Fasi lavorative di predisposizione dei materiali, criticità rilevate dal responsabile della sicurezza (detto il cattivo )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fasi lavorative di predisposizione dei materiali, criticità rilevate dal responsabile della sicurezza (detto il cattivo )"

Transcript

1 Fasi lavorative di predisposizione dei materiali, criticità rilevate dal responsabile della sicurezza (detto il cattivo ) Studio del rilievo e confronto con le ipotesi progettuali Schematizzazione in scala 1:1 e verifica delle condizioni di fattibilità e di disponibilità dei materiali per l opera Discussione sulla fattibilità delle previsioni di progetto Verifica sul posto e confronto con le condizioni attuali di dissesto Preparazione in officina degli anelli delle catene carenza di DPI per la protezione degli occhi (547/55) Preparazione in officina delle piastre di contrasto alle catene addestramento operativo a Castel Boglione, chiesa San Sebastiano, settembre 2004, pag 29

2 Fasi lavorative di predisposizione dei materiali, criticità rilevate dal responsabile della sicurezza Prova di utilizzo del motosaldatore simulando le condizioni di cantiere esterno, posizione di lavoro poco ergonomica Predisposizione in officina con il taglio degli angolari da saldare alle piastre Impiego dei DPI durante la saldatura per la predisposizione degli angolari metallici Angolari metallici semilavorati saldatura in officina degli anelli delle catene carenza di guanti, preferibile la protezione delle braccia Preparazione in officina delle traverse di contrasto alle catene carenza di protezione delle braccia addestramento operativo a Castel Boglione, chiesa San Sebastiano, settembre 2004, pag 30

3 Fasi lavorative predisposizione del cantiere, criticità rilevate dal responsabile della sicurezza Vigilanza sul cantiere Distribuzione dell attrezzistica dal magazzino mobile Preparazione degli spazi di lavoro in cantiere intorno all edificio Prima messa in sicurezza all interno contro il pericolo di distacco di parti dal soffitto pericolante Esecuzione dei fori sulla muratura perimetrale per il passaggio dei tiranti metallici Preparazione dei piani di lavoro nel cantiere all esterno dell edificio addestramento operativo a Castel Boglione, chiesa San Sebastiano, settembre 2004, pag 31

4 Fasi lavorative predisposizioni del cantiere e prime lavorazioni a terra, criticità rilevate dal responsabile della sicurezza Definizione del cantiere, descrizione dell opera e individuazione degli esecutori Movimentazione dei carichi in sicurezza Taglio delle tavole con motosega mancato utilizzo DPI pantaloni antitaglio (626/94) Molatura dei tondini per eliminare le sbavature Corretto impiego DPI per protezione mani e occhi Fidarsi è bene ma Corretto impiego DPI (scarpe antinfortunistiche) Collegamento ancoraggi interni alla struttura con materiali certificati con carico d esercizio congrui alle ipotesi di calcolo addestramento operativo a Castel Boglione, chiesa San Sebastiano, settembre 2004, pag 32

5 Fasi lavorative con lavori in quota, in rosso le criticità rilevate dal responsabile della sicurezza Lavori eseguiti su snorkel, DPI di posizionamento Occupazione della sede stradale, attivata segnalazione per la riduzione della corsia e impiego di addetto al traffico Manovratore della gru con DPI di posizionamento Manovre con la gru, pericolo per il personale compreso nel raggio di azione Lavori sul tetto senza protezioni collettive (parapetto normale 547/55), DPI con imbraco contro rischio caduta EN 361 Lavori sul tetto senza protezioni collettive (parapetto normale 547/55), DPI con imbraco contro rischio caduta EN 361 addestramento operativo a Castel Boglione, chiesa San Sebastiano, settembre 2004, pag 33

6 Fasi lavorative anche con lavori in quota, in rosso le criticità rilevate dal responsabile della sicurezza DPI quasi completi, mancano solo i pantaloni antitaglio Predisposizione in angolare e traversa metallica su travi in legno, sarebbe stato meglio mettere due dadi Buon lavoro di squadra, meglio se qualcuno tratteneva le scale al piede per ridurre il pericolo di scivolamento (626 art 36 ter) la scale a sinistra con piede troppo ampio fa temere il pericolo di scivolamento, la destra è piantata in terra (626 art 36 ter) Lavori eseguiti su autoscala, DPI di posizionamento Operatore dotato di DPI,imbraco idoneo, ma non assicurato ad un punto superiore, grave carenza di protezione contro la caduta (626 art 36 bis) addestramento operativo a Castel Boglione, chiesa San Sebastiano, settembre 2004, pag 34

