COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, SG(2000) D/

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 23-03-2000 SG(2000) D/ 102567"

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, SG(2000) D/ Oggetto: Aiuto di Stato n. N 398/98 - Italia (Piemonte) Testo unificato della PDL n. 275 e del DDL n. 291: Disciplina dei distretti dei vini e delle strade del vino del Piemonte. Modifica alla legge regionale 12 maggio 1980, n. 37 Signor Ministro, 1. Procedimento con lettera del 7 luglio 1998, protocollata il 14 luglio 1998, la Rappresentanza permanente d'italia presso l'unione europea ha notificato alla Commissione, conformemente all'articolo 88, paragrafo 3 del trattato CE, il disegno di legge regionale indicato in oggetto. Chiarimenti sono stati inviati con lettere in data 10 dicembre 1998, 5 gennaio 1999, 13 settembre 1999 e 4 gennaio 2000, protocollate rispettivamente in data 15 dicembre 1998, 11 gennaio 1999, 20 settembre 1999 e 17 gennaio Il disegno di legge è stato successivamente approvato come legge regionale 9 agosto 1999, n. 20. Una clausola sospensiva inserita all'articolo 17, comma 3 della suddetta legge regionale subordina la concessione degli aiuti al parere favorevole dell'unione europea sulla legge stessa. Ho l onore di comunicare che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni in merito alle misure di aiuti di Stato notificate, come descritte in appresso, che possono pertanto beneficiare della deroga prevista dall'articolo 87, paragrafo 3, lettera c) del trattato CE. 2. Descrizione Le misure notificate riguardano un regime di aiuti per l istituzione di distretti dei vini e di strade del vino nella Regione Piemonte. Il regime è finalizzato, in particolare, a promuovere vini di alta qualità ed altri prodotti agricoli, nonché la conoscenza delle loro zone d'origine. S.E. On. Lamberto DINI Ministro degli Affari esteri P.le Farnesina,1 I ROMA Rue de la Loi B-1049 Bruxelles/Wetstraat 200, B-1049 Brussel - Belgio Telefono: centralino (+32-2) Telex: COMEU B Indirizzo telegrafico: COMEUR Bruxelles

2 La descrizione inizialmente comunicata dalle autorità competenti al momento della notificazione deve essere letta congiuntamente alle informazioni trasmesse nelle successive lettere (in particolare le lettere del e del ) che, oltre a chiarire e/o parzialmente modificare le misure inizialmente notificate, precisano le limitazioni relative alla loro applicazione I prodotti Le disposizioni del disegno di legge riguardano in particolare i prodotti vitivinicoli. L'estensione di queste disposizioni ad altri prodotti agricoli è contenuta nell'articolo 1, comma 1, lettera b) del disegno di legge. Pertanto, ogniqualvolta nel testo della presente lettera, per esigenze di brevità, si fa riferimento alle strade del vino e ai prodotti del vino, tale riferimento deve intendersi implicitamente esteso anche ad altri prodotti agricoli. Nella lettera del 13 settembre 1999 le autorità italiane competenti hanno specificato che i prodotti oggetto delle misure promozionali (e pubblicitarie) notificate sono soltanto i vini le cui indicazioni d'origine rientrano nell ambito di applicazione del Regolamento (CEE) n. 823/87 1 e successive modificazioni, cioè i vini DOC (Denominazione di Origine Controllata) e DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita) e gli altri prodotti agricoli disciplinati dai Regolamenti n. 2081/92 2 (cioè DOP - Denominazione d'origine Protetta), IGP (Indicazione Geografica Protetta) e 2082/92 3 (cioè prodotti agricoli o alimentari recanti un attestatazione comunitaria di specificità) I soggetti beneficiari I soggetti destinatari del finanziamento previsto dal progetto di legge possono essere i seguenti (v. articolo 9 del disegno di legge): 1) enoteche regionali, botteghe del vino, cantine comunali e musei etnograficoenologici di cui alla legge regionale n. 37/1980; 2) consorzi di tutela dei vini DOC; 3) associazioni dei produttori vitivinicoli riconosciute; 4) associazioni ricreativo-culturali; 5) enti locali: province, comuni, comunità montane; 6) agenzie di accoglienza e promozione turistica locale; 7) ente nazionale per le strade (ANAS), società ferroviarie, società autostradali, società aeroportuali; Regolamento (CEE) n. 823/87 del Consiglio, del 16 marzo 1987, che stabilisce disposizioni particolari per i vini di qualità prodotti in regioni determinate (GU L 84 del , pag. 59). Regolamento (CEE) n. 2081/92 del Consiglio, del 14 luglio 1992, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazione d'origine dei prodotti agricoli ed alimentari (GU L 208 del , pag. 1). Regolamento (CEE) n. 2082/92 del Consiglio, del 14 luglio 1992, relativo alle attestazioni di specificità dei prodotti agricoli ed alimentari (GU L 208 del , pag. 9). 2

3 8) aziende aderenti agli interventi delle strade del vino; 9) organismi associativi formalmente costituiti per l'attuazione e la gestione delle strade del vino. Con lettera del 4 gennaio 2000 le autorità competenti hanno specificato che ognuno dei soggetti sopra indicati riceverà un finanziamento in rapporto ai propri ruoli e competenze Le misure Con lettera del 13 settembre 1999 le autorità competenti hanno precisato che, oltre alla costituzione dell'enoteca del Piemonte (prevista dall'articolo 14), nel contesto della notificazione saranno attuate soltanto le misure previste dall'articolo 15 del progetto di legge notificato (la cui ultima versione è allegata alla medesima lettera), e che sono descritte qui in appresso. Nella stessa lettera le competenti autorità hanno precisato che gli aiuti agli investimenti per la produzione e la trasformazione sono stati eliminati dal testo finale del disegno di legge notificato, in quanto tali aiuti saranno erogati nell ambito dell'applicazione del piano regionale d'attuazione del regolamento (CE) n. 1257/1999 sullo sviluppo rurale 4. L'articolo 15 stabilisce che per l'attuazione degli interventi di cui all'articolo 3, commi 2 e 3 della legge (finalità delle strade del vino) possono essere concessi i seguenti contributi 5 : a) contributo (fino all'80% delle spese ammissibili per iniziative di enti e istituzioni pubbliche e fino al 50% per iniziative di soggetti privati) per studi, indagini, attività promozionali, di informazione e di pubblicità riguardanti le strade del vino e gli altri prodotti in questione; b) contributo (fino all'80% delle spese ammissibili per iniziative di enti e istituzioni pubbliche e fino al 50% per iniziative di soggetti privati) per attività di formazione professionale e qualificazione degli operatori impegnati professionalmente nel settore della produzione del vino e nelle attività connesse quali turismo enogastronomico, gestione dei territori e tutela ambientale riguardanti le strade del vino e i prodotti in questione; c) contributo (fino all'80% delle spese ammissibili ad enti ed istituzioni pubbliche) per iniziative di adeguamento strutturale non riguardanti attività di produzione e trasformazione; d) contributi (fino all'80% delle spese ammissibili a favore di enti ed istituzioni pubbliche) per interventi di progettazione, installazione e manutenzione della segnaletica delle strade del vino; 4 5 Regolamento (CE) n. 1257/1999 del Consiglio, del , sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo di orientamento e di garanzia (FEAOG) e che modifica ed abroga taluni regolamenti (GU L 160 del , pag. 80). L'articolo 3, commi 2 e 3, prevede categorie generali di interventi e le loro finalità. 3

4 e) contributi (fino all'80% per iniziative di enti e istituzioni pubbliche e fino al 50% per iniziative di soggetti privati) per la creazione di sedi di collegamento tra operatori ( borse del vino ) ove commercianti, produttori e altri operatori del settore possono incontrarsi nonché di altri siti da utilizzare come centri specializzati di informazione/documentazione. L'articolo 14 prevede contributi per cinque anni, in misura decrescente, per la costituzione e il funzionamento dell' Enoteca del Piemonte Durata e finanziamento In base alle informazioni comunicate, il regime ha durata indeterminata, con un minimo di tre anni (dal 1999 al 2001), e i fondi iniziali destinati alla sua attuazione per ogni anno ammontano a circa milioni di ITL (circa euro) (articolo 16 del progetto di legge) Relazione annuale Con lettera del 4 gennaio 2000 le autorità competenti si sono impegnate a trasmettere alla Commissione la relazione annuale sullo stato di attuazione della legge, prevista all'articolo 10 della medesima (monitoraggio e controlli), unitamente ad una descrizione specifica delle misure di aiuto per le attività di promozione, pubblicità e formazione. 3. Valutazione Alla luce di quanto precede, nella misura in cui sollevano il settore agricolo da costi che normalmente dovrebbe sostenere, le misure contenute nel regime di aiuti in esame prevedono a favore di tale settore vantaggi economici che possono essere qualificati aiuti di Stato ai sensi dell'articolo 87, paragrafo 1 del trattato CE. Tali misure risultano compatibili con le regole in materia di aiuti di Stato nel settore agricolo per i seguenti motivi. (i) Aiuti per interventi di promozione e pubblicità (articolo 15, comma 1, lettere a), d) e c) La Commissione ammette aiuti di Stato con tassi fino al 100% per attività promozionali senza l'impiego di mass media, e fino al 50% per promozione mediante mass media (pubblicità), purché siano rispettate le norme applicabili [Comunicazione della Commissione sulla partecipazione degli Stati membri ad azioni di promozione dei prodotti agricoli e dei prodotti della pesca (GU C 272 del , pag. 3) e nel caso di pubblicità anche Regolamentazione della Commissione degli aiuti nazionali a favore della pubblicità dei prodotti agricoli e di taluni prodotti non compresi nell'allegato II del trattato CEE esclusi i prodotti della pesca (GU C 302 del , pag. 6)]. Nel caso in esame, le competenti autorità hanno specificato, con lettere in data 13 settembre 1999 e 4 gennaio 2000 quanto segue: 1) le misure concernenti la pubblicità e la promozione non riguarderanno produttori specifici (ivi incluse loro associazioni e consorzi) e/o loro marchi, ma esclusivamente denominazioni d'origine riconosciute ai sensi dei regolamenti comunitari n. 823/87 (VQPDR), n. 2081/92 (DOP, IGP) e n. 2082/92; 2) le misure saranno attuate in conformità con la Regolamentazione (della Commissione) degli aiuti nazionali a favore della pubblicità dei prodotti agricoli e di 4

5 taluni prodotti non compresi nell'allegato II del trattato CEE, esclusi i prodotti della pesca (GU C 302 del , pag. 6) nonché della Comunicazione della Commissione relativa alla partecipazione dello Stato ad azioni di promozione dei prodotti agricoli e dei prodotti della pesca (GU C 272 del , pag. 3); il contributo massimo consentito sarà dell'80% delle spese ammissibili, peraltro nel caso di misure pubblicitarie (e cioè misure promozionali attuate tramite mass media) il contributo pubblico totale non supererà il 75% (per iniziative di enti pubblici) e riguarderà prodotti di imprese rientranti nella definizione di PMI contenuta nella Raccomandazione della Commissione del 3 aprile 1996 relativa alla definizione di piccole e medie imprese (GU L 107 del ), per cui possono essere concessi aiuti alla pubblicità oltre al tasso usuale del 50%, fino al 75% (cfr. Regolamentazione della Commissione, GU C 302 del , pag. 6, punto 4.3) 6. Sulla base delle informazioni comunicate dalle autorità competenti e sopra riportate, i contributi per gli interventi di promozione, informazione e pubblicità previsti dall'articolo 15, comma 1, lettera a) risultano pertanto compatibili con la disciplina della Commissione sugli aiuti di Stato per azioni promozionali e pubblicitarie. Egualmente, il contributo previsto dall'articolo 15, comma 1, lettera d) della legge, erogato fino all'80% dalla Regione a favore di enti pubblici per interventi di progettazione, messa in loco e manutenzione della segnaletica delle strade del vino, nella misura in cui i cartelli segnaletici possano costituire anche una forma di promozione dei prodotti di produttori stabiliti lungo le strade del vino, risulta compatibile con le sopra menzionate regole sulla promozione che consentono aiuti fino al 100% 7. Occorre inoltre considerare che con riguardo a queste misure le autorità competenti hanno assicurato che la segnaletica delle strade del vino sarà collocata in strade pubbliche, avrà meramente scopo informativo generico e non riguarderà la promozione di prodotti di singole aziende e loro marchi (v. lettera del ). Infine, anche il contributo previsto dall'articolo 15, comma 1, lettera c) del disegno di legge, erogato una tantum dalla Regione (fino all'80% delle spese ammissibili, a favore di enti e istituzioni pubbliche) per iniziative di adeguamento strutturale non riguardanti attività di produzione e trasformazione e, in particolare, per la creazione di centri di informazione e di documentazione (ad esempio biblioteche, musei etnografici del vino, ecc.), nella misura in cui può contribuire alla promozione dei prodotti interessati, rendendo disponibili strutture pubbliche per la loro promozione mediante attività di informazione, può essere considerato compatibile con le regole sulle azioni di promozione, che consentono aiuti fino al 100% 8. In particolare, le autorità nazionali hanno assicurato che i centri di informazione saranno aperti al pubblico e svolgeranno le loroattivitànell'interesseeafavoredituttiglioperatoridelsettoreinteressato,senza alcuna discriminazione (si vedano le lettere del e del ) Si vedano anche le decisioni della Commissione sugli aiuti di Stato n. N 575/98 Italia (Marche) e C 70/98 Italia (Marche). Si veda la decisione della Commissione sull'aiuto di Stato n. N 360/98 Italia (Veneto) (strade del vino). Si veda la decisione della Commissione in merito all'aiuto di Stato n. N 360/98 Italia (Veneto) (strade del vino). 5

6 (ii) Aiuti per attività di studio, documentazione e per la creazione di centri di documentazione (articolo 15, comma 1, lettere a), c) ed e) Sulla base delle informazioni comunicate dalle autorità competenti, gli aiuti erogati dalla Regione esclusivamente per studi, attività culturali generali di ricerca e attività di documentazione che saranno svolte nell'interesse di tutti gli operatori del settore agricolo senza discriminazione alcuna, risultano compatibili con la prassi della Commissione basata sul punto 14 degli Orientamenti comunitari per gli aiuti di Stato nel settore agricolo (GU C 28 dell' ) che per questi tipi di aiuti soft riguardanti attività di istruzione e di diffusione di conoscenze tecniche ammette tassi di aiuto fino al 100%, purché siano soddisfatti tutti i requisiti specificati al suddetto punto 14. Nel caso in esame, gli aiuti saranno erogati fino all'80% delle spese ammissibili per iniziative di enti ed istituzioni pubbliche e fino al 50% per iniziative di soggetti privati: interventi di indagine e studio (articolo 15, comma 1, lettera a); attività di documentazione e centri espositivi (ad esempio, librerie specializzate, musei etnografici, ecc.) (articolo 15, comma 1, lettera c); realizzazione di sedi di collegamento tra operatori del vino ( borse del vino ) in cui commercianti, produttori ed altri operatori del settore interessato possono incontrarsi nonché di altri centri di documentazione specializzati (articolo 15, comma 1, lettera e). Come risulta dalla descrizione comunicata, le spese ammissibili possono anche riguardare aiuti una tantum (vedi lettera del ) ad enti pubblici e privati per la creazione di centri di documentazione e di esposizione nonché di sedi di collegamento tra operatori del vino (cioè per adeguamenti strutturali e per l'acquisto di arredi e attrezzature). Per quanto riguarda i contributi previsti dall'articolo 15, comma 1, lettera c) fino all'80% esclusivamente ad enti pubblici (per adeguamento di strutture non riguardanti attività di produzione e trasformazione che saranno utilizzate come centri di informazione e di documentazione aperti al pubblico), la misura non pare di per sé costituire un aiuto di Stato ai sensi dell'articolo 87, paragrafo 1 del trattato. Tuttavia, nella misura in cui questi centri possono effettuare studi o esposizioni nell'interesse specifico dei settori interessati dalla notifica in esame, il finanziamento pubblico di queste attività e la disponibilità delle loro strutture per i settori interessati possono essere considerati aiuti di Stato compatibili con la prassi della Commissione basata sul punto 14 degli Orientamenti comunitari per gli aiuti di Stato nel settore agricolo 9. Per quanto riguarda i contributi previsti dall'articolo 15, comma 1, lettera e), fino all'80% per iniziative di enti e soggetti sia pubblici che privati per la creazione (arredo ed attrezzature, v. lettera del ) di sedi di collegamento tra operatori del vino ( borse del vino ) ed altri centri specializzati di documentazione, la Commissione ha già in passato autorizzato aiuti analoghi 10. Poiché in questo caso è stato confermato che gli investimenti interessati non hanno finalità e/o uso produttivo (si veda lettera del ), che l'accesso a tali strutture sarà aperto a tutti gli operatori del settore senza alcuna discriminazione e che le attività dei centri di informazione saranno svolte nell'interesse e a favore di tutti gli operatori del settore interessato senza alcuna discriminazione, anche in questo caso tali tipi di aiuti possono essere considerati compatibili con la prassi della 9 10 Vedi nota 8. Si veda la decisione della Commissione in merito all'aiuto di Stato n. N 182/98 Italia (Sardegna) (Osservatorio del Pecorino romano). 6

7 Commissione basata sul punto 14 degli Orientamenti comunitari per gli aiuti di Stato nel settore agricolo. (iii) Aiuti per la formazione (articolo15, comma 1, lettera b) Il contributo (fino all'80% delle spese ammissibili per iniziative di enti ed istituzioni pubbliche e fino al 50% per iniziative di soggetti privati) per la formazione professionale di operatori impegnati in attività di produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti dell'allegato I, può essere considerato compatibile con la prassi della Commissione che per attività di formazione nel settore agricolo ammette aiuti fino al 100% (punto 14 degli Orientamenti comunitari per gli aiuti di Stato nel settore agricolo (GU C 28 dell' ). Secondo il punto 14.1 degli Orientamenti, per coprire i costi di attività di istruzione e di formazione possono essere concessi aiuti fino al tasso del 100%, in tali casi i costi ammissibili comprendono le spese inerenti all'organizzazione del programma di formazione, le spese di viaggio e di soggiorno e i costi della fornitura di servizi di sostituzione durante l'assenza dell'agricoltore o del suo collaboratore. In conformità con il punto 14.3 dei suddetti Orientamenti l'importo globale degli aiuti concessi non può superare i EUR per beneficiario per un periodo di tre anni oppure, nel caso di aiuti erogati ad imprese che rientrano nella definizione di piccole e medie imprese 11, il 50% dei costi ammissibili (tra le due possibilità viene concesso l'aiuto di entità superiore). Ai fini del calcolo dell'importo dell'aiuto, si considera beneficiario la persona che fruisce dei servizi. Inoltre, conformemente al punto 14.2 degli Orientamenti, per non falsare la concorrenza, tutti i soggetti della zona interessata devono poter fruire di questo di tipo di aiuti sulla base di criteri oggettivamente definiti. Poiché le autorità nazionali hanno assicurato che ove le attività di formazione previste dall'articolo 15, comma 1, lettera b) non riguardano specificamente operatori attivi nella produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti dell'allegato I, ma operatori di attività connesse extra-agricole (ad esempio, turismo, gestione del territorio e tutela dell'ambiente), il contributo per la formazione professionale sarà erogato entro i limiti previsti dalla Disciplina comunitaria degli aiuti di Stato destinati alla formazione (GU C n. 343 dell' , pag. 10) (v. lettera del ), la misura può essere considerata compatibile anche con la regolamentazione sugli aiuti di Stato alla formazione in settori non agricoli non rientrante nel settore disciplinato dagli Orientamenti sopra menzionati. (iv) Aiuti per l avviamento (articolo14) Questi aiuti saranno erogati a favore dell' Enoteca del Piemonte, un nuovo ente (v. lettera del ) previsto dall'articolo 14 del disegno di legge notificato, avente la finalità di valorizzare i vini piemontesi a livello regionale, nazionale e internazionale. Possono aderire all'enoteca del Piemonte le enoteche regionali ed anche le associazioni di produttori vitivinicoli piemontesi, i consorzi di tutela dei vini a DOC e a DOCG nonché istituzioni pubbliche o private interessate alla produzione vitivinicola. Le attività dell'enoteca del Piemontesarannosvoltenell'interesseeafavoredituttiglioperatoridelsettoreinteressato senza alcuna discriminazione. 11 GU L 107 del , pag. 4. 7

8 Con lettera del 4 gennaio 2000 le competenti autorità si sono impegnate ad erogare gli aiuti per le spese di funzionamento amministrativo (personale incluso) dell'enoteca del Piemonte per il primo quinquennio di attività secondo i tassi annui decrescenti 100%, 80%, 60%, 40%, 20% e nel rispetto delle seguenti condizioni: a) l aiuto non può in ogni caso superare le spese reali di costituzione e di funzionamento amministrativo, comprese le spese per il personale assunto dall organizzazione di produttori; b) dopo un termine massimo di sette anni dalla costituzione dell organizzazione di produttori non può essere versato alcun aiuto. Tuttavia, in caso di sostanziale aumento dei compiti di un organizzazione di produttori già esistente, può essere concesso un nuovo aiuto, considerando che il periodo massimo di sette anni, di cui sopra, decorre dalla data di attuazione di tale modifica. In questo caso l aiuto può essere concesso soltanto per un importo corrispondente alle reali spese supplementari di adattamento e di funzionamento amministrativo, dovute a tale modifica; c) nel periodo effettivo di concessione, l aiuto all avviamento deve comunque essere concesso in misura degressiva, almeno il 20% all anno in meno rispetto alle spese reali di funzionamento sostenute nell anno in causa. Alla luce della descrizione che precede e in considerazione degli impegni assunti dalle autorità nazionali, la succitata misura può essere considerata, per analogia, compatibile con le regole relative agli aiuti a favore delle associazioni di produttori, attualmente previste al punto 10 degli Orientamenti comunitari per gli aiuti di Stato nel settore agricolo (e precedentemente contenute nel documento di lavoro VI/503/88). Secondo tali regole possono essere concessi aiuti temporanei e decrescenti a copertura dei costi amministrativi di avviamento dell'associazione o dell'unione. A tale scopo le spese ammissibili comprendono l'affitto dei locali 12, l'acquisto di attrezzatura da ufficio, compresi materiale e programmi informatici, i costi del personale, i costi di esercizio e le spese giuridiche e amministrative. In linea di massima l'importo degli aiuti non può superare il 100% dei costi sostenuti nel primo anno ed è ridotto del 20% per ciascun anno di esercizio, in modo che al quinto anno sia limitato al 20% dei costi effettivi di quell'anno. Non possono essere concessi aiuti in relazione a spese sostenute dopo il quinto anno né dopo sette anni dal riconoscimento dell'organizzazione di produttori. In deroga al paragrafo precedente, la Commissione autorizzerà la concessione di nuovi aiuti all'avviamento nel caso di un ampliamento significativo delle attività dell'associazione o dell'unione di produttori in questione, ad esempio al fine di estendere l attività a nuovi prodotti o nuovi settori 13. Sono ammissibili ai nuovi aiuti unicamente le spese derivanti dai compiti aggiuntivi svolti dall'associazione o dall'unione di produttori; per il resto si applicano le altre condizioni previste per tale tipo di aiuti Se i locali vengono acquistati, le spese ammissibili sono limitate al costo della locazione ai tassi di mercato. L adesione di nuovi membri non è di per sé considerata un ampliamento significativo delle attività dell associazione, a meno che dia luogo ad un'espansione quantitativa delle attività del gruppo pari almeno al 30%. 8

9 4. Decisione La presente decisione riguarda esclusivamente le misure di aiuto previste dagli articoli 14 e 15 della legge regionale 9 agosto 1999 n. 20 della Regione Piemonte, come sopra descritte, da modificarsi ed interpretarsi secondo ed entro i limiti degli impegni assunti dalle autorità competenti nelle loro lettere contenenti informazioni complementari come sopra menzionate. La presente decisione non concerne né estende i suoi effetti ad alcuna disposizione normativa cui il disegno di legge notificato operi rinvio, anche se menzionata nella presente lettera, in particolare la legge della Regione Piemonte n. 37/1980 e la legge n. 730/1985. Alla luce delle considerazioni suesposte e soprattutto degli impegni assunti dallo Stato membro in ordine alla loro attuazione, mi pregio comunicare che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni in merito alle misure di aiuto di Stato notificate, come sopra descritte, che possono pertanto essere considerate come aiuti destinati ad agevolare lo sviluppo del settore agricolo e beneficiare della deroga di cui all'articolo 87, paragrafo 3, lettera c) del trattato CE. Si ricorda alle autorità nazionali che, come indicato nella lettera della Commissione agli Stati membri del 22 febbraio 1994 (SG(94) D/ ), in genere questi non sono più tenuti a notificare un incremento della dotazione annuale di un programma autorizzato se detto aumento, espresso in euro, non supera il 20% dell'importo annuo iniziale e se si tratta di un programma di durata indeterminata o se l'aumento ha luogo durante il periodo di validità di un programma di durata determinata. Si ricorda inoltre alle autorità nazionali che, conformemente all'articolo 21 del regolamento (CE) del Consiglio n. 659/1999, dovrà essere presentata alla Commissione una relazione annuale sull'attuazione del presente regime di aiuti. Ove la presente lettera dovesse contenere informazioni riservate da non divulgare, si prega informarne la Commissione entro quindici giorni lavorativi dalla data di ricezione della presente. Qualora non riceva una domanda motivata in tal senso entro il termine indicato, la Commissione presumerà l'esistenza del consenso alla comunicazione a terzi e alla pubblicazione del testo integrale della lettera nella lingua facente fede, sul sito Internet: La domanda dovrà essere inviata a mezzo lettera raccomandata o fax al seguente indirizzo: Commissione europea Direzione generale Agricoltura Direzione B I RuedelaLoi/Wetstraat,200 B-1049 Bruxelles Fax n.: (32 2) Voglia gradire, Signor Ministro, i sensi della mia alta considerazione. Per la Commissione Franz FISCHER Membro de la Commissione 9

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE

I. PROCEDIMENTO. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. DESCRIZIONE COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.09.2004 C(2004) 3544 Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 85/2004 Bando pubblico riferito al Piano di Sviluppo Locale Azione I.1 Informatizzazione,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-07-2003 C(2003) 2792 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Toscana) Aiuto n. N 126/2003 Strade del vino, dell'olio extra-vergine di oliva e dei prodotti agroalimentari 1. Procedura

Dettagli

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto.

Si informa con la presente che la Commissione non solleva obiezioni ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato CE in merito alla misura in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 23-09-2002 C(2002) 3431 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli-Venezia Giulia) Aiuto n. N 55/02 Promozione di vini tipici locali Signor Ministro, Si informa con la presente

Dettagli

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c).

Beneficeranno del regime tre tipi/categorie di imprese, più precisamente: 3. tutte le imprese localizzate in un'area assistita ex articolo 87 (3) (c). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.04.2001 SG(2001) D/ 287716 Oggetto: Piemonte Formazione finalizzata all'assunzione di persone disoccupate Aiuto di Stato n. N 799/00 Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28-VII-2004 C(2004) 2972 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Lazio) Aiuto n. N 36/2002 Aiuti per il pagamento di premi assicurativi per perdite causate da avverse condizioni

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.12.2012 C(2012) 9118 final Oggetto: Aiuto di Stato SA.34814 (2012/N) Italia- Calabria Pubblicità e promozione di prodotti ortofrutticoli Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO

Dettagli

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto.

3. Mi pregio informarla che la Commissione ha deciso di non sollevare obiezioni nei confronti delle misure in oggetto. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-08-2004 C(2004) 3207 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Abruzzo) Aiuto n. N 272/04 Programma d intervento per la delocalizzazione o la dismissione delle attività agricole

Dettagli

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane.

3. Con lettera del 22 giugno 2004, nuovi complementi di informazione sono stati chiesti alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-VII-2006 C(2006) 3451 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Friuli - Venezia Giulia) Aiuto n. N 625/03 Alienazione della Centrale ortofrutticola in Comune di Udine dall Agenzia

Dettagli

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02

Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06-12-2002 C(2002) 4851 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Piemonte) Aiuto N 145/2002 Aiuto a favore dell'istituto per il marketing. Disegno di legge n. 376 /02 Signor Ministro,

Dettagli

La decisione della Commissione si basa sulle seguenti considerazioni:

La decisione della Commissione si basa sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10-10-2003 C(2003) 3804 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 383/2003- Friuli Venezia Giulia (Italia) Aiuto per l'attuazione del programma regionale di prevenzione, controllo ed

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura

COMMISSIONE EUROPEA. 1. Procedura COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles 14-03-2003 C(2003) 199 Oggetto: Aiuti di Stato/ Italia (Bergamo) Aiuto n. N 529/2002 Contributi a sostegno degli investimenti delle imprese e cooperative agricole di Bergamo

Dettagli

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili.

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24.01.2003 C(2003) 80 Oggetto: Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito.

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 20.X.2005 C(2005)3849 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 45/2005 - Italia Misure per garantire la qualità nel settore dei prodotti alimentari e adozione del marchio di qualità

Dettagli

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni:

Nel prendere la suddetta decisione la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.XII.2004 C(2004) 5259 Oggetto: Aiuti di Stato / Italia (Trento) Aiuto N 27/2004 Intervento in favore degli allevamenti zootecnici trentini a seguito del verificarsi dei

Dettagli

I. PROCEDURA. Mi pregio comunicarle che la Commissione non solleva obiezioni in merito alla misura ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato.

I. PROCEDURA. Mi pregio comunicarle che la Commissione non solleva obiezioni in merito alla misura ai sensi degli articoli 87 e 88 del trattato. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.10.2001 C(2001) 3117 Oggetto : Aiuto di stato N 242/01 Italia ( Provincia di Mantova) Promozione della commercializzazione dei prodotti agricoli e valorizzazione della

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE.

COMMISSIONE EUROPEA. 3.1 Esistenza di un aiuto di Stato secondo il disposto dell'art. 87.1 del Trattato CE. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.V.2007 C(2007)2156 Oggetto: Aiuto di Stato n N 120/A/2007 Italia Modificazione allo schema N565/03 "Aiuti per la protezione ambientale e per il risparmio energetico in

Dettagli

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati

Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.09.2004 C(2004) 3525 Oggetto: Aiuto di Stato N 83/2004 - Italia Finanziamento di infrastrutture per il calcolo e la gestione di banche dati Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci

Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24-I-2008 C (2007) 349 Oggetto: Aiuto di Stato N 696/2006 Italia (Regione Molise) Arresto definitivo delle attività di pesca e ammodernamento dei pescherecci Signor Ministro,

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni:

COMMISSIONE EUROPEA. La Commissione ha basato la propria decisione sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.12.2014 C(2014) 9746 final Oggetto: Aiuto di Stato/Italia (Sardegna) SA.37394 (2013/N) Metodo di calcolo dell equivalente sovvenzione lordo (ESL) dell elemento di aiuto

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.12.2008 C(2008)8636 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 257/2008 Italia (Marche). Garanzie prestate in favore delle imprese operanti nel settore agricolo, agroalimentare e dello

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.01.2013 C(2013) 295 final Oggetto: Aiuti di Stato /Italia (Marche) SA.35661 (2012/N) Contributi per le opere irrigue dei consorzi di bonifica delle Marche Signor Ministro,

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Calabria) Aiuti n. N 391/2003 e N 29/2004 Fondo di garanzia per l agricoltura. Signor Ministro, con lettera del

Dettagli

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004.

Un chiarimento concernente il campo di applicazione del progetto di regime è pervenuto con lettera A/34188 del 9 giugno 2004. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 14-07-2004 C (2004) 2830 Oggetto: Aiuto di Stato n. 125/2004, Italia Regione Piemonte Aiuti alla trasformazione dei contratti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato

Dettagli

Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. Descrizione

Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: II. Descrizione COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.XII.2004 C(2004)5602 Oggetto: Aiuti di stato/italia (Abruzzo) Aide n N 261/02004 Credito Agrario Agevolato Signor Ministro, I. Procedura Con lettera del 18 giugno 2004,

Dettagli

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009.

Con lettera del 23 dicembre 2008, la Commissione ha chiesto ulteriori informazioni che l Italia ha fornito il 4 febbraio 2009. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 01.04.2009 C(2009)2651 Oggetto: Aiuto di Stato N 573/2008 - Italia Istituzione di un regime di aiuti di Stato agli investimenti in materia di fonti energetiche rinnovabili,

Dettagli

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final

1. PROCEDIMENTO COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.4.2014 C(2014) 2356 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.10.2001 C(2201)3306fin Oggetto : Aiuto di Stato n. N 308/2001 - Italia - Regione Friuli Venezia Giulia LR 12/2001 (DDL 133) "Aiuti all'occupazione dei soggetti disabili"

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise).

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.10.2004 C(2004) 3630 fin Oggetto: Aiuto di Stato N 174/A/2004 - Italie Aiuti relativi ai danni causati da calamità naturali (Molise). Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO

Dettagli

(2) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati erogati da ISMEA tramite il proprio Fondo credito.

(2) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati erogati da ISMEA tramite il proprio Fondo credito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.7.2013 C(2013) 5035 final Oggetto: Aiuti di Stato/Italia - Aiuto n. SA.36808 (2013/N) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti agevolati

Dettagli

(2) Le autorità italiane hanno trasmesso un complemento d'informazioni con lettera protocollata il 23 marzo 2011.

(2) Le autorità italiane hanno trasmesso un complemento d'informazioni con lettera protocollata il 23 marzo 2011. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2011 C(2011) 2929 definitivo Oggetto: Aiuti di Stato - Italia Aiuto n. SA.32469 (2011/N) Metodo di calcolo dell'esl (equivalente sovvenzione lordo) connessa a prestiti

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L.

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.IX.2007 C(2007) 4288 def. Oggetto: Aiuto di Stato N 289/2007 - Italia Aiuti alla ristrutturazione a favore di Fiem S.R.L. Signor Ministro, I. PROCEDIMENTO (1) Con lettera

Dettagli

Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione)

Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione) Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione) Il sostegno agli investimenti è concesso unicamente ad aziende di provata redditività 1 mediante valutazione delle prospettive (cfr.

Dettagli

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI adeguamento ai sensi di quanto previsto dal Regolamento (CE) N. 1857/2006 del 15 dicembre 2006, relativo

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI

COMMISSIONE EUROPEA. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, il 23-06-2003 C (2003) 2015 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 402/02 Italia (Regione Sardegna) prestiti partecipativi alle PMI Signor Ministro, I. Procedimento 1. Con lettere

Dettagli

Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari

Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 03.02.2004 C(2004)169fin Oggetto: Aiuti di Stato N 384/2003 - Italia Regime di aiuti per favorire l accesso al mercato dei capitali alle imprese agricole ed agroalimentari

Dettagli

4. Con lettera del 16 novembre 2006, i servizi della Commissione hanno chiesto nuove informazioni complementari alle autorità italiane.

4. Con lettera del 16 novembre 2006, i servizi della Commissione hanno chiesto nuove informazioni complementari alle autorità italiane. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 26-II-2007 C(2007) 683 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Trento) Aiuto n. N 208/06 Fondo di rotazione immobiliare a favore di imprese cooperative e agricole (legge provinciale

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.7.2012 C(2012) 4785 final Oggetto: Aiuto di Stato n. SA.34238 (2012/N) Italia. Regime di aiuti agli investimenti a finalità regionale per il settore dei trasporti e della

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare

COMMISSIONE EUROPEA. Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 27.8.2010 C(2010)6038 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 337/2010 Italia Aiuto ad hoc alla SMAT per investimenti in energia solare Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO E DESCRIZIONE

Dettagli

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL

Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.I.2007 C(2007)320 Oggetto: Aiuto di Stato n. N 802/2006 Italia Aiuto al salvataggio a favore di Sandretto Industrie SrL Signor Ministro, 1. PROCEDURA (1) Con lettera del

Dettagli

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07.

(2) Il fascicolo è stato protocollato con il numero N 463/07. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.I.2008 C(2007) 6895 def. Oggetto: Aiuto di Stato n. N 463/2007 Italia Aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente per veicoli commerciali pesanti di peso superiore

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.IX.2004 C(2004) 3467fin Oggetto: Aiuto di Stato N 124/2004 - Italia Regione Emilia Romagna Piano telematico regionale; concessione di contributi alle attività di ricerca

Dettagli

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.II.2006 C(2006)613 Oggetto: Aiuto di Stato N 487/2005 Italia Aiuti alla ricerca e allo sviluppo finalizzati alla realizzazione di un distretto dell'idrogeno a Porto Marghera

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 25.09.2003 C(2003) 3453. Oggetto: Aiuto di Stato N 597/2002 Italia (Sardegna). Aiuto all'avviamento di nuove imprese.

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 25.09.2003 C(2003) 3453. Oggetto: Aiuto di Stato N 597/2002 Italia (Sardegna). Aiuto all'avviamento di nuove imprese. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25.09.2003 C(2003) 3453 Oggetto: Aiuto di Stato N 597/2002 Italia (Sardegna). Aiuto all'avviamento di nuove imprese. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con lettera della

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF)

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (UE) 1305/2013 Regione Toscana Bando Sottomisura 3.2 Attività di informazione e promozione All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) OBIETTIVO La Regione

Dettagli

6. Per prendere tale decisione, la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni:

6. Per prendere tale decisione, la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 09-XI-2006 C(2006) 5456 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Basilicata) Aiuto n. N 572/2005 Fondo di garanzia per il consolidamento delle passività delle PMI agricole lucane

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO N. DEL Disposizioni nazionali di attuazione dei regolamenti (CE) n. 479/08 del Consiglio e (CE) n. 555/08 della Commissione per quanto riguarda l applicazione della misura della riconversione e

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n.../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n.../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, IT REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n..../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 16/XI/2007 C (2007) 5489 def. NON DESTINATO ALLA PUBBLICAZIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 16/XI/2007 che adotta il programma operativo "Italia

Dettagli

Procedura. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue:

Procedura. Nell'adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto di quanto segue: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 25-03-2004 C(2004) 1223 Oggetto: Aiuto di Stato Italia (Regione Umbria) Aiuto di Stato n. N 250/2003 Sostegno a metodi di produzione agricola finalizzati alla tutela delle

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE E LA COMPETITIVITA Oggetto: Linee guida per l attuazione da parte di Amministrazioni e altri soggetti diversi dal Ministero

Dettagli

SOTTOMISURA 9.1. Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale.

SOTTOMISURA 9.1. Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale. SOTTOMISURA 9.1 Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale. La Sottomisura intende favorire la costituzione di Associazioni e Organizzazioni di Produttori

Dettagli

Programmazione SISSAR 2013-2015 - Anno 2015

Programmazione SISSAR 2013-2015 - Anno 2015 Programmazione del sistema integrato dei servizi di sviluppo agricolo e rurale di cui alla l.r. 5/2006 per il periodo 2013-2015. Aggiornamento annuale per il 2015. Sezione I - PROGRAMMAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea «Quadro temporaneo dell'unione per le misure di aiuto di Stato

Dettagli

S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O

S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O S T U D I O A S S O C I A T O B U S S O CONSULENZA SOCIETARIA CONTABILE FISCALE E DEL LAVORO Dott. Andrea Busso Commercialista - Revisore Contabile Rag. Eleonora Busso Consulente del Lavoro Collaborazioni:

Dettagli

Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI

Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.07.2010 C(2010)4505 definitivo Oggetto: Aiuto di Stato N 182/2010 Italia Metodo nazionale per calcolare l'elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI Signor Ministro,

Dettagli

promulga Art. 1. (Inserimento dell'articolo 15 bis nella legge regionale 22 ottobre 1996, n. 75)

promulga Art. 1. (Inserimento dell'articolo 15 bis nella legge regionale 22 ottobre 1996, n. 75) Legge regionale 7 gennaio 2002, n. 1. Interventi a sostegno dei prodotti turistici di interesse regionale ed a sostegno del turismo piemontese in caso di eventi eccezionali. Modifiche ed integrazioni alla

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare la presente decisione, la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni:

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare la presente decisione, la Commissione si è basata sulle seguenti considerazioni: COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 02-05-2003 C(2003) 1516 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Regione Autonoma della Sardegna) Aiuto N 265.2002 Legge Regionale n.4 del 31.1.2002 "garanzie collettive nel settore

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 24 dicembre 2014, n. 71299 Informazioni utili all attuazione degli interventi di cui al decreto interministeriale

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

A) Produttori primari (agricoltori)

A) Produttori primari (agricoltori) Parte III.12.J SCHEDA DI INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI SUGLI AIUTI PER LA PRODUZIONE E LA COMMERCIALIZZAZIONE DI PRODOTTI AGRICOLI DI QUALITÀ Il presente modulo deve essere utilizzato per la notifica di aiuti

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

Avviso n. 3/ 2008 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle imprese aderenti di dimensioni minori

Avviso n. 3/ 2008 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle imprese aderenti di dimensioni minori Avviso n. 3/ 2008 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle imprese aderenti di dimensioni minori Avviso n. 3/2008 1 1 Finalità Il Fondo paritetico interprofessionale Fondimpresa

Dettagli

Allegato 1 Disposizioni regionali attuative della misura investimenti inserita nel programma nazionale di sostegno, relativa all OCM vitivinicolo. Premessa Le presenti disposizioni attuative si riferiscono

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo. Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA.

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo. Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 17.06.2009 C(2009)4534 definitivo Oggetto: Aiuti di Stato N 618/2008 - Italia Regime di aiuto ISA SPA Signor Ministro, La Commissione desidera informare l Italia che, dopo

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.2.2015

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.2.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.2.2015 C(2015) 902 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 12.2.2015 che approva determinati elementi del programma operativo "Investimenti per la crescita

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.12.2008 C(2008) 7843 definitivo

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 10.12.2008 C(2008) 7843 definitivo COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 10.12.2008 C(2008) 7843 definitivo Oggetto: Aiuti di Stato N 379/2008 - Italia Regime dei contratti di filiera e di distretto (decreto del Ministero delle politiche agricole

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.10.2015

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.10.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.10.2015 C(2015) 7046 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 12.10.2015 che approva determinati elementi del programma di cooperazione "Interreg V-A Italia-

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3632 Seduta del 21/05/2015

DELIBERAZIONE N X / 3632 Seduta del 21/05/2015 1SX DELIBERAZIONE N X / 3632 Seduta del 21/05/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU'

Dettagli

(3) Titolo di lavoro: "Filtri del particolato per autobus diesel"

(3) Titolo di lavoro: Filtri del particolato per autobus diesel COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 06.XII.2006 C(2006)5798 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 400/2006 Italia Filtri antiparticolato per autobus diesel Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO (1) Con lettera del 23 giugno

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 08-XI-2007

DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 08-XI-2007 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 08-XI-2007 che adotta il programma operativo per l intervento comunitario del Fondo sociale europeo ai fini dell obiettivo Competitività regionale e occupazione nella regione

Dettagli

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Oggetto: Regolamento (UE) n. 1308/2013 e Reg. (CE) n. 555/2008 e ss. mm. ii. Programma Nazionale di Sostegno (PNS) Settore Vitivinicolo. DM del MIPAAF n. 15938

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 501/2014 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 501/2014 DELLA COMMISSIONE L 145/14 16.5.2014 REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 501/2014 DELLA COMMISSIONE dell'11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio mediante la modifica del

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. n. 542 del 19 dicembre 2012 VISTO l art. 66, comma 1, della legge 27 dicembre 2002, n. 289 (Legge finanziaria 2003), e successive modificazioni, che istituisce i contratti di filiera e di distretto,

Dettagli

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese

Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 19.12.2003 C(2003) 5275 Oggetto: Aiuto di Stato n. N208/2003 - ITALIA Regione Emilia Romagna Ecoincentivi per il settore delle imprese Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO Con

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO. di concerto con IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

IL MINISTRO DEL TESORO. di concerto con IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 8 novembre 1996, n. 591 (pubblicato nella G.U.R.I. del 22 novembre 1996, n. 274) "Regolamento recante criteri e modalità di concessione delle agevolazioni per la promozione di iniziative di lavoro

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 15.12.2015

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 15.12.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.12.2015 C(2015) 9347 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 15.12.2015 che approva determinati elementi del programma di cooperazione "Interreg V-A Grecia-Italia

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI NEWSLETTER n. 1 FEBBRAIO 2016 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire l idonea

Dettagli

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale version du 19 nov. 99. Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale Il presente modello può essere utilizzato per la notificazione, ai sensi dell'articolo 88, paragrafo 3 del trattato

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE

DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE D.D. 96\Segr D.G.\2014 DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il D.D. 27\Segr D.G.\2014 del 12/11/2014, allegato al presente atto,

Dettagli

Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185

Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185 1 di 8 26/02/2008 17.12 Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185 "Incentivi all'autoimprenditorialita' e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144"

Dettagli

SOTTOMISURA 3.2. Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno.

SOTTOMISURA 3.2. Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno. SOTTOMISURA 3.2 Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno. La Sottomisura concede un sostegno, a copertura dei costi derivanti da attività

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 33 del 01/04/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1186 del 10/06/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

REPORT BANDI PIEMONTE

REPORT BANDI PIEMONTE REPORT BANDI PIEMONTE INDICE FONDO LATTE. FINANZIAMENTO A TASSO AGEVOLATO E GARANZIA FINO ALL'80% PER SOSTENERE GLI INVESTIMENTI, IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITÀ E DEI DEBITI COMMERCIALI NEL SETTORE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA BANDO PUBBLICO

REPUBBLICA ITALIANA BANDO PUBBLICO Prot. n. 16281 del 31/03/2016 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale dell Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea Dipartimento Regionale Agricoltura Area 7 Brand

Dettagli

1. Procedimento. Nell adottare la presente decisione la Commissione si è basata sulle considerazioni seguenti: 2. Descrizione

1. Procedimento. Nell adottare la presente decisione la Commissione si è basata sulle considerazioni seguenti: 2. Descrizione COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14-X-2004 C(2004)4048 Oggetto: Aiuti di Stato / Italia Aiuto n. N 342/2004 Sviluppo Italia S.p.A./Valle del Leo S.p.A. Signor Ministro, 1. Procedimento 1. Con lettera del

Dettagli

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione) REGOLAMENTO di ESECUZIONE dell articolo 8, comma 72, della legge regionale 18 gennaio 2006, n. 2, (legge finanziaria 2006), riguardante i criteri e le modalità di presentazione delle domande, di erogazione

Dettagli

A relazione dell'assessore Parigi:

A relazione dell'assessore Parigi: REGIONE PIEMONTE BU35 03/09/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 27 luglio 2015, n. 21-1902 Regolamento comunitario (UE) n. 651/2014 del 17.06.2014 - Adempimenti ai sensi del capo I e dell'articolo

Dettagli

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari TESTO PRESENTATO DAI PROPONENTI Art. 1 (Finalità)

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ).

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.02.2013 C(2013) 990 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli