Certificazioni & Collaudi S.r.l.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Certificazioni & Collaudi S.r.l."

Transcript

1 Il presente documento è stato emesso dalla Direzione Generale il 08/05/2015. L originale firmato è conservato presso l ufficio del Responsabile Gestione Qualità INDICE GENERALE 1. SCOPO, CAMPO DI APPLICAZIONE E RESPONSABILITÀ RIFERIMENTI REGOLAMENTO NUMERO DISTINTIVO DELL ORGANISMO NOTIFICATO IMPIEGO DEL NUMERO DISTINTIVO MARCATURA CE TARGA DATI DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ IMPIEGO DEL LOGO DELL ORGANISMO NOTIFICATO IMPIEGO DEL CONTROLLO DEL CORRETTO USO DEL NUMERO DISTINTIVO E DEI LOGHI DISTRIBUZIONE Pagina 1 di 10

2 1. SCOPO, CAMPO DI APPLICAZIONE E RESPONSABILITÀ Questo regolamento descrive gli obblighi e le responsabilità: del produttore di apparecchi a pressione che ha ricevuto parere positivo ai seguenti schemi di certificazione: Organismo notificato n Direttiva 97/23/CE PED Prodotto: recipienti, tubazioni, accessori di sicurezza, accessori a pressione, attrezzature a focolare, insiemi moduli A1 B B1 F G. dell azienda che ha ottenuto la qualificazione del proprio personale addetto alle giunzioni permanenti ai sensi della normativa vigente o la qualificazione dei procedimenti di saldatura e brasatura ai sensi della normativa vigente. Organismo notificato n Direttiva 97/23/CE PED Approvazione delle modalità operative e del personale che esegue giunzioni permanenti sulle attrezzatura a pressione delle categorie II, III e IV ai sensi dell Allegato I punto RIFERIMENTI Questo regolamento fa riferimento: Norma UNI EN ISO 9001 revisione in vigore Norma UNI CEI EN ISO/IEC 17065:12 D.Lgs. n. 93 del Manuale della Qualità Le attività di certificazione sotto accreditamento ACCREDIA sono svolte in conformità ai seguenti documenti: RG-01 rev. 03 Regolamento per l'accreditamento degli Organismi di Certificazione e Ispezione - Parte Generale RG rev.00 - Regolamento per l'accreditamento degli Organismi di Certificazione del Prodotto RG-09 rev Regolamento per l utilizzo del marchio ACCREDIA Pagina 2 di 10

3 LS-02 rev. 09 Elenco norme e documenti di riferimento per l'accreditamento degli Organismi di Certificazione 3. REGOLAMENTO 3.1 NUMERO DISTINTIVO DELL ORGANISMO NOTIFICATO Il numero distintivo della Certificazioni quale Organismo Notificato è un numero ufficiale che è stato assegnato dal Ministero delle Attività Produttive dopo l esito positivo dell esame della documentazione che dimostra il possesso da parte della Certificazioni dei requisiti minimi dell allegato IV del D.Lgs. n. 93 del 25/02/00. L assegnazione del numero distintivo è avvenuto con DM del 20/01/07 pubblicato sulla gazzetta ufficiale n 31 del 07/02/07 Il numero distintivo della Certificazioni viene messo a disposizione alle aziende le cui attrezzature a pressione e gli insiemi di cui all art. 1 del D. Lgs. N. 93 del 25/02/00 sono state verificate e valutate conformi ai sensi del predetto decreto secondo la procedura di conformità da loro richiesta espressamente con domanda documentata dall Organismo scrivente e alle aziende il cui personale è stato qualificato ai sensi della normativa vigente o i procedimenti di saldatura e brasatura sono stati qualificati ai sensi della normativa vigente. Il numero distintivo, il marchio di Certificazioni e il logo ACCREDIA vengono posti da parte di Certificazioni sui certificati CE, certificati di attestazione saldatori e brasatori e certificati di qualificazione dei processi di saldatura e brasatura. 3.2 IMPIEGO DEL NUMERO DISTINTIVO Il numero distintivo della Certificazioni quale Organismo Notificato può essere utilizzato: dalle azienda le cui attrezzature di cui all art. 1 del D.Lgs. n /02/00 sono state valutate conformi ai sensi dei seguenti moduli: - Controllo di fabbricazione interno e sorveglianza della verifica finale (modulo A1) - Esame CE del tipo (modulo B) - Esame CE della progettazione (modulo B1) - Verifica sul prodotto (modulo F) - Verifica CE di unico prodotto (modulo G) Pagina 3 di 10

4 dalle aziende il cui personale addetto alle giunzioni permanenti o i cui procedimenti di saldatura e brasatura sono stati qualificati ai sensi della normativa vigente. 3.3 MARCATURA CE La marcatura CE è costituita dalle iniziali CE secondo il simbolo grafico qui di seguito rappresentato. La marcatura CE deve essere apposta in modo visibile, facilmente leggibile e indelebile su ogni attrezzatura a pressione. In caso di riduzione o di ingrandimento della marcatura CE devono essere rispettate le proporzioni indicate per il simbolo graduato di cui sopra. I diversi elementi della marcatura CE devono avere sostanzialmente la stessa dimensione verticale che non può essere inferiore a 5 mm. Pagina 4 di 10

5 3.4 TARGA DATI Esempio di targa dati da apporre sull apparecchio Pagina 5 di 10

6 3.5 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ La dichiarazione CE di conformità deve contenere le seguenti informazioni: 1. nome e indirizzo del fabbricante o del suo mandatario stabilito nella Comunità, 2. descrizione dell'attrezzatura a pressione o dell'insieme, 3. procedura di valutazione di conformità utilizzata, 4. per gli insiemi, descrizione delle attrezzature a pressione che li compongono, nonché delle procedure di valutazione di conformità utilizzate, 5. eventualmente, nome e indirizzo dell'organismo notificato che ha effettuato il controllo, 6. eventualmente, riferimento all'attestato di esame "CE del tipo", all'attestato di esame CE della progettazione od all'attestato CE di conformità, 7. eventualmente, nome e indirizzo dell'organismo notificato incaricato della sorveglianza del sistema qualità del fabbricante, 8. eventualmente, riferimento alle norme armonizzate applicate, 9. eventualmente, le altre specifiche tecniche che sono state utilizzate, 10. eventualmente, riferimenti alle altre direttive comunitarie che sono state applicate, 11. identificazione del firmatario che ha la delega del fabbricante o del suo mandatario stabilito nella Comunità 12. eventualmente, dell'organismo notificato che ha effettuato il controllo e logo di ACCREDIA 3.6 IMPIEGO DEL LOGO DELL ORGANISMO NOTIFICATO Il logo Certificazioni consiste in due C suddivise in quattro quadrati e separate da una e commerciale. La sua raffigurazione grafica è riportata qui di seguito Dimensioni minime lunghezza 25 mm, non variare le proporzioni Pagina 6 di 10

7 Con la seguente codificazione cromatica: ARANCIO PANTONE 122 CMYK: C.0% - M.14% - Y.82% - K.0% RGB: R.255 G.216 B.61 HTML: #FFD83D AZZURRO PANTONE PROCESS BLUE CMYK: C.100% - M.8% - Y.0% - K.5% RGB: R.0 G.145 B.210 HTML: #0091D2 Il carattere da utilizzare per la composizione dei testi è il TIMES NEW ROMAN Il logo di Certificazioni può essere inoltre riprodotto: con procedimenti di stampa serigrafia, litografica, tipografica nelle versioni coloro o bianconero/nerobianco come da riproduzione fotografica e documentazione fornita con il certificato. Alterazioni dei colori base del contrassegno per esigenze di riproduzione, purché ne risulti chiaramente distinguibile il logo Certificazioni sono consentite all Azienda previa autorizzazione di Certificazioni è inoltre consentito l uso di procedimenti il cui risultato è lo stesso del bianconero/nerobianco nel caso di incisione o punzonatura su materiali metallici, plastici, rigidi o simili per il riporto del logo di conformità Certificazioni La riproduzione del logo di conformità Certificazioni può avere qualsiasi dimensione, purché risulti chiaramente leggibile, a giudizio di Certificazioni e purché il logo sia riprodotto fedelmente all originale. Il logo di Certificazioni può essere utilizzato: dalle azienda le cui attrezzature di cui all art. 1 del D.Lgs. n /02/00 sono state valutate conformi ai sensi dei seguenti moduli: - Controllo di fabbricazione interno e sorveglianza della verifica finale (modulo A1) - Esame CE del tipo (modulo B) - Esame CE della progettazione (modulo B1) - Verifica sul prodotto (modulo F) - Verifica CE di unico prodotto (modulo G) dalle aziende il cui personale addetto alle giunzioni permanenti o i cui procedimenti di saldatura e brasatura sono stati qualificati ai sensi della normativa vigente. Pagina 7 di 10

8 Il logo deve comunque essere sempre impiegato i modo da non poter essere interpretato come Certificazione di Prodotto diverso da quello oggetto della certificazione Certificazioni Collaudi S.r.l., o comunque in modo tale da indurre in errore. Le spese per l utilizzo del logo Certificazioni sono a carico del Cliente. Non è consentito l utilizzo del logo Certificazioni, né, tantomeno, del marchio congiunto con ACCREDIA, in alcun tipo di documentazione tecnica che possa richiamare in qualche modo il prodotto, quando l Organizzazione è in possesso di un Sistema di gestione certificato (es.: dichiarazioni di conformità ai fini della marcatura CE). 3.7 IMPIEGO DEL Il marchio di ACCREDIA può essere utilizzato: dalle azienda le cui attrezzature di cui all art. 1 del D.Lgs. n /02/00 sono state valutate conformi ai sensi dei seguenti moduli: - Controllo di fabbricazione interno e sorveglianza della verifica finale (modulo A1) - Esame CE del tipo (modulo B) - Esame CE della progettazione (modulo B1) - Verifica sul prodotto (modulo F) - Verifica CE di unico prodotto (modulo G) dalle aziende il cui personale addetto alle giunzioni permanenti o i cui procedimenti di saldatura e brasatura sono stati qualificati ai sensi della normativa vigente. Esclusivamente in abbinamento al logo di Certificazioni come qui di seguito indicato: Pagina 8 di 10

9 Con la seguente codificazione cromatica per marchio ACCREDIA: PANTONE 548 BLU ACCREDIA CMYK: C.90% - M.5% - Y.0% - K.80% RGB: R.0 G.69 B.87 HTML: PANTONE 429 GRIGIO ACCREDIA CMYK: C.20% - M.10% - Y.10% - K.20% RGB: R.173 G.173 B.173 HTML: ADADAD Note: nella versione monocromatica in bianco e nero del marchio, l Italia deve essere colorata con nero al 30 % M è la variabile altezza del logo in base alla quale calcolare le altre dimensioni in maniera proporzionale. Il marchio ACCREDIA utilizzabile dai Clienti degli Organismi Accreditati è di forma ovale e riporta la denominazione ACCREDIA con la dizione L ente di Accreditamento e al centro la sagoma dell Italia. Esso non comprende né le sigle degli schemi di accreditamento e numeri di registrazione, né i riferimenti agli Accordi MLA. In alternativa alla soluzione grafica di cui sopra (Marchio ACCREDIA in abbinamento al logo Certificazioni è consentito di apporre, nelle immediate adiacenze del logo Certificazioni (in basso, in alto o lateralmente), la scritta (bilingue o monolingue): Organismo accreditato da ACCREDIA Body accredited by ACCREDIA L uso del marchio ACCREDIA non deve essere utilizzato in modo da lasciar intendere che ACCREDIA abbia certificato/attestato il prodotto/personale dell Azienda, o in altra maniera comunque fuorviante. Nel caso in cui le dimensioni del prodotto e dell imballaggio/confezione non consentano i vincoli dimensionali del marchio ACCREDIA congiunto con il logo Certificazioni (o soluzione equivalente) come qui di seguito riportato: al prodotto o all imballaggio/confezione deve essere applicato un talloncino riproducente la stessa figura (o soluzione equivalente) anche ridotta in modo da rispettare le proporzioni e purché visibile. Oppure Pagina 9 di 10

10 l Azienda deve adottare al momento della vendita le misure necessarie ad assicurare che sia esposto un cartello riproducente la stessa figura (o soluzione equivalente) anche ingrandita rispetto alle dimensioni massime di cui in figura sempre nel rispetto delle proporzioni. Non è consentito l utilizzo del Marchio ACCREDIA, né, tantomeno, del marchio congiunto, in alcun tipo di documentazione tecnica che possa richiamare in qualche modo il prodotto, quando l Organizzazione è in possesso di un Sistema di gestione certificato (es.: dichiarazioni di conformità ai fini della marcatura CE). 3.8 CONTROLLO DEL CORRETTO USO DEL NUMERO DISTINTIVO E DEI LOGHI Certificazioni effettua un costante controllo, anche con l attività di Sorveglianza (ove prevista) dall osservanza da parte dell Azienda di quanto previsto nel presente regolamento. In particolare la proprietà, l'utilizzo e l'esibizione di certificati e marchi di conformità e di qualsiasi altro meccanismo per indicare che un prodotto è certificato. La mancata osservanza dei requisiti del presente Regolamento, riferimenti non corretti allo schema di certificazione o l'utilizzo ingannevole di certificati e marchi di conformità e di qualsiasi altro meccanismo per indicare che un prodotto è certificato, comporta le sanzioni qui di seguito indicate: La richiesta di azioni correttive La pubblicazione dell infrazione, La sospensione o la revoca della certificazione/attestazione Il ricorso ad azioni legali. Il rifiuto ingiustificato da parte dell Azienda di esibire quanto richiesto da Certificazioni Collaudi S.r.l. comporta l applicazione di quanto previsto al precedente capoverso. 4. DISTRIBUZIONE Il presente regolamento è disponibile a tutti i clienti sul sito internet A chiunque ne faccia richiesta il presente regolamento viene inviato in formato cartaceo. Pagina 10 di 10

Regolamento Uso del Marchio OCE. RE-03 rev.1.3 del 01.03.2011. Certificazione dei Sistemi di Gestione USO DEL MARCHIO OCE.

Regolamento Uso del Marchio OCE. RE-03 rev.1.3 del 01.03.2011. Certificazione dei Sistemi di Gestione USO DEL MARCHIO OCE. Certificazione dei Sistemi di Gestione USO DEL MARCHIO OCE Pagina 1 di 8 Indice Pag. 3 1.0 SCOPO Pag. 3 2.0 RIFERIMENTI Pag. 3 3.0 DEFINIZIONI Pag. 3 Pag. 5 Pag. 8 4.0 USO DEL MARCHIO 5.0 USO DEL MARCHIO

Dettagli

Certificazioni & Collaudi S.r.l.

Certificazioni & Collaudi S.r.l. Il presente documento è stato emesso dalla Direzione Generale il 08/05/2015. L originale firmato è conservato presso l ufficio del Responsabile Gestione Qualità INDICE GENERALE 1. SCOPO, CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Procedura: Titolo Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Sigla Revisione 01 Data 28-05-2013 Redazione Approvazione Entrata in vigore DIRETTORE OdC AMMINISTRATORE UNICO 28-05-2013 Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEI MARCHI DI CERTIFICAZIONE

REGOLAMENTO PER L USO DEI MARCHI DI CERTIFICAZIONE Pag.1 di 5 REGOLAMENTO PER L USO DEI MARCHI DI CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE 6 01/2011 Aggiornamento marchio Accredia Responsabile Schema Certificazione Sistemi di Gestione Rappresentante della

Dettagli

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato

Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Procedura: Titolo Modalità di utilizzo del Marchio e del Certificato Sigla Revisione 02 Data 02-01-2014 Redazione Approvazione Entrata in vigore DIRETTORE OdC AMMINISTRATORE UNICO 02-01-2014 Il presente

Dettagli

Istruzione Interna II26 USO DEL LOGOTIPO

Istruzione Interna II26 USO DEL LOGOTIPO Norma UNI CEI EN ISO/IEC 17021:2011 Revisione 7 del 31.03.2015 Pagina 1/7 Istruzione Interna II26 USO DEL LOGOTIPO STATO DEL DOCUMENTO REV. PAR. PAG. DESCRIZIONE Data Rev. 00 Emissione 10-09-07 01 Nuova

Dettagli

Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE Emissione Oggetto Redatto Verificato Approvato Data Em. 00 Prima emissione RAQ RT DG. 14.03.2008 Em. 01 Adeguamento al Regolamento Accredia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO E DEL CERTIFICATO

REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO E DEL CERTIFICATO REGOLAMENTO PER L USO DEL 05 04 Adeguamento alla ISO IEC 17021 1:2015 02.05.2016 03 02 Aggiornamento del marchio CERTITALIA unicamente nella versione corrispondente allo schema certificato (Edizione 2015

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del marchio

Regolamento per l utilizzo del marchio Funzione CERTIFICAZIONE Data emissione 07/09/2012 Procedura CERTIFICAZIONI PC089rev04 - Pagina 1 (12) Elenco delle principali modifiche rispetto alla precedente revisione Rev. Data Descrizione 04 07/09/2012

Dettagli

Revisione 00 del 30/12/2010 REGOLAMENTO. Documento: SG 11 Totale Pagine: 14. Revisione 00 Data: 30 dicembre 2010 Redatto da: Approvato:

Revisione 00 del 30/12/2010 REGOLAMENTO. Documento: SG 11 Totale Pagine: 14. Revisione 00 Data: 30 dicembre 2010 Redatto da: Approvato: REGOLAMENTO per la pubblicità e l'uso del Marchio CNIM Documento: SG 11 Totale Pagine: 14 Revisione 00 Data: 30 dicembre 2010 Redatto da: Approvato: ing. Massimo CONCETTI ing. Lorenzo FEDELE ing. Giampiero

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO E DEL CERTIFICATO

REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO E DEL CERTIFICATO REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO E DEL CERTIFICATO 05 04 03 02 01 04 00 Variazione sede operativa dell OdC 01.12.2009 Ed. Rev. Motivo dell emissione/revisione del documento Data emissione (AD) [ ] Copia

Dettagli

CICPND SERVIZI S.R.L. SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA CON UNICO SOCIO. Doc. 175 Rev. 5 Febbraio 2015 Pag. 1 di 9 CICPND SERVIZI SRL

CICPND SERVIZI S.R.L. SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA CON UNICO SOCIO. Doc. 175 Rev. 5 Febbraio 2015 Pag. 1 di 9 CICPND SERVIZI SRL S.R.L. Via C. Pisacane, 46 20025 Legnano MI Tel. +39 0331 545600 Fax +39 0331 543030 Web: www.cicpndservizi.com E-mail: info@cicpndservizi.com; amm@cicpndservizi.com; cert@cicpndservizi.com Casella PEC:

Dettagli

DATI IDENTIFICATIVI DEL DOCUMENTO

DATI IDENTIFICATIVI DEL DOCUMENTO DATI IDENTIFICATIVI DEL DOCUMENTO REV. DATA EMISSIONE REDATTO COMPLIANCE MANAGER Angelo Parma APPROVATO COUNTRY MANAGER Mariella Pozzoli 01 02 Ottobre 2013 TABELLA DELLE REVISIONI Rev. Data rev. Descrizione/sintesi

Dettagli

Regolamento per l uso del Marchio

Regolamento per l uso del Marchio Regolamento per l uso del Marchio REVISIONE DATA DESCRIZIONE REDATTO RGQ APPROVATO DIR 4 14/02/14 Revisione RG 09 Accredia R.L. De Angelis Flavio Nigro 3 17/02/12 Inserimento Marchio SGA R.L. De Angelis

Dettagli

Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione/ Qualificazione. QI 100108 Rev. 05

Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione/ Qualificazione. QI 100108 Rev. 05 Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione/ Qualificazione QI 100108 Rev. 05 Via Nino Bixio, 28-95125 Catania Tel. +39 095 241271 - Fax +39 095 243894 Via Calpurnio Fiamma, 3-00175 Roma

Dettagli

ANCIS Srl I 20122 Milano Viale Bianca Maria 35 segreteria@ancis.it

ANCIS Srl I 20122 Milano Viale Bianca Maria 35 segreteria@ancis.it Regolamento per l utilizzo dei marchi di certificazione RM Pagina 1 di 6 Indice STATO DEL DOCUMENTO... 2 1 SCOPO DEL REGOLAMENTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 2 DIMENSIONI... 4 3 DECLARATORIE... 4 4 SPECIFICHE

Dettagli

REGOLAMENTO USO DEL LOGO

REGOLAMENTO USO DEL LOGO REGOLAMENTO Pag.1 di 9 REGOLAMENTO USO DEL LOGO MATRICE DELLE REVISIONI Rev. Data DESCRIZIONE delle MODIFICHE VERIFICATO da APPROVATO da 00 30/01/07 Riedizione e modifica Logo RAQ COM 01/07 01 20/06/08

Dettagli

Regolamento per la riproduzione e l utilizzo del marchio CerTo

Regolamento per la riproduzione e l utilizzo del marchio CerTo La certezza non è mai un prodotto del caso RI 01 Rev. 1 Regolamento per la riproduzione e l utilizzo del marchio CerTo Rev Redazione Sigla Firma Sigla Verifica Firma Approv./Autorizz. Emissione Sigla Firma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA Pagina 1 di 5 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 1. RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE ED AVVIO ITER CERTIFICATIVO... 2 4. ESECUZIONE DEI SAGGI... 3 4.1 Attività presso

Dettagli

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA MODULI DI CONFORMITA DIRETTIVA 97/23/EC del 29/05/1997 MODULO A (Controllo di fabbricazione interno) Nell ambito di questa procedura il fabbricante si accerta e dichiara che le attrezzature a pressione

Dettagli

REGOLAMENTO per i CLIENTI. sull USO del MARCHIO

REGOLAMENTO per i CLIENTI. sull USO del MARCHIO Questo documento, in formato cartaceo, NON deve essere considerato un documento ufficiale del Sistema di Gestione. La versione ufficiale, nel corrente stato di revisione, è unicamente quella disponibile

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del logotipo di certificazione RINA

Regolamento per l utilizzo del logotipo di certificazione RINA Regolamento per l utilizzo del logotipo di certificazione RINA In vigore dal 01/02/2011 RINA Via Corsica, 12 16128 Genova Italia Tel. +39 01053851 Fax: +39 0105351000 Website: www.rina.org Regolamenti

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del logotipo di certificazione AGROQUALITA

Regolamento per l utilizzo del logotipo di certificazione AGROQUALITA Regolamento per l utilizzo del logotipo di certificazione AGROQUALITA In vigore dal 01/02/2011 Agroqualità Società per azioni Piazza Marconi, 25-00144 Roma - Italia Tel. +39 0654228675 - Fax: +39 0654228692

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

REGOLAMENTO per i CLIENTI sull USO del MARCHIO

REGOLAMENTO per i CLIENTI sull USO del MARCHIO Questo documento è un documento di Made in Quality. La versione ufficiale, nel suo ultimo stato di revisione, è unicamente quella disponibile in forma elettronica sul sito web www.madeinquality.it. Pag.

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE ENTE ITALIANO DI CERTIFICAZIONE S.R.L. www.enteitalianocertificazione.it info@enteitalianocertificazione.it REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE Il presente Regolamento è stato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO DI CONFORMITA ICIM DA PARTE DELLE AZIENDE CON CERTIFICAZIONE ICIM DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

REGOLAMENTO PER L USO DEL MARCHIO DI CONFORMITA ICIM DA PARTE DELLE AZIENDE CON CERTIFICAZIONE ICIM DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Identificazione rev. 6 pag. 2 di 9 INDICE 1.0 SCOPO 2.0 RIFERIMENTI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 MARCHIO ICIM 5.0 MARCHIO DI CONFORMITA ICIM 6.0 DISPOSIZIONI PER L USO DEL MARCHIO DI CONFORMITA ICIM 7.0 MARCHI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE Pag. 1 di 12 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Criteri per l uso del marchio da parte delle aziende certificate Art. 3 Immagine del marchio

Dettagli

MODALITA DI UTILIZZO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA, DEL LOGO BUREAU VERITAS E DEL RELATIVO LOGO DI ACCREDITAMENTO

MODALITA DI UTILIZZO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA, DEL LOGO BUREAU VERITAS E DEL RELATIVO LOGO DI ACCREDITAMENTO PROCEDURA GENERALE MODALITA DI UTILIZZO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA, DEL LOGO BUREAU VERITAS E DEL RELATIVO LOGO DI ACCREDITAMENTO 0 20/09/2006 RQ LTM 1 di 12 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. REGOLE GENERALI...

Dettagli

Manuale d identità visiva

Manuale d identità visiva Manuale d identità visiva Elementi Base 14 ottobre 2010 Versione 1.0 01 Marchio/Logo. Versione A 02 Marchio/Logo. Versione B 03 Marchio/Logo. Versione C orizzontale 04 Marchio/Logo. Versione C verticale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPROVAZIONE DEL PROTOTIPO E ESEMPLARI SUCCESSIVI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L APPROVAZIONE DEL PROTOTIPO E ESEMPLARI SUCCESSIVI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 CONDIZIONI GENERALI...2 3.1 FASI DI CERTIFICAZIONE... 2 4 OBBLIGHI DEL FABBRICANTE...2 4.1 Accettazione delle condizioni...

Dettagli

INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. IL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE I&S... 4

INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. IL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE I&S... 4 Pag. 1 di 5 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. IL MARCHIO DI I&S... 4 Pag. 2 di 5 1. SCOPO Il presente regolamento descrive i requisiti, restrizioni o limitazioni

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del logotipo di certificazione RINA

Regolamento per l utilizzo del logotipo di certificazione RINA Regolamento per l utilizzo del logotipo di certificazione RINA In vigore dal 03/07/2013 RINA Via Corsica, 12 16128 Genova Italia Tel. +39 01053851 Fax: +39 0105351000 Website: www.rina.org Regolamenti

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE

REGOLAMENTO PARTICOLARE associazione italiana per la sicurezza della circolazione REGOLAMENTO PARTICOLARE per il rilascio della certificazione di conformità (Marchio CE) per i prodotti da costruzione (Direttiva del Consiglio

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE Mod. Val. 6 Rev. 05 del 28/08/2015 1/4 RELAZIONE TECNICA PER ATTIVITA' CONNESSA ALL'APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2010/35/UE DI BOMBOLE QUADRO A Protocollo UOT n del Produzione su commessa: QUADRO B FABBRICANTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE

REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI ISPEZIONI PERIODICHE/INTERMEDIE E DI VERIFICHE ECCEZIONALI Direttiva 2010/35/UE (TPED) & IMDG CODE Pag. 1 di 5 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 TERMINI E DEFINIZIONI...2 3 OBBLIGHI DEL RICHIEDENTE...2 3.1 CONDIZIONI GENERALI... 2 3.2 CONDIZIONI DI SICUREZZA... 2 3.1 PRESENZA DI OSSERVATORI

Dettagli

Domanda di Certificazione CE Insiemi/Attrezzature Direttiva PED

Domanda di Certificazione CE Insiemi/Attrezzature Direttiva PED Sezione 1: Dati del Richiedente Spett.le: ECO Certificazioni S.p.A. European Certifying Organization Via Mengolina, 33 Int. 5 48018 Faenza (RA) ITALY Organismo notificato n. 0714 Tel 0546-624911; Fax 0546-624922

Dettagli

Autore: Flavio Banfi Organizzazione: ITALCERT S.r.l. Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto 2

Autore: Flavio Banfi Organizzazione: ITALCERT S.r.l. Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto 2 Convegno: SEMINARIO AICQ SICEV SICEP 20 maggio 2011 Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto Autore: Flavio Banfi Direttore Tecnico ITALCERT S.r.l. ITALCERT : Certificazione sistemi

Dettagli

Fascicolo tecnico e dichiarazione di conformità

Fascicolo tecnico e dichiarazione di conformità ISTITUTO DI RICERCHE E COLLAUDI M. MASINI S.r.l. Fascicolo tecnico e dichiarazione di conformità Camera Commercio di Padova 14 aprile 2011 Relatore: Gabriele Lualdi 173 Documenti a sostegno della Valutazione

Dettagli

Guida ai Marchi di certificazione. Modalità di riferimento alla certificazione Uso del Certificato e del Marchio

Guida ai Marchi di certificazione. Modalità di riferimento alla certificazione Uso del Certificato e del Marchio 2 di 14 Sommario 1 Pubblicazione di certificati, marchi di certificazione e rapporti di prova - Informazioni... 3 2 Il marchio certificazione TÜV SÜD... 4 3 Differenze tra il logo e il marchio certificazione...

Dettagli

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED (Pressure Equipment Directive) Campo di applicazione La Direttiva si applica alla progettazione, fabbricazione e valutazione di conformità delle attrezzature a pressione

Dettagli

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7 in carpenteria metallica pagina 1 di 7 0 2014-07-07 Aggiornamenti secondo Reg. Eu. 305-2011 Servizio QSA Luca Bosi REV DATA DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE PREPARATO VERIFICATO E APPROVATO 1.0 SCOPO Si stabiliscono

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE e verifica PED. Direttiva 97/23/CE SOMMARIO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE e verifica PED. Direttiva 97/23/CE SOMMARIO Pag. 1 di 11 SOMMARIO 0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 1 RIFERIMENTI... 2 2 PROCESSO DI EROGAZIONE... 3 2.1 FORMULAZIONE OFFERTA... 3 2.2 PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA... 3 2.3 PROCESSO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze 1 Focus sulla Certificazione Organismi di certificazione Certificazione personale Certificazione

Dettagli

ACCREDIA e la certificazione del personale addetto ai controlli non distruttivi: gli Organismi di Certificazione Accreditati

ACCREDIA e la certificazione del personale addetto ai controlli non distruttivi: gli Organismi di Certificazione Accreditati ACCREDIA e la certificazione del personale addetto ai controlli non distruttivi: gli Organismi di Certificazione Accreditati reggiani@tec-eurolab.com 1 TECNOLOGIA DEI MATERIALI (ACCREDIA DL) PND PROVE

Dettagli

Regole d uso dei marchi di certificazione ICEC

Regole d uso dei marchi di certificazione ICEC Approved by PRES. ICEC Date: 14.03.2014 Replaces: 04 Page 1 di 10 INDICE 1. Scopo e campo di applicazione 2. Concessione e uso del Certificato di Conformità e dei Marchi di Certificazione 2.1 Riproduzione

Dettagli

Ordinanza sulle procedure di certificazione della protezione dei dati (OCPD)

Ordinanza sulle procedure di certificazione della protezione dei dati (OCPD) Ordinanza sulle procedure di certificazione della protezione dei dati (OCPD) del... Avamprogetto del 1 febbraio 2007 Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 11 capoverso 2 della legge federale

Dettagli

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. ITER DI EMISSIONE ESAME CE DI TIPO...

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA DI UTILIZZO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA, DEL LOGO BUREAU VERITAS E DEL LOGO DI ACCREDITAMENTO

REGOLAMENTO MODALITA DI UTILIZZO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA, DEL LOGO BUREAU VERITAS E DEL LOGO DI ACCREDITAMENTO REGOLAMENTO MODALITA DI UTILIZZO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA, DEL LOGO BUREAU VERITAS E DEL INDICE 1. REQUISITI GENERALI... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. AZIENDE CON CERTIFICAZIONE DI SISTEMA (E

Dettagli

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei Centri di contatto in accordo alla UNI EN 15838, seguendo i criteri della UNI 11200. Directives for accreditation

Dettagli

Modulo H Garanzia qualità totale

Modulo H Garanzia qualità totale Modulo H Garanzia qualità totale secondo la Direttiva PED 97/23/CE Verifica: Direttore Qualità e Industrializzazione: Maria Anzilotta Approvazione: Chief Operating Officer: Giampiero Belcredi rev. 3 del

Dettagli

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l articolo 100 A,

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l articolo 100 A, ',5(77,9$&(('(/&216,*/,2GHOOXJOLR FKH PRGLILFD OH GLUHWWLYH GHO &RQVLJOLR &(( UHFLSLHQWL VHPSOLFL D SUHVVLRQH &(( VLFXUH]]D GHL JLRFDWWROL &(( SURGRWWL GD FRVWUX]LRQH &(( FRPSDWLELOLWj HOHWWURPDJQHWLFD

Dettagli

Regole d uso dei marchi di certificazione ICEC

Regole d uso dei marchi di certificazione ICEC Approved by PRES. ICEC Date: 03.09.2012 Replaces: 03 Page 1 di 9 INDICE 1. Scopo e campo di applicazione 2. Concessione e uso del Certificato di Conformità e dei Marchi di Certificazione 2.1 Riproduzione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 2 gennaio 1997, n. 10 Attuazione delle direttive 93/68/CEE, 93/95/CEE e 96/58/CEE relative ai dispositivi di protezione individuale. (G.U. 30 gennaio 1997, n. 24) IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Titolo/Title. Sigla/Reference. Entrata in vigore. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione

Titolo/Title. Sigla/Reference. Entrata in vigore. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Titolo/Title Sigla/Reference APPROCCIO ACCREDIA AGLI ACCREDITAMENTI FINALIZZATI ALLE NOTIFICHE INERENTI LA MARCATURA CE E CONSEGUENTI PRESCRIZIONI PER I CAB RICHIEDENTI TALE TIPOLOGIA DI ACCREDITAMENTO

Dettagli

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 IL D.LGS 93 DEL 25.02.2000 E LA DIRETTIVA PED PER LE APPARECCHIATURE E GLI IMPIANTI A PRESSIONE LA

Dettagli

La qualifica dei saldatori: la nuova ISO 9606-1: 2013

La qualifica dei saldatori: la nuova ISO 9606-1: 2013 La qualifica dei saldatori: la nuova ISO 9606-1: 2013 A cura di Agostino Paggin Direttore Tecnico presso International Weld QUALIFICA DEI SALDATORI È uscita lo scorso 21 novembre la nuova norma UNI EN

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

La nuova UNI EN 1090-1

La nuova UNI EN 1090-1 . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 La nuova UNI EN 1090-1 Agrigento, 18 giugno 2014 Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.324 r.dellamotta@giordano.it

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA DI UTILIZZO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA, DEL LOGO BV E DEL LOGO DI ACCREDITAMENTO I & F BUREAU VERITAS ITALIA

REGOLAMENTO MODALITA DI UTILIZZO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA, DEL LOGO BV E DEL LOGO DI ACCREDITAMENTO I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO DI CONFORMITA, DEL LOGO BUREAU VERITAS E DEL INDICE 1 REQUISITI GENERALI... 3 2 RIFERIMENTI SPECIFICI... 3 3 AZIENDE CON CERTIFICAZIONE DI SISTEMA (E CON VERIFICA DEL CONTROLLO DI PRODUZIONE

Dettagli

Istruzione Interna II26 USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE

Istruzione Interna II26 USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE Revisione 1 del 31.10.2015 Pagina 1/5 Istruzione Interna II26 USO DEL MARCHIO DI CERTIFICAZIONE STATO DEL DOCUMENTO REV. PAR. PAG. DESCRIZIONE Data Rev. 0 TUTTI TUTTE Emissione 01.05.15 1 3 4.1 2-3 Recepimento

Dettagli

REGOLAMENTO CICPND SERVIZI S.R.L. SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA CON UNICO SOCIO

REGOLAMENTO CICPND SERVIZI S.R.L. SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA CON UNICO SOCIO CICPND SERVIZI S.R.L. SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA CON UNICO SOCIO Via C. Pisacane, 46 20025 Legnano MI Tel. +39 0331 545600 Fax +39 0331 543030 Web: www.cicpndservizi.com E-mail: info@cicpndservizi.com;

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA DIRETTIVA PED 97/23/CE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA DIRETTIVA PED 97/23/CE Pagina 1 di 10 REGOLAMENTO GENERALE PER LA 97/23/CE INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Oggetto del regolamento Art. 3 Documenti di riferimento 3.1 Documenti di riferimento di DE 3.2 Documenti di riferimento

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

di impianti e macchinari sicuri

di impianti e macchinari sicuri La nuova direttiva macchine 2006/42/CE Un nuovo approccio metodologico alla progettazione e costruzione di impianti e macchinari sicuri 1 Recepimento e D.Lgs 27 gennaio 2010, n. 17-6 Marzo 2010: entrata

Dettagli

PSC 05H - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 22000 - REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05H - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 22000 - REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE... 2 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE... 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 95/16/CE Allegato V lettera B e Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Modulo B Esame «CE» del tipo

Modulo B Esame «CE» del tipo Modulo B Esame «CE» del tipo secondo la Direttiva PED 97/23/CE Verifica: Direttore Qualità e Industrializzazione: Maria Anzilotta Approvazione: Chief Operating Officer: Giampiero Belcredi rev. 3 del 2014

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 PROCEDURA OPERATIVA REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN 15085-2 ed EN 15085-2 in accordo alle Linee Guida ANSF 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 INDICE 1. GENERALITA...

Dettagli

Modalità di riferimento alla certificazione Uso del certificato e del marchio

Modalità di riferimento alla certificazione Uso del certificato e del marchio Modalità di riferimento alla certificazione Uso del certificato e del marchio http://www.tuv.it/tuvitalia/guidamarchi.asp L'organizzazione deve predisporre e - dopo essere stata certificata mettere in

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA

REGOLAMENTO GENERALE PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA CERSA S.r.l. a socio unico Organismo di Certificazione Via G. De Castillia, 10 20124 Milano tel. 02.86.57.30 02.86.57.37 fax 02.72.09.63.80 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE

Dettagli

Ediz. num. 01- Emesso in data: 04.04.2006 rev. 00 Rif. UNI EN ISO 9001:2000 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA FAC SIMILE

Ediz. num. 01- Emesso in data: 04.04.2006 rev. 00 Rif. UNI EN ISO 9001:2000 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA FAC SIMILE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA INDICE IL PRESENTE REGOLAMENTO, SE NON AUTENTICATO DAL CONSORZIO GAMMA SERVIZI, NON COSTITUISCE ATTO DI CONFERIMENTO DEL MARCHIO CONSULENZA GARANTITA

Dettagli

Il Punto di vista dell Organismo notificato

Il Punto di vista dell Organismo notificato Il Punto di vista dell Organismo notificato II Conferenza Nazionale dei Dispositivi Medici 17/19 Marzo 2008 - Villa Erba - Cernobbio Relatore: Gabriele Lualdi - Istituto di Ricerche e Collaudi M. Masini

Dettagli

Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione DNV Italia per il Sistema di Gestione

Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione DNV Italia per il Sistema di Gestione Regolamento e Manuale d uso del Marchio di Certificazione DNV Italia per il Sistema di Gestione Questo Manuale d uso dà le indicazioni necessarie sull uso del Marchio di Certificazione del Sistema di Gestione:

Dettagli

ATTREZZATURE A PRESSIONE

ATTREZZATURE A PRESSIONE ATTREZZATURE A PRESSIONE (DIRETTIVA PED) Direttiva 97/23/CE recepita con D. Lgs. 25 Febbraio 2000, n. 93 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLOGNA Camera dell Economia ATTREZZATURE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN ISO 3834-2, EN ISO 3834-3, EN ISO 3834-4

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN ISO 3834-2, EN ISO 3834-3, EN ISO 3834-4 PROCEDURA OPERATIVA REGOLAMENTO PER LA DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN ISO 3834-2, EN ISO 3834-3, EN ISO 3834-4 1 27/04/2010 RQ LTM 1 di 5 INDICE 1. GENERALITA... 3 1.1 APPLICABILITÀ... 3 1.2 DIRITTI

Dettagli

REGOLAMENTO VIS SRL. 6 08.10.2014 Modifica a par. 5

REGOLAMENTO VIS SRL. 6 08.10.2014 Modifica a par. 5 REGOLAMENTO VIS SRL 1. Scopo e campo di applicazione 2. Termini e definizioni 3. Responsabilità 4. Distribuzione 5. Modalità di svolgimento dei controlli 6. Attestato finale e verbale di verifica periodica

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE Approvato dalla Direzione Generale in data 04.11.2014 INDICE Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 Articolo 2 - CONDIZIONI GENERALI... 2 Articolo

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del marchio ACCREDIA. Regulation for the use of the ACCREDIA Mark

Regolamento per l utilizzo del marchio ACCREDIA. Regulation for the use of the ACCREDIA Mark Titolo/Title Regolamento per l utilizzo del marchio ACCREDIA Regulation for the use of the ACCREDIA Mark Sigla/Reference RG-09 Revisione/Revision 02 Data/Date 2012-03-27 Redazione Approvazione Autorizzazione

Dettagli

La PED. per gli. frigoriferi. impianti

La PED. per gli. frigoriferi. impianti La PED per gli impianti frigoriferi È in vigore dal 2002, ma a distanza di tre anni rimangono ancora degli aspetti poco o non del tutto noti agli utilizzatori. Si tratta della Direttiva europea 97/23/CE,

Dettagli

Direttiva PED 97/23/CE

Direttiva PED 97/23/CE Direttiva PED 97/23/CE La Direttiva Attrezzature a Pressione, 97/23/CE, comunemente nota come Direttiva PED, è una direttiva emanata dall Unione Europea, recepita in Italia con il D.Lgs N. 93/2000. Essa

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05A - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 9001 - REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE... 2 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE... 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI DIRETTIVA 2006/42/CE RELATIVA ALLE MACCHINE Allegato X Garanzia Qualità Totale

PRESCRIZIONI PARTICOLARI DIRETTIVA 2006/42/CE RELATIVA ALLE MACCHINE Allegato X Garanzia Qualità Totale Titolo PRESCRIZIONI PARTICOLARI DIRETTIVA 2006/42/CE RELATIVA ALLE MACCHINE Allegato X Garanzia Qualità Totale Riferimento Data entrata in vigore Approvato da PR PART ON/MACC/X Rev. 0 del 01/06/2016 IMQ

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

Indice MANUALE D IDENTITÀ. 1. Il logo POSIDONIA pag. 04. 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05. 3. Il logo in bianco e nero pag.

Indice MANUALE D IDENTITÀ. 1. Il logo POSIDONIA pag. 04. 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05. 3. Il logo in bianco e nero pag. Manuale d identità Indice MANUALE D IDENTITÀ 1. Il logo POSIDONIA pag. 04 2. Il logo a quattro colori (CMYK) pag. 05 3. Il logo in bianco e nero pag. 06 4. Il logo a due colori pag. 07 5. Il logo Posidonia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE Pag. 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3 MODIFICHE AL REGOLAMENTO... 2 4 PROCESSO DI ISPEZIONE... 3 4.1 Richiesta di attività ispettive... 3 4.2 Erogazione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

PSC 05L - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 27001 REQUISITI ESSENZIALI

PSC 05L - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE ISO 27001 REQUISITI ESSENZIALI INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 2. RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE 2 3. RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA O RIDUZIONE DELLA CERTIFICAZIONE 4 5. USO DEL

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X MACCHINE_ Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X INDICE Art. 1 Premessa Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE MACCHINE. Direttiva 2006/42/CE All. IX e X SOMMARIO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE MACCHINE. Direttiva 2006/42/CE All. IX e X SOMMARIO Pag. 1 di 11 SOMMARIO 0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 1 PROCESSO DI EROGAZIONE... 2 1.1 PREMESSA... 2 1.2 FORMULAZIONE OFFERTA... 2 1.3 PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA... 2 1.4 PROCESSO DI VALUTAZIONE

Dettagli

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione

Dettagli

REGOLAMENTO CERT.IM. SRL

REGOLAMENTO CERT.IM. SRL REGOLAMENTO CERT.IM. SRL 1. Scopo e campo di applicazione 2. Termini e definizioni 3. Responsabilità 4. Distribuzione 5. Modalità di svolgimento dei controlli 5.1 Controlli per marcature CE e certificazione

Dettagli

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità

Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità Differenze tra le attività di certificazione di prodotto (PRD) e le attività di ispezione (ISP) ed altri schemi di valutazione della conformità In alcuni casi, le somiglianze apparenti tra le attività

Dettagli