15 maggio 2007 (21.05) (OR. EN) 9561/07 DEVGEN 91 SOC 205 CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 15 maggio 2007 (21.05) (OR. EN) 9561/07 DEVGEN 91 SOC 205 NOTA del: Segretariato generale in data: 15 maggio 2007 n. doc. prec.: 9178/07 + REV 1, + REV 1 ADD 1,

Dettagli

Educazione ai diritti umani; campagna contro la

Educazione ai diritti umani; campagna contro la GIULIO TERZI MINISTRO DEGLI ESTERI 1 Educazione ai diritti umani; campagna contro la pena di morte; libertà di religione; diritti dei bambini nei conflitti; diritti delle donne e lotta contro le mutilazioni

Dettagli

CURRICULUM VITAE AVV. TERESA MANENTE PATROCINANTE IN CASSAZIONE

CURRICULUM VITAE AVV. TERESA MANENTE PATROCINANTE IN CASSAZIONE CURRICULUM VITAE AVV. TERESA MANENTE PATROCINANTE IN CASSAZIONE INFORMAZIONI PERSONALI Data e luogo di nascita: 13.10.1957 in Castellabate ( Sa) Email: info@studiolegalemanente.it Numero di cellulare:

Dettagli

CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE CONVENZIONI ONU DICHIARAZIONE SULL'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Assemblea Generale delle Nazioni Unite, risoluzione 48/104 del 23 febbraio 1994. (Traduzione italiana a cura del Centro di

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

Messaggio della Presidente della Conferenza Internazionale ONG dopo l incontro tenutosi il 13.02.2015 con le ONG.

Messaggio della Presidente della Conferenza Internazionale ONG dopo l incontro tenutosi il 13.02.2015 con le ONG. Messaggio della Presidente della Conferenza Internazionale ONG dopo l incontro tenutosi il 13.02.2015 con le ONG. Parigi, 25 Febbraio 2015 Carissimi, durante l incontro tenutosi il 13.02.2015, i membri

Dettagli

Cosa chiede ActionAid al governo italiano?

Cosa chiede ActionAid al governo italiano? Afghanistan e diritti delle donne: domande e risposte Cosa chiede ActionAid al governo italiano? La fase di transizione che prevede il progressivo ritiro delle truppe internazionali è cominciata nel 2011

Dettagli

1 - FORME DI VIOLENZA

1 - FORME DI VIOLENZA 1 - FORME DI VIOLENZA! Violenza Fisica. Tale forma di violenza è graduata dalle forme più lievi a quelle più gravi: la minaccia di essere colpita fisicamente, l essere spinta, afferrata o strattonata,

Dettagli

Corso volontari Unicomondo

Corso volontari Unicomondo Processi di empowerment e protagonismo femminile Dalla cooperazione internazionale nel Sud alle Botteghe del Mondo nel Nord. Corso volontari Unicomondo 3 novembre 2010 Parliamo di - La situazione delle

Dettagli

59esima sessione della Commissione sulla condizione femminile (CSW) delle Nazioni Unite (New York, 9-20 marzo 2015) prima riunione di coordinamento

59esima sessione della Commissione sulla condizione femminile (CSW) delle Nazioni Unite (New York, 9-20 marzo 2015) prima riunione di coordinamento 59esima sessione della Commissione sulla condizione femminile (CSW) delle Nazioni Unite (New York, 9-20 marzo 2015) prima riunione di coordinamento Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITA : ESPERIENZE A CONFRONTO (*) di Licia Grassucci. La parità dei diritti delle donne è un principio fondamentale dei diritti umani.

LE PARI OPPORTUNITA : ESPERIENZE A CONFRONTO (*) di Licia Grassucci. La parità dei diritti delle donne è un principio fondamentale dei diritti umani. LE PARI OPPORTUNITA : ESPERIENZE A CONFRONTO (*) di Licia Grassucci 1. Ambito internazionale La parità dei diritti delle donne è un principio fondamentale dei diritti umani. Il 10 dicembre 1948, cioè 60

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

DECISIONE N.756 PROGRAMMA DI LAVORO DELL OSCE PER IL 2007 SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA AL TERRORISMO

DECISIONE N.756 PROGRAMMA DI LAVORO DELL OSCE PER IL 2007 SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA AL TERRORISMO PC.DEC/756 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Consiglio permanente ITALIANO Originale: INGLESE 641 a Seduta plenaria Giornale PC N.641, punto 2 dell ordine del giorno DECISIONE

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere 12.11.2014 2014/0000(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sulla parità tra donne e uomini nell'unione europea nel 2013

Dettagli

Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008

Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008 Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione In questa edizione: Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008 Consumatori: inaugurato un nuovo master

Dettagli

Lo Sport come strumento per la realizzazione degli obiettivi del Millennio dell onu

Lo Sport come strumento per la realizzazione degli obiettivi del Millennio dell onu Sport e Diritti Umani 249 Capitolo quarto Lo Sport come strumento per la realizzazione degli obiettivi del Millennio dell onu Jacopo Tognon ed Elisabetta Biviano Nel corso del Vertice del Millennio, convocato

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

726 a SEDUTA PLENARIA DEL FORO

726 a SEDUTA PLENARIA DEL FORO FSC.JOUR/732 Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa Foro di cooperazione per la sicurezza ITALIAN Original: ENGLISH Presidenza: Lussemburgo 726 a SEDUTA PLENARIA DEL FORO 1. Data:

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

Pechino in breve: obiettivi strategici e azioni nelle dodici aree critiche della Piattaforma

Pechino in breve: obiettivi strategici e azioni nelle dodici aree critiche della Piattaforma Pechino in breve: obiettivi strategici e azioni nelle dodici aree critiche della Piattaforma A. Donne e povertà Obiettivo strategico A.1: Rivedere, adottare e applicarepolitiche macroeconomiche e startegie

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

La Convenzione sui Diritti delle Persone con Disabilità e la Cooperazione allo sviluppo.

La Convenzione sui Diritti delle Persone con Disabilità e la Cooperazione allo sviluppo. La Convenzione sui Diritti delle Persone con Disabilità e la Cooperazione allo sviluppo. Giampiero Griffo Disabled Peoples International - DPI Disabled Peoples International-DPI 135 assemblee nazionali

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

SERVIZI PER IL CONTRASTO ALLA VIOLENZA DI GENERE

SERVIZI PER IL CONTRASTO ALLA VIOLENZA DI GENERE L espressione violenza domestica designa tutti gli atti di violenza fisica, sessuale, psicologica o economica che si verificano all interno della famiglia o del nucleo familiare o tra attuali o precedenti

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 178 IN SEDUTA DEL 23/8/2013 OGGETTO ADESIONE ALLA "CAMPAGNA 365 GIORNI NO" ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE. Nell anno duemilatredici addì 23 del mese di agosto alle

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene

irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene irene Associazione Irene: Rapporto Attività 1991 2011 Europa per una Iniziative Ricerche Esperienze Nuova Molte delle immagini che promuovono la diversità usate nel Rapporto di attività sono state realizzate

Dettagli

Osservazioni conclusive del Comitato per l Eliminazione della Discriminazione contro le Donne (CEDAW) CEDAW/C/ITA/CC/4-5 (gennaio 2005)

Osservazioni conclusive del Comitato per l Eliminazione della Discriminazione contro le Donne (CEDAW) CEDAW/C/ITA/CC/4-5 (gennaio 2005) Osservazioni conclusive del Comitato per l Eliminazione della Discriminazione contro le Donne (CEDAW) CEDAW/C/ITA/CC/4-5 (gennaio 2005) Commenti conclusivi [del Comitato]: Italia 1. Il Comitato ha considerato

Dettagli

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE POLITICHE ED ESPERIENZE EUROPEE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Manuela Samek Lodovici IRS- Università Cattolica Milano 21 novembre 2013 Diverse forme e contesti di violenza contro le donne,

Dettagli

KIT DI GENERE NORMATIVA DI PARITA ORGANISMI ISTITUZIONALI DI PARITÀ INTERNAZIONALI, EUROPEI E NAZIONALI ITALIANI.

KIT DI GENERE NORMATIVA DI PARITA ORGANISMI ISTITUZIONALI DI PARITÀ INTERNAZIONALI, EUROPEI E NAZIONALI ITALIANI. KIT DI GENERE NORMATIVA DI PARITA ORGANISMI ISTITUZIONALI DI PARITÀ INTERNAZIONALI, EUROPEI E NAZIONALI ITALIANI. Gli organismi di parità sono strumenti di osservazione, discussione e promozione di politiche

Dettagli

FILO DIRETTO CON IL PARLAMENTO EUROPEO 2008-2009 "Un giornale per l'europa" Pari opportunità. Isabel Recavarren Malpartida PhD

FILO DIRETTO CON IL PARLAMENTO EUROPEO 2008-2009 Un giornale per l'europa Pari opportunità. Isabel Recavarren Malpartida PhD FILO DIRETTO CON IL PARLAMENTO EUROPEO 2008-2009 "Un giornale per l'europa" Pari opportunità Isabel Recavarren Malpartida PhD Nel 1945, le Nazioni Unite dichiararono l impegno di lavorare per la parità

Dettagli

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Documento finale Conferenza mondiale de L Aia sul lavoro minorile 2010 Verso un mondo senza lavoro minorile Tabella di

Dettagli

Partecipazione dei bambini e degli adolescenti di età inferiore ai 18 anni

Partecipazione dei bambini e degli adolescenti di età inferiore ai 18 anni Partecipazione dei bambini e degli adolescenti di età inferiore ai 18 anni Raccomandazione del Consiglio d Europa sulla partecipazione dei bambini e degli adolescenti di età inferiore ai 18 anni Sommario

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Progetto Ampliarete ampliamento e rafforzamento della rete nazionale acisjf nelle regioni meridionali

Progetto Ampliarete ampliamento e rafforzamento della rete nazionale acisjf nelle regioni meridionali Progetto Ampliarete ampliamento e rafforzamento della rete nazionale acisjf nelle regioni meridionali workshop metaplan REGGIO CALABRIA 14 FEBBRAIO 2014 regione CALABRIA report dei lavori Progetto AMPLIARETE

Dettagli

La nascita dell Organizzazione delle Nazioni Unite

La nascita dell Organizzazione delle Nazioni Unite La nascita dell Organizzazione delle Nazioni Unite Conferenza di San Francisco (1945) Carta delle Nazioni Unite (San Francisco, USA 1945) : http://www.un.org/en/documents/charter/ 19 capitoli, 111 articoli

Dettagli

Social Work Day. Palazzo Valentini Roma 15 marzo 2011. Giovanna Sammarco

Social Work Day. Palazzo Valentini Roma 15 marzo 2011. Giovanna Sammarco Social Work Day Palazzo Valentini Roma 15 marzo 2011 Giovanna Sammarco Social Work Day Il primo World Social Work Day si è celebrato il 27 Marzo 2007 promosso dalla Federazione Internazionale degli Assistenti

Dettagli

DONNE E LAVORO AGRICOLO:

DONNE E LAVORO AGRICOLO: DONNE E LAVORO AGRICOLO: SFIDE E PROPOSTE PER L AGENDA DI SVILUPPO POST 2015 Valentina Franchi Organizzazione delle Nazioni Unite per l Agricoltura e l Alimentazione IL RUOLO DELLE DONNE NELL AGRICOLTURA

Dettagli

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010)

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010) 7 Introduzione «Cosa c è nell esistenza umana che rende così difficile sposare le istituzioni democratiche basate sul rispetto dei princìpi dell uguaglianza e delle garanzie del diritto, e così facile

Dettagli

Smantellata con la II guerra mondiale

Smantellata con la II guerra mondiale Europa dopoguerra I organismo di cooperazione Devastata, sminuito il ruolo centrale del potere economico e politico Nasce a Ginevra, 10/01/1920 Inizialmente scarsi risultati politici Società delle Nazioni

Dettagli

RASSEGNA STAMPA EUROPEA

RASSEGNA STAMPA EUROPEA RASSEGNA STAMPA EUROPEA n. 1/11 10 14 gennaio 2011 Al via Presidenza ungherese dell UE: coinvolgere enti locali e regionali È all'ungheria che spetterà il compito di sostenere e canalizzare lo slancio

Dettagli

Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future

Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future Politiche di parità e di contrasto alla discriminazione di genere Buone prassi e prospettive future a cura di Pina Ferraro Consigliera di Parità Effettiva per la Provincia di Ancona Dati Progetto Rete

Dettagli

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro Proposta di Intesa 27 novembre 2012 LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CGIL, CISL, UIL PREMESSO - che l espressione violenza nei confronti delle donne designa ogni

Dettagli

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI La tutela e la promozione dei diritti dei minori nel mondo sono la strada obbligata per la crescita dei Paesi in Via di Sviluppo e

Dettagli

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA Signor Presidente, Signore e Signori, Cari colleghi, ringrazio innanzitutto il Governo del Brasile per l ospitalità che ha voluto riservare alle delegazioni

Dettagli

Le organizzazioni internazionali

Le organizzazioni internazionali La cooperazione tra gli stati Le organizzazioni internazionali Prof. SILVIA SILLANO Si distinguono in Organizzazioni internazionali governative OIG Organizzazioni internazionali NON governative ONG Organizzazioni

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA Preambolo Istanbul, 11 maggio 2011 Gli Stati membri del Consiglio d

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della prevenzione e comunicazione Direzione Generale per i rapporti con l Unione Europea e per i rapporti internazionali UFFICIO III Strategia Globale per la salute

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE C 463/4 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 23.12.2014 Conclusioni del Consiglio e dei Rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, su un piano di lavoro per la cultura

Dettagli

Deliberazione originale del Consiglio Comunale

Deliberazione originale del Consiglio Comunale Deliberazione originale del Consiglio Comunale N. 40 del Reg. Data 27 novembre 2014 OGGETTO: Approvazione ordine del giorno ad oggetto Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. L'anno duemilaquattordici,

Dettagli

Rapporto MAROCCO giugno 2012

Rapporto MAROCCO giugno 2012 FEDERAZIONE DELLA LEGA DEMOCRATICA DEI DIRITTI DELLE DONNE Rapporto MAROCCO giugno 2012 Introduzione: Questo rapporto presenta una sintesi della situazione dei diritti umani delle donne in Marocco, sulla

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

III) AMBIENTE E SVILUPPO

III) AMBIENTE E SVILUPPO III) AMBIENTE E SVILUPPO LA GLOBAL ENVIRONMENT FACILITY (GEF) Cenni storici e aspetti generali 1. La Global Environment Facility (GEF) fu istituita nel 1991 con una risoluzione del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO DELL ON

DICHIARAZIONE DI VOTO DELL ON a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 148 DICHIARAZIONE DI VOTO DELL ON. CENTEMERO IN MERITO ALLA DISCUSSIONE DELLE MOZIONI CONCERNENTI

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

DISCORSO DI MALALA ALL O.N.U.

DISCORSO DI MALALA ALL O.N.U. DISCORSO DI MALALA ALL O.N.U. (luglio 2013) Pubblichiamo il testo integrale del discorso all'onu di Malala Yousafzai, la ragazza afghana di 16 anni che i talebani avevano cercato di uccidere. "Onorevole

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA. DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori FEDELI, IDEM

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA. DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori FEDELI, IDEM SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori FEDELI, IDEM Modifiche alla legge 23 marzo 1981 n. 91, per la promozione dell'equilibrio di genere nei rapporti tra società

Dettagli

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA Il Manifesto dell acqua IL DIRITTO ALLA VITA Veniamo dall Africa, dall America Latina, dal Nord America, dall Asia e dall Europa. Ci siamo riuniti nel 1998 con nessun altra legittimità o rappresentatività

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

WORLDLESS CHILDREN LUCA CATALANO GONZAGA

WORLDLESS CHILDREN LUCA CATALANO GONZAGA WORLDLESS CHILDREN LUCA CATALANO GONZAGA PREMESSA Ad oltre 1 miliardo di bambini nel mondo viene negato il sano sviluppo sancito dalla Convenzione sui Diritti dell'infanzia del 1989 violando il diritto

Dettagli

25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne

25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne 25 novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne In Italia una donna su tre, tra i 16 e i 70 anni, nella sua vita è stata vittima della violenza di un uomo. Secondo i dati dell'istat, sono

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 16 ottobre 2015 (OR. en) EUCO 26/15 CO EUR 10 CONCL 4 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Segretariato generale del Consiglio Destinatario: delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Distr.: General 19 June 2008

Distr.: General 19 June 2008 United Nations S/RES/1820 (2008) Security Council Distr.: General 19 June 2008 Risoluzione del Consiglio di Sicurezza 1820 (2008) La risoluzione è stata adottata dal Consiglio di Sicurezza alla sua 5916esima

Dettagli

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano Education at a Glance 2010: OECD Indicators Summary in Italian Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE Sintesi in italiano Nell area OCSE, i governi stanno cercando di rendere più efficace il sistema

Dettagli

UNFPA, UNICEF, WHO. La salute Una priorità per la DSC

UNFPA, UNICEF, WHO. La salute Una priorità per la DSC UNFPA, UNICEF, WHO La salute Una priorità per la DSC Perché la salute è una priorità per la DSC? All inizio del XXI secolo, l ONU ha adottato gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (OSM). Tre di questi

Dettagli

SIERRA LEONE: PREVENZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO DONNE E BAMBINI Codice progetto: EIDHR/2009/224-973

SIERRA LEONE: PREVENZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO DONNE E BAMBINI Codice progetto: EIDHR/2009/224-973 SIERRA LEONE: PREVENZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO DONNE E BAMBINI Codice progetto: EIDHR/2009/224-973 QUADRO PAESE Dopo la dominazione coloniale inglese (1808-1961) e un periodo di relativa prosperità negli

Dettagli