Malattie dell Apparato Respiratorio. Prof. Plinio Carta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Malattie dell Apparato Respiratorio. Prof. Plinio Carta"

Transcript

1 Malattie dell Apparato Respiratorio 4 anno, 1 semestre [ aa ] Prof. Plinio Carta Servizio di Medicina Preventiva dei Lavoratori e di Fisiopatologia Respiratoria Dipartimento di Sanità Pubblica - Sezione di Medicina del Lavoro Università degli Studi di Cagliari Policlinico (Blocco G) (mattina) (sera) 1

2 Malattie dell Apparato Respiratorio Sindromi Ostruttive BPCO: [ Bronchite Cronica Enfisema ] ASMA BRONCHIALE

3 G O L D lobal Initiative for Chronic bstructive ung isease

4 Definition COPD is characterized by airflow limitation that is not fully reversible. The airflow limitation is usually both progressive and associated with an abnormal inflammatory response of the lungs to noxious particles and gases

5 Environmental risk factors to COPD Cigarette smoking Occupational dust or gas exposure Indoor air pollution Low socio-economic status Infections

6 Smoking and lung function decline 100 Never smoked or not susceptible to smoke FEV Smoked regularly and susceptible to smoke Disability Death Age (years) Stopped at 45 years Stopped at 65 years Fletcher and Peto,, BMJ 1977, 1,

7 History FEV 1 (% predicted at age 25 years) Dyspnea Exercise Intolerance Exacerbations Hospitalizations Systemic Effects Respiratory Failure Pulm Hypertension Age (years)

8 Mortality of COPD European Lung White Book, 2003

9 Mortality of COPD by gender Men Women European Lung White Book, 2003

10 COPD is the only major cause of death that has increased significantly in recent years Change in age-adjusted death rate in USA, from 1965 to 1998 (%) CHD Stroke CVD COPD All other causes COPD = chronic obstructive pulmonary disease CHD = coronary heart disease CVD = cerebrovascular disease Adapted from:

11 COPD is projected to be the third biggest killer by Ischemic heart disease CVD disease Lower respiratory infection 3rd Diarrhoeal disease Perinatal disorders COPD 6th Tuberculosis Measles Stomach cancer Road traffic accident HIV Lung cancer Suicide Murray & Lopez 1997

12 Chronic Obstructive Pulmonary Disease Surveillance U.S ,000 60,000 Males Females 50,000 Deaths 40,000 30,000 20,000 10, Year

13 Survival by Lung Function Impairment 1.0 Proportion Surviving No Lung Disease GOLD 0 GOLD 1 Restrictive Disease GOLD 2 GOLD 3/ Follow up in Years Mannino et al, Thorax 2003;58:

14 Leading Causes of Death in U.S. #1. MI #2. CA #3. CVA #4. COPD Cigarette Related Diseases Leading Causes of Death Worldwide 2010

15 What do COPD Patients Die From? Normal Restricted GOLD 2 GOLD 3/4 0% 20% 40% 60% 80% 100% COPD ASCVD Lung Cancer Other Mannino et al, Resp Med, january 2006

16 Inhaled particles: pulmonary and heart co-morbidity

17 Prevalence of COPD European Lung White Book, 2003

18 9,3 year incidence of COPD by gender (FEV1/FVC<0.7) 16 % 14 % 12 % 10 % 8 % 6 % 4 % 2 % 0 % 6,45 % Women (S.E. 1,4) 13,38 % Men (S.E. 2,1) Johannesen A, ERJ 2002

19 Incidence of COPD by age 25 % 20 % 23,40 % 15 % 10 % 5 % 0 % 3,70 % (S.E. 1,5) 8,30 % (S.E. 1,9) 9,60 % (S.E. 2,5) (S.E. 4,7) Johannesen A, ERJ 2002

20 Prevalence of COPD by age and smoking Lindberg A, Respir Med 2005

21 Broncopneumopatie Cronico Ostruttive BPCO COLD - COPD Patologie infiammatorie-degenerative caratterizzate da ostruzione cronica al flusso aereo Bronchite Cronica Enfisema ostruzione cronica, persistente e progressiva Asma bronchiale Allergico (IgE, IgG mediato) Intrinseco (irritanti) [ ostruzione cronica, variabile (reversibile) ]

22 Definizioni BPCO Bronchite Cronica: : diagnosi clinica Tosse produttiva persistente (abituale) con escreato per almeno 3 mesi consecutivi all anno anno per almeno 2 anni consecutivi Questionario MRC - CECA Enfisema: : diagnosi anatomo-patologica Slargamento permanente degli spazi aerei distali ai bronchioli terminali (alveoli( alveoli) ) con distruzione delle loro pareti

23 BPCO Normale Normale Patologia Infiammatoria Cronica Bronchite Cronica Forme Miste Enfisema Patologia Degenerativa Cronica L enfisema polmonare rappresenta spesso la fase evolutiva del processo infiammatorio cronico primitivamente interessante le vie e aeree

24

25 Bronchite Cronica Anatomia Patologica: Bronchi di grosso e medio calibro Indice di Reid Iperplasia ghiandolare Dotto ghiandolare Ispessimento membrana basale Metaplasia squamosa Infiltrato infiammatorio Edema Iperemia capillare Fibrosi Essudato nel lume Epitelio desquamato

26 Bronchite Cronica: Bronchioli Essudato adeso (purulento) Effetto valvola Distribuzione zonale non uniforme della ventilazione alveolare Iperplasia cellule caliciformi Ispessimento membrana basale Iperemia Infiltrato infiammatorio Essudato intraluminare Edema interstiziale Metaplasia squamosa Fibrosi Ipertrofia muscoli bronchiolari Alveoli enfisematosi

27 COPD: Small Airway Abnormalities Normal COPD

28 COPD: Pulmonary Emphysema

29 COPD: Pulmonary Vascular Changes Normal COPD

30 COPD: Structure & Function Alveolar Wall Destruction Air Spaces Enlargement Alveolar Attachments Loss Capillary Network Reduction Small Airways Narrowing-Distortion Nonhomogeneous Inspired Air Distribution Reduced Ventilation In Dependent Alveoli HIGH V A /Q RATIOS LOW V A /Q RATIOS

31 COPD: AIR TRAPPING- LUNG HYPERINFLATION AIRFLOW OBSTRUCTION AIRFLOW OBSTRUCTION AIR TRAPPING LUNG HYPERINFLATION

32

33 Fumo di tabacco Inquinanti atmosferici Storia naturale delle BPCO Lesioni irritative croniche delle vie aeree Ipersecrezione mucosa e broncospasmo vie aeree distali Ostruzione bronchiale reversibile Infezioni bronchiali ricorrenti Malattia Piccole Vie Aeree Fase pauci-sintomatica Ostruzione bronchiale irreversibile Bronchite Cronica Persistenza lesioni irritative Persistenza infezioni ricorrenti Distruzione bronchioli respiratori Bronchite Cronica e enfisema centrilobulare Bronchite cronica semplice APVA Bronchite cronica ostruttiva

34

35 Radicali Liberi Ossidanti: atomi o molecole con un elettrone spaiato nell orbita esterna con caratteristiche di elevata reattività in quanto tendono ad appaiare l elettrone spaiato con altro prelevato da altre molecole che diventano anch esse radicali liberi Prodotti normalmente in piccole quantità a livello cellulare Normalmente antagonizzati dagli antiossidanti Intracellulari: : Superossido Dismutasi, Catalasi, Glutatione Perossidasi Di membrana: scavenger (Vitamine E, C) Interstiziali: bilirubina, metionina,, alfa-1-antitripsina, antitripsina, ceruloplasmina Radicali liberi in eccesso Apporto esogeno (fumo, O2, Nox,, alimenti) Produzione endogena (infiammazione) [ Deficit antiossidanti ] 1) interazione con i lipidi di membrana (attivazione ciclo- e lipoossigenasi) 2) interazione con cellule (macrofagi, epitelio, endotelio) con chemiotassi e attivazione di cellule fagocitarie e PMN che rilasciano ROS, enzimi proteolitici e mediatori dell infiammazione 3) inattivazione di anti-proteasi (alfa-1-antitripsina) antitripsina)

36 Patologie da ossidanti Tossicità da Ossigeno (per FIO 2 > 50%) [ ROS ] danno diretto sull endotelio e mediato dall infiammazione Tossicità da Ozono (O 3 ) [ inquinamento ambientale ] ossidante diretto e sorgente di altri ossidanti (livello bronchiolare) Tossicità da NOx: danno prevalentemente bronchiolare Tossicità da radiazioni ionizzanti: ROS a livello citoplasmatico e nucleare (DNA) [ Danno ai Pneumociti I Proliferazione pneumociti II Fibrosi ] Tossicità da medicamenti: Bleomicina, Amiodarone (DNA), Antibiotici Tossiccità da infiammazione: liberazione di ROS dai PMN e piastrine con danni endoteliali ed epiteliali

37 Parete bronchiale normale Flusso = ΔP/Raw Bronchite cronica Ostruzione vie aeree: - presenza di muco - ispessimento parete bronchiale

38 Espettorato = miscuglio disomogeneo di mucoproteine sintetizzate localmente e proteine plasmatiche,, alle quali sono mescolati detriti cellulari e secrezioni nasali ed orali Cellule caliciformi Ghiandole sottomucose Cellule di Clara? + Proteine plasmatiche Detriti cellulari + Secresioni salivari nasali e orali MUCOPROTEINE SECREZIONI BRONCHIALI ESPETTORATO

39 Ipersecrezione bronchiale - Ostruzione bronchiale IPERSECREZIONE BRONCHIALE Alterata clearance muco-ciliare * * - reologia del muco - minor efficienza ciliare Ristagno di muco Infezioni Broncospasmo Edema parete bronchiale OSTRUZIONE BRONCHIALE

40

41

42

43

44

45 Identificazioni dei pazienti per il trattamento con antimicrobici nelle riacutizzazioni: suddivisione in 4 fasi

46 Identificazioni dei pazienti per il trattamento con antimicrobici nelle riacutizzazioni: suddivisione in 4 fasi

47

48

49 Proteasi / Antiproteasi Elastasi / Antielastasi Collagenasi / Anticollagenasi Turnover e rimodellamento delle componenti stromali del polmone (fibre elstiche e collagene) Nel non fumatore le proteasi sono prodotte dai soli macrofagi Nel fumatore le proteasi derivano specialmente dai polimorfonucleati (digestione delle proteasi da parte dei macrofagi e successivo rilascio lento) Le proteasi neutrofile e in particolare l elastasi agiscono su tutte le componenti proteiche delle pareti alveolari (epitelio, endotelio, membrana basale, stroma connettivale) Enfisema = sbilanciamento tra proteasi e antiproteasi

50 Glicoproteina, α1-globulina Alfa Antitripsina Bassa massa molecolare, diffusibile nello spazio extravascolare Prodotta negli EPATOCITI; ; presente anche nelle piastrine, monociti,, macrofagi, PMN Azione: inattivazione elastasi neutrofila Attività maggiore a livello alveolare α-1-at: aumenta nelle infezioni, nei fumatori, in gravidanza

51 Fenotipizzazione dell alfa alfa-1-antitripsinaantitripsina Oltre 40 fenotipi FF Elettroforesi Omozigoti MM : α1-at sierica normale Eterozigoti con allele S o Z : α1-at parzialmente ridotta MM ZZ SS Omozigoti SS : α1-at parzialmente ridotta MS Omozigoti ZZ : α1-at sierica molto ridotta α-1-at AT sierica (mg%) Nel fenotipo ZZ l α-1-at si accumula negli epatociti e non viene immessa in circolo (granuli eosinofili) [ cirrosi ] 1 0 / 00 ZZ SZ SS MZ (3%) FM MM 85-95%

52 Il rischio di enfisema èinversamente proporzionale al tasso sierico di α-1-at attiva Riduzione Antielastasi Carenza genetica di α-1-antipripsina Infiammazione PMN ROS, Fumo di sigaretta Aumento degli enzimi elastolitici da infiammazione neutrofila Danno tessuto elastico (collagene) Enfisema Polmonare - Perdita elasticità (PVA) - Rottura setti alveolari

53 Sbilanciamento Elastasi / Antielastasi Fumo di tabacco Chemiotassi + attivazione Ossidazione α-1-at O 2 + ROS Flogosi + Chemiotassi Anti - Elastasi Elastasi Enfisema Fumo di tabacco e infiammazione nella patogenesi dell enfisema enfisema polmonare 1) deficit congenito di anti-proteasi (proteasi normali) 2) esaltata produzione di proteasi (antiproteasi normali) 3) inattivazione delle anti-antiproteasi in rapporto a normale o esaltata produzione di proteasi

54 Struttura dell Alfa-1-antitripsina antitripsina I Radicali liberi ossidanti (ROS) inattivano la A-1AT A ossidando la Metionina nel sito attivo dell antiproteasi (Mieloperossidasi neutrofila) Nota: Concentrazione sierica di A1AT normale, ma attività anti-proteasica ridotta

55 Enfisema: - aumento spazi aerei distali con rottura setti alveolari - perdita elasticità piccole vie aeree - ostruzione bronchiolare e riduzione scambi gassosi polmone disidratato

56 Sezione istologica di polmone normale (Sn) e di polmone enfisematoso (Dx) Enfisema: - aumento spazi aerei distali con rottura setti alveolari e riduzione del numero dei capillari - perdita elasticità piccole vie aeree - ostruzione bronchiolare e riduzione scambi gassosi

57 Microscopia tridimensionale Perdita della trazione radiale sui bronchioli (compressione dinamica) Raw esp

58 Tipi di enfisema Normal acinus oo o o oo o oo capillari Enfisema centrilobulare (Bronchite cronica) Enfisema panlobulare (carenza α1at)

59

60

61 Enfisema Centrilobulare (Sn) e Panlobulare (Dx) Prevalentemente: lobi inferiori e medi Prevalentemente: lobi superiori e medi

62 Eziopatogenesi della bronchite cronica e dei differenti tipi di enfisema polmonare

63 Diagnostica per immagini: standard, laterale TAC (HRTC) Bronchite cronica: segni aspecifici (aumento trama broncovasale specie alle basi) Enfisema diffuso (Criteri di G. Simon) 1) Eccesso di aria nei polmoni ( Iperinflazione): Diaframmi bassi e appiattiti (< 7 a costa anteriormente) Slargamento spazi costali Ampia aerea iperdiafana retrosternale (sterno-aorta ascendente > 4 cm) Scarsa escursione diaframmatica in-espiratoria (< 3 cm) [ x-scopia ] 2) Alterazioni vascolari alveolo-capillari: - Iperdiafania ( impoverimento trama vascolare perifericamente ) - Cuore ristretto e verticale - Prominenza dell arco della polmonare - Ingrandimento immagini ilari e riduzione trama in periferia 3) Bolle: aree avascolari iperdiafane ( sferiche, cercine sottile )

64 Bronchite Cronica aumento trama broncovasale specie alle basi, aumento aia cardiaca

65 Segni radiomorfologici caratteristici dei due tipi di enfisema

66 Rx enfisema polmonare: Iperdiafania,, aumento aria nei polmoni, emidiaframmi bassi

67 Enfisema polmonare diffuso: appiattimento ed abbassamento degli emidiaframmi, orizzontalizzazione costole, iperdiafania (P-A), ridistribuzione del circolo, aumento iperdiafania retrosternale (lat),

68 Enfisema HRTC

69 Enfisema bolloso [ evoluzione in fumatore e miglioramento dopo bullectomia (D) ]

70 Sintomi e segni clinici di enfisema Dispnea ingravescente Respiro ridotto, Espirazione prolungata con sibili Torace a botte, iperfonetico,, ipoespansibile (escursione diaframmatica < 2-3 cm) VEMS CV (lenta) ~ Normale rapporto VEMS/CV % Aumento VR, CPT e in particolare VR/CPT% (He vs Plet) Ostruzione delle piccole vie aeree per collabimento dinamico delle pareti bronchiolari nell espirazione espirazione

71 Enfisema Polmonare: Alterazioni funzionali - Deficit ostruttivo - Aumento VR, CPT,VR/CPT compressione dinamica specie nella espirazione forzata (CVL > CVF)

72 Enfisema polmonare : compressione dinamica PVA (riduzione compressione con espirazione a labbra serrate)

73 Tipi di enfisema o o o o oo o o oo o oo capillari Enfisema centrilobulare (Bronchite cronica) Enfisema panlobulare (carenza α1at)

74 Fasi avanzate: Sintomi e segni nei due tipi di enfisema Pink Puffers - Soffiatori rosa [ enfisema panlobulare ] Scarsa componente bronchitica Torace a botte Dispnea precoce Iperventilazione Adeguata ossigenazione Cuore polmonare tardivo Perdita di peso Blue Bloaters Blu e Gonfi [ enfisema centrilobulare ] Bronchite Cronica tosse, escreato Non torace a botte Dispnea tardiva Ventilazione ridotta Cianosi, aumento PaCO 2 Cuore polmonare con scompensi ripetuti Sovrappeso,, Obeso

75 Insufficienza respiratorio nell enfisema enfisema polmonare (BPCO) Pink Puffer (Soffiatore Rosa) Blue and Blotted (Cianotico e Gonfio)

76 Anamnesi Rx torace Es. Obiett. Sintomi e segni nei due tipi di enfisema Pink Puffers - Soffiatori rosa dispnea, scarsa tosse segni di enfisema diffuso Torace a botte, esp.prolungata, ipertrofia muscoli accessori, spazi costali rientranti (insp( insp), distensione vene del collo (esp( esp), iperfonesi, basi ipomobili, respiro ridotto, sibili espiratori toni cardiaci ovattati Blue Bloaters Blu e Gonfi Tosse ed escreato cronici, frequenti bronchiti acute, aumento aia cardiaca Non torace a botte, cianosi, sovrappeso,, modica dispnea, non ipertrofia muscoli acces. edemi arti inferiori e sacro, non iperfonesi, ronchi, sibili e rantoli PFR Importante ostruzione bronchiolare: FEV1 FEV1/CV CPT VR Cst TLCO PaO mmhg SaO 2 normale o quasi PaCO 2 normale fino allo scompenso VA/Q quasi normale Importante ostruzione bronchiale: FEV1 FEV1/CV CPT, VR, Cst,, TLCO: normali PaO 2 < 60 mmhg SaO 2 ridotta PaCO 2 aumentata frequenti scompensi Dx VA/Q ridotto

77 Enfisema panlobulare diffuso Riduzione superficie di scambio con rapporto VA/Q normale [ VA ridotta e Perfusione ridotta ] Riduzione TLCO e SaO 2 SaO 2 quasi normale a riposo se presente iperventilazione

78 Fattori che provocano il progressivo peggioramento della dispnea nei BPCO Aumento resistenze vie aeree, riduzione del recoil elastico Aumento lavoro respiratorio Dispnea Perdita appetito e sonno Ansietà e Depressione Diminuzione della risposta ventilatoria all ipossia Calo ponderale Malnutrizione Astenia e Riduzione attività fisica

79 Bronchiettasie ( patologie frequenti prima dell era era antibiotica ) Bronchiettasie Abbondante escreato muco-purulento Preparato istologico: bronchiettasia con accumulo di muco purulento (PMN) Dilatazioni abnormi permanenti (sacciformi, cilindriche) localizzate specie nelle vie aeree di calibro > 2 mm (uno o più lobi o segmenti), prodotte da lesioni distruttive della parete bronchiale con fibrosi parietale successiva Ipersecrezione e ristagno di muco purulento Bronchiettasie sacciformi e cilindriche del lobo inferiore di sinistra

80 Bronchiettasie: [ eziopatogenesi (multifattoriale) e fattori predisponenti ] 1) forze meccaniche abnormi sulle pareti bronchiali - elevate forze di ritorno elastico operanti trazione sulle pareti (atelectasia,, lesioni distruttive parenchimali,, consolidamenti polmonari) - aumento pressione endoluminare specie nell espirazione espirazione forzata e con la tosse [ ostruzione bronchiale diffusa (BPCO) o localizzata ] 2) ridotta resistenza parietale (congenita/ereditaria - acquisita (proteasi( proteasi,, PMN) - ipoplasia bronchiale, vascolare (Mucoviscidosi, discinesia ciliare) - lesioni necrotizzanti parietali [infezioni (klebsiella, Stafilicocchi, Pseudomonas), fibrosi diffuse, pneumopatie granulomatose,, lesioni chimiche (NH 3 )] 3) riduzione difese antibatteriche : congenite o acquisite ( IgG, IgA seriche) 4) ristagno secrezioni da ridotta efficienza della clearance muco-ciliare: ciliare: - congenite: Mucoviscidosi, Sindrome di Kartagener, agenesie parziali - acquisite: ostruzioni localizzate (linfonodi, neoplasie) o diffuse (BPCO)

81 Bronchiettasie: [ Quadro clinico e diagnosi ] Sintomi e segni dipendenti da estensione, gravità,, sede eziopatogenesi Tosse cronica con escreato solitamente purulento e molto abbondante nte specie nelle fasi di riacutizzazione infettiva (nel 50% dei casi emoftoe) Infezioni con consolidamenti broncopneumonici recidivanti sempre nelle stesse localizzazioni sede di bronchiettasie (febbre, lucocitosi) Obiettività: Rx e TAC: PFR: - negativa nei casi lievi (in assenza di patologia di base) - rantoli localizzati a medie e piccole bolle (ronchi e sibili) - nelle forme estese: cianosi, ippocratismo digitale, I.R.C. - affastellamenti circoscritti, aree cistiche, livelli idroaerei, iperdiafanie lineari con strie radiopache periferiche (mezzo di contrasto: diagnosi certa) - deficit misto, prevalentemente ostruttivo Complicanze: - ascesso polmonare, empiema pleurico, ascessi metastatici, manifestazioni sistemiche (sepsi, dimagramento, anemia)

82 Bronchiettasie (cistiche e cilindriche) - Rx e Broncogramma

83 Bronchiettasie - Rx e TAC con MDC

84 TAC con MDC dilatazioni cistiche cilindriche TERAPIA BRONCHIETTASIE: CHEMIOTERAPICI ANTIINFIAMMATORI FLUIDIFICANTI DRENAGGIO BRONCHIALE FISIO-KINESI TERAPIA Affastellamento periferico (zone di atelettasia) CHIRURGIA (forme localizzate)

85 Alterazioni della Clearance Muco Ciliare Sindrome di Kartagener (1933): (1933): SITUS VISCERUM INVERSUS BRONCHIETTASIE SINUSUTE CRONICA, POLIPOSI NASALE Deficit genetico di DINEINA (proteina contrattile delle cilia): Discinesia e/o immobilità ciliare primitiva bronchiettasie,, sinusite e otite media per ristagno di secrezioni e flogosi cronica Associazione: Anomalie congenite cardiovascolari, Mucoviscidosi, Spina bifida, Degenerazione pigmentaria retina, Cataratta, Ritardo mentale, Alcune neoplasie, Immobilità spermatozoi, Ipoevolutismo, Deficit IgA, [ Discinesie ciliari secondarie a flogosi e infezioni (alterazioni del battito, reologia muco) ] FARMACI: - Antibiotici (nelle fasi di riacutizzazione infettiva) - Mucolitici e mucoregolatori (modificano la viscosità) - Beta-2-adrenergici adrenergici (favoriscono il trasporto muco-ciliare) ciliare) - Aminofillinici (modificano la viscosità e migliorano il battito ciliare) - Anticolinergici (riduzione produzione di muco)

86 Mucoviscidosi (Malattia fibrocistica del pancreas) Patologia ghiandolare multisistemica): ): Pancreas, Polmone, Fegato, Intestino, Salivari, Sudoripare Anomalie chimico-fisiche delle secrezioni mucose con aumento della viscosità Alterazioni CMC con ristagno di secrezioni (Bronchiettasie,, Ascessi, Atelettasie) Difetto genetico ereditario con carattere autosomico recessivo (malati gli omozigoti) Neonati, bambini, adolescenti (Incidenza 1/500-1/3000) Alterazioni canali del cloro delle membrane epiteliali, ipersecrezione ezione di Ca++ e di sodio e cloro nel sudore Discinesia ciliare con bronchioliti infettive recidivanti con evoluzione verso BPCO e bronchiettasie Compromissione pancreatica da insufficiente produzione di enzimi pancreatici (sindrome da malaasorbimento, steatorrea, ipoevolutismo ponderale) Cirrosi epatica da occlusione canalicoli biliari intraepatici Diagnosi: Quadro clinico multisistemico Insufficienza pancreatica (aspirato duodenale dopo stimolo s con secretina) Test del sudore (aumento Cl e Na dopo stimolo con pilocarpina)

87 Consequenze delle BPCO BPCO (BC, Enfisema, Asma) Insufficienza Respiratoria Cronica Ipossiemca, Ipercapnica Ipertensione circolo polmonare Cuore Polmonare Cronico, scompenso congestizio

88 Asma bronchiale. L'Asma bronchiale è una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree (mastociti,( eosinofili) ) associata ad aumentata responsività dell'albero tracheo-bronchiale a stimoli di varia natura,, che si manifesta come una sindrome caratterizzata da ostruzione variabile del flusso aereo da broncospasmo, edema mucosa ed ipersecrezione ed infiltrazione della - dispnea a carattere accessionale associata a tosse ed espirazione sibilante, con totale o parziale reversibilità, spontanea o dopo terapia, dell'ostruzione bronchiale

89 G IN lobal itiative for A sthma Linee-Guida Italiane Aggiornamento 2005

90 Asma bronchiale: definizione (I) L asma bronchiale è una malattia cronica delle vie aeree caratterizzata da ostruzione bronchiale più o meno accessionale solitamente reversibile spontaneamente o in seguito alla terapia, da iperreattività bronchiale e da un accelerato declino della funzionalità respiratoria che può evolvere in alcuni casi in una ostruzione irreversibile delle vie aeree. Nella patogenesi di queste alterazioni partecipano numerosi meccanismi, in particolare infiltrazione di cellule infiammatorie, rilascio di mediatori e rimodellamento delle vie aeree. Clinicamente, si manifesta con dispnea, respiro sibilante, tosse, senso di costrizione toracica, la cui intensità varia in rapporto alla entità della ostruzione bronchiale ed al grado della sua percezione da parte del paziente.

91 Aggiorn. GINA Italia 2005 Asma bronchiale: definizione (II) In sintesi, l asma è una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree caratterizzata da: Episodi ricorrenti di dispnea, respiro sibilante, tosse e senso di costrizione toracica Ostruzione bronchiale (di solito reversibile spontaneamente o dopo trattamento farmacologico) Iperreattività bronchiale iperresponsività bronchiale a stimoli aspecifici (aria fredda, istamina, colinergici, irritanti) Infiltrazione di cellule infiammatorie, rilascio di mediatori e rimodellamento strutturale delle vie aeree

92 Caratteristiche dell Asma 1 Episodi accessionali di dispnea sibilante (espiratoria) 2 Restringimento del calibro delle vie aeree ( Raw) (a) contrazione dei muscoli bronchiali (b) rigonfiamento della parete bronchiale dovuta ad infiammazione (c) eccessiva produzione di muco nelle vie aeree 3 Rapide e importanti variazioni dell ostruzione bronchiale (variazioni del PEF >= 20%) 4 Episodi notturni e bassi valori di PEF al mattino 5 Significativa reversibilità dopo β 2 o steroidi 6 Periodi asintomatici o pauci-sintomatici 7 Frequente comparsa di fenomeni allergici

93 BPCO ASMA e ostruzione al flusso aereo 1) Br. Cr. semplice 3) Br. Cr. Ostruttiva 5) Br. Cr. Ostr. enfisematosa 6) Br. Cr. Ostr. asmatiforme

94 Epidemiologia dell asma (I) L asma è una delle patologie più diffuse al mondo L asma è diffusa in tutti i paesi ma varia in modo considerevole da nazione a nazione e può mostrare variazioni anche all interno della stessa nazione La variazione geografica è confermata anche dalla distribuzione dell atopia e della reattivita bronchiale La variazione geografica è simile per bambini e adulti In Italia la prevalenza di asma è più bassa rispetto a quella di molte altre nazioni, soprattutto dei paesi anglosassoni, sia nella popolazione infantile sia negli adulti

95 Distribuzione geografica della prevalenza del wheezing (popolazione di anni)- ISAAC Eur Respir J 1998, 12,

96 Distribuzione geografica della prevalenza dell asma in atto - ECRHS ECRHS Eur Respir J 1996; 9:

97 EPIDEMIOLOGIA DELL ASMA (Dati attuali) Per 20 anni la prevalenza di asma è aumentata considerevolmente in molti Paesi, soprattutto nei bambini Negli ultimi anni il trend dell asma negli adulti non è in ulteriore aumento in parecchie nazioni (Inghilterra, Italia, Svizzera, Australia, Messico) Ancora incerto il quadro negli Stati Uniti Trend in diminuzione nei bambini (Inghilterra, Australia)

98 Aumento della prevalenza di asma in bambini/adolescenti Finlandia (Haahtela et al) Svezia (Aberg et al) Giappone (Nakagomi et al) Scozia (Rona et al) UK (Omran et al) USA (NHIS) Nuova Zelanda (Shaw et al) Australia (Peat et al) { { { { { { { { Prevalenza (%)

99 Trends temporali di prevalenza dell asma nei bambini (1974, 1992, 1998) Roma (Italia) 20 Asthma % Bambini di 6-9 anni Survey year Bambini di anni Ronchetti et al, Eur Respir J 2001

100 Aggiorn. GINA Italia 2005 EPIDEMIOLOGIA DELL ASMA (Dati attuali) Stabilizzazione dovuta al miglioramento dei trattamenti antiasmatici Plateau per raggiunto sviluppo della patologia in tutti i soggetti suscettibili ( Saturation : massimo effetto del cambiamento dell esposizione ambientale negli individui suscettibili)

101 Media episodi settimanali per persone in un periodo di quattro settimane A Frequenza Trend quadratico J 1989 J 1990 J 1991 J 1992 J 1993 J 1994 J 1995 J 1996 J 1997 J 1998 Fleming et al, Thorax 2000

102 Trend temporale nella prevalenza degli attacchi asmatici e del trattamento antiasmatico in Italia (Torino, Pavia, Verona) ECRHS 1992/ / Crude prevalence (95% CI) Attacchi asmatici Trattamento antiasmatico Verlato et al, J Allergy Clin Immunol 2003

103 Epidemiologia e impatto socio-economico dell asma L attuale prevalenza di asma in Italia, benché inferiore a quella di molte altre nazioni, rappresenta una notevole fonte di costi sia sociali sia umani Considerevole spesa sanitaria Costi diretti pari all 1-2% della spesa sanitaria totale Costi indiretti rappresentano oltre il 50% della spesa totale Costi simili a quelli degli altri Paesi industrializzati L asma è una delle cause principali di assenza dal lavoro o da scuola

104 Componenti del costo medio annuale di un paziente adulto asmatico in Italia (studio ISAYA) Perdita attività 22% Esami 8% Visite in PS 2% Ospedalizazione 8% Farmaci 21% Perdita di gg lavoro 39% Fonte: ISAYA

105 Spesa per farmaci respiratori in Italia milioni Altri Cromoni Anticolin. Teofillinici Anti-leuc. AntiH beta2-ag. Associaz. ICS Anno

106 Variazione % (rispetto al 1998) di n.di ricette e spesa lorda per farmaci antiasmatici per via inalatoria e dei ricoveri per asma (Piemonte) % N Ricette Spesa farmaci Ricoveri Adulti Bambini Anni Regione Piemonte

107 Impatto e costi dell asma in Italia L asma in Italia ha un importante impatto sulle attività quotidiane e sulle famiglie degli asmatici I costi sono principalmente imputabili Al mancato controllo della malattia Ad un uso improprio delle risorse diagnostiche e terapeutiche

108 Fattori di rischio di asma (I) Fattori individuali: predispongono l individuo all asma Fattori ambientali: - influenzano la possibilità di sviluppare asma in soggetti predisposti - scatenano le riacutizzazioni e/o causano la persistenza dei sintomi

109 Fattori di rischio di asma (II) Fattori individuali Predisposizione genetica Atopia Iperresponsività delle vie aeree Sesso Razza/etnia Fattori ambientali Allergeni Sensibilizzanti professionali Fumo di tabacco Inquinamento atmosferico Infezioni delle vie respiratorie Fattori socio-economici Dimensioni del nucleo familiare Abitudini alimentari e farmaci Obesità Infezioni parassitarie

110 Responsività bronchiale e Sistema Nervoso Autonomo Sistema eccitatorio colinergico (Acetilcolina) Vie afferenti colinergiche: Recettori irritativi Recettori di distensione Sistema inibitorio adrenergico (Catecolamine circolanti) Fibre C (sistema NANC) Sistema eccitatorio Non Colin: SP: neuropeptidi (neurokinine) (riduzione attività neuropeptidasica epiteliale) Sistema inibitori Non Adren: Peptide Vasoattivo intestinale (VIP) Ossido Nitrico (NO)

111 Sistema colinergico e i recettori muscarinici (M)

112 Bronchial Iperresponsiveness Low-dose and exagerate response to nonspecific stimules % Response Max 90% Asthma PD 20 PD 20 Max 30% Normal Trheshold 20% Trigger : Log Dose

113

114 Fattori di iperresponsività bronchiale (asma) Deviazione Risposta per basse dosi (sensitività) Giunzionali a) danno epiteliale b) controllo neuronale (colinergico) c) numero cellule infiammatorie d) attività cellule infiammatorie e) interazione cellulo-neuronale Risposta esagerata per dosi sopraliminari (reattività) Post- giunzionali g) contrattilità muscolo liscio h) forze elastiche e viscose c) edema e ispessimento parete delle vie aeree d) essudato intraluminare e secrezioni mucose

115

116 Fattori in causa nell asma 1 Due tipi di fattori sono alla base dell asma bronchiale: Triggers Scatenanti (Triggers): causano la broncocostrizione (broncospasmo). Inducenti o Causali (Inducers ): causano l infiammazione asmatica delle vie aeree I Triggers agiscono come irritanti delle vie aeree dando broncocostrizione; generalmente non provocano infiammazione, cioè non sono fattori causali dell asma Le vie aeree iperreagiscono a stimoli di entità minima, e la broncoostruzione è più serrata, in presenza di infiammazione asmatica

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

ALTITUDINE E MALATTIE RESPIRATORIE

ALTITUDINE E MALATTIE RESPIRATORIE CLUB ALPINO ITALIANO COMMISSIONE INTERREGIONALE MEDICA VFG 2 CONVEGNO INTERREGIONALE MONTAGNA PER TUTTI: PROBLEMATICHE MEDICHE Centro di Formazione per la Montagna Passo Pordoi 9-10 ottobre 2004 ALTITUDINE

Dettagli

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Diagnosi clinica di Asma nell adulto Dott.ssa Andreina Boschi - specialista in pneumologia. medico di medicina generale Asma:

Dettagli

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia

BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO in medicina generale. Dal sospetto alla diagnosi, alla stadiazione di malattia BPCO: Definizione quadro caratterizzato da persistente ostruzione al flusso aereo la riduzione del flusso è di solito

Dettagli

IPEREATTIVITA BRONCHIALE ED ALLERGIA

IPEREATTIVITA BRONCHIALE ED ALLERGIA IPEREATTIVITA BRONCHIALE ED ALLERGIA I CONGRESSO REGIONALE AAITO Sestri Levante 18 marzo 2006 Dott.Antonello NICOLINI S.C.Pneumologia REATTIVITA BRONCHIALE Iperreattivita bronchiale : esagerata risposta

Dettagli

Asma : cos è. Fattori scatenanti : Allergeni, inquinamento ambientale, fumo, virus, infezioni, polveri sottili, attività fisica

Asma : cos è. Fattori scatenanti : Allergeni, inquinamento ambientale, fumo, virus, infezioni, polveri sottili, attività fisica Asma : cos è L'asma è una malattia infiammatoria cronica del polmone. Nei soggetti predisposti l Asma provoca episodi ricorrenti di respiro sibilante, difficoltà respiratoria, senso di costrizione toracica

Dettagli

Le Prove di funzionalità respiratoria (PFR) e i parametri valutativi in pneumologia. B. Macciocchi V. Cilenti P.Scavalli

Le Prove di funzionalità respiratoria (PFR) e i parametri valutativi in pneumologia. B. Macciocchi V. Cilenti P.Scavalli Le Prove di funzionalità respiratoria (PFR) e i parametri valutativi in pneumologia B. Macciocchi V. Cilenti P.Scavalli Test di funzionalità polmonare Indagano: La Ventilazione: Prove di Funzionalità Respiratoria

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

U.O. FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE P.PALAGI

U.O. FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE P.PALAGI ASMA e SPORT FIRENZE 9 Giugno 2012 Dott. W. Castellani U.O. FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE P.PALAGI La correlazione fra ASMA ed ESERCIZIO FISICO risale alla seconda metà del II

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO traffico veicolare sistemi di produzione di

Dettagli

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro ASMA PROFESSIONALE Definizione L Asma bronchiale è una malattia respiratoria caratterizzata da broncocostrizione totalmente o parzialmente reversibile, iperreattività bronchiale e infiammazione delle vie

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Medicina e Chirurgia Cattedra di Malattie dell Apparato Respiratorio Asma bronchiale Lucio Casali

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Medicina e Chirurgia Cattedra di Malattie dell Apparato Respiratorio Asma bronchiale Lucio Casali Università degli Studi di Perugia Facoltà di Medicina e Chirurgia Cattedra di Malattie dell Apparato Respiratorio Asma bronchiale Lucio Casali Asma: dalla clinica alla fisiopatologia Asma: dalla clinica

Dettagli

Carmen Vitali Responsabile U.O. Area Farmaco e PMC AV1 Fano. Palmieri Giorgia Specializzanda SSFO Camerino

Carmen Vitali Responsabile U.O. Area Farmaco e PMC AV1 Fano. Palmieri Giorgia Specializzanda SSFO Camerino Analisi sulla gestione del paziente asmatico in medicina generale e dell aderenza alle indicazioni delle linee guida GINA: l esperienza della Area Vasta 1 Fano Asur Marche Carmen Vitali Responsabile U.O.

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Medicina e Chirurgia Cattedra di Malattie dell Apparato Respiratorio Asma bronchiale Lucio Casali

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Medicina e Chirurgia Cattedra di Malattie dell Apparato Respiratorio Asma bronchiale Lucio Casali Università degli Studi di Perugia Facoltà di Medicina e Chirurgia Cattedra di Malattie dell Apparato Respiratorio Asma bronchiale Lucio Casali Asma: dalla clinica alla fisiopatologia Asma: dalla clinica

Dettagli

Allergene - Molecola con la capacità di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi IgE, propri della reazione allergica.

Allergene - Molecola con la capacità di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi IgE, propri della reazione allergica. A Allergene - Molecola con la capacità di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi IgE, propri della reazione allergica. Allergia - Ipersensibilità dell'organismo verso una sostanza di origine

Dettagli

Asma bronchiale. Diagnosi e gestione a lungo termine

Asma bronchiale. Diagnosi e gestione a lungo termine Asma bronchiale Diagnosi e gestione a lungo termine Asma bronchiale: definizione Malattia cronica delle vie aeree caratterizzata da ostruzione bronchiale più o meno accessionale solitamente reversibile

Dettagli

Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma?

Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma? Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma? Massimo Pifferi Emanuela De Marco Vincenzo Ragazzo Fisiopatologia Respiratoria e Allergologia - Clinica Pediatrica I Azienda Ospedaliera - Università di Pisa

Dettagli

Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie

Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie ASMA BRONCHIALE Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie 2 aeree. Il restringimento è intermittente

Dettagli

ASMA BRONCHIALE. L eziologia è ignota ma se ne conosco alcuni fattori scatenanti quali:

ASMA BRONCHIALE. L eziologia è ignota ma se ne conosco alcuni fattori scatenanti quali: ASMA BRONCHIALE Definizione:Malattia infiammatoria cronica delle vie aeree a eziologia ignota,caratterizzata da ricorrenti episodi di ostruzione bronchiale reversibili e da iperreattività bronchiale ovvero

Dettagli

INFORMARSI, CONOSCERE E PARTECIPARE PER MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA VITA Il caso di asma, diabete di tipo 2 e cancro al seno

INFORMARSI, CONOSCERE E PARTECIPARE PER MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA VITA Il caso di asma, diabete di tipo 2 e cancro al seno INFORMARSI, CONOSCERE E PARTECIPARE PER MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA VITA Il caso di asma, diabete di tipo 2 e cancro al seno Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, 24 novembre 2010 Asma: i fattori

Dettagli

K.B.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

K.B.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige K.B.: respiro corto e tosse Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige K.B. Uomo di 40 anni, agricoltore, fumatore (25 packyears), giuntoci alla prima osservazione

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA Incidenza superiore al 5% nei pazienti industrializzati Marcato restringimento vie aree (colpi di tosse, respiro superficiale, senso di costrizione

Dettagli

Pseudoasthmatic syndromes through the ages: what should be the best diagnostic flow chart? Gian Luigi Marseglia Amelia Licari

Pseudoasthmatic syndromes through the ages: what should be the best diagnostic flow chart? Gian Luigi Marseglia Amelia Licari Pseudoasthmatic syndromes through the ages: what should be the best diagnostic flow chart? Gian Luigi Marseglia Amelia Licari Università degli Studi di Pavia Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo INTERPRETARE

Dettagli

Patologie Ostruttive ASMA vs. BPCO Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

Patologie Ostruttive ASMA vs. BPCO Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Patologie Ostruttive ASMA vs. BPCO Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Sommario Definizione Asma Epidemiologia Asma Diagnosi differenziale Asma - BPCO Gestione

Dettagli

PNEUMOLOGIA ASMA HOME

PNEUMOLOGIA ASMA HOME PNEUMOLOGIA HOME ASMA circa il 4% della popolazione inglese e americana soffre d'asma. La mortalità per asma è di circa 0,4 per 100.000 Tuttavia, si stima che circa l 80% dei decessi per asma possa essere

Dettagli

Progetto ASMA/GINA. Adattamento italiano Linee Guida GINA

Progetto ASMA/GINA. Adattamento italiano Linee Guida GINA Progetto ASMA/GINA Adattamento italiano Linee Guida GINA Progetto ASMA/GINA Slide-Kit 2009. lobal itiative for sthma Linee-Guida Italiane Aggiornamento 2009 Modena, 1-4 marzo 2009 Slide-Kit 2009. La definizione

Dettagli

BPCO. 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate.

BPCO. 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate. BPCO 1. Patologia sottostimata rispetto all'impatto epidemiologico. 1. Numerose diagnosi non corrette e di conseguenza terapie inappropriate. 1.Terapie inappropriate in presenza di diagnosi corrette. 1.

Dettagli

Linee-Guida Italiane Aggiornamento 2005

Linee-Guida Italiane Aggiornamento 2005 G IN lobal itiative for A sthma Linee-Guida Italiane Aggiornamento 2005 www.ginasma.it Aggiorn. GINA Italia 2005 Aggiornamento del Progetto Asma Italia 2005 Coordinatore: PL Paggiaro Responsabili Sezioni

Dettagli

ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili.

ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili. ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili. MED Utile nella protezione delle mucose nasali in caso di congestioni rino-faringee. Think Green. Live Green. Cos è l allergia. L allergia è un disturbo del sistema

Dettagli

Test di Reattività Bronchiale

Test di Reattività Bronchiale Test di Reattività Bronchiale Claudio Bruschi Servizio di Fisiopatologia Respiratoria Fondazione S.Maugeri I.R.C.C.S. Istituto Scientifico di Montescano Diagnosi di Asma VALUTAZIONE FUNZIONALE BASALE

Dettagli

(jos. a. bellanti) Storia naturale dell asma nell infanzia

(jos. a. bellanti) Storia naturale dell asma nell infanzia (jos. a. bellanti) Storia naturale dell asma nell infanzia L asma é un disturbo infiammatorio cronico nel quale l infiammazione delle vie aeree porta ad iperreattivita bronchiale verso una miriade di fattori

Dettagli

FIMP Rete allergologica

FIMP Rete allergologica Linee Guida ASMA Il presente questionario è ANONIMO FIMP Medico compilatore ANONIMO Regione e località N bambini in convenzione Anno di entrata in convenzione Specializzazioni (oltre a quella in Pediatria)

Dettagli

Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years

Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years Donna di 52 anni, fumatrice di 30 pack/years A.P.R.: - ha sofferto di non precisati episodi di tosse con sibili da bambina scomparsi nell età adulta. - Riferisce da circa 5 anni tosse produttiva con episodi

Dettagli

Asma e allergie respiratorie da 0 a 18 anni. Gruppo di Lavoro GARD-Italy Asma ed Allergie nel Bambino

Asma e allergie respiratorie da 0 a 18 anni. Gruppo di Lavoro GARD-Italy Asma ed Allergie nel Bambino Asma e allergie respiratorie da 0 a 18 anni Assemblea Generale GARD-I, Ministero Salute, 25 Giugno 2015 1 Questo documento è stato preparato a cura del COMPONENTI DEL GRUPPO Leonardo Antonicelli Associazione

Dettagli

2010 The Yearofthe Lung

2010 The Yearofthe Lung World SpirometryDay2010 Progetto LIBRA, l anno del polmone e il World Spirometry Day L. Corbetta 2010 The Yearofthe Lung 15/10/2010 Prof. Lorenzo Corbetta lorenzo.corbetta@unifi.it 2 WSD Yearofthe LungWeb

Dettagli

ASMA BRONCHIALE. Rosa Di Matteo Specialista in Allergologia. Mario Caputi Ordinario di Malattie Respiratorie

ASMA BRONCHIALE. Rosa Di Matteo Specialista in Allergologia. Mario Caputi Ordinario di Malattie Respiratorie Mario Caputi Ordinario di Malattie Respiratorie Rosa Di Matteo Specialista in Allergologia Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione Respiratoria

Dettagli

Asma Bronchiale Polmoniti Fibrosi Cistica Bronchiolite

Asma Bronchiale Polmoniti Fibrosi Cistica Bronchiolite Anno Accademico 2007-2008 Lezioni di Pediatria Generale e Specialistica Prof AF Capristo; Prof F Decimo; Prof M Miraglia del Giudice; Dott C Capristo; Dott.ssa N Maiello; Dott. R Amelio Asma Bronchiale

Dettagli

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige

A.S.: respiro corto e tosse. Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige A.S.: respiro corto e tosse Dr. Paolo Pretto Servizio Pneumologico Aziendale Azienda sanitaria dell Alto Adige Caso clinico A.S., donna di 41 aa. si rivolge al MMG: da una diecina di giorni ho nuovamente

Dettagli

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della CO 2 in direzione opposta. L aria che respiriamo è una

Dettagli

Il subacqueo con problemi respiratori: immergersi in sicurezza. G. Fiorenzano, F.P.R. Cava de Tirreni

Il subacqueo con problemi respiratori: immergersi in sicurezza. G. Fiorenzano, F.P.R. Cava de Tirreni Il subacqueo con problemi respiratori: immergersi in sicurezza G. Fiorenzano, F.P.R. Cava de Tirreni Immersione e malattie respiratorie Clin. Chest. Med. 2005; 26: 355-380 La capacità d esercizio in immersione

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUL POLMONE

SCHEDE INFORMATIVE SUL POLMONE SCHEDE INFORMATIVE SUL POLMONE Patologie polmonari professionali L ambiente di lavoro può causare patologie polmonari dovute ad allergie, irritazioni o alla formazione di minuscole particelle all interno

Dettagli

La PREVENZIONE DELLE MALATTIE RESPIRATORIE NELL AMBULATORIO DEL MMG

La PREVENZIONE DELLE MALATTIE RESPIRATORIE NELL AMBULATORIO DEL MMG Dott. Francesco AVITTO Specialista Medicina Interna Convenzionato MMG La PREVENZIONE DELLE MALATTIE RESPIRATORIE NELL AMBULATORIO DEL MMG L a f o r m a z i o n e n e l l a m b i t o d e l l e m a l a t

Dettagli

Università degli studi di Siena Dipartimento di Medicina clinica e Scienze Immunologiche Sezione di Malattie Respiratorie. Dott.

Università degli studi di Siena Dipartimento di Medicina clinica e Scienze Immunologiche Sezione di Malattie Respiratorie. Dott. Università degli studi di Siena Dipartimento di Medicina clinica e Scienze Immunologiche Sezione di Malattie Respiratorie Dott. Valerio Beltrami Siena, 6 Dicembre 2011 AGGIORNAMENTI LEGISLATIVI NELLA GESTIONE

Dettagli

Bronchite cronica e broncopneumopatia cronica ostruttiva

Bronchite cronica e broncopneumopatia cronica ostruttiva Bronchite cronica e broncopneumopatia cronica ostruttiva definizione epidemiologia fattori di rischio patogenesi classificazione o bronchite cronica o enfisema clinica diagnosi o diagnosi differenziale

Dettagli

GIORNATE JONICO-SALENTINE 2011 Le tossi come semaforo rosso delle vie aeree. medicina generale (asma, BPCO e...?) G. Bettoncelli

GIORNATE JONICO-SALENTINE 2011 Le tossi come semaforo rosso delle vie aeree. medicina generale (asma, BPCO e...?) G. Bettoncelli GIORNATE JONICO-SALENTINE 2011 Le tossi come semaforo rosso delle vie aeree Inquadramento clinico delle tossi in medicina generale (asma, BPCO e...?) G. Bettoncelli La tosse: un sintomo importante La tosse

Dettagli

PROGETTO MONDIALE BPCO 2010

PROGETTO MONDIALE BPCO 2010 Sommario 1. Definizione e classificazione 2. Epidemiologia e costi 3. Fattori di rischio 4. Patogenesi, anatomia 5. patologica e fisiopatologia 5. Diagnosi e Trattamento GARD Participant PROGETTO MONDIALE

Dettagli

Diagnostica Microbiologica Delle Infezioni Delle Basse Vie Respiratorie

Diagnostica Microbiologica Delle Infezioni Delle Basse Vie Respiratorie Con la dizione Broncopneumopatie Croniche Ostruttive () si indica un gruppo di affezioni respiratorie invalidanti dell età adulta con elevati costi sociali, clinicamente caratterizzate da persistente espettorazione

Dettagli

Ditta produttrice: Italchimici S.p.A. / Pharmaxis Pharmaceuticals Ltd

Ditta produttrice: Italchimici S.p.A. / Pharmaxis Pharmaceuticals Ltd REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione: 19/09/2011 Decisione: NON INSERITO Nota ufficiale: fd Commenti: il mannitolo è un'alternativa ai test diretti di broncocostrizione (quello alla metacolina

Dettagli

Diario del Paziente con BPCO

Diario del Paziente con BPCO BPCO - Broncopneumopatia cronica ostruttiva Linee guida Italiane BPCO, Rinite, Asma Diario del Paziente con BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Onlus broncopneumopatia cronica ostruttiva Nome UN PROGETTO

Dettagli

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO DATA INIZIO 18 DICEMBRE 2015-DATA FINE 18 DICEMBRE 2016 Destinatari dell iniziativa: Il corso Ecm fad è destinato a 1.500 utenti Target di

Dettagli

Terapia della RAO. Atropina. belladonna, sodio nitroprussiato oppioidi. sodio nitroprussiato. Introduzione. Introduzione. Precursore Ossido di azoto

Terapia della RAO. Atropina. belladonna, sodio nitroprussiato oppioidi. sodio nitroprussiato. Introduzione. Introduzione. Precursore Ossido di azoto Terapia della RAO Introduzione Fisiologia belladonna, confusa sodio nitroprussiato oppioidi. Gresswell and Gresswell, 1880 Introduzione belladonna, sodio nitroprussiato oppioidi. Atropina Precursore Ossido

Dettagli

6. Asma. RSV: respiratory syncytial virus/virus respiratorio sinciziale

6. Asma. RSV: respiratory syncytial virus/virus respiratorio sinciziale 6. Asma La crescente incidenza e prevalenza dell asma in molte parti del mondo fanno di questa patologia un argomento di grande preoccupazione per la salute a livello globale. L eterogenità delle manifestazioni

Dettagli

Biomarkers endoscopici nella Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva: correlazione con clinica, funzione e imaging

Biomarkers endoscopici nella Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva: correlazione con clinica, funzione e imaging Università degli Studi di Firenze Scuola di Scienze della Salute Umana IV Corso Master Universitario di II livello in Pneumologia Interventistica Biomarkers endoscopici nella Broncopneumopatia Cronica

Dettagli

Esami funzionali esemplificativi Ossigenoterapia e ventiloterapia Endoscopia toracica

Esami funzionali esemplificativi Ossigenoterapia e ventiloterapia Endoscopia toracica LEZIONI E SEMINARI MALATTIE DELL APPARATO DELLAPPARATO RESPIRATORIO ANNO ACCADEMICO 2009 2010 Esami funzionali esemplificativi Ossigenoterapia e ventiloterapia Endoscopia toracica Prof. Lorenzo Corbetta

Dettagli

TECNICHE DI RIABILITAZIONE RESPIRATORIA

TECNICHE DI RIABILITAZIONE RESPIRATORIA TECNICHE DI RIABILITAZIONE RESPIRATORIA in fase stabile la disostruzione bronchiale malattie con ipersecrezione cronica la coordinazione respiratoria BPCO, alterata meccanica respiratoria l allenamento

Dettagli

Che fatica respirare!

Che fatica respirare! SPECIALE: ASMA SPECIALE: ASMA SPECIALE: ASMA SPECIALE: ASMA SPECIALE: ASMA SPECIALE: ASMA Che fatica respirare! L asma: una malatttia cronica che colpisce un bambino su 10. Facciamogli l identikit Silvia

Dettagli

Clinica di Malattie dell Apparato Respiratorio Dipartimento di Oncologia, Ematologia e Patologie dell Apparato Respiratorio Corso Integrato di Malattie dall Apparato Respiratorio Prove di funzionalità

Dettagli

Asma bronchiale in condizioni particolari

Asma bronchiale in condizioni particolari Asma bronchiale in condizioni particolari 3.1 ATTUALITÀ SULL ASMA IN ETÀ EVOLUTIVA G. Caramia L asma è una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree, con diversi livelli di gravità, che colpisce soggetti

Dettagli

PATOLOGIA RESPIRATORIA

PATOLOGIA RESPIRATORIA PATOLOGIA RESPIRATORIA Avviso: il presente materiale è prodotto sulla base delle dispense degli studenti, per cui non si può considerare niente di più che un ausilio parziale allo studio, in nessun caso

Dettagli

1. ALBERO IN FIORE (TREE IN BUD)

1. ALBERO IN FIORE (TREE IN BUD) 1. ALBERO IN FIORE (TREE IN BUD) Questo segno è riconoscibile in TC ad alta risoluzione ed è caratterizzato da micronoduli (2-4 mm. di diametro) a margini abbastanza netti in sede centrolobulare connessi

Dettagli

Pneumologia, lezione 1 Prof. Mazzarella, 10/10/2013

Pneumologia, lezione 1 Prof. Mazzarella, 10/10/2013 Pneumologia, lezione 1 Prof. Mazzarella, 10/10/2013 Grazie a Gaetano Lombardi Il prof. comincia la lezione elencando gli argomenti oggetto del corso: -Broncopatie ostruttive reversibili -Bpco -Bp croniche

Dettagli

Mi informo... 12.2013 - STG089 - Gi&Gi Srl

Mi informo... 12.2013 - STG089 - Gi&Gi Srl 12.2013 - STG089 - Gi&Gi Srl Opuscolo_Allergia_Resp_10x21.qxd:- 19/12/13 17:07 Page 1 Mi informo... Opuscolo_Allergia_Resp_10x21.qxd:- 19/12/13 17:07 Page 2 Cos è l allergia? Definizione L allergia è una

Dettagli

LA VENTILAZIONE NON INVASIVA IN PEDIATRIA

LA VENTILAZIONE NON INVASIVA IN PEDIATRIA LA VENTILAZIONE NON INVASIVA IN PEDIATRIA IL RUOLO DELL INFERMIERE NELLA NIV 08 MAGGIO 2013 Serena Soldini Infermiere pediatrico Dipartimento Medicina Pediatrica UOC Broncopneumologia- Ospedale Pediatrico

Dettagli

EFFETTO DELLA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA SUGLI SCAMBI GASSOSI POLMONARI NEI PAZIENTI BPCO

EFFETTO DELLA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA SUGLI SCAMBI GASSOSI POLMONARI NEI PAZIENTI BPCO CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA EFFETTO DELLA RIABILITAZIONE RESPIRATORIA SUGLI SCAMBI GASSOSI POLMONARI NEI PAZIENTI BPCO Tesi di Laurea di: Gabriella Borroni Matricola: 762190 Relatore: Dott. Pierachille

Dettagli

PER SENTIRSI E VIVERE MEGLIO E MIGLIORARE IL PROPRIO ASPETTO. Salute del respiro

PER SENTIRSI E VIVERE MEGLIO E MIGLIORARE IL PROPRIO ASPETTO. Salute del respiro PER SENTIRSI E VIVERE MEGLIO E MIGLIORARE IL PROPRIO ASPETTO Salute del respiro Salute respiratoria: febbre da fieno e asma L ostruzione delle vie aeree e i sintomi dell asma e della febbre da fieno sono

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

La respirazione. Processo di scambio di ossigeno e anidride carbonica tra un organismo ed il suo ambiente.

La respirazione. Processo di scambio di ossigeno e anidride carbonica tra un organismo ed il suo ambiente. LA RESPIRAZIONE La respirazione Processo di scambio di ossigeno e anidride carbonica tra un organismo ed il suo ambiente. Apparato respiratorio Le vie respiratorie Tessuto epiteliale delle vie respiratorie

Dettagli

Malattie dell Apparato Respiratorio. Prof. Plinio Carta. 4 anno, 1 semestre [ aa 2006 2007 ]

Malattie dell Apparato Respiratorio. Prof. Plinio Carta. 4 anno, 1 semestre [ aa 2006 2007 ] Malattie dell Apparato Respiratorio 4 anno, 1 semestre [ aa 2006 2007 ] Prof. Plinio Carta Servizio di Medicina Preventiva dei Lavoratori e di Fisiopatologia Respiratoria Dipartimento di Sanità Pubblica

Dettagli

Asma bronchiale, BPCO e comorbilità: aspetti terapeutici

Asma bronchiale, BPCO e comorbilità: aspetti terapeutici Asma bronchiale, BPCO e comorbilità: aspetti terapeutici Giornate Mediche di Santa Maria Nuova 2013 25-26 Ottobre 2013 Dr. Walter Castellani Fisiopatologia Respiratoria e riabilitazione respiratoria Ospedale

Dettagli

MALATTIE RESPIRATORIE

MALATTIE RESPIRATORIE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE I CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO MALATTIE RESPIRATORIE

Dettagli

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Riabilitazione Respiratoria Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Definizione (American Thoracic Society) La riabilitazione polmonare è attività terapeutica multidisciplinare basata EBM, rivolta

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Che cos è l asma? LA VARIABILITÀ DELL ASMA COME PUÒ ESSERE DEFINITA L ASMA?

Che cos è l asma? LA VARIABILITÀ DELL ASMA COME PUÒ ESSERE DEFINITA L ASMA? Che cos è l asma? LA VARIABILITÀ DELL ASMA Molte persone riconoscono l asma nel respiro affannoso e fi schiante di un bambino o di un adulto sotto sforzo, oppure a riposo, con attacchi ora leggeri ora

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DOTTORATO DI RICERCA IN FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA SPERIMENTALE XX CICLO RIMODELLAMENTO E INFIAMMAZIONE DELLE VIE AEREE NEI BAMBINI CON ASMA BRONCHIALE: EVENTI PRECOCI

Dettagli

Test di stimolazione bronchiale: tecniche di esecuzione test diretti e indiretti

Test di stimolazione bronchiale: tecniche di esecuzione test diretti e indiretti Pulmonary Advances 3 Congresso Nazionale AIMAR Test di stimolazione bronchiale: tecniche di esecuzione test diretti e indiretti (Pavilio Piccioni 18/4/2012) Iperresponsività bronchiale Esagerata risposta

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE (aggiornamento del 9 ottobre 2009) PREMESSA La Circolare ministeriale del 1 ottobre 2009 definisce la gestione

Dettagli

CAPITOLO PROGRAMMA DI TRATTAMENTO DELL ASMA IN SEI PARTI

CAPITOLO PROGRAMMA DI TRATTAMENTO DELL ASMA IN SEI PARTI CAPITOLO 7 PROGRAMMA DI TRATTAMENTO DELL ASMA IN SEI PARTI INTRODUZIONE L asma è una malattia cronica con notevole impatto sui singoli individui, sulle loro famiglie e sulla società. Sebbene non si possa

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

REGIONANDO 2000 CENTRO PER L ASMA PROGETTO DI INNOVAZIONE, EFFICIENZA E QUALITÀ NEL SETTORE DEI SERVIZI SANITARI

REGIONANDO 2000 CENTRO PER L ASMA PROGETTO DI INNOVAZIONE, EFFICIENZA E QUALITÀ NEL SETTORE DEI SERVIZI SANITARI REGIONANDO 2000 REGIONE PUGLIA UNITÀ OPERATIVA TISIOLOGIA II PRESIDIO PNEUMOLOGICO COLONNELLO D AVANZO OSPEDALI RIUNITI AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA - FOGGIA CENTRO PER L ASMA PROGETTO DI INNOVAZIONE,

Dettagli

Linee di Riferimento Toracico e Regioni

Linee di Riferimento Toracico e Regioni Linee di Riferimento Toracico e Regioni 1 VISTA POSTERIORE 2 VISTA LATERALE 3 1 4 ANGOLO DEL LOUIS 2 COSTA 2 SPAZIO INTERCOSTALE 5 SPOSTAMENTI DEL TORACE DURANTE IL RESPIRO ISPEZIONE IN PIEDI UOMO COSTALE

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

PREFAZIONE GENERALITÀ. 1 - IMMUNOPATOGENESI DELLE MALATTIE ALLERGICHE Bibliografia

PREFAZIONE GENERALITÀ. 1 - IMMUNOPATOGENESI DELLE MALATTIE ALLERGICHE Bibliografia I N D I C E pag. 1 PREFAZIONE 3 I GENERALITÀ 5 19 1 - IMMUNOPATOGENESI DELLE MALATTIE ALLERGICHE 21 21 21 23 24 25 26 27 2 - LA SENSIBILIZZAZIONE ALLERGICA NEL PERIODO FETO-NEONATALE La sensibilizzazione

Dettagli

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa Dott. Mario Berardi SIMG Perugia OBIETTIVI E INDICATORI Analisi del processo assistenziale al paziente

Dettagli

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V.

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Minutolo Crohn nel 1932 definì ILEITE TERMINALE un affezione

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria

Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria 1 Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria Marco Confalonieri Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Struttura Complessa PNEUMOLOGIA-UTIR Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

Dott.ssa PINTO ANGELA AEROSOLTERAPIA : DAL BAMBINO ALL ADULTO

Dott.ssa PINTO ANGELA AEROSOLTERAPIA : DAL BAMBINO ALL ADULTO Dott.ssa PINTO ANGELA AEROSOLTERAPIA : DAL BAMBINO ALL ADULTO VANTAGGI DELLA TERAPIA INALATORIA elevate concentrazioni locali di farmaco ridotte concentrazioni sistemiche di farmaco ridotti effetti collaterali

Dettagli

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza 3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro Protezione Vie Respiratorie Guida ai rischi Prendi a cuore la tua sicurezza A ogni respiro, possiamo inalare milioni di particelle. Le particelle nocive non sono

Dettagli

L occhio secco: terapie non convenzionali

L occhio secco: terapie non convenzionali L occhio secco: terapie non convenzionali Pierluigi Trabucchi Natale Di Giacomo Terapie non convenzionali Terapie alternative ai sostituti lacrimali oppure utilizzabili in associazione alla terapia sostitutiva

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie

Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie PROGETTO INDOOR SCHOOL Esposizione ad inquinanti indoor: linee guida per la valutazione dei fattori di rischio in ambiente scolastico e definizione delle misure per la tutela della salute respiratoria

Dettagli

World Spirometry Day Il Respiro della Città 15/16 ottobre 2010 Aula Magna NIC Padiglione H3

World Spirometry Day Il Respiro della Città 15/16 ottobre 2010 Aula Magna NIC Padiglione H3 World Spirometry Day Il Respiro della Città 15/16 ottobre 2010 Aula Magna NIC Padiglione H3 Spirometria in medicina dello sport Prof. Lorenzo Corbetta (Firenze) lorenzo.corbetta@unifi.it Prevalenzadiasmanegli

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

NB. Le informazioni riportate di seguito non possono in alcun modo sostituirsi alla diagnosi, alla cura e al trattamento da parte del tuo medico.

NB. Le informazioni riportate di seguito non possono in alcun modo sostituirsi alla diagnosi, alla cura e al trattamento da parte del tuo medico. Le nostre Schede Pratiche IL BAMBINO ASMATICO NB. Le informazioni riportate di seguito non possono in alcun modo sostituirsi alla diagnosi, alla cura e al trattamento da parte del tuo medico. CHE COS'E'

Dettagli