INFORMAZIONI PERSONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORMAZIONI PERSONALI"

Transcript

1 CURRICULUM VITAE DELLA DOTT. SSA E LISABETTA C HELLINI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Chellini Elisabetta Indirizzo abitazione Via della Chiesa, Greve in Chianti (Firenze) Indirizzo lavoro Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica (ISPO) SC Epidemiologia Ambientale Occupazionale via delle Oblate, 2 (Padiglione Mario Fiori) Firenze Telefono Fax Cell Nazionalità Italiana Data di nascita 04/01/1955 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Nome e indirizzo del datore di lavoro Tipo di azienda o settore Tipo di impiego Principali mansioni e obbiettivi raggiunti 1988 oggi Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica (ISPO, e precedentemente al denominato CSPO) Azienda del Sistema Sanitario della Regione Toscana Dirigente medico - Epidemiologo a tempo pieno Attualmente Vice della SC Epidemiologia Ambientale Occupazionale di ISPO, svolgendo attività di organizzazione e di coordinamento di studi e attività di sorveglianza epidemiologica. In particolare: - sono responsabile del Registro di Mortalità Regionale (RMR) toscano, gestito da ISPO per conto della Regione Toscana, coordinando la rete di rilevazione regionale basata sui registri di ASL e cooperando con ISTAT in tale attività; ho conseguentemente collaborato ad elaborazioni e valutazioni sui dati di mortalità regionali ; - sono responsabile del Centro Operativo Regionale (COR) dei tumori professionali, gestito da ISPO per conto della Regione Toscana; - responsabile scientifico o di unità operativa di 18 progetti di ricerca nazionali e internazionali - seguo attività di ricerca in campo occupazionale : studi di coorte, studi di monitoraggio biologico in lavoratori esposti a cancerogeni, valutazioni di attività di sorveglianza sanitaria in esposti ed ex-esposti a cancerogeni in ambito lavorativo; - ho sviluppato e condotto, in team multidisciplinari, studi di epidemiologia ambientale relativi a popolazioni generali potenzialmente esposte a inquinanti emessi da sorgenti puntiformi e collaborato a studi su patologie respiratorie infantili da inquinamento atmosferico in area urbana; - ho avviato e sostenuto la ricerca in ISPO sulle problematiche del fumo, collaborando alla rete regionale per la prevenzione degli effetti da tabagismo, facendo parte del Gruppo di 1

2 coordinamento tecnico regionale e coordinando due trial di intervento Date (da a) Nome e indirizzo del LILT Firenze datore di lavoro Tipo di azienda o settore ONG Tipo di impiego Contratti per progetti di studio Principali mansioni e obbiettivi raggiunti Effettuazione studio sulle problematiche sanitarie legate al tabagismo Verifiche completezza Registro Tumori Toscano ISTRUZIONE E FORMAZIONE Date (da a) Nome e tipo di istituto di Facoltà di Medicina dell Università di Firenze istruzione o formazione Principali materie / abilità professionali oggetto dello studio Laurea in Medicina e Chirurgia Specializzazione in Igiene e Sanità Pubblica CAPACITÀ E COMPETENZE PERSONALI MADRELINGUA Italiana ALTRE LINGUE Capacità di lettura Capacità di scrittura Capacità di espressione orale Inglese Buona Buona Buona CAPACITÀ E COMPETENZE RELAZIONALI BUONE CAPACITÀ E COMPETENZE ORGANIZZATIVE Buone CAPACITÀ E COMPETENZE TECNICHE Buone CAPACITÀ ARTISTICHE Nessuna ATTIVITÀ IN QUALITÀ DI DOCENTE E/O RELATORE Dal 2008 Coordinatore, nonchè docente, del Corso integrato di Epidemiologia della Scuola di specializzazione in Sanità Pubblica dell Università di Firenze, e in precedenza dal 1988 docente presso la stessa Scuola di Specializzazione del corso di Metodologia Epidemiologica. 2

3 Docente dal 2004 del Corso di Laurea in Assistenza Sanitaria dell Università di Firenze. Docente in più di 30 corsi di aggiornamento per personale sanitario. Relatore in più di 50 congressi e convegni a carattere regionale, nazionale e internazionale, sia in ambito occupazionale che ambientale Responsabile scientifico di 18 convegni, seminari e workshop organizzati nell ambito del SSN Docente in 29 corsi di formazione organizzati da Enti del SSN. Effettuate 73 presentazioni orali e 79 poster a convegni regionali, nazionali e internazionali Svolge ed ha svolto attività di tutoraggio per tesi di laurea in Assistenza sanitaria e in servizio Sociale e per tesi di specializzazione dell Università di Firenze, nonché tutoraggio per attività di tirocinio per specializzandi in Igiene e Sanità Pubblica. PUBBLICAZIONI A) Libri 1. Marello G., Chellini E. Medicina sociale e igiene. Nuova Italia Scientifica, Roma, 1991, 1 ristampa aprile 1993; 2. Carnevale F., Chellini E. (Eds): "Amianto. Miracoli, virtù, vizi." Editoriale Tosca, Firenze, 1992; 3. Chellini E., et al. L Archivio Regionale Toscano dei Mesoteliomi maligni: un contributo all identificazionedi esposizioni lavorative ad amianto In: Silvestri S. & Merler E. C era una volta l amianto. Regione Toscana, TCE n.1, 1995, pg.42-51; 4. Seniori Costantini A., Calistri S., Zappa M., Nisi S., Chellini E., Gasparini M., Paci E. Comparto tessile pratese. In: Silvestri S. & Merler E. C era una volta... l amianto. Regione Toscana, TCE n.1, 1995, pg Geddes M., Chellini E. Ozono. ECP, Firenze, Baldasseroni A, Carnevale F, Chellini E. Le grandi opere : sistemi di sorveglianza per la prevenzione degli infortuni e l igiene del lavoro in: Geddes M. & Berlinguer G. (Eds) La salute in Italia. Rapporto 1998 Ediesse, Roma, Chellini E., et al. Risk communication about asbestos: the bastamianto Expo in Italy. In: Gray P.C.R., Biocca M., Stern R.M. (eds) "Communicating about Risks to Environment in Europe" WHO, Chellini E. et al. La comunicazione del rischio sull asbesto: la mostra bastamianto a Firenze. In: Gray PCR, Stern RM e Biocca M (eds) La comunicazione dei rischi ambientali e per la salute in Europa Franco Angeli Ed., Milano Chellini E e Carnevale F. Influenza dell'ambiente esterno sulla crescita e la salute del bambino. In: Donzelli GP e Nicoletti I (eds) "Sviluppo del bambino e prevenzione delle sue malattie" Edizioni Centro Studi Auxologici, Vicenza SIDRIA.Studi Italiani sui Disturbi Respiratori nell Infanzia e Ambiente. Regione Emilia Romagna, Bologna, 2000, Vol.1 e Vol.2 11.Regione Toscana CSPO Registro di Mortalità Regionale. Informazioni statistiche. Morti per causa anno Regione Toscana, Firenze, Regione Toscana CSPO Registro di Mortalità Regionale. Informazioni statistiche. Morti per causa anno Regione Toscana, Firenze, Regione Toscana CSPO Registro di Mortalità Regionale. Informazioni statistiche. Morti per 3

4 causa anno Regione Toscana, Firenze, Chellini E., Miligi L. Esperienze di collaborazione in studi epidemiologici di tipo etiologico tra Servizi di prevenzione ed Enti di ricerca in Toscana. In: L epidemiologia per il Dipartimento di Prevenzione. Regione Toscana, TCE n.10, 2002, pag Rossi O, Loi AM, Chellini E, Turini L. Gli ex-esposti a cancerogeni occupazionali: messa a punto e valutazione di protocolli di sorveglianza. In: L epidemiologia per il Dipartimento di Prevenzione. Regione Toscana, TCE n.10, 2002, pag Chellini E. La mortalità come sistema di sorveglianza sanitaria. In: L epidemiologia per il Dipartimento di Prevenzione. Regione Toscana, TCE n.10, 2002, pag Regione Toscana CSPO Registro di Mortalità Regionale. Informazioni statistiche. Morti per causa anno Regione Toscana, Firenze, Regione Toscana CSPO Registro di Mortalità Regionale. Informazioni statistiche. Morti per causa anno Regione Toscana, Firenze, Chellini E (Eds). Inquinamento atmosferico urbano e salute in Toscana. CSPO, Firenze Regione Toscana CSPO Registro di Mortalità Regionale. Informazioni statistiche. Morti per causa anno Regione Toscana, Firenze, Regione Toscana CSPO Registro di Mortalità Regionale. Informazioni statistiche. Morti per causa anni 2004 e Regione Toscana, Firenze, Chellini E. et al. La mortalità in Toscana dal 1971 al Regione Toscana, Firenze Mudu P, Chellini E, et al. Health effects and risks of transport systems: the HEARTS project. WHO, Roma, Marinaccio et al (tra cui Chellini E). II rapporto del registro Nazionale dei Mesoteliomi. ISPESL, Roma, Regione Toscana CSPO Registro di Mortalità Regionale. Informazioni statistiche. Morti per causa anni Regione Toscana, Firenze, Chellini E, Gorini G, Iossa A, Grazzini G. Counselling su fumo e attività fisica nei programmi di screening oncologico del tumore della cervice uterina. In: Iprogrammi di screening della regione Toscana. Ottavo rapporto annuale. Firenze, dicembre Chellini E, Silvestri S, Seniori Costantini A (Eds). Centro Operativo Regionale archivio toscano dei mesoteliomi maligni. Rapporto sulla casistica Regione Toscana, Firenze, giugno Chellini E,, Gorini G,, et al. Documento Regionale di Indirizzo del CSR. Linee guida di prevenzione oncologica Tabagismo. Regione Toscana, Marinaccio et al (tra cui Chellini E). III rapporto del registro Nazionale dei Mesoteliomi. ISPESL, Roma, Chellini E, Barone Adesi F, Mirabelli D, Forestiere F. L epidemiologia dei danni legati all esposizione a SLC: lo stato dell arte. In: Capacci F, Carnevale F, Di Benedetto F (Eds). Silice Libera Cristallina nei Luoghi di Lavoro. Azienda Sanitaria Firenze, 2010, pg Chellini E, Martini A, Sala A. La mortalità nella popolazione straniera in Toscana. In Immigrazione e salute in Toscana ARS, Firenze, vol58, 2011, pp Marinaccio et al (tra cui Chellini E). IV rapporto del registro Nazionale dei Mesoteliomi. INAIL, Roma, 2012 B) Articoli 1. Boccadoro S., G.Turchi, M.Labardi, E.Chellini et al. Analisi delle attività ambulatoriali specialistiche di una U.S.L. della Regione Toscana in rapporto alle richieste di prestazioni da parte della popolazione. L'Ospedale 1983, 2-3: 38-41; 4

5 2. Boccadoro S., G.Turchi, M.Labardi, A.Appicciafuoco, E.Chellini et al. Indicazioni metodologiche per la valutazione della potenzialità assistenziale del Poliambulatorio del presidio ospedaliero S.Maria Nuova di Firenze e comparazione con la richiesta di prestazioni da parte del bacino di utenza dell'ospedale medesimo. L'Ospedale 1983, 7-8: ; 3. Geddes M., Amorosi A., Balzi D., Biggeri A., Cavallini V., Chellini E. et al. Incidenza e mortalità per tumori nella provincia di Firenze Quaderni di Oncologia n.2, Firenze, Buiatti E., Chellini E. et al. Results of an epidemiological study on mesothelioma in Tuscany. Acta Oncologica 1989, 10(3): ; 5. Merler E.,..., Chellini E., et al. Identificazione dei casi di mesotelioma insorti in Italia per l esposizione all amianto usato nella coibentazione di mezzi ferroviari RMdL, 1990, 16(1): Merler E.,..., Chellini E., et al. Aggiornamento dei casi di mesotelioma dovuti all'esposizione all'amianto usato nel settore dei trasporti ferroviari. RMdL 1991, 20: 3-14; 7. Paci E., Zappa M., Buiatti E., Chellini E., et al. Further evidence of an excess of risk for malignant mesothelioma in textile workers in Prato area. Br J Ind Med 1991, 64: ; 8. Merler E., Chellini E., et al. A proposito del Registro Nazionale dei mesoteliomi e delle asbestosi: fattibilità, precondizioni, obiettivi. Epidem.Prev. 1991, 48-49: Chellini E. et al. Pleural Malignant Mesothelioma in Tuscany, Italy ( ).II.Identification of Occupational Exposure to Asbestos. Am J Ind Med 1992, 21: ; (citato in Respiratory Diseases Digest 1993, 3: 27-8) 10.Merler E., Chellini E.. Epidemiologia dei tumori maligni della pleura. Ann Ist Super Sanita, 1992, 28: ; 11.Pirastu R, Chellini E. Rischi ambientali e occupazionali: informazioni per il pubblico. Epidemiol Prev 1992, 14: Merler E Buiatti E, Chellini E, Seniori Costantini A, Magnani C, Terracini B. Esposizione ad amianto e il Decreto 277. Med Lav 1992, 83: Rasolo E., Donnini F., Chellini E. L'incertezza: un parametro difficilmente comunicabile atraverso il messaggio di rischio. Epidem.Prev. 1992, 52: 4-9; 14.Chellini E. et al. La prevenzione dei rischi da amianto passa anche attraverso il futuro Registro nazionale dei mesoteliomi maligni. Toscana Medica 1993, 3:18-20; 15.Chellini E. et al. Schema progettuale di DPCM attuativo. Fogli di Informazione ISPESL 1993, 2:15-16; 16.Carnevale F., Chellini E. Amianto: evoluzione delle conoscenze relative al suo impiego, agli effetti sulla salute e alle misure di prevenzione nei luoghi di lavoro, con particolare riferimento alla situazione italiana. R.M.d.L. 1993, 29/30: ; 17.Franco F., Chellini E., et al. Mortality in the coke oven plant of Carrara, Italy. Med.Lav. 1993, 84 (6): ; 18.Cerrini C & Chellini E (eds) La comunicazione del rischio Salute e Territorio, 1993,86 (numero monografico); 19.Paoletti L., Falchi M., Batisti D., Zappa M., Chellini E:, et al. Characterization of asbestos fibers in pleural tissue from 21 cases of mesotehlioma. Med Lav 1993, 84 (5): Chellini E. A proposito del seminario internazionale Occupational epidemiology and social responsability, Lussemburgo febbraio RMdL 1994, 32: 28-29; 21.Carnevale F. & Chellini E. Polveri di legno: evoluzione delle conoscenze relative agli effetti sulla salute, in particolare a quelli cancerogeni e alle misure di prevenzione nei luoghi di lavoro. RMdL 1994, 33: ; 22.Forastiere F., Agabiti N. Chellini E. Inquinamento atmosferico e salute: l epidemiologia della qualità dell aria e plausibilità biologica. Epidem Prev 1995, 19:1-3; 23.Chellini E., Chetoni L. Gli effetti sull apparato respiratorio associati all inquinamento atmosferico 5

6 negli adulti. Epidem Prev 1995, 19: 31-39; 24.Crosignani P., Forastiere F., Petrelli G., Merler E., Chellini E., et al. Malignant mesotehlioma in thermoelectric power plant workers in Italy. Am J Ind Med 1995, 27: ; 25.Carnevale F. & Chellini E. La diffusione delle informazioni sulla cancerogenicità dell amianto nella comunità scientifica italiana prima del Med Lav 1995, 86(4): ; 26.Chellini E. et al. Registro Nazionale dei casi accertati di mesotelioma asbesto-correlati (art.36 D.Lgs 277/91). Linee guida per la rilevazione e la definizione dei casi di mesotelioma maligno e la trasmissione delle informazioni all'ispesl da parte dei Centri Operativi Regionali. Fogli Inform ISPESL 1996, 1: Carnevale F. & Chellini E. I composti del cromo impiegati nelle lavorazioni galvaniche e loro effetti oncogeni: evoluzione delle conoscenze e degli interventi di prevenzione. RMdL, Chellini E., et al. La patologia asmatica. Salute e Territorio 1996, maggio-giugno: Baldasseroni A., Carnevale F., Chellini E. Rischi e danni da lavoro. Salute e Territorio 1996, maggio-giugno: Chellini E, Barletta E, Chetoni L. L abitudine al fumo delle donne fiorentine per classe sociale e occupazione e l esposizione dei figli dal periodo fetale all età di 14 anni. Epid Prev 1996, 20: Chellini E. et al. Asma nel bambino a Firenze: primi risultati dello studio SIDRIA. Toscana Medica 1996, 6: Baldasseroni A., Rossi O., Loi A.M., Chellini E. Age factors in medical selection for employment: evaluation of two protocols for selections of minors in Tuscany, Italy. Int J Occup Environ Health 1996, 2 (3): S10-S13 33.Loi A.M., Rossi O, Baldasseroni A., Chellini E. Medical surveillance of retirees previously exposed to carcinogens: a feasibility study by the public Occupational Health Service of Livorno, Italy. Int J Occup Environ Health 1996, 2 (3): S14-S17 34.Van Damme K., Casteleyn L., Chellini E. General considerations: accuracy, relevance, need/necessity, and consequences of testing practices in occupational medicine. Int J Occup Environ Health 1996, 2 (3): S57-S61 35.SIDRIA. Asma, disturbi respiratori e ambiente. Riv Ital Pediatr 1996, 22: Loi AM, Mariotti F, Turini L, Ottenga F, Cristaudo A, Vivaldi A, Davini T, Righini F, Chellini E.. Oncogenic risk in a chemical plant: a methodological approach and preliminary results. J Environ Pathol Toxicol Oncol 1997, 16 (2&3): F.Ciraolo, L.Di Rienzo, G.Gorini, E.Chellini et al. Smettere di fumare: quanto ne sanno i medici? Toscana Medica 1997, 2: SIDRIA (Italian Studies on Respiratory Disorders in Childhood and the Environment). Asthma and respiratory symptoms in 6-7 yr old Italian children: gender, latitude, urbanization and socioeconomic factors. Eur Respir J 1997, 10: Gruppo collaborativo SIDRIA. Frequenza dell'asma bronchiale in diverse aree italiane. Riv Ital Pediatr 1997, 23: Gruppo collaborativo SIDRIA. La frequenza dell'asma pediatrico in diverse aree italiane. I risultati di SIDRIA. Epid Prev 1997, 21: Gruppo collaborativo SIDRIA. La frequenza dei fattori di rischio per l'asma bronchiale in varie aree italiane. Epid Prev 1997, 21: R.Pirastu, E.Chellini et al. Indagine epidemiologica sui lavoratori di Porto Marghera esposti a cloruro di vinile nelle fasi di produzione, polimerizzazione e insacco. Rapporti ISTISAN 1997, 22: Seniori Costantini A, Chellini E. The experience of the Mesothelioma Registry in Tuscany in assessing health hazard associated with asbestos exposure. Med Lav 1997, 88:

7 44.Gorini G., Chellini E. et al.. Il corso per smettere di fumare organizzato dalla Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori di Firenze: determinanti della cessazione alla fine del corso e dopo un anno. Epid Prev 1998, 22(2): Cherubini M., Fornaciai G., Mantelli F., Chellini E., et al. results of a survey on asbestos fibre contamination of drinking water in Tuscany, Italy. J Water SRT - Aqua 1998, 47(1): Ciccone G., Forastiere F., Agabiti N., Biggeri A., Bisanti L., Chellini E., et al. Road traffic and adverse respiratory effects in children. Occup Environ Med 1998, 55 (11): Gruppo collaborativo SIDRIA. Fumo dei genitori, asma e sibili respiratori in bambini e adolescenti. I risultati di SIDRIA. Epid Prev 1998, 22: Gruppo collaborativo SIDRIA. Abitudine al fumo di sigarette tra gli studenti di III media in diverse aree italiane. Epid Prev 1998, 22: Gruppo collaborativo SIDRIA. Inquinamento da traffico e danni respiratori in bambini residenti in aree metropolitane. Epid Prev 1998, 22: Renzoni E., Forastiere F, Biggeri A, Viegi G, Bisanti L, Chellini E, et al. Differences in parental-and self-report of asthma, rhinitis and eczema among Italian adolescents. Eur Respir J, 1999, 14(3): Rusconi F,.. and the SIDRIA Collaborative Group. Risk factors for early, persistent and late-onset wheezing in young children. Am J Respir Crit Care Med, 1999, 160(5): Agabiti N, Mallone S, Forastiere F, Corbo GM, Ferro S, Renzoni E, Sestini P, Rusconi F, Ciccone G, Viegi G, Chellini E, et al. The impact of parental smoking on asthma and wheeze. Epidemiology, 1999, 10: Ciraolo F, Di Rienzo L, Gorini G, Chellini E. Riflessioni sul ruolo e sulla formazione del medico italiano nell'approccio al paziente fumatore. Educazione Sanitaria e Promozione della Salute, 1999, 22(4): Van Damme K, Casteleyn L, Chellini E, et al. Developing a methodology for comparative ethical analysis of health related practices in different fields and countries. Eur J Oncol., 1999, 4(5): Baldasseroni A, Carnevale F, Chellini E (Eds). La prevenzione nel terzo millennio. Salute e Territorio 1999, 117, Chellini E. Le minacce nell ambiente di vita. Salute e Territorio 1999, 117: Chellini E, Seniori Costantini A. Epidemiologia e ambiente. NET Economia Ecologia 1999, 13: Vitali Rosati G, Chellini E, et al.progetto dei pediatri sentinella : notifica di malattie infettive.medico e Bambino 1999,10: Magnani C, Agudo A, Gonzales CA, Andrion A, Calleja A, Chellini E, et al. Multicentric study on malignant pleural mesothelioma and non-occupational exposure to asbestos. Br J Cancer 2000, 83: Vitali Rosati G, Chellini E, et al. Reale incidenza di alcune malattie infettive. Il Medico Pediatra 2000, 9(1): Seniori Costantini A, Giovannetti L, Chellini E, et al. Registro di Mortalità Regionale Andamenti temporali per le principali cause tumorali in Toscana. Toscana Medica 2000, 6: Moretti F, Vitali Rosati G, Santini MG, Chellini E, et al. L esperienza di una rete di pediatri sentinella nella ASL di Firenze. Toscana Medica 2000, 7: Moretti F, Chellini E, et al. Stima della sottonotifica di alcune malattie infettive atraverso una rete di pediatri sentinella nella ASL di Firenze. Epid Prev., 2000, 24: Biggeri A,, E.Chellini, et al. Metanalisi italiana degli studi sugli effetti a breve termine dell inquinamento atmosferico. Epidem Prev 2001, 25 (2) suppl: Baldasseroni A, Chellini E, et al. Infortuni lavorativi mortali: stime basate su più fonti informative. 7

8 Med Lav, 2001, 92: Chellini E, Baldasseroni A, Giovannetti L, Zoppi O. La rilevazione degli infortuni mortali sul lavoro attraverso il Registro di Mortalità Regionale: i risultati dello studio tosano Epidem Prev, 2002, 26(1): Chellini E Brutta aria. Smog, fumo passivo.miscela esplosiva La Repubblica Salute, 31 gennaio 2002, 302: Gorini G, Merler E, Chellini E, et al. Archivio Regionale Toscano dei Mesoteliomi Maligni: i casi registrati del periodo e la valutazione della pregressa esposizione ad amianto. Toscana Medica, 2002, ottobre : E.Chellini et al. La mortalità in Toscana nel 2000: i dati del Registro di Mortalità Regionale. Informazioni Statistiche. Regione Toscana, 2002, suppl.33: Mazzoni G, Lo Presti E, E.Chellini. L insolito eccesso di mortalità nel comune di Montatone e l effetto casa di riposo. Informazioni Statistiche. Regione Toscana, 2002, suppl Gorini G, Merler E, Chellini E, Crocetti E, Costantini AS. Is the ratio of pleural mesothelioma mortality to pleural cancer mortality approximately unity for Italy? Considerations from the oldest regional mesothelioma register in Italy. Br J Cancer 2002, 86(12): Chellini E, et al. Risk of respiratory cancer around a sewage plant in Prato, Italy. Arch Environ Health, 2002, 57(6): Gorini G, Sivestri S, Merler E, Chellini E, et al. A. La valutazione dell esposizione ad amianto in Toscana attraverso i dati dell Archivio Regionale Toscano dei Mesoteliomi Maligni ( ). Med Lav 2002, 93: Gorini G, Chellini E, Merler E, Cacciarini V, Silvestri S, Seniori Costantini A. Incidenza e mortalità per mesotelioma maligno pleurico nel periodo Epidem Prev, 2003, 27 (1): Pizzo AM, Chellini E, Grazzini G, Cardone A, Badellino F. Italian General Practitioners and smoking cessation strategies. Tumori, 2003, 89: Marinaccio A, Nesti M, and Regional Operational Centers ( Chellini E ). Analysis of survival of mesothelioma cases in the Italian register (ReNaM). Eur J Cancer 2003, 39: Gorini G, Chellini E, Querci A, Seniori Costantini A. Impatto dell abitudine al fumo in Italia nel 1998: decessi e anni potenziali di vita persi. Epidem Prev 2003, 27(5): Biggeri A... e il Gruppo MISA (tra cui Chellini E). Valutazione di qualità delle misure di concentrazione degli inquinanti atmosferici nello studio dell effetto a breve termine dell inquinamento sulla salute. Epidemiol Prev 2003, 27: Nesti M, Marinaccio A, Chellini E. La sorveglianza del mesotelioma maligno e l esposizioe ad amianto: i dati 1997 del RENAM. Epidemiol Prev 2003, 27: Burr ML,, and the ISAAC Phase One Study Group[tra cui Chellini E]. Pollen counts in relation to the prevalence of allergic rhinoconjunctivitis, asthma and atopic eczema in the International Study of Asthma and Allergies in Childhood (ISAAC). Clin Exp Allergy 2003, 33(12): Nesti M, Marinaccio A, Chellini E, and Regional Operational Centers. Malignant Mesothelioma in Italy, Am J Ind Med, 2004, 45: Chellini E, Lo Presti E, Mazzoni G, Biggeri A. Un insolito eccesso di mortalità in un piccolo comune toscano e l effetto Casa di Riposo. Epidem Prev, 2004,28(2): Giovannetti L, Crocetti E, Chellini E, Martini A, Balocchini E, Seniori Costantini A. Andamenti temporali di incidenza e mortalità per AIDS in Toscana ( ). Epidem Prev, 2004,28(2): Chellini E et al. Firenze In: Metanalisi italiana degli studi sugli effetti a breve termine dell inquinamento atmosferico MISA Epidem Prev 2004, 4-5 (suppl): Rossi O, L.Turini, E.Chellini, C.Buonocore e AM Loi. Indagine sullo stato di salute di ex-esposti ad agenti cancerogeni di una vetreria industriale. Med Lav 2004, 95:

9 86.Foliaki S,, and the ISAAC Phase One Study Group[tra cui Chellini E]. Antibiotic sales and the prevalence of symptoms of asthma, rhinitis, and eczema: the International Study of Asthma and Allergies in Childhood (ISAAC). Int J Epidemiol 2004, 33(3): Weiland SK,, and the ISAAC Phase One Study Group[tra cui Chellini E]. Climate and the prevalence of symptoms of asthma, rhinitis, and atopic eczema in children. Occup Environ Med 2004, 61(7): Baldasseroni A, Chellini E, Mantero S, Giovannetti L. Occupational injuries in Italy. Int J Occup Environ Health 2005, 11: Galassi C, Forastiere F, Biggeri A, Gabellini C, De Sario M, Ciccone G, Bisanti L e il Gruppo Collaborativo SIDRIA-2 ( tra cui Chellini E). SIDRIA seconda fase: obiettivi, disegno dello studio e metodologia di indagine.epid Prev 2005, 29 2 (suppl): Chellini E, Talassi F, Corbo G, Berti G, De Sario M, Rusconi F, Piffer S, Caranci N, Petronio MG, Sestini P, Dell Orco V, Bonci E, Armenio L, La Grutta S e il Gruppo Collaborativo SIDRIA-2. Caratteristiche demografiche, sociali e stili di vita della popolazione infantile in varie aree geografiche italiane. Epid Prev 2005, 29 2 (suppl): Sestini P, De Sario M, Bugiani M, Bisanti L, Giannella G, Kaisermann D, Frasca G, Lombardi E, Petronio MG, Dell Orco V, Indinnimeo L, Brunetti L, La Grutta S ed il Gruppo Collaborativo SIDRIA- 2 a fase( tra cui Chellini E). La prevalenza di asma e allergie nei bambini e adolescenti italiani: i risultati del progetto SIDRIA-2. Epid Prev 2005, 29 2 (suppl): Bisanti L, Russo A, Migliore E, Galassi C, Caranci N, Mirabelli D, Agabiti N, Dell Orco V, Armenio L ed il Gruppo Collaborativo SIDRIA-2 ( tra cui Chellini E). Differenze sociali nella frequenza di disturbi respiratori e allergici nell infanzia. Epid Prev 2005, 29 2 (suppl): Migliore E, Bugiani M, Berti G, Ciccone G, Russo A, Galassi C, Talassi F, Pistelli R e il Gruppo Collaborativo SIDRIA-2 ( tra cui Chellini E). Prevalenza delle malattie respiratorie e allergiche in bambini ed adolescenti immigrati in Italia. Epid Prev 2005, 29 2 (suppl): Corbo G, Forastiere F, Rusconi F, De Sario M, Biggeri A, Russo A, Chellini E, Brunetti L ed il Gruppo Collaborativo SIDRIA-2. Alimentazione, stili di vita e disturbi respiratori infantili. Epid Prev 2005, 29 2 (suppl): Rusconi F, Galassi C, Bellasio M, Piffer S, Lombardi E, Bonci E, Armenio L, ed il Gruppo Collaborativo SIDRIA-2 ( tra cui Chellini E). Fattori di rischio pre e perinatali e del primo anno di vita e sviluppo di wheezing in età prescolare. Epid Prev 2005, 29 2 (suppl): De Sario M, Forastiere F, Viegi G, Simoni M, Chellini E, Piccioni P, Indinnimeo L, Brunetti L ed il Gruppo Collaborativo SIDRIA-2. Fumo dei genitori e disturbi respiratori infantili. Epid Prev 2005, 29 2 (suppl): Simoni M, Lombardi E, Berti G, Rusconi F, La Grutta S, Piffer S, Petronio MG, Galassi C, Forastiere F, Viegi G,, ed il Gruppo Collaborativo SIDRIA-2 ( tra cui Chellini E). Effetti delle esposizioni indoor su sintomi respiratori ed allergici. Epid Prev 2005, 29 2 (suppl): Berti G, Migliore E, Cadum E, Ciccone G, Bugiani M, Galassi C, Biggeri A, Viegi G ed il Gruppo Collaborativo SIDRIA-2 ( tra cui Chellini E). Fattori di rischio outdoor e disturbi respiratori infantili. Epid Prev 2005, 29 2 (suppl): Forastiere F, Galassi C, Biggeri A, Richiardi L, Bussano I, Simoni M, Viegi G, ed il Gruppo Collaborativo SIDRIA-2 ( tra cui Chellini E). La frazione dei disturbi respiratori dell infanzia attribuibile a fattori di rischio modificabili e non medicabili. Epid Prev 2005, 29 2 (suppl): Bellasio M, Pistelli R, Rusconi F, Caranci N, Frasca N, De Sario M, Rana M, La Grutta S, Galassi C ed il Gruppo Collaborativo SIDRIA-2 ( tra cui Chellini E). Ricorso alle cure per asma in bambini e adolescenti italiani. Epid Prev 2005, 29 2 (suppl): Sestini P, Ciarleglio G, Forastiere F, Giannella G, Battisti L, Dell Orco V, La Grutta S ed il Gruppo Collaborativo SIDRIA-2 ( tra cui Chellini E). Attacchi di asma a scuola negli adolescenti italiani. Epid Prev 2005, 29 2 (suppl): Chellini E, Talassi F, Ciccone G, Bisanti L, Rusconi F, Piffer S, Biggeri A, Petronio MG, Sestini P, 9

10 Forastiere F, De Sario M, Pistelli R, Corbo G, Viegi G e il Gruppo Collaborativo SIDRIA-2. I cambiamenti delle caratteristiche sociali e dei fattori di rischio per l asma e le allergie tra i bambini e gli adolescenti italiani. Epid Prev 2005, 29 2 (suppl): De Sario M, Galassi C, Biggeri A, Bisanti L, Ciccone G, Piffer S, Chellini E, Petronio MG, Sestini P, Rusconi F, Pistelli R, Corbo G, Viegi G, Forestiere F ed il Gruppo Collaborativo SIDRIA-2. L andamento della frequenza di asma e allergie. Epid Prev 2005, 29 2 (suppl): Gorini G, De Gregorio G, Silvestri S, Chellini E, capelli V, Seniori Costantini A. Survival of malignant pleural mesothelioma cases in the Tuscan Mesothelioma register, : a population-based study. Eur J Cancer Prev, 2005, 14: Mantero S, Baldasseroni A, Chellini E, Giovannetti L. Infortuni mortali lavorativi: aggiornamento dei dati di un registro di mortalità. Med Lav 2005, 96(3): Chellini E, Pizzo AM, Barbieri A, Battaglini M, Biggeri A, Bardi G, Seniori Costantini A.Lo studio geografico sulla mortalità per tumore del polmone nei residenti a Piombino attorno alla locale cokeria. Epidem Prev 2005, 29 (5-6) Suppl: Galassi C, De Sario M, Biggeri A, Bisanti L, Chellini E, et al. Changes in prevalence of asthma and allergies among children and adolescents in Italy, Pediatrics 2006, 117(1): Chellini E, Gorini G, Martini A, Giovannetti L, Seniori Costantini A. Lung cancer mortality patterns in women resident in different urbanization areas in central Italy from Tumori 2006, 92: Asher MI, and the ISAAC Phase Three Study Group. World Time Trends in the prevalence of symptoms of asthma, allergic rhinoconjunctivitis, and eczema in childhood: ISAAC Phases One and Three repeat multicountry cross-sectional surveys. Lancet, 2006, 368: Marinaccio A, Scarselli A, Gorini G, Chellini E, et al. Retrospective mortalità cohort study of Italian workers compensated for silicosis. Occup Environ Med, 2006, 63: Jantunen MJ, Yli-Tuomi T, Aarnio P, Pirjola L, Chellini E, Gulliver J, Hameri K, Mudu P. Exposure in traffic: comparison of alternatives means of commuting in European Studies. [ISEE/ISEA 2006 Conference Abstracts Supplement: Symposium abstracta]. Epidemiology, 2006, 17(6) SupplNovember, S Rusconi F, Galassi C, Forastiere F, Bellasio M, De Sario M, Ciccone G, Brunetti L, Chellini E, et al. Maternal complications and procedures in pregnancy and at birth and wheezing phenotypes in children. Am J Respir Crit care 2007, 175: Mantero S, Lorini C, Giovannetti L, Chellini E e il Gruppo IMD toscano. Incidenti mortali domestici in Toscana negli anni Ann Ig 2007, 19: Chellini E, Crocetti E, Carli P, Martini A, Giovannetti L. The melanoma epidemic debite: some evidence for a real phenomenon from Tuscany, Italy. Melanoma Res, 2007, 17(2): Giovannetti L, Chellini E, Martini A, Fornai MG, Querci A, Sorso B, Seniori Costantini. La mortalità tra gli ultra74enni in Toscana nel periodo Epidemiol Prev 2007, 31: Gorini G, Chellini E, Galeone D. What happened in Italy? A brief summary of the studies conducted in Italy to evaluate the impact of the smoking ban. Ann Oncol 2007,18: Pearce N, Ait-Khaled N, Beasley R, and the ISAAC Phase Three Study Group (tra cui Chellini E.). Worldwide trends in the prevalence of asthma symptoms: phase III of the Inetrnational Study of Asthma and Allergies in Childhood (ISAAC). Thorax 2007, 62: Chellini E. L esposizione a fumo nell infanzia e adolescenza: ancora un rilevante problema. Pneumologia Pediatrica 2007, 7(27): Marinaccio A, Binazzi A, Cauzillo G, Chellini E, et al. La sorveglianza epidemiologica del mesotelioma maligno in Italia: dati d incidenza ed esposizionead amianto del registro nazionale dei mesoteliomi (ReNaM). Epid Prev 2007, 31 (suppl1): Marinaccio A, Binazzi A, Cuazillo G,., Italian Mesothelioma register (ReNaM) Working Group (tra cui Chellini E). Analysis of latency time and its determinants in asbestos related malignant 10

11 mesothelioma cases in the Italian register. Eur J Cancer, 2007, 43: Migliore E, Pearce N, Bugiani M,. And SIDRIA-2 Collaborative Group (tra cui Chellini E). Prevalence of respiratory symptoms n migrant children to Italy: the results of SIDRIA-2 study. Allergy, 2007, 62: Galassi C, Forastiere F, De Sario M, Rusconi F, Migliore E, Biggeri A, Bisanti L, Bonci E, Brunetti L, Chellini E, Ciccone G, Corbo G, Dell Orco V, La Grutta S, Giannella G, Petronio MG, Piffer S, Pistelli R, Sestini P, Viegi G, and SIDRIA 2 Phase Collaborative Group. Up to date results of the Italian Studies on Respiratory Disorders in Children and the Environment (SIDRIA). It J Allergy Clin Immunol 2007, Fondelli MC, Bavazzano P, Grechi D, Gorini G, Miligi L, Marchese G, Cenni I, Scala D, Chellini E, Seniori Costantini A. Benzene exposure in a sample of the population residing in a district of Florence, Italy. Sci Total Environ, 2008, 392: Bjorksten B, Clayton T, Ellwood P, and the ISAAC Phase Three Study Group (tra cui Chellini E). Worldwide trends for symptoms of rhinitis and conjunctivitis: Phase III of the International Study of Asthma and Allergies in Childhood. Pediatr Allergy Immunol 2008, 19: Williams H, Stewart A, von Mutius E, and the International Study of Asthma and llergies in Childhood (ISAAC) Phase One and Three Study Groups (tra cui Chellini). Is eczema really on the increase worldwide? J Allergy Clin Immunol 2008, 121: Corbo GM, Forastiere F, De Sario M, Brunetti L, Bonci E, Bugiani M, Chellini E, La Grutta S, Miglione E, Pistelli R, Rusconi F, Russo A, Simoni M. Wheeze and asthma in children: association with body mass index, sports, television viewing and diet. Epidemiology 2008, 19: Chellini E, Baldasseroni A. Le morti bianche sono più di quelle registrate dall INAIL. Neodemos maggio Montanaro F, Rosato R, Gangemi M, Roberti S, Ricceri F, Merler E, Gennaro V, Romanelli A, Chellini E, et al. Survival of pleural malignant mesothelioma in Italy: a population-based study. Int J Cancer 2009, 124: [12 Sep.2008 Epub ahead of print] 129.Fondelli MC, Chellini E, Yli-Tuomi T, Cenni I, Gasparrini A, Nava S, Garcia-Orellana I, Lupi A, Grechi D, Mallone S, Jantunen M. Fine particle concentrations in busesw and taxis in Florence, Italy. Atmosferic Environ 2008, 42: Forastiere F, Stafoggia M, Berti G, Bisanti L, Cernigliaro A, Chiusolo M, Mallone S, Miglio R, Pandolfi P, Rognoni M, Serinelli M, Tessari R, Vigotti M, Perucci CA; SISTI Group (tra cui Chellini E). Particulate matter and daily mortality: a case-crossover analysis of individual effect modifiers. Epidemiology Jul;19(4): Beasley R, Clayton T, Crane J, and the ISAAC Phase Three Study Group (tra cui Chellini E). association between paracetamol use in infancy and childhood, and risk of asthma, rhinoconjunctivitis and eczema in children aged 6 to 7 years: analysis from Phase Three of the ISAAC programme. Lancet 2008, 372: Gorini G, Giovannetti L, Masala G, Chellini E, Martini A, Mallone S, Costantini AS. Gastric cancer mortality trends in Tuscany, Italy, Tumori Nov-Dec;94(6): PMID: Stafoggia M, Schwartz J, Forastiere F, Perucci CA, and the SISTI Group (tra cui Chellini E). Does temperature modify the association between air pollution and mortality? A multicity casecrossover analysis in Italy. Am J Epidemiol 2008;167(12): Epub 2008 Apr Ait-Khaled N, Pearce N, Anderson HR,.. and the ISAAC Phase Three Study Group (tra cui Chellini E). Global map of the prevalence of symptoms of rhinocpnjunctivitis in children: The International Study of Asthma and Allergies in Childhood (ISAAC) Phase Three. Allergy 2009, 64: Migliore E, G.Berti, C.Galassi, N.Pearce, F.Forastiere, R.Calabrese, L.Armenio, A.Biggeri, L.Bisanti, M.Bugiani, E.Cadum, E.Chellini, V.Dell Orco, G.Giannella, P.Sestini, G.Corbo, R.Pistelli, G.Viegi, G.Ciccone and SIDRIA-2 Collaborative Group. "Respiratory symptoms in children living near busy roads and their relationship to vehicular traffic: results of an Italian multicenter study 11

12 (SIDRIA2). Environ Health. 2009;8: Ellwood P, Williams H, Aït-Khaled N, Björkstén B, Robertson C; ISAAC Phase III Study Group (tra cui Chellini). Translation of questions: the International Study of Asthma and Allergies in Childhood (ISAAC) experience. Int J Tuberc Lung Dis. 2009;13(9): PMID: Odhiambo JA, Williams HC, Clayton TO, Robertson CF, Asher MI; ISAAC Phase Three Study Group (tra cui Chellini E). Global variations in prevalence of eczema symptoms in children from ISAAC Phase Three. J Allergy Clin Immunol Dec;124(6): e23.PMID: Lombardi E, Simoni M, La Grutta S, Viegi G, Bisanti L, Chellini E, Dell Orco V, Migliore E, Petronio MG, Pistelli R, Rusconi F, Sestini P, Forestiere F, Galassi C and the SIDRIA-2 Collaborative Group. Effects of pet exposure in the first year of life on respiratory and allergic symptoms in 7-year-old children. The Sidria-2 Study. Pediatric Allergy Immunol 2010;21(2 Pt 1): PMID: Asher MI, Stewart AW, Mallol J, Montefort S, Lai CK, Aït-Khaled N, Odhiambo J; ISAAC Phase One Study Group (ta cui Chellini E). Which population level environmental factors are associated with asthma, rhinoconjunctivitis and eczema? Review of the ecological analyses of ISAAC Phase One. Respir Res Jan 21;11:8. Review.PMID: Anderson HR, Ruggles R, Pandey KD, Kapetanakis V, Brunekreef B, Lai CK, Strachan DP, Weiland SK; ISAAC Phase One Study Group (tra cui Chellini E). Ambient particulate pollution and the world-wide prevalence of asthma, rhinoconjunctivitis and eczema in children: Phase One of the International Study of Asthma and Allergies in Childhood (ISAAC). Occup Environ Med May;67(5): Epub 2009 Oct 9.PMID: Baldacci S, Maio S, Viegi G; Gruppo Collaborativo EpiAir, Forastiere F, Bisanti L, Randi G, Rognoni M, Simonato L, Tessari R, Berti G, Cadum E, Chiusolo M, Grosa MM, Ivaldi C, Pelosini R, Poncino S, Galassi C, Pacelli B, Pandolfi P, Scarnato C, Miglio R, Caranci N, Pace G, Zanini G, Grechi D, Chellini E, Mallone S, Accetta G, Barchielli A, Nuvolone D, Baccini M, Biggeri A, Baldacci S, Viegi G, Vigotti M, Colais P, Faustini A, Forastiere F, Perucci CA, Stafoggia M, Vigotti M, Minerba S, Serinelli M, Dessì PM, Cernigliaro A, Scondotto S. [Atmospheric pollution and human health.in the literature and interpretation of environmental. toxicological and epidemiologic studies]. Epidemiol Prev Nov-Dec;33(6 Suppl 2):1-72. Italian. 142.Ellwood P, Asher MI, Stewart AW; ISAAC Phase III Study Group (tra cui Chellini E). The impact of the method of consent on response rates in the ISAAC time trends study. Int J Tuberc Lung Dis. 2010;14(8): PMID: Marinaccio A, Binazzi A, Di Marzio D, Scarselli A, Verardo M, Mirabelli D, Gennaro V, Mensi C, Merler E, de Zotti R, Mangone L, Chellini E, Pascucci C, Ascoli V, Menegozzo S, Cavone D, Cauzillo G, Nicita C, Melis M, Iavicoli S. Incidence of extrapleural malignant mesothelioma and asbestos exposure, from the Italian national register. OEM 2010, 67: Mirabelli D, Cavone D, Merler E, Gennaro V, Romanelli A, Mensi C, Chellini E, Nicita C, Marinaccio A, Magnani C, Musti M. Non-occupational exposure to asbestos and malignant mesothelioma in the Italian National Registry of Mesotheliomas. Occup Ennviron Med 2010, 67: Gorini G, Chellini E, Martini A, Giovannetti L, Miligi L, Seniori Costantini A. Lung Cancer mortality trend by birth cohort in men, Tuscany, Tumori 2010, 96: Rusconi F, Gagliardi L, Galassi C, Forestiere F, Brunetti L, La Grutta S, Piffer S, Talassi F, and the Sidria-2 Collaborative Group (tra cui Chellini E). Paracetamol and antibiotics in childhood and subsequent development of wheezing/asthma: association or causation. INt J Epidemiol 2011, Jan 23. [Epub ahead of print] 147.Hanninen O, Hoek G, Mallone S, Chellini E, Katsouyanni K, Gariazzo C, Cattani G, Marconi A, Molnar P, Bellander T, Jantunen M. Seasonal patterns of outdoor PM infiltration into indoor environments: review and meta-analysis of available studies from different climatological zone in Europe: Air Qual Atmos Health Giovannetti L, Gorini G, Martini A, Chellini E, Fornai MG, Sorso B, Seniori-Costantini A. Is cancer overtaking Cardiovascular Diseases as the killer number one in men in Tuscany? Tumori 2011, 12

13 97(1): Martini A, Chellini E, Sala A. L mortalità nelal popolazione straniera in Toscana. Epidemiol Prev. 2011; 35(5-6): Giovanazzi A, Chellini E, et al. Prevention of health effects of silica in Italy: current challenger fro the occupational health and safety Unit of the Italian National Health Service. Med Lav Jul-Aug;102(4): Chellini E, Nicita C, Tumino R Considerations on the need for cooperation between Italian Association of Cancer Registries (AIRTUM) and the Italian National Mesothelioma Registry (RENAM)]. Epidemiol Prev Jan-Feb;35(1): Pizzo AM, Chellini E, Costantini AS.Lung cancer risk and residence in the neighborhood of a sewage plant in Italy. A case-control study. Tumori Jan-Feb;97(1): Marinaccio A, Binazzi A, Marzio DD, Scarselli A, Verardo M, Mirabelli D, Gennaro V, Mensi C, Riboldi L, Merler E, Zotti RD, Romanelli A, Chellini E, Silvestri S, Pascucci C, Romeo E, Menegozzo S, Musti M, Cavone D, Cauzillo G, Tumino R, Nicita C, Melis M, Iavicoli S; ReNaM Working Group. Pleural malignant mesothelioma epidemic: incidence, modalities of asbestos exposure and occupations involved from the Italian National Register. Int J Cancer May 1;130(9): doi: /ijc Epub 2011 Sep Chellini E, Gorini G, Carreras G, Giordano L, Anghinoni E, Iossa A, Bellati C, Grechi E, Coppo A, Talassi F, Giovacchini MR; SPRINT Working Group. The Pap smear screening as an occasion for smoking cessation and physical activity counselling: baseline characteristics of women involved in the SPRINT randomized controlled trial. BMC Public Health Dec 7;11:906. doi: / Martini A, Chellini E, Sala A. [Mortality in immigrants in Tuscany]. Epidemiol Prev Sep- Dec;35(5-6): Asher MI, Stewart AW, Wong G, Strachan DP, García-Marcos L, Anderson HR; ISAAC Phase Three Study Group [tra cui Chellini E]. Changes over time in the relationship between symptoms of asthma, rhinoconjunctivitis and eczema: a global perspective from the International Study of Asthma and Allergies in Childhood (ISAAC). Allergol Immunopathol (Madr) Sep- Oct;40(5): doi: /j.aller Epub 2012 Jan Grechi E, Chellini E, Bellati C; Gruppo di lavoro SPRINT. [Counseling on life style delivered during cancer secondary prevention practice: considerations after the SPRINT study experience in Florence, Mantua and Turin]. Epidemiol Prev Jan;36(1): Colais P, Faustini A, Stafoggia M, Berti G, Bisanti L, Cadum E, Cernigliaro A, Mallone S, Pacelli B, Serinelli M, Simonato L, Vigotti MA, Forastiere F; EPIAIR Collaborative Group [tra cui Chellini E]. Particulate air pollution and hospital admissions for cardiac diseases in potentially sensitive subgroups. Epidemiology May;23(3): doi: /EDE.0b013e31824d5a Chellini E, Gorini G, Gasparrini A, Grazzini G, Iossa A, Martellucci PM, Terrone R. Cervical cancer screening visit as an occasion for counseling female smokers to quit. Tumori Jan- Feb;98(1): doi: / Ellwood P, Asher MI, Stewart AW, Aït-Khaled N, Mallol J, Strachan D; ISAAC Phase III Time Trends Study Group [tra cui Chellini E]. The challenges of replicating the methodology between Phases I and III of the ISAAC programme. Int J Tuberc Lung Dis May;16(5): doi: /ijtld Gorini G, Carreras G, Giordano L, Anghinoni E, Iossa A, Coppo A, Talassi F, Galavotti M, Chellini E; SPRINT Working Group. The Pap smear screening as an occasion for smoking cessation and physical activity counselling: effectiveness of the SPRINT randomized controlled trial. BMC Public Health Sep 5;12:740. doi: / Chellini E, Gorini G, Carreras G; Da noi non si fuma Study Group. The "Don't smoke in our home" randomized controlled trial to protect children from second-hand smoke exposure at home. Tumori Jan-Feb;99(1):23-9. doi: / Binazzi A, Scarselli A, Corfiati M, Di Marzio D, Branchi C, Verardo M, Mirabelli D, Gennaro V, 13

14 Mensi C, Schallenberg G, Merler E, De Zotti R, Romanelli A, Chellini E, Pascucci C, D'Alò D, Forastiere F, Trafficante L, Menegozzo S, Musti M, Cauzillo G, Leotta A, Tumino R, Melis M, Marinaccio A; Gruppo di lavoro ReNaM. [Epidemiologic surveillance of mesothelioma for the prevention of asbestos exposure also in non-traditional settings]. Epidemiol Prev Jan- Feb;37(1): Chellini E, Martini A, Cacciarini V, Badiali AM; Referenti delle Aziende sanitarie locali toscane. [Considerations about the epidemiologic surveillance system on mesothelioma in Tuscany (Italy) after 25 years of activity]. Epidemiol Prev Jan-Feb;37(1): Italian. Autorizzo il trattamento dei dati a norma della Legge 196/03 Firenze, 17 aprile 2013 FIRMA 14

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico T.erritorio di Ra.venna LP3. Giuliano Silvi, Cristina Raineri, Valeria Frassineti

S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico T.erritorio di Ra.venna LP3. Giuliano Silvi, Cristina Raineri, Valeria Frassineti Direzione Gen. Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità Pubblica Dipartimento di Sanità Pubblica - Ravenna Provincia di Ravenna Comune di Ravenna S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valeria Garbero vgarbero@golder.it Politecnico di Torino e Golder Associates, Natasa

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione

Prova sul campo. Primavera 2014. OECD Organisation for Economic Cooperation and Development. Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione OECD Organisation for Economic Cooperation and Development Prova sul campo

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

MAMME LIBERE DAL FUMO

MAMME LIBERE DAL FUMO MAMME LIBERE DAL FUMO Il razionale Il fumo di tabacco è un problema di sanità pubblica rilevante per la donna, per la mamma, per il bambino; esistono evidenze scientifiche di azioni preventive efficaci;

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni

Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni Cenƒsthesis... dalla Ricerca Gli standard per la crescita staturo-ponderale dai 2 ai 18 anni A. Luciano, G. Zoppi, F. Bressani I Cattedra di Pediatria Università di Verona 8 Più di 40.000 soggetti sono

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze.

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. CURRICULUM VITAE Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. Titolo di Studio: Laurea Economia e Commercio conseguita il 17.04.1973 presso l Università

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

METODI STATISTICI. Popolazione in studio. Indicatori populaton-based

METODI STATISTICI. Popolazione in studio. Indicatori populaton-based METODI STATISTICI Nella maggior parte delle applicazioni, gli indicatori di valutazione degli esiti degli interventi sanitari sono espressi come rapporti in cui il numeratore è rappresentato dal numero

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Compiti e obblighi dei medici competenti

Compiti e obblighi dei medici competenti ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A SILICE LIBERA CRISTALLINA Attuali livelli di esposizione e modelli di intervento per la riduzione del rischio. Ruolo della sorveglianza sanitaria tra obblighi di legge e efficacia

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ ASPETTI GENERALI. Rapporti ISTISAN 14/23 Pt. 1. Misurare in sanità pubblica: registri e sorveglianza

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ ASPETTI GENERALI. Rapporti ISTISAN 14/23 Pt. 1. Misurare in sanità pubblica: registri e sorveglianza ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Misurare in sanità pubblica: registri e sorveglianza ASPETTI GENERALI A cura di Giuseppe Costa (a), Stefania Salmaso (b) e Cesare Cislaghi (c) (a) Dipartimento di Scienze Cliniche

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013 ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE Bollettino 2013 Informazioni derivate da: ISTAT SDO Schede ministeriali tossicodipendenze ESPAD, PASSI FATTI E CIFRE

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Verso ospedali e servizi sanitari liberi dal fumo. Manuale pratico per il controllo del fumo di tabacco negli ambienti sanitari

Verso ospedali e servizi sanitari liberi dal fumo. Manuale pratico per il controllo del fumo di tabacco negli ambienti sanitari Verso ospedali e servizi sanitari liberi dal fumo Manuale pratico per il controllo del fumo di tabacco negli ambienti sanitari VERSO OSPEDALI E SERVIZI SANITARI LIBERI DAL FUMO Manuale pratico per il

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RACCOMANDAZIONE PER PREVENIRE

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

di prossima pubblicazione

di prossima pubblicazione di prossima pubblicazione Volume 7 - Numero 9 Supplemento - SUPPLEMENTO DEL ISSN 9-9 (cartaceo) ISSN 7-9 (online) dell Istituto dell Istituto Superiore Superiore di di Sanità Sanità Poste italiane S.p.A.

Dettagli

OSPEDALI SENZA FUMO. Una proposta operativa per lavorare in rete. a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo

OSPEDALI SENZA FUMO. Una proposta operativa per lavorare in rete. a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo OSPEDALI SENZA FUMO Una proposta operativa per lavorare in rete a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo Introduzione Il sottogruppo regionale, nel definire le proprie

Dettagli

SISTEM Studio Italiano su Suscettibilità Individuale, Temperatura e Mortalità TEMPERATURE ESTIVE ELEVATE, VULNERABILITÀ INDIVIDUALE E MORTALITÀ

SISTEM Studio Italiano su Suscettibilità Individuale, Temperatura e Mortalità TEMPERATURE ESTIVE ELEVATE, VULNERABILITÀ INDIVIDUALE E MORTALITÀ 30 giugno 2005 SISTEM Studio Italiano su Suscettibilità Individuale, Temperatura e Mortalità TEMPERATURE ESTIVE ELEVATE, VULNERABILITÀ INDIVIDUALE E MORTALITÀ STUDIO CASE-CROSSOVER IN QUATTRO CITTÀ ITALIANE,

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/030/CR7c/C7 Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro Anno 2011 Attività delle regioni e delle province

Dettagli

'Veleni' killer, rischio di mortalità più alto in 44 siti della Penisola italiana

'Veleni' killer, rischio di mortalità più alto in 44 siti della Penisola italiana http://www.adnkronos.com/ign/sostenibilita/risorse/veleni-killer-rischiodi-mortalita-piu-alto-in-44-siti-della-penisola-italiana_312624473119.html 'Veleni' killer, rischio di mortalità più alto in 44 siti

Dettagli

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA UFFICIO FORMAZIONE E ECM IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA Mod. -0701-08 a Rev. 02 Del 10/07/2011 LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: STRATEGIE E STRUMENTI LOW ED HIGH TECH PER LA COMUNICAZIONE,

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO:

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO: Due mondi, due culture, due storie che si incontrano per dare vita a qualcosa di unico: la scoperta di ciò che ci rende unici ma fratelli. Per andare insieme verso EXPO 2015 Tutt altra storia Il viaggio

Dettagli