Il sistema AVA Le fasi di accreditamento iniziale e periodico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema AVA Le fasi di accreditamento iniziale e periodico"

Transcript

1 Il sistema AVA Le fasi di accreditamento iniziale e periodico Massimo Castagnaro Esperto ANVUR Giornata di formazione esper0 disciplinari, Roma, luglio 2015

2 DPR 1 febbraio 2010, n. 76 Legge 30 dicembre 2010, n. 240 Decreto Legislativo 27 gennaio 2012, n. 19 (Valorizzazione dell'efficienza delle università e conseguente introduzione di meccanismi premiali nella distribuzione di risorse pubbliche sulla base di criteri defini; ex ante anche mediante la previsione di un sistema di accreditamento periodico delle università ) Sistema A.V.A. DM 30 gennaio 2013 n. 47 (Adozione del sistema AVA) 2

3 Sistema A.V.A. DM 30 gennaio 2013 n. 47 (Adozione del sistema AVA) DM 23 dicembre 2013 n (Adeguamen0 ed integrazioni DM 47 - AI) DM 27 marzo 2015 n. 194 (Ulteriori modifiche requisi0 di A.I.) 3

4 Legge 30 dicembre 2010, n. 240, art 5 (Delega in materia di interven0 per la qualità e l'efficienza del sistema universitario), comma 3. Nell'esercizio della delega di cui al comma 1, ledera a), del presente ar;colo, il Governo si afene ai seguen; principi e criteri direfvi: a) introduzione di un sistema di accreditamento delle sedi e dei corsi di studio universitari di cui all'articolo 3 del regolamento di cui al decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca 22 ottobre 2004, n. 270, fondato sull'utilizzazione di specifici indicatori definiti ex ante dall'anvur per la verifica del possesso da parte degli atenei di idonei requisiti didattici, strutturali, organizzativi, di qualificazione dei docenti e delle attività di ricerca, nonché di sostenibilità economico-finanziaria; 4

5 Legge 30 dicembre 2010, n. 240, art 5 (Delega in materia di interven0 per la qualità e l'efficienza del sistema universitario), comma 3. Nell'esercizio della delega di cui al comma 1, ledera a), del presente ar;colo, il Governo si afene ai seguen; principi e criteri direfvi: b) introduzione di un sistema di valutazione periodica basato su criteri e indicatori stabiliti ex ante, da parte dell'anvur, dell'efficienza e dei risultati conseguiti nell'ambito della didattica e della ricerca dalle singole università e dalle loro articolazioni interne 5

6 Legge 30 dicembre 2010, n. 240, art 5 (Delega in materia di interven0 per la qualità e l'efficienza del sistema universitario), comma 3. Nell'esercizio della delega di cui al comma 1, ledera a), del presente ar;colo, il Governo si afene ai seguen; principi e criteri direfvi: c) potenziamento del sistema di autovalutazione della qualità e dell'efficacia delle proprie attività da parte delle università, anche avvalendosi dei propri nuclei di valutazione e dei contributi provenienti dalle commissioni paritetiche di cui all'articolo 2, comma 2, lettera g); 6

7 Legge 30 dicembre 2010, n. 240, art 5 (Delega in materia di interven0 per la qualità e l'efficienza del sistema universitario), comma 3. Nell'esercizio della delega di cui al comma 1, ledera a), del presente ar;colo, il Governo si afene ai seguen; principi e criteri direfvi: d) definizione del sistema di valutazione e di assicurazione della qualità degli atenei in coerenza con quanto concordato a livello europeo, in particolare secondo le linee guida adottate dai Ministri dell'istruzione superiore dei Paesi aderenti all'area europea dell'istruzione superiore; 7

8 Il sistema AVA e l accreditamento Valutazione risulta0 applicazione AQ Accreditamento Iniziale Valutazione Periodica Autovalutazione 8

9 Accreditamento iniziale 9

10 D.Lgs 27 gennaio 2012, n. 19 Art. 5 comma 2 1. Per accreditamento iniziale si intende l'autorizzazione all'università da parte del Ministero ad afvare sedi e corsi di studio. 2. L'accreditamento iniziale comporta l'accertamento della rispondenza delle sedi e dei corsi di studio agli indicatori ex ante defini; dall'anvur ai sensi dell'ar;colo 6, vol; a misurare e verificare i requisi; didafci, strudurali, organizza;vi, di qualificazione dei docen; e di qualificazione della ricerca idonei a garan;re qualità, efficienza ed efficacia nonché a verificare la sostenibilità economico- finanziaria delle afvità. 10

11 DM 30 gennaio 2013, n. 47 Art. 2 - Procedure CUN e ANVUR finalizzate all accreditamento dei corsi di studio 3. L ANVUR è chiamata ad esprimersi in fase di accreditamento e di afvazione del corso di studio, verificando: a) il possesso dei requisi; di cui agli allega; A e B; b) la rispondenza degli obiefvi forma;vi ai risulta; di apprendimento adesi e agli sbocchi occupazionali individua;, nell ambito dei percorsi forma;vi di cui si richiede l afvazione. 11

12 DM 30 gennaio 2013, n. 47 Art. 4 - Accreditamento dei corsi di studio 4. I corsi di studio di nuova afvazione, anche se già is;tui;, in sedi preesisten; odengono l accreditamento iniziale a seguito della verifica del possesso dei requisi0 di cui all allegato A, inclusi quelli previs; a regime per la docenza, e devono superare la verifica dei requisi; di Assicurazione della Qualità (AQ) di cui all allegato C, atraverso la valutazione delle CEV. 12

13 DM 30 gennaio 2013, n. 47 Allegato A lettera e, requisiti per l assicurazione di qualità I. Presenza documentata delle afvità di Assicurazione della Qualità per il Corso di Studio: ciascuna Sede e ciascun Corso di Studio devono dimostrare la presenza del sistema di AQ. II. Rilevazione dell opinione degli studen;, dei laureandi e dei laurea;: Per ogni Corso di Studio dovranno essere somministrate, secondo le modalità previste dall ANVUR, le schede di rilevazione dell opinione degli studen;, dei laureandi e dei laurea; sulle afvità di formazione e rela;vi servizi. III. Compilazione della Scheda Unica Annuale dei Corsi dei Studio: Ogni Corso di Studio dovrà debitamente compilare la SUA- CdS entro i termini stabili;. IV. Redazione del Rapporto di Riesame: Ogni Corso di Studio dovrà redigere e deliberare annualmente il Rapporto Annuale di Riesame entro i termini stabili;. 13

14 DM 30 gennaio 2013, n. 47 Allegato C lettera e, requisiti per l assicurazione di qualità AQ 5 Il sistema di AQ è effefvamente applicato ed è efficacemente in funzione nei Corsi di Studio visita; a campione presso l ateneo (se non è presente viene revocato l Accreditamento al Corso di Studio). Il requisito AQ5 include la verifica sull effefva adozione del Diploma Supplement secondo quanto indicato dalle rela;ve linee guida vigen;. Con delibere specifiche dell ANVUR verranno iden;fica; i pun; cri;ci di controllo, le precise modalità di verifica dei Requisi; per l AQ 1-5 e criteri e procedure dell allocazione degli Atenei nei quadro livelli di cui all art. 3 comma 6 del presente decreto (Linee guida pre- afvazione) 14

15 DM 23 dicembre 2013, n Allegato A lettera B, Requisiti di docenza Laurea I anno di axvazione 5 docen; di cui almeno 2 professori almeno 2 docen; di SSD base/caraderizzan; massimo 3 docen; SSD affini Laurea magistrale I anno di axvazione 4 docen; di cui almeno 2 professori almeno 2 docen; di SSD base/caraderizzan; massimo 2 docen; SSD affini 15

16 DM 23 dicembre 2013, n Allegato A lettera B, Requisiti di docenza LMCU 5 anni I anno di axvazione 8 docen; di cui almeno 3 professori almeno 4 docen; di SSD base/caraderizzan; massimo 4 docen; SSD affini LMCU 6 anni I anno di axvazione 10 docen; di cui almeno 4 professori almeno 6 docen; di SSD base/caraderizzan; massimo 4 docen; SSD affini 16

17 DM 23 dicembre 2013, n Allegato A lettera B, Requisiti di docenza Corsi di studio delle Professioni sanitarie, Scienze motorie, Servizio Sociale, Mediazione Linguis;ca e traduzione e interpretariato Laurea I anno di axvazione 4 docen; di cui almeno 1 professori almeno 3 docen; di SSD base/caraderizzan; massimo 1 docen; SSD affini Laurea magistrale I anno di axvazione 2 docen; di cui Almeno 1 professore Almeno 1 docente di SSD base/caraderizzan; Massimo 1 docente SSD affini 17

18 DM 23 dicembre 2013, n Allegato A lettera B, Requisiti di docenza Corsi di Studio Scienze della Formazione Primaria, Conservazione e Restauro dei Beni Culturali LMCU 5 anni I anno di axvazione 6 docen; di cui almeno 2 professori almeno 3 docen; di SSD base/caraderizzan; massimo 3 docen; SSD affini aggiunta almeno 2 figure specialis;ca del sedore* *con il termine figure specialis;che di sedore si fa riferimento alla docenza di ruolo o a contrado affidata a figure con specifica professionalità e competenza secondo quanto definito dall ANVUR e impiegate prevalentemente nelle afvità forma;ve caraderizzan; il corso di studi 18

19 DM 23 dicembre 2013, n Allegato A lettera B, Requisiti di docenza Università Telema;che e Corsi di Studio a distanza delle università statali e non statali Laurea I anno di axvazione 5 docen; di cui almeno 1 professori almeno 2 docen; di SSD base/caraderizzan; massimo 3 docen; SSD affini 2 tutor Laurea magistrale I anno di axvazione 4 docen; di cui almeno 1 professori almeno 2 docen; di SSD base/caraderizzan; massimo 2 docen; SSD affini 2 tutor 19

20 DM 23 dicembre 2013, n Allegato A lettera B, Requisiti di docenza Università Telema;che e Corsi di Studio a distanza delle università statali e non statali LMCU 5 anni I anno di axvazione 8 docen; di cui almeno 3 professori almeno 5 docen; di SSD base/caraderizzan; massimo 3 docen; SSD affini 2 tutor 20

21 DM 27 marzo 2015, n. 194 Art. 1-3 Integrazioni temporanee (periodo di vigenza del turn- over) Docen; di riferimento (contraf di insegnamento ai sensi dell art.23 della legge 240/10 e dell art.1, comma 4 della legge 230/2005 Limi; al numero complesso di u;lizzo 21

22 Accreditamento Periodico 22

23 D.Lgs 27 gennaio 2012, n. 19 Art. 5 - Sistema di accreditamento 3. Per accreditamento periodico delle sedi e dei corsi di studio si intende la verifica dei requisi; di qualità, di efficienza e di efficacia delle afvità svolte. L'accreditamento periodico avviene con cadenza almeno quinquennale per le sedi e almeno triennale per i corsi di studio ed è basato sulla verifica della persistenza dei requisi; di cui al comma 2, su ulteriori indicatori defini; ex ante dall'anvur sugli esi; della valutazione di cui agli ar;coli 9 e

24 Il sistema AVA e l accreditamento Valutazione risulta0 applicazione AQ Accreditamento Iniziale Valutazione Periodica Autovalutazione 24

25 Decreto Legislativo 27 gennaio 2012, n. 19 (Valorizzazione dell'efficienza delle università e conseguente introduzione di meccanismi premiali nella distribuzione di risorse pubbliche sulla base di criteri defini; ex ante anche mediante la previsione di un sistema di accreditamento periodico delle università ) Legge 30 dicembre 2010, n. 240 Coerenza con le ESG DPR 1 Autovalutazione febbraio 2010, n. 76 AQ Sistema A.V.A. Sistema di verifica (visite in loco) 25

26 ESG 1. Gli ESG sono focalizza; sull assicurazione della qualità dell apprendimento e dell insegnamento nell istruzione superiore, inclusi i contes; di apprendimento e gli opportuni collegamen; con la ricerca e l innovazione 2. Inoltre le Is;tuzioni hanno poli;che e processi af a garan;re ed a migliorare la qualità delle altre afvità di loro competenza, quali ricerca e governance. 26

27 ESG 1. Sono suddivise in tre par;: Assicurazione Interna della Qualità Assicurazione Esterna della Qualità Agenzie di AQ 2. Ognuna di esse è suddivisa in pun; che contengono Standard (definizione dell aspedo da considerare) e linee guida (modalità e pun; di adenzione da considerare) 27

28 ESG 1. Assicurazione Interna della Qualità 1.1. Poli;che per l Assicurazione di Qualità 1.2. ProgeDazione ed approvazione dei CdS 1.3. Apprendimento, insegnamento e verifica del profido incentra; sullo studente 1.4. Ammissione degli studen;, progressione, riconoscimento e cer;ficazione 1.5. Corpo docente 1.6. Risorse didafche e sostegno degli studen; 1.7. Ges;one delle informazioni 1.8. Pubblicità delle informazioni 1.9. Monitoraggio con;nuo e revisione periodica dei CdS Assicurazione esterna ciclica della qualità 28

29 Modello di AiQ-AVA Organi di governo dell Ateneo Presidio della qualità StruTura didaxca Dipar0mento NdV CP AQ e qualità della didaxca AQ e qualità della Ricerca 29

30 ü ESG Standard e linee guida per l AEQ 1. Considerazione della AIQ Standard: L AEQ dovrebbe esaminare in primo luogo l efficacia dei processi di AIQ descrif nella parte 1 degli ESG Linee guida: L AQ dell'istruzione superiore è basata sulla responsabilità delle Is0tuzioni per la qualità dei loro corsi di studio e degli altri servizi educa0vi offer0. Pertanto, è importante che l'assicurazione esterna della qualità riconosca e sostenga la responsabilità is0tuzionale nei confron; dell'assicurazione della qualità. 30

31 ü ESG Standard e linee guida per l AEQ Requisito Indicatore Pun0 di atenzione Responsabilità AQ1 AQ1A- AQ1E 18 Is;tuzione AQ2-2 Is;tuzione AQ3-2 Is;tuzione AQ4 4 Is;tuzione AQ6 AQ6A- C 12 Is;tuzione AQ7-3 Is;tuzione Totale pun; di adenzione Is;tuzione AQ5 AQ5A- E 16 Corso di studio Totale pun; di adenzione CdS

32 ü ESG Standard e linee guida per l AEQ 2. ProgeTazione di metodologie adate allo scopo Standard: l AEQ dovrebbe essere specificamente definita e progedata sopradudo al fine di garan0re la sua idoneità al conseguimento degli obiexvi che sono sta0 fissa0, nel rispedo dei regolamen; vigen;. I vari portatori di interesse dovrebbero essere coinvol; nella sua progedazione e con;nuo miglioramento. 32

33 ü ESG Standard e linee guida per l AEQ ü AVA e AEQ AQ1 L Ateneo stabilisce dichiara ed effefvamente persegue adeguate poli;che volte a realizzare la propria visione della qualità della formazione (5 indicatori) AQ1A Ø Formulazione chiara ed esplicita di obiefvi concre; Ø Risorse adeguate agli obiefvi dichiara; Ø Pubblicità dei risulta; Ø Monitoraggio dell aduazione della AIQ AQ1B Ø Verifica delle modalità di progedazione, realizzazione, verifica degli apprendimen; e monitoraggio dell afvità didafca 33

34 ü ESG Standard e linee guida per l AEQ AQ1 L Ateneo stabilisce dichiara ed effefvamente persegue adeguate poli;che volte a realizzare la propria visione della qualità della formazione (5 indicatori) AQ1C Ø ProgeDazione dei CdS per studen; con difficoltà alla frequenza AQ1D Ø Verifica delle risorse per la docenza (quan;tà e qualità) e organizza;ve AQ1E Ø Regolarità dei processi di autovalutazione dei processi e dei risulta; nei CdS 34

35 ü ESG Standard e linee guida per l AEQ AQ2 L Ateneo sa in che misura le proprie poli;che sono effefvamente realizzate dai CdS (afvità di monitoraggio periferico del Presidio) AQ3 L Ateneo chiede ai CdS di pra;care il miglioramento con;nuo della qualità (interven; di miglioramento sui risulta; che presentano cri;cità) AQ4 EffeFva organizzazione della AIQ dell Ateneo (chiara responsabilità degli adori coinvol;, afvità di interazione di Presidio, CPDS e NdV) AQ6 Strategia e obiefvi della ricerca, monitoraggio dell aduazione delle poli;che dell Is;tuzione, interven; di miglioramento dei risulta;. AQ7 Carico didafco adeguato e sostenibile 35

36 ü ESG Standard e linee guida per l AEQ 2. ProgeTazione di metodologie adate allo scopo Standard: l AEQ dovrebbe essere specificamente definita e progedata sopradudo al fine di garan0re la sua idoneità al conseguimento degli obiexvi che sono sta0 fissa0, nel rispedo dei regolamen; vigen;. I vari portatori di interesse dovrebbero essere coinvol; nella sua progedazione e con;nuo miglioramento. Linee guida: Per garan;rne l'efficacia e l'obiefvità è vitale che l AEQ abbia obiefvi chiari e concorda; con i portatori di interesse. Gli obiefvi e l'aduazione dei processi:.; terranno conto dell'esigenza di aiutare le Is0tuzioni a migliorare la loro qualità; permederanno alle Is;tuzioni di dimostrare tale miglioramento; si tradurranno in chiare informazioni sui risulta0 ed il follow- up ateso. 36

37 ü ESG Standard e linee guida per l AEQ 3. ATuazione dei processi Standard I processi di AEQ dovrebbero essere affidabili, u;li, predefini;, adua; uniformemente e resi no; al pubblico. Essi comprendono: una autovalutazione o suo equivalente; una valutazione esterna, di solito comprendente una visita in loco; un rapporto di valutazione esterna; un follow up adeguato 37

38 ü ESG Standard e linee guida per l AEQ 3. ATuazione dei processi Linee guida: Una conduzione professionale, coerente e trasparente delle afvità di AEQ ne garan;sce l'accedazione e l'impado. Secondo l impostazione del sistema di AEQ, l'is;tuzione fornisce gli elemen; di base per la valutazione esterna tramite l autovalutazione o raccogliendo altri materiali u0li. Di solito, la documentazione scrida è integrata da colloqui con i portatori di interesse nel corso di una visita in loco. Le risultanze della valutazione sono riassunte in un rapporto (cfr. lo Standard 2.5) redado da un gruppo di esper; esterni (cfr. lo Standard 2.4). L AEQ non si conclude con il rapporto degli esper;. Il rapporto offre un chiaro orientamento per il futuro dell is;tuzione e le agenzie predispongono un processo coerente di follow- up per considerare le azioni da essa intraprese. La natura del follow- up dipenderà dalla progedazione dell AEQ. 38

39 ü ESG Standard e linee guida per l AEQ 4. Revisione da parte di esper0 del setore La AEQ dovrebbe essere svolta da gruppi di esper; esterni, comprendente uno o più studen;. Linee guida Elemento essenziale dell AEQ è la vasta gamma di competenze messa a disposizione da esper; appartenen; alle varie ;pologie di portatori di interesse, i quali contribuiscono al lavoro dell'agenzia con input derivan; da varie prospefve, comprese quelle delle Is;tuzioni, dei docen;, degli studen; e dei datori di lavoro o professionis0 di setore. Per garan;re il valore e la coerenza del lavoro degli esper;, essi: sono seleziona0 con cura; hanno adeguate competenze e sono in grado di svolgere il compito richiesto; sono supporta; da una specifica formazione. L'agenzia garan;sce l'indipendenza degli esper; adraverso un meccanismo di esclusione dei conflix di interesse. Nell AEQ è anche auspicabile il coinvolgimento di esper0 internazionali, per esempio come membri della commissione di valutazione, in quanto tale partecipazione aggiunge una ulteriore dimensione allo sviluppo ed all'aduazione dei processi. 39

40 ü AVA e AEQ Le Commissioni di Esper0 della Valutazione (CEV) e le visite in loco A. Tipologia 1. Esper; di sistema (AQ Is;tuzionale e ges;one generale) 2. Esper; disciplinari (Corsi di studio) 3. Esper; per Corsi eroga; a distanza (esper; telema;ci) 4. Studen; 5. Esper; di terza missione 40

41 ü ESG Standard e linee guida per l AEQ 5. Criteri per la formulazione degli esi0 Qualsiasi risultato o giudizio scaturito dalla AEQ dovrebbe essere basato su criteri esplici; e pubblici, applica; in modo uniforme, indipendentemente dal fado che il processo produca o meno una decisione formale. Linee guida: L AEQ, ed in par;colare i suoi risulta;, hanno un impato significa0vo sulle Is;tuzioni e sui corsi di studio che sono sta; esamina; e valuta;. Per una maggiore equità e affidabilità del processo, i risulta; dell AEQ devono essere fonda; su criteri predefini0 e resi pubblici, applica; in modo uniforme e basa; su da; concre;. In base al sistema di AEQ adodato, i risulta; possono assumere forme diverse, per esempio raccomandazioni, giudizi o decisioni formali. 41

42 ü ESG Standard e linee guida per l AEQ 6. Stesura dei rappor0 I rappor; comple; degli esper; des;na; alla pubblicazione dovrebbero essere redaf in uno s;le chiaro e di facile ledura sia per la comunità accademica che per i partner esterni ed altro soggex interessa0. Se l agenzia assume una qualsiasi decisione formale basata su tali rappor;, la decisione deve essere resa pubblica assieme ad essi. 42

43 ü ESG Standard e linee guida per l AEQ Linee guida: Il rapporto redado dagli esper; cos;tuisce la base dell'azione di follow- up che l'is;tuzione svolge dopo la valutazione esterna, ed offre alla società informazioni sulle afvità di tale is;tuzione. Per poter essere usato come base delle azioni da intraprendere, il rapporto deve essere chiaro e conciso, sia nella strudura che nel linguaggio, ed offrire: la descrizione del contesto (per consen;re di collocare l is;tuzione nel suo contesto specifico); la descrizione della procedura seguita, compresi gli esper; coinvol;; i da; concre;, l analisi e le risultanze; le conclusioni; le buone pra;che mostrate dall'is;tuzione; le raccomandazioni per l'azione di follow- up. Può essere u;le predisporre una sintesi del rapporto. L'accuratezza faduale di un rapporto migliora se l'is0tuzione ha l'opportunità di segnalare eventuali errori di fato prima della finalizzazione del rapporto. 43

44 ü ESG Standard e linee guida per l AEQ 7. Reclami e ricorsi Le modalità di reclamo e ricorso dovrebbero essere chiaramente definite nella progedazione dei processi di AEQ e comunicate alle Is;tuzioni. Linee guida: Per salvaguardare i dirif delle Is;tuzioni e garan;re un corredo processo decisionale, l'assicurazione esterna della qualità va eseguita in modo aperto e responsabile. È comunque possibile che si verifichino malintesi o casi di insoddisfazione nei confron; del processo o dei suoi risulta; formali. Se cio avviene, le Is;tuzioni devono avere accesso a procedure che consentano loro di sodoporre alle agenzie le ques;oni ritenute controverse e le agenzie devono tradare tali ques;oni in modo professionale, con procedure ben definite ed applicate in modo uniforme. La procedura di ricorso permede ad una is;tuzione di esternare la propria insoddisfazione nei confron; della conduzione di un processo o di coloro che lo eseguono. In una procedura di ricorso l'is;tuzione contesta i risulta; formali del processo, ove sia in grado di dimostrare che tali risulta; non sono adeguatamente supporta; da da; concre;, che i criteri non sono sta; applica; corredamente o che i processi non sono sta; adua; in modo uniforme. 44

45 Conseguenze dell Accreditamento Iniziale 45

46 DM 30 gennaio 2013, n. 47 Art. 4 - Accreditamento dei corsi di studio 6. Il mancato conseguimento dell'accreditamento iniziale di cui ai preceden; commi 2 e 3, comporta la soppressione del Corso di Studio. Il mancato conseguimento dell accreditamento iniziale di cui ai commi 4 e 5 preclude ogni ulteriore fase di is;tuzione/afvazione del Corso di Studio. 46

47 Conseguenze dell Accreditamento Periodico 47

48 DM 30 gennaio 2013, n. 47 Art. 4 - Accreditamento dei corsi di studio 8. L'accreditamento periodico viene concesso ai corsi che soddisfano i requisi0 per l accreditamento iniziale e quelli previs0 per l Assicurazione della Qualità (QA) di cui all allegato C ed eventualmente di ulteriori requisi; propos; dall ANVUR a seguito delle afvità di analisi, studio e sperimentazione, e adoda; dal MIUR. La verifica della permanenza dei requisi; di accreditamento iniziale e periodico viene effeduata mediante le visite in loco delle CEV selezionate dall'anvur, l afvità di valutazione dei NdV e a ogni altra informazione disponibile. 9. I Corsi di Studio che non odengono l accreditamento periodico sono soppressi. 48

49 Conseguenze dell Accreditamento Periodico Stato Definizione Conseguenze sul corso Non accreditamento Corso di studio non idoneo ai livelli soglia per gli indicatori di Accreditamento Iniziale o con cri;cità importan; sul Requisito di AQ 5 Accreditamento condizionato Accreditamento soddisfacente Accreditamento pienamente posi0vo Corso di studio idoneo ai livelli soglia per gli indicatori di Accreditamento Iniziale ma con riserve sul requisito di AQ 5 Corso di studio idoneo ai livelli soglia per gli indicatori di Accreditamento Iniziale e in cui è soddisfado a livello soglia il requisito di AQ 5 Corso di studio idoneo ai livelli soglia per gli indicatori di Accreditamento Iniziale e in cui è pienamente soddisfado il requisito di AQ 5 Soppressione Fusione Federazione Autorizzazione temporanea Autorizzazione per 5 anni Autorizzazione per 5 anni 49

50 Cultura della qualità Accountability Miglioramento della qualità 50

51 Cultura dell adeguamento e dell adempimento Accountability Miglioramento della qualità 51

52 Cultura dell inu;lità burocra;ca Accountability Miglioramento della qualità 52

Dai requisiti all accreditamento: vincolo o opportunità ww.anvur.org. Massimo Castagnaro Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.

Dai requisiti all accreditamento: vincolo o opportunità ww.anvur.org. Massimo Castagnaro Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur. Dai requisiti all accreditamento: vincolo o opportunità ww.anvur.org Massimo Castagnaro Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Assemblea CODAU, 25 gennaio 2012 Aspetti normativi (legge

Dettagli

L accreditamento periodico e il progress test

L accreditamento periodico e il progress test L accreditamento periodico e il progress test Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Bologna, 27.03.2014 La seconda fase del sistema AVA A.I. V. P.

Dettagli

Procedure interne la gestione del processo di Accreditamento Iniziale

Procedure interne la gestione del processo di Accreditamento Iniziale Procedure interne la gestione del processo di Accreditamento Iniziale Stefania Capogna Roma, 16 gennaio 2015 Procedure interne 1. Normativa di riferimento DM 30 gennaio 2013 n. 47 (Adozione del sistema

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Documento del Nucleo di Valutazione agli Organi di Governo in riferimento al processo AVA. Ottobre 2013

Documento del Nucleo di Valutazione agli Organi di Governo in riferimento al processo AVA. Ottobre 2013 Documento del Nucleo di Valutazione agli Organi di Governo in riferimento al processo AVA Ottobre 2013 Con il presente documento, condiviso e approvato da tutti i componenti, il Nucleo di Valutazione (NVA)

Dettagli

PROCESSO AVA-ANVUR Autovalutazione, Valutazione e Accreditamento. Claudia Moscheni

PROCESSO AVA-ANVUR Autovalutazione, Valutazione e Accreditamento. Claudia Moscheni PROCESSO AVA-ANVUR Autovalutazione, Valutazione e Accreditamento Claudia Moscheni AGENZIA NAZIONALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA UNIVERSITARIO E DELLA RICERCA (ANVUR) Legge 24 Novembre 2006, n. 286 Art.

