PROGETTARE PER COMPETENZE: LINEE DI SVILUPPO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTARE PER COMPETENZE: LINEE DI SVILUPPO"

Transcript

1 PROGETTARE PER COMPETENZE: LINEE DI SVILUPPO VALUTAZIONE COMPETENZA INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO DOCUMENTAZIONE DEI PROGETTI Allo scopo di non perdere la ricchezza delle esperienze progettuali che sono state progettate si forniscono alcune indicazioni per una essenziale documentazione delle modalità di realizzazione, sempre a cura dei coordinatori dei gruppi. Ciò consentirà di utilizzare questa esperienza come primo abbozzo per la costruzione di un archivio di progetti didattici a livello di Istituto, consultabile e accessibile ai docenti dell Istituto per impiegare e adattare proposte dei colleghi. In modo differenziato nei diversi gruppi, a seconda dei tempi di realizzazione del progetto, si tratta di elaborare una breve nota sulla realizzazione del progetto, da allegare al documento progettuale, nella quale precisare: Modalità di realizzazione del progetto: - tempi e condizioni di realizzazione - adattamenti/modifiche del progetto iniziale - strumenti o materiali sviluppati successivamente al progetto - riflessioni critiche sull esperienza - elenco allegati Allegati (esempi documentali) La nota può risolversi in un documento di 1-2 cartelle; gli allegati possono essere a volontà, l importante è che siano in formato elettronico (immagini, musiche, strumenti, testi, ) in modo da poterli documentare attraverso gli strumenti informatici. 1

2 COMPETENZA DA PROMUOVERE TRAGUARDI FORMATIVI UN FORMAT PROGETTUALE CONSIDERAZIONI GENERALI SIGNIFICATI E USO DELLA RUBRICA VALUTATIVA QUADRO INIZIALE SITUAZIONE PROBLEMA ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DIDATTICO SCANSIONE OPERATIVA SIGNIFICATO E GESTIONE DELLA FASE DI RIFLESSIONE VALUTAZIONE UTILIZZO PROVE DI COMPETENZA ANALIZZARE LA COMPETENZA: PRIMO STEP RICONOSCE NEL PROPRIO ORGANISMO STRUTTURE E FUNZIONAMENTI A LIVELLI MACROSCOPICI E MICROSCOPICI, È CONSAPEVOLE DELLE SUE POTENZIALITÀ E DEI SUOI LIMITI CURIOSITA VERSO IL SAPERE IDENTIFICAZIONE DEL COMPITO REVISIONE ACQUISIZIONE/ RECUPERO DATI INFORMATIVI RICERCA CONNESSIONI RIELABORAZIONE CONSIDERAZIONE RISORSE E VINCOLI 2

3 ANALIZZARE LA COMPETENZA: PRIMO STEP livelli dimensioni IDENTIFICAZIONE DEL Identifica il compito che COMPITO deve affrontare ACQUISIZIONE E RECUPERO DI DATI INFORMATIVI RICERCA CONNESSIONI RIELABORAZIONE REVISIONE CURIOSITA VERSO IL SAPERE CONSIDERAZIONE RISORSE E VINCOLI PARZIALE ACCETTABILE INTERMEDIO AVANZATO Identifica il compito che deve affrontare e abbozza una strategia d azione seguendo le indicazioni dell adulto Seguendo le indicazioni Acquisisce i dati dell adulto acquisisce i necessari e recupera il dati necessari e recupera sapere pregresso su il sapere pregresso invito dell insegnante Se guidato dall adulto riconosce alcuni collegamenti tra i dati a disposizione Se guidato riutilizza alcuni elementi del lavoro svolto in funzione del compito Data la sequenza ordinata del percorso svolto, controlla la corrispondenza rispetto al suo operato Va incoraggiato ad attivare le proprie risorse Sotto la guida dell insegnante tiene conto dei vincoli e delle risorse del contesto Mette in collegamento alcuni dei dati a disposizione Segue le indicazioni fornite per riutilizzare il lavoro svolto in funzione del compito Ricostruisce il proprio percorso di lavoro, seguendo le indicazioni fornite dall insegnante Mostra curiosità ma va aiutato ad utilizzare le proprie risorse Cerca di tenere conto dei vincoli e delle risorse del contesto Identifica il compito che deve affrontare e abbozza una strategia d azione Acquisisce alcuni dati e recupera alcune conoscenze/esperienze pregresse Mette in collegamento i diversi dati a disposizione Riutilizza le connessioni in funzione del compito Ricostruisce autonomamente il percorso di lavoro Mostra curiosità e attiva le proprie risorse Adatta la propria azione alle risorse e ai vincoli guidato dall insegnante Identifica il compito che deve affrontare e pianifica autonomamente una strategia d azione Acquisisce autonomamente i dati necessari e recupera il sapere pregresso Mette in collegamento i dati a disposizione in modo articolato e originale Utilizza autonomamente le connessioni evidenziate in funzione del compito da affrontare Ricostruisce autonomamente il percorso e lo corregge in base ai risultati Mostra curiosità e mobilita al meglio le risorse a disposizione Adatta autonomamente la propria azione alle risorse e ai vincoli del contesto DALLA COMPETENZA ALLA SITUAZIONE PROBLEMA QUALI OCCASIONI PER MANIFESTARE UNA COMPETENZA? IN RISPOSTA A QUALI BISOGNI? ATTRAVERSO QUALI SAPERI DISCIPLINARI? SITUAZIONE PROBLEMA problema da risolvere in un dato contesto operativo, all interno dei vincoli e delle risorse poste dal contesto stesso 6 3

4 ABBOZZARE IL PROGETTO: SECONDO STEP COMPETENZA FOCUS RICONOSCE NEL PROPRIO ORGANISMO STRUTTURE E FUNZIONAMENTI A LIVELLI MACROSCOPICI E MICROSCOPICI, È CONSAPEVOLE DELLE SUE POTENZIALITÀ E DEI SUOI LIMITI BISOGNI FORMATIVI CATTIVE ABITUDINI ALIMENTARI IDEA PROGETTUALE SITUAZIONE PROBLEMA COME IMPOSTARE UNA DIETA SANA ED EQUILIBRATA IN RAPPORTO ALLE CARATTERISTICHE E AGLI STILI DI VITA DI CIASCUNO DI NOI? DISCIPLINE COINVOLTE SCIENZE MATEMATICA ITALIANO EDUC. FISICA 7 DEFINIRE I TRAGUARDI: TERZO STEP CONOSCENZE ABILITA SCIENZE Fabbisogno alimentare Sviluppare la cura e il controllo della propria salute attraverso una Nutrienti fondamentali e loro corretta alimentazione caratteristiche Assumere comportamenti e scelte personali ecologicamente sostenibili. Indici statistici di tendenza centrale (media, mediana, moda) Calcolo delle percentuali Funzioni base foglio elettronico MATEMATICA Comprendere il significato di percentuale e saperla calcolare utilizzando strategie diverse. Rappresentare insiemi di dati, anche facendo uso di un foglio elettronico. Scegliere ed utilizzare valori medi (moda, me-diana, media aritmetica) adeguati alla tipologia ed alle caratteristiche dei dati a disposizione. Saper valutare la variabilità di un insieme di dati determinandone, ad esempio, il campo di variazione. Lessico specifico relativi al tema ITALIANO Intervenire in una conversazione o in una discussione, di classe o di gruppo, con pertinenza e coerenza, rispettando tempi e turni di parola e fornendo un contributo personale Ascoltare testi applicando tecniche di supporto alla comprensione: durante l ascolto (presa di appunti, parole-chiave, brevi frasi riassuntive, segni convenzionali) e dopo l ascolto (rielaborazione degli appunti, esplicitazione delle parole chiave, ecc.). Ricavare informazioni esplicite e implicite da testi espositivi, per documentarsi su un argomento specifico o per realizzare scopi pratici. 8 4

5 DEFINIRE I TRAGUARDI: TERZO STEP RICONOSCE NEL PROPRIO ORGANISMO STRUTTURE E FUNZIONAMENTI A LIVELLI MACROSCOPICI E MICROSCOPICI, È CONSAPEVOLE DELLE SUE POTENZIALITÀ E DEI SUOI LIMITI MESSA A FUOCO STRATEGIE D AZIONE AUTOREGO- LAZIONE QUALI PROCESSI CARATTERIZ- ZANO LA COMPETENZA? IDENTIFICAZIONE DEL COMPITO ACQUISIZIONE E RECUPERO DATI INFORMATIVI RICERCA CONNESSIONI RIELABORAZIONE REVISIONE COME SI MANIFESTANO NELLA SITUAZIONE PROBLEMA? AVERE CHIARO QUALI INFORMAZIONI CI OCCORRONO PER IMPOSTARE UNA DIETA ANALIZZARE LE NOSTRE ABITUDINI ALIMENTARI APPROFONDIRE LE NOSTRE CONOSCENZE SCIENTIFICHE COLLEGARE FABBISOGNO ENERGETICO E ABITUDINI ALIMENTARI DECIDERE E SPERIMENTARE CONSIGLI DI DIETA VERIFICARE I COMPORTAMENTI ALIMENTARI E RIVEDERE LE DECISIONI 9 SVILUPPO DI UN PERCORSO DIDATTICO UN CANOVACCIO DIDATTICO IN QUATTRO MOSSE CONDIVISIONE DI SENSO PROBLEMATIZZARE ESPLORARE MOTIVARE ALLENAMENTO ACQUISIRE CONSOLIDARE POTENZIARE RIFLESSIONE CAPITALIZZARE GENERALIZZARE TRASFERIRE PARTITA MOBILITARE UTILIZZARE INTEGRARE 5

6 SVILUPPO DI UN PERCORSO DIDATTICO metodologie induttive apprendimento cooperativo approcci dialogico-filosofici apprendistato cognitivo studi di caso istruzione tra pari digital story telling approcci metacognitivi gioco di ruolo didattica 2.0 didattica laboratoriale approcci narrativi FASI DI LAVORO ATTIVITÀ METODOLOGIE FOCUS SULLA COMPETENZA Prima fase: Ripresa di discussioni ed eventi critici pregressi Discussione in classe Messa a fuoco del Condivisione Lettura di un articolo sui disturbi alimentari negli/nelle compito (2h) adolescenti Confronto su come affrontare il tema nel lavoro di classe Seconda fase: Sviluppo risorse (14 h) Terza fase Integrazione risorse (8 h) Quarta fase Riflessione sul percorso (6 h) DELINEARE IL PERCORSO FORMATIVO: QUARTO STEP Elaborazione di un questionario sulle abitudini alimentari degli allievi della classe (a livello di gruppo) Messa a punto del questionario e realizzazione dell indagine Tabulazione e analisi dei dati (a livello di gruppo) Approfondimento di conoscenze scientifiche relative all alimentazione Determinazione fabbisogno energetico in relazione agli stili di vita Analisi del menu scolastico e incontro con il medico scolastico Elaborazione di una proposta di dieta base, da personalizzare in rapporto ad esigenze e caratteristiche personali (linee guida per una sana alimentazione) Sperimentazione della linee guida per un mese con registrazione individuale della propria alimentazione su un diario di bordo Questionario di osservazione dei comportamenti alimentari rivolto alle famiglie Analisi e tabulazione dei dati raccolti nei diari di bordo Relazione di sintesi sul rispetto delle linee guida e proposte di revisione Traccia di autovalutazione sugli apprendimenti conseguiti e la loro trasferibilità Apprendimento cooperativo Lezione dialogata Apprendimento cooperativo Studio individuale Ricerca a livello gruppo di Lezione dialogata Soluzione di problemi reali (con aiuto medico scolastico) Apprendimento cooperativo Approccio metacognitivo Acquisizione/recupero dati informativi Ricerca connessioni Rielaborazione Considera-zione risorse e vincoli Curiosità verso il sapere Rielaborazione Considerazione risorse e vincoli Acquisizione/recu pero informativi Autoregolazione Considerazione risorse e vincoli dati 6

7 STRUTTURARE UNA VALUTAZIONE TRIFOCALE: QUINTO STEP AUTOVALUTAZIONE RUBRICA VALUTATIVA ETEROVALUTAZIONE Strategie autovalutative Diario di bordo Resoconti verbali ANALISI PRESTAZIONI Compiti autentici Prove di verifica Documentazione processi Osservazioni in itinere Valutazioni incrociate Analisi del comportamento sul campo QUALE IDEA DI VALUTAZIONE? RICOMPORRE LA FRATTURA TRA RUOLO FORMATIVO RUOLO VALUTATIVO VALUTAZIONE COME RISORSA PER APPRENDERE 7

8 QUALE IDEA DI VALUTAZIONE? VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO tutte quelle attività intraprese dagli insegnanti e/o dagli alunni che forniscono informazioni da utilizzare come feedback per modificare le attività di insegnamento/apprendimento in cui sono impegnati (Black-William, Inside the Black Box, King s College London, 1998) IL PROCESSO DI APPRENDIMENTO E EFFICACE SE GLI ALLIEVI COMPRENDONO CHE COSA CI SI ASPETTA DA LORO RICEVONO UN FEEDBACK SULLA QUALITA DEL LORO LAVORO RICEVONO CONSIGLI SU COME MIGLIORARE SONO RESPONSABILI E COINVOLTI NEL LORO APPRENDIMENTO QUALE IDEA DI VALUTAZIONE? VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO: MODALITA OPERATIVE CONDIVISIONE DEI CRITERI DOCUMENTAZIONE DEI PROCESSI E DEI RISULTATI VERIFICHE PERSONALIZZATE AUTOVALUTAZIONE E VALUTAZIONE TRA PARI FEEDBACK SUI RISULTATI CONFRONTO SULLE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO MOLTE PROVE DIFFERENZIATE COINVOLGIMENTO DEI GENITORI 8

9 FOCUS FORMATIVO - Interagire verbalmente Elaborazione compiti di prestazione (passaggio infanzia/primaria) COMPETENZA FOCUS: Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura LIVELLO DI CLASSE: Classe prima scuola primaria CONSEGNA OPERATIVA: (orale) Gli alunni vengono invitati a ripensare alla giornata trascorsa a scuola, ad individuare il momento più significativo di essa e a disegnarlo. In un secondo momento dovranno raccontarlo ai compagni cercando di rispettare una sequenza logica e cronologica. TEMPI E FASI DEL LAVORO: L attività si svolge nell arco di una settimana, riservando ad essa gli ultimi venti minuti della giornata. RISORSE: fogli, matite colorate 17 FOCUS FORMATIVO - Interagire verbalmente Elaborazione compiti di prestazione (passaggio infanzia/primaria) CRITERI LINGUAGGIO: - completezza delle frasi non complete minime complete - adeguatezza del lessico corretto semplice e ricco e appropriato appropriato - correttezza della pronuncia non corretta corretta ORDINE LOGICO/CRONOLOGICO non rispettato rispettato ATTINENZA ALLA CONSEGNA: - individuazione di un momento della non individuato giornata - coerenza immagine/racconto individuato non coerente coerente AUTONOMIA NELL ESPOSIZIONE: - gestione delle emozioni va sostenuto - tono di voce - necessità dell intervento dell insegnante TOTALE:./20 si mostra a proprio agio e incoraggiato non adeguato adeguato necessario non necessario 18 9

10 FOCUS FORMATIVO - Ricercare e rappresentare dati Elaborazione compiti di prestazione (I primaria) Traguardo per lo sviluppo della competenza: Ricerca dati per ricavare informazioni e costruisce rappresentazioni (tabelle e grafici). Ricava informazioni anche da dati rappresentati in tabelle e grafici. Consegna operativa: Dobbiamo organizzare un gioco per il quale suddividerci in coppie formate ciascuna da un maschio e una femmina. Nella nostra classe quante coppie possiamo formare? Resteranno senza compagno o compagna dei maschi o delle femmine? Quanti/e rimarranno senza compagno/a? Dopo averne discusso con un tuo compagno/a (max 10 minuti) rappresenta la situazione proposta utilizzando dei simboli e fornisci le tue risposte. Prodotto atteso: Rappresentazione grafica della situazione problematica e risposta ai tre quesiti proposti. Tempi e fasi: 30 minuti. Risorse a disposizione: Fogli, matite, penne. 19 FOCUS FORMATIVO - Ricercare e rappresentare dati Elaborazione compiti di prestazione (I primaria) CRITERI RAPPRESENTAZIONE DELLA SITUAZIONE PROBLEMATICA INDIVIDUAZIONE SOLUZIONI ORGANIZZAZIONE LOGICA DEL LAVORO RISPETTO DEI TEMPI Rappresenta i possibili accoppiamenti in maniera approssimativa Risponde in modo non corretto ai quesiti Non emerge un organizzazione logica del lavoro Non conclude il suo lavoro nel tempo stabilito Rappresenta i possibili accoppiamenti in maniera parzialmente corretta Risponde in modo approssimativo ai quesiti Struttura i diversi passaggi in modo poco comprensibile Conclude il suo lavoro nel tempo stabilito Punteggio totale: su 15 Rappresenta i possibili accoppiamenti in maniera sostanzialment e corretta Risponde corretta-mente ad un quesito Struttura i diversi passaggi del lavoro in modo chiaro e comprensi-bile Rappresenta i possibili accoppiamen ti in maniera numericame nte corretta Risponde correttament e a due quesiti Rappresenta correttamente gli accoppiamen- ti evidenziando maschi e femmi-ne, le coppie di bambini/e e i bambini/e spaiati Risponde correttamente ai tre quesiti 20 10

11 FOCUS FORMATIVO - Osserva, legge e analizza sistemi territoriali Elaborazione compiti di prestazione (II secondaria) Traguardo per lo sviluppo delle competenze focus Osserva, legge e analizza sistemi territoriali vicini e lontani, nello spazio e nel tempo e valuta gli effetti di azioni dell uomo sui sistemi territoriali alle diverse scale geografiche. Consegna operativa Devi produrre un breve reportage relativo ai cambiamenti operati sul territorio dall azione dell uomo per l utilizzo del sistema delle acque per scopi agricoli, industriali, energetici, turistici, etc.; il reportage verrà fornito agli allievi delle altre seconde della scuola come materiale di studio ed approfondimento. Per realizzarlo hai a disposizione il materiale che ti è stato fornito, come sintesi del percorso di ricerca svolto in classe nei mesi scorsi.. Vincoli massimo quattro cartelle, comprensive di immagini e/o rappresentazioni di dati utilizzo della documentazione fornita sviluppo del reportage in prospettiva storica (dal passato al presente) Risorse Libro di testo Dati, cartine e immagini relativi al tema di ricerca Tempi 4 ore per il lavoro individuale FOCUS FORMATIVO - Osserva, legge e analizza sistemi territoriali Elaborazione compiti di prestazione (II secondaria) Rubrica di prestazione Per la valutazione della prova è stata elaborata la seguente rubrica valutativa. Per ciascuno dei cinque criteri occorre dare un giudizio scegliendo tra le diverse opzioni indicate; la somma dei punteggi ottenuti per ciascun criterio fornirà il punteggio complessivo (espresso in diciottesimi, in quanto 18 è il punteggio massimo ottenibile). CRITERI FOCUS SUI CAMBIAMENTI Sostanzialme nte assente Occasionalmen te presente Adeguato Preciso e puntuale UTILIZZO FONTI Limitato Parziale Adeguato Sistematico e sicuro COERENZA E COESIONE Testo confuso Testo organico Testo parzialmente organico CURA REALIZZATIVA Scarsa cura Abbastanza Molto curato curato LINGUAGGIO SPECIFICO Sostanzialme nte assente Qualche richiamo Richiami costanti Punteggio complessivo: /18 Testo organico e ben strutturato 11

12 FOCUS FORMATIVO - Consapevolezza e modi di vita ecologicamente responsabili Elaborazione compiti di prestazione (III secondaria) Traguardo per lo sviluppo delle competenze focus È consapevole del ruolo della comunità umana sulla Terra, del carattere finito delle risorse, nonché dell ineguaglianza dell accesso a esse, e adotta modi di vita ecologicamente responsabili. Livello di classe: Classe terza di scuola secondaria di primo grado Consegna operativa Devi preparare una brochure rivolta a tuoi coetanei sul significato e le ragioni per un attenzione e una responsabilizzazione individuale nella raccolta differenziata dei rifiuti; non devi preoccuparti degli aspetti organizzativi, bensì sensibilizzare al valore del progetto. Vincoli massimo due cartelle, comprensive di immagini e/o rappresentazioni di dati riferimento esplicito ad alcuni dati relativi allo smaltimento dei rifiuti nella propria area territoriale Risorse Libro di testo Dati e immagini relativi allo smaltimento dei rifiuti nel proprio paese/territorio Risorse in rete (sulla base di alcuni siti proposti dall insegnante) Tempi 2 ore per il lavoro individuale FOCUS FORMATIVO - Consapevolezza e modi di vita ecologicamente responsabili Elaborazione compiti di prestazione (III secondaria) Rubrica di prestazione Per la valutazione della prova è stata elaborata la seguente rubrica valutativa. Per ciascuno dei cinque criteri occorre dare un giudizio scegliendo tra le diverse opzioni indicate; la somma dei punteggi ottenuti per ciascun criterio fornirà il punteggio complessivo (espresso in sedicesimi, in quanto 16 è il punteggio massimo ottenibile). CRITERI PERTINENZA CON LO SCOPO Poco aderente con lo scopo Attenzione allo scopo Adeguato allo scopo Efficace e puntuale RIFERIMENTO AI DATI Nessun riferimento Qualche riferimento Riferimenti puntuali e approfonditi ADEGUATEZZA AI DESTINATARI Indifferenza al destinatario Qualche attenzione Rivolto ai destinatari CURA REALIZZATIVA Scarsa cura Abbastanza Molto curato LINGUAGGIO SPECIFICO curato Sostanzialment Qualche e assente richiamo Punteggio complessivo: /16 Richiami costanti 12

13 COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE COMPETENZA DIGITALE 13/11/2014 PER CONCLUDERE 1 cosa che vorrei capire o fare meglio 2 cose che ho imparato da questo lavoro 3 cose che già sapevo ma ora ho capito meglio MATRICE COMPETENZE/DISCIPLINE DISCIPLINE ITALIANO STORIA MATEMATICA SCIENZE MUSICA Ascolta o comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazio ne, discussione, scam bi epistolari ) attraverso messaggi sempli ci, chiari e pertinenti, formulati in un registro il più possibile adegua to alla situazione Racconta i fatti studiati e sa produrre semplici testi storici, anche con risorse digitali Usa carte geostoriche, anche con l ausilio di strumenti informatici Individua le relazioni tra gruppi umani e contesti spaziali Costruisce ragionamenti formulan-do ipotesi, sostenendo le proprie idee e confrontando si con il punto di vista altrui Ha atteggiamenti di cura verso l ambiente scolastico che condivide con gli altri; rispetta e apprezza il valore dell ambiente sociale e naturale Articola combinazioni timbriche, ritmiche e melodiche, applicando schemi elementari; le esegue con la voce, il corpo e gli strumenti, ivi compresi quelli della tecnologia informatica Esegue, da solo e in gruppo, semplici brani vocali o strumentali, appartenenti a generi e culture differenti, utilizzando anche strumenti didattici e autocostruiti 13

ISTITUTO COMPRENSIVO LIZZANELLO. SCHEDA di PROGETTO di UN UNITA DI APPRENDIMENTO RIFERITA ALLA SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO LIZZANELLO. SCHEDA di PROGETTO di UN UNITA DI APPRENDIMENTO RIFERITA ALLA SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO LIZZANELLO SCHEDA di PROGETTO di UN UNITA DI APPRENDIMENTO RIFERITA ALLA SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA Titolo/Denominazione " L'energia: lu sule, l acqua, lu ientu" Anno scolastico 2014/2015

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE CON PINOCCHIO PER IMPARARE A STARE INSIEME PRODOTTI LIBRICINO COMPETENZE CHIAVE/COMPETENZE CULTURALI EVIDENZE OSSERVABILI Italiano -Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti 1. Una prima parte descrittiva e informativa costituita dalle seguenti voci Denominazione Il nome dell unità Compito prodotto

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza

Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. ITALIANO Competenze linguistico-comunicative. Competenze di cittadinanza Progetto di formazione e ricerca SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO Competenze linguistico-comunicative Competenze di cittadinanza NUCLEI FONDANTI: ASCOLTARE PARLARE LEGGERE SCRIVERE RIFLETTERE

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE: QUALI SFIDE PER LA DIDATTICA?

PROMUOVERE LE COMPETENZE: QUALI SFIDE PER LA DIDATTICA? PROMUOVERE LE COMPETENZE: QUALI SFIDE PER LA DIDATTICA? VALUTAZIONE COMPETENZA INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO Se si cambiano solo i programmi che figurano nei documenti, senza scalfire quelli che sono nelle

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO Via Pertini, 1 73020 UGGIANO LA CHIESA (LE) tel 036 17370 fax 036 14535 LEIC4300C@istruzione.it www.comprensivouggiano.it codice

Dettagli

VALUTARE LE COMPETENZE IN UN OTTICA CAPOVOLTA

VALUTARE LE COMPETENZE IN UN OTTICA CAPOVOLTA Convegno nazionale Flipped Classroom VALUTARE LE COMPETENZE IN UN OTTICA CAPOVOLTA Mario Castoldi 13 febbraio 2015 PRIMA INVERSIONE: CAPOVOLGERE IL SIGNIFICATO RICOMPORRE LA FRATTURA TRA RUOLO FORMATIVO

Dettagli

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione A cura di Chiara Dicorato Rita Cioffi 19/01/12 Le otto

Dettagli

RUBRICA VALUTATIVA Descrizione dei livelli Avanzato Intermedio Accettabile Parziale Dimensioni Necessita di interventi

RUBRICA VALUTATIVA Descrizione dei livelli Avanzato Intermedio Accettabile Parziale Dimensioni Necessita di interventi TITOLO: Una merenda sana per diventare grandi! Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 rogetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE CLASSE PRIMA Ascoltare in modo attivo e partecipe, comprendendo il contenuto PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE Attribuisce significato al Favole e fiabe tono di chi parla o legge Storie fantastiche

Dettagli

FONDAZIONE COGEME ONLUS ROVATO PROGETTO DI CASA NEL MONDO COMPETENZE CHIAVE PER UNA CITTADINANZA SOSTENIBILE

FONDAZIONE COGEME ONLUS ROVATO PROGETTO DI CASA NEL MONDO COMPETENZE CHIAVE PER UNA CITTADINANZA SOSTENIBILE FONDAZIONE COGEME ONLUS ROVATO PROGETTO DI CASA NEL MONDO COMPETENZE CHIAVE PER UNA CITTADINANZA SOSTENIBILE PROGETTO IDEATO E REALIZZATO DALL ISTITUTO COMPRENSIVO DI PONTOGLIO - SCUOLA SECONDARIA DI I

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

PIANO ANNUALE DI LAVORO

PIANO ANNUALE DI LAVORO Istituto Comprensivo via Latina 303 - Roma Piano annuale di lavoro MOD-102 Rev. 1 Data: 03/09/12 Totale pagine: 6 PIANO ANNUALE DI LAVORO Docenti Materia Classi Sezione a. s. Tutti Materie Letterarie Seconde

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA Scuola primaria classe III Italiano Obiettivi di apprendimento Ascolto e parlato Contenuti Metodologia Verifica Traguardi

Dettagli

VALUTARE E CERTIFICARE LE COMPETENZE: ELABORAZIONE DI COMPITI AUTENTICI

VALUTARE E CERTIFICARE LE COMPETENZE: ELABORAZIONE DI COMPITI AUTENTICI IC Selvazzano VALUTARE E CERTIFICARE LE COMPETENZE: ELABORAZIONE DI Mario Castoldi settembre 2015 NOVITA SULLO SFONDO Profilo delle competenze Competenze chiave Discipline coinvolte Livello Ha una padronanza

Dettagli

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO INFANZIA Il bambino sviluppa abilità di ascolto, comprende testi brevi e semplici, arricchisce il proprio lessico. Racconta ed inventa Esprime emozioni,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CURRICOLO DI ITALIANO CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA NUCLEI FONDANTI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sa usare la comunicazione orale e scritta per collaborare e interagire positivamente con gli altri

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO per la scuola primaria Denominazione Che ora è? Il tempo e gli strumenti per misurarlo. Costruiamo ll orologio.

UNITA DI APPRENDIMENTO per la scuola primaria Denominazione Che ora è? Il tempo e gli strumenti per misurarlo. Costruiamo ll orologio. UNITA DI APPRENDIMENTO per la scuola primaria Denominazione Che ora è? Il tempo e gli strumenti per misurarlo. Costruiamo ll orologio. Prodotti Competenze mirate (Competenze chiave europee e competenze

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO 1. L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso FORMAT PROFILO DI COMPETENZA competenza chiave IMPARARE A IMPARARE Specifico formativo della competenza chiave Imparare a imparare designa la capacità di organizzare il proprio apprendimento mediante una

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE STRUMENTI DI DIDATTICA PER COMPETENZE: FORMAT UDA Pag 1 di 13 UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI I DISCORSI E LE PAROLE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni ASCOLTARE E Ascoltare brevi e semplici racconti. Capire il messaggio delle parole usate dall insegnante.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA? COMPETENZA. (disporre della Rubrica Valutativa) (scelta dal C.d.C.

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA? COMPETENZA. (disporre della Rubrica Valutativa) (scelta dal C.d.C. PERCORSO FORMATIVO TITOLO FINALITA / SENSO DEL PERCORSO PERIODO DI SVOLGIMENTO INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINE COINVOLTE ASSE CULTURALE Un giorno.. a Pompei Valorizzare i beni culturali Tutto l anno

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori

Dettagli

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d esame CERTIFICANO

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d esame CERTIFICANO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Raffaello Giovagnoli Via Ticino 72 00015 Monterotondo (RM) Tel. 069068053 Fax 0690629007

Dettagli

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Area dei linguaggi: ITALIANO o L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione), attraverso

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria.

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria. AREE DISCIPLINARI E DISCIPLINE SCUOLA PRIMARIA AREA LINGUISTICO-ARTISTICO-ESPRESSIVA ITALIANO L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione, scambi epistolari

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI SCUOLA PRIMARIA ALLE DISCIPLINE DELLA E SECONDARIA DISCORSI E PAROLE ITALIANO - Sa usare la corretta pronuncia dei principali fonemi - Sa denominare correttamente gli oggetti di uso comune - Memorizza ed utilizza correttamente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. UdA. Abitudini alimentari. Prodotta per un Liceo Pedagogico

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. UdA. Abitudini alimentari. Prodotta per un Liceo Pedagogico UdA Abitudini alimentari Prodotta per un Liceo Pedagogico Docenti che hanno collaborato: prof. Emanuele Bonutti prof.sa Emanuela Filipuzzi prof.sa Simona Perissutti prof.sa Vicenzina Soriano LA DIDATTICA

Dettagli

Griglie di Valutazione disciplinari

Griglie di Valutazione disciplinari Istituto Comprensivo 1 di Taormina via Dietro Cappuccini n. telefono 0942 628612 n. fax 0942 628641/0942-897077 Griglie di Valutazione disciplinari Anno Scolastico 2014/ 15 Approvazione definitiva: Collegio

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO D'ISTITUTO PIANO OFFERTA FORMATIVA

PROGETTO EDUCATIVO D'ISTITUTO PIANO OFFERTA FORMATIVA PROGETTO EDUCATIVO D'ISTITUTO PIANO OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PRIMARIA Una scuola a misura di Bambino pag. 1 di 9 SOMMARIO PIANO OFFERTA FORMATIVA... 3 SCUOLA PRIMARIA Una scuola a misura di Bambino...

Dettagli

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe IV Scuola primaria Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare Senso formativo del percorso

Dettagli

Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Primaria Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Dimmi cosa mangi.

Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Primaria Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Dimmi cosa mangi. Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Primaria Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Dimmi cosa mangi. Premessa: L importanza della prevenzione come tappa fondamentale

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano. Candidata: Maria Ghirardi

IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano. Candidata: Maria Ghirardi IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano Candidata: Maria Ghirardi LA MIA CLASSE La mia classe V di scuola primaria è composta da 20 bambini, di cui 11 maschi e 9 femmine. Tra i

Dettagli

CIBI BUONI = CIBI GIUSTI

CIBI BUONI = CIBI GIUSTI UNITÀ DI APPRENDIMENTO CIBI BUONI = CIBI GIUSTI Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE Pagina 1 di 13 UDA Denominazione UNITA DI APPRENDIMENTO Cibi buoni

Dettagli

Istituto Comprensivo E. Fermi - Romano di Lombardia (BG) PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIA. Classi prime

Istituto Comprensivo E. Fermi - Romano di Lombardia (BG) PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIA. Classi prime Istituto Comprensivo E. Fermi - Romano di Lombardia (BG) PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIA Classi prime Sezioni A B C D Anno scolastico 2015-2016 FINALITA EDUCATIVE L'insegnamento dell'educazione tecnica nella

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 2013-14. SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 2013-14. SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno ISTITUTO COMPRENSIVO E. MONACI SORIANO NEL CIMINO A.S. 013-14 SCUOLA DELL INFANZIA Fine Terzo Anno COMPETENZE-CHIAVE EUROPEE madrelingua COMPETENZE DISCIPLINARI Interagisce oralmente nella lingua italiana

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE Classe 1^ Scuola Secondaria di I Grado COMPETENZA DI OBIETTIVI DI RIFERIMENTO APPRENDIMENTO Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente 1.1 Ascoltare per intervenire in modo pertinente nelle conversazioni.

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA Plesso CESARE BATTISTI ARNATE Plesso ALESSANDRO MANZONI MADONNA IN CAMPAGNA CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA CLASSE 4^ ITALIANO l allievo prende la parola negli scambi comunicativi dimostrando di aver colto l

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE Titolo: LOGICAMENTE Destinatari : alunni dell ultimo anno di scuola dell Infanzia e alunni della classe prima di scuola primaria. Risorse professionali:

Dettagli

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TAGGIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE QUARTA Ogni équipe pedagogica organizzerà, per gli alunni della rispettiva

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Titolo significativo: Esperienza di scrittura: dalle informazioni

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD TITOLO DELL ATTIVITA 1 Do you click clever? ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTI SILVIA BENONI (arte) MICHELE BERTOLDO (matematica) ELISABETTA DANZI/ ILARIA SIMONCELLI

Dettagli

Corso di formazione Formazione personale Docente su Didattica per competenze e Prove Invalsi USR LAZIO Febbraio/Ottobre 2016

Corso di formazione Formazione personale Docente su Didattica per competenze e Prove Invalsi USR LAZIO Febbraio/Ottobre 2016 Corso di formazione Formazione personale Docente su Didattica per competenze e Prove Invalsi USR LAZIO Febbraio/Ottobre 2016 I.C. MILANI TERRACINA DIPARTIMENTO di MATEMATICA UNITA DI APPRENDIMENTO TEMATICA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA2. Progettazione curricolare della lingua inglese

ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA2. Progettazione curricolare della lingua inglese ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA2 Progettazione curricolare della lingua inglese FINALITÀ/TRAGUARDI Le finalità dell insegnamento delle lingue straniere nella scuola secondaria di I grado, inserita nel vasto

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE: indicatori e livelli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE: indicatori e livelli (1) ASSE DEI LINGUAGGI : ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE: indicatori e livelli 1. Padroneggia gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

Curricolo verticale italiano

Curricolo verticale italiano 2 Circolo Didattico Sassari Curricolo verticale italiano Scuola Infanzia e anno ponte Scuola Primaria F.S.: Loriga Anna Maria Sanna Maria Luisa Anno scolastico 2014/15 Introduzione La capacità di comunicare

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento CLASSE 5 a A Serale Comprendente: 1. UDA 2. CONSEGNA AGLI STUDENTI 3. PIANO DI LAVORO 4. RELAZIONE INDIVIDUALE DELLO STUDENTE 5. GRIGLIA

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

Istituto Comprensivo di Carugate Scuola Secondaria di I grado C. Baroni Programmazione: lingua spagnola Anno scolastico 2015/16 CLASSI TERZE

Istituto Comprensivo di Carugate Scuola Secondaria di I grado C. Baroni Programmazione: lingua spagnola Anno scolastico 2015/16 CLASSI TERZE Istituto Comprensivo di Carugate Scuola Secondaria di I grado C. Baroni Programmazione: lingua spagnola Anno scolastico 2015/16 CLASSI TERZE Finalità e senso della disciplina - In affinità con le altre

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE. Premessa

SCHEDA DI PROGETTAZIONE. Premessa SCHEDA DI PROGETTAZIONE Premessa Le attività sono progettate al fine di favorire e permettere ai bambini l'uso della lettura per ricavare informazioni da testi scritti, ascoltati e messaggi iconici testi

Dettagli

SITUAZIONE DELLA CLASSE

SITUAZIONE DELLA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO "E. da Rotterdam Via Giovanni XXIII, 8-20080 - Cisliano (MI) C.M.: MIIC86900D Tel / Fax 02 9018574 e-mail: info@albaciscuole.it Internet: www.albaciscuole.it PIANO DI STUDIO Anno Scolastico

Dettagli