Procedura P10 GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedura P10 GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI"

Transcript

1 Pag. 1 di 12 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE RIFERIMENTI IDENTIFICAZIONE DEI FORNITORI STRUMENTI DI SELEZIONE DEI FORNITORI Indagine di mercato Gara di appalto Preventivi VALUTAZIONE DEI FORNITORI Strumento e supporto per la valutazione GESTIONE ORDINI E FORNITURE ALIMENTARI DETERSIVI PRODOTTI IGIENE PER OSPITI MATERIALE DI CONSUMO PER OSPITI AUSILI PER OSPITI AUSILI PER INCONTINENZA INTEGRATORI-ADDENSANTI MANUTENZIONI ACQUISTI SU PIAZZA CONTROLLI SU APPROVVIGIONAMENTI E FORNITURE ATTIVITÁ AL RICEVIMENTO GESTIONE NON CONFORMITÀ Stesura: SB (GEODE) Direttore (Laura Cazzaro) Data 10/02/15 Verifica: RGQ Data 05/06/15 Approvazione: Direttore (Laura Cazzaro) Data

2 Pag. 2 di 12 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La procedura descrive le modalità seguite per la ricerca, valutazione e selezione dei fornitori, la gestione dei fabbisogni e delle richieste di acquisto, l emissione degli ordini di acquisto, i controlli al ricevimento e i livelli di servizio erogati. La procedura si applica a tutti i prodotti, materiali, merci e servizi acquistati dalla Azienda Speciale DON MOSCHETTA ad esclusione dei farmaci. L approvvigionamento dei farmaci all ULSS 10 e alle farmacie di zona sono gestiti attraverso procedura P03 Gestione farmaci e terapia. 2 RIFERIMENTI P03 Gestione farmaci e terapia P11 Gestione Non Conformità - Regolamento acquisti in economia dell Azienda Speciale DON MOSCHETTA L.190/2012 Normativa anticorruzione M71 Registro fornitori M72 Piano controlli approvvigionamento M80 Schema di fornitura (allegato A) M81 Offerta (allegato B) M82 Ordini alimentari 3 IDENTIFICAZIONE DEI FORNITORI Tutti i prodotti, materiali e servizi acquistati e approvvigionati dalla Casa di Riposo DON MOSCHETTA sono identificati e raccolti in settori merceologici e in sottogruppi in base alla criticità e importanza per l erogazione dei servizi in DON MOSCHETTA e al valore economico di spesa annuale. Questi settori merceologici sono identificati e gestiti attraverso il database Registro fornitori M71, aggiornato regolarmente da Amministrazione e dal Direttore, dove sono indicati: macro settore; settore merceologico (sottogruppo del macro settore); criticità del fornitore o meno; lo strumento di selezione e valutazione del fornitore (gara di appalto, indagine di marcato, ecc.); i parametri di valutazione. Ai settori merceologici sono assegnati uno o più fornitori secondo una valutazione dei parametri definiti dal Direttore in collaborazione con Amministrazione e il Coordinatore Socio- Sanitario. I fornitori selezionati, valutati e presenti nella fase di valutazione sono inseriti e gestiti nel Registro fornitori M71 da Amministrazione e dal Direttore. I fornitori assegnati nei settori merceologici e sottogruppi critici (cioè fondamentali per i servizi dell Azienda Speciale DON MOSCHETTA) sono considerati a loro volta critici.

3 Pag. 3 di 12 4 STRUMENTI DI SELEZIONE DEI FORNITORI Per la selezione dei fornitori che possono fornire e approvvigionare l Azienda Speciale DON MOSCHETTA di prodotti e servizi, sono utilizzati: 1. Indagine di mercato; 2. Gara di appalto; 3. Preventivi e comparazione. Gli strumenti di selezione sono utilizzati dall Amministrazione e dal Direttore. 4.1 Indagine di mercato L indagine di mercato deve essere preventivamente autorizzata dal Consiglio di Amministrazione in sede di riunione annuale e/o periodica che viene verbalizzata. Questa viene effettuata dal Direttore e dall Amministrazione per importi di fornitura inferiori al valore di ,00 e in particolare focalizzata su prodotti con caratteristiche ben definite su cui si vuole verificare il prezzo. Si individuano dei possibili fornitori in base a: conoscenze dirette in base a precedenti forniture; segnalazioni di altre strutture socio-sanitarie; su presentazioni di potenziali fornitori (brochure, cataloghi, , visite di commerciali); ricerche su web; annuari ed documentazioni di espositori a fiere di settore. Il numero dei fornitori da valutare è minimo di 3 compreso quello già operativo (storico o qualificato). Una volta individuati i fornitori, Amministrazione invia lettera invito a presentare un offerta in base allo Schema di fornitura M80 (allegato A) che viene contestualmente inviato al fornitore (via o fax). Viene inoltre inviato lo Schema di dichiarazione da allegare all offerta M81 (allegato B) come autodichiarazione da parte del fornitore stesso. I fornitori rispondono inviando ad Amministrazione: Schema di fornitura M80 (allegato A) compilato ; Schema di dichiarazione da allegare all offerta M81 (allegato B) compilato. Amministrazione effettua il controllo della documentazione inviata dai fornitori ed informando il Direttore. La valutazione dei prezzi viene effettuata dal Direttore con l Amministrazione per la scelta del fornitore a cui assegnare la fornitura. La scelta del fornitore viene formalizzata nel Verbale di gara in cui sono riassunti i nominativi dei fornitori inviatati, gli importi comunicati dai fornitori e verificati dall Amministrazione. Il Verbale di gara viene firmato dal direttore e dai componenti dell Amministrazione e/o dal Coordinatore Socio-Sanitario a seconda della tipologia di fornitura. Amministrazione aggiorna il database Registro fornitori M71. Tutta la documentazione relativa all indagine di mercato viene raccolta in una cartella e archiviata per prodotti-settore da Amministrazione in raccoglitori nell ufficio Amministrazione. 4.2 Gara di appalto La gara di appalto deve essere preventivamente autorizzata dal Consiglio di Amministrazione in sede di riunione annuale e/o periodica che viene verbalizzata. Le gare di appalto viene utilizzata per importi di fornitura uguali o superiori al valore di ,00 di prodotti e servizi fondamentali per l erogazione dei servizi dell Azienda Speciale DON MOSCHETTA e di somministrazione continua. Come linea generale si fa riferimento al D.Lgs.163/2006 Art.125 anche se l Azienda Speciale DON MOSCHETTA non è obbligata giuridicamente. Il numero dei fornitori da invitare e valutare è minimo di 5, compreso quello già operativo (storico o qualificato).

4 Pag. 4 di 12 Si individuano dei possibili fornitori in base a: conoscenze dirette in base a precedenti forniture; segnalazioni di altre strutture socio-sanitarie; su presentazioni di potenziali fornitori (brochure, cataloghi, , visite di commerciali); ricerche su web; annuari ed documentazioni di espositori a fiere di settore. Una volta individuati i fornitori, Amministrazione invia: lettera invito a presentare un offerta; Schema di fornitura M80 (allegato A); Schema di dichiarazione da allegare all offerta M81 (allegato B) come autodichiarazione da parte del fornitore stesso; Capitolato di gara. I fornitori compileranno e invieranno la documentazione in busta chiusa secondo le indicazioni riportate nel Capitolato di gara e nella lettera d invito. L apertura delle buste chiuse dei fornitori viene effettuata nei tempi e modalità definita dal Capitolato di gara da parte di Amministrazione e del Direttore e/o del Coordinatore Socio-Sanitario a seconda della tipologia di fornitura. La valutazione delle offerte viene effettuata dal Direttore con l Amministrazione per la scelta del fornitore a cui assegnare la fornitura secondo i criteri di punteggio definito nel Bando di gara. La scelta del fornitore viene formalizzata nel Verbale di gara in cui sono riassunti i nominativi dei fornitori invitati, gli importi comunicati dai fornitori e verificati dall Amministrazione, altri criteri valutati con punteggio. Il Verbale di gara viene firmato dal Direttore e dai componenti dell Amministrazione e/o dal Coordinatore Socio-Sanitario a seconda della tipologia di fornitura. Tutta la documentazione relativa alle gare viene raccolta in cartelle e archiviata per prodottisettore da Amministrazione in raccoglitori nell ufficio Amministrazione. Amministrazione aggiorna il database Registro fornitori M71.

5 Pag. 5 di Preventivi Le forniture attraverso preventivi e comparazione sono utilizzati per importi di fornitura uguali o inferiori al valore di ,00 di prodotti e servizi fondamentali per l erogazione dei servizi dell Azienda Speciale DON MOSCHETTA, solitamente di singola fornitura e non ripetitiva (ad esempio attrezzature per gli ospiti, macchina per la cucina, ecc.). La richiesta deve essere comunicata al Presidente almeno verbalmente. Il Presidente valuterà e visterà successivamente il preventivo di spesa. Si individuano dei possibili fornitori in base a: conoscenze dirette in base a precedenti forniture; segnalazioni di altre strutture socio-sanitarie; su presentazioni di potenziali fornitori (brochure, cataloghi, , visite di commerciali); ricerche su web; annuari ed documentazioni di espositori a fiere di settore. Il numero dei fornitori da valutare è minimo di 3. Una volta individuati i fornitori, Amministrazione invia lettera invito o a presentare un offerta in base alle richieste specifiche dell Azienda Speciale DON MOSCHETTA. La valutazione dei prezzi, in base alle offerte-preventivi dei fornitori, viene effettuata dal Direttore con l Amministrazione ed eventuale Coordinatore Socio-Sanitario o professionista, a seconda della tipologia di fornitura, per la scelta del fornitore a cui assegnare la fornitura stessa. L offerta del fornitore individuato dal Direttore viene sottoposta al Presidente per approvazione. Il Presidente firma l offerta-preventivo per approvazione. Il Direttore accetta e conferma l offerta-preventivo con timbro e firma direttamente su offerta-preventivo o eventuale contratto del fornitore. Amministrazione aggiorna il database Registro fornitori M71. Tutta la documentazione relativa ai preventivi viene raccolta in una cartella e archiviata per prodotti-settore da Amministrazione in raccoglitori nell ufficio Amministrazione.

6 Pag. 6 di 12 5 VALUTAZIONE DEI FORNITORI La valutazione dei fornitori è eseguita dal Direttore e da Amministrazione, in collaborazione con il Coordinatore Socio-Sanitario e RGQ, ed avviene in base a parametri diversi a seconda del prodotto-servizio e dei settori merceologici. Questi parametri possono essere: a. Caratteristiche tecniche-specifiche; b. Prezzo; c. Tempi di consegna (rispetto); d. Rispondenza alle richieste dell ordine-fornitura; e. Modalità di pagamento (tempi); f. Qualità del servizio erogato e/o non conformità. g. Requisiti tecnico-professionali (autorizzazione, certificazioni, abilitazioni, ecc.). I parametri considerati per la valutazione possono essere tutti o solo alcuni a seconda del prodottoservizio e del settore merceologico. 5.1 Strumento e supporto per la valutazione Per la valutazione e rivalutazione periodica dei fornitori è utilizzato il file Registro fornitori M71. La colonna STATO-VALUTAZIONE del file Registro fornitori M71 indica lo stato in cui si trova il fornitore e viene aggiornata da Amministrazione ogni volta che sono accettati e/o completati Indagini di mercato, gare di appalto e preventivi con comparazione. La colonna STATO-VALUTAZIONE serve anche come discriminante per invitare fornitori e procedere all approvvigionamento. L Amministrazione mantiene aggiornato il file Registro fornitori M71 anche su indicazioni specifiche del Direttore e del Coordinatore Socio Sanitario (ad esempio non conformità, livelli di servizio, ecc.). L Amministrazione e il Direttore in base allo stato dei fornitori del file Registro fornitori M71 emette o blocca gli ordini di acquisto-approvvigionamento. Eventuali richieste di acquisto o di approvvigionamenti a fornitori in stato ESCLUSO o DA SOSTITUIRE devono essere richieste specificatamente al Direttore. L emissione di ordini di acquisto o di approvvigionamenti a fornitori in stato ESCLUSO o DA SOSTITUIRE, se non approvata su deroga dal Direttore è considerata come NON CONFORMITÀ e quindi gestita come da procedura P11 Gestione Non Conformità. La rivalutazione dei fornitori viene eseguita dal Direttore con Amministrazione anche in collaborazione con il Coordinatore Socio-Sanitario e di RGQ, in base anche alla tipologia di fornitura, con l avanzamento della gestione degli acquisti e degli approvvigionamenti. La rivalutazione dei fornitori viene comunque rivista con cadenza massima annuale. Di seguito tabella per l identificazione dello stato di valutazione dei fornitori: Storico STATO Qualificato Occasionale In prova Descrizione Fornitore di lunga data e consolidato. Qualificato da almeno 5 anni. Si possono emettere ordini, invitare a gare e indagini di mercato. Fornitore testato e provato con 2 forniture positive. I fornitori selezionati attraverso l accettazione di preventivi diventano qualificati. Si possono emettere ordini, invitare a gare e indagini di mercato. Fornitore da cui ci si rifornisce di tanto in tanto, con esito positivo. Fornitore di riserva. Si possono emettere ordini. Fornitore che si sta testando con campionature o piccoli ordini.

7 Pag. 7 di 12 Emettere ordini solo su autorizzazione del Direttore. Escluso Fornitore che non sta rispettando le condizioni richieste. Non emettere ordini a questo fornitore. Non accettare preventivi. Non invitare a indagini di mercato e gare. Da sostituire Fornitore qualificato ma che non sta consegnando forniture in linea con le richieste-aspettative e che provoca-ha provocato problemi e/o non conformità. In attesa di essere sostituito totalmente. Si possono emettere ordini invitare a indagini di mercato e/o gare ma con attenzione e su deroga del Direttore. 6 GESTIONE ORDINI E FORNITURE Di seguito la gestione degli ordini di approvvigionamento distinti per i principali settori. 6.1 ALIMENTARI Gli ordini degli alimentari ai fornitori sono eseguiti dalla cucina attraverso il modulo M82 Ordini alimentari. Il modulo M82 viene compilato dai cuochi in base al menù e alle scorte di magazzino. Il modulo M82 viene trasmesso ai fornitori secondo il calendario definito con i fornitori. Il modulo M82 viene consegnato dai cuochi all Amministrazione che provvede a inviarlo in formato pdf ai fornitori via . Il modulo M82 pdf viene archiviato da Amministrazione nella cartella server. Il modulo M82 cartaceo viene riconsegnato in cucina da Amministrazione per il controllo dell ordine all arrivo della merce. 6.2 DETERSIVI Il personale della lavanderia verifica regolarmente le scorte dei detersivi e nella visita periodica dell agente di vendita dell azienda fornitrice indica i fabbisogni. L agente di vendita dell azienda fornitrice emette una copia commissione che lascia in copia al personale della lavanderia, che a sua volta la consegna all Amministrazione. 6.3 PRODOTTI IGIENE PER OSPITI La ricerca, selezione e scelta dei fornitori sono gestite come per i prodotti gestiti con Indagine di mercato (si veda punto 4.1 della presente procedura). Il Coordinatore, in base alle scorte di magazzino e alle indicazioni dei capi turno, effettua un ordine con cadenza mensile attraverso il portale informatico dell azienda fornitrice: prezzi e condizioni generali di fornitura sono quelli già pattuiti. Gli ordini dei materiali rimangono in memoria e disponibili nell area dedicata nel portale informatico dell azienda fornitrice. Il Coordinatore stampa quindi l ordine di acquisto che consegna in copia ad Amministrazione e al Capo turno.

8 Pag. 8 di 12 All arrivo dei materiali il Capoturno/Operatore addetto al ricevimento effettua i controlli al ricevimento. Per gli ordini il Coordinatore può utilizzare scheda cartacea nei casi di impossibilità dell uso del portale informatico dell azienda fornitrice. 6.4 MATERIALE DI CONSUMO PER OSPITI L Amministrazione effettua un controllo visivo delle scorte dei materiali di consumo per gli ospiti (tovaglioli, bicchieri, ecc.) con una cadenza mensile. In base alle scorte riscontrate e ai consumi del periodo l Amministrazione compila un ordine con i codici e le quantità dei prodotti che invia via o fax all azienda fornitrice. 6.5 AUSILI PER OSPITI La ricerca, selezione e scelta dei fornitori sono gestite come per i prodotti gestiti con Indagine di mercato o gara d appalto (si veda punto 4.1 e 4.2 della presente procedura). Per gli acquisti il Fisioterapista si consulta con il Coordinatore per gli aspetti sanitari dei prodotti e con il Direttore. In base alla discussione e alle indicazioni del Direttore, il Fisioterapista richiede quindi un preventivo alle aziende individuate, che possono essere fornitori già qualificati o nuovi fornitori. 6.6 AUSILI PER INCONTINENZA La ricerca, selezione e scelta dei fornitori sono gestite come per i prodotti gestiti con Indagine di mercato gara d appalto (si veda punto 4.1 e 4.2 della presente procedura). Il Coordinatore, in base alle scorte di magazzino e alle indicazioni dei capi turno, effettua un ordine con cadenza mensile attraverso il portale informatico dell azienda fornitrice: prezzi e condizioni generali di fornitura sono quelli già pattuiti. Gli ordini dei materiali rimangono in memoria e disponibili nell area dedicata nel portale informatico dell azienda fornitrice. Il Coordinatore stampa quindi l ordine di acquisto che consegna in copia ad Amministrazione e al Capo turno. All arrivo dei materiali il Capoturno effettua i controlli al ricevimento. Per gli ordini il Coordinatore può utilizzare scheda cartacea nei casi di impossibilità dell uso del portale informatico dell azienda fornitrice. 6.7 INTEGRATORI-ADDENSANTI La ricerca, selezione e scelta dei fornitori sono gestite come per i prodotti gestiti con Indagine di mercato (si veda punto 4.1 della presente procedura). Le esigenze di integratori e addensanti sono assegnate agli ospiti in base a prescrizione medica. Il Coordinatore in base alle esigenze richiede preventivo all azienda fornitrice individuata. 6.8 MANUTENZIONI La ricerca, selezione e scelta dei fornitori sono gestite secondo gli strumenti di valutazione dei fornitori descritti al punto 4 della presente procedura Materiali di consumo-bulloneria-ferramenta in genere Il manutentore effettua degli acquisti su piazza presso le ferramenta e/o negozi individuate. A fine mese, i negozi di ferramenta e/o i negozi individuati inviano fattura complessiva all Amministrazione che prima del pagamento fa verificare al manutentore la correttezza dei dati relativi agli acquisti Interventi di manutenzione e assistenza su Impianti-attrezzature-macchine

9 Pag. 9 di 12 Il manutentore provvede a contattare l azienda fornitrice e/o il costruttore per gli interventi di manutenzione ordinaria come da programmi annuali definiti, di manutenzione straordinaria e di assistenza nei casi di guasti, rotture e malfunzionamenti. Le aziende fornitrici e/o costruttore al termine dell intervento consegnano un rapportino d intervento che viene scansionato in formato pdf da parte della manutenzione e allegata ai programmi annuali e poi consegnato all Amministrazione che archivia in originale.

10 Pag. 10 di ACQUISTI SU PIAZZA Le richieste di materiali e prodotti di modico valore economico, cioè inferiori al valore di 150,00, sono gestite attraverso acquisti su piazza, cioè direttamente acquistando il prodotto presso il fornitore (solitamente in negozio, sanitaria, ferramenta, distributore di carburante, ecc.) e pagando in contanti. La richiesta di questi materiali e prodotti deve essere autorizzata attraverso il modulo di richiesta in carta chimica utilizzato anche per le manutenzioni. Il richiedente compila e firma il modulo, descrivendo la necessità-esigenza e richiedendo l approvazione da parte del Direttore, che vista il modulo compilato. Il richiedente con il modulo si fa consegnare il denaro in contante necessario o una cifra di valore previsto per l acquisto da Amministrazione. Amministrazione segna nel modulo la cifra consegnata in contanti. Ad acquisto effettuato al modulo compilato e firmato viene allegato lo scontrino fiscale. Il modulo con scontrino deve essere consegnato in Amministrazione (economo) per le registrazioni contabili su file excel specifico. Altri acquisti di valore superiore come i valori bollati, giornali, bollo auto, riparazioni, sono gestite con richieste scritte e ricevute-fatture, e successiva registrazione contabile da parte dell Amministrazione (economo) su file excel specifico.

11 Pag. 11 di CONTROLLI SU APPROVVIGIONAMENTI E FORNITURE Di seguito Piano dei controlli al ricevimento M72. Controllo documentale Controllo specifico Settore mercelogico Materiali-prodottiservizi Controllo documentale Tipo di controllo Controllo specifico Strumenti di controllo Tolleranza Frequenza di controllo Registrazione del controllo Chi esegue il controllo Scadenza Visivo minimo a 2 campione mesi all'interno della fornitura d.d.t.? carni bianche visivo CUOCHI Peso Bilancia ± 3 % a campione d.d.t.? Aspetto Visivo - a ogni fornitura d.d.t.? alimentari carni rosse (surgelate) vari (colazioni, scatolame,ecc.) pesce (congelato) latte e latticini visivo Scadenza Visivo minimo 2 mesi a ogni fornitura d.d.t.? Peso Bilancia ± 3 % a campione d.d.t.? Aspetto Visivo - a ogni fornitura d.d.t.? visivo Scadenza Visivo minimo 2 mesi visivo a campione sulla fornitura d.d.t.? Scadenza Visivo minimo 2 mesi a ogni fornitura d.d.t.? Peso Bilancia ± 3 % a campione d.d.t.? Aspetto Visivo - a ogni fornitura d.d.t.? CUOCHI Addetti sala CUCINA CUOCHI visivo Scadenza Visivo minimo 2 mesi a campione d.d.t.? CUOCHI frutta-verdura visivo Scadenza Visivo minimo 2 mesi a ogni fornitura d.d.t.? Peso Bilancia ± 3 % a campione d.d.t.? visivo Aspetto Visivo - a ogni fornitura d.d.t.? bevande d.d.t-ordine. visivo Scadenza Visivo minimo 2 mesi a ogni fornitura d.d.t.?? vino visivo Scadenza Visivo minimo 2 mesi a ogni fornitura d.d.t.?? pane d.d.t-ordine. visivo Peso. Bilancia ± 3 % a campione d.d.t.?? visivo Aspetto Visivo minimo 2 mesi a ogni fornitura d.d.t.?? detersivi detersivi (cucinalavanderia) commissione d.d.t-copia visivo d.d.t.?? prodotti per prodotti per igiene igiene ospiti ospiti d.d.t-ordine?? visivo d.d.t.?? materiale di materiale di consumo ospiti consumo ospiti d.d.t-ordine visivo d.d.t.? farmaci farmaci? visivo???? d.d.t.? CUOCHI ausili per ospiti ausili per ospiti d.d.t-ordine visivo d.d.t. Capi turno? servizi lavanderia esterna d.d.t-ordine?? visivo Peso confrontato con quello in uscita. Bilancia? ogni fornitura d.d.t. servizi pulizie d.d.t-ordine?? visivo???? d.d.t.? personale Lavanderia

12 Pag. 12 di ATTIVITÁ AL RICEVIMENTO Si veda anche il Piano dei controlli al punto 7 della presente procedura. Al ricevimento delle merci deve sempre essere effettuato un controllo documentale, considerato un controllo minimo da effettuare sulle forniture. Il personale identificato nel Piano dei controlli approvvigionamento M72 deve controllare: a. che il destinatario fiscale sia effettivamente l Azienda Speciale DON MOSCHETTA; b. il numero dei colli e/o quantità; c. che il prodotto corrisponda a quanto descritto dagli ordini di acquisto; d. l integrità dell imballo e/o del materiale; Se tutto corrisponde nei d.d.t. e ordini, il personale identificato nel M72 Piano dei controlli firma i documenti per il ricevimento dei materiali. Nei casi di mancanza di corrispondenza o di errori dei punti precedenti (a,b,c,d) il personale identificato nel M72 Piano dei controlli approvvigionamento comunica la non conformità al Coordinatore e/o Direttore o si mette in contatto direttamente con il fornitore per risolvere la non conformità. Nei casi più gravi viene aperta non conformità come da procedura P11 Gestione Non Conformità. 8. GESTIONE NON CONFORMITÀ I casi di non conformità nelle forniture e nell approvvigionamento vanno gestiti come da procedura P11 Gestione Non Conformità.

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO

PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO Gestione del processo di approvvigionamento Pag. 1 di 7 PRG 7.4 A GESTIONE DEL PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO n ediz. Data Descrizione Firma preparazione Firma approvazione DIR Firma verifica RGQ 00 01/09/02

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI. UFFICIO TECNICO Pag. 1 di 6

GESTIONE APPROVVIGIONAMENTI. UFFICIO TECNICO Pag. 1 di 6 UFFICIO TECNICO Pag. 1 di 6 SOMMARIO 1. Scopo 2 2. Generalità 2 3. Applicabilità 2 4. Termini e Definizioni 2 5. Riferimenti 2 6. Responsabilità ed Aggiornamento 3 7. Modalità operative 3 REVISIONI N REV.

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE APPROVVIGIONAMENTO E FORNITORI 02 30/09/2006 SOMMARIO

PROCEDURA GESTIONE APPROVVIGIONAMENTO E FORNITORI 02 30/09/2006 SOMMARIO Pagina 1 di 6 SOMMARIO 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RESPONSABILITÀ...2 3 FLOW PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO...3 4 ORDINI DI ACQUISTO...4 5 CONTROLLI AL RICEVIMENTO...5 6 SELEZIONE E QUALIFICA

Dettagli

OGGETTO: BANDO DI ABILITAZIONE PER L AGGIORNAMENTO DELL ALBO FORNITORI DEL SISTEMA ACQUISTI ON LINE DEL COMUNE DI CREMONA.

OGGETTO: BANDO DI ABILITAZIONE PER L AGGIORNAMENTO DELL ALBO FORNITORI DEL SISTEMA ACQUISTI ON LINE DEL COMUNE DI CREMONA. OGGETTO: BANDO DI ABILITAZIONE PER L AGGIORNAMENTO DELL ALBO FORNITORI DEL SISTEMA ACQUISTI ON LINE DEL COMUNE DI CREMONA. In esecuzione della determinazione dirigenziale n. 1360/32807 del 2 luglio 2004

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA CASSA ECONOMALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA CASSA ECONOMALE REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA CASSA ECONOMALE Approvato con verbale del C.d.A. n. 69 del 24.06.2008 Aggiornato con Delibera dell Amministratore Unico n. 11 del 30.09.2013 Reg. Impr. Di Potenza F. e P.

Dettagli

CITTÀ DI ALBANO LAZIALE

CITTÀ DI ALBANO LAZIALE CITTÀ DI ALBANO LAZIALE Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA INDICE 1. Funzioni...2 2. Costituzione e composizione della commissione...2

Dettagli

AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica INDICE

AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica INDICE Pag.: 1/7 REDAZIONE A CURA DI Francesca Valvo RSGQ DOCUMENTO APPROVATO DA Gabriella Ianni Direzione SEA Abruzzo Emissione AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica 01 2011-10-10 Prima Emissione RSGQ

Dettagli

GESTIONE DEL MAGAZZINO AZIENDALE

GESTIONE DEL MAGAZZINO AZIENDALE GESTIONE DEL MAGAZZINO AZIENDALE Pag. di 0 RIFERIMENTI UNI EN ISO 900:008 Par. 7.5 Manuale SEZ 7 UNI EN ISO 400:004 Par. 4.4.6 Manuale SEZ 7 BS OHSAS 800:007 Par. 4.4.6 Manuale SEZ 7 REVISIONI REV. DATA

Dettagli

PROCEDURA ACQ Acquisti

PROCEDURA ACQ Acquisti Sommario PROCEDURA ACQ Pagina 1 di 6 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. FUNZIONI AZIENDALI INTERESSATE...2 4. RESPONSABILITÀ E AUTORITÀ...2 5. VALUTAZIONE DEI FORNITORI...2 6. VALUTAZIONE NUOVI

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Procedura di gestione degli approvvigionamenti

Procedura di gestione degli approvvigionamenti Doc.: PQ08 Rev.: 5 Data: 16/03/15 Pag.: 1 di 09 Procedura di gestione degli approvvigionamenti EMESSA DA: Tomasello Maria VERIFICATA DA: Cazzaniga Laura APPROVATA DA: Mariagrazia Fornaroli Doc.: PQ08 Rev.:

Dettagli

STANDARD CONTABILI AMMINISTRATIVI AUTOGRILL SPA

STANDARD CONTABILI AMMINISTRATIVI AUTOGRILL SPA STANDARD CONTABILI AMMINISTRATIVI AUTOGRILL SPA Questo documento ha l obiettivo di indicare i requisiti minimi essenziali relativi agli standard amministrativi ai quali la società Autogrill chiede a tutti

Dettagli

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM LICEO ERASMO DA ROTTERDAM APPROVVIGIONAMENTO Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo ERASMO DA ROTTERDAM INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ 1.4 ORDINI DI ACQUISTO

Dettagli

APPROVVIGIONARE APPROVVIGIONARE. Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione. 00 xx/xx/xxxx Prima emissione

APPROVVIGIONARE APPROVVIGIONARE. Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione. 00 xx/xx/xxxx Prima emissione APPROVVIGIONARE Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ OPERATIVE MONITORAGGIO E MISURAZIONE

Dettagli

MA UALE DELLE PROCEDURE ALIMENTI

MA UALE DELLE PROCEDURE ALIMENTI PROCEDURA EROGAZIONE SENZA GLUTINE A PAZIENTI AFFETTI DA MORBO CELIACO REDATTO Dipartimento del Farmaco Dott.ssa Alessandra Mingarelli Farmacisti Dott. D. Carletti Dott.ssa L.Arenare CONDIVISO Dipartimento

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT DIREZIONE SANITARIA AZIENDALE Procedura Operativa APPROVVIGIONAMENTO E GESTIONE MAGAZZINO REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 00 OTTOBRE 2015 INDICE Farmacista Specializzando Dott. Cataldo Procacci

Dettagli

GESTIONE DEI RAPPORTI

GESTIONE DEI RAPPORTI 07/02/2011 Pag. 1 di 8 GESTIONE DEI RAPPORTI TRA SIDEM E I SUOI CLIENTI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ...

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Approvato con delibera n. 7 del 22/11/2006 Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Procedura : PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI ALIMENTARI

Procedura : PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI ALIMENTARI IPSSEOA Michelangelo Buonarroti - Fiuggi - Procedura del Sistema di Gestione della Qualità PGE 02 Rev. 01 del 23.03.2012 Procedura : PROCESSO DI APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI ALIMENTARI ELENCO REVISIONI

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.4

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.4 1 di 5 PROCESSO DI GESTIONE DELLE REGISTRAZIONI DELLA QUALITA Copia on line controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto dell

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 7 INDICE 1. OBIETTIVO... 2 2. ATTIVITA FISIOTERAPICA GENERALE... 2 2.1 PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 2 2.2 MODULISTICA... 3 2.3 STRUMENTI... 3 2.4 FREQUENZA... 3 MODALITÀ

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO PISTA DI CONTROLLO INDICE 1. SCHEDA ANAGRAFICA...3 2. ORGANIZZAZIONE STRUTTURALE...4 3. MACRO PROCESSO GESTIONALE...5

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA DE TALI s.n.c. Di Tali R. & Tizio F. Via per Dovado, 95/A 790344 Vattelapesca (ZZ) SEZ. 1 Redatto Consulente

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 07 RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI INDICE DI REVISIONE 0 SCOPO Copia conforme

Dettagli

OBIETTIVO: DEFINIRE LE MODALITA PER LA CORRETTA FORMULAZIONE DI UN ORDINE E SUCCESSIVO INVIO

OBIETTIVO: DEFINIRE LE MODALITA PER LA CORRETTA FORMULAZIONE DI UN ORDINE E SUCCESSIVO INVIO U.O.A ASSISTENZA FARMACEUTICA TERRITORIALE TITOLO: FORMULAZIONE ED INVIO ORDINI PAG. 1 DI PAG.4 ALLEGATE PAG. N 7 OBIETTIVO: DEFINIRE LE MODALITA PER LA CORRETTA FORMULAZIONE DI UN ORDINE E SUCCESSIVO

Dettagli

QUESTIONARIO QUALIFICAZIONE FORNITORE

QUESTIONARIO QUALIFICAZIONE FORNITORE Data: Spett.le Società vi informiamo che (inserire nome azienda) ha attivato un sistema di valutazione, qualificazione e monitoraggio dei propri fornitori. Nell ambito del nostro Sistema di Gestione della

Dettagli

Procedura. Amministrativo-Contabile. Servizio di Cassa Interno. Gestione Servizio di Cassa Interno

Procedura. Amministrativo-Contabile. Servizio di Cassa Interno. Gestione Servizio di Cassa Interno Procedura Amministrativo-Contabile Servizio di Cassa Interno Gestione Servizio di Cassa Interno (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 27/06/2012) Art. 1. OBIETTIVO La presente procedura contiene

Dettagli

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento CE 852/2004 Regolamento CE 853/2004 Linee guida sancite dall accordo Stato-Regioni rep. n. 2470 e 2477

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE

SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA NELLE AZIENDE SANITARIE Gestione della comunicazione Stabilisce le regole per l'individuazione, il mantenimento e la disponibilità dei documenti e delle registrazioni

Dettagli

JACK IL PROGRAMMA GESTIONALE CHE FACILITA IL LAVORO AZIENDALE

JACK IL PROGRAMMA GESTIONALE CHE FACILITA IL LAVORO AZIENDALE JACK IL PROGRAMMA GESTIONALE CHE FACILITA IL LAVORO AZIENDALE Caratteristiche Modulare e facilmente integrabile, il gestionali Jack è lo strumento indispensabile per risolvere con semplicità e immediatezza

Dettagli

PROCEDURA REGOLAMENTO PER LA REGOLAZIONE ECONOMICA PER LA GESTIONE DELLE DEGLI SCAMBI INTERAZIENDALI FATTURE PASSIVE DI BENI DI CONSUMO

PROCEDURA REGOLAMENTO PER LA REGOLAZIONE ECONOMICA PER LA GESTIONE DELLE DEGLI SCAMBI INTERAZIENDALI FATTURE PASSIVE DI BENI DI CONSUMO PROCEDURA REGOLAMENTO PER LA REGOLAZIONE ECONOMICA PER LA GESTIONE DELLE DEGLI SCAMBI INTERAZIENDALI FATTURE PASSIVE DI BENI DI CONSUMO Regolamento_gestione FatturePassive Rev.01 dell 01/07/2012 Pag. 1

Dettagli

Il Mercato elettronico PAT Soggetti coinvolti

Il Mercato elettronico PAT Soggetti coinvolti Mercato Elettronico Provinciale (ME-PAT) Trento giugno 2013 Soggetti coinvolti 2 Requisiti tecnologici Per accedere al sistema telematico del MEPAT e poter validamente eseguire le attività richieste vanno

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO E QUALIFICA DEI FORNITORI

APPROVVIGIONAMENTO E QUALIFICA DEI FORNITORI Pag.1 di 6 APPROVVIGIONAMENTO E QUALIFICA DEI FORNITORI 1. Scopo e campo di applicazione 2. Terminologia e abbreviazioni 3. Responsabilità 4. Modalità operative 5. Riferimenti 6. Archiviazione 7. Allegati

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI DEMATERIALIZZAZIONE E DIGITALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI

CARTA DEI SERVIZI DI DEMATERIALIZZAZIONE E DIGITALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI CARTA DEI SERVIZI DI DEMATERIALIZZAZIONE E DIGITALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI 1 - PREMESSA Il processo di archiviazione e conservazione dei flussi documentali in forma digitale è un fattore fondamentale per

Dettagli

COMUNE DI CARIATI (Prov. COSENZA) REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI CARIATI (Prov. COSENZA) REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA COMUNE DI CARIATI (Prov. COSENZA) REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 16/02/2012 Articolo 1 Costituzione La Commissione Mensa scolastica

Dettagli

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7.

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7. Foglio 2 di 8 INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 3.1. Abbreviazioni 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 4.1. Controlli in ingresso 3 4.2. Gestione del magazzino e delle aree di stoccaggio

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE Approvato con deliberazione consiliare n. 48 del 10 maggio 2000 INDICE Art. 1 Attribuzione

Dettagli

Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA Fornitura di gas e dei servizi connessi presso gli insediamenti della società Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. (di seguito RFI S.p.A. ) Capitolato tecnico

Dettagli

Prot, 4590/c14 Maniago, 11/09/2013 (CIG. N ZA50B718A4)

Prot, 4590/c14 Maniago, 11/09/2013 (CIG. N ZA50B718A4) ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Evangelista Torricelli Via Udine, 7 - MANIAGO (PN) (- 0427/731491 Fax 0427/732657 http:// www.torricellimaniago.it email: pnis00300q@istruzione.it Prot, 4590/c14 Maniago,

Dettagli

JACK IL PROGRAMMA GESTIONALE CHE FACILITA IL LAVORO AZIENDALE

JACK IL PROGRAMMA GESTIONALE CHE FACILITA IL LAVORO AZIENDALE JACK IL PROGRAMMA GESTIONALE CHE FACILITA IL LAVORO AZIENDALE Jack può essere acquistato in una configurazione a scelta, includendo i moduli software effettivamente necessari. Ogni successiva espansione

Dettagli

Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Approvato con deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016

Dettagli

REQUISITI DI FORNITURA

REQUISITI DI FORNITURA Pag. 1 di 8 CONDIZIONI GENERALI DI DELLA BRUNO NESTORE s.r.l. e REQUISITI DI FORNITURA EMESSA e VERIFICATA DA: R.A. P. PALLAVIDINO FIRMA APPROVATA DA: D.G. NESTORE BRUNO FIRMA TEL. 011-8950400 TEL. 011-8950400

Dettagli

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati)

Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) Doc.: PQ13 Rev.: 1 Data: 05/05/09 Pag.: 1 di 6 Gestione amministrativa, della rendicontazione, della contabilità e del controllo economico (dei progetti finanziati) EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "Piero Della Francesca"

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Piero Della Francesca ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "Piero Della Francesca" Tel. 02/55691311 - Fax. 02/55600411 - C.F. 80129690154 - C.M. MIIS037006 - e-mail: istitutosuperiore@iisdellafra.it Via Martiri di Cefalonia, 46-20097

Dettagli

Prot. 4663 B/15 Bari 01 agosto 2012. Oggetto: AVVISO PUBBLICO PER ASSISTENZA INFORMATICA E MANUTENZIONE HARDWARE / SOFTWARE IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prot. 4663 B/15 Bari 01 agosto 2012. Oggetto: AVVISO PUBBLICO PER ASSISTENZA INFORMATICA E MANUTENZIONE HARDWARE / SOFTWARE IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. 4663 B/15 Bari 01 agosto 2012 ALBO del IX C.D. SITO WEB del IX C.D. A tutti gli interessati Oggetto: AVVISO PUBBLICO PER ASSISTENZA INFORMATICA E MANUTENZIONE HARDWARE / SOFTWARE IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE MEDIANTE FUEL CARD E BUONI CARBURANTE 2 ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE MEDIANTE FUEL CARD E BUONI CARBURANTE 2 ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE MEDIANTE FUEL CARD E BUONI CARBURANTE 2 ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO 1. PREMESSA Oggetto della Convenzione è la fornitura di carburante

Dettagli

Promedia PROCEDURA GESTIONALE PERSONALIZZABILE IDEALE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

Promedia PROCEDURA GESTIONALE PERSONALIZZABILE IDEALE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Promedia PROCEDURA GESTIONALE PERSONALIZZABILE IDEALE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA La completezza delle funzioni offerte in termini di statistiche e controllo della gestione costituisce un formidabile

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

PROVA D ESAME Strumenti a supporto della Commissione SCHEDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DELLA PRESTAZIONE

PROVA D ESAME Strumenti a supporto della Commissione SCHEDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DELLA PRESTAZIONE PROVA D ESAME Strumenti a supporto della Commissione SCHEDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DELLA PRESTAZIONE Operazione rif. P.A.2011-1380/RER Servizio di Formalizzazione e Certificazione delle competenze

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. N. 1666/C14 Frattamaggiore, 06/06/ 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO CONSIDERATO che questa Scuola ha la necessità di rinnovare il Contratto per la fornitura in noleggio di n. 2 multifunzioni; VISTO l

Dettagli

SPECIFICA TECNICA. Servizio: Protocollo, fax, centralino, riproduzioni documentali, archivio e tipografia.

SPECIFICA TECNICA. Servizio: Protocollo, fax, centralino, riproduzioni documentali, archivio e tipografia. Pagina 1 di 6 INDICE DELLA SPECIFICA 1 SCOPO 2 APPLICABILITÀ 3 RIFERIMENTI 4 RESPONSABILITÀ 5 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 6 CRITICITA, INDICATORI ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO REVISIONI Data 03/03/2003 14/01/04

Dettagli

REGOLAMENTO CASSE INTERNE

REGOLAMENTO CASSE INTERNE REGOLAMENTO CASSE INTERNE Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 21 Legnago (VR) Regione Del Veneto Art. 1 Oggetto del regolamento 1. II regolamento ha per oggetto le modalità e le procedure per il funzionamento

Dettagli

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA ARTICOLO 1 Istituzione e finalità della Commissione mensa La Commissione Mensa Comunale (di seguito CMC) è una forma democratica di partecipazione

Dettagli

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO COMUNE DI TOIRANO Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e scopo del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le procedure di acquisto,

Dettagli

CTV - CENTRO TERRITORIALE PER IL VOLONTARIATO REGOLAMENTO ECONOMALE

CTV - CENTRO TERRITORIALE PER IL VOLONTARIATO REGOLAMENTO ECONOMALE CTV - CENTRO TERRITORIALE PER IL VOLONTARIATO REGOLAMENTO ECONOMALE I. PROCEDURE DI ACQUISTI DI BENI E/O SERVIZI 1. Cassa economale e Procedura per pagamenti contanti fino a 500 (IVA inclusa) Presso la

Dettagli

MANUALE QUALITÀ - PROCEDURE

MANUALE QUALITÀ - PROCEDURE 1 10/10/2010 1 5 INDICE.1 SCOPO.2 GENERALITÀ.3 MODALITÀ OPERATIVE.4 RESPONSABILITÀ.5 DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO.6 DISTRIBUZIONE Preparato da Sergio Pischiottin Approvato da Direzione Alessandro Infanti

Dettagli

RICHIESTA ISCRIZIONE ALBO FORNITORI

RICHIESTA ISCRIZIONE ALBO FORNITORI RICHIESTA DI INSERIMENTO 1. DATI GENERALI DELL AZIENDA Forma Giuridica Ragione Sociale Codice Fiscale Partita IVA C.C.I.A.A. N Telefono: Fax: E-mail: 2. INFORMAZIONI GENERALI DEL RAPPRESENTANTE LEGALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale - Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale n. 4 Chiavarese CHIAVARI

Servizio Sanitario Nazionale - Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale n. 4 Chiavarese CHIAVARI Servizio Sanitario Nazionale - Regione Liguria Azienda Sanitaria Locale n. 4 Chiavarese CHIAVARI Oggetto: accordo quadro per fornitura di materiale elettrico, per la manutenzione ordinaria da parte degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

Città di Alghero IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI

Città di Alghero IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI Città di Alghero Provincia di Sassari IL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI Farmer market nel Comune di Alghero Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 20/2009 REGOLAMENTO D'USO DEL CIRCUITO 1 SOMMARIO

Dettagli

GRUPPO TELLERINI Modello di Organizzazione e di gestione ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 PROCEDURE

GRUPPO TELLERINI Modello di Organizzazione e di gestione ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 PROCEDURE GRUPPO TELLERINI Modello di Organizzazione e di gestione ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 PROCEDURE Marzo 2010 SOMMARIO 1 PROTOCOLLO A1: PROCEDURA PER ACQUISIZIONE, GESTIONE E DESTINAZIONE DI

Dettagli

Sito web: www.icteverola.gov.it REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

Sito web: www.icteverola.gov.it REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Delibera N. 202 del 29/09/2015 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEVEROLA VIA CAMPANELLO SNC - 81030 TEVEROLA

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO (ART. 153, comma 7 d.lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e successive modificazioni e integrazioni) Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. del INDICE ANALITICO CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Scheda Informatica della Ditta

Scheda Informatica della Ditta Scheda Informatica della Ditta DATI GENERALI 1.SEDE LEGALE (vedi nota 1 ) Ragione Sociale Indirizzo (via,piazza ecc.+ numero civico) CAP Città Provincia Telefono Fax Indirizzo email Partita IVA Codice

Dettagli

Document Management, Workflow, Conservazione Sostitutiva

Document Management, Workflow, Conservazione Sostitutiva Document Management, Workflow, Conservazione Sostitutiva Amministrazione Fatture Fornitori Documenti di trasporto Fatture Clienti Documenti contabili Libro Giornale Libro IVA Vendite Offerte Contratti

Dettagli

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO DELLE PREALPI GIULIE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio di Qualità

Dettagli

Il programma offre una serie di strumenti per gestire al meglio le riparazioni in garanzia e fuori garanzia.

Il programma offre una serie di strumenti per gestire al meglio le riparazioni in garanzia e fuori garanzia. Di seguito le istruzioni per l utilizzo del nostro programma. Il programma offre una serie di strumenti per gestire al meglio le riparazioni in garanzia e fuori garanzia. Il programma è stato creato pensando

Dettagli

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01 N. SOMMARIO PAGINA 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI E DOCUMENTI RICHIAMATI 2 4 TERMINI E DEFINIZIONI 2 5 RESPONSABILITÀ 2 6 MODALITÀ OPERATIVE 2 TIPO COPIA N. COPIA DESTINATARIO/ UBICAZIONE

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

L ingresso dei prodotti

L ingresso dei prodotti Corso base: il processo della Logistica Farmaceutica, prospettive e sfide per il farmacista del SSN L ingresso dei prodotti Salvatore Coppolino Torino, 14 Marzo 2014 La fornitura del materiale farmaceutico

Dettagli

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione Pag. 1 di 9 SISTEMA DI GESTIONE QUALITA del LABORATORIO VOLANTE S.R.L. 01 12.12.2008 Seconda emissione 00 28/08/02 Prima emissione Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ Approvazione D.G. Pagina

Dettagli

SCHEDA ANALISI RISCHIO RILEVAZIONE ATTIVITÀ A RISCHIO CORRUZIONE ELENCO PROCEDIMENTI SETTORE PROVVEDITORATO

SCHEDA ANALISI RISCHIO RILEVAZIONE ATTIVITÀ A RISCHIO CORRUZIONE ELENCO PROCEDIMENTI SETTORE PROVVEDITORATO Ambito del Rischio: Fornitura di beni e servizi in economia sia con l utilizzo di strumenti CONSIP che con le procedure tradizionali di affidamento diretto o gara esplorativa. Tipologia Procedimento: Individuazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 21/07/2010 1/7 TITOLO PRIMO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA.. pag.3 Art. 1 - FINALITA' DEL SERVIZIO

Dettagli

Altri modelli di approvvigionamento: Transito e Conto Deposito.

Altri modelli di approvvigionamento: Transito e Conto Deposito. Corso base: il processo della Logistica Farmaceutica, prospettive e sfide per il farmacista del SSN Altri modelli di approvvigionamento: Transito e Conto Deposito. Salvatore Coppolino Catania, 14 Febbraio

Dettagli

PROCEDURA SGQ PRO-GFA. Procedura per la Gestione dei Fornitori e degli Acquisti

PROCEDURA SGQ PRO-GFA. Procedura per la Gestione dei Fornitori e degli Acquisti PROCEDURA SGQ PRO-GFA Procedura per la Gestione dei Fornitori e degli Acquisti Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI... 2 3.1 PROCEDURE CORRELATE...

Dettagli

SPECIFICA TECNICA. Servizio: Protocollo, posta interna, Archivio, riproduzioni documentali e centralino

SPECIFICA TECNICA. Servizio: Protocollo, posta interna, Archivio, riproduzioni documentali e centralino Pagina 1 di 6 INDICE DELLA SPECIFICA 1 SCOPO 2 APPLICABILITÀ 3 RIFERIMENTI 4 RESPONSABILITÀ 5 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 6 CRITICITA, INDICATORI ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO REVISIONI Data 03/03/2003 14/01/04

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provincia di Firenze

COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provincia di Firenze Copia Conforme COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provincia di Firenze SETTORE 5 GESTIONE DEL TERRITORIO - Servizio Suap DETERMINAZIONE NR. 62 DEL 18/08/2015 OGGETTO: STAMPA CARTELLI-INSEGNA PER LE AZIENDE AGRICOLE

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminillo, 42-02100 RETI - Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821 180577

AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminillo, 42-02100 RETI - Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821 180577 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminillo, 42-02100 RETI - Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821 180577 U.O.C. Acquisizione Beni e Servizi Responsabile: Dr.ssa

Dettagli

Introduzione. Accreditamento

Introduzione. Accreditamento Introduzione Vanti un credito nei confronti di una P.A.? Vuoi ottenere il riconoscimento del tuo credito? Oggi tutto questo è possibile, in modo semplificato, grazie alla piattaforma per la certificazione

Dettagli

Procedura GESTIONE DELLA FORMAZIONE DELLE RISORSE UMANE

Procedura GESTIONE DELLA FORMAZIONE DELLE RISORSE UMANE Pag. 1 di 6 Oggetto Procedura GESTIONE DELLA FORMAZIONE DELLE RISORSE UMANE 2 20.05.2013 REVISIONE PER RIORGANIZZAZIONE INTERNA RGQ DT PRS 1 23.03.2007 MODIFICHE A SEGUITO V.I.R. E.MINELLI M. TRAVERSINI

Dettagli

PROCEDURA Rev.2 APPROVIGIONAMENTO

PROCEDURA Rev.2 APPROVIGIONAMENTO Data 12.05.06 Pagina 1 di 14 COPIA N Unica DISTRIBUITA A CED n. revisione 0 1 2 Data Emissione Redatto 04.04.05 21.10.05 12.05.06 Firma Resp. data 12.05.06 REVISIONI Descrizione Prima emissione Definito

Dettagli

Destinatari, albo, atti, 1 /ga

Destinatari, albo, atti, 1 /ga Circolare docenti n. 22 Circolare ATA n. 9 Caluso, 26/09/2012 Ai docenti Al personale ATA OGGETTO: Acquisti beni e servizi - Indicazioni procedurali. INDICAZIONI DI CARATTERE PROCEDURALE TIPOLOGIA DI ACQUISTO

Dettagli

CONFIDA presenta la Carta dei Servizi

CONFIDA presenta la Carta dei Servizi Servizio, qualità e sicurezza alimentare: l impegno della Distribuzione Automatica verso i consumatori italiani. CONFIDA presenta la Carta dei Servizi 1 La Carta dei Servizi CONFIDA consolida il suo ruolo

Dettagli

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti PAG. / 9 GD Srl N Specificato il Foro Competente AQ CQ DIR 05/02/5 Barigazzi Torchio Giannitti N 0 Allineamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 900:2008 e della specifica tecnica ISO/TS 6949:2009 AQ

Dettagli

M180 Rev. 0 Pag. 1 di 5 CONDIZIONI GENERALI DI QUALITÀ SOMMARIO

M180 Rev. 0 Pag. 1 di 5 CONDIZIONI GENERALI DI QUALITÀ SOMMARIO Pag. 1 di 5 SOMMARIO SOMMARIO...1 1. GENERALITA...2 1.1.1. Criteri di qualifica... 2 1.1.2. Sviluppo sistema qualità fornitore... 2 1.1.3. Attività di Valutazione... 2 1.1.4. Valutazione annuale... 2 1.1.5.

Dettagli

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione

Progetto E-Inclusion. Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie. Disciplinare di rendicontazione Progetto E-Inclusion Integrazione scolastica attraverso l uso delle tecnologie Disciplinare di rendicontazione (Premessa) A seguito della pubblicazione dell Avviso per la presentazione di progetti e modalità

Dettagli

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO 1) SPESE RENDICONTATE IN A) Personale Per le spese A.1 Personale dipendente i documenti richiesti

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 Pubblicato all Albo pretorio del Parco Adda Nord dal 30.09.2009 al 15.10.2009 ART. 1

Dettagli