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

DM 47/2013 (AGGIORNATO CON LE INTEGRAZIONI E LE MODIFICHE DEL DM 1059/2013)

DM 47/2013 (AGGIORNATO CON LE INTEGRAZIONI E LE MODIFICHE DEL DM 1059/2013) DM 47/2013 (AGGIORNATO CON LE INTEGRAZIONI E LE MODIFICHE DEL DM 1059/2013) DECRETO AUTOVALUTAZIONE, ACCREDITAMENTO INIZIALE E PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO E VALUTAZIONE PERIODICA VISTO il

Dettagli

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale 12 ottobre 2015 1 QUALITA 2 IL PROCESSO AVA DELLA DIDATTICA.. Un circolo virtuoso Programmazione 2 Valutazione Monitoraggio Corso di

Dettagli

Vincenzo Carbone Coordinatore PQA UNICAL

Vincenzo Carbone Coordinatore PQA UNICAL Autovalutazione, Valutazione periodica, Accreditamento (A.V.A.): La valutazione della ricerca e la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipar>mentale (SUA- RD) Vincenzo Carbone Coordinatore PQA UNICAL D.M.

Dettagli

Palermo, 9 (I edizione) e 15 (II edizione) dicembre 2014

Palermo, 9 (I edizione) e 15 (II edizione) dicembre 2014 Palermo, 9 (I edizione) e 15 (II edizione) dicembre 2014 L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLA SEDE E DEI CORSI DI STUDIO E LA GESTIONE DELL ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ NELL ATENEO DI PALERMO/L ATTIVITA DI

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Documento approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 09 gennaio 2013 FINALITA DEL DOCUMENTO Questo documento riassume

Dettagli

Formazione Esperti Disciplinari per la valutazione dei Corsi di Studio Valutazione della Qualità dei CdS-AQ 5 (nelle visite per l accreditamento periodico) Vincenzo Tucci Roma, 2-3 luglio 2015 Qualità

Dettagli

Il Ministro dell'istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell'istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE 23 dicembre 2013, n. 1059 AUTOVALUTAZIONE, ACCREDITAMENTO INIZIALE E PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO E VALUTAZIONE PERIODICA ADEGUAMENTI E INTEGRAZIONI al DM 30 gennaio

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Documento approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 24 luglio 2012 FINALITA DEL DOCUMENTO Questo documento riassume

Dettagli

Progettazione e gestione dell offerta formativa alla luce del sistema integrato AVA

Progettazione e gestione dell offerta formativa alla luce del sistema integrato AVA Progettazione e gestione dell offerta formativa alla luce del sistema integrato AVA Vincenzo Zara Venezia 15 maggio 2015 SOMMARIO A) Il sistema integrato AVA e la didattica universitaria B) Domanda di

Dettagli

La seconda fase del sistema AVA. La valutazione della ricerca e la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

La seconda fase del sistema AVA. La valutazione della ricerca e la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) La seconda fase del sistema AVA. La valutazione della ricerca e la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org

Dettagli

Il sistema di Assicurazione della Qualità nell'università degli Studi del Molise e la sua organizzazione a livello nazionale

Il sistema di Assicurazione della Qualità nell'università degli Studi del Molise e la sua organizzazione a livello nazionale Presidio della Qualità di Ateneo 18 giugno 2014 Il sistema di Assicurazione della Qualità nell'università degli Studi del Molise e la sua organizzazione a livello nazionale Bruno Moncharmont + Il concetto

Dettagli

Linee Guida Valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio Roma, 11.02.2014

Linee Guida Valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio Roma, 11.02.2014 LINEE GUIDA 1 per le valutazioni pre- attivazione dei Corsi di Studio da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale 30 gennaio 2013

Dettagli

Scheda tecnica sul nuovo decreto per l'accreditamento dei corsi e delle sedi universitarie

Scheda tecnica sul nuovo decreto per l'accreditamento dei corsi e delle sedi universitarie Scheda tecnica sul nuovo decreto per l'accreditamento dei corsi e delle sedi universitarie Analisi tecnica dello schema di decreto legislativo recante la valorizzazione dell'efficienza delle università

Dettagli

Riesami annuali e ciclici dei Corsi di Studio

Riesami annuali e ciclici dei Corsi di Studio Riesami annuali e ciclici dei Corsi di Studio Incontro del 6 ottobre 2015 alle ore 14.30 Sala Rodolfi Rettorato Presidio della Qualità di Ateneo Ramo Didattica in composizione integrata 1 Riesami annuali

Dettagli

Audizione presso la Commissione 7 della Camera dei deputati del 12/06/2014

Audizione presso la Commissione 7 della Camera dei deputati del 12/06/2014 IL MODELLO ITALIANO DI ACCREDITAMENTO E VALUTAZIONE DEGLI ATENEI NEL QUADRO DEI SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ PROMOSSI DAL PROCESSO DI BOLOGNA Audizione presso la Commissione 7 della Camera dei

Dettagli

Coordinamento fra le funzioni del Nucleo di Valutazione e del Presidio di Qualità dell Ateneo di Palermo nell ambito del sistema AVA

Coordinamento fra le funzioni del Nucleo di Valutazione e del Presidio di Qualità dell Ateneo di Palermo nell ambito del sistema AVA Coordinamento fra le funzioni del Nucleo di Valutazione e del Presidio di Qualità dell Ateneo di Palermo nell ambito del sistema AVA DOC3/14 Palermo, 7 Luglio 2014 1 1. PREMESSE Prima della definizione

Dettagli

Il Ministro dell'istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell'istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO AUTOVALUTAZIONE, ACCREDITAMENTO INIZIALE E PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO E VALUTAZIONE PERIODICA VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive modificazioni; VISTO

Dettagli

AiQ e ViQ, Riesame e Responsabilità

AiQ e ViQ, Riesame e Responsabilità Corso della Fondazione CRUI Assicurazione e Valutazione interna della Qualità della Formazione universitaria AiQ e ViQ, Riesame e Responsabilità Alfredo Squarzoni Università di Genova Emanuela Stefani

Dettagli

LINEE GUIDA per l ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

LINEE GUIDA per l ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO LINEE GUIDA per l ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO NB: si tratta di indicazioni per le Commissioni di Esperti della Valutazione (Esperti di sistema ed esperti disciplinari) e non

Dettagli

Il Sistema di Assicurazione interna della Qualità

Il Sistema di Assicurazione interna della Qualità Il Sistema di Assicurazione interna della Qualità del corso di Laurea in Ingegneria Elettrica ed Elettronica Premessa Il Corso di Laurea in Ingegneria Elettrica ed Elettronica intende perseguire una politica

Dettagli

ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE

ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE NATURA E FINALITÀ DELL ATENEO Come riportato dall art. 1 dello Statuto, l Università di Firenze è un istituzione pubblica, espressione della

Dettagli

Assicurazione Qualità della Didattica

Assicurazione Qualità della Didattica Assicurazione Qualità della Didattica Indice 1) Premessa 2) Sistema di Gestione Assicurazione Qualità 3)La struttura organizzativa per l Assicurazione Qualità 4) Sistema di Gestione Assicurazione Qualità

Dettagli

Aggiornamento sulle disposizioni MIUR / ANVUR relative ad Accreditamento delle Sedi e dei CdS

Aggiornamento sulle disposizioni MIUR / ANVUR relative ad Accreditamento delle Sedi e dei CdS Aggiornamento sulle disposizioni MIUR / ANVUR relative ad Accreditamento delle Sedi e dei CdS Università degli Studi di Roma Foro Italico Presidio di Qualità 13 febbraio 2013 Le novità delle ultime settimane

Dettagli

7. OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/15: ISTITUZIONE NUOVI CORSI

7. OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/15: ISTITUZIONE NUOVI CORSI 7. OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/15: ISTITUZIONE NUOVI CORSI Su invito del Rettore, entra nel luogo della riunione il Sig. Paolo Capuani, Responsabile dell Ufficio Offerta formativa e orientamento in entrata.

Dettagli

Progettazione e gestione dell offerta formativa alla luce del sistema integrato AVA

Progettazione e gestione dell offerta formativa alla luce del sistema integrato AVA Progettazione e gestione dell offerta formativa alla luce del sistema integrato AVA Vincenzo Zara Padova 12 e 13 marzo 2015 SOMMARIO A) Il sistema integrato AVA e la didattica universitaria B) Domanda

Dettagli

Preparazione Relazione Annuale

Preparazione Relazione Annuale UNIVERSITA TELEMATICA PEGASO SEMINARIO RIUNIONE CONGIUNTA COMMISSIONE PARITETICA DOCENTI-STUDENTI DIPARTIMENTO SCIENZE UMANE COMMISSIONE PARITETICA DOCENTI-STUDENTI DIPARTIMENTO SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE

Dettagli

Il Ruolo del PQA nel sistema AVA

Il Ruolo del PQA nel sistema AVA Il Ruolo del PQA nel sistema AVA Fausto Fan4ni Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Roma, 6 Maggio 2014 Nascita del PQA Nel DM 544/2007, ai fini della verifica del possesso dei requisi8 che

Dettagli

COSTRUIRE UN SISTEMA DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA. Autovalutazione, accreditamento e visite in loco delle CEV

COSTRUIRE UN SISTEMA DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA. Autovalutazione, accreditamento e visite in loco delle CEV COSTRUIRE UN SISTEMA DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA Autovalutazione, accreditamento e visite in loco delle CEV Presentazione Costituzione del Presidio della Qualità 5/8/2014 Composizione: Maria Francesca

Dettagli

Raccomandazioni per la piena attuazione di un sistema di AQ della didattica

Raccomandazioni per la piena attuazione di un sistema di AQ della didattica Presidio della Qualità di Ateneo Raccomandazioni per la piena attuazione di un sistema di AQ della didattica 1. Presentazione del documento... 1 2. Azioni necessarie... 1 2.1. Adottare un documento sulle

Dettagli

I Nuclei di Valutazione e i Presidî Qualità a un anno dall attivazione del Sistema AVA. I Presidî Qualità e la sfida dell'assicurazione Qualità

I Nuclei di Valutazione e i Presidî Qualità a un anno dall attivazione del Sistema AVA. I Presidî Qualità e la sfida dell'assicurazione Qualità I Nuclei di Valutazione e i Presidî Qualità a un anno dall attivazione del Sistema AVA I Presidî Qualità e la sfida dell'assicurazione Qualità MASSIMO TRONCI - CONPAQ 29 GENNAIO 2014 Questa Presentazione

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 19 gennaio 2015, n. 1

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 19 gennaio 2015, n. 1 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 11 suppl. del 23 01 2015 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 19 gennaio 2015, n. 1 Apprendistato per la qualifica professionale

Dettagli

INDICE 1 SCOPO 1 2 RIFERIMENTI DOCUMENTALI 1 3 DEFINIZIONI E ACRONIMI 1 4 IL MODELLO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO 2

INDICE 1 SCOPO 1 2 RIFERIMENTI DOCUMENTALI 1 3 DEFINIZIONI E ACRONIMI 1 4 IL MODELLO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO 2 MODELLO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA' DEI CORSI DI STUDIO PRESIDIO DELLA QUALITÀ INDICE 1 SCOPO 1 2 RIFERIMENTI DOCUMENTALI 1 3 DEFINIZIONI E ACRONIMI 1 4 IL MODELLO DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ DEI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Nucleo di Valutazione d Ateneo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Nucleo di Valutazione d Ateneo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Nucleo di Valutazione d Ateneo Relazione Tecnico-Illustrativa Valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio da parte del Nucleo di Valutazione (ai sensi dell art. 4,

Dettagli

Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi

Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi Questo documento è diviso in due parti: nella prima parte si descrivono le linee generali per l Assicurazione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Il Sistema di Assicurazione della Qualità. Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica

Il Sistema di Assicurazione della Qualità. Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Il Sistema di Assicurazione della Qualità del corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Premessa Il Corso di Laurea in Ingegneria Elettrica persegue una politica di programmazione e gestione delle

Dettagli

Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org

Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org Giunio Luzzatto CARED-Università di Genova Università di Bari 9.11.2012 Assicurazione della Qualità di Ateneo Premessa Il sistema di Assicurazione

Dettagli

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG)

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) SEMINARIO NAZIONALE Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) Roma, Università di Roma Tre, 5-6 maggio 2015 L assicurazione interna

Dettagli

SEMPLIFICA UNIVERSITÀ IV"

SEMPLIFICA UNIVERSITÀ IV SEMPLIFICA UNIVERSITÀ IV SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO DELLA NORMATIVA DEL DOTTORATO DI RICERCA novembre 2014 1 SEMPLIFICA UNIVERSITÀ IV SEMPLIFICAZIONE E RIORDINO DELLA NORMATIVA DEL DOTTORATO DI RICERCA

Dettagli

INTERAZIONE TRA I DOCUMENTI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA

INTERAZIONE TRA I DOCUMENTI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA INTERAZIONE TRA I DOCUMENTI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA Assegna funzioni e responsabilità differenziate Utilizza anche strumenti informatizzati Richiede la redazione di numerosi documenti coinvolge

Dettagli

La gestione dell Assicurazione di Qualità del Corso di Studi è articolata nelle seguenti quattro fasi: Nucleo di Valutazione Interna (NVA)

La gestione dell Assicurazione di Qualità del Corso di Studi è articolata nelle seguenti quattro fasi: Nucleo di Valutazione Interna (NVA) La gestione dell Assicurazione di Qualità del Corso di Studi è articolata nelle seguenti quattro fasi: 1) Plan (progettazione) per la verifica o la valutazione Riesame Parere sul Riesame del Senato Accademico

Dettagli

Rapporto ANVUR. Accreditamento Periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio. Università degli studi di Siena Stranieri

Rapporto ANVUR. Accreditamento Periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio. Università degli studi di Siena Stranieri Rapporto ANVUR Accreditamento Periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio Università degli studi di Siena Stranieri Approvato dal Consiglio Direttivo l 08 febbraio 2016 Doc. 3/2016 Acronimi utilizzati in

Dettagli

Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione

Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione Roma, gennaio 2011 Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione associato al Modello CRUI per l'aq dei CdS universitari di Alfredo Squarzoni GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

P03 - GESTIONE DEGLI AUDIT INTERNI DEGLI AUDIT INTERNI DATA DI APPROVAZIONE REVISIONE. 00 Emissione del documento

P03 - GESTIONE DEGLI AUDIT INTERNI DEGLI AUDIT INTERNI DATA DI APPROVAZIONE REVISIONE. 00 Emissione del documento Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI GESTIONE DEGLI AUDIT INTERNI (APPROVATA DAL PQA) REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE INDICE DI CAPITOLO/PARAGRAFO DATA DI APPROVAZIONE MOTIVO DELLA REVISIONE REVISIONE MODIFICATO

Dettagli

Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nella Ricerca

Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nella Ricerca Linee Guida per l Assicurazione della Qualità nella Ricerca Rev. 1 del 27 gennaio 2015 1 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 TERMINI E DEFINIZIONI 4 ACRONIMI 5 ASSICURAZIONE

Dettagli

Documento B - autovalutazione, valutazione periodica, accreditamento

Documento B - autovalutazione, valutazione periodica, accreditamento 1 CRITERI E INDICATORI PER I SISTEMI DI ACCREDITAMENTO INIZIALE E PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI E DI VALUTAZIONE PERIODICA DEI RISULTATI DEGLI ATENEI 1 2 Presentazione nelle news

Dettagli

1. L organizzazione dell Ateneo per la formazione: breve quadro di sintesi

1. L organizzazione dell Ateneo per la formazione: breve quadro di sintesi IL SISTEMA DI ATENEO PER L ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ 1. L organizzazione dell Ateneo per la formazione: breve quadro di sintesi Lo Statuto dell Ateneo individua nei Dipartimenti le strutture didattiche

Dettagli

Allegato I Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS)

Allegato I Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Allegato I Allegato II Allegato III Allegato IV Allegato V Allegato VI ALLEGATI Scheda Unica Annuale del Corso di Studio Requisiti per i Presidî della Qualità Scheda Unica Annuale della Ricerca dei Dipartimenti

Dettagli

SEMPLIFICA UNIVERSITÀ"

SEMPLIFICA UNIVERSITÀ SEMPLIFICA UNIVERSITÀ AUTOVALUTAZIONE, ACCREDITAMENTO INIZIALE E PERIODICO, VALUTAZIONE PERIODICA (AVA): SEMPLIFICAZIONI POSSIBILI maggio 2014 1 Adunanza del 28 maggio 2014 2 IL PRESIDENTE (Prof. Andrea

Dettagli

Il Ruolo dei NVA nel sistema AVA

Il Ruolo dei NVA nel sistema AVA Il Ruolo dei NVA nel sistema AVA Cristiano Violani Sapienza Università di Roma Roma, 07 e 22 Maggio 2014 PRESENTAZIONE Dalla Valutazione e all Assicurazione di Qualità Le Basi normative del sistema AVA

Dettagli

INCONTRO CON LE COMMISSIONI PARITETICHE DOCENTI STUDENTI. Le CPDS nel Sistema di Assicurazione Qualità di Ateneo

INCONTRO CON LE COMMISSIONI PARITETICHE DOCENTI STUDENTI. Le CPDS nel Sistema di Assicurazione Qualità di Ateneo INCONTRO CON LE COMMISSIONI PARITETICHE DOCENTI STUDENTI Le CPDS nel Sistema di Assicurazione Qualità di Ateneo Lunedì, 26 ottobre 2015 Barbara Campisi Presidio della Qualità Il Presidio della Qualità

Dettagli

La Qualita' della didattica negli Atenei: il modello di accreditamento CBUI e le iniziative nazionali coordinate come precursori dei requisiti AVA

La Qualita' della didattica negli Atenei: il modello di accreditamento CBUI e le iniziative nazionali coordinate come precursori dei requisiti AVA La Qualita' della didattica negli Atenei: il modello di accreditamento CBUI e le iniziative nazionali coordinate come precursori dei requisiti AVA M. Daniela Candia Prorettore Vicario e Delegato per la

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECOMICI 0. INDICE 0. INDICE... 1 1. LINEE GUIDA EUROPEE E RMATIVA NAZIONALE... 2 2. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA CONSULTAZIONE... 3

Dettagli

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI UNIVERSITA DEGLI STUDI Niccolò Cusano TELEMATICA ROMA NUCLEO DI VALUTAZIONE Via Don Carlo Gnocchi, 3 00166 Roma DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' DELLA RICERCA. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' DELLA RICERCA. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 9 dicembre 2014 Determinazione del costo standard unitario di formazione per studenti in corso, ai sensi dell'art. 8 del decreto legislativo

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ

POLITICA PER LA QUALITÀ Approvato con delibera del Senato accademico n. 109/2016 del 17 maggio 2016 e con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 136/2016 del 27 maggio 2016 Questo documento integra il quadro dei documenti

Dettagli

L accreditamento dei corsi di dottorato

L accreditamento dei corsi di dottorato L accreditamento dei corsi di dottorato Approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 18 dicembre 2013 1 Premessa Questo documento illustra i criteri e gli indicatori proposti dall ANVUR per l accreditamento

Dettagli

Alfredo Squarzoni Emanuela Stefani Università di Genova CRUI

Alfredo Squarzoni Emanuela Stefani Università di Genova CRUI Assicurazione i interna della qualità della formazione universitaria: l approccio AVA Alfredo Squarzoni Emanuela Stefani Università di Genova CRUI AiQ 1 Obiettivi del Seminario Favorire la migliore ili

Dettagli

Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico)

Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico) 2014 Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico) Presidio di Qualità di Ateneo Università degli Studi della Tuscia Rev. 2 approvata (15 Dicembre 2014) 0 INDICE 1.

Dettagli

Organizzazione del Presidio della Qualità di Ateneo. del Politecnico di Bari

Organizzazione del Presidio della Qualità di Ateneo. del Politecnico di Bari Organizzazione del Presidio della Qualità di Ateneo del Politecnico di Bari Sommario 1 Composizione, organizzazione e funzione del Presidio della Qualità del Politecnico di Bari.... 2 1.1 Composizione...

Dettagli

AQ DELLA RICERCA SCIENTIFICA

AQ DELLA RICERCA SCIENTIFICA AQ DELLA RICERCA SCIENTIFICA Gli attori Attori del processo di Assicurazione della Qualità della Ricerca Scientifica Dipartimentale sono: a) Il Rettore b) il Senato Accademico (SA) c) il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi Documento contenente le linee guida per l attivazione dei Corsi di studio delle professioni sanitarie (DM 8 gennaio 2009 e DI 19 febbraio 2009) a partire dall offerta formativa dell a.a. 2011-2012 In attesa

Dettagli

Accreditamento Periodico: esame a distanza, visita in loco e redazione del rapporto finale. Fausto Fantini Università di Modena e Reggio Emilia

Accreditamento Periodico: esame a distanza, visita in loco e redazione del rapporto finale. Fausto Fantini Università di Modena e Reggio Emilia Accreditamento Periodico: esame a distanza, visita in loco e redazione del rapporto finale Fausto Fantini Università di Modena e Reggio Emilia Visite per l Accreditamento Periodico Istruzioni per le Commissioni

Dettagli

Il Riesame nei Corsi di laurea delle professioni sanitarie

Il Riesame nei Corsi di laurea delle professioni sanitarie Il Riesame nei Corsi di laurea delle professioni sanitarie Bruno Moncharmont Bologna, 12 settembre 2014 Assicurazione della qualità nell istruzione superiore Dichiarazione di Bologna, 19 giugno 1999 Dichiarazione

Dettagli

Il Progetto Qualità sui corsi di studio a UNIFE: verso il sistema di assicurazione della qualità AVA

Il Progetto Qualità sui corsi di studio a UNIFE: verso il sistema di assicurazione della qualità AVA Il Progetto Qualità sui corsi di studio a UNIFE: verso il sistema di assicurazione della qualità AVA Università degli Studi della Basilicata 12 febbraio 2013 Maja Feldt Responsabile Ripartizione Management

Dettagli

per l accreditamento iniziale dei Corsi di Studio di nuova attivazione da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione CEV

per l accreditamento iniziale dei Corsi di Studio di nuova attivazione da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione CEV LINEE GUIDA per l accreditamento iniziale dei Corsi di Studio di nuova attivazione da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale 30

Dettagli

ARTICOLO DM N. 47/2013. Art. 2 (Procedure CUN ed ANVUR finalizzate all accreditamento dei corsi di studio)

ARTICOLO DM N. 47/2013. Art. 2 (Procedure CUN ed ANVUR finalizzate all accreditamento dei corsi di studio) Art. 2 (Procedure CUN ed ANVUR finalizzate all accreditamento dei corsi di studio) E' possibile la modifica degli obiettivi formativi e risultati di apprendimento attesi in sede di attivazione dei corsi

Dettagli

Indice. 1. Premessa e procedure generali 1.1. Il contesto 1.2. Documenti richiesti 1.3. Definizioni

Indice. 1. Premessa e procedure generali 1.1. Il contesto 1.2. Documenti richiesti 1.3. Definizioni FINALITA E PROCEDURE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DEI CORSI DI STUDIO TELEMATICI, DELLE SEDI DELLE UNIVERSITA TELEMATICHE E DELLE UNIVERSITA CHE EROGANO CORSI DI STUDIO IN MODALITA TELEMATICA Indice

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 15 ottobre 2013 Definizione delle linee generali di indirizzo della programmazione delle Universita', per il triennio 2013/2015. (Decreto

Dettagli

Standard e Linee Guida per l'assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore (ESG)

Standard e Linee Guida per l'assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore (ESG) Standard e Linee Guida per l'assicurazione della Qualità nello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore (ESG) Approvate dalla Conferenza Ministeriale a Yerevan, 14-15 maggio 2015 a cura di: European Association

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE 15 OTTOBRE 2013, N.827 LINEE GENERALI DI INDIRIZZO DELLA PROGRAMMAZIONE DELLE UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2013-2015 VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 121 e, in particolare, l art. 1, commi 1 e 5, con il quale è stato, rispettivamente, istituito il

Dettagli

Internazionalizzazione dell Offerta Formativa. Programmi di studio integrati e Corsi di studio in lingua inglese

Internazionalizzazione dell Offerta Formativa. Programmi di studio integrati e Corsi di studio in lingua inglese Internazionalizzazione dell Offerta Formativa Programmi di studio integrati e Corsi di studio in lingua inglese Negli ultimi decenni, la riforma universitaria ha modificato in modo radicale la visione

Dettagli

Le visite di accreditamento periodico nella nuova AVA

Le visite di accreditamento periodico nella nuova AVA Le visite di accreditamento periodico nella nuova AVA Alessio Ancaiani «Verso una nuova AVA: la proposta ANVUR» Perugia 8 aprile 2016 Revisione del 12/04/2016 La visita di accreditamento periodico La visita

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA ENZO FERRARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA (CLASSE LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA)

Dettagli

Rapporto ANVUR. Università degli Studi dell'aquila

Rapporto ANVUR. Università degli Studi dell'aquila Rapporto ANVUR Accreditamento Periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio Università degli Studi dell'aquila Approvato dal Consiglio direttivo il 23 settembre 2015 Doc. 14/2015 Breve descrizione dell Ateneo

Dettagli

Corsi e Cer(ficazione di lingua inglese dell Università Telema(ca Pegaso

Corsi e Cer(ficazione di lingua inglese dell Università Telema(ca Pegaso Corsi e Cer(ficazione di lingua inglese dell Università Telema(ca Pegaso Il Centro Linguis(co di Ateneo Is#tuito nel 2011, il CLA - Centro Linguis(co di Ateneo, offre, in linea con le poli#che europee,

Dettagli

Piano della performance ANVUR

Piano della performance ANVUR Piano della performance ANVUR 2012-2014 1 INDICE 1. CONTESTO E ORGANIZZAZIONE 1.1 Premessa 1.2 Sintesi dell informazione d interesse per i cittadini e per gli stakeholder 1.3 L albero della performance

Dettagli

Newsletter del Nucleo di Valutazione di Ateneo n 4, Ottobre 2014

Newsletter del Nucleo di Valutazione di Ateneo n 4, Ottobre 2014 Nucleo di Valutazione Ufficio di Supporto Newsletter del Nucleo di Valutazione di Ateneo n 4, Ottobre 2014 Il Nucleo di Valutazione (NdV) distribuisce con cadenza variabile la sua newsletter agli organi

Dettagli

Rapporto ANVUR. Università degli Studi di Perugia

Rapporto ANVUR. Università degli Studi di Perugia Rapporto ANVUR Accreditamento Periodico delle Sedi e dei Corsi di Studio Università degli Studi di Perugia Approvato dal Consiglio direttivo il 23 settembre 2015 Doc. 15/2015 Breve descrizione dell Ateneo

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica (classe LM-33), in conformità alla normativa

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO L'Università degli Studi di Perugia, per assolvere i propri fini primari quali la ricerca scientifica, il

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI DELLE UNIVERSITA TELEMATICHE E DEI CORSI DI STUDIO EROGATI IN MODALITA TELEMATICA

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI DELLE UNIVERSITA TELEMATICHE E DEI CORSI DI STUDIO EROGATI IN MODALITA TELEMATICA LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI DELLE UNIVERSITA TELEMATICHE E DEI CORSI DI STUDIO EROGATI IN MODALITA TELEMATICA NB: si tratta di indicazioni per le Commissioni di Esperti della

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 417 del 24 marzo 2015) INDICE Pag. Art. 1 Oggetto 2 Art. 2 Caratteristiche dei corsi 2 Art. 3 Istituzione - attivazione - rinnovo 2 Art.

Dettagli