GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI INTERNAZIONALI E NAZIONALI ORGANIZZATI DA SOCIETA'

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI INTERNAZIONALI E NAZIONALI ORGANIZZATI DA SOCIETA'"

Transcript

1 GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI INTERNAZIONALI E NAZIONALI ORGANIZZATI DA SOCIETA' Stagione Sportiva 2005/2006

2 Al fine di perseguire una sempre più corretta stesura dei regolamenti per un conseguente più disciplinato svolgimento dei Tornei in oggetto indicati, questo Settore Giovanile ripropone a tutte le Società dipendenti tramite questo opuscolo, le disposizioni che vanno ad integrarsi con quanto pubblicato nel Comunicato Ufficiale N 1 della Stagione Sportiva 2005/2006. REGOLAMENTAZIONE DEI TORNEI ORGANIZZATI DALLE SOCIETÀ a) Tornei a carattere internazionale I regolamenti dei Tornei a margine indicati, devono pervenire all Ufficio Tornei del S.G.S., ai fini della necessaria autorizzazione, 60 giorni prima della data di inizio del torneo. I tempi di presentazione sopra citati devono essere tassativamente rispettati ed è fatto obbligo ai Comitati di competenza di respingere e di non inoltrare richieste fuori dai termini. La trasmissione dei citati regolamenti deve effettuarsi tramite i Comitati Regionali di competenza, i quali sono anche tenuti ad esprimere il proprio parere. La suddetta scadenza deve essere rigorosamente rispettata. L approvazione dei regolamenti dei Tornei che prevedono la partecipazione fino ad un massimo di 2 (due) Società straniere partecipanti, spetta alla Federazione Italiana Giuoco Calcio. Se le Società straniere partecipanti sono invece più di 2 (due), l approvazione dei regolamenti dei Tornei è di competenza U.E.F.A., se le suddette squadre appartengono alla Confederazione Europea, di competenza della F.I.F.A., qualora si verifichi la presenza di squadre di più Confederazioni. I regolamenti devono contenere la precisa indicazione, categoria per categoria, delle squadre straniere partecipanti con allegato l elenco nominativo degli atleti e degli accompagnatori partecipanti, comprensivo di nome, cognome, giorno, mese ed anno di nascita, la località, e la struttura dove verranno ospitati. Inoltre, come prescritto dalla circolare U.E.F.A. n. 65 dell 11/12/1996, il regolamento di questi tornei deve pervenire, oltre che in italiano, tradotto in una delle tre lingue ufficiali dell U.E.F.A. (inglese, francese, tedesco), con l inserimento del seguente articolo: Il torneo sarà diretto secondo le regole della International Football Associations Board (I.F.A.B.) Ultima Edizione. I regolamenti in questione debbono essere inviati ai predetti Enti calcistici (F.I.F.A. - U.E.F.A.) con almeno due mesi di anticipo rispetto alla data prevista per l effettuazione dei Tornei stessi. I Regolamenti, sempre accompagnati dalla lettera di presentazione, devono essere redatti solo ed esclusivamente seguendo lo schema di fac-simili predisposti da questo Settore Giovanile che possono essere richiesti ai Comitati Regionali e Provinciali. L inosservanza dei predetti termini e modalità di presentazione sarà motivo di rifiuto della prescritta autorizzazione. Si deve ricordare a tutte le Società che un Dirigente Federale del Comitato Regionale, Provinciale, Locale o Delegazione di appartenenza, effettuerà controlli per accertare che venga garantita ai ragazzi partecipanti alla manifestazione, un adeguata qualità del soggiorno, e che venga rispettato il regolamento del torneo. Eventuali segnalazioni negative al riguardo potranno essere motivo di deferimento agli Organi competenti delle Società e/o dei tesserati responsabili. b) Tornei a carattere nazionale I regolamenti dei Tornei di cui all oggetto debbono pervenire all Ufficio Tornei del S.G.S 45 giorni prima della data di inizio del torneo. I tempi di presentazione sopra citati devono essere tassativamente rispettati ed è fatto obbligo ai Comitati di competenza di respingere e di non inoltrare richieste fuori dai termini. I regolamenti devono essere redatti solo ed esclusivamente seguendo lo schema dei fac-simili predisposti da questo Settore Giovanile che possono essere richiesti ai Comitati Regionali e Provinciali. Il mancato rispetto dei termini sopra stabiliti è motivo sufficiente perché non venga accordata la prescritta autorizzazione da parte del Consiglio Direttivo del S.G.S. o dall Organismo a ciò appositamente delegato dal Consiglio Direttivo stesso. La trasmissione dei citati regolamenti, sempre accompagnati dalla lettera di presentazione, all Ufficio Tornei del Settore deve effettuarsi tramite i Comitati Regionali di competenza, i quali sono anche tenuti ad esprimere il proprio parere. 2

3 c) Tornei giovanili a carattere regionale, provinciale e locale Le richieste per l organizzazione dei Tornei sopra indicati, corredate dai relativi regolamenti, debbono pervenire ai Comitati Regionali di competenza ai fini della prescritta autorizzazione 30 giorni prima della data di inizio del torneo, se a carattere regionale, e 20 giorni prima della data di inizio se il Torneo è a carattere Provinciale: è data facoltà ai Presidenti dei Comitati Regionali S.G.S. demandare ai Comitati Provinciali e Locali la prescritta autorizzazione. I tempi di presentazione sopra citati devono essere tassativamente rispettati ed è fatto obbligo ai Comitati di competenza di respingere le richieste fuori dai termini. I Comitati Regionali hanno facoltà di disciplinare l attività dei citati Tornei in base alle rispettive esigenze, ovviamente nel rispetto delle normative, in precedenza emanate in materia, dal Consiglio Direttivo del S.G.S. e pubblicate sui Comunicati Ufficiali e con apposite circolari. d) Oneri economici relativi ai Tornei giovanili organizzati dalle Società 1) Per le categorie: - Allievi e/o Giovanissimi - Esordienti e/o Pulcini TASSA organizzativa per Tornei Allievi e/o Giovanissimi: * a carattere internazionale 103,00 * a carattere nazionale 77,00 * a carattere regionale 51,00 * a carattere provinciale e locale 25,00 TASSA organizzativa per Tornei Esordienti e/o Pulcini: * a carattere internazionale 77,00 * a carattere nazionale 51,00 * a carattere regionale 25,00 *a carattere provinciale e locale 25,00 Le Società organizzatrici sono inoltre tenute a versare l importo totale a copertura delle spese arbitrali previste, fatta eccezione per i Tornei Esordienti e Pulcini arbitrati da tecnici o dirigenti, nella misura stabilita dal Comitato Regionale di competenza, in rapporto alle entità delle spese arbitrali previste. e) Tornei di fine stagione Ai calciatori tesserati con vincolo annuale per la Stagione Sportiva 2005/2006 è consentito partecipare solo a Tornei che abbiano termine entro il 30 Giugno I Tornei che cominciano dal 1 Luglio 2006 sono da considerarsi appartenenti alla stagione sportiva 2006/2007 e pertanto possono parteciparvi solo calciatori in regola con il tesseramento 2006/2007. La citata disposizione è valida anche per la partecipazione di squadre Italiane a Tornei all Estero. f) Adempimenti dei Comitati Regionali del S.G.S. Ai Comitati Regionali del S.G.S. è affidato l incarico di fissare, nel proprio ambito territoriale, le date di effettuazione dei tornei, così da evitare inopportune e dannose concomitanze e sovrapposizioni, che incidano negativamente sia sugli impegni scolastici dei calciatori che sull aspetto tecnico delle manifestazioni. Tutto questo in modo che ai ragazzi venga concesso almeno un giorno di riposo. Ai Comitati Regionali è affidato l incarico di far rispettare scrupolosamente le vigenti disposizioni in materia di oneri economici da parte degli organizzatori dei tornei (tassa approvazione torneo; versamento per spese arbitrali). Ai Comitati Regionali, Provinciali, Locali e Delegazioni è demandato il compito di effettuare controlli per accertare che le norme contenute nei regolamenti dei tornei approvati vengano rispettate. 3

4 g) Partecipazione di squadre giovanili italiane a Tornei all estero Le richieste di partecipazione a Tornei all estero debbono essere trasmesse all Ufficio Tornei del Settore, per il tramite del Comitato Regionale competente, 45 (quarantacinque) giorni prima dell inizio delle citate manifestazioni. I Comitati Regionali debbono accompagnare le richieste con un motivato parere sulla serietà e consistenza tecnico-organizzativa delle Società interessate. Le Società sono tenute entro 10 giorni dal rientro delle manifestazioni, ad inoltrare al Comitato Regionale S.G.S. competente la scheda valutativa allegata all autorizzazione rilasciata da questo Settore che, successivamente, la invierà all Ufficio Tornei del S.G.S. - Qualora tale procedura non venisse rispettata, non verranno più concesse alle Società inadempienti successive autorizzazioni per partecipare a Tornei all estero. Le richieste di partecipazione ai Tornei all Estero che, hanno inizio a giugno e terminano a luglio sono da considerarsi appartenenti alla Stagione Sportiva 2006/2007 pertanto devono essere accompagnate da una dichiarazione su carta intestata della Società facente richiesta a firma del Presidente ed avallata dal Presidente del Comitato Regionale SGS di competenza, che attesti che i calciatori partecipanti al Torneo sono regolarmente tesserati per la stagione Sportiva 2006/2007. h) Disposizioni integrative Fermo restando il divieto alle Società che non svolgono attività giovanile ufficiale di organizzare Tornei a carattere Internazionale o Nazionale di Settore Giovanile, in questa stagione sportiva, sarà possibile, dietro motivata richiesta da inoltrare ai Comitati di competenza, organizzare tornei di Settore Giovanile a carattere Regionale Provinciale o Locale, anche alle Società che non svolgono attività giovanile ufficiale. Le Società devono scrupolosamente attenersi ai regolamenti emanati in materia dal SGS. Gli oneri economici per le Società che non svolgono attività giovanile ufficiale sono i seguenti: Allievi e/o Giovanissimi Per i Tornei a carattere Regionale Tassa organizzativa di Euro 100,00 Per i Tornei a carattere Provinciale o Locale Tassa organizzativa di Euro 50,00 Esordienti e/o Pulcini Peri Tornei a carattere Regionale Tassa organizzativa di Euro 75,00 Per i Tornei a carattere Provinciale o Locale Tassa organizzativa di Euro 50,00 Non è consentita l effettuazione dei Tornei che creino difficoltà allo svolgimento dell attività ufficiale o alla frequenza scolastica dei giovani calciatori. Alle Società è vietata la partecipazione di proprie squadre della medesima categoria a più Tornei che si svolgono in contemporanea. È vietato altresì rilasciare nulla-osta ai propri tesserati per più Tornei che si svolgono in contemporanea. Viste le norme sui prestiti (numero massimo 3 (tre) giocatori per squadra),che non sono consentiti nelle categorie Pulcini ed Esordienti, alle Società è vietato assolutamente partecipare a tornei con squadre formate tipo Selezione o Rappresentativa ; le uniche Rappresentative che possono partecipare a tornei sono esclusivamente quelle ufficiali dei Comitati Regionali e Provinciali. Tutte le Società affiliate alla F.I.G.C., che organizzino Tornei senza la prescritta autorizzazione, sono passibili di deferimento ai competenti organi disciplinari. Sono altresì passibili di deferimento le Società che non rispettano le norme contenute nei regolamenti dei Tornei approvati e quelle riportate sul C.U. n 1. del SGS 4

5 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni e chiarimenti per la corretta organizzazione dei tornei e relativa stesura dei regolamenti. 1) Organizzazione dei tornei L organizzazione di un torneo è esclusivamente riservata ad una o più Società regolarmente affiliate alla F.I.G.C. o a Comitati Regionali, Provinciali e Locali della citata Federazione. La o le Società e i Comitati possono avvalersi della collaborazione o del patrocinio di Enti pubblici e morali: Regioni, Province, Comuni, Circoscrizioni, Istituti Bancari, Pro-Loco, Aziende Turistiche, strutture periferiche di altre Federazioni Sportive, Enti di Promozione Sportiva, Associazioni Culturali, Religiose, di volontariato ecc... Le Società, i Comitati organizzatori ed eventuali Enti collaboratori o patrocinatori debbono essere chiaramente indicati sui regolamenti, così come la denominazione del Torneo. Vanno altresì evidenziate: - la data e la sede di effettuazione del torneo - la data di scadenza per le adesioni al torneo - la sede della Società o del Comitato organizzatore - i numeri di telefono e fax e il nominativo del dirigente cui fare riferimento Territorialità Da questa stagione sportiva non è più consentito alle Società organizzare Tornei al di fuori del proprio territorio Regionale. 2) Categorie giovanili aventi titolo di partecipazione ai tornei organizzati da Società ALLIEVI GIOVANISSIMI ESORDIENTI PULCINI 1995 PULCINI Nati dal al compimento anagrafico del 14 anno d età Nati dal al compimento anagrafico del 12 anno d età Nati dal al compimento anagrafico del 10 anno d età In questa categoria possono giocare solo ed esclusivamente giocatori nati dal al Nati dal al compimento anagrafico del 8 anno d età Sono altresì consentiti Tornei per le seguenti categorie intermedie ALLIEVI B GIOVANISSIMI B ESORDIENTI B PULCINI B PULCINI 1997 Nati dal al compimento anagrafico del 14 anno d età Nati dal al compimento anagrafico del 12 anno d età Nati dal al compimento anagrafico del 10 anno d età Nati dal al compimento anagrafico del 8 anno d età Nati dal al compimento anagrafico del 8 anno d età A fianco della/o delle categorie prescelte dovrà essere riportata l età dei calciatori così come sopra indicata. Per la categoria "PICCOLI AMICI" (età: da 6 anni compiuti a 8 anni non compiuti) è categoricamente vietato organizzare Tornei a carattere Internazionale e Nazionale o partecipare a Tornei all Estero ( in quanto l'attività della categoria deve essere prevalentemente ludico-motoria e deve essere svolta seguendo adeguati principi psicopedagogici,metodologici e tecnico-didattici) 5

6 3) Prestiti (Vietati nelle categorie Esordienti e Pulcini) Sono consentiti nelle sole categorie Allievi e Giovanissimi un massimo di 3 (tre) calciatori,non intercambiabili e validi per l'intera durata del Torneo. Tali prestiti possono essere convenuti solo con Società non partecipanti al torneo. Ogni calciatore avuto in prestito deve essere munito di nulla-osta rilasciato dalla Società di appartenenza che dovrà essere depositato presso la Società organizzatrice prima dell inizio del torneo. Alle Società è assolutamente vietato rilasciare Nulla Osta ai propri tesserati categoria ESORDIENTI per poter partecipare in prestito ad altre Società a tornei della categoria GIOVANISSIMI anche se questi hanno compiuto anagraficamente il 12 anno di età in quanto l art lett. B del Regolamento del Settore per l Attività Giovanile e Scolastica cita testualmente: I calciatori, già tesserati per la categoria ESORDIENTI, possono,al compimento anagrafico del 12 anno di età, partecipare anche a gare della categoria GIOVANISSIMI per la stessa Società. 4) Fuori quota In nessun torneo è autorizzata la partecipazione di calciatori fuori quota. 5) Elenchi calciatori partecipanti al torneo Gli organizzatori sono tenuti a precisare nei regolamenti il numero massimo di calciatori che ogni squadra iscritta al torneo può utilizzare. Gli elenchi dei suddetti calciatori debbono essere consegnati agli organizzatori prima dell inizio della manifestazione. Dopo l avvenuta consegna non è consentito apportare modifiche o aggiunte su detti elenchi. 6) Sostituzioni - CATEGORIE ALLIEVI E GIOVANISSIMI Nei Tornei delle categorie Allievi e Giovanissimi sono previste sette (7) sostituzioni indipendentemente dal ruolo ed in qualsiasi momento della gara. - CATEGORIE ESORDIENTI E PULCINI Tutti gli elementi in distinta dovranno giocare almeno un tempo dei primi due. Al termine del 1 tempo, perciò, devono essere effettuate obbligatoriamente tutte le sostituzioni ed i nuovi entrati non potranno più essere sostituiti fino al termine del secondo tempo, tranne che per validi motivi di salute. I cambi liberi potranno essere effettuati solo nella terza frazione di gara. 7) Norme particolari categoria Esordienti È possibile organizzare Tornei per la categoria Esordienti 7 contro 7. È d obbligo precisare nei regolamenti che le partite si giocano a 7 calciatori su campi di dimensioni ridotte da identificarsi di massima con una metà del campo regolamentare in senso trasversale; va comunque garantita la distanza di sicurezza (metri 1,50) da qualsiasi ostacolo (come ad es. i pali delle porte). Le porte dovranno essere di misura ridotta, meglio se 5-6x1,90-2 metri i palloni devono essere n 4. In questa categoria possono partecipare giocatori nati dal 01/01/1993 al compimento anagrafico del 10 anno di età. 8) Norme particolari categoria PULCINI 1995 Nei tornei riservati a squadre Pulcini nati nel 1995 è d obbligo precisare nei regolamenti se le partite si giocano 9 contro 9 o 7 contro 7 per il 9 contro 9 campi la cui lunghezza è compresa tra le due aree di rigore mentre la larghezza è determinata prolungando possibilmente 5 metri a destra ed a sinistra la linea dell area di rigore; le porte, di m 4x2 (o 5x2 o 6x2) dovranno essere posizionate sulla linea dell area di rigore, i palloni devono essere del n 4 mentre per il 7 contro 7 campi di dimensioni ridotte da identificarsi di massima con una metà del campo regolamentare in senso trasversale; va comunque garantita la distanza di sicurezza (metri 1,50) da qualsiasi ostacolo (come ad es. i pali delle porte). Le porte devono avere la misura di m 4x2; i palloni devono essere n 4. I tempi di gara sono 3 da 18 minuti ciascuno per il 9 contro 9 e tre da 15 minuti ciascuno per il 7 contro 7. In questa categoria possono partecipare solo ed esclusivamente giocatori nati nell'anno

7 9) Norme particolari categoria PULCINI Nei tornei riservati a squadre Pulcini è d obbligo precisare nei regolamenti che le partite si giocano 7 contro 7, su campi di dimensioni ridotte da identificarsi di massima con una metà del campo regolamentare in senso trasversale; va comunque garantita la distanza di sicurezza (metri 1,50) da qualsiasi ostacolo (come ad es. i pali delle porte). Le porte devono avere la misura di m 4x2; i palloni devono essere n 4. In questa categoria possono partecipare giocatori nati dal 01/01/1995 al compimento anagrafico dell 8 anno di età. 10) Norme particolari categoria PULCINI B Nei tornei riservati a squadre Pulcini B è d obbligo precisare nei regolamenti che le partite si giocano 7 contro 7 su campi di dimensioni ridotte da identificarsi di massima con una metà del campo regolamentare in senso trasversale; va comunque garantita la distanza di sicurezza (metri 1,50) da qualsiasi ostacolo (come ad es. i pali delle porte). Le porte devono avere la misura di m 4x2; i palloni devono essere n 4. In questa categoria possono partecipare giocatori nati dal 01/01/1996 al compimento anagrafico dell 8 anno di età 11) Norme particolari categoria PULCINI anno 1997 Nei tornei riservati a squadre Pulcini nati nel 1997 è d obbligo precisare nei regolamenti che le partite si giocano 5 contro 5 su campi che dovranno configurarsi in campi ridotti (45x25 m.) (per es.1/4 di campo),porte ridotte (3x2 o 4x2) i palloni devono essere di gomma, doppio o triplo strato, o cuoio, di peso contenuto convenzionalmente identificabili con il n. 3 o 4. In questa categoria possono partecipare giocatori nati dal 01/01/97 al compimento anagrafico dell 8 anno di età 12) Formula del torneo Si raccomanda la massima chiarezza nel definire la formula del torneo e le modalità di qualificazione, in modo da evitare l insorgere di qualsiasi dubbio interpretativo. Nella Categoria Pulcini, sono vietati sia i calci di rigore quanto i tempi supplementari, è evidente che dovranno essere escluse anche le partite ad eliminazione diretta (es. ottavi di finale quarti di finale semifinali e finali). 13) Tempi di gara La durata dei tempi di gara deve essere in linea con quanto previsto dal regolamento del Settore Giovanile e Scolastico per ogni singola categoria e cioè: Allievi Giovanissimi Esordienti Esordienti B Pulcini 1995 (9>9) Pulcini 1995 (7>7) Pulcini 40 due tempi 30 due tempi 18 tre tempi 18' tre tempi 18 tre tempi 15 tre tempi 15 tre tempi Qualora il calendario preveda uno svolgimento rapido del torneo (più gare nello stesso giorno per la medesima squadra) la durata dei tempi di gara dovrà essere ridotta in modo da non superare eccessivamente il tempo di durata previsto per una gara. 7

8 Deroga particolare per riduzione tempi di gioco da tre a due categoria Esordienti e Pulcini Il Settore Giovanile e Scolastico, a norma di quanto previsto al punto 14 lett. f) del C.U. n /2006 : Tornei che creino difficoltà alla frequenza scolastica dei giovani calciatori, per conciliare al meglio i molteplici impegni con un adeguato periodo di riposo, concede, su richiesta motivata e documentata della Società organizzatrice, in occasione di tornei primaverili che avranno il loro svolgimento in ore serali e notturne, la facoltà di ridurre i tempi di gioco: per la categoria PULCINI 2 tempi della durata di 20 minuti ciascuno per la categoria ESORDIENTI 2 tempi della durata di 25 minuti ciascuno resta confermato che tutti i giocatori in lista dovranno giocare almeno 1 tempo di gioco e pertanto al termine del primo tempo devono essere effettuate obbligatoriamente tutte le sostituzioni ed i nuovi entrati non potranno più essere sostituiti fino al termine della gara se non per gravi motivi di salute. 14) Tempi supplementari La disputa dei tempi supplementari, in caso di parità dopo i tempi regolamentari, è ammessa solo per la finale per il 1 e 2 posto ALLIEVI e GIOVANISSIMI: due tempi di 10 minuti ciascuno ESORDIENTI: due tempi di 5 minuti ciascuno Nella categoria Pulcini sono assolutamente vietati i tempi supplementari 15) Calci di rigore È del tutto inutile esplicitare, nel regolamento, un ampia descrizione delle modalità di esecuzione dei calci di rigore; è sufficiente riportare nel regolamento: nel rispetto delle vigenti norme, con le modalità stabilite dalla regola 7 delle regole di gioco e delle decisioni ufficiali. Nella categoria Pulcini sono assolutamente vietati i calci di rigore 16) Classifiche Le classifiche, per gironi all italiana, saranno redatte in base ai seguenti punteggi: tre punti per la vittoria; un punto per il pareggio; zero punti in caso di sconfitta. Verificandosi parità di punteggio fra due o più squadre, la graduatoria finale sarà stilata con i seguenti criteri così come in ordine elencati: a) esito degli incontri diretti b) differenza reti sul totale degli incontri disputati c) maggior numero di reti sul totale degli incontri disputati d) sorteggio Per le categorie Esordienti e Pulcini si invitano le Società organizzatrici ad adottare anche nei tornei le classifiche Fair Play utilizzate nell attività ufficiale dei Comitati. 17) Arbitraggio delle gare categorie ESORDIENTI e PULCINI Cat. ESORDIENTI: è necessario indicare se le gare saranno dirette da arbitri federali oppure da tecnici o dirigenti appositamente istruiti al riguardo messi a disposizione dalla Società organizzatrice. Cat. PULCINI: le gare saranno arbitrate tassativamente da tecnici o dirigenti istruiti al riguardo messi a disposizione dalla Società organizzatrice. In ogni caso i rapporti gara con allegate le distinte giocatori saranno trasmesse al Comitato di competenza nei termini previsti per la necessaria visione del Giudice Sportivo. 8

9 18) Disciplina del Torneo La disciplina del torneo deve essere affidata solo ed esclusivamente al Giudice Sportivo, titolare o supplente, del Comitato di competenza. Il S.G.S., dato il rapido svolgimento dei tornei, ritiene giusta la riduzione del cumulo delle ammonizioni rispetto a quello previsto dalle vigenti norme federali, pertanto nel regolamento va riportato con precisione l automatismo delle sanzioni :a) in caso di espulsione squalifica automatica per una gara salvo maggiori sanzioni inflitte dal giudice sportivo; b) alla seconda ammonizione nel corso del torneo squalifica automatica per una gara. Cat. ESORDIENTI e PULCINI L'art.41, comma 2, del Codice di Giustizia Sportiva, non prevede l'automatismo delle sanzioni per i calciatori espulsi nelle categorie PULCINI ed ESORDIENTI. I suddetti calciatori pertanto devono soggiacere a declaratorie del Giudice Sportivo. 19) Reclami Per quanto riguarda la tassa reclamo, gli organizzatori sono liberi di fissarne l entità a loro piacimento purché non superi i limiti federali stabiliti per i ricorsi, che nella corrente stagione sono di Euro 51,00. È anche consentito la non previsione della tassa reclamo purché sia chiaramente riportato nel regolamento del torneo. Gli organizzatori possono anche rinunciare all istituto del reclamo. 20) Tornei con Enti di Promozione In attesa di un eventuale rinnovo dei protocolli d intesa, non è consentito alle Società affiliate alla F.I.G.C. partecipare a Tornei organizzati da Enti di Promozione. Eventuali comunicazioni al riguardo, sulle modalità di partecipazione saranno successivamente inviate da questo Settore con apposita Circolare. 21) Oneri Economici Le Società organizzatrici sono tenute a versare l importo totale a copertura delle spese arbitrali previste, fatta eccezione per i Tornei Esordienti e Pulcini arbitrati da Tecnici o Dirigenti, nella misura stabilita dal Comitato Regionale di competenza, in rapporto alle entità delle spese arbitrali previste. 22) Programma gare I Regolamenti per essere accettati devono obbligatoriamente contenere il programma delle gare. 9

10 23) Norme per l organizzazione di Tornei internazionali Nella Stagione Sportiva , le Società che chiedano di organizzare Tornei Internazionali dovranno, improrogabilmente, attenersi alle norme sottoelencate: 1. Invio all Ufficio Tornei del Settore Giovanile e Scolastico la richiesta di autorizzazione da parte del Comitato Regionale di competenza per territorio 60 gg. Prima dell inizio del Torneo; 2. Allegare alla richiesta con la precisa indicazione categoria per categoria le liste dei calciatori, calciatrici delle Società straniere e dei dirigenti accompagnatori che intendono partecipare al Torneo con nome cognome, giorno, mese ed anno di nascita, la località e la struttura dove verranno ospitati con in calce il timbro della Federazione di appartenenza; 3. La lista dei partecipanti stranieri (giocatori più dirigenti) non può superare i 28 nominativi; 4. La lista dei partecipanti non potrà prevedere, dopo la richiesta e concessione del visto, dei cambiamenti di nominativo se non dimostrando l annullamento del visto concesso precedentemente per il calciatore o dirigente che deve essere sostituito; 5. Per Tornei che prevedono la partecipazione di giovani calciatori fino alla categoria Esordienti non potrà essere fatta richiesta di visto per attività sportiva, ma andrà richiesto il visto turistico; 6. In mancanza di rispetto anche di una sola delle norme elencate, il torneo non sarà autorizzato In tutti i tornei ESORDIENTI e PULCINI, i Responsabili Regionali per l attività di base sono tenuti ad esprimere il personale preventivo parere sulla correttezza dei regolamenti. Ai Comitati Regionali, Provinciali e Locali e demandato il compito di effettuare controlli per accertare che le norme contenute nei regolamenti dei Tornei approvati vengano rispettate. Si allega un regolamento tipo per tornei, per ogni categoria, in modo tale da facilitare la predisposizione dello stesso. Si invitano i Comitati Regionali a diffondere il presente opuscolo a tutte le Società praticanti l attività giovanile, non solo a livello Regionale. ma anche Provinciale e Locale. Il Segretario Barbara Benedetti il Presidente Luigi Agnolin 10

11 (da redigere su carta intestata della Società organizzatrice) REGOLAMENTO CAT. ALLIEVI ART.1: ORGANIZZAZIONE LA SOCIETÀ INDICE ED ORGANIZZA UN TORNEO A CARATTERE INTERNAZIONALE/NAZIONALE DENOMINATO: IN COLLABORAZIONE CON CHE SI DISPUTERÀ NEI GIORNI COME MEGLIO SPECIFICATO NELL'ALLEGATO CALENDARIO DELLE GARE IN PROGRAMMA; PRESSO L'IMPIANTO SPORTIVO: ART:2: CATEGORIA DI PARTECIPAZIONE E LIMITI DI ETA IL TORNEO È RISERVATO AI CALCIATORI APPARTENENTI ALLA CATEGORIA ALLIEVI REGOLARMENTE TESSERATI FIGC CON LA PROPRIA SOCIETÀ PER LA STAGIONE IN CORSO; NATI DAL AL COMPIMENTO ANAGRAFICO DEL 14 ANNO DI ETA ART.3: PRESTITI È CONSENTITO IL RICORSO A PRESTITI, IN NUMERO MASSIMO DI 3 (TRE) PER SQUADRA NON INTERCAMBIABILI E VALIDI PER L'INTERA DURATA DEL TORNEO, PREVIA PRESENTAZIONE DI REGOLARE NULLA OSTA RILASCIATO DALLA SOCIETA DI APPARTENENZA CHE NON PUÒ ESSERE TRA LE PARTECIPANTI AL TORNEO ART.4: ELENCHI GIOCATORI LE SOCIETÀ PARTECIPANTI DOVRANNO PRESENTARE ALL ORGANIZZAZIONE DEL TORNEO, PRIMA DEL SUO INIZIO, L ELENCO DEI CALCIATORI CHE INTENDONO UTILIZZARE, FINO AD UN MASSIMO DI N DOPO L AVVENUTA CONSEGNA È PROIBITO APPORTARE MODIFICHE A TALI ELENCHI; NELLA DISTINTA DA PRESENTARE ALL ARBITRO PRIMA DELLA GARA SARANNO INDICATI FINO AD UN MASSIMO DI GIOCATORI 18 ART.5: SOSTITUZIONI SONO CONSENTITE N 7 SOSTITUZIONI, INDIPENDENTEMENTE DAL RUOLO, IN QUALSIASI MOMENTO DELLA GARA ART.6: SOCIETÀ PARTECIPANTI AL TORNEO PRENDERANNO PARTE LE SOTTOINDICATE SOCIETÀ: ART.7: FORMULA DEL TORNEO IL TORNEO SI SVOLGERÀ CON LA SEGUENTE FORMULA CON LE SEGUENTI MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE 11

12 ART.8: CLASSIFICHE LE CLASSIFICHE SARANNO REDATTE IN BASE AI SEGUENTI CRITERI: -3 PUNTI PER LA VITTORIA -1 PUNTO PER IL PAREGGIO IN CASO DI PARITÀ DI PUNTEGGIO VALGONO I CRITERI IN ORDINE ELENCATI: -ESITO DEGLI INCONTRI DIRETTI -DIFFERENZA RETI SUL TOTALE DEGLI INCONTRI DISPUTATI -MAGGIOR NUMERO DI RETI SEGNATE SUL TOTALE DEGLI INCONTRI DISPUTATI -SORTEGGIO ART.9: TEMPI DI GARA LE GARE SI SVOLGERANNO IN DUE TEMPI DELLA DURATA DI MINUTI CIASCUNO ; ART.10: CALCI DI RIGORE (PREVISTI NELLE FINALI, SEMIFINALI O PARTITE AD ELIMINAZIONE DIRETTA) IN CASO DI PARITÀ AL TERMINE DEI DUE TEMPI REGOLAMENTARI SI PROCEDERÀ ALL ESECUZIONE DEI CALCI DI RIGORE CON LE MODALITÀ STABILITE DALLA REGOLA 7 DELLE REGOLE DI GIOCO E DELLE DECISIONI UFFICIALI; ART.11: TEMPI SUPPLEMENTARI È PREVISTA SOLO PER LA FINALE 1 E 2 POSTO LA DISPUTA DI DUE TEMPI SUPPLEMENTARI DI 10 MINUTI CIASCUNO IN CASO DI PARITÀ AL TERMINE DEI TEMPI REGOLAMENTARI; PERSISTENDO PARITÀ AL TERMINE DEI DUE TEMPI SUPPLEMENTARI, PER STABILIRE LA VINCENTE SI PROCEDERÀ ALL'ESECUZIONE DEI CALCI DI RIGORE COME ALL'ART.10; ART.12: ARBITRI LE GARE SARANNO DIRETTE DA ARBITRI F.I.G.C. / A.I.A. ART.13: DISCIPLINA DEL TORNEO LA DISCIPLINA DEL TORNEO VIENE AFFIDATA AL GIUDICE SPORTIVO TITOLARE O SUPPLENTE DEL COMITATO DI COMPETENZA ART.14: AUTOMATISMO DELLE SANZIONI (PER I TORNEI A RAPIDO SVOLGIMENTO) È PREVISTO L AUTOMATISMO DELLE SANZIONI CON LE SEGUENTI MODALITÀ: IL GIOCATORE ESPULSO DURANTE UNA GARA NON POTRÀ PARTECIPARE ALLA GARA SUCCESSIVA SALVO MAGGIORI SANZIONI INFLITTE DAL GIUDICE SPORTIVO; IL GIOCATORE CHE NEL CORSO DEL TORNEO INCORRE NELLA SECONDA AMMONIZIONE SARÀ SQUALIFICATO PER UNA GARA SU DECLARATORIA DEL GIUDICE SPORTIVO. ART.15: RECLAMI EVENTUALI RECLAMI DOVRANNO ESSERE PRESENTATI ENTRO 30 MINUTI DALLA FINE DELLA GARA ACCOMPAGNATI DALLA TASSA DI EURO ; COPIA DEL RECLAMO DOVRÀ ESSERE CONSEGNATA ALLA CONTROPARTE SEMPRE NEI TERMINI DEI 30 MINUTI. ART.16: NORME GENERALI PER QUANTO NON PREVISTO DAL PRESENTE REGOLAMENTO, VALGONO LE DISPOSIZIONI DEI REGOLAMENTIFEDERALI IN QUANTO COMPATIBILI, E QUELLE RIPORTATE SUL COMUNICATO UFFICIALE N 1 DEL SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO RELATIVO ALLA STAGIONE SPORTIVA IN CORSO. IL PRESIDENTE DELLA SOCIETÀ PER COMUNICAZIONI FARE RIFERIMENTO AI SEGUENTI NUMERI : N TEL: FAX: 12

13 (da redigere su carta intestata della Società organizzatrice) REGOLAMENTO CAT. GIOVANISSIMI ART.1: ORGANIZZAZIONE LA SOCIETÀ INDICE ED ORGANIZZA UN TORNEO A CARATTERE INTERNAZIONALE/NAZIONALE DENOMINATO: IN COLLABORAZIONE CON CHE SI DISPUTERÀ NEI GIORNI COME MEGLIO SPECIFICATO NELL'ALLEGATO CALENDARIO DELLE GARE IN PROGRAMMA; PRESSO L'IMPIANTO SPORTIVO: ART:2: CATEGORIA DI PARTECIPAZIONE E LIMITI DI ETA IL TORNEO È RISERVATO AI CALCIATORI APPARTENENTI ALLA CATEGORIA GIOVANISSIMI REGOLARMENTE TESSERATI FIGC CON LA PROPRIA SOCIETÀ PER LA STAGIONE IN CORSO; NATI DAL AL COMPIMENTO ANAGRAFICO DEL 12 ANNO DI ETA ART.3: PRESTITI È CONSENTITO IL RICORSO A PRESTITI, IN NUMERO MASSIMO DI 3 (TRE) PER SQUADRA, NON INTERCAMBIABILI E VALIDI PER L'INTERA DURATA DEL TORNEO, PREVIA PRESENTAZIONE DI REGOLARE NULLA OSTA RILASCIATO DALLA SOCIETA DI APPARTENENZA CHE NON PUÒ ESSERE TRA LE PARTECIPANTI AL TORNEO ART.4 ELENCHI GIOCATORI LE SOCIETÀ PARTECIPANTI DOVRANNO PRESENTARE ALL ORGANIZZAZIONE DEL TORNEO, PRIMA DEL SUO INIZIO, L ELENCO DEI CALCIATORI CHE INTENDONO UTILIZZARE, FINO AD UN MASSIMO DI N DOPO L AVVENUTA CONSEGNA È PROIBITO APPORTARE MODIFICHE A TALI ELENCHI; NELLA DISTINTA DA PRESENTARE ALL ARBITRO PRIMA DELLA GARA SARANNO INDICATI FINO AD UN MASSIMO DI GIOCATORI 18 ART.5: SOSTITUZIONI SONO CONSENTITE N 7 SOSTITUZIONI, INDIPENDENTEMENTE DAL RUOLO, IN QUALSIASI MOMENTO DELLA GARA ART.6: SOCIETÀ PARTECIPANTI AL TORNEO PRENDERANNO PARTE LE SOTTOINDICATE SOCIETÀ: ART.7: FORMULA DEL TORNEO IL TORNEO SI SVOLGERÀ CON LA SEGUENTE FORMULA CON LE SEGUENTI MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE 13

14 ART.8: CLASSIFICHE LE CLASSIFICHE SARANNO REDATTE IN BASE AI SEGUENTI CRITERI: -3 PUNTI PER LA VITTORIA -1 PUNTO PER IL PAREGGIO IN CASO DI PARITÀ DI PUNTEGGIO VALGONO I CRITERI IN ORDINE ELENCATI: -ESITO DEGLI INCONTRI DIRETTI -DIFFERENZA RETI SUL TOTALE DEGLI INCONTRI DISPUTATI -MAGGIOR NUMERO DI RETI SEGNATE SUL TOTALE DEGLI INCONTRI DISPUTATI -SORTEGGIO ART.9: TEMPI DI GARA LE GARE SI SVOLGERANNO IN DUE TEMPI DELLA DURATA DI MINUTI CIASCUNO ; ART.10: CALCI DI RIGORE (PREVISTI NELLE FINALI, SEMIFINALI O PARTITE AD ELIMINAZIONE DIRETTA) IN CASO DI PARITÀ AL TERMINE DEI DUE TEMPI REGOLAMENTARI SI PROCEDERÀ ALL ESECUZIONE DEI CALCI DI RIGORE CON LE MODALITÀ STABILITE DALLA REGOLA 7 DELLE REGOLE DI GIOCO E DELLE DECISIONI UFFICIALI; ART.11: TEMPI SUPPLEMENTARI È PREVISTA SOLO PER LA FINALE 1 E 2 POSTO LA DISPUTA DI DUE TEMPI SUPPLEMENTARI DI 10 MINUTI CIASCUNO IN CASO DI PARITÀ AL TERMINE DEI TEMPI REGOLAMENTARI; PERSISTENDO PARITÀ AL TERMINE DEI DUE TEMPI SUPPLEMENTARI, PER STABILIRE LA VINCENTE SI PROCEDERÀ ALL'ESECUZIONE DEI CALCI DI RIGORE COME ALL'ART.10; ART.12: ARBITRI LE GARE SARANNO DIRETTE DA ARBITRI F.I.G.C. / A.I.A. ART.13: DISCIPLINA DEL TORNEO LA DISCIPLINA DEL TORNEO VIENE AFFIDATA AL GIUDICE SPORTIVO TITOLARE O SUPPLENTE DEL COMITATO DI COMPETENZA ART.14: AUTOMATISMO DELLE SANZIONI È PREVISTO L AUTOMATISMO DELLE SANZIONI CON LE SEGUENTI MODALITÀ: - IL GIOCATORE ESPULSO DURANTE UNA GARA NON POTRÀ PARTECIPARE ALLA GARA SUCCESSIVA SALVO MAGGIORI SANZIONI INFLITTE DAL GIUDICE SPORTIVO; - IL GIOCATORE CHE NEL CORSO DEL TORNEO INCORRE NELLA SECONDA AMMONIZIONE SARÀ SQUALIFICATO PER UNA GARA SU DECLARATORIA DEL GIUDICE SPORTIVO. ART.15: RECLAMI EVENTUALI RECLAMI DOVRANNO ESSERE PRESENTATI ENTRO 30 MINUTI DALLA FINE DELLA GARA ACCOMPAGNATI DALLA TASSA DI EURO ; COPIA DEL RECLAMO DOVRÀ ESSERE CONSEGNATA ALLA CONTROPARTE SEMPRE NEI TERMINI DEI 30 MINUTI. ART.16: NORME GENERALI PER QUANTO NON PREVISTO DAL PRESENTE REGOLAMENTO, VALGONO LE DISPOSIZIONI DEI REGOLAMENTI FEDERALI IN QUANTO COMPATIBILI, E QUELLE RIPORTATE SUL COMUNICATO UFFICIALE N 1 DEL SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO RELATIVO ALLA STAGIONE SPORTIVA IN CORSO. IL PRESIDENTE DELLA SOCIETÀ PER COMUNICAZIONI FARE RIFERIMENTO AI SEGUENTI NUMERI : N TEL: FAX: 14

15 (da redigere su carta intestata della Società organizzatrice) REGOLAMENTO CAT. ESORDIENTI ART.1: ORGANIZZAZIONE LA SOCIETÀ INDICE ED ORGANIZZA UN TORNEO A CARATTERE INTERNAZIONALE/NAZIONALE DENOMINATO: IN COLLABORAZIONE CON CHE SI DISPUTERÀ NEI GIORNI COME MEGLIO SPECIFICATO NELL'ALLEGATO CALENDARIO DELLE GARE IN PROGRAMMA; PRESSO L'IMPIANTO SPORTIVO: ART:2: CATEGORIA DI PARTECIPAZIONE E LIMITI DI ETA (barrare la casella interessata) IL TORNEO È RISERVATO AI CALCIATORI APPARTENENTI ALLA CATEGORIA ESORDIENTI REGOLARMENTE TESSERATI FIGC CON LA PROPRIA SOCIETÀ PER LA STAGIONE IN CORSO; ESORDIENTI : NATI DAL AL COMPIMENTO ANAGRAFICO DEL 10 ANNO DI ETÀ ART.3: PRESTITI NON SONO CONSENTITI PRESTITI ART.4: ELENCHI GIOCATORI LE SOCIETÀ PARTECIPANTI DOVRANNO PRESENTARE ALL ORGANIZZAZIONE DEL TORNEO, PRIMA DEL SUO INIZIO, L ELENCO DEI CALCIATORI CHE INTENDONO UTILIZZARE, FINO AD UN MASSIMO DI N DOPO L AVVENUTA CONSEGNA È PROIBITO APPORTARE MODIFICHE A TALI ELENCHI; NELLA DISTINTA DA PRESENTARE ALL ARBITRO PRIMA DELLA GARA SARANNO INDICATI FINO AD UN MASSIMO DI 18 GIOCATORI NELL 11 CONTRO 11 E DI 14 GIOCATORI NEL 7 CONTRO 7 ART.5: SOSTITUZIONI LE SOSTITUZIONI SARANNO EFFETTUATE NEL PIENO RISPETTO DELLE NORME DI CUI AL C.U. N 1 DEL S.G.S. - ROMA : TUTTI I GIOCATORI IN DISTINTA DOVRANNO GIOCARE ALMENO UN TEMPO DEI PRIMI DUE; PERTANTO AL TERMINE DEL PRIMO TEMPO DOVRANNO ESSERE EFFETTUATE OBBLIGATORIAMENTE TUTTE LE SOSTITUZIONI ED I NUOVI ENTRATI NON POTRANNO PIÙ ESSERE SOSTITUITI FINO AL TERMINE DEL SECONDO TEMPO TRANNE CHE PER VALIDI MOTIVI DI SALUTE; NEL TERZO TEMPO, QUINDI, POTRANNO ESSERE EFFETTUATE SOSTITUZIONI CON IL SISTEMA DEI "CAMBI LIBERI ". ART.6: SOCIETÀ PARTECIPANTI AL TORNEO PRENDERANNO PARTE LE SOTTOINDICATE SOCIETÀ: ART.7: FORMULA DEL TORNEO IL TORNEO SI SVOLGERÀ CON LA SEGUENTE FORMULA CON LE SEGUENTI MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE 15

16 ART.8: CLASSIFICHE LE CLASSIFICHE SARANNO REDATTE IN BASE AI SEGUENTI CRITERI: -3 PUNTI PER LA VITTORIA -1 PUNTO PER IL PAREGGIO IN CASO DI PARITÀ DI PUNTEGGIO VALGONO I CRITERI IN ORDINE ELENCATI: -ESITO DEGLI INCONTRI DIRETTI -DIFFERENZA RETI SUL TOTALE DEGLI INCONTRI DISPUTATI -MAGGIOR NUMERO DI RETI SEGNATE SUL TOTALE DEGLI INCONTRI DISPUTATI -SORTEGGIO ART.9: TEMPI DI GARA (barrare la casella interessata) ESORDIENTI :LE GARE SI SVOLGERANNO IN TRE TEMPI DELLA DURATA DI MINUTI CIASCUNO 11 CONTRO 11, SU CAMPI DI DIMENSIONI REGOLAMENTARI, PORTE REGOLAMENTARI, E UTILIZZO DI PALLONI DEL N 4 ESORDIENTI :LE GARE SI SVOLGERANNO IN TRE TEMPI DELLA DURATA DI MINUTI CIASCUNO 7 CONTRO 7, SU CAMPI DI DIMENSIONI RIDOTTE, PORTE RIDOTTE, E UTILIZZO DI PALLONI DEL N 4 ART.10: CALCI DI RIGORE (PREVISTI NELLE FINALI, SEMIFINALI O PARTITE AD ELIMINAZIONE DIRETTA) IN CASO DI PARITÀ AL TERMINE DEI DUE TEMPI REGOLAMENTARI SI PROCEDERÀ ALL ESECUZIONE DEI CALCI DI RIGORE CON LE MODALITÀ STABILITE DALLA REGOLA 7 DELLE REGOLE DI GIOCO E DELLE DECISIONI UFFICIALI; ART.11: TEMPI SUPPLEMENTARI È PREVISTA SOLO PER LA FINALE 1 E 2 POSTO LA DISPUTA DI DUE TEMPI SUPPLEMENTARI DI 5 MINUTI CIASCUNO IN CASO DI PARITÀ AL TERMINE DEI TEMPI REGOLAMENTARI ; PERSISTENDO PARITÀ AL TERMINE DEI DUE TEMPI SUPPLEMENTARI, PER STABILIRE LA VINCENTE SI PROCEDERÀ ALL'ESECUZIONE DEI CALCI DI RIGORE COME ALL'ART.10. ART.12: ARBITRI (barrare la casella interessata) LE GARE SARANNO DIRETTE DA ARBITRI FEDERALI F.I.G.C. / A.I.A. LE GARE SARANNO DIRETTE DA TECNICI O DIRIGENTI MESSI A DISPOSIZIONE DALLA SOCIETÀ ORGANIZZATRICE ; IN OGNI CASO I RAPPORTI GARA CON ALLEGATE LE DISTINTE GIOCATORI SARANNO TRASMESSE AL COMITATO DI COMPETENZA NEI TERMINI PREVISTI PER LA NECESSARIA VISIONE DEL GIUDICE SPORTIVO ART.13: DISCIPLINA DEL TORNEO LA DISCIPLINA DEL TORNEO VIENE AFFIDATA AL GIUDICE SPORTIVO TITOLARE O SUPPLENTE DEL COMITATO DI COMPETENZA ART.14: AUTOMATISMO DELLE SANZIONI L'ART.41 COMMA 2 DEL CODICE DI GIUSTIZIA SPORTIVA NON PREVEDE L'AUTOMATISMO DELLE SANZIONI PER I CALCIATORI ESPULSI DELLA CATEGORIA ESORDIENTI CHE PERTANTO DOVRANNO SOGGIACERE AI PROVVEDIMENTI DEL GIUDICE SPORTIVO ART.15: RECLAMI EVENTUALI RECLAMI DOVRANNO ESSERE PRESENTATI ENTRO 30 MINUTI DALLA FINE DELLA GARA ACCOMPAGNATI DALLA TASSA DI EURO ; COPIA DEL RECLAMO DOVRÀ ESSERE CONSEGNATA ALLA CONTROPARTE SEMPRE NEI TERMINI DEI 30 MINUTI. ART.16: NORME GENERALI PER QUANTO NON PREVISTO DAL PRESENTE REGOLAMENTO, VALGONO LE DISPOSIZIONI DEI REGOLAMENTI FEDERALI IN QUANTO COMPATIBILI, E QUELLE RIPORTATE SUL COMUNICATO UFFICIALE N 1 DEL SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO RELATIVO ALLA STAGIONE SPORTIVA IN CORSO. PER COMUNICAZIONI FARE RIFERIMENTO AI SEGUENTI NUMERI : N TEL: FAX: IL PRESIDENTE DELLA SOCIETÀ 16

17 (da redigere su carta intestata della Società organizzatrice) REGOLAMENTO CAT. PULCINI 1995 ART.1: ART:2: ORGANIZZAZIONE LA SOCIETÀ INDICE ED ORGANIZZA UN TORNEO A CARATTERE INTERNAZIONALE/NAZIONALE DENOMINATO: IN COLLABORAZIONE CON CHE SI DISPUTERÀ NEI GIORNI COME MEGLIO SPECIFICATO NELL'ALLEGATO CALENDARIO DELLE GARE IN PROGRAMMA; PRESSO L'IMPIANTO SPORTIVO: CATEGORIA DI PARTECIPAZIONE E LIMITI DI ETA IL TORNEO È RISERVATO AI CALCIATORI APPARTENENTI ALLA CATEGORIA PULCINI REGOLARMENTE TESSERATI FIGC, CON LA PROPRIA SOCIETÀ, PER LA STAGIONE IN CORSO; ART.3: ART.4: ART.5: ART.6: PULCINI 1995 : IN QUESTA CATEGORIA POSSONO GIOCARE SOLO ED ESCLUSIVAMENTE GIOCATORI NATI DAL AL PRESTITI NON SONO CONSENTITI PRESTITI. ELENCHI GIOCATORI LE SOCIETÀ PARTECIPANTI DOVRANNO PRESENTARE ALL ORGANIZZAZIONE DEL TORNEO, PRIMA DEL SUO INIZIO, L ELENCO DEI CALCIATORI CHE INTENDONO UTILIZZARE, FINO AD UN MASSIMO DI N DOPO L AVVENUTA CONSEGNA È PROIBITO APPORTARE MODIFICHE A TALI ELENCHI; NELLA DISTINTA DA PRESENTARE ALL ARBITRO PRIMA DELLA GARA SARANNO INDICATI FINO AD UN MASSIMO DI GIOCATORI 18 PER IL 9 CONTRO NOVE ED UN MASSIMI DI GIOCATORI 14 PER IL 7 CONTRO7 SOSTITUZIONI LE SOSTITUZIONI SARANNO EFFETTUATE NEL PIENO RISPETTO DELLE NORME DI CUI AL C.U. N 1 DEL S.G.S. -ROMA : TUTTI I GIOCATORI IN DISTINTA DOVRANNO GIOCARE ALMENO UN TEMPO DEI PRIMI DUE ; PERTANTO AL TERMINE DEL PRIMO TEMPO DOVRANNO ESSERE EFFETTUATE OBBLIGATORIAMENTE TUTTE LE SOSTITUZIONI ED I NUOVI ENTRATI NON POTRANNO PIÙ ESSERE SOSTITUITI FINO AL TERMINE DEL SECONDO TEMPO,TRANNE CHE PER VALIDI MOTIVI DI SALUTE ; NEL TERZO TEMPO,QUINDI, POTRANNO ESSERE EFFETTUATE SOSTITUZIONI CON IL SISTEMA DEI "CAMBI LIBERI VOLANTI". SOCIETÀ PARTECIPANTI AL TORNEO PRENDERANNO PARTE LE SOTTOINDICATE SOCIETÀ: ART.7: FORMULA DEL TORNEO (secondo le nuove disposizioni che non prevedono i calci di rigore e i tempi supplementari devono essere escluse le partite ad eliminazione diretta come ottavi di finale, quarti di finale, semifinali e finali) IL TORNEO SI SVOLGERÀ CON LA SEGUENTE FORMULA: saranno formati n gironi da n squadre che si incontreranno tra loro con gare di sola andata CON LE SEGUENTI MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE 17

18 ART.8: ART.9: CLASSIFICHE LE CLASSIFICHE SARANNO REDATTE IN BASE AI SEGUENTI CRITERI: -3 PUNTI PER LA VITTORIA -1 PUNTO PER IL PAREGGIO IN CASO DI PARITÀ DI PUNTEGGIO VALGONO I CRITERI IN ORDINE ELENCATI: -ESITO DEGLI INCONTRI DIRETTI -DIFFERENZA RETI SUL TOTALE DEGLI INCONTRI DISPUTATI -MAGGIOR NUMERO DI RETI SEGNATE SUL TOTALE DEGLI INCONTRI DISPUTATI -SORTEGGIO TEMPI DI GARA (BARRARE LA CASELLA INTERESSATA) LA GARA SI ARTICOLA IN TRE TEMPI DELLA DURATA DI MINUTI CIASCUNO 9 CONTRO 9 SU CAMPI DI DIMENSIONI RIDOTTE,CON PORTE RIDOTTE (MT. 4 X 2, O 5 X 2 O 6 X 2 ) E UTILIZZO DI PALLONI N 4 LA GARA SI ARTICOLA IN TRE TEMPI DELLA DURATA DI MINUTI CIASCUNO 7 CONTRO 7, SU CAMPI DI DIMENSIONI RIDOTTE, CON PORTE RIDOTTE (MT. 4 x 2) E UTILIZZO DI PALLONI DEL N 4 ART.10: CALCI DI RIGORE SONO ASSOLUTAMENTE VIETATI ART.11: TEMPI SUPPLEMENTARI SONO ASSOLUTAMENTE VIETATI ART.12: ARBITRI LE GARE SARANNO DIRETTE DA TECNICI O DIRIGENTI MESSI A DISPOSIZIONE DALLA SOCIETÀ ORGANIZZATRICE IN OGNI CASO I RAPPORTI GARA CON ALLEGATE LE DISTINTE GIOCATORI SARANNO TRASMESSE AL COMITATO DI COMPETENZA NEI TERMINI PREVISTI PER LA NECESSARIA VISIONE DEL GIUDICE SPORTIVO ART.13: DISCIPLINA DEL TORNEO LA DISCIPLINA DEL TORNEO VIENE AFFIDATA AL GIUDICE SPORTIVO TITOLARE O SUPPLENTE DEL COMITATO DI COMPETENZA ART.14: AUTOMATISMO DELLE SANZIONI L'ART.41 COMMA 2 DEL CODICE DI GIUSTIZIA SPORTIVA NON PREVEDE L'AUTOMATISMO DELLE SANZIONI PER I CALCIATORI ESPULSI DELLA CATEGORIA PULCINI CHE PERTANTO DOVRANNO SOGGIACERE AI PROVVEDIMENTI DEL GIUDICE SPORTIVO ART.15: RECLAMI EVENTUALI RECLAMI DOVRANNO ESSERE PRESENTATI ENTRO 30 MINUTI DALLA FINE DELLA GARA ACCOMPAGNATI DALLA TASSA DI EURO ; COPIA DEL RECLAMO DOVRÀ ESSERE CONSEGNATA ALLA CONTROPARTE SEMPRE NEI TERMINI DEI 30 MINUTI. ART.16: NORME GENERALI PER QUANTO NON PREVISTO DAL PRESENTE REGOLAMENTO, VALGONO LE DISPOSIZIONI DEI REGOLAMENTI FEDERALI IN QUANTO COMPATIBILI, E QUELLE RIPORTATE SUL COMUNICATO UFFICIALE N 1 DEL SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO RELATIVO ALLA STAGIONE SPORTIVA IN CORSO. IL PRESIDENTE DELLA SOCIETÀ PER COMUNICAZIONI FARE RIFERIMENTO AI SEGUENTI NUMERI : N TEL: FAX: 18

19 REGOLAMENTO CAT. PULCINI ART.1: ART:2: ORGANIZZAZIONE LA SOCIETÀ INDICE ED ORGANIZZA UN TORNEO A CARATTERE INTERNAZIONALE/NAZIONALE DENOMINATO: IN COLLABORAZIONE CON CHE SI DISPUTERÀ NEI GIORNI COME MEGLIO SPECIFICATO NELL'ALLEGATO CALENDARIO DELLE GARE IN PROGRAMMA; PRESSO L'IMPIANTO SPORTIVO: CATEGORIA DI PARTECIPAZIONE E LIMITI DI ETA (barrare la casella interessata) IL TORNEO È RISERVATO AI CALCIATORI APPARTENENTI ALLA CATEGORIA PULCINI REGOLARMENTE TESSERATI FIGC, CON LA PROPRIA SOCIETÀ, PER LA STAGIONE IN CORSO; ART.3: ART.4: ART.5: ART.6: PULCINI: NATI DAL AL COMPIMENTO ANAGRAFICO DELL' 8 ANNO DI ETA PRESTITI NON SONO CONSENTITI PRESTITI. ELENCHI GIOCATORI LE SOCIETÀ PARTECIPANTI DOVRANNO PRESENTARE ALL ORGANIZZAZIONE DEL TORNEO, PRIMA DEL SUO INIZIO, L ELENCO DEI CALCIATORI CHE INTENDONO UTILIZZARE, FINO AD UN MASSIMO DI N DOPO L AVVENUTA CONSEGNA È PROIBITO APPORTARE MODIFICHE A TALI ELENCHI; NELLA DISTINTA DA PRESENTARE ALL ARBITRO PRIMA DELLA GARA SARANNO INDICATI FINO AD UN MASSIMO DI GIOCATORI 14. SOSTITUZIONI LE SOSTITUZIONI SARANNO EFFETTUATE NEL PIENO RISPETTO DELLE NORME DI CUI AL C.U. N 1 DEL S.G.S. - ROMA : TUTTI I GIOCATORI IN DISTINTA DOVRANNO GIOCARE ALMENO UN TEMPO DEI PRIMI DUE ; PERTANTO AL TERMINE DEL PRIMO TEMPO DOVRANNO ESSERE EFFETTUATE OBBLIGATORIAMENTE TUTTE LE SOSTITUZIONI ED I NUOVI ENTRATI NON POTRANNO PIÙ ESSERE SOSTITUITI FINO AL TERMINE DEL SECONDO TEMPO,TRANNE CHE PER VALIDI MOTIVI DI SALUTE ; NEL TERZO TEMPO,QUINDI, POTRANNO ESSERE EFFETTUATE SOSTITUZIONI CON IL SISTEMA DEI "CAMBI LIBERI VOLANTI". SOCIETÀ PARTECIPANTI AL TORNEO PRENDERANNO PARTE LE SOTTOINDICATE SOCIETÀ: ART.7: FORMULA DEL TORNEO (secondo le nuove disposizioni che non prevedono i calci di rigore e i tempi supplementari devono essere escluse le partite ad eliminazione diretta come ottavi di finale, quarti di finale, semifinali e finali) IL TORNEO SI SVOLGERÀ CON LA SEGUENTE FORMULA: saranno formati n gironi da n squadre che si incontreranno tra loro con gare di sola andata CON LE SEGUENTI MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE 19

20 ART.8: ART.9: CLASSIFICHE LE CLASSIFICHE SARANNO REDATTE IN BASE AI SEGUENTI CRITERI: -3 PUNTI PER LA VITTORIA -1 PUNTO PER IL PAREGGIO IN CASO DI PARITÀ DI PUNTEGGIO VALGONO I CRITERI IN ORDINE ELENCATI: -ESITO DEGLI INCONTRI DIRETTI -DIFFERENZA RETI SUL TOTALE DEGLI INCONTRI DISPUTATI -MAGGIOR NUMERO DI RETI SEGNATE SUL TOTALE DEGLI INCONTRI DISPUTATI -SORTEGGIO TEMPI DI GARA (barrare la casella interessata) LE GARE SI SVOLGERANNO IN TRE TEMPI DELLA DURATA DI MINUTI CIASCUNO ; PULCINI: LA GARA SI ARTICOLA IN UNA PARTITA 7 CONTRO 7 SU CAMPI DI DIMENSIONI RIDOTTE, CON PORTE RIDOTTE (MT.4 X 2 ) E UTILIZZO DI PALLONI DEL N 4 PULCINI 1997:LA GARA SI ARTICOLA IN UNA PARTITA 5 CONTRO 5 SU CAMPI DI DIMENSIONI RIDOTTE,CON PORTE RIDOTTE (MT. 4 X 2 ) E UTILIZZO DI PALLONI N 4 ART.10: CALCI DI RIGORE SONO ASSOLUTAMENTE VIETATI ART.11: TEMPI SUPPLEMENTARI SONO ASSOLUTAMENTE VIETATI ART.12: ARBITRI LE GARE SARANNO DIRETTE DA TECNICI O DIRIGENTI MESSI A DISPOSIZIONE DALLA SOCIETÀ ORGANIZZATRICE IN OGNI CASO I RAPPORTI GARA CON ALLEGATE LE DISTINTE GIOCATORI SARANNO TRASMESSE AL COMITATO DI COMPETENZA NEI TERMINI PREVISTI PER LA NECESSARIA VISIONE DEL GIUDICE SPORTIVO ART.13: DISCIPLINA DEL TORNEO LA DISCIPLINA DEL TORNEO VIENE AFFIDATA AL GIUDICE SPORTIVO TITOLARE O SUPPLENTE DEL COMITATO DI COMPETENZA ART.14: AUTOMATISMO DELLE SANZIONI L'ART.41 COMMA 2 DEL CODICE DI GIUSTIZIA SPORTIVA NON PREVEDE L'AUTOMATISMO DELLE SANZIONI PER I CALCIATORI ESPULSI DELLA CATEGORIA PULCINI CHE PERTANTO DOVRANNO SOGGIACERE AI PROVVEDIMENTI DEL GIUDICE SPORTIVO ART.15: RECLAMI EVENTUALI RECLAMI DOVRANNO ESSERE PRESENTATI ENTRO 30 MINUTI DALLA FINE DELLA GARA ACCOMPAGNATI DALLA TASSA DI EURO ; COPIA DEL RECLAMO DOVRÀ ESSERE CONSEGNATA ALLA CONTROPARTE SEMPRE NEI TERMINI DEI 30 MINUTI. ART.16: NORME GENERALI PER QUANTO NON PREVISTO DAL PRESENTE REGOLAMENTO, VALGONO LE DISPOSIZIONI DEI REGOLAMENTI FEDERALI IN QUANTO COMPATIBILI, E QUELLE RIPORTATE SUL COMUNICATO UFFICIALE N 1 DEL SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO RELATIVO ALLA STAGIONE SPORTIVA IN CORSO. IL PRESIDENTE DELLA SOCIETÀ PER COMUNICAZIONI FARE RIFERIMENTO AI SEGUENTI NUMERI : N TEL: FAX: 20

Tornei Internazionali e Nazionali organizzati da società

Tornei Internazionali e Nazionali organizzati da società Tornei Internazionali e Nazionali organizzati da società Norme, disposizioni e chiarimenti per la corretta organizzazione dei tornei e relativa stesura dei regolamenti. 1) Organizzazione dei tornei L organizzazione

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2010/2011 Al fine di perseguire una sempre più corretta

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2010/2011 Al fine di perseguire una sempre più corretta

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale Stagione Sportiva 2013/2014 (da redigere su carta intestata della Società

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale Stagione Sportiva 2014/2015 (da redigere su carta intestata della Società organizzatrice)

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2013/2014 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

(normativa F.I.F.A. in vigore dal 01 agosto 2011 con circolare numero 1273)

(normativa F.I.F.A. in vigore dal 01 agosto 2011 con circolare numero 1273) Alla fine di ogni mese, le società che hanno fatto richiesta dovranno inoltrare all Ufficio Tornei del Settore Giovanile e Scolastico della FIGC tramite i Comitati Regionali competenti nel territorio un

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2015/2016 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

ATTIVITA GIOVANILE. VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795

ATTIVITA GIOVANILE. VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO - LEGA NAZIONALE DILETTANTI COMITATO REGIONALE CALABRIA ATTIVITA GIOVANILE VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 Indirizzo

Dettagli

ART. 5: SOSTITUZIONI Sono previste n sostituzioni, indipendentemente dal ruolo, in qualsiasi momento della gara.

ART. 5: SOSTITUZIONI Sono previste n sostituzioni, indipendentemente dal ruolo, in qualsiasi momento della gara. REGOLAMENTO TORNEO 1^ SQUADRA (indicare la categoria delle squadre partecipanti) 15/16 ART. 1: ORGANIZZAZIONE La Società : Matr.FIGC: Sede c.a.p. via Telef. Fax email Dirig.Resp. Sig. telef. Cell. indice

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico \ Lega Nazionale Dilettanti Emilia Romagna 2011-12

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico \ Lega Nazionale Dilettanti Emilia Romagna 2011-12 Allegato F FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico \ Lega Nazionale Dilettanti Emilia Romagna 2011-12 Regolamenti per Tornei a carattere Regionale e Provinciale Attività di Base

Dettagli

ASD AQUILEIA REGOLAMENTI TORNEI GIOVANILI DI CALCIO

ASD AQUILEIA REGOLAMENTI TORNEI GIOVANILI DI CALCIO ASD AQUILEIA REGOLAMENTI TORNEI GIOVANILI DI CALCIO CITTA DI AQUILEIA 2013 REGOLAMENTO CATEGORIA ALLIEVI Art. 1 organizzazione La società ASD AQUILEIA indice ed organizza un torneo a carattere regionale

Dettagli

24 EDIZIONE TROFEO SANTA GIULIA DAL 6 AL 29 MAGGIO 2015 REGOLAMENTI CATEGORIE. REGOLAMENTO : CATEGORIA ALLIEVI 1998/1999 a 11 (undici)...

24 EDIZIONE TROFEO SANTA GIULIA DAL 6 AL 29 MAGGIO 2015 REGOLAMENTI CATEGORIE. REGOLAMENTO : CATEGORIA ALLIEVI 1998/1999 a 11 (undici)... U.S.O. UNITED ASD 24 EDIZIONE TROFEO SANTA GIULIA DAL 6 AL 29 MAGGIO 2015 REGOLAMENTI CATEGORIE REGOLAMENTO : CATEGORIA ALLIEVI 1998/1999 a 11 (undici)... 2 REGOLAMENTO : CATEGORIA GIOVANISSIMI 2000/2001

Dettagli

Tassa di approvazione Torneo : (1^squadre 100,00 Att.Ricreativa/ C5 100,00 Juniores/ Under 52,00)

Tassa di approvazione Torneo : (1^squadre 100,00 Att.Ricreativa/ C5 100,00 Juniores/ Under 52,00) Fac simile lettera di trasmissione al C.R.V. su carta intestata della Società organizzatrice, PER I SOLI TORNEI DILETTANTI (NON GIOVANILI) : Data Spett.le F.I.G.C. C.R.V. L.N.D. Ufficio Approvazione Tornei

Dettagli

REGOLAMENTO CATEGORIA GIOVANISSIMI 2 ANNO

REGOLAMENTO CATEGORIA GIOVANISSIMI 2 ANNO LE REGOLAMENTO CATEGORIA GIOVANISSIMI 2 ANNO ART.1 ORGANIZZAZIONE La società F.C. PERSICETO 85 indice e organizza un torneo a carattere regionale denominato TORNEO REGIONALE GIOVANILE MASSIMO MORISI che

Dettagli

categoria : periodo di svolgimento : I NOMI DELLE SQUADRE PARTECIPANTI ED IL CALENDARIO DELLE GARE completo

categoria : periodo di svolgimento : I NOMI DELLE SQUADRE PARTECIPANTI ED IL CALENDARIO DELLE GARE completo Fac simile lettera di trasmissione al C.R.V. su carta intestata della Società organizzatrice, PER I SOLI TORNEI DILETTANTI (NON GIOVANILI) : Data Spett.le F.I.G.C. C.R.V. L.N.D. Ufficio Approvazione Tornei

Dettagli

A.S.D. Montello C.A.V.

A.S.D. Montello C.A.V. A.S.D. Montello C.A.V. 31040 VOLPAGO DEL MONTELLO (TREVISO) Stadio Comunale: Volpago del Montello (TV) Via Sansovino n. 7 Colori sociali: bianco celeste Telefono e fax 0423 871496 e-mail calciomontello@libero.it

Dettagli

TORNEO REGIONALE GIOVANI CALCIATRICI GIOVANISSIME 7 CONTRO 7 STAGIONE SPORTIVA 2011-2012

TORNEO REGIONALE GIOVANI CALCIATRICI GIOVANISSIME 7 CONTRO 7 STAGIONE SPORTIVA 2011-2012 TORNEO REGIONALE GIOVANI CALCIATRICI GIOVANISSIME 7 CONTRO 7 STAGIONE SPORTIVA 2011-2012 REGOLAMENTO ART. 1 - TITOLO Il Comitato Regionale FIGC-LND del Friuli Venezia Giulia, d intesa con il Settore Giovanile

Dettagli

REGOLAMENTO DEL XX TORNEO INTERNAZIONALE DI CALCIO GIOVANILE - Assemini (CA) 18 21 Giugno 2015

REGOLAMENTO DEL XX TORNEO INTERNAZIONALE DI CALCIO GIOVANILE - Assemini (CA) 18 21 Giugno 2015 REGOLAMENTO DEL XX TORNEO INTERNAZIONALE DI CALCIO GIOVANILE - Assemini (CA) 18 21 Giugno 2015 ART.1 ORGANIZZAZIONE La ASD Gioventu Assemini Calcio con sede in Assemini (CA) C.so Europa 60, organizza un

Dettagli

1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP

1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP Il Comitato Regionale Umbria della F.I.G.C. indice ed organizza il 1 TROFEO PERUGIA CUP Campo Federale di Prepo R E G O L A M E N T O U F F I C I A L E STAGIONE SPORTIVA 2011/2012

Dettagli

ART.3 PRESTITI Non sono consentiti prestiti.

ART.3 PRESTITI Non sono consentiti prestiti. Trofeo Natale Biancorosso 2016 CATEGORIA ESORDIENTI 2004 REGOLAMENTO ART.1 ORGANIZZAZIONE La società A.S.D. U.R.S. LA CHIVASSO indice e organizza un torneo a carattere regionale denominato Natale Biancorosso

Dettagli

22 Torneo FELICE FERRANDINI Categoria Esordienti 2002 REGOLAMENTO

22 Torneo FELICE FERRANDINI Categoria Esordienti 2002 REGOLAMENTO REGOLAMENTO Art. 1 ORGANIZZAZIONE L A.C.D. Lucento indice ed organizza, sotto l egida della F.I.G.C. Settore Giovanile e Scolastico, la 22^ edizione del Torneo calcistico a carattere provinciale denominato:

Dettagli

SOCIETÀ ORGANIZZATRICE:

SOCIETÀ ORGANIZZATRICE: XV TORNEO DIVERTIAMOCI INSIEME NORCIA 01_04 APRILE 2015 REGOLAMENTO CAT. ESORDIENTI 1 ANNO 2003 ART.1 ORGANIZZAZIONE L ALLEANZA SPORTIVA ITALIANA E L ASSOCIAZIONE SCUOLA GIOCO E SPORT INDICONO ED ORGANIZZANO

Dettagli

REGOLAMENTO CAT. ESORDIENTI 1 ANNO

REGOLAMENTO CAT. ESORDIENTI 1 ANNO Via Vitellia,50 00152 Roma Matr. F.I.G.C. 932234 P.I. 04737721003 Tel. 06.5806854 Fax. 06.58179406 www.olimpiacalcio.it ugo.bassani@tiscali.it REGOLAMENTO CAT. ESORDIENTI 1 ANNO ART.1 ORGANIZZAZIONE LA

Dettagli

1 Trofeo la BEFANA a Gardaland 2014

1 Trofeo la BEFANA a Gardaland 2014 la BEFANA a Gardaland ESORDIENTI 2001 a 11 Il Torneo è riservato ai calciatori/calciatrici appartenenti alla categoria ESORDIENTI 2 ANNO, regolarmente tesserati per la F.I.G.C. per la stagione in corso

Dettagli

MODALITA DI GIOCO CATEGORIE DI BASE

MODALITA DI GIOCO CATEGORIE DI BASE Allegato 1 Pag. 1 di 12 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico MODALITA DI GIOCO CATEGORIE DI BASE Stagione sportiva 2013/2014 Di seguito si illustrano nel dettaglio le attività

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE PREMESSA CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS La parte iniziale del regolamento è riferita alle norme di carattere generale inerenti l organizzazione dei Campionati di: Calcio a 5 maschile e femminile,

Dettagli

ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA

ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA La Lega Nazionale Dilettanti - in attuazione delle disposizioni di cui all'art. 49, punto 1, lett. c),

Dettagli

Comunicato Ufficiale N 31 del 27 Ottobre 2011

Comunicato Ufficiale N 31 del 27 Ottobre 2011 Stagione Sportiva 2011/2012 Comunicato Ufficiale N 31 del 27 Ottobre 2011 IL COMUNICATO UFFICIALE DELLA DIVISIONE CALCIO FEMMINILE È INTEGRALMENTE CONSULTABILE PRESSO IL SITO INTERNET DELLA DIVISIONE ALL

Dettagli

Comunicato Ufficiale N.1

Comunicato Ufficiale N.1 F.I.G.C. Delegazioni Provinciale di FERRARA Anno Sportivo 2011-2012 Comunicato Ufficiale N.1 Stagione Sportiva 2011/2012 Comunicato Ufficiale N.1 - Stagione Sportiva 2011/2012 SEZIONE 11: Regolamentazione

Dettagli

61 Torneo VIAREGGIO CUP World Football Tournament COPPA CARNEVALE

61 Torneo VIAREGGIO CUP World Football Tournament COPPA CARNEVALE 61 Torneo VIAREGGIO CUP World Football Tournament COPPA CARNEVALE Art. 1 - Lo Sporting Club Centro Giovani Calciatori a.s.d. di Viareggio indice e organizza, con la collaborazione della F.I.G.C., con il

Dettagli

USOM ASD STAGIONE 2010 / 2011

USOM ASD STAGIONE 2010 / 2011 USOM ASD STAGIONE 2010 / 2011 2.4 Norme regolamentari dell attività di base Premesso che il Settore Giovanile e Scolastico verificherà costantemente il rispetto delle norme tecniche, didattiche ed organizzative

Dettagli

L attività delle categorie di Base ha carattere eminentemente promozionale, ludico e didattico ed è organizzata su base strettamente locale.

L attività delle categorie di Base ha carattere eminentemente promozionale, ludico e didattico ed è organizzata su base strettamente locale. In queste affermazioni, riportate peraltro su un documento-video ufficiale, si richiama l attenzione circa i modelli educativi a cui si devono riferire tutte le attività promosse, organizzate e praticate

Dettagli

U. I. S. P. COMITATO REGIONALE VALLE D AOSTA. 2 a edizione Trofeo della Liberazione 2 Memorial Ernesto Guglielminotti

U. I. S. P. COMITATO REGIONALE VALLE D AOSTA. 2 a edizione Trofeo della Liberazione 2 Memorial Ernesto Guglielminotti A. S. D. C. G. C. CENTRO GIOVANI CALCIATORI AOSTA U. I. S. P. COMITATO REGIONALE VALLE D AOSTA A. N. P. I. 2 a edizione Trofeo della Liberazione 2 Memorial Ernesto Guglielminotti Sabato 25 aprile 2015

Dettagli

GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO

GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO Norme Generali Location La competizione si svolge a Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Como, Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Categorie e fasce

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE n. 37 del 28 maggio 2014

COMUNICATO UFFICIALE n. 37 del 28 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE n. 37 del 28 maggio 2014 CAMPIONATO NAZIONALE DI SERIE A DI CALCIO A 11 (Stagione Sportiva 2013/2014) REGOLAMENTO 1. SQUADRE PARTECIPANTI ED ORGANICO DELLA MANIFESTAZIONE La Federazione

Dettagli

Oggetto: Richiesta squadre vincenti per Campionato Nazionale di Calcio a 7 Siracusa 5-8 maggio 2011.

Oggetto: Richiesta squadre vincenti per Campionato Nazionale di Calcio a 7 Siracusa 5-8 maggio 2011. Roma, 11.02.2011 Prot.n.187 Ai Presidenti dei Comitati Regionali AICS ------------------- Loro Sedi Oggetto: Richiesta squadre vincenti per Campionato Nazionale di Calcio a 7 Siracusa 5-8 maggio 2011.

Dettagli

Oggetto: Richiesta squadre vincenti per Campionato Nazionale di Calcio a 7 Riccione 5-6-7-8 giugno 2014.

Oggetto: Richiesta squadre vincenti per Campionato Nazionale di Calcio a 7 Riccione 5-6-7-8 giugno 2014. Roma, 06.03.2014 Prot.n.176 Ai Presidenti dei Comitati Regionali AICS dei Comitati Provinciali AICS ------------------- Loro Sedi Oggetto: Richiesta squadre vincenti per Campionato Nazionale di Calcio

Dettagli

REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2015 2016

REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2015 2016 REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2015 2016 Rappresentanza, Iscrizioni, Doveri e Obblighi. Articolo 1 Rappresentanza 1.01 La Divisione Calcio a Cinque organizza la Supercoppa stagione Sportiva 2015/2016, riservata

Dettagli

Si allega al presente comunicato: - il quadro riepilogativo delle attività ufficiali della stagione sportiva 2015/2016 (allegato n.

Si allega al presente comunicato: - il quadro riepilogativo delle attività ufficiali della stagione sportiva 2015/2016 (allegato n. 1.2 Scuole di Calcio Le Scuole di Calcio e di Calcio a 5, vengono riconosciute dalla F.I.G.C. che ne cura il controllo e il coordinamento per il tramite del Settore Giovanile e Scolastico sulla base dei

Dettagli

Oggetto: Richiesta squadre vincenti per Campionato Nazionale di Calcio a 7 Trapani 23-26 maggio 2013.

Oggetto: Richiesta squadre vincenti per Campionato Nazionale di Calcio a 7 Trapani 23-26 maggio 2013. Roma, 01.03.2013 Prot.n. 217 Ai Presidenti dei Comitati Regionali AICS dei Comitati Provinciali AICS ------------------- Loro Sedi Oggetto: Richiesta squadre vincenti per Campionato Nazionale di Calcio

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI REGOLAMENTO DEI GIOCATORI Approvato dal Consiglio Federale il 3 luglio 2010 L attività dei giocatori è disciplinata dal Regolamento dei Giocatori, dal Regolamento delle Competizioni e da altre specifiche

Dettagli

NORME GENERALI PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ GIOVANILI 1. AFFILIAZIONI

NORME GENERALI PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ GIOVANILI 1. AFFILIAZIONI NORME GENERALI PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ GIOVANILI 1. AFFILIAZIONI Per ottenere l affiliazione alla F.I.G.C. le società debbono inoltrare al Presidente Federale apposita domanda, sottoscritta dal

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI

REGOLAMENTO DEI GIOCATORI REGOLAMENTO DEI GIOCATORI Approvato dal Consiglio Federale il 3 settembre 2013 L attività dei giocatori è disciplinata dal Regolamento dei Giocatori, dal Regolamento delle Competizioni e da altre specifiche

Dettagli

VI TORNEO NAZIONALE DI CALCIO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

VI TORNEO NAZIONALE DI CALCIO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI VI TORNEO NAZIONALE DI CALCIO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI REGOLAMENTO I PREMESSA Articolo 1 Organizzazione Il Coordinamento dei Dottori Commercialisti per la promozione di attività sportive (Organizzatore)

Dettagli

3 Torneo Daniele Ghillani

3 Torneo Daniele Ghillani A.S.D. Montanara Calcio dal 1961 ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA 3 Torneo Daniele Ghillani dal 4 al 5 giugno 2015 CATEGORIA PICCOLI AMICI- ANNO 2007 Presentazione e sorteggio del 16 marzo 2014 Con

Dettagli

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO Norme Generali Location La competizione si svolge a Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Cosenza, Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Categorie e

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE

REGOLAMENTO UFFICIALE REGOLAMENTO UFFICIALE ART. 1- Durata del torneo. Il torneo avrà inizio il giorno sabato 31 MAGGIO 2014 e terminerà il giorno lunedi 02 GIUGNO 2014. L Organizzazione si riserva il diritto, per esigenze

Dettagli

ATTIVITA GIOVANILE. VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795

ATTIVITA GIOVANILE. VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO - LEGA NAZIONALE DILETTANTI COMITATO REGIONALE CALABRIA ATTIVITA GIOVANILE VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 Indirizzo

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale Calcio femminile

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale Calcio femminile FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale Calcio femminile Stagione Sportiva 2017/2018 (da redigere su carta intestata della Società

Dettagli

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo.

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo. 2) ATTIVITÀ GIOVANILE AGONISTICA L attività giovanile è ad indirizzo competitivo e si configura principalmente attraverso i risultati delle gare ed il comportamento disciplinare in campo e fuori di Atleti,

Dettagli

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE C.U.S. FOGGIA A.S.D. Via Napoli, 109 71122 Foggia CHAMPIONS LEAGUE Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE Articolo 1 Iscrizioni. Il Campionato Champions League 2015 è aperto a tutti (universitari

Dettagli

È quindi necessaria la sottoscrizione della Carta Assicurativa FIGC per la partecipazione all attività ufficiale organizzata dalla FIGC.

È quindi necessaria la sottoscrizione della Carta Assicurativa FIGC per la partecipazione all attività ufficiale organizzata dalla FIGC. Centri di Avviamento allo Sport a) Costituzione e rinnovo: modalità e scadenze I Centri CONI di Avviamento allo Sport-Calcio vengono promossi dagli organi competenti del CONI e della Federazione Italiana

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012 Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 (di seguito la Competizione ) REGOLAMENTO 1) ORGANIZZAZIONE e DENOMINAZIONE DELLA COMPETIZIONE Organizzatrice

Dettagli

3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016. Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari

3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016. Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari 3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016 Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari Regolamento del Torneo IL TORNEO E RISERVATO A TUTTI I GIOCATORI CHE ABBIANO COMPIUTO IL 30 ANNO DI ETA AL MOMENTO

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016. Comunicato Ufficiale N. 001

Stagione Sportiva 2015/2016. Comunicato Ufficiale N. 001 Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N. 001 COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 1.1 SITO INTERNET Si segnala che l indirizzo

Dettagli

Primo torneo DON BOSCO CATEGORIA ALLIEVI E GIOVANISSIMI

Primo torneo DON BOSCO CATEGORIA ALLIEVI E GIOVANISSIMI L ASD Calcio Giovanile Metropolitano e la Lega Calcio Uisp di Cagliari, organizzano la 1 edizione del Mundialito Giovanile Metropolitano, al quale parteciperà una selezione di squadre della categoria Allievi

Dettagli

Comunicato Ufficiale n.2 del 14 Ottobre 2010

Comunicato Ufficiale n.2 del 14 Ottobre 2010 Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti DELEGAZIONE PROVINCIALE AVELLINO Via Carlo Del Balzo, 81 83100 Avellino Stagione Sportiva 20010/2011 Tel. (0825) 31087 Fax (0825) 780011 Sito

Dettagli

CORSO PER DIRIGENTE ARBITRO s.s.2015/2016

CORSO PER DIRIGENTE ARBITRO s.s.2015/2016 Settore Giovanile e Scolastico EMILIA ROMAGNA CORSO PER DIRIGENTE ARBITRO s.s.2015/2016 Organizzato dal Settore Giovanile e Scolastico in collaborazione con l AIA COORDINAMENTO FEDERALE SGS EMILIA ROMAGNA

Dettagli

8 TORNEO SILVANO MORETTI 2015 Calendario Partite

8 TORNEO SILVANO MORETTI 2015 Calendario Partite Calendario 8 Moretti 8 TORNEO SILVANO MORETTI 2015 Calendario Partite venerdi sabato domenica venerdi sabarto mercoledi domenica CATEGORIE ELENCO ORARI 22 Maggio 23 Maggio 24 Maggio 29 maggio 30 maggio

Dettagli

LEGA CALCIO UISP BERGAMO

LEGA CALCIO UISP BERGAMO REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 7 REGOLAMENTO ORGANICO ART. 1 - DOVERI DELLE SQUADRE E DEI TESSERATI a) Le squadre iscritte al Campionato Provinciale di Calcio a 7 hanno il dovere dell osservanza

Dettagli

REGOLAMENTO CSI LAZIO - CALCIO A 11

REGOLAMENTO CSI LAZIO - CALCIO A 11 REGOLAMENTO CSI LAZIO - CALCIO A 11 Validità dei regolamenti La fase finale dei Campionati Regionali 2014 si svolge secondo quanto stabilito dal Regolamento generale pubblicato su Sport in regola -Regolamento

Dettagli

Stagione Sportiva 2012/2013. Comunicato Ufficiale N. 001

Stagione Sportiva 2012/2013. Comunicato Ufficiale N. 001 Stagione Sportiva 2012/2013 Comunicato Ufficiale N. 001 1. COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. 2. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. 3. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 1.1 SITO INTERNET Si segnala che l

Dettagli

NORME DI RIFERIMENTO PER L ATTIVITA DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA E PER L ATTIVITA PROMOZIONALE

NORME DI RIFERIMENTO PER L ATTIVITA DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA E PER L ATTIVITA PROMOZIONALE CATEGORIE: PRIMI CALCI A 6 NATI 2008-2009 PICCOLI AMICI A 6 NATI 2006-2007 PULCINI A 6 NATI 2004-2005 ESORDIENTI A 7 NATI 2002-2003 ESORDIENTI A 11 NATI 2002-2003 GIOVANISSIMI A 11 NATI 2000-2001 ALLIEVI

Dettagli

2 Torneo Universitario di CALCIO A 5 Memorial Mario del Sordo

2 Torneo Universitario di CALCIO A 5 Memorial Mario del Sordo C.U.S. FOGGIA A.S.D. Via Napoli, 109 71122 Foggia 2 Torneo Universitario di CALCIO A 5 Memorial Mario del Sordo IL CUS FOGGIA ORGANIZZA IL PRIMO TORNEO DI CALCIO A 5 PER TUTTI I DIPARTIMENTI DELL UNIVERSITA

Dettagli

a cura della FIGC - Settore Giovanile e Scolastico

a cura della FIGC - Settore Giovanile e Scolastico Criteri di ammissione ai Campionati Regionali 1/16 I Comitati Regionali dovranno pubblicare sui Comunicati Ufficiali la composizione degli organici (numero dei gironi e numero squadre ammesse) ed i meccanismi

Dettagli

ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014

ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014 ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014 -TESSERAMENTO GIOCATORI I tesseramenti dei calciatori / dirigenti saranno ammessi fino al 31/12/2012 senza alcuna deroga. I giocatori che non avranno

Dettagli

NORME REGOLAMENTARI DELL ATTIVITÀ DI BASE

NORME REGOLAMENTARI DELL ATTIVITÀ DI BASE Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti DELEGAZIONE PROVINCIALE DI PADOVA 35129 PADOVA Via Savelli,86/10 c.p. 851 Tel 049/7800724 Fax 049/7800628 E-mail: padova@figc.it Stagione Sportiva

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale Stagione Sportiva 2016/2017 (da redigere su carta intestata della Società

Dettagli

COMITATO PROVINCIALE COSENZA

COMITATO PROVINCIALE COSENZA COMITATO PROVINCIALE COSENZA 02 settembre 2015 1 MOVIMENTO SPORTIVO POPOLARE ITALIA Comitato Provinciale Cosenza Lega Calcio Cosenza 1^ Traversa Kennedy, 4 87037 RENDE (CS) Tel. e fax 0984 446750 e-mail:

Dettagli

L attività delle categorie di Base ha carattere eminentemente promozionale, ludico e didattico ed è organizzata su base strettamente locale.

L attività delle categorie di Base ha carattere eminentemente promozionale, ludico e didattico ed è organizzata su base strettamente locale. 1 ATTIVITÀ DI BASE 1.1 Norme regolamentari dell attività di base L attività delle categorie di Base ha carattere eminentemente promozionale, ludico e didattico ed è organizzata su base strettamente locale.

Dettagli

G.S. ENS REGGIO CALABRIA G.S.S. PATAVINI POL. SILENZIOSA ROMANA A.S.D. G.S.S. ENS TORINO

G.S. ENS REGGIO CALABRIA G.S.S. PATAVINI POL. SILENZIOSA ROMANA A.S.D. G.S.S. ENS TORINO Squadre partecipanti: G.S. ENS REGGIO CALABRIA G.S.S. PATAVINI POL. SILENZIOSA ROMANA A.S.D. G.S.S. ENS TORINO PER ULTERIORI INFORMAZIONI info@psromana.it Programma 1 e 2 GIUGNO 2008 Squadre partecipanti:

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 001

Comunicato Ufficiale N. 001 1 Stagione Sportiva 2010/2011 Comunicato Ufficiale N. 001 1. COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. 2. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. 3. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 1.1 SITO INTERNET Si segnala che

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO 00198 ROMA VIA PO, 36 STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 COMUNICATO UFFICIALE N 1 del 01/07/2015 INDICE PREMESSA 1. ATTIVITA di BASE 2. ATTIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO COPPA ITALIA LEGA PRO 2015/2016

REGOLAMENTO COPPA ITALIA LEGA PRO 2015/2016 NOVEMBRE 2008 COMUNICATO UFFICIALE N. 65/L DEL 5 AGOSTO 2015 LEGA ITALIANA CALCIO PROFESSIONISTICO 65/142 REGOLAMENTO COPPA ITALIA LEGA PRO 2015/2016 La Lega organizza per l'annata sportiva 2015-2016 la

Dettagli

REGGIO EMILIA STAGIONE SPORTIVA 2011/2012

REGGIO EMILIA STAGIONE SPORTIVA 2011/2012 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO DELEGAZIONE PROVINCIALE REGGIO EMILIA C.U. nr. 02 Pagina 1 Via Premuda, 42 - C.P. 135 42123 Reggio Emilia S1 Tel. 0522.305.946 Fax 0522.301.294 e-mail: info@figcreggioemilia.it

Dettagli

REGOLAMENTO SPORTIVO DON BOSCO CUP 2016. Norme generali

REGOLAMENTO SPORTIVO DON BOSCO CUP 2016. Norme generali POLISPORTIVE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI PROMOZIONE SPORTIVA GIOVANILI SALESIANE Sede nazionale. Via Nomentana 175-00161 ROMA Tel. 06/4462179 - Fax 06/491310 REGOLAMENTO SPORTIVO DON BOSCO CUP 2016 L'Associazione

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N 5 DEL 24/07/2015 CIRCOLARE ATTIVITA DI BASE

COMUNICATO UFFICIALE N 5 DEL 24/07/2015 CIRCOLARE ATTIVITA DI BASE FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO 00198 ROMA VIA PO, 36 STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 COMUNICATO UFFICIALE N 5 DEL 24/07/2015 CIRCOLARE ATTIVITA DI BASE Pag. 1 a 11 Norme

Dettagli

A.S.D. Città di Sesto Matricola FIGC N. 930007 Matricola CONI N. 95012

A.S.D. Città di Sesto Matricola FIGC N. 930007 Matricola CONI N. 95012 Sede Legale: Via General Cantore, 105/B 20099 Sesto San Giovanni Sede: Campo Sportivo Comunale Falck, Via General Cantore, 106 20099 Sesto San Giovanni Tel./Fax n. 02/2425574 Campo Sportivo Comunale Pertini,

Dettagli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI PARMA

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI PARMA CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI PARMA P.le G. Matteotti n 9 43100 Parma Tel. 0521281226 289870 Fax 0521236626 E-mail: csi@csiparma.it http: www.csiparma.it CENTRO SPORTIVO ITALIANO Comitato

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE ALLIEVI PROFESSIONISTI SERIE A e B COMUNICATO UFFICIALE N 07 REGOLAMENTO STAGIONE SPORTIVA 2014-2015. Antonello Valentini

CAMPIONATO NAZIONALE ALLIEVI PROFESSIONISTI SERIE A e B COMUNICATO UFFICIALE N 07 REGOLAMENTO STAGIONE SPORTIVA 2014-2015. Antonello Valentini CAMPIONATO NAZIONALE ALLIEVI PROFESSIONISTI SERIE A e B COMUNICATO UFFICIALE N 07 REGOLAMENTO STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 Antonello Valentini CAMPIONATO NAZIONALE ALLIEVI PROFESSIONISTI SERIE A e B STAGIONE

Dettagli

REGOLAMENTO TORNEI ESTIVI DI CALCIO a 7 a 11

REGOLAMENTO TORNEI ESTIVI DI CALCIO a 7 a 11 Piazza Toscanini 13, 41053 Pozza di Maranello (MO) 0536/948012 Web: www.acpozza.com e-mail: settoregiovanileacpozza@gmail.com L' A.C. POZZA 1982 organizza: Il Tornei di calcio a 11 SAMITALIA Il Tornei

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO NAZIONALE DI CALCIO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI ANNO 2013 / 2014

CAMPIONATO ITALIANO NAZIONALE DI CALCIO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI ANNO 2013 / 2014 CAMPIONATO ITALIANO NAZIONALE DI CALCIO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI ANNO 2013 / 2014 REGOLAMENTO I PREMESSA Articolo 1 Organizzazione Il progetto sportivo nasce su iniziativa dell

Dettagli

I edizione Sanremo 19/20 aprile 2013

I edizione Sanremo 19/20 aprile 2013 I edizione Sanremo 19/20 aprile 2013 Torneo Internazionale per Scuole secondarie di 1 grado Categoria Esordienti MISTI A (nati dal 01.01.2000 fino al compimento del 10 anno di età). Con il Patrocinio di:

Dettagli

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA 6 CAMPIONATO PROVINCIALE 6 COPPA UISPFC di CALCIO a 11 Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI Norme di Partecipazione e Deroghe al Regolamento Nazionale di Calcio a 11 Stagione

Dettagli

Comunicato Ufficilale N 1. Stagione sportiva 2006/2007. Attività giovanile, attività femminile e Calcio a cinque. Giovanissimi.

Comunicato Ufficilale N 1. Stagione sportiva 2006/2007. Attività giovanile, attività femminile e Calcio a cinque. Giovanissimi. Stagione sportiva 2006/2007 Comunicato Ufficilale N 1 3 Attività giovanile, attività femminile e Calcio a cinque Giovanissimi Allievi B. ATTIVITÀ GIOVANILE 1 - CATEGORIA GIOVANISSIMI A. CARATTERISTICHE

Dettagli

Regolamento Ufficiale

Regolamento Ufficiale TORNEO DELLE PARROCCHIE SAN GIOVANNI PAOLO II CALCIO A 5 VI^ EDIZIONE - 2015 Regolamento Ufficiale Il Servizio Diocesano per la Pastorale Giovanile del Vicariato di Roma, in collaborazione con l Unione

Dettagli

REGOLAMENTO TORNEI ESTIVI DI CALCIO a 7 a 11

REGOLAMENTO TORNEI ESTIVI DI CALCIO a 7 a 11 Piazza Toscanini 13, 41053 Pozza di Maranello (MO) 0536/948012 Web: www.acpozza.com e-mail: settoregiovanileacpozza@gmail.com L' A.C. POZZA 1982 organizza: Il Tornei di calcio a 11 SAMITALIA Il Tornei

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 001

Comunicato Ufficiale N. 001 Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale N. 001 1. COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. 2. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. 3. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 3.1.1 SITO INTERNET Si segnala che

Dettagli

CAMPIONATI NAZIONALI DI CACIO A 11 REGOLAMENTO GENERALE FASE PROVINCIALE 44ª COPPA CITTA DI CAVA CALCIO A 11

CAMPIONATI NAZIONALI DI CACIO A 11 REGOLAMENTO GENERALE FASE PROVINCIALE 44ª COPPA CITTA DI CAVA CALCIO A 11 COMITATO PROVINCIALE DI CAVA DE TIRRENI c/o Stadio Comunale S.Lamberti C.so Mazzini, 210 Cava de Tirreni (SA) e-mail: info@csicava.it www.csicava.it Telefax 089/461602 ANNO SPORTIVO 2015/2016 CAMPIONATI

Dettagli

I Torneo interdipartimentale di CALCIO A 5. Mario Del Sordo

I Torneo interdipartimentale di CALCIO A 5. Mario Del Sordo C.U.S. FOGGIA A.S.D. Via Napoli, 109 71122 Foggia I Torneo interdipartimentale di CALCIO A 5 Mario Del Sordo IL CUS FOGGIA IN COLLABORAZIONE CON L'ASSOCIAZIONE STUDENTESCA AREA NUOVA ORGANIZZA IL PRIMO

Dettagli

STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE

STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE FASI FINALI PROVINCIALI Le Fasi Finali Provinciali c5/c7 sono parte integrante dei Campionati 2013/14 e la mancata

Dettagli

Bozza REGOLAMENTO 47 TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI

Bozza REGOLAMENTO 47 TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI Bozza REGOLAMENTO 47 TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI Premessa Lo spirito che darà vita al 47 Torneo di calcio a 11 Coppa Città di Sinnai 2014 si fonda sul principio

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO 00198 ROMA VIA PO, 36 STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 COMUNICATO UFFICIALE N 7 DEL 03/08/2015 CIRCOLARE N 1 ATTIVITÀ AGONISTICA A) Campionato

Dettagli

7 TORNEO DI CALCIO A 5 REGOLAMENTO

7 TORNEO DI CALCIO A 5 REGOLAMENTO 7 TORNEO DI CALCIO A 5 REGOLAMENTO ART.1 Il CRAL UNINA DELLA CONOSCENZA dell Università di Napoli Federico II indice ed organizza, con la collaborazione tecnica dell AICS C.P. Napoli, il Torneo Amatoriale

Dettagli

Comunicato Ufficiale n.3 del 22 Ottobre 2009

Comunicato Ufficiale n.3 del 22 Ottobre 2009 Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti DELEGAZIONE PROVINCIALE AVELLINO Via Carlo Del Balzo, 81 83100 Avellino Stagione Sportiva 2009/2010 Tel. (0825) 31087 Fax (0825) 780011 Sito

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO 00198 ROMA VIA PO, 36 COMUNICATO UFFICIALE n.1 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 INDICE PREMESSA 1. ATTIVITA di BASE 2. ATTIVITA GIOVANILE AGONISTICA

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

DISCIPLINA GARE DI PLAY OFF E DI PLAY OUT- STAGIONE 2012/2013.

DISCIPLINA GARE DI PLAY OFF E DI PLAY OUT- STAGIONE 2012/2013. DISCIPLINA GARE DI PLAY OFF E DI PLAY OUT- STAGIONE 2012/2013. Qui di seguito si riporta la normativa definitiva che disciplina l organizzazione della gare di Play-Off e di Play-Out Il Consiglio Direttivo

Dettagli