PREVENZIONE DIETETICA PRIMARIA DELL ALLERGIA: IDROLISATI PARZIALI O ESTENSIVI?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREVENZIONE DIETETICA PRIMARIA DELL ALLERGIA: IDROLISATI PARZIALI O ESTENSIVI?"

Transcript

1 MINERVA PEDIATRICA V O L U M E PREVENZIONE DIETETICA PRIMARIA DELL ALLERGIA: IDROLISATI PARZIALI O ESTENSIVI? V. L. MINIELLO, R. FRANCAVILLA, L. BRUNETTI, C. FRANCO, B. LAURIA, M. S. LIEGGI, P. LIPPOLIS,V. RICAPITO, L. ARMENIO E D I Z I O N I. M I N E R V A. M E D I C A PUBBLICAZIONE PERIODICA BIMESTRALE - POSTE ITALIANE S.P.A. - SPED. IN A. P. D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 Nº 46) ART. 1, COMMA 1, DCB/CN - ISSN TAXE PERÇUE

2 MINERVA PEDIATR 2008;60 Prevenzione dietetica primaria dell allergia: idrolisati parziali o estensivi? V. L. MINIELLO, R. FRANCAVILLA, L. BRUNETTI, C. FRANCO, B. LAURIA, M. S. LIEGGI, P. LIPPOLIS, V. RICAPITO, L. ARMENIO PRIMARY ALLERGY PREVENTION: PARTIALLY OR EXTENSIVELY HYDROLYZED INFANT FORMU- LAS? The natural history of allergic disease and its potential for prevention merit close examination because of the explosive worldwide increase in the prevalence and morbidity of atopic disorders. In infants from high-risk families (i.e. those with one or two parents and/or a sibling with food allergy, eczema, asthma or allergic rhinitis) food allergen avoidance has been advocated as means of preventing the development of atopic disease. The aim of this review was to evaluate the allergy preventive potential of partially or extensively hydrolyzed formulas. When breast-feeding is not possible or supplemental feeding is needed, infants from atopic families should be given a hydrolyzed infant formula for the first 6 month of life. High-risk infants without a history of eczema in a primary relative will receive the protective effect from the less expensive partial hydrolyzed formula (p-hf); whereas those infants who have first-degree relatives with eczema should receive the extensively hydrolyzed formula (e-hf). Key words: Allergy and immunology - Diet - Prevention. Pervenuto il 30 november Accettato il 24 luglio Autore di contatto: V. L. Miniello, Unità Operativa Pediatrica S. Maggiore, Policlinico Piazza Giulio Cesare 11, Bari, Italia. Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva Università degli Studi di Bari, Bari, Italia Prevenzione dietetica Numerosi studi 1-4 hanno inconfutabilmente dimostrato gli stretti rapporti intercorrenti tra familiarità atopica, precoce eczema, sensibilizzazione allergica e la comparsa successiva di patologie allergiche respiratorie (rinite, wheezing, asma). Il divenire allergico è caratterizzato da un evoluzione clinica, programmata in rapporto all età: i soggetti affetti da eczema durante i primi mesi di vita presentano un elevato rischio di sviluppare in epoche successive sensibilizzazione (allergeni alimentari inizialmente, respiratori successivamente) e malattie respiratorie allergiche. Il vasto studio prospettico Multicenter Allergy Study (MAS) ha dimostrato che il 69% dei bambini con eczema comparso entro i primi 3 mesi di vita si sensibilizzava ad aeroallergeni all età di 5 anni. La prevalenza della sensibilizzazione arrivava al 77% quando si consideravano i soggetti ad elevato rischio familiare (entrambi i genitori od un genitore ed un fratello atopici). Tale evoluzione clinica, universalmente conosciuta con il termine di marcia atopica, presenta talvolta variazioni di decorso che hanno indotto ad Vol. 60, 2008 MINERVA PEDIATRICA 1

3 MINIELLO PREVENZIONE DIETETICA PRIMARIA DELL ALLERGIA TABELLA I. Identificazione lattanti ad elevato rischio di sviluppare malattia allergica. ESPACI/ESPGHAN (1999) AAP (2000) ASCIA (2005) Se allergici: 1genitore 1 fratello Se allergici: 2 genitori 1 genitore e 1 fratello inficiare lo stesso concetto semplicistico della marcia 5, 6. La comunità scientifica ha consolidato l esigenza di individuare i bambini ad elevato rischio di sviluppare malattia allergica in quanto rappresentano gli unici soggetti legittimamente candidati a misure preventive. A tal proposito sono stati suggeriti vari markers immunologici (livelli di IgE nel sangue cordonale, IgE specifiche, eosinofilia), ma nessuno di questi parametri ha mostrato sufficiente sensibilità, specificità e/o potere predittivo tali da poter essere adottati nello screening di massa. La storia familiare di allergia rappresenta a tutt oggi l unico parametro attendibile per predire in un lattante il rischio di sviluppare malattia atopica. Le società scientifiche, la statunitense American Academy of Pediatrics (AAP), l australo-asiatica Australasian Society of Clinical Immunology and Allergy (ASCIA) e le europee European Society for Paediatric Allergology and Clinical Immunology (ESPACI) European Society for Paediatric Gastroenterology, Hepatology and Nutrition (ESP- GHAN), raccomandano strategie preventive solo per lattanti ad alto rischio di sviluppare malattie allergiche, pur non essendoci univocità su tale definizione. Per l AAP e l ASCIA rientrano in questa categoria soggetti con entrambi i genitori od un genitore ed un fratello atopici, mentre il documento congiunto ESPACI/ESPGHAN definisce lattanti ad alto rischio quelli con un solo genitore o un fratello atopici 7-9 (Tabella I). La possibilità di modificare la storia naturale della malattia allergica rappresenta un obiettivo scientifico prioritario che si avvale di strategie preventive articolate in step progressivi. Si distingue pertanto una prevenzione primaria, finalizzata ad evitare la sensibilizzazione allergenica; secondaria, volta a ridurre l espressione della malattia allergica in soggetti già sensibilizzati e terziaria, mirata ad escludere gli allergeni in bambini con malattia in atto. Nell ambito delle strategie di prevenzione dietetica primaria, Wahn ha proposto di distinguere un approccio proibizionistico o restrittivo ed un approccio promozionistico o proattivo. L approccio restrittivo, come il termine stesso sta ad indicare, si propone di evitare il processo di sensibilizzazione allergica in lattanti a rischio, attraverso specifici accorgimenti dietetici ed ambientali quali l evitamento di pneumo e trofoallergeni, l introduzione ritardata del divezzamento e l assunzione di latti formula con proteine idrolisate, in caso di indisponibilità del latte materno 10. Di contro, l approccio promozionistico, finalizzato a modulare il sistema immunitario nelle primissime epoche di vita e a dirottarne la reattività, verte sulla promozione dell allattamento al seno e sull impiego di biomodulatori del microbiota intestinale (prebiotici, probiotici e sinbiotici). L approccio proattivo rappresenta un capitolo nuovo e decisamente affascinante nella prevenzione dietetica primaria dell allergia, nonostante manchino robuste evidenze scientifiche. Formule idrolisate Tutte le proteine alimentari sono naturalmente immunogene: possono indurre tolleranza (tollerogene) o stimolare risposte immunitarie (allergeniche), quali la produzione di IgE specifiche e/o di linfociti T (risposte cellulo-mediate). La potenzialità di una proteina immunogena di risultare allergenica o tollerogena è influenzata da vari fattori (predi- 2 MINERVA PEDIATRICA Vol. 60, 2008

4 PREVENZIONE DIETETICA PRIMARIA DELL ALLERGIA MINIELLO sposizione genetica, dose e periodo della prima introduzione dell immunogeno, infezioni, composizione del microbiota intestinale). L azione di un fattore o, più verosimilmente, la concertazione di vari fattori possono promuovere o inibire lo sviluppo dell allergia, in modo particolare durante le prime epoche di vita. Numerosi trial prospettici e di comparazione hanno valutato la valenza preventiva dei latti formula a base di proteine vaccine idrolisate. Tali formule, utilizzate in caso di indisponibilità del latte materno, vengono solitamente distinte in idrolisati estensivi (alimenti a fini medici speciali) ed idrolisati parziali (alimenti per lattanti, secondo la recente Direttiva 2006/141/CE). Gli idrolisati estensivi sono, a loro volta, distinti in base alla derivazione proteica (caseina e sieroproteine). La dicotomizzazione patisce, però, di eccessivo schematismo e non definisce la valenza funzionale dell idrolisato; il grado di idrolisi e la dimensione dei peptidi, difatti, non necessariamente predicono l effetto immunogeno (allergenico o tollerogeno). L attività preventiva sembra dipendere dal processo utilizzato per idrolisare le proteine più che dal grado di idrolisi. Il fenomeno sarebbe verosimilmente da ricondurre alla produzione di epitopi tollerogeni. In Italia i latti idrolisati, sia estensivi (extensively hydrolyzed formula, e-hf) che parziali (partially hydrolyzed formula, formule HA o p-hf,) sono indiscriminatamente commercializzati con il claim ipoallergenico. Tale termine non solo risulta improprio quando riferito ai parziali, ma rischia di indurre confusione: in letteratura per hypoallergenic si intende una formula a idrolisi estensiva. I latti HA continuano impropriamente ad essere definiti ipoallergenici anche dalle recenti normative Comunitarie. Secondo l allegato IV della Direttiva Europea 2006/141/CE (che sostituisce il noto D.M.500) il claim degli idrolisati può includere termini che fanno riferimento ad una riduzione del potere allergenico o antigenico ; inoltre sulle confezioni dei latti HA l etichetta deve specificare che il prodotto non deve essere consumato da lattanti allergici alle proteine intatte dalle quali è prodotto. Le formule a base di soia (proteine isolate integre della soia o idrolisato di soia e collagene suino), utilizzate da decenni per il trattamento dell allergia alle proteine del latte vaccino, non sembrano avere alcuna efficacia preventiva e non sono attualmente raccomandate dalle Società Internazionali né tantomeno dalle ultime dichiarazioni della Cochrane di Osborn e Sinn ( Feeding with a soy formula cannot be recommended for prevention of allergy or food intolerance in infants at high risk of allergy or food intolerance ) 11. Nonostante i recenti lavori di Fiocchi 12, 13 sull adozione degli idrolisati di riso nel trattamento dell allergia alle proteine del latte vaccino (APLV), tali formule non trovano applicabilità nelle strategie dietetiche di prevenzione. Efficacia preventiva: idrolisati spinti versus parziali Gli idrolisati spinti e parziali (formule HA) sono stati utilizzati in diversi studi prospettici. In particolare, l idrolisato estensivo a base di caseina (ehf-c) ha mostrato valenza preventiva come intervento dietetico singolo ed in associazione con altre misure di profilassi, sia dietetica (ritardato divezzamento, diete di esclusione per gravide, nutrici e lattanti), sia ambientale (ridotta esposizione ad acari). In uno studio prospettico randomizzato su lattanti ad alto rischio 14 le diete di esclusione erano prescritte sia alle madri (latte vaccino e derivati, uova, arachidi durante l ultimo trimestre di gravidanza e l allattamento) che ai lattanti (latte vaccino, grano, mais e soia fino a 12 mesi; uova, pesce e arachidi fino a 24 mesi). I risultati dimostrarono che l assunzione di una formula ad idrolisi spinta, associata ad altre misure dietetiche, era in grado di ridurre l incidenza cumulativa di eczema atopico e di allergia alimentare a valori paragonabili a quelli riscontrati nel lattante esclusivamente alimentato al seno, ma con effetto protettivo limitato nel tempo (fino al secondo anno di vita). All età di 7 anni, difatti, non vi era alcuna differenza significativa tra il gruppo profilassato e quello controllo. Vol. 60, 2008 MINERVA PEDIATRICA 3

5 MINIELLO PREVENZIONE DIETETICA PRIMARIA DELL ALLERGIA I risultati di uno studio prospettico, iniziato nel 1992 da Arshad e ancora in follow-up 15-17, mostrano che durante le prime epoche di vita la ridotta esposizione a pneumoallergeni (profilassi ambientale, trattamento della camera da letto con schiuma acaricida, adozione di coprimaterasso antiacari) e a trofoallergeni garantisce, almeno durante i primi otto anni di vita, un significativo effetto protettivo nei confronti dell atopia e dei relativi fenotipi (asma, eczema atopico, rinite). Nel gruppo profilassato venivano esclusi dalla dieta della nutrice e del lattante fino al nono mese di vita latte e derivati, uova, pesce, grano, soia, nocciole; in caso di indisponibilità del latte materno veniva somministrato un idrolisato estensivo di caseina. Nonostante tali drastiche misure, la dieta di esclusione non riduceva la successiva insorgenza di allergia alimentare. La complessa articolazione del disegno dello studio impedisce di attribuire i risultati esclusivamente alle misure ambientali. Due studi prospettici, condotti da Halken 18 e Zeiger 14 su lattanti ad alto rischio alimentati con formule estensive, hanno dimostrato che l incidenza cumulativa di allergia alimentare era significativamente ridotta fino a 5 e 7 anni. A fronte di tali evidenze Halken conclude che the protective effect on the development of cow s milk allergy is a real prevention and not only a postponement of the onset of symptoms. La dichiarazione congiunta ESPACI (Committee on Hypoallergenic Formulas) - ESPGHAN (Committee on Nutrition), risalente al 1999, affida solo agli idrolisati estensivi un ruolo preventivo ( In bottle fed infants with a documented hereditary atopy risk, the exclusive feeding of a formula with a confirmed reduced allergenicity is recommended ) 7. L elevato costo, la scarsa palatabilità, le perplessità sull adeguatezza nutrizionale (alterati aminoacidogrammi) degli idrolisati spinti sia di caseina (ehf-c) che di sieroproteine (ehf-w) rappresentano problemi non marginali che hanno indotto a valutare l efficacia preventiva dei latti ad idrolisi parziale (decisamente più accettabili per sapore e costo). Una valutazione comparativa sull efficacia preventiva tra gli idrolisati parziali e gli estensivi deriva da studi interventistici di confronto in soggetti ad alto rischio. Lo studio svedese Jönköping (Oldaeus) 19, in cui tutti i gruppi adottavano la prevenzione dietetica al fine di ridurre l influenza dei fattori confondenti, ha evidenziato a 6 e 12 mesi una significativa differenza tra idrolisato spinto di caseina e idrolisato parziale: la superiorità preventiva dell ehf-c rispetto al phf nel ridurre l incidenza cumulativa dei sintomi atopici si riduceva però a 18 mesi, periodo in cui l efficacia degli idrolisati rimaneva significativamente maggiore alla formula standard. Nello studio Odense, Halken 18 ha comparato l efficacia preventiva sullo sviluppo di malattia allergica di due idrolisati spinti (caseina e sieroproteine) con uno parziale: a 12 e 18 mesi l incidenza cumulativa di eczema atopico e di APLV era significativamente inferiore nei due gruppi di lattanti che assumevano gli idrolisati estensivi. A favore delle formule a idrolisi parziale (ridotta frequenza di APLV) si è espresso Chandra nello studio Terranova 20. I risultati hanno dimostrato anche l inefficacia preventiva del latte di soia. Høst e Halken hanno sintetizzato quanto sopra, indicando la forza delle raccomandazioni. Queste sono distinte in gradi (A, B, C, D) in rapporto al disegno dello studio ed al relativo livello di evidenze (I, II, III, IV). Il grado A indica studi prospettici randomizzati controllati, mentre il grado B viene attribuito a studi prospettici controllati non randomizzati ma di buona qualità (Tabella II). Ma il contributo più concreto al problema sull adozione del tipo di idrolisato nel lattante ad alto rischio di sviluppare un fenotipo atopico, è stato recentemente fornito dai risultati dello Studio German Infant Nutritional Intervention (GINI), prospettico, randomizzato, in doppio cieco 21. Il GINI Study ha valutato su un elevato numero di lattanti (2 252) l efficacia preventiva di due idrolisati spinti (di caseina e di sieroproteine) e di uno parziale rispetto ad una formula standard, con proteine intatte. A 12 mesi l incidenza cumulativa delle manifestazioni allergiche risultò essere significativamente inferiore nei bambini che avevano assunto l idrolisato spinto di caseina 4 MINERVA PEDIATRICA Vol. 60, 2008

6 PREVENZIONE DIETETICA PRIMARIA DELL ALLERGIA MINIELLO TABELLA II. Comparazione della efficacia preventiva tra idrolisati estensivi e parziali (latti HA). Formule idrolisate Efficacia preventiva delle misure dietetiche Grado della raccomandazione ESTENSIVE Ridotta incidenza cumulativa di APLV fino a 5-7 anni A e di eczema atopico fino a 4 anni PARZIALI (formule HA) Confermata efficacia preventiva, anche se minore A rispetto a quella indotta dagli idrolisati spinti Assunzione degli idrolisati associata al divezzamento dopo 4-6 mese (Høst e Halken). TABELLA III. Raccomandazioni delle Società Scientifiche sul tipo di idrolisato da utilizzare per la prevenzione dietetica primaria. Società scientifiche ESPACI/ESPGHAN AAP ASCIA (1999) (2000) (2005) Formule ipoantigeniche Idrosilati estensivi Idrosilati estensivi o idrosilati parziali Idrosilati (ehf-c) rispetto a quelli alimentati con formula adattata (9% versus 16%, OR=0,51); l ehf-c era particolarmente efficace sullo sviluppo di eczema atopico nel sottogruppo di lattanti con familiari di primo grado (madre) affetti da eczema atopico (riduzione della dermatite maggiore del 50%). Ma il risultato inatteso fu la maggior efficacia preventiva dell idrolisato parziale di sieroproteine (phf-w o HA) rispetto a quello spinto di sieroproteine (ehf-w). Tale sensibile differenza nell ambito degli idrolisati estensivi potrebbe derivare da tecnologie di produzione industriale non omogenee, a conferma che la valenza preventiva di una formula sembra dipendere dal processo utilizzato per idrolisare le proteine più che dal grado di idrolisi. Nonostante la vastità del campione arruolato non sono mancate critiche relative alla nomenclatura ed ai criteri di inclusione (Dreborg). Gli autori hanno recentemente pubblicato i risultati a 3 anni che hanno confermato la persistenza dell effetto preventivo nei confronti dell incidenza dell eczema atopico, sia assumendo la formula estensivamente idrolizzata a base di caseina (ehf-c), sia quella parzialmente idrolizzata a base di sieroproteine (HA). Tali evidenze dimostrano una reale riduzione dell incidenza della malattia, piuttosto che un suo semplice differimento temporale 22. A differenza di quanto riscontrato in altri studi, nessuna delle tre formule testate si è rivelata efficace nel ridurre l incidenza di asma. Dalle evidenze alle applicazioni Nell ultima revisione Cochrane 2006, Osborn e Sinn presentano qualche perplessità ( there is limited evidence ) sull efficacia preventiva degli idrolisati 23. Le posizioni dell AAP e dell ASCIA risultano decisamente meno pragmatiche di quelle europee (ESPACI/ESPGHAN) e meno drastiche delle sentenze Cochrane quando nei relativi position statement sdoganano l utilizzo degli idrolisati parziali: Infants with high risk for developing allergy, identified by a strong family history of allergy may benefit from exclusive breastfeeding or a hypoallergenic formula, possibly a partial hydrolysate formula (AAP) 8 e if breast feeding is not possible, a hydrolysed formula is recommended, rather than conventional cow s milk formulas, in high-risk infants only (ASCIA) 9 (Tabella III). Considerando che la maggior parte dei bambini affetti da malattia allergica proviene Vol. 60, 2008 MINERVA PEDIATRICA 5

7 MINIELLO PREVENZIONE DIETETICA PRIMARIA DELL ALLERGIA TABELLA IV. Comparazione tra idrolisati estensivi e parziali. Formule idrolisate Parziali (HA) da famiglie a basso rischio (un genitore o un fratello allergici), recentemente Sampson 24 e Hays 25 hanno proposto l adozione delle formule HA per questa popolazione ( Given that the majority of children diagnosed with atopic disease come from low-risk families, it may be beneficial to evaluate the effect of partial hydrosylate formulas for their potential prophylatic effect on the development of atopy in this population ) 24 e addirittura per la popolazione generale ( Because atopic disease in children cannot be predicted, the use of these formulas in the general population should be considered ) 25. Infine, un aspetto decisamente importante delle strategie preventive riguarda la durata delle restrizioni dietetiche. A tutt oggi non vi sono evidenze che attribuiscono, dopo il sesto mese di vita, alcun vantaggio preventivo all allattamento materno e/o una formula ipoantigenica. Odelram 26 ha dimostrato in lattanti ad alto rischio alimentati al seno che la somministrazione di un idrolisato spinto a partire dal sesto mese non sortisce effetti diversi da quelli di una formula standard. Non vi sono evidenze che dimostrino l effetto preventivo degli idrolisati sullo sviluppo della rinite allergica e dell asma. Conclusioni Estensive Efficacia preventiva Adeguatezza nutrizionale Costo Palatabilità Rispetto agli idrolisati spinti, le formule a idrolisi parziale ( latti HA) presentano minore efficacia preventiva ma garantiscono maggiore adeguatezza nutrizionale e palabilità a costi contenuti (Tabella IV). In caso di indisponibilità del latte materno, le formule idrolisate devono essere proposte durante i primi sei mesi di vita ai lattanti ad alto rischio (due genitori o un genitore ed un fratello con allergia alimentare, eczema atopico, asma o rinite allergica) e a quelli considerati a basso rischio dalle Società AAP e ASCIA (un solo genitore o un fratello allergici). Il lattante ad alto rischio senza storia familiare di dermatite atopica potrebbe assumere un idrolisato parziale (formula HA), decisamente economico e palatabile; se invece vi è familiarità positiva per eczema atopico è raccomandato un idrolisato spinto di caseina 21, 22, 24. Per il lattante a basso rischio andrebbe proposta una formula HA 25. Tali valutazioni emergono dalle evidenze estrapolate dal GINI Study che ha evidenziato la maggiore valenza preventiva dell idrolisato spinto di caseina rispetto all idrolisato spinto di sieroproteine. Sono necessari comunque ulteriori trial per poter legittimare l efficacia preventiva di questi ultimi, a fronte dei recenti progressi realizzati dalle tecnologie alimentari. Riassunto L allarmante incremento della prevalenza e morbidità delle patologie allergiche, registrato a livello planetario, ha polarizzato l attenzione sulla storia naturale dell atopia e sulle strategie di prevenzione primaria. A tal proposito, sono state proposte restrizioni dietetiche per lattanti provenienti da famiglie ad alto rischio (uno o due genitori e/o fratelli affetti da allergia alimentare, eczema, asma o rino-congiuntivite allergica). In questa review viene esaminato il potenziale preventivo delle formule a idrolisi proteica (estensiva e parziale) proposte, in caso di indisponibilità del latte materno, ai lattanti ad elevato rischio di sviluppare malattia allergica durante il primo semestre di vita. Se nella storia familiare non vi è eczema atopico, questi lattanti potrebbero assumere un idrolisato parziale (formula HA), decisamente più economico e palatabile dell idrolisato spinto che andrà invece raccomandato per i lattanti ad alto rischio con anamnesi familiare positiva per dermatite atopica. Parole chiave: Allergia e immunologia - Dieta - Prevenzione. Bibliografia 1. Kjellman NI, Nilsson L. From food allergy and atopic dermatitis to respiratory allergy. Pediatr Allergy Immunol 1998;9: Kjellman NI. Prediction and prevention of atopic allergy. Allergy 1998;53: MINERVA PEDIATRICA Vol. 60, 2008

8 PREVENZIONE DIETETICA PRIMARIA DELL ALLERGIA MINIELLO 3. Gustafsson D, Sjoberg O, Foucard T. Sensitization to food and airborne allergens in children with atopic dermatitis followed up to 7 years of age. Pediatr Allergy Immunol 2003;14: Bergmann RL, Edenharter G, Bergmann KE, Forster J, Bauer CP, Wahn V et al. Atopic dermatitis in early infancy predicts allergic airway disease at 5 years. Clin Exp Allergy. 1998;28: Allergic factors associated with the development of asthma and the influence of cetirizine in a doubleblind, randomised, placebo-controlled trial: first results of ETAC. Early Treatment of the Atopic Child. Pediatr Allergy Immunol 1998;9: Illi S, von Mutius E, Lau S, Nickel R, Gruber C, Niggemann B et al. The natural course of atopic dermatitis from birth to age 7 years and the association with asthma. J Allergy Clin Immunol 2004;113: Høst A, Koletzko B, Dreborg S, Muraro A, Wahn U, Aggett P et al. Dietary products used in infants for treatment and prevention of food allergy. Joint Statement of the European Society for Paediatric Allergology and Clinical Immunology (ESPACI) Committee on Hypoallergenic Formulas and the European Society for Paediatric Gastroenterology, Hepatology and Nutrition (ESPGHAN) Committee on Nutrition. Arch Dis Child 1999;81: American Academy of Pediatrics. Committee on Nutrition. Hypoallergenic infant formulas. Pediatrics 2000;106: Prescott SL, Tang ML. The Australasian Society of Clinical Immunology and Allergy position statement: summary of allergy prevention in children. Med J Aust 2005;182: Zeiger RS. Food allergen avoidance in the prevention of food allergy in infants and children. Pediatrics 2003;111: Osborn DA, Sinn J. Soy formula for prevention of allergy and food intolerance in infants. Cochrane Database Syst Rev 2006;18:CD Fiocchi A, Restani P, Bernardini R, Lucarelli S, Lombardi G, Magazzu G et al. A hydrolysed rice-based formula is tolerated by children with cow s milk allergy: a multi-centre study. Clin Exp Allergy 2006;36: Agostoni C, Fiocchi A, Riva E, Terracciano L, Sarratud T, Martelli A et al. Growth of infants with IgE-mediated cow s milk allergy fed different formulas in the complementary feeding period. Pediatr Allergy Immunol 2007;18: Zeiger RS, Heller S. The development and prediction of atopy in high-risk children: follow-up at age seven years in a prospective randomized study of combined maternal and infant food allergen avoidance. J Allergy Clin Immunol 1995;95: Arshad SH, Matthews S, Gant C, Hide DW. Effect of allergen avoidance on development of allergic disorders in infancy. Lancet 1992;339: Arshad SH, Bateman B, Matthews SM. Primary prevention of asthma and atopy during childhood by allergen avoidance in infancy: a randomised controlled study. Thorax 2003;58: Arshad SH, Bateman B, Sadeghnejad A, Gant C, Matthews SM. Prevention of allergic disease during childhood by allergen avoidance: the Isle of Wight prevention study. J Allergy Clin Immunol 2007;119: Halken S, Jacobsen HP, Høst A, Holmenlund D. The effect of hypo-allergenic formulas in infants at risk of allergic disease. Eur J Clin Nutr 1995;49: Oldaeus G, Anjou K, Bjorksten B, Moran JR, Kjellman NI. Extensively and partially hydrolysed infant formulas for allergy prophylaxis. Arch Dis Child 1997; 77: Chandra RK. Five-year follow-up of high-risk infants with family history of allergy who were exclusively breast-fed or fed partial whey hydrolysate, soy, and conventional cow s milk formulas.j Pediatr Gastroenterol Nutr 1997;24: von Berg A, Koletzko S, Grubl A, Filipiak-Pittroff B, Wichmann HE, Bauer CP et al. The effect of hydrolyzed cow s milk formula for allergy prevention in the first year of life: the German Infant Nutritional Intervention Study, a randomized double-blind trial. J Allergy Clin Immunol 2003;111: von Berg A, Koletzko S, Filipiak-Pittroff B, Laubereau B, Grubl A, Wichmann HE et al. Certain hydrolyzed formulas reduce the incidence of atopic dermatitis but not that of asthma: three-year results of the German Infant Nutritional Intervention Study. J Allergy Clin Immunol 2007;119: Osborn DA, Sinn J. Formulas containing hydrolysed protein for prevention of allergy and food intolerance in infants. Cochrane Database Syst Rev 2006;18: CD Sampson HA. Prevention of atopy and allergic disease: type of infant formula. Nestle Nutr Workshop Ser Pediatr Program 2006;57:109-17; discussion Hays T, Wood RA. A systematic review of the role of hydrolyzed infant formulas in allergy prevention. Arch Pediatr Adolesc Med 2005;159: Odelram H, Vanto T, Jacobsen L, Kjellman NI. Whey hydrolysate compared with cow s milk-based formula for weaning at about 6 months of age in high allergyrisk infants: effects on atopic disease and sensitization. Allergy 1996;51: Vol. 60, 2008 MINERVA PEDIATRICA 7

9 Per mantenere un ridotto apporto di allergeni e favorire una prevalenza di Bifidobatteri anche durante lo svezzamento Nidina 2 Excel è il primo latte ipoallergenico di proseguimento formulato con una combinazione unica di ingredienti attivi sul sistema immunitario: Bifidobacterium lactis per mantenere una microflora intestinale fisiologica e protettiva Profilo proteico ottimale ed ipoallergenico con oligopeptidi immunocompetenti LC-PUFA ad attività immunomodulante Sito Nestlé dedicato al Medico Pediatra: PAOLO CASTELLO STUDIO DI GRAFICA s.a.s. NESTLÉ Via Matteo Bandello, MILANO - ITALY Tel./Fax Pagina Pubblicitaria Nidina EXCEL f.to 190X270 22/07/2008 COLORI IMPIEGATI Cyan Giallo Magenta Nero

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO PRESUNTO ALLERGICO. F. Paravati Crotone

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO PRESUNTO ALLERGICO. F. Paravati Crotone ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO PRESUNTO ALLERGICO F. Paravati Crotone Allergia Alimentare epidemiologia 3-5% della popolazione pediatrica fino a 8 aa: (6-8% dei lattanti) convinzione nei genitori per una possibile

Dettagli

Quando inserire gli alimenti: dal passato ad oggi

Quando inserire gli alimenti: dal passato ad oggi : allergie Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica 05 06/2012 14-18 Quando inserire gli alimenti: dal passato ad oggi Sabrina Di Pillo, Alessandra Scaparrotta, Anna Cingolani, Nicola Pietro Consilvio,

Dettagli

IPLV: QUALE TERAPIA DIETETICA? Enza D Auria Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

IPLV: QUALE TERAPIA DIETETICA? Enza D Auria Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano IPLV: QUALE TERAPIA DIETETICA? Enza D Auria Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano IPERSENSIBILITA ALIMENTARE Allergia alimentare (reazioni agli alimenti scatenate da meccanismo

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

PREVENZIONE ALLERGIE ALIMENTARI. Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica AO Luigi Sacco Università degli Studi di Milano

PREVENZIONE ALLERGIE ALIMENTARI. Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica AO Luigi Sacco Università degli Studi di Milano PREVENZIONE ALLERGIE ALIMENTARI Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica AO Luigi Sacco Università degli Studi di Milano Fattori Fattori genetici genetici Allergeni inalanti inalanti e e alimentari Virus

Dettagli

Gravidanza, parto e allattamento: i dati del territorio. Venezia 3 Novembre 2015 Stefania Porchia

Gravidanza, parto e allattamento: i dati del territorio. Venezia 3 Novembre 2015 Stefania Porchia Gravidanza, parto e allattamento: i dati del territorio Venezia 3 Novembre 2015 Stefania Porchia Valorizzare i flussi informativi: cosa serve, cosa c è, cosa manca. Come mettere insieme le risorse? Confrontabilità

Dettagli

Alimentazione e prevenzione delle malattie. Luigi Terracciano, Pediatra di famiglia, ASL Milano

Alimentazione e prevenzione delle malattie. Luigi Terracciano, Pediatra di famiglia, ASL Milano Alimentazione e prevenzione delle malattie Luigi Terracciano, Pediatra di famiglia, ASL Milano ORIGIN OF COMPLEX ADULT ONSET DISEASES Perhaps the single most important observation made in the twentieth

Dettagli

Ipersensibilità alimentare

Ipersensibilità alimentare ! " # $ " %% " # %& EAACI : European Academy of Allergology and Clinical Immunology Ipersensibilità alimentare Allergia alimentare Ipersensibilità non allergica IgE mediata Non IgE mediata Allergy, 2001;56:813

Dettagli

Posso davvero dare tutto e presto al bambino a rischio di trofoallergia?

Posso davvero dare tutto e presto al bambino a rischio di trofoallergia? Posso davvero dare tutto e presto al bambino a rischio di trofoallergia? Calvani Mauro Azienda Ospedaliera S. Camillo-Forlanini UOC di Pediatria e Ematol. Pediatrica Ambulatorio Allergologico Roma The

Dettagli

Il bambino con APLV: dal caso clinico alla gestione della terapia

Il bambino con APLV: dal caso clinico alla gestione della terapia Il bambino con APLV: dal caso clinico alla gestione della terapia Nunzia Maiello Servizio Asma e Fisiopatologia Respiratoria infantile M Miraglia del Giudice Dipartimento di Pediatria Seconda Università

Dettagli

Riduzione dei patogeni

Riduzione dei patogeni Batteri totali (%) Riduzione dei patogeni Neonati a termine (età inizio studio: 0-14gg) dopo 6 settimane 18 16 Formula con Prebiotici (n=16) Formula standard (n=18) p

Dettagli

Svezzare a 4 mesi un bambino allattato in maniera esclusiva?

Svezzare a 4 mesi un bambino allattato in maniera esclusiva? Svezzare a 4 mesi un bambino allattato in maniera esclusiva? Ci scrive una mamma: Il mio bimbo ha tre mesi e mezzo, lo allatto in maniera esclusiva, sta benissimo. Non ha familiarità per allergie. Al bilancio

Dettagli

Impiego del latte di asina nel bambino con allergia alle proteine del latte vaccino. Revisione della letteratura

Impiego del latte di asina nel bambino con allergia alle proteine del latte vaccino. Revisione della letteratura Impiego del latte di asina nel bambino con allergia alle proteine del latte vaccino. Revisione della letteratura Iride Dello Iacono Unità Operativa di Pediatria, Ospedale Fatebenefratelli, Benevento iridedello@hotmail.com

Dettagli

INDICE SUMMARY. Organo ufficiale della Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili (SIMRI) Volume 7, n. 28 - Dicembre 2007

INDICE SUMMARY. Organo ufficiale della Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili (SIMRI) Volume 7, n. 28 - Dicembre 2007 INDICE SUMMARY Editoriale La prevenzione dell allergia: Pro D. Peroni, E. Bortoletti La prevenzione dell allergia: Contro M. Calvani I test diagnostici della medicina complementare/alternativa S. Tripodi,

Dettagli

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA

GRADE applicato alle Linee Guida ARIA GRADE applicato alle Linee Guida ARIA Sergio Bonini Professor di Medicina Interna Seconda Università di Napoli INMM-CNR, ARTOV, Roma se.bonini@gmail.com The ARIA initiative was developed As a state-of-the-art

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

Il ruolo dell alimentazione

Il ruolo dell alimentazione Il ruolo dell alimentazione Elvira Verduci Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Dipartimento di Scienze della Salute Università degli Studi di Milano Perché parlare di alimentazione? Esposizione ad allergeni

Dettagli

Dal Wheezing all Asma

Dal Wheezing all Asma Dal Wheezing all Asma A. F. Capristo Dipartimento di Pediatria Seconda Università di Napoli Servizio Asma e Fisiopatologia Respiratoria Infantile Maurizio Miraglia del Giudice La marcia atopica ASMA BRONCHIALE

Dettagli

Alimentazione e sicurezza

Alimentazione e sicurezza Alimentazione e sicurezza I prodotti destinati ad una alimentazione particolare R&D Plada H.J.Heinz I prodotti destinati ad una alimentazione particolare Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione

Dettagli

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE GIACOMO FALDELLA Dip. Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Pediatriche - Università di Bologna Nutrizione infantile 1 EFFETTI IMMEDIATI 2 EFFETTI A LUNGO

Dettagli

Atti XXVI Congresso Nazionale SIPPS. Prevenzione delle Allergie Alimentari e Respiratorie Uno strumento per la pratica quotidiana

Atti XXVI Congresso Nazionale SIPPS. Prevenzione delle Allergie Alimentari e Respiratorie Uno strumento per la pratica quotidiana Atti XXVI Congresso Nazionale SIPPS CONSENSUS 2014 Prevenzione delle Allergie Alimentari e Respiratorie Uno strumento per la pratica quotidiana Seminare salute Gruppo di lavoro Coordinatori Giuseppe di

Dettagli

Elvira Verduci. Latti speciali e patologia: una malattia un latte speciale

Elvira Verduci. Latti speciali e patologia: una malattia un latte speciale Latti speciali e patologia: una malattia un latte speciale Elvira Verduci Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Dipartimento Scienze della Salute Università degli Studi di Milano Overview Formule idrolisate

Dettagli

IgE totali nel primo anno di vita e IgE totali materne: ruolo nella valutazione del rischio allergico

IgE totali nel primo anno di vita e IgE totali materne: ruolo nella valutazione del rischio allergico Bollettino della Società Medico Chirurgica di Pavia 124(1):3-10 Comunicazione all adunanza del 27 gennaio 2011 IgE totali nel primo anno di vita e IgE totali materne: ruolo nella valutazione del rischio

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE

IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE DOTT. LUIGI GRECO PEDIATRA DI FAMIGLIA BERGAMO VICE PRESIDENTE DELLA S.I.P. DOTT.SSA ELVIRA VERDUCI RICERCATORE

Dettagli

Le formule adattate per il lattante attualmente in commercio: differenze e significato. C. Agostoni, Milano

Le formule adattate per il lattante attualmente in commercio: differenze e significato. C. Agostoni, Milano Le formule adattate per il lattante attualmente in commercio: differenze e significato C. Agostoni, Milano 10/ Few breastfeeding 4 mo Evidenza Quantità delle proteine Form delle proteine (intere, idrolisi,

Dettagli

L importanza della diagnosi precoce in età pediatrica E PIOZZI

L importanza della diagnosi precoce in età pediatrica E PIOZZI L importanza della diagnosi precoce in età pediatrica E PIOZZI ETA Pediatrica L età pediatrica comprende la fascia 018 anni In termini oftalmologici la diagnosi precoce riduce la fascia ideale per la diagnosi

Dettagli

Esami a pioggia o mirati

Esami a pioggia o mirati Rimini, 23 marzo 2011 Esami a pioggia o mirati Daniela Spettoli WHO CC for evidence-based research synthesis and guideline development in reproductive health Criteri di valutazione di uno screening 22

Dettagli

HBV. Il problema di sanità pubblica mondiale rappresentato dalle epatiti virali

HBV. Il problema di sanità pubblica mondiale rappresentato dalle epatiti virali http://www.aslromaa.it/auslrma/ farmaanotizie Periodico mensile di informazione della ASL ROMA A su argomenti di farmacoepidemiologia/farmacoeconomia/farmacovigilanza Agosto 2014 anno 5 n 8 Il problema

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Finalità dell alimentazione del neonato prematuro Crescita adeguata Soddisfacente

Dettagli

UFFICIO STAMPA & RASSEGNA STAMPA a cura di

UFFICIO STAMPA & RASSEGNA STAMPA a cura di SICUREZZA ALIMENTARE Tutte le risposte su allergie e intolleranze: il quiz dalla FSA inglese. A cura di Roberto Bernardini e di Iride dello Iacono del SIAIP Pubblicato da Redazione Il Fatto Alimentare

Dettagli

Vennero dosate le IgEs e le IgG4s all età di 8 e 12 mesi e vennero registrati gli Eventi Avversi.

Vennero dosate le IgEs e le IgG4s all età di 8 e 12 mesi e vennero registrati gli Eventi Avversi. Palmer DJ, Metcalfe J, Makrides M, Gold MS, Quinn P, West CE, Loh R, Prescott SL Early regular egg exposure in infants with eczema: A randomized controlled trial. J Allergy Clin Immunol. 2013 Aug;132(2):387-392

Dettagli

Sono sempre stanco Mio figlio non sta mai fermo, è sempre distratto e va male a scuola Ho sempre mal di testa Ho sempre mal di pancia Non riesco a dimagrire Allergia Alimentare Bambini: 6-8% Adulti: 2-3%

Dettagli

L Allergia Alimentare

L Allergia Alimentare L Allergia Alimentare Elena Lionetti Dipartimento di Scienze Mediche e Pediatriche Università di Catania L allergia alimentare: Le linee guida NIAID Guidelines, J Allergy Clin Immunol 2010 WAO Guidelines,

Dettagli

LA GESTIONE del BAMBINO con GRAVE ALLERGIA AL LATTE

LA GESTIONE del BAMBINO con GRAVE ALLERGIA AL LATTE LA GESTIONE del BAMBINO con GRAVE ALLERGIA AL LATTE Michele Miraglia del Giudice Servizio Asma e Fisiopatologia Respiratoria Infantile Maurizio Miraglia del Giudice Dipartimento di Pediatria Seconda Università

Dettagli

Alimentazione del bambino e salute futura: la responsabilità del programming

Alimentazione del bambino e salute futura: la responsabilità del programming Alimentazione del bambino e salute futura: la responsabilità del programming Marcello Giovannini Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano QUALE EVIDENZA SCIENTIFICA 1) Macronutrienti:

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

L'allattamento in Italia

L'allattamento in Italia XXXIX congresso dell Associazione Italiana di Epidemiologia Alimentazione e salute nell era della globalizzazione SEMINARIO SATELLITE 27 ottobre 2015 Allattamento e alimentazione infantile come strategia

Dettagli

DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI

DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI OBIETTIVI E FINALITA NUTRIZIONALI: Soddisfare i fabbisogni nutrizionali del lattante (densità calorica,fe

Dettagli

Allergia Alimentare: il labirinto del latte. Vito L. Miniello

Allergia Alimentare: il labirinto del latte. Vito L. Miniello Allergia Alimentare: il labirinto del latte Vito L. Miniello Clinica Pediatrica S. Maggiore Dip.to di Biomedicina dell Età Evolutiva Università di Bari Ipersensibilità EAACI (the European Academy of Allergology

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Alimentazione e accudimento: circuiti emotivi e circostanze

Alimentazione e accudimento: circuiti emotivi e circostanze Alimentazione e accudimento: circuiti emotivi e circostanze Maria Enrica Bettinelli pediatra, neonatologo, consulente professionale allattamento (IBCLC),coordinatore BFCI UNICEF Italia Luisa Scuratti psicologa,

Dettagli

Sito UNICEF Italia: www.unicef.it/allattamento

Sito UNICEF Italia: www.unicef.it/allattamento L allattamento al seno esclusivo è il modello di riferimento o normativo rispetto al quale tutti i metodi alternativi di alimentazione devono essere misurati in termini di crescita, salute, sviluppo, e

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE VI ABBIAMO SEMPRE DETTO SUL RAPPORTO TRA ECZEMA E ALLERGIE ALIMENTARI FORSE NON ERA VERO

TUTTO QUELLO CHE VI ABBIAMO SEMPRE DETTO SUL RAPPORTO TRA ECZEMA E ALLERGIE ALIMENTARI FORSE NON ERA VERO Eczema e allergie alimentari: una rivoluzione copernicana TUTTO QUELLO CHE VI ABBIAMO SEMPRE DETTO SUL RAPPORTO TRA ECZEMA E ALLERGIE ALIMENTARI FORSE NON ERA VERO La terra gira intorno al sole Due teorie

Dettagli

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Il latte costituisce l alimento primordiale per tutti i mammiferi. È composto da sostanze provenienti dal sangue per filtrazione diretta e da componenti

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

LE ALLERGIE ALIMENTARI

LE ALLERGIE ALIMENTARI UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 LE ALLERGIE ALIMENTARI Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio ALLERGIE-INTOLLERANZE L allergia alimentare è una reazione di ipersensibilità

Dettagli

Nutrizione e crescita: aspetti preventivi

Nutrizione e crescita: aspetti preventivi Nutrizione e crescita: aspetti preventivi Elvira Verduci Dipartimento Scienze della Salute Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano Importante riconoscere particolari traiettorie

Dettagli

Allergia alimentare : aspetti dietetici. Luigi Terracciano, Alberto Martelli, Teresita Sarratud, Alessandro Fiocchi

Allergia alimentare : aspetti dietetici. Luigi Terracciano, Alberto Martelli, Teresita Sarratud, Alessandro Fiocchi Allergia alimentare : aspetti dietetici. Luigi Terracciano, Alberto Martelli, Teresita Sarratud, Alessandro Fiocchi Background L allergia alimentare è un problema di crescente frequenza nella pratica pediatrica.

Dettagli

ALLERGENI, ALLERGIE e AMBIENTE Dott.ssa Maria Paola Montagna

ALLERGENI, ALLERGIE e AMBIENTE Dott.ssa Maria Paola Montagna I Congresso Regionale Calabrese Associazione Medici per l Ambiente ISDE Italia AMBIENTE è SALUTE 22 23 maggio 2009 Castrovillari Protoconvento Francescano in memoria di Lorenzo Tomatis ALLERGENI, ALLERGIE

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA 1 ottobre 2011 IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA Dott.ssa Elena Fachinat DATI EPIDEMIOLOGICI : Prevalenza stimata di ipotiroidismo conclamato in gravidanza : 0,3-0,5% Prevalenza stimata di ipotiroidismo subclinico

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Errori Nutrizionali nella Dieta del Lattante

Errori Nutrizionali nella Dieta del Lattante Errori Nutrizionali nella Dieta del Lattante Vito Leonardo Miniello Clinica Pediatrica S. Maggiore Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva Università degli Studi di Bari Most current guidelines

Dettagli

ANAFILASSI DA CONTATTO CON ALBUME IN LATTANTE CON STORIA FAMILIARE POSITIVA PER ATOPIA

ANAFILASSI DA CONTATTO CON ALBUME IN LATTANTE CON STORIA FAMILIARE POSITIVA PER ATOPIA Napule è... PEDIATRIA PREVENTIVA E SOCIALE 30 APRILE - 3 MAGGIO 2015 Hotel Royal Continental, Napoli ANAFILASSI DA CONTATTO CON ALBUME IN LATTANTE CON STORIA FAMILIARE POSITIVA PER ATOPIA Cristiana Indolfi

Dettagli

Allergia al Grano. Gluten Free Day - Roma 30/11/2014 Cristiano Caruso Unità di Allergologia Complesso Integrato Columbus- Roma carusocristiano1@tin.

Allergia al Grano. Gluten Free Day - Roma 30/11/2014 Cristiano Caruso Unità di Allergologia Complesso Integrato Columbus- Roma carusocristiano1@tin. Allergia al Grano Gluten Free Day - Roma 30/11/2014 Cristiano Caruso Unità di Allergologia Complesso Integrato Columbus- Roma carusocristiano1@tin.it Interesse nelle patologie correlate al glutine Catassi

Dettagli

STUDI ITALIANI SUI DISTURBI RESPIRATORI NELL INFANZIA E L AMBIENTE

STUDI ITALIANI SUI DISTURBI RESPIRATORI NELL INFANZIA E L AMBIENTE e&p STUDI ITALIANI SUI DISTURBI RESPIRATORI NELL INFANZIA E L AMBIENTE Capitolo 7 Fattori di rischio pre e perinatali e del primo anno di vita e sviluppo di wheezing in età prescolare Pre, perinatal and

Dettagli

Regaliamo futuro. Atti XXV Congresso Nazionale SIPPS. Relazioni, abstract e comunicazioni orali

Regaliamo futuro. Atti XXV Congresso Nazionale SIPPS. Relazioni, abstract e comunicazioni orali Poste Italiane s.p.a.- Spedizione in Abbonamento Postale- 70% - LO/MI Supplemento al Numero 3 - Anno VIII - 2013 - ISSN 1970-8165 Organo UFFICIALE della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale

Dettagli

La storia infinita di Giovanni

La storia infinita di Giovanni La storia infinita di Giovanni Nunzia Maiello Servizio Asma e Fisiopatologia Respiratoria Infantile M M Miraglia del Giudice Dipartimento di Pediatria-Seconda Università di Napoli L anamnesi di Giovanni

Dettagli

L efficacia degli interventi nelle coliche del lattante

L efficacia degli interventi nelle coliche del lattante Traduzione a cura di: CPSE Cristiana Forni Unità di Ricerca Servizio Assistenza Istituto Ortopedico Rizzoli Collaboratrice Centro studi EBN - Direzione Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Ospedaliera

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

Quale latte artificiale? La componente proteica

Quale latte artificiale? La componente proteica Quale latte artificiale? La componente proteica Renato Lucchini Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Perinatologia e Puericultura Università di Roma La Sapienza Quale alimento in alternativa al latte

Dettagli

Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri. Dr. Grazia Manfredi 2006

Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri. Dr. Grazia Manfredi 2006 Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri Dr. Grazia Manfredi 2006 A.R.I.A. Position Paper 2001 Allontanamento dell allergene indicato

Dettagli

Allergia alimentare e asma dubbi e certezze. Allergia deriva da Allos ergon : diverso effetto. Cenni storici

Allergia alimentare e asma dubbi e certezze. Allergia deriva da Allos ergon : diverso effetto. Cenni storici Allergia alimentare e asma dubbi e certezze Ragusa, 21 Aprile 2012 Università di Catania Dipartimento di PediatriaAOU Policlinico-Vittorio Emanuele Giovanna Di Dio Andrea Praticò Allergia deriva da Allos

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

Accrescimento e composizione corporea nel prematuro

Accrescimento e composizione corporea nel prematuro Accrescimento e composizione corporea nel prematuro Lorella Giannì U.O. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Direttore Prof. Fabio Mosca Fondazione Cà Granda Ospedale Policlinico Università degli

Dettagli

Avvertenza per allergici

Avvertenza per allergici RITTER-SPORT.IT Buono a sapersi Avvertenza per allergici Le reazioni positive prevalgono. chocolate makes you happy. For 5% of Germans, this is not necessarily true, however, as they have an allergy

Dettagli

World Allergy Organization-McMaster University Guidelines for Allergic Disease Prevention (GLAD-P): Probiotics

World Allergy Organization-McMaster University Guidelines for Allergic Disease Prevention (GLAD-P): Probiotics Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica due 2015 30-36 da: Giampaolo Ricci Clinica Pediatrica, Università di Bologna E-mail: giampaolo.ricci@unibo.it World Allergy Organization-McMaster University

Dettagli

Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica, Ospedale dei Bambini V. Buzzi Università degli Studi di Milano

Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica, Ospedale dei Bambini V. Buzzi Università degli Studi di Milano Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica, Ospedale dei Bambini V. Buzzi Università degli Studi di Milano Obesità infantile nel mondo 2010: PIÚ DI 42 MILIONI I BAMBINI IN SOVRAPPESO SOTTO I 5 ANNI Obesità

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

della sindrome metabolica? Elvira Verduci, Graziella Cefalo Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

della sindrome metabolica? Elvira Verduci, Graziella Cefalo Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano L alimentazione ha un ruolo nella prevenzione della sindrome metabolica? Elvira Verduci, Graziella Cefalo Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano Zimmet P et al. The metabolic

Dettagli

Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana

Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana Dalla sperimentazione allo sviluppo e diffusione delle

Dettagli

Una definizione operativa. Un quadro variegato e complesso

Una definizione operativa. Un quadro variegato e complesso Le malattie allergiche comprendono numerose sindromi: non tutte possono essere documentate attraverso i dati attualmente disponibili in Regione Piemonte. La prevalenza di asma nei bambini e negli adolescenti

Dettagli

Risk factors for deaths

Risk factors for deaths App per il consumatore: la nuova frontiera dell etichettatura Prof. Alessandro Casini Nutrizione Clinica, AOUCareggi Università di Firenze Risk factors for deaths Prevalence of overweight (BMI>25 kg/m

Dettagli

Età pre- e perinatale e morbilità nelle età successive. Vita Sana

Età pre- e perinatale e morbilità nelle età successive. Vita Sana nutrizione accrescimento sviluppo mantenimento stato salute Età pre- e perinatale e morbilità nelle età successive mala5a salute - 9 mesi nascita Crescita e Metabolismo Sviluppo Neuro- Psicologico Infezioni

Dettagli

Auscultazione intermittente Vs CTG continuo

Auscultazione intermittente Vs CTG continuo Corso pre congressuale Valutazione del benessere fetale in travaglio Auscultazione intermittente Vs CTG continuo Nicoletta Telleri Da: La sorveglianza del benessere fetale in travaglio di parto. Linea

Dettagli

Titolo: L utilizzo diffuso degli anticolinergici nel trattamento del broncospasmo dei bambini < 2 anni non è supportato da una buona evidenza.

Titolo: L utilizzo diffuso degli anticolinergici nel trattamento del broncospasmo dei bambini < 2 anni non è supportato da una buona evidenza. Titolo: L utilizzo diffuso degli anticolinergici nel trattamento del broncospasmo dei bambini < 2 anni non è supportato da una buona evidenza. Introduzione Il broncospasmo è un sintomo comune nel bambino

Dettagli

Barker s hypothesis:

Barker s hypothesis: Barker s hypothesis: L ipotesi che molte delle malattie croniche dell età adulta possano essere programmate in utero e nei primi anni di vita rappresenta un affascinante teoria per la ricerca biologica

Dettagli

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Milano, 16 ottobre 2015 Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Annamaria Castellazzi Dipartimento di Scienze Clinco-chirurgiche, Diagnostiche e pediatriche Università degli Studi di Pavia Vice-Presidente

Dettagli

Vaccinazione anti-epatite B: una strategia di successo

Vaccinazione anti-epatite B: una strategia di successo Giornata di Studio in ricordo della Professoressa Fernanda ergamini Milano, 7 aprile 9 Vaccinazione anti-epatite : una strategia di successo Prof. Alessandro Zanetti Dipartimento di Sanità pubblica Microbiologia

Dettagli

Il Fattore Familiarità Prevenzione Visiva

Il Fattore Familiarità Prevenzione Visiva Il Fattore Familiarità Prevenzione Visiva E.Piozzi AMGO BOLOGNA 21/03/2015 nella Familiarità e genetica Familiarità: Genetica: situazione in cui nella storia di una famiglia ci sono stati più casi di una

Dettagli

Dietista Anna Battistin Dipartimento A.I.S. per la Salute della Donna e del Bambino - Azienda Ospedaliera di Padova

Dietista Anna Battistin Dipartimento A.I.S. per la Salute della Donna e del Bambino - Azienda Ospedaliera di Padova NUTRIZIONE ENTERALE NEL BAMBINO CRITICO 13 novembre 2014 Dietista Anna Battistin LA REALTA PEDIATRICA I pazienti pediatrici rappresentano una popolazione particolarmente vulnerabile, con specifiche necessità

Dettagli

Comunicazione della diagnosi e continuità assistenziale in età adulta: quale ruolo per il pediatra?

Comunicazione della diagnosi e continuità assistenziale in età adulta: quale ruolo per il pediatra? Strumenti per la sorveglianza e la presa in carico dei soggetti autistici: il ruolo dei pediatri 24 25 novembre 2011 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' BICN Dipartimento di Biologia cellulare e Neuroscienze

Dettagli

Sabato 1 ottobre 2011

Sabato 1 ottobre 2011 Gli esami nella contraccezione e in gravidanza: per un punto di vista della medicina generale Sabato 1 ottobre 2011 L'indicazione ad eseguire una periodica e vasta gamma di esami di laboratorio alle donne

Dettagli

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450 Morte naturale, preceduta da improvvisa perdita della conoscenza, che si verifica entro un ora dall inizio dei sintomi, in soggetti con o senza cardiopatia nota preesistente, ma in cui l epoca e la modalità

Dettagli

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro ASMA PROFESSIONALE Definizione L Asma bronchiale è una malattia respiratoria caratterizzata da broncocostrizione totalmente o parzialmente reversibile, iperreattività bronchiale e infiammazione delle vie

Dettagli

XIX Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale

XIX Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale XIX Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale TORINO, 27 OTTOBRE 2007 IMMUNOTERAPIA SUBLINGUALE : UN VALIDO STRUMENTO NELL ASMA ALLERGICO Sergio Arrigoni Melloni Pediatria

Dettagli

Wheezing in età prescolare. Francesco Paravati UOC Pediatria - Crotone

Wheezing in età prescolare. Francesco Paravati UOC Pediatria - Crotone Wheezing in età prescolare Francesco Paravati UOC Pediatria - Crotone Nel bambino da che età si può parlare di asma? 1) > 1 anno 2) > 3 anni 3) > 5 anni 4) > 10 anni Nel bambino che fischia, qual è il

Dettagli

Sinossi dei disegni di studio

Sinossi dei disegni di studio Sinossi dei disegni di studio di intervento osservazionali serie di casi trasversale ecologici individuali quasisperimentali sperimentali (RCT) coorte caso-controllo Studi caso-controllo Il punto di partenza

Dettagli

A che età introdurre alimenti complementari al latte

A che età introdurre alimenti complementari al latte A che età introdurre alimenti complementari al latte Verbania, 19 ottobre 2012 Claudia Carletti e Adriano Cattaneo IRCCS Burlo Garofolo, Trieste carletti@burlo.trieste.it cattaneo@burlo.trieste.it 1 L

Dettagli

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit Organizzazione ed erogazione delle cure e audit LG SIGN 9 M.Mercuri 21/11/2010 IL CONTROLLO MEDICO E L EDUCAZIONE DEL PAZIENTE Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Dettagli

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Paolo Rubartelli - Genova Key points: Chi usa la fibrinolisi nello STEMI, deve essere pronto a integrare, in maniera individualizzata, la strategia farmacologica

Dettagli

Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano. Test di provocazione orale con alimento Documento condiviso

Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano. Test di provocazione orale con alimento Documento condiviso Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano Bianchi Annamaria, Caferri Monaldo, Candelotti Paolo, Carotti Giuliana, De Angelis Fiorella, De Colli Rosa, Filomeni Nazzareno, Franceschini

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Telefono 040 3785236 E-mail claudiaveronica.carletti@burlo.trieste.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli