Rassegne. L acidificazione delle vie aeree nella patogenesi dell asma bronchiale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegne. L acidificazione delle vie aeree nella patogenesi dell asma bronchiale"

Transcript

1 Rassegne Vol. 99, N. 4, Aprile 2008 Pagg L acidificazione delle vie aeree nella patogenesi dell asma bronchiale Metka Kodric, Marco Confalonieri Riassunto. Lo studio del ph delle vie aeree rappresenta una nuova frontiera nella comprensione della patogenesi dell asma. Gli effetti dell acidificazione possono determinare sintomi quali tosse, dispnea, respiro sibilante, osservabili nell asma da reflusso gastroesofageo, dopo inalazione di sostanze acide (inquinamento atmosferico, nebbia, esposizione professionale) e nelle alterazioni dell equilibrio acido-base delle vie aeree. Parole chiave. Acidificazione delle vie aeree, asma, condensato su esalato bronchiale, espettorato indotto. Summary. Airways acidification and pathogenesis of asthma. The study of airways ph represents a new perspective in the comprehension of asthma pathogenesis. The effects of acidification may cause symptoms as cough, dyspnoea, wheezing and may be related to gastroesophageal reflux-induced asthma, inhaled acids (pollution, fog, professional exposure) and disregulation of acid-base homeostasis. Key words. Airways acidification, asthma, exhaled breath condensate, induced sputum. Introduzione L asma bronchiale è una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree nella cui patogenesi sono coinvolte molte cellule e mediatori flogistici. Se da un lato la definizione stessa di asma, tratta dal NHLBI/NIH Workshop Report: Global Strategy for Asthma Management and Prevention 1, richiama l attenzione sull importanza dell origine infiammatoria della malattia; dall altro, tecniche di studio sempre più raffinate hanno permesso di ampliare notevolmente le conoscenze sui meccanismi patogenetici che la caratterizzano e determinano i diversi aspetti della malattia, con possibili futuri risvolti pratici in campo clinico. Omeostasi ed effetti del ph delle vie aeree Le principali osservazioni sugli effetti determinati dall inalazione di sostanze acide a livello delle vie aeree inferiori sono legate all inquinamento atmosferico quali le nebbie acide ed al reflusso gastro-esofageo (RGE). Il ph delle vie aeree è inferiore nei soggetti affetti da asma bronchiale. L acidificazione delle vie aeree sembra essere implicata nella patogenesi dell asma. Pur non essendoci ancora un gold standard, il ph può essere misurato con metodiche non invasive. Del resto è proprio l asma, determinata o aggravata dal RGE, che ha portato all approfondimento dei meccanismi omeostatici che regolano il ph delle vie aeree 2. La riduzione del ph a livello delle vie aeree può determinarsi in seguito al contatto con sostanze acide esogene o derivare da uno squilibrio dei sistemi di regolazione endogeni, non più in grado di mantenere il ph entro un range fisiologico e tollerato, dando luogo a sintomi respiratori quali tosse, respiro sibilante e dispnea 2-4. Lievi e temporanei scostamenti dai valori di base potrebbero, infatti, rappresentare un meccanismo di difesa: è stato ipotizzato che la capacità delle vie aeree di regolare il proprio ph possa svolgere un ruolo di protezione come risposta immune aspecifica contro potenziali germi inalati. In presenza di un ph basso, i nitriti vengono convertiti in acido nitroso e tale sostanza inibisce la crescita batterica attraverso la formazione di NO e attraverso la nitrosilazione diretta dei residui tirosinici delle proteine 5. Entrambi i meccanismi sono stati coinvolti nella difesa immune aspecifica. È stato osservato come germi gram negativi ed il Mycobacterium tuberculosis non sopravvivano in ambiente acido 6-8. Struttura Complessa Pneumologia, Ospedale di Cattinara, Azienda Ospedaliero-Universitaria Ospedali Riuniti, Trieste. Pervenuto il 28 settembre 2007.

2 M. Kodric, M. Confalonieri: Acidificazione delle vie aeree e patogenesi dell asma 211 Il calo del ph favorirebbe la protonazione del perossinitrito ad acido perossinitroso, coinvolto nel killing del Mycoplasma all interno dei macrofagi 9 e un microambiente acido inattiverebbe i rinovirus 10. I sistemi tampone possono non essere in grado di contrastare l abbassamento del ph per un eccessiva concentrazione idrogenionica o per uno squilibrio intrinseco del sistema. Il modello di studio principale, sia umano che animale, è rappresentato dalla microaspirazione di materiale acido gastrico, coinvolta nella patogenesi dell asma da reflusso gastro-esofageo 11. Nei pazienti con asma severo, l aspirazione di succhi gastrici, misurata con l abbassamento del ph tracheale, si associa ad un significativo peggioramento della funzionalità ventilatoria, rispetto ai soggetti affetti da reflusso gastroesofageo in cui il ph non si riduce 12,13. Studi su animali hanno dimostrato un aumento delle resistenze del 420% dopo instillazione di 0,05 ml di acido cloridrico 0,2 N in trachea 14,15. Il meccanismo con cui le sostanze acide determinano bronco-ostruzione sarebbe dovuto alla stimolazione delle fibre sensitive primarie capsaicino-sensibili che, mediante la generazione di correnti ioniche attraverso canali per il Na +, il K + ed il Ca ++, rilascerebbero neuromediatori dalle vescicole, le tachichinine (sostanza P-SP, neurochinina A-NKA e neurochinina B-NKB) La liberazione di questi neuropeptidi, stimolata dalla bradichinina formata in ambiente acido, secondo recenti studi spiegherebbe diversi segni e sintomi osservati nel corso dell acidificazione delle vie aeree 2. La tosse sarebbe determinata da un meccanismo riflesso centrale in seguito a stimolazione delle terminazioni capsaicino-sensibili; si è visto che gli antagonisti recettoriali delle tachichinine sarebbero in grado di bloccare la tosse indotta da acido citrico 21. In base a studi su animali con antagonisti recettoriali, l ostruzione bronchiale sarebbe mediata dai recettori delle tachichinine, NK1 e specie NK2, e dalla formazione di bradichinina 22,23 ; il rilascio di tachichinine con conseguente bronco-ostruzione sarebbe ulteriormente potenziato dalla formazione, in ambiente acido, di sostanze ossidanti come i radicali dell ossigeno ed elastasi 24. Sia l induzione della iperreattività bronchiale con instillazione di acido citrico, sia la sua inibizione con antagonisti recettoriali NK1 e specialmente NK2, sono state osservate in modelli animali; contrariamente, attraverso i recettori NK1, è stata osservata, verosimilmente attribuibile ad un meccanismo protettivo, l attivazione della NO-sintetasi costitutiva (cnos) con produzione di NO, dall effetto broncodilatatore 11. Nell animale, l inalazione di sostanze acide determina flogosi neurogena attraverso l attivazione dei recettori per le tachichinine con un aumento della permeabilità vascolare, stravaso di proteine plasmatiche e edema tessutale Il viraggio del ph del fluido di rivestimento epiteliale determina anche altri effetti. Ad un ph acido, la viscosità del muco aumenta fino alla formazione di veri e propri plug 28, viene ridotta la motilità ciliare e viene provocato danno epiteliale 29. L instillazione di acido nelle vie aeree dell animale aumenta la produzione di NO stimolando la NO-sintetasi inducibile (inos); in ambiente acido viene anche favorita la conversione del nitrito ad ossido nitrico 30. A livello cellulare sono state osservati un aumento della necrosi degli eosinofili ed inibizione dell apoptosi 31,32 ; inoltre, attraverso il rilascio di tachichinine ed il legame con il recettore NK1 aumenta il loro reclutamento 33. Il gradiente acido funge da stimolo chemiotattico nei confronti dei neutrofili con riduzione della loro migrazione a livelli di ph progressivamente più bassi, ne promuove l attivazione con rilascio di perossido d idrogeno, mieloperossidasi ed altri indici di attivazione e ne inibisce l apoptosi Ad un ph acido sarebbe anche favorito il reclutamento IL2-mediato dei linfociti 37. I processi ossidativi sono ph-dipendenti e vengono potenziati nel microambiente acido 38 ; il perossinitrito forma il suo acido (acido perossinitroso) e non reagisce con il glutatione ridotto: viene così ridotta la sua nitrosilazione a nitrosoglutatione dall azione broncodilatatrice; in altri termini, vengono promosse vie alternative di nitrosilazione e la decomposizione a nitrati 39. Questo meccanismo si accorda con precedenti osservazioni sulla patogenesi della flogosi nell asma in cui sono aumentati lo stress ossidativo ed i nitrati 40,41 e con il riscontro di un aumento, favorito verosimilmente anche dal ph acido, delle specie tossiche degli ossidi di azoto 2. Gli effetti degli acidi, endogeni o esogeni, dipendono tuttavia dall efficienza dei sistemi tampone delle vie aeree e dalla capacità delle cellule epiteliali ed infiammatorie di tollerare le variazioni del ph. Vi sono meccanismi di produzione di idrogenioni a livello del fluido di lining delle vie aeree; il ph dei corpi lamellari si aggira attorno a 3 e la secrezione di surfattante determina un accumulo di protoni negli alveoli 42. Inoltre sono state identificate diverse pompe ioniche coinvolte nella secrezione di ioni idrogeno 43. L acidificazione delle vie aeree si determina durante i processi flogistici attraverso il rilascio del contenuto dei vacuoli delle cellule infiammatorie 44. I sistemi tampone nelle vie aeree sono rappresentati dalle proteine, come l albumina, contenute nel fluido di rivestimento epiteliale. La secrezione di bicarbonato può avvenire in seguito all attivazione della proteina transmembrana alterata nella fibrosi cistica (cystic fibrosis transmembrane regulator, CFTR) 45. La glutaminasi, attivata dall abbassamento del ph, determinerebbe la produzione di ammoniaca e bicarbonato e tale enzima è inoltre inducibile dagli steroidi 46. Appare quindi evidente come il mantenimento del ph sia un meccanismo complesso e regolato da meccanismi omeostatici che, in situazioni particolari, prevedono e tollerano temporanei scostamenti dai valori di base.

3 212 Recenti Progressi in Medicina, 99, 4, 2008 Tecniche di studio Il ph delle vie aeree è stato relativamente poco studiato finora, sia nell uomo sia nel modello animale per le difficoltà legate al campionamento delle vie aeree in vivo. Nella misurazione del ph, il problema dell influenza da parte di altri agenti si pone in maniera particolare. Il fluido di rivestimento epiteliale non è un composto uniforme, bensì è costituito da uno strato di sol coperto da gel, con un aumento della produzione di muco da parte delle ghiandole mucipare in condizioni patologiche. Pertanto questi componenti potrebbero avere un ph diverso e lo stesso potrebbe presentare variazioni in senso prossimo-distale e in conseguenza delle manovre di campionamento invasivo. Ad oggi, il ph delle vie aeree è stato misurato con diverse tecniche: il condensato su esalato bronchiale (deaereato, per rimuovere l effetto dell anidride carbonica), l espettorato indotto, misura diretta sul muco da prelievo tessutale, ph-metro in situ attraverso broncoscopio o via aerea artificiale 3,4, Allo stato attuale non esiste un gold standard di riferimento per la misurazione del ph; da modelli umani ed animali il ph delle vie aeree è risultato mediamente alcalino 2. La determinazione del ph sull espettorato rappresenta, al pari delle altre, una misura indiretta ed integrata della concentrazione idrogenionica del fluido di rivestimento epiteliale; proprio per le caratteristiche reologiche di quest ultimo è ipotizzabile una maggior concentrazione di idrogenioni nell espettorato indotto con minori influenze esterne. Tali problemi non sono comunque facilmente ovviabili per qualsiasi tecnica di campionamento non invasiva, in quanto la misura risente potenzialmente di molteplici fattori legati al passaggio del materiale attraverso le vie aeree superiori, l orofaringe e, non ultimo, il contatto con l atmosfera e la possibile contaminazione gastrica. Il ph nell asma bronchiale Già in passato era stata osservata una variazione del ph in relazione allo stato clinico dei pazienti asmatici. In uno studio condotto diversi anni fa, venivano considerate le caratteristiche della broncorrea, definita come espettorazione acquosa superiore a 100 ml al dì, in pazienti con riacutizzazione di asma; questa presentava un ph significativamente inferiore rispetto allo sputo mucoso 53. Tale riscontro è anche parzialmente in linea con quanto determinato dagli studi successivi. Gli studi condotti finora sul ph del condensato su espirato bronchiale hanno considerato diversi aspetti. Hunt e coll. hanno evidenziato come il ph del condensato su espirato bronchiale dei soggetti con riacutizzazione asmatica (5,23±0,21) sia significativamente inferiore rispetto ai con- trolli sani (7,65±0,2) con la tendenza a normalizzarsi dopo terapia steroidea sistemica (7,40±0,23). Il gruppo di soggetti con asma stabile presentava un ph alcalino (7,80±0,1) 4. Kostikas e coll. hanno invece considerato il condensato su espirato di malati respiratori diversi tra di loro, tra cui pazienti asmatici di grado lievemoderato, broncopneumopatici cronici e bronchiectasici. Nei pazienti con asma bronchiale il ph era inferiore nei soggetti con asma di grado moderato (7,27, 95% CI 7,15-7,39), rispetto ai soggetti con asma lieve (7,6, 95% CI 7,55-7,65) e rispetto ai controlli sani (7,57, 95% CI 7,51-7,64), ed inversamente correlato agli indici di stress ossidativi (nitriti/nitrati, 8-isoprostano, perossido d idrogeno), alla presenza di eosinofili ed al FEV 1. Inoltre, il ph era superiore nei pazienti in terapia steroidea inalatoria (7,56, 95% CI 7,47-7,65) 3. Gli effetti degli steroidi sulla regolazione del ph non sono ancora noti; uno dei meccanismi proposti sarebbe rappresentato dall induzione della glutaminasi con produzione di ioni ammonio, i quali svolgerebbero un ruolo alcalinizzante 46, ma, agendo anche su altri substrati (eosinofili, NO), le relazioni appaiono molto più complesse. Kodric e coll., esaminando invece l espettorato indotto, accanto alla valutazione della severità dell asma, hanno aggiunto il concetto di controllo della malattia, indagato mediante questionario validato Asthma Control Questionnaire ed hanno osservato come il ph sia significativamente diverso ed inferiore nel gruppo di pazienti con asma non controllato (7,06, SEM 0,07) rispetto a gruppo di pazienti con asma in buon controllo clinico (7,28, SEM 0,07), indipendentemente dal livello di severità della malattia (figura 1). I valori del ph erano comunque inferiori nei pazienti asmatici rispetto ai soggetti sani (7,54, SEM 0,03) 54. 7,7 7,5 7,3 ph 7,1 6,9 6,7 6,5 asma non controllato asma stabile asma sani Figura 1. Valori medi del ph dell espettorato indotto nei pazienti con asma controllato e non controllato e soggetti sani 54.

