Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.politicheantidroga.it www.allertadroga.it www.dronet.org"

Transcript

1 /08/2011 Prot. EWS 176/11 URGENTE Alla c.a. Ministero della Salute Assessorati alla Sanità Assessorati alle Politiche Sociali Referenti regionali per le Tossicodipendenze Servizi per le Tossicodipendenze Comunità terapeutiche Unità del servizio emergenza/urgenza Unità mobili di Croce Rossa Italiana Centri Collaborativi del N.E.W.S. Oggetto: Allerta grado 2 Documentati in Europa 2 casi di intossicazione acuta correlati all assunzione di butilone (bk-mbdb) e metilendiossipirovalerone (MDPV) e aumento della diffusione del butilone sul territorio italiano A. Segnalazione ricevuta Fonte della segnalazione primaria: a) S. Frohlich, E. Lambe, J. O Dea. Acute liver failure following recreational use of psychotropic head shop compounds. Ir J Med Sci (2011) 180: ; b) D.M. Wood, S. Davies, A. Cummins, J. Button, D.W. Holt, J. Ramsey, P.I. Dargan. Energy-1 ( NRG-1 ): don't believe what the newspapers say about it being legal. BMJ Case Reports 2011 Fonte della segnalazione secondaria: Legione Carabinieri Veneto, Comando Provinciale di Verona Reparto Operativo - Nucleo Investigativo, Sezione Investigazioni Scientifiche Tipo: osservazionale supportata da dati di laboratorio clinici anamnestici/comportamentali epidemiologici Dipartimento Politiche Antidroga Via della Vite, Roma Tel Fax Punto Focale Nazionale/ Italian Focal Point Dipartimento Politiche Antidroga Via della Vite, Roma Tel: ; Fax: N.E.W.S. info line Tel Fax: Website:

2 Contenuto sintetico: Dalla recente letteratura scientifica sono stati descritti 2 casi di intossicazione acuta, rispettivamente in Irlanda e nel Regno Unito, correlati all assunzione di butilone (bk-mbdb) e metilendiossipirovalerone (MDPV). Inoltre, la Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale di Verona Legione Carabinieri Veneto, ha segnalato un sequestro avvenuto a giugno 2011 presso uno smart shop della provincia di Vicenza. Nel corso del sequestro sono state prelevate 70 capsule contenenti una polvere in cui è stata rilevata la presenza del catinone sintetico butilone (bk- MBDB). Questa è la quarta segnalazione che il Sistema di Allerta registra nell ultimo anno circa la diffusione sul territorio italiano della molecola butilone. Secondo l Osservatorio Europeo, dal 2010 sono 10 le segnalazioni di identificazione di butilone in campioni raccolti e/o sequestrati provenienti dai vari Stati europei. Considerata la diffusione della sostanza sul territorio europeo, Italia inclusa, e la sua tossicità documentata, si ritiene opportuno attivare un Allerta grado 2. Supervisione tecnico scientifica della presente Informativa : T. Macchia Istituto Superiore di Sanità, Dipartimento del Farmaco C. Locatelli Fondazione S. Maugeri, Centro Antiveleni di Pavia B. Dati rilevati - descrittiva 1. Un recente articolo pubblicato sulla rivista Irish Journal of Medicine Sciences riporta il caso di un soggetto di 28 anni affetto da disturbo bipolare che in seguito all ingestione di 12 compresse acquistate in head shop locali in Irlanda, è stato colto da convulsioni tonico-cloniche. Le analisi effettuate sui residui delle compresse hanno rilevato la presenza di butilone e MDPV. Il soggetto giunto in pronto soccorso con segni di iperstimolazione adrenergica presentava tachicardia con frequenza 190 bpm, pressione sistolica di 230 mmhg, temperatura corporea pari a 39,5 C e sudorazione profusa. Il soggetto è stato ospedalizzato e il secondo giorno dopo l ingestione ha manifestato insufficienza epatica, con valori (in terza giornata) di INR pari a 2,8 e di bilirubina pari a 39 mmol/l. Il trattamento con N-acetilcisteina per infusione per tre giorni ha lentamente riportato gli indici epatici a livelli normali. Fonte: S. Frohlich, E. Lambe, J. O Dea. Acute liver failure following recreational use of psychotropic head shop compounds. Ir J Med Sci (2011) 180: DOI /s Secondo quanto riportato da un articolo pubblicato sul British Medical Journal, un uomo di 31 anni ha acquistato su Internet un prodotto denominato Energy-1 (NRG-1). Il prodotto veniva descritto on line come contenente il composto naftilpirovalerone (NPV). L uomo ha assunto 1 g di NRG-1. A seguito dell assunzione, egli ha mostrato un prolungato stato di high associato a tachicardia, abbondante sudorazione e insonnia. Le analisi condotte sia sul campione di NRG-1 assunto sia su siero hanno dimostrato che il paziente non aveva assunto NPV, come dichiarato dal venditore online, bensì i catinoni sintetici butilone (bk-mbdb) e metilendiossipirovalerone (MDPV). D.M. Wood, S. Davies, A. Cummins, J. Button, D.W. Holt, J. Ramsey, P.I. Dargan. Energy-1 ( NRG-1 ): don't believe what the newspapers say about it being legal. BMJ Case Reports Si evidenzia che il catinone sintetico metilendiossipirovalerone (MDPV) è stato inserito nella Tabella I del DPR 309/90 con decreto del Ministero della Salute dell 11 maggio Attualmente, in Italia il butilone, invece, non risulta essere inserito nella lista delle sostanze stupefacenti. 4. Ad agosto 2011, la Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale di Verona Legione Carabinieri Veneto ha segnalato un sequestro avvenuto a giugno 2011 presso uno smart shop della provincia di Vicenza ad opera del personale della Stazione CC di San Giovanni Ilarione (VR). 5. Nel corso del sequestro sono stati rinvenuti 14 flaconi in plastica ambrata. Tutti i flaconi erano muniti di tappo di chiusura in plastica bianca recante il sigillo di fabbrica ancora integro. Sul flacone era posta un etichetta raffigurante il volto di una donna e riportante la scritta Kelly. 6. Ogni flacone conteneva 5 capsule, per un totale di 70 capsule. Pagina 2 di 5

3 7. Le capsule avevano colore giallo e verde e pesavano ciascuna 0,25 g (Figura 1). 8. All interno delle capsule era presente una polvere di colore bianco/giallastro (Figura 2). Tali capsule venivano vendute come fertilizzanti per bonsai. 9. Le analisi di laboratorio condotte sulla polvere dal Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti Carabinieri di Verona, hanno rilevato la presenza del catinone sintetico butilone (bk-mbdb). Figura 1 Capsule sequestrate presso uno smart shop della provincia di Vicenza dal personale della Stazione CC di San Giovanni Ilarione (Verona). Figura 2 - Polvere contenuta nelle capsule provenienti dallo smart shop della provincia di Vicenza risultata contenere il catinone sintetico butilone (bk-mbdb). 10. Attività e segnalazioni pregresse: a) A settembre 2010, il Sistema Nazionale di Allerta Precoce aveva trasmesso un Informativa (Prot. EWS 120/10) relativa all identificazione di butilone (Centro Regionale Antidoping di Orbassano - TO) in una capsula bianca contenente una polvere di colore bianco rinvenuta nel mese di giugno 2010 in un locale di intrattenimento della Val di Susa (Torino). b) A gennaio 2011, l Osservatorio Europeo sulle Droghe e le Tossicodipendenze aveva segnalato al Punto Focale Nazionale l individuazione a Vienna di una polvere risultata contenere butilone e parametossiamfetamina. Pagina 3 di 5

4 c) A febbraio 2011, il Sistema aveva trasmesso con nota EWS 142/11 una segnalazione proveniente dal laboratorio di Tossicologia Forense dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata in cui si comunicava di aver esaminato un sequestro costituito da 3 boccette di plastica, anch esse etichettate come Kelly e vendute come fertilizzante per bonsai. Le boccette contenevano capsule che in questo caso erano di colore bianco e azzurro. Le indagini analitiche avevano rilevato la presenza del catinone sintetico butilone. d) A marzo 2011 il Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Reparto Investigazioni Scientifiche di Parma aveva segnalato l individuazione, da parte del Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti Carabinieri di Verona, del catinone sintetico butilone in capsule di colore bianco e azzurro contenute in flaconcini in plastica ambrata, etichettati con la scritta Kelly e sequestrati in uno smart shop della provincia di Vicenza. 11. Secondo quanto riportato dall Osservatorio Europeo, dal 2010 sono 10 le segnalazioni di identificazione di butilone in campioni raccolti e/o sequestrati provenienti dai vari Stati europei. Oltre che dall Italia, le segnalazioni sono state trasmesse da Bulgaria, Germania, Repubblica Ceca, Irlanda, Ungheria, Belgio, Austria. 12. Si invia in allegato: A. Scheda tecnica sul butilone (bk-mbdb) aggiornata ad agosto C. Note ed indicazioni operative Considerato che: la diffusione del consumo di butilone sta diventando sempre più frequente in Europa, rappresentando una vera e propria moda soprattutto tra i giovani; la disponibilità del butilone risulta molto ampia poiché viene venduto anche attraverso Internet; secondo quanto riportato dall OEDT, sequestri di butilone risultano sempre più frequenti in tutta Europa, in particolare nell ultimo anno; il Sistema Nazionale di Allerta Precoce ha ricevuto 4 segnalazioni di sequestro di tale sostanza nell ultimo anno, registrando quantitativi non trascurabili di compresse contenenti butilone sul territorio italiano; il consumo di butilone è associato a gravi rischi per la salute; si ritiene opportuno attivare un ALLERTA DI GRADO 2 (rischio di danni per la salute, rischio di diffusione di sostanze nel mercato illecito e nel consumo) tra le strutture competenti in materia di protezione della salute pubblica. Si raccomanda: alle strutture competenti, di prestare particolare attenzione alle intossicazioni caratterizzate dal quadro clinico di cui ai punti B1 e B2, e di attivare le eventuali misure preventive del caso, anche informando gli operatori in contatto con i potenziali assuntori; agli Assessorati alla Sanità e agli Assessorati alle Politiche Sociali, di diffondere questa comunicazione alle direzioni generali e sanitarie e ai servizi di emergenza-urgenza di Aziende Ospedaliere e Aziende Sanitarie (SSUEM 118, Guardia Medica, DEA-Dipartimenti di Emergenza- Accettazione, Pronto Soccorso, Punti di Primo Intervento), e ai Dipartimenti delle Dipendenze; Si segnala, inoltre, il potenziale rischio, in caso di un informativa generalizzata ai consumatori o ai media, di generare un effetto promozionale che potrebbe risultare, per alcuni individui, come incentivante la ricerca ed il consumo di tale sostanza. Pagina 4 di 5

5 Qualora nei prossimi mesi si osservassero intossicazioni acute associate al consumo di butilone, si invita a conservare, con le opportune modalità, aliquote di campioni biologici dei soggetti prelevati nell immediatezza del ricovero per approfondimenti tossicologici successivi presso laboratori specializzati. Qualora dovessero presentarvisi all osservazione o alla conoscenza casi analoghi a quello riportato dalla presente Informativa, si prega di inviarne comunicazione via all indirizzo o via fax al numero In caso fossero necessari ulteriori chiarimenti, si prega di contattare il numero telefonico Ringraziando per la collaborazione si rimane a disposizione per qualsiasi altra informazione o chiarimento. Cordiali Saluti Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Pagina 5 di 5

Scheda tecnica: Butilone (bk-mbdb)

Scheda tecnica: Butilone (bk-mbdb) www.politicheantidroga.it www.allertadroga.it www.dronet.org Allegato A Scheda tecnica: Butilone (bk-mbdb) Aggiornata agosto 2011 Nome Butylone Struttura molecolare O O O NH CH 3 CH 3 Formula di struttura

Dettagli

Altri nomi N-(1-adamantyl)-1-(5-fluoropentyl)-1H-indole-3-carboxamide; N-adamantyl-1-fluoropentylindole-3- carboxamide

Altri nomi N-(1-adamantyl)-1-(5-fluoropentyl)-1H-indole-3-carboxamide; N-adamantyl-1-fluoropentylindole-3- carboxamide Allegato F Oggetto: STS-135 Aggiornamento Dicembre 2013 Nome STS-135 Struttura molecolare Formula di struttura C 24 H 31 FN 2 O Numero CAS 1354631-26-7 Nome IUPAC 1-(5-fluoropentyl)-N-tricyclo[3.3.1.13,7]dec-1-yl-1H-indole-3-carboxamide

Dettagli

New Drugs UPDATE SULLE NUOVE SOSTANZE PSICOATTIVE - NSP PROGRAMMA. Aggiornamento tecnico scientifico e strategia nazionale di intervento

New Drugs UPDATE SULLE NUOVE SOSTANZE PSICOATTIVE - NSP PROGRAMMA. Aggiornamento tecnico scientifico e strategia nazionale di intervento In collaborazione con R.I.S. - Arma dei Carabinieri Polizia Scientifica New Drugs UPDATE SULLE NUOVE SOSTANZE PSICOATTIVE - NSP PROGRAMMA Aggiornamento tecnico scientifico e strategia nazionale di intervento

Dettagli

SEGNALAZIONI PROVENIENTI DALLA REGIONE PIEMONTE

SEGNALAZIONI PROVENIENTI DALLA REGIONE PIEMONTE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DALLA REGIONE PIEMONTE SEQUESTRI 2009 1. La Direzione Centrale per i Servizi Antidroga del Ministero dell Interno ha segnalato al Sistema Nazionale di Allerta Precoce ad ottobre,

Dettagli

CAPITOLO IV.2. SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE

CAPITOLO IV.2. SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE CAPITOLO IV.2. SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE IV.2.1. Origine, finalità e aspetti organizzativi IV.2.2. Principali attività del Sistema nel 2010 IV.2.3. Risultati IV.2.4. Novità individuate nel panorama

Dettagli

05/12/2013 Prot. EWS 278/13. Alla c.a.

05/12/2013 Prot. EWS 278/13. Alla c.a. 05/12/2013 Prot. EWS 278/13 Alla c.a. Ministero della Salute - Direzione Generale Prevenzione Ministero della Salute - Direzione Generale dei Dispositivi Medici, del Servizio Farmaceutico e della Sicurezza

Dettagli

Butilone (bk-mbdb) O O NH CH 3. Nome Butilone (Butylone) Struttura molecolare. Formula di struttura C 12 NO 3 H 15. Numero CAS 17762-90-2

Butilone (bk-mbdb) O O NH CH 3. Nome Butilone (Butylone) Struttura molecolare. Formula di struttura C 12 NO 3 H 15. Numero CAS 17762-90-2 NEW DRUGS Nuove Sostanze Psicoattive Butilone (bk-mbdb) Nome Butilone (Butylone) Struttura molecolare O O O NH CH 3 CH 3 Formula di struttura C 12 H 15 NO 3 Numero CAS 17762-90-2 Nome IUPAC 1-(1,3-benzodioxol-5-yl)-2-(methylamino)butan-1-one

Dettagli

Parte Quarta. Interventi di contrasto all offerta di droga

Parte Quarta. Interventi di contrasto all offerta di droga Parte Quarta Interventi di contrasto all offerta di droga CAPITOLO IV.1. SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE IV.1.1. Attività 2011 del Sistema di Allerta IV.1.1.1. Origine, finalità e aspetti organizzativi

Dettagli

Scheda tecnica: 3,4-metilendiossipirovalerone (MDPV)

Scheda tecnica: 3,4-metilendiossipirovalerone (MDPV) www.politicheantidroga.it www.allertadroga.it www.dronet.org Allegato A Scheda tecnica: 3,4-metilendiossipirovalerone (MDPV) Agosto 2010 Nome 3,4-metilendiossipirovalerone (3,4-Methylenedioxypyrovalerone;

Dettagli

Scheda tecnica: Desossipipradrolo (2-DPMP)

Scheda tecnica: Desossipipradrolo (2-DPMP) www.politicheantidroga.it www.allertadroga.it www.dronet.org Allegato A Scheda tecnica: Desossipipradrolo (2-DPMP) Ottobre 2010 Nome Desossipipradrolo (Desoxypipradrol, 2-DPMP) Struttura molecolare NH

Dettagli

Bufedrone O N CH 3. Nome Bufedrone (Buphedrone) Struttura molecolare. Formula di struttura C 11 H 15. Numero CAS 408332-79-6

Bufedrone O N CH 3. Nome Bufedrone (Buphedrone) Struttura molecolare. Formula di struttura C 11 H 15. Numero CAS 408332-79-6 NEW DRUGS Nuove Sostanze Psicoattive Bufedrone Nome Bufedrone (Buphedrone) Struttura molecolare O N CH 3 CH 3 Formula di struttura C 11 H 15 NO Numero CAS 408332-79-6 Nome IUPAC 2-methylamino-1-phenylbutan-1-one

Dettagli

2C-H O NH 2. Nome 2C-H. Struttura molecolare. Formula di struttura C 10 H 15 NO 2. Numero CAS 3600-86-0 / 3166-74-3 (sale cloridrato)

2C-H O NH 2. Nome 2C-H. Struttura molecolare. Formula di struttura C 10 H 15 NO 2. Numero CAS 3600-86-0 / 3166-74-3 (sale cloridrato) NEW DRUGS Nuove Sostanze Psicoattive 2C-H Nome 2C-H Struttura molecolare O NH 2 O Formula di struttura C 10 H 15 NO 2 Numero CAS 3600-86-0 / 3166-74-3 (sale cloridrato) Nome IUPAC 2-(2,5-dimethoxyphenyl)ethanamine

Dettagli

Strutture chimiche dei principali cannabinoidi sintetici registrati dal Sistema Nazionale di Allerta Precoce.

Strutture chimiche dei principali cannabinoidi sintetici registrati dal Sistema Nazionale di Allerta Precoce. Cannabinoidi sintetici In Europa, i primi cannabinoidi sintetici sono stati individuati nel 2008 in diverse miscele vegetali, definite herbal mixture o herbal blend, e vendute come incensi o profumatori

Dettagli

α-pirrolidinovalerofenone (α-pvp)

α-pirrolidinovalerofenone (α-pvp) NEW DRUGS Nuove Sostanze Psicoattive α-pirrolidinovalerofenone (α-pvp) Nome α-pirrolidinovalerofenone (α-pyrrolidinovalerophenone) Struttura molecolare O N Formula di struttura C 15 H 21 NO Numero CAS

Dettagli

Protocollo Aziendale Catena di Custodia Tossicologia

Protocollo Aziendale Catena di Custodia Tossicologia Protocollo Aziendale Catena di Custodia Data emissione: 08/06/15 Revisione: 01 Responsabile: Dr. Stefano Venarubea Pag. 0 di 7 Pag. 1 di 7 1.1 Introduzione Il prelievo del campione è il primo passo della

Dettagli

Sistema Nazionale di Allerta Precoce e Risposta Rapida per le Droghe

Sistema Nazionale di Allerta Precoce e Risposta Rapida per le Droghe REPORT DI ATTIVITÀ E RISULTATI Sistema Nazionale di Allerta Precoce e Risposta Rapida per le Droghe National Early Warning System - N.E.W.S. Anno 2012 - Base dati 2011 Coordinamento aspetti bio-tossicologici

Dettagli

ALLEGATO E) Atto di indirizzo delle attività degli ispettorati micologici.

ALLEGATO E) Atto di indirizzo delle attività degli ispettorati micologici. ALLEGATO E) Atto di indirizzo delle attività degli ispettorati micologici. Funzioni dell Ispettorato Micologico.. Agli Ispettorati Micologici competono i seguenti interventi: 1) con riferimento alla raccolta

Dettagli

Progetto BIOTOX - ALERT. Potenziamento delle attività tossicologico-analitiche nel NEWS. Centro Collaborativo DPA. In coordinamento con

Progetto BIOTOX - ALERT. Potenziamento delle attività tossicologico-analitiche nel NEWS. Centro Collaborativo DPA. In coordinamento con Progetto BIOTOX - ALERT Potenziamento delle attività tossicologico-analitiche nel NEWS Centro Collaborativo DPA Istituto Superiore di Sanità In coordinamento con NEWS - Centro di coordinamento per gli

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE

SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE Progress Report Piano Progetti 2010 IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE NATIONAL EARLY WARNING SYSTEM N.E.W.S. Giovedì 11 e Venerdì 12 Novembre 2010

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

5-MAPB CH 3. Nome 5-MAPB. Struttura molecolare. Formula di struttura C 12 H 15. Numero CAS 1354631-77-8

5-MAPB CH 3. Nome 5-MAPB. Struttura molecolare. Formula di struttura C 12 H 15. Numero CAS 1354631-77-8 NEW DRUGS Nuove Sostanze Psicoattive 5-MAPB Nome 5-MAPB Struttura molecolare NH O CH 3 CH 3 Formula di struttura C 12 H 15 NO Numero CAS 1354631-77-8 Nome IUPAC 1-(benzofuran-5-yl)-N-methylpropan-2-amine

Dettagli

Progetto BIOTOX - ALERT. Potenziamento delle attività tossicologico-analitiche nel NEWS. Ente affidatario (Centro Collaborativo DPA)

Progetto BIOTOX - ALERT. Potenziamento delle attività tossicologico-analitiche nel NEWS. Ente affidatario (Centro Collaborativo DPA) Progetto BIOTOX - ALERT Potenziamento delle attività tossicologico-analitiche nel NEWS Ente affidatario (Centro Collaborativo DPA) Istituto Superiore di Sanità In coordinamento con NEWS - Centro di coordinamento

Dettagli

Progress Report Piano Progetti 2010

Progress Report Piano Progetti 2010 Progress Report Piano Progetti 2010 IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati SMARTSEARCH: Ricerca di composti farmacologicamente attivi e potenzialmente pericolosi di libero commercio impiegando

Dettagli

2-Amminoindano (2-AI)

2-Amminoindano (2-AI) NEW DRUGS Nuove Sostanze Psicoattive 2-Amminoindano (2-AI) Nome 2-amminoindano; (2-aminoindan) Struttura molecolare H 2 N Formula di struttura C 9 H 11 N Numero CAS 2975-41-9 (base libera) / 2338-18-3

Dettagli

6-(2-aminopropil)-2,3-diidrobenzofurano (6-APDB)

6-(2-aminopropil)-2,3-diidrobenzofurano (6-APDB) NEW DRUGS Nuove Sostanze Psicoattive 6-(2-aminopropil)-2,3-diidrobenzofurano (6-APDB) Nome 6-(2-aminopropil)-2,3-diidrobenzofurano; (6-(2-aminopropyl)-2,3-dihydrobenzofuran) Struttura molecolare O NH 2

Dettagli

CAPITOLO IV.1. SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE

CAPITOLO IV.1. SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE CAPITOLO IV.1. SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE IV.1.1. Premesse IV.1.1.1. Aspetti organizzativi IV.1.2. Collaborazione con il National Institute on Drug Abuse IV.1.3. I centri collaborativi del Sistema

Dettagli

Camera dei Deputati 673 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI

Camera dei Deputati 673 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI Camera dei Deputati 673 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 674 Senato della Repubblica Vl.2.2 Aggiornamento dati siti web con informazione antidroga Di seguito si riportano i dati relativi ai

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA

LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA una riflessione complessiva dell'impatto degli interventi In Italia sono le singole Regioni e provincie autonome

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

CAPITOLO IV.3. FENOMENO DEI CANNABINOIDI SINTETICI IN ITALIA E LE AZIONI DI PREVENZIONE E CONTRASTO

CAPITOLO IV.3. FENOMENO DEI CANNABINOIDI SINTETICI IN ITALIA E LE AZIONI DI PREVENZIONE E CONTRASTO CAPITOLO IV.3. FEME DEI CANNABIIDI NTETICI IN ITALIA E LE AZIONI DI PREVENZIONE E CONTRASTO IV.3.1. Introduzione IV.3.2. Operazione Smart shop 2010-2011 : cronologia IV.3.3. Esito dei controlli condotti

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica.

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LANZARONE SALVATORE Telefono 011 6933445 Cellulare 393 8727518 VIA ILARIO VERNERO 2,10090 ROSTA (TO) E-mail lanzarone.salvatore77@gmail.com

Dettagli

1-(5-Fluoropentil)-1H-indol-3-il)(2,2,3,3- tetrametilciclopropil)metanone (5FUR-144)

1-(5-Fluoropentil)-1H-indol-3-il)(2,2,3,3- tetrametilciclopropil)metanone (5FUR-144) NEW DRUGS Nuove Sostanze Psicoattive 1-(5-Fluoropentil)-1H-indol-3-il)(2,2,3,3- tetrametilciclopropil)metanone (5FUR-144) Nome (1-(5-fluoropentil)-1H-indol-3-il)(2,2,3,3-tetrametilciclopropil)metanone;

Dettagli

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi CHE COS È Il RASFF, Rapid Alert System for Food and Feed (Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi) è stato istituito per fornire un efficace

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

AVVIO SPERIMENTALE DI UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA PER IL MONITORAGGIO DELLE DROGHE IN CIRCOLAZIONE E DELLE MODALITÀ DI CONSUMO 1 PROTOCOLLO

AVVIO SPERIMENTALE DI UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA PER IL MONITORAGGIO DELLE DROGHE IN CIRCOLAZIONE E DELLE MODALITÀ DI CONSUMO 1 PROTOCOLLO AVVIO SPERIMENTALE DI UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA PER IL MONITORAGGIO DELLE DROGHE IN CIRCOLAZIONE E DELLE MODALITÀ DI CONSUMO 1 PROTOCOLLO PREMESSO CHE 1.Il DPR 309/90 e la Legge 45/99, hanno sempre più

Dettagli

Allegati. Tabella dei dati relativi alle Figure

Allegati. Tabella dei dati relativi alle Figure Allegati Tabella dei dati relativi alle Figure Indice delle Tabelle PARTE PRIMA: DIMENSIONE DEL FENOMENO I.1. CONSUMO DI DROGA Tabella I.1.1:Consumo di eroina nella popolazione generale 15-64 anni. Anni

Dettagli

Il CCM per la prevenzione

Il CCM per la prevenzione Il CCM per la prevenzione Cinque anni di attività di Osservasalute Walter Ricciardi Roma, 23 Giugno 2008 Che cos è il Rapporto Osservasalute Il Rapporto Osservasalute analizza lo stato di salute e la qualità

Dettagli

D. Lgs. n 81 del 9 aprile 2008

D. Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 D. Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 nei casi previsti dalla normativa la sorveglianza sanitaria è altresì finalizzata alla verifica di assenza di assunzione di sostanze stupefacenti e di condizioni di alcol

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 119

PROPOSTA DI LEGGE N. 119 PROPOSTA DI LEGGE N. 119 presentata dai consiglieri Ussai, Bianchi, Dal Zovo, Frattolin, Sergo il 23 ottobre 2015

Dettagli

Le novità degli ultimi 12 mesi

Le novità degli ultimi 12 mesi Farmacovigilanza Le novità degli ultimi 12 mesi Maria Nicotra Il sistema di Farmacovigilanza sta attraversando da qualche tempo in Italia una fase di progressivo sviluppo dovuto probabilmente al cambiamento

Dettagli

I provvedimenti disposti dall AIFA a tutela della salute pubblica

I provvedimenti disposti dall AIFA a tutela della salute pubblica I provvedimenti disposti dall AIFA a tutela della salute pubblica Allo scopo di tutelare la salute pubblica e in adempimento alle norme nazionali e comunitarie è compito dell AIFA la valutazione continua

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Gomma Maurizio Data di nascita 11/11/1957. Direttore di Unità Operativa - SerD1

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Gomma Maurizio Data di nascita 11/11/1957. Direttore di Unità Operativa - SerD1 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Gomma Maurizio Data di nascita 11/11/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI Direttore di Unità Operativa - SerD1 0458076264

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

URGENTE: avviso di sicurezza per operatori sanitari

URGENTE: avviso di sicurezza per operatori sanitari Alere INRatio PT/INR Monitor system 10 dicembre 2014 Gentile operatore sanitario, questa lettera contiene informazioni importanti su Alere INRatio PT/INR Monitor system (INRatio / INRatio 2 Monitors e

Dettagli

SCIENZE FORENSI E CRIMINALISTICA: NUOVE TECNICHE DI ANALISI E APPLICAZIONI PRATICHE Bologna, 21-22 novembre 2014

SCIENZE FORENSI E CRIMINALISTICA: NUOVE TECNICHE DI ANALISI E APPLICAZIONI PRATICHE Bologna, 21-22 novembre 2014 PROGRAMMA PRIMA GIORNATA 21 novembre 2014 Scienze forensi: tecniche d analisi e applicazioni pratiche Chairman 1 a sessione: Dott. Andrea Del Ferraro - Dirigente Polizia Scientifica Bologna h 9,30 h 10,00

Dettagli

Chimica, Materiali e Biotecnologie

Chimica, Materiali e Biotecnologie Nell indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie sono attive per l anno scolastico in corso le articolazioni: Biotecnologie ambientali Biotecnologie sanitarie Chimica e materiali Il diplomato in Chimica,

Dettagli

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI S. Rossi, C. Mortali, R. Spoletini, D. Mattioli, P. Zuccaro Dipartimento del Farmaco - ISS Dal rapporto annuale sulla droga dell ONU (2005), risulta

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche Codice colore in Pronto Soccorso: Valutazione della corretta attribuzione da parte dell infermiere di triage M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche T. Campanelli, Coordinatore

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

OsservatorioperleDipendenzeRegioneCampania

OsservatorioperleDipendenzeRegioneCampania OsservatorioperleDipendenzeRegioneCampania è un programma del Settore Fasce Deboli Assessorato Sanità Regione Campania L Osservatorio per le Dipendenze Campania nasce con delibera della Regione Campania

Dettagli

Sistema Nazionale di Allerta Precoce National Early Warning System N.E.W.S. Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri

Sistema Nazionale di Allerta Precoce National Early Warning System N.E.W.S. Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Sistema Nazionale di Allerta Precoce National Early Warning System N.E.W.S. Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 033 Look Back. Data: 20-01-2014

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 033 Look Back. Data: 20-01-2014 1 Prima Stesura Redattori: Cosenza Data: 20-01-2014 1 2 1 SCOPO Lo scopo della presente procedura è specificare i criteri da adottare per l effettuazione di indagini e valutazioni retrospettive relative

Dettagli

ELENCO DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALL UFFICIO METRICO

ELENCO DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALL UFFICIO METRICO ELENCO DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALL UFFICIO METRICO Al fine di ottemperare agli obblighi di trasparenza imposti con l articolo 25 del D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33, si riportano sinteticamente

Dettagli

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ufficio II Prot. n. 22280 pos.26 Al Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali dell Università di Bologna Laboratorio LaRAS Via Fanin, 40 40127 BOLOGNA

Dettagli

QUANTIFERON TEST Che cos è il Quantiferon test? Cosa misura il Quantiferon test? Quali informazioni si ottengono con il Quantiferon test?

QUANTIFERON TEST Che cos è il Quantiferon test?    Cosa misura il Quantiferon test? Quali informazioni si ottengono con il Quantiferon test? QUANTIFERON TEST Che cos è il Quantiferon test? Il Quantiferon TB-2G è un test che si esegue su sangue venoso utile per: la diagnosi differenziale fra tubercolosi polmonare attiva ed infezione da micobatteri

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

IL RUOLO DELLA GALECTIN-3 NELLA GESTIONE DELLA INSUFFICIENZA CARDIACA

IL RUOLO DELLA GALECTIN-3 NELLA GESTIONE DELLA INSUFFICIENZA CARDIACA Incontro di Formazione GREAT IL RUOLO DELLA GALECTIN-3 NELLA GESTIONE DELLA INSUFFICIENZA CARDIACA Azienda Ospedaliera - Universitaria di Parma Sala Congressi Ospedale Maggiore Via Abbeveratoia - Parma

Dettagli

Giornata formativa sui prodotti cosmetici Istituto Superiore di Sanità, 20 giugno 2013

Giornata formativa sui prodotti cosmetici Istituto Superiore di Sanità, 20 giugno 2013 Giornata formativa sui prodotti cosmetici Istituto Superiore di Sanità, 20 giugno 2013 Ruolo e compiti dei NAS nella sorveglianza del settore Cap. Dario Praturlon Comando Carabinieri per la Tutela della

Dettagli

Le buone pratiche di somministrazione e prescrizione. Waldispühl Suter Brigitte Responsabile EOFARM

Le buone pratiche di somministrazione e prescrizione. Waldispühl Suter Brigitte Responsabile EOFARM Le buone pratiche di somministrazione e prescrizione Waldispühl Suter Brigitte Responsabile EOFARM Agenda - Introduzione - Prescrizioni farmacologiche in degenza - Preparazione e somministrazione di farmaci

Dettagli

Studio FARM6KWTCT Emendamento 3 Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione finale del 18/10/2010 STUDIO CLINICO FARM6KWTCT

Studio FARM6KWTCT Emendamento 3 Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione finale del 18/10/2010 STUDIO CLINICO FARM6KWTCT STUDIO CLINICO FARM6KWTCT Efficacia di dosaggi elevati di acido folico nel prevenire l occorrenza delle malformazioni congenite. Trial clinico randomizzato nelle donne in età fertile che programmano la

Dettagli

IL RAGGIUNGIMENTO DEI TARGET TERAPEUTICI NELLA PRATICA CLINICA: I RISULTATI DELLO STUDIO QUASAR

IL RAGGIUNGIMENTO DEI TARGET TERAPEUTICI NELLA PRATICA CLINICA: I RISULTATI DELLO STUDIO QUASAR IL RAGGIUNGIMENTO DEI TARGET TERAPEUTICI NELLA PRATICA CLINICA: I RISULTATI DELLO STUDIO QUASAR Maria Chiara Rossi Dipartimento di Farmacologia Clinica ed Epidemiologia Centro Studi e Ricerche AMD Consorzio

Dettagli

VALUTAZIONE DIAGNOSTICA

VALUTAZIONE DIAGNOSTICA Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Tossicologia Medica VALUTAZIONE DIAGNOSTICA Dott.ssa Loredana Galante PROCEDURE DIAGNOSTICHE (T.U. 309/90

Dettagli

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Dott. Francesco Russi Assistente D.E.A. Humanitas gavazzeni Bergamo Cominciamo bene dalla parte del P.S Non e possibile!!!

Dettagli

Indagini epidemiologiche nazionali sull incidenza dell uso di droghe e alcol nel determinismo degli incidenti stradali

Indagini epidemiologiche nazionali sull incidenza dell uso di droghe e alcol nel determinismo degli incidenti stradali Indagini epidemiologiche nazionali sull incidenza dell uso di droghe e alcol nel determinismo degli incidenti stradali Diana Candio 1, Giovanni Serpelloni 2 1 Consulente Programma Regionale sulle Dipendenze

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Bellucci Maria Teresa Data di nascita 19/07/1972. Dirigente Tempo Determinato

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Bellucci Maria Teresa Data di nascita 19/07/1972. Dirigente Tempo Determinato INFORMAZIONI PERSONALI Nome Bellucci Maria Teresa Data di nascita 19/07/1972 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Tempo Determinato COMUNE DI ROMA Responsabile

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti

La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti La rintracciabilità nel settore delle uova e degli ovoprodotti EUWEP ASSEMBLEA GENERALE 2010 VERONA, 4 GIUGNO Dr. Silvio Borrello Direttore Generale della sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ministero

Dettagli

Nome 1-(5-fluoropentil)-3-(4-metil-1-naftoil)indolo (1-(5-fluoropentyl)-3-(4-methyl-1-naphthoyl)indole)

Nome 1-(5-fluoropentil)-3-(4-metil-1-naftoil)indolo (1-(5-fluoropentyl)-3-(4-methyl-1-naphthoyl)indole) Allegato H Oggetto: 1-(5-Fluoropentil)-3-(4-metil-1-naftoil)indolo (MAM-2201) Aggiornamento Dicembre 2013 Nome 1-(5-fluoropentil)-3-(4-metil-1-naftoil)indolo (1-(5-fluoropentyl)-3-(4-methyl-1-naphthoyl)indole)

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord S.C IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE ASLTO2 1. ORARI del SERVIZIO TRASFUSIONALE...1 2. RICHIESTA di TERAPIA TRASFUSIONALE...2 3. CAMPIONI di SANGUE...3 4. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE e DEI CAMPIONI

Dettagli

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.

Ospedale San Paolo Via Genova 30, 17100 Savona Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria. Dipartimento di Emergenza Levante Direttore: Dott. Paolo Bellotti Direttore: Dott. Salvatore Esposito Savona marzo 2009 Tel. 019/810158 Fax 019/814473 e-mail: 118.sv@asl2.liguria.it Sito: www.asl2.liguria.it

Dettagli

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante: Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII - SETTORE SALUTE Ordinanza

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI FARMACI E PRESIDI

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI FARMACI E PRESIDI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI FARMACI E PRESIDI Elaborato con il contributo di: - U.O. Prof. Assistenza - Coordinatrice U.O. Rianimazione Giardi Silvana - Coordinatrice UFSM Sforzi Chiara -

Dettagli

Cannabis. Il mito di una droga per nulla «leggera» Una presentazione di Alleanza Cattolica. Foto: graffiti, Cannabis Club, Venice, California

Cannabis. Il mito di una droga per nulla «leggera» Una presentazione di Alleanza Cattolica. Foto: graffiti, Cannabis Club, Venice, California Cannabis Il mito di una droga per nulla «leggera» Una presentazione di Alleanza Cattolica Foto: graffiti, Cannabis Club, Venice, California Marijuana: che cos è? La marijuana è ricavata dalle foglie e

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PROGETTO MMG Drugs Prevention. Tra

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PROGETTO MMG Drugs Prevention. Tra ACCORDO DI COLLABORAZIONE PROGETTO MMG Drugs Prevention Tra La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche Antidroga, Codice Fiscale 80188230587 con sede in Via dei Laterani, 34

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI

SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI A. ASPETTI ANAGRAFICI A 1 - U.O. coinvolte: Ser.D Bassano e Ser.D Asiago A 2 -Ambito di appartenenza: (selezionare) A 3 - Responsabile Buona Prassi: Sanitario

Dettagli

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ;

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO l art. 32 della Costituzione; VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 320 del 8 Febbraio

Dettagli

F ORMATO EUROPEO. INFORMAZIONI PERSONALI Nome. ESPERIENZA LAVORATIVA dal 01/04/77 LUIGI RUBENS CURIA

F ORMATO EUROPEO. INFORMAZIONI PERSONALI Nome. ESPERIENZA LAVORATIVA dal 01/04/77 LUIGI RUBENS CURIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome LUIGI RUBENS CURIA Indirizzo Via Roma n 5 Telefono 0965/332891 Telefono Ufficio 0961856535 E-mail rubenscuria@yahoo.it; r.curia@regcal.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Strategie analitiche per la ricerca di Nuove Sostanze Psicoattive in campioni biologici Marco Vincenti

Strategie analitiche per la ricerca di Nuove Sostanze Psicoattive in campioni biologici Marco Vincenti Dipartimento Politiche Antidroga New Drugs 2014 Orbassano (TO) 22 Gennaio 2014 Strategie analitiche per la ricerca di Nuove Sostanze Psicoattive in campioni biologici Marco Vincenti Nuove Sostanze Psicoattive

Dettagli

4. Definizioni e risk assessment

4. Definizioni e risk assessment 4. Definizioni e risk assessment L'espressione Nuova Sostanza Psicoattiva NSP (New Psychoactive Substance NPS) è ormai molto diffusa non solo in ambito scientifico, ma anche istituzionale. Si trova anche

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale D i p a r ti me n t o Salute e Serv izi Sociali Salute Mentale e Dipendenze - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale D i p a r ti me n t o Salute e Serv izi Sociali Salute Mentale e Dipendenze - Servizio SCHEMA N...NP/7368 DEL PROT. ANNO...2009 D i p a r ti me n t o Salute e Serv izi Sociali OGGETTO : Indicazioni per le procedure relative agli accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza o di

Dettagli

Cabitza Rosetta MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T AE. Nome. Data di nascita 25/10/1954. Dirigente medico. Qualifica.

Cabitza Rosetta MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T AE. Nome. Data di nascita 25/10/1954. Dirigente medico. Qualifica. MO D E L L O P E R I L C U R R I C U L U M V I T AE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cabitza Rosetta Data di nascita 25/10/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente

Dettagli

ASL TO3 : 84.500 CITTADINI VENGONO INVITATI ALLO SCREENING DEL COLON RETTO

ASL TO3 : 84.500 CITTADINI VENGONO INVITATI ALLO SCREENING DEL COLON RETTO COMUNICATO STAMPA LA PREVENZIONE PUO SALVARE LA VITA : APPELLO DELL ASL A PRESENTARSI ALL INVITO. RISULTANO POSITIVI CIRCA IL 6% DI ESAMI (162 SU 2.840), SUBITO INVIATI ALLA COLONSCOPIA DI APPROFONDIMENTO

Dettagli

3-Fluorometcatinone (3-FMC)

3-Fluorometcatinone (3-FMC) NEW DRUGS Nuove Sostanze Psicoattive 3-Fluorometcatinone (3-FMC) Nome 3-Fluorometcatinone (3-fluoromethcathinone) Struttura molecolare F O CH 3 NH CH 3 Formula di struttura C 10 H 12 FNO Numero CAS 1049677-77-1

Dettagli

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI Cognome e nome FINOTTO RITA Data di nascita 18 LUGLIO 1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale DIRIGENTE MEDICO Azienda ULSS N. 10 VENETO ORIENTALE DIRETTORE FUNZIONE

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

Ospedale Niguarda Ca Granda Milano

Ospedale Niguarda Ca Granda Milano SPECIFICHE DEL SERVIZIO FORNITO CENTRO ANTI VELENI C. A. V. Ospedale Niguarda Ca Granda Milano DOC.VP01 SPECIFICHE DEL SERVIZIO Rev. 1del 10.12. 2004 Pag. 1 / 7 INDICE CENTRO ANTIVELENI (C.A) - MILANO

Dettagli

(10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici

(10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici (10) Legalizzazione delle droghe. La posizione di Garattini e di altri opinionisti scientifici S ilvio Garattini, da oltre 40 anni dirige l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, uno dei massimi

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli

Nuove sostanze nuovi rischi

Nuove sostanze nuovi rischi Nuove sostanze nuovi rischi Dott.ssa Aurora Martina Meneo +39 328 92 88 660 aurora.meneo@gmail.com www.lifeofbrain.com Facebook.com/aurorameneo Facebook.com/lobpsicologia Anni 90 Negli USA il termine «smart

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Decreto Ministeriale: Disposizioni in materia di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva IL MINISTRO Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219,

Dettagli

MASTER DI SECONDO LIVELLO IN DIAGNOSTICA DI LABORATORIO CHIMICO-TOSSICOLOGICO A FINI MEDICO-LEGALI

MASTER DI SECONDO LIVELLO IN DIAGNOSTICA DI LABORATORIO CHIMICO-TOSSICOLOGICO A FINI MEDICO-LEGALI MASTER DI SECONDO LIVELLO IN DIAGNOSTICA DI LABORATORIO CHIMICO-TOSSICOLOGICO A FINI MEDICO-LEGALI Il MASTER di secondo livello in Diagnostica di Laboratorio Chimico- Tossicologico a fini medico-legali

Dettagli

Scheda di progetto P16-03.40

Scheda di progetto P16-03.40 Ricerca di soggetti disponibili a supportare attività aziendali mediante contratti di sponsorizzazione o liberalità Bando di riferimento: P16 deliberazione n. 1350 del 03/10/2013 Tipologia di riferimento:

Dettagli

Specialista in Medicina del Lavoro

Specialista in Medicina del Lavoro LA SORVEGLIANZA SANITARIA ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Prof. Vincenzo Terracino consulente Specialista in Medicina del

Dettagli

Conferenza permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie. Prof. Augusto Panà

Conferenza permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie. Prof. Augusto Panà Conferenza permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie I Corsi di laurea delle professioni sanitarie e le prospettive future Prof. Augusto Panà Sassari 20-21 aprile 2007 La ricerca quale

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza Contenuti informativi Pagina 1 di 9 L accesso all informazione favorisce

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Scheda n. 1 DENOMINAZIONE DEL TRATTAMENTO: TUTELA DAI

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 118 - SCHEDA N.1 CHE COS È IL NUMERO 1-1-8 1-1-8 è il numero telefonico, unico su tutto il territorio nazionale, di riferimento per tutti i casi di richiesta di soccorso sanitario in una situazione di

Dettagli