Malattie dell Apparato Respiratorio. Prof. Plinio Carta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Malattie dell Apparato Respiratorio. Prof. Plinio Carta"

Transcript

1 Malattie dell Apparato Respiratorio 4 anno, 1 semestre [ aa ] Prof. Plinio Carta Servizio di Medicina Preventiva dei Lavoratori e di Fisiopatologia Respiratoria Dipartimento di Sanità Pubblica - Sezione di Medicina del Lavoro Università degli Studi di Cagliari Policlinico (Blocco G) (mattina) (sera) 1

2 Malattie dell Apparato Respiratorio Sindromi Ostruttive BPCO: [ Bronchite Cronica Enfisema ] ASMA BRONCHIALE

3 G O L D lobal Initiative for Chronic bstructive ung isease

4 Definition COPD is characterized by airflow limitation that is not fully reversible. The airflow limitation is usually both progressive and associated with an abnormal inflammatory response of the lungs to noxious particles and gases

5 Environmental risk factors to COPD Cigarette smoking Occupational dust or gas exposure Indoor air pollution Low socio-economic status Infections

6 Smoking and lung function decline 100 Never smoked or not susceptible to smoke FEV Smoked regularly and susceptible to smoke Disability Death Age (years) Stopped at 45 years Stopped at 65 years Fletcher and Peto,, BMJ 1977, 1,

7 History FEV 1 (% predicted at age 25 years) Dyspnea Exercise Intolerance Exacerbations Hospitalizations Systemic Effects Respiratory Failure Pulm Hypertension Age (years)

8 Mortality of COPD European Lung White Book, 2003

9 Mortality of COPD by gender Men Women European Lung White Book, 2003

10 COPD is the only major cause of death that has increased significantly in recent years Change in age-adjusted death rate in USA, from 1965 to 1998 (%) CHD Stroke CVD COPD All other causes COPD = chronic obstructive pulmonary disease CHD = coronary heart disease CVD = cerebrovascular disease Adapted from:

11 COPD is projected to be the third biggest killer by Ischemic heart disease CVD disease Lower respiratory infection 3rd Diarrhoeal disease Perinatal disorders COPD 6th Tuberculosis Measles Stomach cancer Road traffic accident HIV Lung cancer Suicide Murray & Lopez 1997

12 Chronic Obstructive Pulmonary Disease Surveillance U.S ,000 60,000 Males Females 50,000 Deaths 40,000 30,000 20,000 10, Year

13 Survival by Lung Function Impairment 1.0 Proportion Surviving No Lung Disease GOLD 0 GOLD 1 Restrictive Disease GOLD 2 GOLD 3/ Follow up in Years Mannino et al, Thorax 2003;58:

14 Leading Causes of Death in U.S. #1. MI #2. CA #3. CVA #4. COPD Cigarette Related Diseases Leading Causes of Death Worldwide 2010

15 What do COPD Patients Die From? Normal Restricted GOLD 2 GOLD 3/4 0% 20% 40% 60% 80% 100% COPD ASCVD Lung Cancer Other Mannino et al, Resp Med, january 2006

16 Inhaled particles: pulmonary and heart co-morbidity

17 Prevalence of COPD European Lung White Book, 2003

18 9,3 year incidence of COPD by gender (FEV1/FVC<0.7) 16 % 14 % 12 % 10 % 8 % 6 % 4 % 2 % 0 % 6,45 % Women (S.E. 1,4) 13,38 % Men (S.E. 2,1) Johannesen A, ERJ 2002

19 Incidence of COPD by age 25 % 20 % 23,40 % 15 % 10 % 5 % 0 % 3,70 % (S.E. 1,5) 8,30 % (S.E. 1,9) 9,60 % (S.E. 2,5) (S.E. 4,7) Johannesen A, ERJ 2002

20 Prevalence of COPD by age and smoking Lindberg A, Respir Med 2005

21 Broncopneumopatie Cronico Ostruttive BPCO COLD - COPD Patologie infiammatorie-degenerative caratterizzate da ostruzione cronica al flusso aereo Bronchite Cronica Enfisema ostruzione cronica, persistente e progressiva Asma bronchiale Allergico (IgE, IgG mediato) Intrinseco (irritanti) [ ostruzione cronica, variabile (reversibile) ]

22 Definizioni BPCO Bronchite Cronica: : diagnosi clinica Tosse produttiva persistente (abituale) con escreato per almeno 3 mesi consecutivi all anno anno per almeno 2 anni consecutivi Questionario MRC - CECA Enfisema: : diagnosi anatomo-patologica Slargamento permanente degli spazi aerei distali ai bronchioli terminali (alveoli( alveoli) ) con distruzione delle loro pareti

23 BPCO Normale Normale Patologia Infiammatoria Cronica Bronchite Cronica Forme Miste Enfisema Patologia Degenerativa Cronica L enfisema polmonare rappresenta spesso la fase evolutiva del processo infiammatorio cronico primitivamente interessante le vie e aeree

24

25 Bronchite Cronica Anatomia Patologica: Bronchi di grosso e medio calibro Indice di Reid Iperplasia ghiandolare Dotto ghiandolare Ispessimento membrana basale Metaplasia squamosa Infiltrato infiammatorio Edema Iperemia capillare Fibrosi Essudato nel lume Epitelio desquamato

26 Bronchite Cronica: Bronchioli Essudato adeso (purulento) Effetto valvola Distribuzione zonale non uniforme della ventilazione alveolare Iperplasia cellule caliciformi Ispessimento membrana basale Iperemia Infiltrato infiammatorio Essudato intraluminare Edema interstiziale Metaplasia squamosa Fibrosi Ipertrofia muscoli bronchiolari Alveoli enfisematosi

27 COPD: Small Airway Abnormalities Normal COPD

28 COPD: Pulmonary Emphysema

29 COPD: Pulmonary Vascular Changes Normal COPD

30 COPD: Structure & Function Alveolar Wall Destruction Air Spaces Enlargement Alveolar Attachments Loss Capillary Network Reduction Small Airways Narrowing-Distortion Nonhomogeneous Inspired Air Distribution Reduced Ventilation In Dependent Alveoli HIGH V A /Q RATIOS LOW V A /Q RATIOS

31 COPD: AIR TRAPPING- LUNG HYPERINFLATION AIRFLOW OBSTRUCTION AIRFLOW OBSTRUCTION AIR TRAPPING LUNG HYPERINFLATION

32

33 Fumo di tabacco Inquinanti atmosferici Storia naturale delle BPCO Lesioni irritative croniche delle vie aeree Ipersecrezione mucosa e broncospasmo vie aeree distali Ostruzione bronchiale reversibile Infezioni bronchiali ricorrenti Malattia Piccole Vie Aeree Fase pauci-sintomatica Ostruzione bronchiale irreversibile Bronchite Cronica Persistenza lesioni irritative Persistenza infezioni ricorrenti Distruzione bronchioli respiratori Bronchite Cronica e enfisema centrilobulare Bronchite cronica semplice APVA Bronchite cronica ostruttiva

34

35 Radicali Liberi Ossidanti: atomi o molecole con un elettrone spaiato nell orbita esterna con caratteristiche di elevata reattività in quanto tendono ad appaiare l elettrone spaiato con altro prelevato da altre molecole che diventano anch esse radicali liberi Prodotti normalmente in piccole quantità a livello cellulare Normalmente antagonizzati dagli antiossidanti Intracellulari: : Superossido Dismutasi, Catalasi, Glutatione Perossidasi Di membrana: scavenger (Vitamine E, C) Interstiziali: bilirubina, metionina,, alfa-1-antitripsina, antitripsina, ceruloplasmina Radicali liberi in eccesso Apporto esogeno (fumo, O2, Nox,, alimenti) Produzione endogena (infiammazione) [ Deficit antiossidanti ] 1) interazione con i lipidi di membrana (attivazione ciclo- e lipoossigenasi) 2) interazione con cellule (macrofagi, epitelio, endotelio) con chemiotassi e attivazione di cellule fagocitarie e PMN che rilasciano ROS, enzimi proteolitici e mediatori dell infiammazione 3) inattivazione di anti-proteasi (alfa-1-antitripsina) antitripsina)

36 Patologie da ossidanti Tossicità da Ossigeno (per FIO 2 > 50%) [ ROS ] danno diretto sull endotelio e mediato dall infiammazione Tossicità da Ozono (O 3 ) [ inquinamento ambientale ] ossidante diretto e sorgente di altri ossidanti (livello bronchiolare) Tossicità da NOx: danno prevalentemente bronchiolare Tossicità da radiazioni ionizzanti: ROS a livello citoplasmatico e nucleare (DNA) [ Danno ai Pneumociti I Proliferazione pneumociti II Fibrosi ] Tossicità da medicamenti: Bleomicina, Amiodarone (DNA), Antibiotici Tossiccità da infiammazione: liberazione di ROS dai PMN e piastrine con danni endoteliali ed epiteliali

37 Parete bronchiale normale Flusso = ΔP/Raw Bronchite cronica Ostruzione vie aeree: - presenza di muco - ispessimento parete bronchiale

