Il Welfare State in una prospettiva storica. Dalle parole chiave ai momenti chiave

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Welfare State in una prospettiva storica. Dalle parole chiave ai momenti chiave"

Transcript

1 Il Welfare State in una prospettiva storica. Dalle parole chiave ai momenti chiave Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico

2 Abbiamo visto come il WELFARE STATE si definisca come un insieme di interventi pubblici connessi al processo di modernizzazione i quali forniscono protezione sotto forma di assistenza, assicurazione e sicurezza sociale, introducendo specifici diritti sociali e specifici doveri di contribuzione. Ma quali sono i principali eventi che hanno determinato questa configurazione? E quali quelli che ne hanno caratterizzato lo sviluppo e le fasi successive?

3 L evoluzione storica del welfare state europeo può essere suddivisa in 5 fasi: 1. Instaurazione 2. Consolidamento 3. Espansione 4. Crisi 5. Riforma

4 INSTAURAZIONE Il retroterra storico del moderno Welfare State è rintracciabile nelle misure di assistenza ai poveri nate in diverse realtà europee (prima in UK) a partire dal XVII secolo e che interessavano povertà, indigenza, mendicità, vagabondaggio con modalità con modalità assistenziali - repressive. Chi accedeva a questi aiuti era considerato immeritevole e emarginato politicamente e socialmente.

5 Il punto di partenza fu l introduzione dell assicurazione obbligatoria avvenuta in quasi tutti paesi europei alla fine del XIX secolo. La mobilitazione operaia e la nascita dei primi partiti socialisti furono decisivi per l introduzione dell assicurazione obbligatoria contro i vari rischi sociali cui i lavoratori delle industrie erano esposti.

6 Mentre le misure di aiuto ai poveri si basavano su interventi occasionali, residuali e discrezionali e su base prevalentemente locale, l assicurazione obbligatoria offriva prestazioni standardizzate, fondate su precisi diritti individuali e su base prevalentemente nazionale. Con l assicurazione obbligatoria veniva delegata l amministrazione degli schemi assicurativi ad organi bi- o tri-partiti (datori di lavoro e lavoratori con o senza lo Stato) inaugurando la prima forma di collaborazione tra due forze antagonistiche dello sviluppo capitalistico.

7 L introduzione dell assicurazione obbligatoria Germania (1883, malattia; 1884, infortuni sul lavoro; 1889, vecchiaia e invalidità) Austria (1887, infortuni sul lavoro; 1888, malattia) Danimarca (1891, pensioni) Norvegia (1894, infortuni sul lavoro) Finlandia (infortuni sul lavoro, 1895) Italia (infortuni sul lavoro, 1898) Francia (infortuni sul lavoro, 1898)

8 Perché si è cominciato dagli infortuni? Perché era la questione meno distante dai principi liberali Perché verso la fine del secolo erano aumentati molto gli infortuni sul lavoro (a causa dei processi di industrializzazione) Perché era il meno osteggiato dai movimenti socialisti Successivamente l assicurazione obbligatoria viene estesa verso le malattie la vecchia e l invalidità.

9 Dopo questi primi tre schemi assicurativi venne introdotto quello contro la disoccupazione rottura completa con la tradizione liberale conservatrice che considerava la disoccupazione come una responsabilità individuale e non un rischio sociale frutto dei processi sociali e di mercato.

10 In relazione all introduzione del primo schema assicurativo è possibile individuare due fattori causali comuni a tutti i paesi. FATTORI CORNICE: problemi funzionali derivanti dal processo di modernizzazione. necessità di garantire e pilotare la riproduzione e l integrazione sociale delle masse lavoratrici rapido sviluppo industriale con conseguente disponibilità (crescente) di risorse economiche razionalizzazione degli apparati statali (soprattutto in campo fiscale) che mise a disposizione le necessarie risorse amministrative

11 FATTORI SPECIFICI: problemi di carattere politico -istituzionale mobilitazione dei lavoratori in relazione al contesto politico-istituzionale circostante (fattore determinante la mobilitazione operaia)

12 La mobilitazione operaia fu quindi determinate ma in due modi distinti a seconda del contesto politicoistituzionale: Nei regimi monarchico-autoritari (dove il potere del Parlamento è limitato rispetto a quello della corona) Cosa: assicurazione obbligatoria fu concessa dall alto con finalità di controllo sociale e di auto-legittimazione Modalità: Gli schemi assicurativi furono introdotti in epoca relativamente precoce ed a livelli di modernizzazione piuttosto arretrati generalmente prima della democratizzazione del suffragio Dove: Germania di Bismarck, Austria, Finlandia, Svezia e in parte in Italia

13 Nei regimi Parlamentari (dove il potere del Parlamento è prevalente rispetto a quello della corona ) Cosa: L'assicurazione obbligatoria dovette aspettare che il partito operaio la includesse nel proprio programma politico e raggiungesse una consistenza parlamentare sufficiente per imporne l'introduzione (condizione che segui alla democratizzazione del suffragio) Modalità: Gli schemi introdotti in epoca relativamente precoce ed a livelli di modernizzazione piuttosto arretrati generalmente prima della democratizzazione del suffragio Dove: Francia, Inghilterra, Belgio e Olanda

14 CONSOLIDAMENTO Tra le due guerre in molti paesi viene integrato il catalogo dei rischi coperti dai vari schemi assicurativi, che vengono anche estesi ad altri segmenti sociali oltre ai lavoratori dipendenti Crescente importanza del ruolo della famiglia e il tema delle responsabilità e delle dipendenze familiari

15 In questa fase nascono gli assegni familiari: - Forma di assicurazione - Titolarità capofamiglia lavoratore - Prestazioni definite in base ai familiari a carico (inattivi) Belgio (1930), Francia (1932) Italia ( ), Olanda (1939), Finlandia (1943)

16 In molti paesi l assicurazione contro le malattie viene estesa ai componenti familiari (Norvegia 1906) e quella pensionistica estesa ai superstiti (Germania 1911) Da concezione ristretta di assicurazione dei lavoratori alla più ampia di assicurazione sociale, che riconosce una definizione più estesa dei rischi e dei possibili beneficiari della protezione.

17 Si fa strada, insieme all idea del risarcimento in base ai contributi versati, anche l idea di una protezione minima in base ai bisogni, indipendente dalla contribuzione. Nei paesi scandinavi, con l avvento al potere dei partiti social-democratici, in questa fase si evidenzia la congiunzione tra politica economica e politica sociale: cresce intervento Stato in campo abitativo e Mdl.

18 ESPANSIONE prima metà degli anni 70 I trent anni successivi alla seconda guerra mondiale individuano un periodo di sviluppo talmente intenso ed esteso tale da essere definito il trentennio glorioso. In tutti i paesi si verifica una costante estensione e un miglioramento della protezione offerta dallo Stato. In questo periodo si ha l espansione massima del modello capitalista di tipo industriale e l affermarsi della società salariale.

19 In molti paesi si realizza un estensione della copertura in senso verticale (anche verso i non bisognosi). In particolare nei paesi anglo- scandinavi prende forma un modello di welfare universalistico: schemi omnicomprensivi e generosi principi egualitari (per le prestazioni) finanziato dal gettito fiscale. Esempio: pensioni... abolita la prova dei mezzi (means-test) copertura estesa a tutta la popolazione (sopra una soglia età)

20 Nei paesi dell Europa continentale Europa continentale si è sviluppato in maniera orizzontale (coprendo i buchi dell assicurazione sociale). In quest area si è consolidato il modello di welfare occupazionale: pluralità di schemi professionali con regole e formule di prestazione differenziate Finanziato da contributi sociali.

21 Così come la ricchezza dei paesi, la spesa sociale cresce a ritmi sostenuti anche grazie alla razionalizzazione delle modalità di prelievo di imposte e contributi e al miglioramento della capacità di governare i flussi redistributivi dal centro e di erogare le prestazioni alle varie categorie sociali. In particolare lo schema pensionistico di ripartizione attraverso il quale i contributi versati dalla generazione attiva finanziano le prestazioni per la generazione inattiva. Si sviluppano inoltre schemi di natura non assicurativa per l erogazione di prestazione e servizi di assistenza sociale Si svilupparono sistemi sanitari pubblici sempre più complessi.

22 I modelli originari di protezione sociale UNIVERSALISTICO OCCUPAZIONALE

23 LA CRISI metà anni 70 - inizio anni 90 In seguito alle trasformazioni socio-economiche che definiscono la fine del modello di sviluppo capitalistico di tipo industriale e la crisi della società salariale, si verifica la crisi del welfare state: crescente inadeguatezza delle vecchie soluzioni di fronte ai nuovi problemi delle società postindustriali. Sia il modello universalistico che quello occupazionale erano costruiti su premesse socioeconomiche e politico-istituzionali che sono venute meno nel corso degli anni 70.

24 Si possono individuare alcune questioni chiave connesse alla crisi del welfare state Entrambi i modelli davano per scontata un economia in continua crescita. Dalla metà degli anni 70 le economie occidentali entrano in crisi: crescita di deficit e debito pubblico. Il welfare state era pensato e costruito su modelli societari di tipo industriale, nei quali la logiche fordiste erano predominanti (consumi e produzione di massa e forza lavoro maschile occupata prevalentemente nelle fabbriche). Dagli anni 70 prende forma un modello post-industriale e post-fordista: nuovi modelli produttivi e crescita dei servizi, decentramento produttivo, flessibilità dei rapporti di lavoro e consumi differenziati.

25 Si modificano le strutture familiari e viene meno la stabilità della famiglia (e dei matrimoni) in relazione anche alla divisione dei compiti all interno della famiglia stessa (soprattutto a causa del mutamento occupazionale). A partire dagli anni 70 cominciano a crescere i tassi di partecipazione femminile al mdl. I differenti modelli di welfare state facevano riferimento a modelli di sviluppo demografico equilibrati. Dalla metà degli anni 70 cala la fertilità e cresce la quota di popolazione anziana. Nel corso degli anni cresce poi il peso delle dinamiche migratorie.

26 Mutano i riferimenti di carattere socio culturale. Entrambi i modelli di welfare presumevano richieste di protezione misurate, ad un certo punto le aspettative (e le conseguenti richieste di nuove protezioni) crescono determinando un moltiplicarsi della spesa sociale. Entrambi i modelli i welfare facevano poi riferimento alla centralità dello Stato come istituzione governatrice e regolatrice. Con il passare degli anni questo ruolo è venuto meno determinando un erosione delle sue fondamento politico-istituzionali.

27 LA RIFORMA dagli anni 90 La chiave di volta del processo di riforma del welfare è essenzialmente di tipo finanziario. Il tema della compatibilità economica della spesa sociale è stata al centro delle agende politiche a partire dai primi anni 90. Questo processo si è intensificato poi a causa del processo di unificazione europea. Il contenimento dei costi ha interessato in particolare il settore pensionistico e sanitario fortemente influenzati dalle dinamiche demografiche.

28 Pensioni: i principali cambiamenti hanno riguardato l età pensionabile. Settore sanitario: misure di contenimento dei costi (come la compartecipazione della spesa) attraverso le quali ottenere anche un miglioramento dell efficienza e dell efficacia dei servizi. L incertezza che definisce il travagliato processo di riforma del Welfare State riflette la resistenza al cambiamento alimentata dalla crescente pressione sociale a garantire forme di tutela più estese e l urgenza di interventi di contenimento dei costi e di riequilibrio della protezione.

29 La ricalibratura del welfare state Nel dibattito sulla crisi e sulla riforma del welfare i termini usati per definire e interpretare questo mutamento sono differenti: tagli, ridimensionamento, riconfigurazione, razionalizzazione, ristrutturazione, modernizzazione, ricalibratura. Tra questi quello di ricalibratura appare il più efficace (Ferrera, Hemerijck, Rhodes 2000).

30 Il processo di ricalibratura rappresenta un cambiamento istituzionale i cui tratti principali sono: Presenza di vincoli (endogeni ed esogeni) che condizionano le scelte dei decisori politici. Interdipendenza tra scelte espansive o migliorative e scelte restrittive o sottrattive (cambiamenti a somma zero : se si aggiunge da una parte, si toglie da un altra). Spostamento dell enfasi posta sui diversi strumenti e obiettivi delle politiche sociali sia all interno di ciascuna politica sia fra diverse politiche (ridefinizione dei rischi, della loro gravità, delle protezioni esigibili).

31 Ricalibratura sottodimensioni: Ricalibratura funzionale: interventi per ribilanciare la funzione di protezione sociale rispetto a diversi rischi (es: minore tutela della vecchiaia e maggiore tutela dell infanzia) Ricalibratura distributiva: interventi per ribilanciare il grado di protezione sociale tra categorie iper-garantite e categorie sotto-garantite (es: dipendenti pubblici e disoccupati) Ricalibratura normativa: interventi di natura simbolica (articoli, discorsi pubblici di esperti, intellettuali, politici) che evidenzino e argomentino la necessità di cambiamento in ragione della sua inefficienza, inefficacia e iniquità.

32 PREMESSE DEI MODELLI DI WELFARE Riassumendo TRASFORMAZIONI SOCIO-ECONOMICHE NUOVE SFIDE PER IL WELFARE STATE Economie in Sviluppo lento Contenimento dei costi rapida crescita Società industriale Società post-industriale Instabilità del lavoro e flessibilità, nuovi ammortizzatori sociali mirati. Stabilità familiare Crescita partecipazione Conciliazione famiglialavoro e servizi alla femminile al lavoro e ridefinizione dei rapporti famiglia di genere, aumento della instabilità familiare

33 PREMESSE DEI MODELLI DI WELFARE Riassumendo TRASFORMAZIONI SOCIO-ECONOMICHE NUOVE SFIDE PER IL WELFARE STATE Strutture demografiche Calo della fecondità, in relativo equilibrio crescita della quota di popolazione anziana, questione migratoria. Aspettative di Crescita delle aspettative protezione sociale (più istruzione, più misurate salute e prevenzione, ecc.) Centralità dello Stato Integrazione europea, globalizzazione dei mercati, internazionalizzazione Contenimento dei costi protezione sociale per le categorie escluse (es. immigrati) Ridefinizione degli standard di prestazione; risposte differenziate a bisogni specifici Adattamento alle nuove condizioni aperte di società ed economie

34 Logica Politica e Welfare (1) Analisi della Social politics (politica sociale) Intreccio tra politiche sociali e consenso politico si rafforza dagli anni 50 in poi Fase espansiva: Redistribuzione distribuzione Struttura sociale e occupazionale si complicano Occultamento dei costi Deficit spending Conquista del consenso elettorale

35 Logica Politica e Welfare (2) Fase di crisi e riforma: distribuzione sottrazione Politica sottrattiva: ridurre o cancellare interventi pubblici, ormai considerati diritti intoccabili Stile avversariale: governo Thatcher ('79-90) Stile concertativo: governo Prodi ('96-'98) Esito: inseguimento adattivo

Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO PRIMO LE POLITICHE SOCIALI Sommario: 1. Concetti fondamentali. - 2. Le politiche di protezione. - 3. Quadro storico. - 4. Tipologie. - 5. Le politiche sociali in Italia. La politica pubblica può

Dettagli

Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del

Dettagli

Modelli e regimi di welfare. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12

Modelli e regimi di welfare. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Modelli e regimi di welfare Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Storicamente i sistemi di Welfare State si sono caratterizzati

Dettagli

DAL VECCHIO AL NUOVO WELFARE

DAL VECCHIO AL NUOVO WELFARE DAL VECCHIO AL NUOVO WELFARE Prof. Ivo Colozzi Università di Bologna IL VECCHIO WELFARE O WELFARE STATE Caratteristiche del modello tradizionale di welfare state - attori: Stato e mercato - il mercato

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Lo stato sociale. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Lo stato sociale. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Lo stato sociale Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Motivazioni Fallimenti informativi e ruolo dei due teoremi dell economia del benessere

Dettagli

Diritti e politiche sociali 10.11.2005

Diritti e politiche sociali 10.11.2005 Diritti e politiche sociali 10.11.2005 il welfare state è un insieme di interventi pubblici connessi al processo di modernizzazione, i quali forniscono protezione sottoforma di assistenza, assicurazione

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

Corso di Scienza Politica

Corso di Scienza Politica Anno accademico 2009/2010 Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Politiche Corso di Scienza Politica Dott. Matteo Jessoula Dipartimento di Studi Sociali e Politici 2 piano stanza 205 Email:

Dettagli

LA TIPOLOGIA DI REGIMI DI WELFARE DI ESPING-ANDERSEN

LA TIPOLOGIA DI REGIMI DI WELFARE DI ESPING-ANDERSEN LA TIPOLOGIA DI REGIMI DI WELFARE DI ESPING-ANDERSEN Definizione di welfare state: welfare state è uno stato nel quale il potere organizzato è deliberatamente utilizzato nello sforzo di modificare il gioco

Dettagli

LE POLITICHE DI WELFARE

LE POLITICHE DI WELFARE LE POLITICHE DI WELFARE Perché: Come operatori nei servizi Conoscenza del contesto in cui si opera Promozione e critica dei servizi esistenti (attivazione di risorse utili) STORIA E SVILUPPO DEL WELFARE

Dettagli

Paolo Ferrario, mapperser.com; www.segnalo.it MATERIALI DIDATTICI SCHEDE SU ALCUNE DEFINIZIONI DI WELFARE STATE

Paolo Ferrario, mapperser.com; www.segnalo.it MATERIALI DIDATTICI SCHEDE SU ALCUNE DEFINIZIONI DI WELFARE STATE SCHEDE SU ALCUNE DEFINIZIONI DI WELFARE STATE VARIABILI DESCRITTIVE dei SISTEMI DI WELFARE POPOLAZIONE RELIGIONE, CHIESE, SECOLARIZZAZIONE MODERNIZZAZIONE INDUSTRIALIZZAZIONE SISTEMI POLITICI SOGGETTI

Dettagli

L impatto sul mercato del lavoro della riorganizzazione produttiva

L impatto sul mercato del lavoro della riorganizzazione produttiva L impatto sul mercato del lavoro della riorganizzazione produttiva La flessibilità produttiva connessa alla produzione snella ha comportato anche una riorganizzazione strutturale della forza lavoro e un

Dettagli

Complessità dei bisogni ed evoluzione del welfare nella società del XXI secolo

Complessità dei bisogni ed evoluzione del welfare nella società del XXI secolo Ciclo di seminari Etica, deontologia, diritto Complessità dei bisogni ed evoluzione del welfare nella società del XXI secolo Paolo Zurla Facoltà di Scienze Politiche R. Ruffilli Forlì Università di Bologna

Dettagli

1. DEFIZINIZIONE E CARATTERISTICHE DI UN SISTEMA SANITARIO

1. DEFIZINIZIONE E CARATTERISTICHE DI UN SISTEMA SANITARIO 1. DEFIZINIZIONE E CARATTERISTICHE DI UN SISTEMA SANITARIO 2. I MODELLI DI SISTEMI SANITARI IN EUROPA 2.1 IL MODELLO BISMARCK 2.2 IL MODELLO BEVERIDGE 3. ANALISI DEI SISTEMI SANITARI EUROPEI 3.1 UNO SGUARDO

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

Note incontro: "WELFARE EUROPEO E I SERVIZI ALLA PERSONA"

Note incontro: WELFARE EUROPEO E I SERVIZI ALLA PERSONA Allegato 1 Note incontro: "WELFARE EUROPEO E I SERVIZI ALLA PERSONA" Welfare Europeo e Italiano a cura di Alessandra Servidori Nell Europa continentale, le radici dello Stato sociale hanno seguito un percorso

Dettagli

Proposte per un welfare equo e sostenibile

Proposte per un welfare equo e sostenibile Proposte per un welfare equo e sostenibile Il Forum ANIA Consumatori ha tra i propri compiti statutari quello di stimolare la riflessione sul ruolo sociale dell assicurazione nei nuovi assetti del welfare.

Dettagli

Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare. Scienza delle finanze lezione 8

Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare. Scienza delle finanze lezione 8 Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare Scienza delle finanze lezione 8 DEFINIZIONE DI WELFARE STATE Il Welfare State è un insieme di istituti, principalmente di natura pubblica, sorti

Dettagli

Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare

Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare DEFINIZIONE DI WELFARE STATE Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare Il Welfare State è un insieme di istituti, principalmente di natura pubblica, sorti nel corso della formazione del

Dettagli

La spesa per la sicurezza sociale

La spesa per la sicurezza sociale I SISTEMI DI SICUREZZA SOCIALE I sistemi di sicurezza sociale, hanno lo scopo di garantire alle persone condizioni di vita adeguate e di fronteggiare gravi situazioni di bisogno. Le forme di tutela sono:

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia La spesa per il welfare state

Dettagli

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Introduzione Un aspetto al quale è stata dedicata relativamente poca attenzione durante gli

Dettagli

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

Le Politiche del Lavoro. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12

Le Politiche del Lavoro. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Le Politiche del Lavoro Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Le politiche del lavoro sono: insieme di interventi pubblici rivolti

Dettagli

Welfare state. Modelli di Welfare state in Europa. Parte 1. Silvia Vogliotti, Sara Vattai. IPL 2014 Pubblicazione n. 1

Welfare state. Modelli di Welfare state in Europa. Parte 1. Silvia Vogliotti, Sara Vattai. IPL 2014 Pubblicazione n. 1 Welfare state Parte 1 Modelli di Welfare state in Europa Silvia Vogliotti, Sara Vattai Pubblicazione n. 1 WELFARE STATE Parte 1 William Henry Beveridge: Il benessere collettivo deve essere raggiunto attraverso

Dettagli

La voce amministrativa in periodo di Spending Review. Anna Flavia d Amelio Einaudi 10 giugno 2015

La voce amministrativa in periodo di Spending Review. Anna Flavia d Amelio Einaudi 10 giugno 2015 La voce amministrativa in periodo di Spending Review Anna Flavia d Amelio Einaudi 10 giugno 2015 Welfare state Il Welfare State (o Stato Sociale) è un sistema di norme con il quale lo stato cerca di eliminare

Dettagli

I trenta anni gloriosi

I trenta anni gloriosi I trenta anni gloriosi Il periodo che va dalla fine della seconda guerra mondiale alla prima metà degli anni settanta è definita come la golden age del capitalismo occidentale. Si tratta di un epoca caratterizzata

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca Modelli di organizzazione di un sistema sanitario (a) Si differenziano

Dettagli

1. Piena occupazione : anche per donne 2. Eguaglianza : - equità - opportunità - compensi / condizioni vita divisioni sociali (classi)

1. Piena occupazione : anche per donne 2. Eguaglianza : - equità - opportunità - compensi / condizioni vita divisioni sociali (classi) 2 obiettivi 1. Piena occupazione : anche per donne 2. Eguaglianza : - equità - opportunità - compensi / condizioni vita divisioni sociali (classi) Trade off tra (1) e (2) 3 meccanismi in interazione -

Dettagli

Lo sviluppo di comunità. Una valutazione dell esperienza del Laboratorio Famiglia in Oltretorrente a Parma

Lo sviluppo di comunità. Una valutazione dell esperienza del Laboratorio Famiglia in Oltretorrente a Parma UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Giurisprudenza Corso di Laurea Magistrale in Programmazione e Gestione dei Servizi Sociali Tesi di Laurea sperimentale Lo sviluppo di comunità. Una valutazione

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

I mutamenti del Welfare State. Genova, 7 Luglio 2015 1

I mutamenti del Welfare State. Genova, 7 Luglio 2015 1 I mutamenti del Welfare State 1 Il Welfare State Nel Welfare State gli unici due attori sono il governo e il mercato. La caratteristica principale del Welfare State è che il mercato produce ricchezza ma

Dettagli

Sin dai tempi remoti l uomo ha avvertito il bisogno di tutelare la propria esistenza. In Italia

Sin dai tempi remoti l uomo ha avvertito il bisogno di tutelare la propria esistenza. In Italia Una vita più lunga: certo, ma a quale costo? Sin dai tempi remoti l uomo ha avvertito il bisogno di tutelare la propria esistenza. In Italia si sono sviluppate due filosofie di intervento: la beneficienza

Dettagli

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi C era una volta. Le pensioni ieri ed oggi Dalla riforma Amato a Monti. I fondamentali della previdenza Piramide società Spesa Protezione sociale Speranza di vita Rapporto attivi/non attivi L invecchiamento

Dettagli

TRASFERIMENTI dei Redditi alle Famiglie. Spesa per la PREVIDENZA ed ASSISTENZA

TRASFERIMENTI dei Redditi alle Famiglie. Spesa per la PREVIDENZA ed ASSISTENZA 1 U C I I M - Torino Associazione Cattolica Insegnanti Dirigenti Formatori Sezione di Torino Ettore PEYRON Corso di ECONOMIA PUBBLICA 2007 Aggiornamento per docenti di Scienza delle Finanze della scuola

Dettagli

Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia

Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia NELLA TRAPPOLA DELLA CRISI, IL LAVORO COME QUESTIONE SOCIALE Le politiche sociali del lavoro Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia Libertà e Giustizia, Scuola 2013, Collegio Spunti di discussione

Dettagli

Il welfare state moderno è un invenzione europea. I diversi sistemi di welfare hanno origine alla fine del XIX secolo, e si sviluppano alla fine del

Il welfare state moderno è un invenzione europea. I diversi sistemi di welfare hanno origine alla fine del XIX secolo, e si sviluppano alla fine del Il welfare state moderno è un invenzione europea. I diversi sistemi di welfare hanno origine alla fine del XIX secolo, e si sviluppano alla fine del XX secolo a seguito dei problemi sociali sollevati dall

Dettagli

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva VERSIONE PROVVISORIA Disegni di legge 1148, 1670 e 1697 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissione 11 a "Lavoro, previdenza sociale" del Senato della Repubblica

Dettagli

POLITICHE PER LA FAMIGLIA

POLITICHE PER LA FAMIGLIA Segreteria Confederale Servizio Politiche di Cittadinanza e della Salute POLITICHE PER LA FAMIGLIA Documento in preparazione alla Conferenza sulla Famiglia 1 Premessa I provvedimenti del Governo sono serviti

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

Quadro demografico e sostenibilità macroeconomica in Europa e in Italia

Quadro demografico e sostenibilità macroeconomica in Europa e in Italia Quadro demografico e sostenibilità macroeconomica in Europa e in Italia di Marco Centra e Massimiliano Deidda Riassunto: la popolazione nelle economie più sviluppate subisce da diversi decenni un costante

Dettagli

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

Politiche del lavoro

Politiche del lavoro Politiche del lavoro insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione Ampia gamma di politiche pubbliche, riconducibili a 3 tipi principali: 1) politiche per

Dettagli

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro mlpruna@unica.it

Dettagli

I sistemi pensionistici

I sistemi pensionistici I sistemi pensionistici nei Paesi membri Comitato Esecutivo FERPA Bruxelles, 24/02/2012 Enrico Limardo Paesi coinvolti nella ricerca Austria Francia Italia UK Spagna Portogallo Germania Romania Belgio

Dettagli

Gestione delle generazioni

Gestione delle generazioni Gestione delle generazioni Helsana Business Health Il cambiamento demografico come opportunità Generazioni diverse: stimoli e sfide specifici Misure a livello di impresa «Il cambiamento demografico è inarrestabile.

Dettagli

DIRITTO DELLA PREVIDENZA SOCIALE

DIRITTO DELLA PREVIDENZA SOCIALE MAURIZIO CINELLI DIRITTO DELLA PREVIDENZA SOCIALE Quinta edizione interamente riveduta e corretta 2003 G. CIAPPICHELLI EDITORE - TORINO INDICE Prefazione XVII CAPITOLO I I FONDAMENTI DELLA PREVIDENZA SOCIALE

Dettagli

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 Le Politiche Pensionistiche Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 In generale la pensione è una prestazione pecuniaria vitalizia

Dettagli

Sistema Pensionistico

Sistema Pensionistico Sistema Pensionistico Il sistema pensionistico è un meccanismo redistributivo che trasferisce risorse correntemente prodotte dalla popolazione attiva a favore di chi: ha cessato l'attività lavorativa per

Dettagli

Il modello sociale europeo e il programma di riforma economica europea una contraddizione o politiche complementari?

Il modello sociale europeo e il programma di riforma economica europea una contraddizione o politiche complementari? UNION EUROPEENNE DE L ARTISANAT ET DES PETITES ET MOYENNES ENTREPRISES EUROPÄISCHE UNION DES HANDWERKS UND DER KLEIN- UND MITTELBETRIEBE EUROPEAN ASSOCIATION OF CRAFT, SMALL AND MEDIUM-SIZED ENTERPRISES

Dettagli

MODULO N.0 IL CONTRATTO MODULO N.2 LA LEGISLAZIONE SOCIALE

MODULO N.0 IL CONTRATTO MODULO N.2 LA LEGISLAZIONE SOCIALE ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE SILVIO CECCATO - sede I.P.S.C. PROGRAMMA DIRITTO ED ECONOMIA A.S. 2014/2015 DIRITTO MODULO N.0 IL CONTRATTO Il contratto 1. Il contratto in generale 2. Gli elementi del

Dettagli

Capitolo 3 I principali settori d intervento pubblico

Capitolo 3 I principali settori d intervento pubblico Parte seconda Attività finanziaria dello Stato Capitolo 3 I principali settori d intervento pubblico Sommario 1. La sanità. - 2. L istruzione. - 3. Il sistema pensionistico. 1. La sanità I sistemi sanitari

Dettagli

13 lezione il sistema della previdenza

13 lezione il sistema della previdenza 13 lezione il sistema della previdenza Legislazione sociale del lavoro Legislazione sociale preventiva PREVIDENZA assistenza Statuto dei lavoratori Privacy Sicurezza 1 La previdenza sociale è una branca

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI TRA RISPOSTE PUBBLICHE E PRIVATE

IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI TRA RISPOSTE PUBBLICHE E PRIVATE Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Sociologia Corso di Laurea Specialistica in Scienze per le Politiche Sociali e del Terzo Settore IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI

Dettagli

Il modello sociale europeo, l'integrazione europea e la crisi: la tempesta perfetta?

Il modello sociale europeo, l'integrazione europea e la crisi: la tempesta perfetta? Il modello sociale europeo, l'integrazione europea e la crisi: la tempesta perfetta? David Natali Università di Bologna david.natali@unibo.it Il punto di partenza «The European Social Model has already

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

Dalle evidenze sulle dinamiche (locali e globali) quali prospettive per il nostro sistema di welfare?

Dalle evidenze sulle dinamiche (locali e globali) quali prospettive per il nostro sistema di welfare? CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale Dalle evidenze sulle dinamiche (locali e globali) quali prospettive per il nostro sistema di welfare? Francesco Longo Ferrara,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA ( O. M. S. ) WORLD HEALTH ORGANIZATION ( W. H. O. ) AGENZIA SPECIALIZZATA DELL O.N.U.

Dettagli

Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti

Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti Il welfare a sostegno della previdenza dei professionisti Tavola rotonda CNPR Roma, Hotel Nazionale - Piazza Montecitorio - 18 giugno 2015, ore 10,00 Antonietta Mundo Attuario, ex coordinatore generale

Dettagli

UN PIANO INDUSTRIALE PER IL NUOVO INPS, UN OCCASIONE DI CRESCITA PER IL PAESE. di Giuseppe Beato.

UN PIANO INDUSTRIALE PER IL NUOVO INPS, UN OCCASIONE DI CRESCITA PER IL PAESE. di Giuseppe Beato. UN PIANO INDUSTRIALE PER IL NUOVO INPS, UN OCCASIONE DI CRESCITA PER IL PAESE. di Giuseppe Beato. L INPS oggi. Gianni Billia, l ormai mitico Direttore generale dell INPS degli anni 80, costituisce sempre

Dettagli

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE politiche pubbliche per il lavoro

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE politiche pubbliche per il lavoro GESTIONE DELLE RISORSE UMANE politiche pubbliche per il lavoro RCalvo 2007 (appunti studenteschi) BREVE QUADRO DELL OGGETTO DI STUDIO: Enti che aiutassero l incontro domanda (impresa)/offerta (individui)

Dettagli

Finanziamento pubblico e contributi sociali Il finanziamento della protezione sociale nei paesi dell Unione europea

Finanziamento pubblico e contributi sociali Il finanziamento della protezione sociale nei paesi dell Unione europea L Osservatorio per le politiche sociali in Europa è un iniziativa dell INCA CGIL Nazionale e dell INCA Belgio Rue de la Loi, 26/20-1040 Bruxelles Tel. +32 2 2335432-2801439 osservatorio@osservatorioinca.org

Dettagli

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1 Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane di Nicola C. Salerno 1 1 3. Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane Le sfide attese dall invecchiamento

Dettagli

Crisi e processi di cambiamento dei sistemi di welfare

Crisi e processi di cambiamento dei sistemi di welfare Crisi e processi di cambiamento dei sistemi di welfare Giovanni Bertin Dip. Economia, Università Cà Foscari, Venezia (in via di pubblicazione) Abstract: il passaggio dalla società moderna ad una società

Dettagli

Cenni storici sulla previdenza obbligatoria in Italia

Cenni storici sulla previdenza obbligatoria in Italia R.S.U. Siae Microelettronica Cenni storici sulla previdenza obbligatoria in Italia L attuale ordinamento previdenziale italiano muove i primi passi dopo l unità d Italia con l affermarsi della rivoluzione

Dettagli

Sistemi di regolazione e sistemi di welfare

Sistemi di regolazione e sistemi di welfare Sistemi di regolazione e sistemi di welfare Con il termine sistema di regolazione dell economica si deve intendere la combinazione tra le diverse forme di integrazione dell economia nella società (reciprocità,

Dettagli

Lezione 8.3 LE PENSIONI: SVILUPPI RECENTI E PREVIDENZA INTEGRATIVA

Lezione 8.3 LE PENSIONI: SVILUPPI RECENTI E PREVIDENZA INTEGRATIVA Lezione 8.3 LE PENSIONI: SVILUPPI RECENTI E PREVIDENZA INTEGRATIVA SdW SISTEMI DI WELFARE (P. Silvestri, 2014-15) 1 CONTENUTO DELLA LEZIONE Riforma Dini: cenni ad aspetti di lungo periodo e alla disciplina

Dettagli

LA PROTEZIONE DELLA LE RIFORME DEL 2012 E DEL 2015 DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: 25/05/2015 1

LA PROTEZIONE DELLA LE RIFORME DEL 2012 E DEL 2015 DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: 25/05/2015 1 LA PROTEZIONE DELLA DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: LE RIFORME DEL 2012 E DEL 2015 25/05/2015 1 L ASSICURAZIONE CONTRO LA DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: LE RAGIONI DI UNA RIFORMA 1) Quale inclusione? La maggior parte

Dettagli

Il MODELLO SOCIALE EUROPEO

Il MODELLO SOCIALE EUROPEO Il MODELLO SOCIALE EUROPEO E difficile definire cosa sia il Mse. Sarebbe più opportuno parlare di una pluralità di modelli sociali nazionali. Si può tentare una semplificazione: al Mse sono ricondotte

Dettagli

Presentazione a cura di Merelli Giulia e Peracchi Laura

Presentazione a cura di Merelli Giulia e Peracchi Laura IL Presentazione a cura di Merelli Giulia e Peracchi Laura Che cos è il modello Beveridge? Il 20 Novembre del 1942, nel pieno della seconda guerra mondiale, in Inghilterra venne data alle stampe una proposta

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

La non autosufficienza in Europa, con l Italia in preoccupante ritardo.

La non autosufficienza in Europa, con l Italia in preoccupante ritardo. Per chi vuole saperne di più. La non autosufficienza in Europa, con l Italia in preoccupante ritardo. L Italia sta diventando un paese per vecchi. Dal 2001 al 2011 gli over 65 anni sono passati dal 18,7%

Dettagli

Quota-parte fiscale della Svizzera: le apparenze ingannano dossierpolitica

Quota-parte fiscale della Svizzera: le apparenze ingannano dossierpolitica Quota-parte fiscale della Svizzera: le apparenze ingannano dossierpolitica 21 febbraio 2011 Numero 2 Quota-parte fiscale Nella statistica annuale dell OCSE, la Svizzera denota una quota-parte fiscale bassa,

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

TASSO DI SOSTITUZIONE

TASSO DI SOSTITUZIONE TASSO DI SOSTITUZIONE Un tasso di sostituzione è adeguato quando evita per la generalità dei cittadini un eccessiva caduta nel livello di reddito ad un età di pensionamento coerente con l evoluzione demografica

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

La povertà. Morlicchio Sociologia della povertà

La povertà. Morlicchio Sociologia della povertà La povertà Morlicchio Sociologia della povertà Le origini della povertà La povertà è sempre esistita, era considerata una condizione naturale per gran parte della popolazione mondiale. Fino al XVIII secolo

Dettagli

L analisi delle politiche sociali e del welfare state

L analisi delle politiche sociali e del welfare state Settori e politiche pubbliche Politiche pubbliche: corsi di azione volti a risolvere problemi di rilevanza collettiva Politica sociale: corsi di azione volti a risolvere problemi e a raggiungere obiettivi

Dettagli

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI NOTA ISRIL ON LINE N 40-2012 LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85 La rincorsa frenata 1 Anni di piombo e solitudini europee Inizio anni Settanta: profonda crisi. Fine della produzione di massa, della domanda pubblica

Dettagli

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi I 6 punti del manifesto-piattaforma oggi all'assemblea quadri e delegati Roma, 5 novembre - Un vero e proprio manifesto-piattaforma

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

Molti quarantenni si domandano se l attuale sistema previdenziale

Molti quarantenni si domandano se l attuale sistema previdenziale Economia Giulio Prosperetti Reddito minimo di cittadinanza Molti quarantenni si domandano se l attuale sistema previdenziale sarà in grado di garantire loro una pensione così come è avvenuto per i loro

Dettagli

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili I trasferimenti monetari alle famiglie Trasferimenti economici alle famiglie Trasferimenti monetari diretti indiretti Assegni per il nucleo familiare Assegno di maternità A3F Detrazioni fiscali Storia

Dettagli

L imperativo del developmental welfare per l Europa

L imperativo del developmental welfare per l Europa 57 L imperativo del developmental welfare per l Europa Anton Hemerijck A partire dalla fine degli anni 70 tutti i più avanzati sistemi di welfare dell Unione europea hanno riformato il mix di politiche

Dettagli

I sistemi sanitari dei Paesi sviluppati, quelli che appartengono all OCSE, hanno realizzato 3 modelli istituzionalizzati

I sistemi sanitari dei Paesi sviluppati, quelli che appartengono all OCSE, hanno realizzato 3 modelli istituzionalizzati SISTEMA SANITARIO Insieme delle istituzioni, attori e risorse (umane e materiali) che concorrono alla promozione, al recupero ed al mantenimento della salute. Finalità di questo sistema è produrre salute.

Dettagli

Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL

Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL 1 Milano 21 novembre 2014 Convegno AUSER Dalla cura come destino alla cura come risorsa. Intervento di Mara Nardini Segretaria nazionale SPI CGIL L ingresso massiccio delle donne nel mercato del lavoro,

Dettagli

Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF. Economia pubblica. (8 crediti, 60 ore insegnamento)

Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF. Economia pubblica. (8 crediti, 60 ore insegnamento) Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. a 2013-1414 (8 crediti, 60 ore insegnamento) Il sistema pensionistico i Alberto Zanardi Sistema

Dettagli

IN EUROPA. OMS Europa. Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss)

IN EUROPA. OMS Europa. Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss) Corso di formazione: I servizi sociosanitari nella legislazione nazionale e della regione Marche Prestazioni e servizi sociosanitari. La normativa nazionale Franco Pesaresi (Anoss) Moie di Maiolati (An)

Dettagli

Le mani del Governo sulle pensioni

Le mani del Governo sulle pensioni Le mani del Governo sulle L Istat, come ogni anno, ha diffuso i dati sui trattamenti stici al 31 dicembre 2008 e sui relativi beneficiari. Il quadro che emerge non è nuovo e mette in evidenza le difficili

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

La Riforma dell ISEE: Maggiore equità ed efficacia nella valutazione economica della famiglia.

La Riforma dell ISEE: Maggiore equità ed efficacia nella valutazione economica della famiglia. La Riforma dell ISEE: Maggiore equità ed efficacia nella valutazione economica della famiglia. della condizione La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo

Dettagli

Verso un welfare generativo, da costo a investimento

Verso un welfare generativo, da costo a investimento FONDAZIONE EMANUELA ZANCAN Onlus Centro Studi e Ricerca Sociale Innovazioni sociali* I sistemi di welfare hanno un carattere comune e originario che ci aiuta a capire il loro sviluppo nel passaggio da

Dettagli

Impoverimento globale, povertà locale: il contesto, i dati, le politiche. Dove e cosa guardare?

Impoverimento globale, povertà locale: il contesto, i dati, le politiche. Dove e cosa guardare? Impoverimento globale, povertà locale: il contesto, i dati, le politiche. Dove e cosa guardare? Mauro Migliavacca Università Cattolica Milano mauro.migliavacca@polimi.it Qualche flash per incominciare?

Dettagli

Politiche di sostegno alla non autosufficienza

Politiche di sostegno alla non autosufficienza Politiche di sostegno alla non autosufficienza Sergio Pasquinelli Istituto per la Ricerca Sociale Milano 26 Settembre 2013 I problemi di partenza La proposta in sintesi Domande e risposte Più in dettaglio

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Oltre che ad evidenti obiettivi di equità, un sistema di assicurazione sociale contro la disoccupazione risponde a motivazioni di efficienza economica,

Dettagli