D.G.R. N.1760 del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D.G.R. N.1760 del 27.12.2013"

Transcript

1 D.G.R. N.1760 del Allegato A PROGRAMMA FORMATIVO ANNO 2014 rivolto al personale della Regione Marche e al personale dell Agenzia Regionale Sanitaria 1

2 Indice Introduzione pag. 3 Parte Prima FORMAZIONE TRASVERSALE pag. 5 TABELLE DI SINTESI ATTIVITA FORMATIVA TRASVERSALE. pag. 8 Parte Seconda FORMAZIONE DI SETTORE pag. 47 TABELLA DI SINTESI ATTIVITA FORMATIVA DI SETTORE.. pag. 50 Parte Terza - REGOLE DI INFORMAZIONE, ACCESSO, PARTECIPAZIONE E CERTIFICAZIONE DEI PERCORSI FORMATIVI. pag. 108 TAB.1 DETERMINAZIONE COEFFICIENTE FORMATIVO... pag. 113 TAB.2 - BUDGET DI FORMAZIONE ANNO 2014 pag. 114 Appendice LA RETE DEI REFERENTI DELLA FORMAZIONE.. pag

3 Introduzione Nella consapevolezza che nell attuale contesto di crisi e di forte contrazione della disponibilità finanziaria complessiva, la formazione delle risorse umane rappresenti uno dei pochi strumenti a disposizione della pubblica amministrazione per mantenere desta l attenzione all innovazione e allo sviluppo di competenze orientate alla competitività, il programma formativo 2014 concentra le risorse finanziarie a disposizione su alcuni assi di intervento strategici: 1. TRASPARENZA, ANTICORRUZIONE E INTEGRITA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: la disciplina sulla trasparenza nelle pubbliche amministrazioni è stata recentemente oggetto di penetranti interventi normativi ad elevato impatto organizzativo, sia internamente all Amministrazione regionale sia nelle relazioni con altre pubbliche amministrazioni del territorio; il programma formativo intende sostenere il processo di adeguamento al quadro normativo di riferimento mediante una pluralità di interventi finalizzati ad affrontare la trasparenza nelle sue diverse dimensioni : Partecipazione e comunicazione Tracciabilità e procurement Qualità della regolazione Semplificazione procedure e adempimenti Innovazione e tecnologie 2. ACCESSO ALLE RISORSE COMUNITARIE POST 2013, in previsione del definitivo spostamento del baricentro del bilancio UE, dalle risorse per le politiche di coesione a gestione indiretta alla gestione diretta delle risorse attraverso programmi quadro: a conclusione del triennio , che ha visto un importante investimento nello sviluppo di competenze professionali di euro progettazione, il programma formativo 2014 porta a compimento il processo di rafforzamento della programmazione comunitaria integrata, arrivando quest anno alla preparazione specifica di complessive n. risorse professionali, distribuite in modo omogeneo nell ambito delle strutture organizzative dell amministrazione regionale, e in grado di attrarre e/o mantenere le risorse critiche per i processi di sviluppo regionali. Le professionalità formate, in qualità di task force dedicata, costituiranno un banco di prova per lo sviluppo del progetto Metodo, di recente approvato e finanziato mediante specifica intesa tra il Ministero del Lavoro e la Regione Marche. e finalizzato alla standardizzazione e formalizzazione di metodi e strumenti a supporto dell integrazione tra le risorse economiche disponibili in ottica europea. 3. RIFORMA CONTABILE: Uno dei punti fondamentali introdotti dalla riforma della contabilità e finanza pubblica (Legge n.196/2009) è l armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle amministrazioni pubbliche: il governo unitario della finanza pubblica richiede infatti, quale presupposto essenziale, che le informazioni del bilancio e i documenti contabili dei diversi enti siano omogenei, facilmente confrontabili e disponibili secondo uno schema condiviso. Per rafforzare la valutazione economica dell operato della pubblica amministrazione la riforma prevede altresì l introduzione di un sistema di contabilità economico patrimoniale. Il successivo D.Lgs. n.118/2011 ha definito le disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli Enti locali e dei loro organismi che, relativamente al Titolo I, vanno applicate a decorrere dal 2015: di qui la scelta di dedicare una parte specifica del programma 2014 ad una serie diversificata di interventi 3

4 formativi per consentire a tutto l apparato amministrativo di fronteggiare il cambiamento collegato alla riforma. Da ultimo va sottolineato che dall anno 2014, dopo la sperimentazione della modalità didattica in e- learning, che negli anni precedenti ha richiesto un investimento finanziario di euro, il programma offre numerose opportunità di aggiornamento mediante il riuso a costo zero di pacchetti formativi a disposizione di tutto il personale regionale. L Assessore al Personale (Luigi Viventi) 4

5 PARTE PRIMA Formazione trasversale 5

6 Premessa Il programma formativo 2014, come anticipato nella introduzione generale, concentra risorse e attività al fine di supportare l Amministrazione regionale in tre ambiti ritenuti strategici: A. Asse di intervento: Trasparenza A seguito dell adeguamento dell Amministrazione regionale alla disciplina in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni, di cui al D.Lgs. 14 marzo 2013 n.33, il programma prevede una serie di iniziative formative funzionali a fronteggiare le seguenti dimensioni della trasparenza: Semplificazione amministrativa: la trasparenza intesa come snellezza e minor gravosità possibile degli adempimenti richiesti agli utenti, richiede la riduzione dei tempi, la semplificazione e la riduzione delle fasi procedimentali (vedi report di settore n.1) Ridisegno digitale dei procedimenti oggetto di semplificazione: il nuovo Codice di Amministrazione digitale richiede la capacità dell amministrazione di migliorare l efficacia, l efficienza e la trasparenza dell azione amministrative mediante l utilizzo crescente dell IT e il ridisegno dei procedimenti in ottica digitale (vedi corso DA03) Integrità e prevenzione della corruzione: la trasparenza quale strumento di prevenzione della corruzione richiede la capacità dell amministrazione di presidiare i procedimenti a maggior rischio di corruzione o di cattiva gestione, di garantire la diffusione di principi e valori riguardanti l integrità e la legalità, di gestire il rischio di fallimento etico mediante azioni preventive e correttive (vedi corsi cod. DA04 e cod.org01) B. Asse di intervento: Europrogettazione Nello scorso triennio ( ) l attività formativa svolta nel settore specifico per lo sviluppo di competenze di euro progettazione ha visto la partecipazione di un numero complessivo di n.57 dipendenti, distribuiti nei corsi di LIVELLO BASE, LIVELLO INTERMEDIO E LIVELLO STRATEGICO, appartenenti a tutti Servizi/Dipartimenti della Giunta regionale (n.2/3 in media per ogni struttura). Obiettivo del programma 2014 è quello di completare il progetto, portando tutti i funzionari coinvolti al terzo livello strategico di euro progettazione e all acquisizione delle competenze linguistiche collegate (vedi corsi euro-english, cod.int03 e INT04). C. Asse di intervento: Riforma contabile Mentre nel 2013 sono state svolte attività formative per il personale addetto alle funzioni centralizzate del bilancio e della ragioneria, il programma formativo 2014 prevede interventi formativi, differenziati per tipologia di destinatari e relative competenze, al fine di preparare tutto l apparato amministrativo all attuazione degli adempimenti collegati alla riforma, e precisamente: Seminari rivolti alla dirigenza e agli amministratori, per avere consapevolezza della nuova logica di programmazione economica sottesa alla riforma (vedi corso EC04); Un laboratorio formativo rivolto a referenti designati da ciascun servizio/dipartimento della Giunta, per svolgere efficacemente il ruolo di cerniera tra gli addetti ai lavori e i diversi settori che gestiscono il bilancio regionale (vedi report di settore n.7); Attività formativa a cascata per preparare al cambiamento tutto il personale responsabile di procedimenti contabili, prima del nuovo bilancio armonizzato del 2015 (vedi corso EC05). 6

7 Coerentemente al livello strategico rappresentato dagli obiettivi da raggiungere, la verifica degli interventi formativi afferenti agli assi non si limiterà alla valutazione della qualità dell offerta formativa e alla misurazione degli apprendimenti formativi, ma verrà estesa alla verifica del trasferimento degli apprendimenti (verifica di impatto) negli ambienti di lavoro attraverso la definizione preventiva, da parte dell amministrazione regionale, di indicatori di risultato sulla base dei quali misurare i cambiamenti ottenuti in termini di miglioramento delle performance nei contesti lavorativi. La formazione trasversale del programma 2014 prevede altresì: la formazione/aggiornamento obbligatorio previsto dal decreto legislativo n.81/2008 in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro: l attività formativa specifica a supporto del progetto Ben Essere organizzativo :il progetto introduce per la prima volta nella Regione Marche un azione protesa a migliorare il benessere organizzativo del personale, agendo anche mediante la formazione sull analisi del comportamento dei lavoratori, dirigenti e non, intesa soprattutto come saper essere e non solamente come saper fare. Di seguito vengono riportate la scheda descrittiva di ciascuna attività formativa e la tabella riassuntiva delle attività formative di tipo trasversale programmate per il Il programma di dettaglio di ciascuna iniziativa verrà pubblicato sul sito della Scuola di Formazione (www.scuola.regione.marche.it ) e comunicato con il dovuto anticipo prima dell avvio dell attività formativa. 7

8 Codice Titolo Oggetto Destinatari SC01 SC02 SC03 SC04 FORMAZIONE GENERALE Aggiornamento obbligatorio per RSPP e ASPP Aggiornamento obbligatorio dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Aggiornamento obbligatorio per Coordinatori per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione lavori D.Lgs. 81/2008 art.37, comma 1, lett.a Accordo Conferenza Stato-Regioni D.Lgs. 81/2008 D.Lgs.195/03 FORMAZIONE AREA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO LAVORATORI, a tempo indeterminato e determinato, comandati, in utilizzo e atipici (n.45) RSPP e ASPP del Servizio di Prevenzione e Protezione della Giunta, del Consiglio, dell'assam e dell ARS D.Lgs. 81/2008 RLS Giunta, Consiglio, ASSAM e ARS D.Lgs. 81/2008 art comma 2 e 3 Personale della Giunta che esercita il ruolo di Coordinatori per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione lavori Sviluppo competenze di base di ruolo di ruolo di ruolo Metodologia didattica e-learning (corsob1) Aula interattiva Aula interattiva Aula interattiva Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot. Moduli e-learning (2) si 5 32 si si si SC05 Percorsi di sostegno al benessere psico-fisico dei lavoratori D.Lgs.81/2008 Accordo Europeo tutto il personale della Giunta di profilo seminario no 0, SC06 Formazione addetti gestione emergenze di prevenzione e lotta incendi ( rischio medio ) D.Lgs. 81/2008 D.M.10/03/98 addetti gestione emergenze di prevenzione e lotta incendi (di nuova nomina) di ruolo Aula interattiva si SC07 Formazione addetti gestione emergenze di primo soccorso D.Lgs. 81/2008 D.M.388/03 addetti gestione emergenze di primo soccorso (di nuova nomina) di ruolo Aula interattiva si ,5 -- SC08 SC09 Formazione abilitante lavoratori addetti alla conduzione di PIATTAFORME DI LAVORO MOBILI ELEVABILI (PLE) CON E SENZA STABILIZZATORI - N.10 ore Formazione abilitante lavoratori addetti alla conduzione di GRU PER AUTOCARRO - n.12 ore D.Lgs.81/2008, art.73 comma 5 Accordo Stato - Regioni (ALLEGATO III) D.Lgs.81/2008, art.73 comma 5 Accordo Stato - Regioni (ALLEGATO IV) personale del Dipartimento per le politiche di sicurezza e per la protezione civile personale del Dipartimento per le politiche di sicurezza e per la protezione civile di profilo di profilo Aula interattiva si Aula interattiva si ,5 -- 8

9 Codice Titolo Oggetto Destinatari FORMAZIONE AREA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (segue) Sviluppo competenze Metodologia didattica Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot. Moduli e-learning (2) SC10 Formazione abilitante lavoratori addetti alla conduzione di CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI CON CONDUCENTE A BORDO - n.16 ore D.Lgs.81/2008, art.73 comma 5 Accordo Stato - Regioni (ALLEGATO VI) personale del Dipartimento per le politiche di sicurezza e per la protezione civile personale addetti al magazzino dell economato di profilo Aula interattiva si SC11 Formazione abilitante lavoratori addetti alla conduzione di TRATTORI AGRICOLI O FORESTALI - n.8 ore D.Lgs.81/2008, art.73 comma 5 Accordo Stato - Regioni (ALLEGATO VIII) personale del Dipartimento per le politiche di sicurezza e per la protezione civile di profilo Aula interattiva si 8 3 3,5 -- SC12 Formazione abilitante lavoratori addetti alla conduzione di ESCAVATORI IDRAULICI, CARICATORI FRONTALI E TERNE - n.16 ore D.Lgs.81/2008, art.73 comma 5 Accordo Stato - Regioni (ALLEGATO IX) personale del Dipartimento per le politiche di sicurezza e per la protezione civile di profilo Aula interattiva si ,5 -- Subtotale

10 FORMAZIONE AREA GIURIDICO/NORMATIVA Codice Titolo Oggetto Destinatari Sviluppo competenze Metodologia didattica Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot.Moduli e-learning (2) DA01 Elementi di diritto amministrativo Elementi di base del diritto amministrativo e del procedimento Dipendenti di Cat. B e C e D di base Aula Interattiva si DA02 DA03 DA04 DA05 La normativa in materia di privacy (formazione obbligatoria) Il procedimento amministrativo digitale Trasparenza, anticorruzione e gestione della cosa pubblica: adempimenti, responsabilità e modalità organizzative (formazione obbligatoria) Le ultime tendenze della giurisprudenza costituzionale di interesse regionale: ciclo di seminari Disciplina sulla privacy, trattamento dei dati, diritti dell'interessato, misure di sicurezza La reingegnerizzazione del procedimento amministrativo mediante gli strumenti digitali e le tecnologie ICT La legge anticorruzione e la sua applicazione: le responsabilità del dirigente Evoluzione della giurisprudenza costituzionale con particolare riferimento ai contenuti degli artt. 117 e 118 della Costituzione. tutto il personale regionale (n. 150) Dipendenti di cat. C e D di profilo e-learning si di profilo Aula interattiva si Dirigenti regionali di ruolo seminario no dirigenti e funzionari dell Assemblea legislativa e della Giunta regionale coinvolti nella redazione di proposte di legge di profilo CICLO DI SEMINARI si Subtotale

11 Codice Titolo Oggetto Destinatari EC01 EC02 EC03 EC04 EC05 La gestione delle procedure contrattuali regionali: CORSO BASE Le procedure contrattuali di acquisizione di beni e servizi: CORSO DI APPROFONDIMENTO Laboratorio formativo per funzionari esperti di procedure di appalto di opere, forniture e servizi La riforma contabile e il cambiamento di approccio alla programmazione e gestione delle risorse pubbliche La riforma della contabilità e della finanza pubblica: le nuove modalità di programmazione e gestione delle risorse del bilancio regionale Il ciclo degli appalti: dalla fase di progettazione alla fase di aggiudicazione ed esecuzione del contratto Il ruolo del RUP nell organizzazione della SUAM: - la fase della progettazione - la fase di affidamento - la fase di esecuzione Approfondimenti tematici in materia di appalti Il processo di armonizzazione contabile e il relativo impatto sull organizzazione regionale Riflessi operativi della riforma contabile nella gestione dei capitoli di entrata e di spesa del nuovo bilancio FORMAZIONE AREA ECONOMICO-FINANZIARIA Dipendenti di cat.c e D non esperti Dipendenti che già esercitano il ruolo di Responsabile Unico del Procedimento ai sensi del Codice degli Appalti Dipendenti regionali che hanno partecipato alle fasi precedenti del laboratorio dirigenti regionali e amministratori dipendenti di cat.c e D Sviluppo competenze di profilo di profilo di profilo Metodologia didattica Aula interattiva Aula interattiva Laboratorio formativo Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot. Moduli e-learning (2) si si si di ruolo seminario no 0, di profilo Aula interattiva si Subtotale

12 Codice Titolo Oggetto Destinatari ORG01 ORG02 ORG03 L etica aziendale e il Codice di comportamento nella pubblica amministrazione (formazione obbligatoria) Progetto Benessere Organizzativo Marche (BOM): Percorsi formativi sullo sviluppo delle risorse umane Formazione d ingresso per neo-assunti D.P.R. 16 aprile 2013, n.62 il benessere psicofisico nell ambiente lavorativo percorso di orientamento del neo-assunto nell ambito dell amministrazione regionale FORMAZIONE AREA ORGANIZZAZIONE E PERSONALE tutto il personale del comparto Dipendenti delle strutture regionali individuate come cantieri sperimentali per i laboratori sul benessere organizzativo (da definire) personale con contratto a tempo indeterminato (di categoria B, C e D) assunto negli anni Sviluppo competenze di ruolo di ruolo di ruolo Metodologia didattica aula interattiva laboratorio formativo aula interattiva Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot. Moduli e-learning (2) no 0, no si Subtotale

13 Codice Titolo Oggetto Destinatari INT01 Laboratorio di progettazione comunitaria: LIVELLO AVANZATO Progettazione e candidatura di un progetto con finanziamento diretto/indiretto della Commissione Europea FORMAZIONE AREA INTERNAZIONALE Dipendenti regionali che hanno già frequentato il corso BASE Sviluppo competenze di profilo Metodologia didattica laboratorio formativo Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot.gg aula Tot. Moduli e-learning (2) si INT02 Laboratorio di euro progettazione STRATEGICA Produzione di un parco progetti finanziabili per ogni servizio/dipartimento della Giunta Dipendenti regionali che hanno già frequentato il corso AVANZATO di profilo laboratorio formativo si INT03 EUROENGLISH: LIVELLO BASE FORMAZIONE LINGUISTICA per l euro progettazione Dipendenti regionali che hanno già frequentato il corso AVANZATO e/o il laboratorio di euro progettazione strategica di profilo aula interattiva si INT04 INT05 EUROENGLISH: LIVELLO INTERMEDIO I modelli di gestione FESR e FSE nel quadro della nuova programmazione FORMAZIONE LINGUISTICA per l euro progettazione Nuove regole di programmazione; sistemi di gestione e controllo alla luce del Contratto di Partenariato e delle indicazioni emergenti dai PO regionali Dipendenti regionali che hanno già frequentato il corso AVANZATO e/o il laboratorio di euro progettazione strategica Referenti delle Autorità di Gestione, responsabili di Misura, referenti per il controllo e il monitoraggio di profilo di profilo aula interattiva aula interattiva si no Subtotale

14 Codice Titolo Oggetto Destinatari INF01 INF02 Strumenti free source di produttività individuale: LIVELLO BASE Strumenti free source di produttività individuale: LIVELLO AVANZATO Sistemi di automazione di ufficio - Sistemi di automazione di ufficio - Client di posta - Software per la gestione di progetti FORMAZIONE AREA INFORMATICA - TELEMATICA Dipendenti di cat. B, C e D (max. n.2 dipendenti per ciascuna struttura della Giunta) Referenti informatici designati presso le strutture della Giunta regionale Sviluppo competenze di profilo di profilo Metodologia didattica Aula interattiva Aula interattiva Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot. gg aula Tot. Moduli e-learning (2) si si Subtotale Codice Titolo Oggetto Destinatari LIN01 LIN02 English for beginners English for users competenze di base nelle quattro abilità fondamentali (ascoltare, leggere, parlare e scrivere) Trasferire le competenze della lingua inglese in un contesto professionale FORMAZIONE AREA LINGUISTICA Dipendenti per i quali la lingua inglese non costituisce competenza indispensabile all espletamento della attività lavorative (max n.10 dipendenti per ciascuna struttura della Giunta) n.150 circa Dipendenti per i quali l uso della lingua è competenza indispensabile all espletamento dell attività lavorativa (max.40, con riserva di n.11 partecipazioni del Servizio Internazionalizzazione) Sviluppo competenze Metodologia didattica Prova di verifica Durata (gg) (1) Durata (ore) numero edizioni Tot. gg aula Tot. Moduli e-learning (2) di profilo e-learning si di profilo e-learning si Subtotale LEGENDA NOTE: 1) la durata dell intervento equivale all impegno temporale complessivo richiesto a ciascun dipendente partecipante; tale parametro viene espresso: in gg formative, nel caso della formazione d aula e della formazione sul campo in ore formative, nel caso della formazione e-learning 2) il numero totale dei moduli formativi individuali da erogare in modalità e-learning sono calcolati sulla base del numero presumibile dei destinatari; ogni modulo è pari a n.7 ore/allievo di erogazione on line 14

15 SINTESI DELLA FORMAZIONE TRASVERSALE Tab.1 - Attività formativa suddivisa per area formativa di riferimento AREA FORMATIVA AULA E- LEARNING N. MODULI Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro Giuridico/Normativa Economico-Finanziaria Organizzazione e personale Internazionale Informatica telematica Linguistica Totale

16 FORMAZIONE AREA GIURIDICO NORMATIVA TITOLO COD. DESTINATARI FINALITÀ Elementi di Diritto Amministrativo DA01 Dipendenti di cat. B, C e D non esperti Fornire al personale regionale gli elementi di base del diritto amministrativo con gli aggiornamenti relativi ai cambiamenti normativi per assicurare strumenti per il lavoro quotidiano OBIETTIVI CONTENUTI SPECIFICI 1) Comprendere la legittimazione e i limiti dell attività amministrativa regionale 2) Conoscere le principali fonti, e relativi siti web, per la ricerca di materiale giuridico 3) Conoscere la più recente normativa in materia di procedimento amministrativo 4) Saper inquadrare in categorie giuridiche astratte le fattispecie concrete riscontrabili nella pratica lavorativa 5) Predisporre atti amministrativi formalmente e sostanzialmente corretti 6) Effettuare un sia pur sommario vaglio di legittimità su atti già perfezionati Il sistema delle fonti del diritto nell ordinamento italiano La riforma del titolo V La ricerca dei dati giuridici on-line I principi generali che regolano l attività amministrativa in Costituzione Le fonti normative che disciplinano il procedimento amministrativo La trasparenza nel procedimento amministrativo:il responsabile del procedimento, l obbligo di conclusione esplicita, la motivazione La semplificazione e i suoi istituti tipici Diritto di accesso e problematiche applicative L invalidità dell atto amministrativo: i vizi più frequenti OUTPUT VERIFICABILI STRUTTURA E DURATA PROVA DI ACCERTAMENTO riconoscere e classificare, per forma e sostanza le varie tipologie di atti amministrativi riconoscere, nell ambito dei provvedimenti amministrativi, la struttura e le singole parti dell atto. redazione di un atto amministrativo durata: n.4 gg formative d aula edizioni: n.2 valutazione del project work elaborato dai partecipanti durante il corso (redazione di un atto amministrativo) 16

17 FORMAZIONE AREA GIURIDICO NORMATIVA TITOLO COD. DESTINATARI FINALITÀ La normativa in materia di privacy DA02 tutto il personale regionale (che non abbia ancora assolto l obbligo formativo) Il corso è finalizzato a creare una cultura diffusa presso la PA sui temi della Privacy al fine di indurre comportamenti virtuosi negli addetti al trattamento dei dati, che facilitino l applicazione della normativa vigente. OBIETTIVI CONTENUTI SPECIFICI acquisire conoscenze normative e giuridiche in tema di Privacy; acquisire conoscenze relativamente al Documento programmatico per la Sicurezza regionale adottato con Delibera di Giunta n.502 del 30/03/2009; acquisire competenze e modalità operative corrette per il trattamento dei dati. Normativa nazionale in tema di privacy; prescrizioni regionali in materia di Privacy; modalità operative in relazione all attività svolta e in particolare: archiviazione, data entry, relazioni con l esterno, trattamento dei dati sensibili e giudiziari. OUTPUT VERIFICABILI STRUTTURA E DURATA PROVA DI ACCERTAMENTO - Elaborazione e trattamento dei dati personali secondo quanto predisposto dal titolare, dal Responsabile del trattamento e dal Responsabile della Sicurezza; - Messa in atto di comportamenti corretti sotto il profilo giuridico nell ambito delle attività di trattamento dei dati. Il corso si svolgerà in modalità e-learning (formazione a distanza) attraverso la fruizione di moduli didattici on-line dalla piattaforma e-learning della Scuola della durata complessiva di n.5 ore circa. Test di verifica degli apprendimenti (on-line) 17

18 FORMAZIONE AREA GIURIDICO NORMATIVA TITOLO COD. DESTINATARI FINALITÀ Il procedimento amministrativo digitale DA03 dipendenti di categoria C e D, già designati dalle strutture della Giunta regionale per la ricognizione dei procedimenti amministrativi regionali in attuazione del D.Lgs.n.33/2013, e loro collaboratori Il procedimento amministrativo è l insieme di una pluralità di atti e di operazioni funzionalmente collegati e preordinati al perseguimento del medesimo fine, consistente nell adozione da parte dell ente di un atto perfetto ed efficace. Le pubbliche amministrazioni agiscono per procedimenti e di conseguenza il processo di digitalizzazione non può limitarsi alla mera informatizzazione degli atti. Fino ad oggi l attenzione sugli aspetti giuridici dell azione amministrativa svolta con tecnologie digitali si è concentrata su singoli segmenti del procedimento, quali ad esempio l invio dell istanza o la firma del documento, senza considerare il procedimento amministrativo come un unico processo informatizzato attraverso il quale pervenire al provvedimento/ servizio richiesto dall utente. Con l introduzione del Codice di Amministrazione Digitale e la recente normativa collegata, l informatizzazione di un procedimento non si limita infatti alla sola trasformazione del processo da manuale ad automatico, ma richiede invece la riorganizzazione dei sistemi di lavoro, la revisione delle relazioni organizzative tra e nelle amministrazioni, semplificando i procedimenti e ridefinendo i rapporti tra le istituzioni pubbliche e i cittadini. Il corso ha quindi la finalità di conoscere e ripercorrere le fasi tipiche del procedimento amministrativo, e di reingegnereizzarne il flusso informativo, sapendo tener presenti le opportunità e i vincoli derivanti dal processo di digitalizzazione OBIETTIVI CONTENUTI SPECIFICI 1. Comprendere che cos è il procedimento amministrativo nel nostro ordinamento 2. Saper individuare e descrivere le fasi e le caratteristiche del procedimento amministrativo per poter intervenire su di esso 3. Conoscere gli obblighi definiti dal Codice dell Amministrazione digitale e sapere utilizzare gli strumenti e le applicazioni esistenti nell amministrazione per la dematerializzazione dei flussi documentali 4. Saper reingegnerizzare uno specifico procedimento amministrativo della propria struttura, dematerializzando il flusso secondo regole definite dal CAD (Codice di Amministrazione Digitale) con gli strumenti messi a disposizione dall Amministrazione. Normativa sul procedimento La fase dell iniziativa del procedimento: l invio telematico delle istanze alla p.a. e la ridefinizione della modulistica e dei formulari da pubblicare sul sito istituzionale La fase dell istruttoria on line e la decertificazione 18

19 La fase costitutiva: la dematerializzazione documentale, il ruolo della sottoscrizione digitale, la trasmissione informatica dei documenti La fase di pubblicazione on line Gli strumenti per la gestione documentale digitale e il CAD La reingegnerizzazione dei procedimenti Casi d uso OUTPUT VERIFICABILI STRUTTURA E DURATA PROVA DI ACCERTAMENTO ridefinizione di un procedimento amministrativo di competenza mediante l utilizzo di tutte le opportunità offerte dalle tecnologie ICT n. 3 gg di aula n. 2 edizioni prova pratica su un caso di studio 19

20 FORMAZIONE AREA GIURIDICO NORMATIVA TITOLO COD. DESTINATARI FINALITÀ Anticorruzione e gestione trasparente della cosa pubblica: adempimenti, responsabilità e modalità organizzative DA04 dirigenti regionali La legge n.190 del 2012 ha imposto modifiche significative all organizzazione della pubblica amministrazione, non solo per prevenire fenomeni di corruzione, ma anche per garantire l attuazione dei principi di imparzialità amministrativa e di trasparenza. Il seminario ha la finalità di focalizzare le misure da attuare e i relativi soggetti competenti, favorendo un processo di responsabilizzazione da parte di tutti i dirigenti su adempimenti e relative modalità di attuazione. OBIETTIVI CONTENUTI SPECIFICI Comprendere la ratio del nuovo quadro normativo Individuare le responsabilità e le attività di competenza di ogni dirigente di struttura Definire modalità organizzative efficaci per l attuazione degli adempimenti connessi La legge anticorruzione e la sua applicazione (Legge n.190/2012 e decreti attuativi): compiti e funzioni dei soggetti coinvolti Il quadro delle responsabilità per i responsabili della prevenzione alla corruzione e delle altre figure coinvolte le quattro macroaree amministrative coinvolte nella operazione anticorruzione il piano triennale di prevenzione della corruzione il codice di comportamento direttive interne adottate per: la rotazione del personale,il conferimento e l autorizzazione di incarichi,inconferibilità per incarichi dirigenziali, incompatibilità per particolari posizioni dirigenziali La trasparenza quale strumento di prevenzione della corruzione il legame di tipo funzionale tra la disciplina della trasparenza e quella della lotta alla corruzione il principio dell accessibilità totale (pubblicazione, diffusione, comunicazione e accesso) nozione di amministrazione aperta (trasparenza e privacy) gli adempimenti di trasparenza e il monitoraggio dei tempi procedimentali le conseguenze della mancata, omessa, ritardata pubblicazione dei dati OUTPUT VERIFICABILI definizione delle responsabilità in capo ad ogni dirigente di struttura e delle modalità organizzative conseguenti 20

D.G.R. n. 1454 del 22.12.2014. Allegato A

D.G.R. n. 1454 del 22.12.2014. Allegato A D.G.R. n. 1454 del 22.12.2014 Allegato A PROGRAMMA FORMATIVO ANNO 2015 rivolto al personale della Regione Marche e al personale dell Agenzia Regionale Sanitaria 1 Indice Introduzione pag. 03 Parte Prima

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA

PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA PIANO TRIENNALE 2015 2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA E PROGRAMMA TRIENNALE 2015 2017 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PARTE PRIMA PIANO TRIENNALE 2015-2017 DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Centro Regionale Ente di Formazione Giovanile Via Nazionale n. 295 09027 Serrenti (VS) Codice Fiscale e Partiva IVA 02823570920 Tel.

Centro Regionale Ente di Formazione Giovanile Via Nazionale n. 295 09027 Serrenti (VS) Codice Fiscale e Partiva IVA 02823570920 Tel. Catalogo offerta formativa La formazione continua Centro Regionale Ente di Formazione Giovanile Via Nazionale n. 295 09027 Serrenti (VS) Codice Fiscale e Partiva IVA 02823570920 Tel. 0709150085_ mail crefog@tiscali.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Piano di Formazione 2013

Piano di Formazione 2013 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per le Risorse Umane del Ministero,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON L AGENZIA NAZIONALE PER L ATTRAZIONE DEGLI INVESTIMENTI E LO SVILUPPO D IMPRESA S.P.A. (INVITALIA) PREMESSO CHE - L art.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 Indice: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa 2015-2017......2 1. Responsabilità, elaborazione, adozione e aggiornamento del Programma...4 2. I dati da pubblicare sul sito istituzionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE

ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE ASSESSORADU DE SOS AFÀRIOS GENERALES, PERSONALE E REFORMA DE SA REGIONE ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE Prot. n. 8226 Determinazione n. 750 Cagliari, 11 Novembre 2014

Dettagli

Corso La gestione informatica dei documenti

Corso La gestione informatica dei documenti Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso La gestione informatica dei documenti

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale Apprendimento generale: Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale metodi e strumenti di lavoro di tipo generale pubblica amministrazione e ambiente processi di lavoro

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2014 2015-2016 La redazione del Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità è strutturata in sezioni relative a: Premessa Supporto normativo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 COMUNE DI GRIZZANA MORANDI PROVINCIA DI BOLOGNA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2015 2016 Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. 15 del 29/1/2014 PREMESSA Sito

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni Determinazione dirigenziale n. 1 del 07/01/2013 Oggetto : Servizio di supporto alle attività di digitalizzazione dei flussi documentali dell'albo Gestori Ambientali. Affidamento all'unioncamere Molise

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il Personale della Scuola UFF.

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il Personale della Scuola UFF. COMUNICAZIONE DI SERVIZIO Prot.n.1446 Roma, 29 luglio 2005 Ai Direttori degli Uffici scolastici regionali LORO SEDI OGGETTO : Piano di formazione per lo sviluppo delle competenze linguistico - comunicative

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

Decreto 17 aprile 2003

Decreto 17 aprile 2003 Decreto 17 aprile 2003 Criteri e procedure di accreditamento dei corsi di studio a distanza delle università statali e non statali e delle istituzioni universitarie abilitate a rilasciare titoli accademici

Dettagli

Contabilità e fiscalità pubblica

Contabilità e fiscalità pubblica Contabilità e fiscalità pubblica Corso 60 ore Negli ultimi anni è in corso un consistente sforzo - che partendo dal piano normativo si ripercuote sull ordinamento e sulla gestione contabile di tutte le

Dettagli

ELENCO DELLE TIPOLOGIE DI PROCEDIMENTO SVOLTE ALL INTERNO DELL UFFICIO V R.U.

ELENCO DELLE TIPOLOGIE DI PROCEDIMENTO SVOLTE ALL INTERNO DELL UFFICIO V R.U. Istituto Superiore di Sanità ELENCO DELLE TIPOLOGIE DI PROCEDIMENTO SVOLTE ALL INTERNO DELL UFFICIO V R.U. L Ufficio V Organizzazione Formazione e sviluppo delle risorse umane, ogni anno al fine di predisporre

Dettagli

Istituto Comprensivo " E. Mattei"

Istituto Comprensivo  E. Mattei Istituto Comprensivo " E. Mattei" Centro Territoriale Permanente per l 'Istruzione e la Formazione in età adulta Viale Roma, 30 Tel. 0737 84339-787634 /Fax 0737 787634 E-mail: mcic80700n@istruzione.it

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017

COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 COMUNE DI CENTO Provincia di Ferrara PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015/2017 Predisposto dal responsabile per la Trasparenza Segretario Generale Dott.ssa Margherita Clemente Adottato

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE N. 3

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE N. 3 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE N. 3 DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE (Assunto il 11/05/2016 prot. n.1361) Registro

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO POLITICHE PER IL BENESSERE SOCIALE E LE PARI OPPORTUNITA 19 marzo 2013, n. 240

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO POLITICHE PER IL BENESSERE SOCIALE E LE PARI OPPORTUNITA 19 marzo 2013, n. 240 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 28-03-2013 11749 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO POLITICHE PER IL BENESSERE SOCIALE E LE PARI OPPORTUNITA 19 marzo 2013, n. 240 Legge regionale

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE E L AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI ****************** L AUTORITÀ NAZIONALE

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI Processo evolutivo in materia contabile D.P.R. 382/80 riconoscimento alle

Dettagli

La disciplina degli appalti di lavori pubblici dopo i tagli finanziari e le nuove norme

La disciplina degli appalti di lavori pubblici dopo i tagli finanziari e le nuove norme La disciplina degli appalti di lavori pubblici dopo i tagli finanziari e le nuove norme Homepage > Corsi > Corsi a catalogo > Codice dei contratti > La disciplina degli appalti di lavori pubblici dopo

Dettagli

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione Anni 2014-2016 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1107 D.D. 19 novembre 2010, n. 1316 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 - Ricorso alla procedura negoziata, ai sensi dell'art. 57, comma 2, lettera b)

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia Allegato A Del. di Giunta comunale n. 69 del 30 luglio 2014 COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2016 APPROVATO CON DELIBERA DI G.C. N. 9 DEL 31/01/2014

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune 2. Il processo di pubblicazione dei dati 3. Le iniziative per l integrità

Dettagli

Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Pubblicato in GU n.8 del 11/01/2012 in vigore dal 26/01/2012. Formazione e sicurezza

Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Pubblicato in GU n.8 del 11/01/2012 in vigore dal 26/01/2012. Formazione e sicurezza Formazione e sicurezza 1 RSPP ASPP Lavoratori e Preposti addetti al Montaggio / Smontaggio/ Trasformazione di Ponteggi Addetti Primo Soccorso Prevenzione incendi RLS Accordo Stato-Regioni 26 gennaio 2006

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II

Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II Percorso formativo rivolto al personale dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia appartenente all Area II 1. Premesse Lo scenario di riferimento Il profondo mutamento del panorama normativo posto

Dettagli

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo.

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Il Presidente, d intesa con l Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale. Veterinaria - Settore LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale. Veterinaria - Settore LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Piano Regionale dei Controlli integrati in materia di sicurezza alimentare 2007-2010. N. 547 IN 23/05/2008 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA Visto il Regolamento (CE) n. 178/2002

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

Il Direttore dell esecuzione. esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti. Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici..

Il Direttore dell esecuzione. esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti. Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici.. Il Direttore dell esecuzione esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici.. Stefania Gherri Reggio Emilia 12/12/2007 Il Direttore dell esecuzione..

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO DELLA DIFESA

LINEE GUIDA SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO DELLA DIFESA LINEE GUIDA SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO DELLA DIFESA (Accordi Stato-Regioni del 21 Dicembre 2011 pubblicati sulla G.U.

Dettagli

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AVVISO n. 07/2013 Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per il profilo specialistico di Esperto nei processi

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa

Comune di Bassano del Grappa Comune di Bassano del Grappa DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Registro Unico 1247 / 2014 Area Staff OGGETTO: ACQUISIZIONE SERVIZIO AGGIORNAMENTO TECNOLOGICO DEL SOFTWARE APPLICATIVO PER LA GESTIONE ECONOMICA

Dettagli

DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015

DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015 DECRETO N. 6931 Del 24/08/2015 Identificativo Atto n. 761 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto FPV - APPROVAZIONE PROGETTO DI RICERCA RIVOLTO AD APPRENDISTI ASSUNTI AI SENSI DELL

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N.

PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N. PIANO TRIENNALE PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (ART. 1, COMMA 8, LEGGE 6 NOVEMBRE 2012, N. 190) INDICE Premessa 1. La formazione: strumento di promozione della

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI SAN CIPIRELLO SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA A. GRAMSCI, 2-90040 SAN CIPIRELLO

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI SAN CIPIRELLO SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA A. GRAMSCI, 2-90040 SAN CIPIRELLO ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI SAN CIPIRELLO SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA A. GRAMSCI, 2-90040 SAN CIPIRELLO PAIC81500G C.F. 97030190827 091/8573400 paic81500g@pec.istruzione.it

Dettagli

CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE PROGETTO ASFODELO. Programma Operativo Regionale FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano Linea di attività i.3.

CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE PROGETTO ASFODELO. Programma Operativo Regionale FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano Linea di attività i.3. PROGETTO ASFODELO Programma Operativo Regionale FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano Linea di attività i.3.2 Avviso pubblico per manifestazioni di interesse a partecipare al percorso di rafforzamento delle

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU2 09/01/2014

REGIONE PIEMONTE BU2 09/01/2014 REGIONE PIEMONTE BU2 09/01/2014 Codice DB1603 D.D. 29 ottobre 2013, n. 514 PAR FSC 2007-2013 Asse I.3 Linea d'intervento Comparto artigianato - "Valorizzazione delle produzioni dell'artigianato piemontese

Dettagli

Oggetto: accordi per la formazione sulla sicurezza per lavoratori e datori di lavoro.

Oggetto: accordi per la formazione sulla sicurezza per lavoratori e datori di lavoro. Roma, 9 febbraio 2012 Circ. n. 39 / 2012 Prot. n. 113 / AS Arch. n. 2 / D ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale Progetto di Gemellaggio TR 08 IB FI 02 Improving Data Quality in Public Accounts Workshop internazionale Public accounting data quality and IPSAS implementation strategies in UE countries Istanbul, 3-5

Dettagli

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738 Identificativo Atto n. 738 7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA DI PRE-SELEZIONE DEI PROGETTI DI CUI ALL AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA MOBILITA 4 dicembre 2014, n.136

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA MOBILITA 4 dicembre 2014, n.136 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA MOBILITA 4 dicembre 2014, n.136 Aggiornamento del Piano attuativo del Piano Regionale dei Trasporti per

Dettagli

Comuni di: Aicurzio, Basiano, Bellusco, Busnago, Cavenago B.za, Cambiago, Gessate, Masate, Mezzago, Ornago, Sulbiate, Verderio Inf.

Comuni di: Aicurzio, Basiano, Bellusco, Busnago, Cavenago B.za, Cambiago, Gessate, Masate, Mezzago, Ornago, Sulbiate, Verderio Inf. DETERMINAZIONE N. 08 DEL 04/02/2013 - COPIA OGGETTO: MODERNIZZAZIONE SISTEMA INFORMATICO CONSORTILE AFFIDAMENTO, MANUTENZIONE, AGGIORNAMENTO, ASSISTENZA AI SOFTWARE URBI DA UTILIZZARSI IN COLLEGAMENTO

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 Stralcio di pari opportunità: L AUTORITA PER L UGUAGLIANZA ( ) ( ) 5.2.7

Dettagli

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE INFORMATIVA SULL ADOZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Gennaio 2014 Il 28 novembre 2012, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è entrata in vigore la L. 6 novembre 2012 n.

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: il D.M. n.13294 del 18 novembre 2009, registrato dall Ufficio Centrale di Bilancio Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in data 21 dicembre 2009 n. 2945, nonché

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Codifica adempimenti L.R. 15/08 (trasparenza) Ufficio istruttore Direzione Amministrativa Tipo materia Attività negoziale Misura/Azione No Privacy No Pubblicazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014-2016 Predisposto dal responsabile per la trasparenza e pubblicato nella sezione Amministrazione trasparente del sito web istituzionale www.venetoagricoltura.org

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Codifica adempimenti L.R. 15/08 (trasparenza) Ufficio istruttore Direzione Amministrativa Tipo materia Attività negoziale Misura/Azione No Privacy No Pubblicazione

Dettagli

MASTER di I Livello. Europrogettazione. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA445

MASTER di I Livello. Europrogettazione. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA445 MASTER di I Livello 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA445 Pagina 1/6 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Facoltà Laurea Magistrale in Scienze Economiche LM-56 Area GIURIDICA ECONOMICA Categoria

Dettagli

2 Confronto con le Regioni sperimentatrici sull armonizzazione contabile

2 Confronto con le Regioni sperimentatrici sull armonizzazione contabile 2 Confronto con le Regioni sperimentatrici sull armonizzazione contabile La gestione del bilancio di cassa Giornata di studio Bologna, 01/07/2014 1 REGIONE LIGURIA Direzione Centrale Risorse Strumentali,

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

COMUNE DI GIOIOSA MAREA. Provincia di Messina

COMUNE DI GIOIOSA MAREA. Provincia di Messina COMUNE DI GIOIOSA MAREA Provincia di Messina AGGIORNAMENTO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2016-2018 Indice: Premessa......2 1. Responsabilità, elaborazione, adozione e aggiornamento

Dettagli

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Z.I.T.A.C. S.p.A. Zona Industriale Tecnologica Artigianale del Cittadellese Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Prima applicazione 2014-2016 Proposto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 1 1 Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE. Aprile 2015

PROPOSTE FORMATIVE. Aprile 2015 PROPOSTE FORMATIVE Aprile 2015 AREE TEMATICHE GESTIONE D IMPRESA COMPLIANCE E-LEARNING ANALISI ORGANIZZATIVA FINALITA : Intraprendere un progetto di cambiamento organizzativo prevede la capacità di individuare

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 4.3.2 Titolo Azione

Dettagli