D.G.R. N.1760 del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D.G.R. N.1760 del 27.12.2013"

Transcript

1 D.G.R. N.1760 del Allegato A PROGRAMMA FORMATIVO ANNO 2014 rivolto al personale della Regione Marche e al personale dell Agenzia Regionale Sanitaria 1

2 Indice Introduzione pag. 3 Parte Prima FORMAZIONE TRASVERSALE pag. 5 TABELLE DI SINTESI ATTIVITA FORMATIVA TRASVERSALE. pag. 8 Parte Seconda FORMAZIONE DI SETTORE pag. 47 TABELLA DI SINTESI ATTIVITA FORMATIVA DI SETTORE.. pag. 50 Parte Terza - REGOLE DI INFORMAZIONE, ACCESSO, PARTECIPAZIONE E CERTIFICAZIONE DEI PERCORSI FORMATIVI. pag. 108 TAB.1 DETERMINAZIONE COEFFICIENTE FORMATIVO... pag. 113 TAB.2 - BUDGET DI FORMAZIONE ANNO 2014 pag. 114 Appendice LA RETE DEI REFERENTI DELLA FORMAZIONE.. pag

3 Introduzione Nella consapevolezza che nell attuale contesto di crisi e di forte contrazione della disponibilità finanziaria complessiva, la formazione delle risorse umane rappresenti uno dei pochi strumenti a disposizione della pubblica amministrazione per mantenere desta l attenzione all innovazione e allo sviluppo di competenze orientate alla competitività, il programma formativo 2014 concentra le risorse finanziarie a disposizione su alcuni assi di intervento strategici: 1. TRASPARENZA, ANTICORRUZIONE E INTEGRITA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: la disciplina sulla trasparenza nelle pubbliche amministrazioni è stata recentemente oggetto di penetranti interventi normativi ad elevato impatto organizzativo, sia internamente all Amministrazione regionale sia nelle relazioni con altre pubbliche amministrazioni del territorio; il programma formativo intende sostenere il processo di adeguamento al quadro normativo di riferimento mediante una pluralità di interventi finalizzati ad affrontare la trasparenza nelle sue diverse dimensioni : Partecipazione e comunicazione Tracciabilità e procurement Qualità della regolazione Semplificazione procedure e adempimenti Innovazione e tecnologie 2. ACCESSO ALLE RISORSE COMUNITARIE POST 2013, in previsione del definitivo spostamento del baricentro del bilancio UE, dalle risorse per le politiche di coesione a gestione indiretta alla gestione diretta delle risorse attraverso programmi quadro: a conclusione del triennio , che ha visto un importante investimento nello sviluppo di competenze professionali di euro progettazione, il programma formativo 2014 porta a compimento il processo di rafforzamento della programmazione comunitaria integrata, arrivando quest anno alla preparazione specifica di complessive n. risorse professionali, distribuite in modo omogeneo nell ambito delle strutture organizzative dell amministrazione regionale, e in grado di attrarre e/o mantenere le risorse critiche per i processi di sviluppo regionali. Le professionalità formate, in qualità di task force dedicata, costituiranno un banco di prova per lo sviluppo del progetto Metodo, di recente approvato e finanziato mediante specifica intesa tra il Ministero del Lavoro e la Regione Marche. e finalizzato alla standardizzazione e formalizzazione di metodi e strumenti a supporto dell integrazione tra le risorse economiche disponibili in ottica europea. 3. RIFORMA CONTABILE: Uno dei punti fondamentali introdotti dalla riforma della contabilità e finanza pubblica (Legge n.196/2009) è l armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle amministrazioni pubbliche: il governo unitario della finanza pubblica richiede infatti, quale presupposto essenziale, che le informazioni del bilancio e i documenti contabili dei diversi enti siano omogenei, facilmente confrontabili e disponibili secondo uno schema condiviso. Per rafforzare la valutazione economica dell operato della pubblica amministrazione la riforma prevede altresì l introduzione di un sistema di contabilità economico patrimoniale. Il successivo D.Lgs. n.118/2011 ha definito le disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli Enti locali e dei loro organismi che, relativamente al Titolo I, vanno applicate a decorrere dal 2015: di qui la scelta di dedicare una parte specifica del programma 2014 ad una serie diversificata di interventi 3

4 formativi per consentire a tutto l apparato amministrativo di fronteggiare il cambiamento collegato alla riforma. Da ultimo va sottolineato che dall anno 2014, dopo la sperimentazione della modalità didattica in e- learning, che negli anni precedenti ha richiesto un investimento finanziario di euro, il programma offre numerose opportunità di aggiornamento mediante il riuso a costo zero di pacchetti formativi a disposizione di tutto il personale regionale. L Assessore al Personale (Luigi Viventi) 4

5 PARTE PRIMA Formazione trasversale 5

6 Premessa Il programma formativo 2014, come anticipato nella introduzione generale, concentra risorse e attività al fine di supportare l Amministrazione regionale in tre ambiti ritenuti strategici: A. Asse di intervento: Trasparenza A seguito dell adeguamento dell Amministrazione regionale alla disciplina in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni, di cui al D.Lgs. 14 marzo 2013 n.33, il programma prevede una serie di iniziative formative funzionali a fronteggiare le seguenti dimensioni della trasparenza: Semplificazione amministrativa: la trasparenza intesa come snellezza e minor gravosità possibile degli adempimenti richiesti agli utenti, richiede la riduzione dei tempi, la semplificazione e la riduzione delle fasi procedimentali (vedi report di settore n.1) Ridisegno digitale dei procedimenti oggetto di semplificazione: il nuovo Codice di Amministrazione digitale richiede la capacità dell amministrazione di migliorare l efficacia, l efficienza e la trasparenza dell azione amministrative mediante l utilizzo crescente dell IT e il ridisegno dei procedimenti in ottica digitale (vedi corso DA03) Integrità e prevenzione della corruzione: la trasparenza quale strumento di prevenzione della corruzione richiede la capacità dell amministrazione di presidiare i procedimenti a maggior rischio di corruzione o di cattiva gestione, di garantire la diffusione di principi e valori riguardanti l integrità e la legalità, di gestire il rischio di fallimento etico mediante azioni preventive e correttive (vedi corsi cod. DA04 e cod.org01) B. Asse di intervento: Europrogettazione Nello scorso triennio ( ) l attività formativa svolta nel settore specifico per lo sviluppo di competenze di euro progettazione ha visto la partecipazione di un numero complessivo di n.57 dipendenti, distribuiti nei corsi di LIVELLO BASE, LIVELLO INTERMEDIO E LIVELLO STRATEGICO, appartenenti a tutti Servizi/Dipartimenti della Giunta regionale (n.2/3 in media per ogni struttura). Obiettivo del programma 2014 è quello di completare il progetto, portando tutti i funzionari coinvolti al terzo livello strategico di euro progettazione e all acquisizione delle competenze linguistiche collegate (vedi corsi euro-english, cod.int03 e INT04). C. Asse di intervento: Riforma contabile Mentre nel 2013 sono state svolte attività formative per il personale addetto alle funzioni centralizzate del bilancio e della ragioneria, il programma formativo 2014 prevede interventi formativi, differenziati per tipologia di destinatari e relative competenze, al fine di preparare tutto l apparato amministrativo all attuazione degli adempimenti collegati alla riforma, e precisamente: Seminari rivolti alla dirigenza e agli amministratori, per avere consapevolezza della nuova logica di programmazione economica sottesa alla riforma (vedi corso EC04); Un laboratorio formativo rivolto a referenti designati da ciascun servizio/dipartimento della Giunta, per svolgere efficacemente il ruolo di cerniera tra gli addetti ai lavori e i diversi settori che gestiscono il bilancio regionale (vedi report di settore n.7); Attività formativa a cascata per preparare al cambiamento tutto il personale responsabile di procedimenti contabili, prima del nuovo bilancio armonizzato del 2015 (vedi corso EC05). 6

7 Coerentemente al livello strategico rappresentato dagli obiettivi da raggiungere, la verifica degli interventi formativi afferenti agli assi non si limiterà alla valutazione della qualità dell offerta formativa e alla misurazione degli apprendimenti formativi, ma verrà estesa alla verifica del trasferimento degli apprendimenti (verifica di impatto) negli ambienti di lavoro attraverso la definizione preventiva, da parte dell amministrazione regionale, di indicatori di risultato sulla base dei quali misurare i cambiamenti ottenuti in termini di miglioramento delle performance nei contesti lavorativi. La formazione trasversale del programma 2014 prevede altresì: la formazione/aggiornamento obbligatorio previsto dal decreto legislativo n.81/2008 in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro: l attività formativa specifica a supporto del progetto Ben Essere organizzativo :il progetto introduce per la prima volta nella Regione Marche un azione protesa a migliorare il benessere organizzativo del personale, agendo anche mediante la formazione sull analisi del comportamento dei lavoratori, dirigenti e non, intesa soprattutto come saper essere e non solamente come saper fare. Di seguito vengono riportate la scheda descrittiva di ciascuna attività formativa e la tabella riassuntiva delle attività formative di tipo trasversale programmate per il Il programma di dettaglio di ciascuna iniziativa verrà pubblicato sul sito della Scuola di Formazione (www.scuola.regione.marche.it ) e comunicato con il dovuto anticipo prima dell avvio dell attività formativa. 7

8 Codice Titolo Oggetto Destinatari SC01 SC02 SC03 SC04 FORMAZIONE GENERALE Aggiornamento obbligatorio per RSPP e ASPP Aggiornamento obbligatorio dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Aggiornamento obbligatorio per Coordinatori per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione lavori D.Lgs. 81/2008 art.37, comma 1, lett.a Accordo Conferenza Stato-Regioni D.Lgs. 81/2008 D.Lgs.195/03 FORMAZIONE AREA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO LAVORATORI, a tempo indeterminato e determinato, comandati, in utilizzo e atipici (n.45) RSPP e ASPP del Servizio di Prevenzione e Protezione della Giunta, del Consiglio, dell'assam e dell ARS D.Lgs. 81/2008 RLS Giunta, Consiglio, ASSAM e ARS D.Lgs. 81/2008 art comma 2 e 3 Personale della Giunta che esercita il ruolo di Coordinatori per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione lavori Sviluppo competenze di base di ruolo di ruolo di ruolo Metodologia didattica e-learning (corsob1) Aula interattiva Aula interattiva Aula interattiva Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot. Moduli e-learning (2) si 5 32 si si si SC05 Percorsi di sostegno al benessere psico-fisico dei lavoratori D.Lgs.81/2008 Accordo Europeo tutto il personale della Giunta di profilo seminario no 0, SC06 Formazione addetti gestione emergenze di prevenzione e lotta incendi ( rischio medio ) D.Lgs. 81/2008 D.M.10/03/98 addetti gestione emergenze di prevenzione e lotta incendi (di nuova nomina) di ruolo Aula interattiva si SC07 Formazione addetti gestione emergenze di primo soccorso D.Lgs. 81/2008 D.M.388/03 addetti gestione emergenze di primo soccorso (di nuova nomina) di ruolo Aula interattiva si ,5 -- SC08 SC09 Formazione abilitante lavoratori addetti alla conduzione di PIATTAFORME DI LAVORO MOBILI ELEVABILI (PLE) CON E SENZA STABILIZZATORI - N.10 ore Formazione abilitante lavoratori addetti alla conduzione di GRU PER AUTOCARRO - n.12 ore D.Lgs.81/2008, art.73 comma 5 Accordo Stato - Regioni (ALLEGATO III) D.Lgs.81/2008, art.73 comma 5 Accordo Stato - Regioni (ALLEGATO IV) personale del Dipartimento per le politiche di sicurezza e per la protezione civile personale del Dipartimento per le politiche di sicurezza e per la protezione civile di profilo di profilo Aula interattiva si Aula interattiva si ,5 -- 8

9 Codice Titolo Oggetto Destinatari FORMAZIONE AREA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (segue) Sviluppo competenze Metodologia didattica Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot. Moduli e-learning (2) SC10 Formazione abilitante lavoratori addetti alla conduzione di CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI CON CONDUCENTE A BORDO - n.16 ore D.Lgs.81/2008, art.73 comma 5 Accordo Stato - Regioni (ALLEGATO VI) personale del Dipartimento per le politiche di sicurezza e per la protezione civile personale addetti al magazzino dell economato di profilo Aula interattiva si SC11 Formazione abilitante lavoratori addetti alla conduzione di TRATTORI AGRICOLI O FORESTALI - n.8 ore D.Lgs.81/2008, art.73 comma 5 Accordo Stato - Regioni (ALLEGATO VIII) personale del Dipartimento per le politiche di sicurezza e per la protezione civile di profilo Aula interattiva si 8 3 3,5 -- SC12 Formazione abilitante lavoratori addetti alla conduzione di ESCAVATORI IDRAULICI, CARICATORI FRONTALI E TERNE - n.16 ore D.Lgs.81/2008, art.73 comma 5 Accordo Stato - Regioni (ALLEGATO IX) personale del Dipartimento per le politiche di sicurezza e per la protezione civile di profilo Aula interattiva si ,5 -- Subtotale

10 FORMAZIONE AREA GIURIDICO/NORMATIVA Codice Titolo Oggetto Destinatari Sviluppo competenze Metodologia didattica Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot.Moduli e-learning (2) DA01 Elementi di diritto amministrativo Elementi di base del diritto amministrativo e del procedimento Dipendenti di Cat. B e C e D di base Aula Interattiva si DA02 DA03 DA04 DA05 La normativa in materia di privacy (formazione obbligatoria) Il procedimento amministrativo digitale Trasparenza, anticorruzione e gestione della cosa pubblica: adempimenti, responsabilità e modalità organizzative (formazione obbligatoria) Le ultime tendenze della giurisprudenza costituzionale di interesse regionale: ciclo di seminari Disciplina sulla privacy, trattamento dei dati, diritti dell'interessato, misure di sicurezza La reingegnerizzazione del procedimento amministrativo mediante gli strumenti digitali e le tecnologie ICT La legge anticorruzione e la sua applicazione: le responsabilità del dirigente Evoluzione della giurisprudenza costituzionale con particolare riferimento ai contenuti degli artt. 117 e 118 della Costituzione. tutto il personale regionale (n. 150) Dipendenti di cat. C e D di profilo e-learning si di profilo Aula interattiva si Dirigenti regionali di ruolo seminario no dirigenti e funzionari dell Assemblea legislativa e della Giunta regionale coinvolti nella redazione di proposte di legge di profilo CICLO DI SEMINARI si Subtotale

11 Codice Titolo Oggetto Destinatari EC01 EC02 EC03 EC04 EC05 La gestione delle procedure contrattuali regionali: CORSO BASE Le procedure contrattuali di acquisizione di beni e servizi: CORSO DI APPROFONDIMENTO Laboratorio formativo per funzionari esperti di procedure di appalto di opere, forniture e servizi La riforma contabile e il cambiamento di approccio alla programmazione e gestione delle risorse pubbliche La riforma della contabilità e della finanza pubblica: le nuove modalità di programmazione e gestione delle risorse del bilancio regionale Il ciclo degli appalti: dalla fase di progettazione alla fase di aggiudicazione ed esecuzione del contratto Il ruolo del RUP nell organizzazione della SUAM: - la fase della progettazione - la fase di affidamento - la fase di esecuzione Approfondimenti tematici in materia di appalti Il processo di armonizzazione contabile e il relativo impatto sull organizzazione regionale Riflessi operativi della riforma contabile nella gestione dei capitoli di entrata e di spesa del nuovo bilancio FORMAZIONE AREA ECONOMICO-FINANZIARIA Dipendenti di cat.c e D non esperti Dipendenti che già esercitano il ruolo di Responsabile Unico del Procedimento ai sensi del Codice degli Appalti Dipendenti regionali che hanno partecipato alle fasi precedenti del laboratorio dirigenti regionali e amministratori dipendenti di cat.c e D Sviluppo competenze di profilo di profilo di profilo Metodologia didattica Aula interattiva Aula interattiva Laboratorio formativo Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot. Moduli e-learning (2) si si si di ruolo seminario no 0, di profilo Aula interattiva si Subtotale

12 Codice Titolo Oggetto Destinatari ORG01 ORG02 ORG03 L etica aziendale e il Codice di comportamento nella pubblica amministrazione (formazione obbligatoria) Progetto Benessere Organizzativo Marche (BOM): Percorsi formativi sullo sviluppo delle risorse umane Formazione d ingresso per neo-assunti D.P.R. 16 aprile 2013, n.62 il benessere psicofisico nell ambiente lavorativo percorso di orientamento del neo-assunto nell ambito dell amministrazione regionale FORMAZIONE AREA ORGANIZZAZIONE E PERSONALE tutto il personale del comparto Dipendenti delle strutture regionali individuate come cantieri sperimentali per i laboratori sul benessere organizzativo (da definire) personale con contratto a tempo indeterminato (di categoria B, C e D) assunto negli anni Sviluppo competenze di ruolo di ruolo di ruolo Metodologia didattica aula interattiva laboratorio formativo aula interattiva Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot. Moduli e-learning (2) no 0, no si Subtotale

13 Codice Titolo Oggetto Destinatari INT01 Laboratorio di progettazione comunitaria: LIVELLO AVANZATO Progettazione e candidatura di un progetto con finanziamento diretto/indiretto della Commissione Europea FORMAZIONE AREA INTERNAZIONALE Dipendenti regionali che hanno già frequentato il corso BASE Sviluppo competenze di profilo Metodologia didattica laboratorio formativo Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot. Moduli e-learning (2) si INT02 Laboratorio di euro progettazione STRATEGICA Produzione di un parco progetti finanziabili per ogni servizio/dipartimento della Giunta Dipendenti regionali che hanno già frequentato il corso AVANZATO di profilo laboratorio formativo si INT03 EUROENGLISH: LIVELLO BASE FORMAZIONE LINGUISTICA per l euro progettazione Dipendenti regionali che hanno già frequentato il corso AVANZATO e/o il laboratorio di euro progettazione strategica di profilo aula interattiva si INT04 INT05 EUROENGLISH: LIVELLO INTERMEDIO I modelli di gestione FESR e FSE nel quadro della nuova programmazione FORMAZIONE LINGUISTICA per l euro progettazione Nuove regole di programmazione; sistemi di gestione e controllo alla luce del Contratto di Partenariato e delle indicazioni emergenti dai PO regionali Dipendenti regionali che hanno già frequentato il corso AVANZATO e/o il laboratorio di euro progettazione strategica Referenti delle Autorità di Gestione, responsabili di Misura, referenti per il controllo e il monitoraggio di profilo di profilo aula interattiva aula interattiva si no Subtotale

14 Codice Titolo Oggetto Destinatari INF01 INF02 Strumenti free source di produttività individuale: LIVELLO BASE Strumenti free source di produttività individuale: LIVELLO AVANZATO Sistemi di automazione di ufficio - Sistemi di automazione di ufficio - Client di posta - Software per la gestione di progetti FORMAZIONE AREA INFORMATICA - TELEMATICA Dipendenti di cat. B, C e D (max. n.2 dipendenti per ciascuna struttura della Giunta) Referenti informatici designati presso le strutture della Giunta regionale Sviluppo competenze di profilo di profilo Metodologia didattica Aula interattiva Aula interattiva Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot. gg aula Tot. Moduli e-learning (2) si si Subtotale Codice Titolo Oggetto Destinatari LIN01 LIN02 English for beginners English for users competenze di base nelle quattro abilità fondamentali (ascoltare, leggere, parlare e scrivere) Trasferire le competenze della lingua inglese in un contesto professionale FORMAZIONE AREA LINGUISTICA Dipendenti per i quali la lingua inglese non costituisce competenza indispensabile all espletamento della attività lavorative (max n.10 dipendenti per ciascuna struttura della Giunta) n.150 circa Dipendenti per i quali l uso della lingua è competenza indispensabile all espletamento dell attività lavorativa (max.40, con riserva di n.11 partecipazioni del Servizio Internazionalizzazione) Sviluppo competenze Metodologia didattica Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot. gg aula Tot. Moduli e-learning (2) di profilo e-learning si di profilo e-learning si Subtotale LEGENDA NOTE: 1) la durata dell intervento equivale all impegno temporale complessivo richiesto a ciascun dipendente partecipante; tale parametro viene espresso: in gg formative, nel caso della formazione d aula e della formazione sul campo in ore formative, nel caso della formazione e-learning 2) il numero totale dei moduli formativi individuali da erogare in modalità e-learning sono calcolati sulla base del numero presumibile dei destinatari; ogni modulo è pari a n.7 ore/allievo di erogazione on line 14

15 SINTESI DELLA FORMAZIONE TRASVERSALE Tab.1 - Attività formativa suddivisa per area formativa di riferimento AREA FORMATIVA AULA E- LEARNING N. MODULI Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro Giuridico/Normativa Economico-Finanziaria Organizzazione e personale Internazionale Informatica telematica Linguistica Totale

16 FORMAZIONE AREA GIURIDICO NORMATIVA TITOLO COD. DESTINATARI FINALITÀ Elementi di Diritto Amministrativo DA01 Dipendenti di cat. B, C e D non esperti Fornire al personale regionale gli elementi di base del diritto amministrativo con gli aggiornamenti relativi ai cambiamenti normativi per assicurare strumenti per il lavoro quotidiano OBIETTIVI CONTENUTI SPECIFICI 1) Comprendere la legittimazione e i limiti dell attività amministrativa regionale 2) Conoscere le principali fonti, e relativi siti web, per la ricerca di materiale giuridico 3) Conoscere la più recente normativa in materia di procedimento amministrativo 4) Saper inquadrare in categorie giuridiche astratte le fattispecie concrete riscontrabili nella pratica lavorativa 5) Predisporre atti amministrativi formalmente e sostanzialmente corretti 6) Effettuare un sia pur sommario vaglio di legittimità su atti già perfezionati Il sistema delle fonti del diritto nell ordinamento italiano La riforma del titolo V La ricerca dei dati giuridici on-line I principi generali che regolano l attività amministrativa in Costituzione Le fonti normative che disciplinano il procedimento amministrativo La trasparenza nel procedimento amministrativo:il responsabile del procedimento, l obbligo di conclusione esplicita, la motivazione La semplificazione e i suoi istituti tipici Diritto di accesso e problematiche applicative L invalidità dell atto amministrativo: i vizi più frequenti OUTPUT VERIFICABILI STRUTTURA E DURATA PROVA DI ACCERTAMENTO riconoscere e classificare, per forma e sostanza le varie tipologie di atti amministrativi riconoscere, nell ambito dei provvedimenti amministrativi, la struttura e le singole parti dell atto. redazione di un atto amministrativo durata: n.4 gg formative d aula edizioni: n.2 valutazione del project work elaborato dai partecipanti durante il corso (redazione di un atto amministrativo) 16

17 FORMAZIONE AREA GIURIDICO NORMATIVA TITOLO COD. DESTINATARI FINALITÀ La normativa in materia di privacy DA02 tutto il personale regionale (che non abbia ancora assolto l obbligo formativo) Il corso è finalizzato a creare una cultura diffusa presso la PA sui temi della Privacy al fine di indurre comportamenti virtuosi negli addetti al trattamento dei dati, che facilitino l applicazione della normativa vigente. OBIETTIVI CONTENUTI SPECIFICI acquisire conoscenze normative e giuridiche in tema di Privacy; acquisire conoscenze relativamente al Documento programmatico per la Sicurezza regionale adottato con Delibera di Giunta n.502 del 30/03/2009; acquisire competenze e modalità operative corrette per il trattamento dei dati. Normativa nazionale in tema di privacy; prescrizioni regionali in materia di Privacy; modalità operative in relazione all attività svolta e in particolare: archiviazione, data entry, relazioni con l esterno, trattamento dei dati sensibili e giudiziari. OUTPUT VERIFICABILI STRUTTURA E DURATA PROVA DI ACCERTAMENTO - Elaborazione e trattamento dei dati personali secondo quanto predisposto dal titolare, dal Responsabile del trattamento e dal Responsabile della Sicurezza; - Messa in atto di comportamenti corretti sotto il profilo giuridico nell ambito delle attività di trattamento dei dati. Il corso si svolgerà in modalità e-learning (formazione a distanza) attraverso la fruizione di moduli didattici on-line dalla piattaforma e-learning della Scuola della durata complessiva di n.5 ore circa. Test di verifica degli apprendimenti (on-line) 17

18 FORMAZIONE AREA GIURIDICO NORMATIVA TITOLO COD. DESTINATARI FINALITÀ Il procedimento amministrativo digitale DA03 dipendenti di categoria C e D, già designati dalle strutture della Giunta regionale per la ricognizione dei procedimenti amministrativi regionali in attuazione del D.Lgs.n.33/2013, e loro collaboratori Il procedimento amministrativo è l insieme di una pluralità di atti e di operazioni funzionalmente collegati e preordinati al perseguimento del medesimo fine, consistente nell adozione da parte dell ente di un atto perfetto ed efficace. Le pubbliche amministrazioni agiscono per procedimenti e di conseguenza il processo di digitalizzazione non può limitarsi alla mera informatizzazione degli atti. Fino ad oggi l attenzione sugli aspetti giuridici dell azione amministrativa svolta con tecnologie digitali si è concentrata su singoli segmenti del procedimento, quali ad esempio l invio dell istanza o la firma del documento, senza considerare il procedimento amministrativo come un unico processo informatizzato attraverso il quale pervenire al provvedimento/ servizio richiesto dall utente. Con l introduzione del Codice di Amministrazione Digitale e la recente normativa collegata, l informatizzazione di un procedimento non si limita infatti alla sola trasformazione del processo da manuale ad automatico, ma richiede invece la riorganizzazione dei sistemi di lavoro, la revisione delle relazioni organizzative tra e nelle amministrazioni, semplificando i procedimenti e ridefinendo i rapporti tra le istituzioni pubbliche e i cittadini. Il corso ha quindi la finalità di conoscere e ripercorrere le fasi tipiche del procedimento amministrativo, e di reingegnereizzarne il flusso informativo, sapendo tener presenti le opportunità e i vincoli derivanti dal processo di digitalizzazione OBIETTIVI CONTENUTI SPECIFICI 1. Comprendere che cos è il procedimento amministrativo nel nostro ordinamento 2. Saper individuare e descrivere le fasi e le caratteristiche del procedimento amministrativo per poter intervenire su di esso 3. Conoscere gli obblighi definiti dal Codice dell Amministrazione digitale e sapere utilizzare gli strumenti e le applicazioni esistenti nell amministrazione per la dematerializzazione dei flussi documentali 4. Saper reingegnerizzare uno specifico procedimento amministrativo della propria struttura, dematerializzando il flusso secondo regole definite dal CAD (Codice di Amministrazione Digitale) con gli strumenti messi a disposizione dall Amministrazione. Normativa sul procedimento La fase dell iniziativa del procedimento: l invio telematico delle istanze alla p.a. e la ridefinizione della modulistica e dei formulari da pubblicare sul sito istituzionale La fase dell istruttoria on line e la decertificazione 18

19 La fase costitutiva: la dematerializzazione documentale, il ruolo della sottoscrizione digitale, la trasmissione informatica dei documenti La fase di pubblicazione on line Gli strumenti per la gestione documentale digitale e il CAD La reingegnerizzazione dei procedimenti Casi d uso OUTPUT VERIFICABILI STRUTTURA E DURATA PROVA DI ACCERTAMENTO ridefinizione di un procedimento amministrativo di competenza mediante l utilizzo di tutte le opportunità offerte dalle tecnologie ICT n. 3 gg di aula n. 2 edizioni prova pratica su un caso di studio 19

20 FORMAZIONE AREA GIURIDICO NORMATIVA TITOLO COD. DESTINATARI FINALITÀ Anticorruzione e gestione trasparente della cosa pubblica: adempimenti, responsabilità e modalità organizzative DA04 dirigenti regionali La legge n.190 del 2012 ha imposto modifiche significative all organizzazione della pubblica amministrazione, non solo per prevenire fenomeni di corruzione, ma anche per garantire l attuazione dei principi di imparzialità amministrativa e di trasparenza. Il seminario ha la finalità di focalizzare le misure da attuare e i relativi soggetti competenti, favorendo un processo di responsabilizzazione da parte di tutti i dirigenti su adempimenti e relative modalità di attuazione. OBIETTIVI CONTENUTI SPECIFICI Comprendere la ratio del nuovo quadro normativo Individuare le responsabilità e le attività di competenza di ogni dirigente di struttura Definire modalità organizzative efficaci per l attuazione degli adempimenti connessi La legge anticorruzione e la sua applicazione (Legge n.190/2012 e decreti attuativi): compiti e funzioni dei soggetti coinvolti Il quadro delle responsabilità per i responsabili della prevenzione alla corruzione e delle altre figure coinvolte le quattro macroaree amministrative coinvolte nella operazione anticorruzione il piano triennale di prevenzione della corruzione il codice di comportamento direttive interne adottate per: la rotazione del personale,il conferimento e l autorizzazione di incarichi,inconferibilità per incarichi dirigenziali, incompatibilità per particolari posizioni dirigenziali La trasparenza quale strumento di prevenzione della corruzione il legame di tipo funzionale tra la disciplina della trasparenza e quella della lotta alla corruzione il principio dell accessibilità totale (pubblicazione, diffusione, comunicazione e accesso) nozione di amministrazione aperta (trasparenza e privacy) gli adempimenti di trasparenza e il monitoraggio dei tempi procedimentali le conseguenze della mancata, omessa, ritardata pubblicazione dei dati OUTPUT VERIFICABILI definizione delle responsabilità in capo ad ogni dirigente di struttura e delle modalità organizzative conseguenti 20

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 PROGRAMMA ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 Avv. Renato Botrugno - Avvocato in Roma La normativa prevista dalla legge

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione

ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione ALLEGATO 1 Soggetti, azioni e misure finalizzati alla prevenzione della corruzione A Soggetti e ruoli della strategia di prevenzione... 3 A.1 Soggetti e ruoli della strategia di prevenzione a livello nazionale...

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli