Gli strumenti finanziari [2]

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli strumenti finanziari [2]"

Transcript

1 Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Gli strumenti finanziari [2] Oggetto della lezione framework Fair value disclosure elements stato patrimoniale fiscalità differita conto economico strumenti finanziari rendiconto finanziario partecipazioni movimenti del patrimonio netto immobili, impianti e macchinari note al bilancio attività immateriali attività in leasing IAS 32, 39 IFRS 7 svalutazioni di attività accantonamenti a fondi 2 Dalle operazioni di gestione al bilancio Tre fasi contabili: IAS 32 IFRS 7 definizione Caratteristiche che un elemento di bilancio deve possedere per essere considerato uno strumento finanziario rilevazione ed eliminazione Condizioni necessarie affinché uno strumento finanziario, che risponde alla definizione, possa essere rilevato nei prospetti contabili o debba venire eliminato da essi misurazione (valutazione) Quantificazione, secondo dati criteri, del valore monetario dello strumento riconosciuto in bilancio 3 1

2 Obiettivi della lezione Individuare i criteri di misurazione degli strumenti finanziari Evidenziare gli effetti dell eliminazione di attività o passività finanziarie 4 Riflettiamo In quali momenti viene compiuta la valutazione di una attività/passività finanziaria? 5 I momenti della valutazione Valutazione al momento della rilevazione iniziale 45-5 Valutazione successiva al momento della rilevazione iniziale 5-7 Verifica delle condizioni di irrecuperabilità di attività finanziarie e svalutazione 6 2

3 Riflettiamo In quali momenti viene compiuta la valutazione di una attività/passività finanziaria? Qual è il criterio di valutazione iniziale delle attività/passività finanziarie? 7 Valutazione iniziale Attività e passività finanziarie sono valutate al fair value Al valore iniziale si devono aggiungere i costi di transazione sostenuti per acquisire, emettere o eliminare uno strumento finanziario Tali costi non si aggiungono alle attività e passività a FVTPL AG13 Costi di transazione Commissioni pagate ad agenti, consulenti, mediatori, contributi prelevati da organismi che regolano il mercato, tasse e oneri di trasferimento Riflettiamo In quali momenti viene compiuta la valutazione di una attività/passività finanziaria? Qual è il criterio di valutazione iniziale delle attività/passività finanziarie? Come si determina il fair value? 9 3

4 Il fair value Il fair value (valore equo) è il corrispettivo al quale un attività potrebbe essere scambiata in una libera transazione fra parti consapevoli e disponibili. 1 La determinazione del fair value 4 Livello 1 49 Livello 2 Quotazioni ufficiali in un mercato attivo omogeneità elementi negoziati presenza costante di compratori e venditori prezzi disponibili al pubblico Ricorso a una tecnica di valutazione recenti transazioni fra parti consapevoli e disponibili fair value corrente di altri strumenti simili (simili rispetto a: durata, rischio, interessi) Livello 3 valore attuale flussi di cassa dello strumento finanziario option pricing model Nella valutazione, impiegare il più possibile fattori di mercato (es. tassi d interesse per l attualizzazione) 11 La determinazione del fair value Contratti stipulati a condizioni di mercato Il fair value equivale al corrispettivo pagato Transazioni avvenute non a prezzi di mercato a. Determinare il fair value con una tecnica di valutazione b. Attribuire la differenza rispetto al prezzo effettivo al Conto Economico 12 4

5 Transazioni non a prezzi di mercato L impresa A concede ai propri dipendenti un prestito per 2., senza interessi, scadenza 5 anni Il tasso di interesse per prestiti simili (come valuta, scadenza e rischio) è del 5% L operazione di finanziamento ha un costo per l azienda? Come possiamo determinarlo? 13 Transazioni non a prezzi di mercato L impresa A concede ai propri dipendenti un prestito per 2., senza interessi, scadenza 5 anni Il tasso di interesse per prestiti simili (come valuta, scadenza e rischio) è del 5% Valore attuale (al 5%) della attività finanziaria Costo di fatto sostenuto per il personale dall impresa crediti finanziari costi del personale cassa Riflettiamo In quali momenti viene compiuta la valutazione di una attività/passività finanziaria? Qual è il criterio di valutazione iniziale delle attività/passività finanziarie? Come si determina il fair value? Quali sono i criteri di valutazione da adottare successivamente alla rilevazione iniziale? 15 5

6 I momenti della valutazione Valutazione al momento della rilevazione iniziale 45-5 Valutazione successiva al momento della rilevazione iniziale 5-7 Verifica delle condizioni di irrecuperabilità di attività finanziarie e svalutazione Valutazione successiva - Attività 1. Attività finanziarie al fair value rilevato al Conto Economico (FVTPL) fair value a Conto Economico 2. Attività finanziarie possedute fino alla scadenza costo ammortizzato 3. Finanziamenti e crediti costo ammortizzato 4. Attività finanziarie disponibili per la vendita fair value a OCI 17 Valutazione successiva - Passività Passività finanziarie al fair value rilevato al Conto Economico (FVTPL) fair value a Conto Economico 2. Altre passività finanziarie costo ammortizzato 1 6

7 Valutazione successiva - Passività Passività finanziarie al fair value rilevato al Conto Economico (FVTPL) fair value a Conto Economico 2. Altre passività finanziarie costo ammortizzato 47b-d Sono previste delle eccezioni Passività sorte in relazione a contratti di garanzia finanziaria Passività sorte quando il trasferimento di una attività finanziaria non si qualifica per l eliminazione (vedi oltre: eliminazione attività ) 19 Riflettiamo In quali momenti viene compiuta la valutazione di una attività/passività finanziaria? Qual è il criterio di valutazione iniziale delle attività/passività finanziarie? Come si determina il fair value? Quali sono i criteri di valutazione da adottare successivamente alla rilevazione iniziale? Quali attività finanziarie si valutano al costo storico? 2 Valutazione successiva - Attività 46c Investimenti in strumenti rappresentativi di capitale netto che: - non sono quotati su un mercato attivo - il cui fair value non può essere misurato attendibilmente Valutazione al costo 21 7

8 Riflettiamo In quali momenti viene compiuta la valutazione di una attività/passività finanziaria? Qual è il criterio di valutazione iniziale delle attività/passività finanziarie? Come si determina il fair value? Quali sono i criteri di valutazione da adottare successivamente alla rilevazione iniziale? Quali attività finanziarie si valutano al costo storico? Come si rilevano le differenze di fair value? 22 Valutazione successiva - Attività La società X acquista titoli quotati della società Y al costo di 1. e li classifica come attività a FVTPL Titoli Cassa Alla chiusura del bilancio, il fair value è pari a 1.2 Titoli Utili su titoli (PL) Valutazione successiva - Attività La società X acquista obbligazioni della società Y al costo di 2. e le classifica come disponibili per la vendita Titoli Cassa Alla chiusura del bilancio, il fair value è pari a 2.15 Titoli Plusvalenza OCI La plusvalenza OCI viene rilevata nella sezione OCI del conto economico complessivo 24

9 Valutazione successiva - Passività Passività finanziarie al fair value rilevato al Conto Economico (FVTPL) fair value a Conto Economico 2. Altre passività finanziarie costo ammortizzato Eccezioni Passività sorte quando il trasferimento di una attività finanziaria non si qualifica per l eliminazione (vedi oltre: eliminazione attività ) Contratti di garanzia finanziaria Impegno all erogazione di un finanziamento a un tasso inferiore a quello di mercato 25 Riflettiamo In cosa consiste la valutazione al costo ammortizzato? 26 Il costo ammortizzato (di una passività) 9 Ammontare al quale la passività è rilevata inizialmente - Rimborsi di capitale + Ammortamento della differenza fra: valore iniziale della passività valore a scadenza della passività 27 9

10 Il costo ammortizzato (di una passività) La società X emette un prestito obbligazionario della durata di 3 anni Il valore nominale del prestito è 1, quello di emissione 9 Il tasso di interesse è % sul nominale, posticipato Il rimborso è previsto in un unica soluzione a scadenza Al momento dell emissione Cassa Obbligazioni Il costo ammortizzato (di una passività) Ammontare al quale la passività è rilevata inizialmente - Rimborsi di capitale + Ammortamento della differenza fra: valore iniziale della passività valore a scadenza della passività L ammortamento si opera impiegando il metodo dell interesse effettivo 9 Tasso di interesse attualizzando al quale i futuri flussi di pagamento (per capitale e interessi) fino a scadenza, si ottiene il valore alla data del bilancio della passività 29 Il costo ammortizzato (di una passività) Il calcolo dell interesse effettivo Anno 1 Anno 2 Anno 3 incassi 9 pagamenti

11 Riflettiamo In cosa consiste la valutazione al costo ammortizzato? Come si calcola il tasso di interesse effettivo? 31 Il costo ammortizzato (di una passività) Il calcolo dell interesse effettivo Anno 1 Anno 2 Anno 3 incassi 9 pagamenti = /(1+i) + /(1+i) 2 + 1/(1+i) 3 i =,77 Tasso di interesse attualizzando al quale i futuri flussi di pagamento (per capitale e interessi) fino a scadenza, si ottiene il valore alla data del bilancio della passività Excel inserisci funzione T.I.R. cost 32 Il costo ammortizzato (di una passività),77% x a) Imputata a Conto Economico Costo ammortizzato rilevato nello SP Debito inizio anno a) Rimborsi capitale b) Interessi maturati c) Interessi pagati d) Differenza interessi e) = c-d Debito fine anno a - b + e Anno 1 9,611,611 9,611 Anno 2 9,611,665,665 99,276 Anno 3 99,276 1,724,724 Ogni anno si attribuisce all esercizio una quota della differenza fra 9 e 1 come costo del prestito 33 11

12 Il costo ammortizzato (di una passività) Pagamento della cedola Interessi passivi Cassa Assestamento del valore del debito primo anno Interessi passivi,611 Obbligazioni,611 Chiusura dei conti primo anno Obbligazioni 9,611 Stato Patrimoniale finale 9,611 Conto Economico Interessi passivi,611, Riflettiamo In cosa consiste la valutazione al costo ammortizzato? Come si calcola il tasso di interesse effettivo? Quando si deve procedere a eliminare una attività finanziaria? 35 Eliminazione di una attività 17 2 circostanze: quando si estinguono i diritti contrattuali espressi dall attività finanziaria quando l attività finanziaria viene trasferita a terzi 1-37 Il trasferimento deve riguardare tutti i rischi e i benefici connessi all attività L impresa non è più esposta alla variabilità nei tempi e nell ammontare dei flussi di cassa derivanti dall attività 36 12

13 Riflettiamo In cosa consiste la valutazione al costo ammortizzato? Come si calcola il tasso di interesse effettivo? Quando si deve procedere a eliminare una attività finanziaria? Come deve essere rilevata la differenza fra il valore di cessione di una attività e il suo valore di carico? 37 Eliminazione di una attività A -Trasferimento di: attività finanziarie a FVTPL e a costo ammortizzato Imputazione a Conto Economico delle differenze fra valore di cessione e valore contabile B - Trasferimento di: attività finanziarie disponibili per la vendita Attribuzione a Conto Economico PL degli utili o delle perdite in precedenza rilevati in OCI rettifica di riclassificazione 3 Trasferimento di una attività [A] La società X acquista titoli quotati della società Y al costo di 1. e li classifica come attività a FVTPL Alla chiusura del bilancio, il fair value è pari a 1.2 Nel mese di gennaio dell esercizio successivo i titoli vengono ceduti al corrispettivo di 1.3 Cassa Titoli Utili su titoli (PL)

14 Trasferimento di una attività [B] La società X acquista obbligazioni della società Y al costo di 2. e le classifica come disponibili per la vendita Alla chiusura del bilancio, il fair value è pari a 2.15 Nel mese di gennaio dell esercizio successivo i titoli vengono ceduti al corrispettivo di 2.1 Cassa Rettifica di riclassificazione OCI Titoli Utili su titoli (PL) I momenti della valutazione Valutazione al momento della rilevazione iniziale 45-5 Valutazione successiva al momento della rilevazione iniziale 5-7 Verifica delle condizioni di irrecuperabilità di attività finanziarie e svalutazione 41 Riflettiamo In cosa consiste la valutazione al costo ammortizzato? Come si calcola il tasso di interesse effettivo? Quando si deve procedere a eliminare una attività finanziaria? Come deve essere rilevata la differenza fra il valore di cessione di una attività e il suo valore di carico? Quando si deve procedere a svalutare una attività finanziaria? 42 14

15 5 Svalutazione di attività finanziarie A ogni data di bilancio, verificare se si sono manifestati eventi che causano una riduzione dei futuri flussi finanziari attesi dall attività La perdita deve essere ritenuta non sanabile Eventi di perdita alcuni indizi difficoltà finanziarie dell emittente o del debitore violazioni del contratto o inadempimenti probabilità che l emittente incorra in procedure straordinarie scomparsa di un mercato attivo dello strumento finanziario rilevanti cambiamenti sfavorevoli del contesto nel quale l emittente opera 43 Parole chiave della lezione valutazione iniziale fair value valutazione successiva fair value a Conto Economico fair value a OCI costo ammortizzato tasso di interesse effettivo eliminazione di uno strumento finanziario rettifiche di riclassificazione 44 Grazie per l attenzione Stefano Guidantoni Dipartimento di Scienze per l Economia e l Impresa Università degli Studi di Firenze Via delle Pandette, FIRENZE

16 Riflettiamo In quali momenti viene compiuta la valutazione di una attività/passività finanziaria? Qual è il criterio di valutazione iniziale delle attività/passività finanziarie? Come si determina il fair value? Quali sono i criteri di valutazione da adottare successivamente alla rilevazione iniziale? Quali attività finanziarie si valutano al costo storico? Come si rilevano le differenze di fair value? 46 Riflettiamo In cosa consiste la valutazione al costo ammortizzato? Come si calcola il tasso di interesse effettivo? Quando si deve procedere a eliminare una attività finanziaria? Come deve essere rilevata la differenza fra il valore di cessione di una attività e il suo valore di carico? Quando si deve procedere a svalutare una attività finanziaria? 47 APPENDICE 4 16

17 Spunti di approfondimento E logico procedere a una svalutazione per strumenti finanziari rilevati a FVTPL? In caso di svalutazione, come sarebbe giusto trattare le perdite di valore rilevate a patrimonio netto di attività disponibili per la vendita? 49 Svalutazione di attività valutate al costo 66 Calcolo della perdita di valore di attività valutate al costo ammortizzato valore contabile dell attività meno valore attuale dei flussi finanziari futuri Per l attualizzatone si impiega il tasso di interesse originario dell attività finanziaria La perdita di valore viene imputata a Conto Economico Possibile il ripristino di valore 5 Svalutazione di attività valutate al costo Alla fine dell anno, la società X acquista titoli di debito della società Y al costo di 1. e li classifica come attività possedute fino alla scadenza I titoli hanno durata di 5 anni, valore nominale di 1.25 e tasso di interesse annuo del 4,7% pagamenti incassi Anno 1. Anno 1 59 Anno 2 59 Anno 3 Anno 4 Anno Il tasso di interesse effettivo = 1% 51 17

18 Svalutazione di attività valutate al costo attività inizio anno a) rimborsi interessi interessi capitale b) maturati c) riscossi d) differenza attività interessi fine anno e) = c-d a - b + e Anno Anno Anno Anno Anno Svalutazione di attività valutate al costo Alla fine dell anno 3, emergono elementi che inducono a svalutare l attività per 5 Situazione prima della svalutazione attività inizio anno a) rimborsi capitale b) interessi maturati c) interessi riscossi d) differenza interessi e) = c-d attività fine anno a - b + e Anno Svalutazione titoli Titoli Svalutazione di attività valutate al costo Non si ricevono interessi nell anno 4 Al termine dell anno 4, si hanno elementi oggettivi per ritenere che la perdita di valore è venuta meno Situazione prima del ripristino attività inizio anno a) rimborsi capitale b) interessi maturati c) interessi riscossi d) differenza interessi e) = c-d attività fine anno a - b + e Anno Il ripristino deve riportare l attività al valore che avrebbe avuto se la svalutazione non fosse avvenuta, ossia: Anno Ammontare del ripristino

19 Svalutazione di attività valutate a fair value Attività designate al FVTPL Nessuna svalutazione esplicita La natura eminentemente speculativa degli strumenti finanziari non si concilia con l idea di una perdita durevole di valore Il FV incorpora ogni perdita di valore 67-6 Attività disponibili per la vendita Imputare a Conto Economico l importo cumulativo della perdita rilevata in OCI di precedenti esercizi Confluiscono a Conto Economico anche le perdite precedentemente rilevate in OCI 55 Svalutazione di attività disponibili per Calcolo della perdita di valore costo di acquisizione (al netto di ogni rimborso) meno fair value corrente (al netto di ogni perdita già imputata al Conto Economico) 65;69 Si devono operare eventuali ripristini investimenti in strumenti di debito investimenti in strumenti di capitale* Ripristino contabilizzato a Conto Economico Ripristino contabilizzato a OCI * Per gli strumenti di capitale valutati al costo il ripristino non è possibile Svalutazione di attività disponibili per La società X acquista, nell anno 1, strumenti di debito che classifica come disponibili per la vendita Il costo di acquisto ammonta a 1. e corrisponde al fair value a fine anno Il fair value dell anno 2 è pari a 9 Minusvalenza OCI Titoli 1 1 Nell anno 3 si manifestano eventi di perdita permanente per 2 rispetto al fair value dell anno 2 Svalutazione titoli Rettifica di riclassificazione OCI Titoli

20 Svalutazione di attività disponibili per Nell anno 4 ci sono elementi oggettivi per operare un ripristino di 15 Titoli Ripristini di valore I ripristini sono imputati a Conto Economico (PL)* * Salvo non si tratti di strumenti di capitale (allora in OCI) Conto Titoli s

Gli strumenti finanziari [1]

Gli strumenti finanziari [1] www.contabilitainternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Gli strumenti finanziari [1] Oggetto della lezione framework Fair value

Dettagli

Le operazioni di leasing

Le operazioni di leasing www.contabilitanternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Le operazioni di leasing Oggetto della lezione framework Fair value disclosure

Dettagli

Le operazioni di leasing

Le operazioni di leasing www.contabilitanternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Le operazioni di leasing Oggetto della lezione framework Fair value disclosure

Dettagli

Definizione strumenti finanziari

Definizione strumenti finanziari I criteri di valutazione secondo gli IAS 39 Definizione strumenti finanziari Lo IAS 39 definisce lo strumento finanziario come un qualsiasi contratto che dà origine ad una attività finanziaria per un impresa

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende STRUMENTI FINANZIARI VALUTAZIONE, CONTABILIZZAZIONE e DISCLOSURE: IAS 32, IAS 39, IFRS 7 IAS 32 Strumenti

Dettagli

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari Università degli Studi di Trieste Ragioneria Generale ed Applicata (corso magistrale) Modulo di Ragioneria Internazionale Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari di 1 Principi IFRS rilevanti

Dettagli

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari Roma, marzo/maggio 2015 Finalità e ambito di applicazione Un investimento immobiliare è una proprietà immobiliare posseduta per: Percepire canoni d affitto Ottenere

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7 59 Hotel di Roma (via Pio IV) in considerazione della sua particolare natura e destinazione. Nel caso in cui si sia stimato che il valore recuperabile dell immobile sia superiore al valore contabile, l

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Immobili, impianti e macchinari Ias n.16

Immobili, impianti e macchinari Ias n.16 Immobili, impianti e macchinari Ias n.16 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2005-2006 prof.ssa Sabrina

Dettagli

Bilancio consolidato e principi contabili internazionali A.A. 2012/2013 ESERCITAZIONE

Bilancio consolidato e principi contabili internazionali A.A. 2012/2013 ESERCITAZIONE Bilancio consolidato e principi contabili internazionali A.A. 2012/2013 ESERCITAZIONE In data 01/01/2012 la Società Alfa acquista una partecipazione del 90% nella Società Beta al prezzo di Euro 115.000.

Dettagli

Gruppo Fiat Bilancio consolidato

Gruppo Fiat Bilancio consolidato Gruppo Fiat Bilancio 130 Conto economico 131 Conto economico complessivo 132 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata 134 Rendiconto finanziario 135 Variazioni del Patrimonio netto 136 Conto economico

Dettagli

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Dott. PAOLO VITALI Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2010/2011 Bergamo, 21 febbraio 2011 Indice degli

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA CREDITO VS CLIENTE INGLESE @ MERCI C/TO VENDITA 161,29 161,29 MATERIE PRIME C/ACQUISTO @ DEBITI VS FORNITORE USA 212,77 212,77 Università

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40 di Paolo Moretti L «International Accounting Standards Board» (IASB), nell ambito del progetto di revisione («Improvement») dei princìpi contabili internazionali,

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione IAS 39 Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione Finalità 1 La finalità del presente Principio è stabilire i principi per rilevare e valutare le attività

Dettagli

104 ESERCIZIO. Banca Popolare Valconca RENDICONTO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

104 ESERCIZIO. Banca Popolare Valconca RENDICONTO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Banca Popolare Valconca Società Cooperativa per azioni Sede Sociale e Direzione generale in Morciano di Romagna FONDATA NEL 1910 104 ESERCIZIO RENDICONTO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Approvato dal Consiglio

Dettagli

La contabilizzazione del leasing: disciplina attuale e prospettive future

La contabilizzazione del leasing: disciplina attuale e prospettive future Principi contabili internazionali La contabilizzazione del leasing: disciplina attuale e prospettive future Marco Venuti Università Roma 3 2014 Agenda Caratteristiche dell operazione di leasing Il mercato

Dettagli

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento...2 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno

Dettagli

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs)

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) 1 Contenuto Stato Patrimoniale Ias/Ifrs Contenuto minimo obbligatorio (Ias 1, 68 e

Dettagli

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore di Paolo Moretti Le perdite di valore per le immobilizzazioni materiali, disciplinate dallo IAS 16 «Immobili, impianti e macchinari»,

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

Anno accademico 2015/2016

Anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di laurea magistrale Economia Aziendale, Direzione Amministrativa e Professione Corso di Bilanci secondo i principi

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 18/02/2015

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 18/02/2015 Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 18/02/2015 Dott. PAOLO VITALI Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2014/2015 Crediti non performing e derivati Bergamo,

Dettagli

Le principali novità dei principi contabili OIC

Le principali novità dei principi contabili OIC Le principali novità dei principi contabili OIC. OIC 29 Cambiamenti di principi contabili, cambiamenti di stime contabili, correzione di errori, eventi e operazioni straordinarie, fatti intervenuti dopo

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/361 DATA DI ENTRATA IN VIGORE 122. Il presente Principio contabile internazionale entra in vigore a partire dai bilanci con inizio dal 1 o luglio

Dettagli

Foto grande: Unipol Assicurazioni, Direzione Generale Bologna. Foto piccola: inizi anni 80, Bologna, posa scultura Turris di Giuseppe Spagnulo.

Foto grande: Unipol Assicurazioni, Direzione Generale Bologna. Foto piccola: inizi anni 80, Bologna, posa scultura Turris di Giuseppe Spagnulo. Foto grande: Unipol Assicurazioni, Direzione Generale Bologna. Foto piccola: inizi anni 80, Bologna, posa scultura Turris di Giuseppe Spagnulo. 2 - Bilancio Consolidato al Prospetti contabili consolidati

Dettagli

Il trattamento civilistico e contabile del leasing

Il trattamento civilistico e contabile del leasing ? INQUADRAMEN TEMA 9 - IL TRATTAMENTO CIVILISTICO E CONTABILE DEL LEASING TEMA 9 Il trattamento civilistico e contabile del leasing Dopo aver illustrato le diverse finalità del leasing finanziario rispetto

Dettagli

Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2006. 101 Esercizio

Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2006. 101 Esercizio Bilancio Consolidato e d Esercizio al 31 dicembre 2006 101 Esercizio Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2006 234 Situazione economico-finanziaria della Fiat S.p.A. 238 Conto economico 239

Dettagli

Comunicato stampa Documento Allegato

Comunicato stampa Documento Allegato Edison Spa Ufficio Stampa Tel. +39 02 6222.7331 Foro Buonaparte, 31 Fax. +39 02 6222.7379 20121 Milano - MI ufficiostampa@edison.it Comunicato stampa Documento Allegato Stato patrimoniale consolidato Si

Dettagli

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO

Il leasing operativo. in pratica. Antonina Giordano FISCO in pratica FISCO Antonina Giordano Il leasing operativo I edizione Definizione e caratteristiche distintive Profili civilistici e fiscali Profili contabili e di rappresentazione in bilancio Riferimenti

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA AL 31 DICEMBRE 2013 INDICE

BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA AL 31 DICEMBRE 2013 INDICE BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA AL 31 DICEMBRE 2013 INDICE 1 2 INDICE 1. Prospetti contabili consolidati...5 2. Note illustrative.15 3. Allegati...103 4. Relazione della società

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 VENDITE NETTE: 222,6 milioni (+39,0%) - 160,2 milioni nel primo trimestre 2014 EBITDA: 43,5 milioni (+35,8%) pari al 19,5%

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione Il leasing è un contratto attraverso il quale il locatore trasferisce al locatario, in cambio di un pagamento o di una seria di pagamenti, il diritto all utilizzo di un bene per un periodo di tempo stabilito

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le immobilizzazioni materiali Definizione e riferimenti Definizione: Le immobilizzazioni sono gli elementi patrimoniali destinati ad essere

Dettagli

COMUNICATO STAMPA *********

COMUNICATO STAMPA ********* COMUNICATO STAMPA Comunicato ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile Ad integrazione del comunicato stampa diffuso il 20 gennaio 2009, a seguito del Consiglio di Amministrazione della, si rende noto

Dettagli

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 Il leasing è un contratto per mezzo del quale il locatore (lessor) trasferisce al locatario (lessee), in cambio di un pagamento o di una serie

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2012 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2012 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2012 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Il Consiglio di Amministrazione della Fiat S.p.A., riunitosi oggi a Torino, ha: approvato il Bilancio

Dettagli

!!!!OIC!16!!IMMOBILIZZAZIONI! MATERIALI! Prof.!Andrea!Amaduzzi!

!!!!OIC!16!!IMMOBILIZZAZIONI! MATERIALI! Prof.!Andrea!Amaduzzi! OIC16 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prof.AndreaAmaduzzi FINALITA DEL PRINCIPIO TRATTAMENTO CONTABILE ED INFORMATIVA IN NOTA INTEGRATIVA IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI CRITERI DI RILEVAZIONE, CLASSIFICAZIONE E

Dettagli

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA REDAZIONE DEL BILANCIO CIVILISTICO 2014: LE PRINCIPALI NOVITA PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 Dr. Riccardo Bauer 2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

2 Attività materiali - Ias 16 e 17

2 Attività materiali - Ias 16 e 17 76 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Note informative integrative ammortizzati, ma sono valutati almeno una volta all anno, o comunque tutte le volte che si riscontrino indicatori di potenziale perdita

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione 1.1 Contesto generale 1.2 Sviluppo di un principio internazionale 1.2.1 Lo IAS 22 e relative Interpretazioni SIC 1.2.2 Il progetto dello IASB 1.2.3 L IFRS 3 A Motivazioni del progetto

Dettagli

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri Università degli Studi di Parma I crediti 1 I crediti Definizione e riferimenti Definizione:

Dettagli

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Siena, giugno 2012 dr GILIBERTO Camillo Le opinioni espresse non impegnano le responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione

Dettagli

BANCA POPOLARE DI FONDI

BANCA POPOLARE DI FONDI BANCA POPOLARE DI FONDI BILANCIO DELL'IMPRESA AL 31 DICEMBRE 2012 (Schemi, nota integrativa ed allegati) 122 Esercizio STATO PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2012 VOCI DELL ATTIVO 31/12/2012 31/12/2011 10.

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI IAS 38 Caratteristiche delle attività immateriali: una risorsa controllata dall entità in in conseguenza di di eventi passati e dalla quale

Dettagli

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE..

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. INDICE PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. 4. VALUTAZIONE. 5. ALTRI ASPETTI. 6. OPERAZIONI CON AZIONI PROPRIE ALL INTERNO

Dettagli

Note esplicative e integrative alla situazione contabile al 31 dicembre 2014

Note esplicative e integrative alla situazione contabile al 31 dicembre 2014 Note esplicative e integrative alla situazione contabile al 31 dicembre 2014 A) Aspetti generali Piaggio & C. S.p.A. (la Società) è una società per azioni costituita in Italia presso l Ufficio del Registro

Dettagli

Esempio di determinazione delle imposte correnti

Esempio di determinazione delle imposte correnti Esempio di determinazione delle imposte correnti La Belvedere S.p.A. alla fine dell esercizio X presenta il seguente conto economico: Conti Saldo dare ( ) Saldo avere ( ) Rimanenze iniziali di merci 55.000

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2015 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (18/11/2015) TEMA N. 1 Ammortamenti e svalutazioni con riferimento alle immobilizzazioni immateriali, materiali e

Dettagli

5/12/2014 CRITERIO DEL PATRIMONIO NETTO CRITERI DI VALUTAZIONE. Scritture contabili SOLO PER PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE

5/12/2014 CRITERIO DEL PATRIMONIO NETTO CRITERI DI VALUTAZIONE. Scritture contabili SOLO PER PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERIO DEL PATRIMONIO NETTO Art. 2426 c.c. SOLO PER PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE LA PARTECIPAZIONE E VALUTATA PER UN IMPORTO PARI ALLA CORRISPONDENTE FRAZIONE

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

Franco Colzi Stefano Guidantoni

Franco Colzi Stefano Guidantoni Franco Colzi Stefano Guidantoni Firenze, 26 marzo 2015 In applicazione dell'articolo 2423, il rendiconto finanziario viene considerato documento obbligatorio S. Guidantoni 2 Comprendere più approfonditamente

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi IAS 18 Ricavi SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SOMMARIO ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA' R I C A V I DEFINIZIONE MISURAZIONE VENDITA DI MERCI PRESTAZIONI DI SERVIZI INTERESSI, ROYALTIES

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE CONTABILITA GENERALE 20 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 1 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS Immobilizzazioni materiali Codice civile e PC nazionali Art. 2426 C.C. Immobilizzazioni Immateriali Materiali Finanziarie Circolante Scorte Crediti Attività finanziarie Liquidità valutazione Costo storico

Dettagli

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori Dicembre 2003 Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori I Principi contabili nazionali distinguono fra due categorie di partecipazioni

Dettagli

Nota Integrativa. PARTE A - Politiche contabili. PARTE B - Informazioni sullo stato patrimoniale Attivo. PARTE C - Informazioni sul conto economico

Nota Integrativa. PARTE A - Politiche contabili. PARTE B - Informazioni sullo stato patrimoniale Attivo. PARTE C - Informazioni sul conto economico Nota Integrativa PARTE A - Politiche contabili A.1 - Parte generale A.2 - Parte relativa alle principali voci di Bilancio PARTE B - Informazioni sullo stato patrimoniale Attivo Passivo Altre informazioni

Dettagli

Consiglio di Amministrazione della Fiat: bilancio 2013 e convocazione dell Assemblea degli Azionisti

Consiglio di Amministrazione della Fiat: bilancio 2013 e convocazione dell Assemblea degli Azionisti Consiglio di Amministrazione della Fiat: bilancio 2013 e convocazione dell Assemblea degli Azionisti Il Consiglio di Amministrazione della Fiat S.p.A., riunitosi oggi a Torino, ha: approvato il Bilancio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ESERCIZI RIASSUNTIVI (senza soluzione) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC IDA D ALESSIO 24 APRILE 2015 Rispetto al precedente OIC 12: Cambiamenti

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

Cassa Rurale di Lizzana. Banca di Credito Cooperativo

Cassa Rurale di Lizzana. Banca di Credito Cooperativo Cassa Rurale di Lizzana Banca di Credito Cooperativo Esercizio 2011 BILANCIO della CASSA RURALE DI LIZZANA Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa con sede in ROVERETO Piazza F. Guella, 1/G Codice

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

RELAZIONI E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009

RELAZIONI E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009 RELAZIONI E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009 Banca di Cascina Credito Cooperativo Banca di Cascina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

Fascicolo a stampa 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE

Fascicolo a stampa 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE 2014 BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE 2014; RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE ALL ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI SOCI SUL BILANCIO CHIUSO

Dettagli

SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO

SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO Società Cooperativa iscritta al nº A 163872 dell albo delle Soc. Coop. Iscritta presso il Tribunale di Pistoia al nº 1431 Reg. Società Capitale e Riserve euro

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le partecipazioni I titoli (cenni) 1 Indice degli argomenti 1. I TITOLI E LE PARTECIPAZIONI ISCRITTE NELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE i titoli

Dettagli