Il gruppo di ricerca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il gruppo di ricerca"

Transcript

1 Foto Facoltà

2 Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Il gruppo di ricerca Area 1-Motori a combustione interna Area 2-Sistemi per l Energia e l Ambiente Prof. Ing. Gustavo Fontana Dott. Ing. Enzo Galloni Dott. Ing. Roberto Palmaccio Prof. Ing. Salvatore P. Cicconardi Prof. Ing. Giuseppe Spazzafumo Dott. Ing. Alessandra Perna Dott. Ing. Raffaello Cozzolino Responsabile Tecnico del Laboratorio Gianni Erme

3 Attività di RICERCA-Fuel Cells Attività Sperimentale Attività Teorica Sviluppo banchi prova FC (LT-PEMFC/HT- PEMFC) e FP Sperimentazione su stacks di celle polimeriche a bassa temperatura (Nuvera- Denora, NEXA, MARK1030 V3 di Ballard Power System) Sperimentazione su celle polimeriche ad alta temperatura (monocella e stack BASF, Advent) Sperimentazione su unità di generazione dell idrogeno (Steam Reforming del metano) Sperimentazione su sistemi di gassificazione delle biomasse Modellistica termochimica dei sistemi a idrogeno (fuel cells e fuel processors) Sviluppo di modelli di simulazione per la previsione delle prestazioni delle celle a combustibile (LT-PEMFC, HT-PEMFC, SOFC, MCFC) Sviluppo ed ottimizzazione di sistemi di cogenerazione dispersa con celle a combustibile a membrana polimerica (PEM Fuel Cell) per applicazioni commerciali e residenziali Sviluppo modelli di simulazione di sistemi integrati gassificatore biomasse /coal -HTFC

4 Progetti nazionali e internazionali di Cassino Contratto di ricerca con il centro ricerche ENEL-CRTN di Pisa (2002) Generazione distribuita attraverso l'impiego di celle a combustibile a scambio protonico" Concluso Regione Campania -Legge n "Sviluppo di microgeneratori elettrici alimentati ad idrogeno con tecnologia fuel cell per applicazioni mobili di piccola potenza - progetto cofinanziato da Coelmo Energy Systems MISE Bando FIT ENERGIA Progetto di ricerca e sviluppo precompetitivo "Sviluppo di un prototipo innovativo per la generazione dispersa di energia elettrica e termica ad alta efficienza e basso impatto ambientale, basato su celle a combustibile alimentate con idrogeno prodotto da gas naturale. Concluso nel 2009 MISE-RSE Convenzione di Ricerca con ENEA Simulazione stazionaria e dinamica di un sistema cogenerativo da 5 kwel e supporto alla progettazione. Concluso CERSE-RSE Progetti internazionali: nucleare, idrogeno, celle a combustibile (accordo di Programma tra MISE e CNR per le ricerche di sistema) Celle a combustibile per applicazioni stazionarie cogenerative - Gruppo tematico ( ) - Modellistica circuitale delle Fuel Cell (FC) in relazione alle modalità di funzionamento del convertitore statico.

5 Team e struttura del gruppo di ricerca Parthenope Macchine e Sistemi Energetici - Elio Jannelli, PO - Mariagiovanna Minutillo, RC - Giacomo Falcucci, RTD Fisica Tecnica Industriale - Alberto Carotenuto, PO - Nicola Massarotti, PA - Laura Vanoli, PA - Alessandro Mauro, RTD Sistemi elettrici per l energia - Pierluigi Caramia, PA - Antonio Bracale, RC Scienza e tecnologia dei Materiali - Raffele Cioffi, PO - Claudio Ferone, RC - Giuseppina Roviello, RC Dottorandi di Ricerca - Claudio Autorino - Giuseppina De Luca - Grazia Accardo - Rosa Anna Nastro Borse Studio FC-SmartGen - Giancarlo Carlo Nocera - Marco De Lellis - Rosalba Manna - Alessandro Attilio Guido Coppa - Raffaello Cozzolino - Salvatore Tamburrino - Gabriele Ferruzzi - Domenico Frattini - Guido Emanuele Tucci - Francesca Forte - Antonino Giordano - Beatrice Parenti

6 Fuel Cell: principali filoni di ricerca Parthenope Sistemi mobili di generazione Sistemi di accumulo dell energia Sistemi ibridi di poligenerazione Sistemi integrati HTFC / FR Sistemi di concentrazione ed utilizzazione della CO2 Alimentatori portatili Backup power Produzione Energia Elettrica Propulsione ibrida/elettrica Transpallet Sistemi di telecomunicazione Cogenerazione civile Smaltimento/Gassif. rifiuti - Cog.Industriale Produzione distribuita Energia Elettrica Propulsione Navale a basso impatto Emission trading Cella Microbica Smaltimento FORSU/Biomassa e generazione diretta di energia elettrica

7 Team e struttura gruppi di ricerca collegati SOCI: Università di Napoli Parthenope Università di Roma Tor Vergata Technos Reat Aerospace, TEMIS Macchine e Sistemi Energetici - Gino Bella, PO - Luca Andreassi, PA Macchine e Sistemi Energetici - Stefano Ubertini, PA (trasf. Giugno 2012) - Andrea Facci, Assegnista - Laura Tribioli, Assegnista Simulazione termo-fluidodinamica tridimensionale di singole celle e stack Accoppiamento con motori a combustione interna Sistemi energetici con celle ad alta temperatura Ottimizzazione della gestione di impianto. Simulazione e sperimentazione PEM-HT

8 Team e struttura gruppi di ricerca collegati Analisi exergetica di cicli ibridi SOFC-GT Analisi off-design di Cicli SOFC-GT Fisica Tecnica - Massimo Dentice d Accadia, PO -Adolfo Palombo, PA - Francesco Calise, RIC - Annamaria Bunomano, AR Simulazione di cicli ibridi SOFC-GT Analisi 1-D di stack SOFC tubolari Analisi sperimentale di celle SOFC alimentate a gas naturale e biogas Simulazione 1-D SOFC tubolari Sperimentazione di SOFC a gas naturale Sperimentazione di MCFC a landfill gas Test Lab di celle microtubolari (Colorado School of Mines)

9 Progetti nazionali e internazionali del Team PROGETTO PRIN (2005) Studio di fenomeni termofisici, fluidodinamici ed energetici in celle a combustibile ad alta temperatura alimentate con risorse fossili o rinnovabili Concluso PROGETTO CIRA MISE (2008) Studio di Fattibilità di un sistema energetico rigenerativo per la propulsione di velivoli classe HALE Conclusa Fase I Stand-by PROGETTO CIRA LED (2010) Studio preliminare per l applicazione di Fuel Cell come APU per UAV classe Male In corso termine attività prevista per giugno 2013 PROGETTO PRIN (2008) Analisi integrata numerico-sperimentale, prototipazione e caratterizzazione di celle a combustibile ad elettrolita polimerico ad alta temperatura In chiusura PROGETTO PON BANDO RICERCA E COMPETITIVITÀ (2010) FC SmartGEN Celle a Combustibile e Piattaforme ibride di poligenerazione da fonti fossili e rinnovabili In corso termine attività prevista per giugno 2014 PROGETTO CAMPUS (2009) RISE - Ricerca, Innovazione e Sviluppo nel settore Energetico Avviato termine attività prevista per giugno 2014 PROGETTO PON R&C DD 713/RIC. - BANDO DISTRETTI E AGGREGAZIONI (2011) Distretto ad alta tecnologia Smart Power System Aggregazione pubblico-privata - Fuel Cell Lab Avvio previsto per gennaio 2013 durata attività 36 mesi

10 STRATEGY & LA MISSION DEL GRUPPO DI RICERCA HORIZON 2020

11 Aree di intervento MIUR/Regione Campania INTERVENTI ANALIZZATI ATTIVITÀ DI R&S INDUSTRIAL ORIENTED SPECIALIZZAZIONE TECNOLOGICA NETWORKING TRA I SOGGETTI DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPUS Progetto RISE PON 2010 R&C Progetto FCSmartGen SMART CITIES Piattaforma Genio (non Finanziata) DAT/LPP Distretto Smart Power Fuel Cell Lab Basso Medio Alto

12 STRATEGIA DEL SETTORE E I NUMERI CAMPANI LE UNIVERSITÁ LE IMPRESE DEL SETTORE ENERGETICO Benevento Avellino Salerno Caserta Napoli LA PROPENSIONE ALLA CREAZIONE D IMPRESA La Regione Campania è la quarta regione italiana per presenza di Dipartimenti che affrontano tematiche relative all ambiente riconducibili alla green economy. Il numero di imprese del settore energetico presenti in regione è pari a Il settore energetico dopo l ICT vede il maggior numero di imprese spin-off attive Fonte: Netval 2011

13 TRAIETTORIE TECNOLOGICHE EMERGENTI DAGLI SdF - FORMAZIONE CLUSTER

14 INDIVIDUAZIONE DEI CLUSTER (Titolo III e II) AEROSPAZIO STRESS (D) DAC (D) TECNOLOGIE PER SMART COMMUNITIES, BENI CULTURALI & EDILIZIA SOSTENIBILE ABACO (A) RITAM (A) COSMIC (A) TRASPORTI TERRESTRI &LOGISTICA DATABENC (D) TEMOTEC (A) DISTECTRA (D) MOST (A) TEST X TRANSPORT (A) MARTE (A) ENERGIA, AMBIENTE &CHIMICA VERDE IDRICA (A) SMART POWER SYSTEM (D) ELIOSLAB (A) FUELCELL (A) TOP-INN (A) GENOPOM (A) BIOCHAMP (A) IMAST (D) BIOSCIENCE (D) BIOTECNOLOGIE & SALUTE DELL UOMO TRIPODE (A) BIOCAM (A) GTP(A) MAREA (A) M2Q(A) Capofila Aggregazione (Titolo III) NUOVI MATERIALI & NANOTECNOLOGIE EHEALTHNET(A) SORRISO (A) GTP (A) Distretto/Laboratorio (Titolo II)

15 LA RETE DI RICERCA DEL CLUSTER Imprese e Consorzi SMART POWER FUEL CELL LAB RISE Progetti PON E.P.R.

16 COMPOSIZIONE DEL CLUSTER Il Cluster è costituito da una composizione articolata. Le numerose imprese di minori dimensioni coinvolte sono affiancate non solo da grandi imprese ma anche da soggetti pubblici che rappresentano le eccellenze tra gli EPR Campani del settore energetico EPR 25% PMI 50% GI 25%

17 SINERGIE IN «CONVERGENZA» IL CLUSTER REGIONALE BIOCHAMP IDRICA SMART POWER SYSTEM ELIOS LAB Rapporti Formalizzati FUEL CELL SVILUPPO DEL NETWORK Sviluppo delle potenzialità del distretto in termini di radicamento nel territorio e rafforzamento delle relazioni con realtà significative in ambito nazionale ed internazionale. PROTOCOLLI DI INTESA Coordinamento con le iniziative analoghe esistenti o in fase di costituzione nelle Regioni della Convergenza, al fine di pianificare l opportuna complementarità ed azione sinergica. Di.T.N.E. Aggregazione «Renew» Università Mediterranea Rapporti in fase di definizione Sardegna Ricerche Fondazione Torino Wireless (Piemonte) HABITECH Energia ed Ambiente (Trentino) Distretto Tecnologico Energia ed Edilizia Sostenibile (Sicilia)

18 ORGANIZZAZIONE DEL CLUSTER CONTRATTO DI RETE ENERGIA, AMBIENTE &CHIMICA VERDE APP APP DAT APP LPP BIOCHAMP IDRICA SMART POWER SYSTEM FUEL CELL ELIOSLAB IMPRESE

19 IL CONTRATTO DI RETE Con il contratto di rete piu' soggetti perseguono lo scopo di accrescere, individualmente e collettivamente, la propria capacita' innovativa e la propria competitivita sul mercato e a tal fine si obbligano, sulla base di un programma comune di rete, a collaborare in forme e in ambiti predeterminati attinenti all'esercizio delle proprie imprese ovvero a scambiarsi informazioni o prestazioni di natura industriale, commerciale, tecnica o tecnologica ovvero ancora ad esercitare in comune una o piu' attivita. I soggetti ammissibili sono: Attori privati ed enti pubblici che hanno per oggetto esclusivo o principale un attività commerciale di cui all art.2201 c.c. (Nessun EPR) Il contratto puo' anche prevedere l'istituzione di un fondo patrimoniale comune e la nomina di un organo comune incaricato di gestire, in nome e per conto dei partecipanti, l'esecuzione del contratto o di singole parti o fasi dello stesso. L organo comune è preposto sia allo svolgimento dell'attività interna all'aggregazione di imprese, sia allo svolgimento dell'attività esterna. L'organo comune definisce le regole interne di partecipazione ed attesta la realizzazione del programma di rete al fine di ottenere gli obbiettivi strategici Il contratto di rete non prevede limiti per quanto riguarda le dimensioni aziendali ed è destinato sia alle grandi imprese che alle PMI. La rete di imprese ha personalità giuridica autonoma.

20 OBIETTIVI E FINALITA DEL CLUSTER ENERGIA, AMBIENTE E CHIMICA VERDE L iniziativa del Cluster Energia Ambiente & Chimica Verde mira ad aggregare e mettere in rete università, istituzioni di ricerca ed imprese per favorire ed accelerare lo sviluppo ed il trasferimento di conoscenze e tecnologie del settore. Il Cluster ha i compito di operare per il consolidamento competitivo, in Campania, delle conoscenze scientifiche e tecnologiche riguardanti l'uso e l integrazione di tecnologie avanzate per la generazione e l accumulo di energia, per l ambiente e per la realizzazioen di prodotti ecosostenibili. Caratteristiche del Cluster Radicamento nel territorio regionale Sinergie in convergenza e nazionali Vocazione Internazionale Complementarietà degli attori e delle azioni di R&S Istituzioni Università Finanza Imprese

21 ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO SMART POWER LINEE REFERENTI L1 - SMART GRID E LABORATORIO METROLOGICO Prof. A. Pietrosanto L2 - VALORIZZAZIONE ENERGETICA DI BIOMASSA E RESIDUI Prof. P. Salatino L3 - FONTI RINNOVABILI Prof. C. Landi L4 - MICRO GRID IBRIDE CC/AC Prof. A. Del Pizzo L5 - FUEL CELLS - CELLE A COMBUSTIBILE L6 - SMART GENERATION Prof. E. Jannelli L7 - GEO GRID - GEOTERMIA Prof. A. Carotenuto

22 PRINCIPALI ATTIVITÀ E SERVIZI L1 - Smart grid e laboratorio metrologico Metrologia per l'energia e le reti; Metodi, architetture e tecnologie per l ottimizzazione dei flussi di potenza su smart grid in presenza di generatori da fonte rinnovabile non programmabile e carichi modulabili; Strumenti per il controllo proattivo dell assetto di rete in presenza di forte incertezza di esercizio indotta da una elevata penetrazione di generazione di energia rinnovabile; Concettualizzazione di un Enterprise Service Bus basato su tecnologie semantiche per lo sharing di informazioni tra i sistemi che concorrono alla gestione della rete elettrica L2 - Valorizzazione energetica di biomassa e residui Realizzazione di una piattaforma tecnologica per lo sviluppo di sistemi ibridi di generazione e cogenerazione basati sullo sfruttamento integrato di fonti energetiche rinnovabili; Sviluppo di sistemi di cogenerazione da pirolisi-gassificazione di biomasse vegetali e animali e di fanghi da impianti di depurazione L4 - Micro grid ibride CC/AC Studio, Criteri Di Dimensionamento E Sviluppo Di Una Cabina Di Trasformazione Intelligente d interfaccia Microgrid-Rete Pubblica; Strategia di controllo in tempo reale della microrete ibrida; Sistemi di micro-cogenerazione con impianti di storage elettrico centralizzati per impiego in reti locali multiutenza (microgrid) ad elevata efficienza energetica complessiva; Stazione di interscambio di energia tra veicoli ibridi di tipo plug-in e microgrid locale intelligente: apparati elettronici di potenza, linea di distribuzione, strategie di gestione e controllo; Studi di affidabilità attraverso l analisi integrata della continuità dell'alimentazione e della qualità della tensione nelle microreti ibride; Celle a combustibile e sistemi avanzati di accumulo elettrochimico in applicazioni stazionarie ed automotive (trazione ibrida) relative a microgrid. L5 - Fuel Cells Cabina Sistemi energetici fissi di poligenerazione basati su celle a combustibile; Sistemi Energetici Mobili Di Poligenerazione Basati Su Celle a Combustibile. L6 - Smart Generation Sistemi di conversione dell energia da rifiuti industriali; Sistemi di concentrazione ed utilizzazione della CO2; Biosistemi di cattura ed utilizzazione della CO2. L3 Fonti Rinnovabili Microgenerazione eolica I mini idroelettrico Generazione fotovoltaica L7 GEO GRID Geotermia Atlante delle risorse geotermiche in Campania; Metodologie di esplorazione geotermica; Tecnologie e servizi di perforazione; Geotermia a Bassa Entalpia (15 C<T<90 C); Geotermia a Media Entalpia (90 C<T<150 C); Geotermia a Alta Entalpia (T>150 C);

23 VISION DEL CLUSTER: TECHNOLOGY TRANSFER E CREAZIONE D IMPRESA Servizi di incentivazione e supporto ad azioni di technology transfer tra gli attori del distretto e soggetti esterni Promozione delle competenze scientifiche e tecnologiche presenti nel territorio Promozione dello sfruttamento di opportunità di business innovativi economicamente e tecnologicamente integrati con i punti di forza delle imprese regionali Analisi di investimenti per l industrializzazione e l avvio di nuovi prodotti Assistenza alla strutturazione delle idee di impresa e preparazione di business plan Creazione di Impresa Servizi di incubazione per nuove imprese di produzione e servizio ad alto contenuto tecnologico Servizi di advisoring per attivare investitori in Venture Capital e iniziative di fusione d impresa Accompagnamento e negoziazione con investitori in capitali di rischio

24 Siamo qui STATO DI AVANZAMENTO Data Evento Note Pubblicazione Bando Presentazione Domanda e Studio di Fattibilità Approvazione progetto ed Ammissione a fase negoziale - Fase Negoziale con Regione Presentazione Progetto Esecutivo - Pubblicazione Decreto di Concessione - Sottoscrizione del Contratto di finanziamento del Distretto Data ultima per l ammissibilità delle spese progettuali Durata Prj. max 36 mesi -

25 Visione dello sviluppo delle Fuel Cell a livello nazionale ed internazionale - Piano strategico -> ponte tra le tecnologie delle FC e il mercato - Sfruttamento del potenziale ambientale ed economico - Coordinamento nazionale e internazionale di progetti ed interventi - Sinergia tra progetti ed attori per ridurre i costi di sviluppo Trasporti e Sistemi portatili Sistemi stazionari di produzione: cogenerazione residenziale ed industriale Sequestro CO2 e Biosistemi

26 Visione dello sviluppo delle Fuel Cell a livello nazionale ed internazionale Sistemi stazionari di produzione: cogenerazione residenziale ed industriale Trasporti e Sistemi portatili - Sistemi portatili (P<250 W) - Unità di potenza ausiliarie (1-10 kw) con potenze specifiche di 45W/kg a un costo di $1000/kW. Sequestro CO2 e Biosistemi - Sistemi energetici con Fuel cell (HT FC) per la produzione di energia elettrica ad alta efficienza e con separazione e cattura della CO2. - Sistemi bioenergetici con celle microbiche alimentate con rifiuti e reflui organici. - Sistemi per la generazione distribuita e la microcogenerazione (5 kw) alimentati con gas naturale o GPL con efficienze elettriche che raggiungono il 45%, una vita utile di 60,000 ore e un costo di $1500/kW. - Sviluppo di sistemi CHP su media scala (100 kw-3 MW) con efficiente elettriche del 50 % e rendimenti CHP del 90%, una vita utile di 90,000 e un costo di $1500/kW se alimentati con GN e $2000,00 se alimentati a biogas.

27 Sviluppo dell Fuel Cell Sistemi fissi per produzione stazionaria - Sistemi bioenergetici - celle microbiche alimentate con rifiuti e reflui organici - produzione diretta di energia elettrica; - co-produzione energia elettrica/idrogeno e possibile integrazione con altri sistemi; - mercato con grandi marginalità. - Sistemi di micro-cogenerazione (1-5 kw) - per applicazioni residenziali (gas naturale o GPL) - PEM, PEM-HT (breve-medio termine), - SOFC (medio-lungo termine); target: $ /kW; - Sistemi mini-chp per la produzione distribuita (100 kw-10 MW) - integrazione delle fuel cells con sistemi tradizionali (hybrid systems) - MCFC con ICE e MGT a bassissime emissioni di CO 2 (anche attraverso retrofitting); - SOFC/MCFC con MGT/MST ad altissima efficienza. competizione con sistemi poco efficienti; diluizione costi impianto.

28 Sviluppo dell Fuel Cell Sistemi mobili GENERAZIONE STAZIONARIA -Sistemi di micro-generazione mobili (P<1 kw) -applicazioni militari (bassa tracciabilità termica/rumore); -Sistemi di nano-generazione mobili (P pochi W) -grande capacità di accumulo (non c è un problema di costo per unità di potenza); -DMFC (medio-lungo termine) -Unità di potenza ausiliarie (1-10 kw) con potenze specifiche di 45W/kg PEM, PEM-HT (breve-medio termine), SOFC (medio-lungo termine) target: $1000/kW. PROPULSIONE -Pro: mercato di enormi dimensioni e sostenibilità ambientale -Contro (tanti): target $/kw, durabilità, numero e frequenza cicli accensione e spegnimento, accumulo idrogeno o generazione a bordo

29 Gruppo di continuità H 2 POWER BPG120 TM

30 SCHEDA TECNICA / DATA SHEET Gruppo di continuità H 2 POWER BPG120 TM Carico 980 W Carico 1220 W Ritorno rete Carico 1220 W Ritorno rete Carico 1220W Modello prototipo Prototype model Modello cella a combustibile Fuel cell model Marca cella a combustibile Fuel cell make Alimentazione Fuel Raffreddamento Cooling Numero di batterie Number of batteries Capacità batterie Battery capacity Modello convertitore CC/CC DC/DC converter model Marca convertitore CC/CC DC/DC converter make Modello Inverter CC/AC Inverter model Marca Inverter CC/AC Inverter make Pannello di controllo Control Panel H2POWER-BPG120 Nexa Power Module Ballard Power Systems Idrogeno puro Pure hydrogen Aria Air 2 12 Ah BSZ-PG ISLE GmbH SLI (1500W) Magnetek Integrato Cofanatura Insonorizzata Sound proof canopy Hz / 60 Hz -150 Corrente cella Corrente inverter Corrente batteria Potenza nominale Rated power Potenza massima Maximum electric power Campo regolazione tensione Voltage range 1000 W 1200 W Vac Vac Campo regolazione frequenza Frequency range Hz 1 SLI SLI

31 Gruppo di continuità H 2 POWER BPG120 TM Main Grid vs is C1 il vl FC ifc vfc DC EES idc DC C2 DC AC

32 Modulo di cogenerazione a celle a combustibile H 2 POWER CHP200 TM

33 200 H2POWER CHP Progetto cofinanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico con Fondi per l'innovazione Tecnologica - Bando FIT Energia - e realizzato con la consulenza scientifica del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell'università degli Studi di Cassino e del Dipartimento per le Tecnologie dell'università di Napoli Parthenope Specifications Model Number: CHP200 Performance Specifiche Modello: CHP200 Prestazioni Electric Output: 750 to 2,500 W Potenza: W Power output modulation from 30% to 100% Regolazione potenza da 30% a 100% Max Electrical Efficiency: 51 % at 1400 W Rendimento elettrico massimo: 51% a 1400 W Thermal Output: 500 W to 2,400 W Erogazione termica: circa 500 W W Max hot water temperature: 60 C Temperatura massima produziona acqua: 60 C Total System Efficiency: Up to 90% Rendimento totale del sistema: fino al 90% Inputs Electrical: 230V ±10% 50Hz Single Phase AC parallel grid connected Natural Gas: For start-up & operation Supply pressure 0.9 to 5 kpa (integrated gas desulphurisation) Water for internal steam reforming: Supply pressure min. 100 to 600 kpa (integrated water treatment system) Alimentazione Elettricità: 230 V ±10% 50 Hz Collegamento in parallelo alla rete c.a. monofase Metano: per l avviamento e il funzionamento Pressione di alimentazione 0,9-5 kpa (desolforazione gas integrata) Acqua per reforming interno a vapore: Pressione di alimentazione kpa min. (sistema di trattamento acqua integrato)

34

35 H2POWER CHP200

36 H2POWER CHP200

37 Efficiency (LHV) Rendimento (LHV) Thermal power (W) Potenza termica (W) H2POWER CHP200 Progetto cofinanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico con Fondi per l'innovazione Tecnologica - Bando FIT Energia - e realizzato con la consulenza scientifica del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell'università degli Studi di Cassino e del Dipartimento per le Tecnologie dell'università di Napoli Parthenope CHP e Gross Electric power (W) Potenza elettrica (W) Operating Conditions & Other infromation Condizioni operative ed altre informazioni Ambient Temperature: +1 C /+45 C Temperatura ambiente: +1 C C Inlet Air Temperature: -20 C/+45 C Temperatura aria in ingresso: -20 C C Location: Indoors Start-up Time: 1,5 Hours Minor Maintenance Interval: 3,000 Hours Major Maintenance Interval: Approx. 1 year Desulphuriser (integrated in fuel reformer) Air filters (depending on installed location) Water filters (depending on input water quality) Approx. Mass: < 200 kg Connections Posizionamento: all interno Tempo di avviamento: 1,5 ore Intervallo di manutenzione di lieve entità: 3000 ore Intervallo di manutenzione sostanziale: circa 1 anno Desolforatore (integrato nel generatore di idrogeno) Filtri aria (a seconda della posizione di installazione) Filtri acqua (a seconda della qualità dell acqua alimentata) Massa approssimativa: < 200 kg Raccordi Fuel: ½ BSP male Combustibile: BSP maschio da ½ Water Acqua Supply: ¼ connect John Guest fitting Alimentazione: raccordo John Guest da ¼ Hot water: ¾ BSP male Acqua calda: BSP maschio da ¾ Drain: 2 x ¼ quick connect John Guest Scarico: 2 raccordi ad attacco rapido John Guest fittings da ¼ Electricity: Hardwired via junction box on Elettricità: cablaggio tramite scatola di giunzione external casing sull involucro esterno Communication: Connection via standard Comunicazione: connessione tramite porta Ethernet port Ethernet standard Consumption (at maximum output) Natural Gas: 19.5 MJ/h Actual gas volume dependant on composition of natural gas Water: 0.4 l/h l/h Water consumption dependant on: Consumi (all erogazione max.) Gas naturale: 19,5 MJ/h Volume di gas effettivo a seconda della composizione del metano Acqua: 0,4 /h - 1,3 l/h Il consumo di acqua dipende da: i) steam reformer consumption i) consumo del sistema di steam reforming ii) amount of condensate recovered from flue gas Outputs Net AC export: 600 W 2,000 W Single Phase parallel grid connected: 230V ±10% 50Hz CO2 Emissions: 430 g/kwh Reformer exhaust gas emissions consist of CO2 and water vapour, virtually no NOx or SOx emissions Reformer Exhaust Gas Temperature: Max 80 C Noise level: < 45 dba ii) quantità di condensa recuperata dal gas reflui Erogazioni Potenza elettrica netta c.a.: W Collegamento in parallelo alla rete monofase: 230 V ±10% 50 Hz Emissioni di CO2: 430 g/kwh Emissioni di gas di combustione costituite da CO2 e vapore acqueo, emissioni di NOx o SOx virtualmente assenti Temperatura gas di combustione: 80 C max. Rumorosità: < 45 dba

38 Università degli Studi di Napoli Parthenope Sistemi Rigenerativi per UAV - HALE Ludovico Vecchione Dirigente Sistemi Aeronautici Centro Italiano Ricerche Aerospaziali Elio Jannelli Ordinario Sistemi per l Energia e l Ambiente Università degli Studi di Napoli Parthenope Finmeccanica - Generazione e Storage dell Energia ad elevata portabilità Roma, 30 Marzo 2010

39

40 Tecnologia Vantaggi Svantaggi Batterie litio-polimero Batterie solfuro di litio (Qinetiq) Idrogeno - Alta efficienza > 90% - Elevata potenza specifica ( 8 kw/kg) - Tecnologia matura (COTS) - Alta efficienza > 90 % - Elevata energia specifica (fino a 350 Wh/kg) Valore nominale ottenuto in laboratorio a 25 C - Elevatissima energia specifica (fino a 700Wh/kg per sistemi rigenerativi) - Possibilità di realizzare sistemi custom - Bassa energia specifica (<200 Wh/kg) - Impossibilità di funzionamento a bassa temperatura (condizionamento del sistema) - Impossibilità di funzionamento a bassa temperatura (condizionamento del sistema) - Unico Costruttore!!! - Bassa efficienza (40-50%) - Influenza delle soluzioni impiantistiche sulle prestazioni - Pochi dati disponibili sulle prestazioni (necessità di R&S) - Complessità del sistema Finmeccanica - Generazione e Storage dell Energia ad elevata portabilità Roma, 30 Marzo 2010

41 I sistemi basati sull idrogeno Superficie FV Carico elettrico Elettrolizzatore Serbatoi H 2 O O 2 H 2 Pila a combustibile

42 Quota [km] Quota [km] Il dimensionamento del sistema energetico a idrogeno gen 21-feb 21-mar 21-apr 21-mag 21-giu Latitudine nord Serbatoi multipli Massa [kg] Serbatoi H Serbatoi O 2 48 Serbatoi H 2 O 11 Pila a combustibile 72 Elettrolizzatore 56 Acqua 89 Ausiliari Totale Giorno progressivo Dimensionamento per LVR-HALE Energia specifica [Wh/kg] 364 Efficienza [%] 40 Finmeccanica - Generazione e Storage dell Energia ad elevata portabilità Roma, 30 Marzo 2010

43 Idrogeno Ossigeno Acqua Flussi elettrici Bruciatore catalitico Flussi termici Zona interna coibentata Valvole deviatrici Umidificatori Zona esterna controllata Zona esterna Scambiatore di calore Condensatori Essiccatori/umidificatori Riduttori di pressione Finmeccanica - Generazione e Storage dell Energia ad elevata portabilità Roma, 30 Marzo 2010

44 Rappresentazioni 3D del sistema energetico Considerando la configurazione modulare (3-4 sistemi energetici funzionanti in parallelo) si è cercato di studiare l inserimento di un sotto-sistema energetico all interno del pod alare che si trova nel punto di giunzione delle semi ali anteriori con quelle posteriori Pod alare Finmeccanica - Generazione e Storage dell Energia ad elevata portabilità Roma, 30 Marzo 2010

45 Rappresentazioni 3D del sistema energetico Pila a combustibile Elettrolizzatore Guscio isolante Serbatoio H 2 Serbatoio H 2 O Longherone Serbatoio O 2 Finmeccanica - Generazione e Storage dell Energia ad elevata portabilità Roma, 30 Marzo 2010

46 Rappresentazioni 3D del sistema energetico Elettrolizzatore Disposizione interna dei componenti Pila a combustibile Serbatoio acqua Retro Laterale Fronte Finmeccanica - Generazione e Storage dell Energia ad elevata portabilità Roma, 30 Marzo 2010

47 Rappresentazioni 3D del sistema energetico Scambiatore di calore condensatori Cavi elettrici elettrolizzatore Architettura del sistema energetico Bruciatore catalitico Tubi gas per serbatoi H 2 e O 2 Presa d aria essiccatori Vaso di espansione Preriscaldatori gas Pila a combustibile DC/DC pila a combustibile Sistema di controllo LED DC/DC elettrolizzatore Cavidotto di distribuzione Ricircolo condensa Pompa acqua raffreddamento Pompa acqua elettrolizzatore Essiccatori rigenerativi Serbatoio acqua e controllo umidità O 2 Scambiatore di calore Elettrolizzatore Cavi elettrici pila a combustibile Controllo umidità H 2 Condensatori H 2 e O 2 Finmeccanica - Generazione e Storage dell Energia ad elevata portabilità Roma, 30 Marzo 2010

48 BACKUP Fuel Cells Workshop Perugia Novembre 2012

49 CONTATTI INTERNAZIONALI HT-PEMFC Jens Oluf Jensen Department of Energy Conversion and Storage Technical University of Denmark LT-PEMFC Inci Eroglu Middle East Technical University Chemical Engineering Department Ankara Turkey Attila Ersoz TUBITAK Marmara Research Center Energy Systems & Environmental Research Institute Gebze, Kocaeli, Turkey Joe Cargnelli Hydrogenics SOFC Evgueniy Entchev Canmet ENERGY Research Centre Ottawa Natural Resources Canada, Canada

50 Unità di back-up BPG120 (Coelmo srl) Table 2. BPG Data Sheet Rated Power 1 kw Rated Current DC Fuel Consumption ~ 18.5 Slpm (at rated power) Efficiency 30.7 % (at rated power) Output Voltage 230 VAC Dimensions 640L x 640W x 1340H mm Weight Mounting rack Fuel Cells Workshop Perugia Novembre 2012

51 BANCO PROVA LT-PEMFC Stack 1kWel DENORA ( ) Fuel Cells Workshop Perugia Novembre 2012

52 LAMIEN Fuel Cells BANCO PROVA LT-PEMFC : Stack NEXA-MARK Stack NEXA. 2. Stack MARK1030 V3. 3. Pannello linee di alimentazione e misura. Fuel Cells Workshop Perugia Novembre 2012

Le specializzazioni tecnologiche delle Regioni

Le specializzazioni tecnologiche delle Regioni Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Le specializzazioni tecnologiche delle Regioni Luigi Gallo Invitalia Napoli, Febbraio 2013 Il lavoro di mappatura delle

Dettagli

Dipartimento Energia Politecnico di Torino

Dipartimento Energia Politecnico di Torino Produzione dell energia elettrica: PROSPETTIVE TECNOLOGICHE Andrea LANZINI Dipartimento Energia Politecnico di Torino 1. I nostri consumi di energia INPUT DI ENERGIA CONSUMI FINALI Flussi di energia nelle

Dettagli

Istituto Tecnologie Avanzate per l Energia Nicola Giordano Messina

Istituto Tecnologie Avanzate per l Energia Nicola Giordano Messina Istituto Tecnologie Avanzate per l Energia Nicola Giordano Messina Direttore Gaetano Cacciola Per una mobilità a zero emissioni Biomasse Biofuel Energia elettrica Elettrolisi Energia elettrica H 2 H 2

Dettagli

SIDERA 30 un applicazione delle celle a combustibile nella cogenerazione ad uso civile

SIDERA 30 un applicazione delle celle a combustibile nella cogenerazione ad uso civile Convegno Potenziale idrogeno Produzione da fonti rinnovabili e celle a combustibile Padova 17 marzo 2006 SIDERA 30 un applicazione delle celle a combustibile nella cogenerazione ad uso civile OBIETTIVO

Dettagli

Il Sistema Elettrico nei Veicoli Ibridi: componenti, caratteristiche e tecnologie

Il Sistema Elettrico nei Veicoli Ibridi: componenti, caratteristiche e tecnologie ATA Sardegna Cagliari, 13 marzo 2009 Il Sistema Elettrico nei Veicoli Ibridi: componenti, caratteristiche e tecnologie Alberto TENCONI Gruppo 5E Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Politecnico di Torino

Dettagli

Energia dalla depurazione delle acque: a Collegno primo impianto industriale in Europa

Energia dalla depurazione delle acque: a Collegno primo impianto industriale in Europa Energia dalla depurazione delle acque: a Collegno primo impianto industriale in Europa Primo sistema in Europa di taglia industriale per trasformare il processo di depurazione in risorsa, grazie ad una

Dettagli

Tempistica europea per lo sviluppo di tecnologie legate all idrogeno

Tempistica europea per lo sviluppo di tecnologie legate all idrogeno Tempistica europea per lo sviluppo di tecnologie legate all idrogeno FP 6 FP 7 FP 7 Strategie 2005/2006 Fase progettuale sviluppo di proposte 2006/2007 Implementazione delle direttive Europee sull idrogeno

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI RAFFAELLO COZZOLINO

CURRICULUM VITAE DI RAFFAELLO COZZOLINO CURRICULUM VITAE DI RAFFAELLO COZZOLINO Luogo e data di nascita: Formia, gennaio 8 email: raffaello.cozzolino@unicusano.it Formazione e titoli accademici Anno Istituzione Voto Dottorato di Ricerca in Ingegneria

Dettagli

Le tecnologie disponibili per la. in Italia. Antonio Peretto Università di Bologna. Antonio Peretto

Le tecnologie disponibili per la. in Italia. Antonio Peretto Università di Bologna. Antonio Peretto Le tecnologie disponibili per la microcogenerazione in Italia Università di Bologna La micro-cogenerazione cogenerazione: : produzione combinata di elettricità e calore Un micro cogeneratore è un sistema

Dettagli

TECNOPOLO TALKS Il Tecnopolo della provincia di Ravenna si racconta

TECNOPOLO TALKS Il Tecnopolo della provincia di Ravenna si racconta TECNOPOLO TALKS Il Tecnopolo della provincia di Ravenna si racconta Programma pilota per lo sviluppo sperimentale di tecnologie ad idrogeno per i primi mercati e la decarbonizzazione Laboratorio di Ricerca

Dettagli

Propulsione elettrica con alimentazione a idrogeno e ibrida elettromeccanica

Propulsione elettrica con alimentazione a idrogeno e ibrida elettromeccanica Propulsione elettrica con alimentazione a idrogeno e ibrida elettromeccanica Giovanni Lutzemberger Università di Pisa Montecatini, 25-26 maggio 2012 1 Sommario Introduzione: i veicoli ibridi Progettazione

Dettagli

Capitolo 4 FUEL CELLS

Capitolo 4 FUEL CELLS Capitolo 4 FUEL CELLS 4.1 LA TECNOLOGIA Il funzionamento di una cella o pila a combustibile può essere così schematizzato: Il combustibile gassoso (ad esempio H2), è inviato all anodo (elettrodo negativo,

Dettagli

Celle a combustibile per un'energia nel rispetto dell'ambiente: sfida o realtà?

Celle a combustibile per un'energia nel rispetto dell'ambiente: sfida o realtà? Celle a combustibile per un'energia nel rispetto dell'ambiente: sfida o realtà? Prof. Paolo Spinelli POLITECNICO DI TORINO Dipartimento di Scienza dei Materiali e Ingegneria Chimica 13 Ottobre 2008, Cuorgnè

Dettagli

I progetti in materia di mobilità ad idrogeno realizzati con il sostegno della Regione Toscana. Polo d Innovazione Meccanica Mezzi di trasporto

I progetti in materia di mobilità ad idrogeno realizzati con il sostegno della Regione Toscana. Polo d Innovazione Meccanica Mezzi di trasporto I progetti in materia di mobilità ad idrogeno realizzati con il sostegno della Regione Toscana Polo d Innovazione Meccanica Mezzi di trasporto PONT-TECH: Un interfaccia nei processi di Ricerca industriale

Dettagli

Sostenibilità energetica e ambientale

Sostenibilità energetica e ambientale Sostenibilità energetica e ambientale della mobilità: un progetto per Leinì Prof. Massimo SANTARELLI Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino Fondazione TELIOS La questione energetica Fonte: IEA

Dettagli

Cagliari, 26 marzo 2009 COME COSTRUIRE AZIONI DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE TECNOLOGICA. Ing. Claudia Bettiol

Cagliari, 26 marzo 2009 COME COSTRUIRE AZIONI DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE TECNOLOGICA. Ing. Claudia Bettiol Cagliari, 26 marzo 2009 COME COSTRUIRE AZIONI DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE TECNOLOGICA Table of Content Stato Attuale e Scenari 3 Tematiche 4 L opportunità 5 Strategie congiunte Il Quadro d insieme 6

Dettagli

Veicoli elettrici ricaricabili da rete: sfide e opportunità da cogliere

Veicoli elettrici ricaricabili da rete: sfide e opportunità da cogliere Bari, 26/07/2011 Veicoli elettrici ricaricabili da rete: sfide e opportunità da cogliere 7 - Componenti, caratteristiche e tecnologie per applicazioni veicolari Giuseppe Mauri Dip. Sviluppo del Sistema

Dettagli

Power conversion system per fotovoltaico ed energy storage residenziale

Power conversion system per fotovoltaico ed energy storage residenziale Power conversion system per fotovoltaico ed energy storage residenziale Giordano Torri Nidec-ASI Fondazione Megalia. Convegno su L uso razionale dell energia negli edifici civili e nel terziario. Milano,

Dettagli

Cogenerazione: tecnologie a confronto

Cogenerazione: tecnologie a confronto CESI RICERCA Cogenerazione: tecnologie a confronto MILANO 8 ottobre 2008 Fabio Armanasco fabio.armanasco@cesiricerca.it 1. Definizione di CHP 2. Motori primi convenzionali Turbine a vapore Turbine a gas

Dettagli

Sistemi di accumulo dell Energia

Sistemi di accumulo dell Energia Massimiliano Andreotti, ABB S.p.A., Pisa - 4 Luglio 2013, Green City Energy IV Edizione Power System Substations Sistemi di accumulo dell Energia July 4, 2013 Slide 1 Energie rinnovabili e rete elettrica

Dettagli

Il progetto H 2 ydrogem: verso un futuro a zero emissioni. Ancona, 27 settembre 2013

Il progetto H 2 ydrogem: verso un futuro a zero emissioni. Ancona, 27 settembre 2013 Il progetto H 2 ydrogem: verso un futuro a zero emissioni Ancona, 27 settembre 2013 GiacominiS.p.A. : La storia Giacomini S.p.A., fondata nel 1951, è leader nella produzione di componenti per riscaldamento

Dettagli

CELLE A COMBUSTIBILE PER COGENERAZIONE CON

CELLE A COMBUSTIBILE PER COGENERAZIONE CON CELLE A COMBUSTIBILE PER COGENERAZIONE CON L UTILIZZO DI BIOMASSE Tema di ricerca 5.2.5.11 - Sviluppo di tecnologie innovative per le applicazioni stazionarie cogenerative delle celle a combustibile anche

Dettagli

Environment Park e l esperienza piemontese sull idrogeno. Firenze 10 luglio 2013

Environment Park e l esperienza piemontese sull idrogeno. Firenze 10 luglio 2013 Environment Park e l esperienza piemontese sull idrogeno Firenze 10 luglio 2013 H2 MOBility : esperienze H2 GENeration and H2MARKet: esperienze Organizzazione delle attività Coordinamento Regione Piemonte

Dettagli

Scheda sintesi dei progetti bando di ricerca

Scheda sintesi dei progetti bando di ricerca Scheda sintesi dei progetti bando di ricerca Azienda Progetto Totale investito (contributo concesso) Enel Realizzazione e sperimentazione nelle città di Milano, Pisa e Roma di un infrastruttura di ricarica

Dettagli

SISTEMI ELETTROCHIMICI

SISTEMI ELETTROCHIMICI Università degli studi di Palermo SISTEMI ELETTROCHIMICI Dott. Ing. Serena Randazzo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica OUTLINE 1) Introduzione sui sistemi elettrochimici

Dettagli

I Poli di LazioRinnovabile

I Poli di LazioRinnovabile IL POLO PER LA RICERCA E LO SVILUPPO DELLE TECNOLOGIE DELL'IDROGENO NELLA REGIONE LAZIO: OBIETTIVI, STRATEGIE, ATTIVITÀ Fabrizio Zuccari Seminario divulgativo Verso l Idrogeno Cagliari, 26/03/2009 I Poli

Dettagli

Ministero per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione italia degli innovatori

Ministero per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione italia degli innovatori Ministero per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione italia degli innovatori innovazione selezionata expo shanghai 2010 Progetto BINARIO Località Padova Utente commerciale Sistema teleclimatizzazione

Dettagli

Taglia i costi Dimezza le emissioni

Taglia i costi Dimezza le emissioni Taglia i costi Dimezza le emissioni Il micro-cogeneratore più efficiente a livello mondiale Cos è BlueGEN? Il più efficiente generatore di elettricità e calore di piccola taglia BlueGEN funziona a gas

Dettagli

GREEN BACK-UP POWER. Roma, 9-12 Maggio 2011. Made in Italy Fuell Cell

GREEN BACK-UP POWER. Roma, 9-12 Maggio 2011. Made in Italy Fuell Cell GREEN BACK-UP POWER Made in Italy Fuell Cell Energia pulita, dove e quando serve Green Hi-tech Gruppi di continuità a Fuel Cell a idrogeno basati su tecnologia proprietaria. Nessuna emissione inquinante.

Dettagli

LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO

LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO Prof. Ing. Ciro Aprea Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Salerno DEFINIZIONE SI POSSONO DEFINIRE

Dettagli

MICROCOGENERATORI EVOLUTI. Enrico Bianchi

MICROCOGENERATORI EVOLUTI. Enrico Bianchi LA COGENERAZIONE DIFFUSA E UN OPZIONE VALIDA PER LA PRODUZIONE DEI FLUSSI ENERGETICI NECESSARI? Lunedì, 27 ottobre 2003 Auditorium CESI Via Rubattino, 54 Milano MICROCOGENERATORI EVOLUTI Enrico Bianchi

Dettagli

Livio Gallo - Direttore Infrastrutture e Reti di Enel 13 Settembre 2012

Livio Gallo - Direttore Infrastrutture e Reti di Enel 13 Settembre 2012 Il ruolo delle infrastrutture nelle Smart Cities Livio Gallo - Direttore Infrastrutture e Reti di Enel 13 Settembre 2012 L evoluzione delle Infrastrutture Smart Electricity it Transportation Gas Communication

Dettagli

Green economy Le attività della Ricerca ENEL Sauro Pasini Ricerca ENEL Ingegneria e Innovazione

Green economy Le attività della Ricerca ENEL Sauro Pasini Ricerca ENEL Ingegneria e Innovazione Green economy Le attività della Ricerca ENEL Sauro Pasini Ricerca ENEL Ingegneria e Innovazione Green City Energy Pisa, 18 Dicembre 2009 La sfida climatica Le energie verdi rappresentano un'occasione da

Dettagli

Prodotti e processi per il miglioramento dell efficienza energetica nell elettromobilità

Prodotti e processi per il miglioramento dell efficienza energetica nell elettromobilità Accordo di Programma MiSE-ENEA Prodotti e processi per il miglioramento dell efficienza energetica nell elettromobilità Un progetto della Ricerca di Sistema Elettrico Vincenzo Porpiglia ENEA Roma, 15 luglio

Dettagli

Smart Panel for Smart Grids Giorgio Grasso Direttore Fondazione CIFE

Smart Panel for Smart Grids Giorgio Grasso Direttore Fondazione CIFE Smart Panel for Smart Grids Giorgio Grasso Direttore Fondazione CIFE 1 1 2 2 Problemi associati alle fonti rinnovabili ed in particolare al fotovoltaico: Intermittenza Difficoltà nella predizione della

Dettagli

L uso di tecnologie per il miglioramento dell efficienza energetica

L uso di tecnologie per il miglioramento dell efficienza energetica L uso di tecnologie per il miglioramento dell efficienza energetica EFFICIENZA ENERGETICA L ANELLO DELLA CATENA ENERGETICA Consumi e Perdite nel sistema elettrico Italiano 350 300 250 200 Produzione lorda

Dettagli

MICROTURBINA TURBEC T100 CHP

MICROTURBINA TURBEC T100 CHP MICROTURBINA TURBEC T100 CHP Ing. Enrico Bianchi TURBEC S.p.a. Corporeno di Cento (FE) La µ-cogenerazione La generazione distribuita di energia elettrica, con unità di piccola taglia, sta acquistando sempre

Dettagli

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Ravenna, 26 Settembre 2012 Tiziano Terlizzese NIER Ingegneria S.p.A. IL RAGGRUPPAMENTO La rete di imprese è composta da 3 PMI con un alta propensione

Dettagli

Energy Storage ed Efficienza Energetica

Energy Storage ed Efficienza Energetica Energy Storage ed Efficienza Energetica Giordano Torri, Claudio Brocca, Enrico Gatti Nidec-ASI - Milano 7a Giornata sull efficienza energetica nelle industrie. Milano, 23 Aprile 2015 Introduzione Autoconsumo

Dettagli

LA TOSCANA E LE INIZIATIVE SULL IDROGENO E LE TECNOLOGIE COLLEGATE

LA TOSCANA E LE INIZIATIVE SULL IDROGENO E LE TECNOLOGIE COLLEGATE LA TOSCANA E LE INIZIATIVE SULL IDROGENO E LE TECNOLOGIE COLLEGATE Giuseppe Pozzana, Direttore Pont-Tech scrl Il nuovo Programma Idrogeno e celle a combustibile nell ambito di Horizon 2020 Quali opportunità

Dettagli

Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l.

Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l. Agenzia per l Energia Sostenibile Della Provincia Regionale di Palermo Soc. Cons. ar.l. ESCO ENERGY PALERMO è una società consortile senza scopo di lucro istituita con delibera del Consiglio Provinciale

Dettagli

HY PARK la possibilità di vedere dal vivo le principali tecnologie ad idrogeno

HY PARK la possibilità di vedere dal vivo le principali tecnologie ad idrogeno HY PARK la possibilità di vedere dal vivo le principali tecnologie ad idrogeno Dal giorno 8 al giorno 19 febbraio, in largo Cairoli, a Torino, si presenta un occasione unica nel proprio genere: la possibilità,

Dettagli

Energia e Fonti Rinnovabili. Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia elettrica

Energia e Fonti Rinnovabili. Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia elettrica Energia e Fonti Rinnovabili Almo Collegio Borromeo, Pavia, a.a. 2009-2010 corso riconosciuto dall Università degli Studi di Pavia Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia

Dettagli

Le frontiere tecnologiche nella ricerca sulle energie rinnovabili

Le frontiere tecnologiche nella ricerca sulle energie rinnovabili Le frontiere tecnologiche nella ricerca sulle energie rinnovabili Giorgio Palazzi ENEA Seminario Le fonti di energia rinnovabili e le politiche di ricerca e sviluppo in Puglia Bari, 29 maggio 2007 Biblioteca

Dettagli

Progetto H2 Filiera Idrogeno. Il contributo dell Elettronica nel Progetto Regionale Filiera Idrogeno

Progetto H2 Filiera Idrogeno. Il contributo dell Elettronica nel Progetto Regionale Filiera Idrogeno Progetto H2 Filiera Idrogeno Il contributo dell Elettronica nel Progetto Regionale Filiera Idrogeno Prof. Roberto Saletti Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Pisa Il progetto regionale

Dettagli

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica Ingeco S.r.l. via Alzaia sul Sile, 26/D I-31057 Silea TV T. +39 0422 363292 F. +39 0422 363294 E. ingeco@ingeco-enr.it W. www.ingeco-enr.it Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Dettagli

I nuovi servizi offerti dai sistemi di accumulo alle reti energetiche Ing. Biagio Di Pietra ENEA UTEE

I nuovi servizi offerti dai sistemi di accumulo alle reti energetiche Ing. Biagio Di Pietra ENEA UTEE I nuovi servizi offerti dai sistemi di accumulo alle reti energetiche Ing. Biagio Di Pietra ENEA UTEE Ravenna 21 Maggio 2015 Introduzione ENEA nell ambito dell accordo di programma con il Ministero di

Dettagli

CARETE Carbon Reduction TEchnologies

CARETE Carbon Reduction TEchnologies INCONTRO PUBBLICO Bando Dai distretti produttivi ai distretti tecnologici DGR n. XXXX/2009 Tematica Prioritaria: Tecnologie per le reti e i servizi energetici CARETE Carbon Reduction TEchnologies Francesco

Dettagli

Marcello Onofri Vice-Presidente Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio

Marcello Onofri Vice-Presidente Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio Marcello Onofri Vice-Presidente Cluster Tecnologico Nazionale Aerospazio IL SISTEMA DEI CLUSTER NAZIONALI: L avvio di una POLITICA INDUSTRIALE di settore Nati dietro iniziativa del MIUR con l obbiettivo:

Dettagli

Il Campus Universitario di Savona come modello di distretto energetico intelligente e sostenibile

Il Campus Universitario di Savona come modello di distretto energetico intelligente e sostenibile CONVEGNO: PROPOSTE GREEN PER L ECONOMIA E IL LAVORO IN LIGURIA Il Campus Universitario di Savona come modello di distretto energetico intelligente e sostenibile Stefano Bracco Università degli Studi di

Dettagli

Analisi e riflessioni sulle tendenze e la regolamentazione del mercato energeticoambientale

Analisi e riflessioni sulle tendenze e la regolamentazione del mercato energeticoambientale Analisi e riflessioni sulle tendenze e la regolamentazione del mercato energeticoambientale in Italia Francesco Gullì Alba, 27 gennaio 2011 Tre angoli di visuale Dinamica del prezzo del petrolio (accresciuta

Dettagli

La produzione di biometano da fonte rinnovabile non programmabile

La produzione di biometano da fonte rinnovabile non programmabile La produzione di biometano da fonte rinnovabile non programmabile Ing. Maria Alessandra Ancona DIN-Dipartimento Ing. Industriale, Università di Bologna Ing. Lisa Branchini CIRI-Energia ed Ambiente, Università

Dettagli

Lo sviluppo della produzione di energia da biomassa in Piemonte

Lo sviluppo della produzione di energia da biomassa in Piemonte FORLENER 2013 FORESTA_LEGNO_ENERGIA TERRE ALTE E FORESTE: LA STRATEGICA ENERGIA PER L ECONOMIA MONTANA VERCELLI, 27 SETTEMBRE 2013 Lo sviluppo della produzione di energia da biomassa in Piemonte Mauro

Dettagli

Il progetto ENERPARK. Soluzioni tecnologiche e sistemiche per la mobilità sostenibile. Castelmezzano, 16 dicembre 2011 Ing. Giovanni Pede ENEA

Il progetto ENERPARK. Soluzioni tecnologiche e sistemiche per la mobilità sostenibile. Castelmezzano, 16 dicembre 2011 Ing. Giovanni Pede ENEA Il progetto ENERPARK Soluzioni tecnologiche e sistemiche per la mobilità sostenibile Castelmezzano, 16 dicembre 2011 Ing. Giovanni Pede ENEA Schema della presentazione Le problematiche emergenti nel settore

Dettagli

Energia Benessere - Crescita

Energia Benessere - Crescita Le energie rinnovabili: opportunità da sole, acqua, vento e biomasse Energia Benessere - Crescita Scenari per il futuro prossimo, dopo il protocollo di Kyoto. prof. Mauro REINI docente di sistemi per l

Dettagli

LE2C COMMISSIONE ENERGIE RINNOVABILI

LE2C COMMISSIONE ENERGIE RINNOVABILI COMMISSIONE ENERGIE RINNOVABILI REFERENTI : SIMONA BINETTI (UNIMIB) ROBERTO GARAVAGLIA (EUROENERGY GROUP) Milano, 26 febbraio 2015 Commissione tematica Energie rinnovabili LE2C Target di mercato Sviluppare

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

Torna al programma. Progetto GENDIS: Generazione Distribuita. Progetti di ricerca nazionali ed europei. C. Bossi

Torna al programma. Progetto GENDIS: Generazione Distribuita. Progetti di ricerca nazionali ed europei. C. Bossi Torna al programma Progetto GENDIS: Generazione Distribuita Progetti di ricerca nazionali ed europei C. Bossi Milano, 31 Ottobre 2003 Progetto: GENDIS - Generazione Distribuita RdS area tematica: Evoluzione

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo PROSPETTIVE ENERGETICHE E GREEN ECONOMY NEL CONTESTO ITALIANO Antonio Perdichizzi 1 Motivi della grande attualità del problema dell ENERGIA Impatto ECONOMICO - prezzo

Dettagli

Progetto realizzato con il finanziamento dell'ue per l'area Ob. 2

Progetto realizzato con il finanziamento dell'ue per l'area Ob. 2 Progetto realizzato con il finanziamento dell'ue per l'area Ob. 2 Protocollo di intesa (24/7/13) Realizzare sul territorio nuove iniziative volte allo sviluppo delle tematiche dell efficienza energetica,

Dettagli

28 settembre 2007. Ing. Filippo Marini

28 settembre 2007. Ing. Filippo Marini 28 settembre 2007 Ing. Filippo Marini Utilizzo del legno forestale Per poter essere utilizzato in un impianto per la produzione di energia il legno deve essere cippato; ridotto cioè in una forma facilmente

Dettagli

GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI

GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI Ing. Daniele TESTI Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi (DESE) Università di Pisa Definizione di Green Job secondo l ILO (International Labour Organization)

Dettagli

GASSIFICAZIONE: OPPORTUNITÀ E LIMITI

GASSIFICAZIONE: OPPORTUNITÀ E LIMITI GASSIFICAZIONE: OPPORTUNITÀ E LIMITI Donatella Barisano, Giuseppe Canneto Unità Tecnica Tecnologie Trisaia C.R. Enea Trisaia SS Jonica 106, km 419 + 500 donatella.barisano@enea.it; giuseppe.canneto@enea.it

Dettagli

Rivoluzione Energetica

Rivoluzione Energetica La nuova Rivoluzione Energetica una scelta eco-sostenibile ed economicamente vantaggiosa strutture alberghiere agriturismi piscine e impianti sportivi piccole imprese COGENERAZIONE Cogenerare significa

Dettagli

Innovative Technological Systems S.r.l. Motori a ciclo Stirling ITS Energy

Innovative Technological Systems S.r.l. Motori a ciclo Stirling ITS Energy Innovative Technological Systems S.r.l. Motori a ciclo Stirling ITS Energy Innovative Technological Systems S.r.l. IL PROGETTO AZIENDALE La società, evoluzione dalla precedente collaborazione tra gli attuali

Dettagli

Verso la commercializzazione di Celle a Combustibile per applicazioni nei trasporti, stazionarie e portatili Giovanni Dotelli

Verso la commercializzazione di Celle a Combustibile per applicazioni nei trasporti, stazionarie e portatili Giovanni Dotelli Verso la commercializzazione di Celle a Combustibile per applicazioni nei trasporti, stazionarie e portatili Giovanni Dotelli tutti o quasi avete un auto e quindi possedete un motore a combustione interna

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN SOLLEVATORE AUTOPROPULSO

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN SOLLEVATORE AUTOPROPULSO Alma Mater Studiorum - Università di Bologna SECONDA FACOLTA DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN

Dettagli

sistemi di propulsione tradizionale

sistemi di propulsione tradizionale I vantaggi dei veicoli a trazione elettrica rispetto ai sistemi di propulsione tradizionale La metodologia WTW per l analisi li i delle alternative, ti potenzialità e limiti iti delle tecnologie disponibili

Dettagli

Distretto Tecnologico Campano. Ingegneria dei MAteriali Polimerici e Compositi e STrutture

Distretto Tecnologico Campano. Ingegneria dei MAteriali Polimerici e Compositi e STrutture Distretto Tecnologico Campano Ingegneria dei MAteriali Polimerici e Compositi e STrutture La filiera della conoscenza Politiche strutturali per la ricerca Politiche industriali Politiche economiche Alta

Dettagli

La ricerca del sistema elettrico e il ruolo della chimica

La ricerca del sistema elettrico e il ruolo della chimica 3 a Conferenza Nazionale su Chimica & Energia La ricerca del sistema elettrico e il ruolo della chimica Paolo Savoldelli Milano, 17 ottobre 2012 - Auditorium di FEDERCHIMICA 1 Schema della presentazione

Dettagli

Patto dei Sindaci Presentazione proposta PAES Elba Portoferraio 26 luglio 2013

Patto dei Sindaci Presentazione proposta PAES Elba Portoferraio 26 luglio 2013 Elba Smart Island, verso un isola a zero emissioni Patto dei Sindaci Presentazione proposta PAES Elba Portoferraio 26 luglio 2013 PAES unico Isola Elba Tempistiche approvazione in Consiglio Comunale entro

Dettagli

TurBinde. Energia, valore da gestire

TurBinde. Energia, valore da gestire TurBinde Guarrdarre all ffutturro,, anttiicciiparre ii ttempii.. Biillancciiando essiigenzze enerrgettiicche e rriisspetttto dellll ambiientte.. Cerrccando ssolluzziionii cche ottttiimiizzzziino ii rrendiimenttii..

Dettagli

Progettocluster Energie Rinnovabili

Progettocluster Energie Rinnovabili Progettocluster Energie Rinnovabili Prima Giornata di Progettazione Partecipata Alfonso Damiano Cagliari, 3 luglio 2014 Le fasi del progetto Fase 1 -Informazione e prima raccolta di adesioni Fase 2 - Progettazione

Dettagli

Tecnologie innovative per l'energia e la mobilità

Tecnologie innovative per l'energia e la mobilità Tecnologie innovative per l'energia e la mobilità Ennio Macchi Dipartimento di Energetica, Politecnico di Milano Convegno "PRESENTE E FUTURO DEL PROTOCOLLO DI KYOTO 15 febbraio 2005 Politecnico di Milano

Dettagli

Rinnovabili termiche: possibili strumenti di incentivazione per il settore privato e la P.A.

Rinnovabili termiche: possibili strumenti di incentivazione per il settore privato e la P.A. Rinnovabili termiche: possibili strumenti di incentivazione per il settore privato e la P.A. Sebastiano Serra Ministero dell Ambiente Capo Segreteria Tecnica Pompe di calore ad assorbimento a metano ed

Dettagli

ELETTROCHIMICA APPLICATA: LE CELLE A COMBUSTIBILE AD IDROGENO

ELETTROCHIMICA APPLICATA: LE CELLE A COMBUSTIBILE AD IDROGENO ELETTROCHIMICA APPLICATA: LE CELLE A COMBUSTIBILE AD IDROGENO CHIMICA MATERIALI ED ENERGIA Ordine dei Chimici di Brescia Alessandro Francesconi 25 novembre 2011 QUESTIONE ENERGIA in 10 anni POPOLAZIONE

Dettagli

Innovation for GreeN Energy and exchange in Transportation I PRIMI RISULTATI (SAL n 1)

Innovation for GreeN Energy and exchange in Transportation I PRIMI RISULTATI (SAL n 1) UNA MANIFESTAZIONE DI IN CONTEMPORANEA CON Innovation for GreeN Energy and exchange in Transportation I PRIMI RISULTATI (SAL n 1) Laura Andaloro Istituto di Tecnologie Avanzate per l Energia Dipartimento

Dettagli

Microcogeneratori Heron

Microcogeneratori Heron Microcogeneratori Heron 2015 Un'esclusiva MALUX SA per tutta la Svizzera e il Liechtenstein Heron: la cogenerazione accessibile a tutti. Heron è un microcogeneratore a basso costo adatto per le piccole

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

Società Energie Rinnovabili Italiana Srl

Società Energie Rinnovabili Italiana Srl Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro propri bisogni

Dettagli

Gruppo. Distributor GE Energy. Combi Cycle Systems. Sistemi di generazione a Ciclo Combinato Vapore + ORC di piccola taglia ad alta efficienza

Gruppo. Distributor GE Energy. Combi Cycle Systems. Sistemi di generazione a Ciclo Combinato Vapore + ORC di piccola taglia ad alta efficienza Gruppo Distributor Combi Cycle Systems Sistemi di generazione a Ciclo Combinato Vapore + ORC di piccola taglia ad alta efficienza Distributor Gruppo Progeco PROGECO e la sua consociata INGECO sono a Silea

Dettagli

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE PER L EFFICIENZA ENERGETICA QUINTA CONFERENZA NAZIONALE PER L EFFICIENZA ENERGETICA Roma - Novembre 27-28, 2013 I RECUPERI TERMICI PER UN INDUSTRIA EFFICIENTE, COMPETITIVA, SOSTENIBILE E INNOVATIVA Marco Baresi, Institutional Relations

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA IN AMBITO INDUSTRIALE: UNA SCELTA IMPRENDITORIALE

L EFFICIENZA ENERGETICA IN AMBITO INDUSTRIALE: UNA SCELTA IMPRENDITORIALE UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS L EFFICIENZA ENERGETICA IN AMBITO INDUSTRIALE: UNA SCELTA IMPRENDITORIALE Prof. Ing. Cesare Saccani

Dettagli

Impianto con motore Stirling da 35 kwe di Castel d Aiano

Impianto con motore Stirling da 35 kwe di Castel d Aiano Impianto con motore Stirling da 35 kwe di Castel d Aiano Tavolo tecnico 23-04-2010 Azienda Agraria Sperimentale "Stuard" Ing. Filippo Marini La cogenerazione da cippato di legno Allo stato attuale le tecnologie

Dettagli

Agenda. 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche d intervento 4. Azioni 5. Utilizzo delle risorse 6. Valutazione 7.

Agenda. 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche d intervento 4. Azioni 5. Utilizzo delle risorse 6. Valutazione 7. Elementi di sintesi del piano Progetto di Innovazione Industriale Efficienza energetica per la competitività e lo sviluppo sostenibile Industria 2015 1 Agenda 1. Obiettivi 2. Metodologia 3. Aree tecnologiche

Dettagli

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA

TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA L offerta di E.ON Energia Titoli di Efficienza energetica: COSA SONO Definizione I Titoli di Efficienza Energetica (TEE), detti anche Certificati Bianchi attestano il risparmio

Dettagli

I veicoli elettrici e ibridi: stato dell arte, analisi dei benefici ed evoluzioni future.

I veicoli elettrici e ibridi: stato dell arte, analisi dei benefici ed evoluzioni future. I veicoli elettrici e ibridi: stato dell arte, analisi dei benefici ed evoluzioni future. F. Cheli, R. Viganò, F.L. Mapelli, D. Tarsitano Dipartimento di Meccanica 1 Contenuti Le tecnologie attuali per

Dettagli

TALIA GREEN HYBRID. Il comfort di una caldaia e l efficienza energetica di una pompa di calore.

TALIA GREEN HYBRID. Il comfort di una caldaia e l efficienza energetica di una pompa di calore. sistema ibrido caldaia a condensazione e pompa di calore TALIA GREEN HYBRID Il comfort di una caldaia e l efficienza energetica di una pompa di calore. Chaffoteaux presenta Talia Green Hybrid, un sistema

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA

FACOLTA DI INGEGNERIA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in Ingegneria Meccanica Classe LM/ Insegnamento di Sistemi per l Energia e l Ambiente ING/IND09 9 C.F.U. A.A. 014015 Docente: Prof. Raffello Cozzolino Email:

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 CHIAMATA PER IDEE PROGETTUALI DA AVVIARE ALLA REALIZZAZIONE DI STUDI DI FATTIBILITA PER LA

Dettagli

BOZZA BOLOGNA, 12 NOVEMBRE 2015. Comitato Paritetico Regione Emilia Romagna Confservizi Emilia Romagna

BOZZA BOLOGNA, 12 NOVEMBRE 2015. Comitato Paritetico Regione Emilia Romagna Confservizi Emilia Romagna Comitato Paritetico Regione Emilia Romagna Confservizi Emilia Romagna Contributo di CONFSERVIZI alla individuazione dei temi oggetto dell attività del Comitato Paritetico BOLOGNA, 12 NOVEMBRE 2015 BOZZA

Dettagli

Le ricerche sull idrogeno al Dipartimento di Energetica del Politecnico di Milano Ennio Macchi. Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano

Le ricerche sull idrogeno al Dipartimento di Energetica del Politecnico di Milano Ennio Macchi. Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Le ricerche sull idrogeno al Dipartimento di Energetica del Politecnico di Milano Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano I principali filoni di ricerca (I) 2 La coproduzione di idrogeno ed

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST 1 Convegno TELERISCALDAMENTO: verso la SMART GRID L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST Torino Lingotto Fiere, 25 maggio 2012 Ing. Carmelo TRIPODI Direttore

Dettagli

SISTEMI DI AUTOMAZIONE PER LA GESTIONE DELLE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE

SISTEMI DI AUTOMAZIONE PER LA GESTIONE DELLE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE SISTEMI DI AUTOMAZIONE PER LA GESTIONE DELLE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE S. Grillo (1), L. Cicognani (2), S. Massucco (1), S. Scalari (3), P. Scalera (2), F. Silvestro (1) stefano.massucco@unige.it

Dettagli

FORUM BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO ING. LUCIANO ACETI

FORUM BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO ING. LUCIANO ACETI FORUM BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO ING. LUCIANO ACETI Salone del Collegio Saronno 16 marzo 2013 IL SOGNO DI COSTRUIRE DIVERSAMENTE DALLA L. 373/1976 ALLA L. REG. DGR 8745/2008 ATTUALMENTE IN LOMBARDIA

Dettagli

Proposte LEAP a sostegno del Patto dei Sindaci

Proposte LEAP a sostegno del Patto dei Sindaci Politiche Energetiche Incontro del 23 luglio 2013 Provincia di Piacenza Proposte LEAP a sostegno del Patto dei Sindaci Ingg. Alberto Sogni Matteo Zatti Consorzio LEAP Il Consorzio LEAP LEAP, Laboratorio

Dettagli

Produzione di energia da fonti rinnovabili e interventi di risparmio ed uso razionale dell energia nelle grandi strutture

Produzione di energia da fonti rinnovabili e interventi di risparmio ed uso razionale dell energia nelle grandi strutture Produzione di energia da fonti rinnovabili e interventi di risparmio ed uso razionale dell energia nelle grandi strutture Le grandi strutture dell edilizia, del commercio, della grande distribuzione e

Dettagli

Confindustria Mantova 2014. Casi pratici di realizzazione per piccola/media potenza di Cogenerazione

Confindustria Mantova 2014. Casi pratici di realizzazione per piccola/media potenza di Cogenerazione Casi pratici di realizzazione per piccola/media potenza di Cogenerazione Mantova, 29 ottobre 2014 Relatore: Mauro Braga Viessmann Group 1917 Fondazione 11.400 Dipendenti 2,1 27 Miliardi di euro di fatturato

Dettagli

MOTORE ALIMENTATO AD AMMONIACA

MOTORE ALIMENTATO AD AMMONIACA CONVEGNO Dalle autostrade alle Neostrade : quale auto/strada prendere? MOTORE ALIMENTATO AD AMMONIACA Un progetto Toscano per una mobilità sostenibile Pontedera, Auditorium Museo Piaggio 13 ottobre 2015

Dettagli