I WEB SERVICES LA SITUAZIONE DELL OFFERTA ITALIANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I WEB SERVICES LA SITUAZIONE DELL OFFERTA ITALIANA"

Transcript

1 I WEB SERVICES LA SITUAZIONE DELL OFFERTA ITALIANA Di Valeria Tonella In collaborazione con

2 Indice dei contenuti Premessa Il concetto di Web Service La situazione internazionale I risultati di una ricerca Conclusioni...16 Indice delle figure Figura 1 L adozione di Web Services...6 Figura 2 Previsioni temporali di impiego dei Web Services...7 Figura 3 Disponibilità di budget specifico per Web Services...7 Figura 4 Tecnologia utilizzata...8 Figura 5 - Aziende che hanno sviluppato Web Services...9 Figura 6 - Applicazioni per cui vengono sviluppati Web Services...11 Figura 7 Le soluzioni utilizzate...12 Figura 8 Modello di pricing adottato...13 Figura 9 Sviluppi e impatti dei Web Services sul mercato...13 Figura 10 I Web Services saranno una realtà tra qualche anno...14 Figura 11 - I Web Services non sfonderanno perché il modello di business non è chiaro...15 Figura 12 Perché non sono stati avviati progetti di Web Services...16 Pagina 2 di 19

3 Premessa I sistemi informativi si sono spesso sviluppati in maniera disordinata, con la convivenza di numerose applicazioni basate su tecnologie e linguaggi anche molto diversi. Questo ha condotto a situazioni anche di gravi inefficienze, che storicamente venivano colmate solo in pochi casi, dove i costi che ne derivavano giustificavano investimenti elevati per la riscrittura di alcune parti di codice o dell intera applicazione. La sempre maggior attenzione ai costi, anche per quanto riguarda l area IT, unita alla crescente rilevanza di integrazione di tutte le parti del sistema informativo aziendale, in una logica di Enterprise Application Integration, ha introdotto un modo nuovo per far dialogare tra loro applicativi progettati per operare in autonomia. Molto spesso, infatti, questi applicativi sono frutto di progetti estremamente customizzati, ormai testati e perfettamente funzionanti, oppure derivano da scelte aziendali di utilizzare il fornitore best of breed per le singole esigenze. Dover riscrivere questi applicativi, oltre al costo, comporta un tempo di test e di adattamento ai nuovi strumenti elevato. Il vero problema all interno dell azienda è: perché tendere a modificare i componenti applicativi quando, quasi sempre, il problema sta nella integrazione degli stessi all interno di processi più moderni, dove i vari componenti devono interagire tra di loro al fine di raggiungere l obiettivo aziendale, sia esso interno, sia esso la soddisfazione del cliente? I Web Services possono essere considerati, almeno in parte, la risposta a questa nuova sfida del mondo IT. Obiettivo dei Web Services è quello di realizzare una interfaccia - basata su standard internazionalmente riconosciuti - su applicazioni cosiddette legacy, cioè costruite in un contesto tecnologico dipendente da linguaggi, sistemi operativi e database non necessariamente standard. Grazie all utilizzo dei Web Services, è possibile riutilizzare un applicativo al di fuori del ristretto ambito per il quale era stato creato, raggiungendo due obiettivi prefissati: integrazione dei diversi componenti e applicazioni, unito alla diminuzione dei costi (dovuti alla modifica dei componenti applicativi che prima erano necessari). Pagina 3 di 19

4 1. Il concetto di Web Service Per comprendere il concetto di Web Services è utile soffermarsi sul concetto di architettura orientata al servizio, in quanto questo è il contesto in cui il termine Web Services è maggiormente usato per la descrizione dell obiettivo di diverse strategie dell azienda in merito all area IT. Grazie ad una architettura orientata al servizio è possibile limitare al minimo la necessità di riscrittura di codice ogni qual volta un nuovo servizio di business è richiesto o modificato. Quindi, una tale architettura permette un utilizzo maggiore e più efficace/efficiente delle applicazioni tramite la creazione di servizi che possono essere utilizzati all interno dell azienda. Integrazione è la logica di business su cui ruota l azienda. Diviene l issue principale grazie allo sviluppo di funzioni utilizzando le sottostanti applicazioni. Sotto quest ottica i Web Services sono gli strumenti che rendono possibile la costruzione di una rapida ed efficace unione dei sistemi interni e la condivisione dell informazione della logica interna all impresa. Sophie Janne Mayo (IDC) nel marzo del 2002 ha presentato una delle possibili definizioni di Web Services: il Web Service è una tecnologia software basata su standard che permette ai programmatori e agli integratori di combinare nuovi e vecchi sistemi o applicativi in una nuova modalità, in ambito Internet, all'interno dei confini dell'azienda o in modo trasversale su diverse aziende. I Web Services permettono l'interoperabilità tra software scritto in diversi linguaggi di programmazione, sviluppato da diversi fornitori, che gira su differenti sistemi operativi o piattaforme. Attraverso l utilizzo dei Web Services è possibile una maggiore integrazione e una più rapida e migliore collaborazione tra le applicazioni rispetto a tecnologie alternative. Il Web è sempre più usato per far parlare tra loro gli applicativi. I Web Services sono le interfacce (una serie di tecnologie e di standard) che si combinano per creare un servizio di comunicazione tra applicazioni interne o esterne dell'impresa. Infatti, poiché i Web services sono basati su standard di connettività sviluppati da una comunità di Pagina 4 di 19

5 aziende di software, presentano l'opportunità per una completa interoperabilità di componenti autonomi, indifferentemente dall'applicazione. Attraverso l utilizzo di Web Services è possibile avviare nuovi processi di business utilizzando funzionalità già in possesso dell azienda, e per di più in tempi rapidi e a basso costo. Il vantaggio nell uso dei Web Services è dato dalla sfida dell integrazione tra le applicazioni, campo importante per la pianificazione strategica dei sistemi informativi. Sinteticamente le proprietà chiave dei Web Services sono le seguenti: Sono basati su standard industriali; Possono operare all'interno dei confini aziendali o attraversare i confini di diverse aziende; Sono multipiattaforma e multilinguaggio; Sono rapidi da implementare; Incrementano il valore delle applicazioni esistenti. Il concetto di Web services non è un nuovo concetto, ma l'evoluzione di un concetto già presente. Il principio commerciale sottostante a tale concetto è il seguente: i sistemi di business devono diventare flessibili e capaci di adattarsi rapidamente ai cambiamenti nelle esigenze di business e di realizzare nuove applicazioni rapidamente e a bassi costi, riutilizzando le funzionalità esistenti ogni volta che questo sia possibile. I Web services giocano un ruolo chiave nelle strategie dell'it, specialmente in termini di Enterprise Application Integration. Le aziende che hanno in corso strategie di integrazione dovrebbero guardare ai Web services per aggiungere flessibilità e scalabilità ai progetti attualmente in corso. È da notare che l'enterprise Application Integration è particolarmente strategico in termini di sfruttamento di investimenti già effettuati. Pagina 5 di 19

6 2. La situazione internazionale I Web Services stanno diventando uno strumento importante per la competitività delle aziende. Prima del 2003 il mercato dei Web Services era quasi inesistente. Si pensi che secondo una ricerca di Zap Think alla fine del 2003 valeva 194 milioni di dollari a livello mondiale. Secondo le previsioni effettuate nella stessa ricerca, si presume che il mercato dei Web Services crescerà enormemente, data l importanza dello strumento, e potrà raggiungere i 30,4 miliardi di dollari entro il Sempre secondo tale ricerca il mercato sarà dominato dai player che giù oggi sono i leader nel segmento dei tool di gestione dei sistemi IT, che manterranno una quota superiore all 85% Una ricerca sul livello di adozione dei Web Services è stata condotta recentemente da TechMetrix su un campione di 610 aziende medio-grandi di cui il 55% europee. Il campione è composto da un 60% di aziende appartenenti al settore IT. Il 52% degli intervistati ha dichiarato di aver già iniziato dei progetti (26%) o di essere già in fase di prova o di definizione di un prototipo (26%). Un altro 37% del campione sta pensando a come utilizzare i Web Services all'interno della propria azienda, mentre solo l'11% non è interessato a questa soluzione. Figura 1 L adozione di Web Services Ci stanno pensando 37% No 11% Hanno già avviato progetti 26% Sono in fase di test 26% Fonte: TechMetrix Research Pagina 6 di 19

7 Sulle previsioni temporali di impiego dei Web Services il 19% ha dichiarato di usare già questa tecnologia, il 60% prevede di cominciare ad utilizzarla nel breve periodo (entro 3 mesi per il 9%, tra 3 e 9 mesi per il 26%, comunque non oltre 12 mesi per il 15%) mentre il 31% è ancora in dubbio sull effettivo tempo di implementazione del progetto. Figura 2 Previsioni temporali di impiego dei Web Services Non sa 31% Già in uso 19% Non oltre 12 mesi 15% Tra 3 e 9 mesi 26% Entro 3 mesi 9% Fonte: TechMetrix Research Interessante è capire se per i Web Services è disponibile un budget specifico oppure no. Il 24% degli intervistati ha risposto di averne, mentre il di 76% non ne dispone. Figura 3 Disponibilità di budget specifico per Web Services Sì 24% No 76% Fonte: TechMetrix Research Pagina 7 di 19

8 Informazione interessante evinta dalla ricerca effettuata da TechMEtrix proviene dall analisi delle tecnologie adottate per l implementazione dei Web Services. La maggioranza degli intervistati (circa il 77% del campione) utilizza una tecnologia basata su Java. Interessante notare che per il 14% dei rispondenti l'intera applicazione è stata costruita utilizzando esclusivamente soluzioni Open Source, mentre un altro 22% ha utilizzato un misto di soluzioni commerciali e soluzioni Open. Microsoft è presente anche in questo mercato, con un 9% di intervistati che ha utilizzato esclusivamente la sua tecnologia e un 26% che l'ha utilizzata insieme a quella Java. Figura 4 Tecnologia utilizzata Microsoft.NET 9% Non sanno ancora 10% Altro 4% Sol. commerciale J2EE-based 16% Sol. J2EE + Microsoft.NET 25% Fonte: TechMetrix Research Open Source J2EE-based 14% Comm.le + Open Source J2EE-based 22% Da questi dati più qualitativi si evince che il mercato del Web Services internazionale è molto vivace e pertanto le previsioni di crescita ottimistiche di Zap Think paiono ragionevoli. 3. I risultati di una ricerca MATE ha realizzato una ricerca sulla diffusione dei Web Services all interno dell offerta commerciale delle software house italiane, con l obiettivo di fare il punto sull evoluzione di questo mercato e per trarre utili indicazioni nella scelta di un fornitore, anche in relazione ai servizi che l azienda può trovare per quanto concerne l integrazione delle Pagina 8 di 19

9 applicazioni pre-esistenti. I risultati sono abbastanza omogenei e pertanto confrontabili con quelli sopra-esposti della ricerca TechMetrix, focalizzata prevalentemente su aziende del settore IT e su grandi aziende, con un settore IT molto sviluppato. Il primo dato importante riguarda le aziende che hanno già sviluppato Web Services, pari al 35% del campione, cui va aggiunto un 7,4% di aziende che si stanno preparando a sperimentare questo tipo di offerta e un 14,9% che prevedono di iniziare entro i prossimi mesi. Questi dati evidenziano una situazione italiana abbastanza in linea con quanto sta avvenendo su mercati più evoluti e raffigurano un mondo dell offerta in grado di assistere le aziende clienti in maniera efficace ed efficiente nell integrazione delle applicazioni esistenti, per far dialogare prodotti e applicativi specifici messi a punto nel corso del tempo e applicazioni best of breed che non avrebbe senso riscrivere da zero. La dimensione del fornitore di software è derminante rispetto alla presenza di capacità collaudate di fornire un offerta di qualità. Tra gli operatori con meno di dieci addetti, infatti, solo uno su quattro ha già sviluppato e integrato web services, mentre al di sopra dei venti addetti la penetrazione cresce al 45-50%. Ma le differenze tenderanno a diminuire nel tempo: infatti i no ma prevediamo di farlo sono tre volte più numerosi presso i piccoli operatori rispetto ai grandi. Figura 5 - Aziende che hanno sviluppato Web Services No 40,7% Sì 35,0% No ma prevediamo di farlo 14,4% Ci stiamo preparando a sperimentare 9,9% Fonte: MATE Pagina 9 di 19

10 Considerate complessivamente, le imprese che hanno già sviluppato Web Services e quelle che lo faranno a breve rappresentano il 59,3% del campione. Come è lecito attendersi, sono i key players e le società con più di 50 dipendenti a guidare il mercato, con percentuali di realizzazione dei Web services, già effettuata o molto prossima, superiori al 60%. Le aree di sviluppo più avanzate sono quelle relative ad applicazioni verticali ed all ebusiness, mentre si dividono in modo pressoché equo le modalità d impiego lo sviluppo di software standard, lo sviluppo di software ad hoc e la commercializzazione di software di terzi. L impiego principe dei Web services è nella realizzazione di integrazioni tra dati o processi all interno dell azienda, mentre il secondo campo di applicazione è stato quello dell integrazione di applicazioni Web. Per quanto riguarda le applicazioni per le quali sono state sviluppate soluzioni di Web Services, la più indicata dalle aziende del campione è stata l integrazione di dati o processi in ambito aziendale (51,2% dei casi) seguita dalla realizzazione di interfacce rispetto ad applicazioni Web (49,1%). Altre applicazioni sono state rilevanti nell implementazione del progetto. Tra queste si segnalano applicazioni basate su architettura Services-oriented (33,2%), predisposizione di nuovi singoli componenti applicativi integrabili in architetture Services-oriented (27,3%), sviluppo di nuove interfacce ad applicazioni legacy per favorirne la riutilizzabilità (26%) e infine per la realizzazione di interfacce per diverse modalità di accesso (25,2%). Pagina 10 di 19

11 Figura 6 - Applicazioni per cui vengono sviluppati Web Services Integr. dati o processi Interfacce rispetto app Web App basate su SOAP Comp. App integrabili in SOAP Interfaccia app legacy Interf. x diversi accessi Altro 0% 10% 20% 30% 40% 50% Fonte: MATE Base: Hanno sviluppato Web Services (o prevedono di farlo) A differenza di quello che è stato esposto in precedenza (Figura 4), dal campione risulta che la tecnologia maggiormente utilizzata per lo sviluppo di Web Services, è Microsoft.net (60,1% dei casi contro il 34% a livello internazionale). I prodotti Java sono utilizzati da meno della metà delle aziende (49,6%), mentre a livello internazionale sono adottati da oltre i tre quarti del campione. Sempre molto alta la percentuale di aziende che usano i prodotti Open Source (24,5%) ma questa soluzione è superata anche da soluzioni Oracle 9i (26,7%). Seguono, nelle preferenze, IBM Websphere (17,3%), BEA Weblogic (6,5%) e Computer Associates (4,6%). Pagina 11 di 19

12 Figura 7 Le soluzioni utilizzate Microsoft.net Java Oracle 9i IBM Websphere BEA Weblogic Computer Associates Open Source Altro 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% Fonte: MATE Base: Hanno sviluppato Web Services (o prevedono di farlo) Risposte multiple Un altro tema di grande interesse riguarda i modelli di pricing adotatti. Dall analisi dei dati risulta che sono due le modalità maggiormente utilizzate: la normale cessione della licenza d uso (57,3%) e il pagamento di un canone annuo (56,1%). Mentre innovativi appaiono gli approcci tecnologici, tradizionale appare il meccanismo di pricing, fondamentalmente basato sulla normale cessione del software in licenza d uso. Stenta ad affermarsi il modello del pay-per-use, che dovrebbe trovare in questo ambito un buon caso di applicazione, in particolare per i Web services aperti all esterno. Pagina 12 di 19

13 Figura 8 Modello di pricing adottato Cessione licenza uso Canone annuo Pay-per-use/tempo Pay-per-use/transazioni Altro 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% Fonte: MATE Base: Hanno sviluppato Web Services (o prevedono di farlo) Risposte multiple Oltre all analisi della penetrazione del fenomeno e su aree coperte e tecnologie utilizzate, con il campione intervistato si sono verificate alcune ipotesi sugli sviluppi futuri dei Web Services, in termini di tempi di affermazione generalizzata e impatto sui modelli di business. Di seguito i risultati principali. Figura 9 Sviluppi e impatti dei Web Services sul mercato Saranno una realtà tra qche anno Veicoleranno invest. su aree innov. Timori x sicurezza Non coinv. mai app mission critical Non adatti x mkt ita Ridurranno redditività SWH Non sfonderanno: mod. bus. non chiaro Fonte: MATE (1 = per niente d accordo; 5 = assolutamente d accordo) Pagina 13 di 19

14 La figura 9 qui sopra rappresenta le variabili qualitative analizzate con gli operatori dell offerta. Le prime due (tempi di affermazione e impatti innovativi) rappresentano aspetti positivi allo sviluppo di questo nuovo mercato. Entrambe hanno registrato valori al di sopra del 3, che indica una sostanziale indifferenza. Sugli aspetti negativi non c è accordo da parte degli intervistati, tranne che per quanto riguarda i timori relativi alla sicurezza. Di seguito si presenta un maggior dettaglio per singola domanda. I Web Services si affermeranno in tempi relativamente brevi. Sono molto d accordo e d accordo circa i due terzi del campione, mentre un forte disaccordo è stato espresso da meno del 15% degli intervistati. Anche questo è un segnale che conferma come i tassi di crescita previsti dagli istituti di ricerca siano coerenti con le aspettative della maggior parte degli operatori e con le strategie di business perseguite (si ricorda che circa il 40% del campione non prevede di sviluppare Web Services, in alcuni casi perché l azienda non ci crede, in altri perché non sono in linea con il proprio posizionamento di mercato). Figura 10 I Web Services saranno una realtà tra qualche anno 5 Molto d'accordo MEDIA CAMPIONE 3,82 1 Per niente d'accordo 0% 10% 20% 30% 40% Fonte: MATE Un altra considerazione in merito ai Web Services è il parere secondo cui i servizi in questione permetteranno agli utenti di investire su altre aree innovative. Questo item ha ottenuto un punteggio pari a 3,63. Capitolo importante (come da più parti ricordato) per l implementazione di Web Services è la sicurezza. Opinione condivisa è che la sicurezza rappresenti una forte resistenza Pagina 14 di 19

15 non solo culturale, ma in parte ancora oggettiva, nell allargamento della domanda di Web Services: il punteggio assegnato all affermazione corrispondente è pari a 3,59. Minori consensi sono stati dati a affermazioni tipo i Web Services non coinvolgeranno mai applicativi mission critical (punteggio medio 2,5); non sono adatti al mercato italiano (2,3 punti) e ridurranno i volumi di business e redditività delle softwarehouse (punteggio inferiore a 2). Infine, non è ritenuto plausibile che I Web Services non sfonderanno mai perché il modello di business non è chiaro : a questa affermazione è stato assegnato uno score medio pari a 1,85. Dopo aver rappresentato i valori ottenuti dall affermazione più condivisa (I Web Services saranno una realtà tra qualche anno), di seguito è possibile osservare come sono state ripartite tra i valori di rating possibili le indicazioni delle aziende intervistate per quella che è risultata l opinione meno condivisa ( I Web Services non sfonderanno mai perché il modello di business non è chiaro ). Figura 11 - I Web Services non sfonderanno perché il modello di business non è chiaro 1 Molto d'accordo 2 3 MEDIA CAMPIONE 1, Per niente d'accordo 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% Fonte: MATE Con le aziende che non hanno ancora sviluppato Web Services (né hanno in progetto di farlo nel breve periodo) sono state esplorate le ragioni del loro mancato coinvolgimento in questo nuovo mercato. Pagina 15 di 19

16 Le principali motivazioni della loro estraneità a questo tipo di offerta sono state: Per il 38% non è ancora il momento per farlo; Nel 31% dei casi non si ritiene che i Web Services possano rappresentare un vantaggio per i propri clienti; Il 22% delle software house ritiene di operare in segmenti in cui è difficile applicarli; Il restante 9% ha ammesso di non conoscerli neppure. Figura 12 Perché non sono stati avviati progetti di Web Services Non crediamo rappresentino un vantaggio per i ns clienti 31% Non li conosciamo 9% Non è ancora il momento 38% Operiamo in segmenti in cui è difficile applicarli 22% Fonte: MATE 4. Conclusioni I Web Services hanno potenzialità di mercato molto interessanti, in relazione al vantaggio che sono in grado di consegnare alle aziende che stanno affrontando il delicato e un tempo molto oneroso Enterprise Application Integration. Le stime dei principali analisti di mercato indicano tassi di crescita elevati e l affermazione di queste applicazioni in tempi brevi. Pagina 16 di 19

17 Lo confermano i risultati dell indagine qui presentata condotta sugli operatori dell offerta, sicuramente molto incoraggianti. Come è lecito attendersi, sono i key players e le società con più di 50 dipendenti a guidare il mercato, con percentuali di realizzazione dei Web services, già effettuata o molto prossima, superiori al 60%, ma il resto del mercato segue da vicino e anche i piccoli recupereranno il gap rapidamente. Le aree di sviluppo più avanzate sono quelle relative ad applicazioni verticali ed all ebusiness, mentre si dividono in modo pressoché equo le modalità d impiego lo sviluppo di software standard, lo sviluppo di software ad hoc e la commercializzazione di software di terzi. L impiego principe dei Web services è nella realizzazione di integrazioni tra dati o processi all interno dell azienda, mentre il secondo campo di applicazione è stato quello dell integrazione di applicazioni Web. Interessante è notare come a livello di framework applicativo il 22% degli intervistati ha dichiarato di usare solo strumenti Open Source. Si tratta di una delle percentuali più alte riscontrate da MATE nell ambito delle tecnologie di sviluppo. In termini di resistenze all introduzione dei Web services la prima motivazione indicata è stata quella della sicurezza. I timori di intrusioni non desiderate sono alla base delle due considerazioni immediatamente successive. La prima è la sensazione che i Web services siano ancora lontani dal core business delle aziende. La seconda è che servano ancora alcuni anni prima che si affermino in modo definitivo. E opinione di MATE che la terza considerazione sia figlia delle prime due, e che la seconda sia gravemente influenzata dalla prima. Anche nel caso dei Web services, quindi, il problema della sicurezza viene indicato come il primo freno all investimento. Interessante è notare, infine, come anche le aziende che hanno dichiarato di non avere in progetto alcuna realizzazione di Web services nei prossimi 12 mesi mantengano un atteggiamento decisamente positivo rispetto a questa tecnologia. La maggioranza degli intervistati ha dichiarato, infatti, di essere pronta a salire sul vagone dei Web services appena le condizioni si faranno positive, cioè quando la domanda crescerà e la tecnologia sarà più matura. Il quadro emerso è quindi sostanzialmente positivo, e lascia prevedere notevoli sviluppi in quest area nei prossimi anni. Pagina 17 di 19

18 Pagina 18 di 19

19 Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di MATE - IT RESEARCH AND CONSULTING Copyright MATE - IT RESEARCH AND CONSULTING Fonte: Osservatorio Net Economy - Commercio Elettronico Italia - MATE

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

GRANDE INTERESSE DEI CIO ITALIANI VERSO IL CLOUD: TREND RILEVANTE PER IL

GRANDE INTERESSE DEI CIO ITALIANI VERSO IL CLOUD: TREND RILEVANTE PER IL GRANDE INTERESSE DEI CIO ITALIANI VERSO IL CLOUD: TREND RILEVANTE PER IL 66% Una survey del Politecnico di Milano mostra dati positivi sia per la rilevanza percepita sia per la diffusione dei progetti.

Dettagli

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno CISALPINA TOURS CISALPINA RESEARCH Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno Cisalpina Research, il nuovo centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente.

Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. Il tuo business si evolve. Fai evolvere il tuo gestionale. Costruiamo i motori di un pianeta più intelligente. esperienza + innovazione affidabilità Da IBM, una soluzione completamente nuova: ACG Vision4,

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Torniamo dopo un anno a parlare del ruolo degli Internet Provider nella catena del valore delle piccole e medie imprese, per verificare se e quanto le aziende italiane

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

OPEN SOURCE. Concetti chiave e implicazioni per le scelte aziendali (fornitori e utenti)

OPEN SOURCE. Concetti chiave e implicazioni per le scelte aziendali (fornitori e utenti) OPEN SOURCE Concetti chiave e implicazioni per le scelte aziendali (fornitori e utenti) OBIETTIVI Cosa sono i sw open source? Cosa li distingue dai sofware non open? Quali implicazioni per: I professionisti

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Da un mercato che cambia a un consumatore che cambia, cosa deve fare l agente immobiliare oggi per poter continuare a crescere?

Da un mercato che cambia a un consumatore che cambia, cosa deve fare l agente immobiliare oggi per poter continuare a crescere? NMG Financial Services Consulting NMG Financial Services Consulting Collaborazione tra agenti immobiliari: l evoluzione della professione NMG FINANCIAL SERVICES CONSULTING Piazza Liberty, 8 20121 Milano

Dettagli

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 2014 Cloud Computing 2014: mercato, adozione, scenario competitivo Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 INDICE INDICE DELLE FIGURE 2 INDICE DELLE TABELLE

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

centro di cura autosufficiente insieme di mondi entrocontenuti e autonomi limitato livello di relazione e interazione con l esterno

centro di cura autosufficiente insieme di mondi entrocontenuti e autonomi limitato livello di relazione e interazione con l esterno Dall ERP all Architettura Orientata ai Servizi (SOA): il CLOUD elemento abilitante nell e-health e nell e-government Alberto Steindler - Amministratore Delegato Insiel Mercato Udine, 30 novembre 2011 L

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture TRASFORMARE LE COMPAGNIE ASSICURATIVE Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture Costruire la compagnia digitale? L approccio DDway alla trasformazione dell IT Un percorso

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Svolta radicale nei modelli di acquisto dell'it

Svolta radicale nei modelli di acquisto dell'it Marzo 2015 Il mercato dell IT ha un nuovo acquirente: la line-of-business (LOB) Questo acquirente di tecnologia è prevalentemente un dirigente o un responsabile aziendale Oggi, nella maggior parte delle

Dettagli

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013.

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013. Internet of Everything (IoE) I 10 risultati principali del sondaggio IoE Value Index di Cisco, condotto su un campione di 7.500 responsabili aziendali in 12 paesi Joseph Bradley Jeff Loucks Andy Noronha

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

MASSIMIZZARE IL RITORNO SULL'INVESTIMENTO NELL'INTEGRAZIONE GRAZIE A UN AMBIENTE APPLICATIVO IBRIDO

MASSIMIZZARE IL RITORNO SULL'INVESTIMENTO NELL'INTEGRAZIONE GRAZIE A UN AMBIENTE APPLICATIVO IBRIDO NOTA SULLA RICERCA marzo 2014 MASSIMIZZARE IL RITORNO SULL'INVESTIMENTO NELL'INTEGRAZIONE GRAZIE A UN AMBIENTE APPLICATIVO IBRIDO I PROFITTI Sebbene l'adozione di applicazioni Software as-a-service (SaaS)

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act

Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act CENTRO STUDI Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act Nota CNA N. 10/DICEMBRE 2014 CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL ARTIGIANATO E DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

Dettagli

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO Un indagine di ANIE Energia analizza le possibili evoluzioni del mercato interno di inverter, sistemi di accumulo e colonnine di ricarica.

Dettagli

Osservatorio CRM 2015

Osservatorio CRM 2015 Con il patrocinio di: Osservatorio CRM 2015 CRM: qual è il grado di maturità strategica, operativa e tecnologica nelle aziende italiane? www.cdirectconsulting.it La ricerca CONTESTO E OBIETTIVI: L Osservatorio

Dettagli

ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT

ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT I risultati dell'osservatorio sul Marketing B2B realizzato da CRIBIS D&B con la collaborazione di AISM. ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT

Dettagli

PEOPLE: piattaforma open source multi-vendor

PEOPLE: piattaforma open source multi-vendor PEOPLE: piattaforma open source multi-vendor TITOLO Gianluca Vannuccini Comune di Firenze Indice Il progetto PEOPLE in sintesi Le piattaforme del progetto PEOPLE L architettura Dove siamo oggi Le prime

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Open Data, opportunità per le imprese Ennio Lucarelli Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Prendo spunto da un paragrafo tratto dall Agenda nazionale per la Valorizzazione del Patrimonio

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

La potenza di Ariba per i clienti SAP. I vantaggi del Collaborative Commerce

La potenza di Ariba per i clienti SAP. I vantaggi del Collaborative Commerce La potenza di Ariba per i clienti SAP I vantaggi del Collaborative Commerce Contenuti 4 9 10 12 14 18 20 22 24 Potenziare il Networked Business Una combinazione efficace Collaborative Commerce con Ariba

Dettagli

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato A cura di Thomas Schael e Gloria Sciarra (irso e Butera e Partners) Il Citizen Relationship Management (CRM) in

Dettagli

Professional Services per contact center Mitel

Professional Services per contact center Mitel Professional Services per contact center Mitel Una struttura rigorosa per un offerta flessibile Rilevamento Controllo dello stato Requisiti della soluzione Architettura Roadmap strategica Ottimizzazione

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com Al tuo fianco nella sfida di ogni giorno risk management www.cheopeweb.com risk management Servizi e informazioni per il mondo del credito. Dal 1988 assistiamo le imprese nella gestione dei processi di

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

Enterprise Cloud Computing Report

Enterprise Cloud Computing Report 2013 Enterprise Cloud Computing Report Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Michele Ghisetti, Elena Vaciago The Innovation Innovation Group The Group Innovatingbusiness business

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

.EVERYWHERE LOGIN. entra nel futuro. partnership signed

.EVERYWHERE LOGIN. entra nel futuro. partnership signed .EVERYWHERE LOGIN entra nel futuro. partnership signed Sinergia per l innovazione. Studio Ferroli e Acknow Per essere competitivi e vincenti in un mercato sempre più dinamico e globalizzato, che richiede

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

Open Source Una scelta di efficienza e di innovazione

Open Source Una scelta di efficienza e di innovazione Divisione Ricerche Claudio Dematté Open Source Una scelta di efficienza e di innovazione Ricerca realizzata da SDA Bocconi in collaborazione con Premesse La diffusione delle soluzioni Open Source come

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

Costruire il futuro il valore delle scelte tecnologiche

Costruire il futuro il valore delle scelte tecnologiche Franco Lenzi Costruire il futuro il valore delle scelte tecnologiche 7 e 8 maggio 2010, Venezia, Hotel Hilton Molino Stucky 1 La strategia tecnologica Gli obiettivi espressi dalle scelta di strategia e

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DI PRODOTTI CHIMICI PER L INDUSTRIA

LA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DI PRODOTTI CHIMICI PER L INDUSTRIA LA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DI PRODOTTI CHIMICI PER L INDUSTRIA INDAGINE AssICC - TradeLab - Edizione 2014 Sedicesima edizione - Milano, Agosto 2015 REPORT DI SINTESI 1. INTRODUZIONE Di seguito sono presentati

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

L [ERP] PER IL MERCATO DEL [WINE & BEVERAGE] WINE BEVERAGE

L [ERP] PER IL MERCATO DEL [WINE & BEVERAGE] WINE BEVERAGE L [ERP] PER IL MERCATO DEL [ & ] ERP per il settore Wine&Beverage Enterprise Resource Planning Wine&Beverage for Sap Business One è un ERP, appositamente parametrizzato per il commercio del vino, alcolici,

Dettagli

IDENTITÀ GIOVANE. Nata nel 2006 con l intento di diventare leader nel settore IT, Easytech cresce con una solida competenza in tre divisioni:

IDENTITÀ GIOVANE. Nata nel 2006 con l intento di diventare leader nel settore IT, Easytech cresce con una solida competenza in tre divisioni: copertina pg. 1 immagine pg. 2 Easytech è un gruppo di giovani professionisti uniti da un obiettivo comune: proporre le migliori soluzioni per rendere le imprese leggere e pronte a sostenere la competizione

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

L Open Source nella Pubblica

L Open Source nella Pubblica L Open Source nella Pubblica Amministrazione Vittorio Pagani Responsabile Osservatorio Open Source - CNIPA 1 Riflessioni su alcune caratteristiche del software OS disponibilità del codice sorgente: possibilità

Dettagli

Il processo di produzione dell informazione statistica e l opzione open source

Il processo di produzione dell informazione statistica e l opzione open source Il processo di produzione dell informazione statistica e l opzione Roma, 4 marzo 2008 Giulio Barcaroli 1 Il processo di produzione dell informazione statistica e l opzione All interno dell ISTAT da alcuni

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

l'impatto della regolamentazione di internet sugli investimenti early stage

l'impatto della regolamentazione di internet sugli investimenti early stage l'impatto della regolamentazione di internet sugli investimenti early stage riepilogo esecutivo nel 2014 abbiamo condotto sondaggi coinvolgendo 330 investitori in otto paesi di tutto il mondo (australia,

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales L outsourcing nei processi di Marketing & Sales Eventi & Congressi Milano 18 novembre 2010 Copyright 2010 CWT CWT nel settore Healthcare Con un esperienza più che trentennale, CWT affianca alle attività

Dettagli

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti Dott.ssa Patrizia Castelli Premessa: Il processo di pianificazione della formazione nasce dall esigenza di sviluppare le competenze e le conoscenze

Dettagli

I Fabbisogni di information and communication technology nel settore agroalimentare

I Fabbisogni di information and communication technology nel settore agroalimentare I Fabbisogni di information and communication technology nel settore agroalimentare Obiettivi Il presente documento, contiene un estratto dei risultati di uno studio sui fabbisogni in ambito ICT delle

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

LA FILIERA SW DEL DISTRETTO HIGH TECH le Aziende presentano i loro prodotti

LA FILIERA SW DEL DISTRETTO HIGH TECH le Aziende presentano i loro prodotti LA FILIERA SW DEL DISTRETTO HIGH TECH le Aziende presentano i loro prodotti 10 aprile 2013 APA Confartigianato - Monza IT Solutions to improve your business Silvano Dellavia Fondazione Distretto Green

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Enterprise Cloud Computing Report

Enterprise Cloud Computing Report Enterprise Cloud Computing Report La Verità sul Cloud Computing Una Ricerca di The Innovation Group Elena Vaciago Research Manager Cloud Computing Summit 2013 Milano, 21 Marzo 2013 Moving to the Cloud.

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software

Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software Casale SA.. Utilizzata con concessione dell autore. Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software Partner Nome dell azienda Casale SA Settore EPC

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Alfresco ECM. La gestione documentale on-demand

Alfresco ECM. La gestione documentale on-demand Alfresco ECM La gestione documentale on-demand Alfresco 3.2 La gestione documentale on-demand Oltre alla possibilità di agire sull efficienza dei processi, riducendone i costi, è oggi universalmente conosciuto

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

Compiere ERP/CRM Compiere per le PMI

Compiere ERP/CRM Compiere per le PMI Compiere ERP/CRM Compiere per le PMI Roberto Onnis 1 Compiere ERP/CRM 930,000+ downloads La più popolare applicazione opensource a livello Enterprise ERP Enterprise Resource Planning CRM Customer Relationship

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

Desktop Cloud: modelli, vantaggi, criticità

Desktop Cloud: modelli, vantaggi, criticità Dipartimento di Elettronica e Informazione Desktop Cloud: modelli, vantaggi, criticità Eugenio Capra eugenio.capra@polimi.it Evento ZeroUno, Milano, 24 marzo 2011 Le esigenze degli IT manager Le principali

Dettagli

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight

Ferrovie dello Stato Italiane Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight CUSTOMER SUCCESS STORY April 2014 Garantisce l Efficienza dei Servizi IT in Outsourcing con CA Business Service Insight PROFILO DEL CLIENTE: Azienda: S.p.A. Settore: logistica e trasporti Fatturato: 8,2

Dettagli

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta: opportunità e sfide in un momento di crisi Mariano Corso School of Management Politecnico di Milano Milano, 23 ottobre 2009 Ricerca ALCUNI

Dettagli

Banche: nuovi modelli di segmentazione della clientela

Banche: nuovi modelli di segmentazione della clientela Banche: nuovi modelli di segmentazione della clientela di Davide Mondaini Mondaini Partners - Dimensione Consulting All interno degli istituti di credito la macroarea d affari connessa all attività con

Dettagli

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Angelo DEIANA Responsabile Mercato Private Gruppo Monte dei Paschi di Siena Scenario

Dettagli

Nuovi strumenti Microsoft EASI per la Cooperazione Applicativa ed il Sistema Pubblico di Connettività

Nuovi strumenti Microsoft EASI per la Cooperazione Applicativa ed il Sistema Pubblico di Connettività Nuovi strumenti Microsoft EASI per la Cooperazione Applicativa ed il Sistema Pubblico di Connettività Forum P.A. Roma, 9 Maggio 2005 Antonello Maraglino Business Development Manager Public Sector Microsoft

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni SERVER E VIRTUALIZZAZIONE Windows Server 2012 Guida alle edizioni 1 1 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente documento viene fornito così come

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

In meno di dieci anni i social. Social Learning, la formazione 2.0

In meno di dieci anni i social. Social Learning, la formazione 2.0 Social Learning, la formazione 2.0 È IL MODO PIÙ NUOVO DI EROGARE CONTENUTI E INFORMAZIONI A DIPENDENTI, CLIENTI E FORNITORI, MA È ANCHE LA FORMA PIÙ ANTICA DI APPRENDIMENTO, CHE PASSA DALLE RELAZIONI,

Dettagli

HR E LE SFIDE DEL FUTURO

HR E LE SFIDE DEL FUTURO HR E LE SFIDE DEL FUTURO 03/11/2014 HR e le sfide del futuro g.facco nov.2014 1 HR cambia velocemente: i principali fattori della mutazione il ruolo della Direzione HR sta mutando : è tra le funzioni aziendali

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it La scelta della strategia di marketing I Mktg-L04 Principali scenari di sviluppo

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1 Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana Valeria Severini, Freedata S.r.l. Milano, 20 Marzo 2007 1 La Ricerca Obiettivo definire le caratteristiche del divario digitale in Italia nelle

Dettagli