Il progetto è stato realizzato dall Associazione Temporanea di Impresa composta da PROFINGEST, ASTER, FONDAZIONE ALDINI VALERIANI (FAV).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il progetto è stato realizzato dall Associazione Temporanea di Impresa composta da PROFINGEST, ASTER, FONDAZIONE ALDINI VALERIANI (FAV)."

Transcript

1

2 Il presente report è stato prodotto nel quadro delle attività di indagine previste dal Progetto RETI - Ricerca Europea Tirocini Internazionali (PA 2003/0012Ab), finanziato da ARSTUD di Bologna nell ambito del programma FSE Ob. 3 Mis. A2 Anno Il progetto è stato realizzato dall Associazione Temporanea di Impresa composta da PROFINGEST, ASTER, FONDAZIONE ALDINI VALERIANI (FAV). Il report fa parte di una collana che comprende i seguenti titoli: Work experiences in Austria, a cura di Antonella Tajani ASTER Work experiences in Belgio, a cura di Claudia Cantagalli - FAV Work experiences in Bulgaria, a cura di Boyan Zahariev - ASTER Work experiences in Danimarca, a cura di Sandra Massarenti - PROFINGEST Work experiences in Finlandia, a cura di Sandra Massarenti - PROFINGEST Work experiences in Francia, a cura di Raffaella Naldi ASTER Work experiences in Germania, a cura di Raffaella Naldi ASTER Work experiences in Grecia, a cura di Antonella Tajani ASTER Work experiences in Irlanda, a cura di Raffaella Naldi ASTER Work experiences in Lussemburgo, a cura di Claudia Cantagalli - FAV Work experiences in Polonia, a cura di Marta Chmielewska Anielak - ASTER Work experiences in Portogallo, a cura di Antonella Tajani ASTER Work experiences in Romania, a cura di Lumini a Dane - ASTER Work experiences in Slovenia,, a cura di Maja Mezgec - ASTER Work experiences in Spagna, a cura di Raffaella Naldi ASTER Work experiences in Svezia, a cura di Sandra Massarenti - PROFINGEST Work experiences in Ungheria, a cura di Dobó Katalin - ASTER Work experiences nei Paesi Bassi, a cura di C. Cantagalli FAV e S. Massarenti PROFINGEST Work experiences nel Regno Unito, a cura di Raffaella Naldi ASTER Work experiences nella Repubblica Ceca, a cura di Ondr j Gbelec ASTER Work experiences nella Repubblica Slovacca, a cura di Tomas Krutek - ASTER Le attività di indagine documentaria e di redazione dei report sono state coordinate da Maria Grazia D Angelo - ASTER Bologna, maggio 2004

3 INDICE PARTE PRIMA: ACCESS 1 1. Il mercato del lavoro in Irlanda Quadro socio-economico di base Relazioni economiche con l Italia L accesso al mercato del lavoro per giovani con elevata scolarità: opportunità nei diversi settori Lo stage in Irlanda Definizione Quadro normativo di riferimento Durata Indennità/compenso L organizzazione dello stage per un giovane della UE Diritto di soggiorno, assistenza sanitaria, copertura assicurativa Procedure per organizzare una work experience al di fuori dei programmi comunitari Strumenti per il contatto con le imprese Enti che promuovono tirocini I soggetti che possono promuovere i tirocini Configurazione giuridica dei soggetti che possono promuovere i tirocini Altre opportunita di work experiences in irlanda Il lavoro stagionale: riferimenti e contatti Il volontariato: riferimenti e contatti 47 PARTE SECONDA: IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO L ordinamento degli studi universitari Le principali università La regolamentazione normativa Il sistema del diritto allo studio universitario Il quadro normativo di riferimento I soggetti istituzionali competenti in materia di diritto allo studio I servizi per il diritto allo studio I servizi erogati I requisiti per l accesso ai servizi 56 PARTE TERZA: SERVICES & REFERENCES I servizi di supporto I servizi di orientamento I servizi di accoglienza e accomodation Riferimentie contatti Agenzie e associazioni Siti internet con offerta di stage 66

4 10.3. Riviste Imprese che accolgono tirocinanti stranieri 67 ALLEGATO 1: INDIRIZZI UNIVERSITÀ 69 ALLEGATO 2: ALTRI INDIRIZZI UTILI 76 ALLEGATO 3: COSTO DELLA VITA PER UNO STUDENTE 86 FONTI 88

5 PARTE PRIMA: ACCESS 1

6 1. Il mercato del lavoro in Irlanda 1.1. Quadro socio-economico di base Il territorio dell isola d Irlanda è suddiviso in 4 regioni principali di dimensioni pressochè uguali: Munster (sud), Connacht (ovest), Ulster (nord) e Leinster (est). La suddivisione è molto antica, risale all epoca pre-cristiana e non è di natura politico-amministrativa in quanto 6 delle 9 contee dell Ulster costituiscono l Irlanda del Nord e politicamente fanno parte del Regno Unito. La Repubblica Irlandese (Éire o Republic of Ireland) costituisce buona parte del territorio dell isola e comprende 26 contee. L Irlanda, indipendente dal 1923, è una democrazia parlamentare il cui Parlamento Nazionale (Oireachtas) è costituito dal Presidente della Repubblica, la Camera dei Rappresentanti ed il Senato. Il Presidente è guardiano della Costituzione, viene eletto a suffragio universale e rimane in carica per un periodo di 7 anni. Il potere legislativo viene esercitato dalle due camere. La principale è la Camera dei Rappresentanti (Dáil) che ha 166 deputati con mandato quinquennale. Il Senato (Seanad) ha 60 membri, di cui 11 sono eletti direttamente dal Primo Ministro (Taoiseach) e 49 sono eletti indirettamente per un periodo di 5 anni. Il potere esecutivo è nelle mani del Gabinetto (che risponde esclusivamente alla Camera dei Rappresentanti), costituito da un minimo di 7 e da un massimo di 15 ministri e diretto dal Primo Ministro, il quale a sua volta viene insignito dal Presidente dopo essere stato nominato dalla Camera dei Rappresentanti. La legge è basata sul diritto comune e sulla legislazione promulgata dal Parlamento nel rispetto della Costituzione. La Costituzione stabilisce la forma di Governo e Il mercato del lavoro in Irlanda 2

7 definisce i poteri e le funzioni del Presidente, di entrambe le Camere del Parlamento, del Governo, nonché la struttura e i poteri dei Tribunali e i diritti fondamentali dei cittadini. I Tribunali sono istituiti dalla legge con lo scopo di amministrare la giustizia. Il Tribunale Distrettuale (District Court) si occupa di reati e casi civili minori; il Tribunale Circoscrizionale (Circuit Court), presieduto da un giudice e da una giuria di 12 cittadini nei casi di criminalità, tratta i reati più gravi, ruolo questo che viene assunto anche dal Tribunale Superiore (High Court) e dal Tribunale Criminale Centrale (Central Criminal Court). Vi è infine la Corte Suprema (Supreme Court) che è il tribunale d appello. La bandiera dell Irlanda, il caratteristico tricolore verde-bianco-arancione, risale al 1848 e simboleggia l unione tra l Irlanda celtica (verde) e l Irlanda protestante (arancione). Geografia L isola irlandese, separata dalla Gran Bretagna dal Mare d Irlanda (Irish sea) e lambita dalle acque dell Oceano Atlantico, è l isola più occidentale del continente europeo. Ha una superficie totale di Kmq (di cui costituiscono la Repubblica d Irlanda e l Irlanda del Nord) e più di km di coste caratterizzate in buona parte da impressionanti scogliere (la più alta a Slieve League nella contea di Donegal) intervallate da spiagge sabbiose. Il territorio, specialmente nella zona centrale del paese, è pianeggiante con modesti rilievi collinari argillosi e numerosi laghi. La montagna più alta dell isola è il Carrantuohill (1041m) che fa parte della catena MacGillicuddy nel sud-ovest dell isola (Co. Kerry) dove sono concentrati i maggiori rilievi montuosi. Lo Shannon è il fiume più lungo (358 km) non solo dell Irlanda ma di tutte le isole britanniche e divide quasi il paese in due parti. Vi sono inoltre numerosi canali utilizzati in passato come vie di comunicazione e per il trasporto di merci tra cui spicca il Grand Canal che collega Dublino con la foce dello Shannon. Un elemento caratteristico del paesaggio è costituito dalle torbiere (bogs) che coprono quasi il 15% dell intero territorio e derivano dalla decomposizione di antiche formazioni vegetali. Inutilizzabili per colture agrarie o pascolo vengono oggi impiegate per ricavare combustibile ad uso domestico La costa occidentale è inoltre punteggiata da numerose isole di cui soltanto 18 sono abitate. Tra le più famose le Isole Aran nella Baia di Galway, conosciute anche per i caratteristici maglioni di lana Il clima dell isola non è senza dubbio uno degli aspetti di maggior richiamo per turisti e visitatori. L Irlanda è uno dei paesi più piovosi del continente europeo con massimi di oltre 2000mm annui, distribuiti su quasi 200 giorni, sulla costa occidentale. Influenzato dalla corrente del Golfo e dai venti prevalenti dall Atlantico il clima è temperato con temperature miti durante tutto l anno e rare escursioni verso gli estremi. A luglio e agosto, i mesi più caldi, la temperatura difficilmente supera i 25º mentre d inverno raramente scende sotto Oº con medie comprese tra 4º e 7º. Il movimento continuo delle masse d aria influenzato dalla vicinanza dell Oceano rende il tempo estremamente imprevedibile e determina brusche variazioni anche nel corso della giornata. Le giornate di sole non interrotte da improvvise piogge (showers) sono decisamente rare in tutte le stagioni e fasi prolungate di alta pressione vengono ricordate come circostanze eccezionali (l estate del 95). L aspetto positivo di tanta umidità è lo splendore della vegetazione. Il verde sempre vivo dei prati e dei pascoli è diventato il colore simbolo dell Irlanda da cui il nome di isola di smeraldo (Emerald Isle). Per maggiori informazioni si può contattare il servizio metereologico: Il mercato del lavoro in Irlanda 3

8 La popolazione della Repubblica d Irlanda è oggi di abitanti (1996), con una densità di 53 abitanti per km² prossima ai minimi europei dei paesi scandinavi. La diminuzione del numero di abitanti rispetto al secolo scorso, si stima che a metà dell Ottocento la popolazione superasse gli 8milioni di abitanti, si segnala per unicità a livello mondiale. Una micidiale carestia, a metà del XIXX secolo, associata all esosità del regime tributario imposto dagli inglesi, provocò la morte di più di un milione di irlandesi e l inizio di un processo di emigrazione che è continuato ininterrotto per tutto il Novecento (la popolazione nel 1961 raggiunse il minimo di 2,8milioni). Soltanto nel 1991 vi è stata un inversione del trend e per la prima volta il numero di cittadini stranieri (comunitari e non) che hanno scelto di vivere in Irlanda ha superato il numero di emigranti. La popolazione attuale è prevalentemente concentrata sulla costa orientale e quasi un terzo degli abitanti vive nell area urbana di Dublino (la capitale). Gli altri maggiori centri sono Cork ( ab.), Limerick ( ab.) e Galway ( ab.). Soltanto 23 tra città e paesi superano i abitanti. In base al censimento del 1996 l Irlanda è caratterizzata dalla popolazione più giovane d Europa con circa il 42% di abitanti di età inferiore ai 25 anni e solo l 11.4% di età superiore a 65 anni. L indice di fertilità che nel 1971 raggiunse il massimo con una media di 4 figli per ogni coppia si è oggi stabilizzato intorno a 1.9 che comunque rimane uno dei più alti in Europa. Per quanto riguarda la religione l Irlanda è tradizionalmente e storicamente un paese cattolico. Secondo il censimento del 1991, il 91.7% della popolazione è di fede cattolica ed anche se l autorità e l influenza della chiesa è diminuita negli ultimi anni circa 4 su 5 abitanti frequentano regolarmente le funzioni religiose. I protestanti sono sempre stati una ridotta minoranza ed oggi non rappresentano più del 2.8% della popolazione. Le altre minoranze cristiane includono presbiteriani, metodisti e testimoni di Geova con percentuali inferiori all 1%. Vi sono inoltre circa musulmani ed il numero di moschee è cresciuto sensibilmente negli ultimi anni. La comunità ebraica è in continuo declino e conta oggi circa 1200 adepti di cui ¾ di età superiore ai 50 anni. Il 4.2% della popolazione irlandese non professa una fede specifica. Le due lingue ufficiali sono l Irlandese (la lingua nazionale) e l Inglese (la lingua parlata dalla maggioranza della popolazione). L Irlandese è una lingua celtica ed insieme al gaelico scozzese ed al cornigliano, appartiene al ceppo gaelico. I documenti ufficiali sono stampati in entrambe le lingue. L Irlandese fu la lingua della maggioranza della popolazione fino agli inizi del XIX secolo, ma il passaggio all Inglese fu così rapido che nel 1891 più dell 85% della popolazione parlava Inglese. All inizio del secolo vi fu una rinascita culturale nazionale e, in seguito alla dichiarazione di indipendenza dello stato irlandese, vi fu un rinnovato tentativo di promuovere il bilinguismo. Secondo le ultime statistiche, il 32% degli adulti afferma di avere un adeguata padronanza dell Irlandese. Questo è parlato come madrelingua nelle aree dette Gaeltacht, situate principalmente lungo la costa Ovest. Una specifica autorità statale, l Udaras na Gaeltachta, si occupa dello sviluppo industriale di tali aree, e l Agenzia statale Foras na Gaeilge incoraggia e promuove l utilizzo dell Irlandese in tutto il territorio, nonché come materia scolastica fino alla scuola superiore. Esiste anche un numero crescente di scuole ove l insegnamento avviene solo in Irlandese (Gaelscoil, all-irish schools) e vi sono inoltre la radio nazionale Radio na Gaeltachta ed il canale televisivo TG Ceathar dove i programmi sono solo in Irlandese. Il fuso orario è quello di Greenwich quindi un ora indietro rispetto allo standard dell Europa centrale e dell Italia. Il prefisso di teleselezione internazionale per telefonare in Irlanda è In caso di emergenza si può telefonare al 999 per richiedere l intervento della polizia (Garda Siochana), dei vigili del fuoco, della guardia costiera o per chiamare un ambulanza. Le chiamate al 999 sono gratuite. Le prese elettriche irlandesi hanno tre punte quadrate e sarà quindi necessario munirsi di un adattatore per usare apparecchi europei. Per maggiori dettagli ci si può rivolgere a Electricity Supply Board: Il mercato del lavoro in Irlanda 4

9 Il calendario prevede 9 feste nazionali tra cui Capodanno, Pasqua, il lunedì di Pasqua, Natale e Santo Stefano. Il 17 marzo, St. Patrick s day, è la festa che accomuna tutti gli irlandesi sparsi per tutto il mondo con speciali e sentite celebrazioni organizzate in tutta l Irlanda ma anche in quelle città dove la comunità irlandese è molto forte (New York su tutte). Le altre feste nazionali vengono celebrate il primo lunedì di ogni mese estivo e sono conosciute come Bank Holidays. L orario di apertura dei negozi va dalle 9:00 alle 17:30 (18:00 a Dublino) senza chiusura per la pausa pranzo. I negozi dei centri e nelle aree commerciali delle maggiori città hanno orari di apertura prolungati (fino all 19:00 ed il giovedì fino alle 21:00) e sono generalmente aperti anche di sabato e domenica. Alcuni newsagents, negozi che oltre a giornali e sigarette vendono generi di prima necessità, ed alcuni piccoli supermercati nelle aree centrali delle città sono anche aperti nelle ore notturne e nei giorni festivi. Con l eccezione di pub, ristoranti e locali notturni le bevande alcoliche (birra inclusa) possono essere acquistate esclusivamente nei reparti appositi dei grandi supermercati o in negozi specifici (off licence) che chiudono tassativamente alle 23:00. I pub tradizionalmente servono le ultime pinte alle 23:00, anche se negli ultimi anni, limitatamente ai fine settimana e ai maggiori pub nelle città, alcuni pub hanno ottenuto la licenza di posticipare l orario di chiusura alle 1:30. I pub non osservano turni settimanali di chiusura e durante l anno sono chiusi esclusivamente il giorno di Natale e per Venerdì Santo. La moneta corrente è l Euro che ha sostituito dal 1 gennaio 2002 la sterlina irlandese (Irish Punt). Le banche sono aperte dalle 9:30 alle 16:00 (alle 17:00 il giovedì generalmente) e spesso osservano un ora di chiusura per il pranzo (esclusivamente nei centri minori). Gli indirizzi delle agenzie sono disponibili nell elenco telefonico (EIRCOM Phonebook ), sulle pagine gialle (Golden Pages: o nei relativi siti Internet (inclusi negli Indirizzi utili). La maggior parte delle agenzie ha uno sportello bancomat per il prelievo di contante con le principali carte di credito oppure con la carte bancomat estere convenzionate (Eurocard, Maestro, Cirrus, etc.). Tutte le maggiori Credit Card, es. Visa, MasterCard, American Express, Delta, Laser, sono accettate in Irlanda nei negozi, hotel, ristoranti, ecc. Guest houses, che offrono Bed & Breakfast soltanto, generalmente non le accettano. Per aprire un conto corrente direttamente in Irlanda è necessario essere maggiorenni, avere un documento d identità e fornire documentazione di residenza temporanea (è sufficiente una bolletta intestata a proprio nome). Può essere anche richiesta una lettera del datore di lavoro. La banca generalmente invia dopo pochi giorni una carta bancomat che può essere utilizzata per prelievi negli sportelli automatici e per effettuare pagamenti. Gli indirizzi delle agenzie nelle maggiori città e sul territorio nazionale si possono trovare sul sito internet o sulle Pagine Gialle. In Irlanda vi sono 8 istituti bancari e di credito di cui i principali sono AIB - Allied Irish Bank - Bank of Ireland - TSB - Ulster Bank - National Irish Bank - Per ricevere soldi in Irlanda si può utilizzare il servizio offerto dalle società di servizi finanziari specializzata nel trasferimento internazionale di somme di denaro (Western Union per esempio). Il trasferimento avviene in pochi minuti e per ritirare i soldi è sufficiente presentarsi ad una delle filiali di destinazione, distribuite su tutto il territorio nazionale generalmente presso uffici postali (vedi Find Agent Location in Irlanda nel sito internet di Western Unio - per esempio), con un documento d identità ed il codice numerico Il mercato del lavoro in Irlanda 5

10 MTCN (Money Transfer Control Number) attribuito dall operatore al momento del versamento. È prevista una commissione pari al 3-4% della somma trasferita. Nella Repubblica d Irlanda, per le distanze, si usa il sistema metrico decimale. 1 inch =2.54cm 1 foot =30.48cm 1 yard =91.44cm 1 mile =1.6 km 1 pint =0.57litri 1 gallon =4.54litri 1 ounce (oz) =28.35grammi 1 pound (lb) =453grammi(0.45kg) 1 ton =1016 kg Per guidare è sufficiente la patente italiana o la patente internazionale. Se ci si reca in Irlanda con il proprio automezzo è consigliabile controllare che la propria assicurazione copra i rischi all estero, se è necessaria la Carta Verde e ricordarsi di portare con sé il libretto di circolazione. Volendo risiedere in Irlanda è necessario effettuare l immatricolazione del veicolo presso uno degli uffici del Pubblico Registro Automobilistico (Vehicle Registration Office) che fa capo al Ministero del Fisco (Office of the Revenue Commissioner) e versare la tasse di circolazione all ufficio della motorizzazione (Motor Tax Office) della contea di residenza. Una lista dei Motor Tax Office è disponibile nelle pagine introduttive dell elenco telefonico. In questo caso si rende inoltre necessario stipulare una nuova polizza assicurativa con una compagnia irlandese. La cintura di sicurezza è obbligatoria sia davanti che dietro ed è essenziale ricordarsi di guidare a sinistra! I trasporti L ente nazionale per il trasporto pubblico Córas Iompair Éireann, il cui sito è coordina le tre compagnie di trasporto pubblico irlandesi: gli autobus cittadini a Dublino (Dublin Bus), i pullman che da Dublino servono il resto del paese (Bus Éireann) e la compagnia ferroviaria statale (Irish Rail o Iarnród Éireann). Quest ultima gestisce anche il sistema ferroviario di transito celere dell area di Dublino (DART). I tipici autobus a due piani del Dublin Bus connettono il centro di Dublino con la maggior parte delle aree periferiche della città e circolano con una certa frequenza, tranne la domenica ed i festivi, dalle 6:30 fino alle 23:30. È previsto anche un servizio notturno Nitelink durante il fine settimana limitato alle direttrici principali. Il biglietto viene pagato direttamente al guidatore ed è necessario avere a disposizione l ammontare esatto in monete in quanto le banconote non vengono accettate. È possibile acquistare anche biglietti per piu giorni (Dublin Ramblers): 1giorno (4.50 ); 3gg (8.80 ); 5gg (13.90 ); 7gg (16.50 ). Dublin Bus opera anche un servizio di collegamento dall aeroporto al centro di Dublino così come Aircoach, una compagnia privata, con corse centro/aeroporto/centro ogni 15 minuti. Bus Eireann garantisce un servizio di pullmann da Dublino (Central Bus Station/Busaras), Cork, Limerick, Galway e Waterford verso la maggior parte delle contee della Repubblica e dell Irlanda del Nord. Vi sono inoltre compagnie private (PAMBO Private Association Motor Bus Owners) che collegano Dublino con le maggiori città e destinazioni turistiche a prezzi competitivi. Il servizio ferroviario è fornito da Irish Rail (Iarnrod Éireann). Ci sono due stazioni principali a Dublino: da Connolly Station è possibile raggiungere Belfast, Rosslare (imbarco traghetti per la Francia) e Sligo; Heuston Station serve tutte le altre maggiori città. La rete ferroviaria non è molto sviluppata ed è spesso necessario far capo a Dublino per raggiungere due destinazioni periferiche. È disponibile un servizio telefonico automatizzato per l orario dei treni per le diverse destinazioni i cui numeri sono disponibili sull elenco telefonico o sulle Golden Pages; oltre a un sito Internet molto dettagliato. Il mercato del lavoro in Irlanda 6

11 La DART (Dublin Area Rapid Transit è un servizio di tranvia leggera in superficie che collega l estremità nord della baia di Dublino (Howth) con Bray e Greystones (Co. Wicklow) a sud passando attraverso il centro della città. Presso tutte le autostazioni e le stazioni ferroviarie è possibile acquistare vari tipi di abbonamento per treno + pullman ( il biglietto Irish Explorer, 145, consente chilometraggio illimitato per 8giorni su treni + pullman all interno del territorio della Repubblica; The Emerald Card include anche l Irlanda del Nord (8gg 168 ; 15gg 290 ). Esistono anche biglietti a chilometraggio illimitato solo per pullman, ad esempio, i biglietti Irish Rambler che consentono di utilizzare tutti i pullman all interno della Repubblica: 3gg (45 ); 8gg (100 ); 15gg (145 ). oppure biglietti per studenti. Informazioni sono disponibili anche presso gli uffici del Bord Fáilte o della USIT. Infine a Dublino e nelle maggiori città un diffuso mezzo di spostamento è rappresentato dai taxi, molto diffusi, che possono essere fermati semplicemente per strada oppure ordinati preventivamente. Il costo è generalmente elevato. Il servizio è operato da numerose compagnie private (per prenotazioni consultare le Golden Pages alla voce Taxis and taxicabs). Economia L Irlanda ha attraversato un periodo di profonda trasformazione in seguito all ingresso nella Comunità Europea nel Se agricoltura e zootecnia fino a metà degli anni 70 costituivano gli elementi trainanti dell economia oggi, lo sviluppo dell industria e soprattutto dei servizi legati all industria e all amministrazione, hanno reso l Irlanda il paese con il tasso di crescita economico più alto di tutta l Europa. Il rapido sviluppo degli ultimissimi anni, che ha fatto guadagnare all Irlanda l appellativo di Tigre Celtica (Celtic Tiger), è il risultato delle misure prese dal governo per rilanciare l immagine tradizionale dell Irlanda, considerata per lungo tempo un paese retrogrado all ombra del Regno Unito ed attirare i capitali esteri offrendo condizioni di investimento per le imprese particolarmente favorevoli. A questo si aggiunge inoltre l oculato ed efficace impiego dei fondi stanziati dall Unione Europea per le aree disagiate di cui l Irlanda, al pari della Grecia, del Portogallo e di alcune regioni della Spagna e dell Italia ha beneficiato per anni. I settori economici più importanti sono oggi quello informatico, elettronico e delle tecnologie avanzate (servizi e produzione), le telecomunicazioni, il turismo, i servizi finanziari. L agricoltura, benché sempre importante nelle aree rurali, è in fase di declino e gioca un ruolo sempre meno determinante sull economia del paese. I motori dello sviluppo L Irlanda è considerata una stabile economia con una consistente ed elevata crescita, con un tasso di crescita del PIL sicuramente tra i più alti tra quelli registrati nei Paesi dell Unione Europea. La rapida industrializzazione e lo sviluppo degli ultimi dieci anni scaturiscono, in larga parte, dalla politica economica del Governo diretta alla creazione di un ambiente economico stabile e di un polo attrattivo per gli investimenti esteri. Infatti, attualmente, circa 1500 società straniere, non solo europee ma dell area mondiale, svolgono con successo attività economiche in Irlanda. Principali fattori di attrazione del Paese sono una forza lavoro giovane, un imposta sui profitti tra le più basse d Europa, infrastrutture industriali ed economiche ben sviluppate, un sistema di telecomunicazioni eccellente e competitivo. La combinazione di questi fattori rende l Irlanda la sede più redditizia in Europa per gli investitori esteri. Livello di istruzione e formazione Il governo irlandese ha riconosciuto l'importanza dell'istruzione nel processo di modernizzazione dell'economia, così come il miglioramento degli standard di vita e la riduzione dell'emigrazione. Infatti, i budget pubblici annuali aumentano continuamente il totale dei fondi stanziati per ilsettore scolastico. Tuttora si registra una buona percentuale di popolazione adulta professionalmente non preparata, ciò a causa della scarsa attenzione rivolta all'istruzione negli anni passati, infatti l'istruzione secondaria gratuita è stata introdotta solo nel Il mercato del lavoro in Irlanda 7

12 Negli ultimi trent'anni il tasso di studenti che terminano le scuole superiori è fortemente aumentato (77%), attualmente ci sono quasi un milione di studenti ed il 60% di questi accede successivamente all'università. Il numero di studenti che segue corsi universitari in materie scientifiche resta comunque più basso rispetto alla media degli altri Paesi OCSE, ciò ha contribuito ad accentuare la carenza di specializzazioni nel settore elettronico e dei computer, ostacolando la futura ulteriore crescita economica del Paese. Per questo motivo, alla fine del 1997, il governo ha stanziato fondi sociali a favore dell'istruzione scientifica e tecnica, allo scopo di finanziare la formazione nel settore dell'informatica e delle comunicazioni. Principali indicatori socio politici Valori Anno Fonte: elaborazioni ICE Struttura dell economia La rapida crescita dell economia irlandese, sostenuta soprattutto dalle esportazioni del settore ad alta tecnologia, in particolare da quello informatico (hardware e software) e da quello chimico, ha caratterizzato gran parte degli anni 90. La produzione industriale, che ha rappresentato quasi il 40% del PIL (GDP) nel 1999, è dominata per lo più da imprese multinazionali straniere del settore high-tech, principalmente statunitensi che producono quasi interamente per i mercati esteri europei, per quello del Regno Unito e del Nord America. Il grado di importanza di tali imprese si riscontra considerando il grande e persistente divario esistente tra il PNL (GNP) ed il PIL. Una volta esclusi i profitti reimpatriati di imprese estere in Irlanda e di imprese irlandesi all estero (la differenza tra PIL e PNL), nel 1999 il PNL è risultato più basso del 13% rispetto al Servizi. Nel 1999 il settore dei servizi irlandese ha rappresentato il 54% dell'attività economica ed il 62% dell'occupazione totale. Nonostante la crescita, il contributo di tale settore all'attività economica totale in Irlanda risulta essere basso rispetto alla maggior parte dei Paesi industrializzati; ciò rispecchia sia la priorità, tradizionalmente attribuita dai politici irlandesi, all'incentivazione dell'industria di base sia l'importanza che il settore agricolo riveste ancora nell'economia del Paese. Di conseguenza, le importazioni di servizi, valutate oltre 22 miliardi di dollari Usa, rappresentano gran parte del consumo totale di servizi. Il settore dei servizi privati è dominato dalla banca e dalla finanza, concentrati soprattutto a Dublino, e dal commercio e turismo, diffusi in tutto il Paese. Nel settore dei servizi sono in crescita anche l'ingegneria del software e la consulenza aziendale. L'istruzione ed il servizio sanitario rientrano nei servizi pubblici, sebbene stia cominciando ad emergere anche la fornitura privata di tali servizi. Infine, gran parte dei servizi di distribuzione, trasporto e comunicazione sono statali. Industria. Il volume della produzione manifatturiera irlandese è aumentata del 20,1% nel 1995, dell'8,2% nel 1996, del 16,6% nel 1997, del 16,7% nel 1998 e del 15% circa nel Il mercato del lavoro in Irlanda 8

13 Gran parte della crescita nella produzione manifatturiera totale in questo periodo è sostenuta da un piccolo numero di settori orientati all'export, dominati da imprese multinazionali di proprietà straniera, in particolare del settore informatico (hardware e software), chimico e dell'ingegneria elettronica. Tali società sono state attratte dall'irlanda per il suo facile accesso al mercato europeo, per lo speciale tasso fiscale del 10% per le società manifatturiere e per la disponibilità di manodopera formata. Gruppi di società high-tech attualmente operano fuori Dublino e nei parchi tecnologici diffusi sulla costa meridionale ed orientale. La produzione industriale, inclusa quella manifatturiera, ha rappresentato il 34% dell'attività economica complessiva in Irlanda nel 1999, che è di gran lunga più alta di quella di altri Paesi dell'unione Europea. Nel 1998, in risposta alla pressione della Commissione Europea, il governo irlandese si è impegnato ad uniformare l'imposta societaria del 12,5% a partire dal 2003, in sostituzione dell'attuale tasso speciale del 10% e del tasso standard del 24%, in tal modo eliminando la differenza fiscale esistente tra le imprese manifatturiere e le imprese di servizi. Mentre si è assistito, dunque, ad un decollo del settore high-tech, con l'ingresso di multinazionali estere soprattutto manifatturiere, le industrie tradizionali, in particolare del settore abbigliamento e calzature, negli anni recenti hanno sopportato un crescente declino contro la forte competizione dell'asia e dell'europa centro-orientale. Dopo le difficoltà dei primi anni '90, il settore edilizio ha iniziato a recuperare nel 1995, raggiungendo alti livelli di crescita anche se una ulteriore e possibile espansione dell'occupazione in questo settore è stata certamente ostacolata dalla carenza di manodopera qualificata. Lo sviluppo commerciale del Paese è stato sostenuto dalla forte redditività societaria e dai crescenti investimenti diretti esteri. Agricoltura. Il valore della produzione agricola complessiva in Irlanda è diminuito negli ultimi anni '90. Di conseguenza, la quota di agricoltura, foresta e pesca sull'attività economica totale è diminuita rapidamente, passando dal 6,5% nel 1996 (era del 9% nel 1992) al 3,7% nel 1999,anche se essa rimane ancora alta rispetto agli standard dei Paesi dell'unione Europea. Anche la produzione bovina, che rappresenta ben oltre la metà del valore della produzione agricola complessiva, ha subìto un declino negli anni '90. La riforma della politica agricola dell'unione Europea è stata più restrittiva rispetto alle previsioni, dunque si rendono necessarie ulteriori riforme in modo da adeguare i prezzi agricoli dell'u.e. a quelli globali e ciò causerà difficoltà per i coltivatori irlandesi negli anni a venire. Risorse naturali Nel corso degli anni, l'irlanda si è affermata come il principale produttore di minerali e come uno dei più promettenti territori da esplorare in Europa. Una serie di esplorazioni di metallo vile avvenute negli ultimi trenta anni hanno portato alla scoperta di un importante giacimento di zinco e piombo a Navon, nella Contea di Meath. La produzione della miniera di Navon ha fatto sì che l'irlanda diventasse il più grande produttore di zinco e di piombo esistente in Europa. Le risorse minerali in Irlanda includono, oltre ai metalli, i cosiddetti minerali industriali, quali barite, pietra calcarea, fosfati, materiali rocciosi e combustibili, quali torba, carbone e gas; inoltre, metalli come rame, piombo, zinco ed aggregati dell'argento sono stati tradizionalmente le principali risorse irlandesi per il loro diretto contributo alla bilancia commerciale. Le risorse industriali hanno assunto un ruolo sempre più importante sia in termini di struttura economica interna del Paese sia in termini di valore destinato all'esportazione. Petrolio. Dal punto di vista energetico, il Paese non è del tutto autosufficiente. Quasi la metà delle fonti energetiche dipendono dal petrolio. Giacimenti di petrolio furono scoperti al largo delle coste irlandesi alla fine degli anni '70 e all'inizio degli anni '80 ma nessuno era economicamente utilizzabile, così attualmente il fabbisogno è soddisfatto attraverso le Il mercato del lavoro in Irlanda 9

14 importazioni soprattutto di materiale greggio che viene lavorato nell'unica raffineria del Paese a Whitegate, vicino a Cork. Tale importante raffineria è di proprietà dell'irish National Petroleum Corporation (I.N.P.C.), che ha stipulato accordi bilaterali con gli Stati arabi produttori di petrolio, pianificando la promozione di questa raffineria per ridurre la dipendenza dell'irlanda dalle maggiori multinazionali produttrici di petrolio. Torba. La torba, combustibile tradizionale irlandese, soddisfa circa il 13% del fabbisogno energetico del Paese; essa è usata sia per il riscaldamento delle case sia nei generatori di energia elettrica del Paese. Anche se si stimano riserve per oltre quarant'anni, l'uso di tale materiale in futuro potrebbe essere ridotto a causa delle proteste degli ambientalisti per la continua erosione dei terreni dove essa cresce. Idrocarburi. L'estrazione di idrocarburi è iniziata alla fine degli anni '70 tramite gasdotti che servono i sistemi gas delle aree urbane di Dublino e Cork. L'unico giacimento finora economicamente sfruttabile è situato nella località di Kinsale Head ed è il più grande giacimento di gas naturale; tuttavia sono stati scoperti altri giacimenti nella stessa area grazie all'intervento del Governo irlandese che ha incoraggiato le esplorazioni diminuendo la pressione fiscale per attrarre gli investitori. Le riserve trovate sono però limitate, il loro accesso è difficile e l'estrazione molto costosa. Elettricità. L'energia elettrica è generata e fornita dall'"electricity Supplì Board" (E.S.B), azienda statale sorta nel 1927 ma che dal 1999 ha perso il monopolio statale per questa attività. L'"Energy Regulation Act", approvato nel luglio '99, prevede un'apertura limitata del mercato dell'energia elettrica in linea con le condizioni previste dalla direttiva europea sull'energia elettrica. La fornitura di elettricità avviene attraverso una rete ad alto voltaggio di 110, 220 e 400 Kv. Per introdurre un sistema concorrenziale, è stata proposta la creazione di una sussidiaria per l'approvvigionamento di energia, interamente posseduta dall'e.s.b. Inoltre, il governo ha pianificato la nascita di un'autorità indipendente per la regolamentazione del mercato. Infrastrutture Rete Stradale Le strade sono il principale mezzo di trasporto interno in Irlanda. Esse trasportano circa il 90% del traffico di merci ed il 96% di traffico di passeggeri, rendendo l'irlanda il Paese con la più alta dipendenza dal sistema stradale di altri Paesi dell'u.e. La principale rete stradale nazionale si estende per Km di cui circa il 90% è a carreggiata unica con due corsie, il 6% è a doppia carreggiata e solo il 3% è autostrada. Le strade nazionali secondarie si estendono per Km, quasi tutte strade a 2 corsie. Mentre l'irlanda ha dunque un'ampia copertura stradale (38 persone per Km di strada confrontato con la media di 99 dell'u.e.), la qualità delle infrastrutture stradali è scarsa rispetto agli standard dell'u.e.. La veloce crescita economica dalla metà degli anni '90 è stata accompagnata da un rapido aumento del numero di auto in circolazione, dal peggioramento della congestione del traffico e dall'allungamento dei tempi di percorrenza. Nel tentativo di elevare la qualità della rete stradale irlandese agli standard europei, l'investimento complessivo in strade nazionali pianificato dal "National Development Plan" (NDP) per gli anni è di circa 4,5 miliardi di IR. Tale investimento medio annuale nelle strade nazionali rappresenterà un aumento reale del 100% rispetto ai livelli di spesa del La stategia includerà la costruzione, entro il 2006, di autostrade di elevata qualità a doppia carreggiata da Dublino a Belfast, Galway, Cork, Limerick e Waterford. Rete ferroviaria La principale rete ferroviaria in Irlanda comprende Km di strada ferrata, di cui Km sono usati dai treni per il trasporto di passeggeri. Il mercato del lavoro in Irlanda 10

15 La rete ferroviaria dell'irlanda ha sofferto di decenni di negligenza e di disinvestimenti che hanno portato ad una ridotta affidabilità dei tempi di viaggio e ad una scarsa qualità del servizio. Di conseguenza, la sua posizione competitiva in relazione agli altri mezzi di trasporto è stata seriamente minata. Comunque, entro la fine del 2000 i percorsi di Galway, Sligo, Tralee e Waterford saranno migliorati, così come la linea Belfast- Dublino e Dublino-Cork. Infine, il governo sta prendendo in considerazione la realizzazione di un sistema metropolitano che collega il centro di Dublino con l'aeroporto e le tre principali stazioni ferroviarie. Rete marittima I tre principali porti dell'irlanda sono a Dublino, Cork e Limerick, tutti di proprietà statale. La stazza totale di carico che circola nei porti irlandesi è salita da 22 mila tonnellate del 1986 a 36 mila nel 1997, un aumento di quasi il 50%. Il Dipartimento della Marina stima che se il traffico portuale continuerà a crescere ai tassi correnti, i porti irlandesi sopporteranno un deficit nella capacità di circa 9 mila tonnellate entro il Mentre non sono previsti investimenti pubblici nelle infrastrutture portuali nel "National Development Programme ", il governo sta prendendo in considerazione la privatizzazione di alcuni porti. Rete aerea Accanto ai tre aeroporti internazionali di Dublino, Shannon e Cork, l'irlanda ha 6 aeroporti regionali indipendenti nelle contee di Waterford, Kerry, Galway, Mayo, Sligo e Donegal. La quantità di passeggeri negli aeroporti irlandesi è aumentata vertiginosamente negli anni recenti, così come il volume annuale di spedizioni verso e dall'irlanda (di quasi il 60%); si stima che il 20% delle esportazioni irlandesi ora passano attraverso gli aeroporti del Paese. L'alto tasso di crescita del traffico aereo di passeggeri e di merci ha condotto ad un aumento della congestione nei principali aeroporti del Paese, in particolare a Dublino. Per favorire la crescita, nel 1996 il governo ha varato un programma di investimento di capitale di 200 mila IR nei tre aeroporti statali per il periodo Nel 1997, è iniziata l'opera di ristrutturazione ed ampliamento dell'aeroporto di Dublino, soprattutto nell'area adibita alle partenze con un'estensione nel numero dei terminali esistenti. Ulteriori progetti di ampliamento della capacità sono in atto negli aeroporti di Cork e Shannon. Il governo sta considerando anche la privatizzazione parziale dell'"aer Rianta", l'autorità aeroportuale statale che gestisce i tre grandi aeroporti di Dublino, Shannon e Cork. Telecomunicazioni. La liberalizzazione del mercato delle telecomunicazioni in Irlanda è stata completata alla fine del 1998 quando è stata introdotta la competizione per la fornitura dei servizi telecomunicativi ai clienti residenti, un anno prima della scadenza fissata dalla Commissione Europea. Eircom (prima Telecom Eireann) è stata privatizzata dal governo nel luglio Le uniche due compagnie che attualmente competono nella fornitura del servizio di telefonia mobile sono Eircell, controllata dalla Eircom, e la privata Esat Digifone posseduta dalla British Telecom. La diffusione dei telefoni cellulari è aumentata rapidamente negli anni recenti, passando dal 7,4% nel '97 ad oltre il 30% alla fine del '99. Tale percentuale, tuttavia, è ancora bassa se si considerano i Paesi scandinavi o il Regno Unito, dove la diffusione è molto alta ma più o meno in linea con la maggior parte degli altri Paesi dell'u.e. Sviluppo tecnologico L'importanza del settore della ricerca e dell'innovazione in campo scientifico e tecnologico è attestata dallo sviluppo del "National Technology Park", creato all'inizio degli anni '80 nell'università di Limerick. Esso costituisce un modello di sinergia tra industrie e laboratori di ricerca nell'attuale mercato globale. All'interno del Parco ci sono numerosi centri specializzati: Il mercato del lavoro in Irlanda 11

16 - L' International Science Centre, che offre servizi di alta qualità con una vasta rete di collegamenti con l'università ed un alto potenziale di adattamenti per i progetti di R&S. - L' International Business Centre, che si occupa di progetti di servizi finanziari e della consulenza internazionale. - L' Euro Technopole, un'area che sorge all'interno del parco interamente dedicata agli investimenti giapponesi, in particolare è stata pensata per le piccole e medie imprese che sono interessate alla produzione, alla Ricerca & Sviluppo ed alla commercializzazione di beni destinati al mercato europeo. All'interno del parco si possono trovare sofisticate strutture atte alla R&S: esiste una sviluppata rete d'informazione sull'elettronica, i software, la telecomunicazione. Andamento dei consumi e degli investimenti Come la maggior parte delle economie europee, la domanda interna in Irlanda è dominata dal consumo privato, che nel 1999 è stato stimato il 50% della spesa totale, anche se di gran lunga inferiore rispetto alla quota registrata negli anni precedenti. Ciò è da collegare al vertiginoso aumento del tasso d'inflazione. Infatti, dopo un tasso medio annuale dell'1,6% nel 1999, i prezzi al consumo hanno raggiunto la quota del 4,4% nel febbraio 2000, molto più alta rispetto agli altri Paesi dell'unione Europea. È, questa, una conseguenza dell'aumento del prezzo del petrolio e della debolezza dell'euro nei confronti della sterlina e del dollaro. La quota dei consumi del settore pubblico, appena il 12,4% nel 1999, è leggermente più bassa rispetto agli altri Paesi dell Europa occidentale ed è diminuita notevolmente tra il 1998 ed il La spesa estera di beni e di servizi prodotti in Irlanda è straordinariamente aumentata nel periodo , registrando una crescita media annua del 16,6% in termini reali. I dati sugli investimenti indicano una leggera contrazione nell'ultimo periodo, infatti una quota minore, circa il 24% del PIL, è stata destinata agli investimenti, nonostante sia stata registrata una crescita costante negli anni '90. Di notevole rilevanza sono, però, gli investimenti diretti esteri (IDE), che oggi rappresentano il maggiore contributo all'attività economica del Paese. L'Irlanda è, infatti, tra i Paesi europei che offrono gli incentivi più interessanti, soprattutto in ambito fiscale, per gli investitori esteri. Eventuali squilibri regionali Le aree più industrializzate dell'irlanda sono Dublino, la capitale e le aree circostanti, Cork a sud, Shannon a sud-ovest e la città di Galway. Al di fuori di queste aree ci sono zone meno industrializzate a causa della mancanza di buone reti stradali. Molte di queste aree non sono idonee per l'industrializzazione a causa del difficile accesso di queste ai centri urbani. Per ottenere il titolo in Irlanda come beneficiario dei fondi strutturali dell'u.e., il governo irlandese ha dovuto rivedere la politica regionale e nominare aree specifiche come più svantaggiate economicamente per permettere ad esse di ricevere i fondi dell'u.e.. Tali regioni sono le "BMW", "B" come "Borders", cioè le zone alla frontiera con il Nord Irlanda svantaggiate per la riluttanza di una parte degli investitori a localizzarsi in quest'area a causa dei conflitti succedutisi in questa zona. "M" come "Midlands", zone al centro del Paese caratterizzate dalla mancanza di grossi centri urbani e di buone reti stradali. "W" come "West", zona ovest che è tradizionalmente la più povera per la difficoltà nell'accedervi. È verso queste zone che il governo irlandese tenterà di dirigere il prossimo "round" di tutti i fondi strutturali. Sintesi degli aspetti congiunturali e di politica economica Negli ultimi anni il tasso di crescita economica dell Irlanda è sempre stato tra i più elevati rispetto ai Paesi OCSE. Il mercato del lavoro in Irlanda 12

17 Le esportazioni equivalgono a tre quarti del fatturato nazionale, un livello unico in Europa. Dunque l Irlanda ha registrato uno straordinario sviluppo di gran lunga superiore alla media europea. Questo risultato è stato raggiunto in un ambiente di stabilità macroeconomica e dopo molti anni di riforme strutturali. C'è stato un sostanziale aumento dell'occupazione, una significativa riduzione del tasso di disoccupazione, aumenti degli standard di vita e un miglioramento nella finanza pubblica. Complessivamente i benefici economici hanno ben superato le più ottimistiche aspettative. Il volume del PNL (GNP) è aumentato dell 8,5% nel 2000 e si prevede un aumento del 7% per il La capacità produttiva e l offerta del settore manifatturiero è parimenti cresciuta significativamente nel recente passato e mantiene tuttora un ritmo più che sostenuto grazie a due importanti fattori: - il notevole e continuo afflusso di investimenti diretti dall estero - un offerta di lavoro flessibile. Vi è stato però un generale aumento nella crescita dei salari e di conseguenza si paventa anche il rischio che i prezzi interni giungano a superare i livelli prestabiliti, perdendo così i prodotti interni una parte della loro competitività ed incidendo negativamente sul versante dell inflazione che in pochi anni è passata da valori molto bassi sino a diventare la più elevata d Europa. L inflazione ha continuato a crescere, raggiungendo il 6% a ottobre del 2000, il più alto livello nell area Euro. Ciò, insieme ad una domanda di lavoro superiore all offerta, ha fatto lievitare i salari. L'aumento del tasso di occupazione (il tasso di disoccupazione era del 4,4% nel mese di luglio 2000) suggerisce che probabilmente l'irlanda ha iniziato una nuova fase, piuttosto incerta, del suo sviluppo economico. Carenza di manodopera specializzata, congestione e aumento del prezzo degli immobili indicano che l'economia sta operando vicino o sopra la sua massima capacità produttiva. I consumi privati, nel corso degli anni 90, sono saliti notevolmente favoriti dalla crescita dell impiego e dei relativi emolumenti soprattutto nei settori dell economia ad alta produttività, dalla riduzione delle tasse sul reddito delle persone, nonché dall aumento degli incentivi sul primo impiego. In parallelo, l'aumento generale della fiducia e la riduzione dei tassi di interesse hanno condotto ad una più marcata tendenza al risparmio proporzionale all'incremento delle disponibilità familiari. La crescita nei consumi privati è stata più bassa, però, rispetto alle aspettative nel 1999, anche se la combinazione della riduzione in corso delle tasse, l'alto livello dei prestiti del settore privato, l'accelerata crescita dei salari e l'irrefrenabile fiducia dei consumatori avrebbe dovuto garantire un forte La decelerazione continuerà nel 2001, in quanto l'offerta di lavoro in diminuzione causa un ulteriore rallentamento dell'occupazione e i tassi di interesse più alti avranno effetti negativi sul potere d'acquisto. Anche gli investimenti pubblici e privati sono aumentati in misura cospicua con un'attività particolarmente intensa nel settore delle costruzioni spinta da una forte domanda locale di immobili di tipo sia commerciale che residenziale. Nel comparto edile l'offerta di nuove costruzioni è comunque inferiore alla richiesta interna con l'inevitabile risultato di una continua spinta al rialzo sui valori degli immobili e sui costi della manodopera. La crescita degli investimenti rimarrà piuttosto vivace, sostenuta dal programma dello sviluppo delle infrastrutture e dalla continua spesa per gli stabilimenti e le attrezzature delle imprese sia interne che straniere. Anche gli sviluppi della proprietà commerciale e residenziale continueranno ad espandersi rapidamente, sebbene la carenza di lavoro nell'industria delle costruzioni impiegherà un pò a trascinare il tasso di aumento della formazione del capitale. Il mercato del lavoro in Irlanda 13

18 Le esportazioni sono cresciute negli ultimi anni dell'11-12% evidenziando la propensione all'export delle imprese presenti in Irlanda. Le principali esportazioni derivano dai settori dell'elettronica e del software e del chimicofarmaceutico, settori chiaramente composti da filiali di imprese estere che esportano molto, viste anche le dimensioni del mercato domestico. Anche le importazioni crescono ma il loro livello assoluto resta inferiore rispetto a quello delle esportazioni generando un surplus commerciale che nel 1999 è stato di mld di IR. Le misure adottate dal Governo per ridurre l'inflazione, incluso il controllo sui prezzi, sono risultate alquanto inefficaci. Malgrado gli ingenti tagli al bilancio, il Ministero della Finanza ha rilevato che il boom nelle entrate fiscali sarebbe continuato nel corso del E sebbene i tassi di interesse siano aumentati di mezzo punto percentuale nel mese di giugno, la politica monetaria resta ancora troppo distante dalle condizioni economiche reali del Paese. Recenti iniziative per ridurre la tendenza inflattiva, attraverso l'imposizione di un controllo dei prezzi sui prodotti alcolici e la riduzione di alcune spese nel settore pubblico, potranno avere qualche modesto impatto nel diminuire l'inflazione. Queste misure comunque non possono modificare le pressioni di fondo sull'economia, guidate da un crescente divario tra domanda e potenziale offerta. Se l'inflazione irlandese resterà ad un livello eccessivo, nel lungo periodo la capacità produttiva dell'economia sarà seriamente compromessa e la produzione locale, in particolare, ne soffrirà. Anche l'attrattiva dell'irlanda come Paese destinatario di investimenti diretti esteri diminuirà. Ci sarà il rischio di una spirale prezzi-salari, se gli aumenti dei salari che non siano giustificati da una più alta produttività si tradurranno consumatori in termini di prezzi più alti per i consumatori. Se la stabilità dei prezzi potrà essere raggiunta, le prospettive a medio termine per l'economia rimangono molto buone. La performance di crescita futura dipenderà da ulteriori aumenti dell'offerta di manodopera specializzata e di capitale azionario, nonché da una forte e continua crescita della produttività nazionale. Quando l'economia raggiungerà la piena occupazione, tuttavia, un'ulteriore spansione sarà determinata primariamente dalla produttività del capitale e dalla forza lavoro. La crescita di produttività del settore commerciale resta forte grazie alla presenza di compagnie multinazionali estere che da alcuni anni trovano l'irlanda la sede più profittevole per gli investimenti esteri. Relazioni economiche internazionali L'Irlanda è membro dell'unione Europea fin dal È stata necessaria una riforma costituzionale per permettere al Paese di ratificare l'atto Unico Europeo, il quale emendava il Trattato di Roma in diversi punti, estendendo la sua influenza sia in campo politico sia nel campo della sicurezza. L'Irlanda è membro delle Nazioni Unite dal 1955; si è sempre impegnata attivamente all'interno della struttura per garantire la pace e la sicurezza internazionale, in accordo con i principi previsti dal Trattato delle Nazioni Unite e dalle norme internazionali per ridurre le tensioni internazionali e per promuovere la limitazione delle armi, in particolare le armi nucleari. Le truppe irlandesi si sono sempre distinte per aver partecipato alla maggior parte delle missioni delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace nel mondo. L'Irlanda intrattiene relazioni diplomatiche con oltre 60 Paesi; ha legami economici e culturali molto stretti con quei Paesi in cui gran parte della popolazione è di discendenza irlandese, come l'australia, la Gran Bretagna, il Canada e gli Stati Uniti. L'Irlanda è membro fondatore del Consiglio d'europa e ha sempre giocato un ruolo preminente in tutte le sue attività; è membro, inoltre, di altri organismi internazionali (FAO, GATT, OCSE, UNESCO, ecc.). Il mercato del lavoro in Irlanda 14

19 Il Paese è militarmente neutrale e mantiene solo un piccolo esercito di difesa permanente; è l'unico membro dell'u.e. che non fa parte della NATO anche se ha firmato dei trattati di difesa comune. Il suo diniego alla partecipazione alla NATO risale ad un episodio storico accaduto alla fine della seconda guerra mondiale, quando l'irlanda si offrì di partecipare al "North Atlantic Treaty" ma solo alla condizione che la Gran Bretagna cedesse le sei contee dell'irlanda del Nord alla Repubblica, un accordo che la Gran Bretagna rifiutò di accettare. Nel 1999 tuttavia il Parlamento irlandese ha approvato la partecipazione del Paese al programma PFP ("Partnership For Peace") della NATO. La partecipazione a tale programma comporta la cooperazione tra le forze irlandesi e le forze militari degli altri Paesi membri aderenti al programma, settori quali mantenimento della pace, operazioni umanitarie, ecc. Inoltre, l'irlanda è presente per la prima volta, dal punto di vista diplomatico, alla sede centrale della NATO a Bruxelles. Malgrado i timori della Sinistra irlandese, tuttavia, si può escludere senz'altro che la partecipazione al PFP conduca alla completa integrazione dell'irlanda nell'alleanza NATO nel futuro prossimo. Considerando la sua opposizione alle armi nucleari, insieme alla diffidenza alle alleanze militari, l'elettorato irlandese resta profondamente ostile a diventare membro effettivo. Inoltre, avendo rispettato i parametri di Maastricht, l'irlanda è entrata a pieno titolo tra i primi Paesi nell Unione Monetaria Europea (UME). Prospettive economiche generali Le stime della Banca Centrale suggeriscono che, nel corso di quest anno, il PIL irlandese aumenterà di un ulteriore 8,5% circa; dunque l economia del Paese continua a superare le aspettative. Tale sorprendente livello di crescita, però, non potrà essere sostenuto a lungo ed i segni del surriscaldamento dell economia sono già evidenti soprattutto se si considera la carenza di manodopera qualificata ed il conseguente innalzamento dei salari dovuto al dislivello tra domanda ed offerta di lavoro, l aumento eccessivo dei prezzi delle case e degli immobili adibiti ad uso commerciale. Tutto ciò ha dato luogo ad un innalzamento del tasso di inflazione, che continuerà ad aumentare nel corso dell anno. Esso è attualmente più alto di circa il 3,5% rispetto alla media dei Paesi dell area Euro. Tale eccesso è dovuto in parte all esposizione dell economia irlandese all attuale debolezza dell Euro nei confronti della sterlina e del dollaro, poiché i principali partners commerciali dell Irlanda sono Regno Unito e Stati Uniti. Se l inflazione continuasse a crescere a tali livelli, la competitività dell economia irlandese sarebbe seriamente danneggiata e l Irlanda perderebbe il grado di attrattiva che le ha consentito di diventare la meta preferita degli investitori esteri. Allo scopo di arginare il fenomeno della crescente inflazione, il governo irlandese sta mettendo in atto misure restrittive non solo monetarie, ma soprattutto fiscali e salariali. Apertura agli investimenti diretti esteri L Irlanda è un economia aperta e fortemente influenzata dalla massiccia presenza di imprese estere che fin dagli anni 70 hanno contribuito all industrializzazione del Paese. L Irlanda è, infatti, tra i Paesi europei che offrono gli incentivi più interessanti, soprattutto in ambito fiscale, per gli investimenti esteri. La strategia per attrarre investimenti in Irlanda è focalizzata sulla creazione di un favorevole ambiente economico e fiscale per supportare tutte le esigenze delle industrie. Questo si riflette in costi operativi competitivi, basso livello di tassazione e generosi incentivi fiscali che danno agli investitori un ineguagliabile tasso di ritorno sugli investimenti. Alle aziende a partecipazione straniera, specializzate in prodotti tecnologicamente avanzati, di solito si affiancano piccole o medie imprese a capitale locale, attive nei settori più tradizionali: è il classico know-how estero misto alla forza lavoro locale. Ecco perché l agenzia Morgan Stanley ha definito l Irlanda come la Tigre celtica". Il mercato del lavoro in Irlanda 15

20 Il compito di promuovere la partecipazione dei capitali esteri allo sviluppo del Paese è affidato alla Industrial Development Agency (I.D.A. Ireland), un organismo avente sede a Dublino e che da alcuni anni è sempre più spesso contattato da imprenditori esteri. Nel corso degli anni, il flusso degli investimenti diretti esteri (IDE) è risultato notevolmente crescente. In particolare, il biennio 1998/1999 ha visto un incremento del flusso degli investimenti diretti esteri in Irlanda sia in entrata sia in uscita eccezionale se paragonato a quello dei Paesi dell Europa Occidentale e dell Unione Europea. Questo trend è confermato dalla variazione percentuale positiva registrata in Irlanda a partire dal 1998 nei flussi in entrata, valori di gran lunga superiori a quelli complessivi dell'europa Occidentale e dell'unione Europea. Flussi degli IDE in entrata e in uscita Dalla tabella risulta evidente, dunque, l'importanza assunta dagli investimenti diretti esteri in Irlanda negli ultimi anni. In particolare, i flussi in entrata hanno registrato una crescita impressionante: da un valore di milioni di US$ del 1997 hanno raggiunto il valore record di milioni di US$ nel I flussi in uscita, anch'essi crescenti, sono passati da un valore di milioni di US$ del 1997 ad un valore di milioni nel Nello stesso triennio, dunque, i flussi in entrata sono sempre stati maggiori di quelli in uscita, determinando ogni anno una posizione netta positiva della bilancia degli investimenti irlandese. Infine, confrontando i valori dei flussi IDE irlandesi con quelli complessivi dell'europa Occidentale e dell'unione Europea emerge l'ottima "performance" del Paese, che in pochi anni è riuscito a cogliere a pieno le opportunità di sviluppo ad esso offerte, raggiungendo in questo modo una posizione solida e competitiva in ambito europeo. Principali Paesi investitori e distribuzione settoriale I principali settori produttivi nei quali sono impegnate le imprese estere presenti in Irlanda sono ad alto valore aggiunto, appartengono a mercati relativamente stabili e comportano la presenza di personale altamente specializzato. La politica attuata dall' Industrial Development Agency (IDA Ireland) ha sempre prediletto gli investimenti nel settore industriale e dei servizi commerciali internazionali quali metalmeccanico, elettronico, finanziario, farmaceutico, agroalimentare. I principali Paesi investitori in Irlanda sono gli Stati Uniti (metalmeccanico, elettronico, software, chimico-farmaceutico, servizi), la Germania (metalmeccanico, elettronico, farmaceutico) ed il Regno Unito (servizi, prodotti di consumo). Settore metalmeccanico Il metalmeccanico è il settore nel quale è presente il maggior numero di imprese, seguito dal farmaceutico e da quello dei servizi finanziari. Le società metalmeccaniche provenienti da gran parte del mondo sono state attratte dall'irlanda dove sono impegnate in diversi settori di attività. In tale settore le imprese statunitensi sono le più presenti seguite dalla Germania e dal Regno Unito. Settore elettronico Per quanto riguarda il settore elettronico, l'irlanda è una delle localizzazioni più attraenti per gli investimenti delle società elettroniche grazie alle buone capacità tecniche degli addetti ed ai bassi costi operativi. Fin dagli anni '80, il 40% di tutti i nuovi investimenti delle società di elettronica statunitensi in Europa hanno avuto come meta l'irlanda. Il mercato del lavoro in Irlanda 16

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari)

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari) IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO Intervento a Urbanpromo 2012 di Mario Breglia (Presidente di Scenari Immobiliari) OTTOBRE 2012 1 1. Introduzione Il termine social housing è difficile

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Classe 1 A Liceo Nazione: Romania La Romania è un paese dell est europeo, confinante con Bulgaria, Ucraina, Ungheria e Moldavia, ma anche con il Mar Nero. La sua capitale

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

STUDIARE IN IRLANDA IL SISTEMA UNIVERSITARIO IRLANDESE

STUDIARE IN IRLANDA IL SISTEMA UNIVERSITARIO IRLANDESE Le istituzioni di istruzione superiore STUDIARE IN IRLANDA IL SISTEMA UNIVERSITARIO IRLANDESE Il sistema irlandese dell'insegnamento superiore raccoglie tradizionalmente il settore universitario, il settore

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN

OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN Treviso, 7 giugno 2013 AMBASCIATA DELLA REPUBBLICA DELL AZERBAIGIAN IN ITALIA FATTI SALIENTI Data di fondazione 28 maggio 1918 Indipendenza 18 ottobre 1991 Relazioni

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES

INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES INDONESIA: UNA OPPORTUNITA NUOVA INDONESIA NEW MARKET OPPORTUNITIES 1 Asia Crescita: 2011: 7,8 % 2012: 7,7 % Entro 2050: Pil: $148.000 Miliardi (45% dell output globale) Reddito pro-capite: $38.000 (superiore

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi...

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi... VOLUME 3 CAPITOLO 15 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE EUROPA ECONOMIA 1. Parole per capire Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori...... idrocarburi...... città d arte...... siti

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

PROF. GABRIELE GAETANI D ARAGONA

PROF. GABRIELE GAETANI D ARAGONA PROF. GABRIELE GAETANI D ARAGONA professore ordinario di Politica Economica nell Università di Napoli già Consigliere Regionale di Basilicata A cento anni dalla promulgazione della legge Zanardelli, la

Dettagli

CONFINDUSTRIA BULGARIA

CONFINDUSTRIA BULGARIA CONFINDUSTRIA BULGARIA RISULTATI DEL RAPPORTO: GLI INVESTIMENTI ITALIANI IN BULGARIA GENNAIO 2013 CONFINDUSTRIA BULGARIA World Trade Center Interpred, Boulevard Dragan Tzankov 36, 1040 Sofia Tel. +359

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014 Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze Maggio 2014 1 Sommario 1. IL CONSUMO DI VINO 3 2. TENDENZE DEL COMMERCIO MONDIALE DI VINO NEL 2013 6 3. PRINCIPALI ESPORTATORI NEL 2013 8 4. PRINCIPALI IMPORTATORI

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione

L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione un po di storia le istituzioni e gli organi dell UE alcune informazioni di base sui paesi membri PAUE 05/06 I / 1 Cronologia dell Unione Europea 1951

Dettagli

La Regione francese. Il territorio. La Regione francese si trova nell Europa occidentale. È formata da 4 Stati: Francia, Belgio, Lussemburgo e Monaco.

La Regione francese. Il territorio. La Regione francese si trova nell Europa occidentale. È formata da 4 Stati: Francia, Belgio, Lussemburgo e Monaco. La Regione francese BELGIO LUSSEMBURGO FRANCIA La Regione francese si trova nell Europa occidentale. È formata da 4 Stati: Francia, Belgio, Lussemburgo e Monaco. MONACO Il territorio Mare del Nord TERRITORIO

Dettagli

Un Paese su cui scommettere

Un Paese su cui scommettere Un Paese su cui scommettere La Polonia è un Paese in cui investire è una garanzia; da anni ormai attrae l interesse di un numero crescente di imprese (Europee e non), che operano nei settori più svariati,

Dettagli

Armenia. Scheda paese. Dati Geografici. Popolazione. Collocazione. Superficie. Clima. Ambiente naturale

Armenia. Scheda paese. Dati Geografici. Popolazione. Collocazione. Superficie. Clima. Ambiente naturale Scheda paese Armenia Dati Geografici Collocazione Superficie Asia, Medio Oriente. L Armenia si trova nella parte meridionale dell altopiano caucasico, in posizione chiave tra l oriente e l occidente. Confina

Dettagli

Bologna e Firenze: due città a confronto. Luglio 2005

Bologna e Firenze: due città a confronto. Luglio 2005 Luglio 2005 Il territorio, l'ambiente e il clima e : Indice Il territorio L'ambiente e la climatologia Il profilo demografico della popolazione La popolazione residente e le famiglie Il movimento naturale

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

Intervista a Maria Kranohorska, Ambasciatrice di Slovacchia

Intervista a Maria Kranohorska, Ambasciatrice di Slovacchia Attività produttive I nostri partner europei Intervista a Maria Kranohorska, Ambasciatrice di Slovacchia a cura di SRM - Studi e Ricerche per il Mezzogiorno Il Dossier Unione Europea accoglie in questa

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La Banca Centrale e la politica monetaria Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La politica monetaria (1) La politica monetaria, insieme alla politica dei redditi e di bilancio,

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Crisi: prezzo terra -0,6%, terzo calo consecutivo in Italia

Crisi: prezzo terra -0,6%, terzo calo consecutivo in Italia Terra e Gusto Crisi: prezzo terra -0,6%, terzo calo consecutivo in Italia Crea, pesano Imu, embargo russo e mancanza liquidità Redazione ANSA ROMA 30 ottobre 201516:30 ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE - ROMA

Dettagli

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Consultazione della Commissione Europea L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Lanciata dalla Commissione Europea lo scorso 17 febbraio, la consultazione ha lo scopo di

Dettagli

Scheda Paese Marocco. A cura di. Nadia Harbouli Ufficio Marocco

Scheda Paese Marocco. A cura di. Nadia Harbouli Ufficio Marocco Scheda Paese Marocco A cura di Nadia Harbouli Ufficio Marocco DESK ITALIA - MAROCCO MAROCCO MAROCCO Mercato prioritario per stabilità economica e politica Posizione geografica strategica Indicatori macro-economici

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

Convegno Lo sviluppo del comparto nautico gallurese Dallo studio di fattibilità al Forum annuale sui porti turistici

Convegno Lo sviluppo del comparto nautico gallurese Dallo studio di fattibilità al Forum annuale sui porti turistici Intervento Presidente della Provincia Olbia Tempio Fedele Sanciu Convegno Lo sviluppo del comparto nautico gallurese Dallo studio di fattibilità al Forum annuale sui porti turistici Olbia Expò, 25/11/2011

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

Immigrazione e lavoro

Immigrazione e lavoro Immigrazione e lavoro I flussi migratori regolari e irregolari influenzano notevolmente il mercato del lavoro di una nazione. Gli immigrati costituiscono di certo una grande risorsa per l economia di un

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto

Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto Con il termine trasporto si indica il movimento di persone e di merci da un luogo ad un altro Questo termine viene anche usato per individuare tutto ciò che riguarda la circolazione tramite diverse sistemi

Dettagli

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 16 dicembre 2011 Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel biennio 2010-2011, i principali gruppi multinazionali italiani mostrano una significativa

Dettagli

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA Purtroppo, però, rimaniamo ancora poco attrattivi =================== Nel 2014 gli Ide (Investimenti diretti esteri) in entrata nel nostro paese ammontavano

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Lettonia. http://www.mondimpresa.it/infoflash/scheda.asp?st=54. Altre Schede Paese. Cosimo Export

Lettonia. http://www.mondimpresa.it/infoflash/scheda.asp?st=54. Altre Schede Paese. Cosimo Export Page 1 of 5 Altre Schede Paese Cosimo Export Lettonia Informazioni Generali La Repubblica di Lettonia è uno stato situato nell'europa nord-orientale, confina a nord con l'estonia (267 Km), a est con la

Dettagli

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere www.dominosolutions.it - info@dominosolutions.it Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere 02 Luglio 2012 Il petrolio greggio è uno dei prodotti più utilizzati e richiesti nel

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI

II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI II OSSERVATORIO EUROPEO DEGLI INTERMEDIARI ASSICURATIVI Un confronto tra Italia e resto d Europa alla luce dei cambiamenti del modello di distribuzione Milano, 29 giugno 2015 Contenuti Osservatorio 2015

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.7.2012 COM(2012) 385 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI sull attuazione

Dettagli

I PAESI ALPINI (Noemy Seddone)

I PAESI ALPINI (Noemy Seddone) I PAESI ALPINI (Noemy Seddone) IL TERRITORIO I paesi alpini in Europa sono sette: Italia, Francia, Austria, Germania, Slovenia,Croazia. Completamente all interno delle Alpi troviamo la Svizzera, l Austria

Dettagli

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L Italia è 136esima a livello mondiale e ultima in Europa: dal 2011 siamo retrocessi di 13 posizioni. Continuano a pesare la conflittualità tra

Dettagli

AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO.

AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO. AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO. Il problema amianto a livello globale è particolarmente rilevante, soprattutto per l'esigenza, per noi improrogabile, di bandirlo immediatamente da

Dettagli

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:...

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:... Unità 1 Nome... Classe... Data... Prima Osserva la carta dell Europa e prova a rispondere alle seguenti domande: perché appare strano definire l Europa come un continente a sé a differenza di quanto avviene,

Dettagli

Densità della popolazione

Densità della popolazione http://digilander.libero.it/ilmiobrasile/mappe.htm MAPPE VARIE http://www.framor.info/viaggi/america/brasile.php BREVE DESCRIZIONE http://www.icponte.it/ipertesti/america_meridionale/index.htm IPERTESTO

Dettagli

Vietnam: Un mercato pieno di Opportunità

Vietnam: Un mercato pieno di Opportunità Vietnam: Un mercato pieno di Opportunità Vietnam: la vostra porta d ingresso per l Asean Vietnam: Opportunita Hanoi Da Nang Giovane Dinamico Potenziale Opportunità Forza lavoro Crescita Ho Chi Minh Vietnam:

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

La Finlandia confina a nord con la Norvegia, a est con la Russia, a ovest con la Svezia; a sud e a ovest è bagnata dal Mar Baltico.

La Finlandia confina a nord con la Norvegia, a est con la Russia, a ovest con la Svezia; a sud e a ovest è bagnata dal Mar Baltico. Finlandia La Finlandia confina a nord con la Norvegia, a est con la Russia, a ovest con la Svezia; a sud e a ovest è bagnata dal Mar Baltico. Il suo territorio fu ricoperto da antichi ghiacciai che hanno

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa

Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Service d information Informationsdienst Servizio informazioni Servetsch d infurmaziun

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

Notizie Merrill Lynch & Co., Inc.

Notizie Merrill Lynch & Co., Inc. Notizie Merrill Lynch & Co., Inc. Merrill Lynch Investment Managers - Europe, Middle East & Africa (EMEA) 33 King William Street London EC4R 9AS Data di pubblicazione: Venerdì 30 Aprile 2004 MERRILL LYNCH

Dettagli

Ottobre 2009. 10 buoni motivi per investire in Francia

Ottobre 2009. 10 buoni motivi per investire in Francia Ottobre 2009 10 buoni motivi per investire in Francia Keys to understanding the new France 2 1 Un economia di carattere mondiale 23.000 sedi di imprese estere presenti, con 2,8 milioni di dipendenti, di

Dettagli

IL SETTORE DELL EDILIZIA

IL SETTORE DELL EDILIZIA BELGIO: IL SETTORE DELL EDILIZIA L ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e

Dettagli

' (# ) ' (# (#* ' + ',

' (# ) ' (# (#* ' + ', #$% #$% $& : ' (# ) ' (# (#* ' + ', & # -.#% $ #/ 0 * # # %. #$ #%.1 $$%0 #% 2 0(Jean Monnet 1888-1979) Robert Schuman, ministro degli esteri francese propone, in un discorso ispirato da Jean Monnet, la

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO ITALO BRASILIANA www.ccib.it

CAMERA DI COMMERCIO ITALO BRASILIANA www.ccib.it CAMERA DI COMMERCIO ITALO BRASILIANA www.ccib.it SCHEDA PAESE BRASILE IL BRASILE IN BREVE Storia e geografia Ordinamento interno Economia Produzioni STORIA e GEOGRAFIA Storia Il Brasile è stato scoperto

Dettagli

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa.

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. =========== Le tariffe pubbliche cominciano a scendere:

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI settembre 2013 1. Il quadro macroeconomico In questa nota si procede all aggiornamento del quadro macroeconomico e si fornisce anche una nuova

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 186/44 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 20.7.2010 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 14 luglio 2010 che esonera la produzione e la vendita all ingrosso di energia elettrica nella «Zona Nord» dell

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Malta. Capitale La Valletta (9.129 abitanti)

Malta. Capitale La Valletta (9.129 abitanti) Malta Informazioni Generali Superficie 316 Km2. L arcipelago maltese si compone di sei isole e isolette; le tre principali sono Malta (246 Km2), Gozo (67 Km2) e Comino (2,7 Km2). Capitale La Valletta (9.129

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri Lo afferma il Presidente dell UNRAE, Salvatore Pistola IL PROGRESSO DEL MERCATO DELL AUTO PRINCIPALE

Dettagli

Il differenziale retributivo in Europa

Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo di genere gender pay gap, misura la differenza relativa alle retribuzioni delle donne e degli uomini, ovvero il risultato delle discriminazioni

Dettagli

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese All. 1 - Prot. n. 363/13SB ASSOCIAZIONE NAZIONALE INDUSTRIALI PRIVATI GAS E SERVIZI ENERGETICI Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del

Dettagli