Palagiano Settimana UNESCO 2010 MOBILITA SOSTENIBILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Palagiano 26-11-2010 Settimana UNESCO 2010 MOBILITA SOSTENIBILE"

Transcript

1 Palagiano Settimana UNESCO 2010 MOBILITA SOSTENIBILE Annamaria Moschetti Referente Regionale Associazione Culturale Pediatri Puglia e Basilicata

2

3

4 .Spostamenti veloci e con poca fatica.possibilità di portare merci e persone.inquinamento dell aria da gas.riduzione dell attività fisica dei cittadini.ridotta sicurezza nelle strade per i pedoni.aumentata rumorosità dell ambiente

5

6 MOBILITA SOSTENIBILE? BIIP Bip BIP BIIIP BIP BIP

7 1)INQUINAMENTO DELL ARIA 1)Che cosa c è in questo fumo? 2)Noi che cosa respiriamo? 3)Ciò che respiriamo ci fa male?

8 Polveri sottili

9

10

11 Là mio zio fece stendere un drappo per terra e vi si sdraiò, domandò a più riprese acqua fresca e ne bevve. (.) [19] egli riuscì a sollevarsi appoggiandosi a due giovani schiavi, ma nello stesso istante stramazzò: immagino che l'aria sovraccarica di caligine gli abbia arrestato la respirazione occludendogli la gola che egli aveva debole già per costituzione, gonfia e spesso infiammata. La morte di Plinio il Vecchio durante l'eruzione del Vesuvio Epistulae VI, 16 raccontata da Plinio il Giovane

12

13 Exposure to Particulate Air Pollution and Risk of Deep Vein Thrombosis Andrea Baccarelli, Ida Martinelli, Antonella Zanobetti, Paolo Grillo, Li- Fang Hou, Pier A. Bertazzi, Pier Mannuccio Mannucci, and Joel Schwartz Arch Intern Med. 2008;168(9): per ogni aumento di 10 microgrammi di PM10 per metro cubo d'aria, si ha un incremento del 70% del rischio di trombosi"

14

15

16

17

18 MILIONI DI CASI PAESI SVILUPPATI PAESI IN VIA DI SVILUPPO TOTALE

19 Braveria ed al : Olanda, 4000 bb : asma,sibili ( Wheezing) infezioni ORL -Annesi e Montesano ed al : Francia, 500 bb, esposizione a PM 2,5 Sensibilizzazione allergica e asma -Islam ed al 2007: California, asma e ridotto sviluppo pomonare -Gaudermann ed al. 2007: deficit funzionalità polmonare -Rojas e Martinez ed al 2007 Città del Messico riduzione crescita del polmone - Hajat et al 2007: in acuto aumento mortalità infantile

20 1)INTENSITA DEL TRAFFICO: concentrazione delle polveri e dei gas

21 Qual è la concentrazione di polveri che ci fa stare sicuri?

22 2 VICINANZA Gaudermann ed al. 2007: deficit funzionalità polmonare

23 -Gaudermann ed al. 2007: deficit funzionalità polmonare entro 500 mt da strade ad alto traffico

24 3 ) DISPERSIONE :VENTO E PIOGGIA

25 2)RUMORE Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici L inquinamento acustico, definito dalla Legge Quadro447/95 come importante problema ambientale in grado di incidere anche pesantemente sulla qualità della vita della popolazione. Le segnalazioni acustiche nel centro urbano sono vietate tranne che nei casi di pericolo immediato

26 3) INGOMBRO e PERICOLO Il paese non e solo degli automobilisti ma anche. - Mamme con i passeggini (marciapiedi?) - Bambini ( possono muoversi e giocare i sicurezza? -Disabili e persone con handicap motori- - Anziani -Ciclisti e di quelli che vogliono..farsi due passi

27 STATE ATTENTI ALLE MACCHINE!!!!!!!!

28 Bastava scendere le scale per raggiungere la nostra «sala giochi». Non c era alcun pericolo. Scendevamo da soli. Non giocavamo sulla strada, perché era acciottolata. Giocavamo sul marciapiede. I nostri giochi erano giochi da «marciapiedi». Che ora, in città, sono scomparsi. N. Bobbio introduzione alla Città dei bambini Tonucci ed Laterza.

29 CHE COSA SIGNIFICA TUTTO QUESTO PER NOI A PALAGIANO? Qual è la situazione dell inquinamento a Palagiano? Che cosa possiamo fare noi come comunità per diminuire i rischi alla salute per tutti i cittadini ma soprattutto per anziani e bambini?

30 Sito Piazza Vittorio Emanuele

31 Valori di Polveri sottili riscontrati dall ARPA a Palagiano in Piazza Vittorio Emanuele. VALORE MEDIO 36 : inquinamento da traffico 20 ng Limite di sicurezza per la salute umana indicato dall Organizzazione Mondiale della Sanità

32 Sito Scuola Rodari quartiere G. Bachelet

33 Dati del PM 10 riscontrati della centralina fissa posta sulla scuola Rodari quartiere Bachelet relativi allo stesso periodo invernale VALORE MEDIO 16, ng Limite di sicurezza per la salute umana indicato dall Organizzazione Mondiale della Sanità Palagiano Taranto

34 Dr. E. Cadum ARPA Piemonte

35 Posizione ufficiale della European Respiratory Society (sito: air-quality.htm) nella discussione in corso nel parlamento Europeo sulla nuova direttiva sulla qualità dell'aria La ERS desidera reiterare la propria posizione: 1) I valori limite annuali e giornalieri per il PM10 e per il La Societa Europea di Medicina Respiratoria (European Respiratory Society=ERS) e PM2.5 in disaccordo devono con offrire le posizioni un piu livello recenti prese diprotezione dalla Commissione per del tutti, Parlamento Europeo e del Consiglio dei Ministri della Unione Europea (UE). inclusi coloro che sono piu vulnerabili, in base alle Linee Queste posizioni spostano verso un futuro lontano la protezione della salute Guida pubblica sulla rispetto qualita dall inquinamento dell aria dell aria dell Organizzazione da particolato per cui molti paesi pagheranno un grosso contributo in termini di salute pubblica. Mondiale della Sanita (WHO Air Quality Guidelines - Le regole per il particolato in Europa devono riflettere lo stato attuale delle WHO evidenze 2006) scientifiche.il Valore Limite proposto come media annuale per le polveri fini (PM2.5) e inadeguato proteggere la salute della nostra popolazione e in 2) I valori limite e la percentuale di riduzione particolare dei piu suscettibili, compresi ineonati, i bambini e coloro che gia dell esposizione soffrono di malattie respiratorie. pianificata La regolamentazione per il PM2.5 dei livelli devono di particolato essere deve essere vincolata senza nessuna esclusione di polveri naturale o di polveri grosse. legalmente vincolanti 3) Gli standards attuali per il PM10 non devono essere ridotti.

36 Osservazioni sulla bozza della nuova direttiva europea per il particolato atmosferico Utrecht, 31 ottobre 2005 A Karl-Heinz Florenz, Direttore della Commissione per l'ambiente, la salute pubblica e la sicurezza alimentare Il 21 settembre 2005 la Commissione europea ha pubblicato una prima bozza della Direttiva sulla qualità dell'aria. Come ricercatori che studiano gli effetti dell'inquinamento atmosferico sulla salute, siamo preoccupati da questo nuovo provvedimento legislativo e vorremmo proporvi tre considerazioni che speriamo possano aiutarvi nella discussione. In breve, questi sono i fatti che destano in noi preoccupazione: 1. il limite proposto per il PM2,5 è troppo alto perché la salute pubblica venga adeguatamente salvaguardata; 2. la scelta di questo valore così alto è stata motivata con l'incertezza sulla sua pericolosità, nonostante diverse ricerche, alcune finanziate dalla stessa Commissione europea, abbiano dimostrato la necessità di una politica di riduzione dell'inquinamento; 3. l'esclusione di tutte le polveri sottili "naturali" dal conteggio annuale da dichiarare riduce la protezione della popolazione dagli effetti dannosi del PM10.

37 Per una Mobilità Sostenibile -Organizzazione delle Nazioni Unite per l Educazione, la Scienza e la Cultura -Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Da uno studio dell Organizzazione Mondiale della Sanità pubblicato a giugno del 2006, è emerso che in 13 città italiane (Torino, Genova, Milano, Trieste, Padova, Venezia, Verona, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Catania, Palermo) si sarebbero potuti evitare circa 2300 decessi se si fossero rispettati i limiti di concentrazione di PM10 previsti per legge. La cifra sale addirittura a 8200, se i livelli di polveri sottili fossero stati inferiori a 20 microgrami/metro cubo (OMS, Linee guida sulla qualità dell aria, 2006)

38

39

40

41 Asthma in exercising children exposed to ozone: a cohort study. McConnell R., Berhane K The Lancet 2002; 359: Conclusioni degli autori L incidenza di nuove diagnosi di asma è associato con forte esercizio in zone con alta concentrazione di ozono, quindi inquinamento dell aria e l attività fisica all aria aperta potrebbero contribuire allo sviluppo di asma nei bambini.

42

43

44

45 QUALI SOLUZIONI?

46 CAMBIARE PROPRI COMPORTAMENTI: ANDARE A PIEDI O IN BICICLETTA.Il movimento fisico migliora la salute ed aumenta la durata della vita, protegge dal cancro, dall infarto, dalle infezioni, dall osteoporosi...non usare le automobili migliora la qualità dell aria

47 Non usare l automobile per portare i bambini a scuola

48

49 CAMBIARE L ORGANIZZAZIONE DEL PAESE: POLITICA CREARE ISOLE PEDONALI nei luoghi di incontro dei cittadini

50 TARANTO

51 MOTTOLA

52 MARTINA FRANCA

53 PALAGIANELLO

54 CAMBIARE L ORGANIZZAZIONE DEL PAESE :POLITICA Misure per ridurre l uso della automobile e mezzi pesanti in paese ( es.divieti di sosta,di accesso.) Piano del traffico : ridistribuire e regolamentare la circolazione delle macchine per evitare concentrazioni di inquinanti.( sensi unici, piccole strade, percorsi ) Creare marciapiedi comodi per i pedoni e piste ciclabili in paese per andare in bicicletta in sicurezza, attraversamenti sicuri, isole pedonali

55 Cartello stradale realizzato dall Assessorato al Traffico del Comune di Fano per delimitare le zone sperimentali.

56

57

58 FARE RISPETTARE LE REGOLE: AZIONE DI CONTROLLO DEI VIGILI DIVIETI DI SOSTA ECCESSI DI VELOCITA DIVIETI DI SEGNALAZIONE ACUSTICA ECC.ECC. ECC.

59

60

61 NOI NON DIMENTICHIAMO!

62 Palagiano Settimana UNESCO 2010 MOBILITA SOSTENIBILE Annamaria Moschetti Referente Regionale Associazione Culturale Pediatri Puglia e Basilicata

63

64 WHO Air quality guidelines for particulate matter, ozone, nitrogen dioxide and sulfur dioxide ( Organizzazione Mondiale della sanità : valori consigliati per la salute umana ) PM10 50 µg/m 3 come media giornaliera da non superare più di 3 volte l anno; 20 µg/m 3 come media annuale Palagiano -piazza : valore superato a causa del traffico per 4 giorni in 2 mesi.(arpa puglia) Palagiano-piazza : valore medio 36. (ARPA Puglia) Superamento dei valori indicati tutti i giorni PM 2,5 25 µg/m 3 come media giornaliera da non superare più di 3 volte l anno; 10 µg/m 3 come media annuale

65

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino

Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia aiuta il cielo di Torino Torino, 29 marzo 2008 comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di e Ferrovie dello Stato Torino, polveri bagnate PM10 oltre la norma 1 giorno su 3. La pioggia

Dettagli

Dalla parte della Salute: informazioni e riflessioni sull inquinamento da traffico

Dalla parte della Salute: informazioni e riflessioni sull inquinamento da traffico L Associazione INSIEME per PARMA e l Associazione BICINSIEME FIAB-PARMA aderenti al Forum delle Associazioni culturali parmensi Dalla parte della Salute: informazioni e riflessioni sull inquinamento da

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO traffico veicolare sistemi di produzione di

Dettagli

RICOVERI OSPEDALIERI PER ASMA DEI BAMBINI RESIDENTI NEL COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA

RICOVERI OSPEDALIERI PER ASMA DEI BAMBINI RESIDENTI NEL COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA Dipartimento di Ancona Servizio Epidemiologia Ambientale Via C. Colombo, 106-60127 Ancona - Tel. 07128732760 - Fax 07128732761 e-mail: Epidemiologia.AmbientaleAN@ambiente.marche.it RICOVERI OSPEDALIERI

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti Pubblicati oggi i risultati della ricerca Ecosistema Urbano, promossa da Legambiente e Ambiente Italia, che ha indagato sulle diverse situazioni ambientali nelle città: trasporto pubblico, verde, riciclo,

Dettagli

Scheda 3 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ SOCIALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 3 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ SOCIALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 3 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ SOCIALE DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè concentrando

Dettagli

Il traffico privato strangola la Capitale, rumore sempre oltre i limiti

Il traffico privato strangola la Capitale, rumore sempre oltre i limiti Roma, 7 marzo 2014 Comunicato stampa Il traffico privato strangola la Capitale, rumore sempre oltre i limiti Nei tre giorni di monitoraggio a Corso Sempione il Pm10 è nei limiti solo grazie a pioggia e

Dettagli

Indagine sulle principali 50 città

Indagine sulle principali 50 città Indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Marianna Rossetti L indagine prende in considerazione 50 Comuni: - tutti i capoluoghi

Dettagli

PROGRAMMA DI AZIONI SEGRETERIA TECNICA DELLA CONSULTA NAZIONALE SULLA SICUREZZA STRADALE

PROGRAMMA DI AZIONI SEGRETERIA TECNICA DELLA CONSULTA NAZIONALE SULLA SICUREZZA STRADALE CONSULTA NAZIONALE SUL- LA FEDERAZIONE CICLISTICA ITA PROGRAMMA DI AZIONI SEGRETERIA TECNICA DELLA CONSULTA NAZIONALE SULLA OTTOBRE 2009 Progettotandem_Def/1 dicembre 2009 Questo documento è parte integrante

Dettagli

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria: cosa respiriamo? 4 giugno 2015 Marina Camatini Inquadriamo il problema COS È L INQUINAMENTO DELL ARIA? E una modifica alla normale composizione,

Dettagli

Effetti a breve e a lungo termine dell inquinamento atmosferico sulla salute umana

Effetti a breve e a lungo termine dell inquinamento atmosferico sulla salute umana Effetti a breve e a lungo termine dell inquinamento atmosferico sulla salute umana Paolo Crosignani Unità di Epidemiologia Ambientale e Registro Tumori Istituto Nazionale per lo studio e la cura dei Tumori,

Dettagli

Oggetto: verso una città sostenibile dei bambini e delle bambine strade per bambini, strade per tutti

Oggetto: verso una città sostenibile dei bambini e delle bambine strade per bambini, strade per tutti Alla cortese attenzione - del Sindaco, la d.ssa Annamaria Morelli - dell Assessore alla cultura e pubblica istruzione, la d.ssa Perlita Serra - e.p.c. al dirigente scolastico, la d.ssa Daniela Carminati

Dettagli

Inquinamento acustico: Decibel fuori controllo Decibel fuori legge e manca un piano di intervento

Inquinamento acustico: Decibel fuori controllo Decibel fuori legge e manca un piano di intervento Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato Allarme Frosinone, Tira una brutta aria Allarmanti i valori del PM10 che superano di circa il 50%

Dettagli

Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina Decibel sempre fuori legge e manca un piano di intervento efficace

Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina Decibel sempre fuori legge e manca un piano di intervento efficace Reggio Calabria, 6 marzo 2008 Comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina

Dettagli

I fattori di rischio sanitario legati al traffico

I fattori di rischio sanitario legati al traffico POSSIBILI AZIONI COMUNI PER IL MIGLIORAMENTO DEI DETERMINANTI AMBIENTALI E SOCIALI DI SALUTE I fattori di rischio sanitario legati al traffico LA MOBILITA SOSTENIBILE costruzione delle competenze per rendere

Dettagli

inquinamento salute ambiente Di cosa parliamo quando parliamo di

inquinamento salute ambiente Di cosa parliamo quando parliamo di Di cosa parliamo quando parliamo di inquinamento salute ambiente A cura di Andrea Colombo, Coordinatore Commissione Ambiente e Mobilità del Quartiere San Vitale Di cosa parliamo quando parliamo di inquinamento

Dettagli

Laboratorio di Informatica per il Corso di laurea triennale in Chimica Prova pratica di HTML. L?ambiente in città

Laboratorio di Informatica per il Corso di laurea triennale in Chimica Prova pratica di HTML. L?ambiente in città Laboratorio di Informatica per il Corso di laurea triennale in Chimica Prova pratica di HTML Data:Thu Jun 13 14:02:01 GMT+0200 (ora legale Europa occ.) 2002 L?ambiente in città Statistiche in breve - 10

Dettagli

>>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile. inquinamento atmosferico e danni correlati. Legnago. cambia aria

>>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile. inquinamento atmosferico e danni correlati. Legnago. cambia aria inquinamento atmosferico e danni correlati >>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile Legnago cambia aria L inquinamento: scelte, necessità, priorità. In generale, per inquinamento si intende l alterazione

Dettagli

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Marianna Rossetti L indagine

Dettagli

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute, Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie ONDATE DI CALORE ED EFFETTI

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI MARZO 2012 La situazione attuale del traffico cittadino, risultato del predominio dei mezzi

Dettagli

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali EMERGENZA SMOG: QUADRO NORMATIVO, RESPONSABILITÀ, COMPETENZE E STRATEGIE DEGLI ENTI LOCALI Brindisi,18 marzo 2010 Paolo Lecca lecca@ea.ancitel.it

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

Ministero della Salute. Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011

Ministero della Salute. Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011 Ministero della Salute Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011 Premessa Per ondata di calore si intende una condizione meteorologica che persiste

Dettagli

SET DI INDICATORI PROXY PER L INQUINAMENTO INDOOR

SET DI INDICATORI PROXY PER L INQUINAMENTO INDOOR SET DI INDICATORI PROXY PER L INQUINAMENTO INDOOR A. LEPORE, V. UBALDI APAT Dipartimento Stato dell Ambiente e Metrologia Ambientale La conoscenza delle problematiche relative all inquinamento indoor,

Dettagli

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: 2013 i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Pubblicazione realizzata da: A.S.L Rieti Medicina Legale - Dip. Prevenzione

Dettagli

L INQUINAMENTO DA POLVERI SOTTILI

L INQUINAMENTO DA POLVERI SOTTILI L INQUINAMENTO DA POLVERI SOTTILI Cresce l allarme per l inquinamento da polveri sottili Il problema dell inquinamento atmosferico può essere risolto solo con interventi strutturali, come quelli avviati

Dettagli

Rapporto Ecosistema Urbano Europa sullo sviluppo sostenibile in 32 principali città europee. Criticità e buone pratiche

Rapporto Ecosistema Urbano Europa sullo sviluppo sostenibile in 32 principali città europee. Criticità e buone pratiche Rapporto Ecosistema Urbano Europa sullo sviluppo sostenibile in 32 principali città europee. Criticità e buone pratiche Il 1 febbraio 2008, Dexia e l istituto di ricerche Ambiente Italia hanno presentato

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITA O REGRESSO? SAN GIORGIO DI MANTOVA 16 FEBBRAIO 2011 CIRCOLO DELLA DECRESCITA FELICE DI MANTOVA

NUOVE OPPORTUNITA O REGRESSO? SAN GIORGIO DI MANTOVA 16 FEBBRAIO 2011 CIRCOLO DELLA DECRESCITA FELICE DI MANTOVA MOBILITA SOSTENIBILE NUOVE OPPORTUNITA O REGRESSO? SAN GIORGIO DI MANTOVA 16 FEBBRAIO 2011 CIRCOLO DELLA DECRESCITA FELICE DI MANTOVA MOBILITA SOSTENIBILE: LA VOGLIAMO COSI? COSI? COSI? COSI? . O COSI

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di delibera di iniziativa popolare per la per l'avvio di un processo di partecipazione dei cittadini romani al fine di progettare un sistema sostenibile di mobilità incentrato sull'utilizzo del

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

Esperienze di sicurezza ambientale

Esperienze di sicurezza ambientale Esperienze di sicurezza ambientale Progetto Analisi statistica dell inquinamento atmosferico Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie - Napoli Allievi Relatori: Francesco Capasso, Roberta Avolio,

Dettagli

L incidenza dell inquinamento atmosferico da Particolato (PM 10 ) in ambito urbano.

L incidenza dell inquinamento atmosferico da Particolato (PM 10 ) in ambito urbano. Raccolta coordinata di studi e dati sulle emissioni da Particolato realizzata dal Consorzio Ecogas L incidenza dell inquinamento atmosferico da Particolato (PM 10 ) in ambito urbano. Il settore del trasporto

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 CHIVASSO Il monitoraggio degli spostamenti casa scuola è

Dettagli

INDAGINE SUGLI SPOSTAMENTI CASA - SCUOLA. Progetto pilota 1 In bici o a piedi, io vado a scuola. Piano Territoriale degli Orari

INDAGINE SUGLI SPOSTAMENTI CASA - SCUOLA. Progetto pilota 1 In bici o a piedi, io vado a scuola. Piano Territoriale degli Orari Piano Territoriale degli Orari Progetto pilota In bici o a piedi, io vado a scuola INDAGINE SUGLI SPOSTAMENTI CASA - SCUOLA Risultati Anno scolastico - A cura di ABCittà s.c.s. INDICE > PREMESSA _. IL

Dettagli

Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute

Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute Ministero della Salute Centro per la Prevenzione e Controllo delle Malattie Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute Roma, 5 giugno 2006 Paola Michelozzi Dipartimento

Dettagli

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE Silvia Brini Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) silvia.brini@isprambiente.it

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

Italiano PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD 2012 BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR. Examen

Italiano PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD 2012 BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR. Examen PRUEBA DE ACCESO A LA 2012 Italiano BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR Examen Criterios de Corrección y Calificación Quest'esame ha due opzioni. Deve rispondere solo

Dettagli

proposta per Le forme della Riqualificazione

proposta per Le forme della Riqualificazione proposta per In Urbe Le forme della Riqualificazione 20 anni di esperienza per 10 milioni di mq costruiti. In questa unica frase si racchiude la chiave del successo di Vibrotek, azienda specializzata nella

Dettagli

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2.1. Un processo graduale La messa in atto di un sistema di monitoraggio, quale quello sinteticamente delineato nel capitolo precedente, richiede un cambiamento

Dettagli

Presentazione e obiettivi

Presentazione e obiettivi I determinanti ambientali di salute: promuovere la salute con gli strumenti di pianificazione territoriale e della valutazione ambientale strategica Roberto Ferri Venezia 22 giugno 2012 Presentazione e

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 LUSERNA SAN GIOVANNI Il monitoraggio degli spostamenti casa

Dettagli

INQUINAMENTO URBANO E SOLUZIONI DAL TRASPORTO AUTO

INQUINAMENTO URBANO E SOLUZIONI DAL TRASPORTO AUTO INQUINAMENTO URBANO E SOLUZIONI DAL TRASPORTO AUTO Ing. Francesco Andreotti - ISPRA Convegno AIEE - Megalia Gli sviluppi sostenibili del settore trasporto auto Roma, 29 novembre 2011 1. NORMATIVA SULLA

Dettagli

Scheda 1 «Mobilità sostenibile» PERCHÉ LA MOBILITÀ DEVE ESSERE SOSTENIBILE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 1 «Mobilità sostenibile» PERCHÉ LA MOBILITÀ DEVE ESSERE SOSTENIBILE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 1 «Mobilità sostenibile» PERCHÉ LA MOBILITÀ DEVE ESSERE SOSTENIBILE GREEN JOBS Formazione e Orientamento Perché la mobilità deve essere sostenibile La mobilità è uno dei problemi più complessi che

Dettagli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità delle politiche nazionali e protezione degli utenti deboli LE DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638 incidenti stradali.

Dettagli

Principali inquinanti presenti nell aria

Principali inquinanti presenti nell aria Principali inquinanti presenti nell aria Polveri: sostanze cancerogene, irritanti, tossiche e allergizzanti Ossidi di azoto (NOx) sono gas irritanti Ossido di carbonio (CO) impedisce il trasporto dell

Dettagli

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Comune di Lanciano Assessorato urbanistica settore IV programmazione urbanistica Progetto messa in sicurezza SP82 VIA per Treglio, incrocio Quartiere S.Rita

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane Regione Lazio Dipartimento di Epidemiologia ASL RME Centro di Competenza Nazionale Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica Parmagnani

Lorenzo Bertuccio. Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica Parmagnani 28 dicembre 2010 LA MOBILITA SOSTENIBILE IN ITALIA: indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Aldo Di Berardino Federica

Dettagli

Prof. Ing. Ennio Cascetta Professore Ordinario Università di Napoli Federico II Presidente del comitato scientifico della Fondazione Caracciolo

Prof. Ing. Ennio Cascetta Professore Ordinario Università di Napoli Federico II Presidente del comitato scientifico della Fondazione Caracciolo Prof. Ing. Ennio Cascetta Professore Ordinario Università di Napoli Federico II Presidente del comitato scientifico della Fondazione Caracciolo Smart mobility per una urbanistica e una finanza sostenibili

Dettagli

I.P. Noi ragazzi vorremmo una scuola più bella, più accessibile e più sicura.

I.P. Noi ragazzi vorremmo una scuola più bella, più accessibile e più sicura. Noi ragazzi vorremmo una scuola più bella, più accessibile e più sicura. Iniziativa di comunicazione istituzionale Direzione tutela e risanamento ambientale programmazione e gestione rifiuti Direzione

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Cormons, 27 marzo 2015 La normativa sulla qualità dell ambiente Decreto legislativo. n.

Dettagli

Treno Verde 2013. L auto slow vince l inedito Trofeo 30 e lode. Legambiente lancia l appello per l introduzione del limite 30 km/h in città

Treno Verde 2013. L auto slow vince l inedito Trofeo 30 e lode. Legambiente lancia l appello per l introduzione del limite 30 km/h in città Comunicato Stampa Treno Verde 2013 L auto slow vince l inedito Trofeo 30 e lode Legambiente lancia l appello per l introduzione del limite 30 km/h in città Limiti di velocità sistematicamente violati a

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Trasporti Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Incidenti stradali Nel 2012, come comunicato dall'istat, si sono registrati in Italia 186.726

Dettagli

Progetto ACI per il Sociale

Progetto ACI per il Sociale Progetto ACI per il Sociale Iniziative sperimentali realizzate dall Automobile Club d Italia a favore delle fasce deboli della mobilità (Lucia Vecere) Finalità del Progetto Dare attuazione alla missione

Dettagli

III Workshop Formativo Nazionale Rete Città Sane OMS. Simona Arletti Presidente Nazionale Rete Italiana Città Sane OMS

III Workshop Formativo Nazionale Rete Città Sane OMS. Simona Arletti Presidente Nazionale Rete Italiana Città Sane OMS III Workshop Formativo Nazionale Rete Città Sane OMS Simona Arletti Presidente Nazionale Rete Italiana Città Sane OMS 1 PRINCIPI La salute è la sfida centrale del nostro tempo. Le città, in quanto primo

Dettagli

WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO

WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO SALA BIBLIOTECA st. 130, 1 p. Dipartimento di Prevenzione ASS1 via Paolo de Ralli, 3 (TS) 21 maggio 2012 il dipartimento di prevenzione Art 7 del

Dettagli

Genova. I numeri del comune. Abitanti* 596.958 868.046 Superficie (km 2 ) 240,29 1.833,79 Densità (ab. per km 2 ) 2.484,3 473,36

Genova. I numeri del comune. Abitanti* 596.958 868.046 Superficie (km 2 ) 240,29 1.833,79 Densità (ab. per km 2 ) 2.484,3 473,36 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Genova I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9.98 88. Superficie (km ),9 1.8,79 Densità (ab. per km ).8, 7, * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA

proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA proposte per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola a Padova COMUNE di PADOVA REALIZZATO DA Comune di Padova Settore Ambiente Informambiente CAPO SETTORE Patrizio Mazzetto A CURA DI Antonella

Dettagli

INQUINAMENTO AMBIENTALE E SALUTE: LE HEALTHY CITIES. Sergio Muntoni Centro Malattie Dismetaboliche, Associazione ME.DI.CO.

INQUINAMENTO AMBIENTALE E SALUTE: LE HEALTHY CITIES. Sergio Muntoni Centro Malattie Dismetaboliche, Associazione ME.DI.CO. INQUINAMENTO AMBIENTALE E SALUTE: LE HEALTHY CITIES. Sergio Muntoni Centro Malattie Dismetaboliche, Associazione ME.DI.CO., Cagliari La salute dell uomo dipende dall interazione tra fattori non modificabili

Dettagli

DOMENICA 27 GENNAIO Ore 11.15 (al termine della S. Messa delle 10.00)

DOMENICA 27 GENNAIO Ore 11.15 (al termine della S. Messa delle 10.00) Cammini di sobrietà. Trasporti e sobrietà: binomio possibile? DOMENICA 27 GENNAIO Ore 11.15 (al termine della S. Messa delle 10.00) TEATRO QOELET Trasporti e Sobrietà: binomio possibile? Mobilità e Ambiente

Dettagli

Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale

Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale Ing. Enrico Chiarini Premessa Questo documento, redatto in forma personale, raccoglie alcune richieste di parere e alcune richieste di chiarimento

Dettagli

Variazioni relative alla zona a bassa emissione della città di Londra

Variazioni relative alla zona a bassa emissione della città di Londra Comunicato stampa Pubbl. n XXX xx marzo 2011 Variazioni relative alla zona a bassa emissione della città di Londra Registratevi oggi stesso per dimostrare che il vostro veicolo soddisfa gli standard sulle

Dettagli

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 «Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 Our streets, our choice Ovvero «Le nostre strade, la nostra scelta»: lo slogan scelto quest'anno per la Settimana della Mobilità

Dettagli

Piano di Azione per la qualità dell ARIA

Piano di Azione per la qualità dell ARIA Piano di Azione per la qualità dell ARIA Comune di Verona Comuni in tempi che cambiano. Qualità dell aria in Pianura Padana ed effetto serra Verona, 28 febbraio 2007 ANNI 2003-2004 CARTA DI PADOVA I Comuni

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI DOTT.SSA MARIA TERESA MENZANO Corso di formazione e aggiornamento per referenti ed operatori Diamoci una mossa e Pronti, partenza, via

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI ALLARME PER LA PREVENZIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE PIANO DI ATTIVITA ESTATE 2006

SISTEMA NAZIONALE DI ALLARME PER LA PREVENZIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE PIANO DI ATTIVITA ESTATE 2006 SISTEMA NAZIONALE DI ALLARME PER LA PREVENZIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE PIANO DI ATTIVITA ESTATE 2006 Roma, 28 Aprile 2006 1 Introduzione Nel 2004 è stato attivato il progetto del Dipartimento

Dettagli

ZONA 30 PIÙ SICUREZZA LA PROMOZIONE DELLA MOBILITA SOSTENIBILE

ZONA 30 PIÙ SICUREZZA LA PROMOZIONE DELLA MOBILITA SOSTENIBILE Mod. S5 Rev. 3 del 24/07/2014, Pagina 1 di 5 N ID: 059D14 ZONA 30 PIÙ SICUREZZA LA PROMOZIONE DELLA MOBILITA SOSTENIBILE Presentazione del Convegno 6 novembre 2014 Aula GB Rossi Istituto Superiore di Sanità

Dettagli

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Verona I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9.9 91.717 Superficie (km ) 19,9.9,9 Densità (ab. per km ) 1.,91 97,7 * al 1.1.1 Numero Addetti

Dettagli

TRAFFICO E INQUINAMENTO: I DANNI PER LA SALUTE DELL UOMO E I COSTI SOCIALI

TRAFFICO E INQUINAMENTO: I DANNI PER LA SALUTE DELL UOMO E I COSTI SOCIALI IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana TRAFFICO E INQUINAMENTO: I DANNI PER LA SALUTE DELL UOMO E I COSTI SOCIALI Patrizia Lattarulo IL PERCHÉ DELLA VALUTAZIONE ECONOMICA Esternalità

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Noale Via S. Andrea e via Cerva Periodo di attuazione: 11 gennaio 11 febbraio 2014 13 febbraio 16 marzo 2014 RELAZIONE TECNICA INDICE 1. Introduzione

Dettagli

C I T T A DI M O L F E T T A PROVINCIA DI BARI COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 144 del 5/06/2014 O G G E T T O

C I T T A DI M O L F E T T A PROVINCIA DI BARI COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 144 del 5/06/2014 O G G E T T O C I T T A DI M O L F E T T A PROVINCIA DI BARI COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 144 del 5/06/2014 O G G E T T O Piano urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS). Approvazione linee d indirizzo,

Dettagli

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008

Agenda 21 Scuola A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda 21 Scuola Un percorso didattico su Agenda 21 e idee per la progettazione partecipata A cura di Daniela Cancelli L.E.A. Laboratorio di Educazione Ambientale Isola del Liri - 13 Maggio 2008 Agenda

Dettagli

TRAFFICO E INQUINAMENTO: I DANNI PER LA SALUTE DELL UOMO E I COSTI SOCIALI

TRAFFICO E INQUINAMENTO: I DANNI PER LA SALUTE DELL UOMO E I COSTI SOCIALI IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana ARS Agenzia Regionale Sanità TRAFFICO E INQUINAMENTO: I DANNI PER LA SALUTE DELL UOMO E I COSTI SOCIALI Patrizia Lattarulo,, Cesare Cislaghi e

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA www.isemoa.eu Il progetto ISEMOA è iniziato nel Maggio 2010 e durerà fino al Maggio 2013. ISEMOA è cofinanziato dall Unione Europea con il

Dettagli

Brescia. I numeri del comune. Abitanti* 193.599 1.262.295 Superficie (km 2 ) 90,34 4.785,62 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Brescia. I numeri del comune. Abitanti* 193.599 1.262.295 Superficie (km 2 ) 90,34 4.785,62 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Brescia I numeri del comune Capoluogo Provincia Abitanti* 193.99 1..9 Superficie (km ) 9,3.7, Densità (ab. per km ).13,1 3,77 * al 1.1.1 Numero

Dettagli

SOTTO LA LENTE Mobilità italiana più green?

SOTTO LA LENTE Mobilità italiana più green? SOTTO LA LENTE Mobilità italiana più green? A parole, tutti a favore della mobilità sostenibile! Quando però si tratta di scegliere un mezzo per muoversi, gli italiani preferiscono ancora l automobile.

Dettagli

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO SPISAL Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza negli Ambienti di Lavoro SIL Servizio integrazione lavorativa Opuscolo realizzato nell ambito di un percorso

Dettagli

Scheda 2 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè

Dettagli

FIGURA 1. INDICATORI DI DOMANDA DI TRASPORTO PRIVATO. COMPLESSO DEI COMUNI CAPOLUOGO DI PROVINCIA Variazione percentuale 2009/2008 16,3

FIGURA 1. INDICATORI DI DOMANDA DI TRASPORTO PRIVATO. COMPLESSO DEI COMUNI CAPOLUOGO DI PROVINCIA Variazione percentuale 2009/2008 16,3 5 aprile 2011 Anno 2009 TRASPORTI URBANI Nel 2009 gli incentivi statali all acquisto di veicoli nuovi hanno esercitato effetti positivi sull ambiente, che ha risentito positivamente anche del miglioramento

Dettagli

ALLEGATO AL COMUNICATO STAMPA ISPRA IX RAPPORTO SULLA QUALITA DELL AMBIENTE URBANO I DATI

ALLEGATO AL COMUNICATO STAMPA ISPRA IX RAPPORTO SULLA QUALITA DELL AMBIENTE URBANO I DATI ALLEGATO AL COMUNICATO STAMPA ISPRA IX RAPPORTO SULLA QUALITA DELL AMBIENTE URBANO I DATI Trasporti e parco auto vetture private Da elaborazione ISPRA su dati ACI Roma si conferma nel 2012 di gran lunga

Dettagli

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino e l'azienda PROVINCIA DI TORINO Monitoraggio degli spostamenti casa scuola

Dettagli

I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia. HelpedGal

I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia. HelpedGal I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia HelpedGal Classi: IV B Mattei e IV C Fermi 1. DESCRIZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE I pedoni sono tutti coloro che interagiscono con la circolazione, scegliendo di muoversi

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

SCHEDE DI ATTIVITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLA SCUOLA PRIMARIA

SCHEDE DI ATTIVITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLA SCUOLA PRIMARIA SCHEDE DI ATTIVITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLA SCUOLA PRIMARIA 1. Introduzione Marco Passigato e Lidia Merlin Gruppo scuola Amici della Bicicletta di Verona per una Città Possibile

Dettagli

Andare a scuola da soli

Andare a scuola da soli Bollettino a cura del Progetto di Ricerca "La città dei bambini", Reparto di Psicopedagogia, Istituto Psicologia del CNR di Roma via U. Aldrovandi, 18-00197 Roma, Tel. 06 3221198, Fax 06 3217090, cittbamb@kant.irmkant.rm.cnr.it

Dettagli

A SCUOLA IN BICICLETTA

A SCUOLA IN BICICLETTA A SCUOLA IN BICICLETTA Come si fa? di Michele Mutterle Tuttinbici FIAB Vicenza Michele Mutterle A scuola in Prima di tutto: procurati una bici! Che deve essere Comoda Giusta per la tua età perfettamente

Dettagli

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Regione Lombardia Milano LOMBARDIA: UNA REGIONE IN EUROPA Ridurre

Dettagli

Il nodo di Genova costituisce un infrastruttura strategica della rete autostradale del Paese:

Il nodo di Genova costituisce un infrastruttura strategica della rete autostradale del Paese: Il nodo autostradale di Genova Il nodo di Genova costituisce un infrastruttura strategica della rete autostradale del Paese: passaggio obbligato per il traffico da e verso la Francia (via valico di Ventimiglia);

Dettagli