Analisi del fenomeno Italian Sounding in Brasile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi del fenomeno Italian Sounding in Brasile"

Transcript

1 San Paolo, Settembre IPR Desk San Paolo IPR Desk San Paolo Analisi del fenomeno Italian Sounding in Brasile

2 Indice del documento Contenuto Obiettivo del Progetto Premesse e lavoro svolto Definizione del fenomeno Italian Sounding Aspetti legali internazionali e brasiliani Il fenomeno Italian Sounding nel mercato brasiliano Pi Principalii liiniziativei i per la protezione della proprietà industriale Allegati 2

3 Obiettivo del Progetto Obiettivo Obiettivo del Progetto Realizzare un'analisi del fenomeno Italian Sounding in Brasile. 3

4 Indice del documento Contenuto Obiettivo del Progetto Premesse e lavoro svolto Definizione del fenomeno Italian Sounding Aspetti legali internazionali e brasiliani Il fenomeno Italian Sounding nel mercato brasiliano Pi Principalii liiniziativei i per la protezione della proprietà industriale Allegati 4

5 Premesse e lavoro svolto Overview principali attività L analisi degli accordi, leggi e norme è stata realizzata con l ausilio dei legal experts contattati. Sintesi delle principali attività realizzate Definizione del concetto di fenomeno di Italian Sounding Rilevazione dei principali prodotti riconducibili al fenomeno dell'italian Sounding Realizzazione di incontri di lavoro con importatori e distributori di prodotti italiani in Brasile Quantificazione del mercato dei prodotti con caratteristiche riconducibili al fenomeno dell'italian Sounding Consultate organizzazioni ed associazioni con rinomata esperienza nel campo della proprietà intellettuale e settori affini Consultati studi legali con specializzazione nella tutela dei marchi italiani in Brasile Analisi degli accordi internazionali, norme, leggi, statistiche e altri studi correlati 5

6 Premesse e lavoro svolto Principali fonti di informazioni (1/5) Associazioni e istituzioni ABAPI - Associazione Brasiliana degli Agenti della Proprietà Industriale ABBA - Associazione Brasiliana degli Espotatori e Importatori di Alimenti e Bevande ABIA - Associazione Brasiliana dell Industria degli Alimenti ABIMA - Associazione Brasiliana dell Industria di Paste Alimentari ABQI - Associazione Brasiliana dell Industria del Formaggio ABPI - Associazione Brasiliana della Proprietà Intelettuale ABRAPPA - Associazione Brasiliana per la Protezione degli Alimenti ASPI - Associazione Paulista della Proprietà Intelettuale FICPI - Federazione Internazionale della Proprietà Industriale INPI - Istituto Nazionale della Proprietà Industriale 6

7 Premesse e lavoro svolto Principali fonti di informazioni (2/5) Legal experts Dott. Gustavo Barbosa - Membro Esecutivo della FICPI e Avvocato di diritto di proprietà - Rio de Janeiro Dott. Luiz Leonardos - Rappresentante della WIPO in Brasile, Avvocato e Agente della proprietà industriale in Brasile - San Paolo Dott. Luiz Ricardo Marinello - Direttore Secretario della ASPI e Direttore della Marinello Società di Avvocati - San Paolo Dott. Fabiano de Bem da Rocha - Presidente della ABAPI - Rio de Janeiro Dott. Francisco Alberto Teixeira - Direttore della ABPI - Rio de Janeiro Dott.ra Maria dos Anjos - Direttora del desk della protezione all indicazione geografica dell INPI - Rio de Janeiro 7

8 Premesse e lavoro svolto Principali fonti di informazioni (3/5) Le aziende consultate possiedono molti anni di esperienza sul mercato di prodotti italiani in Brasile e importano e distribuiscono uma vasta gammadi prodotti di origine italiana. Industry and market experts Sig. Mauricio Leme - Importatore e distributore di prodotti di origine italiana della World Wine - San Paolo Sig.ra Elaine Pires - Importatore e distributore di prodotti di origine italiana di La pastina - San Paolo Sig. Anderson Rodrigues - Importatore e distributore di prodotti di origine italiana di San Marco e Del Santo Paranà d Sig.ra Maria Caroline - Avvocata della Brumar, azienda importatrice di vini italiani - San Paolo Sig.ra Silvia Pollastri - Proprietaria della Abeba, azienda importatrice di prodotti alimetari di origine italiana - San Paolo Sig. Fabio Raiola - Proprietaria della Raiola, azienda importatrice di prodotti alimetari di origine italiana 8

9 Premesse e lavoro svolto Principali fonti di informazioni (4/5) Principali punti vendita visitati a San Paolo Hipermercato Extra Supermercato Pão de Açucar Supermercato Sonda Supermercato Carrefour Supermercato San Marchè Supermercato Santa Maria Supermercato Santa Luzia 9

10 Premesse e lavoro svolto Principali fonti di informazioni (5/5) Importatori e distributori di prodotti alimentari Piagentini - Importazione di vino in Brasile La pastina - Importazione e distribuzione di alimenti di origine italiana Raiola - Importazione e distribuzione di alimenti di origine italiana Antichi sapori - Importazione e distribuzione di alimenti di origine italiana San Marco - Importazione e distribuzione di alimenti di origine italiana Brunar - Importazione e distribuzione di alimenti di origine italiana Altre fonti FGV - Fondazione Getúlio Vargas - Banca dati IBGE - Istituto Brasiliano di Geografia e Statistica BOELL - Fondazione Henrich Boll IEL - Instituto Euvaldo Lodi IAB - Instituto dos Advogados Brasileiros. 10

11 Premesse e lavoro svolto Considerazioni sul lavoro svolto Cambio utilizzato per la conversione dei valori Euro x Reais: 2,20. (Cambio medio mese agosto 2010) Premesse relative all analisi del fenomeno Italian Sounding Considerata la complessità del fenomeno Italian Sounding, ci si è concentrati sull analisi del mercato nel segmento alimentare Dovuto alla mancanza di dati completi per quantificare i prodotti ricondicibili all Italian Sounding presenti nel mercato, alcuni dati riportati sono stati stimati con l ausilio di industry experts L analisi legislativa si è basata su accordi, trattati, leggi e norme per la protezione della proprietà industriale, con focus sulle IG. 11

12 Premesse e lavoro svolto Definizione dei termini e sigle Termini formalmente utilizzati in Brasile e rispettive sigle Proprietà industriale: brevetto d invenzione, modelli di utilità, disegni o modelli industriali, marchi di servizio, indicazioni di provenienza e denominazione di origine Denominazione di origine controllata: utilizzata per certificare i prodotti agricoli, possiede la stessa definizione di denominazione di origine protetta Denominazione consacrata: è la denominazione che un prodotto acquisisce per diventare parte della cultura di un determinato paese, pur non avendo nessun rapporto con l indicazione geografica rappresentata Le sigle utilizzate per identificare i concetti della tutela della proprietà industriale per i prodotti dell agro-alimentare, sono: DOP - Denominazione di Origine Protetta IG Indicazione Geografica STG Specialità Tradizionale Garantita. 12

13 Indice del documento Contenuto Obiettivo del Progetto Premesse e lavoro svolto Definizione del fenomeno Italian Sounding Aspetti legali internazionali e brasiliani Il fenomeno Italian Sounding nel mercato brasiliano Pi Principalii liiniziativei i per la protezione della proprietà industriale Allegati 13

14 Definizione del fenomeno Italian Sounding Concetto Italian Sounding Definizione del fenomeno Italian Sounding Il fenomeno Italian Sounding è definito come un imitazione evocativa di prodotti d origine italiana, soprattutto alimentari Consiste in una produzione d origine non italiana, che si riporta a prodotti italiani a tramite te l utilizzo di: Nomi e espressioni di chiara pronuncia italiana Colori che rappresentano l Italia Traduzione di nominativi italiani DOP Bandiera italiana. 14

15 Definizione del fenomeno Italian Sounding Concetto Italian Sounding Esistono due concetti diversi per definire i prodotti Italian Sounding in Brasile, il primo Prodotti d origine brasiliana che utilizzano un nome con una pronuncia italiana, non utilizzando altre caratteristiche evocative, ad esempio: il prodotto ha un nome che evoca un espressione italiana, ma non allude ad una produzione d origine italiana; 15

16 Definizione del fenomeno Italian Sounding Concetto Italian Sounding...il secondo concetto 2. Prodotti che presentano caratteristiche italiane come la bandiera, i colori, la pronuncia e la traduzione di nominativi, es. Parmigiano Parmesão Il prodotto ha una relazione diretta con il Made in Italy. In questo caso, può derivare una confusione per il consumatore a riguardo del tipo e dell origine del prodotto. 16

17 Indice del documento Contenuto Obiettivo del Progetto Premesse e lavoro svolto Definizione del fenomeno Italian Sounding Aspetti legali internazionali e brasiliani Il fenomeno Italian Sounding nel mercato brasiliano Pi Principalii liiniziativei i per la protezione della proprietà industriale Allegati 17

18 Aspetti legali internazionali e brasiliani Overview (1/3) I concetti riportati a lato sono state formulati con l ausilio di legali specializzati in Proprietà Intellettuale. Attualmente in Brasile non esiste un concetto giuridico per interpretare il fenomeno Italian Sounding, tuttavia... Il concetto del fenomeno Italian Sounding in Brasile, può essere orientato dagli accordi internazionali per la tutela della proprietà industriale e dalle leggi e norme interne relative alle IG. ll l Esistono leggi e norme interne che possono essere utilizzate per interpretare il fenomeno Italian Sounding in Brasile, come ad esempio, quelle che regolamentano il mercato alimentare. Considerando l Italian Sounding come un fenomeno che induce il consumatore a ritenere genuina una falsa IG, secondo le leggi e gli accordi internazionali per la protezione della proprietà industriale, quest ultimo aspetto può essere inquadrato come una concorrenza sleale a danno dei produttori DOP. Il governo brasiliano garantisce ai produttori stranieri la tutela dei propri beni intagibili sul mercato soltanto se questi produttori, che devono comunque essere originari di paesi che hanno firmato accordi internazionali, come, ad esempio, la Convenzione di Parigi, hanno provveduto a depositare i propri marchi per poter godere della necessaria tutela giuridica. 18

19 Aspetti legali internazionali e brasiliani Overview (2/3) Convenzione di Parigi: il Brasile ha aderito a questa Convenzione con il Decreto Legislativo n dell 8 Aprile il Brasile è firmatario dei principali accordi internazionali relativi alla protezione della proprietà industriale... Convenzione di Parigi del 1883 revisionata a Stoccolma nel 1967, il Brasile ha aderito a tutti gli articoli presenti nella convenzione, per tutelare la proprietà industriale dei paesi che costituiscono l Unione. l World International Property Organization (WIPO), il Brasile fa parte di questa organizzazione fin dalla sua creazione nel 1967, con l obiettivo di migliorare la sua efficacia nella protezione della proprietà industriale di aziende straniere. Trade-related aspects of Intellectual Property Rights (TRIP s), il Brasile è firmatario di questo accordo dalla sua nascita nel 1994 con l intuito di perfezionare lo strumento multilaterale per una maggiore efficacia a livello mondiale delle leggi sulla tutela della proprietà industriale. 19

20 Aspetti legali internazionali e brasiliani Overview (3/3)...oltre ad avere proprie leggi e norme interne che regolamentano questi aspetti Il Brasile possiede una normativa che regola i diritti e le obbligazioni relative alla proprietà industriale: La legge federale n del 14 maggio 1996, garantisce la protezione della proprietà industriale di aziende nazionali e straniere. Il Decreto-Legge n. 986 del 21 ottobre 1969, in difesa della protezione e salute del consumatore, classifica i generi alimentari e determina le informazioni riportate sulle etichette dei prodotti. I Ministeri della Sanità e dell Agricoltura possiedono norme e risoluzioni interne per il controllo delle etichette di prodotti alimentari relativamente agli aspetti circa l origine e la provenienza, oltre ad ulteriori caratteristiche specifiche. 20

21 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali internazionali: convenzione ed accordi Il Brasile, attualmente (settembre 2010) non ha ancora aderito al protocollo di Madrid del Il Brasile ha firmato i principali accordi internazionali relativi alla tutela della proprietà industriale : La Convenzione di Parigi prevede norme varie giuridiche per orientare, regolare e proteggere il diritto di proprietà industriale nell ambito del commercio internazionale. La Convenzione di Parigi è stata rivista e perfezionata diverse volte dalla sua creazione, vedasi la revisione de l Aja del 1925 e l ultima e più importante, quella di Stoccolma del 1967, che ha dato origine al Decreto n Oltre a questa Convenzione e alle sue rispettive revisioni, nel 1967 è stata fondata la WIPO, che si propone di diffondere la cultura della protezione della proprietà Industriale nel mondo. L Accordo di Madrid del 1981 e successivamente il Protocollo di Madrid del 1989 furono creati con l obiettivo di internazionalizzare le leggi e creare una tassa di registrazione unica per la difesa della proprietà industriale. L Organizzazione Mondiale del Commercio nel Doha Round-Uruguai 1994 ha definito l accordo laccordo TRIP s, un mezzo per regolare e proteggere i beni immateriali, e, quindi, la proprietà intellettuale. 21

22 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali internazionali: TRIP s (1/2) Il Brasile è firmatario dell accordo costitutivo per la tutela delle Indicazioni Geografiche (nelle sue varie accezioni)... Il TRIP s è parte dell "Accordo Costitutivo della OMC, creato con l obiettivo specifico di proteggere, tra l altro, alcuni prodotti di origine alimentare, come, ad es., il vino, così come previsto dall art. 23 del citato Accordo. Il Brasile, tramite il Decreto n , ha emananto l Atto finale che incorpora i risultati del Doha Round-Uruguai, tra cui l accordo TRIP s. La sezione III di questo accordo riporta alcuni articoli legislativi per la protezione delle indicazioni geografiche: l art. 22 del TRIP s determina che i Paesi-Membri stabiliscano i mezzi legali per impedire l uso di qualsiasi atto che possa indurre il consumatore all errore nei riguardi di un indicazione geografica; i Paesi-Membri possono anche creare mezzi per impedire che la commercializzazione di un prodotto costituisca una concorrenza sleale sul mercato nazionale e su quello internazionale; l art. 24 fa riferimento alle possibili eccezioni, come ad esempio, l uso di una IG ancora non protetta o il registro di un marchio già consolidato sul mercato da molti anni e in buona fede. 22

23 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali internazionali: TRIP s (2/2)...tuttavia sussistono anche alcune difficoltà nell applicare la norma La legge federale brasiliana non dispone di articoli legislativi specifici per la protezione di determinati prodotti come vino, grappa, formaggio e altri. Il Brasile possiede proprie norme che permettono l uso di una falsa IG, purché il nominativo del prodotto sia accompagnato da espressioni come specie, tipo, stile, genere, imitazione, ecc.. Nel caso specifico, l espressione falsa non indica falsificazione o termine illegale relativo, ma indica soltanto che il luogo di produzione indicato non è quello di origine. Inoltre, è stabilito che si avvieranno nuovi negoziati per rafforzare la protezione della proprietà industriale, il che potrebbe dare vita a nuovi accordi internazionali non sempre compatibili con la legislazione brasiliana. Diversamente dalla legislazione brasiliana, l accordo TRIP s fa riferimento soltanto alla protezione della designazione d origine, ossia, ad un prodotto originario di uno specifico territorio che ne caratterizza la qualità e la reputazione. 23

24 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali brasiliani: l Indicazione Geografica La legge federale n /96 definisce il L IG è riconosciuta e regolata in Brasile dalla legge federale In Brasile, l IG si divide in due aspetti regolatori : concetto di IG agli articoli 177 e Indicazione di provenienza: nome di un prodotto che si conosce dovuto alle caratteristiche del luogo di produzione, come, ad es., il locale d estrazione,,produzione o fabbricazione del prodotto, o per la prestazione di un dato servizio, in modo che ciò costituisca aggregazione di valore quando ne è indicata l origine, indipendentemente da altre caratteristiche. 2. Denominazione di origine: nome di un prodotto le cui caratteristiche si devono esclusivamente o essenzialmente all ambiente geografico, inclusivi i fattori di produzione naturali o umani. 24

25 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali brasiliani: legge federale La principale legge che regola il diritto di proprietà industriale in Brasile è la legge federale n /96 L art. 2, comma IV, considera che la protezione della proprietà industriale si realizza anche attraverso la repressione delle false indicazioni geografiche. Sono previste, in base agli articoli di questa legge, pene detentive e multe per gli individui che utilizzano indebitamente marchi che già sono registrati e riconosciuti dagli organi responsabili. La presente legge stabilisce che l INPI è l ente ufficiale brasiliano responsabile del registro dei marchi e dei brevetti. La presente legge riconosce, inoltre, all INPI anche il ruolo di strumento amministrativo per la garanzia del diritto di proprietà industriale in Brasile. 25

26 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali brasiliani: Codice di Difesa del Consumatore Anche in Brasile vige una normativa per la tutela e difesa del consumatore La legge del 1990 è stata emanata per difendere il consumatore da prodotti e servizi irregolari. L Indicazione di Origine è uno dei temi di questa legge ed è indicata ai seguenti articoli: l art. 31 determina che i prodotti devono assicurare informazioni precise rispetto alle caratteristiche, alla composizione e all origine; l art. 37 stabilisce che è proibita qualsiasi pubblicità falsa o ingannevole; l art lart. 37, par.1, stabilisce che è considerata ingannevole qualsiasi modalità d informazione, completa o parzialmente falsa, che possa indurre il consumatore all errore rispetto alle caratteristiche, alle origini e ad altri aspetti relativi. 26

27 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali brasiliani: INPI In Brasile, l INPI è l autorità responsabile della registrazione e della tutela delle Indicazioni Geografiche L INPI (Istituto Nazionale della Proprietà Industriale), è stato fondato nel 1970 dalla legge federale n La Risoluzione n. 75 stabilisce le condizioni per la registrazione delle indicazioni geografiche e riconosce queste ultime come: Indicazione di provenienza, secondo l art. 177 della L Denominazione di origine, secondo lart. l art 178 della L Le disposizioni di questa Risoluzione si applicano anche alla rappresentazione grafica o figurativa dell indicazione geografica. L art. 4 di questa Risoluzione stabilisce che i nomi geografici di uso comune non hanno bisogno di essere registrati. Un esempio tipico è l espressione Parmesão. Gli altri articoli di questa Risoluzione fanno riferimento alla richiesta di registrazione oltre a varie disposizioni generali. 27

28 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali brasiliani: Decreto-Legge n. 986 del 1969 Il decreto-legge n. 986 regolamenta l uso di nominativi e indicativi sulle etichette di prodotti alimentari Il decreto legge n 986 è stato emanato con l obbiettivo di tutelare la salute dei consumatori. Nel capitolo III del citato decreto legge sono disposti alcuni articoli che regolamentano l uso dei nominativi e delle IG sulle etichette dei prodotti: L art. 11 stabilisce che le etichette dei prodotti devono essere scritte in caratteri perfettamente leggibili. Il paragrafo IX, c. 1, determina che gli alimenti, la cui etichetta riporti nominativi di origine straniera, possono essere tradotti ad eccezione delle denominazioni già consolidate (consagrate) sul mercato, come, ad es., Gorgonzola = Gorgonzola. L art. 21 determina che l etichetta non deve contenere alcun tipo di indicazione che possa indurre ad una falsa interpretazione rispetto all origine del prodotto. 28

29 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali brasiliani: denominazione consagrada La denominazione consagrada (in portoghese) è il concetto utilizzato per definire una denominazione di indicazione geografica divenuta consacrata per via dell uso e della rinomanza del nome. La Denominazione di Origine è il principale elemento di protezione per prodotti Made in Italy, ma incontra problemi con i regolamenti dei Ministeri i i dell Agricoltura e della Sanità brasiliani. Entrambi i Ministeri dispongono di una normativa che regola l utilizzo dei nominativi i DOP stranieri i sui prodotti agro-alimentari i d origine i brasiliana. La Risoluzione 259/2003 del Ministero della Sanità e l Istruzione normativa 22/2005 del Ministero dell Agricoltura, permettono che, per esempio, un nominativo italiano possa essere utilizzato t purché presenti la parola TIPO prima dell indicativo del prodotto, es.: Grana Padano = formaggio TIPO Grana La parola TIPO deve essere utilizzata per indicare che il prodotto è un generico dell originale e non ha una relazione con il territorio indicato. 29

30 Indice del documento Contenuto Obiettivo del Progetto Premesse e lavoro svolto Definizione del fenomeno Italian Sounding Aspetti legali internazionali e brasiliani Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Pi Principali i liiniziative per la protezione della proprietà industriale Allegati 30

31 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Segmenti del mercato Italian Sounding in Brasile I prodotti che caratterizzano il fenomeno Italian Sounding in Brasile sono più presenti nel segmento alimentare Alimentare Formaggi Parmigiano Provolone Gorgonzola Grana Mortadelle Salami Sughi Pasta secca Pasta fresca Grappa Nel segmento alimentare sono stati considerati come Altri, i prodotti che presentano caratteristiche riconducibili al fenomeno dell Italian Sounding, ma non ne rappresentano la parte più cospicua. Altri segmenti Moda Oggetti residenziali Altri 31

32 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Metodologia di calcolo Le fonti di informazione utilizzate nella metodologia di calcolo, sono: Università Riviste settoriali Associazioni e Sono state utilizzate 3 metodologie di calcolo per stimare il consumo dei diversi prodotti Italian Sounding del segmento alimentare 1. Sono stati utilizzati dati statistici aggiornati, sulla produzione e/o consumo dei prodotti target. In caso di non disponibilità di dati ufficiali, si è provveduto a stimare il valore del mercato nella seguente forma: sindacati 2. Per consumo pro capite settoriali Supermercati Istituti di ricerca. Consumo pro capite annuale (peso-unità) 3. Per consumo totale Valore del N di consumatori prodotto * * = (peso/unità) Valore del mercato Consumo annulae (pesounità) Valore del prodotto (peso-unità) * = Valore del mercato 32

33 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Overview del segmento alimentare I prodotti riconducibili all Italian Sounding in Brasile sono spesso caratterizzati anche da mirate campagne di marketing. I prodotti legati al fenomeno Italian Sounding sono venduti nei principali supermercati ad un prezzo più accessibile rispetto all originale Made in Italy. Alcuni prodotti, fatti in Brasile, come pizza, formaggio e pasta, sono più venduti se alludono ad una produzione di origine italiana. La produzione e l imballaggio di prodotti alimentari Italian Sounding è realizzata in Brasile, e, in alcuni casi, in paesi del Mercosur come Uruguay e Argentina. Il fenomeno Italian Sounding, caratterizzato dall infrazione dei prodotti DOP, è notevole soprattutto nel segmento alimentare dei formaggi, salumi e mortadelle. La maggior parte dei consumatori brasiliani non è effettivamente consapevole di questo fenomeno e, in molti casi, il consumatore si attiene a quanto indicato sul prodotto medesimo senza controllare l origine o altre caratteristiche relative. 33

34 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano La cultura del fenomeno Italian Sounding in Brasile Le informazioni sono state fornite da market experts dei segmenti analizzati, principalmente di quello alimentare Il fenomeno Italian Sounding, oltre ad essere presente in diversi settori del mercato, presenta in Brasile una forte connotazione culturale. Nel XX secolo, oltre 1 milione di Italiani sono immigrati in Brasile, portando con sè la cultura e il know-how agricolo delle loro rispettive regioni. di prodotti di Questo insieme di eventi ha portato, in Brasile, i valori e le caratteristiche origine italiana. della cultura italiana, determinando, come legittima conseguenza, che la numerosa percentuale di brasiliani di origine italiana, oggi, identifica espressioni e nominativi di origine italiana presenti sul mercato. In Brasile, il fenomeno Italian Sounding non è sempre considerato necessariamente un attività di concorrenza sleale, poiché per buona parte dei produttori e distributori non è altro che una forma di sfruttamento commerciale delle proprie origini. Alcuni consumatori, di chiara origine italiana, principalmente nelle regioni Sud e Sudest del Brasile, sono consapevoli del nome del prodotto che fa allusione all origine i italiana, tuttavia, concettualmente, il fenomeno Italian Sounding in Brasile rappresenta una novità. Il 70% delle colonie italiane si sono stabilite nelle regioni Sud e Sudest del Brasile, dove oggi iilfil fenomeno Italian Sounding è più rilevante. 34

35 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Qualità del prodotto e sicurezza alimentare (1/2) Il Brasile riconosce questi certificati come garanzia di provenienza, originalità e sicurezza del prodotto, così come dell esistenza di un Indicazione Geografica debitamente t riconosciuta. I certificati internazionali che garantiscono l originalità, la qualità e la sicurezza alimentare del prodotto sono: DOP certifica un prodotto la cui la produzione, trasformazione ed elaborazione avviene in un area geografica delimitata, dove esiste una capacità di fare riconosciuta e verificata. IGP certifica che il processo di produzione del prodotto ha un rapporto diretto con l ambiente geografico (es. clima, suolo, mano d opera, ecc.) almeno in una delle fasi produttive. STG non fa riferimento a un luogo di origine, ma intende certificare una composizione o un modo tradizionale di produzione, come, ad es., la ricetta. 35

36 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Qualità del prodotto e sicurezza alimentare (2/2) La qualità e la sicurezza alimentare non sono caratteristiche esclusive dei produttori DOP, IGP e STG. I produttori DOP pagano tasse internazionali per ottenere i certificati di garanzia e ritengono fondamentale la tutela del loro nome sui mercati esteri. I prodotti di origine brasiliana con caratteristiche del fenomeno Italian Sounding, sono generalmente anche certificati da altri enti come ISO (International Organization for Standardization) e Inmetro (Istituto nazionale di Metrologia, Normalizzazione e Qualità Industriale) e pagano le rispettive imposte. Molte volte il fenomeno Italian Sounding non si caratterizza per una intenzione di mala fede da parte dei produttori, ma è soltanto un riferimento alle loro origini. Alcuni prodotti con caratteristiche Italian Sounding possono creare alcune barriere ai produttori di origine italiana che cercano di entrare sul mercato brasiliano, come, ad es., è ciò che si verifica nei casi di accentuata differenza di prezzi al consumatore finale. Spesso i produttori brasiliani utilizzano l indicativo TIPO prima del nominativo del prodotto senza sapere che esiste una norma che ne regolamenta l uso. 36

37 Prodotti Italian Sounding presenti sul mercato Segmento alimentare market share I consumi indicati si riferiscono soltanto ai prodotti oggetto dello studio Il fenomeno Italian Sounding non coinvolge il mercato del vino e dell olio, sopratutto per la forte presenza di prodotti importati. Il consumo interno di prodotti alimentari di produzione locale è stimato in Euro 3,6 miliardi l anno Suddivisione per tipologia di prodotti (%, Milioni di Euro, 2009) Pasta secca 48% ( 1.727) Sughi 18% ( 636) Parmigiano 10% ( 355) Provolone 3% ( 107) Gorgonzola 2% ( 71) Mortadelle 14% ( 520) Pasta Fresca 5% ( 182) 37

38 Prodotti Italian Sounding presenti sul mercato Segmento alimentare aspetti quantitativi del fenomeno I consumi indicati si riferiscono soltanto ai prodotti oggetto dello studio Il Made in Brasil non caratterizzato come Italian Sounding comprende sia la produzione di aziende al 100% brasiliane sia quella delle filiali italiane. Circa il 40% del consumo brasiliano di prodotti alimentari è legato all Italian Sounding ed è pari ad Euro 1,46 miliardi l anno Milioni di Euro Consumo dei prodotti selezionati (%, Milioni di Euro, 2009) Pasta secca Sughi Mortadelle Parmesao Pasta fresca Provolone Gorgonzola Consumo total Italian Sounding 38

39 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Segmento alimentare formaggi (1/2) Formaggi Grappa Mortadelle Pasta fresca Pasta secca Salami Sughi Questi tipi di formaggio sono venduti in Brasile nei principali supermercati, molte volte senza l uso dell indicativo TIPO Vigor Trem Minas Fazenda 39

40 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Segmento alimentare formaggi (2/2) Le espressioni parmesão e gorgonzola sono consolidate sul mercato brasiliano e non rappresentano per il consumatore una falsa IG PRODOTTO MARCHIO PREZZO FOTO PRODOTTO MARCHIO PREZZO FOTO Formaggio "Parmesao" TIROLEZ 21,81 Formaggio Gorgonzola QUATÁ 15,90 Formaggio "Parmesao" QUATÁ 14,45 Formaggio Gorgonzola CRISTINA 18,12 Formaggio "Parmesao" SANCOR 18,89 Formaggio Gorgonzola POLENGHI 23,40 Formaggio "Parmesao" SKANDIA/POLENGHI 22,72 Formaggio Gorgonzola SERRA BELLA 17,72 Formaggio "Parmesao" CANTARELI 19,75 Formaggio Gorgonzola TIROLEZ 21,81 Formaggio "Parmesao" FAIXA AZUL 23,55 Formaggio "Parmesao" QUATÁ 20,55 Formaggio Tipo Gorgonzola CAMPO LIMPO 24,22 Formaggio "Parmesao" FAZENDA BELA VISTA 18,95 Formaggio Gorgonzola CANTARELLI 21,81 *prezzo di vendita al consumatore finale. 40

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

OPPORTUNITÀ IN BRASILE PER I PRODOTTI ITALIANI DEL SETTORE AGROALIMENTARE. Camera di Commercio Italo-brasiliana Minas Gerais - Brasile

OPPORTUNITÀ IN BRASILE PER I PRODOTTI ITALIANI DEL SETTORE AGROALIMENTARE. Camera di Commercio Italo-brasiliana Minas Gerais - Brasile OPPORTUNITÀ IN BRASILE PER I PRODOTTI ITALIANI DEL SETTORE AGROALIMENTARE 2002 Camera Italo-Brasiliana di Commercio e Industria Rio de Janeiro - Brasile Camera di Commercio Italo-brasiliana Minas Gerais

Dettagli

Brasile: Il Settore Agroalimentare

Brasile: Il Settore Agroalimentare Brasile: Il Settore Agroalimentare L Istituto nazionale per il Commercio Estero, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e di assistenza, costituisce un osservatorio sui

Dettagli

PROGETTO PER LA REGISTRAZIONE DEL LOGO DEI PRODOTTI DOP ED IGP E PER LA LORO TUTELA LEGALE IN CAMPO INTERNAZIONALE

PROGETTO PER LA REGISTRAZIONE DEL LOGO DEI PRODOTTI DOP ED IGP E PER LA LORO TUTELA LEGALE IN CAMPO INTERNAZIONALE PROGETTO PER LA REGISTRAZIONE DEL LOGO DEI PRODOTTI DOP ED IGP E PER LA LORO TUTELA LEGALE IN CAMPO INTERNAZIONALE QUADRO DI RIFERIMENTO L Italia è il primo paese in Europa per numero di prodotti registrati

Dettagli

Italian sounding sinonimo di contraffazione made in Italy

Italian sounding sinonimo di contraffazione made in Italy Italian sounding sinonimo di contraffazione made in Italy L talian Life style ancora oggi puo essere definito quale icona di stile, di qualità di eccellenza. Infatti anche in un momento di forte crisi

Dettagli

Relazione annuale al PNI - 2014

Relazione annuale al PNI - 2014 Relazione annuale al PNI - 2014 Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali - Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari Attività svolte

Dettagli

TRADIZIONE & CULTURA

TRADIZIONE & CULTURA PALATIPICO MODENA TRADIZIONE & CULTURA Le Produzioni Agroalimentari Modenesi D.O.P. e I.G.P. Corso 30560 MARKETING STRATEGICO Laurea in Economia e marketing nel sistema agro-industriale Facoltà di Agraria

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A

il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A 1 R e g n o U n i t o G i a p p o n e G e r m a n i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c

Dettagli

Desk per la Tutela della Proprietá Intellettuale di Istanbul

Desk per la Tutela della Proprietá Intellettuale di Istanbul Questa breve monografia sulla disciplina giuridica dei vini in Turchia e dedicata ai produttori, importatori e distributori di vino. La Turchia e un mercato recente per il vino italiano, ma con grande

Dettagli

Ministero delle. politiche agricole. alimentari e. forestali

Ministero delle. politiche agricole. alimentari e. forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA STATI GENERALI IG A EXPO, MIPAAF: ACCORDO CON GDO PER PROMOZIONE PRODOTTI DOP E IGP IN ITALIA MARTINA: RAFFORZATA LOTTA ALLA

Dettagli

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo.

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Progetto di tutela e rafforzamento

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Signor Presidente, Onorevoli Deputati, il Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) tra Unione europea e Stati Uniti d America, oggetto dell audizione di oggi, ha tra i suoi obiettivi quello

Dettagli

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Milano, 28 aprile 2014 L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Paolo De Castro Presidente Commissione Agricoltura e Sviluppo

Dettagli

MARCHI DI TUTELA PROGETTO SCUOLA 21. Vimercate, Dicembre 2014. Docente: Elisabetta Castellino

MARCHI DI TUTELA PROGETTO SCUOLA 21. Vimercate, Dicembre 2014. Docente: Elisabetta Castellino MARCHI DI TUTELA Vimercate, Dicembre 2014 Docente: Elisabetta Castellino MARCHI DI TUTELA 1/4 Nel patrimonio agroalimentare italiano possiamo annoverare oltre: 400 Formaggi 250 Salumi 800 Vini 120 conserve

Dettagli

L accreditamento a garanzia della qualità e della sicurezza dei prodotti alimentari: il ruolo di ACCREDIA.

L accreditamento a garanzia della qualità e della sicurezza dei prodotti alimentari: il ruolo di ACCREDIA. ACCREDIA L ente italiano di accreditamento LE SOLUZIONI TECNOLOGICHE PER LA CARTA DI MILANO LOTTA ALLE CONTRAFFAZIONI, DIAGNOSTICA PER CONTROLLO QUALITÀ, QUALITÀ DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI L accreditamento

Dettagli

La certificazione della qualità nel sistema agro-alimentare

La certificazione della qualità nel sistema agro-alimentare La certificazione della qualità nel sistema agro-alimentare alimentare Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendale Facoltà di Economia Università di Pavia E-mail msassi@eco. @eco.unipv. La soglia della

Dettagli

Milano, 23 febbraio 2011

Milano, 23 febbraio 2011 Intellectual Property Office Brasile: dalla classificazione doganale della merce alle opportunità di business Proprietà intellettuale (marchi, nome e brevetti): perché tutelarla? Milano, 23 febbraio 2011

Dettagli

Azioni territoriali a sostegno del vero Made in Italy agroalimentare

Azioni territoriali a sostegno del vero Made in Italy agroalimentare Azioni territoriali a sostegno del vero Made in Italy agroalimentare Al Sindaco del Comune di Villacidro PROPOSTA DI ORDINE DEL GIORNO In un momento di grave crisi in cui il nostro Paese è alla ricerca

Dettagli

IPR DESK CANTON. Copyright 2010, IPR Desk Canton, All rights reserved.

IPR DESK CANTON. Copyright 2010, IPR Desk Canton, All rights reserved. IPR DESK CANTON Copyright 2010, IPR Desk Canton, All rights reserved. La registrazione delle Indicazioni Geografiche in Cina -Introduzione... 2 -Quale modalita di registrazione preferire?... 2 -Registrazione

Dettagli

Il patrimonio agroalimentare italiano è unico al mondo per qualità ed assortimento. La cultura gastronomica e i prodotti agroalimentari italiani sono

Il patrimonio agroalimentare italiano è unico al mondo per qualità ed assortimento. La cultura gastronomica e i prodotti agroalimentari italiani sono MADE IN ITALY E CONTRAFFAZIONE INTRODUZIONE Il patrimonio agroalimentare italiano è unico al mondo per qualità ed assortimento. La cultura gastronomica e i prodotti agroalimentari italiani sono famosi

Dettagli

BRASILE: aspetti legali, contrattuali e societari dell ingresso nel mercato brasiliano. Confindustria Piacenza -10 Maggio 2012

BRASILE: aspetti legali, contrattuali e societari dell ingresso nel mercato brasiliano. Confindustria Piacenza -10 Maggio 2012 BRASILE: aspetti legali, contrattuali e societari dell ingresso nel mercato brasiliano Confindustria Piacenza -10 Maggio 2012 I TEMI 1. Introduzione - le forme d ingresso nel mercato brasiliano 2. L esportazione

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO. Brescia, 17 Dicembre 2007

DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO. Brescia, 17 Dicembre 2007 DIRITTO ALL INFORMAZIONE, ETICHETTE ALIMENTARI E CONTRAFFAZIONE BENI DI CONSUMO Brescia, 17 Dicembre 2007 Decreto Legislativo 6 settembre 2005 n.ro 206, ovvero Codice del Consumo Rapporto tra professionista

Dettagli

Lezione 1 INTRODUZIONE AL DIRITTO DEI MARCHI. GSS - a.a. 2010-2011 - Facoltà di Economia - UNIBA -Introduzione al diritto dei marchi

Lezione 1 INTRODUZIONE AL DIRITTO DEI MARCHI. GSS - a.a. 2010-2011 - Facoltà di Economia - UNIBA -Introduzione al diritto dei marchi Lezione 1 INTRODUZIONE AL DIRITTO DEI MARCHI 1 FONTI Art. 15 L. 12 dicembre 2002 n. 273 Dlgs. n. 30/2005 Codice della proprietà industriale (modificato Dlgs 13 agosto 2010 n.131) 2 Il codice (c.p.i.) =

Dettagli

CONDURRE AFFARI NELLA FEDERAZIONE RUSSA - - ASPETTI DELLA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE - -CONTRATTUALISTICA

CONDURRE AFFARI NELLA FEDERAZIONE RUSSA - - ASPETTI DELLA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE - -CONTRATTUALISTICA CONDURRE AFFARI NELLA FEDERAZIONE RUSSA - - ASPETTI DELLA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE - -CONTRATTUALISTICA Avv. Desk Tutela dei Diritti della Proprieta 24 giugno 2015 ASPETTI DELLA TUTELA GIURIDICA DELLA

Dettagli

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal Giovanni Delle Donne Area Promozione e Internazionalizzazione Napoli, 2 maggio 2013 L Industria Alimentare Italiana Valori 2012 Fatturato

Dettagli

DI PROVENIENZA E SITEMI DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Avv. Monica Minelli

DI PROVENIENZA E SITEMI DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Avv. Monica Minelli MARCHI GEOGRAFICI INDICAZIONI DI PROVENIENZA E SITEMI DI CERTIFICAZIONE VOLONTARIA Avv. Monica Minelli Santa Sofia, 5 maggio 2011 ore CEUB- Centro Residenziale Universitario Bertinoro Le diverse tipologie

Dettagli

PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE

PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE Bolzano, 29 maggio 2015 PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Il Made in Italy Dop e Igp :

Dettagli

Russia Scheda Paese marzo 2013

Russia Scheda Paese marzo 2013 Russia Scheda Paese marzo 2013 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare Tel.: 06-59926707 agro.alimentari@ice.it A cura di: Pietro Simonelli Impaginazione e grafica Vincenzo

Dettagli

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino Giovanni Peira Università degli studi di Torino L agricoltura dalla parte del consumatore Domanda e offerta di prodotti agroalimentari: il punto di vista del consumatore. 2 dicembre 2008, Torino 1 Evoluzione

Dettagli

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM) Avamprogetto Modifica del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Provincia Regionale di Ragusa Piani Integrati di Sviluppo Territoriale Progetto Viaggio

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

ATLANTE DEI PRODOTTI DOP E IGP DEL VENETO. www.veneto.to

ATLANTE DEI PRODOTTI DOP E IGP DEL VENETO. www.veneto.to ATLANTE DEI PRODOTTI DOP E IGP DEL VENETO www.veneto.to Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Organismo responsabile dell informazione: Veneto Agricoltura Autorità

Dettagli

PROGETTO SIMEST-ASSOCAMERESTERO BUSINESS SCOUTING E ASSISTENZA ALLE PMI NECESSITÀ STRUTTURALI DELLA LOGISTICA BRASILIANA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO

PROGETTO SIMEST-ASSOCAMERESTERO BUSINESS SCOUTING E ASSISTENZA ALLE PMI NECESSITÀ STRUTTURALI DELLA LOGISTICA BRASILIANA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO PROGETTO SIMEST-ASSOCAMERESTERO BUSINESS SCOUTING E ASSISTENZA ALLE PMI NECESSITÀ STRUTTURALI DELLA LOGISTICA BRASILIANA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO L economia brasiliana vive un momento di forte crescita

Dettagli

Capitolo 1 Le Indicazioni Geografiche nel sistema del Diritto del Commercio Internazionale

Capitolo 1 Le Indicazioni Geografiche nel sistema del Diritto del Commercio Internazionale LE INDICAZIONI GEOGRAFICHE NEL DIRITTO DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Il punto di vista europeo, americano e cinese e gli interessi legati a biodiversità e agricoltura. Tesi di Laurea di Alessia Silvia Placchi

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E

il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i C a n a d a F r a n c i a m

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in C O R E A D E L S U D

il mercato dei prodotti agroalimentari in C O R E A D E L S U D (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in C O R E A D E L S U D 1 C o r e a d e l S u d G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i C a n a d a B

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

L industria agroalimentare italiana

L industria agroalimentare italiana Il sistema italiano L importanza del sistema italiano Strette connessioni fra agricoltura, industria di trasformazione e distribuzione : necessità di una visione più complessiva del sistema L industria

Dettagli

Brevetto come informazione: le fonti accessibili

Brevetto come informazione: le fonti accessibili Brevetto come informazione: le fonti accessibili 12 maggio 2015 Francesca Marinelli Camera di Commercio di Ancona www.an.camcom.gov.it IL RUOLO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA l Ufficio Brevetti e

Dettagli

Le priorità individuate dalla Commissione Tematica Agroalimentare

Le priorità individuate dalla Commissione Tematica Agroalimentare Le priorità individuate dalla Commissione Tematica Agroalimentare Priorità 1 Lotta alla contraffazione propriamente detta Priorità 2 Lotta ai fenomeni di imitazione (Italian Sounding e Look-alike) Priorità

Dettagli

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Da dieci anni, ACTE, Associazione delle Comunità Tessili Europee, ha operato per la difesa e

Dettagli

La valorizzazione degli ASSET IMMATERIALI

La valorizzazione degli ASSET IMMATERIALI La valorizzazione degli ASSET IMMATERIALI Introduzione alla Proprietà Intellettuale Proprietà Industriale: Marchi & Brevetti 1 Ing. Lino Fanella Outline Beni Immateriali / Asset Intangibili Proprietà Intellettuale

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati. Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi

Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati. Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi Strategie di creazione e gestione del portafoglio marchi: come affrontare i nuovi mercati Dott. Federico Corradini Dott.ssa Elisabetta Marzi 1 1. STRATEGIE DI CREAZIONE DI UN PORTAFOGLIO MARCHI Il marchio

Dettagli

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in CINA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in CINA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in CINA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Bologna 12 15 settembre 2015 MERCATO DEI PRODOTTI BIOLOGICI Introduzione Il mercato dei prodotti biologici in

Dettagli

www.marchiodimpresa.it

www.marchiodimpresa.it www.marchiodimpresa.it Indice 3 Perché registrare un marchio in Cina. 3 I marchi validi in Cina. 3 La registrazione di un marchio nazionale cinese. 3 La registrazione di un marchio internazionale designante

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. Vanta, inoltre, una varietà e una ricchezza di produzioni e tipicità enogastronomiche difficilmente riscontrabile

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Senato della Repubblica. Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare. Indagine conoscitiva sul fenomeno delle frodi nel settore agroalimentare

Senato della Repubblica. Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare. Indagine conoscitiva sul fenomeno delle frodi nel settore agroalimentare Senato della Repubblica Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Indagine conoscitiva sul fenomeno delle frodi nel settore agroalimentare Audizione di Confagricoltura Roma, 15 gennaio 2014 PREMESSA

Dettagli

L Italian sounding e l usurpazione dei pregi dell italianità: forme di tutela e riconoscimento normativo

L Italian sounding e l usurpazione dei pregi dell italianità: forme di tutela e riconoscimento normativo L Italian sounding e l usurpazione dei pregi dell italianità: forme di tutela e riconoscimento normativo Dr. Reniero & Associati s.r.l. Milano - Verona - Pordenone Espressione comunemente utilizzata per

Dettagli

Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette

Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette Settembre 2006

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 14/15 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

Brevetto come informazione: le fonti accessibili

Brevetto come informazione: le fonti accessibili Brevetto come informazione: le fonti accessibili 11 giugno 2014 Francesca Marinelli Camera di Commercio di Ancona www.an.camcom.gov.it IL RUOLO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA l Ufficio Brevetti e

Dettagli

Tracciabilità e Anticontraffazione 18 Giugno 2015

Tracciabilità e Anticontraffazione 18 Giugno 2015 18 Giugno 2015 Vino, contraffazione per due miliardi La contraffazione dei vini italiani nel mondo vale circa due miliardi: esattamente il 30% dei sei miliardi che Federalimentare stima, nel complesso,

Dettagli

Certificazione dei prodotti agricoli: le esperienze del mondo produttivo. A cura del dott. Franco Parola

Certificazione dei prodotti agricoli: le esperienze del mondo produttivo. A cura del dott. Franco Parola Certificazione dei prodotti agricoli: le esperienze del mondo produttivo A cura del dott. Franco Parola Tracciabilità - Rintracciabilità Lotti - Filiera Dal campo alla tavola La filiera è l insieme di

Dettagli

Export alimentare italiano: opportunità di crescita nei partner storici e nei nuovi mercati

Export alimentare italiano: opportunità di crescita nei partner storici e nei nuovi mercati Export alimentare italiano: opportunità di crescita nei partner storici e nei nuovi mercati Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi «La crescita dell industria alimentare passa necessariamente

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 200 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Disposizioni in materia di commercializzazione

Dettagli

Le imprese della trasformazione vitivinicola nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni di origine

Le imprese della trasformazione vitivinicola nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni di origine Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Le imprese della trasformazione vitivinicola nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni di origine Ottobre

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Avv. Chiara Marinuzzi G a e t a n o F o r t e Studio Legale Seminario Legacoop - Bologna, 3

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in I S R A E L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in I S R A E L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in I S R A E L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i C a n a d a I s r a e l e m a

Dettagli

La Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione - UIBM

La Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione - UIBM La Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione - UIBM Strategie e strumenti di tutela della PI Firenze, 29 settembre 2014 Dr. Mariano G. Cordone Direttore Divisione VI Istituita con il DPR 28 novembre

Dettagli

La tutela della proprietà intellettuale FEDERAZIONE RUSSA

La tutela della proprietà intellettuale FEDERAZIONE RUSSA Progetto finanziato a valere sul Fondo di Perequazione intercamerale 2007-2008 Sostegno integrato all internazionalizzazione delle PMI La tutela della proprietà intellettuale FEDERAZIONE RUSSA Disclaimer

Dettagli

Diritto commerciale l. Lezione del 9/12/2015

Diritto commerciale l. Lezione del 9/12/2015 Diritto commerciale l Lezione del 9/12/2015 Privative e concorrenza Con il termine Proprietà industriale si intende una serie di istituti che, pur nella loro diversità, sono accomunati dalla circostanza

Dettagli

LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NELL UNIONE EUROPEA

LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NELL UNIONE EUROPEA LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NELL UNIONE EUROPEA Cosa si intende per proprietà intellettuale? Come avviene per i beni materiali, anche le creazioni intellettuali possono essere oggetto di proprietà.

Dettagli

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal Marcella Pedroni Fiere di Parma Spa Confindustria Palermo, 16 aprile 2014 L Industria Alimentare Italiana Consuntivo 2013 Fatturato

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I

il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari negli S T A T I U N I T I 1 R e g n o U n i t o G i a p p o n e G e r m a n i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F

Dettagli

Nuove istituzioni per il futuro della produzione alimentare. Biodiversità, dominio pubblico e beni collettivi

Nuove istituzioni per il futuro della produzione alimentare. Biodiversità, dominio pubblico e beni collettivi Decennale dell Associazione Alessandro Bartola Cibo e Tecnologia: cosa mangeremo nel 2020? Ancona 15 dicembre 2005 Nuove istituzioni per il futuro della produzione alimentare. Biodiversità, dominio pubblico

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

Attività di controllo sulle produzioni IGP-DOP

Attività di controllo sulle produzioni IGP-DOP Attività di controllo sulle produzioni IGP-DOP Nadia Disanti Bologna, 09/10/2014 1 1 Check Fruit srl Check Fruit è un organismo di certificazione in grado di offrire una serie di servizi dedicati al settore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1454 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI SENALDI, DONATI, BENAMATI, SANGA, MARTELLA, TARANTO, BASSO, MONTRONI, GALPERTI, FOLINO, ALBANELLA,

Dettagli

Contraffazione dei Marchi in Internet Analisi del fenomeno e soluzioni possibili

Contraffazione dei Marchi in Internet Analisi del fenomeno e soluzioni possibili Contraffazione dei Marchi in Internet Analisi del fenomeno e soluzioni possibili Consulenti in proprietà intellettuale dal 1882 INDICE - PREMESSA Gli obiettivi di questo ebook - CONTESTO I numeri del fenomeno

Dettagli

Guida pratica sulla Proprietà Intellettuale in Brasile

Guida pratica sulla Proprietà Intellettuale in Brasile Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale in Brasile Instituto Italiano para o Comércio Exterior Dep. para a Promoção de Intercambiôs da Embaixada da Italia Guida pratica sulla Proprietà Intellettuale

Dettagli

I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI. Prof. Franco Di Giacomo

I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI. Prof. Franco Di Giacomo I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI Prof. Franco Di Giacomo I diversi aspetti della qualita Qualità definita: Insieme delle caratteristiche di un bene/servizio/prodotto, che soddisfa le esigenze implicite

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

EXPORT: UN TAVOLO INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA INDUSTRIA ALIMENTARE E ISTITUZIONI PER SOSTENERE IL MADE IN ITALY ALIMENTARE NEI SUOI 12 MERCATI CHIAVE:

EXPORT: UN TAVOLO INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA INDUSTRIA ALIMENTARE E ISTITUZIONI PER SOSTENERE IL MADE IN ITALY ALIMENTARE NEI SUOI 12 MERCATI CHIAVE: EXPORT: UN TAVOLO INTERNAZIONALIZZAZIONE TRA INDUSTRIA ALIMENTARE E ISTITUZIONI PER SOSTENERE IL MADE IN ITALY ALIMENTARE NEI SUOI 12 MERCATI CHIAVE: Australia, Brasile, Canada, Cina e Hong Kong, Corea

Dettagli

I MARCHI D'ORIGINE (INDICAZIONE D'ORIGINE DEI PRODOTTI)

I MARCHI D'ORIGINE (INDICAZIONE D'ORIGINE DEI PRODOTTI) I MARCHI D'ORIGINE (INDICAZIONE D'ORIGINE DEI PRODOTTI) LA FATTISPECIE: - legittimità dell'apposizione dei marchi "made in Italy " o "Italy" sui prodotti realizzati al di fuori del territorio nazionale.

Dettagli

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro L AGROALIMENTARE ITALIANO: PROSPETTIVE DI SVILUPPO E CRITICITÀ. Forum Internazionale dell Agricoltura e dell Alimentazione. Coldiretti Antonio MARZANO Presidente

Dettagli

I RAPPORTI DI STATISTICA E ANALISI DI MERCATO (SAM) IL RAPPORTO SAM 2015. Rapporto SAM2015 02/04/2015. Dipartimento di Economia e Impresa 1

I RAPPORTI DI STATISTICA E ANALISI DI MERCATO (SAM) IL RAPPORTO SAM 2015. Rapporto SAM2015 02/04/2015. Dipartimento di Economia e Impresa 1 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E IMPRESA I RAPPORTI DI STATISTICA E ANALISI DI MERCATO (SAM) Rapporto di Statistica e Analisi di Mercato (SAM 2015) LA SICILIA NEL CARRELLO DELLA SPESA: CHI, COSA E PERCHÈ a cura

Dettagli

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1. Mercato, concorrenza e regole... 1 2. Esperienze del sistema europeo di regolazione del mercato... 3 3. Garanzie e tecniche di intervento nel mercato... 6 4. Fisionomia

Dettagli

Sono rilevanti i margini di crescita

Sono rilevanti i margini di crescita PARMA economica FOCUS ECONOMIA Grandi opportunità per l'italian food nella ristorazione USA Il mercato nordamericano rappresenta oggi solo la terza via di sbocco delliexport italiano, dopo Germania e Francia,

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva

Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva Evoluzione della normativa in materia di etichettatura degli oli extravergini di oliva dott. Salvatore Alberino ICQRF Toscana e Umbria 24 Apr 2015 dott S. Alberino 1 L evoluzione normativa Dal 13 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva L 12/14 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 14.1.2012 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 29/2012 DELLA COMMISSIONE del 13 gennaio 2012 relativo alle norme di commercializzazione dell olio d oliva (codificazione)

Dettagli

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME?

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME? Le norme volontarie sono emesse da Enti di Normazione, questi sono nazionali o europei: ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE

Dettagli

PRODOTTI DOP E IGP: PRESENTE, FUTURO, FATTORE DI COMPETITIVITA

PRODOTTI DOP E IGP: PRESENTE, FUTURO, FATTORE DI COMPETITIVITA Accademia dei Georgofili Firenze, 2 dicembre 2014 PRODOTTI DOP E IGP: PRESENTE, FUTURO, FATTORE DI COMPETITIVITA PAOLO DE CASTRO Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo LA CRESCITA

Dettagli

I PERCORSI DELL'ACCOGLIENZA E DEL RISTORO

I PERCORSI DELL'ACCOGLIENZA E DEL RISTORO I PERCORSI DELL'ACCOGLIENZA E DEL RISTORO SCHEDA D'ISCRIZIONE DATI GENERALI STRUTTURA Nome dell'attività: Nome e Cognome del Titolare/Responsabile: Ragione sociale: C.F. P. IVA: Periodo d'apertura: Annuale

Dettagli

(Atti legislativi) REGOLAMENTI

(Atti legislativi) REGOLAMENTI 14.12.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 343/1 I (Atti legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1151/2012 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 novembre 2012 sui regimi di qualità

Dettagli

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Per dare evidenza dell'efficace gestione organizzativa dell'azienda. Sistema di gestione ambientale - ISO 14001:2004 Per

Dettagli

2 Forum Food & Made in Italy AGROALIMENTARE

2 Forum Food & Made in Italy AGROALIMENTARE 2 Forum Food & Made in Italy VERSO IL MARCHIO UNICO Articolo 30 Decreto Sblocca Italia Piano per la promozione del Made in Italy : - Valorizzazione delle produzioni di eccellenza e tutela all estero dei

Dettagli

IL MERCATO AGROALIMENTARE CANADESE & IL MADE IN ITALY ASCAL BOVA ITALIAN TRADE COMMISSIONER

IL MERCATO AGROALIMENTARE CANADESE & IL MADE IN ITALY ASCAL BOVA ITALIAN TRADE COMMISSIONER IL MERCATO AGROALIMENTARE CANADESE & IL MADE IN ITALY ASCAL BOVA ITALIAN TRADE COMMISSIONER Avvertenze I dati utilizzati sono gli ultimi disponibili, eccetto ove indicato. Le fonti sono istituti statistici

Dettagli

NEWSLETTER n.20. Novembre 2009

NEWSLETTER n.20. Novembre 2009 NEWSLETTER n.20 Novembre 2009 Benvenuti! Siamo giunti al 20 o numero della newsletter. Il 5 novembre, l Ufficio Coreano per la Proprietà Intellettuale (KIPO) e l Associazione per la tutela della Proprietà

Dettagli

I SISTEMI DI DEPOSITO SOVRANAZIONALI: IL MARCHIO COMUNITARIO E IL MARCHIO INTERNAZIONALE NEL SETTORE ENOLOGICO

I SISTEMI DI DEPOSITO SOVRANAZIONALI: IL MARCHIO COMUNITARIO E IL MARCHIO INTERNAZIONALE NEL SETTORE ENOLOGICO I SISTEMI DI DEPOSITO SOVRANAZIONALI: IL MARCHIO COMUNITARIO E IL MARCHIO INTERNAZIONALE NEL SETTORE ENOLOGICO Ing. Roberto Ghezzi - consulente in Proprietà Industriale Brevetti Modelli - Marchi Alba,

Dettagli

Cos e un disegno o un modello?

Cos e un disegno o un modello? Disegni e modelli La forte propensione all innovazione ed i repentini mutamenti di scenario, che caratterizzano il contesto economico attuale, rendono gli interventi di tutela e valorizzazione della Proprietà

Dettagli

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM)

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM) Proposte della Commissione del Consiglio nazionale dell 11.11.2011 Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (, LPM) Disegno Modifica del L Assemblea federale della

Dettagli

STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST

STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST UN MONDO DOVE LE PERSONE GESTISCONO LE FORESTE IN MANIERA SOSTENIBILE PEFC/18-1-1 Standard PEFC Italia STANDARD PEFC COUNCIL PEFC ST 2001:2008 Requisiti per gli utilizzatori dello schema PEFC Regole d

Dettagli