SIDRIA-2 a FASE - MANTOVA Studio Italiani sui Disturbi Respiratori nell Infanzia e l Ambiente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SIDRIA-2 a FASE - MANTOVA Studio Italiani sui Disturbi Respiratori nell Infanzia e l Ambiente"

Transcript

1 REGIONE LOMBARDIA AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MANTOVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO DI MEDICINA PREVENTIVA DELLE COMUNITA Via Trento, Mantova - Tel Fax SIDRIA-2 a FASE - MANTOVA Studio Italiani sui Disturbi Respiratori nell Infanzia e l Ambiente -Epidemiologia e prevenzione dell'asma e delle allergie in età pediatrica- RISULTATI DESCRITTIVI Volume1: Scuole Elementari (Classi I e II) - MAGGIO

2 SIDRIA-2 a FASE - MANTOVA -Epidemiologia e prevenzione dell'asma e delle allergie in età pediatrica- Progetto finanziato dal Ministero della Sanità Coordinamento, progettazione e realizzazione dello studio: Gabriele Giannella Fiorella Talassi Servizio Medicina Preventiva delle Comunità ASL della Provincia di Mantova Personale sanitario del Servizio di Medicina Preventiva delle Comunità dell ASL di Mantova che ha collaborato alla rilevazione dei dati nelle scuole: Elena Bianchera Lidia Cuoghi Maria Dall acqua Daniela Foglia Antonella Pasolini Chiara Prati Personale amministrativo del Servizio di Medicina Preventiva delle Comunità dell ASL di Mantova che ha collaborato alla imputazione dei dati: Rosa Corradelli Alice Redaelli 2

3 Si ringraziano: l Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia che ha autorizzato l indagine; Dirigenti Scolastici ed Insegnanti delle scuole per avere aderito e collaborato ad una buona realizzazione dello studio, favorendo una elevata rispondenza; tutti i bambini e genitori delle scuole coinvolte nell indagine; il gruppo di lavoro nazionale, i responsabili regionali degli altri centri partecipanti ed in particolare Claudia Galassi, responsabile italiana del progetto SIDRIA-2 a fase. Hanno curato la preparazione di questo volume: Fiorella Talassi, Gabriele Giannella Per eventuali chiarimenti o informazioni aggiuntive è possibile contattare il Servizio Medicina Preventiva delle Comunità (tel , ). Inoltre tutti i dati sul centro di Mantova ritenuti informativi sono stati inviati al Centro che si occupa specificatamente di comunicazione e diffusione dei risultati, al fine di aggiornare il sito e sono quindi consultabili a quell indirizzo. 3

4 INDICE DESCRIZIONE DELLO STUDIO OBIETTIVI DELLO STUDIO METODI E STRUMENTI DI LAVORO CENTRI PARTECIPANTI IN ITALIA LE SCUOLE ELEMENTARI ESTRATTE NELL ASL DI MANTOVA RISULTATI QUESTIONARIO GENITORI 1. LA RISPONDENZA 2. CARATTERISTICHE DEI RISPONDENTI 2.1 La madre 2.2 Il padre 3. STATO DI SALUTE DEI BAMBINI 3.1 Asma e disturbi respiratori 3.2 Ricorso ai servizi sanitari e trattamento di asma e disturbi respiratori 3.3 Disturbi nasali e della pelle 4. ALTRE INFORMAZIONI SUI BAMBINI 5. CARATTERISTICHE ABITATIVE ED ESPOSIZIONE A TRAFFICO AUTOVEICOLARE Pag. 4

5 DESCRIZIONE DELLO STUDIO L asma bronchiale influisce pesantemente sulla qualità della vita attraverso una limitazione delle attività del vivere quotidiano, perdita di giorni di scuola e di lavoro, un inidoneità nei confronti di alcune specifiche attività, un ricorso frequente a prestazioni di pronto soccorso o a periodi di ricovero in ospedale. L asma bronchiale presenta una prevalenza nella popolazione in età pediatrica in Italia stimabile intorno al 10%, ed ha un costo rilevante per la comunità; peraltro, i costi indiretti della malattia sono più rilevanti dei costi diretti imputabili alle spese per la cura e l assistenza sanitaria. La letteratura scientifica internazionale ha segnalato un aumento della frequenza della patologia asmatica dell infanzia negli ultimi 2-3 decenni. L indeterminatezza delle informazioni disponibili sulla frequenza della patologia asmatica e allergica in età pediatrica aveva indotto vari gruppi di ricercatori ad avviare, all inizio degli anni 90, uno studio multicentrico internazionale sull asma, la rinite e l eczema denominato International Study of Asthma and Allergies in Childhood - ISAAC a cui avevano partecipato 156 Centri di 56 Paesi. Lo studio mirava a stimare la prevalenza dell asma, della rinite e dell eczema nella popolazione infantile di diversi Paesi del mondo, per consentire il confronto tra Paesi diversi e tra diverse zone geografiche di uno stesso paese, stabilire valori di riferimento utili per il futuro e delineare un quadro di fondo per ricerche eziologiche. In sintesi, è stata stimata una prevalenza di asma fra i Paesi partecipanti pari al 10% e 11% rispettivamente nei bambini di 6-7 anni e nei ragazzi di anni. I risultati evidenziavano l esistenza di un ampia variabilità fra i Paesi, con valori compresi tra 1,4-4,2% (es. in Albania, Austria, Belgio, Germania, India, Polonia) e 26,5 27,1% (in Australia, Costarica e Nuova Zelanda). La variabilità osservata fra i Paesi era molto più elevata di quella osservata fra diverse aree di uno stesso Paese. La notevole eterogeneità geografica della malattia, osservata anche per gli altri disturbi allergici studiati (rinite allergica ed eczema) suggerisce un probabile ruolo eziologico dei fattori ambientali, intesi in senso lato, nello sviluppo delle patologie in questione. L Italia ha aderito al progetto ISAAC con una ricerca più complessa denominata Studi Italiani sui Disturbi Respiratori nell Infanzia e l Ambiente SIDRIA, realizzata negli anni Al progetto SIDRIA hanno collaborato strutture di sanità pubblica e di epidemiologia regionali e di Aziende Sanitarie Locali (ASL), istituti di ricerca, istituti universitari, strutture dedicate al controllo ambientale, tutte raccolte in un Gruppo collaborativo. Gli studi sono stati condotti su oltre alunni delle scuole elementari e medie in 10 centri dell Italia settentrionale e centrale. I risultati del progetto SIDRIA sono stati pubblicati in numerose riviste scientifiche, consultabili anche sul sito internet 5

6 In Italia, nei bambini di 6-7 anni partecipanti allo studio SIDRIA, la prevalenza di asma bronchiale è risultata essere il 9%, con una modesta variabilità fra i centri (4,6% Cremona 11,1% Roma); analoga la frequenza osservata nei ragazzi di anni (media 9%, intervallo: 6,2% Cremona 10,9% Empoli). Nel complesso l Italia si colloca nella fascia mediobassa delle prevalenze osservate nel mondo con lo studio ISAAC. Nella predisposizione all asma svolgono un ruolo rilevante la familiarità e lo stato atopico, ovvero la propensione a produrre elevate quantità di anticorpi in risposta a stimoli allergenici. Allo sviluppo dell asma, tuttavia, contribuiscono in modo significativo anche l abitudine al fumo dei genitori (in più del 50% delle situazioni esaminate almeno un genitore fumava) e l esposizione a inquinanti atmosferici, soprattutto a quelli prodotti dal traffico pesante (in circa il 10% delle abitazioni prese in considerazione veniva riferito un frequente passaggio di camion nella strada verso cui erano rivolte le finestre). Le analisi non hanno evidenziato associazioni fra lo stato socioeconomico della famiglia (valutato in base al livello di scolarità paterna) e la prevalenza dei sintomi asmatici. Si era invece osservata una maggior tendenza all ospedalizzazione dei bambini affetti da asma al ridursi della scolarità paterna: più che a un peggiore stato di salute dei bambini delle classe meno abbienti, il dato sembra attribuibile a una diversa capacità di uso dei servizi sanitari, imputabile a una minore attenzione ricevuta dal medico curante e/o a una maggiore difficoltà nella "gestione" del bambino asmatico nelle famiglie meno abbienti. Sicuramente si era rilevata una maggiore percentuale di esposti a fumo passivo e di positivi a catarro, tosse e bronchite. Per approfondire la ricerca sui fattori causali dell asma e delle malattie allergiche, e in particolare sul ruolo delle esposizioni ambientali a inquinanti tipici del traffico veicolare e delle infezioni virali e batteriche della prima infanzia, è stato condotto un secondo studio SIDRIA-2 a cui hanno partecipato a livello nazionale 12 Centri per la raccolta dei dati e 8 Centri di riferimento per il supporto a specifici aspetti del programma. Il progetto ha avuto inizio ufficiale il 14 luglio 2001 ed è in parte finanziato dal Ministero della Salute. 6

7 OBIETTIVI DELLO STUDIO Lo studio SIDRIA-2 a fase si propone in particolare di: descrivere le modifiche temporali nella prevalenza dell asma, della rinite allergica e della dermatite atopica, nonché nella frequenza di esposizione a fattori di rischio per le stesse (ad esempio il fumo passivo e l esposizione a inquinanti indoor e outdoor) nei centri che hanno partecipato alla prima fase dello studio SIDRIA; descrivere la prevalenza delle condizioni allergiche e dei fattori di rischio in aree dell Italia meridionale non indagate dalla prima fase dello studio SIDRIA; valutare l associazione tra possibili fattori di rischio (o fattori protettivi) - indagati attraverso questionari standardizzati - e lo sviluppo dell asma e delle allergie; descrivere a livello di popolazione il ricorso ai servizi sanitari per il controllo della patologia asmatica e allergica e le caratteristiche dei processi assistenziali anche in relazione alle condizioni socio-economiche delle famiglie; METODI E STRUMENTI DI LAVORO Lo studio costituisce l applicazione in Italia della fase III dello studio ISAAC ed è stato condotto su un campione di bambini della 1a e 2a classe della scuola elementare e in ragazzi della 3a classe della scuola media inferiore in 12 centri italiani (Torino, Emilia-Romagna, Milano, Mantova, Trento, Firenze, Siena, Roma, Colleferro, Bari, Cosenza, Palermo). Ogni centro ha partecipato con almeno bambini e adolescenti per un totale complessivo di circa soggetti. A Mantova il campione ha interessato 15 scuole elementari (N=1396) e 15 scuole medie (N=1140). Il Provveditorato degli Studi di Mantova ha approvato il progetto invitando tutte le scuole campionate a partecipare all indagine. La fase di rilevazione dei dati è avvenuta nel periodo tra gennaio e marzo Informazioni standardizzate sui disturbi respiratori e sull esposizione a diversi fattori di rischio sono state raccolte attraverso un questionario compilato da tutti i genitori coerente con il protocollo della fase III dello studio ISAAC. 7

8 CENTRI PARTECIPANTI IN ITALIA Torino: Unità di Epidemiologia dei Tumori - ASO San Giovanni Battista di Torino - CPO Piemonte; Area di Epidemiologia Ambientale ARPA Piemonte; Unità di Pneumologia ASL4 CPA Torino; Dipartimenti Materno Infantili ASL1-4. Milano: Servizio di Epidemiologia - ASL Città di Milano Milano; Centro di Allergologia e Broncopneumologia Clinica Pediatrica I Istituto di Pediatria - Istituti Clinici di Perfezionamento Milano; Agenzia Regionale di Protezione Ambientale, sezione di Milano Mantova: Servizio di Medicina Preventiva Comunità-ASL di Mantova - Mantova Trento: Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari (APSS) Osservatorio Epidemiologico Trentino - Trento Emilia Romagna: Agenzia Sanitaria Regionale dell Emilia Romagna Bologna; Assessorato alla Sanità della Regione TN TO MI MN Emilia Romagna FI SI Roma BA CS PA Emilia Romagna Bologna; Aziende Sanitarie Locali dell Emilia Romagna; Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia Romagna Siena: Istituto di Malattie dell Apparato Respiratorio dell Università di Siena - Siena Firenze: Dipartimento di Sanità Pubblica dell Università di Firenze; Dipartimento di Statistica G. Parenti dell Università di Firenze; U.O. Epidemiologia Analitica e Ambientale - Occupazionale, Centro per lo Studio e la Prevenzione Oncologica, Istituto Scientifico della Regione Toscana; U.O. Tutela della Qualità dell Aria, Dipartimento di Firenze, ARPAT; Gruppo di Epidemiologia Ambientale Polmonare, Ist. Fisiologia Clinica CNR - Pisa Roma: Dipartimento di Epidemiologia ASL Roma/E Roma; Dipartimento di Prevenzione ASL Roma/G Tivoli (RM); Servizio di Fisiopatologia Respiratoria - Università Cattolica del Sacro Cuore Roma; Agenzia di Sanità Pubblica Lazio Roma; Laboratorio di Biochimica Clinica - Istituto Superiore di Sanità Roma; Servizi Materno-infantili e Dipartimenti di Prevenzione ASL di Roma Bari: Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva Sezione di Pediatria Preventiva Clinica Pediatrica III - Università di Bari - Bari Cosenza: Unità Operativa di Medicina Preventiva - Area Pediatria, ASL di Cosenza; Istituto di Clinica Pediatrica - I Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università di Roma "La Sapienza" - Roma Palermo: Unità Operativa di 3^ Pediatria ad indirizzo allergologico e pneumologico Azienda di Rilievo Nazionale ad Alta Specializzazione (ARNAS) Ospedale Civico e Benfratelli, G. Di Cristina e M. Ascoli - Palermo. 8

9 L'obiettivo del campionamento era quello di arruolare almeno 1000 bambini della popolazione di alunni delle classi I e II elementari, secondo una procedura che ne garantisse la rappresentatività. Sono state quindi prima campionate le scuole e successivamente arruolati tutti i bambini che frequentavano le classi indicate. In totale a Mantova sono state campionate 15 scuole elementari, distribuite in maniera omogenea nel territorio provinciale. LE SCUOLE ELEMENTARI ESTRATTE NELLA PROVINCIA DI MANTOVA Scuola Elementare Indirizzo Comune Elementare di Bozzolo Via Arini, 4/6 Bozzolo Elementare di Castelgoffredo Via Montegrappa Castelgoffredo Belvedere Via Dante Castiglione delle Stiviere Elementare di Commessaggio Via Camicia, 5 Commessaggio Elementare di Cerlongo Via Cerri Goito De Amicis V.le Martiri della Libertà Guidizzolo Martiri di Belfiore V. Gobio, 8 Mantova Elementare di Mozambano Via General dell Ora Mozambano Elementare di Poggio Rusco Via Martiri della Libertà, 43 Poggio Rusco S. Antonio Via F.lli Kennedy, 3 Porto Mantovano S. Pertini P.zza Dall Oca,1 Roncoferraro Elementare di S. Giorgio P.zza 8 marzo S. Giorgio H. Dunant Via Cavriana, 7 Solferino Elementare di Volta Mantovana Via Vittorino da Feltre, 2 Volta Mantovana Elementare di Viadana Via Vanoni, 86 Viadana 9

10 RISULTATI Guida alla lettura delle tabelle La tabella 1.1 riporta i risultati sulla rispondenza al questionario per ciascuna scuola; nelle tabelle successive (2- ) i dati sono riferiti ai soli rispondenti. La figura 1 riporta la distribuzione percentuale della rispondenza per scuola. Nelle tabelle sono riportati i numeri assoluti, le percentuali calcolate sul totale dei rispondenti e, laddove calcolati, gli intervalli di confidenza al 95%. Le percentuali riportate nelle tabelle sono sempre calcolate sul totale dei rispondenti al questionario, tranne che nella sezione 3.2, nella quale le percentuali sono state calcolate solo su coloro che hanno dichiarato asma nella vita. Non tutti i questionari sono stati compilati completamente, pertanto in questi casi per alcune domande la somma delle percentuali delle risposte ottenute non raggiunge il 100%. Tutte le statistiche presentate possono essere interpretate come rappresentative dell'intera popolazione scolastica della stessa età del campione a livello mantovano. 10

11 1. LA RISPONDENZA Complessivamente 1316 sono stati i questionari restituiti dai genitori dei bambini, pari ad una rispondenza complessiva del 92.2% (Tab. 1.1). Di questi, sono stati inclusi nell analisi 1288 questionari, in quanto 28 di essi riportavano soltanto le notizie anagrafiche o comunque non contenevano una risposta alle tre domande ritenute principali: presenza di sibili, presenza di disturbi nasali, presenza di disturbi cutanei. Scuola Totale Questionari Rispondenza alunni compilati % Elementare di Bozzolo ,3 Elementare di Castelgoffredo ,9 Belvedere Castiglione delle Stiviere ,8 Elementare di Commessaggio Elementare di Cerlongo De Amicis Guidizzolo ,1 Martiri di Belfiore Mantova ,6 Elementare di Mozambano ,1 Elementare di Poggio Rusco S. Antonio Porto Mantovano S. Pertini Roncoferraro ,2 Elementare di S. Giorgio H. Dunant Solferino Elementare di Volta Mantovana ,5 Elementare di Viadana ,1 Totale ,3 Fig. 1 Dis tribuzione percentuale della rispondenza per scuola Bozzolo Castelgoffredo Castiglione delle Stiviere Commessaggio Cerlongo Guidizzolo Mn-Belfiore Mozambano Poggio Rusco S.Antonio Roncoferraro S.Giorgio Solferino Volta Mantovana Viadana 11

12 2. CARATTERISTICHE DEI RISPONDENTI PER ASL Tab. 2.1 Distribuzione per sesso, età ed area di nascita degli alunni N % Età 6 anni anni anni Sesso maschi femmine Area di Italia nascita Europa Asia Africa Sud America Il campione dei bambini partecipanti allo studio ha nella maggior parte (93.6%) un età compresa fra i 6 7 anni ed una leggera prevalenza maschile (53.8% di maschi contro il 46.7% di femmine) ed è composto per il 95.7% da bambini nati in Italia. Tab. 2.2 Alcune caratteristiche dei genitori Tab. 2.2 Alcune caratteristiche dei genitori N % Compilatori madre questionario padre entrambi altro Madre naturale acquisita Padre naturale acquisito Come evidenziato dalla tabella 2.2, la maggior parte dei questionari è stata compilata dalla madre; nel 40.3% da entrambi i genitori. Le tabelle e descrivono le caratteristiche dei genitori rispondenti allo studio. L età media delle madri è di 36.9 anni, mentre i padri hanno un età media di 39.9 anni. L 87.4% delle madri e l 83.2% dei padri sono nati in Italia; complessivamente le madri straniere sono il 7.4% contro il 6% dei padri. Praticamente sovrapponibile è la scolarità dei genitori, con una leggera prevalenza di madri in possesso di diploma di scuola media superiore; comunque, il titolo di studio del padre 12

13 è la licenza elementare e la laurea rispettivamente nel 6.6% e nel 8.7% dei rispondenti, mentre per la madre il titolo di studio è nel 3.8% delle rispondenti la licenza elementare e nel 8.4% la laurea. Il 94.9% dei padri ed il 64.9% delle madri hanno dichiarato di possedere un lavoro; nei padri la categoria professionale prevalente è operaio/bracciante (34.2%), seguita da libero professionista/lavoratore in proprio (31.2%) e da impiegato/funzionario (20.3%); nelle madri, invece, prevale la categoria impiegata/funzionaria (31.3%), seguita da operaia/bracciante (29.0%). 2.2 La Madre Tab Distribuzione per età, paese di nascita, titolo di studio, condizione professionale e occupazione della madre Età media (Min-Max) N % Paese di Italia nascita Europa Asia Africa Sud America Titolo di nessuno studio elementare media inf media sup laurea altro Condizione Casalinga professionale Disoccupata Occupata Ritirata dal lavoro In altra condizione Categoria Dirigente/Imprenditrice professionale Impiegata/Funzionaria Operaia/Bracciante Libera prof./ Lav. in proprio Il Padre 13

14 Tab Distribuzione per età, paese di nascita, titolo di studio, condizione professionale e occupazione del padre N % Età media 39,9 (Min-Max) Paese di Italia ,2 nascita Europa 27 2,1 Asia 13 1 Africa 29 2,3 Sud America 8 0,6 Titolo di nessuno 2 0,2 studio elementare 85 6,6 media inf ,1 media sup laurea 112 8,7 altro 4 0,3 Condizione Disoccupato 7 0,5 professionaleoccupato ,9 Ritirato dal lavoro 7 0,5 In altra condizione 5 0,4 Categoria Dirigente/Imprenditore 120 9,3 professionaleimpiegato/funzionario ,3 Operaio/Bracciante ,2 Libero prof./ Lav. in proprio ,2 3. STATO DI SALUTE DEI BAMBINI 14

15 3.1 Asma e disturbi respiratori LE DOMANDE DEL QUESTIONARIO: a) Suo figlio ha mai avuto l'asma? b) "Suo figlio soffre ancora di asma?" c) Suo figlio, respirando, ha avuto fischi o sibili nel torace almeno una volta nella sua vita? d) "Suo figlio, respirando, ha avuto fischi o sibili nel torace negli ultimi 12 mesi?" e) "Negli ultimi 12 mesi suo figlio, respirando, ha avuto sibili nel torace durante o dopo un esercizio fisico?" f) "Suo figlio ha avuto attacchi di difficoltà di respiro con fischi o sibili almeno una volta nella sua vita?" g) "Negli ultimi 12 mesi suo figlio ha avuto attacchi di difficoltà di respiro con fischi o sibili?" h) "Suo figlio ha tosse nella maggior parte dei giorni (4 o più alla settimana) al di fuori dei comuni raffreddori?" i) "Suo figlio ha catarro nella maggior parte dei giorni (4 o più alla settimana) al di fuori dei comuni raffreddori?" Tab Distribuzione di asma e principali sintomi respiratori N % I.C. 95% Asma nella vita (a) 100 7,8 6,3 9,2 negli ultimi 12 mesi (b) 66 5,1 Fischi e sibili nella vita (c) ,3 23,9 28,7 al torace negli ultimi 12 mesi (d) 89 6,9 5,4 8,4 Sibili durante o dopo 30 2,3 1,6 3,0 esercizio fisico (e) Dispnea con fischi nella vita (f) ,1 15,3 20,9 e sibili negli ultimi 12 mesi (g) 68 5,3 4,1 6,5 Tosse negli ultimi 12 mesi (h) Catarro negli ultimi 12 mesi (i) ,2 Familiarità per asma madre 75 5,8 padre 75 5,8 Fig. 2 - Distribuzione percentuale dei principali sintomi asmatici e bronchitici sul totale dei rispondenti. 15

16 Asma (nella vita) Asma (ultimi 12 mesi) Fischi o sibili nel torace (nella vita) Fischi o sibili nel torace (ultimi 12 mesi) Sibili durante o dopo esercizio fisico Dispnea con fischi/sibili (nella vita) Dispnea con fischi/sibili (ultimi 12 mesi) Tosse (ultimi 12 mesi) Catarro (ultimi 12 mesi) Attraverso il questionario sono stati rilevati numerosi disturbi respiratori di tipo asmatico (Tab ) presenti nel corso della vita o naturalmente presenti (sintomi correnti ovvero nei 12 mesi precedenti l'intervista). Il 26.3% dei bambini è risultato essere stato affetto, almeno una volta nella vita, da disturbi respiratori quali fischi o sibili nel torace, mentre nel 6.9% dei casi sono stati riferiti anche negli ultimi 12 mesi (sintomi correnti). Attacchi di difficoltà di respiro con fischi e sibili nel torace (ovvero un sintomo molto specifico di asma bronchiale) sono stati riferiti, almeno una volta nella vita, per il 18.9% dei bambini, mentre risultano un sintomo corrente (ultimi 12 mesi) nel 5.3%; la prevalenza di sibili durante o dopo un esercizio fisico è risultata, invece, del 2.3%. La frequenza di asma riportata nel questionario e basata sulla domanda Suo figlio ha mai avuto l asma? è dell 7.8%; per 66 bambini è stata dichiarata la presenza della malattia anche nell ultimo anno precedente l intervista. Il 5.8% dei bambini ha almeno un genitore che soffre o ha sofferto di asma durante la vita: questo dato potrà essere successivamente analizzato per valutare il ruolo della familiarità in questa malattia. La prevalenza dei sintomi bronchitici (al di fuori dei comuni raffreddori) per più di un mese all anno risulta essere del 12% per quanto riguarda la tosse e del 12.2% per il catarro. 3.2 Ricorso ai servizi sanitari e trattamento di asma e disturbi respiratori 16

17 LE DOMANDE DEL QUESTIONARIO: a) Suo figlio, almeno una volta nella sua vita, è stato ricoverato in ospedale a causa dell'asma? b) Suo figlio è stato ricoverato in ospedale a causa dell'asma negli ultimi 12 mesi? c) In generale, quanto direbbe che sono stati tenuti sotto controllo i sintomi dell'asma di suo figlio negli ultimi 12 mesi? d) Negli ultimi 12 mesi, suo figlio ha usato medicine per i sibili o l'asma (compresse, bombolette spray, aerosol o altri rimedi)? e) Qual è la figura professionale che segue, o che seguiva, principalmente suo figlio per il problema dell asma? Tab Ricorso ai servizi e trattamento per asma (a) (b) (c) (d) (e) N % Ricovero in ospedale per asma Sì, 1 volta (nella vita) Sì, 2 volte 2 2 Sì, 3 o più volte 2 2 Ricovero in ospedale per asma (ultimi 12 mesi) 3 3 Controllo dei sintomi asmatici Ben controllati Abbastanza controllati Scarsamente controllati 4 4 Non controllati 7 7 Medicine per asma (ultimi 12 mesi) No Sì Medico di riferimento per la cura dell asma Medico di base 5 5 Pediatra di base o altro ped Pneumologo 9 9 Allergologo Altro 7 7 La tabella riporta le prevalenze relative al ricorso ai servizi ed al trattamento per asma, calcolate solo sul campione di bambini i cui genitori hanno risposto affermativamente alla domanda Suo figlio ha mai avuto l asma?. 17

18 Il 33% degli intervistati ha dichiarato di aver ricoverato in ospedale, una o più volte, il proprio figlio durante la vita, e 3 di essi hanno dichiarato di averlo fatto anche nei dodici mesi precedenti la somministrazione del questionario. Ricovero per asma nella vita Sì, 2 volte 2% Sì, 3 o più volte 2% Sì, 1 volta 30% No, mai 66% Più della metà dei genitori (70%) dichiara che i sintomi asmatici del proprio figlio sono bene o abbastanza bene controllati, mentre il 7% ritiene che siano scarsamente controllati o non controllati affatto. Il 54% dei bambini asmatici ha fatto uso di farmaci specifici negli ultimi dodici mesi; analisi più approfondite consentiranno di valutare se si tratti di una terapia assunta regolarmente dai bambini (terapia di fondo) o solo saltuariamente in occasione degli attacchi d asma e soprattutto di confermare l appropriatezza del trattamento. 18

19 Controllo dei sintomi asmatici (ultimi 12 mesi) Scarsamente controllati 5% Non controllati 9% Abbastanza controllati 21% Ben controllati 65% La figura professionale che ha seguito i bambini oggetto di studio è stata nel 50% dei casi il pediatra (sia di base che specialista), seguito dall allergologo (28%), dal pneumologo (9%) ed infine dal medico di famiglia (5%); nel 7% dei casi i genitori si sono rivolti, per le cure del proprio figlio, ad altre figure professionali, fra le quali anche specialisti in omeopatia. Medico di riferimento per l'asma Allergologo 28% Altro 7% Medico di base 5% Pneumologo 9% Pediatra di base o altro Ped. 51% 19

20 3.3 Disturbi nasali e della pelle LE DOMANDE DEL QUESTIONARIO: a) Suo figlio è stato infastidito, almeno una volta nella sua vita, da frequenti starnuti naso che cola o naso chiuso, al di fuori dei comuni raffreddori o dell influenza? b) Negli ultimi 12 mesi suo figlio è stato infastidito da frequenti starnuti o naso che cola o naso chiuso, al di fuori dei comuni raffreddori o dell influenza? c) Negli ultimi 12 mesi questi problemi nasali sono stati accompagnati da prurito e lacrimazione agli occhi? d) Suo figlio ha mai avuto il raffreddore primaverile (raffreddore da pollini)? e) Suo figlio ha mai avuto il raffreddore allergico da cause diverse dal polline? f) Suo figlio ha avuto, almeno una volta nella sua vita, un arrossamento con prurito in una o più zone della pelle, che compariva e scompariva per almeno 6 mesi? g) Suo figlio ha avuto questo arrossamento della pelle con prurito almeno una volta negli ultimi 12 mesi? h) Suo figlio ha mai avuto l eczema? Tab Distribuzione dei principali disturbi nasali e della pelle N % I.C. 95% Disturbi nasali al di fuori dei comuni raffreddori nella vita(a) ,7 20,3 27,1 negli ultimi 12 mesi(b) ,1 14,2 19,9 Disturbi nasali con prurito e lacrimazione occhi (c) negli ultimi 12 mesi 63 4,9 4,1 5,7 Raffreddore primaverile (d) 102 7,9 6,3 9,6 Raffreddore allergico (e) 85 6,6 5,2 8,0 Arrossamento della pelle con prurito persistente nella vita(f) ,6 25,4 negli ultimi 12 mesi(g) ,2 14,0 18,5 Eczema (h) ,6 14,3 18,9 Fig. 4 - Distribuzione percentuale dei principali disturbi nasali e della pelle sul totale dei rispondenti. 20

21 Rinite (nella vita) Rinite (ultimi 12 mesi) Rinite con prurito e lacrimazione Raffreddore primaverile Raffreddore allergico Arrossamento con prurito (nella vita) Arrossamento con prurito (ultimi 12 mesi) Eczema Il 23.7% dei bambini è stato infastidito da disturbi nasali, al di fuori dei comuni raffreddori o dell influenza, almeno una volta nella vita, mentre per il 17.1% degli stessi è un sintomo corrente. La prevalenza di disturbi nasali accompagnati da sintomi oculari (prurito e lacrimazione), tipici della rinite allergica, verificatisi negli ultimi 12 mesi è pari a 4.9%. 102 bambini (7.9%) hanno avuto un raffreddore primaverile (raffreddore da pollini) almeno una volta nella vita, mentre 85 di loro (6.6%) una rinite allergica da cause diverse dal polline. La prevalenza di sintomi cutanei riferibili ad eczema (prurito con arrossamento cutaneo in alcune zone tipiche della pelle) nella vita è del 23%; per il 16.2% dei bambini tale sintomatologia si configura come attuale, essendo presente anche nei 12 mesi precedenti la rilevazione. Risulta, invece, aver sofferto di eczema (o dermatite atopica), almeno una volta nella vita, il 16.6% dei bambini. La discordanza fra le risposte fornite alla domanda Suo figlio ha mai sofferto di eczema? ed alle domande circa i sintomi riconducibili ad eczema, con una netta prevalenza di risposte affermative alla seconda domanda, suggerisce che vi sia una tendenza, da parte dei pediatri e medici di famiglia, a preferire al termine eczema l equivalente dermatite atopica nella diagnosi di tale sintomatologia. L interesse dello studio per disturbi allergici, di tipo rinitico e della pelle, deriva dall ipotesi che esistano meccanismi e cause comuni legate al sistema immunitario. 4. ALTRE INFORMAZIONI SUI BAMBINI 21

22 Frequenza dei fattori di rischio per l asma L asma bronchiale riconosce molteplici fattori di rischio, legati sia a caratteristiche personali che ad esposizioni ambientali. I fattori di rischio per l asma possono essere distinti in: - fattori predisponenti, capaci di aumentare la suscettibilità individuale alla malattia, in particolare lo stato atopico, cioè la tendenza alla produzione di quantità elevate di anticorpi (IgE) in risposta all esposizione a fattori ambientali; - fattori causali, che sensibilizzano le vie aeree e causano l insorgenza della malattia; di questi fanno parte i c.d. allergeni, che possono essere presenti negli ambienti interni (acari domestici nella polvere di casa, allergeni animali presenti nei gatti o nei cani, muffe e lieviti presenti in zone umide e scarsamente ventilate delle pareti domestiche), negli ambienti esterni (allergeni dei pollini provenienti principalmente dagli alberi, dai prati e dalle erbe infestanti) e negli ambienti professionali (sostanze chimiche presenti in molte lavorazioni); - fattori contribuenti, in grado di aumentare la probabilità di sviluppo della malattia se associati ad un fattore causale; rientrano fra quest ultimi l esposizione ad inquinanti dell ambiente domestico ed esterno. Esistono, inoltre, fattori scatenanti triggers in grado di aggravare l asma, ovvero di determinarne esacerbazioni, quando la malattia è già presente e le vie aeree sono particolarmente labili. Gli stessi fattori causali già citati (in particolare allergeni ed agenti professionali), nonché l esercizio fisico, l esposizione ad aria fredda e a gas irritanti, i cambiamenti climatici, possono essere fattori scatenanti di un attacco asmatico. Nel complesso, comunque, nonostante la rapida produzione di nuove conoscenze, l individuazione dei fattori capaci di indurre l asma in individui geneticamente suscettibili è ancora modesta, mentre sono relativamente più noti i determinanti delle crisi e dell aggravamento in soggetti già asmatici (infezioni, allergeni, irritanti inalatori, stress fisici ed emotivi). Nelle tabelle seguenti (4.1, 4.2, 4.3 e 4.4) sono state evidenziate alcune informazioni sui bambini, che possono avere un ruolo nell eziologia dell asma. Fattori di rischio nei primi due anni di vita 22

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013 ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE Bollettino 2013 Informazioni derivate da: ISTAT SDO Schede ministeriali tossicodipendenze ESPAD, PASSI FATTI E CIFRE

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

MAMME LIBERE DAL FUMO

MAMME LIBERE DAL FUMO MAMME LIBERE DAL FUMO Il razionale Il fumo di tabacco è un problema di sanità pubblica rilevante per la donna, per la mamma, per il bambino; esistono evidenze scientifiche di azioni preventive efficaci;

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica Un modello per introdurre cambiamenti nel percorso diagnostico-assistenziale della malattia cronica Modena, Giugno 2004 Raccomandazioni

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli