MANUALE DI QUALITÀ PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DI QUALITÀ PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA"

Transcript

1 SIP Società Italiana di Pediatria FIMP Federazione Italiana Medici Pediatri Ufficio Centrale per la Qualità GSAQ Gruppo di Studio per l Accreditamento e la Qualità GPCP Gruppo Pediatria delle Cure Primarie MANUALE DI QUALITÀ PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA a cura di Luigi Greco con la collaborazione di Leonello Venturelli, Mariarosaria Filograna PACINIeditore MEDICINA

2 Copyright 2004 by Pacini Editore S.p.A. - Pisa Realizzazione editoriale Pacini Editore S.p.A. Via Gherardesca Ospedaletto (Pisa) Stampa Industrie Grafiche Pacini - Pisa Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, comma 4, della legge 22 aprile 1941 n. 633 ovvero dall accordo stipulato tra SIAE, AIE, SNS e CNA, CONFARTIGIANATO, CASA, CLAAI, CONFCOMMERCIO, CONFE- SERCENTI il 18 dicembre Le riproduzioni per uso differente da quello personale sopracitato potranno avvenire solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata dall Editore. Finito di stampare nel mese di Marzo 2004 presso le Industrie Grafiche della Pacini Editore S.p.A. Via A. Gherardesca Ospedaletto Pisa Telefono Telefax Internet:

3 Indice 5 Presentazione 7 Introduzione 11 La Mission del Pediatra 12 Elenco dei principali problemi di salute e elenco delle principali prestazioni 13 Requisiti strutturali e tecnologici 15 Requisiti organizzativi e gestionali 30 Requisiti tecnico-professionali 33 Valutazione 35 Appendice: schede operative ed educazionali

4 B

5 Presentazione Un Manuale di Qualità è considerato già da tempo, sia in letteratura che nella pratica internazionale, strumento di notevole importanza nelle organizzazioni per orientare i comportamenti verso il Miglioramento Continuo della Qualità (MCQ). La sua diffusione nelle organizzazioni sanitarie del nostro paese ha avuto inizio nell ultimo scorcio del 900 ed è andata rapidamente crescendo. Quasi contemporaneamente hanno cominciato ad interessarsi a questo strumento le Società Scientifiche e le Comunità Professionali. Due sono le connotazioni del Manuale di solito presenti, con maggiore o minor chiarezza, nella mente di chi lo propone e in quella degli utilizzatori. La prima, che per semplicità possiamo definire prescrittiva, tende a valorizzarlo come guida all azione ed a caricarlo di un potere cogente a volte anche eccessivo, come risulta evidente in certi esempi caratterizzati da un diluvio di criteri e requisiti elencati e ponderati con ossessiva minuziosità. La seconda, che possiamo definire orientativa, tende ad esaltarne il valore di strumento promotore di partecipazione, capace di stimolare riflessione e confronto tra gli utilizzatori e indurre cambiamenti motivati da convinzione e interessi. C è poi una terza connotazione, per lo più ignorata o sottovalutata, che concerne la possibilità d uso dello strumento come facilitatore di identità. Lo sforzo di definire criteri e requisiti di qualità di qualunque pratica professionale in rapporto al mandato (mission) che la orienta e ai problemi che deve affrontare conduce infatti, da un lato, alla revisione critica delle molteplici procedure e prestazioni che ne costituiscono l essenza e alla graduale marginalizzazione delle varianti meno apprezzabili sul piano dell efficacia e dell efficienza, dall altro, alla migliore demarcazione identitaria di uno specifico professionale rispetto a quello di professioni affini o interagenti. Lo sforzo encomiabile prodotto dal gruppo di Pediatri di Famiglia che ha curato la prima redazione del Manuale è stato quello di ricercare un equilibrio tra queste connotazioni evitando estremizzazioni antagonistiche tra le prime due e valorizzando fortemente la terza. Al tempo stesso si è voluto dare allo strumento, pur ampiamente e lungamente discusso, un carattere sperimentale. Questa impostazione fa ritenere che nei prossimi mesi sarà possibile apportare, sulla base di esperienze e ragionamenti a cui potranno contribuire su scala nazionale tutti i colleghi, modificazioni e integrazioni fino a farlo diventare pienamente rappresentativo della concezione di Qualità condivisa, in questa fase storica, tra le migliaia di professionisti che costituiscono la Comunità di pratiche della Pediatria di famiglia nel nostro paese. Sergio Tonelli

6 B

7 Introduzione La Pediatria di famiglia è una realtà relativamente giovane. Non ha alle sue spalle la storia secolare dell Ospedale e tuttavia è cresciuta e si è affermata grazie al lavoro quotidiano degli specialisti che a questa branca si sono dedicati e che giorno dopo giorno, in poco più di vent anni, hanno contribuito a creare ed affinare un modo di praticare la Pediatria nuovo, efficace e gradito all utenza. Il canovaccio attorno al quale si è sviluppata la Pediatria di famiglia è costituito dagli Accordi Collettivi Nazionali (ACN) che si sono susseguiti dal 1978 ad oggi. Gli ACN hanno fornito il modello generale fondante al quale migliaia di specialisti si sono liberamente ispirati, ciascuno interpretando e adattando alla propria realtà, nella propria Regione, nel proprio territorio, nel proprio studio, le norme del contratto di lavoro. Il risultato è quello di avere creato una professione che, più delle altre, risente della personalità dei professionisti e della diversità di cultura, usi e costumi delle genti dei vari territori dove viene esercitata. Dall esigenza di mettere in relazione questa enorme ricchezza di esperienze e favorire uno scambio culturale proficuo, improntato al Miglioramento Continuo di Qualità, è nata nel 1998 l idea di cominciare a lavorare alla redazione di questo Manuale. L occasione determinante per cominciare è stata fornita dall analoga esperienza intrapresa dai Colleghi Pediatri Ospedalieri della Regione Lombardia, coordinati dal prof. Riccardo Longhi di Como. Stimolato dal prof. Longhi, allora Segretario Regionale della SIP Lombardia, un gruppo di Pediatri di Famiglia lombardi, coordinati dal dott. Leo Venturelli, ha cominciato ad interrogarsi sulla professione cercando di analizzare i vari aspetti e di enucleare quelli che, a loro parere, avrebbero dovuto caratterizzare la migliore qualità possibile. Un grande arricchimento di idee e di esperienze è stato portato, nel 2000, dall allargamento del gruppo di lavoro, realizzatosi grazie all attivo ed entusiastico interessamento dei Colleghi Guido Brusoni, Milena Lo Giudice e Stefano del Torso. Da regionale lombardo il gruppo assumeva, finalmente, caratteristiche nazionali, grazie alla confluenza di Colleghi provenienti da quasi tutte le Regioni Italiane. Il mese di settembre del 2000, grazie alla consulenza del dott. Sergio Tonelli, ha registrato una svolta metodologica nella redazione del manuale, che è stato reso più agile, fruibile e lessicalmente più comprensibile. Un ulteriore arricchimento è derivato dall esperienza di accreditamento all eccellenza dei Medici di Medicina Generale (MMG) e dei Pediatri di Libera Scelta (PLS) voluta dall ASL di Bergamo nel 2002, che ha visto coinvolti Leo Venturelli e il sottoscritto nel gruppo di progetto e che ha consentito, soprattutto, di perfezionare la metodologia delle visite di verifica (Visitation). Tanto lavorio, che ha vissuto momenti di frenetica attività intervallati da qualche pausa di riflessione, ha prodotto come risultato la redazione di questo Manuale di Qualità che riguarda esclusivamente, è bene sottolinearlo, la professione di Pediatra di Famiglia (PdF) (altrimenti conosciuto come PLS o Pediatra di Base, definizioni che sono sembrate riduttive ai Colleghi che hanno lavorato a questo Manuale), cioè quella Professione normata da ap-

8 8 MANUALE DI QUALITÀ PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA positi ACN, integrata da Accordi Regionali e Aziendali e che si avvale, per l accesso, di specifiche graduatorie regionali. Nella parte iniziale del Manuale è enunciata la Mission del PdF che definisce la professione individuandone i tratti fondamentali, gli obiettivi e i presupposti scientifici, culturali ed etici. Segue l enunciato dei Problemi di salute che il PdF si trova ad affrontare e l elenco delle principali Prestazioni erogabili dai Professionisti. Il nucleo centrale del Manuale è costituito dai capitoli dedicati ai Requisiti di Qualità (Strutturali, Organizzativi e Tecnico-professionali) che dovrebbero caratterizzare l attività del PdF. Ogni capitolo comprende un certo numero di specifici Criteri (complessivamente ne sono stati individuati 43), ponderati da 1 a 3 a seconda della crescente importanza. Ogni Criterio è a sua volta declinato in Requisiti (complessivamente sono 220) classificati, in base ad un vasto consenso professionale, come Requisiti Minimi (RM), Requisiti Auspicabili (RA), Requisiti d Eccellenza (RE). La mancanza di un singolo Requisito Minimo impone di considerare non soddisfatto il relativo Criterio (la cui ponderazione scende pertanto a zero). La presenza di tutti i RM assicura ad ogni singolo Criterio la ponderazione definita dal Manuale, che viene considerata Livello Soglia di Accettabilità per quel Criterio (LSA). Il LSA globale è dato quindi dalla somma di tutti i LSA dei 43 Criteri (110 punti). Per quanto riguarda il possesso di Requisiti eccedenti la soglia di accettabilità (RA e RE) si è ritenuta preferibile la formulazione di un giudizio globale, espresso come percentuale dei rispettivi massimi possibili, piuttosto che una ponderazione minuziosa, ma povera di significato, riferita ad ogni criterio. La valutazione globale di Qualità di un singolo Studio Professionale potrà pertanto essere espressa mediante tre valori: % del LSA, % dei RA, % dei RE. Questo sistema di ponderazione ci è parso quello più rispondente a soddisfare due importanti esigenze di questo Manuale: quello di diffondere il più possibile il desiderio di cimentarsi con il Miglioramento Continuo di Qualità, soprattutto tra i Colleghi che ritengono di essere lontani da performance d Eccellenza, e quello di gratificare chi, invece, offre già prestazioni di ottima Qualità. I primi non si sentiranno scoraggiati da sistemi di valutazione eccessivamente punitivi, i secondi vedranno rispecchiata nelle percentuali di RA e RE raggiunte il livello qualitativo delle loro prestazioni. Ci sembra di essere riusciti a confezionare un prodotto di facile comprensione e fruibilità che, grazie ad un sistema di ponderazione semplice, è in grado di esprimere, a colpo d occhio, una gradazione del peso dei vari Criteri e, all interno di essi, dei Requisiti necessari per garantire un livello accettabile di Qualità professionale. Parte integrante del Manuale sono le procedure professionali (linee guida) allegate a titolo esemplificativo. Esse non sono state confezionate dal gruppo di lavoro nazionale ma sono state scelte tra quelle, elaborate dai Pediatri di Famiglia italiani, che hanno avuto una validazione ufficiale nelle realtà dove sono adoperate. Di ciascuna è indicata la fonte. Nella mente di tutti coloro che hanno lavorato al progetto è ben chiaro che si è giunti solo al punto di partenza. Da adesso in avanti comincia il lavoro vero. Bisognerà diffondere il Manuale, organizzare corsi di formazione, coordinare le Visitation, momento di verifica, confronto e crescita culturale fondamentale. Da questo lavoro ci aspettiamo il raggiungimento di una maggiore consapevolezza dei PdF italiani riguardo la propria professionalità, la possibilità di incanalare le energie di tutti verso la ricerca della migliore qualità possibile con le risorse disponibili, la possibilità di scambiarsi opinioni ed esperienze parlando un linguaggio comune.

9 INTRODUZIONE 9 Pensiamo che il Manuale possa essere strumento utile agli addetti ai lavori diversi dai PdF, per una migliore conoscenza di questa professione. Non ci spiacerebbe trovarlo sulla scrivania dei Funzionari Ministeriali o Regionali o delle Aziende Sanitarie, che potrebbero trarre spunti o elementi di conoscenza per alcune delle iniziative di politica sanitaria che loro competono. Ci piacerebbe vederlo, inoltre, nei Reparti di Pediatria e nelle Cliniche Universitarie, come ausilio nella formazione dei PdF di domani. Luigi Greco

10 Elenco dei Pediatri che hanno fatto parte del Gruppo di Lavoro Nazionale: Vittoria Agnello (Sciacca-AG), Monica Bosco (Limbiate-MI), Guido Brusoni (La Spezia), Gabriella Candeo (Como), Luigi D Alvano (Teggiano-SA), Stefano del Torso (Padova), Enzo Di Blasio (Ferrazzano-CB), Massimiliano Dozzi (Milano), Maria Rosaria Filograna (Nardò-LE), Ebe Franceschini (Firenze), Orlando Filardo (Reggio Calabria), Raimund Frik (Bolzano), Marco Ghisoni (Piacenza), Luigi Greco (Bergamo), Milena Lo Giudice (Palermo), Elisabetta Musitelli (Zogno - BG), Aurelio Nova (Monza-MI), Laura Olimpi (Ascoli Piceno), Paolo Paganuzzi (Milano), Antonio Palma (Roma), Marina Picca (Milano), Patrizia Picco (Muggiò-MI), Ambrogina Pirola (Muggiò-MI), Ferdinando Ragazzon (Muggiò-MI), Giuseppe Ragnatela (Barletta-BA), Elisabetta Sala (Monza-MI), Antonella Santucci (Perugia), Luigi Satta (Selargius- CA), Nico Sciolla (Torino), Nicla Solfrini (Arzago D Adda-BG), Marina Torchiana (Milano), Leonello Venturelli (Bergamo), Bruno Vignati (Monza-MI), Giovanni Vitali Rosati (Firenze). Consulente: dott. Sergio Tonelli (Firenze) Ringraziamenti Un grazie vivo e sentito alla PLASMON per avere consentito l edizione e la diffusione capillare di questo volume e delle iniziative ad esso collegate. Grazie anche alla Gestifimp per il supporto logistico, per la realizzazione del software di autovalutazione e per l attività di marketing e promozione svolta. Un ultimo, ma non meno importante ringraziamento, va alle nostre famiglie, per non aver mai fatto mancare il loro affettuoso incoraggiamento nonostante siano state costrette a sacrificare, sull altare della Qualità, numerosi fine settimana e diverse giornate festive.

11 La Mission del Pediatra Il PdF, nell ambito delle conoscenze professionali, delle tecnologie disponibili e nei limiti delle risorse e del contesto in cui opera, attraverso il rapporto con i bambini, genitori e comunità: svolge attività medico specialistica di assistenza (diagnosi, terapia e riabilitazione) nei confronti di bambini e adolescenti con particolare attenzione all integrazione e coordinamento delle cure per patologie acute e croniche; garantisce attività di prevenzione, educazione sanitaria e di promozione della salute con attenzione allo sviluppo fisico, psichico, relazionale, cognitivo del bambino e adolescente nel contesto ambientale e sociale in cui è inserito; contribuisce ad attività di tutela del minore; progetta e partecipa ad attività di ricerca sul territorio; promuove e aderisce a programmi di formazione professionale; svolge attività didattica nei confronti di personale sanitario, di medici e specialisti in formazione; progetta ed attua programmi di miglioramento continuo della qualità. Nell esercizio dell attività professionale il PdF viene chiamato a risolvere o a prevenire dei problemi di salute erogando delle prestazioni. Nei capitoli che seguono sono elencati i problemi di salute e le prestazioni che maggiormente ricorrono nella pratica professionale.

12 12 MANUALE DI QUALITÀ PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA Problemi di salute Sono una modificazione acuta o cronica dell equilibrio psicofisico del bambino. Determinano spesso la richiesta di consulto o di visita medica ambulatoriale o domiciliare. Possono essere un sintomo o segno di presentazione di una malattia, una situazione-limite o un evento patologico. Febbre. Dolore. Tosse,dispnea e altri problemi respiratori. Vomito-diarrea. Stipsi. Astenia. Pallore. Pianto del lattante. Disturbi del sonno. Disturbi accrescimento. Disturbi del linguaggio. Manifestazioni cutanee. Disturbi urinari. Tumefazioni/tumori. Sintomi e segni oculari. Disturbi dell udito. Sintomi neurologici. Ferite, traumi. Intossicazioni. Sintomi correlati a patologie allergiche. Malformazioni/dismorfismi. Disagio familiare. Problemi scolastici. Problemi comportamentali. Problemi correlati alla gestione dell ansia familiare. Problemi dell alimentazione. Problemi correlati all attività sportiva. Handicap e disabilità. Patologie acute e croniche con diagnosi definita. Prestazioni Visita medica e azioni correlate. Bilanci di salute ed educazione sanitaria individuale. Educazione sanitaria a gruppi o collettività. Consulto telefonico-triage telefonico. Prestazioni di diagnostica strumentale. Esecuzione di test diagnostici o valutativi. Prestazioni terapeutiche urgenti. Corsi di formazione, tutoraggio, docenza. Formazione continua. Ricerca e verifiche. Ricette, certificati e referti. Consulti con altri specialisti. Partecipazione a progetti nazionali, regionali, aziendali. Rapporti con le istituzioni sanitarie. Rapporti con altre figure professionali. Coordinamento di altre figure professionali (di tipo medico, infermieristico, amministrativo).

13 Requisiti strutturali e tecnologici Lo studio del PdF è una struttura sanitaria a tutti gli effetti. Si tratta, nella quasi totalità dei casi, di una struttura privata che svolge una funzione di pubblica utilità. Solo considerandola sede di erogazione di prestazioni sanitarie è possibile impostare un percorso che la renda: accessibile a tutte le persone indipendentemente dalla loro autonomia; sicura per pazienti, parenti e professionisti che vi lavorano; confortevole per le persone che vi devono soggiornare nell attesa delle prestazioni di cui hanno bisogno. 1.1 Accessibilità (requisiti tecnici) Criterio: Lo studio del PdF è accessibile ai pazienti ed ai familiari (bambini, adulti, disabili, anziani) punteggio (p.) 3 Requisiti 1. Lo studio pediatrico è facilmente accessibile ai pazienti in età pediatrica e ai loro familiari (in particolare non vi sono ostacoli quali scale o porte strette che impediscano il passaggio con carrozzine e passeggini, gli ascensori risultano essere sufficientemente capienti). (RM) 2. Lo studio pediatrico è facilmente accessibile a pazienti o familiari disabili (non vi sono barriere architettoniche e i passaggi sono a norma). (RA) 3. Lo studio pediatrico è ubicato in una zona con parcheggio veicoli. (RA) 4. Lo studio pediatrico è ubicato nelle vicinanze di stazioni o fermate di mezzi di trasporto pubblico. (RA) 1.2 Comfort Criterio: Lo studio del PdF è organizzato e strutturato in modo da risultare confortevole per le persone che vi accedono p. 2 Requisiti 1. Lo studio pediatrico è dotato di idoneo spazio adibito a sala d attesa. (RM) 2. I posti a sedere in sala d attesa sono in numero adeguato. (RM)

14 14 MANUALE DI QUALITÀ PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA 3. La sala d attesa è dotata di giocattoli o altro materiale idoneo a rendere più gradevole l attesa dei pazienti. (RA) 4. La sala d attesa è dotata di riviste o altro materiale idoneo a rendere più gradevole l attesa dei familiari. (RA) 5. Lo studio pediatrico è dotato di servizi igienici per i pazienti. (RM) 6. Lo studio pediatrico è dotato di servizi igienici per i pazienti disabili. (RA) 7. Lo studio pediatrico è dotato di zona che può essere adibita all allattamento ed al cambio dei lattanti. (RA) 8. Lo studio pediatrico è dotato di zona riservata per pazienti potenzialmente infettivi. (RA) 9. Lo studio pediatrico è dotato di riscaldamento. (RM) 10. Lo studio pediatrico è dotato di condizionamento/climatizzazione. (RA) 11. Lo studio pediatrico è dotato di impianto di purificazione ambientale. (RE) 1.3 Sicurezza degli ambienti Criterio: Lo studio del PdF è sicuro p. 3 Requisiti 1. Lo studio pediatrico è strutturato in modo da risultare sicuro per pazienti, familiari e personale (impianto elettrico a norma, presenza di dispositivi antincendio e di piano d evacuazione). (RM) 2. Nello studio pediatrico è stato realizzato un piano dei rischi. (RA) 3. Il piano d evacuazione è affisso alle pareti dello studio ed è ben visibile. (RA)

15 Requisiti organizzativi e gestionali Lo scopo fondamentale di questo gruppo di Criteri e Requisiti è quello di garantire al paziente un organizzazione dell assistenza che sia rispondente a tutti i suoi bisogni sanitari, compatibilmente con il tipo di struttura rappresentata dallo studio del PdF e con la funzione che il Pediatra svolge all interno del sistema sanitario. 2.1 Accesso: prenotazioni delle visite Criterio: Esiste un sistema di prenotazione delle prestazioni, gestito attraverso il telefono, che viene attivato, con modalità e orari stabiliti e resi noti al paziente p. 3 Requisiti 1. Il Pediatra ha elaborato una procedura di prenotazione delle prestazioni che indica i criteri di priorità in relazione alle condizioni del paziente (Triage telefonico). (RA) 2. I pazienti sono informati sulle modalità e sugli orari dedicati all attività su prenotazione. (RM) 3. I pazienti possono prenotare le visite durante fasce orarie apposite per non disturbare le visite mediche in corso. (RM) 4. I pazienti possono prenotare le visite durante le ore di ambulatorio attraverso personale di segreteria dedicato. (RA) 5. È assicurata, negli orari non coperti dalla guardia medica, la possibilità di attivare un contatto con la struttura del Pediatra, preferibilmente mediante telefono. (RE) 2.2 Apertura studio Criterio: Esiste disponibilità oraria che favorisce l accesso dei pazienti e la possibilità di ricevere prestazioni in modo regolare e attento anche alle esigenze delle famiglie p. 3 Requisiti 1. Lo studio pediatrico, nei giorni lavorativi è aperto per un congruo numero di ore (più di 1 ora e mezzo per 100 assistiti a settimana), almeno per 2 pomeriggi la settimana. (RM) 2. Gli orari di apertura dello studio tengono conto delle esigenze familiari (scuola-orari di lavoro). (RA) 3. I pazienti sono informati degli orari di apertura dello studio tramite apposite schede o con notizie in sala d attesa o tramite risponditore telefonico. (RM)

16 16 MANUALE DI QUALITÀ PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA 4. L organizzazione dell attività è strutturata in modo da consentire non previsti accessi senza appuntamento. (RA) 5. Esiste disponibilità ad accesso differenziato per adolescenti, previo accordo con la famiglia. (RE) 6. È possibile ritirare le prescrizioni anche in orari nei quali il Pediatra non è presente in ambulatorio. (RA) 7. Viene garantita la presenza di personale di studio almeno per 20 ore settimanali. (RA) 8. Viene garantita una disponibilità di apertura dello studio sia al mattino che al pomeriggio per un minimo di 5 ore al giorno per 5 giorni alla settimana. (RE) 9. Viene garantito l accesso presso un altro studio dei Pediatri in associazione, per problemi indifferibili. (RA) 10. Gli informatori farmaceutici accedono allo studio in tempi appositi e con modalità esplicitate, tali da non interferire con le normali attività di educazione alla salute, diagnosi e cura. (RE) 2.3 Consulto telefonico Criterio: Esiste un sistema di risposta telefonica che permette al paziente di avere in tempo rapido e senza dover accedere allo studio indicazioni per problemi su cui chiede un consiglio..... p. 3 Requisiti 1. I pazienti sono informati sulle modalità e sugli orari di accesso alle richieste telefoniche. (RM) 2. Esistono e vengono applicati protocolli sui consigli da dispensare al telefono. (RA) 3. Le telefonate significative vengono sistematicamente registrate in cartella. (RA) 4. Esiste un registro delle chiamate in arrivo, temporalmente sequenziale, in cui viene annotato il motivo principale della chiamata e l esito della risposta. (RE) 5. Il personale delegato dimostra di rispondere correttamente alle richieste dell utenza tramite telefono. (RM). 2.4 Visite per patologia e/o problemi Criterio: Le visite mediche vengono eseguite con tempi e situazioni dipendenti dall età, dal problema, dalle necessità presentate dal paziente p. 3 Requisiti 1. Le visite sono eseguite durante le ore di studio, opportunamente distanziate per non creare disagi ai pazienti, nel rispetto del rapporto Pediatra- famiglia-paziente. (RM) 2. La durata delle varie tipologie di visita è monitorata per individuare correttamente il tempo medio necessario per ciascuna di esse. (RA) 3. L adolescente può richiedere di essere visitato da solo, previo accordo con il genitore tutore. (RE)

17 REQUISITI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI Il Pediatra ricerca il diretto coinvolgimento del paziente durante le fasi della visita ricercandone l assenso, se di età adeguata ed in grado di capirlo (3 anni in su), durante la consultazione. (RA) 5. Viene concesso tempo adeguato alla visita, in particolare alla valutazione psicomotoria, delle capacità relazionali e dei primi segnali di disagio. (RM) 6. Esistono modalità che garantiscano dal propagarsi di una infezione nel caso di visite in studio di pazienti potenzialmente infettivi. Tali modalità sono conosciute dal personale operante in studio e, per quanto necessario, rese note ai pazienti. (RM) 7. Esiste la possibilità, per un determinato caso clinico, di un consulto in tempo reale con un Collega presente simultaneamente in studio. (RA) 2.5 Urgenze Criterio: Al paziente con problemi urgenti è data priorità, all interno degli orari d attività del Pediatra p. 3 Requisiti 1. Esiste una procedura che garantisce, all interno degli orari d attività, l assistenza prioritaria ai pazienti con problemi urgenti. (RM) 2. Il Pediatra è dotato di apparecchiature, strutture o sistemi che garantiscono al paziente di rintracciarlo, in caso di urgenza. (RA) 3. Il paziente conosce la procedura per richiedere prestazioni urgenti. (RM) 2.6 Visite a domicilio Criterio: Qualora il paziente, per motivi di intrasportabilità relativa al suo stato di salute, non possa recarsi personalmente allo studio pediatrico è visitato al proprio domicilio nelle modalità prestabilite e rese note al paziente. Le visite domiciliari, inoltre, possono far parte di una prestabilita procedura relativa al controllo della situazione familiare dell assistito p. 3 Requisiti 1. Il Pediatra garantisce assistenza ai pazienti impossibilitati a recarsi presso il suo studio attraverso un sistema di visite domiciliari. (RM) 2. I pazienti sono informati sugli orari e le modalità d attivazione delle visite a domicilio. (RM) 3. Esiste un protocollo che individua i casi in cui è utile la visita domiciliare. (RA) 4. Il Pediatra attiva, per i casi che lo richiedono, un sistema di controlli domiciliari, eventualmente integrati da altre figure professionali, coordinate a livello distrettuale. (RA) 5. Al momento della presa in carico del neonato viene programmata una visita domiciliare del Pediatra o suo delegato (per esempio, infermiera). (RE) 6. Il Pediatra, nei limiti delle proprie funzioni, programma degli accessi a domicilio nei casi di disagio familiare documentato. (RE)

18 18 MANUALE DI QUALITÀ PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA 2.7 Assistenza specialistica ambulatoriale Criterio: Al paziente è garantito il ricorso a prestazioni specialistiche non erogabili in studio. Il PdF informa i pazienti e li indirizza verso altri Specialisti p. 1 Requisiti 1. In caso di bisogno il Pediatra indirizza il paziente presso gli specialisti di settore. (RM) 2. L invio del paziente ad uno specialista di settore è corredato da un preciso quesito diagnostico e da eventuali informazioni sulle sue condizioni cliniche. (RM) 3. Il Pediatra mantiene i contatti con gli specialisti per garantire continuità di cura al paziente. (RA) 4. Esistono dei protocolli diagnostico-terapeutici, concordati localmente con le varie figure professionali, ai quali il PdF fa riferimento per l invio dei propri pazienti presso gli specialisti di settore. (RE) 2.8 Assistenza specialistica strutturale Criterio: Il paziente che ne abbia necessità viene indirizzato verso strutture di ricovero dal PdF che si incarica di stabilire e mantenere un contatto con le stesse p. 2 Requisiti 1. In caso di bisogno il Pediatra indirizza il paziente presso strutture di ricovero. (RM) 2. Il Pediatra attiva i contatti con gli specialisti operanti nelle strutture di ricovero mediante opportuna documentazione e/o comunicazione. (RM) 3. Il Pediatra mantiene i contatti con gli specialisti operanti nelle strutture di ricovero per garantire continuità di cura al paziente impegnativo. (RA) 4. Esistono dei protocolli diagnostico-terapeutici, concordati localmente con le strutture ospedaliere di riferimento, ai quali il PdF fa riferimento per l invio a ricovero dei propri pazienti. (RE) 2.9 Controlli periodici pazienti sani Criterio: Il controllo periodico e costante dei bambini in età evolutiva avviene per monitorare lo sviluppo, la crescita e per individuare eventuali segni premonitori di malattia. I controlli periodici sono eseguiti in conformità a programmi definiti p. 3 Requisiti 1. Il Pediatra provvede ai controlli periodici su bambini sani secondo un calendario prestabilito e reso noto agli assistiti, conforme a quanto previsto dagli accordi regionali (Bilanci di salute) o alle indicazioni delle Società Scientifiche. (RM) 2. I bilanci di salute prevedono un tempo sufficiente alla visita, al colloquio coi genitori,

19 REQUISITI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI 19 all educazione sanitaria, all esecuzione di test di diagnosi precoce; tali tempi sono dichiarati in protocolli interni, nelle prenotazioni, nella carta dei servizi e vengono rispettati. (RE) 3. Le visite filtro vengono eseguite di norma dal curante, salvo casi di assenza prolungata dello stesso. (RM) 4. La prima visita ad un neonato sano viene assicurata entro 8 giorni dalla richiesta. (RA) 5. Sono previsti interventi educazionali nei confronti dei genitori differenziati in base alle età del bambino (ai diversi BS). (RA) 2.10 Controlli periodici a Bambini portatori di patologie particolari o in condizioni di cronicità in conformità a programmi definiti (Bilanci di salute ai cronici) Criterio: Il controllo periodico dei bambini affetti da patologia cronica avviene per monitorare l andamento della patologia di base, il grado di controllo ottenuto dalla terapia, il grado di compliance del paziente e dei suoi familiari, l individuazione precoce dell insorgenza di eventuali complicanze, l individuazione, l eliminazione o il controllo degli eventuali fattori di rischio. I controlli periodici sono eseguiti in conformità a programmi definiti p. 3 Requisiti 1. Esiste un archivio, suddiviso per patologia, dei pazienti con patologia cronica gestiti dal Pediatra. (RM) 2. Il Pediatra provvede all esecuzione di controlli periodici sui pazienti portatori di patologie croniche. (RM) 3. I controlli sono realizzati sulla base di programmi definiti dal Pediatra nell applicazione di linee guida o protocolli approvati da associazioni di categoria o organizzazioni ed istituzioni sanitarie regionali, nazionali o internazionali. (RM) 4. Il Pediatra possiede un elenco di centri di riferimento per le principali patologie croniche. (RA) 5. Il Pediatra ha predisposto un elenco di associazioni di riferimento per pazienti portatori di patologie croniche e favorisce l aggregazione dei portatori della stessa patologia mediante la proposta di contattare le associazioni esistenti. (RE) 6. Sono stati predisposti incontri educativi per gruppi di pazienti con medesimi problemi negli ultimi 3 anni. (RE) 2.11 Vaccinazioni Criterio: Le vaccinazioni sono eseguite secondo programmi definiti da organismi sanitari istituzionali di riferimento o su richiesta individuale dei genitori p. 3

20 20 MANUALE DI QUALITÀ PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA Requisiti 1. Le vaccinazioni proposte dagli organismi sanitari istituzionali di riferimento sono eseguite in accordo con tali programmi. (RM) 2. I pazienti sono informati in modo corretto e costante sull utilità delle vaccinazioni proposte dagli organismi sanitari istituzionali di riferimento, da organizzazioni sanitarie e società scientifiche. (RM) 3. Il Pediatra esegue vaccinazioni ai pazienti che l hanno esplicitamente richiesto. (RA) 4. Il Pediatra promuove attivamente ed esegue anche le vaccinazioni non previste dai Calendari Ministeriali, quando la loro utilità sia provata dalla letteratura disponibile e/ dalle Istituzioni Scientifiche di riferimento. (RA) 2.12 Manovre di diagnosi precoce individuale Criterio: Le campagne di screening o manovre per la diagnosi precoce sono seguite e sviluppate all interno dell attività dello studio sulla base di programmi definiti da organismi sanitari istituzionali di riferimento o da società scientifiche p. 2 Requisiti 1. Le campagne di screening o manovre per la diagnosi precoce sono proposte e sviluppate all interno delle visite filtro al bambino sano sulla base di programmi definiti da organismi sanitari istituzionali di riferimento, dalle organizzazioni sanitarie e dalle società scientifiche. (RM) 2. I pazienti sono informati in modo corretto e costante sull utilità delle campagne di screening e delle manovre per la diagnosi precoce proposte dagli organismi sanitari istituzionali di riferimento, dalle organizzazioni sanitarie e dalle società scientifiche.(ra) 2.13 Sostituzioni Criterio: Il paziente viene garantito nei suoi bisogni anche in caso di assenza del proprio Pediatra curante p. 3 Requisiti 1. Il Pediatra titolare dello studio provvede a individuare il proprio sostituto in caso di assenza, ad eccezione di eventuali comprovate urgenze. (RM) 2. Le sostituzioni in caso di assenza sono assicurate, prevalentemente, dai medesimi medici o pediatri. (RA) 3. Le sostituzioni in caso di assenza sono effettuate, prevalentemente, nei medesimi orari del medico titolare. (RA) 4. I pazienti sono informati anticipatamente delle assenze del Pediatra titolare e del nominativo del medico sostituto, ad eccezione d eventuali comprovate urgenze. (RA) 5. Il medico sostituto di norma non esegue visite filtro, salvo comprovata esperienza e so-

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Con la deliberazione della Giunta regionale n. 7549 dell 8.9.1992 si definisce il primo piano per

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

UNITA DI DEGENZA TERRITORIALE ( U D T )

UNITA DI DEGENZA TERRITORIALE ( U D T ) UNITA DI DEGENZA TERRITORIALE ( U D T ) 1) Definizione e funzioni L Unità di Degenza Territoriale è una struttura sanitaria extraospedaliera distrettuale destinata alla degenza la cui funzione è quella

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI)

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) Al fine di garantire un approccio coordinato alla gestione

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

Corso di Pediatria in Assistenza Sanitaria

Corso di Pediatria in Assistenza Sanitaria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CHIETI SCUOLA DI MEDICINA E SCIENZE DELLA SALUTE Corso di Pediatria in Assistenza Sanitaria Prof.ssa A. Mohn Clinica Pediatrica, Università di Chieti, Italia PROGRAMMA Pediatria:

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 Leggi e normative LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE Articolo 1 Finalità 1. La presente legge tutela il diritto del cittadino

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

MEDICI DI MEDICINA GENERALE, PEDIATRI DI LIBERA SCELTA, MEDICI DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE

MEDICI DI MEDICINA GENERALE, PEDIATRI DI LIBERA SCELTA, MEDICI DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE MEDICI DI MEDICINA GENERALE, PEDIATRI DI LIBERA SCELTA, MEDICI DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE Area cure primarie 1/8 Premessa I Medici di Medicina Generale e i Pediatri di libera scelta (comunemente definiti

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

I MEDICI DI MEDICINA GENERALE DI PROVAGLIO D ISEO CARTA DEI SERVIZI

I MEDICI DI MEDICINA GENERALE DI PROVAGLIO D ISEO CARTA DEI SERVIZI I MEDICI DI MEDICINA GENERALE DI PROVAGLIO D ISEO CARTA DEI SERVIZI La Repubblica Italiana tutela la salute, come fondamentale diritto dell individuo ed interesse della collettività. La tutela della salute

Dettagli

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Santa Margherita Ligure DOVE SIAMO. Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Santa Margherita Ligure DOVE SIAMO. Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI MEDICINA INTERNA Ospedale di Santa Margherita Ligure Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI Capo Sala : Sig.ra Giulia PARETI DOVE SIAMO La struttura è situata al TERZO piano dell Ospedale di Santa Margherita

Dettagli

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice 1. Definizione 2. Status giuridico 3. Principi 4. Diritti dei cittadini e doveri degli operatori 5. Stili di lavoro 6. Possesso dei requisiti: standard gestionali,

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD Il bambino con malattie rare, croniche e complesse, presenta

Dettagli

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO SOMMARIO PREMESSA... 2 CLASSIFICAZIONE... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 CRITERI LOGISTICI

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Casa di Riposo Corti Nemesio. PROTOCOLLO OPERATIVO per la gestione dei Posti di Sollievo presso la R.S.A. Casa di Riposo Corti Nemesio

Casa di Riposo Corti Nemesio. PROTOCOLLO OPERATIVO per la gestione dei Posti di Sollievo presso la R.S.A. Casa di Riposo Corti Nemesio Comune di Delebio Provincia di Sondrio Casa di Riposo Corti Nemesio PROTOCOLLO OPERATIVO per la gestione dei Posti di Sollievo presso la R.S.A. Casa di Riposo Corti Nemesio PROTOCOLLO OPERATIVO per la

Dettagli

Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050. Carta dei servizi

Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050. Carta dei servizi Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050 Carta dei servizi INFORMAZIONI GENERALI Scopo di questa Carta dei servizi è quello di offrire le informazioni per

Dettagli

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Giovanni Corsello, Maria Piccione Dipartimento di Promozione della Salute e Materno-Infantile

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag.

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. INDICE Art. 1 Obiettivi pag. 2 Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3 Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. 3 Art. 4 Le attività della Comunità pag. 4 Art. 5 Tempi di apertura

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Art. 1 - DEFINIZIONE L assistenza domiciliare è costituita dal complesso di prestazioni di

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano. Assessorato Servizi alla Persona - Sanità. Regolamento del Centro Diurno Disabili

COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano. Assessorato Servizi alla Persona - Sanità. Regolamento del Centro Diurno Disabili COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano Assessorato Servizi alla Persona - Sanità Regolamento del Centro Diurno Disabili Delibera di Consiglio Comunale n. del 2 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Regolamento Commissioni di Invalidità Civile Azienda Sanitaria di Nuoro ALLEGATO 1

Regolamento Commissioni di Invalidità Civile Azienda Sanitaria di Nuoro ALLEGATO 1 Regolamento Commissioni di Invalidità Civile Azienda Sanitaria di Nuoro ALLEGATO 1 Art. 1 - Attività delle Commissioni 1. Le attività delle Commissioni preposte alle valutazioni in tema di invalidità civile,

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

Carta dei Servizi. Medicina di Gruppo. Studio di Medicina Generale di Gruppo in Busto Arsizio

Carta dei Servizi. Medicina di Gruppo. Studio di Medicina Generale di Gruppo in Busto Arsizio Medicina di Gruppo Studio di Medicina Generale di Gruppo in Busto Arsizio Dott. C. Campiglia (referente) Dott. M. Budelli Dott. M. Corio Dott. G. Gorletta Dott. C. Grassi Dott. R. Stella Indice Presentazione

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo.

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo. Carta dei FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG www.operasancamillo.net HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti 1 di 18

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete A.Z.A.B.

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete A.Z.A.B. CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete A.Z.A.B. Dr. ALESSI Giuseppe Medici Associati Medico di Medicina Generale (cod.reg.43999) Dr.ssa ZANELLA NUCERA Alessandra Medico di Medicina Generale

Dettagli

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI MEDICINA DI GRUPPO SAN DAMIANO 4 NOVEMBRE 12 - BRUGHERIO IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE ha il

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 151 del 13.07.1988 Esaminato dal Co.Re.Co. in

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA I disturbi dello spettro autistico rappresentano un disordine neuropsicologico complesso biologicamente

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA DISTRIBUZIONE E LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI IN ORARIO SCOLASTICO A.S. 2013-2014

PROTOCOLLO PER LA DISTRIBUZIONE E LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI IN ORARIO SCOLASTICO A.S. 2013-2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIA DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO CARMINE Largo Peculio n 25 Tel. e fax 0935/646220 94014 N I C O S I A e-mail:enee061006@istruzione.it- pec:enee061006@pec.istruzione.it

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Numeri utili di Bergamo Sanità Segreteria del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 3331643940 Reperibilità telefonica 3331643940 Fax 035/5291167

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

TABELLA A REQUISITI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI AREA FUNZIONALE REQUISITI STRUTTURALI RICHIESTI TIPO DI STRUTTURA. Soggetti psichiatrici

TABELLA A REQUISITI ORGANIZZATIVI E GESTIONALI AREA FUNZIONALE REQUISITI STRUTTURALI RICHIESTI TIPO DI STRUTTURA. Soggetti psichiatrici Allegato C REQUISITI E PROCEDURE PER L'ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI-SEMIRESIDENZIALI PER PAZIENTI PSICHIATRICI E PER PERSONE CON PROBLEMI DI DIPENDENZE PATOLOGICHE Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata Sanità LA SALUTE A DOMICILIO Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata Indice l assistenza domiciliare integrata l offerta Finsiel il Centro Servizi sociosanitari domiciliari

Dettagli

Carta dei servizi. Studio Odontoiatrico. Dott DANIELE DI MURRO

Carta dei servizi. Studio Odontoiatrico. Dott DANIELE DI MURRO Carta dei servizi Studio Odontoiatrico Dott DANIELE DI MURRO I N D I C E Sezione prima Introduzione pag. 3 I principi fondamentali pag. 3 1.Presentazione della struttura 1.1. Presentazione della struttura

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO

DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO La Dichiarazione Congiunta è stata approvata a Oslo il 29 giugno 2002 nel corso dell Assemblea dell ECL (European Cancer Leagues) I diritti fondamentali

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

VILLA ROSA. NUOVA SEDE DISTRETTO di COLLEGNO

VILLA ROSA. NUOVA SEDE DISTRETTO di COLLEGNO VILLA ROSA NUOVA SEDE DISTRETTO di COLLEGNO Ambulatori Senologia Radiologia Personale Spogliatoi Locali Tecnici Archivio Futura Area di Riabilitazione Specialistica Ambulatoriale Punti Gialli BAR Sportello

Dettagli

COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA

COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA AZIENDA COMPLESSO OSPEDALIERO SAN FILIPPO NERI COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA REGOLAMENTO ART. 1 Il Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica dell A.C.O. San Filippo Neri è un organismo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA.

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. ALLEGATO N. 3 LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE INDIVIDUALE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICA. 1. PREMESSA Ai sensi dell art. 25, comma 1, del CCNL della dirigenza del 3 novembre 2005, la valutazione dei

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza Contenuti informativi Pagina 1 di 9 L accesso all informazione favorisce

Dettagli

Medico competente specialista in medicina del lavoro. Chi è il medico competente?

Medico competente specialista in medicina del lavoro. Chi è il medico competente? MEDICINA DEL LAVORO IL NOSTRO IMPEGNO Siamo un azienda leader nel campo della medicina del lavoro e da anni eroghiamo servizi su tutto il territorio nazionale, forti di un esperienza maturata nelle molteplici

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO 1. L'Istituto San Vincenzo L'Istituto San Vincenzo è un ente religioso legalmente riconosciuto che dipende dalla Arcidiocesi

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE ACCREDITAMENTO ANNO 2014 Fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus Centro residenziale

RELAZIONE ANNUALE ACCREDITAMENTO ANNO 2014 Fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus Centro residenziale RELAZIONE ANNUALE ACCREDITAMENTO ANNO 2014 Fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus Centro residenziale 5,1 Presentazione dell ente La fondazione Casa Famiglia Mattioli Garavini - Onlus nasce

Dettagli

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini IL diabetico anziano Gestione condivisa Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@seed-online.it

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

ITIS GALILEO GALILEI AREZZO PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA

ITIS GALILEO GALILEI AREZZO PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA ITIS GALILEO GALILEI AREZZO PROTOCOLLO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA PROTOCOLLO PER LA DISTRIBUZIONE E LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI IN ORARIO SCOLASTICO PREMESSA Il presente documento

Dettagli

Carta della qualità della Cartella Clinica

Carta della qualità della Cartella Clinica Carta della qualità della Cartella Clinica La carta della qualità della Cartella Clinica, ovvero la documentazione sanitaria prodotta nel singolo ricovero ospedaliero del paziente, è ispirata alla Carta

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI 8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI LE PROPOSTE DELL ACP NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE PEDIATRICHE Il contesto - Le vaccinazioni rientrano in una funzione più ampia e articolata

Dettagli

"La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale".

La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale. LEGGE REGIONALE 8 maggio 1987, N. 16 "La tutela della partoriente e la tutela del bambino in ospedale". (BURL n. 19, 1º suppl. ord. del 13 Maggio 1987 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1987-05-08;16 Titolo

Dettagli

PREMESSA OBIETTIVI GENERALI

PREMESSA OBIETTIVI GENERALI Protocollo d Intesa per la somministrazione dei farmaci salvavita nei Nidi e nelle Scuole dell Infanzia comunali e statali e nelle Scuole Primarie e Scuole secondarie di primo grado del Municipio XI Arvalia

Dettagli

Servizio di Sostegno Socio-Educativo per minori e giovani in condizione di disagio sociale, familiare e/o disabilità

Servizio di Sostegno Socio-Educativo per minori e giovani in condizione di disagio sociale, familiare e/o disabilità PROTOCOLLO OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SOSTEGNO SOCIO-EDUCATIVO DOMICILIARE PER MINORI E GIOVANI IN CONDIZIONE DI DISAGIO SOCIALE, FAMILIARE E/O DISABILITA 1 1. INTERVENTO DI SOSTEGNO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO...

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Proposte della FIMP Campania per il nuovo ACR

Proposte della FIMP Campania per il nuovo ACR Proposte della FIMP Campania per il nuovo ACR ACCORDI INTEGRATIVI REGIONALI Compito di integrare, disciplinare e negoziare compiti, funzioni e prestazioni dell ACN Per adeguarli alle caratteristiche organizzative

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 17 MARZO 2015, N. 190 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD aree anziani, disabili, nuove povertà)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD aree anziani, disabili, nuove povertà) COMUNE DI SESTO CALENDE (Provincia di Varese) Area dei Servizi Educativi e Socio-Culturali SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD aree anziani, disabili, nuove povertà) CARTA DEI SERVIZI Approvata con

Dettagli

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Adulti e Dismorfismi dell Età Evolutiva

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Adulti e Dismorfismi dell Età Evolutiva Centro Di Riabilitazione Vaclav Vojta Regolamento Dell Unità Riabilitativa Adulti e Dismorfismi Pagina2 VEC Sommario Finalità 3 Destinatari 4 Capacità ricettiva e Prestazioni 4 Funzionamento 5 Criteri

Dettagli

CARTA SERVIZI PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA

CARTA SERVIZI PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA CARTA SERVIZI PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA Dott. Claudia Mognaschi Via S. Cristoforo, 44-21047 SARONNO Tel. 3663819473 / 0296702270 - Fax 0287153169 e-mail: cmognaschi@alice.it (Ultimo aggiornamento 18.03.2014,

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDISETTE

CARTA DEI SERVIZI MEDISETTE CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete MEDISETTE (accordi regionali 2009) Medici Associati LODI ASL 306 DOTT. ARAGIUSTO GIUSEPPE Specialista in Malattie dell Apparato Respiratorio Medico

Dettagli

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI.

LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LA RISPOSTA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: AMBITI DI INTERVENTO, LINEE GUIDA, PROCEDURE E PROTOCOLLI, SERVIZI. LINEE GUIDA L Istituto Comprensivo attua percorsi significativi in sinergia con le ASL, con

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

DEFINIZIONI PRELIMINARI

DEFINIZIONI PRELIMINARI DEFINIZIONI PRELIMINARI PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DELLA PRIMA FASE DI ACCREDITAMENTO PROVVISORIO Si riportano di seguito alcune definizioni di termini utilizzati nel presente documento. ALLEGATO N. 2

Dettagli

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio ART: 26 Bis 1. Con le aggregazioni funzionali territoriali si realizzano alcune fondamentali condizioni per l integrazione

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli