CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. per il triennio ) Alberto G. Rosania. Presidente. Roberto Tana Vice Presidente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. per il triennio 2012-2014) Alberto G. Rosania. Presidente. Roberto Tana Vice Presidente"

Transcript

1 Rapporto di Sostenibilità 2012

2

3 Rapporto di Sostenibilità 2012

4 Indice 4 Lettera del Presidente 5 Presentazione del Rapporto di Sostenibilità Profilo del Rapporto 6 Criteri adottati per definire il contenuto del Rapporto di Sostenibilità 6 Criteri adottati per la stesura del Rapporto di Sostenibilità 7 Linee Guida e raccolta dati 8 Tabella di riferimento 10 Profilo di AnsaldoBreda S.p.A. 10 Le attività di AnsaldoBreda S.p.A. 11 La presenza in Italia e nel mondo 12 Lo scenario di mercato 12 La presenza sui mercati 14 L assetto societario 16 Cambiamenti significativi 17 La Corporate Governance 17 Sistema di controllo interno 18 Modello organizzativo ex D.lgs. 231/01 19 La gestione dei rischi 22 Conformità 22 Premi e riconoscimenti 23 Sezione economica 24 Performance economica 25 Rischi e opportunità legati ai cambiamenti climatici 26 Copertura degli obblighi assunti nei confronti dei dipendenti 27 Impatti economici indiretti 29 Sezione ambientale 30 Biodiversità 31 Materie prime 33 Energia 34 Acqua 36 Emissioni 39 Rifiuti 40 Valutazione del ciclo di vita dei prodotti 41 Impatti dei prodotti sulla salute e la sicurezza 42 Informazioni relative ai prodotti 44 Spese ambientali 44 Conformità 45 Sezione sociale 46 Composizione del personale 47 Turnover 47 Relazioni industriali 49 Lavoro minorile o forzato 49 Pratiche discriminatorie 49 Diversità e pari opportunità 50 Valorizzazione del capitale umano 52 Salute e Sicurezza 55 La collettività 59 Lo stakeholder engagement 61 Relazioni con le istituzioni pubbliche nazionali e internazionali 62 Pratiche di investimento e approvvigionamento

5 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE (nominato dall Assemblea del 18/04/2012 per il triennio ) Alberto G. Rosania Presidente Roberto Tana Vice Presidente Maurizio Manfellotto Amministratore Delegato Roberto Mazzei Consigliere Giovanni Pontecorvo Consigliere Angela Maria Tornatora Consigliere Giuseppe Panizzardi Consigliere COLLEGIO SINDACALE (nominato dall Assemblea del 18/04/2012 per il triennio ) Francesco Follina Presidente Roberto Serrentino Sindaco effettivo Paolo Maria Ciabattoni Sindaco effettivo Pietro Cerasoli Sindaco supplente Alberto Conforti Sindaco supplente Società di revisione per il periodo : KPMG S.p.A.

6 Ad AnsaldoBreda non mancano le sfide. E forse non le sono mai mancate. Posso affermarlo grazie alla mia ormai lunga presenza nel Settore dei Trasporti Ferroviari e in questa Azienda come Presidente. Le sfide affrontate e superate negli anni hanno insegnato ad AnsaldoBreda di poter ribaltare anche le situazioni più avverse se si riesce a fare squadra e a dare il massimo per raggiungere gli obiettivi voluti. Quello che viviamo è sicuramente un momento complesso, per l economia mondiale, per il nostro Paese ed anche per la nostra società. Mai come oggi bisogna avere la forza di guardare al futuro fiduciosi, con la consapevolezza che il futuro inizia dalle scelte del presente. Responsabilità, innanzi tutto dunque! Responsabilità, certamente, di chi governa l impresa, ma anche di tutte le donne e gli uomini che attraverso il proprio lavoro hanno dato segnali importantissimi di appartenenza e di riscatto. L impegno ad operare in modo responsabile è sempre stato parte integrante delle strategie di AnsaldoBreda e ne costituisce un vero valore aggiunto. Intendiamo la sostenibilità come tendenza al miglioramento continuo, capace di agire positivamente non solo sulla nostra reputazione ma anche sulle performance economiche. Il Rapporto di Sostenibilità esprime proprio la volontà di condividere questo approccio, trasversale e sistemico, volto alla creazione di un valore economico e sociale attraverso il rispetto dell ambiente e la cura e l intensificazione delle relazioni con i propri stakeholder. AnsaldoBreda, infatti, pone grande attenzione alla protezione dell ambiente e delle risorse naturali, alla tutela della salute e della sicurezza delle persone, alla valorizzazione del loro percorso professionale. È alla continua ricerca di un rapporto di scambio positivo con le comunità locali in cui è presente con i propri stabilimenti o i propri veicoli, nonché di iniziative innovative nei rapporti con i propri clienti e fornitori. Lo sviluppo dei nostri prodotti è ispirato ai principi di sicurezza, comfort, ecologicità ed efficienza delle performance, a cui si aggiunge, certamente, la ricerca di forma e di design esclusivo. Gli investimenti in Ricerca e Sviluppo sono, pertanto, finalizzati all individuazione di soluzioni capaci di ridurre i consumi, di materiali che assicurino resistenza e sicurezza per la salute, di tecniche produttive capaci di garantire efficienza e qualità. I dati e le informazioni contenute in questo report testimoniano il generale miglioramento delle prestazioni e il raggiungimento di molti obiettivi di qualità, in un ottica di trasparenza e collaborazione verso gli stakeholders. Il nostro terzo Rapporto di Sostenibilità, che porta a un ulteriore miglioramento del livello di rendicontazione complessivo, coincide con l avvento delle nuove Linee Guida di Global Reporting Initiative, di imminente pubblicazione. Leggere questo Rapporto non rappresenta, dunque, un mero esercizio di conoscenza, quanto e soprattutto un approfondimento sempre più al centro dell agenda globale, non solo del mondo dei trasporti, ma dell intero globo. Lettera del Presidente Alberto G. Rosania Presidente di AnsaldoBreda S.p.A. [4]

7 Presentazione del Rapporto di Sostenibilità 2012 AnsaldoBreda, perseguendo costantemente la sostenibilità della gestione economico-finanziaria, dei processi produttivi, dei prodotti e delle relazioni con gli stakeholder, pubblica il suo terzo Rapporto di Sostenibilità per comunicare al pubblico gli sforzi compiuti in tale direzione. Grazie all integrazione dei valori di responsabilità sociale all interno del proprio sistema di governance e all impegno di rilevare, monitorare e divulgare le performance di sostenibilità, l azienda compie un ulteriore passo per andare incontro alle richieste dei mercati mondiali. Il percorso di crescita nello sviluppo della corporate responsibility, in cui rientra anche il graduale miglioramento del processo di reporting condotto in osservanza dello standard G3.1 di Global Reporting Initiative (GRI), ha infine portato AnsaldoBreda a raggiungere e a dichiarare, con piena soddisfazione, il livello A di rendicontazione. L obiettivo del 2013, che comporterà, fra l altro, una migliore definizione dei pochissimi indicatori ancora parzialmente rendicontati, è quello di consolidare il prestigioso risultato raggiunto sottoponendo il documento all asseverazione da parte di un ente di certificazione, in modo da conferire al lavoro compiuto quel plus che contraddistingue i report sottoposti a verifica. rapporto di sotenibilità [5]

8 Profilo del Rapporto Il Rapporto di Sostenibilità di AnsaldoBreda vuole descrivere in dettaglio le caratteristiche della società, i principali risultati ottenuti durante il periodo di rendicontazione e gli obiettivi di sviluppo futuro nel perseguimento della sostenibilità economica, ambientale e sociale. Le attività di progettazione del documento e di elaborazione dei testi hanno coinvolto trasversalmente tutta l organizzazione aziendale. Il Rapporto è quindi frutto di un processo ragionato e condiviso, che ha permesso di individuare e mettere in luce quegli aspetti della vita di un azienda che solitamente trovano scarsa risonanza mediatica: non solo i risultati economico-finanziari, quindi, ma anche le performance e le scelte operate nell'ambito della qualità del servizio, della sicurezza dei prodotti e dell'attenzione verso le persone e l ambiente. Criteri adottati per definire il contenuto del Rapporto di Sostenibilità Materialità: sono stati focalizzati gli argomenti e gli indicatori che riflettono gli impatti significativi di tipo economico, ambientale e sociale dell attività dell azienda, o che potrebbero influenzare in modo significativo le valutazioni e le decisioni degli stakeholder; Inclusività: nel Rapporto la società illustra i principi cardine attraverso i quali intraprende i rapporti con i propri portatori di interesse. L obiettivo è quello di favorire sempre più la partecipazione degli stessi allo sviluppo e al raggiungimento di una risposta responsabile e strategica alla sostenibilità. È convinzione di AnsaldoBreda che il confronto con i propri stakeholder permetta un miglioramento continuo del processo di reporting; Contesto di sostenibilità: le informazioni sulle performance, ove possibile, sono contestualizzate in modo da evidenziare come la società contribuisca allo sviluppo locale e regionale; Completezza: i dati pubblicati fanno riferimento all anno solare 2012 e vanno interpretati come valori aggregati di dati riferibili alle sedi di AnsaldoBreda Italia. Criteri adottati per la stesura del Rapporto di Sostenibilità Equilibrio: il report evidenzia gli aspetti negativi e positivi delle performance aziendali, al fine di permettere una valutazione obiettiva dell andamento complessivo della gestione; [6]

9 Comparabilità: essendo il terzo Rapporto di Sostenibilità della società, è stata eseguita la comparazione dei dati del periodo di rendicontazione con quelli dei due periodi precedenti; Accuratezza: le informazioni di tipo quantitativo, salvo alcune stime opportunamente segnalate e illustrate nella metodologia di calcolo adottata, derivano da rilevazioni dirette. Quando l analisi si basa su tassi ed indici, sono evidenziate le modalità di calcolo. Le informazioni di tipo qualitativo sono rilevate secondo le politiche, i modelli e le procedure adottate in azienda; Tempestività: le informazioni di tipo non financial sono fornite unitamente alle informazioni di tipo economico-finanziario; Chiarezza: la realizzazione del report permette di conseguire il necessario dettaglio informativo utile agli enti di riferimento per poter attribuire il livello di adesione agli standard. L esposizione è semplice, essenziale ed arricchita, ove possibile, da grafici e tabelle in modo da rendere le informazioni accessibili e comprensibili. Affidabilità: le informazioni derivano da rilevazioni supportate da prove documentali raccolte in appositi archivi elettronici, in modo da facilitare l accesso da parte dei soggetti che dovranno valutare la veridicità dei dati. Dal 2010 la società pubblica il Rapporto con cadenza annuale, fornendo dati e informazioni riferibili all anno solare, ovverosia al periodo di tempo compreso fra il 1 gennaio e il 31 dicembre. Il perimetro di rendicontazione del Rapporto di Sostenibilità 2012 comprende i siti produttivi di proprietà di AnsaldoBreda in Italia. Esso non comprende le società controllate AnsaldoBreda Inc., AnsaldoBreda España SL e AnsaldoBreda France SAS, né le stabili organizzazioni per la gestione in garanzia delle commesse presso il cliente, la rendicontazione delle cui attività costituirà l allargamento del perimetro programmato per il futuro. Linee Guida e raccolta dati L elaborazione dei Key Performance Indicators (KPI) è stata realizzata osservando strettamente le formule, i parametri e le unità di misura indicate nei Protocolli di Indicatori dal GRI (Guidelines Version G3.1). La raccolta dei dati è stata realizzata coinvolgendo i responsabili delle diverse divisioni, identificati nella fase di progettazione, attraverso l invio di appositi protocolli di raccolta dati per ogni aspetto della sostenibilità considerato dalle Linee Guida GRI. Le informazioni quali/quantitative pervenute sono state archiviate in appositi registri in modo da facilitare il processo di verifica delle dichiarazioni e la congruenza con i dati riportati nel Bilancio d Esercizio Le informazioni raccolte sono state poi elaborate ed esposte secondo una rendicontazione per sezioni: Economica, Sociale ed Ambientale. Per maggiori informazioni sul Rapporto di Sostenibilità 2012 di AnsaldoBreda: dott. Leone Schisano rapporto di sotenibilità [7]

10 Tabella di riferimento La tabella riepilogativa riporta per ognuno degli indicatori trattati nel Rapporto di Sostenibilità 2012 di AnsaldoBreda il grado di rendicontazione raggiunto o l eventuale inapplicabilità. LEGENDA C: Completo P: Parziale NA: Non Applicabile NR: Non Rendicontato ind livello pag profilo 1.1 C 1.2 C 2.1 C 2.2 C 2.3 C 2.4 C 2.5 C 2.6 C 2.7 C 2.8 C 2.9 C 2.10 C 3.1 C 3.2 C 3.3 C 3.4 C 3.5 C 3.6 C 3.7 C 3.8 C 3.9 C ind livello pag 3.10 na na C 3.13 na C 4.2 C 4.3 C 4.4 C 4.5 C 4.6 C 4.7 C 4.8 C 4.9 C 4.10 C 4.11 C 4.12 C 4.13 C 4.14 C 4.15 C 4.16 C 4.17 C [8]

11 ind livello pag ind livello pag ind livello pag economia ec1 core C ec2 core p ec3 core C ec4 core C ec5 add p ec6 core C ec7 core p ec8 core C ec9 add C ambiente en1 core C en2 core C en3 core C en4 core C en5 add nr - en6 add p en7 add p en8 core C en9 add C en10 add C en11 core C en12 core na - en13 add na - en14 add na - en15 add na - en16 core C en17 core C en18 add p en19 core na - en20 core C en21 core C en22 core C en23 core C en24 add na - en25 add na - en26 core p en27 core na - en28 core C en29 core C en30 core C responsabilità di prodotto pr1 core C pr2 add C pr3 core C pr4 add C pr5 add C pr6 core C pr7 add C pr8 add C pr9 core C pratiche di lavoro la1 core C la2 core C la3 add C la4 core C la5 core C la6 add C la7 core C la8 core C la9 add C la10 core C la11 add C la12 add C la13 core C la14 core C diritti UMani Hr 1 core C Hr 2 core C Hr 3 add C Hr 4 core C Hr 5 core C Hr 6 core C Hr7 core C Hr 8 add na - Hr 9 add C società so1 core p so2 core C so3 core C so4 core C so5 core C so6 add C so7 add C so8-core C [9]

12 Profilo di AnsaldoBreda S.p.A. AnsaldoBreda S.p.A. è una società del Gruppo Finmeccanica impegnata nella progettazione, produzione e commercializzazione di materiale rotabile tecnologicamente avanzato per il trasporto urbano e ferroviario. AnsaldoBreda S.p.A. persegue la propria mission nel rispetto rigoroso dell'obiettivo di creare valore per i propri Azionisti e puntando a proteggere e rafforzare le competenze nazionali nei business di riferimento. Le attività di AnsaldoBreda S.p.A. AnsaldoBreda, in linea con le richieste del mercato, progetta e sviluppa un'ampia gamma di veicoli per ogni esigenza di trasporto ferroviario urbano ed extraurbano. La società produce: treni completi; treni ad alta velocità; locomotive elettriche; Intercity EMU (Electric Multiple Unit) e DMU (Diesel Multiple Unit) ad un piano; EMU a due piani per il trasporto regionale (TSR); veicoli per metropolitane, sia di tipo tradizionale che automatiche; tram, tra cui quelli della piattaforma Sirio. I prodotti riscuotono da sempre importanti successi in Italia e all'estero, consolidando una posizione di primo piano sia nella fornitura di veicoli per metropolitane e ferrovie che in quella di tram per il Trasporto Pubblico Locale. In un mercato sempre più attento alle prestazioni ambientali del settore dei trasporti, AnsaldoBreda gioca un ruolo di primo piano grazie allo sviluppo di prodotti per una mobilità eco-compatibile e alla gestione ambientale certificata dei propri stabilimenti di produzione. [10]

13 La presenza in Italia e nel mondo Le attività di AnsaldoBreda S.p.A. si svolgono nelle sedi di: Napoli, dove è ubicata la sede legale della società e dove vengono realizzate le attività di progettazione e costruzione dei sistemi di trazione e controllo, degli impianti ausiliari e dei motori elettrici, le attività di costruzione ed assemblaggio dei carrelli e di allestimento e collaudo dei veicoli; Pistoia, dove sono concentrate le lavorazioni per il settore ferroviario e l Alta Velocità. A Pistoia vengono inoltre progettate e realizzate le parti strutturali dei veicoli, ne viene effettuato l assemblaggio e vengono svolte le attività di prova; Reggio Calabria, dove è ubicato lo stabilimento dedicato al settore metropolitano e tranviario e dove vengono realizzate le parti strutturali dei veicoli, i montaggi e gli allestimenti della parte impiantistica e degli arredi e le prove funzionali dei veicoli; Carini (PA), dove è ubicato lo stabilimento dedicato alle attività di revamping e dove vengono effettuati il montaggio e l allestimento della parte impiantistica e degli arredi, nonché le prove funzionali dei veicoli. AnsaldoBreda S.p.A. controlla il 100% della società AnsaldoBreda Inc., con sede a Pittsburg (California), ed il 100% della società AnsaldoBreda España SL, con sede a Madrid. Nei primi mesi del 2012 è stata avviata la procedura di liquidazione della società AnsaldoBreda France SAS, con sede a Marsiglia, controllata al 100% da AnsaldoBreda S.p.A. Nel corso dell anno la società ha gestito cantieri di assistenza in garanzia presso le sedi dei propri Clienti in Francia, Olanda, Norvegia, Svezia, Danimarca, Grecia, Turchia, Marocco, Arabia Saudita e Taiwan, oltre che nelle principali città italiane ove i propri prodotti operano a servizio delle società di trasporto pubblico. [11]

14 Lo scenario di mercato Nel corso del 2012 sono stati avviati e realizzati numerosi progetti di nuovi sistemi di trasporto su ferro in diversi Paesi del mondo. Tali progetti, unitamente all esigenza degli operatori di rinnovare il proprio parco veicoli per migliorare il servizio offerto e per adeguarlo alle ultime specifiche ambientali e di sicurezza, hanno sostenuto la domanda di nuovo materiale rotabile. La domanda di metropolitane pesanti è stata molto rilevante, in particolar modo dai mercati cinesi e statunitensi. I numerosi progetti in fase di studio/realizzazione in tutto il mondo fanno prospettare un ulteriore incremento della domanda, con tassi particolarmente sostenuti in Sudamerica e in Asia, dove è maggiore il numero di città di grandi dimensioni non ancora dotate di un sistema di trasporto urbano. La richiesta è di prodotti sia pesanti che leggeri, con un particolare orientamento verso i sistemi a guida automatica nei Paesi maggiormente evoluti. La domanda di veicoli tranviari si espande con forza verso nuovi mercati: grandi città di Russia, Kazakhstan, Canada e Brasile si mostrano interessate a dotarsi di reti di trasporto tranviario, contestualmente alla realizzazione di reti metropolitane o in alternativa a queste, maggiormente onerose in termini di opere infrastrutturali. Numerosi progetti sono attesi in Europa ed un interesse crescente viene manifestato da aree quali Medio Oriente, Sudamerica e Cina, dove gran parte delle città è intenzionata a dotarsi di tram e dove si stanno realizzando trasferimenti tecnologici dai principali produttori europei alle industrie locali per realizzare produzioni in loco. La domanda di treni Very High Speed (velocità superiore a 300 km/h) registra una ripresa: nel 2012 sono stati infatti assegnati ordini in Francia, Taiwan ed Hong Kong. Nuovi progetti per la realizzazione di collegamenti oltre i 300 km/h si continuano a delineare in altri Paesi del mondo, come Turchia, Svezia, USA e Brasile, dove un piano di investimenti prevede di dotare il Paese di una rete ferroviaria lunga km in 30 anni. In generale, sia per i prodotti ferroviari che per quelli urbani, la disponibilità di referenze diventa sempre più un fattore critico di successo e, in alcuni specifici mercati, si rende necessaria anche la presenza di un certo livello di contenuto locale, oltre che la capacità di offrire soluzioni di finanziamento. Nel corso del 2012 AnsaldoBreda ha perfezionato importanti accordi commerciali nel segmento Mass Transit e Street Cars, aggiudicandosi la fornitura di veicoli pesanti e leggeri rispettivamente per la metropolitana di Miami e per la linea 4 della metropolitana di Milano. A tali forniture si aggiunge anche l accordo quadriennale sottoscritto con ATM (Azienda Trasporti Milanese) per la consegna di treni destinati alle linee 1 e 2 della metropolitana del capoluogo lombardo, nell ottica del potenziamento del servizio e della qualità del comfort made in Italy che caratterizzerà i veicoli destinati ad ospitare i milioni di visitatori attesi ad Expo Milano Non meno importante è l accordo di Transfer of Technology concluso con l azienda cinese CNR Dalian, riguardante un veicolo tranviario della famiglia Sirio, che dimostra il forte interesse dell azienda nei confronti della Cina e dei suoi mercati. Nel segmento Alta Velocità la società monitora attentamente il mercato, ottenendo comunque, nel corso del 2012, una variante d ordine significativa riguardante la fornitura del nuovo ETR1000. Buone opportunità si sono sviluppate anche nel segmento Regionale, con il raggiungimento di un accordo, da perfezionare ad inizio 2013, per la fornitura di elettrotreni a due piani a Trenord, che ha visto aumentare il proprio bacino di utenza. Da rimarcare, infine, le attività di Service, che prevede la fornitura di ricambi e servizi di upgrading e maintenance ai gestori del trasporto ferroviario: nel 2012 i lavori si sono concentrati soprattutto sull implementazione dei 4 nuovi livelli di servizio a bordo dei treni ETR600 Frecciarossa di Trenitalia. Gli Ordini acquisiti nel 2012 registrano un incremento del 21% rispetto all anno precedente, determinando anche un aumento del portafoglio ordini lavorabile del 6%. La presenza sui mercati AnsaldoBreda vanta una notevole presenza sui mercati esteri, con posizioni consolidate in Europa e negli Stati Uniti. [12]

15 Tra le realizzazioni di maggior rilievo: Metropolitane e tram ITALIA: Roma, Milano, Firenze, Napoli, Bari, Genova, Sassari, Bergamo, Brescia EUROPA: Madrid, Atene, Copenaghen, Göteborg, Oslo, Lille, Salonicco, Ankara, Kayseri, Samsun STATI UNITI: Washington, Los Angeles, San Francisco, Atlanta, Boston, Cleveland, Buffalo, Seattle, Honolulu, Miami SUDAMERICA: Rio de Janeiro, Fortaleza, Montevideo, Santiago, Lima MEDIO/ESTREMO ORIENTE: Riyadh, Taipei, Chongqing treni PAESI EUROPEI: Italia, Inghilterra, Svizzera, Danimarca, Norvegia, Olanda, Belgio PAESI ExTRAEUROPEI: Marocco, Egitto, Mauritania I numeri di AnsaldoBreda nel 2012 Ordini acquisiti per linea di business (in milioni di Euro) Alta Velocità - Main Line 73,3 Mass Transit - Sirio 462,6 Service 97,4 Varianti e Revisione Prezzi 151,6 Totale 784,8 31/12/2012 (*) 31/12/2011 (*) % Ordini acquisiti ,93 Portafoglio ordini ,24 Ricavi ,04 EBITA Adj ,21 EBIT ,60 Risultato netto ,32 Free operating cash flow ,02 Posizione finanziaria netta ,28 Patrimonio netto ,28 Ricerca & Sviluppo ,60 Investimenti tecnici ,76 Organici AnsaldoBreda S.p.A ,89 Organici AnsaldoBreda Italia ,61 (*) Valori espressi in migliaia di Euro rapporto di sotenibilità [13]

16 L assetto societario Il capitale di AnsaldoBreda S.p.A. è costituito esclusivamente da azioni ordinarie; Finmeccanica S.p.A., holding del Gruppo Finmeccanica, detiene il 100% del capitale della società. L organizzazione dell azienda, basata sul modello tradizionale, si compone di: Consiglio di Amministrazione (CdA), composto da 7 membri di cui 1 indipendente. Il Consiglio nomina l Amministratore Delegato (AD) e, laddove non abbia provveduto l Assemblea, il Presidente, che non ricopre ruoli esecutivi. Il CdA ha potere di compiere tutti gli atti opportuni al raggiungimento degli scopi sociali ad esclusione di quelli riservati all Assemblea; Collegio Sindacale, composto da 3 membri effettivi e 2 supplenti, tutti indipendenti. Ha il compito di vigilare sull osservanza delle leggi e dello statuto e sul rispetto dei principi di corretta amministrazione. Sia i consiglieri che i sindaci durano in carica tre anni e sono rieleggibili; Assemblea degli azionisti, competente a deliberare in sede ordinaria e straordinaria sulle materie riservatele dalla legge o dallo statuto societario; Società di revisione, iscritta nell albo speciale delle società di revisione contabile e nominata dall Assemblea degli azionisti. Il Vertice Aziendale, designato dalla controllante Finmeccanica e assunto alle proprie dipendenze, è sottoposto al Sistema di valutazione delle performance e allo Schema di incentivazione stabiliti dall azionista unico. Attraverso la Direttiva n. 18 del 04/11/2011, entrata pienamente in vigore nel 2012, Finmeccanica ha stabilito precise linee guida e requisiti minimi per la composizione e l operato degli organi di amministrazione e controllo delle società del gruppo. Chairman rosania Internal auditing sechi CEO ManFellotto Secutiry Officer rapiti CFO d aquila Legal improta HR, Change Mgmt & EOS Project Implem. CreMona External Relations de sio Innovation & Competitiveness CUsani Standard Processes, Quality & IT Services biasi Task Force V250/V300 giannone BU Mass Transit pepi BU Main Line Franzino BU Service CantelMi Standard Products & Platforms Unit Marino [14]

17 La Direttiva, pertanto, definisce i processi per la determinazione delle qualifiche e delle competenze di cui devono essere in possesso i membri del CdA e del Collegio Sindacale di ogni azienda controllata, fissando in modo esplicito una serie di cause di incompatibilità che vanno dal conflitto di interessi al coinvolgimento, anche soltanto indiziario per i casi più gravi, in fatti che possano ledere l onorabilità personale del consigliere o del sindaco. Grazie all esercizio dei poteri conferitigli, al ricorso all istituto della delega delle responsabilità e delle competenze e all utilizzo di specifici strumenti gestionali, la Direzione Aziendale ha pieno controllo delle performance in ambito economico, ambientale e sociale, dei rischi e delle opportunità associati all attività aziendale e della conformità a leggi, regolamenti, codici di condotta e standard volontari. Rispetto a questi ultimi, nel corso del 2012 la società ha proceduto al completo aggiornamento del Codice Etico, all emissione della Carta dei Valori e all integrazione dei sistemi di gestione aziendale certificati secondo le norme ISO e OHSAS 18001, relativi, rispettivamente, all ambiente e alla salute e sicurezza dei lavoratori. Il Vertice Aziendale, come indicato anche nella Direttiva della capogruppo, ha l obbligo di mantenere viva la comunicazione nei confronti della stessa Finmeccanica, dell assemblea degli azionisti e dei diversi stakeholder della società, primi fra tutti i dipendenti. Finmeccanica è il primo gruppo industriale italiano nel settore dell'alta tecnologia e tra i primi dieci player mondiali nell aerospazio, difesa e sicurezza. il gruppo Finmeccanica è concentrato su tre settori strategici elicotteri, elettronica per la difesa e sicurezza e aeronautica, nei quali realizza il 73% dei ricavi e il 67% degli ordini, oltre a impegnare il 74% delle risorse umane. Finmeccanica è anche leader europeo nei sistemi di difesa, con un buon posizionamento a livello internazionale e vanta una presenza consolidata nel settore spaziale dove ha la leadership nel mercato dei servizi satellitari. inoltre, dispone di significative competenze e di una consolidata posizione di mercato a livello mondiale nei settori dei trasporti e dell energia. Finmeccanica è un gruppo multinazionale e multiculturale con una chiara e riconosciuta vocazione all eccellenza tecnologica indispensabile a conquistare la leadership internazionale nei settori high tech in cui opera. il gruppo Finmeccanica ha la propria sede in italia ed è presente in modo stabile con asset produttivi importanti in tre mercati domestici, italia, regno Unito e stati Uniti, nei quali lavora circa il 90% del personale del gruppo. in europa ha stabilito la propria presenza anche in Francia, germania e polonia. Ha infine instaurato una significativa rete di collaborazioni nei paesi ad alto potenziale del mondo. in totale conta più di dipendenti, dei quali il 43% lavora all estero in circa 50 paesi distribuiti nei cinque continenti. rapporto di sotenibilità [15]

18 L importanza della comunicazione e del dialogo è pienamente condivisa dal management societario di AnsaldoBreda, come dimostrato dall elevato numero di incontri, riunioni e presentazioni svolte nel corso dell anno per illustrare, a tutti i livelli, il piano di rilancio e risanamento aziendale e raccogliere feedback utili al suo miglioramento. In particolare, i dipendenti hanno avuto due occasioni di dialogo e confronto con l AD in ogni sede dell azienda, grazie all organizzazione di meeting specifici (townhall) dedicati all aggiornamento sull andamento del business e alla raccolta di idee e suggerimenti. Cambiamenti significativi Sono proseguite le azioni avviate nel 2011 dal management di AnsaldoBreda nell ambito del progetto EOS (Evoluzione, Orgoglio, Successo), che ha l'obiettivo di rivisitare la strategia manageriale del gruppo per ritornare alla profittabilità entro il I primi interventi hanno riguardato le aree: Engineering, concentrandosi principalmente sul progetto ETR1000, sui progetti della linea di business Mass Transit, sulla definizione e l implementazione degli elementi chiave del lean engineering, nonché sulla definizione di una metodologia standard per il design to cost volto alla massimizzazione dell efficienza per ridurre il costo del prodotto. I benefici economici delle azioni implementate, tenuto conto che trovano applicazione su progetti in avviamento, si manifesteranno allorquando le commesse saranno avanzate in misura significativa; Manufacturing, attraverso l applicazione del modello business driven (il programma come sintesi dei centri di profitto) che consente di concentrarsi sull ottimizzazione delle produzioni e sull efficienza [16]

19 degli stabilimenti, investendo anche processi quali la pianificazione integrata o la qualità con l obiettivo di migliorare la produttività complessiva. Le azioni intraprese nel corso dell anno hanno mostrato dei positivi cambiamenti, anche se non sono ancora consuntivabili i progressi auspicati; Organizzazione e Supply Chain, dove sono stati conseguiti i risultati attesi nel periodo sia in termini di minor costo del personale che di risparmi ottenuti attraverso la ricontrattazione con fornitori. Fra i cambiamenti significativi intervenuti nel corso del 2012 rientra anche la decisione, in linea con il disegno strategico di rifocalizzarsi su attività più coerenti al proprio modello di business, di non ritenere coerente al proprio modello di business il mercato del Revamping, concentrato su una committenza praticamente unica e con rischi tecnici e contrattuali non compatibili con le aspettative commerciali. Tale processo, che aveva comportato la fuoriuscita dal Ferroviario Estero nel 2011, è già stato intrapreso all estero, con la liquidazione di AnsaldoBreda France SAS agli inizi del A supporto di tale decisione la società ha tenuto conto anche degli esiti di uno specifico studio commissionato a primaria società di consulenza internazionale, che ha sostanziato la oggettiva difficoltà della società ad operare in tale contesto di mercato. La corporate governance L impegno di AnsaldoBreda per la sostenibilità e la responsabilità sociale d impresa sta progressivamente caratterizzando l approccio a tutti i processi dell azienda, sia a livello strategico che operativo. All interno del sistema si riconoscono come elementi specifici: il Codice Etico, che definisce i valori e i princípi alla base di un comportamento responsabile da parte di tutti gli stakeholder interni ed esterni all azienda; il Modello organizzativo di gestione e controllo, ai sensi del Decreto Legislativo n. 231 del 2001, che identifica le aree di potenziale rischio per la responsabilità amministrativa della società, individua le singole attività ed i processi coinvolti e indica gli specifici presídi ritenuti idonei a prevenire la commissione di reati; il Sistema di controllo interno; i processi e i sistemi che governano specifiche aree funzionali, come, per esempio, i Sistemi di Gestione della Qualità, dell Ambiente, della Salute e Sicurezza sviluppati e certificati in base a standard internazionali (ISO 9001, ISO 14001, OHSAS 18001). La struttura in atto è basata sulla coesistenza dei seguenti elementi: Sistema di controllo interno Modello organizzativo ex D.Lgs 231/01 Sistema di controllo interno È il sistema dei processi diretti a monitorare l efficienza delle operazioni aziendali, l affidabilità delle informazioni finanziarie, il rispetto delle leggi e dei regolamenti, nonché la salvaguardia dei beni aziendali. Principali componenti sono: il sistema normativo aziendale; il sistema di deleghe e attribuzione dei poteri; le attività di risk assessment aziendale; le attività di controllo svolte dalle funzioni aziendali. La coerenza e la sostenibilità del sistema di controllo interno derivano dall esistenza ed efficacia dei requisiti di base (norme, ruoli definiti, chiari e basati sulla segregazione, tracciabilità dei dati), dalla coesistenza di diversi enti dedicati al presidio organizzativo e all aggiornamento dei requisiti con enti dedicati ai controlli specifici (Internal auditing, Organismo di Vigilanza, Dirigente preposto, Collegio sindacale) e dalle interrelazioni e dai confronti periodici formalizzati tra gli stessi enti. rapporto di sotenibilità [17]

20 L Azienda ha attuato i necessari interventi di adeguamento alle disposizioni della Legge 262/2005 nell ambito di uno specifico progetto coordinato dalla controllante Finmeccanica, richiedente un allineamento nelle procedure contabili e nelle procedure relative ai processi alimentanti. In tale contesto è stata deliberata dal CdA la nomina del Dirigente responsabile dell informativa contabile e finanziaria da fornire alla Capogruppo, che ha il compito specifico di garantire l adeguatezza dell impianto contabile e procedurale posto in essere. Riguardo le attività di controllo, la funzione Internal Auditing agisce in maniera gerarchicamente indipendente dai responsabili delle aree operative, riferendo direttamente al Presidente. La funzione opera attraverso un Piano di Audit triennale - elaborato sulla base di un processo di individuazione, valutazione e definizione delle priorità dei rischi aziendali - approvato dal CdA. Attraverso la realizzazione del piano di Audit approvato e dei compiti assegnati svolge attività di assurance e consulenza, finalizzata al miglioramento dell efficacia e dell efficienza dell organizzazione ed effettua attività informativa e di reporting sulle attività svolte e sui risultati emersi nei confronti degli Organi societari e di controllo. Modello organizzativo ex D.lgs. 231/01 In considerazione dell entrata in vigore del D.lgs. 231/01 - che prevede la responsabilità a carico degli enti nel caso in cui amministratori e dipendenti commettano alcune tipologie di reati nell interesse o a vantaggio dell ente stesso - l azienda ha proceduto, anche sulla base delle linee guida emesse da Confindustria, ad una progressiva implementazione di un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo finalizzato all ottenimento delle condizioni di esonero dalla responsabilità disciplinate dagli artt. 6 e 7. Componenti essenziali del modello sono: il Codice Etico; l identificazione delle aree/attività a rischio e/o supporto di reato ex D.lgs. 231/01; le norme di comportamento e il sistema di prevenzione, vigilanza e controllo; il sistema di poteri e deleghe; la formazione del personale e la diffusione del modello; il sistema disciplinare; l istituzione dell Organismo di Vigilanza (OdV). Il Modello è composto da una Parte Generale, 6 Parti speciali e 7 allegati. La Parte Generale contiene: la descrizione dei contenuti e della logica del Decreto; le motivazioni e la finalità dell adozione del Modello da parte dell Azienda; le funzioni, i poteri, il sistema di comunicazione e le modalità di sviluppo delle attività dell OdV; la formazione del personale e la diffusione del Modello nel contesto aziendale; il sistema disciplinare in caso di mancata osservanza delle prescrizioni. La Parte speciale A per i reati commessi in danno della Pubblica Amministrazione; la Parte speciale B per i reati societari ed il market abuse; la Parte speciale C per i reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell igiene e della salute sul lavoro; la Parte speciale D per i reati informatici; la Parte speciale E per i reati di ricettazione e riciclaggio nonché per i delitti di criminalità organizzata e con finalità di terrorismo; la Parte speciale F per i reati ambientali. Le parti speciali sostanzialmente indicano le aree a rischio o a supporto reato ex D.lgs. 231/2001 per le varie attività sviluppate nell Azienda, stabiliscono i principi di comportamento per coloro che vi operano e indicano le metodologie e gli strumenti per le attività di prevenzione e controllo. Gli Allegati al Modello sono: - Codice Etico; - Struttura organizzativa di AnsaldoBreda S.p.A.; - Articolazione dei poteri e sistema di deleghe; - Responsabili interni aree a rischio; [18]

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO 2ª Edizione - Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Calzedonia Holding S.p.A - il 17 marzo 2014 ENG INTRODU- ZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE DEL CODICE ETICO Un Azienda

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 Sintesi Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DI UNICREDIT S.P.A. AI SENSI DEL D.LGS. 231/01

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DI UNICREDIT S.P.A. AI SENSI DEL D.LGS. 231/01 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DI UNICREDIT S.P.A. AI SENSI DEL D.LGS. 231/01 UniCredit Group INDICE CAPITOLO 1: Ambito e finalità del Modello di Organizzazione e Gestione... 2 1.1 Premessa... 2

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

www.toscanaenergia.eu bilancio di sostenibilità

www.toscanaenergia.eu bilancio di sostenibilità www.toscanaenergia.eu bilancio di sostenibilità Toscana Energia 2013 bilancio di sostenibilità Toscana Energia 2013 INDICE LETTERA DEL PRESIDENTE E DELL AMMINISTRATORE DELEGATO 05 NOTA METODOLOGICA 06

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli