Disciplinare Tecnico e Allegati Tecnici per la fornitura e montaggio di attrezzature di servizio per il trasporto pubblico locale (pensiline e paline)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disciplinare Tecnico e Allegati Tecnici per la fornitura e montaggio di attrezzature di servizio per il trasporto pubblico locale (pensiline e paline)"

Transcript

1 COMUNE DELLA SPEZIA Dipartimento II - C.d.R. Mobilità Disciplinare Tecnico e Allegati Tecnici per la fornitura e montaggio di attrezzature di servizio per il trasporto pubblico locale (pensiline e paline) importo fornitura ,33 +IVA 1

2 SOMMARIO 1. Oggetto e tempi della fornitura Specifiche della fornitura Principali caratteristiche delle pensiline Principali caratteristiche della palina con pannello informativo a messaggio statico Principali caratteristiche della palina con pannello informativo elettronico a messaggio variabile Normativa di riferimento Termini e tempi della fornitura Corrispettivo e modalità pagamento Sopralluogo obbligatorio Garanzia e manutenzione full service della fornitura, assistenza post vendita Modalità di aggiudicazione Responsabile della gestione e domicilio dell aggiudicatario Subappalto Piano forniture / Variazioni Penali derivanti da ritardi nella fornitura Risoluzione del contratto Oneri dell aggiudicario Cauzioni Sospensione e ripresa della fornitura Qualità ed impiego dei materiali Verifiche di rispondenza Certificato di regolare esecuzione della fornitura Normative Osservanza delle condizioni di lavoro Cessione del Contratto Controversie ALLEGATI A Planimetria dell area urbana di La Spezia con indicate le aree di fermata dove sono da installare le pensiline e le paline B Progetto Tecnico B.1 PREMESSA B.2 DESCRIZIONE DELLA PENSILINA TIPO CARATTERISTICHE TECNICHE E MATERIALI

3 MODALITÀ DI INSTALLAZIONE E FISSAGGIO B.3 DESCRIZIONE DELLA PALINA TIPO Principali caratteristiche della palina con pannello informativo elettronico a messaggio variabile Principali caratteristiche della palina (a palo) con pannello informativo a messaggio statico Principali caratteristiche della palina con pannello informativo a messaggio statico integrate nella struttura della pensilina B.4 ELENCO DEI PUNTI DI FERMATA E DOTAZIONI PREVISTE DESCRIZIONE DEI PUNTI DI FERMATA OGGETTO DELL INTERVENTO Kennedy_Via Veneto Porta Rocca_Via Veneto Porta Rocca_Via XXIV Maggio Comune_Bayreuth Comune_Via XXIV Maggio Via Chiodo_Giardini Via Chiodo_Portici Mercato Mercato Nord Ponte Scorza Via Fiume_Stazione Fermata Bixio Biblioteca Mazzini direzione Centro Biblioteca Mazzini direzione Ponente Garibaldi incrocio Cavour Garibaldi incrocio Amendola Via Di Monale Amendola_Coop Amendola_Pacinotti Brin_Giardini Brin_Portici Cavour Nord direzione Centro Cavour Nord direzione Ponente

4 1. Oggetto e tempi della fornitura L oggetto del presente Disciplinare Tecnico riguarda la fornitura e il montaggio (esclusi i lavori edili di allestimento dell area di fermata e di predisposizione degli attacchi a terra per il successivo montaggio) di: 21 pensiline con paline di fermata integrate; le paline, come specificato nel successivo art. 2 possono essere elettroniche o semplici; una palina semplice bifacciale di segnalazione di fermata con struttura a palo e pannello informativo a messaggio statico; una palina elettronica bifacciale di segnalazione di fermata con struttura a palo e pannello informativo elettronico a messaggio variabile; montaggio nei punti fermata del servizio indicati nell Allegato A (planimetria) allestiti e predisposti sulla base delle specifiche di installazione date dall Aggiudicatario della presente fornitura. Le pensiline, di dimensioni modulari, dovranno rispettare le caratteristiche tecniche indicate nel presente Disciplinare. Le caratteristiche tecniche delle pensiline proposte dal Concorrente dovranno essere indicate nel Progetto Offerta, redatto nel rispetto delle indicazioni contenute nell Allegato B ( Progetto Tecnico ). Le pensiline saranno predisposte per l allestimento di spazi da adibire alle informazioni pubblicitarie gestite con messaggistica fissa o temporanea, sistemi variabili o fissi audiovisivi o multimediali. Oltre agli spazi per la pubblicità, sono riservati al Comune di La Spezia gli spazi destinati ad informazioni e comunicazioni di servizio e/o di pubblica utilità indicati. Le esposizioni di materiale pubblicitario e di pubblica utilità saranno effettuate a cura ed onere dell attuale gestore delle pensiline. 4

5 2. Specifiche della fornitura Il Progetto Offerta del Concorrente dovrà riguardare la fornitura del seguente materiale: Pensiline tipo Dimensioni indicative (cm) Quantità di cui con Palina elettronica di cui con Palina semplice A 300 x 180 x B 400 x 180 x Bs 400 x 180 x 240 a sbalzo C 500 x 180 x D 600 x 180 x Totale pensiline con paline integrate Paline Palina di segnalazione fermata con struttura a palo e pannello informativo a messaggio statico (bifacciale) Palina di segnalazione fermata con struttura a palo e pannello informativo elettronico a messaggio variabile (monofacciale) Altezza libera minima (cm) Quantità Di seguito sono indicate le principali caratteristiche degli elementi oggetto della fornitura il cui dettaglio è contenuto nell allegato B Progetto Tecnico. 5

6 3. Principali caratteristiche delle pensiline La struttura portante potrà essere costituita da montanti (in numero variabile a seconda del numero di moduli ch costituiscono la pensilina) in tubolare di acciaio zincato verniciato o in alluminio con montanti dotati di apertura inferiore per lo scarico delle acque piovane raccolte nel lato anteriore e posteriore. Le pareti di fondo e laterali sono costituite da pannelli di policarbonato alveolare trasparente (spessore di almeno 4 mm) o vetro temperato antisfondamento e antinfortunistico con molatura a filo lucido (spessore di almeno 8 mm) fissate alla struttura da pinze o staffe in alluminio estruso ed anodizzato o in acciaio. La copertura, sostenuta da centine e contro centine in estruso di alluminio verniciato o in acciaio, dovrà essere costituita da lastre o pannelli di materiale non trasparente (o comunque tale da schermare dall irradiazione solare) e dovrà consentire lo scorrimento dell acqua piovana. Il fianco laterale opposto al verso di provenienza dell autobus dovrà essere predisposto per l installazione di materiale pubblicitario, mentre uno o più pannelli (in funzione dei moduli di cui è composta la pensilina) posteriori saranno riservati sia all installazione di materiale pubblicitario sia all esposizione di materiale informativo di pubblica utilità per le informazioni all utenza e al pubblico. Le paline che contengono le informazioni statiche relative al servizio di trasporto pubblico (per esempio: linee e percorsi) e le paline elettroniche che forniscono informazioni dinamiche sul servizio (per esempio: orari delle prossime corse, tempi di attesa) saranno integrate nella struttura della pensilina. Le pensiline dotate di paline di fermata con pannello informativo a messaggio statico (integrate nella struttura della pensilina) dovranno essere predisposte per la successiva ed eventuale installazione di paline elettroniche dotate di pannelli informativi a messaggio variabile (integrate nella struttura della pensilina). Il pannello informativo della palina integrata nella pensilina dovrà contenere i dati identificativi della fermata (diversi per ogni e- lemento), i loghi del Comune del gestore del servizio di trasporto che saranno forniti dal Comune di La Spezia su file, in formato grafico da concordare. La pensilina dovrà prevedere al suo interno l'inserimento di elementi per la seduta degli utenti in attesa (altezza circa 44 cm e larghezza variabile a seconda della dimensione della pensilina fra i 200 e i 400 cm), cestino rifiuti ed essere dotata di illuminazione a basso consumo (per esempio: led) da inserire nella strutta della pensilina (per esempio: nella parte inferiore della copertura o nei montanti verticali della struttura). 6

7 4. Principali caratteristiche della palina con pannello informativo a messaggio statico Le paline semplici sono integrate nella struttura della pensilina e, in un caso, è previsto il montaggio ad u palo di sostegno. In questo caso la palina è costituita da una struttura portante (palo base con anima interna di acciaio, rivestita in lamiera di acciaio o in alluminio, di altezza complessiva pari a circa 370 cm di cui circa 50 cm nella fondazione e altezza libera pari ad almeno 210 cm) con piastra base in acciaio zincato di spessore di 20 mm dotata di quattro fori per il fissaggio a terra tramite tasselli. La tabella informativa superiore è composta da una struttura di sostegno in tubolare su cui si inseriscono due bacheche di formato A1 (in lamiera o alluminio). La palina deve inoltre essere dotata di tabella formato A4 con relativa bacheca per l esposizione degli orari e di cestino. Il pannello informativo della palina integrata nella pensilina dovrà contenere i dati identificativi della fermata (diversi per ogni elemento), i loghi del Comune del gestore del servizio di trasporto che saranno forniti dal Comune di La Spezia su file, in formato grafico da concordare. Per le paline integrate nella struttura della pensilina, il Concorrente ha la facoltà di presentare la soluzione che ritiene più idonea a garantire la completezza delle informazioni da fornire al pubblico, la leggibilità da parte degli utenti presenti alla fermata, l estetica complessiva del manufatto proposto. 7

8 5. Principali caratteristiche della palina con pannello informativo elettronico a messaggio variabile Le paline elettroniche sono integrate nella struttura della pensilina o, in un caso, è previsto il montaggio su un palo di sostegno ancorato al suolo. Le paline elettroniche consentono di fornire all utenza le informazioni sullo stato del servizio e sui tempi di arrivo dell autobus alla fermata (numero della linea, tempo di attesa, con eventualmente l indicazione della coincidenza, passaggi programmati per i mezzi non dotati di AVM). La palina deve essere predisposta per gestire informazioni attraverso il sistema GPRS/UMTS/HSPDA, consentendo la comunicazione con i veicoli in movimento. Le paline informative, dotate di display a LED ad alta luminosità, dovranno comunicare all utenza, tramite messaggi e/o disegni grafici, informazioni in tempo reale; inoltre potranno essere dotate di funzioni di autodiagnosi per la segnalazione di eventuali guasti. Le palina elettronica dovrà essere in grado di comunicare i passaggi di ciascuna linea dopo il primo previsto (ad esempio fino al terzo), per ogni linea in servizio presso la fermata. Ciascuna palina elettronica sarà identificata da un codice univoco, che descriverà le informazioni della fermata presso la quale è installata. Potranno inoltre essere rese disponibili anche altre funzionalità come, per esempio, la regolazione automatica della luminosità in funzione delle condizioni ambientali/atmosferiche o la modifica del tipo e della dimensioni del carattere utilizzato a seconda degli ambiti in cui viene installata, in modo da ottenere sempre una leggibilità ottimale. Oltre a rendere disponibile le informazioni riguardanti il servizio pubblico, le paline dovranno visualizzare: messaggi relativi allo stato del servizio (sospeso, in ritardo, fermata soppressa fino al.), messaggi relativi ad eventi culturali raggiungibili con il servizio pubblico, messaggi pubblicitari. Le paline elettroniche dovranno essere idonee a garantire la resistenza alle sollecitazioni meteoriche ed avere criteri costruttivi per la protezione dagli atti vandalici. Il materiale di cui saranno costituite dovrà essere ignifugo ed autoestinguente oltre ad essere non ossidabile, lavabile e repellente ai graffiti; i vetri presenteranno caratteristiche tali da garantire l infrangibilità ed essere antischeggia. Le principali caratteristiche del pannello informativo sono: monofacciale; tecnologia a LED ad alta luminosità idonei a rendere leggibili le informazioni visualizzate anche ad un utenza ipovedente; angolo di visibilità almeno pari a 120 ; adeguato impianto di raffreddamento; visualizzazione di informazioni con modalità configurabile: fissi, alternati a scorrimento, su 4 righe con testo scorrevole; possibilità di memorizzazione locale di messaggi precodificati; modem GPRS/UMTS/HSPDA; distanza di lettura almeno 30 m. 8

9 Sarà cura del Concorrente proporre in fase di offerta il layout della palina proposta in modo che la commissione giudicatrice possa valutare, oltre alle caratteristiche tecniche del prodotto offerto, anche l aspetto estetico. 6. Normativa di riferimento La gara verrà esperita in osservanza delle norme legislative e regolamentari vigenti, con particolare riferimento al D.Lgs. n. 163 del 12/04/06 e s.m.i. Codice dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (da ora in avanti denominato Codice dei Contratti Pubblici ), al Regolamento per la Disciplina dei Contratti del Comune di La Spezia, nonché sulla base del presente Capitolato e di tutti gli atti predisposti allo scopo da questa Amministrazione. In caso di contrasto tra le disposizioni del presente Capitolato e quelle contenute in qualsiasi atto di gara o contrattuale, verrà privilegiata l'interpretazione più favorevole all'amministrazione dell'ente. 7. Termini e tempi della fornitura La consegna si intende ultimata con la fornitura e il montaggio in loco degli elementi di cui al precedente art. 1. Le prestazioni di cui all art. 1 devono risultare eseguite a regola d arte. Per tutte le forniture previste e per il montaggio l impresa si atterrà e si uniformerà alle prescrizioni impartite dal Comune di La Spezia. Il tempo massimo per la consegna delle forniture oggetto del presente capitolato e del loro montaggio nelle aree di fermata indicate nell allegato A, è stabilito in 90 (novanta) giorni naturali, successivi e continui, a partire dalla data di Avvio della Esecuzione. 9

10 8. Corrispettivo e modalità pagamento Il corrispettivo complessivo, a corpo, posto a base di gara e soggetto a ribasso da parte dell offerente, per la fornitura e il montaggio delle 21 pensiline, della palina a messaggio statico e della palina elettronica è pari a ,33 (cento ottanta tremila trecento trentatre/33) euro iva esclusa. Nel dettaglio il corrispettivo è riferito alle seguenti voci: Pensilina tipo Aa Ab Ba Bb Bas Bbs C D Dimensioni Indicative (cm) 300 x 180 x 240h 300 x 180 x 240h 400 x 180 x 240h 400 x 180 x 240h 400 x 180 x 240h 400 x 180 x 240h 500 x 180 x 240h 600 x 180 x 240h Caratteristiche Palina con pannello informativo a messaggio statico Illuminata (una plafoniera) Seduta e cestino Palina elettronica con pannello informativo a messaggio variabile Illuminata (una plafoniera) Seduta e cestino Palina con pannello informativo a messaggio statico Illuminata (una plafoniera) Seduta e cestino Palina elettronica con pannello informativo a messaggio variabile Illuminata (una plafoniera) Seduta e cestino A sbalzo Palina con pannello informativo a messaggio statico Illuminata (una plafoniera) Seduta e cestino A sbalzo Palina elettronica con pannello informativo a messaggio variabile Illuminata (una plafoniera) Seduta e cestino Palina elettronica con pannello informativo a messaggio variabile Illuminata (due plafoniere) Seduta e cestino Palina elettronica con pannello informativo a messaggio variabile Illuminata (due plafoniere) Seduta e cestino Quantità Totale pensiline 21 Paline Palina di segnalazione fermata con struttura a palo e pannello informativo a messaggio statico (bifacciale) Palina di segnalazione fermata con struttura a palo e pannello informativo elettronico a messaggio variabile (monofacciale) Quantità

11 Pensilina tipo Dimensioni Indicative (cm) Caratteristiche Quantità Totale paline 2 Totale importo dell appalto di cui 3.333,33 di oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso ,33 I pagamenti si effettueranno su presentazione di regolare fattura, previa attestazione di regolare esecuzione della fornitura, da rilasciarsi dal Servizio Mobilità, con le seguenti cadenze: - 70% alla fornitura dell intero materiale regolarmente verificato ed accettato; - 30% al completamento del montaggio di tutte le parti oggetto del contratto. - In occasione di ogni pagamento saranno corrisposti gli oneri di sicurezza corrispondenti. Nessun compenso, indennità o altro spetterà all impresa, la quale avrà diritto solo al pagamento, a prezzi contrattuali, delle forniture regolarmente eseguite, accertate ed accettate dal Servizio Mobilità. 11

12 9. Sopralluogo obbligatorio Al fine della formulazione dell offerta i concorrenti dovranno prendere visione dei luoghi e delle aree di fermata dove è prevista l installazione delle pensiline e della palina previa richiesta da trasmettere tramite mail al Comune di La Spezia almeno entro 5 (cinque) giorni dal termine ultimo per la presentazione dell offerta. Il Comune di La Spezia fornirà una ricevuta dell avvenuto sopralluogo che dovrà essere allegata,, nella BUSTA A Documentazione Amministrativa. 10. Garanzia e manutenzione full service della fornitura, assistenza post vendita L'Impresa aggiudicataria si assume l obbligo di garantire tutte le forniture per assicurare la qualità dei materiali e la manutenzione per il regolare funzionamento delle pensiline, per un periodo non inferiore a 24 mesi, a decorrere dalla data del certificato di regolare esecuzione della fornitura, dovuti a mancanze o difetti della fornitura (fatti salvi vizi occulti - garanzia decennale). A tal fine la Impresa dovrà produrre garanzie dei prodotti di cui al DLgs 206/2005. In tale periodo l impresa aggiudicataria si impegna ad effettuare, a propria cura e spese la manutenzione necessaria ad assicurare il regolare funzionamento della fornitura nonché tutte le sostituzioni necessarie ad eliminare difetti, imperfezioni, difformità entro 15 giorni naturali e consecutivi dal ricevimento della lettera di contestazione e/o richiesta. In mancanza il Comune della Spezia può fare eseguire ad altra Impresa i lavori necessari per eliminare difetti ed imperfezioni addebitandone l'importo a spese della Impresa aggiudicataria. L'Impresa aggiudicataria si assume inoltre l'obbligo di garantire la disponibilità dei pezzi di ricambio per un periodo non inferiore a dieci anni a decorrere dalla data del certificato di regolare esecuzione della fornitura. 12

13 11. Modalità di aggiudicazione La gara per l affidamento della fornitura sarà espletata con l aggiudicazione a favore dell offerta economicamente più vantaggiosa, valutabile in base agli elementi indicati di seguito. Elemento A Elemento di valutazione Punteggio attribuito A Piano dei tempi di consegna 20 B Estetica dei manufatti 10 C Caratteristiche funzionali, di manutenzione e pulizia 10 D Tecniche di montaggio 10 E Materiali impiegati 5 F Estensione del periodo di garanzia e manutenzione full service 15 G Offerta economica: ribasso offerto 30 Totale 100 Il punteggio per l elemento A verrà attribuito sulla base del numero di giorni entro i quali, a partire dalla sottoscrizione del contratto, verrà completata la fornitura di tutti gli elementi delle pensiline e delle paline. All impresa che effettuerà la fornitura e il montaggio entro il tempo massimo stabilito nel presente capitolato (novanta giorni) verranno attribuiti zero punti. Al concorrente che offrirà il minor tempo verrà attribuito il punteggio massimo; agli altri concorrenti il punteggio verrà commisurato in proporzione alla differenza con il minor tempo offerto, secondo la seguente formula: dove: P i P max G i G min = punteggio da attribuire al Concorrente iesimo = punteggio massimo attribuibile (20 punti) = numero di giorni offerti dal concorrente iesimo per la fornitura = numero di giorni minimo offerto per la fornitura Elementi B, C, D, E L assegnazione del punteggio che riguarda gli elementi di valutazione di natura qualitativa (elementi B, C, D, E) avverrà a seguito di comparazione e confronto a coppie delle offerte presentate. Il punteggio finale di ciascun elemento sarà determinato sulla base del grado di preferenza, variabile tra 1 e 3, attribuito discrezionalmente, e a loro insindacabile giudizio, dai singoli commissari a ciascun elemento di ogni offerta secondo la seguenti specifiche: Elemento B C Estetica dei manufatti Caratteristiche funzionali, di manutenzione e pulizia Specifiche per la valutazione Disegno architettonico della pensilina e inserimento nel contesto edilizio ed urbanistico Protezione dagli agenti atmosferici Visibilità verso l esterno Equilibrio nella distribuzione degli spazi di attesa (posti in piedi e seduti) 13

14 Elemento D Tecniche di montaggio E Materiali impiegati Specifiche per la valutazione Organizzazione degli spazi dedicati alle informazioni di pubblica utilità Struttura della pensilina e semplicità delle operazioni di riparazione o sostituzione dei singoli elementi Struttura della pensilina e semplicità delle operazioni di pulizia Semplicità delle operazioni di montaggio della pensilina Natura ed entità dei lavori necessari per la preparazione dell area di fermata (che saranno eseguiti dall impresa che eseguirà i lavori) Materiali proposti in relazione al contesto edilizio e urbanistico Resistenza agli agenti atmosferici Resistenza agli atti vandalici Ogni commissario valuta quale dei due elementi di ciascuna coppia d offerta sia da preferire. Tenendo conto che la preferenza per lo stesso elemento di ogni offerta può essere più o meno forte, ogni commissario attribuisce un punteggio che varia da 1 (parità), a 2 (preferenza media), a 3 (preferenza massima). A ciascun elemento delle due offerte comparate viene, quindi, assegnato il relativo grado di preferenza. In caso di parità viene assegnato un punto ad entrambe gli elementi valutati. I punteggi saranno assegnati sulla base della seguente tabella: Grado di preferenza Valore attribuito al singolo elemento dell'offerta Offerta X Offerta Y Offerta X/0 parità 1 1 Offerta X/1 preferenza minima offerta x 1 0 Offerta X/2 preferenza media offerta x 2 0 Offerta X/3 preferenza massima offerta x 3 0 Offerta X/4 preferenza minima offerta y 0 1 Offerta X/5 preferenza media offerta y 0 2 Offerta X/6 preferenza massima offerta y 0 3 Esempio di tabella per l assegnazione del grado di preferenza Elemento Offerta 2 Offerta 3 Offerta 4 Offerta 5 Offerta (n + 1) Offerta 1 Offerta1/1 Offerta1/6 Offerta1/0 Offerta1/5 Offerta1/4 Offerta 2 Offerta2/0 Offerta2/6 Offerta2/3 Offerta2/3 Offerta 3 Offerta3/2 Offerta3/1 Offerta3/1 Offerta 4 Offerta4/2 Offerta4/6 Offerta (n 1) Offerta (n 1)/5 Una volta terminato il confronto delle coppie, si sommano i gradi di preferenza attribuiti da parte di tutti i commissari all elemento valutato di ogni offerta. Tali somme provvisorie vengono trasformate in coefficienti definitivi, riportando ad uno la somma più alta e proporzionando a tale somma massima le somme provvisorie prima calcolate. Quindi, in relazione ad ogni singolo elemento di valutazione (B, C, D, E), all offerta che avrà ricevuto il grado massimo di preferenza, verrà attribuito il massimo valore del punteggio disponibile per l elemento valutato. Agli altri concorrenti il punteggio per il singolo elemento verrà attribuito in maniera proporzionale secondo la seguente formula: 14

15 dove: P i P max C i C max = punteggio da attribuire al Concorrente iesimo per l elemento da valutare = punteggio massimo attribuibile all elemento da valutare = sommatoria dei coefficienti attribuiti da ogni commissario al concorrente iesimo per l elemento da valutare = valore massimo ottenuto relativo alla sommatoria dei coefficienti attribuiti da ogni commissario all elemento da valutare. L assegnazione del punteggio per gli elementi B, C, D, E, a seguito del confronto delle offerte presentate, sarà determinato sulla base della somma dei punteggi ottenuti da ciascuna offerta per ogni singolo elemento : migliori prodotti dal punto di vista estetico (elemento B), funzionale (elemento C), tecnico-costruttivo (elemento D), dei materiali impiegati (elemento E) e punteggi proporzionalmente inferiori agli altri concorrenti: dove: P tot P i (elemento B ) P i (elemento C ) P i (elemento D ) P i (elemento E ) = punteggio totale del Concorrente iesimo per gli elementi B, C, D, E = punteggio ottenuto dal Concorrente iesimo per l elemento B = punteggio ottenuto dal Concorrente iesimo per l elemento C = punteggio ottenuto dal Concorrente iesimo per l elemento D = punteggio ottenuto dal Concorrente iesimo per l elemento E Elemento F Per l elemento F, estensione del periodo di garanzia e di manutenzione full service, verrà valutata l estensione, espressa in mesi, del periodo di garanzia e di manutenzione full service rispetto ai tempi minimi prescritti nel capitolato (24 mesi). Il Concorrente dovrà specificare i mesi aggiuntivi relativi al periodo di garanzia e di manutenzione full service. La commissione attribuirà 0,75 punti per ogni mese aggiuntivo offerto di manutenzione full service gratuiti, fino a un massimo di 15 punti. Elemento G Il punteggio per l offerta economica (elemento G) sarà attribuito con la seguente formula: dove: P i è il punteggio dell offerta iesima; P m è il punteggio massimo attribuibile ed è pari a 30; α è una costante pari a 20 (pendenza della curva); R %off è il ribasso percentuale offerto dal concorrente iesimo. 15

16 Punteggio ,00% 5,00% 10,00% 15,00% 20,00% 25,00% 30,00% Ribasso offerto Punteggio finale L aggiudicazione della fornitura avverrà a favore del Concorrente che avrà conseguito complessivamente il punteggio più alto (somma dei punteggi conseguiti dal Concorrente per ogni elemento di valutazione). Il concorrente, inoltre, deve indicare all interno della offerta tecnica per ogni tipologia di palina richiesta (cfr. tabella seguente) i prezzi unitari che costituiranno riferimento per e- ventuali integrazioni indicando peraltro per quanto tempo sono validi i prezzi offerti e gli eventuali incrementi di prezzo nel tempo. Anche la indicazione del costo di ulteriori pezzi di ricambio e relative modalità di consegna e fornitura saranno tenute in considerazione nella valutazione dell offerta. Pensilina Aa Ab Ba Bb Bas Bbs Dimensioni Indicative (cm) 300 x 180 x 240h 300 x 180 x 240h 400 x 180 x 240h 400 x 180 x 240h 400 x 180 x 240h 400 x 180 x 240h Caratteristiche Palina con pannello informativo a messaggio statico Illuminata (una plafoniera) Seduta e cestino Palina elettronica con pannello informativo a messaggio variabile Illuminata (una plafoniera) Seduta e cestino Palina con pannello informativo a messaggio statico Illuminata (una plafoniera) Seduta e cestino Palina elettronica con pannello informativo a messaggio variabile Illuminata (una plafoniera) Seduta e cestino A sbalzo Palina con pannello informativo a messaggio statico Illuminata (una plafoniera) Seduta e cestino A sbalzo Palina elettronica con pannello informativo a messaggio variabile Prezzo unitario offerto (*) 16

17 Pensilina C D Dimensioni Indicative (cm) 500 x 180 x 240h 600 x 180 x 240h Caratteristiche Illuminata (una plafoniera) Seduta e cestino Palina elettronica con pannello informativo a messaggio variabile Illuminata (due plafoniere) Seduta e cestino Palina elettronica con pannello informativo a messaggio variabile Illuminata (due plafoniere) Seduta e cestino Paline Palina di segnalazione fermata con struttura a palo e pannello informativo a messaggio statico (bifacciale) Palina di segnalazione fermata con struttura a palo e pannello informativo elettronico a messaggio variabile (monofacciale) (*) IVA esclusa Prezzo unitario offerto (*) Prezzo unitario offerto (*) 12. Responsabile della gestione e domicilio dell aggiudicatario Ad aggiudicazione avvenuta, l aggiudicatario è tenuto a nominare un Responsabile per la gestione del contratto e a comunicare i relativi dati al Comune prima della stipula del contratto. Il Responsabile individuato sarà considerato l unico referente per l impresa nei confronti dell Amministrazione e ad esso verranno indirizzate tutte le comunicazioni rivolte all impresa. 13. Subappalto L impresa appaltatrice esegue in proprio le forniture comprese nel contratto. È consentito il subappalto della fornitura, con le modalità e nei limiti fissati dalla legge, previa autorizzazione del Comune. 14. Piano forniture / Variazioni Successivamente all ordine, l affidatario procederà a fornire tempestivamente un piano delle forniture stesse. Nel corso della redazione di tale documento potranno essere concordate, senza alcun onere aggiuntivo, modifiche ai manufatti offerti per superare eventuali 17

18 punti critici, purché tali modifiche non siano sostanziali e non alterino il contenuto qualitativo e quantitativo del Progetto Offerta. Nessuna modifica potrà essere attuata ad iniziativa esclusiva dell affidataria e, quindi, in caso che necessitino variazioni, questa dovrà darne comunicazione al Comune di La Spezia, per l ottenimento della formale autorizzazione. 15. Penali derivanti da ritardi nella fornitura La ditta affidataria si impegna all installazione dei manufatti oggetto della gara secondo quanto indicato agli articoli precedenti. Per ogni giorno di ritardo non giustificato nella consegna delle singole forniture, di cui al precedente art. 7, il Comune della Spezia applica una penale di 100 per ogni manufatto non ancora consegnato, fatto salvo il diritto dell'amministrazione al risarcimento degli e- ventuali ulteriori danni, per ogni giorno di effettivo ritardo. I giorni sono da intendersi lavorativi. Ove il ritardo non giustificato nella consegna della fornitura superi i 15 giorni è facoltà del Comune di La Spezia recedere dal contratto. A giustificazione del ritardo nell'ultimazione della fornitura oggetto del presente appalto, l impresa aggiudicataria non può mai attribuire la causa, in tutto o in parte, ad altre ditte o imprese che provvedano, per conto dell'amministrazione, ad altri lavori o forniture, se essa non ha denunciato tempestivamente e per iscritto all'amministrazione il ritardo a queste imprese ascrivibile, affinché l Amministrazione stessa possa farne contestazione. Nell'ipotesi di fornitura difforme da quanto richiesto e attestato col certificato di regolare esecuzione, fatto salvo quanto previsto nel successivo art. 16, si applica una penale variabile da un minimo di 500,00 ad un massimo di 5.000,00, salvo diritto al risarcimento di eventuali ulteriori danni. Le penali si applicano mediante ritenuta sul primo pagamento utile al verificarsi della contestazione e, se necessario, anche per rivalsa sul deposito cauzionale definitivo. 16. Risoluzione del contratto Il Comune di La Spezia ha diritto di risolvere il contratto di diritto ex art del Codice Civile, mediante semplice lettera raccomandata A.R., senza bisogno di messa in mora, nei seguenti casi: frode nella esecuzione delle forniture; inadempienza delle disposizioni contrattuali riguardo ai modi e ai tempi di esecuzione delle forniture; inadempienza accertata alle norme di legge sulla prevenzione degli infortuni, la sicurezza sul lavoro e le assicurazioni obbligatorie delle maestranze; 18

19 subappalto o cessione anche parziale del contratto fuori dai casi non espressamente consentiti dal presente capitolato e dalla legislazione vigente; ritardo nella ultimazione della fornitura, da intendersi rispetto ai termini espressamente specificati nei precedenti articoli, superiore ai 15 giorni; reiterate situazioni di mancato rispetto delle modalità di esecuzione contrattuali; reiterato e grave mancato rispetto delle normative sulla sicurezza sui luoghi di lavoro o delle normative sulla sicurezza del prodotto. Con la risoluzione del contratto il Comune di La Spezia affida a terzi la fornitura per l'esecuzione in danno dell'impresa inadempiente. All'Impresa inadempiente è notificato nelle forme prescritte l affidamento della fornitura a terzi ed è trasmessa copia del contratto di affidamento della fornitura ad altra Impresa ovvero, qualora non sia stipulato contratto formale, copia dell'atto formale di affidamento della fornitura ad altra Impresa. All Impresa inadempiente sono addebitate le maggiori spese sostenute dal Comune rispetto a quelle previste dal contratto risolto, prelevando le stesse dal deposito cauzionale e, ove questo non sia sufficiente, da eventuali crediti dell'impresa inadempiente senza pregiudizio dei diritti del Comune sui beni dell impresa inadempiente, fermo restando che, nel caso di minor spesa, nulla competerà all impresa inadempiente. L esecuzione in danno non esime l impresa inadempiente dalle responsabilità civili in cui la stessa incorra a norma di legge o contratto per i fatti che hanno motivato la risoluzione. Nell'ipotesi di risoluzione contrattuale, il Comune di La Spezia, oltre all'applicazione delle penalità previste, procede all'incameramento della cauzione prestata, all'eventuale escussione in danno, salvo il diritto al risarcimento degli eventuali ulteriori danni ed eventuale segnalazione alle autorità competenti. 17. Oneri dell aggiudicario Si intendono a carico dell aggiudicatario: le spese di contratto e tutti gli oneri connessi alla sua stipula e registrazione, compresi quelli tributari; ogni altra tassa, onere o tributo derivante dall esecuzione del presente contratto, previsti da Stato, Regione, Provincia e/o Comune; le spese per il trasporto di qualsiasi materiale, mezzo d opera e attrezzo; le spese di progettazione, fornitura, installazione dei manufatti; le spese di installazione, gestione di eventuali dispositivi previsti nel Progetto Offerta ; ogni altra spesa derivante dalla prestazione degli eventuali servizi aggiuntivi offerti e autorizzati dal Comune di La Spezia; le opere provvisionali, i mezzi d'opera e il personale comune e specializzato necessario per lo scarico e deposito dei materiali; l'allontanamento ed il trasporto in discarica dei materiali di risulta, imballaggi, ecc.; 19

20 l'osservanza delle norme derivanti dalle vigenti leggi e decreti relativi alle assicurazioni varie di lavoratori contro gli infortuni sul lavoro e delle altre disposizioni in vigore o che potranno intervenire in corso d'opera. L'Aggiudicatario inoltre solleva pienamente l'amministrazione Appaltante da qualsiasi responsabilità derivante dall inosservanza delle norme qui richiamate e in particolare quelle che riguardano la sicurezza sul lavoro. 18. Cauzioni A garanzia dell'esatto adempimento delle obbligazioni contrattuali assunte, nonché del risarcimento dei danni derivanti dall'inadempimento delle obbligazioni stesse, l'impresa è tenuta a versare, prima della stipula del contratto, una cauzione definitiva pari al 10% dell importo contrattuale eventualmente incrementata secondo quanto previsto dall articolo 113 del Codice degli appalti in caso di ribassi superiori al 10%. La cauzione definitiva può essere costituita in denaro o in titoli di stato o garantiti dallo Stato, al corso del giorno di deposito della cauzione, ovvero mediante fidejussione bancaria o assicurativa, che prevedano espressamente la rinuncia alla preventiva escussione del debitore principale e deve essere presentata nei termini e con le modalità stabilite dal Comune e preventivamente comunicate all impresa. Nel caso in cui l impresa non ottemperi a quanto previsto ai commi precedenti il Comune dichiara la decadenza dall affidamento. La cauzione definitiva è mantenuta nell ammontare stabilito per tutta la durata del contratto. Essa pertanto va reintegrata a mano a mano che su di essa il Comune opera prelevamenti per fatti connessi con l'esecuzione del contratto; ove ciò non avvenga entro il termine di quindici giorni dalla lettera di comunicazione inviata al riguardo dal Comune, quest'ultimo ha la facoltà di risolvere il contratto, con le conseguenze previste per i casi di risoluzione dal presente Capitolato. Il deposito cauzionale definitivo è svincolato e restituito al contraente soltanto dopo la conclusione del rapporto e dopo che sia stato accertato il regolare soddisfacimento degli obblighi contrattuali, salariali e previdenziali. 19. Sospensione e ripresa della fornitura La fornitura dei manufatti potrà essere sospesa a seguito di cause tecniche di forza maggiore e/o di impedimenti oggettivi non prevedibili, di natura temporanea e comunque non imputabili alle parti. Di ogni sospensione verrà redatto apposito verbale, controfirmato dalle parti. Cessato il motivo che aveva causato la sospensione, l installazione verrà prontamente ripresa e documentata da apposito verbale.. 20

21 20. Qualità ed impiego dei materiali I materiali ed i componenti forniti, qualunque sia la loro provenienza, devono corrispondere alle specifiche del Progetto Offerta e devono essere della migliore qualità nelle rispettive specie e si intendono accettati solamente quando, a giudizio del Comune, saranno riconosciuti idonei allo scopo e corrispondenti alle specifiche tecniche fissate. Nell esecuzione della fornitura l impresa assicura le migliori prescrizioni tecniche al fine di eseguire la fornitura a perfetta regola d arte nel pieno rispetto di tutte le condizioni e clausole espresse nel presente capitolato, nelle varie disposizioni di legge e regolamenti di rango comunitario, relativamente alla qualità ed alle caratteristiche tecniche di sicurezza di tutte le opere facenti parte della presente fornitura. Il Comune della Spezia può rifiutare i materiali ed i componenti ritenuti non conformi alle caratteristiche tecniche risultanti dal Progetto Offerta ; in tal caso l affidatario è obbligato a sostituirli con altri a sue spese. Ove la ditta affidataria non ne effettui la rimozione e sostituzione nel termine prescritto, ciò comporterà la risoluzione di diritto del contratto, nonché l incameramento della cauzione. Il Comune della Spezia si riserva di effettuare tutte le verifiche che riterrà opportune nel corso della fornitura. 21. Verifiche di rispondenza In ogni momento il Comune di La Spezia ha facoltà di eseguire o far eseguire, nel corso della esecuzione della fornitura, sia le verifiche di seguito descritte che altre non descritte, ma giudicate utili a suo insindacabile giudizio: verifica dei materiali impiegati, sia strutturali sia di finitura e delle relative caratteristiche di struttura e di aspetto; verifica delle dimensioni interne ed esterne dei modelli forniti; verifica degli spessori di tutte le parti costitutive; verifica delle connessioni e dei giunti; Per l attuazione delle verifiche suddette il Comune di La Spezia ha facoltà di procedere o far procedere allo smontaggio e al disfacimento di strutture già eseguite e al prelievo dei campioni per sottoporli ad analisi sia dirette, sia presso laboratori di istituti specializzati. I relativi eventuali costi sono a carico dell'aggiudicatario. Qualora il Comune, tramite i propri incaricati del controllo, riscontri che i materiali adoperati non rispondono ai requisiti previsti, ne ordinerà la sostituzione per iscritto. A tal fine i suddetti incaricati redigeranno processo verbale delle difformità riscontrate, che sarà fatto sottoscrivere, in contraddittorio, anche dal rappresentante dell impresa. 21

22 22. Certificato di regolare esecuzione della fornitura La corretta esecuzione della fornitura sarà attestata dal Comune mediante il rilascio di certificato di regolare esecuzione della fornitura. Tale certificato dovrà essere allegato alla fattura rilasciata dall appaltatore. Resta inteso che nonostante l'esito favorevole di tutte le verifiche e prove, l'impresa appaltatrice rimane responsabile delle deficienze che potranno riscontrarsi in seguito. In caso di successivo controllo con esito negativo, salva l applicazione della penalità di cui ai precedenti artt., l'impresa aggiudicataria deve provvedere, nel termine fissato dal Comune, ad effettuare la sostituzione del materiale fornito o comunque ad effettuare tutte le modifiche di adattamento e migliorie necessarie a garantire il pieno rispetto delle caratteristiche previste dal capitolato e alla completa eliminazione dei vizi ed irregolarità, sempre che trattasi di vizi o difetti eliminabili; altrimenti deve provvedere ad effettuare la sostituzione del materiale fornito, senza oneri per il Comune. In caso di vizi ed imperfezioni di lieve entità, il Comune della Spezia può riservarsi, a suo giudizio e se ritenuto opportuno, di accettare la fornitura condizionatamente all applicazione di una detrazione sul corrispettivo da liquidarsi all impresa aggiudicataria corrispondente all'entità dei vizi valutata in termini economici. 23. Normative L affidatario nell esecuzione del contratto sarà tenuto al rispetto delle normative vigenti ed emanate in corso di contratto, senza che alcun onere o pretesa possa essere avanzata nei confronti del Comune della Spezia. Si richiamano in particolare ed a titolo non esaustivo, oltre alle disposizioni citate nelle specifiche tecniche allegate, le seguenti norme: Disposizioni di legge in materia di sicurezza sul lavoro; D.L.gs. 30/03/1992 n 285 e successive modificazioni (Codice della Strada) ed il relativo regolamento di esecuzione e di attuazione; Disposizioni di legge e regolamentari in materia di pubblicità ed affissioni; D.P.R. 503/96 e s.m.i. - eliminazione barriere architettoniche; Norme UNI, UNI-CNVVF, CEI, UNEL, CE, relative ai materiali, alla cartellonistica, ai componenti, alle apparecchiature e agli impianti ed installazioni in generale; 24. Osservanza delle condizioni di lavoro L'aggiudicatario e è obbligato al rispetto integrale dei C.C.N.L. per la specifica categoria di dipendenti, nonché degli accordi territoriali integrativi degli stessi, in vigore per il tempo in cui viene eseguita la fornitura, con particolare riguardo ai minimi retributivi ed agli stru- 22

23 menti di tutela dell occupazione; in particolare vige l obbligo, per l impresa, ancorché non aderente alle associazioni firmatarie, di applicare nei confronti dei lavoratori dipendenti e, se cooperativa, nei confronti dei soci-lavoratori, tutte le disposizioni legislative e regolamentari concernenti le contribuzioni e le assicurazioni sociali, nonché di corrispondere le retribuzioni previste da leggi, regolamenti, contratti nazionali, territoriali e/o regionali ed aziendali stipulati dalle organizzazioni sindacali più rappresentative su base nazionale nel settore a cui l appalto fa riferimento. L obbligo di applicazione del contratto e degli accordi sussiste anche dopo la scadenza e fino alla loro sostituzione e i suddetti obblighi vincolano l aggiudicatario anche se non è aderente alle associazioni stipulanti o recede da esse e indipendentemente dalla struttura e dimensione della sua impresa e da ogni altra sua qualificazione giuridica, economica o sindacale. L impresa, in rapporto al Comune, è responsabile dell osservanza delle norme anzidette da parte di eventuali subappaltatori nei confronti dei rispettivi dipendenti, anche nei casi in cui il contratto collettivo non disciplini l ipotesi del subappalto. Il fatto che il subappalto non sia autorizzato non esime l impresa dalle responsabilità di cui sopra e ciò senza pregiudizio degli altri diritti del Comune. E fatto obbligo all impresa aggiudicataria di risultare in regola con i versamenti contributivi dei propri dipendenti e di certificare periodicamente l avvenuto pagamento dei contributi assicurativi e previdenziali e la regolare corresponsione delle retribuzioni ai lavoratori. L Amministrazione può riservarsi la facoltà di richiedere in qualsiasi momento la documentazione comprovante gli avvenuti versamenti La ditta appaltatrice è altresì obbligata a fornire gli elenchi nominativi del personale addetto e la loro qualifica, nonché di dotare il personale di un cartellino di riconoscimento contenente oltre che il nome della persona addetta, la fotografia e l indicazione della posizione INPS, INAIL e il nome della Ditta. L'affidatario è tenuto all'osservanza delle disposizioni dettate dal D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni, ed in particolare: dovrà ottemperare alle norme relative alla prevenzione degli infortuni, dotando il personale, adeguatamente informato e formato sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, di mezzi e attrezzature atti a garantire la massima sicurezza in relazione ai servizi svolti; dovrà comunicare, al momento dell'inizio del servizio, il nominativo del responsabile del servizio prevenzione e protezione nominato ai sensi ai sensi dell'art. 4 comma 4 del D.Lgs. stesso; ai sensi del medesimo articolo l appaltatore assume la qualità di datore di lavoro. dovrà osservare tutte le norme e prescrizioni vigenti in materia di assicurazioni sociali, infortuni sul lavoro ecc. ed, in particolare dovrà adottare tutti i procedimenti e le cautele atti a garantire l'incolumità delle persone addette e dei terzi. Tutti gli obblighi e gli oneri assicurativi infortunistici, assistenziali o previdenziali, sono a carico dell Aggiudicatario, il quale ne è il solo responsabile, con l'esclusione di ogni diritto di rivalsa nei confronti dell Amministrazione e di indennizzo da parte della medesima. In caso di inottemperanza agli obblighi precisati nel presente articolo, accertata dal Comune o ad esso segnalata dall'ispettorato del lavoro, il Comune medesimo comunica all'impresa e se del caso anche all'ispettorato suddetto, l'inadempienza accertata. 23

24 In caso di inottemperanza grave e reiterata agli obblighi precisati nel presente articolo è facoltà dell Amministrazione appaltante di risolvere unilateralmente il rapporto contrattuale. 25. Cessione del Contratto Il contratto non può essere ceduto né sono cedibili totalmente o parzialmente i diritti che ne derivano. 26. Controversie Per ogni controversia legale sarà unico competente il Foro di La Spezia. 24

25 ALLEGATI A Planimetria dell area urbana di La Spezia con indicate le aree di fermata dove sono da installare le pensiline e le paline. 25

26 Disciplinare e allegato tecnico fornitura e montaggio di attrezzature di servizio per il trasporto pubblico locale 26

27 B Progetto Tecnico B.1 PREMESSA Il presente disciplinare illustra le principali caratteristiche tecniche-funzionali e gli allestimenti generali delle pensiline che verranno istallate, parte in nuovi punti fermata non dotati di pensiline e parte in sostituzione della attuali pensiline, nell area urbana centrale del Comune che ricade nell ambito di progetto indicato nel Programma Operativo Asse 3 Sviluppo Urbano. All interno del Programma sono finanziati gli interventi stabiliti nel Progetto Integrato Centro città che prevede la Riorganizzazione spazi stradali a favore del TPL, stazioni di interscambio, corsie preferenziali e messa a norma fermate per accessibilità utenza diversamente abile (progetto 1.2.a). In particolare gli interventi sono finalizzati a garantire la sicurezza all'utenza in attesa alle fermate e allo stesso tempo renderle più confortevoli, accessibili e funzionali rispetto a quelle attuali attraverso per esempio l'implementazione di nuove pensiline dotate di panchine, cestini porta rifiuti ed illuminazione interna. Localizzazione delle nuove pensiline da installare nei punti fermata di accesso alla rete di trasporto pubblico Il Progetto Tecnico descrive il modello tipo di pensilina, di palina informativa semplice e di palina informativa elettronica sulla cui base il Concorrente dovrà elaborate il Progetto Offerta. Pertanto le caratteristiche, i materiali, l estetica del manufatto, le tecniche di montaggio e le dotazioni specifiche delle pensiline saranno indicate più precisamente nel Progetto Offerta presentato dal Concorrente. Di seguito sono indicate le caratteristiche generali delle pensiline e delle paline (semplici ed elettroniche) a cui il Progetto Offerta elaborato in fase di gara dovrà adeguarsi e rispettare. 27

28 B.2 DESCRIZIONE DELLA PENSILINA TIPO Nel presente paragrafo è descritto un modello tipo di pensilina il quale deve essere considerato quale riferimento di massima per l offerta. La pensilina offerta può discostarsi in maniera significativa rispetto al modello tipo fermo restando il rispetto dello stile architettonico. La Pensilina Tipo dovrà avere caratteristiche dimensionali modulari in modo da consentire composizioni variabili, in relazione alla frequentazione della fermata, per garantire una attesa confortevole (riparo dalla pioggia, dal sole e dal vento, spazi adeguati ai fini dell affollamento) e agevolare le operazioni di salita e discesa dall autobus. Principali caratteristiche dimensionali della Pensilina Tipo (alcuni esempi di vista in pianta) 300 cm 400 cm cm cm 500 cm cm Le pensiline, inoltre, dovranno essere progettate e costruite per resistere agli agenti atmosferici e agli eventuali atti vandalici. CARATTERISTICHE TECNICHE E MATERIALI La Pensilina Tipo dovrà occupare una area rettangolare con un modulo minimo di circa 300 cm di larghezza, una profondità variabile fra i cm e altezza di cm. Principali caratteristiche dimensionali della Pensilina Tipo (alcuni esempi di vista frontale e laterale) 28

29 La modularità della struttura consente una composizione della struttura delle pensiline funzionale alla frequentazione della fermata. Indicativamente si prevedono strutture composte dal modulo minimo e pensiline più grandi formate dall unione di uno o più moduli minimi. Alcuni esempi di composizione modulare della Pensilina Tipo (vista frontale) La struttura portante potrà essere costituita da montanti (in numero variabile a seconda del numero di moduli ch costituiscono la pensilina) in tubolare di acciaio zincato verniciato o in alluminio con montanti dotati di apertura inferiore per lo scarico delle acque piovane raccolte nel lato anteriore e posteriore. Le pareti di fondo e laterali sono costituite da pannelli di policarbonato alveolare trasparente (spessore di almeno 4 mm) o vetro temperato antisfondamento e antinfortunistico con molatura a filo lucido (spessore di almeno 8 mm) fissate alla struttura da pinze o staffe in alluminio estruso ed anodizzato o in acciaio. La copertura piana, sostenuta da centine e contro centine in estruso di alluminio verniciato o in acciaio, potrà essere costituita in materiale che consenta una efficace schermatura all irradiazione solare. Il fianco laterale opposto al verso di provenienza dell autobus dovrà essere predisposto per l installazione di materiale pubblicitario, mentre uno o più pannelli (in funzione dei moduli di cui è composta la pensilina) posteriori saranno riservati sia all installazione di materiale pubblicitario sia all esposizione di materiale informativo di pubblica utilità per le informazioni all utenza e al pubblico. 29

30 Restituzione grafica della Pensilina Tipo La palina che contiene le informazioni statiche relative al servizio di trasporto pubblico (per esempio: linee e percorsi) e le paline elettroniche che forniscono informazioni dinamiche sul servizio (per esempio: orari delle prossime corse, tempi di attesa) saranno integrate nella struttura della Pensilina Tipo. La Pensilina Tipo dovrà prevedere al suo interno l'inserimento di elementi per la seduta degli utenti in attesa (altezza circa 44 cm e larghezza variabile a seconda della dimensione della pensilina fra i 200 e i 400 cm), cestino rifiuti ed essere dotata di illuminazione a basso consumo (per esempio: led) da inserire nella strutta della pensilina (per esempio: nella parte inferiore della copertura o nei montanti verticali della struttura). MODALITÀ DI INSTALLAZIONE E FISSAGGIO Le pensiline saranno installate nell area di fermata, opportunamente rialzata (almeno 20 cm dal piano stradale) per consentire una veloce ed agevole salita e discesa dei passeggeri, su di una platea in cemento armato a quota pavimento finito (i lavori edili di adeguamento dell area di fermata non sono compresi nell oggetto del presente affidamento). In linea generale il fissaggio della pensilina (fornita di kit di assemblaggio, viteria in acciaio inox ed istruzioni per il montaggio) viene eseguito per mezzo di plinti o sul basamento cementizio attraverso zanche posizionate con l apposita dima fornita in dotazione dal costruttore della pensilina. I montanti sono dotati di piastre provviste di fori per l ancoraggio a mezzo tirafondi e tasselli ad espansione. 30

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO Art. 1 - OGGETTO 1. Il presente capitolato ha per oggetto lo svolgimento,

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE 2 PREMESSA Zètema, in virtù del Contratto di Servizio

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A.

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A. SERVIZIO DI FORMAZIONE PONTEGGI ANNI 2015-2017 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO (14/M/006C) CIG N 61470301A1 SOMMARIO Articolo 1. OGGETTO DELL APPALTO Articolo 1bis DEFINIZIONI Articolo 2. LUOGO DI ESECUZIONE

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

CAPITOLATO/DISCIPLINARE

CAPITOLATO/DISCIPLINARE CAPITOLATO/DISCIPLINARE Il presente bando è finalizzato all acquisto di nr. 1 trattore stradale usato per traino semirimorchi da utilizzare per il servizio di trasporto RSU prodotti nel territorio del

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER GLI APPALTI DEI SERVIZI DI PULIZIE

LINEE GUIDA PER GLI APPALTI DEI SERVIZI DI PULIZIE LINEE GUIDA PER GLI APPALTI DEI SERVIZI DI PULIZIE IN PROVINCIA DI COMO ED. 2009 Coordinamento del progetto: Osservatorio Territoriale per la provincia di Como per le Imprese di pulizia In collaborazione

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Bando di concorso per opere d arte

Bando di concorso per opere d arte MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE ALLE OO.PP. PER IL LAZIO ABRUZZO E SARDEGNA Bando di concorso per opere d arte Art. 1 Oggetto del concorso Il Provveditorato

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli