I prodotti pirotecnici leciti ed illegali - Petardi, stelle filanti, cipolla, pallone di maradona fabbricazione, vendita, acquisto, scoppio -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I prodotti pirotecnici leciti ed illegali - Petardi, stelle filanti, cipolla, pallone di maradona fabbricazione, vendita, acquisto, scoppio -"

Transcript

1 I prodotti pirotecnici leciti ed illegali - Petardi, stelle filanti, cipolla, pallone di maradona fabbricazione, vendita, acquisto, scoppio - La normativa di riferimento R.D. 773/31 ed s.m. - Tulps; L. 110/75 ed s.m. - Norme integrative per il controllo delle armi, delle munizioni e degli esplosivi; R.D. 1398/30 ed s.m. Codice penale; L. 895/67 ed s.m. - Disposizioni per il controllo delle armi. Il materiale esplosivo La terminologia e la normazione di principio sugli esplosivi (denominazione, vendita, deposito, fabbricazione, licenza, scoppio ecc.) fra cui rientrano i prodotti pirotecnici ci viene indicata dagli artt. 46 e seguenti del Tulps, dagli artt. 81 e seguenti del Reg. Esec., dal relativo allegato A e dalle nuove denominazioni trascritte nelle Comunicazioni dei Provvedimenti Ministeriali di classificazione e/o declassificazione; per esempio: il Comunicato Ministeriale del 29/08/08 Ministero dell Interno - Riconoscimento e classificazione di alcuni manufatti esplosivi con la pubblicazione dei singoli Decreti elenca il nuovo materiale esplosivo della cat. IV^: sfera a millefiori verde, granata calibro, pirotecnica teanese srl 75CI-BL. I vari Decreti Ministeriali assegnano una specie di omologazione ai manufatti pirotecnici di nuova realizzazione consentendone la fabbricazione, la vendita ecc.; si ricordi che la denominazione, la sigla ed il nome di fantasia del prodotto pirotecnico dovrà essere sempre uguale alla denominazione indicata nel Decreto Ministeriale. Classificazione generale dei prodotti L allegato A del Regolamento di esecuzione del Tulps suddividendoli in categorie e gruppi: Categorie dalla I^ alla V^; Gruppi dal -A- al E- distingue i vari prodotti esplosivi Categoria I^ Polveri e prodotti affini negli effetti esplodenti Categoria II^ Dinamiti e prodotti affini negli effetti esplodenti Categoria III^ Detonatori e prodotti affini negli effetti esplodenti Categoria IV^ Artifici e prodotti affini negli effetti esplodenti 1

2 Categoria V^ Munizioni di sicurezza e giocattoli pirici I prodotti della categoria V^ gruppo C Tali manufatti rientrano tra quelli sottoposti alle autorizzazioni di polizia per: la vendita, la fabbricazione e lo scoppio. Unica eccezione, la possibilità dell acquisto libero da parte del maggiorenne che dovrà solamente esibire la carta di identità al commerciante che ne annoterà gli estremi sull apposito registro. I prodotti declassificati o non classificati (v. circolare Ministero dell Interno 557/PAS XV.H.8 del 06/12/07 in cui, oltre a dettare delle linee guida per la prevenzione e vigilanza sul commercio e sulla detenzione degli artifici pirotecnici, elenca la serie di prodotti per la libera vendita riconosciuti nell anno 2007: - Bengala bacchettone R85, Lume Fireman mini verde ecc.). I manufatti da divertimento, prodotti declassificati ovvero riconosciuti e non considerati esplodenti, non sono soggetti al regime autorizzativo del Tulps. Classificazione giurisprudenziale Oltre alla sopraindicata distinzione (All. A del Reg. Esec), la Suprema Corte, orientandosi sulle capacità micidiali dei prodotti, li ha distinti in: 1. manufatti esplosivi, prodotti dotati di intrinseco potere devastante, quindi molto micidiali; 2. sostanze esplodenti, prodotti dotati di un minor potere devastante, quindi con meno micidialità. Rispettivamente, i manufatti di cui al nostro punto 1. sono stati assimilati alle armi da guerra e regolamentati dalle Leggi 895/67 e 110/75, mentre, quelli di cui al punto 2., privi di caratteristiche micidiali, sono stati ricondotti alle disposizioni degli artt. 678 e 679 del Codice penale. La giurisprudenza afferma che per le sostanze esplodenti (quindi, non micidiali) sanzionate dagli artt. 678 e 679 potranno essere ipotizzati gli estremi di reato più gravi- puniti dalle Leggi 895/67 e 110/75 qualora: le circostanze, la qualità e la quantità del manufatto possa provocare un pericolo micidiale con effetti distruttivi. Etichettatura Tra le righe della normativa vigente, dell ordinanza del Consiglio di Stato n 6235/07 e della circolare del Ministero della Pubblica Sicurezza n 557/PAS.945.XV.H.MASS (53) del 08/03/08, in merito alla etichettatura, si legge esigenza di tutela dell incolumità pubblica individuale e collettiva l obbligo di etichettatura dei prodotti pirotecnici è sancito, oltre che da specifiche disposizioni comunitarie, dalle norme nazionali generali in materia della pubblica sicurezza e del consumatore. L etichettatura precisa e chiara che contraddistinguerà tutti i manufatti pirotecnici dovrà riportare: Denominazione del prodotto; Categoria di appartenenza e gruppo; Autorizzazione ministeriale; 2

3 Peso netto miscela esplodente; Peso miscela esplodente con l involucro; Importatore; Anno di produzione; Stabilimento di produzione; Indicazioni per il corretto utilizzo; Per i declassificati l indicazione vendita vietata ai minori di anni 14- e la trascrizione degli estremi del provvedimento ministeriale; Per quelli classificati l informativa vendita ed utilizzo esclusivo ai maggiorenni nel rispetto delle leggi e/o prescrizioni di P.S. Vendita dei prodotti declassificati ai minori degli anni 14 L etichetta posta sull involucro indica: giocattolo pirotecnico declassificato ed ai sensi del D.lvo 313/91 non rientrando nell elenco dei giocattoli sarà sicuramente leggibile la trascrizione vendita vietata ai minori di anni 14 ; potrà essere acquistato/sparato senza le autorizzazioni di p.s. e mai essere venduto né tantomeno usato da soggetti minori di anni 14. La vendita ai minori di anni quattordici sarà sanzionata ai sensi degli artt. 104 c. 6 e 112 c. 5 del Codice del consumo; - DECRETO LEGISLATIVO 6 settembre 2005, n Codice del consumo, a norma dell'articolo 7 della legge 29 luglio 2003, n Art. 104 comma 6. Il distributore deve agire con diligenza nell'esercizio della sua attività per contribuire a garantire l'immissione sul mercato di prodotti sicuri; in particolare e' tenuto: a) a non fornire prodotti di cui conosce o avrebbe dovuto conoscere la pericolosità in base alle informazioni in suo possesso e nella sua qualità di operatore professionale. Art. 112 comma 5. Salvo che il fatto costituisca reato, il produttore che violi le disposizioni di cui all'articolo 104, commi 2, 3, 5, 7, 8 e 9, ed il distributore che violi le disposizioni di cui al medesimo art. 104, commi 6, 7, 8 e 9, sono soggetti ad una sanzione amministrativa compresa fra euro e euro. Vendita dei prodotti non riconosciuti Rientrano in questa categoria le sostanze ed i manufatti esplosivi, tra cui quelli pirotecnici, che confezionati in qualsiasi modo non hanno mai ottenuto il riconoscimento ministeriale (anche assemblando o miscelando dei prodotti singolarmente classificati si ottiene un manufatto illegale). Vendita ambulante Nessuna licenza per la c.d. vendita ambulante dei prodotti esplosivi della Cat. I^, II^, III^, IV^ e V^ potrà essere mai rilasciata, in quanto, le disposizioni legislative di riferimento permettono solo il rilascio della licenza ministeriale o prefettizia per lo svolgimento dell attività in sede fissa; nei limiti della disciplina sul commercio ambulante, potranno essere posti in vendita solamente i prodotti declassificati. Per l illecita vendita si procederà tenendo conto della categoria di appartenenza e della loro micidialità. La custodia dei manufatti sequestrati Per adempiere alla custodia penale dei prodotti pirotecnici la circolare - Ministero dell Interno n 557/PAS XV.H.8 del 6/12/07 testualmente riporta: gli eventuali artifizi comunque sequestrati dovranno essere affidati, in custodia giudiziale e secondo criteri cautelativi, anche per le esigenze del maneggio e del trasporto, esclusivamente ai titolari di locali, civili o militari, autorizzati al deposito di 3

4 manufatti di IV^ e V^ categoria, nei limiti qualitativi e quantitativi previsti dalle relative licenze. Ulteriori speciali cautele, con riguardo alla loro maggiore pericolosità oggettiva, saranno poste per i prodotti non riconosciuti. Particolare cura dovrà essere posta nell evidenziare alla competente autorità giudiziaria l esigenza, a tutela della sicurezza dei depositi nella disponibilità del custode giudiziale, dell incolumità pubblica e compatibilmente con le esigenze processuali, di procedere nei tempi più stretti, alla destinazione definitiva degli artifizi sequestrati (che, ove si tratti di materiali illecitamente prodotti o commercializzati, è sempre disposta la distruzione controllata in contesti autorizzati allo smaltimento di esplodenti e mediante forni, o altre metodologie, conformi alle normative ambientali), mantenendo, per le esigenze probatorie, gli esami e le perizie, i campioni che saranno ritenuti necessari, al fine del corretto indirizzo delle attività operative. Segnalazioni agli organi competenti Comunicazione degli accertamenti, delle violazioni e delle procedure adottate dovranno essere inoltrate oltre che alle autorità destinatarie degli atti (es. sequestro/cnr alla Procura della Repubblica) anche, per gli adempimenti di rispettiva competenza, ai seguenti uffici: Prefettura UTG -Area Ordine e sicurezza pubblica; Questura: -Ufficio di Gabinetto; -Divisione Polizia anticrimine; -Divisione Polizia amministrativa e sociale. Tavola sinottica violazioni prodotti pirotecnici Ipotesi reato Descrizione Pena Note Art 47 TULPS Art 47 TULPS Art. 1 L. 895/67 Senza la prescritta licenza del Prefetto e/o senza le prescritte cautele: fabbricava; teneva in deposito; vendeva; trasportava fuochi artificiali (non declassificati non di libera vendita). Effettuava la vendita ambulante di fuochi artificiali (non declassificati non di libera vendita) che per le circostanze e la quantità non facevano ravvisare micidialità. Effettuava la vendita ambulante di fuochi artificiali (non declassificati non di libera vendita) che per le circostanze e la quantità facevano ravvisare un alto grado di micidialità. Senza che fossero debitamente riconosciuti dal Ministero dell Interno fabbricava, teneva in casa o altrove, trasportava o vendeva, anche negli stabilimenti, laboratori, depositi o spacci autorizzati: fuochi d artificio, prodotti pirotecnici e/o simili. (Quando per le circostanze di luogo, di NON si ravvisi la micidialità). Alterava, modificava la composizione di un prodotto esplodente riconosciuto del Ministero dell interno. (Quando per le circostanze di luogo, di 4 Reclusione da 3 a 12 anni e multa da 413 a Giurisprudenza consolidata afferma che la presente violazione non concorre con l ipotesi di cui all art. 679 Giurisprudenza consolidata afferma che la presente violazione non concorre con l ipotesi di cui all art. 679 c. 1

5 Art. 24 L.110/75 Art. 24 L.110/75 1 a Ipotesi 2 a Ipotesi ultimo comma 1 a Ipotesi ultimo comma 2 a Ipotesi Art 57 c. 1 TULPS Art 703 C.p. Art 57 c. 2 TULPS Art 703 C.p. NON si ravvisi la micidialità). Senza che fossero debitamente riconosciuti dal Ministero dell Interno fabbricava, teneva in casa o altrove, trasportava o vendeva, anche negli stabilimenti, laboratori, depositi o spacci autorizzati: fuochi d artificio, prodotti pirotecnici e/o simili. (Quando per le circostanze di luogo, di SI ravvisi la micidialità). Alterava, modificava la composizione di un prodotto esplodente riconosciuto del Ministero dell interno. (Quando per le circostanze di luogo, di SI ravvisi la micidialità). Esercente di fabbrica, deposito o rivendita di esplosivi vendeva e/o cedeva materiale esplodente di cat. I, II, III, IV ovvero V gruppo A e B (prodotti pirotecnici) a soggetti privi del titolo: porto d armi e/o nulla osta del questore. Esercente di fabbrica, deposito o rivendita di esplosivi vendeva e/o cedeva materiale esplodente (prodotti pirotecnici) di cat. V gruppo C a soggetti: non maggiorenni; che non esibivano la carta d identità. In qualità di acquirente riceveva materiale esplodente di cat. I, II, III, IV ovvero V gruppo A e B (prodotti pirotecnici) sebbene privo del titolo: porto d armi e/o nulla osta del questore In qualità di acquirente riceveva materiale esplodente (prodotti pirotecnici) di cat. V gruppo C sebbene: non maggiorenne; senza esibire la carta d identità. Privo della licenza dell autorità locale di p.s. accendeva fuochi d artificio in luogo abitato, nelle sue adiacenze o lungo una pubblica via. Sebbene vietato dal TULPS sparava ovvero simili prodotti. mortaretti Reclusione da 6 mesi a 3 anni e multa da 247 a Reclusione da 6 mesi a 3 anni e multa da 247 a Arresto da 9 mesi a 3 anni e ammenda non inferiore a 154,00 Arresto da 9 mesi a 3 anni e ammenda non inferiore a 154,00 Arresto sino a 18 sino ad 154,00 Arresto sino a 18 sino ad 154,00 Ammenda fino a 103,0 Ammenda fino a 103,0 Art 679 c. 1 C.p. Perché ometteva di comunicare/denunciare all autorità il possesso/detenzione di qualsiasi specie di materiali esplodenti. Art 679 c. 2 C.p. Artt 104 c. 6 e 112 c. 5 D.l.vo 6 settembre 2005, n. 206 Chiunque avendo notizia che in un luogo da lui abitato si trovavano materie esplodenti, ometteva di comunicarlo/denunciarlo all autorità. Sebbene a conoscenza della pericolosità e del divieto indicato nell involucro vendeva a soggetti di età inferiore ai 14 anni dei prodotti pirotecnici declassificati. arresto fino a 12 mesi o con l ammenda fino a 371 ammenda fino a a P.M.R Sequestro amministrativo ex art. 13 L. 689/81 5

STRALCIO CIRCOLARE TELEGRAFICA 557/PAS.21221-XV.H.8 del 04.12.2009

STRALCIO CIRCOLARE TELEGRAFICA 557/PAS.21221-XV.H.8 del 04.12.2009 DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA Ufficio per l Amministrazione Generale Ufficio per gli Affari della Polizia Amministrativa e Sociale STRALCIO CIRCOLARE TELEGRAFICA 557/PAS.21221-XV.H.8 del 04.12.2009

Dettagli

CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi PREMESSA

CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi PREMESSA CITTÀ DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE COMANDO Ufficio Studi OGGETTO: Polizia Giudiziaria e di Sicurezza. Artifici pirotecnici. CIRCOLARE N. 172 PREMESSA Come noto, in determinati periodi

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 142 Operativa OGGETTO: Polizia Giudiziaria e di Sicurezza. Fuochi pirotecnici. Circolare ministeriale

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO. CIRCOLARE URGENTE 05 dicembre 2008 n. 557/PAS.17295-XV.H.8

MINISTERO DELL INTERNO. CIRCOLARE URGENTE 05 dicembre 2008 n. 557/PAS.17295-XV.H.8 MINISTERO DELL INTERNO CIRCOLARE URGENTE 05 dicembre 2008 n. 557/PAS.17295-XV.H.8 Dipartimento della Pubblica Sicurezza OGGETTO: Prevenzione e vigilanza sul commercio e la detenzione illeciti di artifici

Dettagli

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi ~~~~~~o~~~~~~

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi ~~~~~~o~~~~~~ COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi ~~~~~~o~~~~~~ COPIA Ordinanza del Sindaco n. 3 del 18/12/2015 Oggetto: DIVIETO DI UTILIZZO DI PETARDI, BOTTI E ARTIFICI PIROTECNICI DI OGNI GENERE SU TUTTO

Dettagli

Prefettura di Avellino Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Avellino Ufficio Territoriale del Governo PROT. N. 7547/7A-7B-7D/P.A. Avellino, 16.12.2013 AL SIGNOR QUESTORE DI AL SIGNOR COMANDANTE PROVINCIALE CARABINIERI DI AL SIGNOR COMANDANTE PROVINCIALE GUARDIA DI FINANZA AL SIGNOR COMANDANTE PROVINCIALE

Dettagli

CIRCOLARE TELEGRAFICA URGENTE. 557/PAS.17295-XV.H.8 Roma, 5 dicembre 2008

CIRCOLARE TELEGRAFICA URGENTE. 557/PAS.17295-XV.H.8 Roma, 5 dicembre 2008 DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA CIRCOLARE TELEGRAFICA URGENTE 557/PAS.17295-XV.H.8 Roma, 5 dicembre 2008 OGGETTO: Prevenzione e vigilanza sul commercio e la detenzione illeciti di artifici pirotecnici

Dettagli

Autore: Marco Baffa 1

Autore: Marco Baffa 1 NORMATIVA SUGLI ARTIFICI PIROTECNICI. In occasione delle feste natalizie e dei festeggiamenti carnevaleschi, si registra un notevole incremento nell utilizzo con lancio ovvero accensione di prodotti e

Dettagli

Si procede in dettaglio ad un esame della normativa applicabile in tale settore.

Si procede in dettaglio ad un esame della normativa applicabile in tale settore. Documento della Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro sulla problematica Articoli pirotecnici. Impianti di produzione e deposito A seguito degli incidenti mortali verificatisi

Dettagli

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO''

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO'' PER IL CONTENUTO DI QUESTA SEZIONE SI RINGRAZIA LA RIVISTA ARMI MAGAZINE CHE HA MESSO A DISPOSIZIONE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELL'ARTICOLO ''COMPRARE UN'ARMA'' AGGIORNATO A OTTOBRE 2004 L'ACQUISTO DELLE

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Giovedì, 22 aprile 2010 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Giovedì, 22 aprile 2010 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma Anno 151 - Numero 93 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA PARTE PRIMA Roma - Giovedì, 22 aprile

Dettagli

Traccia 1. 2. Chi conferisce la qualità di agente di pubblica sicurezza a norma della Legge 65/1986?

Traccia 1. 2. Chi conferisce la qualità di agente di pubblica sicurezza a norma della Legge 65/1986? Traccia 1 1. Il Sindaco ha competenza in materia di ordine e sicurezza pubblica? A) No; B) Si, ma solo nei Comuni con meno di 1.000 abitanti; C) Si: 2. Chi conferisce la qualità di agente di pubblica sicurezza

Dettagli

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito Prevenzione incendi: il Ministero dell Interno ha emanato chiarimenti in merito all applicazione del regolamento di semplificazione antincendio (lettera circolare del 18 aprile 2012 prot. n. 0005555) Canale:

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione OGGETTO: CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 134 Operativa Attività Produttive. D.lgs 11 Aprile 2011 n. 54 recante Attuazione

Dettagli

Comune di Valsamoggia Provincia di Bologna

Comune di Valsamoggia Provincia di Bologna Provincia di Bologna Servizio Proponente : Sindaco REGISTRO ORDINANZE N. 406 DEL 24/12/2014 ORDINANZA OGGETTO: MATERIALE PIROTECNICO E BOTTI DI CAPODANNO - ORDINANZA (Provincia di Bologna) IL SINDACO Rilevato:

Dettagli

Oggetto: Commercio di prodotti pirotecnici. Nuove quantità detenibili. Smaltimentop delle scorte di prodotti con le vecchie etichette.

Oggetto: Commercio di prodotti pirotecnici. Nuove quantità detenibili. Smaltimentop delle scorte di prodotti con le vecchie etichette. Ufficio Legislativo e Affari Giuridici Roma, 5 dicembre 2012 Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI Ai Responsabili territoriali dell Area Commercio Ai Dirigenti Assotabaccai Loro sedi

Dettagli

Comune di Villa guardia

Comune di Villa guardia Comune di Villa guardia UFFICIO COMMERCIO Informativa agli esercenti per l installazione di apparecchi e congegni per il gioco lecito. Con questo scritto l Ufficio intende fornire le informazioni essenziali

Dettagli

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività Temporanea

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività Temporanea Da inoltrare per via telematica Spett. S.U.A.P. presso il Comune di 85050 Sarconi PZ SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività Temporanea Accensione Fuochi di Artificio ex art.57 T.U.L.P.S. (d.p.r.

Dettagli

Artt. 22, 23, 24 D. Lgs. 9.04.2008, n. 81

Artt. 22, 23, 24 D. Lgs. 9.04.2008, n. 81 I DEBITORI ESTERNI DI SICUREZZA Artt. 22, 23, 24 D. Lgs. 9.04.2008, n. 81 EVOLUZIONE STORICA 1. ART. 7, D.P.R. 27.4.1955, N. 547; 2. ART. 6, D. LGS. 19.9.1994, N. 626 EVOLUZIONE STORICA ART. 7, D.P.R.

Dettagli

Distruzione e smaltimento di scarti esplosivi

Distruzione e smaltimento di scarti esplosivi Distruzione e smaltimento di scarti esplosivi Primis srl Via Taverna dell'alba, 3 65024 Manoppello (Pe) www.primissrl.it Leo Cipressi Presentazione La PRIMIS srl commercializza in esclusiva i servizi di

Dettagli

DROGHE. D.P.R. 309/90 modificato dalla L. 21 febbraio 2006, n. 49

DROGHE. D.P.R. 309/90 modificato dalla L. 21 febbraio 2006, n. 49 DROGHE D.P.R. 309/90 modificato dalla L. 21 febbraio 2006, n. 49 Droghe Sono droghe tutte le sostanze che agiscono sul sistema nervoso centrale e modificano le sensazioni, le reazioni, la personalità e

Dettagli

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti

L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti L etichettatura dei prodotti alimentari: la normativa europea (REG UE n. 1169/11 ) Paola Rebufatti SANZIONI Il panorama giurisprudenziale è rappresentato principalmente da: Codice penale D. L.gs n. 109/92

Dettagli

INADEMPIENZE LEGATE ALLA DATA DI SCADENZA: CASI DI SEQUESTRO LA SITUAZIONE EUROPEA

INADEMPIENZE LEGATE ALLA DATA DI SCADENZA: CASI DI SEQUESTRO LA SITUAZIONE EUROPEA INADEMPIENZE LEGATE ALLA DATA DI SCADENZA: CASI DI SEQUESTRO LA SITUAZIONE EUROPEA Prof. a c. avv. Gianclaudio Andreis Studio dell avvocato Andreis e Associati Torino Milano gianclaudio.andreis@andreiseassociati.it

Dettagli

Il testo unico delle leggi di pubblica sicurezza

Il testo unico delle leggi di pubblica sicurezza Il testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 1. R.D. 18 giugno 1931, n. 773. Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (Suppl. ord. alla Gazzetta Ufficiale n. 146 del 26 giugno 1931) ( 1 ). ( 1

Dettagli

AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE,PRODUTTIVE E COMMERCIALI DEL COMUNE DI TARQUINIA LIDO

AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE,PRODUTTIVE E COMMERCIALI DEL COMUNE DI TARQUINIA LIDO Roma, 15 Maggio 2012 Protocollo: U/207/2012 AL SIG. SINDACO COMUNE DI TARQUINIA LIDO AL SEGRETARIO GENERALE COMUNE DI TARQUINIA LIDO AL SIG. QUESTORE QUESTURA DI VITERBO AL SIG. PREFETTO PREFETTURA DI

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.25-BIS.1 D.LGS. 231/01 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO

Dettagli

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di 1 SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di controllo del settore doganale. Il nuovo testo è stato

Dettagli

Gli adempimenti di Prevenzione Incendi con l entrata in vigore del d.p.r. 151/2011

Gli adempimenti di Prevenzione Incendi con l entrata in vigore del d.p.r. 151/2011 Gli adempimenti di Prevenzione Incendi con l entrata in vigore del d.p.r. 151/2011 Ing. Roberta Lala Direttore Antincendi Comando Provinciale VV.F. Lecce Contesto normativo di riferimento Nuove regole

Dettagli

Armi ed esplosivi. Notizie collegate. Galleria Fotografica. Documenti. Cerca (/) (/) Armi ed esplosivi (/articolo/category/312)

Armi ed esplosivi. Notizie collegate. Galleria Fotografica. Documenti. Cerca (/) (/) Armi ed esplosivi (/articolo/category/312) 1 di 9 17/04/2015 11:52 (/articolo/34118/) (https://twitter.com/agente_lisa) (https://www.youtube.com/user/poliziadistato) Cerca (/) (/) Armi ed esplosivi (/articolo/category/312) Difesa personale /articolo

Dettagli

STUPEFACENTI SEGNALAZIONE AL PREFETTO AI SENSI DELL ART 75 DPR 309/90 PERQUISIZIONE PERSONALE E LOCALE AI SENSI DELL ART.103 DPR 309/90.

STUPEFACENTI SEGNALAZIONE AL PREFETTO AI SENSI DELL ART 75 DPR 309/90 PERQUISIZIONE PERSONALE E LOCALE AI SENSI DELL ART.103 DPR 309/90. STUPEFACENTI SEGNALAZIONE AL PREFETTO AI SENSI DELL ART 75 DPR 309/90 PERQUISIZIONE PERSONALE E LOCALE AI SENSI DELL ART.103 DPR 309/90 Caso pratico Individuo trovato in possesso di un piccolo quantitativo

Dettagli

I DISPOSIZIONI GENERALI

I DISPOSIZIONI GENERALI DECRETO LEGISLATIVO 29 luglio 2015, n. 123. Attuazione della direttiva 2013/29/UE concernente l armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alla messa a disposizione sul mercato di articoli

Dettagli

NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI. Milano 22/06/2015

NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI. Milano 22/06/2015 NUOVI CRITERI DALL UE PER LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Milano 22/06/2015 1 Introduzione 2 Le Responsabilità nella classificazione del rifiuto 3 Classificazione: come deve operare il Produttore 4 Caratterizzazione:

Dettagli

BBT PLANIMETRIA DELL OPERA

BBT PLANIMETRIA DELL OPERA BBT PLANIMETRIA DELL OPERA Geologia Profilo Longitudinale Planimetria Geologica Elementi Geometrici delle Opere scavate con Esplosivo Caricamento: Incidenze Indicative Alcuni numeri dello scavo con esplosivo:

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo Prot. M_ITPR_CAUTG00225572006-AREA I BIS 22 marzo 2006 AI SIGG. SINDACI DEI COMUNI DELLE PROVINCE MEDIO CAMPIDANO CARBONIA-IGLESIAS AL SIG. PRESIDENTE DELLA CAMERA DI COMMERCIO AL SIG. PRESIDENTE ASSOCIAZIONE

Dettagli

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI 7 IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI In questo capitolo, dopo aver ripercorso l evoluzione legislativa e giurisprudenziale della fattispecie oggetto di trattazione, si dirà del diverso

Dettagli

Legge federale sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni

Legge federale sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni Legge federale sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni (Legge sulle armi, LArm) 514.54 del 20 giugno 1997 (Stato 1 maggio 2007) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo

Dettagli

PROGETTO LAMPEDUSA. Parere del 29 maggio 2014 a cura del Gruppo di studio del Progetto Lampedusa

PROGETTO LAMPEDUSA. Parere del 29 maggio 2014 a cura del Gruppo di studio del Progetto Lampedusa PROGETTO LAMPEDUSA Parere del 29 maggio 2014 a cura del Gruppo di studio del Progetto Lampedusa IL DESTINO DELLE IMBARCAZIONI DEGLI IMMIGRATI TRA NORMATIVA VIGENTE E PROPOSTE DI MODIFICA Conclusa l operazione

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Reparto Ambientale Marino del Corpo delle Capitanerie di Porto Ufficio Secondo

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Reparto Ambientale Marino del Corpo delle Capitanerie di Porto Ufficio Secondo DESTINATARI: CAPITANERIE DI PORTO (tutte) Ministero dell Ambiente e della Tutela UFFICI CIRCONDARIALI MARITTIMI (tutti - tramite le Capitanerie di Porto) e, per conoscenza: DIREZIONE GENERALE PER LA QUALITÀ

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI

REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI COMUNE DI ASSO Prov. di Como REGOLAMENTO PER L APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 29.09.2010 IL PRESENTE REGOLAMENTO: è stato deliberato dal

Dettagli

Un quesito sulla bruciatura di imballaggi di polistirolo in campagna, autosmaltimento e reati connessi

Un quesito sulla bruciatura di imballaggi di polistirolo in campagna, autosmaltimento e reati connessi Un quesito sulla bruciatura di imballaggi di polistirolo in campagna, autosmaltimento e reati connessi Domanda: Sono un agente di polizia giudiziaria, ho un po di difficoltà nel capire l articolo concernente

Dettagli

COMUNE DI PAOLA. ( Provincia Di Cosenza ) GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI E SIMILARI SPECIFICA DEI GIOCHI

COMUNE DI PAOLA. ( Provincia Di Cosenza ) GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI E SIMILARI SPECIFICA DEI GIOCHI COMUNE DI PAOLA ( Provincia Di Cosenza ) SETTORE N. 7 UFFICIO : Attività Economiche e Produttive ( Piazza IV Novembre,22 ) tel. 0982 582860 fax 0982582397 PEC : qsarpa@comune.paola.cs.it legislazione di

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

Romano Schiavi Forensic Science S. dip

Romano Schiavi Forensic Science S. dip 1 Romano Schiavi Forensic Science S. dip IL DECRETO 9.8.2011 E LE VARIAZIONI APPORTATE ALLA LEGGE RI- GUARDANTE GLI ESERCIZI DI MINUTA VENDITA DI PRODOTTI ESPLO- DENTI. LE NUOVE QUANTITA DI PRODOTTO ESPLODENTE

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di CASERTA

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di CASERTA AL COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA UFFICIO COMMERCIO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI E CONGEGNI DI CUI ALL ART. 110 COMMA 6 E 7 TULPS (Artt. 86 comma 3 R.D.

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 25 settembre 2012, n. 177

DECRETO LEGISLATIVO 25 settembre 2012, n. 177 DECRETO LEGISLATIVO 25 settembre 2012, n. 177 Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 4 aprile 2010, n. 58, concernente l'attuazione della direttiva 2007/23/CE relativa all'immissione sul mercato

Dettagli

Città di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Città di Castel Maggiore Provincia di Bologna Città di Castel Maggiore Provincia di Bologna N.ro chiave consegnata N.ro P.G. del Competenza: URP Classificazione: 06.09 Codificazione: Bike14 SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA

Dettagli

LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE

LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE LA NORMATIVA A TUTELA DEI DIRITTI DEL CONSUMATORE Con il Decreto Legislativo n. 206 del 6 settembre 2005, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 235 dell 8 ottobre 2005 Supplemento ordinario n. 162, è

Dettagli

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO 1 IL RISCHIO SPECIFICO DEI

Dettagli

Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI

Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI Presentazione I motivi per cui un cittadino desidera acquistare un arma da fuoco possono essere

Dettagli

ALLEGATO I AUTOCERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE UNICA RELATIVA AD APPALTO DI SERVIZI PER GESTIONE INFO-POINT. Il sottoscritto nato il.

ALLEGATO I AUTOCERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE UNICA RELATIVA AD APPALTO DI SERVIZI PER GESTIONE INFO-POINT. Il sottoscritto nato il. ALLEGATO I AUTOCERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE UNICA RELATIVA AD APPALTO DI SERVIZI PER GESTIONE INFO-POINT Il sottoscritto nato il a e residente a Via C.F. legale rappresentante dell Impresa /operatore economico

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art.

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. 87) CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE N 8 articoli (da art.

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151. Meno carte Più sicurezza

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151. Meno carte Più sicurezza DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 agosto 2011, n. 151 Meno carte Più sicurezza Ambito di riferimento DPR 151/2011 Prevenzione Incendi Legge 122/10 SCIA DPR 160/2010 Regolamento SUAP La novità Le

Dettagli

COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 NOVEMBRE

COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 NOVEMBRE Legislatura 14º - Disegno di legge N. 3650 SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3650 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro dell interno (PISANU) di concerto col Ministro della giustizia (CASTELLI)

Dettagli

PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA SETTORE III POLITICHE AGRICOLE E MONTANE TUTELA FAUNISTICA E POLIZIA PROVINCIALE CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE tel.: +39 0323 4950255-289; fax: +39 0323 4950271; e-mail:

Dettagli

La violazione del marchio

La violazione del marchio +39.06.97602592 La violazione del marchio Le Sanzioni previste in tema di marchi d impresa Le sanzioni comminate a seguito delle violazioni previste in tema di marchi sono disciplinate dal codice civile,

Dettagli

articoli pirotecnici teatrali altri articoli pirotecnici

articoli pirotecnici teatrali altri articoli pirotecnici DECRETO LEGISLATIVO 4 aprile 2010, n. 58 Attuazione della direttiva 2007/23/CE relativa all'immissione sul mercato di prodotti pirotecnici. (10G0081) (Gazzetta Ufficiale N. 93 del 22 Aprile 2010) Art.

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 13 settembre 2013, n. 108

DECRETO LEGISLATIVO 13 settembre 2013, n. 108 DECRETO LEGISLATIVO 13 settembre 2013, n. 108 Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni derivanti dal Regolamento (CE) n. 1005/2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono. IL

Dettagli

DLGS 81: TUTTE LE SANZIONI MODIFICATE DAL CORRETTIVO DLGS 106

DLGS 81: TUTTE LE SANZIONI MODIFICATE DAL CORRETTIVO DLGS 106 DLGS 81: TUTTE LE SANZIONI MODIFICATE DAL CORRETTIVO DLGS 106 L analisi delle modifiche apportate dal decreto legislativo 106/2009 al testo unico sicurezza lavoro (dlgs 81/2008) dimostra come i principali

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net LE PRESCRIZIONI CHE CONDIZIONANO L EFFICACIA DELL ISCRIZIONE ALL ALBO PER LE IMPRESE DI TRASPORTO RIFIUTI: MEZZI CHE TRASPORTANO RIFIUTI PERICOLOSI E MEZZI CHE TRASPORTANO RIFIUTI E PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

Dispensa pratica per le Minute Vendite

Dispensa pratica per le Minute Vendite 2013 Dispensa pratica per le Minute Vendite ASTER s.r.l. Società di Ingegneria ing. FABIO MOSCA Progettazione strutturale ingegneria degli esplosivi Via E. Molina, 13 10025 Pino Torinese (TO) Tel. 011843000

Dettagli

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano Pubblica CCIAA Milano La competenza Le funzioni di autorità di vigilanza per il controllo della conformità dei giocattoli alle disposizioni del presente decreto legislativo sono svolte dal Ministero dello

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI PUBBLICI SPETTACOLI

LA DISCIPLINA DEI PUBBLICI SPETTACOLI LA DISCIPLINA DEI PUBBLICI SPETTACOLI Secondo quanto affermato dal Ministero delle Finanze, nella circolare n.165/e del 7 settembre 2000, avente per oggetto "Riforma della disciplina fiscale relativa alle

Dettagli

L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI

L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI L ATTIVITA DI CONTROLLO DEI PUBBLICI ESERCIZI Legge regionale n. 8/2013 esercizio abusivo dell attività di somministrazione di alimenti e bevande o aut.ne revocata/sopesa o senza requisiti morali: sanzione

Dettagli

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO PREMESSA a) la genuinità e la bontà del vino che quotidianamente consumiamo determinano lo stato fisico e la condizione del cittadino-consumatore; b) il consumatore

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva di Avv. Rosa Bertuzzi Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva Il testo unico ambientale impone il divieto di abbandono di rifiuti, obbligando, in primis, il trasgressore alla rimozione.

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy A cura del Dott.: Giuseppe Mantese g.mantese@onlineconsulenza.com Quadro normativo Il 1 gennaio 2004 è entrato

Dettagli

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche.

L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende biologiche. OGGETTO: 14/PQ = Il Controllo Dei Prodotti Biologici In Italia 1 L Italia è tra i primi dieci paesi nel mondo per superfici gestite con metodo biologico. A livello nazionale vi sono oltre 41.000 aziende

Dettagli

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO.

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO. NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO. Approvato con Deliberazione di C.C. n. 66. del 07.07.2005

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA C ENTRO IN BICI. 1) Il sottoscrittore del presente modulo dichiara di essere in possesso dei seguenti requisiti

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA C ENTRO IN BICI. 1) Il sottoscrittore del presente modulo dichiara di essere in possesso dei seguenti requisiti REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA C ENTRO IN BICI 1) Il sottoscrittore del presente modulo dichiara di essere in possesso dei seguenti requisiti che consentono l utilizzo della bicicletta pubblica alla

Dettagli

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO INIZIAMO COL DARE UNA DEFINIZIONE AL CONCETTO DI RESPONSABILITÀ PENALE

Dettagli

I Soggetti responsabili.

I Soggetti responsabili. I Soggetti responsabili. Scorrendo l articolato, prima relativo al D.Lgs. n. 626/1994 ed ora al D.Lgs. n. 81/2008, risulta come alla chiara esposizione delle responsabilità di legge (D.Lgs. n. 81/2008

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

LICENZA n 22/2014 I L S I N D A C O

LICENZA n 22/2014 I L S I N D A C O Comune di Alezio Provincia di Lecce A Λ I І I A C Città Messapica BOLLO LICENZA n 22/2014 2014 PER LA ACCENSIONE E GIRANDOLE, SCIE LUMINOSE COLORATE E COLPI SECCHI I L S I N D A C O VISTA la domanda del

Dettagli

QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562)

QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562) QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562) apertura al pubblico : dal lunedì al venerdì dalle ore 09,00 alle ore 12,00

Dettagli

Ma come riconoscere, innanzitutto, un botto illegale?

Ma come riconoscere, innanzitutto, un botto illegale? Come ogni anno, dicembre è il periodo dell acquisto ed utilizzo più frequente dei fuochi d'artificio e come sempre la cronaca riporta incidenti, anche mortali, e sequestri ingenti di botti illegali in

Dettagli

L'ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE DEI PRODOTTI TESSILI. Maddalena Galenti aprile 2013

L'ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE DEI PRODOTTI TESSILI. Maddalena Galenti aprile 2013 L'ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE DEI PRODOTTI TESSILI 1 Normativa di riferimento Reg. (CE) 27 settembre 2011, n. 1007/2011 Decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206 (Codice del consumo) Legge 883 del

Dettagli

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18 ALLEGATO 2 Innovazioni introdotte in materia di contrasto alla criminalità organizzata dall articolo 2 della legge 15 luglio 2009, n. 94, recante Disposizioni in materia di sicurezza pubblica, 1) Il comma

Dettagli

DICHIARA di N O M I N ARE. Cognome Nome C.F. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F

DICHIARA di N O M I N ARE. Cognome Nome C.F. Data di nascita / / Cittadinanza Sesso: M F NOLEGGIO di VEICOLI senza CONDUCENTE SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITÀ ai sensi dell'art. 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, modificato dalla legge n. 122/2010 e del D.P.R. 19.12.2001, n.

Dettagli

ICT SECURITY N. 49 NOVEMBRE 2006 MISURE IDONEE E MISURE MINIME: QUALE SICUREZZA, QUALI RESPONSABILITA. Autore: Daniela Rocca

ICT SECURITY N. 49 NOVEMBRE 2006 MISURE IDONEE E MISURE MINIME: QUALE SICUREZZA, QUALI RESPONSABILITA. Autore: Daniela Rocca SOMMARIO Misure minime: il livello minimo di sicurezza Misure idonee: il livello opportuno di sicurezza Le responsabilità A tre anni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del D. Lgs. 196/2003 in materia

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

la tutela davanti al giudice ed al Garante

la tutela davanti al giudice ed al Garante la tutela davanti al giudice ed al Garante le forme di tutela: il Garante il Codice prevede 3 forme di tutela: Amministrativa, dinanzi al Garante Giurisdizionale Risarcitoria (vignetta tratta dal sito

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE Approvato con deliberazione della Giunta provinciale n. 52 del 02/04/2013 ART. 1 ORGANIZZAZIONE L Ente, nel rispetto dei principi stabiliti

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Incidenti stradali: le nuove disposizioni

Incidenti stradali: le nuove disposizioni INCONTRO DI STUDIO PER OPERATORI DI POLIZIA LOCALE LE NOVITA LEGISLATIVE PER LA P.M. FAENZA (RA) - 19 maggio 2006 Incidenti stradali: le nuove disposizioni LEGGE 21 febbraio 2006, n. 102 Disposizioni in

Dettagli

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Mercoledì, 17 ottobre 2012 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Roma - Mercoledì, 17 ottobre 2012 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 153 - Numero 243 UFFICIALE DELLA

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 29 luglio 2015, n. 123 Attuazione della direttiva 2013/29/UE concernente l'armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alla messa a disposizione sul mercato di articoli

Dettagli

MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA. Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di. dell impresa...

MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA. Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di. dell impresa... MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di legale rappresentante... procuratore... dell impresa... con sede legale

Dettagli

PRODUTTORE, DETENTORE, RESPONSABILITA ESTESA DEL PRODUTTORE

PRODUTTORE, DETENTORE, RESPONSABILITA ESTESA DEL PRODUTTORE PRODUTTORE, DETENTORE, RESPONSABILITA ESTESA DEL PRODUTTORE Roma, 23 marzo 2011 Hotel dei Congressi Sala dei Congressi Viale Shakespeare n. 29 DEFINIZIONI (Art. 183, lett. f) DLgs

Dettagli

Indice dei quesiti di diritto Penale per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario.

Indice dei quesiti di diritto Penale per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario. 5100 La minori può essere commessa: 5101 Per il reato di infermi di mente la pena é aumentata se: 5102 La minori od a infermi di mente é ricompresa, nel vigente codice penale, tra quelle concernenti: 5103

Dettagli

Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo)

Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo) Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo) Altalex.it In tema di segnalazione di operazioni sospette di riciclaggio o di finanziamento

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di VETTO

Al Sig. Sindaco del Comune di VETTO Al Sig. Sindaco del Comune di VETTO in carta semplice COMUNE DI VETTO Data arrivo Prot. Gen.. Fascicolo... Vetto, lì,..... (data di compilazione) Oggetto: Segnalazione certificata di inizio attività di

Dettagli

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (INSTAURAZIONE/AGGIORNAMENTO RAPPORTO CONTINUATIVO) (per società, enti giuridici, ditte individuali etc.) (Artt. 15 e ss. D. lgs. 231/2007)

Dettagli