4 M. Kodric, M. Confalonieri: Acidificazione delle vie aeree e patogenesi dell asma 213 Prospettive di studio Altri meccanismi potrebbero essere coinvolti nell omeostasi acido-base; tra questi spiccano gli ioni forti come il sodio, il potassio, il cloro, il magnesio ed il calcio. L epitelio bronchiale possiede pompe ioniche in grado di secernere tali ioni 43,45,55,56, ma i meccanismi e gli effetti non sono ancora noti. Gli squilibri ionici, per il principio dell elettroneutralità, si ripercuotono anche sul meccanismo acido-base. Del resto, sostanze in grado di modulare le correnti ioniche, come la furosemide, si sono dimostrate utili nel prevenire la broncoostruzione in seguito a svariati stimoli 57,58 e svolgono un ruolo, ancora da chiarire, nella chemiotassi dei neutrofili 59. Il ph potrebbe quindi rappresentare uno dei fattori determinanti alcuni aspetti clinici dell asma bronchiale come il livello di controllo della malattia, ed essere un potenziale target terapeutico. La comprensione dell omeostasi acido-base delle vie aeree potrebbe pertanto aprire prospettive verso lo sviluppo di nuovi interventi farmacologici sempre più mirati. Conclusioni La misura del ph può essere considerata non solo un determinante patogenetico con molteplici implicazioni non ancora del tutto chiarite, ma anche un potenziale marcatore degli aspetti clinici dell asma bronchiale. Bibliografia 1. Global Strategy for Asthma Management and Prevention. NIH Publication n Updated from: NHLBI/WHO Workshop Report: Global Strategy for Asthma Management and Prevention Issued January Ricciardolo FLM, Gaston B, Hunt J. Acid stress in the pathology of asthma. J Allergy Clin Immunol 2004; 113: Kostikas K, Papatheodorou G, Ganas K, et al. ph in expired breath condensate of patients with inflammatory airways diseases. Am J Respir Crit Care Med 2002; 165: Hunt JF, Fang K, Malik R, et al. Endogenous airways acidification. Implications for asthma pathophysiology. Am J Respir Crit Care Med 2000; 161: Long R, Light B, Talbot JA, et al. Mycobacteriocidal action of exogenous nitric oxide. Antimicrob Agents Chemother 1999; 43: Crowle AJ, Dahl R, Ross E, et al. Evidence that vesicles containing living, virulent Mycobacterium tuberculosis or Mycobacterium avium in cultured human macrophages are not acidic. Infect Immun 1991; 59: Baldwin SR, Simon RH, Grum CM, et al. Oxidant activity in expired breath of patients with adult respiratory distress syndrome. Lancet 1986; 1: Klebanoff CJ. Reactive nitrogen intermediates and antimicrobial activity: role of nitrite. Free Radic Biol Med 1993; 14: Hickman-Davis J, Gibbs-Erwin J, Lindsay R, et al. Surfactant protein A mediates mycoplasmacidal activity of alveolar macrophages by production of peroxynitrite. Proc Natl Acd Sci USA 1999; 96: Hughes JH, Chema S, Lin N, et al. Acid lability of rhinoviruses: loss of C and D antigenicity after treatment at ph 3.0. J Immunol 1974; 112: Ricciardolo FLM. Mechanisms of citric acid-induced bronchoconstriction. Am J Med 2001; 111 (suppl 8a): 18-24s. 12. Jack CI, Calverley PM, Donnelly RJ, et al. Simultaneous tracheal and oesophageal ph measurements in asthmatic patients with gastro-oesophageal reflux. Thorax 1995; 50: Jack CI, Walshaw MJ, Tran J, et al. Twenty-fourhour tracheal ph monitoring-a simple and non-hazardous investigation. Respir Med 1994; 88: Boyle JT, Tuchman DN, Altschuler SM, et al. Mechanisms for the association of gastroesophageal reflux and bronchospasm. Am Rev Respir Dis 1985; 131: 16-20s. 15. Ishikawa T, Sekizawa SI, Sant Ambrogio FB, et al. Larynx vs. esophagus as reflexogenic sites for acidinduced bronchoconstriction in dogs. J Appl Physiol 1999; 86: Bevan S, Geppetti P. Protons: small stimulants of capsaicin-sensitive sensory nerves. Trends Neurosci 1994: 17: Holzer P. Capsaicin: cellular targets, mechanisms of action, and selectivity for thin sensory neurons. Pharmacol Rev 1991; 43: Caterina MJ, Schumacher MA, Tominaga M, et al. The capsaicin receptor: a heat-activated ion channel in the pain pathway. Nature 1997; 389: Regoli D, Boudon A, Fauchere JL. Receptors and antagonists for substance P and related peptides. Pharmacol Rev 1994; 46: Maggi CA, Giachetti A, Dey RD, et al. Neuropeptides as regulators of airway function: vasoactive intestinal peptide and the tachykinins. Physiol Rev 1995; 75: Lalloo UG, Fox UJ, Belvisi MG, et al. Capsazepine inhibits cough induced by capsaicin and citric acid but not by hypertonic saline in guinea pigs. J Appl Physiol 1995; 79: Satoh H, Lou YP, Lundberg JM. Inhibitory effects of capsazepine and SR on citric acid-induced bronchoconstriction in guinea-pigs. Eur J Pharmacol 1993; 236: Ricciardolo FLM, Rado V, Fabbri LM, et al. Bronchoconstriction induced by citric acid inhalation in guinea pigs: role of tachykinins, bradykinin, and nitric oxide. Am J Respir Crit Care Med 1999; 159: Lai YL, Chiou WY, Lu FJ, et al. Roles of oxygen radicals and elastase in citric acid-induced airway constriction of guinea-pigs. Br J Pharmacol 1999; 126: Martling R, Lundberg JM. Capsaicin sensitive afferents contribute to acute airway edema following tracheal instillation of hydrochloric acid or gastric juice in the rat. Anesthesiology 1988; 68: Abelli L, Maggi CA, Rovero P, et al. Effect of synthetic tachykinin analogues on airway microvascular leakage in rats and guineapigs: evidence for involvement of NK1 receptors. J Auton Pharmacol 1991; 11:

5 214 Recenti Progressi in Medicina, 99, 4, Eglezos A, Giuliani S, Viti G, et al. Direct evidence that capsaicininduced plasma protein extravasation is mediated through tachykinin NK1 receptors. Eur J Pharmacol 1991; 209: Holma B, Hegg PO. ph- and protein-dependent buffer capacity and viscosity of respiratory mucus: their interrelationships and influence on health. Sci Total Environ 1989; 84: Holma B, Lindgren M, Andersen JM. ph effects on ciliomotiliy and morphology of respiratory mucosa. Arch Environ Health 1977; 32: Lee KH, Rico P, Billiar TR, et al. Nitric oxide production after acute, unilateral hydrochloric acid-induced lung injury in a canine model. Crit Care Med 1998; 26: Wolley KL, Gibson PG, Carty AJ., et al. Eosinophil apoptosis and the resolution of airway inflammation in asthma. Am J Respir Crit Care Med 1996; 154: Beauvais F, Michel L, Dubertret L. The nitric oxide donors, azide and hidroxylamine, inhibit the programmed cell death of cytokine-deprived human eosinophils. FEBS Letter 1995; 361: Jacoby DB, Costello RM, Fryer AD. Eosinophil recruitment to the airway nerves. J Allergy Clin Immunol 2001; 107: Trevani AS, Andonegui G, Giordano M, et al. Extracellular acidification induces human neutrophil activation. J Immunol 1999; 162: Lardner A. The effects of extracellular ph on immune function. J Leukoc Biol 2001; 69: Zigmond SH, Hargrove RL. Orientation of PMN in a ph gradient: acid-induced release of a chemotactic factor. J Immunol 1981; 126: Ratner S. Motility of IL-2-stimulated lymphocytes in neutral and acidified extracellular matrix. Cell Immunol 1992; 139: Nader-Djalal N, Knight PR. 3rd, Thusu K, Davidson BA, Holm BA, et al. Reactive oxygen species contribute to oxygen-related lung injury after acid aspiration. Anesth Analg 1998; 87: Crow JP, Spruell C, Chen J, et al. On the ph-dependent yield of hydroxyl radical products from peroxynitrite. Free Radic Biol Med 1994; 16: Rahman I, Morrison D, Donaldson K, et al. Systemic oxidative stress in asthma, COPD, and smokers. Am J Respir Crit Care Med 1996; 54: Kanazawa H, Shoji S, Yamada M, et al. Increased levels of nitric oxide derivatives in induced sputum in patients with asthma. J Allergy Clin Immunol 1997; 99: Wadsworth J, Spitzer AR, Chander A. Ionic regulation of proton chemical (ph) and electrical gradients in lung lamellar bodies. Am J Physiol 1997; 273: Dudeja PK, Hafez N, Tyagi S, et al. Expression of the Na+/H+ and Cl-/HCO-3 exchanger isoforms in proximal and distal human airways. Am J Physiol 1999; 276: Aldridge RE, Chan T, Van Dalen CJ, et al. Eosinophil peroxidase produces hypobromous acid in the airways of stable asthmatics. Free Radic Biol Med 2002; 33: Devor DC, Singh AK, Lambert LC, et al. Bicarbonate and chloride secretion in Calu-3 human airway epithelial cells. J Gen Physiol 1999; 113: Hunt JF, Erwin E, Palmer L, et al. Expression and activity of ph-regulatory glutaminase in the human airway epithelium. Am J Respir Crit Care Med 2002; 165: Vaughan J, Ngamtrakulpanit L, Pajewski T, et al. Exhaled breath condensate is a robust and reproducible assay of airway acidity. Eur Respir J 2003; 22: McShane D, Davies JC, Davies MG, et al. Airway surface ph in subjects with cystic fibrosis. Eur respire J 2003; 21: Jack CI, Tran J, Donnely RJ, et al. Endobronchial ph measurements in anaesthetised subjects. Thorax 1991; 46; 751p. 50. Antzcak A, Gorski P. Endogenous airway acidification and oxidant overload in infectious exacerbations of COPD (Abstract). Am J Respir Crit Care Med 2001; 163: 725a. 51. Metheny NA, Stewart BJ, Smith L, et al. ph and concentration of bilirubin in feeding tube aspirates as predictors of tube placements. Nurs Res 1999; 48: Jayaraman S, Joo NS, Reitz B, et al. Submucosal gland secretions in airways from cystic fibrosis patients have normal [Na+] and ph but elevated viscosity. Proc Natl Acad Sci USA 2001; 98: Shimura S, Sasaki T, Sasaki H, et al. Chemical properties of bronchorrea sputum in bronchial asthma. Chest 1988; 94: Kodric M, Shah AN, Fabbri LM, Confalonieri M. An investigation of airway acidification in asthma using induced sputum. A study of feasibility and correlation. Am J Respir Crit Care 2007; 175: Fischer H, Widdicombe JH, Illek B. Acid secretion and proton conductance in human airway epithelium. Am J Physiol Cell Physiol 2002; 282: Inglis SK, Wilson SM, Olver RE. Secretion of acid and base equivalents by intact distal airways. Am J Physiol Lung Cell Mol Physiol 2003; 284: Bianco S, Robuschi M, Vaghi A, et al. Inhaled transmembrane ion transport modulators and non-steroidal anti-inflammatory drugs in asthma. Thorax 2000; 55 (suppl 2): 48-50s. 58. Bianco S, Pieroni M, RefiniR, et al. Inhaled loop diuretics as potential new anti-asthmatic drugs. Eur Respir J 1993; 6: Bialasiewicz P, Wlodarczyk A, Dudkiewicz B, et al. Inhibitory effect of furosemide on activation of human peripheral blood polymorphonuclear leukocytes stimulated with n-formyl-methionyl-leucylphenylalanine. Int Immunopharmacol 2004; 4: Indirizzo per la corrispondenza: Dott. Metka Kodric Azienda Ospedaliero-Universitaria Ospedali Riuniti di Trieste Ospedale di Cattinara Struttura Complessa Pneumologia Strada di Fiume, Trieste

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale

SNLG. Regioni LINEA GUIDA. Linee guida sull asma bronchiale. Consiglio Sanitario Regionale SNLG Regioni 10 Linee guida sull asma bronchiale LINEA GUIDA Consiglio Sanitario Regionale Data di pubblicazione: agosto 2010 Data di aggiornamento: agosto 2014 Estensori delle linee guida sull asma bronchiale

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Gli scambi tra cellula ed ambiente

Gli scambi tra cellula ed ambiente Gli scambi tra cellula ed ambiente Equilibrio osmotico Squilibrio chimico Squilibrio elettrico Equilibrio dinamico Lo scopo dell omeostasi è mantenere l equilibrio dinamico dei compartimenti corporei.

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

LMA Supreme Second Seal

LMA Supreme Second Seal LMA Supreme Second Seal Mantenimento della pervietà delle vie aeree. Gestione del contenuto gastrico. Pieno rispetto delle raccomandazioni del report NAP4. Una doppia tenuta clinicamente provata L importanza

Dettagli

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valeria Garbero vgarbero@golder.it Politecnico di Torino e Golder Associates, Natasa

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

La nucleoplastica percutanea a coblazione nel trattamento dell ernia discale lombare e cervicale

La nucleoplastica percutanea a coblazione nel trattamento dell ernia discale lombare e cervicale La nucleoplastica percutanea a coblazione nel trattamento dell ernia discale lombare e cervicale G.Bonaldi Neuroradiologia Osp. P. Giovanni XXIII - Bergamo Storia della chirurgia miniinvasiva del disco

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Formule di Struttura delle Molecole Organiche

Formule di Struttura delle Molecole Organiche Formule di Struttura delle Molecole Organiche Costituzione L ordine in cui gli atomi di una molecola sono connessi è chiamata costituzione o connettività. La costituzione di una molecola deve essere determinata

Dettagli

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica Un modello per introdurre cambiamenti nel percorso diagnostico-assistenziale della malattia cronica Modena, Giugno 2004 Raccomandazioni

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

Vitamina D: Produzione, Metabolismo, Meccanismo di Azione e Requisiti Clinici. American society for bone and Mineral Research

Vitamina D: Produzione, Metabolismo, Meccanismo di Azione e Requisiti Clinici. American society for bone and Mineral Research Vitamina D: Produzione, Metabolismo, Meccanismo di Azione e Requisiti Clinici American society for bone and Mineral Research Vitamina D La vitamina D è una sostanza che può essere considerata a tutti gli

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Meccanismi di azione degli antiossidanti

Meccanismi di azione degli antiossidanti Meccanismi di azione degli antiossidanti Materiali rganici Sistemi biologici Lipidi, Proteine, Acidi Nucleici Alimenti Polimeri Materiali plastici, Gomme Lubrificanti Idrocarburi Carburanti Degradazione

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli