I moti di protesta in Brasile Cronologia degli avvenimenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I moti di protesta in Brasile Cronologia degli avvenimenti"

Transcript

1 I moti di protesta in Brasile Cronologia degli avvenimenti nota n 17-8 luglio 2013 Il Brasile vive da alcuni anni una fase di grande espansione produttiva, rallentata negli ultimi due anni dagli effetti della crisi economica internazionale e dai provvedimenti del governo volti a tenere sotto controllo l'inflazione. La crescita è stata calcolata intorno al 2,7% nel 2011 ed all'1,3% nel 2012 (ma nel 2010 il PIL era cresciuto del 7,5 per cento). La congiuntura, almeno fino a qualche settimana fa, era molto positiva anche sotto il profilo sociale, poiché il tasso di disoccupazione è ai minimi storici e anche la diseguaglianza nella distribuzione del reddito è diminuita progressivamente negli ultimi 14 anni (dati forniti da CIA World Factbook). Il Brasile è una delle economie più dinamiche a livello globale e, oltre ad essere uno dei cinque paesi emergenti a maggiore crescita economica (BRICS), si colloca dal 2011 al sesto posto nella classifica mondiale delle potenze economiche, dopo aver scavalcato il Regno Unito. E', tra i BRICS, il paese che più si avvicina alle democrazie occidentali, avendo adottato da anni un modello di sviluppo che coniuga le regole di mercato con le politiche di contrasto alla povertà. Il dilagare delle contestazioni che hanno portato in strada centinaia di migliaia di persone a partire dall'inizio del mese di giugno, ha colto di sorpresa il governo di Dilma Roussef. La presidente Rousseff, succeduta a Luiz Inácio da Silva (Lula) nel gennaio 2011, ha continuato nella politica di accelerazione della crescita e di coesione sociale perseguita dal suo predecessore, che aveva consentito l'uscita di circa 40 milioni di brasiliani dalla condizione di povertà. Secondo uno studio pubblicato dall'esecutivo nel 2011, nel decennio tra il 1999 e il 2009, la classe media del Brasile si è arricchita di oltre 31 milioni di unità, raggiungendo quota 95 milioni di persone, il 52% della popolazione. E' proprio la classe media ad essere maggiormente scesa in piazza nelle ultime settimane: è stato stimato che a San Paolo il 75% dei contestatori possiede una laurea, una percentuale di gran lunga superiore alla media nazionale. Alcuni analisti fanno osservare che la frustrazione profonda che muove coloro che protestano, così come le rivendicazioni ad ampio spettro (dal miglioramento dei servizi pubblici alla riduzione della corruzione della politica), mostrano come gli standard della classe media crescano ad una velocità superiore alla capacità di modernizzazione del paese. La richiesta di riforme capaci di migliorare il tenore di vita della popolazione va oltre quello, anche molto rilevante, che è stato fatto finora: il noto programma Bolsa Familia, ad esempio, ideato dall'ex presidente Lula, che eroga aiuti alle famiglie povere condizionati al fatto che queste mandino i bambini a scuola e siano sottoposti a vaccinazioni. Il successo di Bolsa Familia, che assorbe lo 0,5% del PIL ed ha riguardato oltre 12 milioni di famiglie, ha contribuito alla rielezione di Lula nel 2006 e, nel 2010, del candidato del suo stesso partito, la signora Rousseff. E' stato stimato che l'organizzazione della Coppa del Mondo del 2014 e le Olimpiadi di Rio del 2016 impegneranno il Brasile per circa 31,3 miliardi di dollari, equivalenti all' 1,26% del PIL del 2011, un costo che la popolazione non è disposta a pagare senza corrispettivi. Oggi ampi settori della popolazione brasiliana chiedono maggiori diritti ed i movimenti di protesta, deflagrati a causa dell'aumento, ancorché minimo, delle tariffe dei trasporti pubblici, pretendono riforme radicali e, soprattutto, la fine della corruzione del sistema politico e degli sprechi pubblici, e la lotta alla criminalità organizzata.

2 Cronologia degli avvenimenti 14 giugno Scontri nella notte a San Paolo, dove la polizia militare, in tenuta antisommossa, disperde con la forza una manifestazione contro l'aumento del prezzo dei biglietti del trasporto pubblico da 3 a 3,20 reais a biglietto (da 0,90 a 0,96 euro). Nei giorni precedenti si erano svolte, sempre a San Paolo, altre tre analoghe manifestazioni di protesta. All'uso di lacrimogeni e pallottole di gomma, i manifestanti hanno risposto lanciando pietre. Arrestate 237 persone. Il sindaco di San Paolo ha criticato l'uso eccessivo della forza da parte della polizia. Il movimento "Passe Livre" (Passaggio Libero) che da anni porta avanti la battaglia per il trasporto gratuito a San Paolo aveva cominciato ad organizzare manifestazioni dall'inizio del mese di giugno. 15 giugno Circa 2000 manifestanti protestano vicino allo stadio "Mané Garrincha" di Brasilia, in occasione della partita inaugurale della Confederations Cup tra Brasile e Giappone. Il movimento "Copa pra quem?" (La Coppa per chi?) accusa il governo di avere investito troppe risorse per gli impianti sportivi che ospiteranno i Mondiali del 2014 e le Olimpiadi del 2016, e di aver sfrattato migliaia di famiglie per far posto alle nuove strutture e ai parcheggi. La protesta era stata organizzata attraverso Facebook. 16 giugno Un gruppo di manifestanti cerca di impedire l'accesso allo stadio Maracanà ad un gruppo di tifosi. 17 giugno Si diffondono in tutto il Brasile le proteste contro l'aumento dei prezzi dei trasporti pubblici e contro le spese decise dal governo per l'organizzazione della Confederations Cup, che è svolta in Brasile dal 15 al 30 giugno, e i Mondiali di calcio del Le proteste hanno interessato particolarmente le grandi città e a Brasilia alcune centinaia di manifestanti hanno occupato il tetto del Parlamento. Durante l'imponente manifestazione di San Paolo (oltre 100 mila persone) vi sono stati duri scontri con la polizia militare. I giovani indossano fasce con la scritta "La rivolta dell'aceto" dall'uso che viene fatto di questo liquido per contrastare gli effetti dei gas lacrimogeni. 18 giugno Scontri anche nel centro di Rio de Janeiro. Il presidente Dilma Rousseff dichiara che ''le manifestazioni pacifiche sono legittime e proprie della democrazia'' e che ''è prerogativa dei giovani manifestare''. Analogamente, l'ex presidente Lula, attraverso Facebook, asserisce che "nessuno, con la coscienza a posto può essere contro le manifestazioni civili". Il segretario generale della Presidenza brasiliana, Gilberto Carvalho, dichiara che il governo e la presidente Dilma Rousseff sono ''preoccupati'' per l'ondata di protesta ma ha anche invitato ''a non fare speculazioni politiche e a trarre conclusioni affrettate''. La preoccupazione principale del governo riguarda il fatto che le manifestazioni sono ''diffuse e crescenti'' in tutto il Brasile, ''senza una leadership specifica e per diverse motivazioni''. Secondo un sondaggio condotto a San Paolo dall'istituto Datafolha, l'84% dei manifestanti non aderisce a nessun partito politico. Nelle città di Porto Alegre, Recife, Cuiabà e Joao Pessoa, vengono ridotti i 2

3 prezzi dei biglietti dei mezzi pubblici di trasporto. Prese di posizione della Fifa tendenti a destituire di importanza le manifestazioni. Secondo il presidente Joseph Blatter ''il calcio è più importante dell'insoddisfazione delle persone'', mentre secondo il rappresentante brasiliano della Fifa, Marco Polo, ''199 milioni di persone pensano a lavorare e ci sono pochi altri che danno fastidio''. 19 giugno Centinaia di manifestanti bloccano l'autostrada Anchieta a San Bernardo do Campo, vicino alla residenza dell'ex presidente Lula. La polizia arresta circa 60 persone accusate di aver compiuto nella notte violenze e saccheggi durante la marcia di protesta organizzata da Passe Livre a San Paolo. Il governo schiera la Guardia nazionale, un corpo d'élite della polizia, per il controllo della sicurezza in cinque (Rio de Janeiro, Salvador, Belo Horizonte, Fortaleza e Brasilia) delle sei città (rimane esclusa Recife) che ospitano la Confederations Cup. La Guardia nazionale assume nei singoli Stati il ruolo di polizia in caso di conflitti sociali o eventi eccezionali. I municipi di San Paolo e di Rio de Janeiro cancellano l'aumento delle tariffe dei trasporti pubblici. 20 giugno Almeno 500 mila persone manifestano in oltre cento città rispondendo all'invito di "Passe Livre" che chiede l'abolizione totale delle tariffe sui trasporti pubblici. Anche il PT, il Partito dei lavoratori cui appartiene la presidente Rousseff, aderisce alla manifestazione. Alcuni manifestanti sono feriti da pallottole di gomma, e si registrano anche numerosi episodi di saccheggi. Il Ministero degli esteri viene bersagliato con pietre e bombe molotov da una frangia violenta di manifestanti. Aggrediti alcuni esponenti del PT da parte della folla. Un manifestante muore investito da un veicolo a Ribeirao Preto (330 km da San Paolo). La convocazione via social network delle manifestazioni aveva raccolto circa un milione di adesioni. 21 giugno Dilma Rousseff convoca una riunione gabinetto di crisi. Il Movimento Passe Livre prende le distanze dall'aggressione nei confronti di esponenti del Parito dei Lavoratori e dichiara che non convocherà nuove manifestazioni. Gruppi di manifestanti saccheggiano negozi nella zona ovest di Rio mentre altri bloccano l'autostrada che collega San Paolo con Rio de Janeiro, nei pressi dell'aeroporto internazionale di San Paolo. La FIFA chiede garanzie sulla sicurezza di calciatori e delegazioni minacciando di interrompere la Confederations Cup. In serata, discorso a reti unificate della Presidente Rousseff nel quale afferma che il suo governo non può tollerare la violenza e promette un più forte impegno contro la corruzione. La Presidente annuncia il varo di un piano in tre punti per migliorare i servizi pubblici costituiti dalla destinazione del 6% delle entrate petrolifere all'istruzione, dall'attrazione di medici dall'estero (presumibilmente da Cuba) per coprire le carenze della sanità e da un piano nazionale per la mobilità. 22 giugno Chiusura di tutte le strade attorno all'arena Fonte Nova, lo stadio di Salvador dove si disputa Italia-Brasile. La polizia militare controlla i biglietti di ingresso. Scontri avvengono comunque nelle zone limitrofe allo stadio. Violenti scontri a Belo Horizonte dove si gioca la partita Giappone-Messico. Circa 125 mila persone marciano per protestare contro la corruzione politica e le 3

4 spese per i mondiali del 2014, 32 persone arrestate. 23 giugno Continuano le proteste ma in maniera contenuta. Manifestazione a Copacabana contro la PEC 37, una proposta di legge che riduce i poteri dei pubblici ministeri, e contro la corruzione nei partiti politici. 24 giugno La presidente Rousseff riceve i leader del Movimento Passe Livre che accettano il dialogo ma annunciano di voler proseguire la protesta. A seguire, la presidente riceve i governatori e i sindaci delle capitali con i quali concorda un piano in 5 punti (un ampliamento di quello in tre punti presentato pochi giorni prima) per migliorare servizi pubblici e mettere fine alle proteste. I cinque punti di intervento sono: responsabilità fiscale, riforma politica, salute, trasporti e istruzione. Dilma Rousseff annuncia inoltre un referendum popolare per convocare un'assemblea costituente che realizzi una riforma politica. Scontri con feriti lievi a Santos, dove un centinaio di manifestanti tenta di bloccare la via di accesso al porto. Il governatore dello stato di San Paolo annuncia la cancellazione dell'aumento delle tariffe autostradali che sarebbe scattato dal 1 luglio. 25 giugno I sindacati indicono per l'11 luglio una "Giornata di lotta", cioè uno sciopero generale in tutto il Paese per richiamare l'attenzione del governo sui temi del lavoro. Viene meno, dopo molti anni, la modalità di concertazione con l'esecutivo. 26 giugno La Camera dei deputati approva un disegno di legge che destina il 75% dei proventi petroliferi all'istruzione e il restante 25% alla sanità. La Camera, inoltre, respinge la PEC 37, la proposta di legge per ridurre i poteri dei pubblici ministeri. Il Governo rinuncia alla convocazione di un'assemblea Costituente scegliendo la strada dei referendum sui provvedimenti di riforma. Protesta contro la corruzione davanti al Parlamento di Brasilia dove un gruppo di manifestanti del movimento Rio da Paz colloca 594 palloni, equivalenti al numero dei parlamentari. Manifestazione pacifica anche nella Spianata dei Ministeri. In serata, massiccio corteo pacifico a Belo Horizonte durante la partita Brasile Uruguay. Piccoli gruppi di dimostranti tentano di forzare le transenne vicine allo stadio, lanciano pietre in direzione della polizia e danno fuoco ad una concessionaria di automobili. La polizia militare disperde i dimostranti con i lacrimogeni e arresta decine di persone. Un manifestante muore cadendo da un viadotto. 27 giugno Manifestazioni in decine di città. Anche gli abitanti di alcune favelas di Rio scendono in piazza. La presidente Rousseff incontra i leader dei partiti delle due camere del parlamento. 28 giugno Arrestato il deputato federale Natan Donadon, del Partito del movimento democratico brasiliano (Pmdb, di centro), una formazione alleata del governo di Dilma Rousseff. E' il primo parlamentare a finire in carcere da quando, nel 1988, viene promulgata la Costituzione democratica. Secondo la stampa 4

5 brasiliana, il suo arresto, dopo la conferma della Corte costituzionale della condanna per associazione a delinquere e peculato, è frutto delle proteste che chiedono una più efficace lotta alla corruzione politica. 29 giugno Un sondaggio dell'istituto Datafolha rivela che la popolarità del presidente Rousseff è crollata di 27 punti - dal 57% al 30% - dalla prima settimana di giugno. 30 giugno Tafferugli tra manifestanti e polizia sono fuori dallo stadio Maracanà di Rio de Janeiro dove si gioca la finalissima tra Brasile e Spagna. La polizia individua un gruppo di black blok e sequestra bombe molotov. 1 luglio Le tribù indigene si uniscono al movimento di protesta per chiedere il rispetto dei loro diritti. Protestano contro una serie di progetti del governo che potrebbero danneggiare seriamente i loro territori e mezzi di sussistenza. Un rapporto del Cimi (Consiglio indigenista missionario) appena pubblicato rivela che nel 2012 sono stati uccisi 60 indigeni brasiliani, la maggior parte dei quali nello stato del Mato Grosso do Sul, e quasi sempre per ragioni legate alla proprietà e all'uso della terra. Decine di camionisti bloccano una delle strade di accesso al porto di Santos per protestare contro l'alto costo dei pedaggi autostradali. Bloccate dai camionisti anche numerose altre autostrade lungo tutto il paese. 2 luglio Continua la protesta dei camionisti in almeno otto stati del Brasile. La presidente Rousseff deposita in Parlamento la proposta di referendum popolare per riformare il sistema politico che prevede cinque quesiti: sul finanziamento dei partiti, sul sistema elettorale, sulla riforma del Senato, sulle alleanze elettorali e sull'abolizione del voto segreto. Il Papa si recherà in Brasile dal 22 al 29 luglio per partecipare alla Giornata mondiale della gioventù. Secondo informazioni pubblicate dal quotidiano spagnolo "El pais", e riprese dalla stampa brasiliana, il Papa avrebbe definito le manifestazioni di protesta in corso "giuste e coerenti con il Vangelo". 3 luglio Manifestazioni in otto stati brasiliani dei medici del servizio pubblico che scendono in piazza per protestare contro la decisione del governo di assumere medici provenienti dall'estero per fronteggiare la crisi del settore sanitario. 4 luglio Il vicepresidente Michel Tener, del PMDB, annuncia che, con tutta probabilità, per ragioni tecniche, il referendum popolare sulle riforme non si potrà svolgere prima delle presidenziali che si terranno nel luglio In seguito alle proteste, le tariffe dei trasporti pubblici sono state ridotte in almeno 59 città, dove vivono circa 52 milioni di persone. I medici stranieri cominceranno ad arrivare in Brasile a settembre: nonostante l'opposizione dei medici brasiliani, il governo sta predisponendo l'arrivo dall'estero di circa diecimila loro colleghi nei prossimi tre anni, che assicureranno il funzionamento della sanità nelle zone più remote del paese. 5

6 ES0054inf Servizio Studi - Dipartimento Affari Esteri CD_esteri La documentazione dei servizi e degli uffici della Camera è destinata alle esigenze di documentazione interna per l'attività degli organi parlamentari e dei parlamentari. La Camera dei deputati declina ogni responsabilità per la loro eventuale utilizzazione o riproduzione per fini non consentiti dalla legge. I contenuti originali possono essere riprodotti, nel rispetto della legge, a condizione che sia citata la fonte.

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che

Ripiegati da tempo sulla Grande Crisi che economia e lavoro di Diego Motta Cina, Russia, India, ma anche Brasile, Turchia. Qui sta succedendo quello che l Occidente ha vissuto tra l inizio degli anni Novanta e la metà del primo decennio del Duemila:

Dettagli

ITALIA BRASILE. Rapporti Commerciali ed Opportunità di Investimento

ITALIA BRASILE. Rapporti Commerciali ed Opportunità di Investimento ITALIA BRASILE Rapporti Commerciali ed Opportunità di Investimento Giovanni Sacchi 11 giugno 2009 PROGRAMMA LA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE BRASILE Opportunità e sfide BRASILE Ripresa dei principali

Dettagli

BRASILE: ALCUNI PERCHÉ DEL MOVIMENTO ATTUALE

BRASILE: ALCUNI PERCHÉ DEL MOVIMENTO ATTUALE BRASILE: ALCUNI PERCHÉ DEL MOVIMENTO ATTUALE Ormai la contabilità del vasto movimento che continua ad occupare le strade e le piazze del Brasile è diventata impossibile, oltre che oziosa. L urlo di sfida

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO ITALO BRASILIANA www.ccib.it

CAMERA DI COMMERCIO ITALO BRASILIANA www.ccib.it CAMERA DI COMMERCIO ITALO BRASILIANA www.ccib.it SCHEDA PAESE BRASILE IL BRASILE IN BREVE Storia e geografia Ordinamento interno Economia Produzioni STORIA e GEOGRAFIA Storia Il Brasile è stato scoperto

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione A cura del Servizio Politiche Economiche e Finanziarie e del Pubblico Impiego PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

Per o contro la Cooperazione allo. Autori: Patrick Gilliard & Fondazione Educazione e Sviluppo

Per o contro la Cooperazione allo. Autori: Patrick Gilliard & Fondazione Educazione e Sviluppo Per o contro la Cooperazione allo sviluppo? Autori: Patrick Gilliard & Fondazione Educazione e Sviluppo L aiuto è inefficace e costoso! (per il continente africano) Negli ultimi cinquanta anni i Paesi

Dettagli

MILIONI DI PICCOLI E MEDI IMPRENDITORI NELLA TRAPPOLA DELLA POVERTÀ

MILIONI DI PICCOLI E MEDI IMPRENDITORI NELLA TRAPPOLA DELLA POVERTÀ RASSEGNA STAMPA - 16 aprile 2010 Tratto da San Marino Notizie www.sanmarinonotizie.com A San Marino la prima Unione Mondiale delle Piccole e Medie Imprese 14/04/10 17:29 [c.s.] San Marino ospita la prima

Dettagli

PIÙ e MENO IL SENSO DELLA NOSTRA PROPOSTA

PIÙ e MENO IL SENSO DELLA NOSTRA PROPOSTA PIÙ e MENO IL SENSO DELLA NOSTRA PROPOSTA PIÙ e MENO IL SENSO DELLA NOSTRA PROPOSTA ANCHE UNA LEGGE DI STABILITÀ CHE PROPONE MENO TASSE SULLA CASA MENO RISORSE PER LA SANITÀ MENO CONTROLLI SULL USO DEL

Dettagli

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. L Italia negli anni della crisi

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. L Italia negli anni della crisi Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 L Italia negli anni della crisi

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE LE GRANDI RIFORME Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE Il sistema giudiziario inefficiente penalizza fortemente cittadini e imprese I PUNTI PRINCIPALI DELLA RIFORMA Semplificazione

Dettagli

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO 1. Premessa Nei mesi scorsi Assolombarda ha espresso all Amministrazione Comunale la propria contrarietà alla congestion charge, ritenendola un provvedimento

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Art. 1 Dalla dichiarazione universale dei diritti dell uomo Tutti gli esseri umani nascono

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

QUADERNO TECNICO IL MERCATO DEI MUTUI E L ATTUAZIONE DEL PLAFOND CASSA DEPOSITI E PRESTITI

QUADERNO TECNICO IL MERCATO DEI MUTUI E L ATTUAZIONE DEL PLAFOND CASSA DEPOSITI E PRESTITI QUADERNO TECNICO IL MERCATO DEI MUTUI E L ATTUAZIONE DEL PLAFOND CASSA DEPOSITI E PRESTITI 7 maggio 2014 GR Centro Studi Acen Il tema dei mutui alle famiglie è essenziale nel sistema delle costruzioni

Dettagli

d iniziativa dei senatori AMATI, CONTINI, RAMPONI, DI GIOVAN PAOLO, DEL VECCHIO, CARLONI, FERRANTE, DONAGGIO, BASSOLI, DELLA SETA, BAIO e SCANU

d iniziativa dei senatori AMATI, CONTINI, RAMPONI, DI GIOVAN PAOLO, DEL VECCHIO, CARLONI, FERRANTE, DONAGGIO, BASSOLI, DELLA SETA, BAIO e SCANU Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2189 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori AMATI, CONTINI, RAMPONI, DI GIOVAN PAOLO, DEL VECCHIO, CARLONI, FERRANTE, DONAGGIO, BASSOLI, DELLA SETA, BAIO

Dettagli

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture FIRENZE Diminuisce il numero dei bambini e ragazzi in strutture di accoglienza e in afidameno familiare, così come le adozioni

Dettagli

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE

IL REATO DI OMICIDIO STRADALE Dossier n. 113 Ufficio Documentazione e Studi 29 ottobre 2015 IL REATO DI OMICIDIO STRADALE L Aula della Camera ha approvato in seconda lettura il testo unificato che prevede l introduzione del reato di

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

Brasile: lo scenario politico-economico. Luciano Mario Bencivinni Political Risk & Country Analysis, Political stadies Aprile, 2014

Brasile: lo scenario politico-economico. Luciano Mario Bencivinni Political Risk & Country Analysis, Political stadies Aprile, 2014 Brasile: lo scenario politico-economico Luciano Mario Bencivinni Political Risk & Country Analysis, Political stadies Aprile, 2014 AGENDA INFORMAZIONI DI BASE BACKGROUND POLITICO Continuità politica Il

Dettagli

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde)

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 861 COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 19 gennaio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

Pensioni: gli aumenti per il 2014

Pensioni: gli aumenti per il 2014 Pensioni: gli aumenti per il 2014 Per il 2014 i pensionati debbono accontentarsi di un aumento di appena l 1,3%. Da tempo l adeguamento delle pensioni al costo della vita (la cosiddetta perequazione automatica)

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI DI DOLLARI PER LA CRESCITA DELL ECONOMIA DELL ENERGIA PULITA DI NEW YORK

IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI DI DOLLARI PER LA CRESCITA DELL ECONOMIA DELL ENERGIA PULITA DI NEW YORK Per la Diffusione Immediata: 21/1/2016 Stato di New York Executive Chamber Andrew M. Cuomo Governatore IL GOVERNATORE ANDREW M. CUOMO IL GOVERNATORE CUOMO LANCIA IL FONDO PER L ENERGIA PULITA DA 5 MILIARDI

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1.

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1. FAMIGLIA Numero di famiglie. Il numero di famiglie abitualmente dimoranti sul territorio nazionale è aumentato da 21.8 a 24.6 milioni nel 2013. Durante il periodo intercensuario le famiglie unipersonali

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil La congiuntura italiana N. 6 LUGLIO 2015 Secondo i dati congiunturali più recenti la lieve ripresa dell attività economica nel primo trimestre sta proseguendo. Tuttavia le indicazioni degli indicatori

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 448 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d'iniziativa del senatore DANIELI Paolo COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L'11 LUGLIO 2001 Modifica dell'articolo 116 della Costituzione

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

INDICE. -foto di Natal e della spiaggia di Ponta Negra;

INDICE. -foto di Natal e della spiaggia di Ponta Negra; 1 INDICE Pag. 1 Eventi sportivi che si svolgeranno in Brasile; -foto di Natal e della spiaggia di Ponta Negra; Pag. 2 INDICE Pag. 3 Foto aerea del terreno e sua ubicazione; Pag. 4 Ponte Newton Navarro

Dettagli

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 Una emergenza? L estrema diseguaglianza economica, rapidamente crescente, è stata citata dal World Economic Forum s Global Risk Report

Dettagli

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 COMUNICATO STAMPA L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 Le azioni mantengono la fiducia degli investitori

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale

ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) - World Employment and Social Outlook 2015. The Changing Nature of Jobs ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale La prima edizione del nuovo

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Brasile IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Tra i BRIC (Brasile Russia India Cina paesi caratterizzati da una notevole crescita del PIL), il Brasile rappresenta il paese che indubbiamente sta dando segnali

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 1 VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 11 Giugno 2014 - ore 9,30-18,00 Roma, Via delle Coppelle 35 Palazzo Baldassini - Istituto Luigi Sturzo Sala Perin del Vaga II LE PREVISIONI EXECUTIVE SUMMARY 2 EXECUTIVE

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

San Vittore Olona, 29 marzo 2012, Lilia Grosso - DSA

San Vittore Olona, 29 marzo 2012, Lilia Grosso - DSA San Vittore Olona, 29 marzo 2012, Lilia Grosso - DSA URUGUAY Repubblica democratica e presidenziale Capitale: Montevideo (1.500.000 abitanti) Popolazione: 3.500.000 abitanti Suddivisione politica: 19 dipartimenti

Dettagli

Informazioni Statistiche N 3/2013

Informazioni Statistiche N 3/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 3/2013 NOVEMBRE 2013 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3112

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3112 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3112 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore PETERLINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 25 GENNAIO 2012 Delega al Governo per la separazione delle attività bancarie

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA)

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) DOSSIER A CURA DEL CENTRO NUOVO MODELLO DI SVILUPPO CON LA COLLABORAZIONE DI LUCA FERRINI (NOVEMBRE 2012) Prologo Ci vantiamo di vivere in un paese

Dettagli

Dossier Casa. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

Dossier Casa. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier Casa A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Casa 2 La crisi della nuova edilizia e delle infrastrutture e la crescita della riqualificazione delle abitazioni Investimenti in costruzioni*

Dettagli

Informazioni Statistiche N 8/2014

Informazioni Statistiche N 8/2014 Città di Palermo Ufficio Statistica Veicoli circolanti e immatricolati a Palermo nel 2013 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 8/2014 SETTEMBRE 2014 Sindaco: Segretario Generale: Capo Area della

Dettagli

Quel buco nero chiamato fiscal cliff

Quel buco nero chiamato fiscal cliff Quel buco nero chiamato fiscal cliff Nell agenda del rieletto presidente Obama è sicuramente l argomento più importante da affrontare entro la fine dell anno. Il punto da cui dipenderà buona parte dell

Dettagli

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava Storia e civiltà d'italia Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Ideologia fascista? Il fascismo nasce come movimento, non come pensiero politico. La parola

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale Capitolo 2.3 Il turismo in Piemonte Carlo Alberto Dondona Si ringraziano Cristina Bergonzo (Sviluppo Piemonte Turismo), Amedeo Mariano(Città Metropolitana di Torino Sistema Informativo Turistico) La situazione

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Doc. XXII n. 21 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa dei senatori PONTONE e FLORINO COMUNICATA ALLA PRESIDENZA IL 17 OTTOBRE 2003 Istituzione di una Commissione

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI e dei clusters e casi di successo

Internazionalizzazione delle PMI e dei clusters e casi di successo Internazionalizzazione delle PMI e dei clusters e casi di successo Prof. Avv. Paolo L. Carbone Senior Partner di Carbone&Vicenzi consulting ROMA SÃO PAULO RIO DE JANEIRO BRASILIA RECIFE JOÃO PESSOA PORTO

Dettagli

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE Abstract del rapporto statistico QUANTE SONO LE AZIENDE CHE SI IMPEGNANO PER IL SOCIALE E LA SOSTENIBILITA IN ITALIA? E PERCHE INVESTONO? Nel 2011,

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

n. 183 2 novembre 2011

n. 183 2 novembre 2011 n. 183 2 novembre 2011 ATTIVITA FERROVIARIE Convocazione Responsabili Regionali Attività Ferroviarie LOGISTICA TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONI Autamarocchi conferma incontro DIPARTIMENTO DIRITTI Pari opportunità:

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 931

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 931 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 931 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LANNUTTI, BELISARIO, ASTORE, BUGNANO, CAFORIO, CARLINO, DE TONI, DI NARDO, GIAMBRONE, LI GOTTI, MASCITELLI, PARDI,

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI REFERENDUM ABROGATIVO DELLA LEGGE REGIONE TOSCANA NR. 28/2015 La Relazione è stata redatta in applicazione dell art.21.1.b della Legge Regionale nr. 62/2007. Tale

Dettagli

Governo pubblico. (pp. 491 528 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale

Governo pubblico. (pp. 491 528 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Governo pubblico (pp. 491 528 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Il recupero dell e-government L Italia è tra i Paesi europei con le migliori performance

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4. Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4369 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore PASSIGLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1 o DICEMBRE 1999 Norme in materia

Dettagli

Analisi Settimanale 31.10.2015. sabato 31 ottobre 2015-1 -

Analisi Settimanale 31.10.2015. sabato 31 ottobre 2015-1 - Analisi Settimanale 31.10.2015 sabato 31 ottobre 2015-1 - Le pagelle delle banche centrali In questa settimanale vogliamo fare un analisi delle banche centrali, alla luce del loro operato e dei loro target.

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Comunicato stampa del 6 agosto 2015

Comunicato stampa del 6 agosto 2015 Comunicato stampa del 6 agosto 2015 Crisi dell edilizia in Sardegna: crollo degli investimenti pubblici e privati e rubinetti a secco per il credito le cause prevalenti La Sardegna è infatti una delle

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli