Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS"

Transcript

1 Trieste novembre Convegno Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS P. Luiso, G. Alessio, G. Gaudiosi, R. Nappi

2 Obiettivo L obiettivo di questo lavoro è lo studio delle correlazioni tra sismicità e strutture tettoniche nella Piana Campana per l individuazione di sistemi di faglie attive, affioranti e sepolte.

3 Area di studio L area di indagine comprende la Piana in senso stretto ed i suoi margini costituiti da: il Golfo di Napoli a sud-ovest, la Penisola Sorrentina a sud, il Roccamonfina e il M. Massico a nord-ovest, e il Taburno-Camposauro a nord-est.

4 Geologia dell area La formazione della Piana è il risultato dei processi distensivi (Pliocene sup- Pleistocene medio-sup.) che inizialmente hanno portato alla formazione del bacino tirrenico e successivamente, migrando verso est, hanno interessato il margine tirrenico campano con la formazione del graben della Piana.

5 Struttura crostale da dati DSS Andamento della Moho lungo la sezione M.Massico-Penisola sorrentina (fan giallo): la struttura a graben della Piana Campana; una discontinuità litosferica tra Campi Flegrei e Vesuvio. Sezioni crostali: riempimento della Piana; gradino nella moho su cui è impostato il Vesuvio; faglie lungo la Penisola Sorrentina

6 L area campana è una zona dell Appennino meridionale sismicamente molto attiva, caratterizzata da forti terremoti concentrati in area di catena e sismicità di energia inferiore nella Piana Campana e nelle aree vulcaniche (Roccamonfina, Campi Flegrei, Vesuvio, Ischia e Procida). Sismicità dell area CSI CNT

7 Problemi aperti Strutture sepolte Scarse indagini geofisiche Sismicità con errori elevati di localizzazione Cosa è stato fatto Recupero dati strutturali da fonti bibliografiche Recupero dati sismici da cataloghi Omogeneizzazione grafica ed informatica Catalogazione e costituzione di un unico database in ambiente GIS Interpretazione delle informazioni di sintesi prodotte

8 GIS-Database Database Geografico Database Geologico Database Geofisico

9 Limiti provinciali Database Geografico Limiti comunali Sedi comunali Shaded Relief

10

11

12

13 Database Geologico Faglie estratte dalla Carta Geologica 1:100000

14 Dati Strutturali Mappa Strutturale d Italia 1: Bigi et al., 1983 Carta Neotettonica d Italia 1:500000, Ambrosetti et al., 1987

15 Dati Strutturali nell ultimo glaciale nel Pleistocene medio tardo nel Pleistocene medio iniziale Evento deformativo con direzione di estensione NO-SE Cinque et al., 2000 Evento deformativo con direzione di estensione NE-SO

16 Strutture da dati Geofisici Bruno et al.,2003 Milia et al.,2003 D Argenio et al.,2004 Bianco et al., 1998; Finetti e Morelli, 1974; La Torre et al., 1982; Cassano e La Torre, 1987; CNR, 1992

17 Sintesi di dati Strutturali Orsi et al. 1996

18 Merge dei dati strutturali

19 Dati sismologici CPTI 04 (Catalogo Parametrico Terremoti Italiani 217 a.c.-2002) CSI (Catalogo della Sismicità Italiana ) CNT (Bollettino Sismico del Centro Nazionale Terremoti ) Laboratorio OV (Osservatorio Vesuviano ) SISCam (Sistema Informativo Sismotettonico della regione Campania )

20 Merge dei dati sismologici Creazione del Database sismico della PianaCampana ottenuto integrando i vari cataloghi e scegliendo tra gli eventi comuni quelli meglio localizzati.

21 Risultati ottenuti Dall analisi congiunta dei dati strutturali e sismici sono state evidenziate le principali correlazioni tra l allineamento degli eventi sismici e quella dei principali sistemi di faglie (NE-SO NO-SE) individuando pertanto, fra tutte le strutture cartografate, quelle attualmente attive.

22 Risultati ottenuti Sistema di faglie NE-SO che borda il M. Massico Sistema di faglie NO-SE che borda i massicci carbonatici Sistema di faglie NO-SE e NE-SO nella Piana del Volturno Sistema di faglie NE-SO e NO-SE a nord e sud della P. Sorrentina Sistema di faglie NO-SE riconducibili al margine tra piattaforma e scarpata Sistema di faglie NE-SO riconducibili ai Canyon Dohrn e Magnaghi

23 Conclusioni L analisi effettuata ha evidenziato l esistenza di correlazioni tra i dati strutturali e sismici, permettendo così di ricostruire un primo quadro sismotettonico della Piana Campana, che fino ad ora non era stato sintetizzato in maniera globale. Sono state evidenziate strutture tettoniche sismicamente attive, strutture apparentemente asismiche e una sismicità diffusa non ancora correlata e correlabile. Per poter vincolare meglio le sorgenti sismogenetiche occorrerà una rilocalizzazione degli eventi sismici con un modello di velocità ad hoc, utilizzando congiuntamente tutte le fasi sismiche estratte dai vari cataloghi e integrando i dati sismici con i dati geofisici e geologici di nuova acquisizione.

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

La Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell Istituto Nazionale di. Geofisica e Vulcanologia

La Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell Istituto Nazionale di. Geofisica e Vulcanologia La Rete Integrata Nazionale GPS (RING) dell Istituto Nazionale di Dal 2004, l Istituto Nazionale di (INGV) ha intrapreso la creazione di una infrastruttura tecnologica con il proposito di studiare alcuni

Dettagli

2 La Carta delle Faglie Attive e Ritenute Attive dell Appennino Nord- Occidentale

2 La Carta delle Faglie Attive e Ritenute Attive dell Appennino Nord- Occidentale Individuazione e mappatura di faglie attive e/o strutture sismogenetiche in Appennino nord-occidentale G. Borghini, M. Bernini, G. Papani Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Parma (e-mail:

Dettagli

L orogenesi appenninica

L orogenesi appenninica L orogenesi appenninica Introduzione L area mediterranea occidentale è un mosaico crostale i cui bacini sono nella maggior parte il risultato di una fase distensiva recente (Eocene-attuale), metre le catene

Dettagli

2 Riunione Nazionale GIT Bevagna (PG) 4-6 giugno 2007. http://labgis.gm.ingv.it/website/labgis

2 Riunione Nazionale GIT Bevagna (PG) 4-6 giugno 2007. http://labgis.gm.ingv.it/website/labgis Database geografici e report di eventi sismici 2 Riunione Nazionale GIT Bevagna (PG) 4-6 giugno 2007 Maurizio Pignone http://labgis.gm.ingv.it/website/labgis Premessa Progetto CESIS LABGIS INGV Grottaminarda

Dettagli

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Unione Comunale Valdera 20 Aprile 201 IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Gilberto Saccorotti Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Pisa Fondazione Prato Ricerche Argomenti - I sistemi

Dettagli

Attività antropiche: attività umane.

Attività antropiche: attività umane. A Acque di strato (o di produzione): sono le acque associate agli idrocarburi nei giacimenti e, quindi, estratti insieme ad essi. Le loro proprietà chimico fisiche variano a seconda della localizzazione

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Progetto di ricerca N. 10 DEFINIZIONE E SVILUPPO DI ARCHIVI DI DATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

Dettagli

Giuseppe De Natale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Napoli Osservatorio Vesuviano, Italy

Giuseppe De Natale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Napoli Osservatorio Vesuviano, Italy Giuseppe De Natale Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Napoli Osservatorio Vesuviano, Italy Naples Vesuvius Campi Flegrei Ischia Le Eruzioni Vulcaniche Effusive Esplosive Flussi Piroclastici

Dettagli

Comune di CAGNANO VARANO [FG] Piano Comunale di Protezione Civile Rischio sismico INDICE

Comune di CAGNANO VARANO [FG] Piano Comunale di Protezione Civile Rischio sismico INDICE INDICE CONTENUTI Pag. PREMESSA 1 Cap. 1 I TERREMOTI 2 Cap. 2 STRATEGIE 4 2.1 Abaco storico delle osservazioni sismiche 5 2.2 Il territorio di CAGNANO VARANO 7 2.3 Storicità degli eventi sismici 9 Cap.

Dettagli

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba 32 Convegno Nazionale Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba Zulima C. Rivera Álvarez (1), Julio García Peláez (2), Dario Slejko (3), Angel Medina (4) 1 National Centre of Seismological Researches,

Dettagli

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN Rev. Sh. 2 of 21 INDICE 1 Premessa... 3 2 NEARSHORE Indagine Geofisica Batimetria e Geofisica... 4 2.1 Analisi dati... 4 2.2 risultati... 7 3 NEARSHORE Indagine Geofisica Sismica a Rifrazione... 8 3.1

Dettagli

La Geotermia in Italia

La Geotermia in Italia La geotermia: una nuova ricchezza per l Italia L Italia rappresenta una zona straordinaria dal punto geologico e vulcanologico, per la presenza della crosta terrestre più sottile e perché al di sotto di

Dettagli

Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2

Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2 Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2 Workshop sullo Stoccaggio Geologico della CO2 3/1272012 Palazzo Doria Pamphilj, Valmontone (Rm) Salvatore Lombardi Perché l Italia: Gli scenari geologici

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA. M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano

GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA. M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano La piattaforma GEOSIS E uno strumento di sintesi e di consultazione rapida di informazioni relative agli eventi

Dettagli

Northern Petroleum (UK) Ltd Istanza d30 G.R-.NP (Canale di Sicilia) Zone G e C Relazione Geologica

Northern Petroleum (UK) Ltd Istanza d30 G.R-.NP (Canale di Sicilia) Zone G e C Relazione Geologica Northern Petroleum (UK) Ltd Istanza d30 G.R-.NP (Canale di Sicilia) Zone G e C Relazione Geologica UBICAZIONE E GENERALITA L istanza di permesso di ricerca d..g.r-.np che si richiede è ubicata nel Canale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

COMUNE DI PALOMONTE (SA) PUC: PIANO STRUTTURALE COMUNALE - 2011

COMUNE DI PALOMONTE (SA) PUC: PIANO STRUTTURALE COMUNALE - 2011 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO COMUNE DI PALOMONTE (SA) PUC: PIANO STRUTTURALE COMUNALE - 2011 Per incarico dell Amministrazione Comunale di Palomonte, giusta Convenzione n.1 del 23.01.2009, abbiamo redatto

Dettagli

Stefano Catalano & Giuseppe Tortorici con la collaborazione di Gino Romagnoli & Giovanni Sturiale

Stefano Catalano & Giuseppe Tortorici con la collaborazione di Gino Romagnoli & Giovanni Sturiale LA CARTA GEOLOGICA DEL BASSO VERSANTE ORIENTALE DEL M. ETNA (SCALA 1:10.000): NUOVI VINCOLI GEOLOGICI E GEOMORFOLOGICI PER LA RICOSTRUZIONE DEL SOTTOSUOLO Stefano Catalano & Giuseppe Tortorici con la collaborazione

Dettagli

1. OBIETTIVI DIDATTICI. Corso di Rilevamento Geologico Docente: Prof. Torrente

1. OBIETTIVI DIDATTICI. Corso di Rilevamento Geologico Docente: Prof. Torrente 1. OBIETTIVI DIDATTICI Corso di Rilevamento Geologico Docente: Prof. Torrente OBIETTIVI: sviluppare capacità di intepretare e fare 1. Visione 3D degli oggetti geologici 2. Si parte da carta e sezioni geologiche

Dettagli

Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale

Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale Il controllo sismico della regione FVG nel contesto del monitoraggio nazionale Paolo Comelli OGS - Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale 6 MAGGIO 1976-2011 convegno per il 35 anniversario

Dettagli

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA Maurizio Pignone, Raffaele Moschillo, Rocco Cogliano Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sede Irpinia Abstract

Dettagli

Analisi dei tempi medi di ritorno dedotti dai tassi di sismicità Introduzione 1 Metodologia

Analisi dei tempi medi di ritorno dedotti dai tassi di sismicità Introduzione 1 Metodologia Analisi dei tempi medi di ritorno dedotti dai tassi di sismicità A. Rebez Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, Trieste (e-mail: rebez@ogs.trieste.it) Introduzione Un'informazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI TESI DI DOTTORATO IN SCIENZE DELLA TERRA XXII CICLO CAMPI DI STRAIN IN AREE VULCANICHE: MODELLI ANALOGICI

Dettagli

Capitolo Primo INQUADRAMENTO GEOLOGICO

Capitolo Primo INQUADRAMENTO GEOLOGICO Capitolo Primo INQUADRAMENTO GEOLOGICO 1.1 - L Appennino Meridionale La genesi della Catena dell Appennino Meridionale inizia nell Oligocene Superiore-Miocene Inferiore (Monaco e Tortorici, 1998) e deriva

Dettagli

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Luca Martelli Regione Emilia Romagna Servizio geologico, sismico e dei suoli LA CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE A DIFFERENTE RISCHIO

Dettagli

La zonazione sismogenetica ZS4 come strumento per la valutazione della pericolosità sismica 1. Introduzione

La zonazione sismogenetica ZS4 come strumento per la valutazione della pericolosità sismica 1. Introduzione La zonazione sismogenetica ZS4 come strumento per la valutazione della pericolosità sismica P. Scandone 1, M. Stucchi 2 1 - Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Pisa (e-mail: scandone@dst.unipi.it)

Dettagli

Where the next major earthquake in the Italian peninsula?

Where the next major earthquake in the Italian peninsula? Where the next major earthquake in the Italian peninsula? E. Mantovani 1, M. Viti 1, N. Cenni 2, D. Babbucci 1, C. Tamburelli 1, A. Vannucchi 1 (1) Dip.to di Scienze Fisiche, della Terra e dell Ambiente

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PAOLILLO ANNARITA Indirizzo Residenza via Giuseppe Beneduce, 7 80059 Torre del Greco (Napoli) Italia Indirizzo Domicilio via privata Poggio

Dettagli

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale PIANO DI GESTIONE ACQUE (Direttiva Comunitaria 2000/60/CE, D.L.vo. 152/06, L. 13/09, D.L 194/09) Relazione Regionale Allegato 4 SISTEMI DI PIANI E PROGRAMMI AFFERENTI LA RISORSA IDRICA REGIONE PUGLIA Febbraio

Dettagli

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS M. Michele 1, S. de Lorenzo 1, A. Romeo 1,A. Tallarico 1, A. Valerio 2 (1) Università degli

Dettagli

Iniziative didattiche per la mitigazione del rischio vulcanico presso l Osservatorio Vesuviano INGV: il museo.

Iniziative didattiche per la mitigazione del rischio vulcanico presso l Osservatorio Vesuviano INGV: il museo. Iniziative didattiche per la mitigazione del rischio vulcanico presso l Osservatorio Vesuviano INGV: il museo. Maddalena De Lucia, Osservatorio Vesuviano INGV, Napoli, Italia L Osservatorio Vesuviano,

Dettagli

IL MODELLO GEOLOGICO 3D. Chiara D Ambrogi & Francesco Maesano ISPRA Servizio Geologico d Italia

IL MODELLO GEOLOGICO 3D. Chiara D Ambrogi & Francesco Maesano ISPRA Servizio Geologico d Italia IL MODELLO GEOLOGICO 3D Chiara D Ambrogi & Francesco Maesano ISPRA Servizio Geologico d Italia Obiettivi del Progetto GeoMol Modelli geologici 3D trans-nazionali/regionali basati su metodi comuni di costruzione

Dettagli

Capitolo 1 - Il terremoto

Capitolo 1 - Il terremoto Capitolo 1 - Il terremoto La Terra è composta al suo interno da rocce disomogenee per densità, temperatura e caratteristiche dei materiali che ne influenzano il comportamento meccanico; nel corso degli

Dettagli

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA CONVENZIONE DI RICERCA PER LA REDAZIONE DELLA MAPPA DEL RISCHIO SISMICO REGIONALE AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA Premessa Il presente rapporto viene redatto alla chiusura

Dettagli

Studio preliminare sulla sorgente del terremoto del 20 febbraio 1743 in Puglia meridionale a partire da dati di tsunami

Studio preliminare sulla sorgente del terremoto del 20 febbraio 1743 in Puglia meridionale a partire da dati di tsunami Studio preliminare sulla sorgente del terremoto del 20 febbraio 1743 in Puglia meridionale a partire da dati di tsunami A. Armigliato (1), S. Tinti (1), G. Pagnoni (1), G. Mastronuzzi (2), C. Pignatelli

Dettagli

LA STORIA GEOLOGICA DELL ITALIA: Uno sguardo al passato per capire il presente. Istituto Sant Anna 5 Liceo Scientifico Prof.

LA STORIA GEOLOGICA DELL ITALIA: Uno sguardo al passato per capire il presente. Istituto Sant Anna 5 Liceo Scientifico Prof. LA STORIA GEOLOGICA DELL ITALIA: Uno sguardo al passato per capire il presente Istituto Sant Anna 5 Liceo Scientifico Prof.ssa Elena Tibaldi 1 La geologia storica: un viaggio a ritroso nel tempo Lo studio

Dettagli

Zonazione sismogenetica ZS9 App.2 al Rapporto Conclusivo

Zonazione sismogenetica ZS9 App.2 al Rapporto Conclusivo Zonazione sismogenetica ZS9 App.2 al Rapporto Conclusivo a cura di C. Meletti e G. Valensise (marzo 2004) con contributi di R. Azzaro, S. Barba, R. Basili, F. Galadini, P. Gasperini, M. Stucchi e G. Vannucci

Dettagli

La sismicità storica del Pollino e il progetto di educazione al rischio EDURISK. R. Camassi, INGV Bologna

La sismicità storica del Pollino e il progetto di educazione al rischio EDURISK. R. Camassi, INGV Bologna La sismicità storica del Pollino e il progetto di educazione al rischio EDURISK R. Camassi, INGV Bologna 1 La sismicità recente dal 1981 al 2008 Terremoti con Ml>1.6 CSI e www.iside.ingv.it 2 I forti terremoti

Dettagli

INQUADRAMENTO GENERALE DELL AREA DI STUDIO E DESCRIZIONE DELL APPLICAZIONE

INQUADRAMENTO GENERALE DELL AREA DI STUDIO E DESCRIZIONE DELL APPLICAZIONE INQUADRAMENTO GENERALE 5 INQUADRAMENTO GENERALE DELL AREA DI STUDIO E DESCRIZIONE DELL APPLICAZIONE La possibilità di applicare e di approfondire, sotto il profilo della ricerca, alcuni dei concetti teorici

Dettagli

NUOVE EVIDENZE CONNESSE AI FENOMENI DI DEFORMAZIONE DEL SUOLO NELL AMBITO DEL BRADISISMO FLEGREO

NUOVE EVIDENZE CONNESSE AI FENOMENI DI DEFORMAZIONE DEL SUOLO NELL AMBITO DEL BRADISISMO FLEGREO NUOVE EVIDENZE CONNESSE AI FENOMENI DI DEFORMAZIONE DEL SUOLO NELL AMBITO DEL BRADISISMO FLEGREO Lucio Amato Tecno In Servizi di Ingegneria AMRA - Analysis and monitoring of environmental risck PREMESSA

Dettagli

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici

Task 4 Aggiornamento dei database sismologici INGV-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia DPC-Dipartimento della Protezione Civile Convenzione INGV-DPC 2004 2006 / Progetto S1 Proseguimento della assistenza al DPC per il completamento e la

Dettagli

CAPITOLO 4 SISMICITÀ ED EFFETTI DEI TERREMOTI NEL VERSANTE ORIENTALE DELL ETNA. Raffaele Azzaro

CAPITOLO 4 SISMICITÀ ED EFFETTI DEI TERREMOTI NEL VERSANTE ORIENTALE DELL ETNA. Raffaele Azzaro CAPITOLO 4 SISMICITÀ ED EFFETTI DEI TERREMOTI NEL VERSANTE ORIENTALE DELL ETNA Raffaele Azzaro 4.1 Introduzione Scopo del presente lavoro è fornire un quadro di riferimento sui caratteri della sismicità

Dettagli

PER UN NUOVO MANIFESTO DELLA GEOTERMIA

PER UN NUOVO MANIFESTO DELLA GEOTERMIA nel Decennale della sua fondazione CONGRESSO sul tema PER UN NUOVO MANIFESTO DELLA GEOTERMIA - Prospettive di sviluppo della geotermia in Italia al 2030 - c/o CNR/Consiglio Nazionale delle Ricerche, Sala

Dettagli

Parco Regionale dei Castelli Romani IL VULCANO LAZIALE. A cura di Flavio Comandini

Parco Regionale dei Castelli Romani IL VULCANO LAZIALE. A cura di Flavio Comandini Parco Regionale dei Castelli Romani IL VULCANO LAZIALE A cura di Flavio Comandini 1 IL PARCO DEI CASTELLI ROMANI Visione da ovest dell area. Roma si trova sulla sinistra dell immagine. Si osservino i 16

Dettagli

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Geografia regionale La Calabria è una regione meridionale di oltre 2.000.000 di abitanti, con capoluogo Reggio Calabria. Costituisce la punta dello stivale italiano,

Dettagli

Secche della Meloria. Autore: Renzo Mazzanti Anno: 2012

Secche della Meloria. Autore: Renzo Mazzanti Anno: 2012 Autore: Renzo Mazzanti Anno: 2012 Secche della Meloria I pochi elementi di Geologia marina sulla Meloria oggi disponibili La Fig. 6, riportata alla scala di 1:100.000 per il confronto immediato con le

Dettagli

Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005

Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005 Verbale della riunione di progetto del 17/10/2005 Presso la sede INGV si riuniscono i responsabili dei task del progetto S4. Sono presenti Luca Malagnini (INGV, coordinatore) Daniele Spallarossa (DIPTERIS,

Dettagli

ISSN 2039-7941. Anno 2012_Numero 219. apporti. tecnici. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

ISSN 2039-7941. Anno 2012_Numero 219. apporti. tecnici. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia t ISSN 2039-7941 Anno 2012_Numero 219 apporti tecnici Rete gravimetrica di precisione all isola di Pantelleria. Monografie delle stazioni. Situazione al mese di luglio 2011 Istituto Nazionale di Geofisica

Dettagli

LA SUTURA LONGITUDINALE DELL'APPENNINO E LA STRUTTURA PROFONDA DEL MARGINE OCCIDENTALE DELLA PLACCA ADRIATICA

LA SUTURA LONGITUDINALE DELL'APPENNINO E LA STRUTTURA PROFONDA DEL MARGINE OCCIDENTALE DELLA PLACCA ADRIATICA C. Morelli DINMA, Università di Trieste LA SUTURA LONGITUDINALE DELL'APPENNINO E LA STRUTTURA PROFONDA DEL MARGINE OCCIDENTALE DELLA PLACCA ADRIATICA Riassunto. Le caratteristiche geometriche e geofisiche

Dettagli

Vulcani e terremoti: osservare e prevedere

Vulcani e terremoti: osservare e prevedere Vulcani e terremoti: osservare e prevedere Enzo Boschi Venezia, 1 febbraio 2007 Crustal Plate Boundaries Sismicità crostale e profonda del Mediterraneo La Rete Sismica Nazionale Come si generano i terremoti

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

RAPPORTO TECNICO SUGLI STATI D'AVANZAMENTO INTERMEDI PROGETTO DI RICERCA TESSA (TECHNOLOGY FOR THE SITUATIONAL SEA AWARENESS )

RAPPORTO TECNICO SUGLI STATI D'AVANZAMENTO INTERMEDI PROGETTO DI RICERCA TESSA (TECHNOLOGY FOR THE SITUATIONAL SEA AWARENESS ) RAPPORTO TECNICO SUGLI STATI D'AVANZAMENTO INTERMEDI PROGETTO DI RICERCA TESSA (TECHNOLOGY FOR THE SITUATIONAL SEA AWARENESS ) PON 01_02823: IV STATO AVANZAMENTO LAVORI (01/07/2013 31/12/2013) SOGGETTI

Dettagli

Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 per le Regioni della Convergenza. Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività

Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 per le Regioni della Convergenza. Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 per le Regioni della Convergenza Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività Asse I: Sostegno ai mutamenti strutturali Obiettivo Operativo 4.1.1.4: Potenziamento

Dettagli

VERSO UN SISTEMA INFORMATIVO GEOLOGICO -

VERSO UN SISTEMA INFORMATIVO GEOLOGICO - VERSO UN SISTEMA INFORMATIVO GEOLOGICO - L applicativo CARGEO per la Banca Dati Geologica della REGIONE LOMBARDIA Progetto CARG Carlo Alberto Brunori (1) Gianni Siletto (2), Andrea Piccin (2), Fabrizio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE

UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali DOTTORATO DI RICERCA IN GEODINAMICA XX CICLO Indagini geodetiche e geomorfologiche in Appennino Centrale per la caratterizzazione

Dettagli

Comune di Carbonera Aggiornamento Relazione illustrativa piano 2013 Piano di settore per la localizzazione telefonia mobile

Comune di Carbonera Aggiornamento Relazione illustrativa piano 2013 Piano di settore per la localizzazione telefonia mobile Piano di settore per la telefonia mobile Aggiornamento del Piano a seguito nuove richieste dei Gestori per l anno 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Comune di Carbonera 08/04/2013 Pagina 1 di 9 INDICE RELAZIONE

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano. Scheda 6 Suolo e sottosuolo

Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano. Scheda 6 Suolo e sottosuolo Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano Scheda 6 Suolo e sottosuolo Indice INQUADRAMENTO GEOLOGICO IDROGEOLOGICO... 146 Siti soggetti ad obbligo di bonifica... 149 145 145 SUOLO E SOTTOSUOLO

Dettagli

LE GROTTE DI CASTELCIVITA NEI MONTI ALBURNI

LE GROTTE DI CASTELCIVITA NEI MONTI ALBURNI LE GROTTE DI CASTELCIVITA NEI MONTI ALBURNI Guida breve da servire per la illustrazione geologica delle grotte e del paesaggio Accademia delle Scienze Fisiche e Matematiche Società Nazionale di Scienze

Dettagli

Microzonazione sismica e forti stratificazioni antropiche

Microzonazione sismica e forti stratificazioni antropiche Microzonazione sismica e forti stratificazioni antropiche Seismic microzonation and thick anthropic cover M. Moscatelli (CNR IGAG) in collaborazione con A. Pagliaroli (CNR IGAG) e G. Raspa (SAPIENZA Univ.

Dettagli

Banca Dati delle Indagini Geognostiche

Banca Dati delle Indagini Geognostiche Banca Dati delle Indagini Geognostiche tipologia di dati informazioni relative alla localizzazione del punto di indagine metadati informazione sull origine del dato descrizione della stratigrafia tipologia

Dettagli

Qual è lo scopo del monitoraggio dei vulcani?

Qual è lo scopo del monitoraggio dei vulcani? Il monitoraggio dei vulcani Osservatorio Vesuviano INGV 16 aprile 2011, Napoli Auditorium Porta del Parco Bagnoli HUB Qual è lo scopo del monitoraggio dei vulcani? L obiettivo principale del monitoraggio

Dettagli

Ordine dei Geologi - Regione del Veneto. Commissione G.I.S. Per il convegno sono stati richiesti 4 crediti APC.

Ordine dei Geologi - Regione del Veneto. Commissione G.I.S. Per il convegno sono stati richiesti 4 crediti APC. Ordine dei Geologi - Regione del Veneto Commissione G.I.S. Per il convegno sono stati richiesti 4 crediti APC. Descrizione dell evento: Nell ambito dei lavori della commissione tecnica G.I.S. dell Ordine

Dettagli

STORIA GEOLOGICA D ITALIA

STORIA GEOLOGICA D ITALIA STORIA GEOLOGICA D ITALIA PERMIANO-TRIASSICO 300-250 Ma Il Triassico (250 Ma) che cominciò con una grande estinzione di massa, fu l epoca nella quale si avviarono i grandi cambiamenti geografici ed evolutivi

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014 /15

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014 /15 Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014 /15 AMBIENTI DI CARTA - Essere in grado di operare una distinzione fra i diversi tipi di carta geografica: fisica, politica e tematica - Mettere

Dettagli

Un approccio sismologico strumentale allo studio del terremoto del 24 Novembre 2004

Un approccio sismologico strumentale allo studio del terremoto del 24 Novembre 2004 Un approccio sismologico strumentale allo studio del terremoto del 24 Novembre 2004 Paolo Augliera, Ezio D Alema,, Domenico Di Giacomo, Simone Marzorati,, Marco Massa Brescia 14 novembre 2006 L INGV http://www.ingv.it.

Dettagli

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche Coordinatore: Prof. Paolo GASPARINI Dipartimento di Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II LINEA 9 Monitoraggio

Dettagli

PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI

PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI dal latino terrae motus ossia movimento della terra. CO): deriva dal greco seismos ossia scuotimento. : deriva dal latino Tellus che era la dea romana della Terra. significano

Dettagli

Terremoti probabili in Italia tra l'anno 2000 e il 2030: elementi per la definizione di priorità degli interventi di riduzione del rischio sismico

Terremoti probabili in Italia tra l'anno 2000 e il 2030: elementi per la definizione di priorità degli interventi di riduzione del rischio sismico Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti Programma Quadro 2000-2002 TEMA DI RICERCA VALUTAZIONE DEL RISCHIO SISMICO DEL PATRIMONIO ABITATIVO A SCALA NAZIONALE PROGETTO Terremoti probabili in Italia

Dettagli

SISMICITÀ STORICA DELL ITALIA DI NORD-EST

SISMICITÀ STORICA DELL ITALIA DI NORD-EST CIRCOLARE - marzo 2008 SISMICITÀ STORICA DELL ITALIA DI NORD-EST STATO DELL ARTE DELLE CONOSCENZE SUL TERREMOTO DI VERONA DEL 1117 E SULLA SISMICITÀ DELL ITALIA NORD ORIENTALE Convegno con relazioni ad

Dettagli

Problemi di simulazione della seconda prova di Scienze Esami di stato Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate 25 marzo 2015

Problemi di simulazione della seconda prova di Scienze Esami di stato Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate 25 marzo 2015 Incastri Studiando la Deriva dei Continenti, abbiamo appreso come Wegener, osservando le linee della costa occidentale africana e di quella orientale sudamericana, notò una corrispondenza quasi perfetta.

Dettagli

Progetto di ricerca applicata: Recupero e valorizzazione del patrimonio archeologico del sito di Stabiae, Castellammare di Stabia (NA).

Progetto di ricerca applicata: Recupero e valorizzazione del patrimonio archeologico del sito di Stabiae, Castellammare di Stabia (NA). Progetto di ricerca applicata: Recupero e valorizzazione del patrimonio archeologico del sito di Stabiae, Castellammare di Stabia (NA). Seconda Fase Coordinatore Generale Prof. Maurizio de Gennaro RISULTATI

Dettagli

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini D. Albarello, E. Lunedei, D. Pileggi, UniSI - DST; C. Copioli, Comune di Rimini; M. Filippini,

Dettagli

Natura e ambiente tra Vesuvio e Lattari

Natura e ambiente tra Vesuvio e Lattari Club Alpino Italiano Corso nazionale di formazione per docenti Natura e ambiente tra Vesuvio e Lattari un patrimonio prezioso, il suo sviluppo antropico e i rischi naturali connessi Corso autorizzato dal

Dettagli

Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013

Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013 Il Geoportale dei Progetti Sismologici DPC-INGV 2012-2013 AUTORI Maurizio Pignone - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - maurizio.pignone@ingv.it Pierluigi Cara - Dipartimento della Protezione

Dettagli

4. Attività sismica 4.1 Sismicità storica

4. Attività sismica 4.1 Sismicità storica 65 4. Attività sismica Per cercare di valutare la potenzialità sismica di una zona è necessario avere una conoscenza più completa e dettagliata possibile dell attività sismica passata. Questa informazione

Dettagli

Romanengo. per saperne di più GEOLOGIA, SISMICITÀ E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI GAS NATURALE

Romanengo. per saperne di più GEOLOGIA, SISMICITÀ E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI GAS NATURALE ENEL_BROCHURE_A4 def (originale)_layout 1 08/11/11 12.08 Pagina 1 Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Romanengo per saperne di più GEOLOGIA, SISMICITÀ E PROBLEMATICHE CONNESSE ALLO STOCCAGGIO

Dettagli

Allegato parte integrante Schema di Accordo di Programma con Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale

Allegato parte integrante Schema di Accordo di Programma con Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale Allegato parte integrante Schema di Accordo di Programma con Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale ACCORDO DI PROGRAMMA per la realizzazione del progetto Studio riguardante il

Dettagli

Il mercato del credito

Il mercato del credito Il mercato del credito 1 Gli sportelli bancari In riferimento alla distribuzione del numero di istituti bancari per sede amministrativa e del numero di sportelli per localizzazione geografica, i dati statistici

Dettagli

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Dal punto di vista della risposta strumentale tutta la zona indagata risulta essere influenzata da due picchi di origine antropica a 1.5 Hz e

Dettagli

Prof. Alessandro Sbrana Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Pisa Energea

Prof. Alessandro Sbrana Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Pisa Energea Geo4P Geotermia - Progetto Pilota Piana Pisa Progetto pilota per lo sviluppo di una metodologia innovativa finalizzato alla valutazione quantitativa delle risorse geotermiche a bassissima, bassa e media

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

SULLA POTENZIALE SISMICITÀ INDOTTA NEL CAMPO

SULLA POTENZIALE SISMICITÀ INDOTTA NEL CAMPO SULLA POTENZIALE SISMICITÀ INDOTTA NEL CAMPO PETROLIFERO DI CAVONE: ANALISI DEI DATI GEOLOGICO- GEOFISICI E MODELLIZZAZIONE GEOMECCANICA Luciana Astiz - University of California San Diego James H. Dieterich

Dettagli

MONITORAGGIO SISMOLOGICO DI STROMBOLI

MONITORAGGIO SISMOLOGICO DI STROMBOLI MONITORAGGIO SISMOLOGICO DI STROMBOLI Il vulcano Stromboli è considerato uno dei vulcani più attivi del mondo ed è caratterizzato da persistente attività esplosiva, chiamata appunto stromboliana, interrotta

Dettagli

Open data e Interoperabilità: service to service per la creazione di valore aggiunto Una Case History in ambito di monitoraggio sismico

Open data e Interoperabilità: service to service per la creazione di valore aggiunto Una Case History in ambito di monitoraggio sismico Open data e Interoperabilità: service to service per la creazione di valore aggiunto Una Case History in ambito di monitoraggio sismico Lorenzo Amato Istituto di Metodologie per l Analisi Ambientale (IMAA)

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

Commercializzazione e distribuzione di nuovi prodotti turistici Il caso Campania

Commercializzazione e distribuzione di nuovi prodotti turistici Il caso Campania Commercializzazione e distribuzione di nuovi prodotti turistici Il caso Campania Roberto Formato e Cosimo Sarro, Tiberio Tour Roma, INDICE Il mercato del turismo in Campania Le strategie di co-marketing

Dettagli

Liceo di Sachem Nord

Liceo di Sachem Nord Liceo di Sachem Nord 1 La Geografia d Italia In this unit the students will review the more salient points of Italy s geography. By the end of the unit, the students will be able to: 1. Discuss the geographic

Dettagli

Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ANALISI DEL RAPPORTO ON THE POTENTIAL FOR INDUCED SEISMICITY AT THE CAVONE OILFIELD: ANALYSIS OF GEOLOGICAL AND GEOPHYSICAL DATA, AND GEOMECHANICAL MODELING di L. Astiz, J.H. Dieterich, C. Frohlich, B.H.

Dettagli

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale Rilascio di permesso di ricerca idrocarburi Faenza RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALL ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI IDROCARBURI LIQUIDI E GASSOSI DENOMINATA FAENZA

Dettagli

unità 13. I fenomeni sismici

unità 13. I fenomeni sismici Terremoto: vibrazione della Terra prodotta da rapida liberazione di energia elastica che avviene nell che avviene secondo il modello del rimbalzo elastico dal quale si propagano le onde sismiche forniscono

Dettagli

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI INCASTRI Studiando la Deriva dei Continenti, abbiamo appreso come Wegener, osservando le linee della costa occidentale africana e di quella

Dettagli

LAB RENEW_MEL Città di Reggio Calabria Università degli Studi Mediterranea Aprile 2014 Un Edificio laboratorio

LAB RENEW_MEL Città di Reggio Calabria Università degli Studi Mediterranea Aprile 2014 Un Edificio laboratorio Comune di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria LAB RENEW_MEL Città di Reggio Calabria Aprile 2014 Un Edificio laboratorio R4_RELAZIONE SULLA PERICOLOSITÀ SISMICA Data, Agosto 2014 Il Geologo Michele

Dettagli

'LQDPLFDGHOWHUULWRULRHGHYROX]LRQHUHFHQWHGHOSDHVDJJLRLQXQWUDQVHWWRDWWUDYHUVR O $SSHQQLQR&HQWURPHULGLRQDOH%DFLQRGL5LHWL6DUQR9HVXYLRH&DPSL)OHJUHLµ

'LQDPLFDGHOWHUULWRULRHGHYROX]LRQHUHFHQWHGHOSDHVDJJLRLQXQWUDQVHWWRDWWUDYHUVR O $SSHQQLQR&HQWURPHULGLRQDOH%DFLQRGL5LHWL6DUQR9HVXYLRH&DPSL)OHJUHLµ /DXUHD6SHFLDOLVWLFDLQ 6FLHQ]H$PELHQWDOL $QQRDFFDGHPLFR 8QLYHUVLWjGHOO,QVXEULD (6&856,21(,17(5',6&,3/,1$5( VHWWHPEUH 'LQDPLFDGHOWHUULWRULRHGHYROX]LRQHUHFHQWHGHOSDHVDJJLRLQXQWUDQVHWWRDWWUDYHUVR O $SSHQQLQR&HQWURPHULGLRQDOH%DFLQRGL5LHWL6DUQR9HVXYLRH&DPSL)OHJUHLµ

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI "FEDERICO II" DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI "FEDERICO II" DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA Dottorato in Scienze della Terra XXIII Ciclo Metodi di imaging sismico ad alta risoluzione per lo studio di faglie sismogenetiche:

Dettagli

RAGGIUNGERE I SITI DELLE RETI DI MONITORAGGIO TRAMITE SOFTWARE GPS: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA PERMANENTE DELL INGV-OSSERVATORIO VESUVIANO

RAGGIUNGERE I SITI DELLE RETI DI MONITORAGGIO TRAMITE SOFTWARE GPS: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA PERMANENTE DELL INGV-OSSERVATORIO VESUVIANO RAGGIUNGERE I SITI DELLE RETI DI MONITORAGGIO TRAMITE SOFTWARE GPS: L ESEMPIO DELLA RETE SISMICA PERMANENTE DELL INGV-OSSERVATORIO VESUVIANO Giuseppe Borriello, Ciro Buonocunto, Marco Capello, Giovanni

Dettagli

Sismotettonica dell'italia nord-orientale e possibile comparazione con gli Appennini Riassunto 1 Premessa

Sismotettonica dell'italia nord-orientale e possibile comparazione con gli Appennini Riassunto 1 Premessa Sismotettonica dell'italia nord-orientale e possibile comparazione con gli Appennini C. Doglioni Dipartimento di Scienze della Terra, Università La Sapienza, Roma (e-mail: doglioni@uniroma1.it) Riassunto

Dettagli