DPI Dispositivi di Protezione Individuale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DPI Dispositivi di Protezione Individuale"

Transcript

1 Individuazione generale delle problematiche Il rischio può essere eliminato alla fonte o contenuto o separato con misure di protezione collettiva o fronteggiato con i DPI (dispositivi protezione individuali) 1 ELIMINAZIONE DEL RISCHIO 2 3 CONTENIMENTO DEL RISCHIO SEPARAZIONE AMBIENTALE MISURE DI PROTEZIONE COLLETTIVA 4 USO DEI DPI I DPI sono utilizzati per fronteggiare i rischi residui, ossia i rischi che, nonostante l attuazione di tutte le possibili azioni di prevenzione e protezione previste (ad es. riduzione del rischio alla fonte, misure di protezione collettiva, sostituzione dei prodotti pericolosi, ecc), si possono lo stesso manifestare o persistere sul luogo di lavoro. ATTENZIONE! I DPI non sono sostitutivi delle misure di protezione collettive quando queste ultime sono tecnicamente realizzabili. REQUISITI DEI DPI ATTENZIONE! Ogni DPI per essere commercializzato deve: Riportare il marchio (può essere apposto sull imballaggio in particolari casi); NUMERO DI IDENTIFICAZIONE DELL ORGANISMO DI NOTIFICAZIONE Essere accompagnato dalla NOTA INFORMATIVA (foglio d istruzioni per l uso). 0000

2 Dispositivi individuali di protezione da usarsi nelle concerie CONCIA AL CROMO Sagomatura delle pelli, Calcinazione, Concia wet-white Riconcia-neutralizzazione Ferite da taglio per l'uso d utensili per la rifilatura e la gropponatura Nel reparto ad umido per possibile contatto con sostanze acide Grembiuli antitaglio Vestiario antiacido Calcinazione- depilazione Concia wet-blue Riconcia-neutralizzazioneingrasso Schizzi delle sostanze durante la loro preparazione e travaso Occhiali antiacido Calcinazione- depilazione Concia wet-blue / wet-white Riconcia-neutralizzazioneingrasso Calcinazione- depilazione Concia wet-blue / wet-white Riconcia-neutralizzazioneingrasso Concia in botte Preparazione colori per botte Schiacciamento dei piedi da parte del carrello elevatore, caduta pancali, etc... Contatto con acidi e possibile dei piedi da parte del carrello elevatore, caduta pancali, etc... All'apertura del bottale, possibilità d inalazione dei vapori che si sono formati durante la Stivali in PVC al ginocchio e di sicurezza contro lo (colore grigio) Possibile inalazione di polveri di coloranti per botte Maschere antipolvere Pesatura prodotti chimici con etichettatura di sicurezza Verniciatura a velo Spruzzo Palissonatura Follonatura Smerigliatura Follonatura Pettinatura pelli in pelo Rasatura pelli in pelo Smerigliatura Possibile inalazione di prodotti nocivi o irritanti come tannini sintetici, decalcinanti ecc Rumore (se il Lep,d supera gli 85 db/a) Inalazione del pulviscolo che si crea durante la Maschere antipolvere Dispositivi di protezione auricolare Maschere antipolvere

3 Immagazzinamento rifilatura pelli Ferite da taglio per l'uso d utensili per la rifilatura Guanti antitaglio Addetti alla spruzzatura pelli Schiacciamento dei piedi da parte del carrello elevatore, caduta pancali, transpallet, etc... Tamponatura manuale sostanze usate per questa Guanti in gomma Rifilatura pelli Ferite da taglio per l'uso d utensili per la rifilatura Grembiuli antitaglio Immagazzinamento rifilatura pelli Ferite da taglio per l'uso d utensili per la rifilatura Guanti antitaglio Immagazzinamento e spedizione pelli Schiacciamento dei piedi da parte del carrello elevatore, caduta pancali, transpallet, etc...

4 CONCIA AL VEGETALE Calcinazione Calcinazione Depilazione impermeabile Decalcinazione e macerazione Concia in botte al vegetale Concia lenta in fossa Vestiario antiacido All'apertura del bottale possibilità d inalazione dei vapori nocivi che si sono formati durante la All'apertura del bottale possibilità d inalazione dei vapori nocivi che si sono formati durante la Nel reparto ad umido per possibile contatto con sostanze acide

5 Riconcia al vegetale Movimentazione nel locale Vestiario antiacido All'apertura del bottale possibilità d inalazione dei vapori nocivi che si sono formati durante la Nel reparto ad umido per possibile contatto con sostanze acide Schiacciamento dei piedi da parte del carrello elevatore, caduta pancali, transpallet, etc. Pesatura di sostanze in polvere o solide Mascherina antipolvere Inalazione di polveri di sostanze nocive Rifilatura cuoi conciati Guanti e grembiule antitaglio Tagli al corpo e agli arti superiori Lavorazione alla Rasatrice e alla Burraschiatrice Travaso e preparazione sostanze liquide Lavorazione alla sgranatrice e/o messa a vento Maschera antipolvere Mascherina con filtro adeguato Occhiali antiacido Dispositivi auricolari di protezione Inalazione del pulviscolo che si crea durante la rasatura Inalazione vapori nocivi Schizzi negli occhi Rumore (se il Lep,d supera gli 85 db/a) Pulizia dei macchinari Guanti antitaglio Ferite da taglio dovute al contatto con le lame o parti taglienti del macchinario Attacco e stacco dei cuoi dai telai Guanti antitaglio Ferite da taglio prodotte dai ganci Irritazione delle vie respiratorie Lavorazione al cilindro Verniciatura meccanica Dispositivi auricolari di protezione Scarpe di sicurezza in cuoio o in gomma con materiale elettroconduttore Dispositivi auricolari di protezione Guanti in PVC Mascherina con filtro specifico Rumore (se il Lep,d supera gli 85 dba) Pericolo dovuto al fatto che le scarpe non elettroconduttrici mettano fuori uso il dispositivo della pedana sensibile (dispositivo di sicurezza contro lo delle mani) Rumore (se il Lep,d supera gli 85 dba) Contatto con pelli verniciate Inalazione inquinanti aerodispersi Rifilatura cuoi in spedizione Guanti e grembiuli antitaglio Ferite da taglio per l'uso d utensili per la rifilatura e la gropponatura Pulizia delle vasche, dei cunicoli Maschera con autorespiratore Pericolo di Morte per inalazione gas tossici

6 pittogrammi SIGNIFICATO DEI PITTOGRAMMI PER I GUANTI: POLVERI, AEROSOL GAS E VAPORI PERICOLI DA MICRORGANISMI ELETTRICITÀ STATICA TAGLIO DA URTO CALORE E FUOCO PERICOLI DA FREDDO PERICOLI MECCANICI PERICOLI CHIMICI RADIAZIONI IONIZZANTI E CONTAMINAZIONE RADIOATTIVA RISCHI PER CONDIZIONI DI SCARSA VISIBILITÀ CALORE E FUOCO PERICOLI CHIMICI ELETTRICITÀ STATICA SIGNIFICATO DEI PITTOGRAMMI PER LA PROTEZIONE DEL CORPO: CHIMICI- A TENUTA DI GAS CHIMICI -A TENUTA DI LIQUIDI CHIMICI -A TENUTA DI PARTICELLE PERICOLI DA FREDDO RISCHI DA IMPIGLIAMENTO IN ORGANI IN MOVIMENTO RISCHI DA INTEMPERIE CHIMICI - A LIMITATA TENUTA DI SCHIZZI DI LIQUIDI CHIMICI -A LIMITATA TENUTA DI GAS TENUTA ALLE POLVERI RADIAZIONI IONIZZANTI E CONTAMINAZIONE RADIOATTIVA CHIMICI - A TENUTA DI SPRUZZI Tipo A Colore distintivo Marrone CLASSIFICAZIONE FILTRI DI PROTEZIONE DELLE VIE RESPIRATORIE Protezione da: Gas e vapori organici, quando il punto d ebollizione è > di 65 C (solventi e idrocarburi) B Grigio Gas e vapori inorganici senza ossido di carbonio E Giallo Diossido di zolfo ed alcuni gas e vapori acidi esempi d agenti inquinanti Acetati di butile Acetati di etile Xilolo acido acetico Alcool etilico benzene butanolo butiglicol etilglicol Diluenti nitro toluolo etanolo acido cianidrico acido nitrico Acido Solfidrico Isocianati cloro bromo bromuro d idrogeno cloro cianuro acido bromidrico acido cloridrico acido fluoridrico acido formico anidride solforosa diossido di zolfo gas idroclorico K Verde Ammoniaca ed alcuni derivati aminici aziridina butilamina dietilamina diisopropilamina dimetilamina dimetilidrazina etilamina etile P1 Bianco Polveri e particolati senza una specifica tossicità P2 Bianco Aerosol solidi e/o liquidi pericolosi o irritanti silice carbonato di sodio P3 Bianco Aerosol solidi e/o liquidi tossici berillio particolati radioattivi Classi d assorbimento dei filtri contro gas e vapori Classe 1 Classe 2 Classe 3 Filtri di debole capacità Concentrazione inquinante < a 0,1 % Filtri di media capacità Concentrazione inquinante < a 0,5 % Classi d assorbimento dei filtri antipolvere Filtri di forte capacità Concentrazione inquinante < a 1 % Classe P1 Classe P2 Classe P3 Filtri con bassa separazione contro le particelle solide Filtri con media separazione contro le particelle solide e/o liquide (P2S o P2L) Classi d assorbimento dei facciali filtranti antipolvere (respiratori a filtro) Filtri con alta separazione contro particelle solide e liquide (filtro assoluto) Classe FFP1 Classe FFP2 Classe FFP3 Filtri con bassa separazione contro le particelle solide Filtri con media separazione contro le particelle solide e/o liquide (FFP2S o FFP2L) Filtri con alta separazione contro particelle solide e liquide (filtro assoluto)

7

DPI Dispositivi di Protezione Individuale

DPI Dispositivi di Protezione Individuale 7 Individuazione generale delle problematiche Il rischio può essere eliminato alla fonte o contenuto o separato con misure di protezione collettiva o fronteggiato con i DPI (dispositivi protezione individuali)

Dettagli

Protezione vie Respiratorie

Protezione vie Respiratorie Protezione vie Respiratorie D.lgs.475 Art. 1 2) Si intendono per Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) i prodotti che hanno la funzione di salvaguardare la persona che li indossi o comunque porti

Dettagli

Dispositivi di protezione individuale DPI

Dispositivi di protezione individuale DPI Cosa sono Dispositivi di protezione individuale DPI È considerato DPI qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata o portata dal lavoratore per tutelarsi da uno o più rischi per la sicurezza e

Dettagli

SIMBOLOGIA FACCIALI FILTRANTI

SIMBOLOGIA FACCIALI FILTRANTI SIMBOLOGIA FACCIALI FILTRANTI FACCIALI FILTRANTI CLASSE DI APPARTENENZA ESEMPIO SIMBOLOGIA FFP 1 D AV RESISTENZA ALL'INTASAMENTO PROTEZIONE AGGIUNTIVE SIMBOLOGIA : TIPOLOGIA DEL PRODOTTO: FFP (Facciali

Dettagli

D.Lgs. 81/08. Dispositivi di Protezione Individuale DPI. Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini

D.Lgs. 81/08. Dispositivi di Protezione Individuale DPI. Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini Dispositivi di Protezione Individuale DPI Tecnico della Prevenzione Dott. Sergio Biagini DEFINIZIONE di DPI Per DPI si intende qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore

Dettagli

MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE ECONOMICA MODELLO SUPERONE

MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE ECONOMICA MODELLO SUPERONE MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE ECONOMICA MODELLO SUPERONE 3203 FFP1 3204 FFP1 + VALVOLA 3205 FFP2 3206 FFP2 + VALVOLA UNI EN 149 : 2003 MASCHERINA FACCIALE FILTRANTE PIEGHEVOLE MODELLO PREMIUM 4 4110 FFP1

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE COLLETTIVA. Alessandra Pera ISPESL - DML

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE COLLETTIVA. Alessandra Pera ISPESL - DML DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE COLLETTIVA Alessandra Pera ISPESL - DML Cosa sono Come sceglierli Quali acquistare Quando usarli Come usarli Come tenerli I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE: D.Lgs. 81/2008

Dettagli

ANTINFORTUNISTICA "PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE"

ANTINFORTUNISTICA PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE ANTINFORTUNISTICA "PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE" Mascherina facciale Mascherina facciale, FFP1 Particelle non tossiche; Particelle solide/liquide Nomenclatura EN 149 Codice Modello Tipo filtro Tipo espirazione

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE GARANZIA SODDISFACIMENTO REQUISITI DI SALUTE E SICUREZZA Esempi di pittogrammi Rischi d'impatto Rischi meccanici Calore o fuoco Rischi microbiologici Elettricità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA - Norme comportamentali nei laboratori - Rischio chimico: Frasi di rischio e schede di sicurezza - - - Dispositivi di Protezione Individuale () - Attrezzature di Laboratorio

Dettagli

Dispositivi di Protezione

Dispositivi di Protezione Dispositivi di Protezione D.lgs.475 Art. 1 2) Si intendono per Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) i prodotti che hanno la funzione di salvaguardare la persona che li indossi o comunque porti

Dettagli

Antincendio Sicurezza Protezione

Antincendio Sicurezza Protezione Antincendio Sicurezza Protezione 46 Respirazione RESPIRATORE PER POLVERI, FUMI E NEBBIE - pieghevole 01800 01804 Codice Modello Valvola di esalazione Classe Colore Tlv Imballo 01800 X-plore 1710 No FFP1

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Per Dispositivo di Protezione Individuale (DPI) si intende una qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo

Dettagli

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPIRATORIE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPIRATORIE SCHEDA TECNICA N 15 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPIRATORIE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0

Dettagli

CORSO I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

CORSO I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE D.Lgs. CORSO I DI PROTEZIONE INDIVIDUALE PER VOLONTARI DELL ASSOCIAZIONE COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI MOGLIANO VENETO (TV) Revisione 01 DOCENTE: ANDREA PERAZZA 1 DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SI INTENDE

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE )

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE ) 1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA 1.1. Denominazione commerciale: Filtro in Fibra di Vetro (Tipo VBB) 1 (180g/m 2 ) 1.2. Società distributrice: D.L.G.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA. Servizio di Prevenzione e Protezione. Elenco dei DPI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA. Servizio di Prevenzione e Protezione. Elenco dei DPI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA Servizio di Prevenzione e Protezione Elenco dei DPI 1 Caratteristiche dei DPI INDICE 1. PREMESSA 3 2. DPI PER LA PROTEZIONE DELLE VIE RESPIRATORIE 5 3. DPI PER LA PROTEZIONE

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DPI, E COLLETTIVA - DPC

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DPI, E COLLETTIVA - DPC DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DPI, E COLLETTIVA - DPC DPI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Definizione: il dispositivo di protezione individuale (DPI) è una qualsiasi attrezzatura destinata

Dettagli

SICUREZZA DEI LAVORATORI VOLONTARI I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

SICUREZZA DEI LAVORATORI VOLONTARI I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE SICUREZZA DEI LAVORATORI VOLONTARI I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Anno 2015, SPSAL Ravenna a cura dei Tecnici della Prevenzione Marocchi A. e Rossetto M.... . Definizioni Pericolo: proprietà o

Dettagli

Per la parte generale relativa ai guanti di protezione si rimanda alla scheda 3

Per la parte generale relativa ai guanti di protezione si rimanda alla scheda 3 Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro SCHEDA 4 Guanti Protezione dai rischi Chimici e Biologici V2-28/05/2014 Per la parte generale relativa

Dettagli

Scheda dati di sicurezza conforme a (CE) n. 1907/2006-ISO 11014-1

Scheda dati di sicurezza conforme a (CE) n. 1907/2006-ISO 11014-1 Scheda dati di sicurezza conforme a (CE) n. 1907/2006-ISO 11014-1 SDS n.: 27618 WWEU09000481 revisione: 06.11.2009 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Identificazione della

Dettagli

È evidente che, se dobbiamo togliere un recipiente dal forno o maneggiare un agente chimico pericoloso, dovremo proteggere le mani in maniera

È evidente che, se dobbiamo togliere un recipiente dal forno o maneggiare un agente chimico pericoloso, dovremo proteggere le mani in maniera DPI DPI È evidente che, se dobbiamo togliere un recipiente dal forno o maneggiare un agente chimico pericoloso, dovremo proteggere le mani in maniera diversa. La stessa cosa se ci esponiamo ad inalazione

Dettagli

RESPIRAZIONE RESPIRAZIONE

RESPIRAZIONE RESPIRAZIONE RESPIRAZIONE RESPIRAZIONE 149 Protezione delle vie respiratorie La protezione delle vie respiratorie si ottiene mediante: Un filtro per gas, quando il rischio si presenta sotto forma di gas. Un filtro

Dettagli

Claudio Galbiati Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. 1 3M 2007. Tutti I diritti riservati.

Claudio Galbiati Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. 1 3M 2007. Tutti I diritti riservati. Claudio Galbiati Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro 1 Dispositivi di Protezione Individuale! Caratteristiche di scelta generali e spunti del DLgs. 81/08! Caratteristiche Tecniche: la Direttiva 89/686/CE!

Dettagli

DUVRI Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza

DUVRI Documento unico di valutazione dei rischi da interferenza Rif. Art. 26, comma 3, D.Lgs. 81/2008 Data:18/02/2010 Premessa L affidamento di lavori a fornitori esterni all azienda attraverso contratti d appalto e/o d opera comporta l obbligo per il datore di, qualora

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08. I Dispositivi di Protezione Individuale in laboratorio

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08. I Dispositivi di Protezione Individuale in laboratorio Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 I Dispositivi di Protezione Individuale in laboratorio Articolazione Intervento Inquadramento normativo Significato

Dettagli

ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA.

ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA. ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA. Salute e sicurezza negli ambienti di lavoro in sanità: norme, interpretazione

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE. Anna Sicuro

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE. Anna Sicuro DISPOSITIVI DI PROTEZIONE Anna Sicuro Ricoprono un ruolo importante nella prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali Il ruolo di cui sopra è ribadito dall art 6 del DPR 547/55 (il lavoratore

Dettagli

Relatore: Alessandro De Luca DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

Relatore: Alessandro De Luca DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Con il recepimento, del decreto legislativo 81/08, relativo alla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro, sono stati stabiliti, per ciò

Dettagli

Laboratorio. Dati generali

Laboratorio. Dati generali Scheda informazioni necessarie per la dichiarazione di conformità dei laboratori (da compilare a cura del Responsabile della Struttura richiedente o suo delegato) Laboratorio Dati generali Motivazione

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE: DPI

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE: DPI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE: DPI CORSO B RSPP DATORI DI LAVORO Lucca 25 Giugno 2013 D.Lgs.n.81/2008 s.m.i. - Art. 18 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente 1. Il datore di lavoro e i dirigenti

Dettagli

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Definizioni Danno: alterazione transitoria o permanente dell organismo umano o/e delle sue funzioni Danno biologico: infortunio o malattia

Dettagli

Scheda. Produzione: Scopo della lavorazione. Descrizione della macchina

Scheda. Produzione: Scopo della lavorazione. Descrizione della macchina Scheda 7 Produzione: Macchina: FILM STAMPA FLESSOGRAFICA Scopo della lavorazione Con la stampa flessografica vengono depositati sul film di materiale plastico, mediante gruppi di stampa a cilindri, vari

Dettagli

di Protezione Individuale

di Protezione Individuale FULVIO D ORSI GIACOMO GUERRIERO EVA PIETRANTONIO della sicurezza nell uso dei Dispositivi di Protezione Individuale Informazione dei lavoratori ai sensi degli art. 36, 74 e successivi del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO III - CAPO II USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

D.Lgs. 81/08 TITOLO III - CAPO II USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1/5 Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1 - Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Denominazione commerciale: VIVACTIV PERFORMANCE Impiego: Preparato per uso enologico

Dettagli

SEGNALETICA DI PERICOLO

SEGNALETICA DI PERICOLO SEGNALETICA DI SCHEMA DEI FORMATI (mm.) SIGLA DEI MATERIALI E SPESSORI E C C = 330x500 E = 500x700 A B A = 350x125 B = 765x270 D = 1400x500 D ALLUMINIO AL PVC RIGIDO PV 0,5/0,7 mm. 1 mm. DISTANZA LETTURA

Dettagli

Catalogo on-line www.iapir.it

Catalogo on-line www.iapir.it DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DA UTILIZZARE NEI LAVORI IN PRESENZA DI AMIANTO Poiché l esposizione dei lavoratori alle fibre di amianto aerodisperso varia notevolmente a seconda della tipologia

Dettagli

Il processo conciario. le operazioni chimiche

Il processo conciario. le operazioni chimiche Il processo le operazioni chimiche Rinverdimento - riportare le pelli al grado di umidità naturale (in seguito alla conservazione) - pulire le pelli dalla sporcizia più grossolana - solubilizzare le proteine

Dettagli

Sicurezza sul lavoro

Sicurezza sul lavoro Accessori Bosch 11/12 Sicurezza sul lavoro Panoramica 759 Sicurezza sul lavoro Il professionista è costantemente attento alla propria sicurezza! La qualità Bosch si esprime anche in un completo programma

Dettagli

PEARL VIA F.LLI CERVI 75 50010 CAMPI B.ZIO (FI)

PEARL VIA F.LLI CERVI 75 50010 CAMPI B.ZIO (FI) 50010 CAMPI B.ZIO (FI) SCHEDA DI SICUREZZA White Pearl 10.01.2006 1. Identificazione del prodotto e Ragione Sociale Indicazione del prodotto: Nome commerciale: Codice Commerciale: Tipo di prodotto ed impiego:

Dettagli

Scheda di Sicurezza REPLENISHER PER BAGNO PLACCATURA ACIDA A SPESSORE 24KT

Scheda di Sicurezza REPLENISHER PER BAGNO PLACCATURA ACIDA A SPESSORE 24KT Scheda di Sicurezza REPLENISHER PER BAGNO PLACCATURA ACIDA A SPESSORE 24KT 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: REPLENISHER BAGNO PLACCATURA ACIDA A SPESSORE

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO "Blaise Pascal"

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Blaise Pascal Circolare n. 36-2014 10-10-2014 Ai Collaboratori Scolastici Agli Assistenti Tecnici Ai preposti laboratori di Elettronica e Chimica p.c. Ai Docenti Al Direttore SGA Agli Assistenti Amministrativi Oggetto:

Dettagli

Guanto pelle fiore bianco. Taglia : 7 8 9 10. Taglia : 7 8 9 10. Guanto pelle fiore dorso crosta. Palmo rinforzato.

Guanto pelle fiore bianco. Taglia : 7 8 9 10. Taglia : 7 8 9 10. Guanto pelle fiore dorso crosta. Palmo rinforzato. Guanto pelle fiore bianco Taglia : 7 8 9 10 Guanto pelle fiore dorso crosta Taglia : 7 8 9 10 Guanto pelle fiore dorso crosta Taglia : 9 10 Palmo rinforzato Manichetta crosta Guanto pelle crosta bordato

Dettagli

3M Respiratori per gas e vapori

3M Respiratori per gas e vapori 3M Respiratori per gas e vapori Bloccare le sostanze nocive Lo spettro d azione di molte sostanze nocive è molto vario. È quindi necessario individuare con grande precisione il rischio specifico presente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Direttore Dr. Claudio Soave Strada Le Grazie, 8-37134 Verona - Tel. 045 8027627-0458027627 - Fax 045 8027626 e-mail: servizio. prevenzioneprotezione@univr.it

Dettagli

Scheda dati di sicurezza 1907/2006/CE

Scheda dati di sicurezza 1907/2006/CE Scheda dati di sicurezza 1907/2006/CE 1. Identificazione della sostanza e della società 1.1. Identificazione della sostanza o preparato: Idrossiprogesterone 17-Caproato 1.2. Identificazione della società:

Dettagli

NCS LAB c/o NEWCAST SERVICES srl Via Pola Esterna 4/11 41012 Carpi (MO) P.I/CF: 02877880365 SCHEDA DI SICUREZZA WHITE XFORM

NCS LAB c/o NEWCAST SERVICES srl Via Pola Esterna 4/11 41012 Carpi (MO) P.I/CF: 02877880365 SCHEDA DI SICUREZZA WHITE XFORM WHITE XFORM SCHEDA DATI DI SICUREZZA DATA 21 LUGLIO 2008 REV. 00 01 ELEMENTI IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA DENOMINAZIONE COMMERCIALE: WHITE XFORM FAMIGLIA UTILIZZO PRODUTTORE

Dettagli

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo Simboli di pericolo I simboli di pericolo vengono usati per etichettare le sostanze pericolose, come previsto dalle normative vigenti sull argomento. La Ordinance on Hazardous Substances è una regolamentazione

Dettagli

PERICOLO. ARTEC srl PERICOLO

PERICOLO. ARTEC srl PERICOLO ANTINFORTUNISTICA 2014 SEGNALE DI SICUREZZA PRESCRITTO DAL D. LGS. 81/08 SEGNALE DI SICUREZZA NORMATO UNI I CARTELLI CHE SEGNALANO HANNO LE SEGUENTI CARATTERISTICHE: fondo giallo, pittogramma nero, bordo

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Identificazione della sostanza o preparato. Sabbia

Dettagli

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza 3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro Protezione Vie Respiratorie Guida ai rischi Prendi a cuore la tua sicurezza A ogni respiro, possiamo inalare milioni di particelle. Le particelle nocive non sono

Dettagli

D.P.I. 04/05/2014. Fattori di rischio per gli operatori

D.P.I. 04/05/2014. Fattori di rischio per gli operatori D.P.I. Dispositivi di Protezione Individuale Fattori di rischio per gli operatori 1 gruppo: condizioni ambientali di lavoro 2 gruppo: utilizzo delle attrezzature 3 gruppo: stress fisico 4 gruppo: stress

Dettagli

MSDS - Scheda. Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia. Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999

MSDS - Scheda. Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia. Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999 MSDS - Scheda dati di Sicurezza Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999 okite@okite.com www.okite.com 6 - MSDS - Scheda dati di Sicurezza

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO POLICAR PRODUTTORE/FORNITORE MAFO S.R.L. INDIRIZZO Via A. Laterizio, 73-80035 NOLA (NA) TEL./FAX 081/8037226 E-mail: info@mafo.it PER INFORMAZIONI RIVOLGERSI A 081/8037226

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE. Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti

1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE. Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA PRODUTTRICE Nome Kling-on Blue Descrizione Fornitore Polvere disperdibile per uso in bagni podali per ruminanti Forum Products Ltd 41 51 Brighton Road Redhill

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Rev. 1 Novembre 2008 Pag.:1/5 1 Materiale / Processo e Società 1.1 Nome del prodotto: "URSA XPS" 1.2 Dati del fabbricante: 1.2.1 Distributore per l Italia: URSA ITALIA s.r.l. via Paracelso, 16 20041 Agrate

Dettagli

LIQUIDO ELETTROLITICO

LIQUIDO ELETTROLITICO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA DITTA 1.1 Identificazione del preparato Nome del prodotto: 1.2 Usi previsti: liquido elettrolitico per marcatura/incisione su metalli 1.3 Identificazione della

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA NOME DEL PRODOTTO: PRODOTTONUMERO : 4322362 GENESCAN - 120 LIZ SIZE STANDARD FORNITORE: APPLIED

Dettagli

PIANO DI UTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)

PIANO DI UTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) ISTITUTO SUPERIORE BRUNO MUNARI VIA ARMANDO DIAZ ACERRA PIANO DI UTILIZZO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 Datore di Lavoro Dirigente Scolastico Dott. Geol. Umberto

Dettagli

Premessa introduttiva relativa ai dispositivi per la protezione della vista e della testa

Premessa introduttiva relativa ai dispositivi per la protezione della vista e della testa Premessa introduttiva relativa ai dispositivi per la protezione della vista e della testa Per dispositivi di protezione della vista si intendono: occhiali con stanghetta (con o senza ripari laterali),

Dettagli

Lista di controllo Protezione delle mani nel settore metalmeccanico

Lista di controllo Protezione delle mani nel settore metalmeccanico Sicurezza realizzabile Lista di controllo Protezione delle mani nel settore metalmeccanico Com è la situazione nella vostra azienda per quanto riguarda la protezione delle mani? Nel settore metalmeccanico

Dettagli

Informazioni generali sul tema protezione respiratoria

Informazioni generali sul tema protezione respiratoria Informazioni generali sul tema protezione respiratoria Si intende per Dispositivi di Protezione Individuale, definizione spesso surrogata dall acronimo DPI, qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata

Dettagli

RISCHI ADDETTO PULIZIE

RISCHI ADDETTO PULIZIE Organismo Paritetico Provinciale RISCHI ADDETTO PULIZIE Speciale Inserti: Rischi Addetto Pulizie Pagina 1 Attività svolta L attività dell addetto prevede la pulizia degli ambienti di lavoro di uffici,

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione IL D.LGS. 81/08 (come già previsto dal D.Lgs.. 626/94) INDICA IL PERCORSO DA COMPIERE PER INNALZARE IL LIVELLO DI SICUREZZA E QUALITA

Dettagli

EF BIO 70. Composizione del materiale Ingredienti Composizione (% w/w)

EF BIO 70. Composizione del materiale Ingredienti Composizione (% w/w) 1 1. Identificazione chimica del prodotto Nome del prodotto Codice del prodotto Utilizzo del prodotto Compostabile e biodegradabile Filler Master Batch EF BIO 70 Polimeri di materiale compostabile e biodegradabile

Dettagli

PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE

PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE PROTEZIONE VIE RESPIRATORIE Presentiamo in abbinamento due gamme di prodotti per le vie respiratorie per una più completa valutazione da parte della nostra clientela. Il marchio Honeywell è affermato a

Dettagli

FACCIALE FILTRANTE MONOUSO FFP1D OV - Sperian 5140 M/L REF. 1005591

FACCIALE FILTRANTE MONOUSO FFP1D OV - Sperian 5140 M/L REF. 1005591 FACCIALE FILTRANTE MONOUSO FFP1D OV - Sperian 5140 M/L REF. 1005591 CARATTERISTICHE GENERALI Divisione : Protezione della testa Famiglia : Protezione delle vie respiratorie Gamma : Facciali filtranti monouso

Dettagli

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA SCHEDA DI SICUREZZA 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Riducente per l industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA SRL Via Clerici, 16 22070 Bulgarograsso

Dettagli

3M Indumenti di Protezione. Protezione e Comfort...senza compromessi 3Innovazione

3M Indumenti di Protezione. Protezione e Comfort...senza compromessi 3Innovazione 3M Indumenti di Protezione Protezione e Comfort......senza compromessi 3Innovazione Standard Europei 3M Indumenti di Protezione 3M, Leader mondiale nella produzione dei dispositivi di protezione individuale,

Dettagli

Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte.

Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte. Guida pratica. Sicurezza e igiene del lavoro nella saldatura in atmosfera inerte. Indice: 1. Corrente elettrica 2. Radiazione ottica 3. Sostanze pericolose per la salute 4. Protezioni individuali 5. Gestione

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) Università degli Studi di Roma La Sapienza Piazzale Aldo Moro, 5-00185 ROMA UFFICIO SPECIALE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Collllana Culltura delllla Siicurezza DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI)

Dettagli

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Manuale pratico sull uso dei D.P.I di I, II, III categoria Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE SEGNALETICA DI SICUREZZA In prossimità di zone di rischio deve essere

Dettagli

Dispositivi Di Protezione Individuale (Dpi)

Dispositivi Di Protezione Individuale (Dpi) Dispositivi Di Protezione Individuale (Dpi) I DPI devono essere impiegati quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione

Dettagli

ISTITUTO DI RICERCHE E COLLAUDI M. MASINI

ISTITUTO DI RICERCHE E COLLAUDI M. MASINI ISTITUTO DI RICERCHE E COLLAUDI M. MASINI Verona 14 aprile 2011 Dispositivi di protezione individuale: CLASSIFICAZIONE Relatore: Gabriele Lualdi 61 Prima Categoria Protettori dell occhio - Maschere ed

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Data di stampa: 04.06.2014 Pagina 1 di 6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza

Dettagli

Individuale. Dispositivi di Protezione. Decreto Legislativo 4 aprile 2008 n.81. Titolo III e Allegato VIII

Individuale. Dispositivi di Protezione. Decreto Legislativo 4 aprile 2008 n.81. Titolo III e Allegato VIII Dispositivi di Protezione Individuale Decreto Legislativo 4 aprile 2008 n.81 Titolo III e Allegato VIII Cosa è un DPI? Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 3 ( 91 / 155 / CEE )

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 3 ( 91 / 155 / CEE ) 1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA 1.1. Denominazione commerciale: Paint Stop (260 g/m 2 ) 1.2. Società: D.L.G. sas via Cal de Livera 71/b 31020 VITTORIO

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DEI. Dispositivi di Protezione Individuale

GUIDA ALLA SCELTA DEI. Dispositivi di Protezione Individuale GUIDA ALLA SCELTA DEI Dispositivi di Protezione Individuale Pg. 1 Pg. 2 Pg. 3 Pg. 4 Pg. 5 Pg. 6 Pg. 7 Pg. 8 Pg. 9 SOMMARIO I dispositivi di Protezione Individuale Obblighi di legge Categorie di D.P.I.

Dettagli

CATALOGO P R O T E Z I O N E V I E R E S P I R A T O R I E

CATALOGO P R O T E Z I O N E V I E R E S P I R A T O R I E CATALOGO P R O T E Z I O N E V I E R E S P I R A T O R I E PROTEZIONE CONTRO POLVERE, NEBBIA E FUMO RESPIRATORI FFP SERIE CLASSICS FFP1 FFP2 FFP3 CLASSICS Una forma testata negli anni, originariamente

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DEGLI ARTI SUPERIORI (per uso non medico)

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DEGLI ARTI SUPERIORI (per uso non medico) SCHEDA TECNICA N 20 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DEGLI ARTI SUPERIORI (per uso non medico) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE V I A A L B E R T O N I, 1 5-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5

Dettagli

Miglioramento condizioni di lavoro La ventilazione

Miglioramento condizioni di lavoro La ventilazione Miglioramento condizioni di lavoro La ventilazione CARATTERISTICHE La ventilazione dell'ambiente è un possibile strumento di intervento. La ventilazione può essere: Generale Localizzata, e in tal caso

Dettagli

Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140

Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140 SCHEDA DATI DI SICUREZZA redatta in conformità alla direttiva 91/155/CE e successive modifiche e integrazioni Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140 1. Elementi identificativi della sostanza o

Dettagli

La conceria e l impatto ambientale

La conceria e l impatto ambientale La conceria e l impatto ambientale 1 Inquinamento da attività conciaria L industria conciaria, pur non essendo peggiore di molte altre attività industriale, è considerata altamente inquinante. Ciò è dovuto

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA Pagina: 1/5 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO PRODUTTORE/FORNITORE CLEM DETERGENTI S.R.L. INDIRIZZO Via Corcioni, 7 Ottaviano (NA) TEL./FAX 081/8279995 E-mail clem.detergenti@virgilio.it CENTRI ANTIVELENO:

Dettagli

Respiratori antipolvere. Informazioni utili sulla scelta e l uso

Respiratori antipolvere. Informazioni utili sulla scelta e l uso Respiratori antipolvere Informazioni utili sulla scelta e l uso 1 Quando utilizzare i respiratori? Il presente opuscolo vuole essere uno strumento utile per tutti coloro che devono scegliere un respiratore

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO 1 IDENTIFICAZIONE PREPARATO E SOCIETA PRODUTTRICE 1.1 Denominazione commerciale : DILUENTE DELCO 1.2 Ditta produttrice : MGR ELECTRO SRL 1.3 Numero telefonico : 02/9660699

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA (In accordo alla direttiva 91/155/CE e s.m.i.) P016 Intonaco Cementizio Fibrorinforzato 1/8 1. Identificazione del preparato e del produttore 1.1 Identificazione

Dettagli

Classi d utilizzo dei filtri:

Classi d utilizzo dei filtri: clean air 8 pagine ITA 11-07-2008 15:53 Pagina 1 clean air 8 pagine ITA 11-07-2008 15:53 Pagina 2 Classi d utilizzo dei filtri: Particelle FFP1 FFP2 FFP3 Polveri protezione da protezione da aerosol protezione

Dettagli

Autofficina meccanica

Autofficina meccanica Provincia di Forlì-Cesena Autofficina meccanica DPI DA UTILIZZARE PER MANSIONE OMOGENEA PC1.3 PC5 PC7 PC7.1 PC8 PC11.1.2 PM2 PM3.1 PM5 PM8 PM8.1 GIACCONE AD ALTA VISIBILITA' IMPERMEABILE CON CORPETTO SFODERABILE

Dettagli

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno La salute negli ambienti di lavoro Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro ASS6 Friuli Occidentale

Dettagli

Linee guida per lo stoccaggio di agenti chimici pericolosi

Linee guida per lo stoccaggio di agenti chimici pericolosi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Linee guida per lo stoccaggio di agenti chimici pericolosi A cura di: Servizio Prevenzione e Protezione Data: 20/07/2015 rev. 1 Pagina 2 di 17 Sommario: 0. Premessa:...

Dettagli

Linee Guida per lo STOCCAGGIO di AGENTI CHIMICI PERICOLOSI

Linee Guida per lo STOCCAGGIO di AGENTI CHIMICI PERICOLOSI Linee Guida per lo STOCCAGGIO di AGENTI CHIMICI PERICOLOSI Febbraio 2004 Elaborato da Andrea Chiappini Pagina 1 Sommario: 0. Premessa:...2 1. Definizioni:...3 2. Norme di base per lo stoccaggio di agenti

Dettagli

GESTIONE DELLE EMERGENZE DERIVANTI DA AGENTI CHIMICI IN LABORATORIO

GESTIONE DELLE EMERGENZE DERIVANTI DA AGENTI CHIMICI IN LABORATORIO GESTIONE DELLE EMERGENZE DERIVANTI DA AGENTI CHIMICI IN LABORATORIO Premessa Durante l impiego, lo stoccaggio e lo smaltimento di agenti chimici possono determinarsi situazioni di pericolo immediato, in

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA. Lisozima (proteina enzima).

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA. Lisozima (proteina enzima). Oenozym Lyso 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome prodotto: Oenozym Lyso Sinonimi: Lisozima (proteina enzima). Sostanza/preparazione: Preparazione enzimatica in polvere

Dettagli

PROTEZIONE DELLE VIE MASCHERINE ANTIPOLVERE FFP1 LE CLASSICHE CON FORMA A CONCHIGLIA PER POLVERI FlNl A BASSA NOCIVITÀ, nebbie e aerosol solidi e liquidi di cl.1 a norma UNI EN 149/2001 es. gesso, cemenlo,

Dettagli

COFARM srl via matteotti 12-18038 sanremo - Italy phone:0184532703 - fax 0184575445 EMail:info@cofarm-srl.it - www.cofarm-srl.it

COFARM srl via matteotti 12-18038 sanremo - Italy phone:0184532703 - fax 0184575445 EMail:info@cofarm-srl.it - www.cofarm-srl.it SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1) IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA - DENOMINAZIONE DEL PRESIDIO EXYDINA 10 - SOCIETA PRODUTTRICE COFARM srl-via MATTEOTTI 12 SANREMO TEL.0184532703 2) COMPOSIZIONE

Dettagli