ANALISI di EFFICACIA delle FILIERE di RECUPERO di MATERIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI di EFFICACIA delle FILIERE di RECUPERO di MATERIA"

Transcript

1 ANALISI di EFFICACIA delle FILIERE di RECUPERO di MATERIA METODOLOGIA e RISULTATI PRELIMINARI COMITATO TECNICO SCIENTIFICO ATIA-ISWA ITALIA ANTONELLA FIORE SIMONETTA TUNESI ECOMONDO 5 NOVEMBRE 2014

2 perché è utile dotarsi di un metodo per l analisi di efficacia delle filiere di recupero di materia l analisi dei flussi con l approccio del ciclo di vita: gli scarti in percentuale l analisi dei flussi con l approccio del ciclo di vita: è possibile una descrizione a scala nazionale? raccomandazioni delle filiere per lo studio

3 MOTIVAZIONI E OBIETTIVO DELLO STUDIO ATIA-IWSA Italia presenta una metodologia con cui descrivere le filiere del recupero di materia dai rifiuti: per quantificarne l efficienza ed individuare i principali elementi con cui elevarne il rendimento. La proposta di Direttiva Quadro: rimarca la necessità di migliorare la qualità dei dati e delle statistiche: questa metodologia è proposta alla discussione come uno strumento per supportare la organizzazione dei dati, l analisi di un sistema e l armonizzazione dei metodi di calcolo; sottolinea la necessità di migliorare la qualità delle statistiche e generare previsioni chiare sulla capacità di gestione rifiuti (Allegato VIII): é stato analizzato anche il grado di conoscenza disponibile a scala nazionale sull efficacia delle filiere di recupero di plastica e carta.

4 MOTIVAZIONI E OBIETTIVO DELLO STUDIO Consiglio dell UE AMBIENTE Comunicato Stampa 28 ottobre 2014 verbale I ministri hanno in generale accolto con favore la portata della proposta della Commissione [ ]. I Ministri hanno tuttavia espresso perplessità sul livello di ambizione della proposta, chiedendo obiettivi realistici e raggiungibili in materia di riutilizzo, riciclaggio e messa in discarica. Le delegazioni hanno anche sottolineato la necessita di tener conto delle peculiarità degli Stati membri e dei loro diversi livelli di prestazione e posizioni di partenza.

5 LA METODOLOGIA PROPOSTA Prende a riferimento l approccio che la Direttiva Quadro (art. 4 c.2) definisce del ciclo di vita (life cycle thinking). Questo metodo richiede di: definire i confini del processo/sistema studiato descrivere dettagliatamente le operazioni e le fasi di gestione quantificare i flussi di ogni singola frazione di rifiuti: TUTTI gli ingressi e le uscite di rifiuti/materia dalla filiera oggetto di valutazione per chiudere il ciclo, richiede di indicare le modalità di trattamento finali di tutti i flussi di rifiuti, scarti, frazioni estranee e di materie prime seconde.

6 * Da S. Tunesi Conservare il valore Luiss UP, *

7 LE FILIERE DEL RECUPERO DI MATERIA (1): I PUNTI DI VISTA PaP non-ferrosi Ecomondo Prossimità Riciclaggio Estero Centri di Raccolta CARTA

8 LE FILIERE DEL RECUPERO DI MATERIA (2): I PUNTI DI VISTA 2 PaP Trasporto non-ferrosi Ecomondo Prossimità Trasporto IMPIANTI PULIZIA IMPIANTI al porto in Cina? India? Riciclaggio Estero Centri di Raccolta Trasporto CARTA

9 LE FILIERE DEL RECUPERO DI MATERIA (3): I PUNTI DI VISTA SCARTI DA? A? PaP Trasporto non-ferrosi Ecomondo Area di trasferimento Trasporto a impianti Prossimità Trasporto PULIZIA NON CONSORTILE trasporto RECUPERO TERMICO al porto in Cina? India? Riciclaggio Estero Centri di Raccolta Trasporto CONSORTILE CARTA SCARTI DA? A? Frazioni estranee e Scarti

10 LE FILIERE DEL RECUPERO DI MATERIA: RICOMPORRE I PUNTI DI VISTA PER DESCRIVERE E QUANTIFICARE MISTO poliolefiniche ad ACCIAIERIE SRA in ACCIAIERIE MULTI PL + V + Lattine PaP e da MULTI pesante cambio MEZZI trasporto a Trasferenza PLASTICHE MISTE a PL Miste a con TECNICHE SPERIMENTALI di RIFIUTI DOMESTICI e ASSIMILATI MULTI PL + Lattine PaP e da MULTI leggero a TRASFERENZA Stazione Intermedia di Trasferenza MONO da RD direttamente a CONSORTILE CPL ad ASTA PET HDPE LDPE a DA ASTA MONO PaP e da MONO a TRASFERENZA PLASTICHE MISTE a RECUPERO PL MIX e SCARTI a TMB CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI PRIVATI e AZIENDE CENTRI DI SCARRABILI da CdR a RACCOLTA TRASFERENZA RD a Pulizia e Separazione PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI a SCARTI II a RECUPERO e TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO RACCOLTA per POLIMERI RD POLIMERI a SCARTI I a RECUPERO e CONS e NonCONS a ESTERO TRASPORTO INTERCONTINENTALE a IMPIANTI ESTERI ESTERO SPECIALI a TRASFERENZA o NON consortile da COMMERCIO e RISTORAZIONE RIFIUTI ASSIMILABILI RD UTENZE NON DOMESTICHE SPECIALI / IMBALLAGGI a DIRETTO INDIPENDENTE a MERCATO INDIPENDENTE a MERCATO NC a RECUPERO PL MIX e Scarti CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI ENRGETICO a TMB TARGET di SPECIALI ( cassette,...) e FILM da RIFIUTI INDUSTRIA CASSONI SCARRABILI PLASTICHE da INDUSTRIA a DIRETTO NC SCARTI II a RECUPERO e TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO da PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI ESTRANEE a RECUPERO di materia RECUPERO FRAZIONI ESTRANEE

11 LE FILIERE DEL RECUPERO DI MATERIA: QUANTIFICARE NON È SUFFICIENTE Scarti I da Pulizia e Separazione Scarti II da Selezione Scarto medio della filiera Raccolte per polimeri Raccolte Mono-materiale Raccolte Multi-materiale 10% f.e. + 30% rec. en. (tappi, etichette ) (stradale - solo CPL [PET; HDPE] - Vienna). confrontabile 16%** (f.e. + scarti) (2 60 %) **questo valore % non è direttamente con quello del multi 28% (f.e. + scarto) mono direttamente selezione consortile 7% media nazionale 9 % media regionale 0,1-6 % speciali non consortile 17% (2013) 10% scarti su sola plastica (mono da multi con 13% f.e.) 15% f.e. 40% scarti (PaP imballaggi + materiali simili non imballaggi - Amburgo) 8% media nazionale 10 % scarti media regionale 8 % 15 (CPM) 27(VPM) % ARPA ER; ARPA Veneto; elaborazione dati COREPLA; AMA Roma.

12 LE FILIERE DEL RECUPERO DI MATERIA: FRAZIONI ESTRANEE E SCARTI, L IMPORTANZA DELLA DESCRIZIONE MISTO poliolefiniche ad ACCIAIERIE SRA in ACCIAIERIE MULTI PL + V + Lattine PaP e da MULTI pesante cambio MEZZI trasporto a Trasferenza PLASTICHE MISTE a PL Miste a con TECNICHE SPERIMENTALI di RIFIUTI DOMESTICI e ASSIMILATI MULTI PL + Lattine PaP e MONO PaP e PRIVATI e AZIENDE da MULTI leggero a TRASFERENZA da MONO a TRASFERENZA CENTRI DI SCARRABILI da CdR a RACCOLTA TRASFERENZA Stazione Intermedia di Trasferenza RD a Pulizia e Separazione MONO da RD direttamente a PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI a RD mono 8-16% CONSORTILE RD mono 7 % RD multi 8 % SCARTI II a RECUPERO e CPL ad ASTA PLASTICHE MISTE a RECUPERO PET HDPE LDPE a DA ASTA PL MIX e SCARTI CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI a TMB TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO RACCOLTA per POLIMERI RD multi 10-27% RD POLIMERI a SCARTI I a RECUPERO e CONS e NonCONS a ESTERO TRASPORTO INTERCONTINENTALE a IMPIANTI ESTERI ESTERO SPECIALI a TRASFERENZA o NON consortile da COMMERCIO e RISTORAZIONE RIFIUTI ASSIMILABILI RD UTENZE NON DOMESTICHE SPECIALI / IMBALLAGGI a DIRETTO speciali 2 % INDIPENDENTE a MERCATO INDIPENDENTE a MERCATO NC a RECUPERO PL MIX e Scarti CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI ENRGETICO a TMB TARGET di SPECIALI ( cassette,...) e FILM da RIFIUTI INDUSTRIA CASSONI SCARRABILI PLASTICHE da INDUSTRIA a DIRETTO NC SCARTI II a RECUPERO e TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO da PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI ESTRANEE a RECUPERO di materia RECUPERO FRAZIONI ESTRANEE

13 LE FILIERE DEL RECUPERO DI MATERIA: FRAZIONI ESTRANEE E SCARTI MISTO poliolefiniche ad ACCIAIERIE SRA in ACCIAIERIE MULTI PL + V + Lattine PaP e da MULTI pesante cambio MEZZI trasporto a Trasferenza PLASTICHE MISTE a PL Miste a con TECNICHE SPERIMENTALI di RIFIUTI DOMESTICI e ASSIMILATI MULTI PL + Lattine PaP e da MULTI leggero a TRASFERENZA Stazione Intermedia di Trasferenza MONO da RD direttamente a CONSORTILE CPL ad ASTA PET HDPE LDPE a DA ASTA MONO PaP e da MONO a TRASFERENZA PRIVATI e AZIENDE CENTRI DI SCARRABILI da CdR a RACCOLTA TRASFERENZA RD a Pulizia e Separazione PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI a SCARTI II a RECUPERO e PLASTICHE MISTE a RECUPERO PL MIX e SCARTI a TMB CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO RACCOLTA per POLIMERI RD POLIMERI a SCARTI I a RECUPERO e CONS e NonCONS a ESTERO TRASPORTO INTERCONTINENTALE a IMPIANTI ESTERI ESTERO SPECIALI a TRASFERENZA o NON consortile da COMMERCIO e RISTORAZIONE RIFIUTI ASSIMILABILI RD UTENZE NON DOMESTICHE SPECIALI / IMBALLAGGI a DIRETTO INDIPENDENTE a MERCATO INDIPENDENTE a MERCATO NC a RECUPERO PL MIX e Scarti CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI ENRGETICO a TMB TARGET di SPECIALI ( cassette,...) e FILM da RIFIUTI INDUSTRIA CASSONI SCARRABILI PLASTICHE da INDUSTRIA a DIRETTO NC SCARTI II a RECUPERO e TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO da PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI ESTRANEE a RECUPERO di materia RECUPERO FRAZIONI ESTRANEE

14 L UTILITÀ DELLA METODOLOGIA La metodologia proposta ha due caratteristiche fondamentali: I. la descrizione dei flussi di rifiuti e materiali che attraversano una filiera, è di tipo qualitativo ma obbliga a riflettere sul grado di conoscenza che già si possiede: obbliga così a definire il bisogno informativo, cioè gli elementi che sono poco conosciuti o per i quali, più frequentemente, sono già disponibili dati che richiedono di essere organizzati in modo diverso; II. in presenza di dati esaurienti e completi, un analisi dei flussi di tipo quantitativo consente di valutare l efficacia delle singole filiere, di individuare eventuali punti di criticità e di valutare le possibili azioni correttive.

15 RICOSTRUZIONE DEI FLUSSI A SCALA NAZIONALE Rapporto Rifiuti Urbani; dati di sintesi edizione 2014 ISPRA Rapporto Rifiuti Urbani edizione 2013 ISPRA Rapporto Rifiuti Speciali edizione ISPRA Relazione sulla Gestione e Bilancio 2013 CONAI Programma generale di prevenzione e di gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio. Relazione generale consuntiva 2013 CONAI Relazione sulla gestione 2013 CoRePla

16 ASPETTI DELLA GESTIONE MISTO poliolefiniche ad ACCIAIERIE MULTI PL + V + Lattine PaP e di RIFIUTI DOMESTICI e ASSIMILATI MULTI PL + Lattine PaP e MONO PaP e da MULTI leggero a TRASFERENZA Stazione Intermedia di Trasferenza MONO da RD direttamente a PLASTICHE MISTE a PL Miste a con TECNICHE SPERIMENTALI CPL ad ASTA PET HDPE LDPE a DA ASTA CONSORTILE da MONO a TRASFERENZA PLASTICHE MISTE a RECUPERO PRIVATI e AZIENDE SRA in ACCIAIERIE da MULTI pesante a Trasferenza cambio MEZZI trasporto RD a Pulizia e Separazione CENTRI DI SCARRABILI da CdR a RACCOLTA TRASFERENZA PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI PL MIX e SCARTI a TMB CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI a SCARTI II a RECUPERO e RACCOLTA per POLIMERI TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO RD POLIMERI a SCARTI I a RECUPERO e SPECIALI a TRASFERENZA o da COMMERCIO e RISTORAZIONE RIFIUTI ASSIMILABILI CONS e NonCONS a ESTERO RD UTENZE NON DOMESTICHE ESTERO INDIPENDENTE a MERCATO INDIPENDENTE a MERCATO SPECIALI / IMBALLAGGI a DIRETTO CASSONI SCARRABILI a IMPIANTI ESTERI NON consortile NC a RECUPERO ENRGETICO TARGET di SPECIALI ( cassette,...) e FILM da RIFIUTI INDUSTRIA TRASPORTO INTERCONTINENTALE PLASTICHE da INDUSTRIA a DIRETTO PL MIX e Scarti a TMB NC SCARTI II a RECUPERO e da PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI ESTRANEE a RECUPERO di materia CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO RECUPERO FRAZIONI ESTRANEE

17 RICOSTRUZIONE DEL FLUSSO DELLA PLASTICA A SCALA NAZIONALE 11 MULTI PL + V + Lattine PaP e da MULTI pesante cambio MEZZI a Trasferenza trasporto scarti_ii MISTO poliolefiniche ad ACCIAIERIE PLASTICHE MISTE a SRA in ACCIAIERIE PL Miste a con TECNICHE SPERIMENTALI 101 di cui 46 a ric. estero 412 di cui 46 a riciclaggio estero di RIFIUTI DOMESTICI e ASSIMILATI MULTI PL + Lattine PaP e da MULTI leggero a TRASFERENZA Stazione Intermedia di Trasferenza MONO da RD direttamente a CONSORTILE CPL ad ASTA PET HDPE LDPE a DA ASTA MONO PaP e da MONO a TRASFERENZA PRIVATI e AZIENDE CENTRI DI SCARRABILI da CdR a RACCOLTA TRASFERENZA RD a Pulizia e Separazione PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI a SCARTI II a RECUPERO e PLASTICHE MISTE a RECUPERO PL MIX e SCARTI a TMB CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI scarti_i_ii a tratt. termico TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO 12 + scarti_i_ii a discarica RACCOLTA per POLIMERI RD POLIMERI a SCARTI I a RECUPERO e CONS e NonCONS a ESTERO TRASPORTO INTERCONTINENTALE a IMPIANTI ESTERI ESTERO da COMMERCIO e RISTORAZIONE RIFIUTI ASSIMILABILI RD UTENZE NON DOMESTICHE SPECIALI a TRASFERENZA o SPECIALI / IMBALLAGGI a DIRETTO (attività da R2 a R11) + 17 (*) NON consortile INDIPENDENTE a MERCATO NC a RECUPERO ENRGETICO 364 di cui 89 a riciclaggio estero PL MIX e Scarti a TMB INDIPENDENTE a MERCATO CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI (attività R1 + D10) TARGET di SPECIALI ( cassette,...) e FILM da RIFIUTI INDUSTRIA 1790 (gestione) oppure 1493 (produzione) non comprende e CASSONI SCARRABILI LEGENDA PLASTICHE da INDUSTRIA a DIRETTO Rapporto Rifiuti Urbani; dati di sintesi edizione 2014 ISPRA - dati nazionali anno 2013 da PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI ESTRANEE a RECUPERO di materia NC SCARTI II a RECUPERO e RECUPERO FRAZIONI ESTRANEE TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO (*) di cui: 14 PIFU 2 cassette 1 PEPS Rapporto Rifiuti Speciali edizione 2012 ISPRA dati nazionali anno 2010 Relazione sulla gestione 2013 CoRePla dati relativi alla gestione consortile anno 2013 Relazione sulla gestione 2013 CoRePla stima dati relativi alla gestione indipendente anno 2013

18 Fonti: MUD Comuni MUD Produttori e gestori rifiuti Province ARPA. Stime La plastica da raccolta multimateriale: stime basate sulla composizione media dei diversi contesti territoriali

19 Laddove possibile ISPRA procede a distinguere gli imballaggi dagli altri rifiuti in plastica DATO ISPRA: Raccolta differenziata della frazione merceologica PLASTICA anno 2013: Imballaggi 910 kt Altri rifiuti di plastica 35 kt

20 DATO COREPLA: Raccolta differenziata della frazione merceologica PLASTICA anno 2013: 769 kt (solo imballaggi?) Il DATO COREPLA E RIFERITO ALLA PLASTICA AVVIATA agli IMPIANTI CONSORTILI e NON alla PLASTICA RACCOLTA DATO COREPLA: Raccolta differenziata PLASTICA anno 2013: Ripartizione per flussi di raccolta MONO MULTI

21 RICOSTRUZIONE DEL FLUSSO DELLA PLASTICA A SCALA NAZIONALE: DALLA RACCOLTA ALLA MULTI PL + V + Lattine PaP e da MULTI pesante cambio MEZZI a Trasferenza trasporto scarti_ii di RIFIUTI DOMESTICI e ASSIMILATI MULTI PL + Lattine PaP e da MULTI leggero a TRASFERENZA Stazione Intermedia di Trasferenza MONO da RD direttamente a CONSORTILE MONO PaP e da MONO a TRASFERENZA PRIVATI e AZIENDE CENTRI DI SCARRABILI da CdR a RACCOLTA TRASFERENZA RD a Pulizia e Separazione PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI a SCARTI II a RECUPERO e RACCOLTA per POLIMERI RD POLIMERI a SCARTI I a RECUPERO e da COMMERCIO e RISTORAZIONE RIFIUTI ASSIMILABILI TARGET di SPECIALI ( cassette,...) e FILM da RIFIUTI INDUSTRIA 1790 (gestione) oppure 1493 (produzione) non comprende e RD UTENZE NON DOMESTICHE CASSONI SCARRABILI LEGENDA SPECIALI a TRASFERENZA o Fonti: MUD, stime SPECIALI / IMBALLAGGI Elaborazione dati: Regolamento a DIRETTO (attività da R2 a R11) + 17 (*) CE n. 2150/2002 relativo alle statistiche sui rifiuti - sottocategoria 07.4 (rifiuti in PLASTICHE da INDUSTRIA a DIRETTO plastica) NON consortile da PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI ESTRANEE a RECUPERO di materia NC SCARTI II a RECUPERO e INDIPENDENTE a

22 CONSIDERAZIONI DATI RELATIVI ALLA RACCOLTA: i dati relativi alla raccolta dei rifiuti urbani presenti nei rapporti analizzati non sono coincidenti tra loro in quanto i dati vengono raccolti e analizzati in funzione di obiettivi finali differenti i dati risultano aggregati e non riferibili alla specifica modalità di raccolta adottata pertanto ad oggi non è possibile determinare l efficacia dei diversi modelli di raccolta non sono esplicitati i dati relativi ai centri di raccolta la diffusione dei sistemi di raccolta multimateriale contribuisce rendere più complessa l analisi del dato relativo alla raccolta non sempre viene data esplicita evidenza se il dato comprenda o meno anche i rifiuti assimilati provenienti da utenze non domestiche

23 CONSIDERAZIONI OSSERVAZIONI SUI DATI RELATIVI ALLA RACCOLTA: il fatto che i dati siano in alcuni casi da riferirsi ai soli imballaggi ed in altri casi alla intera frazione merceologica complica l analisi e rende per il corretto posizionamento sul diagramma. In alcuni casi peraltro non è possibile avere certezza del dato in quanto esso non viene chiaramente declinato si è riscontrato in alcuni casi l uso di terminologie improprie, che possono determinare confusione e in alcuni casi difficoltà nel collocamento del dato sul diagramma di flusso. Sarebbe opportuna una standardizzazione dei vocaboli da utilizzare o, perlomeno, la definizione degli stessi nell ambito di glossari da allegare ai singoli studi/rapporti

24 RICOSTRUZIONE DEL FLUSSO DELLA PLASTICA A SCALA NAZIONALE: RICICLO E RECUPERO 11 a Trasferenza scarti_ii MISTO poliolefiniche ad ACCIAIERIE PLASTICHE MISTE a SRA in ACCIAIERIE PL Miste a con TECNICHE SPERIMENTALI 101 di cui 46 a ric. estero 412 di cui 46 a riciclaggio estero Stazione Intermedia di Trasferenza MONO da RD direttamente a CONSORTILE 300 CPL ad ASTA PET HDPE LDPE a DA ASTA RD a Pulizia e Separazione PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI a SCARTI II a RECUPERO e PLASTICHE MISTE a RECUPERO PL MIX e SCARTI a TMB CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI scarti_i_ii a tratt. termico TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO 12 + scarti_i_ii a discarica RD POLIMERI a SCARTI I a RECUPERO e CONS e NonCONS a ESTERO TRASPORTO INTERCONTINENTALE a IMPIANTI ESTERI ESTERO SPECIALI a TRASFERENZA o SPECIALI / IMBALLAGGI a DIRETTO (attività da R2 a R11) + 17 (*) NON consortile INDIPENDENTE a MERCATO NC a RECUPERO ENRGETICO 364 di cui 89 a riciclaggio estero PL MIX e Scarti a TMB INDIPENDENTE a MERCATO CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI (attività R1 + D10) PLASTICHE da INDUSTRIA a DIRETTO NC SCARTI II a RECUPERO e TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO Rapporto Rifiuti Urbani; dati di sintesi edizione 2014 ISPRA - dati nazionali anno 2013 da PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI ESTRANEE a RECUPERO di materia RECUPERO FRAZIONI ESTRANEE (*) di cui: 14 PIFU 2 cassette 1 PEPS

25 DATO ISPRA: Riciclaggio 789 kt/a di cui 414 kt/a da sup. pubblica 375 kt/a da sup. privata

26 [...] DATO COREPLA: Apparentemente in linea con il dato ISPRA 414 kt/a da superficie pubblica di cui 2 kt/a a mercato indipendente (cassette) [...] [...] Per i prodotti riciclati è stato mantenuto inalterato lo schema condiviso a livello europeo per cui vengono computate come riciclo le quantità in ingresso agli impianti di riciclo

27 DATO COREPLA: 15 kt/a da superficie privata circuito consortile DATO COREPLA: DATO COREPLA: 364 kt/a da superficie privata circuito indipendente

28 RICOSTRUZIONE DEL FLUSSO DELLA PLASTICA A SCALA NAZIONALE 11 MULTI PL + V + Lattine PaP e da MULTI pesante cambio MEZZI a Trasferenza trasporto scarti_ii MISTO poliolefiniche ad ACCIAIERIE PLASTICHE MISTE a SRA in ACCIAIERIE PL Miste a con TECNICHE SPERIMENTALI 101 di cui 46 a ric. estero 412 di cui 46 a riciclaggio estero di RIFIUTI DOMESTICI e ASSIMILATI MULTI PL + Lattine PaP e da MULTI leggero a TRASFERENZA Stazione Intermedia di Trasferenza MONO da RD direttamente a CONSORTILE CPL ad ASTA PET HDPE LDPE a DA ASTA MONO PaP e da MONO a TRASFERENZA PRIVATI e AZIENDE CENTRI DI SCARRABILI da CdR a RACCOLTA TRASFERENZA RD a Pulizia e Separazione PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI a SCARTI II a RECUPERO e PLASTICHE MISTE a RECUPERO PL MIX e SCARTI a TMB CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI scarti_i_ii a tratt. termico TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO 12 + scarti_i_ii a discarica RACCOLTA per POLIMERI RD POLIMERI a SCARTI I a RECUPERO e CONS e NonCONS a ESTERO TRASPORTO INTERCONTINENTALE a IMPIANTI ESTERI ESTERO da COMMERCIO e RISTORAZIONE RIFIUTI ASSIMILABILI RD UTENZE NON DOMESTICHE SPECIALI a TRASFERENZA o SPECIALI / IMBALLAGGI a DIRETTO (attività da R2 a R11) + 17 (*) NON consortile INDIPENDENTE a MERCATO NC a RECUPERO ENRGETICO 364 di cui 89 a riciclaggio estero PL MIX e Scarti a TMB INDIPENDENTE a MERCATO CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI (attività R1 + D10) TARGET di SPECIALI ( cassette,...) e FILM da RIFIUTI INDUSTRIA 1790 (gestione) oppure 1493 (produzione) non comprende e CASSONI SCARRABILI LEGENDA PLASTICHE da INDUSTRIA a DIRETTO Rapporto Rifiuti Urbani; dati di sintesi edizione 2014 ISPRA - dati nazionali anno 2013 da PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI ESTRANEE a RECUPERO di materia NC SCARTI II a RECUPERO e RECUPERO FRAZIONI ESTRANEE TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO (*) di cui: 14 PIFU 2 cassette 1 PEPS Rapporto Rifiuti Speciali edizione 2012 ISPRA dati nazionali anno 2010 Relazione sulla gestione 2013 CoRePla dati relativi alla gestione consortile anno 2013 Relazione sulla gestione 2013 CoRePla stima dati relativi alla gestione indipendente anno 2013

29 DATO ISPRA: Quantità di rifiuti di imballaggio recuperati Recupero energetico 753 kt

30 DATO COREPLA: Recupero energetico imballaggi in plastica: termovalorizzazione / cementificio DATO COREPLA: Recupero energetico imballaggi in plastica Distinzione tra recupero energetico «corepla» kt e recupero energetico «rsu» 430 kt DATO COREPLA: Avvio diretto a discarica da impianti 12kt/a

31 RICOSTRUZIONE DEL FLUSSO DELLA PLASTICA A SCALA NAZIONALE 11 MULTI PL + V + Lattine PaP e da MULTI pesante cambio MEZZI a Trasferenza trasporto scarti_ii MISTO poliolefiniche ad ACCIAIERIE PLASTICHE MISTE a SRA in ACCIAIERIE PL Miste a con TECNICHE SPERIMENTALI 101 di cui 46 a ric. estero 412 di cui 46 a riciclaggio estero di RIFIUTI DOMESTICI e ASSIMILATI MULTI PL + Lattine PaP e da MULTI leggero a TRASFERENZA Stazione Intermedia di Trasferenza MONO da RD direttamente a CONSORTILE CPL ad ASTA PET HDPE LDPE a DA ASTA MONO PaP e da MONO a TRASFERENZA PRIVATI e AZIENDE CENTRI DI SCARRABILI da CdR a RACCOLTA TRASFERENZA RD a Pulizia e Separazione PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI a SCARTI II a RECUPERO e PLASTICHE MISTE a RECUPERO PL MIX e SCARTI a TMB CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI scarti_i_ii a tratt. termico TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO 12 + scarti_i_ii a discarica RACCOLTA per POLIMERI RD POLIMERI a SCARTI I a RECUPERO e CONS e NonCONS a ESTERO TRASPORTO INTERCONTINENTALE a IMPIANTI ESTERI ESTERO da COMMERCIO e RISTORAZIONE RIFIUTI ASSIMILABILI RD UTENZE NON DOMESTICHE SPECIALI a TRASFERENZA o SPECIALI / IMBALLAGGI a DIRETTO (attività da R2 a R11) + 17 (*) NON consortile INDIPENDENTE a MERCATO NC a RECUPERO ENRGETICO 364 di cui 89 a riciclaggio estero PL MIX e Scarti a TMB INDIPENDENTE a MERCATO CDR/CSS a RECUPERO CEMENTIFICI (attività R1 + D10) TARGET di SPECIALI ( cassette,...) e FILM da RIFIUTI INDUSTRIA 1790 (gestione) oppure 1493 (produzione) non comprende e CASSONI SCARRABILI LEGENDA PLASTICHE da INDUSTRIA a DIRETTO Rapporto Rifiuti Urbani; dati di sintesi edizione 2014 ISPRA - dati nazionali anno 2013 da PULIZIA e SEPARAZIONE FRAZIONI ESTRANEE a RECUPERO di materia NC SCARTI II a RECUPERO e RECUPERO FRAZIONI ESTRANEE TRATTAMENTO TERMICO con RECUPERO (*) di cui: 14 PIFU 2 cassette 1 PEPS Rapporto Rifiuti Speciali edizione 2012 ISPRA dati nazionali anno 2010 Relazione sulla gestione 2013 CoRePla dati relativi alla gestione consortile anno 2013 Relazione sulla gestione 2013 CoRePla stima dati relativi alla gestione indipendente anno 2013

32 CONSIDERAZIONI DATI RELATIVI AL TRATTAMENTO AL RICICLO E AL RECUPERO: la maggior parte dei dati disponibili è riferita alla raccolta degli imballaggi del sistema CONAI ; non è stato possibile rintracciare i dati relativi alla gestione indipendente non è possibile allo stato attuale effettuare un bilancio di materia, in quanto sia i dati di input che quelli di output non sono completamente esaustivi la valorizzazione energetica risulta significativa per la filiera della plastica; la quantità di materiali destinati a discarica risulta invece contenuta poco meno della metà del materiale avviato a valorizzazione energetica è utilizzato nei cementifici, a seguito di pre-trattamento non si hanno dati diretti riferiti agli scarti; appare opportuno un approfondimento poiché la % di scarti è correlabile a più variabili (comportamento del cittadino/produttore, organizzazione del sistema di raccolta, efficienza degli impianti) che fortemente impattano sull efficienza ed efficacia della filiera non è possibile con i dati attualmente disponibili effettuare la ricostruzione completa della filiera su scala nazionale: anche se l uso del diagramma di flusso ha consentito di desumere dati non immediatamente disponibili a seguito della loro corretta collocazione nella filiera

33 ELEMENTI EMERSI DALL APPLICAZIONE DI QUESTA METODOLOGIA CONOSCENZA DELLE FILIERE pochi dati disponibili pubblicamente di qualità sufficiente a individuare le fasi della filiera in cui si originano le difficoltà operative e ricavarne indicazioni utili; oggettiva difficoltà a connettere le % di scarti alle diverse modalità di RD perché questa correlazione richiede analisi merceologiche frequenti su input e output la classificazione dei rifiuti in ingresso e in uscita dagli impianti della filiera varia con il soggetto autorizzatore e, a volte, anche in dipendenza dei soggetti coinvolti nella gestione: questa difformità rende difficile raccogliere dati confrontabili non sempre è chiaro il destino degli scarti della filiera il funzionamento dei singoli impianti di Pulizia/Separazione e Selezione sono determinanti nella capacità di ridurre gli scarti di processo: con questo studio sottolineiamo la necessità di approfondire questi aspetti e di mettere a sistema le molte conoscenze già disponibili presso gli operatori del settore.

34 IN SINTESI ATIA-ISWA Italia con questa proposta metodologica si è proposta di sottolineare l importanza di: fornire un metodo comune di analisi delle filiere del recupero di materia; estendere e completare la base dati attualmente disponibile; ampliare la conoscenza a scala regionale e nazionale delle filiere. Una base dati sufficiente che individui gli impianti attivi in tutte le fasi della filiera e ne descriva i prinicipali parametri operativi - permetterebbe di: descrivere i flussi a diverse scale: ATO, regionale, nazionale; quantificare quali sono le fasi, gli impianti e le scelte organizzative che elevano la percentuale di recupero di materia; stimare gli impatti ambientali ed economici delle filiere, qualora si rendano disponibili dati di dettaglio di qualità sufficiente.

35 RACCOMANDAZIONI per studiare, descrivere e valutare l efficacia delle filiere del recupero di materia formulate sulla base di questa analisi preliminare 1. adottare a scala nazionale una metodologia uniforme di analisi delle filiere del recupero di materia basata sull approccio del ciclo di vita: a. avviando prima la descrizione qualitativa delle filiere e definendo il bisogno informativo; b. allargata la base-dati, sarebbe possibile quantificare e confrontare gli impatti ambientali associati; 2. costituire un archivio di dati relativo alle filiere del recupero di materia; 3. appare rilevante, che siano fornite indicazioni omogenee a valenza azionale, sui criteri autorizzativi; 4. valutare le best practice già sviluppate per definire criteri per la ricostruzione 4. valutare le best practice già sviluppate per definire criteri per la ricostruzione dei flussi, il monitoraggio degli impianti e la raccolta dei dati delle singole filiere;

36 RACCOMANDAZIONI per studiare, descrivere e valutare l efficacia delle filiere del recupero di materia formulate sulla base di questa analisi preliminare 5. riflettere sulla validità del criterio percentuale (ad es. 65% RD): numerosi e complessi sono i parametri che concorrono a definire l efficacia complessiva della filiere dal recupero di materia; 6. appare determinante individuare i flussi che presentano le migliori caratteristiche operative: a. valutare se estendere le raccolte da utenze target: rifiuti speciali assimilabili con caratteristiche di omogeneità che riducono gli scarti; b. incentivare i conferimenti ai Centri di raccolta; c. adottare sistemi di tariffazione premiale. ANALISI DI EFFICACIA DELLE FILIERE DI RECUPERO DI MATERIA METODOLOGIA E RISULTATI PRELIMINARI

L IMPATTO GLOBALE DEI RIFIUTI NON PERCEPITI E GLI STRUMENTI PER PIANIFICARE LA GESTIONE RIFIUTI SIMONETTA TUNESI

L IMPATTO GLOBALE DEI RIFIUTI NON PERCEPITI E GLI STRUMENTI PER PIANIFICARE LA GESTIONE RIFIUTI SIMONETTA TUNESI L IMPATTO GLOBALE DEI RIFIUTI NON PERCEPITI E GLI STRUMENTI PER PIANIFICARE LA GESTIONE RIFIUTI SIMONETTA TUNESI AGBOGBLOSHIE GHANA UN PONTE FATTO DI VECCHI MONITOR: RICICLAGGIO? UN PROBLEMA DI GIUSTIZIA

Dettagli

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Gianluca Bertazzoli Responsabile Comunicazione e Relazioni esterne

Dettagli

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio

Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Il Sistema COREPLA: un eccellenza della filiera italiana della plastica per assicurare il riciclo e il recupero dei rifiuti d imballaggio Riccardo Passigato Vice-Direttore Generale Gestione Operativa Materie

Dettagli

Si riporta una sintesi dei risultati

Si riporta una sintesi dei risultati Le filiere del recupero degli imballaggi in Lombardia Lucia Rigamonti, Mario Grosso, Michele Giugliano L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment LCA) consente una visione globale della filiera

Dettagli

COREPLA conta ad oggi 2.623 imprese consorziate, appartenenti alle seguenti categorie :

COREPLA conta ad oggi 2.623 imprese consorziate, appartenenti alle seguenti categorie : COREPLA, il Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio e il Recupero dei Rifiuti di Imballaggi in Plastica, nasce con il Decreto Legislativo 22/97 per organizzare la raccolta dei rifiuti di imballaggi

Dettagli

LA FILIERA DELLA PLASTICA:

LA FILIERA DELLA PLASTICA: 7 NOVEMBRE 2013 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA ED IL RICICLO IN ITALIA: realtà industriali a confronto LA FILIERA DELLA PLASTICA: IL PUNTO DI VISTA DEL GESTORE DEL SERVIZIO ing. Diego Cometto DIRETTORE GENERALE

Dettagli

Analisi prezzi medi impianti Anno 2010

Analisi prezzi medi impianti Anno 2010 Analisi prezzi medi impianti Anno 2010 Le tariffe per attività di selezione delle frazioni secche dei rifiuti urbani raccolte in maniera differenziata per tipologia e caratteristiche degli impianti Relazione

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti. Progetto a Tema 2011. Gli indicatori del recupero SINTESI

Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti. Progetto a Tema 2011. Gli indicatori del recupero SINTESI Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Progetto a Tema 2011 Gli indicatori del recupero SINTESI INDICE 1. PANORAMA NORMATIVO...3 1.1 Obiettivi per il recupero...3 1.2 Norme tecniche...4

Dettagli

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Levanto, 9 luglio 2015 L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Gli imballaggi Una parte del problema 2 La crescita del

Dettagli

World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1

World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1 World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1 La gerarchia dei rifiuti Il principale riferimento normativo in tema di rifiuti è la direttiva comunitaria 2008/98/CE, recentemente recepita nell ordinamento

Dettagli

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI % RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI www.arpa.veneto.it Legambiente COMUNI RICICLONI INDICATORE MULTIPARAMETRICO Non solo %RD (rifiuti avviati a recupero, compresi inerti, ingombranti a spazzamento)

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE CALABRIA PREMESSA...2 DEFINIZIONI...2 CALCOLO DELLA PERCENTUALE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA...5 ESCLUSIONI DAL

Dettagli

I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi. Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015

I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi. Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015 I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015 CONAI, il Consorzio Nazionale Imballaggi Riferimenti normativi: D.Lgs

Dettagli

Consorzio volontario CORIPET: la prima filiera chiusa del PET

Consorzio volontario CORIPET: la prima filiera chiusa del PET Consorzio volontario CORIPET: la prima filiera chiusa del PET I sistemi indipendenti del riciclo, il mercato della plastica Ravenna, 27 settembre 2013 Giancarlo Longhi, presidente Coripet 1 2 Lo scenario

Dettagli

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO Il PRB e il coinvolgimento degli attori Il percorso di ascolto e consultazione degli stakeholder

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

Gestione sostenibile del ciclo dei rifiuti urbani

Gestione sostenibile del ciclo dei rifiuti urbani A05 Gestione sostenibile del ciclo dei rifiuti urbani Gli scenari strategici per Roma e per la Regione Lazio a cura di Contributi di Giorgio Alleva, Marco Antognoli, Carlo Blasi, Maurizio Boccacci Mariani,

Dettagli

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO milioni di t 10.0 9.0 8.0 7.0 6.0 5.0 4.0 3.0 2.0 1.0 0.0 La produzione dei rifiuti in Toscana 1998-2011

Dettagli

IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO

IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO CAPITOLO 4 IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO 367 IMBALLAGGI E RIFIUTI DI IMBALLAGGIO 4.1 LE FONTI DEI DATI La principale fonte di informazioni sul ciclo degli imballaggi

Dettagli

Relazione sulla Gestione 2012

Relazione sulla Gestione 2012 Relazione sulla Gestione 2012 INDICE Relazione sulla gestione 2012 ORGANI CONSORTILI.2 I RISULTATI 2012...3 La situazione economica e patrimoniale...3 Gli obiettivi di Riciclo e Recupero....7 Il Contributo

Dettagli

Prof. Maria IOANNILLI Facoltà di Ingegneria Università di Roma «Tor Vergata» Corso di studi di Ingegneria per l'ambiente e il Territorio

Prof. Maria IOANNILLI Facoltà di Ingegneria Università di Roma «Tor Vergata» Corso di studi di Ingegneria per l'ambiente e il Territorio Prof. Maria IOANNILLI Facoltà di Ingegneria Università di Roma «Tor Vergata» Corso di studi di Ingegneria per l'ambiente e il Territorio Il funzionamento del ciclo di gestione dei rifiuti: criticità ed

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio

Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Il Sistema CONAI e la gestione dei rifiuti di imballaggio Perugia, 27 febbraio 2009 Elisabetta Bottazzoli Area Rapporti con il Territorio CONAI Il modello del COnsorzio NAzionale per il recupero degli

Dettagli

Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in. Andrea M. Lanz

Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in. Andrea M. Lanz Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in convenzione Andrea M. Lanz Premessa (1/4) La Comunicazione Rifiuti urbani e assimilati e raccolti in convenzione (composta dalle Schede RU

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI Marco Gentilini, Nova Consulting Rieti, 25.9.2014 CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICI COMUNALI Obiettivo principale: migliorare la

Dettagli

Meno rifiuti a Roma. A cura di: Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome

Meno rifiuti a Roma. A cura di: Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome Meno rifiuti a Roma A cura di: Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome - Nome Cognome Marco Campagna Rachele Caracciolo Luigi De Roma Francesco Grasselli Chiara Iobbi Gianluca Pica Workshop Safe Roma,

Dettagli

MATERIALI NON FERROSI E IMBALLAGGI DI ALLUMINIO

MATERIALI NON FERROSI E IMBALLAGGI DI ALLUMINIO .1 Andamento del settore a livello nazionale.1.1 L immesso al consumo Nel 2012 si è registrata una sostanziale stabilità dell immesso al consumo rispetto al 2011 (-0,1%), infatti si è passati da 6,6 e

Dettagli

La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF

La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF Seminario sulla raccolta differenziata e sulla qualità dei materiali La gestione dei rifiuti di imballaggio ed il ruolo di Conai e dei CdF Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Porto S. Elpidio,

Dettagli

COREPLA La Raccolta, il Riciclo ed il Recupero della plastica. Cesare Spreafico Direttore Generale. Milano, 13 Novembre

COREPLA La Raccolta, il Riciclo ed il Recupero della plastica. Cesare Spreafico Direttore Generale. Milano, 13 Novembre COREPLA La Raccolta, il Riciclo ed il Recupero della plastica Cesare Spreafico Direttore Generale Milano, 13 Novembre 1 IL CONSORZIO COREPLA: UNO STRUMENTO PER LA SOSTENIBILITÀ DELLA FILIERA PLASTICA ALL

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

RILEGNO Area Tecnica Antonella Baldacci

RILEGNO Area Tecnica Antonella Baldacci Il Nuovo Accordo Anci-Conai 2014-2019 2019 Una nuova fase della raccolta e del recupero degli imballaggi RILEGNO Area Tecnica Antonella Baldacci Torino 30 Marzo 2015 Chi è Rilegno LA MISSION RILEGNO Nato

Dettagli

MATERIALI FERROSI E IMBALLAGGI DI ACCIAIO

MATERIALI FERROSI E IMBALLAGGI DI ACCIAIO .1 Valutazione del contesto di mercato internazionale.1.1 L immesso al consumo Nel 212, la produzione mondiale di acciaio è stata pari a 1,55 Mld ton, in aumento del 4% sull anno precedente, crescita marcatamente

Dettagli

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti.

ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. ECO. LAN. S.p.a. è una società pubblica costituita da 53 Comuni per un complessivo di circa 160.000 abitanti. 2 LA ECO. LAN. S. P.A. SI OCCUPA DI SMALTIMENTO, RACCOLTA E TRASPORTO DEI RIFIUTI (SERVIZI

Dettagli

Terre di Castelli Smart Area Stato dell arte e proposte di sviluppo

Terre di Castelli Smart Area Stato dell arte e proposte di sviluppo Terre di Castelli Smart Area Stato dell arte e proposte di sviluppo Direzione Servizi Ambientali Hera S.p.A. Vignola, 23 gennaio 2014 SINTESI DOCUMENTO PRESENTATO IN GIUNTA UNIONE TERRE DI CASTELLI 1 Obiettivi

Dettagli

RINNOVO PROTOCOLLO D INTESA tra REGIONE PIEMONTE e CONSORZIO NAZIONALE IMBALLAGGI

RINNOVO PROTOCOLLO D INTESA tra REGIONE PIEMONTE e CONSORZIO NAZIONALE IMBALLAGGI RINNOVO PROTOCOLLO D INTESA tra REGIONE PIEMONTE e CONSORZIO NAZIONALE IMBALLAGGI Il CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi, con sede in Roma, Via Tomacelli 132, in persona del Vice Direttore Generale,

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

La gestione dei rifiuti di imballaggio:

La gestione dei rifiuti di imballaggio: La gestione dei rifiuti di imballaggio: la soluzione CONAI Pierluigi Gorani gorani@conai.org Torino, 19 marzo 2013 INDICE 1. Il Problema Produzione di rifiuti: origini e dimensioni del problema Il cambiamento

Dettagli

GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente P.F. Ciclo dei rifiuti, bonifiche ambientali, AERCA e rischio industriale

GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente P.F. Ciclo dei rifiuti, bonifiche ambientali, AERCA e rischio industriale GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente P.F. Ciclo dei rifiuti, bonifiche ambientali, AERCA e rischio industriale PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI (art.199 D.Lgs.152/2006) SCENARIO EVOLUTIVO

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente Eugenio Bora Milano, 15 febbraio 2006 Rifiuti e legislazione I rifiuti sono un

Dettagli

Raccolta dei rifiuti solidi urbani

Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta dei rifiuti solidi urbani Raccolta differenziata aggiuntiva Si basa su una presenza abbastanza rarefatta di manufatti distribuiti sul territorio di competenza (di norma campane o cassonetti, in

Dettagli

MODALITA OPERATIVE PER L EFFETTUAZIONE DEL PRELIEVO E DELL ANALISI QUALITATIVA DEL MATERIALE CONFERITO

MODALITA OPERATIVE PER L EFFETTUAZIONE DEL PRELIEVO E DELL ANALISI QUALITATIVA DEL MATERIALE CONFERITO METODO AQ09 DESCRIZIONE pag. 1 di 8 MODALITA OPERATIVE PER L EFFETTUAZIONE DEL PRELIEVO E DELL ANALISI QUALITATIVA DEL MATERIALE CONFERITO 1. Scopo Il presente documento ha la finalità di definire le modalità

Dettagli

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI Raggiungere in Italia il 50% di riciclo Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA Valter Facciotto Direttore Generale CONAI L ESPERIENZA DEL SETTORE IMBALLAGGI La Direttiva 1994/62 CE e la Direttiva

Dettagli

Materiali, risorse e ambiente: le tecnologie di riciclo dei materiali

Materiali, risorse e ambiente: le tecnologie di riciclo dei materiali Facoltà di Ingegneria Corso di laure di Ingegneria Industriale Attività seminariali Nuovi Materiali per le Tecnologie del Futuro Materiali, risorse e ambiente: le tecnologie di riciclo dei materiali Prof.

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

LE ANALISI MERCEOLOGICHE

LE ANALISI MERCEOLOGICHE S.p.A. G.A.I.A. s.p.a. via A. Brofferio,48 14100 Asti (AT) Tel. 0141/35.54.08 Fax 0141/35.38.49 sito: www.gaia.at.it e-mail : info@gaia.at.it Ing. Flaviano Fracaro Direttore Generale di G.A.I.A. spa LE

Dettagli

LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI

LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI MENO RIFIUTI: ESPERIENZE A CONFRONTO LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI Terra Futura, 21 maggio 2011 Firenze, Fortezza da Basso Sala

Dettagli

La frazione secca: il sistema CONAI e i Consorzi di Filiera

La frazione secca: il sistema CONAI e i Consorzi di Filiera La frazione secca: il sistema CONAI e i Consorzi di Filiera La Raccolta Differenziata della frazione secca si riferisce prevalentemente, per quanto non esclusivamente, alla raccolta dei rifiuti di imballaggio.

Dettagli

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Pierluigi Gorani Area Tecnica CONAI Piacenza, 15 maggio 2013 INDICE Il Sistema CONAI Composizione Obiettivi Finanziamento del Sistema Accordo Quadro Anci CONAI

Dettagli

L UTILIZZO DEI MATERIALI RECUPERATI NELL INDUSTRIA DELLA PLASTICA IL CASO ERREPLAST

L UTILIZZO DEI MATERIALI RECUPERATI NELL INDUSTRIA DELLA PLASTICA IL CASO ERREPLAST L UTILIZZO DEI MATERIALI RECUPERATI NELL INDUSTRIA DELLA PLASTICA IL CASO ERREPLAST Antonio Diana INTRODUZIONE La rigenerazione delle materie plastiche in Italia è nata negli anni 50 per recuperare scarti

Dettagli

Comitato di Coordinamento MatER 03 Febbraio 2015

Comitato di Coordinamento MatER 03 Febbraio 2015 Comitato Coordinamento MatER @ Gruppo HERA Bologna 03/02/2015 Comitato di Coordinamento MatER 03 Febbraio 2015 Team MatER Ordine del Giorno 1. Comunicazioni del direttore 2. Aggiornamento Progetti a Tema

Dettagli

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti D.Lgs.151/05 RAEE Dott. Franco Gerardini Servizio Gestione Rifiuti La gestione integrata dei rifiuti Criticità del sistema regionale di gestione dei rifiuti la L.R.83/00 (contenente il PRGR) non recepisce

Dettagli

Riciclo e gestione dei rifiuti eco-efficiente. Opportunitàitaliana per salvaguardare il clima e ridurre i consumi energetici

Riciclo e gestione dei rifiuti eco-efficiente. Opportunitàitaliana per salvaguardare il clima e ridurre i consumi energetici Riciclo e gestione dei rifiuti eco-efficiente. Opportunitàitaliana per salvaguardare il clima e ridurre i consumi energetici Duccio Bianchi Presentazione del rapporto realizzato nell ambito del Kyoto Club

Dettagli

Rifiuti: da problema a risorsa

Rifiuti: da problema a risorsa CONSORZIO NAZIONALE PER IL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI DI BENI A BASE DI POLIETILENE Rifiuti: da problema a risorsa Nota illustrativa sul ciclo di gestione dei rifiuti in Italia CHE COSA SONO I RIFIUTI? Un

Dettagli

IMPIANTO DI SELEZIONE AUTOMATICA DEGLI IMBALLAGGI IN PLASTICA

IMPIANTO DI SELEZIONE AUTOMATICA DEGLI IMBALLAGGI IN PLASTICA IMPIANTO DI SELEZIONE AUTOMATICA DEGLI IMBALLAGGI IN PLASTICA La raccolta differenziata degli imballaggi in plastica in Italia Nel corso del 2006 in Italia sono state recuperate più di un milione di tonnellate

Dettagli

CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012

CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012 CONCORSO A PREMI PER I MIGLIORI PROGETTI DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI E DI RACCOLTA DIFFERENZIATA VENERDI 22 GIUGNO 2012 La gerarchia europea per la gestione dei rifiuti: 1. prevenzione 2. preparazione per

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti,

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti, DGR del 7 agosto 2010, n. 375 OGGETTO: Revisione del Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, di cui alla D.G.R. 310/2009. LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Piano d Ambito. Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia

Piano d Ambito. Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia Piano d Ambito nuove strategie per la riduzione ed il recupero dei rifiuti Lo sviluppo del sistema impiantistico di gestione dei rifiuti urbani nella provincia di Reggio Emilia Febbraio 2013 1 - Prevenire

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA EUROPEA

LA NUOVA DIRETTIVA EUROPEA LA NUOVA DIRETTIVA EUROPEA SUI RIFIUTI Valentina Cipriano Servizio Tecnico Federambiente Roma, 9 settembre 2009 DIRETTIVA 2008/98/CE DEL Parlamento europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008 relativa

Dettagli

Romagna. A cura di. Giulio De Leo e Elisa Soana. Dipartimento di Scienze Ambientali. Università degli Studi di Parma

Romagna. A cura di. Giulio De Leo e Elisa Soana. Dipartimento di Scienze Ambientali. Università degli Studi di Parma Valutazione della produzione di Rifiuti Solidi Urbani (RSU) e assimilabili nel periodo 2008-2020 e confronto coi limiti autorizzativi di incenerimento/termovalorizzazione in Emilia- Romagna A cura di Giulio

Dettagli

ORGANI CONSORTILI... 2 I RISULTATI ECONOMICI 2013... 3. La situazione economica e patrimoniale... 3 IL CONSORZIO... 7. I Consorziati...

ORGANI CONSORTILI... 2 I RISULTATI ECONOMICI 2013... 3. La situazione economica e patrimoniale... 3 IL CONSORZIO... 7. I Consorziati... RELAZIONE SULLA GESTIONE INDICE ORGANI CONSORTILI... 2 I RISULTATI ECONOMICI... 3 La situazione economica e patrimoniale... 3 IL CONSORZIO... 7 I Consorziati... 7 Le risorse umane e la formazione... 7

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

Intervento ipotizzato per i quantitativi stimati in circa 80.125 ton delle Province di NUORO, ORISTANO e OGLIASTRA

Intervento ipotizzato per i quantitativi stimati in circa 80.125 ton delle Province di NUORO, ORISTANO e OGLIASTRA PROPOSTA PER LA GESTIONE INTEGRATA DELLE FRAZIONI SECCHE DEI RIFIUTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA costituite da IMBALLAGGI e FRAZIONE SECCA RESIDUA FINALIZZATO ALLA PRODUZIONE DI MATERIE PRIME SECONDE Intervento

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd. 20.05.2014 COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L.

Dettagli

Mario Sunseri Labelab

Mario Sunseri Labelab Progetto Life+ RELS: Gestione eco-sostenibile del ciclo integrato dei rifiuti per i parchi naturali Azione 2: Monitoraggio della raccolta dei rifiuti nei parchi naturali Mario Sunseri Labelab 1 Obiettivi

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA UFFICIO DEL COMMISSARIO DELEGATO Ex O.P.C.M. 09 luglio 2010, n. 3887 presso il Dipartimento Regionale dell Acqua e dei Rifiuti Via Catania n. 2 - Palermo PIANO DI

Dettagli

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio.

Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. Un pò di dati sui rifiuti in Italia: Quanti sono, come sono, cosa ne dovremmo fare... Contiene anche dati specifici sul Progetto Cartesio. A cura di Giacomo Giargia (Ufficio Tecnico) TEMPI DI BIODEGRADAZIONE

Dettagli

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO 1. OGGETTO: Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO Nell ambito dell Accordo Quadro ANCI-CONAI, siglato il 01/04/2014 il presente Allegato Tecnico definisce le modalità di gestione dei

Dettagli

RECUPERARE, RICICLARE, RIUTILIZZARE

RECUPERARE, RICICLARE, RIUTILIZZARE Valutazione di mercato e potenziale di sviluppo del fine vita dell EPS settore packaging: RECUPERARE, RICICLARE, RIUTILIZZARE 30 novembre 2010 Simona Taborelli Life Cycle Engineering INQUADRAMENTO NORMATIVO

Dettagli

Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE

Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE Provincia di Bergamo SERVIZIO AMBIENTE - OSSERVATORIO PROVINCIALE RIFIUTI Rapporto sulla produzione di RIFIUTI SOLIDI URBANI e sull andamento delle RACCOLTE DIFFERENZIATE anno 2004 Produzione Rifiuti e

Dettagli

Introduzione Messaggio chiave... p. 494 Sintesi...» 494 Quadro generale...» 496. Indicatori Pressioni...» 497 Risposte...» 507

Introduzione Messaggio chiave... p. 494 Sintesi...» 494 Quadro generale...» 496. Indicatori Pressioni...» 497 Risposte...» 507 Rifiuti capitolo 5 INDICE Introduzione Messaggio chiave.................................. p. 494 Sintesi..........................................» 494 Quadro generale..................................»

Dettagli

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA Danilo VISMARA Responsabile Marketing Milano, 7 OTTOBRE 2014 Il sistema milanese di gestione integrata dei rifiuti Amsa, azienda del

Dettagli

ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN PLASTICA (ACCORDO ANCI CO.RE.PLA.)

ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN PLASTICA (ACCORDO ANCI CO.RE.PLA.) Allegato Tecnico ANCI-CO.RE.PLA. 2009 2013 ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN PLASTICA (ACCORDO ANCI CO.RE.PLA.) 1. OGGETTO DELL ALLEGATO L Allegato si riferisce ai rifiuti di imballaggio in plastica di provenienza

Dettagli

Consorzio volontario CORIPET:

Consorzio volontario CORIPET: Consorzio volontario CORIPET: la prima filiera chiusa del PET Napoli, 7 novembre 2013 Monica Pasquarelli, consigliere Coripet 1 Consorzio Volontario Coripet Di recente costituzione associa, in forma paritetica,

Dettagli

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 7 del 27/04/2012. INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi di applicazione

Dettagli

La Banca Dati 2 Rapporto Raccolta Differenziata 2011

La Banca Dati 2 Rapporto Raccolta Differenziata 2011 1 2 La Banca Dati 2 Rapporto Raccolta Differenziata 2011 3 Realizzato da: Ancitel Energia e Ambiente S.r.l. Via Cristoforo Colombo, 112 00147 Roma www.ea.ancitel.it ea.ancitel@pec.it Tel: +39 06 95948402

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI Prof. Ing. Cesare Saccani DIEM - Università degli

Dettagli

DIRETTIVA N 02 ATO 7 - RAVENNA

DIRETTIVA N 02 ATO 7 - RAVENNA Piazza dei Caduti per la libertà, 2/4 48100 Ravenna Tel. 0544/215026 Fax 0544/211728 Rev. 0 agenziaambito@mail.provincia.ra.it - www.racine.ra.it/agenziaambito Foglio 1/5 DIRETTIVA N 02 Ai sensi dell art.

Dettagli

Il quadro dei costi è coerente con le disposizioni del DPR 158/99. Organico e costo del personale.

Il quadro dei costi è coerente con le disposizioni del DPR 158/99. Organico e costo del personale. ONERE ANNUO A BASE DI GARA. Nelle pagine che seguono viene riportata l analisi economica conseguente alla esecuzione dei servizi, secondo le modalità minime indicate nell allegato Relazione Tecnica e nel

Dettagli

Audizione presso la X commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato della Repubblica

Audizione presso la X commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato della Repubblica Audizione presso la X commissione Industria, Commercio, Turismo del Senato della Repubblica DDL A.S. 2085 Legge annuale per il mercato e la concorrenza. Roma, 18 novembre 2015 CORIPET: la missione Di recente

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015 RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Comune di PONTEBBA ANNO 2015 Redatto ai sensi dell art. 8 del DPR 27/04/99 n. 158 in applicazione dell art.

Dettagli

Conai Accordo Quadro ANCI-CONAI 2009-2013. Allegato Tecnico imballaggi in alluminio (Accordo ANCI-Cial)

Conai Accordo Quadro ANCI-CONAI 2009-2013. Allegato Tecnico imballaggi in alluminio (Accordo ANCI-Cial) Conai Accordo Quadro ANCI-CONAI 2009-2013 Allegato Tecnico imballaggi in alluminio (Accordo ANCI-Cial) Allegato Tecnico imballaggi in alluminio 33 L Associazione Nazionale dei Comuni Italiani di seguito

Dettagli

Conai Accordo Quadro ANCI-CONAI 2009-2013. Allegato Tecnico imballaggi in plastica (Accordo ANCI-Corepla)

Conai Accordo Quadro ANCI-CONAI 2009-2013. Allegato Tecnico imballaggi in plastica (Accordo ANCI-Corepla) Conai Accordo Quadro ANCI-CONAI 2009-2013 Allegato Tecnico imballaggi in plastica (Accordo ANCI-Corepla) Allegato Tecnico imballaggi in plastica 97 1. Oggetto dell Allegato L Allegato si riferisce ai rifiuti

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

Giunta Regionale della Campania Area Generale di Coordinamento Programmazione e Gestione Rifiuti ALLEGATO 2

Giunta Regionale della Campania Area Generale di Coordinamento Programmazione e Gestione Rifiuti ALLEGATO 2 ALLEGATO 2 METODO STANDARD DI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI DELLA REGIONE CAMPANIA PREMESSA Il monitoraggio e la certificazione dei dati della R.D. dei Comuni,

Dettagli

COORDINAMENTO TRENTINO PULITO COORDINAMENTO TRENTINO PULITO

COORDINAMENTO TRENTINO PULITO COORDINAMENTO TRENTINO PULITO COORDINAMENTO TRENTINO PULITO L alternativa all inceneritore è possibile. Sistema di trattamento meccanico e riciclo, con incentivazione della raccolta differenziata (separazione umido secco / separazione

Dettagli

www.studio-life.it Rimini 27 08 2012 Ciclo rifiuti urbani SIA Servizio Integrato Ambiente

www.studio-life.it Rimini 27 08 2012 Ciclo rifiuti urbani SIA Servizio Integrato Ambiente www.studio-life.it Rimini 27 08 2012 Ciclo rifiuti urbani SIA Servizio Integrato Ambiente Coinvolgimento utenza Coinvolgimento utenza Coinvolgimento utenza GESTIONE Prevenzione minimizzazione riutilizzo

Dettagli

Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso la Regione Toscana sono presenti,

Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso la Regione Toscana sono presenti, PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, REVET S.p.A E COREPLA PER IL MIGLIORAMENTO E L INCREMENTO DEL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGI MISTI IN PLASTICA Il giorno 26 Gennaio dell'anno 2010, presso

Dettagli

Il sistema di gestione dei rifiuti di Roma Capitale

Il sistema di gestione dei rifiuti di Roma Capitale l sistema di gestione dei rifiuti di Roma Capitale ng. Giovanni Fiscon, Direttore Generale AMA Spa Roma, 23 Ottobre 2014 Agenda Chi è AMA l personale L'organizzazione territoriale costi l ciclo dei rifiuti

Dettagli

MrPACK. Il cassonetto intelligente per la raccolta dei contenitori per liquidi

MrPACK. Il cassonetto intelligente per la raccolta dei contenitori per liquidi MrPACK Il cassonetto intelligente per la raccolta dei contenitori per liquidi MrPACK gestisce in maniera intelligente i tradizionali cassonetti destinati agli imballaggi in plastica, preserva gli investimenti

Dettagli

Il Piano è stato predisposto dal team di progetto costituito da: per la Provincia di Ravenna Sergio Baroni Direzione e coordinamento Silvia Boghi

Il Piano è stato predisposto dal team di progetto costituito da: per la Provincia di Ravenna Sergio Baroni Direzione e coordinamento Silvia Boghi Il Piano è stato predisposto dal team di progetto costituito da: per la Provincia di Ravenna Sergio Baroni Direzione e coordinamento Silvia Boghi per ARPA Ingegneria Ambientale Barbara Villani Responsabile

Dettagli

Problematiche tecnologiche nella trasformazione dei materiali da raccolta differenziata

Problematiche tecnologiche nella trasformazione dei materiali da raccolta differenziata Problematiche tecnologiche nella trasformazione dei materiali da raccolta differenziata Flavio Deflorian Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e Tecnologie Industriali, Università di Trento, Via Mesiano

Dettagli

I trattamenti post-frantumazione

I trattamenti post-frantumazione I trattamenti post-frantumazione Forum ELV - Ecomondo, 8 Novembre 2007 Ing. Feralpi Siderurgica S.p.A. Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA AIRA Obiettivi Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche

Dettagli

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno

Centro studi MatER. Il Caso di Studio del Legno Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Legno Riciclaggio e Ciclo di Recupero 10 Dicembre 2013 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL LEGNO...3 3. IL RUOLO DI RILEGNO...5

Dettagli