Asma grave e comorbilità: moderni approcci terapeutici Agnese Posca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Asma grave e comorbilità: moderni approcci terapeutici Agnese Posca"

Transcript

1 Asma grave e comorbilità: moderni approcci terapeutici Agnese Posca

2 Asma grave: i numeri L asma è una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree che affetta più di 300 milioni di individui nel mondo L asma severo colpisce dal 5% al 10% dei casi, e rappresenta il gruppo che richiede nuovi approcci terapeutici La morbilità e la mortalità correlate all asma sono inaccettabilmente elevate

3 Asma, malattia sociale In media in una classe di 30 alunni 3 probabilmente sono affetti da asma L asma, sia a substrato allergico che non allergico, rappresenta per la sua prevalenza e gravità un problema non solo sanitario ma anche sociale: impone terapie continuative e controlli periodici con elevati costi sociali, economici ed umani

4 L asma severo non risponde a terapie convenzionali, come alte dosi di corticosteroidi inalatori associati a longacting β 2 agonisti (LABA) e può essere associata a grave morbidità e mortalità, come ad incremento di assistenza e di costi economici Asma grave

5

6 Asma grave In summary, asthma is a eterogeneous disease with different clinical phenotypes that influence the variability of patient responses to therapy. New therapeutic tools have been suggested but the most important consideration in asthma treatment is the therapeutic responses of each patient, as asthma therapy should always be individualised Mathias Kopp (EAACI Newsletter September 2008)

7 Asma grave: WHOs definizione Uncontrolled asthma can result in risk of frequent severe exacerbations (or death) and/or adverse reactions to medications and/or chronic morbidity (including impaired lung function or reduced lung growth in children) - World Health Organization 2010

8 Asma grave: WHOs classificazione WHOs classification of severe asthma includes three groups, each carrying different public health messages and challenges: (1)Untreated severe asthma (2)Difficult-to-treat severe asthma (3)Treatment-resistant severe asthma World Health Organization 2010

9

10

11 Asma grave: le comorbilità / le iatrogenicità Gli effetti collaterali dei corticosteroidi: infezioni da Candida,infiammazione dei seni nasali, disfonia e faringite, ipertensione, iperglicemia, demineralizzazione ossea, cataratta, glaucoma, sensazione di preoccupazione, sonno disturbato, soppressione surrenalica, rallentamento della crescita in bambini e adolescenti, iperattività, sindrome di Cushing, assottigliamento cutaneo Se i corticosteroidi per uso inalatorio sono prescritti ad alte dosi per lunghi periodi si possono verificare effetti sistemici, peraltro minori rispetto all utilizzo orale

12 Particolare attenzione ai pazienti che passano dalla terapia con corticosteroidi attivi per via sistemica a corticosteroidi inalatori: dopo l interruzione della terapia sistemica è necessario un certo numero di mesi per il ripristino della funzionalità dell asse ipofisisurrene soppresso dal trattamento con conseguente insufficienza surrenalica funzionale, una situazione severa che può essere fatale Durante la fase di riduzione della dose di corticosteroide sistemico a favore del trattamento inalatorio, alcuni pazienti presentano sintomi da mancanza di corticosteroidi come dolore articolare e/o muscolare, stanchezza e depressione, pur in presenza di stabilità o anche miglioramento della funzionalità polmonare In relazione alla loro spiccata attività antinfiammatoria ed antidisreattiva, i corticosteroidi trovano elettivo impiego nell ambito del trattamento delle patologie broncopolmonari che riconoscono una marcata componente infiammatoria quali l asma e la BPCO

13 Conseguenze della progressione non controllata dei processi infiammatori bronchiali Infiltrazione di cellule infiammatorie, sfaldamento epiteliale Flogosi acuta Flogosi cronica Liberazione di mediatori da cellule infiammatorie (broncospasmo) Rimodellamento delle vie aeree Ispessimento e irrigidimento della membrana basale nella parete bronchiale, riduzione di reversibilita, > gravità, riacutizzazioni

14

15 di Fabio Fioravanti 1-2 OTTOBRE 1991

16 Asma grave: le comorbilità / le iatrogenicità

17 Asma grave

18 La richiesta di steroidi surrenalici aumenta durante periodi di stress, che includono traumi, interventi chirurgici, infezioni o un attacco di asma grave: in questo caso è richiesto un breve trattamento supplementare di corticosteroidi sistemici. I pazienti devono conoscere questa situazione e avere a disposizione una dose supplementare di steroidi orali e un tesserino di segnalazione Il passaggio dei pazienti dalla terapia corticosteroidea sistemica al corticosteroide inalatorio può mettere in evidenza condizioni allergiche preesistenti, soppresse dalla terapia corticosteroidea sistemica: in questo caso deve essere praticato un trattamento sintomatico

19 Asma nell anziano Con l incremento della vita media aumentano le malattie della senescenza ed hanno modo di manifestarsi malattie che colpivano raramente gli anziani: tra queste l asma che pur prevalente in età infantile e giovanile non risparmia gli anziani Si osserva sempre più frequentemente la cronicizzazione di un asma preesistente o il ricomparire di manifestazioni asmatiche dell età giovanile ma anche l insorgere di asma ex novo Gli accessi asmatici sono frequentemente a substrato intrinseco, ma possono avere anche una etiopatogenesi allergica-atopica IgE-mediata da sensibilizzazione ad aeroallergeni

20 Asma nell anziano L asma bronchiale deriva da una interazione tra substrato costituzionale ed ambiente ed il vivere più a lungo favorisce l attività dell ambiente nell indurne l insorgenza I fattori asmogeni ambientali slatentizzano il substrato costituzionale che nelle condizioni di vita degli anni passati non avrebbero dato luogo all insorgere di asma nemmeno in tarda età

21 L asma bronchiale nell anziano Modificazioni della morfologia della parete toracica e della funzione polmonare (calcificazioni delle cartilagini costali; artrosi e calcificazione delle articolazioni vertebro-costali; torace a botte; riduzione della pressione di ritorno elastico polmonare per riduzione del numero e dello spessore delle fibre elastiche oltre che per incremento della quota di collageno insolubile). Diminuzione della forza dei muscoli respiratori e ridotta sensibilità de centri del respiro Aspettativa di vita diverse: l anziano spesso è demotivato con minor voglia di curarsi e di migliorare, si associano depressioni reattive per perdita del coniuge, allontanamento dal lavoro, scarsi mezzi economici Sedentarietà con esposizione maggiore ad agenti inquinanti, che hanno effetto favorente l insorgenza di ostruzione bronchiale

22 L asma bronchiale nell anziano Ridotta compliance alla terapia sia per rifiuto di curarsi con regolarità e continuità che per dimenticanza: a volte temono effetti collaterali è utile aiutarli nell interpretazione delle schede annesse alle confezioni dei farmaci Eventuale presenza di altre malattie che non solo complicano l asma ma complicano anche l approccio terapeutico, aumentando il numero di farmaci che il paziente deve assumere Modificazione della cinetica dei farmaci antiasmatici, soprattutto in presenza di malattie concomitanti (epatopatie, nefropatie) per cui occorre adattare i dosaggi

23

24 Asma: finalità della terapia nell anziano Ottimizzare la funzione polmonare Consentire un livello di attività fisica tale da non ridurre la qualità della vita del paziente già provato da difficoltà respiratorie Prevenire le esacerbazioni o trattarle in modo adeguato per evitarne l ospedalizzazione Ridurre i rischi di aggravamento di altre patologie coesistenti (osteoporosi, cardiopatie, ipertensione, diabete) Minimizzare gli effetti collaterali dei farmaci

25

26

27 Non trattamento comorbidità Errori terapeutici NON CONTROLLO Scarsa aderenza Scarsa Fenotipizzazione

28 Asma, malattia eterogenea

29 Asma e infanzia Should asthmatic patients laugh? Herxheimer: Lancet,2,1209,1978 Les enfants aussi Gayard,1980 Presse Médicale Les enfants asthmatiques peuvent ils rire? Lelong M., Duprey J., Munch M.L.: Rev.fr. Allergol. 32,140,1992

30

31 Controllo dell asma Big Five di personalità: Nevroticismo Estroversione Apertura all esperienza Gradevolezza Scrupolosità

32 Asma e disturbi psicologici Quanto sono frequenti i disturbi psicologici nell asma? L ansia e la depressione sono associate ad uno scarso controllo dell asma? Quanto l ansia e la depressione condizionano il controllo dell asma? La terapia dell ansia e della depressione migliorano il controllo dell asma? E necessario valutare i pazienti asmatici per la coesistenza di una condizione di ansia, di depressione, di panico?

33 L asma e l aderenza Aderenza è il termine usato per descrivere il comportamento del paziente nell assumere correttamente le medicazioni nei tempi corretti, alla giusta dose con la giusta frequenza Un aspetto critico dell aderenza è il coinvolgimento del paziente nelle decisioni e scelte terapeutiche proposte

34 Asma e infezioni virali respiratorie Nel bambino più grande assume un ruolo rilevante l infezione da Rhinovirus che appare essere la causa del 60%circa di tutte le malattie RSV = Virus Respiratori Sinciziali URIs = Infezioni del Tratto Respiratorio Superiore Il 60% dei virus è costituito da virus respiratori

35 Asma e infezioni virali respiratorie La condizione allergica ha un ruolo sfavorevole nel contrastare le infezioni virali - il fenotipo citochinico allergico è di tipo Th 2 caratterizzato dalla sintesi preferenziale di alcune citochine: IL-4, IL5, IL-10 e IL-13 Una precoce esposizione ad agenti infettivi stimola nel bambino il sistema immunitario in modo da ridurre la sensibilizzazione che potrebbe verificarsi in età più tardiva. Verrebbe espansa la polarizzazione in senso Th 1 che quindi sopprimerebbe la risposta Th 2 associata all atopia Le infezioni virali al contrario stimolano prevalentemente una risposta Th 1 in cui prevale il rilascio di IFN e IL-2 che nel soggetto allergico risulta essere deficitaria con conseguente ridotta sintesi di interferone che è fondamentale nel contrastare lo sviluppo virale

36 Asma e microbiota polmonare E stato identificato un tipo di asma severo con sensibilizzazione ai funghi

37 Asma e fumo

38 Asma e alimentazione

39 Asma e obesità Obesità e soprappeso, tra malattia e problema estetico Anche in Italia è allarme rosso Negli ulimi anni l obesità è aumentata di circa venti volte Nessun obeso vive a lungo: gli ultracentenari di solito sono magri Il 25% di bambini e adolescenti obesi ha un genitore obeso o in sovrappeso: la percentuale sale a circa il 34% se entrambi i genitori sono obesi o in sovrappeso Il 7% della spesa sanitaria in Europa è attribuibile alla cura delle conseguenze dell obesità e delle malattie correlate: il costo pro capite per la cura di un obeso durante la vita è superiore del 37% a quello di un individuo con un peso adeguato

40

41 Asma e obesità Obesità e soprappeso, tra malattia e problema estetico Anche in Italia è allarme rosso Negli ulimi anni l obesità è aumentata di circa venti volte Nessun obeso vive a lungo: gli ultracentenari di solito sono magri Il 25% di bambini e adolescenti obesi ha un genitore obeso o in sovrappeso: la percentuale sale a circa il 34% se entrambi i genitori sono obesi o in sovrappeso Il 7% della spesa sanitaria in Europa è attribuibile alla cura delle conseguenze dell obesità e delle malattie correlate: il costo pro capite per la cura di un obeso durante la vita è superiore del 37% a quello di un individuo con un peso adeguato

42 Asma e obesità I pazienti obesi presentano un fenotipo specifico di asma con respiro a piccoli volumi polmonari, una minore risposta eosinofilica polmonare ed una ridotta risposta terapeutica, particolarmente ai corticosteroidi inalatori, ma analoga risposta ai non obesi per gli antileucotrieni: probabilmente per un differente tipo di infiammazione o a un difetto dei recettori per i glicocorticoidi Negli obesi l asma correla con coprevalenza di GERD ed OSA

43 Asma e obesità Gli obesi asmatici hanno genericamente un minor controllo dell asma, un maggior tasso di ospedalizzazione ed una minore qualità di vita La perdita di peso consente il miglioramento di almeno un outcome a prescindere da genere, etnia ed abitudine al fumo: ciò è sotteso dal rapporto tra la perdita di peso e gli indici di infiammazione e funzionali polmonari

44 Asma e OSA L OSA influenza la coesistenza di asma e di AHR L OSA è associata ad una condizione infiammatoria delle vie aeree, con neutrofilia bronchiale ed elevati livelli di IL-8: è presumibile che gli effetti proinfiammatori di un disordine influenzino l altro. L IL-6, una citokina proinfiammatoria secreta da T-cellule e dai macrofagi, è incrementata negli obesi e potrebbe avere un ruolo nell OSA e nell asma, in associazione o meno con l obesità. Inoltre la PCR, un reattivo di fase acuta prodotto dal fegato e dagli adipociti e influenzato dai livelli di IL-6 è aumentato nell OSA e fortemente legato all obesità. TNF-α, una citokina di infiammazione, è elevata nell OSA, indipendentemente dal BMI, e potrebbe avere un ruolo nella patogenesi dell asma L OSA può influenzare l asma inducendo GERD I pazienti con difficile controllo dell asma vanno valutati per possibile OSA

45 Asma e Obesità Sarebbe l obesità a precedere lo sviluppo della sintomatologia asmatica: i meccanismi che legano le due malattie non sono chiari. Sembrano essere coinvolti fattori meccanici per accumulo di grasso infiammatorio (aumento di leptina e citochine proinfiammatorie IL6 - IL1 che incrementano la flogosi delle vie aeree) e genetici (legati all espressione dei recettori degli estrogeni e dei β - recettori). Si associa inoltre la ridotta attività fisica: l esercizio aerobico attenua la flogosi bronchiale nell animale. Si riscontra un aumento statisticamente significativo tra prevalenza di asma e wheezing nei bambini obesi

46 Asma e disordini ormonali Dopo la pubertà le donne sono più esposte ad esacerbazioni asmatiche Il menarca precoce si associa a ridotta funzionalità polmonare In fase premestruale si ha peggioramento dell asma nel 40% delle donne In gravidanza si applica la regola dell 1/3 La menopausa può coincidere con la comparsa di asma L ipertiroidismo si associa con esacerbazioni asmatiche Il diabete si associa ad una ridotta funzionalità polmonare L asma protegge da una condizione di prediabete il sesso maschile

47 Asma e rinite allergica: patofisiologia Infiammazione nasale Iperresponsività bronchiale Teoria dell adesione dei Rhinovirus: ICAM-1 indotto dall allergene funge da recettore per l infezione da Rhinovirus potando a infezione ed esacerbazione di asma La respirazione orale per l ostruzione nasale comporta broncospasmo per inalazione di aria non termoregolata L aspirazione polmonare di secrezioni nasali trasferisce mediatori di flogosi

48 Asma e reflusso gastroesofageo I pazienti asmatici hanno un maggior rischio di sintomi da GERD rispetto la popolazione generale; i pazienti con GERD hanno un più alto rischio di concomitante asma La prevalenza di un ph esofageo anormale è comunque altamente variabile tra il 12-85% dei pazienti asmatici mentre i sintomi da GERD sono riportati nrl 50-80% degli asmatici Una elevata percentuale di asmatici hanno un GERD silente e non ne avvertono i classici sintomi

49 Can a doctor help me?

50 1956: first metered dose inhaler Asthma management: revolution or evolution? by Professor Tim Clark 1972: first inhaled corticosteroid 1995: GINA guidelines published We did not anticipate the enthusiasm that we could encounter in all parts of the world. People have taken on board these guidelines and applied them locally We are observing the effects decreases in morbidity and mortality which we really had not expected to see in such a short time Professor Romain Pauwels former Chair GINA, 1999

51 In 1995, the Global Initiative fo Asthma (GINA) guidelines stated that the aim of asthma management should be control of the disease, and they identified a composite of parameters against which to assess whether control is being achieved Aiming for TOTAL CONTROL The goals of GOAL Well-Controlled asthma Total Control of asthma In 2000, a major trial called Gaining Optimal Asthma control (GOAL) got underway to test whether goals of the GINA/NIH guidelines were achievable

52

53

54 Controllo dell asma Il controllo può essere ottenuto mediante l educazione del paziente, l allontanamento dei triggers ambientali, la farmacoterapia individualizzata, il regolare follow-up Il controllo dell asma è il goal fondamentale della terapia: minimi o nessun sintomo, sonno normale, nessuna limitazione delle attività di vita e funzione polmonare normale

55 Asma grave: la terapia corrente In accordo con le Linee Guida Gina la terapia dell asma grave consiste in alte dosi di corticosteroidi inalatori associati a LABAs, corticosteroidi orali,antagonisti dei Leucotrieni o Anticorpi Monoclonali anti- IgE

56 Asma grave: i farmaci biologici Molti targets per il trattamento sono stati identificati e molti farmaci sono in fase di studio. La gran parte di queste molecole sono in avanzata fase di ricerca al fine di trovare collocazione nell arsenale terapeutico

57 Asma grave: i farmaci biologici Anti-IgE: omalizumab è l unico agente biologico validato per il trattamento dell asma: è un anticorpo monoclonale ricombinante che si lega con le IgE circolanti con conseguente riduzione nel rilascio di mediatori della reazione allergica

58 Asma grave: i farmaci biologici Anti interleukin-5 (IL-5): mepolizumab IL-5 è centrale alla biologia degli eosinofili ed aumenta in alcuni pazienti con asma; agisce primariamente nel sangue periferico e in minor misura nelle vie aeree. La terapia con anti-il-5 potrebbe essere di beneficio solo in sottogruppi di pazienti asmatici con severa malattia eosinofilica

59 Asma grave: i farmaci biologici Inibitori del tumor necrosis factor: golimumab e etanercept avrebbero la possibilità di ridurre la frequenza delle riacutizzazioni ma nessuna influenza sulla funzionalità polmonare in sottogruppi di adulti co asma severo

60 Asma grave: i farmaci biologici Inibitori dell IL-2: daclizumab è un anticorpo monoclonale contro la catena IL-2R dei linfociti attivati con inibizione della produzione di citokine proinfiammatorie

61 Asma grave: i farmaci biologici Inibitori dell IL-4 e IL-13: altrakincept e pitrakinra il loro studio è in fase sperimentale e il loro utilizzo nell asma grave dovrebbe emergere nei prossimi anni: vari trials indicano la loro efficacia nel ridurre l iperreattività bronchiale

62 Asma grave: i farmaci biologici Inibizione delle chemokine le eotaxine epiteliali-2 e 3 sono aumentate nell asma e nell asma severo ed hanno effetto chemotattico sugli eosinofili, poiché molte citokine sono coinvolte nell asma, i farmaci che ne inibiscono la sintesi sono utili nella terapia dell asma

63 Asma grave: terapia non farmacologica La termoplastica bronchiale è una nuova procedura terapeutica per il controllo dell asma da moderato a severo mediante la riduzione della massa del muscolo liscio bronchiale: questa procedura riduce la frequenza delle esacerbazioni e migliora il controllo dell asma così che la funzione polmonare resta stabile per un periodo superiore ai 5 anni. Pertanto questa tecnica potrebbe essere una opzione per pazienti non responding alle usuali terapie. Comunque ulteriori studi sono necessari per definire accuratamente il fenotipo dei responders positivi, la durabilità dell effetto e la safety nel lungo termine

64 Asma grave: i bisogni non soddisfatti Benchè i pazienti con asma severo rappresentino dal 5% al 10% di tutti gli asmatici essi hanno le maggiori necessità terapeutiche non soddisfatte e richiedono nuovi approcci terapeutici La identificazione di terapie innovative ed efficaci e la delineazione di subfenotipi è di rilevante importanza Fattori genotipici e fenotipici sono importanti per guidare la scelta di intervento in ogni paziente con asma severo La fenotipizzazione del paziente con asma severo è essenziale per assicurare che il giusto trattamento sia riservato al giusto paziente consentendo un miglior controllo dell asma e una migliore qualità di vita

65

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale SNLG Regioni 10 Linee guida sull asma bronchiale LINEA GUIDA Consiglio Sanitario Regionale Data di pubblicazione: agosto 2010 Data di aggiornamento: agosto 2014 Estensori delle linee guida sull asma bronchiale

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica Un modello per introdurre cambiamenti nel percorso diagnostico-assistenziale della malattia cronica Modena, Giugno 2004 Raccomandazioni

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Come, reumatismo infantile? Ma esiste?

Come, reumatismo infantile? Ma esiste? Come, reumatismo infantile? Ma esiste? Dr. med. Traudel Saurenmann, Ospedale pediatrico di Zurigo Quando racconto a qualcuno che mi occupo di reumatologia infantile, spesso la reazione si tratti di un

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli