Manuale Operativo UR Rimborso IRAP Manuale Operativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale Operativo UR0911100000. Rimborso IRAP 2009. Manuale Operativo"

Transcript

1 Manuale Operativo UR Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo

2 Wolters Kluwer Italia s.r.l. - Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questi documenti può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo, elettronico, meccanico o altri, senza la preventiva autorizzazione di Wolters Kluwer Italia s.r.l. I manuali/schede programma sono costantemente aggiornate, tuttavia i tempi tecnici di redazione possono comportare che le esemplificazioni riportate e le funzionalità descritte non corrispondano esattamente a quanto disponibile all utente.

3 SOMMARIO AMBITO APPLICAZIONE... 4 Ambito applicazione... 4 PREMESSA NORMATIVA... 5 Periodi di imposta precedenti all esercizio in corso al 31 dicembre Casi Particolari di presentazione dell istanza... 6 ELEMENTI DELLA PROCEDURA... 7 FLUSSO OPERATIVO... 8 Operazioni preliminari... 8 Operazioni per Anagrafica... 8 CASI PARTICOLARI OPERAZIONI PER ANAGRAFICA... 9 Consolidato... 9 Società di Persone e relativi soci Trasparenza Impresa familiare/coniugale Dichiarazione periodo di imposta elaborata nell ambiente duplicato DETTAGLI OPERAZIONI Copia Ambienti duplicati Rimborso Irap Gestione Contribuenti Compilazione Sezione I quadro RI (Rx determinazione rimborso anno xxxx) Recupero Dati Dichiarati Calcolo Irap deducibile Richiamo ambienti Rimborso Irap Recupero Dati Rideterminati RT Determinazione rimborso Sezione II SM Stampa Ministeriale DT Dichiarazione Telematica TABELLE RECUPERO DATI Recuperi anno Recuperi anno Recuperi anno Recuperi anno Recuperi anno Videata origine dati recuperati APPENDICE INTERFACCIA UTENTE Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 3/49

4 AMBITO APPLICAZIONE Ambito applicazione Il modulo Istanza Rimborso IRAP si propone di supportare al meglio tutta l attività necessaria per presentare l Istanza di rimborso dell IRAP ai fini delle imposte IRPEF, IRES e ADDIZIONALI per i periodi di imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre Oltre a consentire la redazione e l invio telematico dell Istanza di rimborso, la soluzione utilizza tutti i dati già presenti sul sistema informativo eliminando il tempo di ricerca delle informazioni negli archivi cartacei. In particolare Rimborso IRAP 2009 consente di: 1. Rideterminare le imposte sul reddito a seguito della richiesta di deducibilità dell IRAP per i periodi di imposta interessati a partire dalle dichiarazioni presentate e ancora residente sull elaboratore. 2. Compilare l istanza di rimborso utilizzando i dati presenti nella dichiarazione. Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 4/49

5 PREMESSA NORMATIVA Il decreto anticrisi (articolo 6, comma 1, del decreto legge 29/11/2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge N.2 del 28/01/09) ha introdotto a decorrere dal periodo d imposta in corso al 31 dicembre 2008 la parziale deducibilità, ai fini delle imposte sui redditi (IRPEF e IRES e ADDIZIONALI ) dell IRAP che colpisce il costo del lavoro e gli oneri per interessi sostenuti dalle imprese e dai professionisti, in quanto componenti negativi generalmente non ammessi in deduzione nella determinazione del valore della produzione da assoggettare al tributo regionale. La deduzione è fruibile dai soggetti che determinano la base imponibile IRAP con le modalità di cui agli articoli 5, 5-bis, 6, 7 e 8 del decreto IRAP e precisamente: società di capitali e enti commerciali (art. 5); società di persone e imprese individuali (art. 5-bis); banche e altri enti e società finanziari (art. 6) ; imprese di assicurazione (art. 7); persone fisiche, società semplici e quelle ad esse equiparate esercenti arti e professioni (art. 8). La deducibilità spetta solo se alla base imponibile dell'irap abbiano concorso oneri per il personale e per interessi passivi. La deduzione IRAP da IRES/IRPEF è stabilita forfetariamente per un importo pari al 10% dell IRAP versata per il periodo di imposta. Periodi di imposta precedenti all esercizio in corso al 31 dicembre 2008 La deduzione forfetaria può essere fatta valere anche per i periodi di imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre In tal caso, al contribuente spetta il rimborso delle maggiori imposte sui redditi versate (ovvero della maggiore eccedenza a credito) con riferimento ai suddetti periodi di imposta, per effetto della mancata deduzione dell IRAP nella misura ammessa dalla norma in esame. I periodi interessati alla presentazione dell istanza sono: Anno 2007 Anno 2006 Anno 2005 Anno 2004 Anno 2003 (solo per società con esercizio infrannuale con data fine successiva al 31/05/2004) Si devono ulteriormente distinguere due casi in base alla avvenuta presentazione o meno dell istanza di rimborso ai sensi dell articolo 38 del D.P.R. n. 602 del 1973: Istanza già presentata Per i periodi d imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre 2008, per i quali alla data di entrata in vigore del D.L. n. 185 del 2008 (29 novembre 2008) sia stata presentata nel rispetto del termine di decadenza di quarantotto mesi dalla data del versamento istanza di rimborso ai sensi dell articolo 38 del D.P.R. n. 602 del 1973, spetta il rimborso della quota delle imposte sui redditi corrispondente all IRAP deducibile ai sensi della norma in esame. L importo del rimborso spettante è determinato ricalcolando la base imponibile delle imposte sui redditi al netto della deduzione del 10 per cento dell IRAP versata, a condizione che i predetti oneri (spese per il personale o interessi passivi) abbiano concorso alla formazione della base imponibile del tributo regionale. Si precisa, inoltre, che l istanza dà diritto al rimborso solo per le annualità d imposta cui essa si riferisce e che per rendere più spedite le procedure di gestione, anche in questo caso è necessario presentare apposita istanza di rimborso utilizzando il presente modello, avendo cura di compilare il quadro RI con i dati richiesti; Istanza non presentata Per i periodi d imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre 2008, per i quali alla data di entrata in vigore del D.L. n. 185 del 2008 non sia stata presentata istanza di rimborso (ovvero che, pur essendo stata presentata, si intenda chiedere il rimborso per ulteriori annualità), il diritto allo stesso spetta a seguito di presentazione, esclusivamente in via telematica, di apposita istanza Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 5/49

6 all Agenzia delle entrate, utilizzando il presente modello. Detta facoltà può essere, tuttavia, esercitata solo con riguardo ai versamenti IRPEF/IRES per i quali alla predetta data del 29 novembre 2008 risultava ancora pendente il termine di 48 mesi decorrente dalla data del versamento di cui all articolo 38 del D.P.R. n. 602 del In pratica, è consentito ottenere a rimborso le imposte versate in data non anteriore al 29 novembre 2004, a condizione che venga presentata la presente istanza entro il termine indicato nel paragrafo successivo. Si evidenzia che per i versamenti in acconto il termine in questione decorre dal momento del versamento del saldo (cfr. risoluzione n. 459 del 2 dicembre 2008). Ad esempio, per gli acconti relativi al periodo di imposta 2004 anche se versati in data anteriore al 29 novembre 2004 il termine iniziale dei 48 mesi decorre dalla data di versamento dell imposta a saldo (ordinariamente in scadenza nel mese di giugno 2005). Casi Particolari di presentazione dell istanza CASO IMPRESA FAMILIARE TRASPARENZA - SOCIETA DI PERSONE E RELATIVI SOCI PARTICOLARITÀ Il titolare dell impresa familiare deve rideterminare il reddito al netto del 10 per cento dell IRAP versata mediante presentazione dell istanza di rimborso, anche se nello stesso non è evidenziato alcun importo da rimborsare, e comunicare ai propri collaboratori la quota di rispettiva spettanza, affinché ciascuno di questi, previa rideterminazione della propria base imponibile, possa presentare ricorrendone i presupposti istanza di rimborso della maggiore imposta assolta. Per le società di persone e le associazioni di cui all articolo 5 del TUIR, nonché per le società che hanno optato per il regime della trasparenza fiscale ai sensi degli articoli 115 e 116 del medesimo testo unico, la deduzione forfetaria dalle imposte sui redditi del 10 per cento dell IRAP versata è effettuata dalla stessa società/associazione trasparente in sede di determinazione della base imponibile da imputare ai soci/associati. In tale ipotesi, quindi, sarà la società/associazione trasparente a rideterminare il proprio reddito al netto del 10 per cento dell IRAP versata mediante presentazione del presente modello, anche se nello stesso non è evidenziato alcun importo da rimborsare, e a comunicare ai propri soci/associati la quota di rispettiva spettanza, affinché ciascuno di questi, previa rideterminazione della propria base imponibile, possa presentare ricorrendone i presupposti istanza di rimborso della maggiore imposta assolta. Al riguardo, si precisa che per consentire una corretta liquidazione del rimborso richiesto è opportuno che l istanza del soggetto trasparente sia presentata non oltre la data di presentazione dell istanza del soggetto partecipante. CONSOLIDATO Per i soggetti che nel periodo d imposta indicato al rigo RI1 del quadro RI-Determinazione dell importo rimborsabile avevano partecipato al consolidato nazionale, è legittimata alla presentazione dell istanza di rimborso la consolidante, sulla base degli imponibili IRES dei singoli soggetti partecipanti, rideterminati per effetto della deduzione forfetaria dell IRAP. A tal fine, anche le società consolidate che rideterminano il reddito (o la perdita) ai sensi della disposizione in commento presentano il modello in esame, anche se nello stesso non è evidenziato alcun importo da rimborsare. Al riguardo, si precisa che per consentire una corretta liquidazione del rimborso richiesto per il gruppo è opportuno che le istanze dei singoli soggetti partecipanti al consolidato siano presentate non oltre la data di presentazione dell istanza relativa al consolidato nazionale. Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 6/49

7 Gli elementi che compongono il modulo Rimborso IRAP 2009 sono classificabili in: ELEMENTI DELLA PROCEDURA ELEMENTO Dati Anagrafici Dati Istanza Dati Dichiarati Dati Rideterminati DESCRIZIONE I dati identificativi del contribuente che presenta l istanza. Rimborso IRAP 2009 utilizza i dati anagrafici già presenti nel sistema informativo e consente di inserire nuove anagrafiche. I dati di dettaglio, utilizzati dal calcolo, e i dati corrispondenti al Modello Ministeriale, opportunamente distinti per periodo di imposta. I dati relativi ai periodi di imposta la cui dichiarazione IRAP/Redditi è stata elaborata nell ambiente in linea. I dati ottenuti attraverso l elaborazione della dichiarazione nell ambiente duplicato Rimborso IRAP, utilizzando i programmi e i dati relativi al periodo di imposta interessato. I Dati dichiarati e i Dati Rideterminati sono disponibili solo per i periodi di imposta elaborati con l applicativo Dichiarazioni Fiscali. I Dati dichiarati sono riferiti alla dichiarazione elaborata e presentata nell ambiente in linea; in caso di dichiarazioni redatte e presentate nell ambiente duplicato occorre quindi procedere al controllo e all eventuale compilazione manuale dei dati dichiarati. Di seguito schematizziamo sinteticamente il collegamento tra gli elementi della procedura. Anagrafica (Ambiente in linea) Dati Contribuenti Dati Dichiarati (Ambiente in linea) Dati Istanza Dati Rideterminati (Ambienti duplicati IRAP) Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 7/49

8 FLUSSO OPERATIVO Per gestire correttamente l Istanza di Rimborso IRAP è opportuno seguire il flusso di seguito suggerito. In particolare occorre eseguire le Operazioni Preliminari, che creano l ambiente di lavoro per la rideterminazione delle imposte, e successivamente le Operazioni per singola Anagrafica. I dettagli e i suggerimenti operativi delle singole fasi di lavoro sono riportati nel capitolo Dettaglio Operazioni. Operazioni preliminari OPERAZIONE Eseguire la copia dell Ambiente Duplicato NOTE Effettuare la copia delle dichiarazioni originarie in un altro archivio, scelta Copia amb. x rimb. Irap. E sufficiente effettuare la procedura una sola volta. Operazioni per Anagrafica OPERAZIONE Accedere alla scelta Rimborso Irap Gestione Contribuenti Accedere alle funzioni DA- Dati Anagrafici e DG- Dati Generali Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) Selezionare la scelta Richiamo amb. rimb. Irap. Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) Accedere alla funzione RT- Determinazione Rimborso Sez.II Accedere alla funzione SM Stampa Ministeriale Accedere alla funzione DT Dichiarazione Telematica NOTE Richiamare il codice anagrafico utilizzando il tasto funzione F4- Interrogazione anagrafiche. Valorizzare i campi eventualmente non compilati. Procedere al Recupero dei dati dichiarati tramite l apposito tasto funzione. Integrare le dichiarazioni precedentemente copiate e cioè inserire nei quadri d impresa/lavoro autonomo il dato relativo all Irap deducibile ai fini della determinazione del nuovo reddito e delle nuove imposte. Procedere al Recupero dei dati rideterminati utilizzando l apposito tasto funzione. Visualizzare il riepilogo della Sez.I ed il Rimborso Totale. Effettuare la stampa ministeriale. L accesso a tale funzione è presente anche in una scelta esterna alla gestione dell istanza. Effettuare la creazione del file telematico per procedere all invio. L accesso a tale funzione è presente anche in una scelta esterna alla gestione dell istanza. Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 8/49

9 CASI PARTICOLARI OPERAZIONI PER ANAGRAFICA In alcuni casi particolari, la sequenza delle operazioni sopra descritta presenta delle differenti modalità operative qui di seguito riportate: Consolidato Nel presente caso è necessario gestire inizialmente le istanze di tutte le società partecipanti al gruppo (compresa la consolidante) e successivamente quella relativa al gruppo. OPERAZIONE Accedere alla scelta Rimborso Irap Gestione Contribuenti (TUTTE PARTECIPANTI) Accedere alle funzioni DA- Dati Anagrafici e DG- Dati Generali (TUTTE PARTECIPANTI) Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (TUTTE PARTECIPANTI) Selezionare la scelta Richiamo amb. rimb. Irap. (TUTTE PARTECIPANTI) Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (TUTTE PARTECIPANTI) Accedere alla scelta Rimborso Irap Gestione Contribuenti (CONSOLIDATO) Accedere alle funzioni DA- Dati Anagrafici e DG- Dati Generali (CONSOLIDATO) Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (CONSOLIDATO) Selezionare la scelta Richiamo amb. rimb. Irap. (CONSOLIDATO) Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (CONSOLIDATO) Accedere alla funzione RT- Determinazione Rimborso Sez.II NOTE Richiamare il codice anagrafico di tutte le società partecipanti al gruppo utilizzando il tasto funzione F4- Interrogazione anagrafiche. Valorizzare i campi eventualmente non compilati. Procedere al Recupero dei dati dichiarati tramite l apposito tasto funzione. Integrare la dichiarazione delle società precedentemente copiate e cioè inserire nei quadri d impresa/lavoro autonomo il dato relativo all Irap deducibile ai fini della determinazione del nuovo reddito e delle nuove imposte. Procedere al Recupero dei dati rideterminati utilizzando l apposito tasto funzione. Essendo la società consolidante già stata richiamata in quanto società del gruppo, è necessario procedere alla creazione di un nuovo codice anagrafico per identificare l istanza di gruppo. Tale operazione viene effettuata mediante il tasto funzione F4- Interrogazione anagrafiche. Valorizzare i campi eventualmente non compilati. Nella funzione DG barrare la casella Consolidato Procedere al Recupero dei dati dichiarati tramite l apposito tasto funzione. NB. La procedura chiederà da quale codice anagrafico effettuare il prelievo dei dati (indicare il codice anagrafica della consolidante) Rieffettuare il prelievo dei dati dalle dichiarazioni delle società partecipanti al gruppo (funzione RI consolidato) Procedere al Recupero dei dati rideterminati utilizzando l apposito tasto funzione. NB. La procedura chiederà da quale codice anagrafico effettuare il prelievo dei dati (indicare il codice anagrafica della consolidante) Visualizzare il riepilogo della Sez.I ed il Rimborso Totale. Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 9/49

10 Società di Persone e relativi soci Nel presente caso è necessario gestire inizialmente l istanza della società e successivamente quella relativa ai soci. OPERAZIONE Accedere alla scelta Rimborso Irap Gestione Contribuenti (SOCIETA ) Accedere alle funzioni DA- Dati Anagrafici e DG- Dati Generali (SOCIETA ) Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (SOCIETA ) Selezionare la scelta Richiamo amb. rimb. Irap. (SOCIETA ) Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (SOCIETA ) Accedere alla scelta Rimborso Irap Gestione Contribuenti (SOCIO) Accedere alle funzioni DA- Dati Anagrafici e DG- Dati Generali (SOCIO) Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (SOCIO) Selezionare la scelta Richiamo amb. rimb. Irap. (SOCIO) Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (SOCIO) Accedere alla funzione RT- Determinazione Rimborso Sez.II NOTE Richiamare il codice anagrafico della società utilizzando il tasto funzione F4- Interrogazione anagrafiche. Valorizzare i campi eventualmente non compilati. Procedere al Recupero dei dati dichiarati tramite l apposito tasto funzione. Integrare la dichiarazione della società precedentemente copiata e cioè inserire nei quadri d impresa/lavoro autonomo il dato relativo all Irap deducibile ai fini della determinazione del nuovo reddito e delle nuove imposte. Trasferire il reddito rideterminato mediante la funzione AS Aggiornamento soci. Procedere al Recupero dei dati rideterminati utilizzando l apposito tasto funzione. Richiamare il codice anagrafico del socio utilizzando il tasto funzione F4- Interrogazione anagrafiche. Valorizzare i campi eventualmente non compilati. Procedere al Recupero dei dati dichiarati tramite l apposito tasto funzione. Rieffettuare il prelievo dei dati dalla dichiarazione della società (quadro RH Sezione I) Procedere al Recupero dei dati rideterminati utilizzare l apposito tasto funzione. Visualizzare il riepilogo della Sez.I ed il Rimborso Totale. Trasparenza Nel presente caso è necessario gestire inizialmente l istanza della Società trasparente e successivamente quelle delle società partecipanti. OPERAZIONE Accedere alla scelta Rimborso Irap Gestione Contribuenti (SOCIETA TRASPARENTE) Accedere alle funzioni DA- Dati Anagrafici e DG- Dati Generali (SOCIETA TRASPARENTE) Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (SOCIETA TRASPARENTE) Selezionare la scelta Richiamo amb. rimb. Irap. (SOCIETA NOTE Richiamare il codice anagrafico della società trasparente utilizzando il tasto funzione F4- Interrogazione anagrafiche. Valorizzare i campi eventualmente non compilati. Procedere al Recupero dei dati dichiarati tramite l apposito tasto funzione. Integrare la dichiarazione della società trasparente precedentemente copiata e cioè inserire nei quadri Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 10/49

11 OPERAZIONE TRASPARENTE) Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (SOCIETA TRASPARENTE) Accedere alla scelta Rimborso Irap Gestione Contribuenti (SOCIETA PARTECIPANTI) Accedere alle funzioni DA- Dati Anagrafici e DG- Dati Generali (SOCIETA PARTECIPANTI) Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (SOCIETA PARTECIPANTI) Selezionare la scelta Richiamo amb. rimb. Irap. (SOCIETA PARTECIPANTI) Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (SOCIETA PARTECIPANTI) Accedere alla funzione RT- Determinazione Rimborso Sez.II NOTE d impresa/lavoro autonomo il dato relativo all Irap deducibile ai fini della determinazione del nuovo reddito e delle nuove imposte. Procedere al Recupero dei dati rideterminati utilizzando l apposito tasto funzione. Richiamare il codice anagrafico della società partecipante utilizzando il tasto funzione F4- Interrogazione anagrafiche. Valorizzare i campi eventualmente non compilati. Procedere al Recupero dei dati dichiarati tramite l apposito tasto funzione. Rieffettuare il prelievo dei dati dalla dichiarazione della società trasparente (quadro H sez II, Quadri F-G prospetti Trasparenza) Procedere al Recupero dei dati rideterminati utilizzando l apposito tasto funzione. Visualizzare il riepilogo della Sez.I ed il Rimborso Totale. Impresa familiare/coniugale Nel presente caso è necessario gestire inizialmente l istanza per il Titolare dell impresa familiare/coniugale e successivamente quella del collaboratore. OPERAZIONE Accedere alla scelta Rimborso Irap Gestione Contribuenti (TITOLARE) Accedere alle funzioni DA- Dati Anagrafici e DG- Dati Generali (TITOLARE) Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (TITOLARE) Selezionare la scelta Richiamo amb. rimb. Irap. (TITOLARE) Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (TITOLARE) Accedere alla funzione RT- Determinazione Rimborso Sez.II (TITOLARE) Accedere alla scelta Rimborso Irap Gestione Contribuenti (COLLABORATORE) Accedere alle funzioni DA- Dati Anagrafici e DG- Dati Generali (COLLABORATORE) Accedere al quadro dell anno di NOTE Richiamare il codice anagrafico del titolare utilizzando il tasto funzione F4- Interrogazione anagrafiche. Valorizzare i campi eventualmente non compilati. Procedere al Recupero dei dati dichiarati tramite l apposito tasto funzione. Integrare la dichiarazione del titolare precedentemente copiata e cioè inserire nei quadri d impresa/lavoro autonomo il dato relativo all Irap deducibile ai fini della determinazione del nuovo reddito e delle nuove imposte. Effettuare l aggiornamento quadri H per i collaboratori Procedere al Recupero dei dati rideterminati utilizzare l apposito tasto funzione. Visualizzare il riepilogo della Sez.I ed il Rimborso Totale. Richiamare il codice anagrafico del collaboratore utilizzando il tasto funzione F4- Interrogazione anagrafiche. Valorizzare i campi eventualmente non compilati. Procedere al Recupero dei dati dichiarati tramite Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 11/49

12 rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (COLLABORATORE) Selezionare la scelta Richiamo amb. rimb. Irap. (COLLABORATORE) Accedere al quadro dell anno di rimborso (es. R5 Determinazione Rimborso 2005) (COLLABORATORE) Accedere alla funzione RT- Determinazione Rimborso Sez.II l apposito tasto funzione. Rieffettuare il prelievo dei dati dalla dichiarazione del titolare (quadro H sezione I) Procedere al Recupero dei dati rideterminati utilizzando l apposito tasto funzione. Visualizzare il riepilogo della Sez.I ed il Rimborso Totale. Dichiarazione periodo di imposta elaborata nell ambiente duplicato In tal caso i dati dichiarati nel periodo di imposta interessato alla presentazione dell istanza di rimborso IRAP potrebbero risultare diversi dalla dichiarazione presentata e redatta utilizzando l ambiente duplicato (es. Integrativa/Sostitutiva oltre il termine di presentazione oppure Società con esercizio infrannuale). I dati dichiarati disponibili sono quelli relativi alla dichiarazione elaborata nell ambiente in linea. Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 12/49

13 DETTAGLI OPERAZIONI Copia Ambienti duplicati Al fine di ricalcolare le imposte dirette, è necessario predisporre l ambiente di lavoro per gli anni per i quali si intende richiedere il rimborso Irap. Tale operazione è necessaria per consentire all operatore di lavorare in un ambiente completamente distinto rispetto all ambiente corrente di lavoro e rispetto all ambiente duplicato per gli anni di competenza. La procedura effettua automaticamente la copia dell intero archivio per gli anni dal 2004 al 2007, pertanto sarà necessario effettuare tale operazione una sola volta. Requisiti Verificare che per gli anni interessati sia stato predisposto il corrispondente ambiente duplicato. Verificare che gli ambienti duplicati funzionano correttamente Verificare lo spazio disponibile, la copia genera infatti una nuova cartella con tutti i programmi e i dati degli anni interessati L accesso a tale funzione risulta differente secondo S.O. e/o prodotto utilizzato. Nella tabella che segue vengono riportate le diverse modalità di accesso. S.O. Linux Interfaccia grafica S.O. Windows Cosmo Mitos Namirial S.O. Windows Sispac32 S.O. Linux B.Point S.O. Windows B.Point Funzione Copia ambiente duplicato rimborso Irap Effettuare l accesso con interfaccia a carattere mediante apposita icona attivazione Wkiconsole (presente nella barra dei bottoni). La funzione è presente nel pannello di controllo alla scelta 4 Ambienti duplicati (viene richiesta la password del configuratore) - 5 Copia ambiente duplicato rimborso Irap La funzione è presente accedendo alle scelte: Strumenti Installazioni/aggiornamenti copia ambiente per rimborso Irap (colonna Utilità). Tale funzione crea delle icone esterne al programma. La funzione è presente nella scelta Tale funzione crea delle icone esterne al programma. La funzione è presente nella barra delle applicazioni accedendo alle scelte: Servizi Strumenti e Utilità Copia ambienti per rimborso Irap. Accedendo Alla funzione indicata verrà avviata una sessione Linux dalla quale, dopo aver effettuato il login, occorre selezionare le opzioni: 4: Ambienti duplicati 5: Copia amb. per rimborso IRAP La funzione è presente nella barra delle applicazioni accedendo alle scelte: Servizi Strumenti e Utilità Copia ambienti per rimborso Irap. Il tempo impiegato sarà proporzionale alla dimensione degli archivi e alle capacità elaborative del sistema. Durante tale processo nessun utente potrà accedere agli ambienti duplicati interessati. Non è consentito effettuare la procedura più volte, per ripristinare le condizioni necessarie ad una nuova attivazione ed elaborazione è pertanto necessario: 1. Cancellare tutte le cartelle create negli ambienti duplicati (dic200x/rp) 2. Cancellare il file di controllo prg/etc/copiairp in modo da sbloccare una nuova elaborazione. Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 13/49

14 Rimborso Irap Gestione Contribuenti Accedendo alla scelta Gestione Contribuenti sul campo Codice anagrafica occorre richiamare le anagrafiche per le quali si intende gestire l istanza di Rimborso utilizzando il tasto funzione F4 Interrogazione anagrafiche. E altresì necessario accedere alle funzioni DA- Dati Anagrafici e DG- Dati Generali per procedere alla valorizzazione dei campi eventualmente non compilati. Compilazione Sezione I quadro RI (Rx determinazione rimborso anno xxxx) Per ogni anno di possibile presentazione di istanza di rimborso è prevista la funzione Rx determinazione rimborso anno xxxx. Esempio R4 richiama il quadro per la compilazione dell anno 2004 Recupero Dati Dichiarati La procedura esegue il recupero dei Dati Dichiarati prelevando le informazioni a suo tempo memorizzate nell elaborazione della dichiarazione. Il recupero dei dati dichiarati avviene solo nel caso in cui nella dichiarazione sono presenti i dati relativi al costo del lavoro e/o agli oneri per interessi. Esempio: recupero per anno 2005 Il Saldo Irap viene recuperato dalla Dichiarazione dell anno fiscale 2004 mentre gli Acconti Versati e l Irap dovuta vengono recuperati dalla Dichiarazione dell anno fiscale Se nella dichiarazione anno fiscale 2004 non erano presenti costi inerenti al costo del lavoro e/o agli oneri per interessi e nella dichiarazione anno fiscale 2005 erano presenti, nella casella Saldo Irap non verrà riportato alcun dato mentre verranno compilati i campi Acconti Versati e Irap dovuta e viceversa. Se NON sono presenti tali costi né nella Dichiarazione dell anno 2004 né Dichiarazione dell anno 2005, la procedura visualizza un apposito messaggio e blocca la compilazione dell istanza. Il recupero dei dati dichiarati avviene dall ambiente in linea, ignorando le eventuali Dichiarazioni presentate per il periodo di imposta utilizzando il corrispondente ambiente duplicato. La seguente figura evidenza, bordati in rosso, i campi compilati automaticamente dal recupero dati dichiarati; per alcuni campi, sono riportate delle note specifiche. Il dettaglio del recupero dei dati per ogni periodo di imposta è riportato nel capitolo Tabelle Recupero Dati per anno. Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 14/49

15 Di seguito si elencano alcuni punti di attenzione in merito a particolari problematiche relative ai campi sopra evidenziati. Campo 1 Codice Fiscale consolidante Consolidante Il consolidante presenterà due distinte istanze: un istanza ove vengono indicati i dati relativi all ente o società consolidante per la quale è rideterminato il reddito (o la perdita) originariamente dichiarato, riportando nel rigo RI2 col.1 il proprio codice fiscale. Mentre non vengono compilati i righi da RI7 ad RI11. un istanza ove riportare i dati relativi al consolidato, al fine di evidenziare la perdita o il reddito complessivo di gruppo rideterminato, nonché la corrispondente minore imposta (o il maggior credito) e l importo chiesto a rimborso. Dovrà, inoltre, essere barrata la casella Consolidato posta nel frontespizio. Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 15/49

16 Consolidate Le Consolidate presenteranno un istanza ove verranno indicati i dati relativi alla società consolidata per la quale è rideterminato il reddito (o la perdita) originariamente dichiarato, riportando nella colonna 1 del rigo RI2 il codice fiscale della società consolidante; non devono, invece, essere compilati i righi da RI7 a RI11. Campo 2 Trasparenza fiscale, Trust trasparente, azienda coniugale/familiare Soggetto partecipante Il soggetto partecipante (socio, associato, beneficiario di Trust trasparente, ecc.) deve compilare la presente istanza al fine di evidenziare il reddito (o la perdita) rideterminato anche tenendo conto del reddito (o della perdita) rideterminato ricevuto per trasparenza, indicando in colonna 3 del rigo RI2 il codice fiscale del soggetto partecipato (società di persone, etc.) ed in colonna 2 il codice identificativo della tipologia di trasparenza fiscale relativa al soggetto partecipato (1 Impresa familiare; 2 Azienda coniugale; 3 Società di persone e equiparate; 4 Società che abbiano optato per il regime di trasparenza ai sensi dell art. 115 o 116 del TUIR; 5 Trust trasparente; 6 Trust misto). Nell ipotesi in cui siano presenti più soggetti partecipati, saranno compilate più numeri d ordine ove verranno indicati nel rigo RI2 alla colonna 3 i diversi codici fiscali, alla colonna 2 il codice identificativo della tipologia di trasparenza, ed al rigo RI1 la data di inizio e fine periodo di imposta. I dati relativi al rimborso saranno riportati unicamente nella prima sezione. Nell ipotesi di impresa familiare o di Trust misto, detti soggetti possono presentare l istanza evidenziando un importo rimborsabile dal momento che gli stessi sono assoggettati ad IRPEF/IRES. Campo 3 Trasparenza fiscale, Trust trasparente, azienda coniugale/familiare Soggetto trasparente Il soggetto trasparente (società di persone, Trust trasparente, ecc.) nella propria istanza, indicherà nel rigo RI2 col.4 il codice identificativo della propria tipologia di soggetto trasparente (non necessario per i codici 2 e 3), senza compilare i righi da RI7 ad RI11 (ad esclusione dei casi di impresa famigliare e di Trust misto). Qualora il soggetto trasparente partecipi a sua volta ad un altro soggetto trasparente dovrà compilare anche le colonne 2 e 3 del rigo RI2, secondo le istruzioni di cui al precedente paragrafo. Nell ipotesi di impresa familiare o di Trust misto, detti soggetti possono presentare l istanza evidenziando un importo rimborsabile poiché gli stessi sono assoggettati ad IRPEF/IRES. Calcolo Irap deducibile Terminata la fase di recupero dei DATI DICHIARATI, viene effettuato dalla procedura il calcolo dell Irap deducibile che verrà riportata nel campo Irap deducibile 10% (rigo RI3 col.6). Il calcolo viene effettuato secondo le seguenti modalità: MINORE TRA DOVUTO E ACCONTI = (A) SALDO IRAP ANNO PRECEDENTE = (B) QUOTA DEDUCIBILE = 10% [(A) + (B)] Esempio di calcolo quota Irap deducibile 10% su anno versamento 2007 Saldo (anno fiscale 2006) = 300 Acconti (anno fiscale 2007) = 100 Dovuto (anno fiscale 2007) = 200 (MINORE TRA ACCONTI E DOVUTO) + SALDO = = 400 QUOTA IRAP DEDUCIBILE = 400 x 10% = 40 Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 16/49

17 Richiamo ambienti Rimborso Irap Tale funzione consente di integrare le dichiarazioni oggetto di istanza, cioè di inserire nei quadri d impresa/lavoro autonomo il dato relativo all Irap deducibile ai fini della determinazione del nuovo reddito e delle nuove imposte. L accesso a tale funzione risulta differente secondo S.O. e/o prodotto utilizzato. Nella tabella che segue vengono riportate le diverse modalità di accesso. S.O./Prodotto utilizzato S.O. Linux Interfaccia grafica S.O. Windows Cosmo Mitos Namirial S.O. Windows Sispac32 S.O. Linux B.Point S.O. Windows B.Point Funzione di Richiamo ambiente duplicato rimborso Irap Effettuare l accesso con interfaccia a carattere mediante apposita icona attivazione ambienti duplicati (presente nella barra dei bottoni). La funzione è presente nel pannello di controllo alla scelta 3 Richiamo ambienti duplicati rimborso Irap Il richiamo viene effettuato mediante le icone esterne, suddivise per anni, create durante la fase di copia. Il richiamo viene effettuato mediante le icone esterne, suddivise per anni, create durante la fase di copia. La funzione è presente sia nel menù all interno di B.Point: Servizi - Strumenti e Utilità - Accesso ambienti per rimborso Irap. che nel menù di avvio principale di windows: Start Programmi OSRA Strumenti di B.Point Rimborso IRAP Il richiamo dell ambiente duplicato avviene selezionando l anno in oggetto proposto all interno della finestra principale del programma. In alternativa è possibile accedere manualmente mediante interfaccia a carattere con il login wkidupbp (creato in fase di copia ambienti) La funzione è presente nel pannello di controllo alla scelta: 3: Richiamo ambienti duplicati rimborso Irap La funzione è presente sia nel menù all interno di B.Point: Servizi - Strumenti e Utilità - Accesso ambienti per rimborso Irap che nel menù di avvio principale di windows: Start Programmi OSRA Strumenti di B.Point Rimborso IRAP Il richiamo dell ambiente duplicato avviene selezionando l anno in oggetto proposto all interno della finestra principale del programma. Pertanto, richiamare il dichiarativo interessato dall istanza accedere al quadro di impresa/lavoro autonomo compilato (RE-RF-RG); inserire l importo dell Irap deducibile calcolata in un qualsiasi rigo di Costo o di Variazione in Diminuzione; effettuare l elaborazione della dichiarazione affinché vengano ricalcolate le imposte oggetto di istanza. Recupero Dati Rideterminati Terminate le predette operazioni, occorre tornare alla scelta Rimborso Irap, funzione Rx - Determinazione Rimborso anno xxxx, e utilizzare il tasto funzione Fx Recupero dati rideterminati. La presente funzione consente la valorizzazione automatica dei campi di seguito evidenziati bordati in verde. Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 17/49

18 Il dettaglio del recupero dei dati per ogni periodo di imposta è riportato nel capitolo Tabelle Recupero Dati per anno. A conclusione dei recuperi sopra evidenziati, la procedura effettua le seguenti operazioni di calcolo: CAMPO CALCOLO ESEGUITO RI5 col.1 e 2 Somma algebrica dei campi Dichiarati e Rideterminati. Tali somme RI6 col.1 e 2 verranno riportate nella stampa ministeriale. RI10 col.1 e 2 RI5 col.3 e 4 Somma dei campi RI5 col.1 e 2 RI6 col.3 e 4 Somma dei campi RI6 col.1 e 2 RI11 col.1 RI7 col.1 RI7 col. 3 + RI7 col.4 RI7 col.2 RI11 col.2 RI8 col.2 RI8 col. 4 + RI8 col.5 RI8 col.3 RI11 col.3 RI9 col.2 RI9 col. 4 + RI9 col.5 RI9 col.3 l importo di cui alla colonna 3 NON viene utilizzato negli anni successivi per i quali viene compilata l istanza, ma riportato nella col.4 di cui non utilizzata". Nel caso in cui la maggiore perdita abbia trovato compensazione nell ambito delle annualità dell istanza, sarà cura dell utente: modificare detto importo (RI5 col. 4) indicando la sola parte che non avrà trovato compensazione nelle annualità oggetto di istanza; Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 18/49

19 riportare il medesimo importo nella Dichiarazione RT Determinazione rimborso Sezione II La presente funzione è di sola visualizzazione nella quale vengono esposti i seguenti dati: Il campo sopra evidenziato viene compilato a seguito di un operazione di calcolo effettuata, per ogni numero d ordine ed anno, con le seguenti modalità: RI10 col.1 + RI10 col. 2 RI10 col.3 + RI11 col.1 + RI11 col.2 + RI11 col.3. SM Stampa Ministeriale La presente funzione consente di effettuare la Stampa Ministeriale dell istanza. La stessa è inoltre disponibile tramite una scelta esterna alla gestione dell istanza. DT Dichiarazione Telematica Tale funzione consente la creazione del file telematico per consentire l invio dell istanza. La stessa è inoltre disponibile tramite una scelta esterna alla gestione dell istanza. La creazione del file è consentita unicamente se precedentemente è stata effettuata la Stampa ministeriale, in caso contrario la procedura avviserà l utente mediante apposito messaggio. Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 19/49

20 TABELLE RECUPERO DATI Recuperi anno 2003 I recuperi relativi al presente anno fiscale vengono effettuati esclusivamente per soggetti che hanno la fine del periodo di imposta successiva al 31/05/2004. Dichiarazione Campi interessati Dati recuperati RI1 Data di inizio e Tale campo viene recuperato esclusivamente nel caso in cui nel quadro DG la data di fine fine periodo imposta periodo di imposta risulta successiva al 31/05/2004. RI3 col.1 Non compilare RI3 col.2 Non compilare Se nell anno fiscale 2003 sono presenti spese personale dipendente/assimilati (S36 col.1 ed RI3 col.4 S35 col.2) e/o interessi passivi/oneri finanziari (S31 col.2) viene somma IQ104 col. 2 Persone Giuridiche RI3 col.5 IQ101 N6 col.2 (se>0) RI4 - Reddito dichiarato Enti non commerciali dichiarata N5 RI5 - Perdita dichiarata N6 col.2 (se<0) RI7 col.1 N30 RI7 col.2 N31 RI10 - crediti da RU dichiarati N26 Tale campo viene recuperato esclusivamente RI1 Data di inizio e nel caso in cui nel quadro DG la data di fine fine periodo periodo di imposta risulta successiva al imposta 31/05/2004. RI3 col.1 Non compilare RI3 col.2 Non compilare Se nell anno fiscale 2003 sono presenti spese personale dipendente/assimilati (F77 col.1, RI3 col.4 G16 e E10) e/o interessi passivi/oneri finanziari [G20 b), E12 e E7 di cui) (se presente solo il quadro RF - F12)] viene somma IQ93 col. 2 RI3 col.5 IQ90 RI4 - Reddito dichiarato N15 solo se >0 F51 col.2 + G32 col.2 + H12 + H14+ D12 dichiarata col.2 + C11 RI5 - Perdita dichiarata Recupera da prospetto delle perdite quadro RS: [P3]+[P4]-[P92] (vedi Videata 1 ) RI7 col.1 N33 col2 RI7 col.2 N34 RI10 - crediti da RU dichiarati N29 Recupero dati rideterminati Tale recupero viene effettuato dall ambiente duplicato relativo all anno fiscale In particolare i campi interessati risultano essere quelli elencati nella tabella sottostante suddivisa per tipologia di dichiarazione. Wolters Kluwer Italia Rimborso IRAP 2009 Manuale Operativo Pag. 20/49

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri HELP DESK Nota Salvatempo 0006 MODULO Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri Quando serve La normativa Termini presentazione Consente la rilevazione automatica sui registri IVA dell adeguamento agli

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE 6 l agenzia in f orma 2006 GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE INDICE INTRODUZIONE 2 1. I VERSAMENTI TELEMATICI 3 I vantaggi dei versamenti on line 3 Come si effettuano 3 Il conto su cui addebitare

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 Redditi 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2014 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Circolare Monografica 12 maggio 2014 n. 1971 DICHIARAZIONI ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Le istruzioni per i soggetti IRES di Ivan Cemerich Il 2014 è un anno di svolta per l'applicazione dell'aiuto

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM F24

NOTE OPERATIVE DI RELEASE. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM F24 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2011.2.0 Applicativo: GECOM

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Relazione tecnica alla Legge di stabilità 2015 - Legge 23 dicembre 2014, n. 190

Relazione tecnica alla Legge di stabilità 2015 - Legge 23 dicembre 2014, n. 190 Relazione tecnica alla Legge di stabilità 2015 - Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (A.C. 2679-bis-B) Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2015).

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di TRANI

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di TRANI Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di TRANI COMMISSIONE DI STUDIO FISCALITA, CONTENZIOSO E RAPPORTI CON L AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA L UTILIZZO DELLE PERDITE D IMPRESA NELLA NORMATIVA

Dettagli