Rendiconto sulla solvibilità I di gruppi e conglomerati assicurativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rendiconto sulla solvibilità I di gruppi e conglomerati assicurativi"

Transcript

1 Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società in accomandita per ICC SICAF Banche depositarie Gestori patrimoniali di ICC Distributori Rappresentanti di ICC esteri Altri intermediari OAD IFDS Assoggettati OAD Società di audit Agenzie di rating Circolare 2008/30 Solvibilità I gruppi assicurativi Rendiconto sulla solvibilità I di gruppi e conglomerati assicurativi Riferimento: Data: 20 novembre 2008 Entrata in vigore: 1 gennaio 2009 Ultima modifica: 20 novembre 2008 Circ. FINMA 08/30 «Solvibilità I gruppi assicurativi» Concordanza: sostituisce la Direttiva UFAP 13.4/2006 «Rendiconto sulla solvibilità I» del 21 novembre 2006 Basi legali: Allegato 1: Allegato 2: LFINMA art. 7 cpv. 1 lett. b LSA art. 69, 77 OS art , 39, , 202, 204, 206 Foglio di calcolo per la solvibilità di gruppi assicurativi Foglio di calcolo per la solvibilità di conglomerati assicurativi Destinatari LBCR LSA LBVM LICol LRD Altri X Einsteinstrasse 2, 3003 Berna Tel. +41 (0) , fax +41 (0)

2 Indice I. Situazione iniziale nm. 1 6 II. Scopo nm. 7 III. Campo di applicazione nm. 8 IV. Concetti nm A. Solvibilità I nm B. Margine di solvibilità richiesto nm C. Margine di solvibilità disponibile nm D. Prescrizioni concernenti l allestimento dei conti nm E. Rendiconto nm.. 19 V. Principi di calcolo nm A. Calcolo della determinazione infrannuale (semestrale) della solvibilità I nm. 20 B. Determinazione della solvibilità I per i gruppi assicurativi nm a) Calcolo del margine di solvibilità richiesto nm b) Calcolo del margine di solvibilità disponibile nm C. Determinazione della solvibilità I per i conglomerati assicurativi nm a) Calcolo del margine di solvibilità richiesto nm b) Calcolo del margine di solvibilità disponibile nm. 31 VI. Requisiti minimi per i rapporti nm A. Forma del rendiconto nm B. Modifica della modalità di calcolo nm. 35 VII. Prima presentazione e termini di presentazione nm A. Prima presentazione nm B. Rendiconti periodici nm. 39 2/10

3 Indice VIII. Allegati nm. 40 3/10

4 I. Situazione iniziale La presente circolare definisce i requisiti minimi per il calcolo e il rendiconto all attenzione dell autorità di vigilanza competente per quanto concerne la solvibilità I richiesta e la solvibilità I disponibile per i gruppi assicurativi (gruppi) e per i conglomerati assicurativi (conglomerati). Costituiscono le basi della circolare l art. 69 della Legge sulla sorveglianza degli assicuratori (LSA; RS ) e gli art dell Ordinanza sulla sorveglianza (OS; RS ) per i gruppi, nonché l art. 77 LSA e gli art. 204 e 206 OS per i conglomerati per quanto concerne la scelta del metodo e il calcolo del margine di solvibilità richiesto e di quello disponibile. Le modalità e le caratteristiche del rendiconto da presentare alla FINMA sono disciplinate dall art. 202 OS. Ai sensi dell art. 198 e dell art. 204 OS, la solvibilità deve essere valutata mediante i due metodi di cui all art. 22 OS anche per quanto riguarda i gruppi / i conglomerati. La presente circolare si basa esclusivamente sul primo metodo di cui all art. 22 cpv. 1 lett. a OS, solvibilità I, cioè sulla determinazione dei fondi propri necessari in funzione del volume degli affari (margine di solvibilità richiesto) nonché dei fondi propri computabili (margine di solvibilità disponibile). Ai sensi dell art. 199 cpv. 1 OS, il margine di solvibilità richiesto di un gruppo deve essere calcolato sulla base della relativa chiusura consolidata. Secondo il cpv. 2, il margine di solvibilità richiesto corrisponde alla somma del margine di solvibilità richiesto per i singoli settori assicurazione sulla vita, assicurazione contro i danni, riassicurazione. Secondo il cpv. 3, i margini di solvibilità specifici richiesti per ogni settore di un gruppo devono essere calcolati per analogia secondo l art. 23 e segg. OS. Secondo il cpv. 4, la FINMA può ammettere altri metodi di calcolo oppure escludere dal calcolo determinate imprese di un gruppo / di un conglomerato. Ai sensi dell art. 200 cpv. 1 OS, nel caso di una chiusura secondo i principi riconosciuti internazionalmente in materia di rendiconto, il margine di solvibilità disponibile di un gruppo assicurativo corrisponde al capitale proprio consolidato, corretto per le quote minoritarie, tutti gli elementi patrimoniali immateriali, i dividendi previsti e i rimborsi di capitale, nonché le spese di acquisizione riportate all attivo nel settore non vita. Su richiesta, la FINMA può ammettere il computo di altri elementi con carattere di fondo proprio. Secondo il cpv. 3, nel caso di un livello non riconosciuto in materia di rendiconto, la FINMA stabilisce i fondi propri computabili. Ai sensi dell art. 204 OS, per il calcolo del margine di solvibilità richiesto e di quello disponibile, l art. 198 e l art. 200 OS sono applicabili per analogia anche ai conglomerati assicurativi. Questo principio risulta valido anche per l art. 202 OS in materia di rendiconto. Le differenze specifiche per i conglomerati sono disciplinate dall art. 206 OS. Ai sensi dell art. 206 cpv. 1 OS, il calcolo del margine di solvibilità richiesto per i conglomerati assicurativi avviene sulla base della relativa chiusura consolidata. Secondo il cpv. 2, il margine di solvibilità richiesto corrisponde alla somma dei margini di solvibilità richiesti nel settore assicurativo e finanziario e di quelli delle imprese del settore finanziario non soggette a requisiti prudenziali in materia di fondi propri. Per queste ultime, la FINMA determina il calcolo dei requisiti di solvibilità. L art. 206 cpv. 4 lett. b consente alla FINMA di escludere le esigenze in materia di fondi propri per le imprese non soggette a disposizioni prudenziali, qualora la loro inclusione risultasse inopportuna o fuorviante II. Scopo La solvibilità I persegue l obiettivo di attestare la sufficiente dotazione minima di capitale di un gruppo / di un conglomerato in funzione del volume degli affari. 7 4/10

5 III. Campo di applicazione La presente circolare si applica a tutti i gruppi e i conglomerati che sottostanno alla vigilanza in forza di una decisione fondata sulle seguenti basi legali: 8 gruppi assicurativi ai sensi dell art. 65 LSA; conglomerati assicurativi ai sensi dell art. 73 LSA. IV. Concetti A. Solvibilità I Ai sensi dell art. 22 OS, la valutazione della solvibilità avviene in base a due metodi: solvibilità I e test svizzero di solvibilità. Per solvibilità I si intende il rapporto tra i fondi propri necessari in funzione del volume degli affari (margine di solvibilità richiesto) e i fondi propri computabili (margine di solvibilità disponibile). La FINMA considera sufficiente la solvibilità I di un gruppo / di un conglomerato quando il margine di solvibilità richiesto risulta coperto almeno al 100% dal margine di solvibilità disponibile. La Circ. FINMA 08/44 «SST» disciplina nel suo allegato 4 (Soglie di intervento) le misure correlate; in caso di solvibilità a livello di un gruppo / di un conglomerato inferiore al 150% prevede un intensificazione dell attività di monitoraggio da parte della FINMA B. Margine di solvibilità richiesto Il margine di solvibilità richiesto a un gruppo viene calcolato sulla base della chiusura consolidata a livello di gruppo ed è pari alla somma dei margini di solvibilità richiesti per i settori assicurazione sulla vita, assicurazione contro i danni, riassicurazione e di quelli delle società del gruppo non soggette a requisiti prudenziali in materia di fondi propri. Per il calcolo del margine di solvibilità richiesto al gruppo devono essere prese in considerazione tutte le società consolidate nel perimetro del gruppo stesso. Per le società di gruppo consolidate ma non soggette a requisiti prudenziali in materia di fondi propri, il calcolo del margine di solvibilità richiesto è stabilito dalla FINMA. Il margine di solvibilità richiesto per i conglomerati viene calcolato anch esso sulla base della chiusura consolidata a livello di conglomerato ed è pari alla somma dei margini di solvibilità richiesti nel settore assicurativo e finanziario e di quelli delle società del settore finanziario non soggette a requisiti prudenziali in materia di fondi propri. Per le società del settore finanziario non soggette a requisiti prudenziali in materia di fondi propri, il calcolo del margine di solvibilità richiesto è stabilito dalla FINMA C. Margine di solvibilità disponibile Il margine di solvibilità disponibile di un gruppo viene calcolato sulla base di una chiusura contabile effettuata secondo principi internazionalmente riconosciuti in materia di rendiconto. In 14 5/10

6 linea di principio, i fondi propri computabili sono dati dal risultato del calcolo di seguito riportato. Capitale proprio consolidato comprovato più quote di minoranza più prestiti postergati e strumenti ibridi approvati dietro richiesta più elementi con carattere di fondo proprio approvati dietro richiesta più tutti i valori patrimoniali immateriali meno i dividendi e i rimborsi di capitale previsti meno le spese di acquisizione riportate all attivo nel settore non vita Fondi propri computabili Le stesse condizioni trovano applicazione per le chiusure contabili effettuate secondo un livello internazionalmente riconosciuto in materia di rendiconto. Per quanto riguarda il margine di solvibilità disponibile dei conglomerati, trovano applicazione le stesse condizioni applicate ai gruppi assicurativi D. Prescrizioni concernenti l allestimento dei conti Ai fini del calcolo della solvibilità I è necessario basarsi su una chiusura secondo principi internazionalmente riconosciuti in materia di rendiconto. Sono considerati standard internazionalmente riconosciuti in materia di rendiconto gli International Financial Reporting Standards (IFRS) e gli United States Generally Accepted Accounting Principles (US GAAP). Le raccomandazioni concernenti l allestimento dei conti in Svizzera (Swiss GAAP RPC), standard contabile adottato anche a livello nazionale, può essere equiparato agli IFRS previa richiesta alla FINMA, a condizione che le componenti necessarie per il calcolo dei fondi propri necessari e computabili possano essere attestate separatamente su base consolidata E. Rendiconto Il calcolo del margine di solvibilità richiesto e disponibile per gruppi e conglomerati viene effettuato con cadenza semestrale. Tale calcolo determina la solvibilità del gruppo / del conglomerato I e deve essere presentato alla FINMA entro tre mesi dalla chiusura di esercizio o dalla chiusura intermedia. A tale scopo devono essere utilizzati gli allegati 1 e 2 della presente circolare. 19 V. Principi di calcolo A. Calcolo della determinazione infrannuale (semestrale) della solvibilità I Mentre il calcolo della solvibilità da presentare a fine anno si basa sui dati annui consolidati e sottoposti ad audit del conto economico e del bilancio, per la determinazione del margine di solvibilità richiesto nel rapporto semestrale occorre effettuare un estrapolazione su una prospettiva annuale delle cifre di base determinanti. La società è tenuta a comunicare alla FINMA separatamente il metodo di estrapolazione applicato. Per il margine di solvibilità disponibile è invece possibile basarsi sui dati consolidati del bilancio semestrale, analogamente a quanto avviene per il bilancio annuale. 20 6/10

7 B. Determinazione della solvibilità I per i gruppi assicurativi a) Calcolo del margine di solvibilità richiesto Basi consolidate 21 Ai fini del calcolo del margine di solvibilità richiesto ai sensi dell art. 199 OS devono essere messe a disposizione le cifre consolidate determinanti per i tre settori assicurativi principali: vita, danni/malattie e riassicurazione. In seguito, il calcolo del margine di solvibilità richiesto viene effettuato per questi tre settori principali secondo le indicazioni prudenziali di cui agli art OS. Per il calcolo dei quozienti di riassicurazione possono essere computate soltanto le attività di riassicurazione cedute a entità esterne al gruppo. Attività di riassicurazione 22 Vengono considerate attività di riassicurazione rilevanti nell ambito di un gruppo assicurativo soltanto quelle assunte dall esterno. Le attività di riassicurazione assunte all interno del gruppo non ne fanno parte. Ai fini del calcolo del margine di solvibilità richiesto trovano applicazione le disposizioni di cui agli art OS. Imprese non soggette a requisiti prudenziali in materia di fondi propri 23 Per le imprese non soggette a requisiti prudenziali all ambito di un gruppo assicurativo, il margine di solvibilità richiesto risulta attualmente pari allo 0% degli attivi netti. b) Calcolo del margine di solvibilità disponibile Al fine di conseguire il massimo grado possibile di uniformità, di seguito vengono specificati gli elementi computabili e quelli non computabili ai fini del calcolo del margine di solvibilità disponibile. Elementi computabili Capitale proprio consolidato: si tratta del capitale proprio consolidato comprovato sulla base di una chiusura contabile secondo un livello internazionalmente riconosciuto in materia di rendiconto. Le stesse condizioni trovano applicazione per le chiusure contabili effettuate secondo un livello riconosciuto a livello nazionale in materia di rendiconto. 2. Quote di minoranza: le quote di minoranza vengono aggiunte nel calcolo se non sono ancora contenute nel capitale proprio consolidato. 3. Ulteriori elementi con carattere di capitale proprio a. Prestiti e obbligazioni postergati e strumenti ibridi ai sensi dell art. 200 cpv. 2 OS sono computati dietro richiesta, qualora soddisfino le condizioni di cui all art. 39 OS. Contestualmente alla suddetta richiesta, deve essere presentata alla FINMA l attestazione circa l adempimento delle condizioni previste. Per quanto concerne gli strumenti ibridi di un gruppo trovano applicazione le relative limitazioni ai sensi dell art. 39 cpv. 2 OS. b. Present Value of Future Profits (PVFP) acquisito: il valore attuale degli utili futuri derivanti da contratti assicurativi acquisiti (PVFP su portafogli di nuova acquisizione contenuti nel prezzo di acquisto) è computabile in modo analogo a quanto previsto 7/10

8 dai limiti fissati dall Unione europea (UE). c. Dietro apposita richiesta e con adeguata motivazione inoltrata alla FINMA, i valori patrimoniali sotto elencati possono essere computati ai fini della solvibilità, a condizione che non siano già stati inclusi nel capitale proprio conformemente alle disposizioni IFRS/US GAAP. Rientrano in questa categoria in particolare: i. le quote di eccedenze non assegnate individualmente nelle attività di assicurazione sulla vita; ii. i capitali ibridi intesi come mandatory convertible securities che entro un determinato termine devono essere convertiti obbligatoriamente in capitale azionario, ma che attualmente non sono ancora stati convertiti o lo sono stati solo parzialmente. d. Dietro apposita richiesta, ai sensi dell art. 200 cpv. 2 OS la FINMA può inoltre ammettere ulteriori elementi con carattere di capitale proprio, decidendo nella singola fattispecie circa la loro computabilità. Elementi non computabili e quindi da dedurre I seguenti valori patrimoniali immateriali devono essere dedotti, nel caso in cui siano già stati tenuti in considerazione ai fini della determinazione del capitale proprio: a. goodwill da acquisizioni; b. PVFP sotto forma di valore attuale di utili futuri derivanti da contratti assicurativi direttamente stipulati (PVFP su portafogli propri); c. marchi registrati, licenze, diritti di marchio e altri beni immateriali iscritti all attivo; d. programmi EED (software) sviluppati internamente e iscritti all attivo per un valore di mercato limitato, nonché programmi acquistati esternamente e iscritti all attivo per un valore di rivendita trascurabile; e. crediti di imposta rivenienti da riporti di perdite precedenti. 2. Dividendi e rimborsi di capitale previsti (incl. quote minoritarie): rientrano in questa categoria anche le riduzioni di valore nominale o transazioni di altro tipo che perseguono un obiettivo analogo a quello della riduzione di capitale. I dividendi previsti e gli elementi affini devono pertanto essere dedotti a titolo preventivo dal capitale proprio già al momento della presentazione della relativa proposta all attenzione dell assemblea generale. 3. Spese di acquisizione riportate all attivo nel settore non vita (Deferred acquisition costs non-life): poiché per la solvibilità I sono ammesse soltanto le spese di acquisizione di cui è possibile richiedere legalmente il rimborso nell ambito della regolamentazione del valore di riscatto nelle attività di assicurazione sulla vita, è necessario procedere alla deduzione degli effetti di iscrizione all attivo già considerati nel capitale proprio per quanto riguarda le spese di acquisizione pluriennali nel settore non vita (assicurazione danni, assicurazione malattie, riassicurazione). C. Determinazione della solvibilità I per i conglomerati assicurativi Ai sensi dell art. 204 OS, per i conglomerati assicurativi trovano parimenti applicazione l art. 198 e gli art. 200, 202 e 203 OS previsti per la solvibilità I dei gruppi assicurativi. 27 a) Calcolo del margine di solvibilità richiesto Ai fini della determinazione del margine di solvibilità richiesto, per i conglomerati assicurativi 28 8/10

9 vengono conteggiati separatamente il settore assicurativo e quello finanziario come pure le imprese non soggette a requisiti prudenziali in materia di fondi propri, secondo l approccio blockbuilding. Tutte le società che operano prevalentemente o interamente nel settore assicurativo fanno capo a questo settore. Le imprese non classificabili in modo univoco vengono parimenti assegnate al settore assicurativo. Per la determinazione relativa alla parte assicurativa di un conglomerato assicurativo trovano applicazione gli art. 198 e 199 OS e le disposizioni precedentemente riportate nella presente circolare per quanto concerne il margine di solvibilità richiesto per i gruppi assicurativi. Per la parte finanziaria, il calcolo viene effettuato ai sensi dell art. 206 cpv. 3 OS sulla base dei principi riconosciuti a livello internazionale o nazionale in materia di rendiconto. Il margine di solvibilità richiesto nel settore finanziario corrisponde ai requisiti in materia di fondi propri per tale settore. La FINMA stabilisce quali principi devono essere adottati b) Calcolo del margine di solvibilità disponibile Le disposizioni sopra riportate per il calcolo del margine di solvibilità disponibile dei gruppi assicurativi trovano applicazione anche per i conglomerati assicurativi. 31 VI. Requisiti minimi concernenti il rendiconto A. Forma del rendiconto Per documentare la solvibilità I per i gruppi / i conglomerati deve essere presentato un rendiconto contenente le informazioni corrispondenti: 32 schema di rapporto per il gruppo assicurativo XY allegato 1; schema di rapporto per il conglomerato assicurativo XY allegato 2. Il rendiconto deve indicare in dettaglio i diversi elementi del margine di solvibilità richiesto e di quello disponibile e riportare i dati relativi ad almeno tre periodi semestrali, cioè le cifre attuali, quelle di sei mesi prima e di dodici mesi prima. Le modifiche apportate al metodo di conteggio sia del margine di solvibilità richiesto che di quello disponibile devono essere riportate e specificate in una tabella di riconciliazione contabile. Le modifiche apportate alle basi di calcolo come metodi di valutazione, trasferimenti delle posizioni patrimoniali e/o degli impegni, ecc., devono essere indicate e specificate in una tabella di riconciliazione contabile B. Modifica della modalità di calcolo Qualora il gruppo / il conglomerato assicurativo desideri adottare una diversa modalità di calcolo, è necessario presentare alla FINMA una domanda in tal senso, in cui vengono specificati i motivi alla base di tale scelta e sono inoltre indicati gli effetti prodotti rispetto alla procedura precedente. Questi cambiamenti sono soggetti a obbligo di approvazione. 35 9/10

10 VII. Prima presentazione e termini di presentazione A. Prima presentazione Il calcolo della solvibilità deve essere presentato per la prima volta secondo quanto disposto dalla decisione di assoggettamento. Contestualmente al primo rendiconto sulla solvibilità I deve essere presentata alla FINMA anche una tabella di riconciliazione contabile. Questa tabella riporta nello specifico le singole indicazioni, descrivendo da dove sono tratte le cifre all interno delle basi consolidate e in che modo il margine di solvibilità richiesto e quello disponibile vengono calcolati con i singoli dettagli. Allo stesso modo, devono essere attestati gli adeguamenti dei dati consolidati. Prima che la modalità di calcolo sia approvata ufficialmente, la FINMA prende posizione per iscritto circa la tabella di riconciliazione contabile presentata. Tuttavia, l assenso alla modalità operativa non implica automaticamente una conferma del calcolo complessivo B. Rendiconti periodici I rapporti sopra menzionati devono essere presentati alla FINMA ai sensi dell art. 202 OS con cadenza semestrale entro tre mesi dal giorno di riferimento della chiusura annuale e della chiusura intermedia, in forma scritta e contemporaneamente elettronica. Dietro richiesta opportunamente motivata, la FINMA può concedere una proroga dei termini. 39 VIII. Allegati Lo schema di rendiconto sulla solvibilità I può essere desunto dagli allegati 1 e /10

Revisione interna nel settore assicurativo

Revisione interna nel settore assicurativo Circolare 2008/35 Revisione interna assicuratori Revisione interna nel settore assicurativo Riferimento: Circ. FINMA 08/35 «Revisione interna assicuratori» Data: 20 novembre 2008 Entrata in vigore: 1 gennaio

Dettagli

Circolare 2008/42 Riserve tecniche assicurazione contro i danni. Riserve tecniche nell assicurazione contro i danni

Circolare 2008/42 Riserve tecniche assicurazione contro i danni. Riserve tecniche nell assicurazione contro i danni Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Circolare 2011/3 Riserve tecniche riassicurazione. Riserve tecniche nella riassicurazione

Circolare 2011/3 Riserve tecniche riassicurazione. Riserve tecniche nella riassicurazione Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Indice. I. Scopo nm. 1. II. Campo di applicazione nm. 2-3. III. Principi nm. 4-11. IV. Costituzione delle provvisioni tecniche nm.

Indice. I. Scopo nm. 1. II. Campo di applicazione nm. 2-3. III. Principi nm. 4-11. IV. Costituzione delle provvisioni tecniche nm. Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Facilitazioni temporanee nel Test svizzero di solvibilità (SST)

Facilitazioni temporanee nel Test svizzero di solvibilità (SST) Circolare 2013/2 Facilitazioni SST Facilitazioni temporanee nel Test svizzero di solvibilità (SST) Riferimento: Circ. FINMA 2013/xy «Facilitazionii SST» Data: 6 dicembre 2012 Entrata in vigore: 1 gennaio

Dettagli

Circolare 2008/12 Principio della porta girevole previdenza professionale

Circolare 2008/12 Principio della porta girevole previdenza professionale Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Circolare 2008/1 Obbligo di autorizzazione e di notifica banche

Circolare 2008/1 Obbligo di autorizzazione e di notifica banche Circolare 2008/1 Obbligo di autorizzazione e di notifica banche Fatti soggetti ad autorizzazione o ad obbligo di notifica in ambito di borse, banche, commercianti di valori mobiliari e società di audit

Dettagli

Circolare 2008/31 Rapporto consolidato gruppi assicurativi. Rendiconto sul rapporto consolidato dei gruppi e dei conglomerati assicurativi

Circolare 2008/31 Rapporto consolidato gruppi assicurativi. Rendiconto sul rapporto consolidato dei gruppi e dei conglomerati assicurativi Circolare 2008/31 Rapporto consolidato gruppi assicurativi Rendiconto sul rapporto consolidato dei gruppi e dei conglomerati assicurativi Riferimento: Circ. FINMA 08/31 «Rapporto consolidato gruppi assicurativi»

Dettagli

Circolare 2011/2 Margine di fondi propri e pianificazione del capitale banche

Circolare 2011/2 Margine di fondi propri e pianificazione del capitale banche Circolare 2011/2 Margine di fondi propri e pianificazione del capitale banche Margine di fondi propri e pianificazione del capitale nel settore bancario Riferimento: Circ. FINMA 11/2 «Margine di fondi

Dettagli

Riconoscimento degli istituti di valutazione del merito creditizio (agenzie di rating del credito)

Riconoscimento degli istituti di valutazione del merito creditizio (agenzie di rating del credito) Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Circolare 2008/3 Depositi del pubblico presso istituti non bancari

Circolare 2008/3 Depositi del pubblico presso istituti non bancari Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e cong. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Tenuta del giornale dei valori mobiliari da parte dei commercianti di valori mobiliari

Tenuta del giornale dei valori mobiliari da parte dei commercianti di valori mobiliari Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzione di fondi SICAV Società

Dettagli

Circolare 2013/9 Distribuzione di investimenti collettivi di capitale

Circolare 2013/9 Distribuzione di investimenti collettivi di capitale Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Circolare 2015/1 Direttive contabili banche

Circolare 2015/1 Direttive contabili banche Circolare 2015/1 Direttive contabili banche Prescrizioni sulla presentazione dei conti per banche, commercianti di valori mobiliari, conglomerati e gruppi finanziari (DCB) Riferimento: Circ. FINMA 15/01

Dettagli

Circolare 2008/11 Obbligo di dichiarazione delle operazioni su valori mobiliari. Obbligo di dichiarazione delle operazioni su valori mobiliari

Circolare 2008/11 Obbligo di dichiarazione delle operazioni su valori mobiliari. Obbligo di dichiarazione delle operazioni su valori mobiliari Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzione di fondi SICAV Società

Dettagli

Regole di condotta sul mercato del commercio di valori mobiliari

Regole di condotta sul mercato del commercio di valori mobiliari Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Altri operatori di mercato Direzioni

Dettagli

Circolare 2008/40 Assicurazione sulla vita. Assicurazione sulla vita. Destinatari LBCR LSA LBVM LICol LRD Altri

Circolare 2008/40 Assicurazione sulla vita. Assicurazione sulla vita. Destinatari LBCR LSA LBVM LICol LRD Altri Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015

Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015 13 febbraio 2015 Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015 Laupenstrasse 27, 3003 Berna tel. +41 (0)31 327 91 00, fax

Dettagli

Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale

Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale (Ordinanza sugli investimenti collettivi, OICol) 951.311 del 22 novembre 2006 (Stato 1 gennaio 2014) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge del

Dettagli

Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private

Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private (Ordinanza FINMA sulla sorveglianza delle assicurazioni, OS-FINMA) Modifica

Dettagli

A. Garanzia dei depositi privilegiati mediante gli attivi della banca (art. 37a cpv. 6 della Legge sulle banche [LBCR; RS 952.0])

A. Garanzia dei depositi privilegiati mediante gli attivi della banca (art. 37a cpv. 6 della Legge sulle banche [LBCR; RS 952.0]) Le domande più frequenti (FAQ) Garanzie dei depositi Applicazione delle disposizioni legali e normative (Aggiornato al 27 luglio 2012) A. Garanzia dei depositi privilegiati mediante gli attivi della banca

Dettagli

Circolare 2008/36 Contabilità previdenza professionale. Contabilità nel quadro della previdenza professionale

Circolare 2008/36 Contabilità previdenza professionale. Contabilità nel quadro della previdenza professionale Banche Gruppi e congl finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24.4.2012 Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale

Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24.4.2012 Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24.4.2012 Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (, LICol) Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

Circ. FINMA 10/3 «Assicurazione malattie ai sensi della LCA»

Circ. FINMA 10/3 «Assicurazione malattie ai sensi della LCA» Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita (Ordinanza sull assicurazione vita, OAssV) Modifica del 24 marzo 2004 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza sull assicurazione vita del 29

Dettagli

Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale

Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale (Ordinanza sugli investimenti collettivi, OICol) 951.311 del 22 novembre 2006 (Stato 1 marzo 2009) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge del

Dettagli

Circolare 2008/18 Direttive di investimento assicuratori

Circolare 2008/18 Direttive di investimento assicuratori Circolare 2008/18 Direttive di investimento assicuratori Investimenti nel patrimonio vincolato e utilizzo di prodotti finanziari derivati nel settore assicurativo Riferimento: Circ. FINMA 08/18 «Direttive

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita (Ordinanza sull assicurazione vita, OAssV) Modifica del 26 novembre 2003 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 29 novembre 1993 1 sull

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta diversa dall assicurazione sulla vita (Ordinanza sull assicurazione contro i danni, OADa) Modifica del 26 novembre 2003 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza

Dettagli

Ordinanza sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private

Ordinanza sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private Ordinanza sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private (Ordinanza sulla sorveglianza, OS) Modifica del 25 marzo 2015 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 9 novembre 2005

Dettagli

Requisiti qualitativi in materia di gestione del rischio di liquidità e requisiti quantitativi in materia di detenzione della liquidità

Requisiti qualitativi in materia di gestione del rischio di liquidità e requisiti quantitativi in materia di detenzione della liquidità Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Comunicazione FINMA 52 (2013) 18. November 2013. Einsteinstrasse 2, 3003 Berna Tel. +41 (0)31 327 91 00, fax +41 (0)31 327 91 01 www.finma.

Comunicazione FINMA 52 (2013) 18. November 2013. Einsteinstrasse 2, 3003 Berna Tel. +41 (0)31 327 91 00, fax +41 (0)31 327 91 01 www.finma. Comunicazione FINMA 52 (2013) 18. November 2013 Negoziazione su titoli propri con lo scopo di approntare un adeguato livello di liquidità degli stessi, alla luce delle nuove disposizioni in materia di

Dettagli

Promemoria concernente l assicurazione sulla vita vincolata a partecipazioni

Promemoria concernente l assicurazione sulla vita vincolata a partecipazioni Dipartimento federale delle finanze DFF Ufficio federale delle assicurazioni private UFAP Promemoria concernente l assicurazione sulla vita vincolata a partecipazioni Stato: 1 maggio 2008 1. Situazione

Dettagli

Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale

Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale Ordinanza sugli investimenti collettivi di capitale (Ordinanza sugli investimenti collettivi, OICol) del... (Stato il 7.07.2006) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge del 23 giugno 2006 1 sugli

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Obbligo di dichiarazione delle transazioni di borsa

Circolare della Commissione federale delle banche: Obbligo di dichiarazione delle transazioni di borsa Circ.-CFB 04/3 Obbligo di dichiarazione Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Obbligo di dichiarazione delle transazioni di borsa (Obbligo di dichiarazione) del 19 agosto 2004 (Ultima

Dettagli

Allestimento di un rapporto sulla quota di liquidità a breve termine ed esigenze qualitative in materia di gestione del rischio di liquidità

Allestimento di un rapporto sulla quota di liquidità a breve termine ed esigenze qualitative in materia di gestione del rischio di liquidità Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

1 Oggetto ed elementi di base della concessione 1.1 Diritti e obblighi

1 Oggetto ed elementi di base della concessione 1.1 Diritti e obblighi Casinò Lugano SA Concessione di sito e di gestione di tipo A Dell 11 novembre 2002 Il Consiglio federale, su raccomandazione della Commissione federale delle case da gioco (CFCG) del 4 ottobre 2002; su

Dettagli

Circolare 1/2014 concernente l assicurazione interna della qualità nelle imprese di revisione (Circ. 1/2014)

Circolare 1/2014 concernente l assicurazione interna della qualità nelle imprese di revisione (Circ. 1/2014) Autorità federale di sorveglianza dei revisori ASR Circolare 1/2014 concernente l assicurazione interna della qualità nelle imprese di revisione (Circ. 1/2014) del 24 novembre 2014 Sommario I. Situazione

Dettagli

Tellco fondazione d investimento

Tellco fondazione d investimento Regolamento della Tellco fondazione d investimento valevoli dal 01.01.2011 Tellco fondazione d investimento Bahnhofstrasse 4 Casella postale 713 CH-6431 Svitto t + 41 41 819 70 30 f + 41 41 819 70 35 tellco.ch

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita (Ordinanza sull assicurazione vita, OAssV 1 ) 961.611 del 29 novembre 1993 (Stato 22 dicembre 2003) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge del 18

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

A. Obblighi generali d informazione e di dichiarazione nm. 4-9

A. Obblighi generali d informazione e di dichiarazione nm. 4-9 Indice I. Oggetto e campo di applicazione nm. 1-3 II. Norme applicabili agli SLB con clienti nm. 4-20 A. Obblighi generali d informazione e di dichiarazione nm. 4-9 B. SLB non coperti nm. 10 C. Contratto

Dettagli

Gestori di investimenti collettivi di capitale

Gestori di investimenti collettivi di capitale Comunicazione FINMA 34 (2012), 23 gennaio 2012 Gestori di investimenti collettivi di capitale Mercati Einsteinstrasse 2, 3003 Berna tel. +41 (0)31 327 91 00, fax +41 (0)31 327 91 01 www.finma.ch A205545/GB-M/M-AM1

Dettagli

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (Legge sugli investimenti collettivi, LICol) 951.31 del 23 giugno 2006 (Stato 1 giugno 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera;

Dettagli

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale. (Edizione gennaio 2014)

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale. (Edizione gennaio 2014) Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Trigona per la previdenza professionale (Edizione gennaio 2014) 2 Regolamento d investimento Indice 1. Basi 3 2. Gestione del patrimonio 3 3. Obiettivi

Dettagli

Imposizione parziale dei proventi da partecipazioni della sostanza privata e limitazione della deduzione degli interessi passivi

Imposizione parziale dei proventi da partecipazioni della sostanza privata e limitazione della deduzione degli interessi passivi Dipartimento federale delle finanze DFF Amministrazione federale delle contribuzioni AFC Divisione principale imposta federale diretta, imposta preventiva, tasse di bollo Imposta federale diretta Berna,

Dettagli

Compito 1 - Basi (Swiss GAAP FER 1)

Compito 1 - Basi (Swiss GAAP FER 1) Esame professionale superiore di Esperto / Esperta in finanza e controlling Foglio di soluzione 1 Compito 1 - Basi (Swiss GAAP FER 1) La somma di bilancio deve essere inferiore a CHF 10 milioni; la cifra

Dettagli

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale

Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (Legge sugli investimenti collettivi, LICol) 951.31 del 23 giugno 2006 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera;

Dettagli

Ordinanza sulle finanze della Confederazione

Ordinanza sulle finanze della Confederazione Ordinanza sulle finanze della Confederazione (OFC) Modifica del 5 dicembre 2008 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 5 aprile 2006 1 sulle finanze della Confederazione è modificata

Dettagli

952.03 Ordinanza sui fondi propri e la ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari

952.03 Ordinanza sui fondi propri e la ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari Ordinanza sui fondi propri e la ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari (Ordinanza sui fondi propri, OFoP) 1 del 29 settembre 2006 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio

Dettagli

Ordinanza sui fondi propri e sulla ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari

Ordinanza sui fondi propri e sulla ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari Ordinanza sui fondi propri e sulla ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari (Ordinanza sui fondi propri, OFoP) del 1 giugno 2012 (Stato 10 novembre 2015) Il Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO N. 37 DEL 15 MARZO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 37 DEL 15 MARZO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 37 DEL 15 MARZO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VERIFICA DI SOLVIBILITA CORRETTA INTRODOTTE DALLA LEGGE 26 FEBBRAIO 2011, N.10 DI CONVERSIONE DEL

Dettagli

Prassi Amministrazione delle imposte dei Grigioni

Prassi Amministrazione delle imposte dei Grigioni Prassi Amministrazione delle imposte dei Grigioni LIG 89, 92 Le società holding ai sensi dell art. 89 cpv. 1 LIG sono persone giuridiche il cui scopo consiste principalmente nella gestione permanente di

Dettagli

954.193 Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulle borse e il commercio di valori mobiliari

954.193 Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulle borse e il commercio di valori mobiliari Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulle borse e il commercio di valori mobiliari (Ordinanza FINMA sulle borse, OBVM-FINMA) del 25 ottobre 2008 (Stato 1 maggio 2013) L

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014 del 29 agosto 2014 1) OICVM: pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea la Direttiva 2014/91/UE di modifica della Direttiva 2009/65/CE 2) CRD IV: pubblicato

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari (Legge sulle borse, LBVM) 954.1 del 24 marzo 1995 (Stato 1 gennaio 2016) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

Regolamento per gli investimenti della Tellco Pensinvest

Regolamento per gli investimenti della Tellco Pensinvest Regolamento per gli investimenti della Tellco Pensinvest valevoli dal 09.12.2014 Tellco Pensinvest Bahnhofstrasse 4 Postfach 434 CH-6431 Schwyz t + 41 41 817 70 50 f + 41 41 817 70 55 tellco.ch Indice

Dettagli

Ordinanza sui fondi propri e sulla ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari

Ordinanza sui fondi propri e sulla ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari Ordinanza sui fondi propri e sulla ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari (Ordinanza sui fondi propri, OFoP) del 1 giugno 2012 (Stato 1 marzo 2013) Il Consiglio federale

Dettagli

GUIDA PRATICA. Scopo. Iscrizione nel registro. per l iscrizione nel registro degli intermediari assicurativi. Edizione del 21 febbraio 2014

GUIDA PRATICA. Scopo. Iscrizione nel registro. per l iscrizione nel registro degli intermediari assicurativi. Edizione del 21 febbraio 2014 GUIDA PRATICA per l iscrizione nel registro degli intermediari assicurativi Edizione del 21 febbraio 2014 Scopo La presente guida pratica è uno strumento di lavoro che, senza alcuna pretesa legale, si

Dettagli

Accordo di coordinamento in materia di identificazione e adeguatezza patrimoniale dei conglomerati finanziari

Accordo di coordinamento in materia di identificazione e adeguatezza patrimoniale dei conglomerati finanziari Accordo di coordinamento in materia di identificazione e adeguatezza patrimoniale dei conglomerati finanziari La Banca d Italia, la CONSOB e l ISVAP VISTA la direttiva 2002/87/CE del Parlamento europeo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Imposizione parziale dei proventi da partecipazioni della sostanza commerciale e da partecipazioni dichiarate come sostanza commerciale

Imposizione parziale dei proventi da partecipazioni della sostanza commerciale e da partecipazioni dichiarate come sostanza commerciale Dipartimento federale delle finanze DFF Amministrazione federale delle contribuzioni AFC Divisione principale imposta federale diretta, imposta preventiva, tasse di bollo Imposta federale diretta Berna,

Dettagli

Esigenze di fondi propri relative ai rischi di credito nel settore bancario

Esigenze di fondi propri relative ai rischi di credito nel settore bancario Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e congl. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

Ordinanza concernente l esercizio a titolo professionale dell attività di intermediazione finanziaria

Ordinanza concernente l esercizio a titolo professionale dell attività di intermediazione finanziaria Ordinanza concernente l esercizio a titolo professionale dell attività di intermediazione finanziaria (OAIF) 955.071 del 18 novembre 2009 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visto l

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI Approvato dall Organo di indirizzo in data 17 dicembre 2015 2 SOMMARIO TITOLO I - PREMESSE Art. 1 (Ambito di applicazione)

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

Regolamento d investimento

Regolamento d investimento Regolamento d investimento Liberty Fondazione di libero passaggio Sommario Art. 1 Scopo Art. 2 Principi d investimento degli averi Art. 3 Direttive di gestione degli investimenti patrimoniali Art. 4 Investimenti

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

Ordinanza sui fondi propri e sulla ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari

Ordinanza sui fondi propri e sulla ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari Ordinanza sui fondi propri e sulla ripartizione dei rischi delle banche e dei commercianti di valori mobiliari (Ordinanza sui fondi propri, OFoP) Modifica del Il Consiglio federale svizzero, ordina: I

Dettagli

del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013)

del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sulla liquidità delle banche (Ordinanza sulla liquidità, OLiq) 952.06 del 30 novembre 2012 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 4 capoverso 2, 10 capoverso

Dettagli

(Ordinanza FINMA sul riciclaggio di denaro, ORD-FINMA)

(Ordinanza FINMA sul riciclaggio di denaro, ORD-FINMA) Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo nel settore finanziario (Ordinanza FINMA sul riciclaggio

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI Signori Azionisti, Vi abbiamo convocato

Dettagli

Contabilizzazione dei contratti di vendita rateale e dei contratti di finanziamento con cessione a un istituto finanziario

Contabilizzazione dei contratti di vendita rateale e dei contratti di finanziamento con cessione a un istituto finanziario 610.545.13 Promemoria n. 13 Contabilizzazione dei contratti di vendita rateale e dei contratti di finanziamento con cessione a un istituto finanziario Valevole dal 1 o gennaio 2008 Le informazioni contenute

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento

Ordinanza della CFB sui fondi d investimento Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) Modifica del 24 novembre 2004 La Commissione federale delle banche (CFB) ordina: I L ordinanza della CFB del 24 gennaio 2001 1 sui fondi d investimento

Dettagli

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015

Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale. Edizione gennaio 2015 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza professionale Edizione gennaio 2015 2 Regolamento d investimento della Fondazione collettiva Perspectiva per la previdenza

Dettagli

Tellco fondazione d investimento

Tellco fondazione d investimento Direttive d investimento della Tellco fondazione d investimento valevoli dal 09.03.2015 Tellco fondazione d investimento Bahnhofstrasse 4 Postfach 713 CH-6431 Schwyz t + 41 41 819 70 30 f + 41 41 819 70

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

Leggi, ordinanze e circolari

Leggi, ordinanze e circolari Informazioni specifiche Fiscalità negli investimenti collettivi di capitale Dicembre 2009 I Introduzione Gli aspetti di diritto fiscale svolgono un ruolo chiave per tutti coloro che operano sul mercato

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI 3.4.2014 L 100/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 342/2014 DELLA COMMISSIONE del 21 gennaio 2014 che integra la direttiva 2002/87/CE del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

REVISORI LRD 2011. Luca Confalonieri, Massimo Tognola. Corso di formazione obbligatoria OAD FCT 2011 20.06.2011. Relatori

REVISORI LRD 2011. Luca Confalonieri, Massimo Tognola. Corso di formazione obbligatoria OAD FCT 2011 20.06.2011. Relatori Corso di formazione obbligatoria OAD FCT 2011 20.06.2011 REVISORI LRD 2011 Luca Confalonieri, Massimo Tognola Relatori Luca Confalonieri, Membro comitato OAD FCT, Economista Aziendale SUP, contitolare

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio

Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio valevoli dal 01.03.2013 Tellco fondazione di libero passaggio Bahnhofstrasse 4 Casella postale 713 CH-6413 Svitto t + 41 41 817

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1 BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 Statuto BSI SA 19 aprile 2012 Indice I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1 II. Capitale azionario, azioni 1 III. Organi della società 2 IV. Conti annuali, riserve

Dettagli

Ordinanza sull abilitazione e la sorveglianza dei revisori

Ordinanza sull abilitazione e la sorveglianza dei revisori Ordinanza sull abilitazione e la sorveglianza dei revisori (Ordinanza sui revisori, OSRev) 1 221.302.3 del 22 agosto 2007 (Stato 1 gennaio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 10 capoverso

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER L ASSICURAZIONE SULLA VITA VINCOLATA A PARTECIPAZIONI PAX-DIAMONDLIFE FINANZIATA CON PREMI PERIODICI

CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER L ASSICURAZIONE SULLA VITA VINCOLATA A PARTECIPAZIONI PAX-DIAMONDLIFE FINANZIATA CON PREMI PERIODICI Edizione 2014 CONDIZIONI COMPLEMENTARI PER L ASSICURAZIONE SULLA VITA VINCOLATA A PARTECIPAZIONI PAX-DIAMONDLIFE FINANZIATA CON PREMI PERIODICI INDICE 1. Definizioni 2 1.1 Emittente 2 1.2 Prodotto strutturato

Dettagli

Statuto di Swiss Life Holding SA

Statuto di Swiss Life Holding SA Statuto di Swiss Life Holding SA (Traduzione dal testo originale in lingua tedesca) I. Ragione sociale, scopo e sede 1. Ragione sociale, forma giuridica Sotto la ditta Swiss Life Holding AG (Swiss Life

Dettagli

Ordinanza sulla liquidità delle banche

Ordinanza sulla liquidità delle banche Ordinanza sulla liquidità delle banche (Ordinanza sulla liquidità, OLiq) Modifica del 25 giugno 2014 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 30 novembre 2012 1 sulla liquidità è modificata

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

Ordinanza sulle concessioni e sul finanziamento dell infrastruttura ferroviaria

Ordinanza sulle concessioni e sul finanziamento dell infrastruttura ferroviaria Ordinanza sulle concessioni e sul finanziamento dell infrastruttura ferroviaria (OCFIF) 742.120 del 4 novembre 2009 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 1 capoverso

Dettagli

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA Paolo Maria Farina Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA GLI INCENTIVI FISCALI PER LE START-UP INNOVATIVE. Con la pubblicazione del decreto interministeriale, è finalmente operativo

Dettagli

Imposizione degli investimenti collettivi di capitale e dei loro investitori

Imposizione degli investimenti collettivi di capitale e dei loro investitori Dipartimento federale delle finanze DFF Amministrazione federale delle contribuzioni AFC Divisione principale imposta federale diretta, imposta preventiva, tasse di bollo Imposta federale diretta Berna,

Dettagli

Piacenza, 04 Settembre 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 04 Settembre 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO FISCALE Piacenza, 04 Settembre 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 105 Oggetto: NUOVO MODELLO DI POLIZZA FIDEIUSSORIA O FIDEIUSSIONE BANCARIA PER IL RIMBORSO IVA Provv. Direttore Agenzia

Dettagli