Verso una Pubblica Amministrazione unitaria: cooperazione applicativa e semplificazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verso una Pubblica Amministrazione unitaria: cooperazione applicativa e semplificazione"

Transcript

1 Palazzo delle Stelline Milano 25 novembre ore ATTI DEL SEMINARIO Verso una Pubblica Amministrazione unitaria: cooperazione applicativa e semplificazione Il Sistema Pubblico di Cooperazione (SPCoop) definito da CNIPA fornisce attraverso il concetto di cooperazione applicativa gli strumenti tecnologici e le condizioni organizzative che garantiscono la cooperazione tra più amministrazioni per l erogazione di servizi integrati a cittadini e imprese. La cooperazione applicativa rappresenta uno strumento fondamentale per l attuazione dell articolo 12, comma 5, del Codice dell Amministrazione Digitale che impone alle Pubbliche Amministrazioni di garantire l accesso alla consultazione, la circolazione e lo scambio di dati e informazioni, nonché l interoperabilità dei sistemi e l integrazione dei processi di servizio fra le diverse amministrazioni. Tale integrazione, come previsto dall articolo 66, comma 3, ha come finalità quella di agevolare gli adempimenti di cittadini ed imprese e rendere più efficienti i procedimenti che interessano più amministrazioni, attraverso idonei sistemi di cooperazione ; in questo senso la cooperazione applicativa rappresenta un importante strumento per la semplificazione amministrativa. Il seminario si propone di fornire una introduzione ai concetti di base e agli strumenti per la cooperazione applicativa come strumento per la semplificazione amministrativa. In particolare, il seminario presenterà le iniziative in via di adozione da parte della Regione Lombardia per favorire la diffusione di servizi basati sulla cooperazione applicativa.

2 La cooperazione applicativa su SPC: un opportunità per l integrazione e la semplificazione amministrativa FieraForum RisorseComuni, Milano 25 novembre 2008 Stefano Fuligni CNIPA - Area Infrastrutture e centri di servizio Sommario Il Sistema Pubblico di Connettività e la normativa di riferimento Il modello e i componenti SPCoop La Porta di Dominio L Accordo di servizio I servizi infrastrutturali SICA L autorizzazione e l accesso ai servizi applicativi Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 2

3 L ecosistema SPC Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 3 Il Sistema Pubblico di Connettività (SPC) Istituito con D.lgs 7 marzo 2005, n 82 (Codice dell amministrazione digitale CAD) ( ) Il SPC è l'insieme di infrastrutture tecnologiche e di regole tecniche, per lo sviluppo, la condivisione, l'integrazione e la diffusione del patrimonio informativo e dei dati della pubblica amministrazione, necessarie per assicurare l'interoperabilità di base ed evoluta e la cooperazione applicativa dei sistemi informatici e dei flussi informativi, garantendo la sicurezza, la riservatezza delle informazioni, nonché la salvaguardia e l'autonomia del patrimonio informativo di ciascuna pubblica amministrazione. (Art.73, comma 2) Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 4

4 La cooperazione applicativa su SPC «cooperazione applicativa»: la parte del sistema pubblico di connettività finalizzata all'interazione tra i sistemi informatici delle pubbliche amministrazioni per garantire l'integrazione dei metadati, delle informazioni e dei procedimenti amministrativi (Art.72, c.1.e) ( ) finalizzata allo scambio e diffusione delle informazioni tra le pubbliche amministrazioni e alla realizzazione di servizi integrati (Art.73, c.1) Diritti e doveri delle amministrazioni: Gli scambi di documenti informatici tra le pubbliche amministrazioni nell'ambito del SPC, realizzati attraverso la cooperazione applicativa e nel rispetto delle relative procedure e regole tecniche di sicurezza, costituiscono invio documentale valido ad ogni effetto di legge. (Art.76) Le pubbliche amministrazioni nell'ambito della loro autonomia funzionale e gestionale adottano nella progettazione e gestione dei propri sistemi informativi, ivi inclusi gli aspetti organizzativi, soluzioni tecniche compatibili con la cooperazione applicativa con le altre pubbliche amministrazioni, secondo le regole tecniche di cui all'articolo 71, comma 1-bis (Art. 78, c.1) Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 5 Regole tecniche e di sicurezza per il funzionamento del SPC (Art. 71, c.1-bis del CAD) Approvate con DPCM del 1 aprile 2008, pubblicate su G.U. n 144 del 21 giugno 2008 Definiscono: Architettura e componenti logiche del SPC Servizi di connettività e modalità di utilizzo Servizi e modalità per l interoperabilità e la cooperazione applicativa Infrastrutture condivise, loro utilizzo e specifiche per la realizzazione Requisiti generali per la sicurezza del SPC Gestione delle identità digitali Certificazione dei servizi e qualificazione delle componenti infrastrutturali del SPC Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 6

5 Regole tecniche SPC Definizioni: ( ) servizio telematico, l insieme di funzionalità, realizzate mediante componenti software, erogate attraverso un sistema di comunicazione accessibile anche in internet; servizio applicativo, l insieme di funzionalità, realizzate mediante componenti software, erogate o fruite da una Amministrazione attraverso la Porta di Dominio; Art.7, c.2: Lo scambio di documenti informatici tra i soggetti di cui all art. 75 del codice mediante l utilizzo di servizi applicativi interoperabili e cooperanti nel rispetto delle presenti regole, costituisce invio documentale valido ad ogni effetto di legge, ai sensi dell art. 76 del Codice Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 7 Regole tecniche SPC: architettura generale livello d interconnessione e comunicazione tra le Amministrazioni e nell ambito di una stessa Amministrazione livello d interoperabilità evoluta e cooperazione applicativa tra le Amministrazioni aderenti al SPC livello dei servizi applicativi e telematici resi disponibili attraverso il SPC Il funzionamento e la gestione dei servizi applicativi di cui al comma 1 lettera c) si basano sulla condivisione, da parte delle Amministrazioni cooperanti, di servizi infrastrutturali di interoperabilità, cooperazione ed accesso (SICA), Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 8

6 Lo stack dei servizi SPC Servizi di backoffice delle P.A. Livello di interoperabilità e cooperazione applicativa Servizi per l interoperabilità Livello di connettività Servizi di rete Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 9 Le basi del Sistema Pubblico di Cooperazione Servizi applicativi delle P.A. Accordi di servizio Servizi infrastrutturali di interoperabilità, cooperazione ed accesso (SICA) Porte di Dominio Accesso ai Servizi Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 10

7 I componenti base di SPCoop Servizi Applicativi servizi in rete resi disponibili dalle Amministrazioni su SPCoop, analogo ai Web Services per le SOA Accordo di servizio e Accordo di cooperazione contratti telematici tra le Amministrazioni che regolano e specificano formalmente tutti gli elementi funzionali e tecnici dei servizi applicativi disponibili e che sono pubblicati in una struttura di registri pubblici (Registro dei Servizi SICA) Busta di e-government incapsula il contenuto applicativo del messaggio e fornisce informazioni per il suo trattamento (estensione busta SOAP) Porta di dominio componente distribuito dell architettura SPCoop attraverso il quale ogni Amministrazione eroga e utilizza i servizi applicativi Servizi Infrastrutturali di Cooperazione ed Accesso (SICA) insieme di servizi di infrastruttura condivisi che abilitano la cooperazione applicativa su SPCoop (servizi di Registro e di Catalogo, ID Management, sicurezza applicativa, qualificazione, ecc.) Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 11 La Porta di Dominio Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 12

8 La Porta di Dominio componente architetturale che gestisce la busta e-gov: 1. Verifica formale e gestione dell intestazione In ricezione: controllo formale, sbustamento ed instradamento delle richieste verso i servizi applicativi In trasmissione: composizione della busta e-gov e sua trasmissione verso il destinatario 2. Gestione dei meccanismi di sicurezza Sicurezza a livello di connessione SSL3 o TLS Sicurezza a livello di messaggio SOAP (WS-Security) 3. Gestione dei messaggi diagnostici e degli errori 4. Tracciatura degli eventi 5. Sincronizzazione del tempo di sistema 6. Implementa una consolle di comando e configurazione Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 13 La Porta di Dominio come un Enterprise Services Bus distribuito SA1 SA2 PD PD PD PD PD SA3 Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 14

9 Porta di Dominio: un proxy applicativo non contiene logica applicativa ed è disaccoppiata dal servizio è modulare rispetto al dominio applicativo in modo da poter essere distribuita o centralizzata espone gli stesse metodi del servizio aggiunge in trasmissione e rimuove in ricezione l intestazione della busta e-gov instrada le richieste/risposte verso il servizio corretto è un adattatore di servizi verso SPCoop Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 15 Interazione con la Porta di Dominio Servizi Esposti Amministraz A Porta di Dominio Integrazione Erogazione Servizio A 1. Richiesta, Comunicazione 2. Risposta, Comunicazione Porta di Dominio Fruizione Servizio A Integrazione Servizi Esposti Amministraz B Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 16

10 L Accordo di servizio GII Milano, - Palermo, 25 novembre 24 settembre La cooperazione applicativa su SPC 17 La struttura dell Accordo di Servizio in XML - Scheda relativa ad un servizio - Parte comune 1 - Interfaccia Per erogatore e fruitore 2 Comportamento Per erogatore e fruitore 3 Semantica Riferimenti a concetti Parte specifica 4 punti di accesso al servizio 5 Livelli di servizio 6 caratteristiche di sicurezza Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 18

11 I Servizi infrastrutturali di interoperabilità, cooperazione ed accesso (SICA) GII Milano, - Palermo, 25 novembre 24 settembre La cooperazione applicativa su SPC 19 Servizi di infrastruttura condivisi SICA Infrastruttura per la cooperazione applicativa Servizi di Monitoraggio, Gestione e Sicurezza Interna Servizio di Servizio di Servizio di Gestione Servizio di Catalogo Registro Federate Indice Servizio di Schemi SICA delle dei Certificazione e Generale Identità Soggetti Ontologie digitali Servizio di Servizio di supporto alla qualificazione supporto alla qualificazione del Servizio di della Porta di Dominio Registro SICA Secondario Supporto alla qualificazione di componenti di cooperazione applicativa Porta Porta di di Dominio Dominio SICA SICA Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 20

12 I servizi SICA in sintesi Registri di accordi, soggetti e schemi Servizio di Registro SICA (comprende l Indice PA) Catalogo di schemi ed ontologie Identity & Access management Gestione federata delle identità digitali Indice dei soggetti (comprende la Rubrica PA) Servizio di certificazione Supporto alla qualificazione di componenti Porta di dominio Servizio di Registro SICA di livello secondario Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 21 L accesso ai servizi applicativi GII Milano, - Palermo, 25 novembre 24 settembre La cooperazione applicativa su SPC 22

13 L accesso ai servizi le identità digitali, i ruoli e gli attributi federazione di autorità e interoperabilità l autenticazione e l autorizzazione per l accesso ai servizi Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 23 Art. 22 Regole tecniche SPC I servizi disponibili in SPC possono operare secondo diversi livelli di gestione delle identità digitali: servizi che non richiedono alcuna identificazione o autenticazione; servizi che richiedono l autenticazione in rete da parte di un autorità di autenticazione; servizi che richiedono, per le persone fisiche, l identificazione in rete da parte di un autorità di identificazione; servizi che richiedono per gli utenti, oltre all identificazione, l attestazione di attributi e/o ruoli, che ne qualifichino ulteriormente le funzioni e/o i poteri. L autenticazione in ambito SPC viene effettuata sotto la responsabilità dell ente che eroga un servizio sulla base di un insieme di dati attribuiti in modo esclusivo ed univoco ad un soggetto. Tale autenticazione può essere effettuata anche per il tramite di un soggetto a ciò delegato, sulla base di un accordo di servizio. Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 24

14 DPCM Regole tecniche SPC: gestione delle identità digitali art.22 (2) L'attestazione di attributi o ruoli in ambito SPC viene effettuata dal soggetto (autorita' di attributo e ruolo) che, in base alle norme vigenti, ha la potesta' di attestare i medesimi al fine di garantire gli opportuni livelli di sicurezza richiesti per l'erogazione di un servizio. Le autorita' di attributo e ruolo sono iscritte in un apposito registro, disponibile in rete, previa adesione ad uno specifico accordo di servizio definito dalla Commissione, in cui vengono descritti il livello di sicurezza e di affidabilita', nonche' i protocolli standard utilizzati nell'ambito del processo di attestazione. Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 25 Gestione federata delle identità digitali Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 26

15 Scenari GFID su SPC Domain Gateway Applications E2E Service Contract SPC Federated Network Central Agency SPC Federated Network SPC Federated Network Central Agency Regional Agency Regional Network Federated Sign On Local Agency Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 27 Modello GFID: gli attori Service Provider: eroga il servizio a valle di asserzioni identificative e di ruolo provenienti da un autorità locale di dominio è responsabile dell erogazione del servizio e della gestione delle autorizzazioni e dell auditing utilizza i componenti: Federation GW: singolo punto di contatto per tutte le richieste di accesso web alle risorse offerte PEP: applica le policy di autorizzazione, prima di concedere l accesso ai singoli servizi esposti. Identity Provider: gestisce le informazioni relative all identità degli utenti della federazione Attribute Authority: certifica tutti o parte degli attributi componenti il profilo di un generico utente Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 28

16 SPCoop: un opportunità per le P.A. Consente l erogazione di servizi a valore ai cittadini ed alle imprese attraverso nuovi canali e servizi compositi Incrementa l efficienza, la trasparenza e riduce i costi della Pubblica Amministrazione Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 29 La bilancia dell integrazione Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 30

17 Grazie per l attenzione Milano, 25 novembre 2008 La cooperazione applicativa su SPC 31

18 Icaro La Cooperazione Applicativa in Azione Agenda Cos è Icaro e come funziona Cooperazione SPC la cooperazione CRS-SISS Stato del progetto Il valore creato (ritorno sociale dell investimento) I prossimi passi

19 Cos è Icaro Nasce un bambino 4 h Il genitore deve: Farsi dare il certificato di assistenza al parto [Punto Nascita] Registrare il neonato in anagrafe [Comune] Ottenere il Codice Fiscale [Agenzia Entrate] Registrare il neonato al Sistema Sanitario Regionale [ASL] Scegliere e farsi attribuire un pediatra [ASL] Cos è Icaro Nasce un bambino Il genitore deve: Usare Icaro [Punto Nascita] 10 m

20 I Messaggi Icar o dati per la registrazione richiesta CF Comune chiedi CF Ag. Entrate ASL Region e fornisce CF emette CF registra il neonato al SSR richiedi carta chiedi elenco pediatri disponibili elenco pediatri con indirizzi e orari registra l attribuzione al pediatra Architettura SISS ASL Ente SPC Ente AO RL Sanità

21 Stato Attuale Il progetto è già attivo a Brescia E funzionante l integrazione tra Ospedale e Comune Sono stati registrati più di bambini Tra 14 giorni il lavoro è completato a Brescia l integrazione sarà completa a Desio l integrazione sarà completa a Milano l integrazione sarà completa con l ospedale Niguarda Benefici Cooperativi Benefici Il tempo del cittadino (che ha un immmagine e un valore) I maggiori ricavi derivanti da incremento di PIL Minor impiego del personale (tutti gli enti) Costi I costi legati ai sistemi sanitari (AO, ASL, RL) Il costo della Porta I costi di integrazione dei Comuni

22 Una Stima Prossimi Passi Estensioni Funzionali Piccole ottimizzazioni Abilitare la gestione del decesso Estensioni Territoriali Estendere il progetto ad AO, ASL e Comuni attivi Estenderlo per poli di aggregazione Semplificare lo sforzo per i comuni

23 Partecipare ad Icaro Elementi per la partecipazione Porta SPC Integrazione con i propri sistemi interni (Anagrafe, Stato Civile) Integrazione Siatel L esperienza sul progetto ci dimostra che: Il mercato è molto interessato ad investire su queste soluzioni Esistono soluzioni articolate adatte a realtà importanti Esistono prodotti (hw+sw) che con poche migliaia di euro risolvono integralmente il problema Entreranno sul mercato nuove soluzione e noi le supporteremo 25/11/2008 Grazie

24 Progetto, risultati e sviluppi Andrea Nicolini - PM ICAR Milano, 25/11/2008 Prima parte - Introduzione

25 Cooperazione applicativa - Definizione Capacità di uno o più sistemi informativi di avvalersi, ciascuno nella propria logica applicativa, dell interscambio automatico di informazioni con gli altri sistemi, per le proprie finalità applicative Architetture di cooperazione o Service Oriented Architecture o Un applicativo di una PA invoca e attiva un servizio di un applicativo di un altra PA (esempio trasferisco la residenza di un cittadino da un comune ad un altro) o Event Driven Architecture o Un evento o cambio di stato in un applicativo di una PA si propaga automaticamente all applicativo di un altra PA (esempio il cambio di indirizzo di un cittadino viene recapitato all ASL per aggiornare i relativi dati)

26 Cooperare significa o Affrontare almeno 4 aspetti: o Tecnico: individuare una piattaforma o framework condiviso (PA, imprese, cittadini ) o Organizzativo: innovare i processi in una logica cooperativa o Normativo: definire la valenza giudirica di dati e servizi scambiati e prodotti attraverso il framework di cooperazione o Strategico: individuare i servizi prioritari o fondamentali (diritti minimi di PA, imprese e cittadini) Standards o extensible Markup Language (2001) o Universal Description, Discovery and Integration (2002) o Simple Object Access Protocol (2003) o Ontology Web Language (2004) o Web Services Description Language (2007) o Semantic Annotation Web Services Description Language (2007)

27 Architettura Web Services Service Broker UDDI WSDL WSDL Service Requester SOAP Service Provider Seconda parte Presentazione ICAR

28 ICAR? I CARe Slogan demodé, sostituito dal moderno Yes, we can

29 icar ICARo Dedalo e Icaro. Olio su tela di Charles-Paul Landon

30 ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa in rete tra le Regioni Perché o SPCoop e la Cooperazione Applicativa sono diventati lo snodo principale, in quanto tecnologia abilitante, dell azione di semplificazione e ammodernamento della PA a tutti i livelli o Le Regioni attraverso ICAR, concretizzano le linee strategiche nazionali, raccordando i diversi livelli della PA, esaltano la propria centralità amministrativa e permettono il dispiegamento su tutto il territorio di una potente azione innovativa

31 Cosa ICAR è un progetto che definisce il modello e attiva l infrastruttura di cooperazione applicativa fra le pubbliche amministrazioni secondo le specifiche SPCoop sperimentandola in 7 aree applicative. In particolare, ICAR: o Dispiega l infrastruttura di base (porte di dominio) sviluppata in modalità open in un ambito estremamente ampio o Sperimenta una gestione integrata degli SLA in 7 ambiti applicativi o Federa i sistemi di identità digitale delle Regioni coinvolte, proponendo un modello di federazione o Sperimenta un modello di schemi semantici e ontologie di dominio Chi o o o o 16 Regioni (Valle d Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Campania, Basilicata, Puglia e Sardegna) 1 provincia Autonoma (Trento) Molise e Calabria hanno da poco formalizzato l adesione La Provincia Autonoma di Bolzano e la Regione autonoma siciliana stanno valutando l adesione

32 Come AP 1 MobilitàSa nitaria AP 2 Anagrafe AP 3 AOO AP 4 Lavoro AP 5 Bollo Auto AP 6 Osserv. Car bur. AP 7 Cisis Ci nsedo Casi di studio INF 3 Sistema Federato di Autenticazione INF 2 Gestione di Strumenti Interregionali di Service Level Agreement Interventi infrastrutturali INF 1 Infrastr uttura di base per la Cooperazione Applicativa Interregionale o 10 interventi di cui: o 3 Interventi Infrastrutturali o 7 Casi di studio Applicativi Governance Governance strategica MIT Altre P.A. cooperanti Comitato Interregionale Coordinamento Generale (CICG) Comi tato AutoValutazione (CAV) CNIPA Comi tato Tecnico Interprogettuale (CTI) Responsabile Servizi Centrali (RSC) Staff Cent rale Staff Tecnico Staff Amm inistrati vo CRC Governance tecnica

33 Governance: organi strategici o Comitato Interregionale di Coordinamento Generale(CICG): è formato dai responsabili di progetto ICAR di ogni singola Regione e gestisce e coordina il progetto in tutte le sue evoluzioni o Comitato di Auto Valutazione (CAV): è formato da 5 delle Regioni non capofila di task (Umbria, Emilia-Romagna, Puglia, Abruzzo e Lazio) e valuta lo stato di avanzamento del progetto, con particolare attenzione alla gestione delle criticità e dei rischi Governance: organi tecnici o Comitato Tecnico Interprogettuale (CTI): è composto dai capo progetto di ognuno dei 10 task in cui si articola ICAR e raccorda gli sviluppi tecnici dell intero progetto, collaborando con il Cnipa per gli aspetti a rilevanza nazionale o Staff Centrale ICAR: è un ufficio presso il Cisis (Centro Interregionale Sistemi informativi, geografici e statistici), composto da 3 risorse dedicate a tempo pieno allo sviluppo delle azioni interregionali di coordinamento

34 Gli elementi innovativi o Il modello di governance interregionale; o L aggregazione proponente: 17 enti direttamente e indirettamente oltre 6000 enti; o La tecnologia: pochissime esperienze (in primis nella PA) di progetti con architetture orientate ai servizi (SOA); o Gli standard: utilizzo intensivo di standard affermati ma poco utilizzati (XML, WSDL, SAML) e utilizzo di nuovi standard o in corso di standardizzazione (WS-Agreement, SAWSDL, WSBL, ecc.); o Il modello open: documenti e moduli software tutti distribuiti in logica pubblica (open source, eupl, gnu, creative commons, ecc.). Comunicazione ICAR o o o o Progetto complesso: per tecnologia utilizzata, per numero di enti coinvolti e responsabili di singole azioni (oltre 100) e per numero e tipologia di beneficiari; Azioni comunicative diversificate e mirate per gli utenti interni ed esterni ; Ricerca di forme innovative per differenziarsi dai precedenti progetti di e-gov, oltre che per la tecnologia utilizzata, anche per la comunicazione, al fine di evidenziare la discontinuità; La cooperazione applicativa non è conosciuta, nemmeno dalla gran parte degli operatori di settore, necessita quindi di azioni disseminative e formative di accompagnamento.

35 Comunicazione Sito web, ICARtoni, ICARQuiz e spettacolo teatrale Sviluppi o Gli sviluppi che si possono prevedere sono riconducibili a due macro categorie: o Sviluppi diretti, determinati dal progetto nel suo ultimo anno di attività, sia a livello regionale che interregionale o Sviluppi indiretti, determinati dall adozione del modello e/o delle soluzioni tecnologiche da parte di altri progetti, tipicamente interregionali

36 Sviluppi diretti o Il consolidamento delle soluzioni adottate, soprattutto negli applicativi, con particolare attenzione per i task che coinvolgono amministrazioni o enti centrali (sanità, anagrafe, lavoro, ecc.); o Il dispiegamento negli ambiti regionali dei servizi infrastrutturali e applicativi, ma soprattutto la definizione del sistema regionale a supporto della cooperazione applicativa (laboratori, università, società in house, organi interistituzionali, ecc.) Sviluppi indiretti o Lo sviluppo di nuovi progetti interregionali incentrati sulla cooperazione e organizzati in modo omologo ad ICAR, secondo la strategia che le Regioni hanno definito per innovare il paese; o La definizione puntuale ed esaustiva di SPCoop; o Il consolidamento della comunità di pratica, nell azione delle Regioni e, più in generale, nel governo tecnico di SPCoop;

37 Strategia Interregionale o Lo sviluppo è strutturato a tre livelli: o Infrastruttura tecnologica interregionale per la cooperazione (Infrastrutturali ICAR); o Applicativi infrastrutturali abilitanti (Anagrafi); o Applicativi di dominio (Applicativi ICAR, Infomobilità, Beni culturali) o Il monitoraggio, la disseminazione e lo sviluppo della cultura della cooperazione applicativa è realizzato attraverso il progetto ICAR Plus Disegno strategia Dominio Infomobilità Dominio Beni Culturali Dominio Lavoro Applicativi infrastrutturali abilitanti (Anagrafe civile, Anagrafe territorio, Anagrafe imprese, Anagrafe tributaria, ecc.) Infrastruttura tecnologica (Porta di Dominio, NICA, SLA, Identità Federata) Dominio Monitoraggio, disseminazione, comunicazione e formazione (ICAR Plus)

38 Terza parte Stato dell arte Pianificazione ICAR Attività 2006 IIs Is 2007 IIs Is 2008 IIs 2009 Is Coordinamento Analisi INF Analisi AP Realizzazione INF Realizzazione AP Sperimentazione Formazione Esercizio

39 Le scadenze o Marzo 2007: specifiche tecniche e definizione dei modelli per gli infrastrutturali o Settembre 2007: contenuti e formati informativi e progettazione moduli integrativi per gli applicativi o Dicembre 2007: implementazione di riferimento dei servizi di interoperabilità o Aprile 2008: implementazione di riferimento dei servizi applicativi o Giugno 2008: messa in esercizio della infrastruttura e dei primi applicativi o Giugno 2009: chiusura progetto Infrastruttura di base (INF1 Toscana) o Specifiche per la costruzione di una PDD SPCoop-ICAR: o Per l erogazione del servizio di monitoraggio degli SLA; o Per il supporto dell identità digitale federata; o Di interfaccia verso i sistemi informativi interni al dominio; o Del gestore eventi SPCoop-ICAR; o Del registro SICA secondario SPCoop-ICAR; o Rilascia l implementazione del Nodo di Interconnessione per la Cooperazione Applicativa (NICA) completo di: o PDD SPCoop-ICAR; o Gestore degli eventi; o Registro SICA secondario;

40 Infrastruttura di base Stato attuale o Rilasciati i modelli e le specifiche tecniche a marzo 2007 o Primo rilascio avvenuto a metà ottobre 2007, secondo avvenuto il 20 febbraio 2008, terzo rilascio avvenuto il 15 aprile o 16 Regioni hanno già terminato positivamente il collaudo di progetto, a giorni inizieranno i collaudi SPCoop (compatibilmente con l avvio del servizio di qualificazione del Cnipa) o 1 Regione deve ancora terminare l installazione (Marche) o Quarto ed ultimo rilascio previsto per gennaio 2009, condizionato da specifiche Cnipa per SICA Monitoraggio SLA (INF2 Liguria) o Definizione dei parametri fondamentali da utilizzare come indicatori nella dichiarazione della qualità del livello di servizio; o Realizzazione di un implementazione di riferimento che consenta : o La pubblicazione dei parametri fondamentali prima definiti; o La misura dei suddetti parametri, a partire dai valori registrati durante l esercizio del servizio stesso, la loro archiviazione e pubblicazione.

41 Monitoraggio SLA Stato attuale o Rilasciati i modelli e le specifiche tecniche a marzo 2007 o Primo rilascio avvenuto i primi di dicembre 2007, secondo rilascio avvenuto il 20 febbraio 2008 o Una decina di Regioni hanno collaudato; o Terzo ed ultimo rilascio previsto per gennaio 2009, condizionato dalle specifiche degli accordi di servizio del Cnipa Identità digitale federata (INF3 Piemonte) o Definizione di un modello logico di riferimento indipendente dalla tecnologia di implementazione, che permetta di raggiungere l univoca identificazione dell utente nella Community Network interregionale e indichi le modalità con cui un servizio può verificare gli attributi posseduti da un utente ai fini dell autorizzazione all accesso; o Specifiche e Reference implementation dei servizi di Comunità interoperanti; o Implementazione in ogni Regione, eventualmente usando un layer di adattamento del proprio sistema di IdM.

42 Identità digitale federata Stato attuale o Rilasciati i modelli e le specifiche tecniche a marzo 2007 o Primo ed unico rilascio software avvenuto il 15 aprile 2008 o In corso i primi dispiegamenti territoriali (Lombardia) Osservatorio carburanti (AP6 - Liguria) o Osservatorio interregionale alimentato in modalità di cooperazione applicativa dalle singole Regioni per i seguenti flussi: o Anagrafiche degli impianti i codici identificativi regionali e dell Ufficio Tecnico delle Finanze, la sua localizzazione, il suo titolare e il gestore; o Anagrafiche dei titolari e dei gestori; o Dati sull erogato quantità di erogato del singolo impianto per tipo di carburante.

43 Osservatorio carburanti Rilasci o Piano di progetto o Vista di insieme o Modellazione o Specifiche di interfaccia o Mock-up o Accordi di servizio Statistica (AP7 Lombardia) o Creare una base dati federata organizzata per sezioni tematiche ed aree geografiche o Favorire l interscambio delle informazioni tra i sistemi statistici regionali o Fornire un set di indicatori regionali a supporto della Conferenza dei Presidenti e delle regioni

44 Statistica Stato attuale o Piano di progetto o Vista di insieme o Modellazione o Specifiche di interfaccia o Accordo di servizio Andrea Nicolini Giovanni Damiano Sara Di Girolamo Grazie! 06/

45 Identity Management Identità Digitale e accesso a servizi OnLine stato dell arte e iniziative sul territorio lombardo Risorse Comuni, 25 novembre 2008 Massimiliano Pianciamore CEFRIEL FOR DISCUSSION PURPOSES ONLY: ANY OTHER USE OF THIS PRESENTATION - INCLUDING REPRODUCTION FOR PURPOSES OTHER THAN NOTED ABOVE, MODIFICATION OR DISTRIBUTION - WITHOUT THE PRIOR WRITTEN PERMISSION OF CEFRIEL IS PROHIBITED Identity management e Servizi di e-governmente La gestione dell identità digitale riveste un ruolo chiave nelle infrastrutture software per l e-government Servizi della PA a disposizione dei cittadini Accesso trasparente, che non richieda all utente autenticazione multipla (SSO) Gestione dell accesso ai servizi online di diverse tipologie di utenti, per es. utenti esterni (cittadini) utenti interni (operatori, amministratori) Creazione di meccanismi per stabilire relazioni di trust tra domini diversi dislocati sul territorio Impraticabilità di un approccio centralizzato ai controlli di sicurezza Scambio sicuro di informazioni tra le entità interagenti CEFRIEL CEFRIEL

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1 SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013 Versione 1.1 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 DEFINIZIONI 4 2. MODALITÀ DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

UN ARCHITETTURA UNITARIA. - Il nuovo modello di cooperazione SPC - PER L AGENDA DIGITALE

UN ARCHITETTURA UNITARIA. - Il nuovo modello di cooperazione SPC - PER L AGENDA DIGITALE UN ARCHITETTURA UNITARIA PER L AGENDA DIGITALE - Il nuovo modello di cooperazione SPC - documento.: INDICE ACRONIMI... 3 GLOSSARIO... 5 1. SCOPO E STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 6 2. INTRODUZIONE... 7 2.1.

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche

Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche II contenuto del presente documento costituisce materiale riservato e soggetto a copyright. 1 di 39 REDATTO DA < Amici Cinzia > Firma Data 18/01/2011

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche per il protocollo informatico ai sensi degli articoli 40-bis, 41, 47, 57-bis

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

OsSC Corso Formazione Normativa e processo

OsSC Corso Formazione Normativa e processo OsSC Corso Formazione Normativa e processo Paola Aita, Antonio Galluccio, Raffaella Maione Febbraio Aprile 2014 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Sommario INTRODUZIONE... 3 IL PROCESSO CIVILE TELEMATICO... 3 OBBLIGO DEL DEPOSITO

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli