Analisi del fenomeno Italian Sounding in Brasile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi del fenomeno Italian Sounding in Brasile"

Transcript

1 San Paolo, Settembre IPR Desk San Paolo IPR Desk San Paolo Analisi del fenomeno Italian Sounding in Brasile

2 Indice del documento Contenuto Obiettivo del Progetto Premesse e lavoro svolto Definizione del fenomeno Italian Sounding Aspetti legali internazionali e brasiliani Il fenomeno Italian Sounding nel mercato brasiliano Pi Principalii liiniziativei i per la protezione della proprietà industriale Allegati 2

3 Obiettivo del Progetto Obiettivo Obiettivo del Progetto Realizzare un'analisi del fenomeno Italian Sounding in Brasile. 3

4 Indice del documento Contenuto Obiettivo del Progetto Premesse e lavoro svolto Definizione del fenomeno Italian Sounding Aspetti legali internazionali e brasiliani Il fenomeno Italian Sounding nel mercato brasiliano Pi Principalii liiniziativei i per la protezione della proprietà industriale Allegati 4

5 Premesse e lavoro svolto Overview principali attività L analisi degli accordi, leggi e norme è stata realizzata con l ausilio dei legal experts contattati. Sintesi delle principali attività realizzate Definizione del concetto di fenomeno di Italian Sounding Rilevazione dei principali prodotti riconducibili al fenomeno dell'italian Sounding Realizzazione di incontri di lavoro con importatori e distributori di prodotti italiani in Brasile Quantificazione del mercato dei prodotti con caratteristiche riconducibili al fenomeno dell'italian Sounding Consultate organizzazioni ed associazioni con rinomata esperienza nel campo della proprietà intellettuale e settori affini Consultati studi legali con specializzazione nella tutela dei marchi italiani in Brasile Analisi degli accordi internazionali, norme, leggi, statistiche e altri studi correlati 5

6 Premesse e lavoro svolto Principali fonti di informazioni (1/5) Associazioni e istituzioni ABAPI - Associazione Brasiliana degli Agenti della Proprietà Industriale ABBA - Associazione Brasiliana degli Espotatori e Importatori di Alimenti e Bevande ABIA - Associazione Brasiliana dell Industria degli Alimenti ABIMA - Associazione Brasiliana dell Industria di Paste Alimentari ABQI - Associazione Brasiliana dell Industria del Formaggio ABPI - Associazione Brasiliana della Proprietà Intelettuale ABRAPPA - Associazione Brasiliana per la Protezione degli Alimenti ASPI - Associazione Paulista della Proprietà Intelettuale FICPI - Federazione Internazionale della Proprietà Industriale INPI - Istituto Nazionale della Proprietà Industriale 6

7 Premesse e lavoro svolto Principali fonti di informazioni (2/5) Legal experts Dott. Gustavo Barbosa - Membro Esecutivo della FICPI e Avvocato di diritto di proprietà - Rio de Janeiro Dott. Luiz Leonardos - Rappresentante della WIPO in Brasile, Avvocato e Agente della proprietà industriale in Brasile - San Paolo Dott. Luiz Ricardo Marinello - Direttore Secretario della ASPI e Direttore della Marinello Società di Avvocati - San Paolo Dott. Fabiano de Bem da Rocha - Presidente della ABAPI - Rio de Janeiro Dott. Francisco Alberto Teixeira - Direttore della ABPI - Rio de Janeiro Dott.ra Maria dos Anjos - Direttora del desk della protezione all indicazione geografica dell INPI - Rio de Janeiro 7

8 Premesse e lavoro svolto Principali fonti di informazioni (3/5) Le aziende consultate possiedono molti anni di esperienza sul mercato di prodotti italiani in Brasile e importano e distribuiscono uma vasta gammadi prodotti di origine italiana. Industry and market experts Sig. Mauricio Leme - Importatore e distributore di prodotti di origine italiana della World Wine - San Paolo Sig.ra Elaine Pires - Importatore e distributore di prodotti di origine italiana di La pastina - San Paolo Sig. Anderson Rodrigues - Importatore e distributore di prodotti di origine italiana di San Marco e Del Santo Paranà d Sig.ra Maria Caroline - Avvocata della Brumar, azienda importatrice di vini italiani - San Paolo Sig.ra Silvia Pollastri - Proprietaria della Abeba, azienda importatrice di prodotti alimetari di origine italiana - San Paolo Sig. Fabio Raiola - Proprietaria della Raiola, azienda importatrice di prodotti alimetari di origine italiana 8

9 Premesse e lavoro svolto Principali fonti di informazioni (4/5) Principali punti vendita visitati a San Paolo Hipermercato Extra Supermercato Pão de Açucar Supermercato Sonda Supermercato Carrefour Supermercato San Marchè Supermercato Santa Maria Supermercato Santa Luzia 9

10 Premesse e lavoro svolto Principali fonti di informazioni (5/5) Importatori e distributori di prodotti alimentari Piagentini - Importazione di vino in Brasile La pastina - Importazione e distribuzione di alimenti di origine italiana Raiola - Importazione e distribuzione di alimenti di origine italiana Antichi sapori - Importazione e distribuzione di alimenti di origine italiana San Marco - Importazione e distribuzione di alimenti di origine italiana Brunar - Importazione e distribuzione di alimenti di origine italiana Altre fonti FGV - Fondazione Getúlio Vargas - Banca dati IBGE - Istituto Brasiliano di Geografia e Statistica BOELL - Fondazione Henrich Boll IEL - Instituto Euvaldo Lodi IAB - Instituto dos Advogados Brasileiros. 10

11 Premesse e lavoro svolto Considerazioni sul lavoro svolto Cambio utilizzato per la conversione dei valori Euro x Reais: 2,20. (Cambio medio mese agosto 2010) Premesse relative all analisi del fenomeno Italian Sounding Considerata la complessità del fenomeno Italian Sounding, ci si è concentrati sull analisi del mercato nel segmento alimentare Dovuto alla mancanza di dati completi per quantificare i prodotti ricondicibili all Italian Sounding presenti nel mercato, alcuni dati riportati sono stati stimati con l ausilio di industry experts L analisi legislativa si è basata su accordi, trattati, leggi e norme per la protezione della proprietà industriale, con focus sulle IG. 11

12 Premesse e lavoro svolto Definizione dei termini e sigle Termini formalmente utilizzati in Brasile e rispettive sigle Proprietà industriale: brevetto d invenzione, modelli di utilità, disegni o modelli industriali, marchi di servizio, indicazioni di provenienza e denominazione di origine Denominazione di origine controllata: utilizzata per certificare i prodotti agricoli, possiede la stessa definizione di denominazione di origine protetta Denominazione consacrata: è la denominazione che un prodotto acquisisce per diventare parte della cultura di un determinato paese, pur non avendo nessun rapporto con l indicazione geografica rappresentata Le sigle utilizzate per identificare i concetti della tutela della proprietà industriale per i prodotti dell agro-alimentare, sono: DOP - Denominazione di Origine Protetta IG Indicazione Geografica STG Specialità Tradizionale Garantita. 12

13 Indice del documento Contenuto Obiettivo del Progetto Premesse e lavoro svolto Definizione del fenomeno Italian Sounding Aspetti legali internazionali e brasiliani Il fenomeno Italian Sounding nel mercato brasiliano Pi Principalii liiniziativei i per la protezione della proprietà industriale Allegati 13

14 Definizione del fenomeno Italian Sounding Concetto Italian Sounding Definizione del fenomeno Italian Sounding Il fenomeno Italian Sounding è definito come un imitazione evocativa di prodotti d origine italiana, soprattutto alimentari Consiste in una produzione d origine non italiana, che si riporta a prodotti italiani a tramite te l utilizzo di: Nomi e espressioni di chiara pronuncia italiana Colori che rappresentano l Italia Traduzione di nominativi italiani DOP Bandiera italiana. 14

15 Definizione del fenomeno Italian Sounding Concetto Italian Sounding Esistono due concetti diversi per definire i prodotti Italian Sounding in Brasile, il primo Prodotti d origine brasiliana che utilizzano un nome con una pronuncia italiana, non utilizzando altre caratteristiche evocative, ad esempio: il prodotto ha un nome che evoca un espressione italiana, ma non allude ad una produzione d origine italiana; 15

16 Definizione del fenomeno Italian Sounding Concetto Italian Sounding...il secondo concetto 2. Prodotti che presentano caratteristiche italiane come la bandiera, i colori, la pronuncia e la traduzione di nominativi, es. Parmigiano Parmesão Il prodotto ha una relazione diretta con il Made in Italy. In questo caso, può derivare una confusione per il consumatore a riguardo del tipo e dell origine del prodotto. 16

17 Indice del documento Contenuto Obiettivo del Progetto Premesse e lavoro svolto Definizione del fenomeno Italian Sounding Aspetti legali internazionali e brasiliani Il fenomeno Italian Sounding nel mercato brasiliano Pi Principalii liiniziativei i per la protezione della proprietà industriale Allegati 17

18 Aspetti legali internazionali e brasiliani Overview (1/3) I concetti riportati a lato sono state formulati con l ausilio di legali specializzati in Proprietà Intellettuale. Attualmente in Brasile non esiste un concetto giuridico per interpretare il fenomeno Italian Sounding, tuttavia... Il concetto del fenomeno Italian Sounding in Brasile, può essere orientato dagli accordi internazionali per la tutela della proprietà industriale e dalle leggi e norme interne relative alle IG. ll l Esistono leggi e norme interne che possono essere utilizzate per interpretare il fenomeno Italian Sounding in Brasile, come ad esempio, quelle che regolamentano il mercato alimentare. Considerando l Italian Sounding come un fenomeno che induce il consumatore a ritenere genuina una falsa IG, secondo le leggi e gli accordi internazionali per la protezione della proprietà industriale, quest ultimo aspetto può essere inquadrato come una concorrenza sleale a danno dei produttori DOP. Il governo brasiliano garantisce ai produttori stranieri la tutela dei propri beni intagibili sul mercato soltanto se questi produttori, che devono comunque essere originari di paesi che hanno firmato accordi internazionali, come, ad esempio, la Convenzione di Parigi, hanno provveduto a depositare i propri marchi per poter godere della necessaria tutela giuridica. 18

19 Aspetti legali internazionali e brasiliani Overview (2/3) Convenzione di Parigi: il Brasile ha aderito a questa Convenzione con il Decreto Legislativo n dell 8 Aprile il Brasile è firmatario dei principali accordi internazionali relativi alla protezione della proprietà industriale... Convenzione di Parigi del 1883 revisionata a Stoccolma nel 1967, il Brasile ha aderito a tutti gli articoli presenti nella convenzione, per tutelare la proprietà industriale dei paesi che costituiscono l Unione. l World International Property Organization (WIPO), il Brasile fa parte di questa organizzazione fin dalla sua creazione nel 1967, con l obiettivo di migliorare la sua efficacia nella protezione della proprietà industriale di aziende straniere. Trade-related aspects of Intellectual Property Rights (TRIP s), il Brasile è firmatario di questo accordo dalla sua nascita nel 1994 con l intuito di perfezionare lo strumento multilaterale per una maggiore efficacia a livello mondiale delle leggi sulla tutela della proprietà industriale. 19

20 Aspetti legali internazionali e brasiliani Overview (3/3)...oltre ad avere proprie leggi e norme interne che regolamentano questi aspetti Il Brasile possiede una normativa che regola i diritti e le obbligazioni relative alla proprietà industriale: La legge federale n del 14 maggio 1996, garantisce la protezione della proprietà industriale di aziende nazionali e straniere. Il Decreto-Legge n. 986 del 21 ottobre 1969, in difesa della protezione e salute del consumatore, classifica i generi alimentari e determina le informazioni riportate sulle etichette dei prodotti. I Ministeri della Sanità e dell Agricoltura possiedono norme e risoluzioni interne per il controllo delle etichette di prodotti alimentari relativamente agli aspetti circa l origine e la provenienza, oltre ad ulteriori caratteristiche specifiche. 20

21 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali internazionali: convenzione ed accordi Il Brasile, attualmente (settembre 2010) non ha ancora aderito al protocollo di Madrid del Il Brasile ha firmato i principali accordi internazionali relativi alla tutela della proprietà industriale : La Convenzione di Parigi prevede norme varie giuridiche per orientare, regolare e proteggere il diritto di proprietà industriale nell ambito del commercio internazionale. La Convenzione di Parigi è stata rivista e perfezionata diverse volte dalla sua creazione, vedasi la revisione de l Aja del 1925 e l ultima e più importante, quella di Stoccolma del 1967, che ha dato origine al Decreto n Oltre a questa Convenzione e alle sue rispettive revisioni, nel 1967 è stata fondata la WIPO, che si propone di diffondere la cultura della protezione della proprietà Industriale nel mondo. L Accordo di Madrid del 1981 e successivamente il Protocollo di Madrid del 1989 furono creati con l obiettivo di internazionalizzare le leggi e creare una tassa di registrazione unica per la difesa della proprietà industriale. L Organizzazione Mondiale del Commercio nel Doha Round-Uruguai 1994 ha definito l accordo laccordo TRIP s, un mezzo per regolare e proteggere i beni immateriali, e, quindi, la proprietà intellettuale. 21

22 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali internazionali: TRIP s (1/2) Il Brasile è firmatario dell accordo costitutivo per la tutela delle Indicazioni Geografiche (nelle sue varie accezioni)... Il TRIP s è parte dell "Accordo Costitutivo della OMC, creato con l obiettivo specifico di proteggere, tra l altro, alcuni prodotti di origine alimentare, come, ad es., il vino, così come previsto dall art. 23 del citato Accordo. Il Brasile, tramite il Decreto n , ha emananto l Atto finale che incorpora i risultati del Doha Round-Uruguai, tra cui l accordo TRIP s. La sezione III di questo accordo riporta alcuni articoli legislativi per la protezione delle indicazioni geografiche: l art. 22 del TRIP s determina che i Paesi-Membri stabiliscano i mezzi legali per impedire l uso di qualsiasi atto che possa indurre il consumatore all errore nei riguardi di un indicazione geografica; i Paesi-Membri possono anche creare mezzi per impedire che la commercializzazione di un prodotto costituisca una concorrenza sleale sul mercato nazionale e su quello internazionale; l art. 24 fa riferimento alle possibili eccezioni, come ad esempio, l uso di una IG ancora non protetta o il registro di un marchio già consolidato sul mercato da molti anni e in buona fede. 22

23 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali internazionali: TRIP s (2/2)...tuttavia sussistono anche alcune difficoltà nell applicare la norma La legge federale brasiliana non dispone di articoli legislativi specifici per la protezione di determinati prodotti come vino, grappa, formaggio e altri. Il Brasile possiede proprie norme che permettono l uso di una falsa IG, purché il nominativo del prodotto sia accompagnato da espressioni come specie, tipo, stile, genere, imitazione, ecc.. Nel caso specifico, l espressione falsa non indica falsificazione o termine illegale relativo, ma indica soltanto che il luogo di produzione indicato non è quello di origine. Inoltre, è stabilito che si avvieranno nuovi negoziati per rafforzare la protezione della proprietà industriale, il che potrebbe dare vita a nuovi accordi internazionali non sempre compatibili con la legislazione brasiliana. Diversamente dalla legislazione brasiliana, l accordo TRIP s fa riferimento soltanto alla protezione della designazione d origine, ossia, ad un prodotto originario di uno specifico territorio che ne caratterizza la qualità e la reputazione. 23

24 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali brasiliani: l Indicazione Geografica La legge federale n /96 definisce il L IG è riconosciuta e regolata in Brasile dalla legge federale In Brasile, l IG si divide in due aspetti regolatori : concetto di IG agli articoli 177 e Indicazione di provenienza: nome di un prodotto che si conosce dovuto alle caratteristiche del luogo di produzione, come, ad es., il locale d estrazione,,produzione o fabbricazione del prodotto, o per la prestazione di un dato servizio, in modo che ciò costituisca aggregazione di valore quando ne è indicata l origine, indipendentemente da altre caratteristiche. 2. Denominazione di origine: nome di un prodotto le cui caratteristiche si devono esclusivamente o essenzialmente all ambiente geografico, inclusivi i fattori di produzione naturali o umani. 24

25 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali brasiliani: legge federale La principale legge che regola il diritto di proprietà industriale in Brasile è la legge federale n /96 L art. 2, comma IV, considera che la protezione della proprietà industriale si realizza anche attraverso la repressione delle false indicazioni geografiche. Sono previste, in base agli articoli di questa legge, pene detentive e multe per gli individui che utilizzano indebitamente marchi che già sono registrati e riconosciuti dagli organi responsabili. La presente legge stabilisce che l INPI è l ente ufficiale brasiliano responsabile del registro dei marchi e dei brevetti. La presente legge riconosce, inoltre, all INPI anche il ruolo di strumento amministrativo per la garanzia del diritto di proprietà industriale in Brasile. 25

26 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali brasiliani: Codice di Difesa del Consumatore Anche in Brasile vige una normativa per la tutela e difesa del consumatore La legge del 1990 è stata emanata per difendere il consumatore da prodotti e servizi irregolari. L Indicazione di Origine è uno dei temi di questa legge ed è indicata ai seguenti articoli: l art. 31 determina che i prodotti devono assicurare informazioni precise rispetto alle caratteristiche, alla composizione e all origine; l art. 37 stabilisce che è proibita qualsiasi pubblicità falsa o ingannevole; l art lart. 37, par.1, stabilisce che è considerata ingannevole qualsiasi modalità d informazione, completa o parzialmente falsa, che possa indurre il consumatore all errore rispetto alle caratteristiche, alle origini e ad altri aspetti relativi. 26

27 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali brasiliani: INPI In Brasile, l INPI è l autorità responsabile della registrazione e della tutela delle Indicazioni Geografiche L INPI (Istituto Nazionale della Proprietà Industriale), è stato fondato nel 1970 dalla legge federale n La Risoluzione n. 75 stabilisce le condizioni per la registrazione delle indicazioni geografiche e riconosce queste ultime come: Indicazione di provenienza, secondo l art. 177 della L Denominazione di origine, secondo lart. l art 178 della L Le disposizioni di questa Risoluzione si applicano anche alla rappresentazione grafica o figurativa dell indicazione geografica. L art. 4 di questa Risoluzione stabilisce che i nomi geografici di uso comune non hanno bisogno di essere registrati. Un esempio tipico è l espressione Parmesão. Gli altri articoli di questa Risoluzione fanno riferimento alla richiesta di registrazione oltre a varie disposizioni generali. 27

28 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali brasiliani: Decreto-Legge n. 986 del 1969 Il decreto-legge n. 986 regolamenta l uso di nominativi e indicativi sulle etichette di prodotti alimentari Il decreto legge n 986 è stato emanato con l obbiettivo di tutelare la salute dei consumatori. Nel capitolo III del citato decreto legge sono disposti alcuni articoli che regolamentano l uso dei nominativi e delle IG sulle etichette dei prodotti: L art. 11 stabilisce che le etichette dei prodotti devono essere scritte in caratteri perfettamente leggibili. Il paragrafo IX, c. 1, determina che gli alimenti, la cui etichetta riporti nominativi di origine straniera, possono essere tradotti ad eccezione delle denominazioni già consolidate (consagrate) sul mercato, come, ad es., Gorgonzola = Gorgonzola. L art. 21 determina che l etichetta non deve contenere alcun tipo di indicazione che possa indurre ad una falsa interpretazione rispetto all origine del prodotto. 28

29 Aspetti legali internazionali e brasiliani Aspetti legali brasiliani: denominazione consagrada La denominazione consagrada (in portoghese) è il concetto utilizzato per definire una denominazione di indicazione geografica divenuta consacrata per via dell uso e della rinomanza del nome. La Denominazione di Origine è il principale elemento di protezione per prodotti Made in Italy, ma incontra problemi con i regolamenti dei Ministeri i i dell Agricoltura e della Sanità brasiliani. Entrambi i Ministeri dispongono di una normativa che regola l utilizzo dei nominativi i DOP stranieri i sui prodotti agro-alimentari i d origine i brasiliana. La Risoluzione 259/2003 del Ministero della Sanità e l Istruzione normativa 22/2005 del Ministero dell Agricoltura, permettono che, per esempio, un nominativo italiano possa essere utilizzato t purché presenti la parola TIPO prima dell indicativo del prodotto, es.: Grana Padano = formaggio TIPO Grana La parola TIPO deve essere utilizzata per indicare che il prodotto è un generico dell originale e non ha una relazione con il territorio indicato. 29

30 Indice del documento Contenuto Obiettivo del Progetto Premesse e lavoro svolto Definizione del fenomeno Italian Sounding Aspetti legali internazionali e brasiliani Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Pi Principali i liiniziative per la protezione della proprietà industriale Allegati 30

31 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Segmenti del mercato Italian Sounding in Brasile I prodotti che caratterizzano il fenomeno Italian Sounding in Brasile sono più presenti nel segmento alimentare Alimentare Formaggi Parmigiano Provolone Gorgonzola Grana Mortadelle Salami Sughi Pasta secca Pasta fresca Grappa Nel segmento alimentare sono stati considerati come Altri, i prodotti che presentano caratteristiche riconducibili al fenomeno dell Italian Sounding, ma non ne rappresentano la parte più cospicua. Altri segmenti Moda Oggetti residenziali Altri 31

32 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Metodologia di calcolo Le fonti di informazione utilizzate nella metodologia di calcolo, sono: Università Riviste settoriali Associazioni e Sono state utilizzate 3 metodologie di calcolo per stimare il consumo dei diversi prodotti Italian Sounding del segmento alimentare 1. Sono stati utilizzati dati statistici aggiornati, sulla produzione e/o consumo dei prodotti target. In caso di non disponibilità di dati ufficiali, si è provveduto a stimare il valore del mercato nella seguente forma: sindacati 2. Per consumo pro capite settoriali Supermercati Istituti di ricerca. Consumo pro capite annuale (peso-unità) 3. Per consumo totale Valore del N di consumatori prodotto * * = (peso/unità) Valore del mercato Consumo annulae (pesounità) Valore del prodotto (peso-unità) * = Valore del mercato 32

33 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Overview del segmento alimentare I prodotti riconducibili all Italian Sounding in Brasile sono spesso caratterizzati anche da mirate campagne di marketing. I prodotti legati al fenomeno Italian Sounding sono venduti nei principali supermercati ad un prezzo più accessibile rispetto all originale Made in Italy. Alcuni prodotti, fatti in Brasile, come pizza, formaggio e pasta, sono più venduti se alludono ad una produzione di origine italiana. La produzione e l imballaggio di prodotti alimentari Italian Sounding è realizzata in Brasile, e, in alcuni casi, in paesi del Mercosur come Uruguay e Argentina. Il fenomeno Italian Sounding, caratterizzato dall infrazione dei prodotti DOP, è notevole soprattutto nel segmento alimentare dei formaggi, salumi e mortadelle. La maggior parte dei consumatori brasiliani non è effettivamente consapevole di questo fenomeno e, in molti casi, il consumatore si attiene a quanto indicato sul prodotto medesimo senza controllare l origine o altre caratteristiche relative. 33

34 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano La cultura del fenomeno Italian Sounding in Brasile Le informazioni sono state fornite da market experts dei segmenti analizzati, principalmente di quello alimentare Il fenomeno Italian Sounding, oltre ad essere presente in diversi settori del mercato, presenta in Brasile una forte connotazione culturale. Nel XX secolo, oltre 1 milione di Italiani sono immigrati in Brasile, portando con sè la cultura e il know-how agricolo delle loro rispettive regioni. di prodotti di Questo insieme di eventi ha portato, in Brasile, i valori e le caratteristiche origine italiana. della cultura italiana, determinando, come legittima conseguenza, che la numerosa percentuale di brasiliani di origine italiana, oggi, identifica espressioni e nominativi di origine italiana presenti sul mercato. In Brasile, il fenomeno Italian Sounding non è sempre considerato necessariamente un attività di concorrenza sleale, poiché per buona parte dei produttori e distributori non è altro che una forma di sfruttamento commerciale delle proprie origini. Alcuni consumatori, di chiara origine italiana, principalmente nelle regioni Sud e Sudest del Brasile, sono consapevoli del nome del prodotto che fa allusione all origine i italiana, tuttavia, concettualmente, il fenomeno Italian Sounding in Brasile rappresenta una novità. Il 70% delle colonie italiane si sono stabilite nelle regioni Sud e Sudest del Brasile, dove oggi iilfil fenomeno Italian Sounding è più rilevante. 34

35 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Qualità del prodotto e sicurezza alimentare (1/2) Il Brasile riconosce questi certificati come garanzia di provenienza, originalità e sicurezza del prodotto, così come dell esistenza di un Indicazione Geografica debitamente t riconosciuta. I certificati internazionali che garantiscono l originalità, la qualità e la sicurezza alimentare del prodotto sono: DOP certifica un prodotto la cui la produzione, trasformazione ed elaborazione avviene in un area geografica delimitata, dove esiste una capacità di fare riconosciuta e verificata. IGP certifica che il processo di produzione del prodotto ha un rapporto diretto con l ambiente geografico (es. clima, suolo, mano d opera, ecc.) almeno in una delle fasi produttive. STG non fa riferimento a un luogo di origine, ma intende certificare una composizione o un modo tradizionale di produzione, come, ad es., la ricetta. 35

36 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Qualità del prodotto e sicurezza alimentare (2/2) La qualità e la sicurezza alimentare non sono caratteristiche esclusive dei produttori DOP, IGP e STG. I produttori DOP pagano tasse internazionali per ottenere i certificati di garanzia e ritengono fondamentale la tutela del loro nome sui mercati esteri. I prodotti di origine brasiliana con caratteristiche del fenomeno Italian Sounding, sono generalmente anche certificati da altri enti come ISO (International Organization for Standardization) e Inmetro (Istituto nazionale di Metrologia, Normalizzazione e Qualità Industriale) e pagano le rispettive imposte. Molte volte il fenomeno Italian Sounding non si caratterizza per una intenzione di mala fede da parte dei produttori, ma è soltanto un riferimento alle loro origini. Alcuni prodotti con caratteristiche Italian Sounding possono creare alcune barriere ai produttori di origine italiana che cercano di entrare sul mercato brasiliano, come, ad es., è ciò che si verifica nei casi di accentuata differenza di prezzi al consumatore finale. Spesso i produttori brasiliani utilizzano l indicativo TIPO prima del nominativo del prodotto senza sapere che esiste una norma che ne regolamenta l uso. 36

37 Prodotti Italian Sounding presenti sul mercato Segmento alimentare market share I consumi indicati si riferiscono soltanto ai prodotti oggetto dello studio Il fenomeno Italian Sounding non coinvolge il mercato del vino e dell olio, sopratutto per la forte presenza di prodotti importati. Il consumo interno di prodotti alimentari di produzione locale è stimato in Euro 3,6 miliardi l anno Suddivisione per tipologia di prodotti (%, Milioni di Euro, 2009) Pasta secca 48% ( 1.727) Sughi 18% ( 636) Parmigiano 10% ( 355) Provolone 3% ( 107) Gorgonzola 2% ( 71) Mortadelle 14% ( 520) Pasta Fresca 5% ( 182) 37

38 Prodotti Italian Sounding presenti sul mercato Segmento alimentare aspetti quantitativi del fenomeno I consumi indicati si riferiscono soltanto ai prodotti oggetto dello studio Il Made in Brasil non caratterizzato come Italian Sounding comprende sia la produzione di aziende al 100% brasiliane sia quella delle filiali italiane. Circa il 40% del consumo brasiliano di prodotti alimentari è legato all Italian Sounding ed è pari ad Euro 1,46 miliardi l anno Milioni di Euro Consumo dei prodotti selezionati (%, Milioni di Euro, 2009) Pasta secca Sughi Mortadelle Parmesao Pasta fresca Provolone Gorgonzola Consumo total Italian Sounding 38

39 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Segmento alimentare formaggi (1/2) Formaggi Grappa Mortadelle Pasta fresca Pasta secca Salami Sughi Questi tipi di formaggio sono venduti in Brasile nei principali supermercati, molte volte senza l uso dell indicativo TIPO Vigor Trem Minas Fazenda 39

40 Il fenomeno Italian Sounding sul mercato brasiliano Segmento alimentare formaggi (2/2) Le espressioni parmesão e gorgonzola sono consolidate sul mercato brasiliano e non rappresentano per il consumatore una falsa IG PRODOTTO MARCHIO PREZZO FOTO PRODOTTO MARCHIO PREZZO FOTO Formaggio "Parmesao" TIROLEZ 21,81 Formaggio Gorgonzola QUATÁ 15,90 Formaggio "Parmesao" QUATÁ 14,45 Formaggio Gorgonzola CRISTINA 18,12 Formaggio "Parmesao" SANCOR 18,89 Formaggio Gorgonzola POLENGHI 23,40 Formaggio "Parmesao" SKANDIA/POLENGHI 22,72 Formaggio Gorgonzola SERRA BELLA 17,72 Formaggio "Parmesao" CANTARELI 19,75 Formaggio Gorgonzola TIROLEZ 21,81 Formaggio "Parmesao" FAIXA AZUL 23,55 Formaggio "Parmesao" QUATÁ 20,55 Formaggio Tipo Gorgonzola CAMPO LIMPO 24,22 Formaggio "Parmesao" FAZENDA BELA VISTA 18,95 Formaggio Gorgonzola CANTARELLI 21,81 *prezzo di vendita al consumatore finale. 40

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo.

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Progetto di tutela e rafforzamento

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

Guida pratica sulla Proprietà Intellettuale in Brasile

Guida pratica sulla Proprietà Intellettuale in Brasile Desk per la Tutela della Proprietà Intellettuale in Brasile Instituto Italiano para o Comércio Exterior Dep. para a Promoção de Intercambiôs da Embaixada da Italia Guida pratica sulla Proprietà Intellettuale

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

"Siamo alla frutta, per fortuna poi arriva il dolce." (Edmund Andros) BUGNION S.p.A. - Intellectual Property. Excellence to grow together

Siamo alla frutta, per fortuna poi arriva il dolce. (Edmund Andros) BUGNION S.p.A. - Intellectual Property. Excellence to grow together "Siamo alla frutta, per fortuna poi arriva il dolce." (Edmund Andros) BUGNION S.p.A. - Intellectual Property Excellence to grow together COME COMUNICARE E DIFENDERE IL VALORE, L ORIGINE PAG. 4 E LA STORIA

Dettagli

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP PREVENZIONE Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP Cosimo Nicola Pagliarone* Lelio Palazzo** In ambito di mercato i marchi di tutela hanno la funzione di preservare

Dettagli

Guida ai prodotti DOP, IGT, etc. Proposta per la realizzazione di una App

Guida ai prodotti DOP, IGT, etc. Proposta per la realizzazione di una App Guida ai prodotti DOP, IGT, etc Proposta per la realizzazione di una App Introduzione Abbiamo iniziato a ragionare per voi così Abbiamo immaginato una App che possa essere utilizzata come guida nella scelta

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti Ufficio Stampa Jacobacci & Partners DATASTAMPA Simonetta Carbone Via Tiepolo, 10-10126 Torino, Italy Tel.: (+39) 011.19706371 Fax: (+39) 011.19706372 e-mail: piemonte@datastampa.it torino milano roma madrid

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie!

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! Family Trancio di Prosciutto 2 kg Trancio di Pancetta Arrotolata 600 gr Zampone 1 kg Lenticchie 500 gr Trentingrana 500 gr Mortadella 500 gr Pasta

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA I T A L I A N O EXPO 2015 I marchi DOP e IGP sono marchi di qualità che vengono assegnati dalla Commissione Europea. I requisiti per il riconoscimento

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria LA SICUREZZA DEI GIOCATTOLI Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile Commissione europea Imprese e industria Fotolia Orange Tuesday L Unione europea (UE) conta circa 80 milioni di bambini

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

Creare un marchio. Introduzione all utilizzo dei marchi per le piccole e medie imprese

Creare un marchio. Introduzione all utilizzo dei marchi per le piccole e medie imprese Creare un marchio Introduzione all utilizzo dei marchi per le piccole e medie imprese Customizzazione: CACIA Autori: Daniela Botticelli Valerio Lucchini Paul Bodenham Si ringraziano per la collaborazione

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

Brochure La verità sull inchiostro

Brochure La verità sull inchiostro Brochure La verità sull inchiostro Sommario Fai clic sui collegamenti per vederne i paragrafi 1 mito: Le cartucce non originali HP sono affidabili tanto quanto le cartucce originali HP. 2 mito: La resa

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 LA PREMESSA L INDICE LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 INIZIATIVE DELL UNIONE EUROPEA 6 TUTELA DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI TRADIZIONALI 7 SITUAZIONE ITALIANA

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles.

I presupposti giuridici della valutazione degli intangibles. Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2916511 Fax: 059 2921132 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it LA GESTIONE E LA VALORIZZAZIONE DI

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Oggetto: obbligo contribuzione Enasarco per gli agenti che operano all estero.

Oggetto: obbligo contribuzione Enasarco per gli agenti che operano all estero. INTERPELLO N. 32/2013 Roma, 19 novembre 2013 Direzione generale per l Attività Ispettiva A Confimi Impresa Confederazione dell Industria Manifatturiera Italiana e dell Impresa Privata prot. 37/0020183

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

IL GUSTO SENZA MACCHIA

IL GUSTO SENZA MACCHIA REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO: IL GUSTO SENZA MACCHIA 15/028 Promosso da HENKEL ITALIA S.r.l. Divisione Detersivi Soggetto Promotore HENKEL ITALIA S.r.l. Divisione Detersivi con sede legale

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE

PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE PROTOCOLLO RELATIVO ALLA CONVENZIONE PER LA PROTEZIONE DELLE ALPI (CONVENZIONE DELLE ALPI) SULLA COMPOSIZIONE DELLE CONTROVERSIE La Repubblica d Austria, la Repubblica Francese, la Repubblica Federale

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GIUGNO 2010 Il presente Manuale è stato realizzato con il contributo tecnico-scientifico di Dintec Scrl Consorzio per l Innovazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008

DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 IL SISTEMA GESTIONE QUALITA DELL IPS G. RAVIZZA SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 Col termine know-how ( so come ) si definisce il patrimonio brevettuale e brevettabile di un azienda, per la quale rappresenta

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale Dott. Mauro Bardelli Tecnico della prevenzione nell ambiente

Dettagli

La tutela della proprietà industriale

La tutela della proprietà industriale Commissione Europea BREVE GUIDA ALLA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE Sommario: LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE... 2 IL CODICE DELLA PROPRIETÀ INDUSTRIALE... 2 IL BREVETTO PER INVENZIONE... 4 Requisiti per

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Domanda di partecipazione alla Fiera:

Domanda di partecipazione alla Fiera: Domanda di partecipazione alla Fiera: ARTI & MESTIERI EXPO -Roma, Fiera di Roma, 12 15 dicembre 2013 MODULO DA RESTITUIRE DEBITAMENTE COMPILATO ENTRO E NON OLTRE L 11 NOVEMBRE 2013 a: FIERA ROMA SRL SEGRETERIA

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Valutazione della politica della PAC in materia di denominazioni di origine protette (DOP) e indicazioni geografiche protette (IGP) Breve sintesi

Valutazione della politica della PAC in materia di denominazioni di origine protette (DOP) e indicazioni geografiche protette (IGP) Breve sintesi Valutazione della politica della PAC in materia di denominazioni di origine protette (DOP) e indicazioni geografiche protette (IGP) Breve sintesi Il presente studio, finanziato dalla Commissione europea,

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

www.vdgmagazine.it TENDENZE Il turismo sostenibile Pausa-pranzo: è tornata la schiscetta PERSONAGGI Paolo De Castro Iginio Massari Gianfranco Vissani

www.vdgmagazine.it TENDENZE Il turismo sostenibile Pausa-pranzo: è tornata la schiscetta PERSONAGGI Paolo De Castro Iginio Massari Gianfranco Vissani 30024 9 772039 887006 MARZO 2013 - EURO 4,90 www.vdgmagazine.it VDG MAGAZINE VIAGGI DEL GUSTO ANNO 3 N.24 MENSILE Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli