GUIDA DI APPROFONDIMENTO I TIROCINI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I TIROCINI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA"

Transcript

1 GUIDA DI APPROFONDIMENTO I TIROCINI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1

2 SOMMARIO PREMESSA... 3 AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 TIPOLOGIE E REQUISITI DI ACCESSO... 4 LA DURATA... 5 SOGGETTI CHE POSSONO PROMUOVERE I TIROCINI... 6 I COMPITI DEL SOGGETTO PROMOTORE... 6 SOGGETTI CHE POSSONO OSPITARE I TIROCINANTI... 7 OBBLIGHI IN CAPO AL SOGGETTO OSPITANTE... 8 LIMITI NUMERICI... 8 ATTIVAZIONE DI UN TIROCINIO... 9 TUTORAGGIO... 9 COPERTURE ASSICURATIVE INDENNITÀ DI PARTECIPAZIONE ASPETTI SANZIONATORI

3 PREMESSA Una prima disciplina normativa all istituto del tirocinio è stata data dalla Legge 196/97 e con il successivo Decreto Ministeriale n. 142/98, definendo il tirocinio formativo e di orientamento come periodo di formazione finalizzato a realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro e ad agevolare le scelte professionali a favore di soggetti che hanno già assolto l obbligo scolastico. In seguito tale normativa è stata integrata dall art. 11 del DL n. 138/2011, convertito in Legge n. 148/2011, il quale ha per oggetto esclusivamente i livelli essenziali di tutela nella promozione e realizzazione dei tirocini formativi e di orientamento, al fine di dare maggiore certezza al quadro legale di riferimento, che oggi è lacunoso e frammentato ed esposto a un utilizzo abusivo e fraudolento. Ciò è avvenuto nel rispetto delle competenze assegnate dalla Costituzione alle Regioni (vedi sentenza n. 50/2005 della stessa Corte Costituzionale), che rimangono i soggetti cui è affidata la regolamentazione dei dettagli applicativi dei tirocini. Alla luce del quadro legislativo nazionale, il tirocinio è uno strumento alternativo d inserimento al lavoro che consiste in un periodo di formazione professionale o di mero orientamento al lavoro in un ambiente produttivo. La Commissione Europea nell ambito della strategia Europa 2020 evidenzia la necessità, per garantire una maggiore tutela dei giovani nella delicata fase di transizione dalla scuola al lavoro, di arrivare a una Carta Europea dei tirocini di qualità, che rappresenti il documento unico di riferimento con i criteri applicativi del tirocinio. Sulla scorta di tale orientamento, la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano ha approvato, in data 24 gennaio 2013, le Linee guida in materia di tirocini presentate dal Governo ai sensi dell articolo 1, comma 34 della Legge n. 92/2012 (c.d. Riforma Fornero), allo scopo di fornire una cornice nazionale per la disciplina dei tirocini formativi e di orientamento, di combattere gli abusi e di sostenere il ricorso ai contratti di apprendistato quale strumento formativo preferenziale di ingresso nel mercato del lavoro per i giovani. Il documento fornisce principi comuni e standard minimi in materia di tirocini, lasciando inalterata la facoltà per le Regioni e le Province autonome di fissare disposizioni di maggiore tutela. 3

4 AMBITO DI APPLICAZIONE Le Linee guida in materia di tirocini riguardano solo quelle fattispecie che potrebbero non valorizzare altre forme contrattuali a contenuto formativo, come ad esempio l apprendistato, sottraendo giovani lavoratori a tali tipologie. Sono esclusi dalla presente disciplina le seguenti tipologie di tirocinio: I tirocini curriculari promossi da università, istituzioni scolastiche, centri di formazione professionale, ovvero tutte quelle esperienze previste all interno di un percorso formale di istruzione o di formazione; I tirocini previsti per l accesso alle professioni ordinistiche disciplinati da specifiche normative; I tirocini transnazionali, ad esempio, quelli realizzati nell ambito dei programmi comunitari per l istruzione e per la formazione, quali il Lifelong Learning Programme; I tirocini per migranti extracomunitari promossi all interno delle quote di ingresso; I tirocini estivi. Resta valida la speciale disciplina per i tirocini avviati dalle Cooperative Sociali ai sensi dell art. 2, comma 1, lettera f) del DM n. 142/98 della Legge n. 381/91, per le finalità dell articolo 1, comma 1, lettera b) della medesima legge. Inoltre tali standard minimi devono essere applicati anche nei casi in cui il soggetto ospitante sia una Pubblica Amministrazione. Gli standard minimi previsti si applicano anche a tutti quegli interventi e iniziative che, a diverso titolo denominato, abbiano le medesime finalità e caratteristiche. TIPOLOGIE E REQUISITI DI ACCESSO Tipologia Definizione Tirocinanti Tirocini formativi e di orintamento Tirocini finalizzati ad agevolare le scelte professionali e l occupabilità dei giovani nel passaggio scuola mondo del lavoro mediante una formazione diretta in azienda (pubblica o privata) Soggetti che abbiano conseguito un titolo di studio entro e non oltre 12 mesi alla data di avvio del tirocinio, nel concreto si tratta di neo qualificati, neo diplomati, neo laureati, neo dottorati. (ad esempio: un ragazzo laureato il 20 febbraio 2013 potrà avviare un tirocinio entro la data del 20 febbraio 2014 indipendentemente dalla durata dello stesso) 4

5 Tirocini di inserimento e reinserimento al lavoro Tirocini di orientamento e formazione o di inserimento e reinserimento Tirocini finalizzati ad agevolare l ingresso o il reingresso nel mondo del lavoro di persone in età lavorativa Tirocini finalizzati ad agevolare le scelte professionali e/o l inserimento nel mondo del lavoro di persone che hanno necessità di maggiore tutela Soggetti che ritrovano nelle seguenti condizioni: inoccupati; disoccupati (anche in mobilità); lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione. Soggetti che ritrovano nelle seguenti condizioni: disabili di cui all art. 1, comma 1 della L. 68/99; persone svantaggiate ai sensi della L. 381/91; richiedenti asilo; titolari di protezione internazionale. Per i lavoratori in CIG (cassa Integrazione Guadagni) il tirocinio è attivabile solo se esistono degli specifici accordi che fanno riferimento alle politiche attive del lavoro per l erogazione di ammortizzatori sociali. LA DURATA La durata dei tirocini è variabile secondo la tipologia cui si fa riferimento, tuttavia esiste un limite temporale massimo che non può essere superato, pena la possibile conversione del tirocinio in rapporto di lavoro subordinato. Tipologia Tirocini formativi e di orientamento Tirocini di inserimento e/o reinserimento al lavoro Tirocini per persone svantaggiate Tirocini per persone disabili Durata massima 6 mesi 12 mesi 12 mesi 24 mesi Per l attivazione di tirocini a favore di persone svantaggiate o disabili le Regioni e le Province autonome possono disciplinare misure di agevolazione e deroghe alla durata e ripetibilità. 5

6 Nei limiti di durata indicati, i periodi di tirocinio possono essere di durata inferiore a quella massima e quindi beneficiare di una proroga sino al raggiungimento del periodo massimo consentito e, in caso di maternità o malattia pari o superiore a 1/3 del tirocinio possono essere sospesi e la sospensione non concorre al computo della durata massima (ad esempio: un tirocinio, avviato il 6 maggio 2011, a favore di persona disabile può essere inizialmente di 12 mesi più una proroga di ulteriori 12 mesi, se poi il tirocinante sospende per un mese il tirocinio per motivi di salute allora avrà termine il 6 giugno 2013 anziché il 6 maggio 2013). Attenzione il tirocinante potrà svolgere un solo tirocinio con lo stesso soggetto ospitante mentre potrà svolgere più tirocini presso diverse aziende non collegate tra loro. SOGGETTI CHE POSSONO PROMUOVERE I TIROCINI I tirocini possono essere promossi da soggetti, pubblici e privati, accreditati o autorizzati, anche tra loro associati, nei territori di loro competenza secondo principi di trasparenza e non discriminazione. L elenco dei soggetti individuati dalla normativa vigente può essere modificato o integrato dalle Regioni e dalle Province autonome. A titolo esemplificativo rientrano tra i soggetti promotori: Centri Servizi per il Lavoro delle Province; Agenzie Regionali per il Lavoro; Organismi iscritti nell elenco regionale degli operatori accreditati ai Servizi per il Lavoro; Università e le Scuole superiori (pubbliche e private) abilitate al rilascio di titoli di studio con valore legale; Centri Pubblici di Formazione Professionale e/o orientamento; Comunità terapeutiche e Cooperative sociali, servizi d inserimento lavorativo per disabili gestiti da Enti Pubblici, istituzioni formative private non a scopo di lucro, sulla base di specifica autorizzazione regionale; Soggetti autorizzati alla intermediazione dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali ai sensi del D.Lgs. 276/2003 ss.mm.; Enti in house del Ministero del lavoro e delle politiche sociali nell ambito di speciali programmi e sperimentazione nel rispetto della normativa nazionale e regionale. I COMPITI DEL SOGGETTO PROMOTORE Compito fondamentale del soggetto promotore è quello di garantire la qualità dell esperienza di tirocinio con un continuo presidio del percorso formativo in azienda. 6

7 In particolare i compiti a esso affidati sono: facilitare la procedura di avvio del tirocinio supportando il soggetto ospitante ed il tirocinante nella gestione delle procedure amministrative e nella predisposizione del progetto formativo; designare un referente quale responsabile didattico-organizzativo del tirocinio; programmare l attività di monitoraggio per l intero percorso formativo al fine di garantirne il buon andamento; rilasciare la certificazione delle competenze acquisite, anche sulla base della valutazione fornita dal soggetto ospitante, con riferimento ove è possibile alla qualificazione prevista nel Repertorio dei Ruoli Professionali a livello nazionale o regionale; registrare l esperienza di tirocinio nel Libretto formativo del cittadino di cui all art. 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 276/2003, purché il tirocinante abbia svolto almeno il 70% delle ore previste nel progetto formativo; costruire, con cadenza annuale, dei report statistici di analisi dei tirocini realizzati, al fine di evidenziarne i risultati in termini di inserimento/reinserimento lavorativo; pubblicare dei report sul proprio sito internet e trasmetterli alla Regione o Provincia autonoma di riferimento, le quali al loro volta inoltrano tali dati al Ministero del lavoro e delle politiche sociali per la predisposizione di un report nazionale di analisi e monitoraggio dell attuazione dei tirocini. SOGGETTI CHE POSSONO OSPITARE I TIROCINANTI Possono ospitare tirocinanti tutti i soggetti, pubblici e privati, compresa la Pubblica Amministrazione le cui caratteristiche oggettive e soggettive possono essere meglio definite dalle Regioni e Province Autonome. Il soggetto ospitante: deve aver regolarmente e preventivamente attuato le disposizioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro (D.Lgs. 81/2008) ed in materia di collocamento obbligatorio (L. 68/99); non deve aver effettuato licenziamenti, ad esclusione dei soli licenziamenti per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, nei 12 mesi precedenti l attivazione del tirocinio; non deve avere in corso sospensioni o riduzioni di orario lavorativo a causa di procedure di cassa integrazione con riguardo a lavoratori dipendenti impegnati, nella medesima unità operativa, in attività ritenute equivalenti a quelle previste per lo svolgimento del tirocinio; non può utilizzare il tirocinante per attività che non siano compatibili con gli obiettivi formativi del tirocinio; non può realizzare più di un tirocinio con il medesimo soggetto beneficiario, fatta salva la possibilità di prorogare il termine di fine tirocinio entro i limiti di durata previsti; 7

8 non può utilizzare il tirocinante per sostituire lavoratori con contratti a termine nei periodi di maggiore produzione, o nei periodi di malattia, maternità o ferie né per ricoprire ruoli necessari all organizzazione dello stesso; non può attivare tirocini per lo svolgimento di attività lavorative ritenute a bassa specializzazione che non richiedono una azione formativa. Possono essere attivati più tirocini per il medesimo profilo professionale purché siano rispettati determinati limiti numerici, inoltre se il soggetto ospitante ha più sedi operative dislocate in territori differenti, si ritiene che il tirocinio sia regolato dalla normativa della Regione o della Provincia autonoma nel cui territorio si realizza. OBBLIGHI IN CAPO AL SOGGETTO OSPITANTE L Accordo Stato/Regioni evidenzia alcuni compiti in capo al soggetto ospitante: stipulare la convenzione con il soggetto promotore e definire il progetto formativo, in collaborazione con il soggetto promotore; designare un tutor con funzioni di affiancamento al tirocinante sul luogo di lavoro, individuato tra i propri lavoratori in possesso di competenze professionali adeguate e coerenti con il progetto formativo individuale; assicurare la realizzazione del percorso di tirocinio secondo quanto previsto dal progetto; valutare l esperienza svolta dal tirocinante ai fini del rilascio, da parte del soggetto promotore, dell attestazione dell attività svolta e delle eventuali competenze acquisite; trasmettere la comunicazione obbligatoria di avvio del tirocinio almeno 24 ore prima dell inserimento in azienda del tirocinante, pur non costituendo il tirocinio rapporto di lavoro. L eventuale ritardo o omissione della comunicazione obbligatoria porta all applicazione, da parte degli organi di vigilanza, di una sanzione amministrativa da 100 a 500 euro per ogni lavoratore in capo al soggetto ospitante. Il tavolo tecnico del SIL (Sistema Informatico del Lavoro) avrà il compito nel breve termine di definire le modalità di trasmissione della convenzione e del progetto formativo congiuntamente alla comunicazione obbligatoria. LIMITI NUMERICI Il numero di tirocini attivabili contemporaneamente da uno stesso soggetto ospitante dipende dal numero di lavoratori a tempo indeterminato. In considerazione di ciò è possibile attivare: 1 tirocinio nelle aziende sino a 5 dipendenti a tempo indeterminato; 2 tirocini nelle aziende tra i 6 e i 20 dipendenti a tempo indeterminato; 8

9 un numero di tirocini in misura non superiore al 10% dei dipendenti a tempo indeterminato nelle aziende con 21 o più dipendenti della stessa tipologia, con arrotondamento all unità superiore. Sono esclusi da tali limiti i tirocini in favore di disabili, persone svantaggiate e richiedenti asilo politico o titolari di protezione internazionale. ATTIVAZIONE DI UN TIROCINIO I tirocini si attivano mediante una convenzione stipulata tra i soggetti promotori, pubblici e privati, i soggetti ospitanti e tirocinanti, che può riguardare anche diverse tipologie di tirocini e alla quale va allegato il Progetto Formativo Individuale (PFI) di ciascun tirocinante; tali documenti vengono predisposti sulla base di modelli definiti dalle Regioni e Province autonome. Il PFI dovrà contenere: l anagrafica dei tre soggetti che sottoscrivono il documento (promotore, ospitante e tirocinante), con indicazione dei referenti per il progetto formativo (tutor del soggetto ospitante e referente del soggetto promotore); gli elementi descrittivi del tirocinio quali la tipologia del tirocinio, il settore dell azienda ospitante, l area professionale di riferimento secondo la classificazione ISTAT, la sede, gli estremi delle assicurazioni obbligatorie, durata e periodo di svolgimento del tirocinio ed importo dell indennità corrisposta al tirocinante; le specifiche del progetto formativo quali indicazione della figura professionale di riferimento secondo il repertorio delle professioni così come definito ai sensi della Riforma del mercato del lavoro (L. 92/2012), le attività affidate al tirocinante, le modalità e gli obiettivi del tirocinio, nonché le competenze che si intendono acquisire al termine del medesimo; diritti e doveri di ciascuno dei soggetti coinvolti (tirocinante, tutor del soggetto ospitante e referente del soggetto promotore). Ferme restando le tutele dei minori e delle lavoratrici madri in materia di orario, quest ultimo non dovrà superare l orario settimanale previsto dal contratto o accordo collettivo applicato al soggetto ospitante, inoltre il tirocinio dovrà svolgersi durante le ore mattutine salvo che l organizzazione del lavoro del soggetto ospitante non ne giustifichi lo svolgimento anche nelle ore serali e notturne. TUTORAGGIO Le Linee Guida nazionali prevedono, come nella normativa previgente, che sia il soggetto promotore sia il soggetto ospitante individuino un tutor per ciascuno, che affianchi il tirocinante per tutta la durata del percorso formativo. Il soggetto promotore nomina un referente didattico-organizzativo per la stesura del progetto formativo, per promuovere l acquisizione delle competenze da parte del 9

10 tirocinante, per monitorare l andamento del percorso formativo e garantire l attestazione delle attività svolte e delle competenze maturate. Di contro il soggetto ospitante nomina un tutor tecnico che è responsabile dell attuazione del piano formativo, dell inserimento e affiancamento del tirocinante sul luogo di lavoro per tutta a durata del tirocinio, e della predisposizione della documentazione concernente l apprendimento. Il tutor deve possedere esperienze e competenze professionali adeguate per il raggiungimento degli obiettivi formativi del tirocinio. I due tutor collaborano per definire le condizioni organizzative e didattiche, monitorare lo stato di avanzamento del percorso formativo, garantire l attestazione dell attività svolta. COPERTURE ASSICURATIVE Per l intero percorso formativo il tirocinante deve essere coperto dall assicurazione contro gli infortuni sul lavoro presso l INAIL e contro la responsabilità civile verso terzi presso idonea compagnia assicuratrice. Tali coperture assicurative risultano essere generalmente in capo al soggetto promotore, tuttavia l onere economico può essere sostenuto dal soggetto ospitante qualora il soggetto promotore dei tirocini sia una Pubblica Amministrazione. Tuttavia le Regioni e le Province autonome possono assumere a proprio carico gli oneri connessi a dette coperture assicurative. La copertura assicurativa deve comprendere anche eventuali attività svolte dal tirocinante al di fuori dell azienda o amministrazione pubblica, rientranti nel PFI. INDENNITÀ DI PARTECIPAZIONE Una delle novità di maggior interesse in materia di tirocinio, introdotta dall art. 1, commi 34 36, della L. 92/2012 (Riforma Fornero) al fine di evitarne un uso distorto, è l obbligo del soggetto ospitante di riconoscere al tirocinante un indennità di partecipazione mensile, anche forfetaria, in relazione all attività prestata per l intera durata del tirocinio. L accordo Stato-Regioni ha ritenuto congrua un indennità d importo mensile lordo non inferiore a 300 euro, con alcuni distinguo come nel caso di tirocinio di orientamento o d inserimento/reinserimento in favore di disabili, persone svantaggiate, nonché richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale, dove le Regioni potranno definire agevolazioni o misure di sostegno o deroghe in materia di corresponsione e di ammontare dell indennità. Qualora il soggetto ospitante sia una Pubblica Amministrazione, stante la clausola d invarianza finanziaria prevista dalla Legge Fornero, l indennità dovrà essere coperta 10

11 mediante risorse contenute nei limiti della spesa destinata ai tirocini nel corso dell anno precedente all entrata in vigore della sopraccitata legge, e/o nei limiti della spesa consentita per finalità formative. Resta ferma la facoltà delle amministrazioni dello Stato, Regioni e delle Province autonome di prevedere misure agevolate atte a sostenere i tirocini, nonché forme di forfetizzazione. Da un punto di vista fiscale, l indennità di partecipazione deve essere considerata reddito assimilato al reddito di lavoro dipendente (ai sensi dell art. 50, comma 1, lettera c), del DPR 217/86 TUIR). L indennità non va erogata nel caso in cui il tirocinante sia un lavoratore in regime di cassa integrazione (ordinaria, speciale e in deroga), in quanto già percettore di forme di sostegno al reddito. Inoltre, il tirocinante non ha diritto all indennità nell eventuale periodo di sospensione per malattia lunga o per maternità. Infine, la percezione dell indennità non comporta la perdita dello stato di disoccupazione eventualmente posseduto dal tirocinante. ASPETTI SANZIONATORI Le competenze in materia di vigilanza e controllo rimangono dello Stato, tuttavia le Regioni e le Province autonome dovranno promuovere il corretto utilizzo dei tirocini prevenendo le forme di abuso mediante apposite norme che sanzionino i casi di inadempienza da parte dei soggetti promotori. A tale proposito le Linee Guida prevedono che a far data dalla entrata in vigore delle regolamentazioni regionali, ai sensi della legge n. 92/2012 e delle presenti Linee Guida, nel corso delle verifiche a cura del Ministero del lavoro e delle politiche sociali nelle sue articolazioni territoriali, se il tirocinio non risulterà conforme alla nuova disciplina e alla relativa regolamentazione regionale di riferimento, il personale ispettivo procederà, sussistendone le condizioni, a riqualificare il rapporto come di natura subordinata con relativa applicazione delle sanzioni amministrative applicabili in tale ipotesi (come ad esempio in materia di Libro Unico del Lavoro, prospetto di paga e dichiarazione di assunzione), disponendo al recupero dei contributi previdenziali e di premi assicurativi. Pertanto in caso di tirocinio non conforme alla nuova disciplina e alla relativa regolamentazione regionale di riferimento, il personale ispettivo del Ministero del Lavoro sarà tenuto a riqualificare il tirocinio in rapporto di lavoro subordinato, con applicazione delle relative sanzioni amministrative, disponendo, altresì, il recupero dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi omessi ed applicare la diffida accertativa per il recupero delle differenze retributive tra quanto corrisposto (indennità di partecipazione) e quanto previsto dal contratto collettivo di riferimento per un lavoratore subordinato con le stesse mansioni. 11

12 Mentre è previsto nel caso di mancata corresponsione dell'indennità di partecipazione, una sanzione amministrativa il cui ammontare è proporzionato alla gravità dell'illecito commesso, in misura variabile da un minimo di e un massimo di euro. Il tirocinio sarà considerato comunque genuino. 12

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE CALABRIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE CALABRIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA Delibera n. 268 del 29/07/2013 Recepimento delle Linee guida in materia di tirocini, approvate in Accordo

Dettagli

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Aggiornamenti Professionali Tirocini formativi: approvate le linee guida a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Cambiano le regole dei tirocini

Dettagli

f)tirocini formativi e di orientamento

f)tirocini formativi e di orientamento Tirocini Formativi f)tirocini formativi e di orientamento DEFINIZIONE è una misura di politica attiva finalizzata al contatto diretto tra azienda e tirocinante, con lo scopo di acquisire conoscenze e competenze

Dettagli

Principi comuni in materia di tirocini, definizioni e tipologie

Principi comuni in materia di tirocini, definizioni e tipologie Piemonte di Giulia Tolve Introduzione In data 20 giugno 2013 è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 25/2013 la deliberazione della Giunta regionale n. 74 5911 del 3 giugno

Dettagli

Piemonte: attuate le nuove linee guida sui tirocini

Piemonte: attuate le nuove linee guida sui tirocini www.bollettinoadapt.it, 24 giugno 2013 Piemonte: attuate le nuove linee guida sui tirocini di Giulia Tolve Introduzione In data 20 giugno 2013 è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 ALLEGATOA alla Dgr n. 1324 del 23 luglio 2013 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Ambito di applicazione...4

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE PUGLIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE PUGLIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA LEGGE REGIONALE 5 agosto 2013, n. 23 Norme in materia di percorsi formativi diretti all orientamento e

Dettagli

e il reinserimento di disoccupati, anche in mobilità, nonché di lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione.

e il reinserimento di disoccupati, anche in mobilità, nonché di lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 109 suppl. del 07-08-2013 9 LEGGE REGIONALE 5 agosto 2013, n. 23 Norme in materia di percorsi formativi diretti all orientamento e all inserimento nel mercato

Dettagli

Regione Autonoma Valle d Aosta

Regione Autonoma Valle d Aosta Allegato alla deliberazione della Giunta regionale Regione Autonoma Valle d Aosta Disciplina in materia di tirocini 1 SEZIONE A Art. 1 Finalità, tipologie e destinatari 1. Con il presente provvedimento,

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

CIRCOLARE n. 34 / 2013 REGIONE LOMBARDIA NUOVI INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI

CIRCOLARE n. 34 / 2013 REGIONE LOMBARDIA NUOVI INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE CAMPANIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE CAMPANIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA DGR n. 243 del 22/07/2013 - Modifiche al regolamento regionale 2 aprile 2010, n. 9 -regolamento di attuazione

Dettagli

Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Approvato con DGR X/825 del 25 ottobre 2013

Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Approvato con DGR X/825 del 25 ottobre 2013 Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Approvato con DGR X/825 del 25 ottobre 2013 1. Oggetto, ambito di applicazione e definizioni 2. Soggetti 2.1 Soggetti Promotori 2.2 Soggetti Ospitanti 2.3

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE LIGURIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE LIGURIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA DGR n. 1052 DEL 05/08/2013 Disciplina regionale dei tirocini formativi e di orientamento, dei tirocini

Dettagli

DIRETTIVA DI ATTUAZIONE DEI TIROCINI EXTRACURRICULARI

DIRETTIVA DI ATTUAZIONE DEI TIROCINI EXTRACURRICULARI ALLEGATO A DIRETTIVA DI ATTUAZIONE DEI TIROCINI EXTRACURRICULARI (ART. 1, L.R. 17/09/2013 N. 17) 1 Art. 1 Finalità, definizioni e campo di applicazione 1. La Regione favorisce l uso integrato dei tirocini

Dettagli

L assessore alle attività produttive, energia e politiche del lavoro, Pierluigi Marquis, richiama:

L assessore alle attività produttive, energia e politiche del lavoro, Pierluigi Marquis, richiama: L assessore alle attività produttive, energia e politiche del lavoro, Pierluigi Marquis, richiama: la legge 28 giugno 2012, n. 92 (Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva

Dettagli

$ &% ' %( #$$ &45('$ & ## & 645& &$ & ( &%#6 " (--0!!#! !( (!/!,,1!,!#!,,1!.!.! !"! # #$ % &! * +"!#,!! -!-!*!% -,!,!,! "!.!&/#!#++ ""! *!,!0-!

$ &% ' %( #$$ &45('$ & ## & 645& &$ & ( &%#6  (--0!!#! !( (!/!,,1!,!#!,,1!.!.! !! # #$ % &! * +!#,!! -!-!*!% -,!,!,! !.!&/#!#++ ! *!,!0-! !"! # #$ % %$ %%&& # ' #&$&$'* &$& &! * +"!#,!! $ &% #' $ ( %)% ## (%( # # $ &'$ -!-!*!% -,!,!,! "!.!&/#!#++ ""! ' %( #$$ &45('$ & ## & 645& &$ & ( &%#6 " (--0!!#!!( (!/!,,1!,!#!,,1!.!.! *!,!0-! 2-",3-"

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO REGIONALE (Art. 18 Legge Regionale 25/01/2005 n. 2) TRA

CONVENZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO REGIONALE (Art. 18 Legge Regionale 25/01/2005 n. 2) TRA CONVENZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO REGIONALE (Art. 18 Legge Regionale 25/01/2005 n. 2) TRA L'Università degli Studi di Macerata, di seguito denominato «soggetto promotore», con sede in Macerata, Piaggia

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che Allegato n. 3 CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ai sensi dell art. 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 Premesso che - la Provincia autonoma di Trento, per favorire le

Dettagli

I tirocini in Regione Campania Le novità normative

I tirocini in Regione Campania Le novità normative I tirocini in Regione Campania Le novità normative Ai Giovani, destinatari del nostro testimone Nel bel mezzo dell inverno ho infine imparato che in me albergava un invincibile estate Albert Camus Ai Giovani,

Dettagli

C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI D.g.r. 25 ottobre 2013 - n. X/825 Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini

C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI D.g.r. 25 ottobre 2013 - n. X/825 Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini 4 Bollettino Ufficiale C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI D.g.r. 25 ottobre 2013 - n. X/825 Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Viste: LA GIUNTA REGIONALE la legge regionale 28 settembre 2006,

Dettagli

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Regolamento per l attivazione di tirocini ai sensi dell articolo 63 della legge regionale 9 agosto 2005,

Dettagli

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore)

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore) Criteri e modalità per l attivazione dei tirocini formativi e di orientamento ai sensi dell articolo 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19. Articolo 1 (Oggetto e ambito di applicazione) Nel

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO EXTRACURRICULARE (Rif. normativi della Regione Basilicata) TRA

CONVENZIONE DI TIROCINIO EXTRACURRICULARE (Rif. normativi della Regione Basilicata) TRA ALLEGATO 2 CONVENZIONE DI TIROCINIO EXTRACURRICULARE (Rif. normativi della Regione Basilicata) TRA (Inserire denominazione/ragione sociale del soggetto promotore)...... di seguito denominato «soggetto

Dettagli

Come attivare i tirocini di formazione ed orientamento?

Come attivare i tirocini di formazione ed orientamento? Vademecum per il datore di lavoro 8 Maggio 2014 Ore 06:00 Come attivare i tirocini di formazione ed orientamento? di Anastasio Guglielmo Avvocato, funzionario ispettivo Direzione territoriale lavoro di

Dettagli

Le comunicazioni obbligatorie on line dei rapporti di lavoro e dei tirocini ai sensi del DM. 30 ottobre 2007, esonerano gli enti promotori dall invio

Le comunicazioni obbligatorie on line dei rapporti di lavoro e dei tirocini ai sensi del DM. 30 ottobre 2007, esonerano gli enti promotori dall invio REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 DEL 21/01/10 Deliberazione della Giunta Regionale 21 dicembre 2009, n. 100-12934 LR 34/08 artt.38-41. Provvedimento di attuazione dei tirocini formativi e di

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 57 24.03.2014 Tirocini: chiarimenti sull obbligo assicurativo Dal 4 marzo 2014 bisogna tener conto del tasso di tariffa della

Dettagli

CONVENZIONE COLLETTIVA DI TIROCINIO CURRICULARE ed EXTRACURRICULARE

CONVENZIONE COLLETTIVA DI TIROCINIO CURRICULARE ed EXTRACURRICULARE CONVENZIONE COLLETTIVA DI TIROCINIO CURRICULARE ed EXTRACURRICULARE (Convenzione n.. del.) TRA l', Codice Fiscale 12621570154, di seguito Università in qualità di Soggetto promotore con sede legale in

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 2 dicembre 2013, n. 1354.

REPUBBLICA ITALIANA DELLA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 2 dicembre 2013, n. 1354. Supplemento ordinario n. 4 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 56 del 18 dicembre 2013 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO DELLA U FFICIALE SERIE GENERALE PERUGIA - 18 dicembre 2013 DIREZIONE REDAZIONE

Dettagli

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI Informativa su DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI formativi e di orientamento, dei tirocini di inserimento e reinserimento lavorativo e dei tirocini estivi, in attuazione dell art. 35 della L.R. 30/2008

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE PIEMONTE

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE PIEMONTE Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA Deliberazione n. 74-59113 del 3 giugno 2013 - L.R. 34/08 artt. 38 41 1 PREMESSA INDICE PER ARGOMENTI SCHEDA

Dettagli

Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità

Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità Tirocini. Cambiano le regole: tutte le novità Tappe delle novità introdotte in materia di tirocini Sul tema dei tirocini sono intervenuti recentemente, sia a livello nazionale che regionale, alcuni provvedimenti

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO TRA

CONVENZIONE DI TIROCINIO TRA CONVENZIONE DI TIROCINIO TRA l' Università degli Studi di Milano Bicocca, codice fiscale n. 12621570154, di seguito Università in qualità di Soggetto promotore con sede legale in Milano, piazza dell Ateneo

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 63 del 26 luglio 2013

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 63 del 26 luglio 2013 196 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 63 del 26 luglio 2013 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 1150 del 5 luglio 2013 Disciplina in materia approvazione di progetti formativi per la

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E PARTI SOCIALI REGIONALI PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI E STAGE DI QUALITA IN REGIONE TOSCANA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E PARTI SOCIALI REGIONALI PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI E STAGE DI QUALITA IN REGIONE TOSCANA TRA PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E PARTI SOCIALI REGIONALI PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI E STAGE DI QUALITA IN REGIONE TOSCANA L'anno il giorno La Regione Toscana CIA Regionale CNA Regionale Coldiretti

Dettagli

Relazione descrittiva

Relazione descrittiva Relazione descrittiva Con il presente provvedimento si intende procedere all adeguamento del regolamento regionale n. 9 del 2010 nella parte riguardante il Capo VII Disposizioni di attuazione della disciplina

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

PROCEDURA PER LA STIPULA DELLE CONVENZIONI PER TIROCINI

PROCEDURA PER LA STIPULA DELLE CONVENZIONI PER TIROCINI PROCEDURA PER LA STIPULA DELLE CONVENZIONI PER TIROCINI Il presente documento contiene i 2 modelli necessari per la stipula delle Convenzioni per i Tirocini Curriculari e per i Tirocini Formativi e di

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO CURRICULARI E NON CURRICULARI TRA

CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO CURRICULARI E NON CURRICULARI TRA CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO CURRICULARI E NON CURRICULARI TRA L Università di Siena, con sede legale in Siena, Via Banchi di Sotto,55, codice fiscale n. 80002070524,

Dettagli

Vademecum Tirocini ex LR 7/2013

Vademecum Tirocini ex LR 7/2013 Vademecum Tirocini ex LR 7/2013 Profilo Amministrativo: L attivazione di un percorso di tirocinio prevede la presenza fondamentale di tre soggetti: 1) Tirocinante; 2) Soggetto Promotore (soggetto terzo

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI INSERIMENTO/REINSERIMENTO LAVORATIVO TRA. CAP Comune. Provincia.. Rappresentato da: nato/a il.

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI INSERIMENTO/REINSERIMENTO LAVORATIVO TRA. CAP Comune. Provincia.. Rappresentato da: nato/a il. Allegato C Convenzione stipulata in data..con protocollo CONVENZIONE DI TIROCINIO DI INSERIMENTO/REINSERIMENTO LAVORATIVO TRA SOGGETTO PROMOTORE. Indirizzo.. CAP Comune. Provincia.. Codice fiscale:. Partita

Dettagli

TIPOLOGIE DI TIROCINIO E DURATA

TIPOLOGIE DI TIROCINIO E DURATA TIROCINIO: informazioni locali Sommario 1. CHE COS'É 2. TIPOLOGIE DI TIROCINIO E DURATA 3. SOGGETTI AMMISSIBILI ALLO SVOLGIMENTO DI TIROCINI NON CURRICOLARI 4. SOGGETTI PROMOTORI 5. SOGGETTI OSPITANTI

Dettagli

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano.

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano. Delibera 24 giugno 2013, n. 949 Criteri per la promozione di tirocini di formazione ed orientamento da parte della Ripartizione Lavoro e delle Aree alla Formazione professionale. Allegato A CRITERI PER

Dettagli

Risposta al foglio del. Oggetto: L.R. n.3/12 e relativo regolamento di attuazione. Tirocini non curriculari. Aspetti operativi.

Risposta al foglio del. Oggetto: L.R. n.3/12 e relativo regolamento di attuazione. Tirocini non curriculari. Aspetti operativi. DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE SETTORE FORMAZIONE E ORIENTAMENTO Prot. n. da citare nella risposta Allegati Data Risposta al foglio del numero Oggetto:

Dettagli

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI PREMESSA:...2 1 LAVORATORI IN MOBILITA, DISOCCUPATI BENEFICIARI DEL SOSTEGNO AL REDDITO, LAVORATORI SOSPESI DICHIARATI IN ESUBERO...3 2. LAVORATORI

Dettagli

Sommario. Preambolo Art. 1 - Inserimento della sezione I bis nel capo III del titolo VIII del d.p.g.r. 47/R/2003 Art. 2 - Entrata in vigore.

Sommario. Preambolo Art. 1 - Inserimento della sezione I bis nel capo III del titolo VIII del d.p.g.r. 47/R/2003 Art. 2 - Entrata in vigore. All. A Modifiche al regolamento emanato con decreto del Presidente della Giunta regionale 8 agosto 2003, n. 47/R (Regolamento di esecuzione della legge regionale 26 luglio 2002 n. 32 Testo unico della

Dettagli

1. Progetti di tirocinio formativo o di orientamento (tra parentesi i riferimenti delle Linee Guida)

1. Progetti di tirocinio formativo o di orientamento (tra parentesi i riferimenti delle Linee Guida) Allegato A )al Dduo del.. n.. INDICAZIONI OPERATIVE PER LA PRESENTAZIONE DI TIROCINI PER PERSONE STRANIERE RESIDENTI ALL ESTERO Allineamento alle Linee Guida approvate con DGR 4732 del 22 gennaio 2016

Dettagli

TIROCINI FORMATIVI. - università e istituti di istruzione universitaria statali e non statali abilitati al rilascio di titoli accademici;

TIROCINI FORMATIVI. - università e istituti di istruzione universitaria statali e non statali abilitati al rilascio di titoli accademici; TIROCINI FORMATIVI 1. Nozione I tirocini formativi, anche detti stages, costituiscono una forma d'inserimento temporaneo dei giovani all'interno dell'azienda, al fine di realizzare momenti di alternanza

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI NON CURRICULARI IN REGIONE TOSCANA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI NON CURRICULARI IN REGIONE TOSCANA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI NON CURRICULARI IN REGIONE TOSCANA TRA Il/La... con sede legale in..., codice fiscale...d'ora in poi denominato soggetto promotore, rappresentato/a legalmente

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale: LAVORO Area: PROGRAMMAZIONE INTERVENTI

DELIBERAZIONE N. DEL. Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale: LAVORO Area: PROGRAMMAZIONE INTERVENTI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 199 18/07/2013 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 10482 DEL 04/07/2013 STRUTTURA PROPONENTE Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale:

Dettagli

Deliberazione N.: 581 del: 17/06/2015

Deliberazione N.: 581 del: 17/06/2015 Deliberazione N.: 581 del: 17/06/2015 Oggetto : CONVENZIONE CON L PER LO SVOLGIMENTO DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO Pubblicazione all Albo on line per giorni quindici consecutivi dal: 17/06/2015

Dettagli

A relazione dell'assessore Porchietto:

A relazione dell'assessore Porchietto: REGIONE PIEMONTE BU25 20/06/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 3 giugno 2013, n. 74-5911 LR 34/08 artt. 38-41. Provvedimento di attuazione dei tirocini formativi e di orientamento, tirocini di inserimento/reinserimento

Dettagli

Torino, lì 26/03/2010. p.c. Oggetto: L.R. n. 34/2008 artt. 38 41. Provvedimento di attuazione dei tirocini formativi e di orientamento, anche estivi.

Torino, lì 26/03/2010. p.c. Oggetto: L.R. n. 34/2008 artt. 38 41. Provvedimento di attuazione dei tirocini formativi e di orientamento, anche estivi. SERVIZIO COORDINAMENTO CENTRI PER L IMPIEGO www.provincia.torino.it Struttura mittente: NC3 Prot. N. 248427 Tit. 16.02 SW:CR/DS/gp Torino, lì 26/03/2010 Ai Responsabili dei Centri per l'impiego di Torino

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato di alta formazione e ricerca è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei

Dettagli

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di apprendistato: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore uno dei decreti attuativi del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015, di seguito Decreto

Dettagli

TIROCINI E APPRENDISTATO LINEE GUIDA E ULTIME NOVITA

TIROCINI E APPRENDISTATO LINEE GUIDA E ULTIME NOVITA TIROCINI E APPRENDISTATO LINEE GUIDA E ULTIME NOVITA 1 L apprendistato e i tirocini formativi hanno in comune l obiettivo di facilitare l inserimento dei giovani nel mondo del lavoro mediante un esperienza

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 25 marzo 1998, n. 142

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 25 marzo 1998, n. 142 MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 25 marzo 1998, n. 142 Regolamento recante norme di attuazione dei principi e dei criteri di cui all'articolo 18 della legge 24 giugno 197, n. 196,

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

I nuovi tirocini formativi

I nuovi tirocini formativi N. 356 del 23.09.2011 La La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) I nuovi tirocini formativi E diventato legge il decreto ( DL 138/2011) sulle misure urgenti per la stabilizzazione

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO NUOVA DISCIPLINA DEI TIROCINI DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto 25 Settembre 2013 La nuova disciplina dei

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE REGIONE MOLISE. Piano di Attuazione Regionale Garanzia Giovani Annualità 2015-2016

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE REGIONE MOLISE. Piano di Attuazione Regionale Garanzia Giovani Annualità 2015-2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE REGIONE MOLISE Piano di Attuazione Regionale Garanzia Giovani Annualità 2015-2016 AVVISO TIROCINI EXTRA-CURRICULARI PER GIOVANI LAUREATI ISCRITTI A GARANZIA GIOVANI REGIONE

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE SCHEDA N. 3 CONTRATTO DI APPRENDISTATO D. Lgs. 167/2011, aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013 e alla L. 78/2014 di conversione del D.L. 34/2014

Dettagli

APPRENDISTATO LE SCHEDE DI GI GROUP SUL JOBS ACT: RIORDINO DELLE FORME CONTRATTUALI

APPRENDISTATO LE SCHEDE DI GI GROUP SUL JOBS ACT: RIORDINO DELLE FORME CONTRATTUALI ARTT. 41 47 D.LGS 81/2015 L È UN CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALLA OCCUPAZIONE DEI GIOVANI. TRE TIPOLOGIE: A) PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE, IL

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA. Regione Umbria DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E RUGIA PARTE PRIMA

REPUBBLICA ITALIANA DELLA. Regione Umbria DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E RUGIA PARTE PRIMA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - Serie Generale - n. 29 del 18 giugno 2014 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO DELLA UFFICIALE Regione Umbria SERIE GENERALE PERUGIA - 18 giugno 2014 DIREZIONE

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO EXTRACURRICULARI IN REGIONE CAMPANIA TRA

CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO EXTRACURRICULARI IN REGIONE CAMPANIA TRA CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO EXTRACURRICULARI IN REGIONE CAMPANIA TRA il Prof. Filippo de Rossi nato a Napoli il 11/07/1955, il quale interviene al presente atto

Dettagli

PREMESSE ART. 1 DEFINIZIONI

PREMESSE ART. 1 DEFINIZIONI Pag 1 di 6 PREMESSE Richiamata la normativa vigente in materia di stage o tirocini formativi e d orientamento ed in particolare la Circolare del Ministero del Lavoro-Direzione generale impiego n 92 del

Dettagli

IDEEazioneImpres@ SERVIZI ALLE IMPRESE E AGLI ENTI LOCALI

IDEEazioneImpres@ SERVIZI ALLE IMPRESE E AGLI ENTI LOCALI IDEEazioneImpres@ SERVIZI ALLE IMPRESE E AGLI ENTI LOCALI REGIONE CAMPANIA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI IN REGIONE CAMPANIA Regolamento Regionale 2 Aprile 2010, N. 9 modificato

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO REQUISITI GIURIDICI GENERALI REQUISITI GIURIDICI E FINANZIARI PARTICOLARI

Dettagli

REGIONE LAZIO. 24/12/2013 - prot. 377 GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE

REGIONE LAZIO. 24/12/2013 - prot. 377 GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 511 30/12/2013 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 22101 DEL 20/12/2013 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: LAVORO Area: AFFARI GENERALI Prot. n. del OGGETTO: Schema di

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

Prospetto approvato dal Tavolo Tecnico Sicurezza (ASL DTL INAIL - OOSS) nella seduta del 23 gennaio 2014

Prospetto approvato dal Tavolo Tecnico Sicurezza (ASL DTL INAIL - OOSS) nella seduta del 23 gennaio 2014 Prospetto approvato dal Tavolo Tecnico Sicurezza (ASL DTL INAIL - OOSS) nella seduta del 23 gennaio 2014 Legge regionale 315320 marzo 2012 INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI (all. delibera) L istituto

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 243 del 22/07/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 243 del 22/07/2013 n. 44 del 12 Agosto 2013 Delibera della Giunta Regionale n. 243 del 22/07/2013 A.G.C. 17 Istr. Educ. Form. Prof. Pol. Giov.le del Forum Regionale Ormel Settore 5 Formazione professionale Oggetto dell'atto:

Dettagli

DATI TIROCINANTE. Cognome Nome. in via n. Tel. e-mail PEC. Domiciliato a (se diverso dalla residenza) Provincia ( ) in via n.

DATI TIROCINANTE. Cognome Nome. in via n. Tel. e-mail PEC. Domiciliato a (se diverso dalla residenza) Provincia ( ) in via n. PROGETTO FORMATIVO DI TIROCINIO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO [ai sensi dell art. 1, comma 5, lettera a) della Direttiva di attuazione dei tirocini extracurriculari (art. 1, L.R. n. 17/2013] Rif. convenzione

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

ACCORDO. tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. e Regione Lombardia

ACCORDO. tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. e Regione Lombardia ACCORDO tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Regione Lombardia SPERIMENTAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI IN APPRENDISTATO PER L ESPLETAMENTO

Dettagli

Art. 1 Disposizioni generali

Art. 1 Disposizioni generali Allegato alla Delib.G.R. n. 21/12 del 6.5.2015 Disposizioni regionali per l attivazione di tirocini rivolti ai cittadini di Paesi terzi residenti all estero. Recepimento dell Accordo del 5 agosto 2014

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO REGOLAMENTO DELLE FREQUENZE VOLONTARIE E DEI TIROCINI PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO DI POTENZA 1 PREMESSA Ai sensi della Legge 24 giugno 1997, n. 196, del Decreto Ministeriale

Dettagli

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL Scheda di lettura del Capo V Apprendistato del decreto legislativo n. 81/15 recante Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni Premessa La parte relativa

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Regolamento disciplinante la procedura di attivazione dei tirocini e stage (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 14 marzo 2007) (Approvato dal Consiglio di

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 181/2016 ADOTTATA IN DATA 04/02/2016 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 181/2016 ADOTTATA IN DATA 04/02/2016 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 181/2016 ADOTTATA IN DATA 04/02/2016 OGGETTO: Convenzione con l Università telematica Pegaso di Napoli per lo svolgimento di tirocini formativi. IL DIRETTORE GENERALE Premesso che l Università

Dettagli

Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013

Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013 N.55 del 04.02.2013 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DTL Modena (1) Apprendistato e chiarimenti ministeriali La circolare n.5/2013 Le sanzioni collegate al non corretto utilizzo del

Dettagli

SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI Via Bordoni, 12 27100 Pavia Tel. 0382/597429/404 fax 0382/597432 disabili@formalavoro.pv.it

SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI Via Bordoni, 12 27100 Pavia Tel. 0382/597429/404 fax 0382/597432 disabili@formalavoro.pv.it Provincia di Pavia SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI Via Bordoni, 12 27100 Pavia Tel. 0382/597429/404 fax 0382/597432 disabili@formalavoro.pv.it CONVENZIONE EX ART. 11, COMMA 5, LEGGE 68/99 PREMESSO CHE:

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE QUADRO PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO CURRICULARI E NON CURRICULARI

SCHEMA DI CONVENZIONE QUADRO PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO CURRICULARI E NON CURRICULARI SCHEMA DI CONVENZIONE QUADRO PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO CURRICULARI E NON CURRICULARI TRA L Università degli Studi di Firenze, codice fiscale 01279680480, con sede legale

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Il presente decreto sarà portato a ratifica nella prossima seduta utile del Senato Accademico1

IL RETTORE DECRETA. Il presente decreto sarà portato a ratifica nella prossima seduta utile del Senato Accademico1 IL RETTORE Decreto n. 10416 (77) Anno 2014 VISTA la delibera del Senato Accademico del 16 gennaio 2013 che approva l adesione all Accordo di collaborazione tra la Regione Toscana, le Università degli Studi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali.

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. Oggetto: Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale rappresenta che, a seguito

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1689/2014 ADOTTATA IN DATA 29/10/2014

DELIBERAZIONE N. 1689/2014 ADOTTATA IN DATA 29/10/2014 DELIBERAZIONE N. 1689/2014 ADOTTATA IN DATA 29/10/2014 OGGETTO: Convenzione con l Università degli studi di Milano - Bicocca per lo svolgimento dei tirocini curriculari di formazione e orientamento. IL

Dettagli

ZONA SOCIALE N 5 Comuni di: Castiglione del Lago Città della Pieve Magione Paciano - Panicale Passignano s.t. Piegaro Tuoro s.t.

ZONA SOCIALE N 5 Comuni di: Castiglione del Lago Città della Pieve Magione Paciano - Panicale Passignano s.t. Piegaro Tuoro s.t. ZONA SOCIALE N 5 Comuni di: Castiglione del Lago Città della Pieve Magione Paciano - Panicale Passignano s.t. Piegaro Tuoro s.t. S.A.L. Servizio di Accompagnamento al Lavoro PROVVEDIMENTO ATTUATIVO PER

Dettagli

IL CONTRATTO DI LAVORO IN APPRENSISTATO

IL CONTRATTO DI LAVORO IN APPRENSISTATO 1 IL CONTRATTO DI LAVORO IN APPRENSISTATO E un contratto di lavoro subordinato definito a causa mista poiché prevede che l impresa/azienda impartisca o faccia impartire all apprendista assunto alle proprie

Dettagli

INDICE. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Obiettivi pag. 3 Articolo 2 - Strumenti pag. 3

INDICE. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Obiettivi pag. 3 Articolo 2 - Strumenti pag. 3 Allegato A REGOLAMENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER PRATICANTATO, STAGE, POSTI AGGIUNTIVI DI DOTTORATO E ALTRE FORME DI SOSTEGNO ALL ATTIVITÀ DI RICERCA 19 ottobre 2004 REGOLAMENTO

Dettagli

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Errata Corrige : All articolo 6, punto 3 è stato aggiunto il riferimento al trattamento di mobilità

Dettagli