Mobili Scheda tecnica di prodotto per acquisti verdi della pubblica amministrazione(gpp)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mobili Scheda tecnica di prodotto per acquisti verdi della pubblica amministrazione(gpp)"

Transcript

1 Mobili Scheda tecnica di prodotto per acquisti verdi della pubblica amministrazione(gpp) 1 Ambito di applicazione Quello dei mobili è un gruppo di prodotti ampio, che comprende tipi di mobili molto diversi tra loro (sedie, tavoli, armadi, scaffali, credenze, eccetera) e destinati a usi differenti (in scuole, uffici, cucine, bagni, ambienti esterni, usi speciali, eccetera). I criteri proposti riguardano: mobili da interni, che comprendono mobili da interni sia per usi professionali (ad esempio, in scuole e uffici) sia per usi domestici. Sono incluse tutte le unità d arredamento autoportanti e a incasso utilizzate per riporre, appendere, stare distesi, stare seduti, lavorare e mangiare. Non sono invece inclusi i prodotti da costruzione (p.es. gradini, pareti, cornici, pannelli), impianti sanitari, tappeti, tessuti, attrezzature d ufficio e altri prodotti il cui scopo principale non è quello di fungere da mobili; mobili da esterni, che comprendono per lo più panche, tavoli e sedie; sono esclusi invece altri prodotti il cui scopo principale non è quello di fungere da mobili (quali lampioni, supporti per biciclette, giochi per bambini, ecc.). I criteri proposti si basano sulle etichette ecologiche esistenti. I criteri proposti riguardano principalmente i materiali usati più frequentemente nella produzione di mobili: legno e materiali a base di legno, metalli, plastiche, materiali per imbottitura e tessili. Si elencano anche i criteri raccomandati per rivestimenti e colle/adesivi usati per assemblare i prodotti e imballarli. 2 Principali impatti ambientali Toolkit di formazione della Commissione europea sul GPP - Modulo 3: Raccomandazioni d acquisto 1

2 Impatto Perdita di biodiversità, erosione e degrado del terreno causati da una gestione insostenibile delle foreste e dal disboscamento illegale Impatto sul paesaggio causato dalle attività estrattive Esaurimento delle risorse causato dallo sfruttamento di risorse non rinnovabili, come metalli e petrolio/gas naturale, per produrre materiale plastico CO ² e altre emissioni causate dal consumo di energia nella produzione di diversi materiali Eutrofizzazione delle acque di superficie e sotterranee causata dall impiego di sostanze pericolose che possono essere rilasciate durante la produzione, l uso o lo smaltimento di emissioni di COV derivanti dall utilizzo di solventi organici Rifiuti e rifiuti da imballaggi generati dall uso di imballaggi e dalla sostituzione anticipata di mobili a causa dell impossibilità di ripararli, della scarsa durata, dell ergonomia o dell inidoneità dei mobili per lo scopo previsto Approccio Acquistare legname proveniente da foreste gestite legalmente e in modo sostenibile Usare materiali fatti del tutto o in parte di materiali riciclati e/o rinnovabili (come il legno) Limitare il contenuto di solventi organici e le emissioni di COV nei prodotti, negli adesivi e nelle sostanze usate per il trattamento delle superfici Evitare determinate sostanze pericolose nella produzione dei materiali e nel trattamento delle superfici Garantire la riciclabilità e differenziabilità dei materiali per imballaggio e delle parti dei mobili, nonché l uso di materiali per imballaggio a base di materie prime rinnovabili Acquistare mobili durevoli, idonei all uso, ergonomici, facili da smontare, riparabili e riciclabili 3 Mobili Criteri per il GPP 3.1. Mobili Criteri fondamentali per il GPP Mobili Oggetto Acquisto di mobili prodotti con materiali e procedimenti ecocompatibili. Specifiche Toolkit di formazione della Commissione europea sul GPP - Modulo 3: Raccomandazioni d acquisto 2

3 Legno e materiali a base di legno 1. Tutto il legno e tutti i materiali a base di legno devono essere ottenuti da legname proveniente da fonti legali. Verifica: valgono come attestati di conformità i certificati di catena di custodia per il legno certificato FSC 1, PEFC 2 o qualsiasi altro documento di prova equivalente. La liceità dell origine del legno può essere dimostrata anche per mezzo di un sistema di tracciabilità. Questi sistemi volontari possono essere certificati da enti terzi, in genere nell ambito dei sistemi di gestione ISO 9000 e/o ISO o EMAS. Se il legno proviene da un paese che ha sottoscritto con l Unione europea un Accordo volontario di partenariato (VPA), come prova di legalità può valere la licenza FLEGT 3. Per il legno non certificato, gli offerenti devono indicare i tipi (specie), le quantità e le origini del legno utilizzato nella produzione, allegando una dichiarazione di legalità, al fine di garantire la tracciabilità del legno lungo l intera catena produttiva, dalla foresta al prodotto finale. In casi specifici in cui le prove fornite non sono ritenute sufficienti a dimostrare la conformità alle specifiche tecniche previste, le amministrazioni contraenti possono chiedere ai fornitori ulteriori chiarimenti o elementi di prova. Parti di plastica 2. Tutte le parti di plastica di peso 50 g devono essere contrassegnate per consentirne il riciclaggio in conformità della norma ISO o di una norma equivalente e non devono contenere additivi o altri materiali che ne ostacolino il riciclaggio. Verifica: gli offerenti devono presentare una descrizione delle materie plastiche contenute nei prodotti e indicare le quantità usate, il modo in cui sono etichettate e come sono legate tra loro o ad altri materiali. I prodotti muniti di un etichetta ecologica di tipo I che soddisfano i criteri selezionati sono considerati conformi. Rivestimenti per superfici in legno, plastica e/o parti metalliche 3. I prodotti usati per il rivestimento delle superfici non devono: - contenere sostanze pericolose classificate in conformità della direttiva 1999/45/CE come cancerogene (R40, R45, R49), pericolose per il sistema riproduttivo (R60, R61, R62, R63), mutagene (R46, R68), tossiche (R23, R24, R25, R26, R27, R28, R51), allergeniche se inalate (R42) o dannose per l ambiente (R50, R50/53, R51/53, R52, R52/53, R53), che causano danni genetici ereditabili (R46), che comportano il rischio di gravi danni alla salute in caso di esposizione prolungata (R48), che possono comportare il rischio di effetti irreversibili (R68); - contenere composti organici volatici (COV) in misura superiore al 5% del loro peso. Ftalati: non è permesso usare ftalati che, al momento della domanda, soddisfano i criteri 1 FSC (Consiglio per la gestione forestale sostenibile): 2 PEFC (Programma per l approvazione dei sistemi di certificazione forestale): 3 Il piano d azione FLEGT (l applicazione delle normative, la governance e il commercio nel settore forestale) è stato approvato dall UE nel 2003 e contiene una serie di misure per affrontare il disboscamento illegale nei paesi in via di sviluppo. Il piano prevede un sistema di licenze per lo sfruttamento del legname tale da garantire la legalità dei prodotti di legno importati. Per ottenere una di queste licenze, è necessario che i paesi produttori di legname sottoscrivano con l Unione europea un accordo volontario di partenariato. I prodotti di legno che sono stati realizzati legalmente in uno dei paesi firmatari di tali accordi otterranno la licenza in quanto derivanti da produzione legale; per maggiori informazioni cfr.: Toolkit di formazione della Commissione europea sul GPP - Modulo 3: Raccomandazioni d acquisto 3

4 di classificazione di qualsiasi delle seguenti frasi di rischio (e relative combinazioni): R60, R61, R62, in conformità della direttiva 67/548/CEE e successive modifiche; - contenere aziridina; - contenere composti di cromo (VI). Verifica: gli offerenti devono presentare un elenco di tutte le sostanze usate per il trattamento delle superfici di ciascun materiale presente nei mobili, allegando la relativa scheda informativa in materia di sicurezza o documentazione equivalente attestante la conformità ai suddetti criteri. I mobili muniti di un etichetta ecologica di tipo I sono considerati conformi. Adesivi e colle 4. Il contenuto di COV degli adesivi usati per assemblare i mobili non deve essere superiore al 10% del peso. Verifica: gli offerenti devono presentare un elenco di tutti gli adesivi usati per assemblare i mobili, allegando la relativa scheda informativa in materia di sicurezza o documentazione equivalente attestante una quantità di COV conforme ai suddetti criteri. I mobili muniti di un etichetta ecologica di tipo I che soddisfano questo criterio sono considerati conformi. Materiali da imballaggio 5. L imballaggio deve consistere di materiale facilmente riciclabile e/o proveniente da fonti rinnovabili; in alternativa, deve essere riutilizzabile. 6. Tutti i materiali da imballaggio devono essere facilmente separabili a mano in frazioni riciclabili fatte di un solo materiale (ad esempio: cartone, carta, plastica, prodotti tessili). Verifica: deve essere fornita una descrizione dell imballaggio del prodotto, insieme con la relativa dichiarazione di conformità ai presenti criteri. Durata, riparabilità, idoneità all uso ed ergonomia 7. I mobili devono soddisfare [inserire i pertinenti standard di qualità nazionali/ internazionali] o equivalenti riguardanti la funzionalità (ad esempio: sicurezza, resistenza all abrasione, resistenza alla trazione, resistenza alla luce, resistenza alla frizione, deformazione in caso di compressione, ergonomia). Verifica: gli offerenti devono presentare idonea documentazione attestante la conformità a questi standard. Criteri di aggiudicazione Saranno assegnati punti supplementari nei casi seguenti: 1. Materie prime/gestione forestale sostenibile: la percentuale del prodotto finale fatta di legno, fibre di legno o particelle di legno provenienti da foreste di cui è certificata la gestione secondo principi e misure destinati a garantire una gestione forestale sostenibile, a condizione che tali criteri siano caratterizzanti e rilevanti per il prodotto. In Europa, questi principi e misure devono corrispondere almeno a quelli degli orientamenti operativi paneuropei per la gestione sostenibile delle foreste approvati dalla Conferenza ministeriale di Lisbona sulla protezione delle foreste in Europa (2-4 giugno 1998). Al di fuori dell Europa, devono corrispondere almeno ai principi forestali UNCED (Rio de Janeiro, giugno 1992) e, ove del caso, ai criteri o agli orientamenti per una gestione forestale sostenibile approvati nell ambito delle diverse iniziative internazionali e regionali (ITTO, processo di Montreal, processo di Tarapoto, iniziativa UNEP/FAO per le zone aride dell Africa). Toolkit di formazione della Commissione europea sul GPP - Modulo 3: Raccomandazioni d acquisto 4

5 Verifica: valgono come attestati di conformità i certificati di catena di custodia per le fibre di legno certificate FSC 4, PEFC 5 o qualsiasi altro standard di gestione forestale sostenibile. È altresì ammesso qualsiasi altro mezzo di prova idoneo, come la documentazione tecnica del produttore o una relazione di prova di un ente riconosciuto. 2. Contenuto di materiali riciclati: percentuale, in termini di peso, del contenuto riciclato di materiali a base di legno, plastica e/o metalli presente nel mobile come prodotto finale. Verifica: gli offerenti devono presentare idonea documentazione attestante la percentuale (in termini di peso) del contenuto riciclato. 3. Prodotti tessili [Inserire i criteri fondamentali della scheda tecnica per prodotti tessili] Verifica: tutti i prodotti muniti dell etichetta ecologica europea o di qualsiasi etichetta nazionale o privata che soddisfano i criteri elencati sono considerati conformi. È altresì ammesso qualsiasi altro mezzo di prova idoneo, come la documentazione tecnica del produttore o una relazione di prova di un ente riconosciuto. 4. I materiali per imbottiture devono soddisfare i criteri dell etichetta ecologica europea, consultabili all indirizzo Verifica: tutti i prodotti muniti della etichetta ecologica europea o qualsiasi etichetta nazionale o privata che soddisfano i criteri elencati sono considerati conformi. È altresì ammesso qualsiasi altro mezzo di prova idoneo, come la documentazione tecnica del produttore o una relazione di prova di un ente riconosciuto Mobili Criteri generali per il GPP Mobili Oggetto Acquisto di mobili prodotti con materiali e procedimenti ecocompatibili. Specifiche I prodotti devono soddisfare le 7 specifiche di cui ai criteri fondamentali. I prodotti devono soddisfare altresì le specifiche indicate di seguito. 8. Conservanti (solo per mobili da esterni) 8.1. Il legno classificato nella classe di durata 1 o 2 ai sensi della EN o equivalente non deve essere stato trattato con conservanti Il legno non classificato nella classe di durata 1 o 2 ai sensi della EN o equivalente non deve essere stato trattato con sostanze classificate, in conformità della direttiva 1999/45/CE, come cancerogene (R40, R45, R49), nocive per il sistema riproduttivo (R60, R61, R62, R63), mutagene (R46, R68) o allergeniche se inalate (R42) Le sostanze attive contenute nei conservanti non devono essere a base di arsenico, cromo o composti di stagno organico. 4 FSC (Consiglio per la gestione forestale sostenibile): 5 PEFC (Programma per l approvazione dei sistemi di certificazione forestale): Toolkit di formazione della Commissione europea sul GPP - Modulo 3: Raccomandazioni d acquisto 5

6 Verifica: gli offerenti devono presentare la classificazione di durata dei prodotti di legno, insieme con un elenco dei conservanti utilizzati per ciascun materiale presente nei mobili, allegando le relative schede informative in materia di sicurezza o documentazione equivalente attestante la conformità ai suddetti criteri. I prodotti muniti di un etichetta ecologica di tipo I che soddisfano questo criterio sono considerati conformi. 9. Rivestimento superficiale di parti in legno, plastica e/o metallo I prodotti usati per rivestimenti superficiali non devono: - contenere composti organici volatili (COV) in misura superiore al 5% in termini di peso. Verifica: gli offerenti devono presentare un elenco di tutte le sostanze usate per il trattamento delle superfici di ciascun materiale presente nei mobili, allegando le relative schede informative in materia di sicurezza o documentazione equivalente attestante la conformità ai suddetti criteri. I mobili muniti di un etichetta ecologica di tipo I che soddisfano questi criteri sono considerati conformi. 10. Schiume poliuretaniche Gli agenti schiumogeni delle schiume poliuretaniche (schiume PUR) non devono essere idrofluorocarburi né cloruro di metilene. Verifica: gli offerenti devono presentare una dichiarazione del produttore delle schiume attestante la conformità a questo criterio. Criteri di aggiudicazione Saranno attribuiti punti supplementari in caso di: Inserire i 4 criteri di aggiudicazione di cui ai criteri fondamentali Aggiungere i seguenti criteri di aggiudicazione supplementari 5. Imballaggi: gli offerenti devono indicare la percentuale, in termini di peso, di contenuto riciclato presente nei materiali per imballaggio (plastica e cartone). Verifica: gli offerenti devono presentare un elenco dei diversi materiali per imballaggio con l indicazione del relativo peso, nonché una dichiarazione del/i produttore/i dell imballaggio attestante la percentuale di contenuto riciclato presente nel materiale per imballaggio. 6. Cotone o altre fibre naturali di produzione biologica: gli offerenti devono specificare la percentuale, in termini di peso, di cotone o altre fibre naturali di produzione biologica presenti nei prodotti tessili. Per essere considerata di produzione biologica, la fibra deve essere prodotta in conformità del regolamento (CE) n. 834/2007. Verifica: il fornitore deve dimostrare l origine delle fibre utilizzate e la natura biologica della loro produzione, ad esempio per mezzo del marchio europeo di qualità biologica o di marchi nazionali di qualità di produzione biologica approvati. 7. Fibre riciclate: gli offerenti devono specificare la percentuale, in termini di peso, del prodotto tessile costituita da fibre riciclate, ossia fibre derivanti esclusivamente da tagli di produttori di tessili e abbigliamento o da rifiuti post-consumer (tessili o d altro tipo). Verifica: il fornitore deve dimostrare l origine delle fibre riciclate utilizzate. Note di attuazione Durata, ergonomia e altri standard di qualità: ogni paese ha vari standard di qualità, che fanno riferimento o a standard internazionali ed europei, come gli standard ISO e EN, o ai rispettivi standard nazionali. Probabilmente, le piccole imprese conoscono meglio gli Toolkit di formazione della Commissione europea sul GPP - Modulo 3: Raccomandazioni d acquisto 6

7 standard nazionali di quelli europei o internazionali; pertanto, non essendo possibile fornire un elenco completo di tutti i vari standard di qualità e durata, l amministrazione aggiudicatrice dovrà indicare lo standard pertinente cui fare riferimento. In alternativa, si possono applicare i criteri definiti dall etichetta ecologica TCO per sedie e tavoli o dall etichetta Nordic Swan per mobili da esterni. Criteri di aggiudicazione: l amministrazione aggiudicatrice dovrà specificare nel bando e nel capitolato quanti punti supplementari saranno attribuiti per ciascun criterio di aggiudicazione. I criteri di aggiudicazione ecologici dovrebbero corrispondere, complessivamente, ad almeno il 10-15% dei punti disponibili totali. Se il criterio di aggiudicazione è formulato in termini di prestazione migliore rispetto ai requisiti minimi previsti dalle specifiche, i punti saranno attribuiti in proporzione della migliore prestazione. Toolkit di formazione della Commissione europea sul GPP - Modulo 3: Raccomandazioni d acquisto 7

Pannelli divisori Scheda di prodotto per gli appalti verdi della pubblica amministrazione (GPP)

Pannelli divisori Scheda di prodotto per gli appalti verdi della pubblica amministrazione (GPP) Pannelli divisori Scheda di prodotto per gli appalti verdi della pubblica amministrazione (GPP) Gli appalti verdi della pubblica amministrazione (GPP) sono uno strumento volontario. La presente scheda

Dettagli

Il laboratorio LCA & ecodesign

Il laboratorio LCA & ecodesign Criteri ambientali minimi per l acquisto di di arredi Caterina Rinaldi Laboratorio LCA & Ecodesign Centro ricerche ENEA di di Bologna Corso Di Di Formazione Avanzata Su Su Prodotti Tessili e Arredi Per

Dettagli

Green Public Procurement

Green Public Procurement Andrea Monsignori, Servizio Qualità dell Ambiente gestione rifiuti e attività estrattive Workshop: Procedure e opportunità del comprare verde Perugia, 24 Febbraio 2010 Green Public Procurement (Acquisti

Dettagli

I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO. Bologna, 30 Novembre 2011

I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO. Bologna, 30 Novembre 2011 Il mercato degli acquisti verdi della pubblica amministrazione nell ambito dei manufatti in legno I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO Bologna, 30 Novembre 2011 Patrizia Bianconi I progetti regionali

Dettagli

PER LA PROGETTAZIONE DI STAND ESPOSITIVI ECO-COMPATIBILI PER IL MERCATO CONTADINO DI PERFUGAS

PER LA PROGETTAZIONE DI STAND ESPOSITIVI ECO-COMPATIBILI PER IL MERCATO CONTADINO DI PERFUGAS FESR 2007-2013 LA SARDEGNA CRESCE CON L EUROPA CONCORSO DI IDEE PER LA PROGETTAZIONE DI STAND ESPOSITIVI ECO-COMPATIBILI PER IL MERCATO CONTADINO DI PERFUGAS PREMESSA In base all accordo siglato in data

Dettagli

CRITERI VALUTAZIONE QUALITÀ DELLA MERCE

CRITERI VALUTAZIONE QUALITÀ DELLA MERCE CRITERI VALUTAZIONE QUALITÀ DELLA MERCE Nella valutazione dei criteri di qualità per la merce posta in vendita nella Festa della Befana in Piazza Navona, i punteggi, genericamente indicati nell avviso

Dettagli

Isolamento termico Scheda di prodotto per gli appalti verdi della pubblica amministrazione (GPP)

Isolamento termico Scheda di prodotto per gli appalti verdi della pubblica amministrazione (GPP) Isolamento termico Scheda di prodotto per gli appalti verdi della pubblica amministrazione (GPP) Gli appalti verdi della pubblica amministrazione (GPP) sono uno strumento volontario. La presente scheda

Dettagli

Piano d azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione

Piano d azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del Mare Piano d azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione Ovvero Piano d azione nazionale sul

Dettagli

Arredi per ufficio 6 - Criteri di sostenibilità

Arredi per ufficio 6 - Criteri di sostenibilità Arredi per ufficio 6 - Criteri di 1. Oggetto dell iniziativa La presente iniziativa è finalizzata ad offrire alle ubbliche Amministrazioni sia la fornitura di arredi e complementi a ridotto impatto, sia

Dettagli

Pag. 1 di 10 All. 001 RIFERIMENTO: 2010-S131-00037

Pag. 1 di 10 All. 001 RIFERIMENTO: 2010-S131-00037 Allegato parte integrante Allegati specifiche tecniche ALLEGATI: a) e criteri di valutazione per l acquisto di carta per ufficio e carta tissue b) e criteri di valutazione per l acquisto di arredi per

Dettagli

ALLEGATO 1 GREEN PUBLIC PROCUREMENT ACQUISTI PUBBLICI VERDI STRUMENTI DI SUPPORTO - BOÎTE À OUTILS

ALLEGATO 1 GREEN PUBLIC PROCUREMENT ACQUISTI PUBBLICI VERDI STRUMENTI DI SUPPORTO - BOÎTE À OUTILS GREEN PUBLIC PROCUREMENT ACQUISTI PUBBLICI VERDI Programma triennale per la riduzione e prevenzione dei rifiuti STRUMENTI DI SUPPORTO - BOÎTE À OUTILS ALLEGATO 1 CARTA IN RISME DA FIBRE VERGINI CARTA IN

Dettagli

STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST

STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST UN MONDO DOVE LE PERSONE GESTISCONO LE FORESTE IN MANIERA SOSTENIBILE PEFC/18-1-1 Standard PEFC Italia STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST 2001:2008 Requisiti per gli utilizzatori dello schema PEFC Regole d

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI RIVESTIMENTI

CLASSIFICAZIONE DEI RIVESTIMENTI CLASSIFICAZIONE DEI RIVESTIMENTI Il Forest Stewardship Council (o brevemente FSC) è un'ong internazionale senza scopo di lucro. FSC rappresenta un sistema di certificazione forestale riconosciuto a livello

Dettagli

CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L ACQUISTO DI ARTICOLI PER L ARREDO URBANO

CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L ACQUISTO DI ARTICOLI PER L ARREDO URBANO A LLEGATO Piano d azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della Pubblica Amministrazione ovvero Piano d Azione Nazionale sul Green Public Procurement (PANGPP) CRITERI AMBIENTALI

Dettagli

CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L ACQUISTO DI ARREDI

CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L ACQUISTO DI ARREDI ALLEGATO 2 Piano d azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della Pubblica Amministrazione ovvero Piano d Azione Nazionale sul Green Public Procurement (PANGPP) CRITERI AMBIENTALI

Dettagli

ALLEGATO B CARTA PER COPIE E STAMPATI, ARREDI SCOLASTICI E PER UFFICI,

ALLEGATO B CARTA PER COPIE E STAMPATI, ARREDI SCOLASTICI E PER UFFICI, ALLEGATO B REQUISITI AMBIENTALI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER ACQUISTI VERDI DI: CARTA PER COPIE E STAMPATI, ARREDI SCOLASTICI E PER UFFICI, APARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE, MATERIALE IGIENICO

Dettagli

CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L ACQUISTO DI CARTA IN RISME

CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L ACQUISTO DI CARTA IN RISME Direzione Salvaguardia Ambientale CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER L ACQUISTO DI CARTA IN RISME Indice 1 PREMESSA... 2 2 OGGETTO DEL DOCUMENTO... 2 3 INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE RELATIVE ALL APPALTO...

Dettagli

Finestre - Finestre, porte a vetri e lucernari. Scheda di prodotto per gli acquisti verdi della pubblica amministrazione (GPP)

Finestre - Finestre, porte a vetri e lucernari. Scheda di prodotto per gli acquisti verdi della pubblica amministrazione (GPP) Finestre - Finestre, porte a vetri e lucernari Scheda di prodotto per gli acquisti verdi della pubblica amministrazione (GPP) Gli acquisti verdi della pubblica amministrazione (GPP) sono uno strumento

Dettagli

Appalto per la fornitura di arredi per ufficio nuova sede assessorati della Regione Puglia. Via Gentile BARIArredi

Appalto per la fornitura di arredi per ufficio nuova sede assessorati della Regione Puglia. Via Gentile BARIArredi Appalto per la fornitura di arredi per ufficio nuova sede assessorati della Regione Puglia PRESCRIZIONI E SPECIFICHE TECNICHE DEGLI ARREDI Via Gentile BARIArredi ambientalmente sostenibili ai sensi del

Dettagli

Documento di posizionamento tecnico 2/2007 del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Documento di posizionamento tecnico 2/2007 del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane Documento di posizionamento tecnico 2/2007 del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane I riferimenti ai sistemi di etichettatura ecologica negli appalti pubblici (DPT

Dettagli

Le prescrizioni ambientali sono in parte comuni a tutte le attività, in parte specifiche per i singoli prodotti che interessano le varie attività.

Le prescrizioni ambientali sono in parte comuni a tutte le attività, in parte specifiche per i singoli prodotti che interessano le varie attività. BANDO TIPO E CAPITOLATO TIPO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA RICETTIVITA NELLE STRUTTURE DEL PARCO XXX A BASSO IMPATTO AMBIENTALE. NOTA TECNICA Il Capitolato Tipo Speciale d Appalto

Dettagli

CHARTER A.I.S.E. PER LA PULIZIA SOSTENIBILE

CHARTER A.I.S.E. PER LA PULIZIA SOSTENIBILE CHARTER A.I.S.E. PER LA PULIZIA SOSTENIBILE Spiegazione dettagliata delle CSP (Versione 1.1, 7.11.2006) I. Condizioni generali Il presente documento contiene una serie di procedure di sostenibilità del

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER SEDUTE PER UFFICIO

CAPITOLATO TECNICO PER SEDUTE PER UFFICIO ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO PER SEDUTE PER UFFICIO Il presente capitolato è composto dalla descrizione dei requisiti di base delle sedute e dalla tabella riepilogativa dei livelli minimi di prova in

Dettagli

Acquisti nelle scuole e settori prioritari del PAN GPP. Elementi chiave di una strategia di acquisti verdi nella scuola

Acquisti nelle scuole e settori prioritari del PAN GPP. Elementi chiave di una strategia di acquisti verdi nella scuola Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di SDI GROUP e del destinatario. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate, e possono essere

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

Come scrivere bandi con criteri di GPP? Paolo Fabbri paolo@punto3.info

Come scrivere bandi con criteri di GPP? Paolo Fabbri paolo@punto3.info Come scrivere bandi con criteri di GPP? Criteri di valutazione delle offerte I criteri sono dei requisiti oggettivi che definiscono il nostro acquisto. Immaginiamo di voler acquistare carta ecologica Acquisto

Dettagli

QUESTIONARIO PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Progetto LIFE+ Promise. Action B1: Awareness level survey. Sezione Anagrafica

QUESTIONARIO PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Progetto LIFE+ Promise. Action B1: Awareness level survey. Sezione Anagrafica QUESTIONARIO PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Progetto LIFE+ Promise Action B1: Awareness level survey Sezione Anagrafica Comune/Ente pubblico Popolazione residente (se trattasi di Comune/Provincia) Referente

Dettagli

Linee Guida per gli Acquisti Verdi nel settore turistico ricettivo : l esperienza della Provincia di Rimini.

Linee Guida per gli Acquisti Verdi nel settore turistico ricettivo : l esperienza della Provincia di Rimini. Linee Guida per gli Acquisti Verdi nel settore turistico ricettivo : l esperienza della Provincia di Rimini. Rimini, 6 giugno 2008 a cura di Maria Berrini e Emanuela Manca Gli acquisti verdi nel settore

Dettagli

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GREEN PUBLIC PROCUREMENT Il Green Public Procurement (GPP) o Acquisti Verdi è una modalità di acquisto, da parte delle pubbliche amministrazioni locali e nazionali,

Dettagli

CARTA D'IDENTITA' AMBIENTALE DELL'IMBALLO IN CARTA E CARTONE

CARTA D'IDENTITA' AMBIENTALE DELL'IMBALLO IN CARTA E CARTONE CARTA D'IDENTITA' AMBIENTALE DELL'IMBALLO IN CARTA E CARTONE Rigamonti Lucia, Grosso Mario Politecnico di Milano, Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, sezione ambientale CONTENUTI 2 Motivazioni

Dettagli

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International I.P. Europe & International LA storia VErA degli IMBALLAGGI VErdI SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. /gogreen Guardate il video Una storia vera Affermazioni green Fatti green Green Range L IMBALLAGGIO

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ECONOMICO/FINANZIARIO e di SUPPORTO. N. 20008 del 26-03-2014 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ECONOMICO/FINANZIARIO e di SUPPORTO. N. 20008 del 26-03-2014 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI TAVARNELLE VAL DI PESA PROVINCIA DI FIRENZE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ECONOMICO/FINANZIARIO e di SUPPORTO N. 20008 del 26-03-2014 OGGETTO: Gara carta 2014 CIG ZA40E292A7 IL

Dettagli

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO del documento Criteri ambientali minimi per l acquisto di arredi

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO del documento Criteri ambientali minimi per l acquisto di arredi INDICE RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO del documento Criteri ambientali minimi per l acquisto di arredi Scopo del documento... 1 Prodotti interessati... 1 Riferimenti per i Criteri Ambientali Minimi... 1

Dettagli

Fattori di rischio a scuola 2 a parte CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 2.1

Fattori di rischio a scuola 2 a parte CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 2.1 Fattori di rischio a scuola 2 a parte Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 2.1 Rischio nelle attività di pulizia I prodotti chimici Sono da considerare potenzialmente

Dettagli

Forest Stewardship Council. FAQ sull uso del marchio da parte dei detentori di certificati FSC

Forest Stewardship Council. FAQ sull uso del marchio da parte dei detentori di certificati FSC Forest Stewardship Council FAQ sull uso del marchio da parte dei detentori di certificati FSC Ci auguriamo che troverete gli standard del marchio FSC-STD-50-001 (V1-2) chiari e di facile impiego. Per qualsiasi

Dettagli

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it POSITION PAPER Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE 1 La sostenibilità ambientale della carta prodotta da fibre vergini o riciclate è oggi uno dei fattori in grado di

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

Allegato 2 al Piano d Azione Provinciale SCHEDE OPERATIVE PER L INSERIMENTO DEI CRITERI ECOLOGICI NELLA DOCUMENTAZIONE DI GARA

Allegato 2 al Piano d Azione Provinciale SCHEDE OPERATIVE PER L INSERIMENTO DEI CRITERI ECOLOGICI NELLA DOCUMENTAZIONE DI GARA Allegato 2 al Piano d Azione Provinciale SCHEDE OPERATIVE PER L INSERIMENTO DEI CRITERI ECOLOGICI NELLA DOCUMENTAZIONE DI GARA Introduzione Nel presente documento sono riportate le schede operative per

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

Cos è l FSC. Obiettivo di FSC. Il sistema di certificazione FSC: uno strumento per la riduzione del commercio di legno da tagli illegali

Cos è l FSC. Obiettivo di FSC. Il sistema di certificazione FSC: uno strumento per la riduzione del commercio di legno da tagli illegali Il sistema di certificazione FSC: uno strumento per la riduzione del commercio di legno da tagli illegali Processi di deforestazione e commercio da tagli illegali di legname: la responsabilità delle imprese

Dettagli

GPP (Green Public Procurement)

GPP (Green Public Procurement) GPP (Green Public Procurement) INDICE DEFINIZIONE OBIETTIVI CRONOLOGIA EUROPA CRONOLOGIA ITALIA NORMATIVA EUROPEA NORMATIVA NAZIONALE CRITERI AMBIENTALI MINIMI CARTA ARREDI PER UFFICIO, ARREDO URBANO,

Dettagli

F: Lavori di costruzione e riqualificazione edilizia

F: Lavori di costruzione e riqualificazione edilizia Criteri chiave Procura+ E: Attrezzature informatiche 4 Principali etichettature di prodotto Fiore Europeo Nordic Swan Personal computer e portatili www.eco-label.com Personal computer, fotocopiatrici,

Dettagli

Simone Ricotta ARPAT - AF Educazione Ambientale

Simone Ricotta ARPAT - AF Educazione Ambientale Simone Ricotta ARPAT - AF Educazione Ambientale Le attività di ARPAT per gli acquisti verdi pubblici riguardano: Attività interne, ossia l applicazione del GPP per i propri approvvigionamenti Attività

Dettagli

Classificazione dei rifiuti

Classificazione dei rifiuti Classificazione dei rifiuti DM di modifica dell allegato D ed I della parte quarta del d. lgs.152/06 Dott.ssa Giulia Sagnotti Ministero dell Ambiente Direzione Generale RIN Divisione Rifiuti DM di modifica

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI NIDO D INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V02 APRILE 2015

SERVIZI EDUCATIVI NIDO D INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V02 APRILE 2015 SERVIZI EDUCATIVI NIDO D INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V02 APRILE 2015 PRODOTTI PER L IGIENE I prodotti per l igiene quali i detergenti multiuso destinati alla pulizia

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI FOLLONICA DISCIPLINARE DI GARA

COMUNE DI FOLLONICA DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI FOLLONICA DISCIPLINARE DI GARA Per rispondere alle necessità operative di vari uffici dell Ente si effettua la gara per le seguenti forniture: QUANTITÀ DESCRIZIONE n. 1 PC n. 1 Monitor LCD TFT

Dettagli

Decisione 1999/568/CE (criteri ecologici per l'assegnazione del marchio comunitario di qualità ecologica alle lampade elettriche - Testo vigente)

Decisione 1999/568/CE (criteri ecologici per l'assegnazione del marchio comunitario di qualità ecologica alle lampade elettriche - Testo vigente) Reteambiente Normativa vigente - qualità Decisione 1999/568/CE (criteri ecologici per l'assegnazione del marchio comunitario di qualità ecologica alle lampade elettriche - Testo vigente) N.d.R.: il testo

Dettagli

http://www.assind.vi.it/notiziario/guideschede.nsf/p/guida_260

http://www.assind.vi.it/notiziario/guideschede.nsf/p/guida_260 Page 1 of 5 Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 03/10/2005. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea

Dettagli

INTERCENT-ER Agenzia regionale per lo sviluppo dei mercati telematici

INTERCENT-ER Agenzia regionale per lo sviluppo dei mercati telematici INTERCENT-ER Agenzia regionale per lo sviluppo dei mercati telematici RAZIONALIZZARE LA SPESA ACQUISTANDO VERDE Bologna, 21 Gennaio 2009 INTERCENT-ER, RUOLO E OBIETTIVI (1/2) Con la L.R. 11/2004 la Regione

Dettagli

SEMINARIO. Il recepimento della nuova direttiva rifiuti (D.Lgs. 3 dicembre 2010, n. 205 di recepimento della direttiva 2008/98/CE)

SEMINARIO. Il recepimento della nuova direttiva rifiuti (D.Lgs. 3 dicembre 2010, n. 205 di recepimento della direttiva 2008/98/CE) SEMINARIO Il recepimento della nuova direttiva rifiuti (D.Lgs. 3 dicembre 2010, n. 205 di recepimento della direttiva 2008/98/CE) Classificazione e gestione dei rifiuti pericolosi a cura di: Elisabetta

Dettagli

ECOLABEL PER PRODOTTI VERNICIANTI PER INTERNI

ECOLABEL PER PRODOTTI VERNICIANTI PER INTERNI ECOLABEL PER PRODOTTI VERNICIANTI MANUALE TECNICO APAT per ulteriori informazioni: APAT- Agenzia per la protezione dell'ambiente e per i servizi tecnici Servizio per le certificazioni ambientali settore

Dettagli

RICHIESTE DI CHIARIMENTO E RELATIVE RISPOSTE

RICHIESTE DI CHIARIMENTO E RELATIVE RISPOSTE RICHIESTE DI CHIARIMENTO E RELATIVE RISPOSTE DOMANDA N. 1 Disciplinare di gara pag 43 paragrafo 5.2 punto 4: copie debitamente sottoscritte, della certificazione ambientale ECF e/o TCF, attestante che

Dettagli

La Due Diligence per il mercato del legno

La Due Diligence per il mercato del legno Antonio Brunori PEFC Italia Isabella Nobili Dottore Forestale La Due Diligence per il mercato del legno Aspetti normativi, tecnici e pratici a tre mesi dall entrata in vigore del Regolamento EU 995/2010

Dettagli

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Schede delle azioni 1 Nota: nella individuazione dei criteri obbligatori e nell assegnazione dei punteggi a quelli facoltativi,

Dettagli

Acquisti verdi e sostenibili in Emilia-Romagna: l esperienza della centrale Intercent-ER

Acquisti verdi e sostenibili in Emilia-Romagna: l esperienza della centrale Intercent-ER ASSE E: Capacità istituzionale -Obiettivo specifico 5.5: Rafforzare ed integrare il sistema di governance ambientale Workshop L uso strategico degli acquisti pubblici verdi per un economia sostenibile

Dettagli

L etica al servizio del business

L etica al servizio del business L etica al servizio del business Laboratorio analisi Qualità Sicurezza Ambiente Formazione Via dei Bichi, 293 55100 Lucca Tel 0583.40011 Fax 0583.400300 www.ecolstudio.com info@ecolstudio.com ECOLABEL

Dettagli

Rispetto per l uomo e per l ambiente

Rispetto per l uomo e per l ambiente Rispetto per l uomo e per l ambiente Radicati in una gestione sostenibile delle foreste La chiave per il successo è l uomo. La gestione responsabile e rispettosa dell uomo e dell ambiente naturale in

Dettagli

Inserimento di criteri ambientale nell appalto del Servizio di tipografia

Inserimento di criteri ambientale nell appalto del Servizio di tipografia Inserimento di criteri ambientale nell appalto del Servizio di tipografia Scheda tecnica 1 Premessa Questo documento, elaborato nell'ambito del Servizio di Accompagnamento all attuazione della politica

Dettagli

LA COLTIVAZIONE DELLA CANAPA ED I SUOI POSSIBILI IMPIEGHI COMMERCIALI

LA COLTIVAZIONE DELLA CANAPA ED I SUOI POSSIBILI IMPIEGHI COMMERCIALI LA COLTIVAZIONE DELLA CANAPA ED I SUOI POSSIBILI IMPIEGHI COMMERCIALI WWW.PECOB.EU DICEMBRE 2012 La coltivazione della canapa è stata lungamente esclusa dalle possibilità commerciali a partire da secondo

Dettagli

Gli acquisti ecologici per le strutture alberghiere. Dr. Enrico Camurati IITD International Institute for Tourism and Development

Gli acquisti ecologici per le strutture alberghiere. Dr. Enrico Camurati IITD International Institute for Tourism and Development Gli acquisti ecologici per le strutture alberghiere Dr. Enrico Camurati IITD International Institute for Tourism and Development L ecologico sul mercato Marchi ecologici di prodotto Certificazioni ambientali

Dettagli

LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE

LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE EMOZIONI GREEN - Sintesi da Momenti Green - Mondi, Badia Campoleone 20 aprile 2010 1 giugno 2010 - pag. 1 ENVIROMENTAL = AMBIENTALE Per Impatto Ambientale si intende

Dettagli

ECOLABEL criteri per l assegnazione. di un marchio comunitario di qualità ecologica

ECOLABEL criteri per l assegnazione. di un marchio comunitario di qualità ecologica ECOLABEL criteri per l assegnazione di un marchio comunitario di qualità ecologica Requisiti degli imballaggi e informazioni richieste sulle confezioni >> Ottobre 2015 INDICE Introduzione 2 Validità dei

Dettagli

Disciplinare di Gara: All. A - SCHEDE TECNICHE

Disciplinare di Gara: All. A - SCHEDE TECNICHE Disciplinare di Gara: All. A - SCHEDE TECNICHE 001-01 002-01 001-02 002-02 (01) Istituto Comprensivo CIVITAVECCHIA 1 BANCO-TAVOLINO BIPOSTO per Scuola Primaria I - II ciclo Struttura portante formata da

Dettagli

Introduzione 2. Validità dei criteri Ecolabel 3. Ammendanti 4. Substrati di coltivazione 5. Apparecchiature per la riproduzione di immagini 6

Introduzione 2. Validità dei criteri Ecolabel 3. Ammendanti 4. Substrati di coltivazione 5. Apparecchiature per la riproduzione di immagini 6 Lugl i o2014 ECOLABEL Criteri per l assegnazione - LINEE GUIDA A CURA DI COMIECO 1 GRUPPI DI PRODOTTI Introduzione 2 Validità dei criteri Ecolabel 3 Ammendanti 4 Substrati di coltivazione 5 Apparecchiature

Dettagli

PEFC. Programme for the Endorsement of Forest Certification schemes

PEFC. Programme for the Endorsement of Forest Certification schemes PEFC Programme for the Endorsement of Forest Certification schemes Filiera della produzione e packaging ecosostenibili per un prodotto alimentare di qualità Dott. For Antonio Brunori Quali sfide per l

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

Gli Acquisti Verdi di Intercent-ER: Risultati raggiunti e prossime iniziative. Bologna, 5 maggio 2009

Gli Acquisti Verdi di Intercent-ER: Risultati raggiunti e prossime iniziative. Bologna, 5 maggio 2009 Gli Acquisti Verdi di Intercent-ER: Risultati raggiunti e prossime iniziative Bologna, 5 maggio 2009 SOMMARIO L impegno di Intercent-ER per il GPP Alcuni risultati: meno CO2, più alberi Iniziative in corso

Dettagli

Prodotti SCA con certificazione forestale

Prodotti SCA con certificazione forestale Prodotti SCA con certificazione forestale PE FC /05-33-132 Promoting Sustainable Forest Management www.pefc.org PERCHÈ È IMPORTANTE? La certificazione forestale rappresenta l anello di congiunzione tra

Dettagli

DUREVOLE, STABILE & SOSTENIBILE. legno modificato Accsys Technologies

DUREVOLE, STABILE & SOSTENIBILE. legno modificato Accsys Technologies DUREVOLE, STABILE & SOSTENIBILE legno modificato Accsys Technologies BENVENUTI NEL FUTURO DEL LEGNO Immaginate un legno massiccio proveniente da foreste sostenibili a crescita rapida, totalmente atossico,

Dettagli

Direttiva Coop Oecoplan

Direttiva Coop Oecoplan Informazione: Sostenibilità Coop Tel. +41 61 336 71 00 Nachhaltigkeit@coop.ch Approvata da: Coop, Direzione 3 Marketing/Acquisti: 22.03.2016 (sostituisce la versione di settembre 2014) Lingue: tedesco,

Dettagli

Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo. Settore Logistica e Fornitori Ufficio Analisi e liquidazioni

Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo. Settore Logistica e Fornitori Ufficio Analisi e liquidazioni Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Settore Logistica e Fornitori Ufficio Analisi e liquidazioni FORNITURA DI CARTA PER STAMPE E COPIE PER GLI UFFICI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Adattamento dello standard FSC di Catena di Custodia alle direttive della EU Timber Regulation

Adattamento dello standard FSC di Catena di Custodia alle direttive della EU Timber Regulation Adattamento dello standard FSC di Catena di Custodia alle direttive della EU Timber Regulation Versione italiana delle più recenti note informative introdotte nella Direttiva FSC-DIR-40-004 40-004-08:

Dettagli

La Classificazione Dei Rifiuti Pericolosi

La Classificazione Dei Rifiuti Pericolosi La Classificazione Dei Rifiuti Pericolosi Definizione di rifiuto (D. Lgs. 152/06 art. 183, c. 1a) Rifiuto: Qualsiasi sostanza od oggetto che rientra nelle categorie dell all. A alla parte IV del D.lgs.

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

31/03/2012 Fortunato Silvio Tangorra Valerio 3A Itis Albert Einstein, Roma

31/03/2012 Fortunato Silvio Tangorra Valerio 3A Itis Albert Einstein, Roma 31/03/2012 Fortunato Silvio Tangorra Valerio 3A Itis Albert Einstein, Roma Ciclo Ciclo dei dei rifiuti rifiuti Indice Indice 11 Raccolta Raccoltadifferenziata differenziata 11 Riciclaggio Riciclaggio 1/3

Dettagli

Tabella dei principali marchi ambientali e sociali di prodotto e di processo

Tabella dei principali marchi ambientali e sociali di prodotto e di processo UNI-EN ISO TR 14021 International Organization for Standardization Autodichiarazioni ambientali per prodotti e servizi di consumo a scopo informativo senza obbligo di verifica esterna indipendente. Ad

Dettagli

Innovazione e qualità

Innovazione e qualità Innovazione e qualità La filosofia dell azienda si basa fin dagli anni 70 sulla ricerca della qualità per garantire al consumatore finale un prodotto fresco e sano TEDALDI L azienda Tedaldi, con sede principale

Dettagli

Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0. - Protocollo - INDICE. Il Consorzio PolieCo 2. Scopo del Protocollo 2.

Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0. - Protocollo - INDICE. Il Consorzio PolieCo 2. Scopo del Protocollo 2. Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0 - Protocollo - INDICE Il Consorzio PolieCo 2 Scopo del Protocollo 2 Definizioni 3 1 Marchio base/marchio Base Mix (KM0 KM0 MIX) 3 2 Marchio Oro (KM0

Dettagli

GREENWASHING. Irrilevante Falso Senza prove. Etichette simili

GREENWASHING. Irrilevante Falso Senza prove. Etichette simili GREENWASHING Trade-off Irrilevante Falso Senza prove Vago Etichette simili Minor male Su 2.219 prodotti in USA e Canada con richiami ambientali solo 25 non presentavano false dichiarazioni www.sinsofgreenwashing.com

Dettagli

2. ART. ARTIGIANATO TIPICO

2. ART. ARTIGIANATO TIPICO 2. ART. ARTIGIANATO TIPICO 2.1. SEZIONE I: PREREQUISITI Nota. Vengono definiti in questa sezione i prerequisiti che consentono alle aziende di richiedere l adesione all iniziativa. PRA 1. L azienda, o

Dettagli

La garanzia che il tuo prodotto è davvero green.

La garanzia che il tuo prodotto è davvero green. Certificazione delle Asserzioni Ambientali di Prodotto La garanzia che il tuo prodotto è davvero green. Tutti dicono di essere green. Ma non tutti dicono la verità. GREEN VERO GREEN IMQ-ECO. LA CERTIFICAZIONE

Dettagli

Edilizia sostenibile (bio-edilizia)

Edilizia sostenibile (bio-edilizia) Edilizia sostenibile (bio-edilizia) - L.R. 4/07 - L.R. 14/09 LINEE GUIDA - IL PROTOCOLLO ITACA - IL PREZZARIO - IL CAPITOLATO SPECIALE - Ing. Stefano Talato Dirigente Osservatorio Regionale Appalti 05/05/2011

Dettagli

REGOLE IN MATERIA DI SOSTENIBILITA PER GLI ACQUISTI E L UTILIZZO DI CARTA E DI MATERIALI DERIVATI

REGOLE IN MATERIA DI SOSTENIBILITA PER GLI ACQUISTI E L UTILIZZO DI CARTA E DI MATERIALI DERIVATI REGOLE IN MATERIA DI SOSTENIBILITA PER GLI ACQUISTI E L UTILIZZO DI CARTA E DI MATERIALI DERIVATI Giugno 2011 INDICE PREMESSA... 3 AMBITO DI APPLICAZIONE E DESTINATARI... 3 REGOLE... 3 Gestione efficiente

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Articolo numero: FINOSILIN PLUS Cristalli adesivi 11584 / 11588 1.2. Usi

Dettagli

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone Introduzione La politica integrata dei prodotti (IPP), secondo quanto riportato nel Libro Verde della Commissione

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 5.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 65/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/27/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 che modifica le direttive 92/58/CEE,

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 15 dicembre 2006

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 15 dicembre 2006 6.2.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 32/137 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 che istituisce criteri ecologici aggiornati e i rispettivi requisiti di valutazione e verifica

Dettagli

S E R I E G E N E R A L E

S E R I E G E N E R A L E S E R I E G E N E R A L E Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 156 - Numero 50 UFFICIALE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DEGLI ACQUISTI PUBBLICI ECOLOGICI

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DEGLI ACQUISTI PUBBLICI ECOLOGICI Protocollo d Intesa per la promozione degli Acquisti Pubblici Ecologici Aggiornamento 2011 PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DEGLI ACQUISTI PUBBLICI ECOLOGICI PREMESSO CHE L art. 6 della versione consolidata

Dettagli

Soluzioni per l imballaggio in legno nel rispetto dell Uomo e dell Ambiente

Soluzioni per l imballaggio in legno nel rispetto dell Uomo e dell Ambiente Soluzioni per l imballaggio in legno nel rispetto dell Uomo e dell Ambiente Storia L azienda Gava presente nel mercato italiano dell imballaggio in legno (Pallets) dal 1960, è stata fondata dal Cav. Uff.

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

ECOLABEL PER CARTA PER COPIA E CARTA GRAFICA

ECOLABEL PER CARTA PER COPIA E CARTA GRAFICA ECOLABEL PER CARTA PER COPIA MANUALE TECNICO APAT per ulteriori informazioni: APAT- Agenzia per la protezione dell'ambiente e per i servizi tecnici Unità di supporto tecnico per la concessione del marchio

Dettagli

Servizi di pulizia ed altri servizi per le Scuole ed i Centri di Formazione - Criteri di sostenibilità

Servizi di pulizia ed altri servizi per le Scuole ed i Centri di Formazione - Criteri di sostenibilità Servizi di pulizia ed altri servizi per le - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro

Dettagli

Sviluppata nel rispetto della natura.

Sviluppata nel rispetto della natura. Future Paper Sviluppata nel rispetto della natura. Seriously 2 Seriously Future ama la natura. IL CICLO DI VITA SANO Un ciclo di vita sano della carta è un impegno comune in cui tutti devono dare il proprio

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE )

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE ) 1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA 1.1. Denominazione commerciale: Filtro in Fibra di Vetro (Tipo VBB) 1 (180g/m 2 ) 1.2. Società distributrice: D.L.G.

Dettagli

Relazione sull attuazione della direttiva 1999/13/CE sulla limitazione delle emissioni di composti organici volatili

Relazione sull attuazione della direttiva 1999/13/CE sulla limitazione delle emissioni di composti organici volatili Relazione sull attuazione della direttiva 1999/1/CE sulla limitazione delle emissioni di composti organici volatili (redatta ai sensi dell articolo 11 della direttiva 1999/1/CE secondo il formato stabilito

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI PLASTICI IN POLIPROPILENE CON CONTENUTO RICICLATO

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI PLASTICI IN POLIPROPILENE CON CONTENUTO RICICLATO PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER PRODOTTI PLASTICI IN 0 15/03/2012 RQ LTM 1 di 7 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...3 2. TERMINOLOGIA...3 2.1 RICICLO DI MATERIALI PLASTICI...3 2.2 MATERIALE PLASTICO

Dettagli

ASPETTI RELATIVI AL QUADRO GIURIDICO DEL REGOLAMENTO SUL LEGNO IN VISTA DELL ELABORAZIONE DI ORIENTAMENTI INTRODUZIONE

ASPETTI RELATIVI AL QUADRO GIURIDICO DEL REGOLAMENTO SUL LEGNO IN VISTA DELL ELABORAZIONE DI ORIENTAMENTI INTRODUZIONE ASPETTI RELATIVI AL QUADRO GIURIDICO DEL REGOLAMENTO SUL LEGNO IN VISTA DELL ELABORAZIONE DI ORIENTAMENTI INTRODUZIONE Il regolamento (UE) n. 995/2010, che stabilisce gli obblighi degli operatori che commercializzano

Dettagli