38 Espettorato = miscuglio disomogeneo di mucoproteine sintetizzate localmente e proteine plasmatiche,, alle quali sono mescolati detriti cellulari e secrezioni nasali ed orali Cellule caliciformi Ghiandole sottomucose Cellule di Clara? + Proteine plasmatiche Detriti cellulari + Secresioni salivari nasali e orali MUCOPROTEINE SECREZIONI BRONCHIALI ESPETTORATO

39 Ipersecrezione bronchiale - Ostruzione bronchiale IPERSECREZIONE BRONCHIALE Alterata clearance muco-ciliare * * - reologia del muco - minor efficienza ciliare Ristagno di muco Infezioni Broncospasmo Edema parete bronchiale OSTRUZIONE BRONCHIALE

40

41

42

43

44

45 Identificazioni dei pazienti per il trattamento con antimicrobici nelle riacutizzazioni: suddivisione in 4 fasi

46 Identificazioni dei pazienti per il trattamento con antimicrobici nelle riacutizzazioni: suddivisione in 4 fasi

47

48

49 Proteasi / Antiproteasi Elastasi / Antielastasi Collagenasi / Anticollagenasi Turnover e rimodellamento delle componenti stromali del polmone (fibre elstiche e collagene) Nel non fumatore le proteasi sono prodotte dai soli macrofagi Nel fumatore le proteasi derivano specialmente dai polimorfonucleati (digestione delle proteasi da parte dei macrofagi e successivo rilascio lento) Le proteasi neutrofile e in particolare l elastasi agiscono su tutte le componenti proteiche delle pareti alveolari (epitelio, endotelio, membrana basale, stroma connettivale) Enfisema = sbilanciamento tra proteasi e antiproteasi

50 Glicoproteina, α1-globulina Alfa Antitripsina Bassa massa molecolare, diffusibile nello spazio extravascolare Prodotta negli EPATOCITI; ; presente anche nelle piastrine, monociti,, macrofagi, PMN Azione: inattivazione elastasi neutrofila Attività maggiore a livello alveolare α-1-at: aumenta nelle infezioni, nei fumatori, in gravidanza

51 Fenotipizzazione dell alfa alfa-1-antitripsinaantitripsina Oltre 40 fenotipi FF Elettroforesi Omozigoti MM : α1-at sierica normale Eterozigoti con allele S o Z : α1-at parzialmente ridotta MM ZZ SS Omozigoti SS : α1-at parzialmente ridotta MS Omozigoti ZZ : α1-at sierica molto ridotta α-1-at AT sierica (mg%) Nel fenotipo ZZ l α-1-at si accumula negli epatociti e non viene immessa in circolo (granuli eosinofili) [ cirrosi ] 1 0 / 00 ZZ SZ SS MZ (3%) FM MM 85-95%

52 Il rischio di enfisema èinversamente proporzionale al tasso sierico di α-1-at attiva Riduzione Antielastasi Carenza genetica di α-1-antipripsina Infiammazione PMN ROS, Fumo di sigaretta Aumento degli enzimi elastolitici da infiammazione neutrofila Danno tessuto elastico (collagene) Enfisema Polmonare - Perdita elasticità (PVA) - Rottura setti alveolari

53 Sbilanciamento Elastasi / Antielastasi Fumo di tabacco Chemiotassi + attivazione Ossidazione α-1-at O 2 + ROS Flogosi + Chemiotassi Anti - Elastasi Elastasi Enfisema Fumo di tabacco e infiammazione nella patogenesi dell enfisema enfisema polmonare 1) deficit congenito di anti-proteasi (proteasi normali) 2) esaltata produzione di proteasi (antiproteasi normali) 3) inattivazione delle anti-antiproteasi in rapporto a normale o esaltata produzione di proteasi

54 Struttura dell Alfa-1-antitripsina antitripsina I Radicali liberi ossidanti (ROS) inattivano la A-1AT A ossidando la Metionina nel sito attivo dell antiproteasi (Mieloperossidasi neutrofila) Nota: Concentrazione sierica di A1AT normale, ma attività anti-proteasica ridotta

55 Enfisema: - aumento spazi aerei distali con rottura setti alveolari - perdita elasticità piccole vie aeree - ostruzione bronchiolare e riduzione scambi gassosi polmone disidratato

56 Sezione istologica di polmone normale (Sn) e di polmone enfisematoso (Dx) Enfisema: - aumento spazi aerei distali con rottura setti alveolari e riduzione del numero dei capillari - perdita elasticità piccole vie aeree - ostruzione bronchiolare e riduzione scambi gassosi

57 Microscopia tridimensionale Perdita della trazione radiale sui bronchioli (compressione dinamica) Raw esp

58 Tipi di enfisema Normal acinus oo o o oo o oo capillari Enfisema centrilobulare (Bronchite cronica) Enfisema panlobulare (carenza α1at)

59

60

61 Enfisema Centrilobulare (Sn) e Panlobulare (Dx) Prevalentemente: lobi inferiori e medi Prevalentemente: lobi superiori e medi

62 Eziopatogenesi della bronchite cronica e dei differenti tipi di enfisema polmonare

63 Diagnostica per immagini: standard, laterale TAC (HRTC) Bronchite cronica: segni aspecifici (aumento trama broncovasale specie alle basi) Enfisema diffuso (Criteri di G. Simon) 1) Eccesso di aria nei polmoni ( Iperinflazione): Diaframmi bassi e appiattiti (< 7 a costa anteriormente) Slargamento spazi costali Ampia aerea iperdiafana retrosternale (sterno-aorta ascendente > 4 cm) Scarsa escursione diaframmatica in-espiratoria (< 3 cm) [ x-scopia ] 2) Alterazioni vascolari alveolo-capillari: - Iperdiafania ( impoverimento trama vascolare perifericamente ) - Cuore ristretto e verticale - Prominenza dell arco della polmonare - Ingrandimento immagini ilari e riduzione trama in periferia 3) Bolle: aree avascolari iperdiafane ( sferiche, cercine sottile )

64 Bronchite Cronica aumento trama broncovasale specie alle basi, aumento aia cardiaca

65 Segni radiomorfologici caratteristici dei due tipi di enfisema

66 Rx enfisema polmonare: Iperdiafania,, aumento aria nei polmoni, emidiaframmi bassi

67 Enfisema polmonare diffuso: appiattimento ed abbassamento degli emidiaframmi, orizzontalizzazione costole, iperdiafania (P-A), ridistribuzione del circolo, aumento iperdiafania retrosternale (lat),

68 Enfisema HRTC

69 Enfisema bolloso [ evoluzione in fumatore e miglioramento dopo bullectomia (D) ]

70 Sintomi e segni clinici di enfisema Dispnea ingravescente Respiro ridotto, Espirazione prolungata con sibili Torace a botte, iperfonetico,, ipoespansibile (escursione diaframmatica < 2-3 cm) VEMS CV (lenta) ~ Normale rapporto VEMS/CV % Aumento VR, CPT e in particolare VR/CPT% (He vs Plet) Ostruzione delle piccole vie aeree per collabimento dinamico delle pareti bronchiolari nell espirazione espirazione

71 Enfisema Polmonare: Alterazioni funzionali - Deficit ostruttivo - Aumento VR, CPT,VR/CPT compressione dinamica specie nella espirazione forzata (CVL > CVF)

72 Enfisema polmonare : compressione dinamica PVA (riduzione compressione con espirazione a labbra serrate)

73 Tipi di enfisema o o o o oo o o oo o oo capillari Enfisema centrilobulare (Bronchite cronica) Enfisema panlobulare (carenza α1at)

74 Fasi avanzate: Sintomi e segni nei due tipi di enfisema Pink Puffers - Soffiatori rosa [ enfisema panlobulare ] Scarsa componente bronchitica Torace a botte Dispnea precoce Iperventilazione Adeguata ossigenazione Cuore polmonare tardivo Perdita di peso Blue Bloaters Blu e Gonfi [ enfisema centrilobulare ] Bronchite Cronica tosse, escreato Non torace a botte Dispnea tardiva Ventilazione ridotta Cianosi, aumento PaCO 2 Cuore polmonare con scompensi ripetuti Sovrappeso,, Obeso

75 Insufficienza respiratorio nell enfisema enfisema polmonare (BPCO) Pink Puffer (Soffiatore Rosa) Blue and Blotted (Cianotico e Gonfio)

76 Anamnesi Rx torace Es. Obiett. Sintomi e segni nei due tipi di enfisema Pink Puffers - Soffiatori rosa dispnea, scarsa tosse segni di enfisema diffuso Torace a botte, esp.prolungata, ipertrofia muscoli accessori, spazi costali rientranti (insp( insp), distensione vene del collo (esp( esp), iperfonesi, basi ipomobili, respiro ridotto, sibili espiratori toni cardiaci ovattati Blue Bloaters Blu e Gonfi Tosse ed escreato cronici, frequenti bronchiti acute, aumento aia cardiaca Non torace a botte, cianosi, sovrappeso,, modica dispnea, non ipertrofia muscoli acces. edemi arti inferiori e sacro, non iperfonesi, ronchi, sibili e rantoli PFR Importante ostruzione bronchiolare: FEV1 FEV1/CV CPT VR Cst TLCO PaO mmhg SaO 2 normale o quasi PaCO 2 normale fino allo scompenso VA/Q quasi normale Importante ostruzione bronchiale: FEV1 FEV1/CV CPT, VR, Cst,, TLCO: normali PaO 2 < 60 mmhg SaO 2 ridotta PaCO 2 aumentata frequenti scompensi Dx VA/Q ridotto

77 Enfisema panlobulare diffuso Riduzione superficie di scambio con rapporto VA/Q normale [ VA ridotta e Perfusione ridotta ] Riduzione TLCO e SaO 2 SaO 2 quasi normale a riposo se presente iperventilazione

78 Fattori che provocano il progressivo peggioramento della dispnea nei BPCO Aumento resistenze vie aeree, riduzione del recoil elastico Aumento lavoro respiratorio Dispnea Perdita appetito e sonno Ansietà e Depressione Diminuzione della risposta ventilatoria all ipossia Calo ponderale Malnutrizione Astenia e Riduzione attività fisica

79 Bronchiettasie ( patologie frequenti prima dell era era antibiotica ) Bronchiettasie Abbondante escreato muco-purulento Preparato istologico: bronchiettasia con accumulo di muco purulento (PMN) Dilatazioni abnormi permanenti (sacciformi, cilindriche) localizzate specie nelle vie aeree di calibro > 2 mm (uno o più lobi o segmenti), prodotte da lesioni distruttive della parete bronchiale con fibrosi parietale successiva Ipersecrezione e ristagno di muco purulento Bronchiettasie sacciformi e cilindriche del lobo inferiore di sinistra

80 Bronchiettasie: [ eziopatogenesi (multifattoriale) e fattori predisponenti ] 1) forze meccaniche abnormi sulle pareti bronchiali - elevate forze di ritorno elastico operanti trazione sulle pareti (atelectasia,, lesioni distruttive parenchimali,, consolidamenti polmonari) - aumento pressione endoluminare specie nell espirazione espirazione forzata e con la tosse [ ostruzione bronchiale diffusa (BPCO) o localizzata ] 2) ridotta resistenza parietale (congenita/ereditaria - acquisita (proteasi( proteasi,, PMN) - ipoplasia bronchiale, vascolare (Mucoviscidosi, discinesia ciliare) - lesioni necrotizzanti parietali [infezioni (klebsiella, Stafilicocchi, Pseudomonas), fibrosi diffuse, pneumopatie granulomatose,, lesioni chimiche (NH 3 )] 3) riduzione difese antibatteriche : congenite o acquisite ( IgG, IgA seriche) 4) ristagno secrezioni da ridotta efficienza della clearance muco-ciliare: ciliare: - congenite: Mucoviscidosi, Sindrome di Kartagener, agenesie parziali - acquisite: ostruzioni localizzate (linfonodi, neoplasie) o diffuse (BPCO)

81 Bronchiettasie: [ Quadro clinico e diagnosi ] Sintomi e segni dipendenti da estensione, gravità,, sede eziopatogenesi Tosse cronica con escreato solitamente purulento e molto abbondante nte specie nelle fasi di riacutizzazione infettiva (nel 50% dei casi emoftoe) Infezioni con consolidamenti broncopneumonici recidivanti sempre nelle stesse localizzazioni sede di bronchiettasie (febbre, lucocitosi) Obiettività: Rx e TAC: PFR: - negativa nei casi lievi (in assenza di patologia di base) - rantoli localizzati a medie e piccole bolle (ronchi e sibili) - nelle forme estese: cianosi, ippocratismo digitale, I.R.C. - affastellamenti circoscritti, aree cistiche, livelli idroaerei, iperdiafanie lineari con strie radiopache periferiche (mezzo di contrasto: diagnosi certa) - deficit misto, prevalentemente ostruttivo Complicanze: - ascesso polmonare, empiema pleurico, ascessi metastatici, manifestazioni sistemiche (sepsi, dimagramento, anemia)

82 Bronchiettasie (cistiche e cilindriche) - Rx e Broncogramma

83 Bronchiettasie - Rx e TAC con MDC

84 TAC con MDC dilatazioni cistiche cilindriche TERAPIA BRONCHIETTASIE: CHEMIOTERAPICI ANTIINFIAMMATORI FLUIDIFICANTI DRENAGGIO BRONCHIALE FISIO-KINESI TERAPIA Affastellamento periferico (zone di atelettasia) CHIRURGIA (forme localizzate)

85 Alterazioni della Clearance Muco Ciliare Sindrome di Kartagener (1933): (1933): SITUS VISCERUM INVERSUS BRONCHIETTASIE SINUSUTE CRONICA, POLIPOSI NASALE Deficit genetico di DINEINA (proteina contrattile delle cilia): Discinesia e/o immobilità ciliare primitiva bronchiettasie,, sinusite e otite media per ristagno di secrezioni e flogosi cronica Associazione: Anomalie congenite cardiovascolari, Mucoviscidosi, Spina bifida, Degenerazione pigmentaria retina, Cataratta, Ritardo mentale, Alcune neoplasie, Immobilità spermatozoi, Ipoevolutismo, Deficit IgA, [ Discinesie ciliari secondarie a flogosi e infezioni (alterazioni del battito, reologia muco) ] FARMACI: - Antibiotici (nelle fasi di riacutizzazione infettiva) - Mucolitici e mucoregolatori (modificano la viscosità) - Beta-2-adrenergici adrenergici (favoriscono il trasporto muco-ciliare) ciliare) - Aminofillinici (modificano la viscosità e migliorano il battito ciliare) - Anticolinergici (riduzione produzione di muco)

86 Mucoviscidosi (Malattia fibrocistica del pancreas) Patologia ghiandolare multisistemica): ): Pancreas, Polmone, Fegato, Intestino, Salivari, Sudoripare Anomalie chimico-fisiche delle secrezioni mucose con aumento della viscosità Alterazioni CMC con ristagno di secrezioni (Bronchiettasie,, Ascessi, Atelettasie) Difetto genetico ereditario con carattere autosomico recessivo (malati gli omozigoti) Neonati, bambini, adolescenti (Incidenza 1/500-1/3000) Alterazioni canali del cloro delle membrane epiteliali, ipersecrezione ezione di Ca++ e di sodio e cloro nel sudore Discinesia ciliare con bronchioliti infettive recidivanti con evoluzione verso BPCO e bronchiettasie Compromissione pancreatica da insufficiente produzione di enzimi pancreatici (sindrome da malaasorbimento, steatorrea, ipoevolutismo ponderale) Cirrosi epatica da occlusione canalicoli biliari intraepatici Diagnosi: Quadro clinico multisistemico Insufficienza pancreatica (aspirato duodenale dopo stimolo s con secretina) Test del sudore (aumento Cl e Na dopo stimolo con pilocarpina)

87 Consequenze delle BPCO BPCO (BC, Enfisema, Asma) Insufficienza Respiratoria Cronica Ipossiemca, Ipercapnica Ipertensione circolo polmonare Cuore Polmonare Cronico, scompenso congestizio

88 Asma bronchiale. L'Asma bronchiale è una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree (mastociti,( eosinofili) ) associata ad aumentata responsività dell'albero tracheo-bronchiale a stimoli di varia natura,, che si manifesta come una sindrome caratterizzata da ostruzione variabile del flusso aereo da broncospasmo, edema mucosa ed ipersecrezione ed infiltrazione della - dispnea a carattere accessionale associata a tosse ed espirazione sibilante, con totale o parziale reversibilità, spontanea o dopo terapia, dell'ostruzione bronchiale

89 G IN lobal itiative for A sthma Linee-Guida Italiane Aggiornamento 2005

90 Asma bronchiale: definizione (I) L asma bronchiale è una malattia cronica delle vie aeree caratterizzata da ostruzione bronchiale più o meno accessionale solitamente reversibile spontaneamente o in seguito alla terapia, da iperreattività bronchiale e da un accelerato declino della funzionalità respiratoria che può evolvere in alcuni casi in una ostruzione irreversibile delle vie aeree. Nella patogenesi di queste alterazioni partecipano numerosi meccanismi, in particolare infiltrazione di cellule infiammatorie, rilascio di mediatori e rimodellamento delle vie aeree. Clinicamente, si manifesta con dispnea, respiro sibilante, tosse, senso di costrizione toracica, la cui intensità varia in rapporto alla entità della ostruzione bronchiale ed al grado della sua percezione da parte del paziente.

91 Aggiorn. GINA Italia 2005 Asma bronchiale: definizione (II) In sintesi, l asma è una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree caratterizzata da: Episodi ricorrenti di dispnea, respiro sibilante, tosse e senso di costrizione toracica Ostruzione bronchiale (di solito reversibile spontaneamente o dopo trattamento farmacologico) Iperreattività bronchiale iperresponsività bronchiale a stimoli aspecifici (aria fredda, istamina, colinergici, irritanti) Infiltrazione di cellule infiammatorie, rilascio di mediatori e rimodellamento strutturale delle vie aeree

92 Caratteristiche dell Asma 1 Episodi accessionali di dispnea sibilante (espiratoria) 2 Restringimento del calibro delle vie aeree ( Raw) (a) contrazione dei muscoli bronchiali (b) rigonfiamento della parete bronchiale dovuta ad infiammazione (c) eccessiva produzione di muco nelle vie aeree 3 Rapide e importanti variazioni dell ostruzione bronchiale (variazioni del PEF >= 20%) 4 Episodi notturni e bassi valori di PEF al mattino 5 Significativa reversibilità dopo β 2 o steroidi 6 Periodi asintomatici o pauci-sintomatici 7 Frequente comparsa di fenomeni allergici

93 BPCO ASMA e ostruzione al flusso aereo 1) Br. Cr. semplice 3) Br. Cr. Ostruttiva 5) Br. Cr. Ostr. enfisematosa 6) Br. Cr. Ostr. asmatiforme

94 Epidemiologia dell asma (I) L asma è una delle patologie più diffuse al mondo L asma è diffusa in tutti i paesi ma varia in modo considerevole da nazione a nazione e può mostrare variazioni anche all interno della stessa nazione La variazione geografica è confermata anche dalla distribuzione dell atopia e della reattivita bronchiale La variazione geografica è simile per bambini e adulti In Italia la prevalenza di asma è più bassa rispetto a quella di molte altre nazioni, soprattutto dei paesi anglosassoni, sia nella popolazione infantile sia negli adulti

95 Distribuzione geografica della prevalenza del wheezing (popolazione di anni)- ISAAC Eur Respir J 1998, 12,

96 Distribuzione geografica della prevalenza dell asma in atto - ECRHS ECRHS Eur Respir J 1996; 9:

97 EPIDEMIOLOGIA DELL ASMA (Dati attuali) Per 20 anni la prevalenza di asma è aumentata considerevolmente in molti Paesi, soprattutto nei bambini Negli ultimi anni il trend dell asma negli adulti non è in ulteriore aumento in parecchie nazioni (Inghilterra, Italia, Svizzera, Australia, Messico) Ancora incerto il quadro negli Stati Uniti Trend in diminuzione nei bambini (Inghilterra, Australia)

98 Aumento della prevalenza di asma in bambini/adolescenti Finlandia (Haahtela et al) Svezia (Aberg et al) Giappone (Nakagomi et al) Scozia (Rona et al) UK (Omran et al) USA (NHIS) Nuova Zelanda (Shaw et al) Australia (Peat et al) { { { { { { { { Prevalenza (%)

99 Trends temporali di prevalenza dell asma nei bambini (1974, 1992, 1998) Roma (Italia) 20 Asthma % Bambini di 6-9 anni Survey year Bambini di anni Ronchetti et al, Eur Respir J 2001

100 Aggiorn. GINA Italia 2005 EPIDEMIOLOGIA DELL ASMA (Dati attuali) Stabilizzazione dovuta al miglioramento dei trattamenti antiasmatici Plateau per raggiunto sviluppo della patologia in tutti i soggetti suscettibili ( Saturation : massimo effetto del cambiamento dell esposizione ambientale negli individui suscettibili)

101 Media episodi settimanali per persone in un periodo di quattro settimane A Frequenza Trend quadratico J 1989 J 1990 J 1991 J 1992 J 1993 J 1994 J 1995 J 1996 J 1997 J 1998 Fleming et al, Thorax 2000

102 Trend temporale nella prevalenza degli attacchi asmatici e del trattamento antiasmatico in Italia (Torino, Pavia, Verona) ECRHS 1992/ / Crude prevalence (95% CI) Attacchi asmatici Trattamento antiasmatico Verlato et al, J Allergy Clin Immunol 2003

103 Epidemiologia e impatto socio-economico dell asma L attuale prevalenza di asma in Italia, benché inferiore a quella di molte altre nazioni, rappresenta una notevole fonte di costi sia sociali sia umani Considerevole spesa sanitaria Costi diretti pari all 1-2% della spesa sanitaria totale Costi indiretti rappresentano oltre il 50% della spesa totale Costi simili a quelli degli altri Paesi industrializzati L asma è una delle cause principali di assenza dal lavoro o da scuola

104 Componenti del costo medio annuale di un paziente adulto asmatico in Italia (studio ISAYA) Perdita attività 22% Esami 8% Visite in PS 2% Ospedalizazione 8% Farmaci 21% Perdita di gg lavoro 39% Fonte: ISAYA

105 Spesa per farmaci respiratori in Italia milioni Altri Cromoni Anticolin. Teofillinici Anti-leuc. AntiH beta2-ag. Associaz. ICS Anno

106 Variazione % (rispetto al 1998) di n.di ricette e spesa lorda per farmaci antiasmatici per via inalatoria e dei ricoveri per asma (Piemonte) % N Ricette Spesa farmaci Ricoveri Adulti Bambini Anni Regione Piemonte

107 Impatto e costi dell asma in Italia L asma in Italia ha un importante impatto sulle attività quotidiane e sulle famiglie degli asmatici I costi sono principalmente imputabili Al mancato controllo della malattia Ad un uso improprio delle risorse diagnostiche e terapeutiche

108 Fattori di rischio di asma (I) Fattori individuali: predispongono l individuo all asma Fattori ambientali: - influenzano la possibilità di sviluppare asma in soggetti predisposti - scatenano le riacutizzazioni e/o causano la persistenza dei sintomi

109 Fattori di rischio di asma (II) Fattori individuali Predisposizione genetica Atopia Iperresponsività delle vie aeree Sesso Razza/etnia Fattori ambientali Allergeni Sensibilizzanti professionali Fumo di tabacco Inquinamento atmosferico Infezioni delle vie respiratorie Fattori socio-economici Dimensioni del nucleo familiare Abitudini alimentari e farmaci Obesità Infezioni parassitarie

110 Responsività bronchiale e Sistema Nervoso Autonomo Sistema eccitatorio colinergico (Acetilcolina) Vie afferenti colinergiche: Recettori irritativi Recettori di distensione Sistema inibitorio adrenergico (Catecolamine circolanti) Fibre C (sistema NANC) Sistema eccitatorio Non Colin: SP: neuropeptidi (neurokinine) (riduzione attività neuropeptidasica epiteliale) Sistema inibitori Non Adren: Peptide Vasoattivo intestinale (VIP) Ossido Nitrico (NO)

111 Sistema colinergico e i recettori muscarinici (M)

112 Bronchial Iperresponsiveness Low-dose and exagerate response to nonspecific stimules % Response Max 90% Asthma PD 20 PD 20 Max 30% Normal Trheshold 20% Trigger : Log Dose

113

114 Fattori di iperresponsività bronchiale (asma) Deviazione Risposta per basse dosi (sensitività) Giunzionali a) danno epiteliale b) controllo neuronale (colinergico) c) numero cellule infiammatorie d) attività cellule infiammatorie e) interazione cellulo-neuronale Risposta esagerata per dosi sopraliminari (reattività) Post- giunzionali g) contrattilità muscolo liscio h) forze elastiche e viscose c) edema e ispessimento parete delle vie aeree d) essudato intraluminare e secrezioni mucose

115

116 Fattori in causa nell asma 1 Due tipi di fattori sono alla base dell asma bronchiale: Triggers Scatenanti (Triggers): causano la broncocostrizione (broncospasmo). Inducenti o Causali (Inducers ): causano l infiammazione asmatica delle vie aeree I Triggers agiscono come irritanti delle vie aeree dando broncocostrizione; generalmente non provocano infiammazione, cioè non sono fattori causali dell asma Le vie aeree iperreagiscono a stimoli di entità minima, e la broncoostruzione è più serrata, in presenza di infiammazione asmatica

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale SNLG Regioni 10 Linee guida sull asma bronchiale LINEA GUIDA Consiglio Sanitario Regionale Data di pubblicazione: agosto 2010 Data di aggiornamento: agosto 2014 Estensori delle linee guida sull asma bronchiale

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica Un modello per introdurre cambiamenti nel percorso diagnostico-assistenziale della malattia cronica Modena, Giugno 2004 Raccomandazioni

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE. Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821. Scopo del Lavoro

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE. Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821. Scopo del Lavoro REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE Via A. Fabi, s.n.c. 03100 FROSINONE Tel. 0775 8821.Linee Guida della Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva ed Ossigenoterapia Scopo del Lavoro La broncopneumopatia

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Caso clinico 1. Simulazioni cliniche interattive. Caso clinico 1 - step 1. Domanda 1 - Televoto

Caso clinico 1. Simulazioni cliniche interattive. Caso clinico 1 - step 1. Domanda 1 - Televoto SESSIONE 4 Follo w-up del p aziente BPC O e int egrazio ne funzionale centro sp ecialistico- med icina gen erale Simulazioni cliniche interattive Caso clinico 1 Caso clinico 1 - step 1 Caso clinico 1 -

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

IL PARERE DELL ESPERTO

IL PARERE DELL ESPERTO IL PARERE DELL ESPERTO Nei giorni più caldi e afosi dell estate, molte condizioni di disagio o malessere fisico possono essere ridotte o prevenute mediante una corretta conoscenza dei rischi e sapendo

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

A ST H M A LINEE GUIDA TASCABILI PER IL TRATTAMENTO, LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELL ASMA NELL ADULTO

A ST H M A LINEE GUIDA TASCABILI PER IL TRATTAMENTO, LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DELL ASMA NELL ADULTO Adattamento Italiano delle Linee Guida internazionali Global Initiative for Asthma (GINA) reso possibile grazie al supporto educazionale al Progetto LIBRA (Linee Guida Italiane BPCO, Rinite, Asma) di:

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli