CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. per il triennio ) Alberto G. Rosania. Presidente. Roberto Tana Vice Presidente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. per il triennio 2012-2014) Alberto G. Rosania. Presidente. Roberto Tana Vice Presidente"

Transcript

1 Rapporto di Sostenibilità 2012

2

3 Rapporto di Sostenibilità 2012

4 Indice 4 Lettera del Presidente 5 Presentazione del Rapporto di Sostenibilità Profilo del Rapporto 6 Criteri adottati per definire il contenuto del Rapporto di Sostenibilità 6 Criteri adottati per la stesura del Rapporto di Sostenibilità 7 Linee Guida e raccolta dati 8 Tabella di riferimento 10 Profilo di AnsaldoBreda S.p.A. 10 Le attività di AnsaldoBreda S.p.A. 11 La presenza in Italia e nel mondo 12 Lo scenario di mercato 12 La presenza sui mercati 14 L assetto societario 16 Cambiamenti significativi 17 La Corporate Governance 17 Sistema di controllo interno 18 Modello organizzativo ex D.lgs. 231/01 19 La gestione dei rischi 22 Conformità 22 Premi e riconoscimenti 23 Sezione economica 24 Performance economica 25 Rischi e opportunità legati ai cambiamenti climatici 26 Copertura degli obblighi assunti nei confronti dei dipendenti 27 Impatti economici indiretti 29 Sezione ambientale 30 Biodiversità 31 Materie prime 33 Energia 34 Acqua 36 Emissioni 39 Rifiuti 40 Valutazione del ciclo di vita dei prodotti 41 Impatti dei prodotti sulla salute e la sicurezza 42 Informazioni relative ai prodotti 44 Spese ambientali 44 Conformità 45 Sezione sociale 46 Composizione del personale 47 Turnover 47 Relazioni industriali 49 Lavoro minorile o forzato 49 Pratiche discriminatorie 49 Diversità e pari opportunità 50 Valorizzazione del capitale umano 52 Salute e Sicurezza 55 La collettività 59 Lo stakeholder engagement 61 Relazioni con le istituzioni pubbliche nazionali e internazionali 62 Pratiche di investimento e approvvigionamento

5 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE (nominato dall Assemblea del 18/04/2012 per il triennio ) Alberto G. Rosania Presidente Roberto Tana Vice Presidente Maurizio Manfellotto Amministratore Delegato Roberto Mazzei Consigliere Giovanni Pontecorvo Consigliere Angela Maria Tornatora Consigliere Giuseppe Panizzardi Consigliere COLLEGIO SINDACALE (nominato dall Assemblea del 18/04/2012 per il triennio ) Francesco Follina Presidente Roberto Serrentino Sindaco effettivo Paolo Maria Ciabattoni Sindaco effettivo Pietro Cerasoli Sindaco supplente Alberto Conforti Sindaco supplente Società di revisione per il periodo : KPMG S.p.A.

6 Ad AnsaldoBreda non mancano le sfide. E forse non le sono mai mancate. Posso affermarlo grazie alla mia ormai lunga presenza nel Settore dei Trasporti Ferroviari e in questa Azienda come Presidente. Le sfide affrontate e superate negli anni hanno insegnato ad AnsaldoBreda di poter ribaltare anche le situazioni più avverse se si riesce a fare squadra e a dare il massimo per raggiungere gli obiettivi voluti. Quello che viviamo è sicuramente un momento complesso, per l economia mondiale, per il nostro Paese ed anche per la nostra società. Mai come oggi bisogna avere la forza di guardare al futuro fiduciosi, con la consapevolezza che il futuro inizia dalle scelte del presente. Responsabilità, innanzi tutto dunque! Responsabilità, certamente, di chi governa l impresa, ma anche di tutte le donne e gli uomini che attraverso il proprio lavoro hanno dato segnali importantissimi di appartenenza e di riscatto. L impegno ad operare in modo responsabile è sempre stato parte integrante delle strategie di AnsaldoBreda e ne costituisce un vero valore aggiunto. Intendiamo la sostenibilità come tendenza al miglioramento continuo, capace di agire positivamente non solo sulla nostra reputazione ma anche sulle performance economiche. Il Rapporto di Sostenibilità esprime proprio la volontà di condividere questo approccio, trasversale e sistemico, volto alla creazione di un valore economico e sociale attraverso il rispetto dell ambiente e la cura e l intensificazione delle relazioni con i propri stakeholder. AnsaldoBreda, infatti, pone grande attenzione alla protezione dell ambiente e delle risorse naturali, alla tutela della salute e della sicurezza delle persone, alla valorizzazione del loro percorso professionale. È alla continua ricerca di un rapporto di scambio positivo con le comunità locali in cui è presente con i propri stabilimenti o i propri veicoli, nonché di iniziative innovative nei rapporti con i propri clienti e fornitori. Lo sviluppo dei nostri prodotti è ispirato ai principi di sicurezza, comfort, ecologicità ed efficienza delle performance, a cui si aggiunge, certamente, la ricerca di forma e di design esclusivo. Gli investimenti in Ricerca e Sviluppo sono, pertanto, finalizzati all individuazione di soluzioni capaci di ridurre i consumi, di materiali che assicurino resistenza e sicurezza per la salute, di tecniche produttive capaci di garantire efficienza e qualità. I dati e le informazioni contenute in questo report testimoniano il generale miglioramento delle prestazioni e il raggiungimento di molti obiettivi di qualità, in un ottica di trasparenza e collaborazione verso gli stakeholders. Il nostro terzo Rapporto di Sostenibilità, che porta a un ulteriore miglioramento del livello di rendicontazione complessivo, coincide con l avvento delle nuove Linee Guida di Global Reporting Initiative, di imminente pubblicazione. Leggere questo Rapporto non rappresenta, dunque, un mero esercizio di conoscenza, quanto e soprattutto un approfondimento sempre più al centro dell agenda globale, non solo del mondo dei trasporti, ma dell intero globo. Lettera del Presidente Alberto G. Rosania Presidente di AnsaldoBreda S.p.A. [4]

7 Presentazione del Rapporto di Sostenibilità 2012 AnsaldoBreda, perseguendo costantemente la sostenibilità della gestione economico-finanziaria, dei processi produttivi, dei prodotti e delle relazioni con gli stakeholder, pubblica il suo terzo Rapporto di Sostenibilità per comunicare al pubblico gli sforzi compiuti in tale direzione. Grazie all integrazione dei valori di responsabilità sociale all interno del proprio sistema di governance e all impegno di rilevare, monitorare e divulgare le performance di sostenibilità, l azienda compie un ulteriore passo per andare incontro alle richieste dei mercati mondiali. Il percorso di crescita nello sviluppo della corporate responsibility, in cui rientra anche il graduale miglioramento del processo di reporting condotto in osservanza dello standard G3.1 di Global Reporting Initiative (GRI), ha infine portato AnsaldoBreda a raggiungere e a dichiarare, con piena soddisfazione, il livello A di rendicontazione. L obiettivo del 2013, che comporterà, fra l altro, una migliore definizione dei pochissimi indicatori ancora parzialmente rendicontati, è quello di consolidare il prestigioso risultato raggiunto sottoponendo il documento all asseverazione da parte di un ente di certificazione, in modo da conferire al lavoro compiuto quel plus che contraddistingue i report sottoposti a verifica. rapporto di sotenibilità [5]

8 Profilo del Rapporto Il Rapporto di Sostenibilità di AnsaldoBreda vuole descrivere in dettaglio le caratteristiche della società, i principali risultati ottenuti durante il periodo di rendicontazione e gli obiettivi di sviluppo futuro nel perseguimento della sostenibilità economica, ambientale e sociale. Le attività di progettazione del documento e di elaborazione dei testi hanno coinvolto trasversalmente tutta l organizzazione aziendale. Il Rapporto è quindi frutto di un processo ragionato e condiviso, che ha permesso di individuare e mettere in luce quegli aspetti della vita di un azienda che solitamente trovano scarsa risonanza mediatica: non solo i risultati economico-finanziari, quindi, ma anche le performance e le scelte operate nell'ambito della qualità del servizio, della sicurezza dei prodotti e dell'attenzione verso le persone e l ambiente. Criteri adottati per definire il contenuto del Rapporto di Sostenibilità Materialità: sono stati focalizzati gli argomenti e gli indicatori che riflettono gli impatti significativi di tipo economico, ambientale e sociale dell attività dell azienda, o che potrebbero influenzare in modo significativo le valutazioni e le decisioni degli stakeholder; Inclusività: nel Rapporto la società illustra i principi cardine attraverso i quali intraprende i rapporti con i propri portatori di interesse. L obiettivo è quello di favorire sempre più la partecipazione degli stessi allo sviluppo e al raggiungimento di una risposta responsabile e strategica alla sostenibilità. È convinzione di AnsaldoBreda che il confronto con i propri stakeholder permetta un miglioramento continuo del processo di reporting; Contesto di sostenibilità: le informazioni sulle performance, ove possibile, sono contestualizzate in modo da evidenziare come la società contribuisca allo sviluppo locale e regionale; Completezza: i dati pubblicati fanno riferimento all anno solare 2012 e vanno interpretati come valori aggregati di dati riferibili alle sedi di AnsaldoBreda Italia. Criteri adottati per la stesura del Rapporto di Sostenibilità Equilibrio: il report evidenzia gli aspetti negativi e positivi delle performance aziendali, al fine di permettere una valutazione obiettiva dell andamento complessivo della gestione; [6]

9 Comparabilità: essendo il terzo Rapporto di Sostenibilità della società, è stata eseguita la comparazione dei dati del periodo di rendicontazione con quelli dei due periodi precedenti; Accuratezza: le informazioni di tipo quantitativo, salvo alcune stime opportunamente segnalate e illustrate nella metodologia di calcolo adottata, derivano da rilevazioni dirette. Quando l analisi si basa su tassi ed indici, sono evidenziate le modalità di calcolo. Le informazioni di tipo qualitativo sono rilevate secondo le politiche, i modelli e le procedure adottate in azienda; Tempestività: le informazioni di tipo non financial sono fornite unitamente alle informazioni di tipo economico-finanziario; Chiarezza: la realizzazione del report permette di conseguire il necessario dettaglio informativo utile agli enti di riferimento per poter attribuire il livello di adesione agli standard. L esposizione è semplice, essenziale ed arricchita, ove possibile, da grafici e tabelle in modo da rendere le informazioni accessibili e comprensibili. Affidabilità: le informazioni derivano da rilevazioni supportate da prove documentali raccolte in appositi archivi elettronici, in modo da facilitare l accesso da parte dei soggetti che dovranno valutare la veridicità dei dati. Dal 2010 la società pubblica il Rapporto con cadenza annuale, fornendo dati e informazioni riferibili all anno solare, ovverosia al periodo di tempo compreso fra il 1 gennaio e il 31 dicembre. Il perimetro di rendicontazione del Rapporto di Sostenibilità 2012 comprende i siti produttivi di proprietà di AnsaldoBreda in Italia. Esso non comprende le società controllate AnsaldoBreda Inc., AnsaldoBreda España SL e AnsaldoBreda France SAS, né le stabili organizzazioni per la gestione in garanzia delle commesse presso il cliente, la rendicontazione delle cui attività costituirà l allargamento del perimetro programmato per il futuro. Linee Guida e raccolta dati L elaborazione dei Key Performance Indicators (KPI) è stata realizzata osservando strettamente le formule, i parametri e le unità di misura indicate nei Protocolli di Indicatori dal GRI (Guidelines Version G3.1). La raccolta dei dati è stata realizzata coinvolgendo i responsabili delle diverse divisioni, identificati nella fase di progettazione, attraverso l invio di appositi protocolli di raccolta dati per ogni aspetto della sostenibilità considerato dalle Linee Guida GRI. Le informazioni quali/quantitative pervenute sono state archiviate in appositi registri in modo da facilitare il processo di verifica delle dichiarazioni e la congruenza con i dati riportati nel Bilancio d Esercizio Le informazioni raccolte sono state poi elaborate ed esposte secondo una rendicontazione per sezioni: Economica, Sociale ed Ambientale. Per maggiori informazioni sul Rapporto di Sostenibilità 2012 di AnsaldoBreda: dott. Leone Schisano rapporto di sotenibilità [7]

10 Tabella di riferimento La tabella riepilogativa riporta per ognuno degli indicatori trattati nel Rapporto di Sostenibilità 2012 di AnsaldoBreda il grado di rendicontazione raggiunto o l eventuale inapplicabilità. LEGENDA C: Completo P: Parziale NA: Non Applicabile NR: Non Rendicontato ind livello pag profilo 1.1 C 1.2 C 2.1 C 2.2 C 2.3 C 2.4 C 2.5 C 2.6 C 2.7 C 2.8 C 2.9 C 2.10 C 3.1 C 3.2 C 3.3 C 3.4 C 3.5 C 3.6 C 3.7 C 3.8 C 3.9 C ind livello pag 3.10 na na C 3.13 na C 4.2 C 4.3 C 4.4 C 4.5 C 4.6 C 4.7 C 4.8 C 4.9 C 4.10 C 4.11 C 4.12 C 4.13 C 4.14 C 4.15 C 4.16 C 4.17 C [8]

11 ind livello pag ind livello pag ind livello pag economia ec1 core C ec2 core p ec3 core C ec4 core C ec5 add p ec6 core C ec7 core p ec8 core C ec9 add C ambiente en1 core C en2 core C en3 core C en4 core C en5 add nr - en6 add p en7 add p en8 core C en9 add C en10 add C en11 core C en12 core na - en13 add na - en14 add na - en15 add na - en16 core C en17 core C en18 add p en19 core na - en20 core C en21 core C en22 core C en23 core C en24 add na - en25 add na - en26 core p en27 core na - en28 core C en29 core C en30 core C responsabilità di prodotto pr1 core C pr2 add C pr3 core C pr4 add C pr5 add C pr6 core C pr7 add C pr8 add C pr9 core C pratiche di lavoro la1 core C la2 core C la3 add C la4 core C la5 core C la6 add C la7 core C la8 core C la9 add C la10 core C la11 add C la12 add C la13 core C la14 core C diritti UMani Hr 1 core C Hr 2 core C Hr 3 add C Hr 4 core C Hr 5 core C Hr 6 core C Hr7 core C Hr 8 add na - Hr 9 add C società so1 core p so2 core C so3 core C so4 core C so5 core C so6 add C so7 add C so8-core C [9]

12 Profilo di AnsaldoBreda S.p.A. AnsaldoBreda S.p.A. è una società del Gruppo Finmeccanica impegnata nella progettazione, produzione e commercializzazione di materiale rotabile tecnologicamente avanzato per il trasporto urbano e ferroviario. AnsaldoBreda S.p.A. persegue la propria mission nel rispetto rigoroso dell'obiettivo di creare valore per i propri Azionisti e puntando a proteggere e rafforzare le competenze nazionali nei business di riferimento. Le attività di AnsaldoBreda S.p.A. AnsaldoBreda, in linea con le richieste del mercato, progetta e sviluppa un'ampia gamma di veicoli per ogni esigenza di trasporto ferroviario urbano ed extraurbano. La società produce: treni completi; treni ad alta velocità; locomotive elettriche; Intercity EMU (Electric Multiple Unit) e DMU (Diesel Multiple Unit) ad un piano; EMU a due piani per il trasporto regionale (TSR); veicoli per metropolitane, sia di tipo tradizionale che automatiche; tram, tra cui quelli della piattaforma Sirio. I prodotti riscuotono da sempre importanti successi in Italia e all'estero, consolidando una posizione di primo piano sia nella fornitura di veicoli per metropolitane e ferrovie che in quella di tram per il Trasporto Pubblico Locale. In un mercato sempre più attento alle prestazioni ambientali del settore dei trasporti, AnsaldoBreda gioca un ruolo di primo piano grazie allo sviluppo di prodotti per una mobilità eco-compatibile e alla gestione ambientale certificata dei propri stabilimenti di produzione. [10]

13 La presenza in Italia e nel mondo Le attività di AnsaldoBreda S.p.A. si svolgono nelle sedi di: Napoli, dove è ubicata la sede legale della società e dove vengono realizzate le attività di progettazione e costruzione dei sistemi di trazione e controllo, degli impianti ausiliari e dei motori elettrici, le attività di costruzione ed assemblaggio dei carrelli e di allestimento e collaudo dei veicoli; Pistoia, dove sono concentrate le lavorazioni per il settore ferroviario e l Alta Velocità. A Pistoia vengono inoltre progettate e realizzate le parti strutturali dei veicoli, ne viene effettuato l assemblaggio e vengono svolte le attività di prova; Reggio Calabria, dove è ubicato lo stabilimento dedicato al settore metropolitano e tranviario e dove vengono realizzate le parti strutturali dei veicoli, i montaggi e gli allestimenti della parte impiantistica e degli arredi e le prove funzionali dei veicoli; Carini (PA), dove è ubicato lo stabilimento dedicato alle attività di revamping e dove vengono effettuati il montaggio e l allestimento della parte impiantistica e degli arredi, nonché le prove funzionali dei veicoli. AnsaldoBreda S.p.A. controlla il 100% della società AnsaldoBreda Inc., con sede a Pittsburg (California), ed il 100% della società AnsaldoBreda España SL, con sede a Madrid. Nei primi mesi del 2012 è stata avviata la procedura di liquidazione della società AnsaldoBreda France SAS, con sede a Marsiglia, controllata al 100% da AnsaldoBreda S.p.A. Nel corso dell anno la società ha gestito cantieri di assistenza in garanzia presso le sedi dei propri Clienti in Francia, Olanda, Norvegia, Svezia, Danimarca, Grecia, Turchia, Marocco, Arabia Saudita e Taiwan, oltre che nelle principali città italiane ove i propri prodotti operano a servizio delle società di trasporto pubblico. [11]

14 Lo scenario di mercato Nel corso del 2012 sono stati avviati e realizzati numerosi progetti di nuovi sistemi di trasporto su ferro in diversi Paesi del mondo. Tali progetti, unitamente all esigenza degli operatori di rinnovare il proprio parco veicoli per migliorare il servizio offerto e per adeguarlo alle ultime specifiche ambientali e di sicurezza, hanno sostenuto la domanda di nuovo materiale rotabile. La domanda di metropolitane pesanti è stata molto rilevante, in particolar modo dai mercati cinesi e statunitensi. I numerosi progetti in fase di studio/realizzazione in tutto il mondo fanno prospettare un ulteriore incremento della domanda, con tassi particolarmente sostenuti in Sudamerica e in Asia, dove è maggiore il numero di città di grandi dimensioni non ancora dotate di un sistema di trasporto urbano. La richiesta è di prodotti sia pesanti che leggeri, con un particolare orientamento verso i sistemi a guida automatica nei Paesi maggiormente evoluti. La domanda di veicoli tranviari si espande con forza verso nuovi mercati: grandi città di Russia, Kazakhstan, Canada e Brasile si mostrano interessate a dotarsi di reti di trasporto tranviario, contestualmente alla realizzazione di reti metropolitane o in alternativa a queste, maggiormente onerose in termini di opere infrastrutturali. Numerosi progetti sono attesi in Europa ed un interesse crescente viene manifestato da aree quali Medio Oriente, Sudamerica e Cina, dove gran parte delle città è intenzionata a dotarsi di tram e dove si stanno realizzando trasferimenti tecnologici dai principali produttori europei alle industrie locali per realizzare produzioni in loco. La domanda di treni Very High Speed (velocità superiore a 300 km/h) registra una ripresa: nel 2012 sono stati infatti assegnati ordini in Francia, Taiwan ed Hong Kong. Nuovi progetti per la realizzazione di collegamenti oltre i 300 km/h si continuano a delineare in altri Paesi del mondo, come Turchia, Svezia, USA e Brasile, dove un piano di investimenti prevede di dotare il Paese di una rete ferroviaria lunga km in 30 anni. In generale, sia per i prodotti ferroviari che per quelli urbani, la disponibilità di referenze diventa sempre più un fattore critico di successo e, in alcuni specifici mercati, si rende necessaria anche la presenza di un certo livello di contenuto locale, oltre che la capacità di offrire soluzioni di finanziamento. Nel corso del 2012 AnsaldoBreda ha perfezionato importanti accordi commerciali nel segmento Mass Transit e Street Cars, aggiudicandosi la fornitura di veicoli pesanti e leggeri rispettivamente per la metropolitana di Miami e per la linea 4 della metropolitana di Milano. A tali forniture si aggiunge anche l accordo quadriennale sottoscritto con ATM (Azienda Trasporti Milanese) per la consegna di treni destinati alle linee 1 e 2 della metropolitana del capoluogo lombardo, nell ottica del potenziamento del servizio e della qualità del comfort made in Italy che caratterizzerà i veicoli destinati ad ospitare i milioni di visitatori attesi ad Expo Milano Non meno importante è l accordo di Transfer of Technology concluso con l azienda cinese CNR Dalian, riguardante un veicolo tranviario della famiglia Sirio, che dimostra il forte interesse dell azienda nei confronti della Cina e dei suoi mercati. Nel segmento Alta Velocità la società monitora attentamente il mercato, ottenendo comunque, nel corso del 2012, una variante d ordine significativa riguardante la fornitura del nuovo ETR1000. Buone opportunità si sono sviluppate anche nel segmento Regionale, con il raggiungimento di un accordo, da perfezionare ad inizio 2013, per la fornitura di elettrotreni a due piani a Trenord, che ha visto aumentare il proprio bacino di utenza. Da rimarcare, infine, le attività di Service, che prevede la fornitura di ricambi e servizi di upgrading e maintenance ai gestori del trasporto ferroviario: nel 2012 i lavori si sono concentrati soprattutto sull implementazione dei 4 nuovi livelli di servizio a bordo dei treni ETR600 Frecciarossa di Trenitalia. Gli Ordini acquisiti nel 2012 registrano un incremento del 21% rispetto all anno precedente, determinando anche un aumento del portafoglio ordini lavorabile del 6%. La presenza sui mercati AnsaldoBreda vanta una notevole presenza sui mercati esteri, con posizioni consolidate in Europa e negli Stati Uniti. [12]

15 Tra le realizzazioni di maggior rilievo: Metropolitane e tram ITALIA: Roma, Milano, Firenze, Napoli, Bari, Genova, Sassari, Bergamo, Brescia EUROPA: Madrid, Atene, Copenaghen, Göteborg, Oslo, Lille, Salonicco, Ankara, Kayseri, Samsun STATI UNITI: Washington, Los Angeles, San Francisco, Atlanta, Boston, Cleveland, Buffalo, Seattle, Honolulu, Miami SUDAMERICA: Rio de Janeiro, Fortaleza, Montevideo, Santiago, Lima MEDIO/ESTREMO ORIENTE: Riyadh, Taipei, Chongqing treni PAESI EUROPEI: Italia, Inghilterra, Svizzera, Danimarca, Norvegia, Olanda, Belgio PAESI ExTRAEUROPEI: Marocco, Egitto, Mauritania I numeri di AnsaldoBreda nel 2012 Ordini acquisiti per linea di business (in milioni di Euro) Alta Velocità - Main Line 73,3 Mass Transit - Sirio 462,6 Service 97,4 Varianti e Revisione Prezzi 151,6 Totale 784,8 31/12/2012 (*) 31/12/2011 (*) % Ordini acquisiti ,93 Portafoglio ordini ,24 Ricavi ,04 EBITA Adj ,21 EBIT ,60 Risultato netto ,32 Free operating cash flow ,02 Posizione finanziaria netta ,28 Patrimonio netto ,28 Ricerca & Sviluppo ,60 Investimenti tecnici ,76 Organici AnsaldoBreda S.p.A ,89 Organici AnsaldoBreda Italia ,61 (*) Valori espressi in migliaia di Euro rapporto di sotenibilità [13]

16 L assetto societario Il capitale di AnsaldoBreda S.p.A. è costituito esclusivamente da azioni ordinarie; Finmeccanica S.p.A., holding del Gruppo Finmeccanica, detiene il 100% del capitale della società. L organizzazione dell azienda, basata sul modello tradizionale, si compone di: Consiglio di Amministrazione (CdA), composto da 7 membri di cui 1 indipendente. Il Consiglio nomina l Amministratore Delegato (AD) e, laddove non abbia provveduto l Assemblea, il Presidente, che non ricopre ruoli esecutivi. Il CdA ha potere di compiere tutti gli atti opportuni al raggiungimento degli scopi sociali ad esclusione di quelli riservati all Assemblea; Collegio Sindacale, composto da 3 membri effettivi e 2 supplenti, tutti indipendenti. Ha il compito di vigilare sull osservanza delle leggi e dello statuto e sul rispetto dei principi di corretta amministrazione. Sia i consiglieri che i sindaci durano in carica tre anni e sono rieleggibili; Assemblea degli azionisti, competente a deliberare in sede ordinaria e straordinaria sulle materie riservatele dalla legge o dallo statuto societario; Società di revisione, iscritta nell albo speciale delle società di revisione contabile e nominata dall Assemblea degli azionisti. Il Vertice Aziendale, designato dalla controllante Finmeccanica e assunto alle proprie dipendenze, è sottoposto al Sistema di valutazione delle performance e allo Schema di incentivazione stabiliti dall azionista unico. Attraverso la Direttiva n. 18 del 04/11/2011, entrata pienamente in vigore nel 2012, Finmeccanica ha stabilito precise linee guida e requisiti minimi per la composizione e l operato degli organi di amministrazione e controllo delle società del gruppo. Chairman rosania Internal auditing sechi CEO ManFellotto Secutiry Officer rapiti CFO d aquila Legal improta HR, Change Mgmt & EOS Project Implem. CreMona External Relations de sio Innovation & Competitiveness CUsani Standard Processes, Quality & IT Services biasi Task Force V250/V300 giannone BU Mass Transit pepi BU Main Line Franzino BU Service CantelMi Standard Products & Platforms Unit Marino [14]

17 La Direttiva, pertanto, definisce i processi per la determinazione delle qualifiche e delle competenze di cui devono essere in possesso i membri del CdA e del Collegio Sindacale di ogni azienda controllata, fissando in modo esplicito una serie di cause di incompatibilità che vanno dal conflitto di interessi al coinvolgimento, anche soltanto indiziario per i casi più gravi, in fatti che possano ledere l onorabilità personale del consigliere o del sindaco. Grazie all esercizio dei poteri conferitigli, al ricorso all istituto della delega delle responsabilità e delle competenze e all utilizzo di specifici strumenti gestionali, la Direzione Aziendale ha pieno controllo delle performance in ambito economico, ambientale e sociale, dei rischi e delle opportunità associati all attività aziendale e della conformità a leggi, regolamenti, codici di condotta e standard volontari. Rispetto a questi ultimi, nel corso del 2012 la società ha proceduto al completo aggiornamento del Codice Etico, all emissione della Carta dei Valori e all integrazione dei sistemi di gestione aziendale certificati secondo le norme ISO e OHSAS 18001, relativi, rispettivamente, all ambiente e alla salute e sicurezza dei lavoratori. Il Vertice Aziendale, come indicato anche nella Direttiva della capogruppo, ha l obbligo di mantenere viva la comunicazione nei confronti della stessa Finmeccanica, dell assemblea degli azionisti e dei diversi stakeholder della società, primi fra tutti i dipendenti. Finmeccanica è il primo gruppo industriale italiano nel settore dell'alta tecnologia e tra i primi dieci player mondiali nell aerospazio, difesa e sicurezza. il gruppo Finmeccanica è concentrato su tre settori strategici elicotteri, elettronica per la difesa e sicurezza e aeronautica, nei quali realizza il 73% dei ricavi e il 67% degli ordini, oltre a impegnare il 74% delle risorse umane. Finmeccanica è anche leader europeo nei sistemi di difesa, con un buon posizionamento a livello internazionale e vanta una presenza consolidata nel settore spaziale dove ha la leadership nel mercato dei servizi satellitari. inoltre, dispone di significative competenze e di una consolidata posizione di mercato a livello mondiale nei settori dei trasporti e dell energia. Finmeccanica è un gruppo multinazionale e multiculturale con una chiara e riconosciuta vocazione all eccellenza tecnologica indispensabile a conquistare la leadership internazionale nei settori high tech in cui opera. il gruppo Finmeccanica ha la propria sede in italia ed è presente in modo stabile con asset produttivi importanti in tre mercati domestici, italia, regno Unito e stati Uniti, nei quali lavora circa il 90% del personale del gruppo. in europa ha stabilito la propria presenza anche in Francia, germania e polonia. Ha infine instaurato una significativa rete di collaborazioni nei paesi ad alto potenziale del mondo. in totale conta più di dipendenti, dei quali il 43% lavora all estero in circa 50 paesi distribuiti nei cinque continenti. rapporto di sotenibilità [15]

18 L importanza della comunicazione e del dialogo è pienamente condivisa dal management societario di AnsaldoBreda, come dimostrato dall elevato numero di incontri, riunioni e presentazioni svolte nel corso dell anno per illustrare, a tutti i livelli, il piano di rilancio e risanamento aziendale e raccogliere feedback utili al suo miglioramento. In particolare, i dipendenti hanno avuto due occasioni di dialogo e confronto con l AD in ogni sede dell azienda, grazie all organizzazione di meeting specifici (townhall) dedicati all aggiornamento sull andamento del business e alla raccolta di idee e suggerimenti. Cambiamenti significativi Sono proseguite le azioni avviate nel 2011 dal management di AnsaldoBreda nell ambito del progetto EOS (Evoluzione, Orgoglio, Successo), che ha l'obiettivo di rivisitare la strategia manageriale del gruppo per ritornare alla profittabilità entro il I primi interventi hanno riguardato le aree: Engineering, concentrandosi principalmente sul progetto ETR1000, sui progetti della linea di business Mass Transit, sulla definizione e l implementazione degli elementi chiave del lean engineering, nonché sulla definizione di una metodologia standard per il design to cost volto alla massimizzazione dell efficienza per ridurre il costo del prodotto. I benefici economici delle azioni implementate, tenuto conto che trovano applicazione su progetti in avviamento, si manifesteranno allorquando le commesse saranno avanzate in misura significativa; Manufacturing, attraverso l applicazione del modello business driven (il programma come sintesi dei centri di profitto) che consente di concentrarsi sull ottimizzazione delle produzioni e sull efficienza [16]

19 degli stabilimenti, investendo anche processi quali la pianificazione integrata o la qualità con l obiettivo di migliorare la produttività complessiva. Le azioni intraprese nel corso dell anno hanno mostrato dei positivi cambiamenti, anche se non sono ancora consuntivabili i progressi auspicati; Organizzazione e Supply Chain, dove sono stati conseguiti i risultati attesi nel periodo sia in termini di minor costo del personale che di risparmi ottenuti attraverso la ricontrattazione con fornitori. Fra i cambiamenti significativi intervenuti nel corso del 2012 rientra anche la decisione, in linea con il disegno strategico di rifocalizzarsi su attività più coerenti al proprio modello di business, di non ritenere coerente al proprio modello di business il mercato del Revamping, concentrato su una committenza praticamente unica e con rischi tecnici e contrattuali non compatibili con le aspettative commerciali. Tale processo, che aveva comportato la fuoriuscita dal Ferroviario Estero nel 2011, è già stato intrapreso all estero, con la liquidazione di AnsaldoBreda France SAS agli inizi del A supporto di tale decisione la società ha tenuto conto anche degli esiti di uno specifico studio commissionato a primaria società di consulenza internazionale, che ha sostanziato la oggettiva difficoltà della società ad operare in tale contesto di mercato. La corporate governance L impegno di AnsaldoBreda per la sostenibilità e la responsabilità sociale d impresa sta progressivamente caratterizzando l approccio a tutti i processi dell azienda, sia a livello strategico che operativo. All interno del sistema si riconoscono come elementi specifici: il Codice Etico, che definisce i valori e i princípi alla base di un comportamento responsabile da parte di tutti gli stakeholder interni ed esterni all azienda; il Modello organizzativo di gestione e controllo, ai sensi del Decreto Legislativo n. 231 del 2001, che identifica le aree di potenziale rischio per la responsabilità amministrativa della società, individua le singole attività ed i processi coinvolti e indica gli specifici presídi ritenuti idonei a prevenire la commissione di reati; il Sistema di controllo interno; i processi e i sistemi che governano specifiche aree funzionali, come, per esempio, i Sistemi di Gestione della Qualità, dell Ambiente, della Salute e Sicurezza sviluppati e certificati in base a standard internazionali (ISO 9001, ISO 14001, OHSAS 18001). La struttura in atto è basata sulla coesistenza dei seguenti elementi: Sistema di controllo interno Modello organizzativo ex D.Lgs 231/01 Sistema di controllo interno È il sistema dei processi diretti a monitorare l efficienza delle operazioni aziendali, l affidabilità delle informazioni finanziarie, il rispetto delle leggi e dei regolamenti, nonché la salvaguardia dei beni aziendali. Principali componenti sono: il sistema normativo aziendale; il sistema di deleghe e attribuzione dei poteri; le attività di risk assessment aziendale; le attività di controllo svolte dalle funzioni aziendali. La coerenza e la sostenibilità del sistema di controllo interno derivano dall esistenza ed efficacia dei requisiti di base (norme, ruoli definiti, chiari e basati sulla segregazione, tracciabilità dei dati), dalla coesistenza di diversi enti dedicati al presidio organizzativo e all aggiornamento dei requisiti con enti dedicati ai controlli specifici (Internal auditing, Organismo di Vigilanza, Dirigente preposto, Collegio sindacale) e dalle interrelazioni e dai confronti periodici formalizzati tra gli stessi enti. rapporto di sotenibilità [17]

20 L Azienda ha attuato i necessari interventi di adeguamento alle disposizioni della Legge 262/2005 nell ambito di uno specifico progetto coordinato dalla controllante Finmeccanica, richiedente un allineamento nelle procedure contabili e nelle procedure relative ai processi alimentanti. In tale contesto è stata deliberata dal CdA la nomina del Dirigente responsabile dell informativa contabile e finanziaria da fornire alla Capogruppo, che ha il compito specifico di garantire l adeguatezza dell impianto contabile e procedurale posto in essere. Riguardo le attività di controllo, la funzione Internal Auditing agisce in maniera gerarchicamente indipendente dai responsabili delle aree operative, riferendo direttamente al Presidente. La funzione opera attraverso un Piano di Audit triennale - elaborato sulla base di un processo di individuazione, valutazione e definizione delle priorità dei rischi aziendali - approvato dal CdA. Attraverso la realizzazione del piano di Audit approvato e dei compiti assegnati svolge attività di assurance e consulenza, finalizzata al miglioramento dell efficacia e dell efficienza dell organizzazione ed effettua attività informativa e di reporting sulle attività svolte e sui risultati emersi nei confronti degli Organi societari e di controllo. Modello organizzativo ex D.lgs. 231/01 In considerazione dell entrata in vigore del D.lgs. 231/01 - che prevede la responsabilità a carico degli enti nel caso in cui amministratori e dipendenti commettano alcune tipologie di reati nell interesse o a vantaggio dell ente stesso - l azienda ha proceduto, anche sulla base delle linee guida emesse da Confindustria, ad una progressiva implementazione di un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo finalizzato all ottenimento delle condizioni di esonero dalla responsabilità disciplinate dagli artt. 6 e 7. Componenti essenziali del modello sono: il Codice Etico; l identificazione delle aree/attività a rischio e/o supporto di reato ex D.lgs. 231/01; le norme di comportamento e il sistema di prevenzione, vigilanza e controllo; il sistema di poteri e deleghe; la formazione del personale e la diffusione del modello; il sistema disciplinare; l istituzione dell Organismo di Vigilanza (OdV). Il Modello è composto da una Parte Generale, 6 Parti speciali e 7 allegati. La Parte Generale contiene: la descrizione dei contenuti e della logica del Decreto; le motivazioni e la finalità dell adozione del Modello da parte dell Azienda; le funzioni, i poteri, il sistema di comunicazione e le modalità di sviluppo delle attività dell OdV; la formazione del personale e la diffusione del Modello nel contesto aziendale; il sistema disciplinare in caso di mancata osservanza delle prescrizioni. La Parte speciale A per i reati commessi in danno della Pubblica Amministrazione; la Parte speciale B per i reati societari ed il market abuse; la Parte speciale C per i reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell igiene e della salute sul lavoro; la Parte speciale D per i reati informatici; la Parte speciale E per i reati di ricettazione e riciclaggio nonché per i delitti di criminalità organizzata e con finalità di terrorismo; la Parte speciale F per i reati ambientali. Le parti speciali sostanzialmente indicano le aree a rischio o a supporto reato ex D.lgs. 231/2001 per le varie attività sviluppate nell Azienda, stabiliscono i principi di comportamento per coloro che vi operano e indicano le metodologie e gli strumenti per le attività di prevenzione e controllo. Gli Allegati al Modello sono: - Codice Etico; - Struttura organizzativa di AnsaldoBreda S.p.A.; - Articolazione dei poteri e sistema di deleghe; - Responsabili interni aree a rischio; [18]

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 ( RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA D IMPRESA) La norma

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia Si definisce Risk Management - o gestione del rischio - il complesso di attività mediante le quali si misura o si stima il

Dettagli

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 ucci UTILIZZO DI FINANZIAMENTI INAIL SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA, MODELLI 231 SEMPLIFICATI PER LA PREVENZIONE DEI REATI SULLA SICUREZZA AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 AGENDA Il Bando

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte

Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Decreto 231: quadro di riferimento e guida interpretativa - seconda parte Stefano Bonetto e Francesco

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica Politiche Gruppo Biesse Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica 1 INDICE 1. INTRODUZIONE, PREMESSE E OBIETTIVI... 3 2. FINALITÀ DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO... 5 2.1 POLITICHE DELLA QUALITÀ... 6 2.3

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Questo documento descrive le responsabilità della Direzione. Responsabilità che si esplicano nel comunicare

Dettagli

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA Il CODICE ETICO costituisce parte integrante del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO adottato ed implementato da I valori e i principi ivi dichiarati rispecchiano

Dettagli

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Voce Controllo del Documento Informazioni Documento Informazione Identificativo documento DIR-IA

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT

LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT Varese, 16 luglio 2007 Mario Mazzoleni info@mariomazzoleni.com www.mariomazzoleni.com LA CSR L integrazione su base volontaria delle preoccupazioni

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Il Gruppo conferma la leadership nella raccolta del risparmio e dei premi assicurativi. Nel settore postale incide l onere per

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3 Codice etico Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione articolo 25-septies e articolo 25 undecies del D.Lgs. 231/01 20/01/2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione SOMMARIO generalità

Dettagli

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA I 3 elementi chiave: il prodotto, il processo, la cultura RESPONSABILITA SOCIALE ACCOUNTABILITY RENDICONTAZIONE

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione 4 modulo Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione Riferimento bibliografico: appendice del libro; Slide con la collaborazione di Stefano Castriglianò Ellegi consulenza Fondi pensione negoziali:

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Settembre 2010 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. INTRODUZIONE La legge-delega 4 marzo

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO TELECOM ITALIA 3 Ottobre 2013 Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com SOMMARIO Principi Generali 6 I nostri Valori 7 I nostri

Dettagli

Gli stakeholder Fornitori

Gli stakeholder Fornitori Gli stakeholder Fornitori Fornitori Trasparenza, imparzialità, correttezza e presidio dei principi di sostenibilità sono alla base delle attività di approvvigionamento dei beni e dei servizi aziendali.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 Indice: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa 2015-2017......2 1. Responsabilità, elaborazione, adozione e aggiornamento del Programma...4 2. I dati da pubblicare sul sito istituzionale

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Documento Trasparenza: Codice di raggruppamento: Oggetto della modifica: TR.PRO.TRA TR.PRO.TRA Approvazione: Delegato Piero Buoncristiano Emissione:

Dettagli

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81)

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81) Sommario 2 3 6 8 Principi di comportamento Principi d azione Rispetto della legalità Rispetto della salute e della sicurezza sul lavoro Rispetto dell ambiente e della collettività Rapporti con fornitori

Dettagli

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI La contabilità ambientale: uno strumento per la sostenibilità La contabilità ambientale può essere definita come un sistema

Dettagli

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di Pag. di NUMERO EDIZIONE DATA MOTIVAZIONE 6/09/204 Adozione ALLEGATO Mappa dei rischi ALLEGATO Mappa dei rischi elaborata sulla

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 COMUNICATO STAMPA Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 Milano, 6 agosto 2009 Il Consiglio di Amministrazione di Nova Re S.p.A., riunitosi in data odierna, ha approvato

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA Sentiamo la responsabilità di essere un player globale in un settore caratterizzato da elementi strategici di grande delicatezza. L attenzione alle regole e la

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento APAM esercizio spa 1 CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Indice 1. PREMESSA BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ pag. 3 2. PRINCIPI GENERALI 2.1 Contenuto e finalità del codice etico pag. 4 2.2 Destinatari del codice

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI

CODICE DI CONDOTTA FORNITORI Data: 1/08/2013 Edizione n 1 rev. 0 Destinatario: Copia n Direzione HR REDAZIONE E VERIFICA APPROVAZIONE Rappresentante della Direzione COPIA ELETTRONICA CONTROLLATA, COPIA CARTACEA NON CONTROLLATA CODICE

Dettagli

Il procedimento di autorizzazione

Il procedimento di autorizzazione Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria Il procedimento di autorizzazione Roma, 1 luglio 2015 Agostino Di Febo Servizio Costituzioni e gestione delle crisi Divisione Costituzioni banche e intermediari

Dettagli

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Sommario Premessa 0.1 Obiettivi 0.2 Adozione 0.3 Diffusione 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento Sezione I Rapporti con l esterno 1.1 Competizione

Dettagli

approfondimenti al Bilancio di Sostenibilità 2012

approfondimenti al Bilancio di Sostenibilità 2012 approfondimenti al Bilancio di Sostenibilità 2012 il mercato del fotovoltaico nel 2012, clienti e fornitori il mercato del fotovoltaico nel 2012, clienti e fornitori il mercato del fotovoltaico nel 2012

Dettagli

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti CODICE ETICO e di CONDOTTA Della Monica & Partners Srl Società tra Professionisti Giugno 2014 INDICE... 2 ARTICOLO 1 PREMESSA... 3 ARTICOLO 2 OBIETTIVI E VALORI... 3 ARTICOLO 3 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO...

Dettagli

Carbon Footprint di un organizzazione

Carbon Footprint di un organizzazione CHE COSA E LA CARBON FOOTPRINT? La Carbon Footprint misura il contributo che le attività umane producono sull effetto serra, espresso in tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO 2 eq). Il tema

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Vista la deliberazione del Consiglio Direttivo dell Autorità d Informazione Finanziaria del 27 ottobre 2011 EMANA. Premessa

Vista la deliberazione del Consiglio Direttivo dell Autorità d Informazione Finanziaria del 27 ottobre 2011 EMANA. Premessa ISTRUZIONE N.1 IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, PROCEDURE E CONTROLLI INTERNI VOLTI A PREVENIRE L UTILIZZO DEGLI ENTI VIGILATI A FINI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO Il Presidente dell Autorità

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO Sistema di misurazione e valutazione della performance in attuazione del D.Lgs. n. 150/2009 1 Indice Presentazione... 3 Principi... 3 Articolazione del sistema... 4 1. La Valutazione

Dettagli

Le novità della nuova UNI EN ISO 14001:2015. Daniele Pernigotti Delegato italiano in ISO/TC 207/SC1/WG5

Le novità della nuova UNI EN ISO 14001:2015. Daniele Pernigotti Delegato italiano in ISO/TC 207/SC1/WG5 Le novità della nuova UNI EN ISO 14001:2015 Daniele Pernigotti Delegato italiano in ISO/TC 207/SC1/WG5 Milano, 25/09/2015 Sommario 1. Perchè una nuova revisione 2. Le principali novità della ISO 14001:2015

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

Programma triennale. per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) di ACAM ACQUE S.p.A.

Programma triennale. per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) di ACAM ACQUE S.p.A. Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) di ACAM ACQUE S.p.A. 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data n. 28/09/2015 con determinazione dell Amministratore

Dettagli

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI

POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI POLICY PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI Approvato dal Revisionato dal Consiglio di Amministrazione del 27 aprile 2012 Le presenti linee guida rappresentano

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DELLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE NELL ESERCIZIO 2015

INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DELLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE NELL ESERCIZIO 2015 INFORMATIVA SULL APPLICAZIONE DELLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE NELL ESERCIZIO 2015 Marzo 2016 1. PREMESSA Il Consiglio di Amministrazione è tenuto a rendere

Dettagli

Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2015

Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2015 Organismo Indipendente di Valutazione Sede, 03.04.2015 Pr. 88 PRESIDENTE Dott. Riccardo Maria Monti DIRETTORE GENERALE Dott. Roberto Luongo E,p.c.: Presidenza Direzione Generale Dott. Gianpaolo Bruno Dott.

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007 AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Febbraio 2007 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. PRINCIPI GENERALI...3 2. REGOLE GENERALI DI

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Fondi Pensione Aperti

Fondi Pensione Aperti Fondi Pensione Aperti Massimo Nicoletti Milano 07 novembre, 2014 2 Cenni sulla Previdenza Fonte 3 Cenni sulla Previdenza Fonte Insurance Companies 4 FPA: elementi identificativi e modalità di costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment General Risk Assessment Conduzione di un General Risk Assessment in coerenza con i requisiti ISO 9001:2015. nel 2015 verrà pubblicata la nuova UNI EN ISO 9001 che avrà sempre più un orientamento alla gestione

Dettagli