Focus N 02 febbraio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Focus N 02 febbraio 2013"

Transcript

1 Focus N 02 febbraio 2013 COMPETITIVENESS AND INNOVATION FRAMEWORK PROGRAMME (CIP) ICT Policy Support Programme (PSP) 2013 Fonte: https://ec.europa.eu/digital-agenda/en/ict-policy-support-programme-participate Descrizione Bando 2013 del programma CIP-ICT PSP per il sostegno alla politica in materia di Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione (ICT) nell'ambito del programma per la promozione della competitività e dell'innovazione (CIP). Obiettivi Strumento chiave a supporto delle iniziative dell Agenda Digitale per l Europa, il programma ICT- PSP mira a stimolare l'innovazione e la competitività dell Europa attraverso una più ampia adozione e un miglior uso delle Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione da parte dei cittadini, delle amministrazioni e delle imprese, e in particolare delle PMI. DESTINATARI DEL BANDO L'invito a presentare proposte è rivolto ai soggetti giuridici stabiliti negli Stati membri EU e nei Paesi associati ICT PSP (Croazia, Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Serbia, Turchia, Montenegro, FYROM,..): Autorità nazionali o Ministeri, pubbliche amministrazioni locali o regionali o Organizzazioni pubbliche (ospedali, scuole, biblioteche, ) Enti privati, Imprese Università e centri di ricerca Possono essere ammessi a partecipare anche enti di altri Paesi ma non possono essere finanziati. SCHEMI DI FINANZIMENTO Per ogni tematica di ricerca possono essere previste diverse tipologie di progetto implementabili (schemi di finanziamento), ognuna con propri requisiti di partecipazione: PILOTA Tipo A: iniziative che si focalizzano sulla costruzione e dimostrazione dell interoperabili di servizi tra Stati Membri e paesi Associati. I servizi implementati devono essere già operativi a livello nazionale, regionale o locale o almeno in un avanzata fase di test. I risultati devono essere ampiamente disseminati e resi disponibili a tutti gli stati.

2 PILOTA Tipo B: iniziative che mirano a implementare servizi innovativi basati su ICT per soddisfare bisogni di cittadini, governi o imprese, in condizioni realistiche. L enfasi deve essere posta nell innovatività dei servizi. Possono pertanto essere finanziate prosecuzioni di precedenti progetti di R&S completati, estensioni di servizi prototipali già testati o loro combinazioni o integrazioni di soluzioni parziali per realizzare un nuovo approccio innovativo. Reti di Buone Pratiche e Reti Tematiche: iniziative volte a mettere assieme stakeholders per esplorare nuove metodologie per implementare soluzioni basate su ICT (es. forum dove scambiarsi best practices, workshop, gruppi di lavoro per definire azioni, standard o specifiche). Public Procurement of Innovative Solutions PPI: finanzia la realizzazione di appalti transnazionali volti a mettere a gara soluzioni ICT innovative, al fine di superare la frammentazione della domanda e condividere il rischio ed il costo dell adozione di soluzioni innovative. TEMATICHE Le tematiche finanziabili sono suddivise in sotto-temi, detti obiettivi: TEMA 1. Cloud nei servizi pubblici e nelle smart cities (32.5 M ) 1.1: Cloud of Public Services Progetti finanziabili: Pilota B Risorse disponibili: 18 M 1.2: Smart Sustainable Mobility 1.2.a: Piloting ICT-based Interoperable Fare Management (IFM) for sustainable Mobility Progetti finanziabili: 2 o 3 Pilota B Risorse disponibili: 6 M 1.2.b: Piloting cooperative systems for sustainable mobility of goods Progetti finanziabili: 2 o 3 Pilota B Risorse disponibili: 6,5 M 1.2.c: Preparing the ground for Public Procurement for Innovative Solutions on Cooperative Intelligent Transport Systems 1.3: Preparing public procurement for innovative solutions on resource efficient data centres for smart cities TEMA 2. Contenuti Digitali, Open Data (36 M ) 2.1: Europeana and creatività 2.1.a: Enriching and improving the Europeana content base Progetti finanziabili: Reti di Buone Pratiche

3 Risorse disponibili: 5M 2.1.b: Promoting the use of Europeana by creative industries Progetti finanziabili: Reti di Buone Pratiche Risorse disponibili: 7M 2.1.c: Coordinating Europeana Risorse disponibili: 4M 2.2: Open Data 2.2.a: Open Data experimentation and innovation building on geographic Information Progetti finanziabili: Pilota B Risorse disponibili: 7M 2.2.b: Standards for Open Data 2.3: ICT for learning 2.3.a: Piloting and showcasing excellence in ICT for learning for all Risorse disponibili: 5M 2.3.b: Organizing competitions on Educational Games Progetti finanziabili: 1 Rete Tematica 2.4: Digital content technologies for a better internet for kids 2.4.a: Digital content technologies for victim identification Risorse disponibili: 2M 2.4.b: Interoperability of content rating and classification schema 2.5: earchiving services Risorse disponibili: 3M TEMA 3: ICT per la salute, l invecchiamento attivo e l inclusione (39 M ) 3.1: Preparing large scale deployment of targeted services to support active and healthy ageing 3.1.a: Telehealth programmes for the management of mental disorders Progetti finanziabili: 1 solo Pilota A Risorse disponibili: 7M 3.1.b: Wide deployment of integrated care Progetti finanziabili: Pilota B Risorse disponibili: 7M

4 3.2: Supporting public procurement for innovative solutions (PPI) in ehealth, active and healthy ageing and assisted living 3.2.a: ehealth Progetti finanziabili: PPI Risorse disponibili: 5M 3.2.b: Active & healthy ageing and assisted living Progetti finanziabili: PPI Risorse disponibili: 5M 3.3: Networking for health, ageing well and inclusion 3.3.a. Innovation for age friendly cities, buildings and environments 3.3.b. Assessing impact and raising awareness on benefits of innovative ehealth tools and services Risorse disponibili: 0,5M 3.3.c: Sustainability of EU wide info-structure and collaborative governance Risorse disponibili: 1 M 3.3.d. Clinical practice guidelines for ehealth services Risorse disponibili: 0,5M 3.4: Assisted mobility/navigation for older or impaired users Progetti finanziabili: 1 solo Pilota A Risorse disponibili: 2M 3.5: Biophotonics solutions for diagnosis, monitoring and treatment of diseases Progetti finanziabili: 3 o 4 Pilota B Risorse disponibili: 10 M TEMA 4: Servizi elettronici sicuri (7 M ) 4.1: Protection of Websites against attacks Risorse disponibili: 2,5 M 4.2: Security for networked infrastructures Risorse disponibili: 2 M 4.3: Secure and trustworthy reporting of malware and suspected cybercrime Risorse disponibili: 2,5 M

5 TEMA 5. Obiettivi aperti per l innovazione ed altre azioni (11,2 M ) 5.1: Open objective for innovation Progetti finanziabili: Pilota B Risorse disponibili: 10 M 5.2: Support to advance Corporate Social Responsibility (CSR) in the ICT sector Risorse disponibili: 200 K 5.3: Support to the Grand Coalition for ICT jobs Risorse disponibili: 1 M Partenariato minimo: Pilota Tipo A: minimo 6 amministrazioni nazionali competenti sulla specifica tematica (es. ministero) o soggetti giuridici designati ad agire per loro conto (in questo caso l'amministrazione nazionale dovrà certificare che il soggetto giuridico e stato designato ad agire per suo conto) di 6 diversi Stati Membri o paesi associati. Il consorzio dovrebbe prevedere anche tutti gli stakeholder della catena del valore (es. servizi e content providers, imprese, rappresentanti degli utenti finali). Pilota Tipo B: minimo 4 soggetti giuridici di altrettanti Stati Membri o paesi associati; il consorzio deve essere rappresentativo dell intera catena del valore (le autorità pubbliche competenti, service providers, stakeholders industriali e rappresentanti degli utenti finali). Reti di Buone Pratiche e Reti Tematiche: minimo 7 soggetti giuridici indipendenti di altrettanti Stati Membri o paesi associati. PPI: minimo 3 enti appaltanti 3 diversi Stati Membri o paesi associati di cui almeno 2 enti pubblici. Durata del progetto: Varia a seconda della tipologia del progetto. Tipo A: tipicamente fino a 36 mesi con un periodo di operatività del Pilota di almeno 12 mesi. Tipo B: tipicamente tra i 24 ai 36 mesi con un periodo di operatività del Pilota di almeno 6 mesi. Reti di Buone Pratiche e Reti Tematiche: tipicamente tra i 18 e 36 mesi. PPI: tipicamente 36 mesi Contributo tipico per tipologia di progetto: Tipo A: 5-10 M per progetto Tipo B: 2-3 milioni M per progetto Reti Tematiche: per rete Reti di Buone Pratiche: 3-5 M per rete

6 PPI: fino a 5 M per progetto Percentuali di finanziamento: Piloti Tipo A e B: 50% dei costi di: o Personale o Subcontratti o altri costi diretti (viaggi, materiali ed attrezzature) per l implementazione del servizio o costi indiretti (nella misura del 30% dei costi del personale) Reti di Buone Pratiche: 80% dei costi diretti (i costi indiretti non sono finanziati) Reti Tematiche: somme forfettarie che dipendono dalla tipologia di ente, dal ruolo e dal numero dei partecipanti alla rete. PPI: 100% delle attività di coordinamento. 20% del costo totale dell appalto, Scadenza: 14/05/2013 h (ora di Bruxelles) Documenti utili: Tutta la documentazione relativa all invito e le regole di partecipazione sono pubblicate sul sito europeo: https://ec.europa.eu/digital-agenda/en/ict-policy-support-programme-participate

7 Qualche esempio di progetti già finanziati dalla UE sul Bando CIP ICT-PSP FREILOT: Urban Freight Energy Efficiency Pilot Descrizione progetto: Il progetto si concentra sulla riduzione del consumo di energia dei veicoli di trasporto delle merci utilizzati in città. I consumi energetici legati al trasporto delle merci in città dipendono dal numerosi fattori: performance del veicolo, comportamento del conduttore, morfologia della città e della sua rete stradale, politiche di regolazione della circolazione, peso del veicolo e il suo tasso di carico, per citarne alcuni. Naturalmente non esistono misure univoche che possano rispondere all insieme delle problematiche sopra descritte e portare dei guadagni significativi sull efficacità energetica. Un approccio olistico e integrato deve dunque essere adottato, combinando misure che possano essere messe in opera. Queste devono allo stesso tempo avere un costo ragionevole, e dev essere accettato dall insieme degli utilizzatori. Obiettivi del progetto: Il primo obiettivo è ridurre del 25% i consumi di carburante. Il secondo obiettivo è disseminare e condividere i risultati del progetto con tutti gli attori che possono essere interessati. Il terzo obiettivo è di migliorare il coinvolgimento dei trasportatori, delle città e degli altri attori nello schema proposto. Partners: BE - European Road Transport Telematics Implementation Coordination Organisation S.C.R.L., Polis, Association Internationale FR - Interface Transport, Commune De Lyon, Communaute Urbaine De Lyon, Centre National De La Recherche Scientifique GR - Centre For Research And Technology Hellas GR IT - Thetis Spa SP - Transportes Nanuk, Transportes Azkar S.A., Gertek Sociedad De Gestiones Y Servicios Sa, Fundacion para la promocion de la innovacion, Investigacion y desarrollo tecnologico en la industria de automocion de Galicia, Ayuntamiento De Bilbao, ACTIDE SWEDEN - Volvo Technology Ab NL - Van Den Broek Logistics B.V., Peek Traffic B.V., Gemeente Helmond Schema di finanziamento: Pilot B Totale progetto: 3,99 M Contributo EU: 2,00 M Durata: 30 mesi Stato: chiuso Link al progetto:

8 I-DONT-FALL: Integrated prevention and Detection solutions Tailored to the population and Risk Factors associated with FALLs Descrizione progetto: Le cadute sono la più importante tra le cause esterne di infortunio non intenzionale, in quanto rappresentano il 40% circa di tutte le morti incidentali. Tassi di caduta (e tassi di mortalità relativi) variano a seconda del paese e popolazione studiata. Allo stesso tempo, le cadute sono associate a fattori di rischio vari, che rientrano in fattori biologici, comportamentali, ambientali e socio-economici. Oltre a questa categorizzazione, gli studi dimostrano che la caduta comunemente è il risultato dello stato e della condizione degli anziani / pazienti per esempio associati all'equilibrio / andatura, alla condizione cardiovascolare, i farmaci, i piedi / scarpe, la visione, la depressione, ecc... Negli ultimi anni, le tecnologie ICT hanno dimostrato il loro potenziale per migliorare l'autonomia e la qualità della vita degli anziani, attraverso il rilevamento potenziamento e / o la prevenzione delle cadute degli nziani. Allo stesso modo, soluzioni ICT per il rilevamento e la prevenzione della caduta potrebbero ridurre significativamente il costo connesso con l'assistenza agli anziani. Il valore e l'efficacia di queste soluzioni potrebbe essere massimizzata sulla base della loro integrazione e la combinazione, ma soprattutto sul loro adattamento a gruppi target specifici e fattori di rischio. Questa configurazione potrebbe consentire ai potenziali caduti di utilizzare i dispositivi, le modalità ed il programma più adeguati (ad esempio, in termini di frequenze proprie / combinazioni per l'utilizzo di alcuni dispositivi). Il progetto I-dont-FALL affronta il problema testando soluzioni di gestione integrate del rischio caduta, andando ad incidere sulle cause principali, i fattori di rischio e fattori culturali associati, consentendo altresì la personalizzazione di soluzioni tecnologiche ad esigenze specifiche. Obiettivi del progetto: L'obiettivo principale di I-dont-FALL è quello di implementare, testare e valutare una serie di soluzioni ICT innovative per il rilevamento e la gestione della prevenzione della caduta. La piattaforma sarà configurata in modo flessibile alle esigenze di specifici gruppi target e fattori di rischio associati con gli incidenti di caduta. Sulla base della piattaforma integrata I-dont-FALL: a. Gli utenti finali potranno godere di soluzioni tecnologiche a misura caduta, mentre b. Agli esperti medici e gli operatori sanitari sarà offerta una vasta gamma di strumenti, consentendo loro di personalizzare le soluzioni alla caduta più adatte alle esigenze degli utenti finali. L'efficacia delle soluzioni sarà testato su oltre 500 utenti / pazienti anziani in diversi paesi, culture, età e fattori di rischio di caduta. Risultati attesi: I-dont-FALL progetto contribuirà a: 1. Sostanzialmente prolungare il tempo che gli anziani possono vivere autonomamente a casa, fornendo una sicurezza basata sull utilizzo delle TIC e sui servizi di rilevamento / prevenzione delle caduta; 2. Fornire evidenza del miglioramento della qualità della vita degli anziani e delle loro famiglie, nonché dei sistemi di assistenza sanitaria e sociale e dei servizi; 3. Facilitare l ampia adozione in tutta Europa di soluzioni di prevenzione della caduta basate sulle TIC; 4. Garantire una posizione di leader mondiale dell'industria europea nei mercati innovativi per le soluzioni basate sulle TIC che supportano la vita indipendente e l'invecchiamento della popolazione

9 Partners: Engineering - Ingegneria Informatica Spa Italy Klinisk Informatik Denmark Social Policy Center Of The Municipality Of Kifissia Greece Singularlogic Anonymos Etairia Pliroforiakon Systimaton & Efarmogon Pliroforikis Aphoi Koumanakou & Sia Ee Greece Tesan S.P.A. Italy Scuola Superiore di Studi Universitari e di Perfezionamento Sant'Anna Italy Fondazione Santa Lucia Italy Azienda Usl Di Forli Italy Municipality Of Stari Grad Serbia Universitat Politecnica De Catalunya Spain Servicio Madrileno De Salud Spain Fundacio Hospital Asil De Granollers Spain Stichting Nationaal Ouderenfonds The Netherlands Docobo Ltd United Kingdom Greece Schema di finanziamento: Pilot B Totale progetto: 5.27m M Contributo EU: 2.63mM Durata: 24 mesi Stato: in corso Link al progetto: EUROPEANA FASHION Descrizione progetto: La moda è un settore importante del patrimonio culturale europeo, ed è sempre più riconosciuto il suo importante valore di ricerca anche in relazione ad altre discipline, tra cui le arti, la cultura, la sociologia e la comunicazione. Dall'inizio del XX secolo alcune delle più importanti istituzioni culturali pubbliche e private e alcuni musei di arti applicate Eeuropei hanno iniziato a raccogliere e conservare indumenti, accessori, cataloghi, riviste di moda e altri documenti e materiali legati alla moda. Il risultato di questo lavoro si è tradotto in un numero crescente di collezioni uniche, che Europeana Fashion riunirà online, con la

10 creazione di un apposito portale della moda, e che sarà promosso e fatto conoscere attraverso Europeana, la biblioteca Digitale Europea. Obiettivi del progetto: Europeana Fashion a partire dal marzo 2015 renderà accessibili on-line più di oggetti digitali legati alla moda: abiti storici, accessori, fotografie, manifesti, disegni, schizzi, video e cataloghi di moda. Europeana Fashion è una rete di 23 partners, che rappresentano molti dei principali musei pubblici e privati, degli archivi e delle collezioni dei 12 diversi paesi europei che partecipano all iniziativa. Partners: Fondazione Rinascimento Digitale-Nuove Tecnologie per i Beni Culturali Italy Museen Der Stadt Wien Wien Museumwissenschaftliche Anstalt Offentlichen Rechts Austria Provincie Antwerpen and Internet Architects, Catwalkpictures Belgium Les Arts Décoratifs France Stiftung Preussischer Kulturbesitz Germany Peloponnesian Folklore Foundation Vasilios Papantoniou and Nat Tech University Of Athens Greece Rossimoda Spa - Pitti Immagine S.R.L. - Missoni Spa - LP Studio Spa Italy Camara Municipal De Lisboa Portugal Museum Of Applied Art Serbia Ministerio De Cultura Spain Stockholms Universitet and Stiftelsen Nordiska Museet Sweden Stichting Nederlands Instituut Voor Beeld En Geluid and Gemeente Utrecht The Netherlands Victoria And Albert Museum and Roger Edwin Dean United Kingdom Schema di finanziamento: BPN Best Practice Network Totale progetto: 3.31 M Contributo EU: 2.65 M Durata: 24 mesi Stato: in corso Link al progetto:

11 Idee progettuali da sviluppare ICT finalizzato a promuovere l'invecchiamento attivo della popolazione e l'inclusione sociale Sviluppare e sperimentare sistemi integrati ICT per migliorare la qualità della vita degli anziani, riducendo i rischi nella loro vita quotidiana (le cadute) attraverso sistemi intelligenti di illuminazione, supporti per camminare intelligenti, scarpe intelligenti, formazione all equilibrio ecc Trovare delle soluzioni ICT che siano accettate dai consumatori (anziani) e che permettano di verificare il loro reale utilizzo nella vita quotidiana, raccogliendo dei dati che possano permettere di migliorare il prodotto e renderlo più affidabile. Soluzioni integrate che permettano di monitorare la salute dell anziano e capire quando è necessario intervenire prontamente in caso di problemi. Sistemi di Autodiagnosi, auto consulto/ automedicazione, telemedicina. Focus sulla sperimentazione e adattabilità delle soluzioni a livello europeo. Per supportare lo sviluppo di nuovi servizi e prodotti on-line Misuratori intelligenti, sistemi di gestione degli edifici, sensori infrastrutturali, sistemi di sicurezza pubblica, vestiti e materiali intelligenti. Ambienti in rete (fibre ottiche, wireless, open space, edifici), piattaforme sensoriali Architetture d impresa intelligenti, Enterprise Service Bus (ESB) una piattaforma per realizzare un servizio orientato all architettura dell impresa. Servizi ICT orientati al turismo nelle città. Confindustria Toscana Servizi valuta gratuitamente la fattibilità delle vostre idee progettuali e Vi supporta nella ricerca di partners stranieri per poter partecipare al Bando. CONTATTI Giada Mennuti mob Luisa Ortu mob Visita il nostro sito:

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA

PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT. Progetto PRISMA PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER SMART-GOVERNMENT PRISMA Progetto PRISMA SMART CITIES AND COMMUNITIES AND SOCIAL INNOVATION Cloud Computing per smart technologies PIATTAFORME CLOUD INTEROPERABILI PER

Dettagli

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Ing. Gaetano Trotta Responsabile Unico di Progetto Nata nel 1978, è una Società di Ingegneria

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ALLEGATO 2 Progetti di Innovazione Sociale ex art. 7 comma 6 dell Avviso 391/ric, Architettura sostenibile

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento Esempi e strumenti di attuazione A. A Beccara I. Pilati Trento RISE S3 PAT ICT Micro nano-elett. Qualità della vita Agrifood Nanotech. Fotonica

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict 01NET NETWORK www.01net.it Pag 2 Dati di traffico 01net Network Totale

Dettagli

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment Interreg IIIB CADSES Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment POLY.DEV. Seminario Progetti INTERREG III Sala Verde, Palazzo Leopardi - 8 novembre

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione.

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Da dove viene remac... remac è un'iniziativa a seguito del progetto EUCO2

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Focus, impegno e lealtà: queste sono le caratteristiche che contraddistinguono Emaze Networks.

Focus, impegno e lealtà: queste sono le caratteristiche che contraddistinguono Emaze Networks. Company Backgrounder : i pilastri su cui si fonda Focus, impegno e lealtà: queste sono le caratteristiche che contraddistinguono Emaze Networks. Focalizzati per essere il partner di riferimento delle grandi

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com

Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com E-learning Ridurre i costi Più efficienza Tracciare i risultati La formazione web-based può

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia

Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia Vista la Dichiarazione di Berlino 1 sull'accesso aperto alla letteratura scientifica dell'ottobre 2003, nella quale

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Come progettare e implementare un corso di formazione sulla Mobilità Sostenibile

Come progettare e implementare un corso di formazione sulla Mobilità Sostenibile Come progettare e implementare un corso di formazione sulla Mobilità Sostenibile Note legali: La responsabilità per il contenuto di questa pubblicazione è degli autori. Esso non necessariamente riflette

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Kaba PAS - Pubblic Access Solution

Kaba PAS - Pubblic Access Solution Kaba PAS - Pubblic Access Solution Fondata nel 1950, Gallenschütz, oggi Kaba Pubblic Access Solution, ha sviluppato, prodotto e venduto per oltre 30 anni soluzioni per varchi di sicurezza automatici. Oggi

Dettagli

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Europa Nell'ottobre 2014, Autodesk

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Milano, 6/5/15 AVVISO PROROGA E INTEGRAZIONE

Milano, 6/5/15 AVVISO PROROGA E INTEGRAZIONE Milano, 6/5/15 AVVISO PROROGA E INTEGRAZIONE Il bando relativo all iniziativa URSA AWARD: Best project for a better tomorrow si modifica e integra come segue: 1) la partecipazione viene prorogata fino

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION digitale La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli