PERMESSI PORTATORI HANDICAP, MATERNITA & CONGEDI PARENTALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERMESSI PORTATORI HANDICAP, MATERNITA & CONGEDI PARENTALI"

Transcript

1 PERMESSI PORTATORI HANDICAP, MATERNITA & CONGEDI PARENTALI Marzo 2008 A cura di G. Marcante N O V I T A Adozioni e affidamenti: nuove regole per i periodi di congedo per maternità e per i congedi parentali in caso di adozione o affidamento Il comma 452 della legge finanziaria 2008 riscrive l art. 26 del D.L.vo n.151/2001 (Testo Unico sulla maternità / paternità) che ora afferma: il congedo per maternità spetta per un periodo massimo di cinque mesi anche alle lavoratrici che abbiano adottato un minore (comma 1); in caso di adozione nazionale il congedo va fruito nei primi cinque mesi successivi all effettivo ingresso in famiglia del minore (comma 2); in caso di adozione internazionale il congedo può essere fruito anche prima dell ingresso, durante il periodo di permanenza all estero per l espletamento degli adempimenti previsti dalla procedura. La durata complessiva è sempre la stessa e la parte residua può essere fruita nei cinque mesi successivi all ingresso in famiglia del bambino (comma 3); la lavoratrice che per il periodo di permanenza all estero non richieda o richieda solo in parte il congedo per maternità, può fruire di un congedo non retribuito, senza diritto ad indennità in base alla legge n.476/98 (comma 4); l Ente autorizzato che ha avuto l incarico di seguire la procedura attesta la durata della permanenza all estero della lavoratrice (comma 5); nel caso di affidamento di minore il congedo può essere fruito entro cinque mesi dall affidamento, per un periodo massimo di tre mesi (comma 6); Il comma 453 abroga l art. 27 del D. L.vo n. 151/2001 che parlava di adozioni ed affidamenti preadottivi internazionali. DM 12 luglio 2007 in materia di sostegno alla maternità e paternità delle lavoratrici iscritte alla gestione separata E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 247 del 23 ottobre 2007, il Decreto del Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale concertato con quello dell Economia con il quale, in attuazione dell art c. della legge n.296/2006, è stata disciplinata l applicazione degli articoli da 17 a 22 del D.L.vo n.151/2001 in favore delle lavoratrici iscritte alla gestione separata dell INPS (art. 2, comma 26, della legge n.335/1995) nei limiti delle risorse scaturenti dallo specifico gettito contributivo. L art. 1 estende ai committenti il divieto di adibire ad attività lavorativa, previsto dall art. 16 del D.L.vo n.151/2001 (due mesi prima del parto e tre mesi dopo) alle collaboratrici a progetto e categorie assimilate iscritte alla gestione separata dell INPS ed agli associanti, per le associate in partecipazione iscritte a tale gestione.

2 DISABILI Il termine, nel contesto, si riferisce a persona con handicap in situazione di gravità di cui all art. 3/3 comma della legge n.104/1992. Nel merito le norme contenute nelle più recenti disposizioni legislative (Legge n. 53/2000; D.Lgsv. n. 151/2001 ) hanno introdotto modificazioni di rilievo alla disciplina posta all articolo 33 della legge n.104 del 1992 ("Legge quadro per l assistenza alle persone handicappate"). Riposi e permessi per figli con handicap grave Ai genitori di figli ovvero, dopo la scomparsa dei genitori, a fratelli e sorelle di portatori di handicap grave riconosciuto ai sensi della Legge 104/92 per gravi e documentati motivi familiari viene riconosciuto il diritto a fruire di un congedo di durata complessiva non superiore a DUE anni. Il congedo è retribuito con un'indennità pari all'ultima retribuzione percepita, è coperto dai contributi figurativi e viene corrisposto per tutti i giorni per i quali il beneficio è richiesto. Per i periodi per i quali non è prevista attività lavorativa (es. part-time verticale), il congedo non è riconosciuto. L'indennità non può essere riconosciuta ai lavoratori domestici e ai lavoratori a domicilio. LAGIURISPRUDENZA MODIFICA GLI ORIENTAMENTI INPS: LE MODIFICHE SOMMARIO: i precedenti criteri adottati in merito all accertamento dei requisiti della continuità e della esclusività CGIL Veneto pag. 2 dell assistenza offerta dal lavoratore alla persona con disabilità grave per la concessione dei benefici riconosciuti dalla L.104/1992, vengono riveduti ed adeguati alla luce dell orientamento consolidato della giurisprudenza. La Corte di Cassazione Sezione Lavoro con la sentenza n.7701 del , ha censurato l interpretazione dell art. 33 della legge 104/92 sostenuta dall INPS, che la presenza in famiglia di altra persona che sia tenuta o possa provvedere all assistenza del parente con disabilità in situazione di gravità esclude il diritto ai tre permessi mensili retribuiti ed ha affermato il seguente principio: non par esservi dubbio che lo spirito della legge sia quello di non lasciare il minore gravemente handicappato in balia di se stesso neanche momentaneamente e privo di affetto ad opera di chi lo possa assistere convenientemente anche dal punto di vista materiale. Se questo è lo scopo della legge, ove tale convenienza non sia raggiunta, come non è raggiunta ove il congiunto non lavoratore debba provvedere da solo all incombenza, un interpretazione conforme agli scopi della legge pretende che un altra persona possa sostituire almeno momentaneamente l avente diritto originario. Orbene, se questa seconda persona è un lavoratore appare ovvio e necessario che possa godere di brevi permessi retribuiti. La stessa Corte, con la sentenza n del , ha poi confermato il proprio precedente orientamento, ulteriormente specificando che: essendo presupposto del diritto la circostanza che il portatore di handicap non sia ricoverato a tempo pieno, è presumibile che, durante l orario di lavoro di chi presta l assistenza e può fruire dei permessi, all assistenza provveda altra persona presente in famiglia ed è ragionevole il bisogno di questa di fruire di tre giorni di libertà, coincidenti con la fruizione dei permessi retribuiti del lavoratore. Il criterio è analogo a quello previsto per i genitori di portatori di handicap, regolato nel medesimo articolo, per i quali la circostanza che uno di essi non lavori, e quindi possa prestare assistenza, non esclude il diritto ai permessi retribuiti. Si deve concludere che né la lettera, né la ratio della legge e- scludono il diritto ai permessi retribuiti in caso di presenza in famiglia di persona che possa provvedere all assistenza. Anche la giustizia amministrativa era pervenuta ad analoghe conclusioni. Il Consiglio di Stato, infatti, pronunciandosi circa l applicabilità ad un docente di una scuola pubblica dell articolo 33 comma 5 della legge 104/92, con sentenza del , n.394/97 della propria Terza Sezione, aveva affermato che non si può negare il beneficio allorché sussista il presupposto dell effettiva assistenza conti- Legge , n.104 Art.3 1.E persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione. 2. La persona handicappata ha diritto alle prestazioni stabilite in suo favore in relazione alla natura e alla consistenza della minorazione, alla capacità complessiva individuale residua e alla efficacia delle terapie riabilitative. 3. Qualora la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto l'autonomia personale, correlata all'età, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione, la situazione assume connotazione di gravità. 4.Le situazioni riconosciute di gravità determinano priorità nei programmi e negli interventi dei servizi pubblici.

3 CGIL Veneto nuativa da parte del lavoratore medesimo sulla considerazione che il rapporto possa essere instaurato da altri familiari. Nella stessa sentenza il Consiglio di stato ha evidenziato che il beneficio in questione non è subordinato alla mancanza di altri familiari in grado di assistere il portatore di handicap. Giova, infine, sottolineare che anche la Corte Costituzionale, nella sentenza n.325/1996 aveva posto in evidenza la ratio della legge nel suo insieme: superare o contribuire a far superare i molteplici ostacoli che il disabile incontra quotidianamente nelle attività sociali e lavorative e nell esercizio di diritti costituzionalmente protetti. Nella stessa sentenza, il giudice delle leggi aveva anche sottolineato come non debba corrersi il rischio opposto, cioè, il dare alla norma un rilievo eccessivo, perché non è immaginabile che l assistenza al disabile si fondi esclusivamente su quella familiare. In base a tale orientamento giurisprudenziale ormai consolidato l INPS rivede le precedenti indicazioni fornite alle strutture territoriali in merito alla concessione dei benefici previsti dai commi 2 e 3 dell articolo 33 della legge n.104/92, ispirandosi ai seguenti nuovi criteri: 1. che a nulla rilevi che nell ambito del nucleo familiare della persona con disabilità in situazione di gravità si trovino conviventi familiari non lavoratori idonei a fornire l aiuto necessario; 2. che la persona con disabilità in situazione di gravità - ovvero il suo amministratore di sostegno ovvero il suo tutore legale possa liberamente effettuare la scelta su chi, all interno della stessa famiglia, debba prestare l assistenza prevista dai termini di legge; 3. che tale assistenza non debba essere necessariamente quotidiana, purché assuma i caratteri della sistematicità e dell adeguatezza rispetto alle concrete esigenze della persona con disabilità in situazione di gravità; 4. che i benefici previsti dai commi 2 e 3 si debbano riconoscere altresì a quei lavoratori che pur risiedendo o lavorando in luoghi anche distanti da quello in cui risiede di fatto la persona con disabilità in situazione di gravità (come, per esempio, nel caso del personale di volo delle linee aeree, del personale viaggiante delle ferrovie o dei marittimi) offrano allo stesso un assistenza sistematica ed adeguata, stante impregiudicato il potere organizzativo del datore di lavoro, non attenendo la fruizione dei benefici de quo all esercizio di un diritto potestativo del lavoratore. A tal fine, in sede di richiesta dei benefici ex art. 33 della legge 104/92, sarà prodotto un Programma di assistenza a firma congiunta del lavoratore richiedente e della persona con disabilità in situazione di gravità che dell assistenza si giova - ovvero del suo amministratore di sostegno ovvero del suo tutore legale, sulla cui eventuale valutazione di congruità medico legale si esprimerà il dirigente responsabile del Centro medico legale della sede INPS competente; 5. che il requisito dell esclusività della stessa non si debba far coincidere con l assenza di qualsiasi altra forma di assistenza pubblica o privata, essendo compatibile con la fruizione dei benefici in questione il ricorso alle strutture pubbliche, al cosiddetto non profit ed a personale badante; 6. che, per esplicita previsione legislativa, non dia titolo ai benefici il solo caso del ricovero a tempo pieno, per ciò intendendosi il ricovero per le intere ventiquattro ore; 7. che al caso di cui al punto precedente, faccia eccezione quello rappresentato dal ricovero a tempo pieno, finalizzato ad un intervento chirurgico oppure a scopo riabilitativo, di un bambino di età inferiore ai tre anni con disabilità in situazione di gravità, per il quale risulti documentato dai sanitari della strut- pag.3 tura ospedaliera il bisogno di assistenza da parte di un genitore o di un familiare (parente o affine entro il 3 grado) nonché, su valutazione del dirigente responsabile del Centro medico legale della Sede INPS, quello della persona con disabilità in situazione di gravità in coma vigile e/o in situazione terminale, contesti questi assimilabili al piccolo minore; 8. che l accettazione da parte del portatore di handicap in situazione di gravità dell assistenza continuativa ed esclusiva offerta dal familiare possa rientrare tra le fattispecie previste dal T.U. n.445/2000 sulla documentazione amministrativa per la cui prova è ammessa dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà; 9. che rimanga impregiudicato il diritto/dovere della Pubblica Amministrazione di verificare sia la veridicità della dichiarazione di cui sopra e di quanto dichiarato dal lavoratore nel modello di domanda sia, in caso di disabilità in situazione di gravità temporaneamente concesso dalla Commissione medica ex art. 4 della medesima legge 104/92, il permanere del diritto a fruire i suddetti benefici in capo al lavoratore che ne abbia richiesto l attribuzione. L INPS, con circolare 23 maggio 2007, n. 90 ha dettato disposizioni al fine che le proprie Sedi adottino, nei procedimenti di concessione dei benefici in questione i sopra esposti criteri., GENNAIO 2008: Le novità della Finanziaria La Finanziaria per il 2008, a decorrere dalla sua entrata in vigore, 1 gennaio 2008, ha stabilito che la durata complessiva del congedo di maternità (art.2, comma 452) in caso di adozione nazionale o internazionale è di cinque mesi, come per le maternità biologiche, dove si somma il periodo prima a quello dopo il parto. Per le adozioni, il periodo pre-parto, cioè gli ultimi due mesi della gestazione,non venivano indennizzati. L altra significativa innovazione della Finanziaria consiste nell aver abolito il limite di eta dei sei anni, precedentemente in vigore per le adozioni nazionali. Esaminando il testo della Finanziaria in dettaglio, notiamo che alcuni articoli del T.U. vengono riscritti, altri abrogati. Il comma 452 rinnova l art.26 del T.U., Dlgs 151/2001, il comma 453 abroga l art.27 del T.U., il comma 454 riscrive l art.31 del T.U., il comma 455 a sua volta propone un nuovo art.36 del T.U., mentre il comma 456 abroga l art.37 del T.U. Indicazioni Inps L Inps, con circolare n.16 del , impartisce le prime indicazioni operative in materia. Il congedo di maternità spetta per cinque mesi, sia per le adozioni nazionali che per quelle internazionali. L ingresso in famiglia o l ingresso in Italia deve essere avvenuto dal 1 gennaio 2008, oppure può essere avvenuto negli ultimi mesi del 2007, purché non sia decorso il periodo di cinque mesi dallo stesso ingresso in famiglia o in Italia. Se i tre mesi di congedo obbligatorio previsti dalla normativa precedente sono stati tutti utilizzati nel 2007, gli interessati potranno usufruire dei rimanenti due mesi dal 1 gennaio 2008, sempre che non siano trascorsi i cinque mesi dall ingresso in famiglia o in Italia.

4 Adozione nazionale Se una lavoratrice adotta un minore ha diritto ad un congedo di maternità di cinque mesi. Come già precisato, viene abolito il limite di età dei sei anni. Fino al compimento della maggiore età si può pertanto usufruire dell intero periodo di congedo, anche nella situazione in cui la maggiore età venga compiuta durante i cinque mesi previsti. In merito ai cinque mesi, come viene sbrigativamente indicato il periodo di congedo di maternità, ricordiamo che valgono le indicazioni precedentemente fornite per le madri biologiche: non venendo calcolato nel periodo il giorno del parto, si tratta quindi in realtà di cinque mesi e un giorno. Le agevolazioni previste per l adozione nazionale valgono anche per l affidamento preadottivo (L.184/1983 artt. 22 e seguenti): ogni diritto, congedo ed indennità, cessano dal giorno successivo all eventuale provvedimento di revoca dell affidamento stesso, secondo la decisione del Tribunale dei minori. Per gli ingressi in famiglia avvenuti nel 2007, l Inps riconosce l indennità ed il congedo per l effettiva astensione che si prolunghi nel 2008, se utilizzata entro cinque mesi dall ingresso in famiglia. Se la lavoratrice è stata assente ad altro titolo, congedo parentale, ferie... può commutare il titolo dell assenza ed ottenere la conseguente indennità per i periodi ricadenti nel 2008 presentando specifica domanda entro un anno decorrente dal giorno successivo alla fine del periodo indennizzabile di maternità. SEDI PROVINCIALI Recapiti telefonici: Belluno: Mestre/Ve: Padova: Rovigo: Treviso: Verona: Vicenza: CGIL Veneto Adozione internazionale Anche per la lavoratrice che adotta un minore straniero il congedo di maternità è pari a cinque mesi qualunque sia l età dell adozione: il diritto spetta per tutto il periodo anche se l adottato compie nel frattempo la maggiore età; viene aggiunto al congedo il giorno di ingresso in Italia, realizzando la comple- pag.4 ta parità con le maternità biologiche (cinque mesi e un giorno). I cinque mesi e un giorno decorrono dall ingresso del minore in Italia, certificato dalla Commissione per le adozioni internazionali presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Una significativa innovazione è la possibilità di utilizzare il congedo, anche in parte, prima dell ingresso del minore in Italia, per poter conoscere il minore ed espletare tutti gli a- dempimenti necessari. Il rimanente periodo, anche frazionato, deve essere comunque usufruito entro i cinque mesi dal giorno successivo all ingresso medesimo. La Finanziaria permette anche (comma 452) di richiedere periodi di congedo all estero non indennizzati: su questo punto l INPS declina la sua competenza. Spetta infatti alla contrattazione collettiva recepire questa istanza. L Ente autorizzato che segue la procedura di adozione certifica le date di ingresso ed i periodi di congedo usufruiti. Il ruolo degli Enti autorizzati viene ribadito e confermato, come necessari tramite per ogni adempimento. In analogia con le adozioni nazionali, la lavoratrice che nel 2008 si sia assentata ad altro titolo, potrà mutare il titolo dell assenza. Gli stessi diritti valgono in caso di affidamento preadottivo, nei casi in cui l adozione viene ratificata dal Tribunale italiano dopo l ingresso del minore in Italia (art.35, comma 4, L.184/1983). Padri adottivi ed affidatari Il diritto al congedo di paternità spetta al padre adottivo od affidatario non solo nei casi previsti dall art. 28 del T.U. per i genitori biologici, decesso o grave malattia della madre, abbandono, affidamento esclusivo, ma anche quando la madre lavoratrice dipendente vi rinunci del tutto o in parte. I genitori adottivi od affidatari possono tranquillamente alternarsi nella presenza al fianco del figlio, non essendovi la necessità della ripresa psicofisica della mamma dopo il parto. Congedo parentale Dal 1 gennaio 2008 i genitori adottivi ed affidatari possono utilizzare il congedo parentale come i genitori biologici entro gli otto anni, ovviamente non dalla nascita, dall ingresso in famiglia, e fino alla maggiore età. L indennità economica del 30% viene erogata per un periodo massimo complessivo di sei mesi tra i due genitori entro i tre anni dall ingresso del minore in famiglia. Gli altri periodi di congedo richiesti oltre i tre anni dall ingresso, anche se si trattasse del primo mese in assoluto, ed ugualmente i periodi dopo i sei mesi, pure se entro i tre anni dall ingresso in famiglia, possono essere indennizzati solo se entro i limiti reddituali previsti a norma di legge (art.34, comma 3, T.U.): due volte e mezzo l importo del trattamento minimo di pensione. Affidamento Per l affidamento non preadottivo (L.184/1983 artt. 2 e seguenti) è previsto un periodo di assenza dal lavoro di tre mesi., nell arco di tempo di cinque mesi decorrenti dalla data dell affidamento. Il congedo spetta fino alla maggiore età dell affidato.

5 CGIL Veneto pag.5 L'indennità non può essere riconosciuta ai lavoratori domestici e ai lavoratori a domicilio. Articolo 45 del Testo Unico, Dlgs 151/2001 L art. 45 sui riposi orari in caso di adozioni ed affidamenti non risulta in nessun modo interessato dalle modifiche della Finanziaria. I riposi possono essere usufruiti, come previsto dalla sentenza della Corte Costituzionale 104/2003, entro un anno dall ingresso in famiglia. Rileggendo la sentenza, sembra logico che le nuove norme introdotte dalla Finanziaria si integrino con quelle previgenti, innalzando il limite del diritto fino alla maggiore età. La sentenza concludeva, infatti, rientra nella discrezionalità del legislatore stabilire eventualmente dei limiti alla fruizione dei riposi correlati all età del minore adottato o affidato. La finanziaria, spostando in generale il limite alla maggiore età, ci sembra abbia adempiuto a questa funzione. Articolo 50 del Testo Unico, Dlgs 151/2001 La Finanziaria non ha modificato neanche l art.50 del T.U. relativo ai congedi per la malattia del figlio. Rimangono pertanto in vigore i limiti di età stabiliti da questo articolo per usufruire dei congedi per malattia dei figli adottati ed affidati. Sembrerebbe un incongruenza o una svista del legislatore, a meno che non si voglia considerare che essendo un congedo di minore rilevanza, si sia mantenuto un criterio restrittivo. Si aprono però notevoli difficoltà per esempio, rispetto ai contratti del pubblico impiego. Nel merito si dovranno attendere i degli Enti previdenziali e dei Ministeri interessati. Riposi e permessi per figli con handicap grave Ai genitori di figli ovvero, dopo la scomparsa dei genitori, a fratelli e sorelle di portatori di handicap grave riconosciuto ai sensi della Legge 104/92 per gravi e documentati motivi familiari viene riconosciuto il diritto a fruire di un congedo di durata complessiva non superiore a DUE anni. Il congedo è retribuito con un'indennità pari all'ultima retribuzione percepita, è coperto dai contributi figurativi e viene corrisposto per tutti i giorni per i quali il beneficio è richiesto. Per i periodi per i quali non è prevista attività lavorativa (es. part-time verticale), il congedo non è riconosciuto. TUTELE, PERMESSI E/O RIDUZIONE DI ORARIO PER LAVORATRICI E LAVORATORI DISABILI Quanto alle tutele, si tratta del: 1. diritto di scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio; 2. divieto di trasferimento in altra sede, senza consenso. Quanto ai diritti, la o il disabile che lavora ha inoltre diritto o a 3 giorni di permesso retribuito mensile oppure a 2 ore di riduzione giornaliera dell orario. La scelta può essere variata di mese in mese. In via eccezionale e per documentate esigenze, improvvise e imprevedibili al momento della domanda, vi può essere variazione, nell ambito di uno stesso mese, tra giorni di permesso e ore di riduzione, ovviamente quando vi sia ancora utilità dalla trasformazione della quota nel frattempo utilizzata (la circolare Inps n. 133/2000 effettua utili esemplificazioni). I giorni di permesso possono essere frazionati fino a mezza giornata (così la circolare INPS n. 21/96). ATTENZIONE 1. Il lavoratore disabile può fruire solo dei giorni di permesso per sé stesso e non di altri giorni per assistere un familiare disabile; 2. Il familiare non disabile può chiedere i giorni di permesso per l'assistenza di un disabile lavoratore, che fruisce dei permessi o della riduzione d'orario. Sono previste due condizioni: l'inesistenza nel nucleo familiare del disabile di altro familiare non lavoratore; la effettiva necessità del lavoratore disabile di essere assistito, valutata dal medico INPS; 3. Quando nel nucleo familiare sono presenti più persone disabili il lavoratore può chiedere di moltiplicare i permessi giornalieri; 4.I familiari non lavoratori studenti sono equiparati ai soggetti occupati in attività lavorativa anche nei periodi di inattività scolastica. Per gli studenti universitari è previsto l'accertamento non solo dell'iscrizione, ma anche dell'effettuazioni di esami. CONGEDI E RIDUZIONE DI ORARIO PER I GENITORI DI MINORI DISABILI (fino ai 3 anni) Il diritto consiste nel prolungamento dell astensione dal lavoro (congedo parentale), con indennità del 30%, oppure in due ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento dei 3 anni della figlia o del figlio disabile, a condizione che non sia ricoverato a tempo pieno presso istituti specializzati. Il diritto è riconosciuto al genitore anche qualora l altro ne sia escluso (perché casalinga/o, disoccupata/o, lavoratrice/lavoratore autonoma/o). Non si richiede né la convivenza né l assistenza continuativa ed esclusiva. Con le modifiche introdotte dalla legge n.53/2000 occorre integrare il congedo ordinario, che spetta ad ogni genitore che lavora con rapporto di lavoro subordinato, con il congedo speciale, che consente il prolungamento o le ore di assenza dal lavoro. Questo comporta che:

6 non è stata posta come condizione, ai fini del congedo speciale, quella del godimento integrale (o esaurimento) del congedo ordinario. Questo avrebbe altrimenti comportato l impedimento a differire nel tempo, fino agli 8 anni di vita, parte o tutto il congedo parentale ordinario; il congedo speciale decorre dal momento in cui termina virtualmente - e che può o meno coincidere con l avvenuto godimento effettivo - quello ordinario riconosciuto al singolo genitore che ne fa richiesta. Da notare che il congedo speciale - sia come prolungamento dell assenza, sia come ore di riduzione dell orario - può essere utilizzato anche alternativamente (ma non cumulativamente) tra i due genitori: una parte l uno, una parte l altra. Inoltre, nel primo anno di vita della figlia o del figlio non si hanno riposi alternativi al prolungamento dell assenza, ma solo i riposi ordinari. L alternativa è limitata, pertanto, al 2 e 3 anno. PERMESSI PER LA CURA DI MINORI DISABILI (dai 3 ai 18 anni) Il diritto consiste in tre giorni di permesso mensile retribuito, a carico dell'inps, e coperto da contribuzione figurativa. Il diritto è riconosciuto al genitore anche qualora l altro ne sia escluso (perché casalinga/o, disoccupata/o, lavoratrice/lavoratore autonoma/o). Non si richiede la convivenza, ma nemmeno l assistenza continuativa ed esclusiva. La coppia di genitori lavoratori subordinati può ripartirsi l assenza (ad esempio: 2 giorni il padre e 1 giorno la madre, anche in coincidenza con uno dei giorni del padre); così come è possibile la ripartizione tra questo diritto in capo a un genitore mentre l altro gode del congedo ordinario. I giorni di permesso possono essere frazionati fino a mezza giornata (circ. INPS n. 211/96). Nel caso di contratto di lavoro part time verticale nel mese, il numero dei giorni di permesso spettanti va ridotto proporzionalmente (circ. Inps nr. 133/2000). CGIL Veneto TUTELE E PERMESSI PER LA CURA DI FAMILIARI DISABILI I soggetti disabili sono i parenti o gli affini entro il 3 grado. E orientamento consolidato l inclusione del coniuge. Quanto alle tutele, si tratta del: diritto di scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio; divieto di trasferimento in altra sede, senza consenso. La condizione prevista è quella della assistenza con continuità. Non è più necessaria la convivenza. Quanto ai permessi, la lavoratrice o il lavoratore hanno diritto a tre giorni di assenza dal lavoro, retribuiti, coperti da contribuzione figurativa. I giorni di permesso possono essere frazionati fino a mezza giornata (così la circ. INPS n. 211/96). Questo diritto è riconosciuto: 1. in caso di convivenza. La circolare Inps n.133/2000 ricorda che è comunque necessario che non siano presenti nel nucleo familiare altri soggetti che possano fornire assistenza; pag.6 2. in assenza di convivenza, l assistenza della lavoratrice o del lavoratore deve soddisfare le condizioni della continuità e dell esclusività. La circ. Inps n.133/2000 precisa che occorre una effettiva assistenza, per le necessità quotidiane della persona disabile, e identifica le situazioni negative: la continuità è da escludere nei casi di oggettiva lontananza delle abitazioni, in senso sia spaziale sia di tempo di percorrenza; la esclusività non si realizza quando nel nucleo familiare della persona disabile - che non coincide con quello di chi chiede il riconoscimento del diritto ai 3 giorni di permesso mensile - sia presente o una lavoratrice/lavoratore che beneficia dei permessi per lo stesso disabile o almeno un soggetto non lavoratore in grado di garantire l assistenza. In casi particolari, per situazioni temporanee o definitive dei possibili componenti il nucleo familiare che escludono l assistenza, viene consentito al richiedente, non convivente, di godere dei permessi in caso di: a) presenza in famiglia di più di 3 minorenni; b) presenza in famiglia di un bambino con meno di 6 anni; c) necessità di assistenza notturna del disabile, valutata dal medico INPS; d) grave malattia, documentata, valutata dal medico INPS; ) ricovero ospedaliero; f) malattia temporanea, riconosciuta dal medico Inps; g) minore età del familiare convivente; h) condizione di studente del familiare convivente; i) età superiore a 70 con una qualsiasi invalidità comunque riconosciuta, j) incapacità totale al lavoro; k) infermità superiore a due terzi; l) mancanza di patente di guida in caso di necessità di trasporto del disabile. PERMESSI E CONGEDI PER GRAVI MOTIVI FAMILIARI Permessi retribuiti di 3 giorni: La lavoratrice e il lavoratore subordinati hanno diritto a tre giorni complessivi all'anno di permessi retribuiti in caso di decesso o di documentata grave infermità: del coniuge, anche legalmente separato; del convivente, come risulta da certificazione anagrafica; del parente, entro il secondo grado, anche non convivente. Non sono compresi gli affini. Il Regolamento del Ministro per la solidarietà sociale precisa criteri e condizioni. Tra queste: 1. l obbligo di preavviso della causa e dei giorni di permesso, che devono essere utilizzati entro 7 giorni dal decesso o dall accertamento dell insorgenza della grave infermità o della necessità di provvedere a conseguenti specifici interventi terapeutici; 2. la possibilità, nel caso di grave infermità e in alternativa ai permessi, di concordare con il datore di lavoro diverse modalità di espletamento dell attività lavorativa, anche per periodi superiori a 3 giorni, sulla base di accordo scritto e della proposta della lavoratrice e del lavoratore;

7 3. la cumulabilità di questi permessi con quelli previsti per i disabili o per la cura di disabili. Congedi per gravi motivi familiari: La lavoratrice e il lavoratore subordinati possono chiedere un congedo, continuativo o frazionato, non superiore a due anni, per gravi e documentati motivi familiari (non retribuiti salvo diversa disposizione contrattuale). Questi motivi possono riguardare i seguenti soggetti: la persona del lavoratore, ma non per malattia (dato che questa ha già la sua regolamentazione legislativa e contrattuale); i componenti la famiglia anagrafica; le persone verso le quali è previsto obbligo di alimenti (coniuge, figli, genitori, generi e nuore, suocero e suocera, fratelli e sorelle), anche non conviventi; i parenti e gli affini entro il terzo grado disabili. I motivi possono essere: le necessità familiari derivanti dal decesso di una di queste persone; le situazioni che comportano un impegno particolare della lavoratrice o del lavoratore o della loro famiglia nella cura o nell assistenza di queste persone; le situazioni di grave disagio personale della lavoratrice e del lavoratore (tranne la malattia); le patologie in cui incorrano queste persone (elencate nel regolamento). Il procedimento per la richiesta e per la concessione, anche parziale o dilazionata nel tempo, o per il diniego del congedo va disciplinato dai contratti collettivi. Nel Regolamento, viene nel frattempo garantito il contemperamento delle esigenze delle due parti del rapporto di lavoro, nonché il rispetto dei principi di correttezza, buona fede, parità di trattamento. Una disciplina più limitativa è prevista: 1. da un lato, per i congedi richiesti nel corso di un rapporto di lavoro a termine; 2. dall altro, quando la richiesta riguardi eventi che darebbero diritto ai permessi retribuiti, ma è stato superato il tetto dei 3 giorni annui. Ai fini della fruizione del congedo durante lo svolgimento di successivi rapporti di lavoro, il datore di lavoro, al termine di quello in atto, deve rilasciare l attestazione del periodo di congedo eventualmente fruito. Il periodo di congedo fruito si calcola secondo il calendario comune, computando i giorni festivi e non lavorativi compresi nel periodo. RIPOSI GIORNALIERI (... allattamento) Le disposizioni consentono alla madre lavoratrice, entro il primo anno di età del bambino, di assentarsi dal lavoro per due periodi di riposo, anche cumulabili durante la giornata (due ore giornaliere). Il riposo è uno solo quando l'orario giornaliero di lavoro è inferiore a sei ore. CGIL Veneto pag.7 I predetti periodi di riposo sono di mezz'ora ciascuno (e non comportano il diritto ad uscire dall'azienda) quando la lavoratrice voglia usufruire della camera di allattamento o dell'asilo nido, istituiti dal datore di lavoro nelle dipendenze dei locali di lavoro. Diritto del padre Gli artt. 39 e 40 del D.Lgs. 151/2001 prevedono la possibilità, per il padre lavoratore dipendente, di fruire dei riposi orari (con diritto al relativo trattamento economico): a. nel caso in cui i figli siano affidati al solo padre; b. in alternativa alla madre lavoratrice dipendente che non se ne avvalga; c. nel caso in cui la madre non sia lavoratrice dipendente. L ipotesi della lettera b) è comprensiva anche del caso di lavoratrice dipendente che non si può avvalere del congedo parentale (ex astensione facoltativa) in quanto appartenente a categoria non avente diritto ai riposi in questione (lavoratrice domestica e a domicilio); non comprende, invece, il caso di madre che non se ne avvalga perché sta fruendo di astensione obbligatoria o facoltativa. L'ipotesi introdotta dalla lett. c), invece, è innovativa, in quanto al padre lavoratore dipendente è riconosciuto il diritto ai riposi anche quando la madre lavoratrice non abbia la qualifica di "dipendente", vale a dire sia una lavoratrice autonoma, libera professionista, ecc.. E' escluso un diritto del padre ai riposi orari quando la madre non svolge attività lavorativa (fatta salva l'ipotesi di grave infermità). IN MERITO AL NUMERO DI ORE DI RIPOSO SPETTANTI AL PADRE, SI PRECISA CHE LO STESSO NE PUÒ FRUIRE IN BASE AL PROPRIO ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO. PARTO PLURIMO Secondo le nuove disposizioni (che recepiscono quanto già stabilito con sentenza Corte Cost.le del luglio 99) i riposi giornalieri ( allattamento..) spettanti durante il primo anno di vita del bambino sono raddoppiati in caso di parto plurimo e le ore aggiuntive possono essere fruite anche dal padre. Le ore aggiuntive (2 ore, ridotte ad 1 se l orario di lavoro giornaliero è inferiore a 6 ore) possono essere riconosciute al padre anche durante i periodi di astensione obbligatoria e facoltativa della madre. Nel presupposto che uno dei due genitori non si avvalga dei riposi doppi ciascun genitore ha diritto a fruire di un numero di ore di riposo raddoppiate rispetto a quelle previste per un solo figlio, vale a dire di 4 ore o di 2 a seconda che l'orario giornaliero di lavoro sia pari o superiore a 6 ore, ovvero sia inferiore a 6 ore. Le ore fruibili sono identificate secondo l orario di lavoro del genitore che si avvale dei riposi (ved. tabella esemplificativa ultima pagina)

8 CGIL Veneto pag.8 UTILI, ai fini pensionistici, le maternità avvenute al di fuori del rapporto di lavoro (se NON già titolari di pensione al 27 aprile 2001) I PERIODI CORRISPONDENTI AL CONGEDO DI MATERNITÀ (ART. 25/2 COMMA D.LGS. 151/2001) VERIFICATISI AL DI FUORI DEL RAPPORTO DI LAVORO SONO CONSIDERATI UTILI AI FINI PENSIONISTICI A CONDIZIONE CHE IL SOGGETTO POSSA FARE VALERE, ALL ATTO DELLA DOMANDA, ALMENO 5 ANNI DI CONTRIBUZIONE VERSATA IN COSTANZA DI RAPPORTO DI LAVORO I PERIODI CORRISPONDENTI AL CONGEDO PARENTALE (ART.35/5 COMMA D.LGS. 151/2001) VERIFICATISI AL DI FUORI DEL RAPPORTO DI LAVORO POSSONO ESSERE RISCATTATI (MAX 5 ANNI) AI FINI PENSIONISTICI A CONDIZIONE CHE IL SOGGETTO POSSA FARE VALERE, ALL ATTO DELLA DOMANDA, ALMENO 5 ANNI DI CONTRIBUZIONE VERSATA IN COSTANZA DI RAPPORTO DI LAVORO Congedo di maternità nei casi di collocamento temporaneo del minore in famiglia (messaggio INPS nr.5478 del ) E noto che, ai sensi dell art. 10 della legge 183 del 1984, e successive modifiche ed integrazioni, il tribunale per i minorenni può disporre in ogni momento nell interesse del minore il collocamento temporaneo - dello stesso - presso una famiglia o una comunità di tipo familiare fino all affidamento preadottivo. Da quanto sopra evidenziato, si rileva che l istituto del collocamento temporaneo s inquadra in quel sistema generale di tutele dirette a garantire al minore, giuridicamente privo del nucleo familiare di origine, l assistenza materiale ed affettiva che, anche nelle more della definizione del procedimento di adozione, non può venire meno. Appare evidente, infatti, l intenzione del legislatore di rispondere prontamente alle suddette esigenze anche in favore di quei minori che, trovandosi in condizione di adottabilità - e quindi in attesa di essere collocati definitivamente presso la famiglia adottiva, passando, com è noto, attraverso l affidamento preadottivo - necessitano di cure ed attenzioni non dissimili da quelle assicurate ai minori in affidamento preadottivo o provvisorio, e relativamente ai quali, l art. 26 del D.Lgs. 151/2001 riconosce il diritto al congedo di maternità nei primi tre mesi successivi all effettivo ingresso del minore in famiglia. Per quanto sopra esposto, si ritiene che il congedo di maternità possa essere riconosciuto anche nell ipotesi di collocamento temporaneo del minore in famiglia (è da escludersi, invece, la concessione del beneficio qualora il collocamento avvenga presso una comunità di tipo familiare); in particolare, nella fattispecie, fermo restando che il congedo deve essere fruito nei primi tre mesi successivi all effettivo ingresso del minore in famiglia, occorre verificare se l interessata si sia effettivamente assentata dal lavoro nel suddetto periodo (eventualmente anche a titolo diverso: ferie, aspettativa, o altro, da modificare, a seguito del riconoscimento in parola, a cura dell interessata e del datore di lavoro). Qualora, viceversa, in tale periodo la lavoratrice abbia espletato l attività lavorativa, il diritto al congedo può esserle riconosciuto limitatamente all eventuale periodo residuo, sempre che non siano ancora trascorsi i predetti tre mesi. Infine, si fa presente che qualora la lavoratrice interessata fruisca del congedo in occasione del collocamento temporaneo, la stessa non potrà avvalersi di un ulteriore periodo di congedo in caso di successivo affidamento preadottivo o di successiva adozione del minore medesimo. esempio di ripartizione delle ore di riposi orari in caso di parto plurimo MADRE PADRE ALMENO 6 ore giornaliere ALMENO 6 ore giornaliere MENO di 6 ore giornaliere 4 ore 0 ore 0 ore 3 ore 1 ora 1 ora 2 ore 2 ore 1 ora 1 ora 3 ore 2 ore O ore 4 ore 2 ore (ex) ast. obblig. o facoltativa 2 0re 1 ora MENO di 6 ore giornaliere ALMENO 6 ore giornaliere MENO di 6 ore giornaliere 2 ORE 0 ore 0 ore 1 ora 2 ore 1 ora 0 ore 4 ore 1 ora (ex) ast. obblig. o facoltativa 2 ore 1 ora

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "ARCANGELO GHISLERI"

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ARCANGELO GHISLERI Al Dirigente Scolastico I.I.S. A. GHISLERI CREMONA Il/la sottoscritto/a nato/a il a (Prov. ) residente a (Prov. ) in Via n, in servizio presso questa Istituzione scolastica in qualità di, C H I E D E di

Dettagli

Precisazioni e chiarimenti sull applicazione delle leggi n.104/92 e n.151/01

Precisazioni e chiarimenti sull applicazione delle leggi n.104/92 e n.151/01 Precisazioni e chiarimenti sull applicazione delle leggi n.104/92 e n.151/01 Riportiamo di seguito le circolari INPS del 2007, riguardanti l applicazione delle leggi suddette per l assistenza ai portatori

Dettagli

Ai Coordinatori Regionali INCA Ai Direttori Compr.li INCA Agli Uffici Zona INCA All Ufficio Handicap CGIL Alle Categorie CGIL LORO SEDI

Ai Coordinatori Regionali INCA Ai Direttori Compr.li INCA Agli Uffici Zona INCA All Ufficio Handicap CGIL Alle Categorie CGIL LORO SEDI PATRONATO INCA CGIL Sede Centrale Area danni da lavoro e sanità 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85352749 Internet : http: //www.inca.it E-mail : politiche-socio-sanitarie@inca.it

Dettagli

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP La persona handicappata maggiorenne in situazione di gravità

Dettagli

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 LEGGE 104 CONGEDO STRAORDINARIO Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 Legge 104/92 Art. 33 Tra i quesiti che ci pervengono quotidianamente da, lavoratori, delegati sindacali, membri di Associazioni

Dettagli

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 La legge riconosce ai lavoratori disabili e ai loro familiari il diritto di fruire, in presenza di determinate condizioni, di permessi retribuiti o di congedi

Dettagli

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER IL CONIUGE E I FIGLI CON GRAVE HANDICAP

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER IL CONIUGE E I FIGLI CON GRAVE HANDICAP CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER IL CONIUGE E I FIGLI CON GRAVE HANDICAP Legge Legge n. n. 388/00, 388/00, art. art. 80, 80, c. c. 2 D.lgs D.lgs n. n. 151/01, 151/01, art. art. 42, 42, c. c. 5 Legge Legge

Dettagli

1. In caso di adozione di minore, il congedo di maternità di cui al Capo III

1. In caso di adozione di minore, il congedo di maternità di cui al Capo III Direzione centrale Prestazioni a sostegno del reddito Direzione centrale delle Entrate contributive Direzione centrale delle Prestazioni Coordinamento generale Legale Direzione centrale Sistemi informativi

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO (1 ORA SE LA DURATA DELL ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO È INFERIORE A SEI ORE) I genitori, alternativamente, di un minore al quale

Dettagli

Tra famiglia e lavoro

Tra famiglia e lavoro Tra famiglia e lavoro A cura di Laura Abet* Conciliare i tempi di lavoro e quelli della famiglia è impresa difficile per tutti. La presenza di una persona con disabilità all'interno del nucleo familiare

Dettagli

1. Congedi per gravi e documentati motivi familiari (art. 42, comma 5,D.Lgs. 26.3.2001, n. 151)

1. Congedi per gravi e documentati motivi familiari (art. 42, comma 5,D.Lgs. 26.3.2001, n. 151) Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 26 Aprile 2002 Circolare n. 85 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma L art. 2, commi 452 456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244(Finanziaria 2008),

Dettagli

Il/la sottoscritto/a. nato/a il a ( Prov. ) residente a ( Prov. ) in Via/Piazza n, in servizio presso questa Istituzione scolastica in qualità di,

Il/la sottoscritto/a. nato/a il a ( Prov. ) residente a ( Prov. ) in Via/Piazza n, in servizio presso questa Istituzione scolastica in qualità di, Al Dirigente Scolastico Licei Sperimentali «G.A. Pujati» SACILE Il/la sottoscritto/a nato/a il a ( Prov. ) residente a ( Prov. ) in Via/Piazza n, in servizio presso questa Istituzione scolastica in qualità

Dettagli

Ai Rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Territoriali di Comparto CIRCOLARE N. 11

Ai Rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Territoriali di Comparto CIRCOLARE N. 11 Area Risorse e Sistemi Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti Ai Presidi di Facoltà Ai Direttori di Dipartimento A tutto il Personale

Dettagli

VITERBO LEGGE 104/92

VITERBO LEGGE 104/92 VITERBO LEGGE 104/92 D.lgs n.151/2001 1 ARAN Comparto del personale delle Regioni e delle Autonomie locali LA DISCIPLINA DEI PERMESSI E DEI CONGEDI PER LA TUTELA DEI DISABILI SOMMARIO SCHEDA N. 1 pag.

Dettagli

Introduce inoltre novità per ciò che riguarda i congedi per cura e per formazione.

Introduce inoltre novità per ciò che riguarda i congedi per cura e per formazione. Introduzione La legge 53/2000 (conosciuta con il titolo di Congedi Parentali) e altre norme ad essa collegata introducono rilevanti modifiche a importanti leggi dello Stato quali: La Legge 1204 del 30/12/1971

Dettagli

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Aggiornato alla Circ. INPS n^ 159 del 15/11/2013 La Corte Costituzionale con la recente sentenza n. 203 del 3 luglio 2013 ha dichiarato l

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI PER I GENITORI, ANCHE ADOTTIVI DI MINORI CON HANDICAP. Definizione introduttiva

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI PER I GENITORI, ANCHE ADOTTIVI DI MINORI CON HANDICAP. Definizione introduttiva GUIDA AI CONGEDI PARENTALI PER I GENITORI, ANCHE ADOTTIVI DI MINORI CON HANDICAP Definizione introduttiva L istituto dei congedi parentali (astensione facoltativa dal posto di lavoro del lavoratore o della

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

23.1 NOZIONI GENERALI

23.1 NOZIONI GENERALI 23 - HANDICAP 23.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

1. Congedo di maternità in caso di adozione e affidamento. 2. Congedo di paternità in caso di adozione e affidamento

1. Congedo di maternità in caso di adozione e affidamento. 2. Congedo di paternità in caso di adozione e affidamento Seite 1 von 8 Prassi delle Leggi d'italia I.N.P.S. (Istituto nazionale della previdenza sociale) Circ. 4-2-2008 n. 16 Art. 2, commi 452-456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Finanziaria 2008). Congedo

Dettagli

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Le parti, visto la Legge n 53 dell 8 Marzo 2000, concernente i Congedi Parentali, hanno convenuto sull opportunità di aggiornare la disciplina contrattuale di tale Istituto

Dettagli

Congedi parentali, congedi straordinari, prolungamento dell'astensione di maternità: novità dall'inps

Congedi parentali, congedi straordinari, prolungamento dell'astensione di maternità: novità dall'inps www.handylex.org Carlo Giacobini, Responsabile del Centro per la documentazione legislativa, UILDM - Direzione Nazionale Congedi parentali, congedi straordinari, prolungamento dell'astensione di maternità:

Dettagli

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati.

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati. DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO Roma, 10 luglio 2001 Circolare n. 138 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA E BENEFICI DELLA LEGGE 104 QUESITO (posto in data 26 marzo 2014) Sono un dirigente medico di sessanta anni, con trentacinque anni di anzianità. In seguito a gravi patologie mi è stata

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO. Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO.

PROVINCIA DI LIVORNO. Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO. PROVINCIA DI LIVORNO CIRCOLARE N. 1/2014 Ai Dirigenti Ai dipendenti Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO. Alla luce delle modifiche intercorse a seguito

Dettagli

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI?

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI? PERMESSI e CONGEDI PARENTALI (art. 33 L. 104/92) solo per genitori, parenti o affini di una persona riconosciuta in SITUAZIONE DI HANDICAP GRAVE (certificazione di gravità ex art. 3 c. 3 L104/92); solo

Dettagli

SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI

SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI Banca Fideuram S.p.A. SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI Il documento è stato realizzato in collaborazione con la Fisac Cgil di Banca Fideuram 1 CONGEDO DI MATERNITÀ/PATERNITÀ:

Dettagli

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA 400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Le norme in materia sono contenute nel d. lgs. 151/2001 e, per ciò che riguarda le disposizioni relative ai minori in adozione o affidamento, sono state introdotte

Dettagli

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE CGIL FP CGIL FUNZIONE PUBBLICA FEDERAZIONE PROVINCIALE DI NUORO Via Oggiano, 15 08100 N U O R O - Tel. 0784/37639 Fax 0784/35853 CONGEDI PARENTALI FAMILIARI FORMATIVI PERMESSI PER LAVORATORI DISABILI GRAVI

Dettagli

Maternità e Paternità alla luce del D.lgs 80/2015. A cura dell Ufficio della Consigliera di Parità regionale

Maternità e Paternità alla luce del D.lgs 80/2015. A cura dell Ufficio della Consigliera di Parità regionale Maternità e Paternità alla luce del D.lgs 80/2015 A cura dell Ufficio della Consigliera di Parità regionale Il decreto legislativo 80/2015 «Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e

Dettagli

IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO.

IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO. . Prot. n 2110/22 Circolare N 11/AGOSTO 2015 AGOSTO 2015 A tutti i colleghi (*) IL D.LGS. N 80 DEL 15 GIUGNO 2015: LA CONCILIAZIONE DELLE ESIGENZE DI CURA, DI VITA E DI LAVORO. È stato pubblicato sulla

Dettagli

Circolare n.14/2015 prot. 67063 del 14/12/15 Ai Direttori delle Strutture di ricerca. e, p.c. Alle OO.SS.

Circolare n.14/2015 prot. 67063 del 14/12/15 Ai Direttori delle Strutture di ricerca. e, p.c. Alle OO.SS. DIREZIONE GENERALE DIREZIONE AFFARI GIURIDICI SERVIZIO TRATTAMENTO GIURIDICO, ECONOMICO E PREVIDENZIALE Circolare n.14/2015 prot. 67063 del 14/12/15 Ai Direttori delle Strutture di ricerca Alla Direzione

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo 21 - HANDICAP 21.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992

INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992 INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992 1) Premessa - legislazione di riferimento Il legislatore, con la legge n. 104/1992 ha attribuito un complesso di provvidenze

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9807.F.6.2 Roma, 6.8.2001 C I R C O L A R E OGGETTO: Legge 8 marzo 2000, n. 53 recante Disposizioni per il sostegno

Dettagli

La Legge 104/92. Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale ed i diritti delle persone handicappate

La Legge 104/92. Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale ed i diritti delle persone handicappate La Legge 104/92 Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale ed i diritti delle persone handicappate Stefania Cupido Associazione Giuseppe Dossetti: i Valori 1 La Legge 104/92 segna il passaggio

Dettagli

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 aggiornato al 22 luglio 2015 (G.U. n. 144 del 24/06/2015) Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell art. 1 comma

Dettagli

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7 SOMMARIO Sommario Presentazione Congedo di maternità Congedo di paternità Congedi parentali Riposi giornalieri Congedi per malattia del bambino Tutela del lavoratore in caso di lavoro notturno 2 3 4 4

Dettagli

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna 4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna I diritti del malato oncologico Silvia Bettega Servizio Sociale Adulti

Dettagli

200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01.

200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01. 200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01. I permessi retribuiti per la tutela dell handicap sono stati introdotti dalla legge n. 104/1992, come

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULL UTILIZZO DEI PERMESSI RETRIBUITI DI CUI ALLA LEGGE 5.2.1992, N.104 E S.M.I.

REGOLAMENTO AZIENDALE SULL UTILIZZO DEI PERMESSI RETRIBUITI DI CUI ALLA LEGGE 5.2.1992, N.104 E S.M.I. REGOLAMENTO AZIENDALE SULL UTILIZZO DEI PERMESSI RETRIBUITI DI CUI ALLA LEGGE 5.2.1992, N.104 E S.M.I. 1 Art. 1 Riferimenti normativi Legge 5.2.1992, n.104 Legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

L'indennità di maternità

L'indennità di maternità Home Page Torna alle Informazioni Torna ai Servizi Torna Indietro Torna indietro Voi siete qui: Home > Informazioni > I contributi > Contributi fig.. L'indennità di maternità E' un'indennità sostitutiva

Dettagli

GUIDA alla legge 104/1992

GUIDA alla legge 104/1992 infouilca UIL CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI Milano e Lombardia ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ i quaderni di

Dettagli

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità Modifica delle norme di tutela della maternità È stato pubblicato sulla G.U. n. 144 del 26 giugno 2015 Supplemento ordinario n. 34, il Decreto Legislativo 15 giugno 2015, n. 80 "Misure per la conciliazione

Dettagli

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione Federazione Nazionale Assicuratori Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione A CURA DELLA COMMISSIONE FEMMINILE...hanno collaborato: Carla Prassoli Rita Mazzarella Armando

Dettagli

Aggiornamento al 25 settembre 2007

Aggiornamento al 25 settembre 2007 Aggiornamento al 25 settembre 2007 A cura di Adelmo Mattioli Patronato INCA CGIL Emilia Romagna 1 Articoli 26 e 31 T.U. Adozione Nazionale Il congedo per maternità pari ai 3 mesi successivi all ingresso

Dettagli

Dipartimento I Risorse Umane e Qualità dei Servizi. Roma, 9 settembre 2011. Rif. int. n.466/u

Dipartimento I Risorse Umane e Qualità dei Servizi. Roma, 9 settembre 2011. Rif. int. n.466/u Rif. int. n.466/u Roma, 9 settembre 2011 e p.c. Al Capo di Gabinetto Al Segretario Generale Al Direttore Generale Ai Direttori di Dipartimento e Uffici equiparati Ai Dirigenti di Servizio Ai dipendenti

Dettagli

Genitori adottivi o affidatari

Genitori adottivi o affidatari Genitori adottivi o affidatari Congedo di maternità Il congedo di maternità spetta, per un periodo massimo di cinque mesi, anche alle lavoratrici che abbiano adottato un minore. In caso di adozione nazionale,

Dettagli

CONGEDO PARENTALE 2015

CONGEDO PARENTALE 2015 CONGEDO PARENTALE 2015 Si riportano di seguito le modifiche, tardive e parziali, apportate a tale istituto dal Jobs act con validità limitata al periodo dal 25 giugno al 31 dicembre 2015 Art. 32 decreto

Dettagli

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale 4 Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese Indice Premessa pag. 3 Parte Prima: i diritti dei genitori 1. Permessi per controlli

Dettagli

Soggetti interessati alla L. 104 /1992

Soggetti interessati alla L. 104 /1992 «COMPLESSI EQUILIBRI» La Conciliazione famiglie e lavoro in tutte le sue declinazioni Alleanza territoriale Sud Est Asl MILANO 2 Congedi e permessi per la cura dei portatori di handicap LEGGE 104/1992

Dettagli

Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI

Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI 1 Legge 104/92 e successive integrazioni Legge quadro per l assistenza l integrazione sociale e i diritti delle persone disabili Permessi e congedi

Dettagli

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 12 maggio 2012 Dr.ssa Fabrizia Capitani Assistente Sociale Azienda Ospedaliero-Universitaria S. Orsola- Malpighi Bologna La procedura

Dettagli

Assenze per assistenza portatori di handicap

Assenze per assistenza portatori di handicap Assenze per assistenza portatori di handicap Riferimenti normativi: art.21 e 33 legge 5.2.1992 n. 104 e successive modifiche ed integrazioni, Dlgs. 26.3.2001 n. 151, circolare INPS dell 11 luglio 2003,

Dettagli

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER ASSISTERE SOGGETTI CON GRAVE HANDICAP

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER ASSISTERE SOGGETTI CON GRAVE HANDICAP CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER ASSISTERE SOGGETTI CON GRAVE HANDICAP Legge n. 388/00, art. 80, c. 2 D.lgs n. 151/01, art. 42, c. 5 Legge n. 350, art.3, c. 106 Sentenza Corte Costituzionale n. 233 del

Dettagli

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Con l emanazione della Circolare n. 13 del 6 dicembre 2010, il Dipartimento della Funzione Pubblica detta le disposizioni applicative dell art. 24

Dettagli

100 PERMESSI RETRIBUITI

100 PERMESSI RETRIBUITI 100 PERMESSI RETRIBUITI. I permessi retribuiti spettano al dipendente, in presenza dei presupposti richiesti dal contratto o da altre disposizioni di legge, senza decurtazione della retribuzione e della

Dettagli

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino Il comma 14 dell art. 19 Ccnl 2003 finalmente sancisce quello che sosteniamo da tempo: al personale con contratto a tempo determinato si applica

Dettagli

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008 I genitori che lavorano hanno diritto ad una serie di benefici atti a salvaguardare la loro salute a consentire loro di conciliare le esigenze lavorative con la cura dei figli ad impedire che, sul luogo

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

MODELLI DI DOMANDA PER FRUIRE DELLE ASSENZE

MODELLI DI DOMANDA PER FRUIRE DELLE ASSENZE MODELLI DI DOMANDA PER FRUIRE DELLE ASSENZE PERSONALE DELLA SCUOLA CON RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO PERSONALE I.T.I. OGGETTO: domanda per ferie nel corso dell anno scolastico

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1,

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E 9 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183, RECANTE DELEGHE AL GOVERNO IN MATERIA DI RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, DEI SERVIZI

Dettagli

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI C O M U N E PROVINCIA D I S E N N O R I DI SASSARI ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI ASSEGNO DI MATERNITA' ANNO 2012 L assegno è stato istituito dall art.66 della legge n.448/98 con effetto dal 01.01.1999

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 42 del 15/02/2013. Proposta n. 42

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 42 del 15/02/2013. Proposta n. 42 Estratto DETERMINAZIONE N. 42 del 15/02/2013 Proposta n. 42 Oggetto: DIPENDENTE COMUNALE. CONCESSIONE PERMESSI AI SENSI LEGGE 104/1992. Area Economico Finanziaria Proposta n. 42 Settore Segreteria ed Affari

Dettagli

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Settore Risorse umane, salute e sicurezza TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Riferimenti normativi: Legge 53/2000; D.Lgs. 151/2001 Ccnl 14.9.2000 Dpr 1026/76 - D.Lgs. 119/11 D.Lgs. 5/2012

Dettagli

Prime note sul D.Lgs. 80/2015. (Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro)

Prime note sul D.Lgs. 80/2015. (Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro) Prime note sul D.Lgs. 80/2015 (Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro) Il decreto è stato pubblicato sulla G.U. n.144 del 24-6-2015 (Suppl. Ordinario n. 34) ed è efficace

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria Il Capo del Dipartimento f.f. Circolare nr. 0186333-2001 del 26.07.2001 OGGETTO: Legge 8 marzo 2000, n.53 recante Disposizioni

Dettagli

I CONGEDI FAMILIARI PROGETTO BUON LAVORO MAMMA. La tutela della lavoratrice madre. Dipartimento di Prevenzione CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E FORMAZIONE

I CONGEDI FAMILIARI PROGETTO BUON LAVORO MAMMA. La tutela della lavoratrice madre. Dipartimento di Prevenzione CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E FORMAZIONE Dipartimento di Prevenzione CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E FORMAZIONE PROGETTO BUON LAVORO MAMMA La tutela della lavoratrice madre I CONGEDI FAMILIARI CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E FORMAZIONE Piazza Matteotti,

Dettagli

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito.

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito. CONGEDO DI MATERNITÀ/CONGEDO DI PATERNITÀ Contratto intercompartimentale 2001-2004 Alto Adige Congedo di maternità: astensione obbligatoria dal lavoro della madre lavoratrice. Congedo di paternità: astensione

Dettagli

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola Lo Stato assiste i pazienti oncologici attraverso il riconoscimento

Dettagli

VIALE MATTEOTTI, 30-50038 SCARPERIA (FI) - TEL. 055 846050 FAX

VIALE MATTEOTTI, 30-50038 SCARPERIA (FI) - TEL. 055 846050 FAX MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA TOSCANA ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO A SIEVE SCUOLA DELL'INFANZIA - PRIMARIA E SECONDARIA DI 1^

Dettagli

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA Circolare Docenti N. 121 Circolare ATA N. 29 Genova, 4 Febbraio 2014 Inviata via e mail Pubblicata sul sito www.itnautico.it Ai Docenti Al Personale ATA GENOVA e CAMOGLI Oggetto: Accertamento fruizione

Dettagli

Congedi di maternità, paternità e parentali - circ. INPS

Congedi di maternità, paternità e parentali - circ. INPS INFORMAZIONIAGGIORNAMENTIMAPPACONTATTORICERCA Tu sei in: Anfaa» Notizie e articoli CHI SIAMO SEZIONI CALENDARIO APPROFONDIMENTI NOTIZIE EVENTI BOLLETTINI RISORSE SCUOLA LIBRI TESTIMONIANZE ATTIVITÀ PRECEDENTI

Dettagli

IL CONGEDO OBBLIGATORIO E FACOLTATIVO DEL PADRE LAVORATORE DIPENDENTE

IL CONGEDO OBBLIGATORIO E FACOLTATIVO DEL PADRE LAVORATORE DIPENDENTE IL CONGEDO OBBLIGATORIO E FACOLTATIVO DEL PADRE LAVORATORE DIPENDENTE Circolare dell INPS L'INPS, con la circolare n. 40 dello scorso 14 marzo (vedi in allegato il testo integrale), fornisce chiarimenti

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 43 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 12 DEL 27/01/2015

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 43 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 12 DEL 27/01/2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 43 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 12 DEL 27/01/2015 OGGETTO: SIG. - OMISSIS -, DIPENDENTE COMUNALE A TEMPO INDETERMINATO

Dettagli

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico di Silvia Maria Cinquemani A) A FAVORE DEI BAMBINI 1.RICONOSCIMENTO DI INVALIDITÀ

Dettagli

CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE.

CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE. CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE. a cura di Libero Tassella, dalla Gilda di Napoli 12/11/2005 1. I Destinatari del congedo. La lavoratrice

Dettagli

80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it

80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Centro Studi Cafasso 80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 1/2006 Napoli, 7 aprile 2006 A tutte le Aziende assistite Loro

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO IMPEGNO ORARIO RIDOTTO QUESITO (posto in data 2 aprile 2010) Quali sono le norme contrattuali che regolano la possibilità di accedere ad un rapporto di lavoro part time per un anestesista di

Dettagli

A) Previsione generica comune a tutte le assenze per malattia (art. 21 CCNL del 21/2/1995 + art. 6 CCNL del 16/5/2001):

A) Previsione generica comune a tutte le assenze per malattia (art. 21 CCNL del 21/2/1995 + art. 6 CCNL del 16/5/2001): Vademecum a cura di Maura Bonito sulle Tutele previste per i lavoratori del comparto Ministeri affetti da patologie gravi che richiedano terapie salvavita (es. : emodialisi chemioterapia trattamento per

Dettagli

ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE CON ALMENO TRE FIGLI MINORI (ANF) E ASSEGNO DI MATERNITA' (MAT) EROGATI DAI COMUNI ASPETTI PRINCIPALI DELLA NORMATIVA

ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE CON ALMENO TRE FIGLI MINORI (ANF) E ASSEGNO DI MATERNITA' (MAT) EROGATI DAI COMUNI ASPETTI PRINCIPALI DELLA NORMATIVA Roma 19/04/2012 ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE CON ALMENO TRE FIGLI MINORI (ANF) E ASSEGNO DI MATERNITA' (MAT) EROGATI DAI COMUNI ASPETTI PRINCIPALI DELLA NORMATIVA La normativa nazionale ha introdotto

Dettagli

Al Direttore Generale Università di Siena SEDE

Al Direttore Generale Università di Siena SEDE Ufficio gestione risorse umane, relazioni sindacali e procedimenti disciplinari Domanda di ammissione ai permessi art. 33 L. 104/92 (per: - dipendenti portatori di handicap - genitori di figlio portatore

Dettagli

Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità

Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità Conciliazione tempi di vita e lavoro Nuove tutele per la maternità Slides aggiornate al 4 marzo 2015 Schema di Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri del 20.2.2015 e attualmente in attesa

Dettagli

Guida a cura di Marilena Mellone e Roberto Scipioni - Inca Nazionale

Guida a cura di Marilena Mellone e Roberto Scipioni - Inca Nazionale Guida a cura di Marilena Mellone e Roberto Scipioni - Inca Nazionale Ultimo aggiornamento gennaio 2016 I diritti del malato oncologico Tutela previdenziale, assistenziale e sociale La cura e l assistenza

Dettagli

1. NUOVE MODALITA DI ACCERTAMENTO DEI PERIODI DI SOGGIORNO IN SEDE DEI FAMILIARI A CARICO DEL PERSONALE IN SERVIZIO ALL ESTERO

1. NUOVE MODALITA DI ACCERTAMENTO DEI PERIODI DI SOGGIORNO IN SEDE DEI FAMILIARI A CARICO DEL PERSONALE IN SERVIZIO ALL ESTERO C/X/63 DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI AMMINISTRATIVI, DI BILANCIO E IL PATRIMONIO UFFICIO IV Roma, 27 dicembre 2004 Circolare n. 8 ================================ OGGETTO Maggiorazione per situazione

Dettagli

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione:

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione: TUTTO SUI PERMESSI NEL GRUPPO INTESASANPAOLO- AGGIORNATO 2013 Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale 1) Al Personale possono essere concessi permessi retribuiti, da giustificarsi

Dettagli

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142)

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) FERIE... 2 FESTIVITÀ... 2 PERMESSI... 2 PERMESSI BREVI... 2 PERMESSI PER FORMAZIONE... 3 PERMESSI PER

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

PROVVIDENZE A FAVORE DELLA FAMIGLIA (testo in vigore dal 1 luglio 2004)

PROVVIDENZE A FAVORE DELLA FAMIGLIA (testo in vigore dal 1 luglio 2004) Il testo delle «Provvidenze a favore della famiglia» approvato dal Santo Padre Giovanni Paolo II il 20 gennaio 1994 ed entrato in vigore il 1 gennaio 1994 (cfr. pagg. 16 e sgg. del Bollettino n. 3), successivamente

Dettagli

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE Welfare news n. 48 novembre 2013 SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE I recentissimi interventi legislativi: DLGS 101 e 102 del 31/8/2013 hanno apportato alcuni correttivi di salvaguardia per

Dettagli

Legge 104/92. Marzo PERMESSI E CONGEDI A TUTELA DELL HANDICAP FABI. A cura del COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA

Legge 104/92. Marzo PERMESSI E CONGEDI A TUTELA DELL HANDICAP FABI. A cura del COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Legge 104/92 Marzo 2015 PERMESSI E CONGEDI A TUTELA DELL HANDICAP A cura del COMITATO REGIONALE FABI EMILIA ROMAGNA Documentazione fornita da PATRONATO ACLI Servizio Previdenze Federazione Autonoma Bancari

Dettagli

Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione. dicembre 2014, n. 183

Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione. dicembre 2014, n. 183 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183 Oggetto

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER ACCUDIRE AL FIGLIO QUESITI (posti in data 28 ottobre 2009) 1) È possibile chiedere all'azienda un periodo di aspettativa senza assegni per accudire al figlio dell età di tre anni?

Dettagli

A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE OBBLIGATORIA

A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE OBBLIGATORIA L'INDENNITÀ DI MATERNITÀ CHE COS E E' un'indennità sostitutiva della retribuzione che viene pagata alle lavoratrici assenti dal servizio per gravidanza e puerperio. A CHI SPETTA A - INDENNITÀ PER ASTENSIONE

Dettagli

I ncontri DISABILITÀ LAVORO. cosa prevede la legge. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O. dicembre 2014 anno IV

I ncontri DISABILITÀ LAVORO. cosa prevede la legge. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O. dicembre 2014 anno IV I ncontri idee&fatti 27 dicembre 2014 anno IV DISABILITÀ E LAVORO n S P E C I A L E I N S E RT O n S P E C I A L E I N S E RT O DISABILITÀ E LAVORO 3 5 LEGGE 104/1992 CONGEDI PER CAUSE PARTICOLARI E GRAVI

Dettagli

Breve guida al congedo di paternità (aggiornata al 13 novembre 2010)

Breve guida al congedo di paternità (aggiornata al 13 novembre 2010) Breve guida al congedo di paternità (aggiornata al 13 novembre 2010) La legge riconosce al padre lavoratore dipendente il diritto al congedo parentale, anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto

Dettagli