REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE E L AFFIANCAMENTO SOLIDALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE E L AFFIANCAMENTO SOLIDALE"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE E L AFFIANCAMENTO SOLIDALE (DGR dell n. 2416) Allegato alla deliberazione n. 247 del

2 Introduzione Dal Piano di Zona , approvato dalla Conferenza dei Sindaci dei 28 Comuni nella seduta del e con delibera n dell Azienda Sanitaria ULSS n. 3 del , si evince l importanza fondamentale della promozione della cultura dell accoglienza e della solidarietà, nell ambito della definizione delle strategie di indirizzo. In particolare, il documento propone: lo sviluppo della cultura dell accoglienza e della solidarietà verso la promozione di una comunità accogliente, educante e responsabile dove ciascun soggetto è portatore di bisogni, ma anche di risorse su cui è necessario fare leva mediante la realizzazione o il potenziamento di reti di sostegno e servizi di prossimità. Migliorare la cultura dell accoglienza è indubbiamente strategico. Saper accogliere le persone e le famiglie che hanno bisogno, significa affiancarle, proteggerle e tutelarle nei periodi in cui sono in crisi. L impegno è sensibilizzare, promuovere percorsi formativi, creare nuove competenze in una comunità che si fa educante. E quindi strategico nel piano di zona potenziare le reti di sostegno e i servizi di prossimità. Questo impegno agisce attraverso: la disponibilità personale la rete delle famiglie amiche la costruzione di nuove forze nell ambito delle associazioni di volontariato. Alimentare la cultura dell accoglienza è strategico in quanto i servizi rivolti alle persone in difficoltà si trovano a dover affrontare nuove problematiche e situazioni sempre più complesse, a fronte di una diminuzione delle risorse economiche e di un indebolimento della rete sociale. Storicamente infatti il senso di comunità e la rete relazionale permetteva di contenere le situazioni di disagio offrendo una risposta non specialistica. Oggi, la coesione del tessuto sociale ha subito notevoli cambiamenti sia strutturali che culturali e non è più in grado di svolgere appieno la sua funzione. Il lavoro di cura ricade inevitabilmente all interno della famiglia non più attrezzata a rispondere in modo esaustivo alle necessità che si possono presentare. Sono cambiati infatti gli stili di vita e la donna oggi si trova a lavorare su più fronti, sia a casa che nel mondo del lavoro. In questo scenario profondamente mutato rispetto agli anni precedenti le famiglie fragili o in stato di momentanea difficoltà e le persone sole sono più esposte a situazioni di incertezza. Per questo motivo è strategico investire risorse per riattivare nel territorio un tessuto sociale di sostegno e solidarietà in un ottica di sussidiarietà attivando le risorse della comunità e mettendo in rete le risorse con le necessità. Diventa prioritario lavorare in un ottica di integrazione non solo socio sanitaria e istituzionale ma anche con le potenzialità che possono scaturire in una comunità accogliente. Recuperare il senso di cittadinanza significa anche ridare alla comunità stessa un ruolo privilegiato nella prospettiva di far emergere una società che si caratterizzi come comunità educante e accogliente e non come un semplice insieme di persone che vivono nelle stesso territorio. Per questo motivo nuova sarà la connotazione del Centro Affidi e Solidarietà familiare che sarà la risorsa istituzionale principale nel lavoro strutturato per la diffusione della cultura dell accoglienza, dell affido familiare e di nuove forme e possibilità di affiancamento.

3 Diventa prioritario liberare e preparare nuove risorse per supportare le famiglie fragili o in difficoltà, bambini e adolescenti che vivono in una situazione di disagio, persone sole, anziani, persone con disabilità o con un disturbo di tipo psichiatrico, dando vita a forme di affiancamento solidale e privilegiando le forme di vicinanza solidale. Tali obiettivi vengono raggiunti attraverso una campagna capillare di sensibilizzazione e promozione della cultura dell accoglienza finalizzata a sollecitare nuove disponibilità di famiglie che aiutano famiglie e insieme costruire nuove competenze. In ottemperanza quindi alla programmazione regionale e locale viene formulato il nuovo Regolamento per l affido familiare e l affiancamento solidale.

4 REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE E L AFFIANCAMENTO SOLIDALE Premessa Il presente Regolamento disciplina le modalità di accesso, attivazione e gestione dei progetti di Affido Familiare individuati come interventi sociali nell ambito del Progetto Quadro di Protezione e Cura relativo alla presa in carico di situazioni familiari con minori di età per i quali si ravvisi la necessità di una temporanea separazione dalla propria famiglia. Il presente Regolamento disciplina anche le modalità di accesso, attivazione e gestione delle forme innovative di solidarietà familiare che saranno di seguito denominate Affiancamento Solidale. Tale intervento si inserisce nel seguente quadro normativo: L. 4 maggio 1983, n. 184 Diritto del minore ad una famiglia e successive modificazioni di cui alla legge 28 marzo 2001 n.149 L. 28 agosto 1997, n. 285 che detta gli orientamenti per la promozione di diritti e di opportunità l infanzia e l adolescenza. L. 8 novembre 2000, n. 328, Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali e successivo Decreto del Presidente della Repubblica del n. 158 che ne definisce gli indirizzi strategici e generali Regolamento Regionale n.8 del 1984 art.2 comma7 che stabilisce i criteri di contribuzione alle famiglie affidatarie Delibera di Giunta Regionale n. 1855/2006, Costituzione dei Centri per l Affido e la Solidarietà Familiare Linee Guida 2008 per i Servizi Sociali e Socio-sanitari: la cura e la segnalazione, approvate con Delibera di Giunta Regionale n. 569 dell Delibera di Giunta Regionale n.2416 dell Linee di indirizzo per lo sviluppo dei Servizi di protezione e tutela del minore Linee Guida Regionali 2008 per l Affido Familiare approvate con Delibera di Giunta Regionale n del Articolo 1 In ottemperanza a quanto stabilito dalla DGR n. 1855/06, il Servizio che si occupa di affido familiare è denominato CENTRO PER L AFFIDO E LA SOLIDARIETA FAMILIARE (CASF). Ha lo scopo di attivare le disponibilità all accoglienza familiare ed all affiancamento solidale nel territorio di riferimento attraverso le varie forme che possano garantire un ambiente adeguato alla crescita dei minori di età e di sostegno per le situazioni di fragilità.

5 L affido familiare e l affiancamento solidale sono attuati dall Azienda Sanitaria U.L.S.S. 3 su delega dei Comuni e vengono attivati sulla base di un Progetto Quadro redatto dai Servizi istituzionalmente competenti. Articolo 2 L Affido familiare è un intervento sociale complesso che ha lo scopo di garantire al minore di età un ambiente familiare diverso dal suo, idoneo per un corretto sviluppo psico fisico e relazionale. L affido viene attuato laddove i servizi lo ritengano la soluzione più adeguata per il minore stesso. Viene messo in atto nei casi in cui la famiglia d origine del minore di età si trovi nell incapacità o impossibilità temporanea di occuparsi di lui. Nel contempo i Servizi istituzionalmente preposti, in collaborazione con il CASF, attivano quanto possibile affinché la famiglia d origine possa recuperare le proprie competenze per poter garantire al minore ogni possibilità di rientro. Dove ciò non fosse possibile, i Servizi, in collaborazione con il CASF, si attivano per accompagnare il minore verso soluzioni a lui più adeguate. L affido familiare può essere: 1. Eterofamiliare : quando l accoglienza viene attuata da persone esterne all ambito familiare 2. Intrafamiliare : quando l accoglienza viene attuata da persone entro il 4 grado di parentela. Questa tipologia di affido non sempre necessita dell intervento dei servizi, può attuarsi anche spontaneamente, come previsto dalla legge; rientra nella casistica di cui si occupa il presente Regolamento quando è realizzato su disposizione della magistratura. L affido familiare si distingue in: Residenziale: riguarda nuclei familiari in stato di particolare difficoltà, dove i genitori presentano delle effettive lacune nell espletamento del loro ruolo genitoriale e vi è la necessità che il minore di età viva stabilmente con la famiglia affidataria per un periodo di tempo prestabilito. Semiresidenziale: riguarda situazioni di fragilità familiare dove vi è la necessità che i bambini e/o ragazzi vivano per parte della settimana presso un altro nucleo familiare. Diurno: riguarda situazioni in cui c è una compromissione delle capacità genitoriali con gradazione diversa ( dalle situazioni meno a quelle più pesanti). L accoglienza è effettuata nel corso della giornata ( per il numero di giornate previsto dal progetto), ma prevede il rientro in famiglia per il pernottamento Affidi familiari brevi in pronta accoglienza: sono accoglienze caratterizzate dalla dimensione temporale. Sono affidi per lo più residenziali, di breve durata ( da qualche giorno a non più di due mesi) attuati in situazione di emergenza.

6 Accanto a queste forme di accoglienza fanno parte dei compiti del CASF l attivazione di forme di solidarietà familiare denominate affiancamento solidale quale supporto alle difficoltà di tipo organizzativo dei genitori (dove non è compromessa la capacità genitoriale), o di sollievo per famiglie particolarmente impegnate in compiti di cura di propri familiari in difficoltà o di supporto a persone in stato di particolare fragilità. L affiancamento solidale può essere attuato attraverso: Vicinanza solidale e famiglie amiche: sono forme di sostegno e aiuto a nuclei fragili in alcune attività della vita quotidiana o per obiettivi specifici (quali sostegno scolastico, sostegno nella organizzazione della famiglia, accompagnamento alla autonomia, costruzione di una rete sociale ) come interventi di sostegno alla funzione genitoriale. Buon vicinato : azione di sostegno pratico e di relazione a persone in situazioni di particolare fragilità o solitudine e a persone e/o nuclei per azione di sollievo in situazioni di carico di cura particolarmente pesanti Convivenza solidale: si tratta di forme di accoglienza di giovani maggiorenni per un periodo di tempo definito che necessitano di essere sostenuti e accompagnati nel loro percorso di autonomia e di essere aiutati nella acquisizione di abilità per l autogestione della quotidianità Articolo 3 Destinatari dell intervento del CASF Per l Affido Familiare 1. minori che si trovano in situazione di disagio, grave disagio e/o rischio evolutivo per i quali si è decisa un progetto di separazione temporanea dalla famiglia 2. minori le cui famiglie presentino gravi carenze nell esercizio delle competenze genitoriali sul piano educativo, socio-relazionale, affettivo e materiale per i quali si è decisa una separazione temporanea dalla famiglia; 3. minori le cui famiglie presentino difficoltà legate ad aspetti organizzativi, socioculturali, di particolare carico nei compiti di cura che necessitano del sostegno di altre famiglie (es. affido diurno) 4. ragazzi oltre il 18 anno di età, e comunque non oltre il 21, che per situazioni particolari e motivate nel Progetto Quadro, necessitino di proseguire l esperienza nella famiglia affidataria Per l Affiancamento Solidale 1. genitori in difficoltà nell esercizio della funzione genitoriale che necessitano di essere supportati ed aiutati nelle attività di cura 2. minori appartenenti a situazioni familiari fragili e per i quali i Servizi istituzionalmente competenti abbiano definito un progetto che prevede l aiuto nello svolgimento dei compiti scolastici e/o l accompagnamento ad attività extrascolastiche

7 3. giovani sulla soglia della maggiore età o giovani maggiorenni che non hanno raggiunto un sufficiente grado di autonomia e privi di una rete familiare adeguata 4. giovani adulti anni con lieve disturbo psichiatrico o disabilità che necessitano di un supporto relazionale 5. anziani che vivono una condizione di particolare solitudine e marginalità Articolo 4 Gli affidatari e i volontari dell affiancamento solidale possono essere, come previsto dalla normativa vigente: coppie con figli coppie senza figli persone singole Non ci sono limiti di età Articolo 5 Il Centro per l Affido e la Solidarietà Familiare (CASF) realizza l affido familiare e l affiancamento solidale attraverso un apposita équipe multidisciplinare che può essere composta dalle seguenti figure professionali: Assistente Sociale, Psicologo, Pedagogista/Educatore Professionale. Tale équipe ha il compito di: Organizzare attività di promozione della cultura della accoglienza nel territorio per sensibilizzare la popolazione e sollecitare la disponibilità sia per le varie forme di affido familiare che di affiancamento solidale, anche avvalendosi della collaborazione di associazioni, cooperative e altre forme di aggregazioni di cittadini Mantenere il collegamento con tutti i servizi del territorio attraverso la modalità del lavoro di rete Curare la preparazione e la formazione delle famiglie e dei singoli disponibili all affido familiare e all affiancamento solidale attraverso la progettazione e realizzazione di corsi di formazione/informazione e percorsi di conoscenza/valutazione individuale, di coppia e familiare Procedere all abbinamento ed attuare gli affidi familiari e le altre forme di solidarietà familiare Collaborare con i Servizi e le famiglie affidatarie coinvolte alla stesura, realizzazione e verifica del P.E.I. ed alla verifica dell andamento del P.Q. Sostenere i singoli, le famiglie affidatarie e i volontari dell affiancamento solidale attraverso interventi di sostegno e monitoraggio individualizzati o gruppali. Aggiornare i servizi istituzionalmente competenti attraverso relazioni scritte circa l andamento dell affido e/o dell affiancamento solidale Collaborare con i Servizi istituzionalmente competenti per la valutazione dei parenti nei casi di affido intrafamiliare giudiziale

8 Organizzare e gestire la Banca Dati delle persone idonee all affido familiare, delle persone con affidi familiari in atto e dei minori in affido e la Banca Dati delle persone disponibili all affiancamento solidale Compilare, per la parte di propria competenza, le Schede Regionali semestrali e avviare e monitorare la procedura burocratico amministrativa connessa all intervento di affido. Partecipare alle UVDM nella diverse fasi (programmazione, verifica, monitoraggio) Articolo 6 Gli affidatari o i volontari dell affiancamento solidale vengono individuati tra coloro che si sono dichiarati disponibili, hanno partecipato al corso di informazione/formazione, hanno completato il percorso di conoscenza/valutazione e dei quali si tiene conto delle seguenti caratteristiche: Conoscenza e acquisizione consapevole dell affido familiare come intervento sociale complesso, temporaneo e legato ad un progetto e delle caratteristiche dell affiancamento solidale Capacità di comprendere sostenere l individualità dell affidato e di aiutarlo nel processo di crescita attraverso un valido rapporto educativo ed affettivo; Disponibilità ad instaurare rapporti di collaborazione con la famiglia d origine e con gli operatori dei Servizi competenti. Gli affidatari ed i volontari dell affiancamento solidale, una volta avviato il progetto di affido o affiancamento, diventano i collaboratori degli operatori dei servizi nella attuazione del Progetto che riguarda quella specifica situazione. Articolo 7 La formulazione di ciascun Progetto di affido familiare o di affiancamento solidale è preceduta da: - una valutazione della situazione che presenta tale necessità effettuata dalle équipes degli operatori dei Servizi istituzionalmente competenti - dalla costruzione del Progetto Quadro entro cui situare l ipotesi di intervento. Il Progetto di affido o di affiancamento solidale deve evidenziare gli obiettivi che si intendono raggiungere attraverso tale intervento, i tempi e le modalità e deve definire momenti di verifica in itinere. Tra équipe segnalante e CASF si costituisce una Unità di Lavoro, per la realizzazione del Progetto, che può inglobare anche la famiglia affidataria o il volontario dell affiancamento solidale. L Unità di Lavoro predispone il Progetto Educativo Individualizzato (P.E.I.) scritto, che sarà parte integrante del Progetto Quadro (P.Q.). Articolo 8 L affido familiare può essere consensuale o giudiziale.

9 L affido familiare consensuale è proposto dagli operatori dei Servizi Sociali ed è disposto dall Ente Locale di residenza del minore, in attuazione dell art. 4 della Legge 184/83 e sue modifiche, previo consenso dei genitori o del tutore. Compete al Giudice Tutelare rendere esecutivo il provvedimento di affido. L affido familiare giudiziale è disposto dal Tribunale per i Minorenni attraverso proprio decreto ed attuato dai Servizi Sociali territoriali cui spettano anche compiti di vigilanza. L affiancamento solidale è un intervento assistenziale, è sempre consensuale e non necessita del provvedimento del Sindaco né dell esecutività del Giudice Tutelare. Articolo 9 I Soggetti dell Affido Familiare 9.1 La famiglia d origine: 1. Ha il diritto di partecipare alla determinazione e verifica del P.E.I. 2. deve essere messa a conoscenza delle finalità generali dell affido familiare, avere informazioni circa la famiglia affidataria e, dove possibile, farne la conoscenza 3. ha diritto a mantenere i rapporti con il minore secondo le indicazioni dei Servizi istituzionalmente competenti e/o i vincoli imposti dalla Autorità giudiziaria 4. ha facoltà di scegliere l indirizzo scolastico del figlio, essere informata dell andamento scolastico, essere informata e decidere eventuali trattamenti chirurgici-sanitari dove non ci sia affievolimento o decadenza della potestà genitoriale 5. concede il consenso per l espatrio 6. ha diritto a vedere rispettata la propria identità culturale, sociale, religiosa La famiglia d origine deve: 1. Collaborare con i Servizi per rimuovere quei fattori che avevano portato a progettare l affido familiare; 2. Rispettare gli accordi, in caso di affido consensuale, e/o le prescrizioni del Tribunale per i Minorenni in caso di affido giudiziale. 3. Mantenere i rapporti con la famiglia affidataria secondo le modalità concordate con i Servizi o prescritte dall Autorità Giudiziaria; 4. Contribuire, in base alle proprie possibilità economiche e nei limiti definiti dai regolamenti comunali e dal P.E.I., alle spese del figlio 5. Deve rispettare la privacy e la riservatezza della famiglia affidataria 9.2 Il minore : 1. ha il diritto di essere messo a conoscenza, con modalità adeguate all età ed alla sua capacità di comprensione, del Progetto ( P.Q. e P.E.I.) che lo riguarda e, dove possibile, essere coinvolto nella sua predisposizione e verifica

10 . 2. ha il diritto di mantenere i rapporti con la propria famiglia e con le persone significative della sua storia, secondo le indicazioni dei Servizi istituzionalmente competenti 3. ha il diritto di vedere rispettata la propria identità culturale, sociale, religiosa 9.3 I Servizi istituzionalmente competenti dei Servizi Comunali e dell Azienda Sanitaria, in base agli articoli 1;2;3;5;7;8;11 del presente Regolamento, si impegnano ad elaborare, predisporre ed attuare il Progetto Quadro in riferimento alla situazione del minore destinatario dell intervento di affido familiare. In base alle specifiche competenze, assicurano: * l accompagnamento ed il sostegno al minore nelle varie fasi dell affido * la prosecuzione della presa in carico della famiglia d origine per gli interventi necessari al raggiungimento degli obbiettivi definiti nel progetto di affido, * la programmazione di momenti di monitoraggio e verifica in itinere con i soggetti coinvolti * il sostegno della famiglia affidataria attraverso interventi individuali o di gruppo 9.4 Gli affidatari : 1. devono essere informati circa la situazione del minore che accoglieranno e il progetto che lo riguarda 2. concorrono alla predisposizione del PEI 3. avranno assicurato il sostegno psicosociale ed educativo da parte degli operatori del CASF 4. devono essere tutelati nella loro sfera di riservatezza e nel rispetto della loro privacy 5. possono beneficiare della normativa a favore dei lavoratori dipendenti 6. è loro assicurato un contributo economico mensile da parte della Amministrazione comunale di residenza del minore nella misura prevista dalle normative regionali o nazionali e concordata con i Servizi Sociali Comunali 7. beneficiano di Assicurazione per Responsabilità Civile verso terzi Gli affidatari devono: Provvedere al mantenimento, cura ed istruzione del minore in affido nel rispetto della sua identità culturale, sociale e religiosa Garantire la loro collaborazione nella definizione e realizzazione del P.E.I. Mantenere i rapporti con la famiglia d origine secondo le modalità concordate con i Servizi o prescritte dall Autorità Giudiziaria; Mantenere i rapporti con i Servizi per poter verificare, valutare e/o modificare lo svolgimento dell affido; Collaborare con gli operatori del CASF attraverso incontri periodici per uno scambio di riflessioni sull andamento dell affido Mantenere gli ordinari rapporti con l istituzione scolastica e l autorità sanitaria Collaborare e mantenere i rapporti con il tutore del minore in caso di decadenza della potestà genitoriale

11 Assicurare le massima riservatezza circa la situazione del minore e della sua famiglia Qualora intervenissero fatti che impediscono la prosecuzione dell affido, darne comunicazione agli operatori dei Servizi istituzionalmente competenti nei tempi utili a ridefinire il progetto che riguarda il minore. Articolo 10 I soggetti dell Affiancamento solidale 10.1 I destinatari dell attività di affiancamento I destinatari della attività di affiancamento danno la loro adesione consapevole ed informata al progetto di intervento che li riguarda attraverso la formalizzazione scritta del consenso 10.2 I Servizi istituzionalmente competenti in base agli articoli 1;2;3;5;6;7;8;11 si impegnano ad elaborare, predisporre ed attuare il Progetto Quadro in riferimento alla situazione per la quale si predispone un intervento di affiancamento solidale. In base alle specifiche competenze assicurano: 1. l accompagnamento ed il sostegno all utente nelle varie fasi dell affiancamento 2. la presa in carico della situazione per gli interventi necessari al raggiungimento degli obbiettivi definiti nel progetto di affiancamento solidale, 3. la programmazione di momenti di monitoraggio e verifica in itinere con i soggetti coinvolti 4. il sostegno dei volontari attraverso interventi individuali o di gruppo 10.3 I Volontari 1. devono essere informati circa la situazione delle persone che affiancheranno ed il progetto che le riguarda 2. possono concorrere alla predisposizione del PEI 3. avranno assicurato il sostegno psicosociale ed educativo da parte degli operatori del CASF 4. devono essere tutelati nella loro sfera di riservatezza e nel rispetto della loro privacy 5. possono beneficiare di un contributo economico da parte della Amministrazione comunale di residenza della persona assistita ad esclusivo titolo di rimborso spese 6. beneficiano di Assicurazione per Responsabilità Civile verso terzi I volontari devono: Collaborare alla realizzazione del Progetto di affiancamento Mantenere i rapporti con i Servizi per poter verificare, valutare e/o modificare lo svolgimento dell affiancamento ;

12 Collaborare con gli operatori del CASF attraverso incontri periodici per uno scambio di riflessioni sull andamento dell affiancamento Articolo 11 L Amministrazione Comunale di residenza del minore e delle persone in situazione di fragilità interviene con misure di sostegno e di aiuto economico in favore della famiglia affidataria o dei volontari dell affiancamento solidale, secondo i criteri dell allegato A. In presenza di delega degli interventi relativi alla protezione e cura dei minori e delle loro famiglie, l Azienda Sanitari stipula apposito contratto di Assicurazione a favore delle Famiglie Affidatarie o del Volontario del l Affiancamento Solidale.

13 ALLEGATO A CRITERI E MODALITA DI SOSTEGNO ECONOMICO ALLE FAMIGLIE E ALLE PERSONE CHE HANNO MINORI IN AFFIDO E AI VOLONTARI DELL AFFIANCAMENTO SOLIDALE In attuazione di quanto previsto dalla legge del 4 maggio 1983, n. 184 e dalle modifiche apportate dalla legge 1 marzo 2001 n. 149, circolare n , art. 80 comma 3 Regolamento Regionale del Veneto n. 8/84, e successive DGR regionali, e art. 12 legge 241/90 (trasparenza della Pubblica Amministrazione) si concorda che: a) In relazione all art.11 del Regolamento e nel caso di corresponsione del contributo economico, l Amministrazione Comunale, oltre ai propri regolamenti, fa riferimento ai criteri e modalità indicati nei successivi punti b) Il contributo economico ha la finalità di riconoscere la natura di servizio pubblico dell opera svolta dagli affidatari e dai volontari dell affiancamento solidale, e di concorrere a rimuovere eventuali impedimenti economici che dovessero ostacolare famiglie e persone disponibili ed idonee ad impegnarsi nell affidamento familiare o nell affiancamento solidale Criteri per l erogazione del contributo economico: 1) Per affidi residenziali a tempo pieno: L ammontare del contributo economico mensile da erogare alla famiglia affidataria per ogni bambino o ragazzo affidato e per tutto il periodo della durata dell affido è pari all ammontare della pensione minima INPS per lavoratori dipendenti (R.R. 8/84 e DGR 675/08) L erogazione dell assegno è a carico dell Amministrazione Comunale di residenza del minore al momento di avvio ( primo inserimento) del progetto di affidamento familiare (LR 5/96 art. 13bis, LN 328/00 art.6.4, LN 184/83 art.2). L assegno può essere aumentato quando ricorrano situazioni complesse per problematiche di natura fisica psichica e sensoriale che comportino spese rilevanti per la famiglia o la persona affidataria. In base alla DGR 675/08 in caso di affidamento di minori certificati ai sensi dell art.3 della Legge 104/92, di minori con meno di due anni e maggiori di 16, l importo potrà essere raddoppiato. L eventuale integrazione dell assegno di base dovrà essere esplicitamente inclusa nel progetto individuale, soggetto a verifiche e revisioni semestrali. L assegno può essere corrisposto anche a parenti entro il quarto grado di parentela che siano divenuti affidatari in seguito a intervento del Giudice Tutelare o del Tribunale per i Minorenni. 2) Per affidi diurni, semiresidenziali e affidi familiari brevi: La quota del contributo verrà di volta in volta definita dai Servizi coinvolti. Il C.A.S.F., in accordo con i Responsabili dei Servizi Sociali dei Comuni, propone l importo quantificandolo in proporzione al tempo che il minore passa nella famiglia affidataria ed in base ai criteri definiti dalla DGR 675/08.

14 Alla famiglia o alla persona affidataria possono essere, inoltre, rimborsate da parte del comune le spese sostenute per: a. La dotazione di ausili tecnici o di spese sanitarie la cui spesa non è coperta dal Servizio Sanitario Nazionale; b. L acquisto di libri e materiali scolastici per la frequenza delle scuole primaria e secondaria di primo e secondo grado Il Comune di residenza del minore, in accordo con i Servizi che hanno in carico la situazione, può chiedere una compartecipazione economica alla famiglia d origine Nel rispetto della normativa vigente, nelle situazioni in cui la famiglia di origine risulti in condizioni economiche tali da consentirle di contribuire in tutto o in parte alle spese di mantenimento e educazione del figlio, il servizio competente valuta insieme ad essa l opportunità e/o possibilità di una compartecipazione anche economica. A tal fine il Servizio concorderà l entità e la modalità di corresponsione e/o altre forme di contribuzione non economica quali a mero titolo esemplificativo: corredo, libri, ecc. 3) Per gli affiancamenti solidali potrà essere erogato un contributo economico come rimborso spese che sarà concordato con i Servizi Sociali Comunali e rendicontato ai fini della liquidazione. Tale contributo potrà essere previsto quale riconoscimento del servizio prestato in accordo con i Servizi Sociali Comunali coinvolti.

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

Regolamento Affidamento Familiare

Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione, l erogazione e l accesso all affidamento familiare rivolto ai minori e alle loro famiglie

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

di individuare l Az. ULSS 18 quale destinataria del contributo regionale per tutti i Comuni sottoscrittori.

di individuare l Az. ULSS 18 quale destinataria del contributo regionale per tutti i Comuni sottoscrittori. ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI DELL ULSS N 18 PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI ECONOMICI LEGATI ALLA TUTELA DEI MINORI (rette per inserimento in struttura di minori e contributi per le famiglie

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE approvato dal Coordinamento Istituzionale con delibera n. 10 del 14/07/2009 PRINCIPI GENERALI Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE Allegato sub lettera A) alla delibera di CC. N COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE 1 Art. 1 IL VALORE DELLA FAMIGLIA 1. La famiglia viene riconosciuta come l unità fondamentale

Dettagli

Servizi sociali di Ambito

Servizi sociali di Ambito Regolamento sull affido familiare dell Ambito territoriale di Seriate Comuni di: Seriate, Albano S. Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate,

Dettagli

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali L affido in Italia: dalle prime esperienze all attuale normativa giuridica L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali Interventi della dott.ssa Barbara Montisci,, Giudice Onorario del T.M.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ;

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Consiglio di Amministrazione Deliberazione n. del OGGETTO: RECEPIMENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 79 11035 DEL 17/11/03 Approvazione linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE Premessa I Comuni dell Ambito Territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. REGOLAMENTO COMUNALE n. 57 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. Allegato B Alla deliberazione di Consiglio Comunale nr 34 del 31/3/2004 Protocollo operativo tra Centro

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI Art. 1 premessa Art. 2 finalità e obiettivi del Servizio Art. 3 modalità e definizioni Art. 4 requisiti e Banca dati delle famiglie

Dettagli

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa Regolamento per l Affidamento familiare dei minori Premessa L Affido familiare è regolamentato dalla Legge 4 maggio 1983n.184 Disciplina dell Adozione e dell Affidamento dei Minori, modificata dalla Legge

Dettagli

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Art. 1 L Amministrazione comunale attua l affidamento allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per il suo sviluppo psico-fisico,

Dettagli

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Città di Busto Arsizio Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 89 del 25.07.2008 Premessa L affido familiare è regolamentato

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie

DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie DGR 361/07 Sostegno famiglie affidatarie Oggetto:. DGR 11/2007. Utilizzazione delle risorse provenienti dal fondo nazionale per le politiche sociali di cui al capitolo di spesa n. H41106 per il sostegno

Dettagli

proposta di legge n. 168

proposta di legge n. 168 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 168 a iniziativa del Consigliere Latini presentata in data 14 dicembre 2011 DISCIPLINA DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA

Dettagli

REGOLAMENTO TERRITORIALE AFFIDI

REGOLAMENTO TERRITORIALE AFFIDI Ambito Territoriale di Cantù REGOLAMENTO TERRITORIALE AFFIDI Approvato con delibera del Tavolo Politico n. 34 del 16 novembre 2010 Art. 1 Normativa L'affidamento familiare per i minori è regolato dalla

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO COMUNE DI SORISOLE COMUNE DI GORLE COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI ORIO AL SERIO COMUNE DI TORRE BOLDONE

AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO COMUNE DI SORISOLE COMUNE DI GORLE COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI ORIO AL SERIO COMUNE DI TORRE BOLDONE AMBITO TERRITORIALE DI BERGAMO DI GORLE DI ORIO AL SERIO DI PONTERANICA DI SORISOLE DI TORRE BOLDONE 02 PRESENTAZIONE 03 L art.1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia sancisce che

Dettagli

Regolamento Affido a Famiglie e/o Strutture di accoglienza Ambito:CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI A6 APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE n. 05 DEL 25.09.2009 L Affidamento familiare Premessa

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE NA6

AMBITO TERRITORIALE NA6 AMBITO TERRITORIALE NA6 CASORIA ARZANO CASAVATORE UFFICIO TECNICO DI PIANO ======================================================================= Via Po Centro Gallery - 80026 CASORIA (NA) REGOLAMENTO

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L'AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L'AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L'AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1- RIFERIMENTI NORMATIVI Il D.Lgs.vo n. 502/92, così come modificato dal D. Lgs. n. 517/93 (art. 3) prevede la possibilità del conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI

REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI Approvato con Deliberazione C.d.A. N. 12 del 31/05/2004 REGOLAMENTO CONSORTILE PER GLI AFFIDAMENTI FAMILIARI PREMESSA La legge n.184 del 4 maggio 1983, così come modificata dalla Legge n.149 del 28 marzo

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione Regolamento del servizio di affidamento familiare. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che la legge 08 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato

Dettagli

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO COMUNALE SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI (approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 12 del 23/02/2011) PREMESSA L affido familiare è

Dettagli

Città di Ispica Prov. di Ragusa

Città di Ispica Prov. di Ragusa Città di Ispica Prov. di Ragusa REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e dell Appoggio Familiare presso i Comuni

Dettagli

COMUNE DI PONZANO DI FERMO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

COMUNE DI PONZANO DI FERMO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI COMUNE DI PONZANO DI FERMO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Premesso che I Comuni degli Ambiti Sociali XIX, e XX in ottemperanza all attuale normativa e nell attuazione degli indirizzi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE Art.1 - Oggetto Il presente Regolamento, in rispondenza alle priorità d intervento individuate dalla legge 328/00, norma gli interventi relativi agli affidamenti

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014. REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO

Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014. REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014 REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO Art.1 - FINALITA' DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Consorzio Intercomunale Servizi Socio-Assistenziali Caluso Via San Francesco, 2 10014 CALUSO (Torino)

Consorzio Intercomunale Servizi Socio-Assistenziali Caluso Via San Francesco, 2 10014 CALUSO (Torino) Allegato A alla delib. C.diA. n.4/2012 C.I.S.S A.C. Consorzio Intercomunale Servizi Socio-Assistenziali Caluso Via San Francesco, 2 10014 CALUSO (Torino) AFFIDAMENTO FAMILIARE - RESIDENZIALE E DIURNO -

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE Art. 1 Normativa L articolo 31 della Costituzione sancisce che è compito dello Stato agevolare la formazione della famiglia e l'adempimento dei compiti relativi. Con l

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

Centro per l affido e la Solidarietà familiare C.A.S.F

Centro per l affido e la Solidarietà familiare C.A.S.F Centro per l affido e la Solidarietà familiare C.A.S.F Pramaggiore 28 giugno 2013 NORMATIVA INTERNAZIONALE Convenzione di New York 1986 Diritto a crescere nella propria famiglia Qualora ciò non sia possibile,

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE AMBITO TERRRITORIALE VALLE SERIANA Comuni di Albino, Alzano Lombardo, Aviatico, Casnigo, Cazzano S.A., Cene, Colzate, Fiorano al Serio, Gandino, Gazzaniga, Leffe, Nembro,

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE PROVINCIA DI BARI C.F. e Partita IVA 00878940725 ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALL INFANZIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione REGOLAMENTO PER IL LIVELLO ASSOCIATO DELL AFFIDO FAMILIARE Articolo 1 - Oggetto 1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione associata

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per l affidamento familiare dei minori Adottato con deliberazione consiliare n 41 del 16/03/2000 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AFFIDO INTRA ED EXTRA FAMILIARE DISCIPLINA DELLA DELEGA ALL U.L.S.S. N. 1 BELLUNO

REGOLAMENTO DELL AFFIDO INTRA ED EXTRA FAMILIARE DISCIPLINA DELLA DELEGA ALL U.L.S.S. N. 1 BELLUNO Conferenza Sindaci Ulss n.1 Belluno ULSS n.1 Belluno REGOLAMENTO DELL AFFIDO INTRA ED EXTRA FAMILIARE DISCIPLINA DELLA DELEGA ALL U.L.S.S. N. 1 BELLUNO ai sensi delle Linee di indirizzo regionali per lo

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende Documento prodotto dall Equipe di regia del Progetto I Custodi dei sogni Luisa Di Matteo, Marta Saraggiotto Comune di Vergiate

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE CITTÀ DI RAGUSA Settore 12 - Servizi Sociali e Assistenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 65 del 08.11.2007 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE 2000 Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 86 del 29 settembre ARTICOLO 1 - RIFERIMENTI LEGISLATIVI L affido è disposto dal Comune, o chi da esso delegato, in

Dettagli

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI Ambito Sociale Territoriale n 3 Ente capofila Comunità Montana del Catria e Nerone - Cagli Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano, Piobbico DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI N 27 del 12.12.2003

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI PONZANO DI BOZZA AL 13.01.2011 REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI PONZANO DI Premesso che I Comuni dell Ambito Sociale XIX, in ottemperanza

Dettagli

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 443 del 11/12/1989. Art. 1 Oggetto del servizio Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI GREZZANA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI

COMUNE DI GREZZANA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI (ai sensi della L. 184/83 e modifiche L. 149/01) INDICE PRINCIPI ISPIRATORI Art. 1. OGGETTO Art. 2. TIPOLOGIA DI INTERVENTI

Dettagli

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Regolamento Comunale sull Affidamento Familiare dei Minori 1 R E G O L A M E N T O SULL'AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI ECONOMICI E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI ECONOMICI E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI ECONOMICI E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE approvato con delibera di consiglio comunale n. n.8 del 20.05.08 CAPO I FINALITÀ E OGGETTO Art. 1

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce (Settore Amministrativo) REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Vista la legge nazionale 184/83 che, agli artt. 1,2,3,4 e 5, disciplinando l affidamento

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 2 OGGETTO: INDIRIZZI IN MATERIA DI INTERVENTI SOCIO-SANITARI TERRITORIALI RELATIVI ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI CUI ALLA LEGGE 4 MAGGIO 1983, N.184, E SUCCESSIVE MODIFICHE LA VISTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMIGLIARE Comuni aderenti a offertasociale asc - Unità operativa Affidi Mowgli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMIGLIARE Comuni aderenti a offertasociale asc - Unità operativa Affidi Mowgli REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMIGLIARE Comuni aderenti a offertasociale asc - Unità operativa Affidi Mowgli I Comuni costituenti l azienda consortile offertasociale, per il miglior espletamento delle competenze

Dettagli

PIANO DISTRETTUALE DI INTERVENTO PER

PIANO DISTRETTUALE DI INTERVENTO PER CITTÀ DI POMEZIA COMUNE DI ARDEA PIANO DISTRETTUALE DI INTERVENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DISTRETTO SOCIO SANITARIO RM/H4 A.S.L. RM/H PROVINCIA DI ROMA SIGLATO IN DATA 13 OTTOBRE 2011 PIANO DISTRETTUALE

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DELLE RISORSE PER IL SOSTEGNO ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE

CRITERI E MODALITÀ PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DELLE RISORSE PER IL SOSTEGNO ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DELLE RISORSE PER IL SOSTEGNO ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. PREMESSA La legge 4 maggio 1983, n. 184, come modificata dalla legge 28 marzo 2001,

Dettagli

Documento relativo all applicazione a livello locale di:

Documento relativo all applicazione a livello locale di: Documento relativo all applicazione a livello locale di: - Linee guida 2008: la cura e la segnalazione - Linee guida 2008: l affidamento familiare - Orientamenti per la comunicazione tra scuola e servizi

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Allegato alla deliberazione del Consiglio di Amministrazione n.67 del 14/12/2015

Allegato alla deliberazione del Consiglio di Amministrazione n.67 del 14/12/2015 Allegato alla deliberazione del Consiglio di Amministrazione n.67 del 14/12/2015 CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELLA QUOTA DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI DISABILI, MINORI E ADULTI, AL COSTO DEI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Viale San Francesco 5 c.a.p.

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito;

LA GIUNTA REGIONALE. RITENUTO, per i motivi riportati nel predetto documento istruttorio e che vengono condivisi, di deliberare in merito; D.G.R. n. 869 del 17.6.2003, Indirizzi in materia di interventi socio-sanitari territoriali relativi all affidamento familiare di cui alla legge 4 maggio 1983, n.184, e successive modifiche (B.U.R. n.

Dettagli

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI RESPONSABILITA FAMILIARI Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Annamaria Neri - Giovanna Canfora - Raffaella Scotto Di Ciccariello Franco Napolitano

Dettagli

LINEE D INDIRIZZO REGIONALI PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE

LINEE D INDIRIZZO REGIONALI PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale - Seduta del 30 aprile 2004 - Deliberazione N. 644 - Area Generale di Coordinamento N. 18 Assistenza Sociale, Sport - Linee d indirizzo per l affidamento familiare. LINEE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre

PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre PREMESSA PROTOCOLLO DI INTESA Procedure per l attivazione di forme di accoglienza dei bambini in carcere con la madre La legge Italiana n. 62 del 2012 fissa a 6 anni il limite di età dell accoglienza dei

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE Allegato B PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE PREMESSA Negli ultimi anni l attenzione al disagio in generale,

Dettagli