7 Fasi lavorative anche con lavori in quota, in rosso le criticità rilevate dal responsabile della sicurezza Lavori sulla estremità della scala, ci stava bene una assicurazione anche solo con cinturone e moschettone (626 art 36 ter) Corretto posizionamento per lavoro in quota su scala Monsignor Vescovo e accompagnatori visitano il cantiere, senza DPI, il cantiere è fermo e si confida nella Provvidenza Posizionamento di vetrini per rilevare progressioni delle deformazioni Supporto alla catena e punto di saldatura sul grillo per evitare manomissioni Fasciatura del campanile, opere extra progetto e materiali aggiunti fuori della pianificazione addestramento operativo a Castel Boglione, chiesa San Sebastiano, settembre 2004, pag 35

8 Fasi lavorative anche con lavori in quota, in rosso le criticità rilevate dal responsabile della sicurezza Imbraco del campanile con fasce in fibra ad alta resistenza La fascia superiore è ruotata di 180 Posizionamento di angolare con tiranti Copertura del tetto rifatta con la sostituzione della listellatura in legno e recupero di tegole, opera extra progetto Complesso di sistema tiranti sulla facciata anteriore Complesso di sistema tiranti sulla facciata posteriore Si notino le barre ad alta resistenza con i tipici morsetti addestramento operativo a Castel Boglione, chiesa San Sebastiano, settembre 2004, pag 36

9 Fasi lavorative anche con lavori in quota, in rosso le criticità rilevate dal responsabile della sicurezza Lavori di sostituzione dei listelli anche sul versante a monte, lavori in quota con DPI imbraco, non è visibile il punto di assicurazione Corretto posizionamento per lavoro in quota con assicurazione sulla scala aerea, DPI di Posizionamento e imbraco EN 361 lavoro in quota con uso della scala aerea, operatori assicurati con cinturone DPI di posizionamento Lavoro su scala trattenuta da un secondo operatore lavoro in quota con uso della scala aerea, operatore assicurato alla scala attraverso il cinturone, DPI di posizionamento il cattivo finalmente colto in posizione soprelevata (altre 50 cm) senza parapetto né DPI di protezione contro le cadute (626 art 36 bis) addestramento operativo a Castel Boglione, chiesa San Sebastiano, settembre 2004, pag 37

10 Fasi conclusive e verifica, in rosso le criticità rilevate dal responsabile della sicurezza Lavori ultimati, area resa nuovamente agibile Particolare opere provvisionali sul lato posteriore Particolare opere provvisionali lato strada provinciale Particolare opere provvisionali Particolare opere provvisionali Particolare opere provvisionali addestramento operativo a Castel Boglione, chiesa San Sebastiano, settembre 2004, pag 38

11 Fasi conclusive e verifica, in rosso le criticità rilevate dal responsabile della sicurezza Facciata sulla quale si evidenzia la chiusura provvisoria della porta di accesso Particolare opere provvisionali Particolare opere provvisionali, interno con puntellamento della volta Particolare opere provvisionali Particolare opere provvisionali, l altare è stato puntellato nello stato come si trovava, senza sollecitazioni ulteriori Firma su targa ricordo addestramento operativo a Castel Boglione, chiesa San Sebastiano, settembre 2004, pag 39

12 Fasi lavorative anche con ripresa degli aspetti teorici e valutazione della logistica. Foto ricordo Verifica di apprendimento, compilazione del questionario Verifica e discussione sui lavori svolti Logistica, tipica capacità pompieristica di adattamento alle necessità Logistica mensa operativa, il sindaco ha offerto il vino Logistica dopo il collaudo addestramento operativo a Castel Boglione, chiesa San Sebastiano, settembre 2004, pag 40

13 I vigili del Fuoco definiscono come opere provvisionali l insieme degli interventi di consolidamento provvisorio, o di messa in sicurezza di strutture, o di costruzioni, o di recupero di beni (demolizioni, puntellamenti, messa in opera di tiranti metallici, cerchiature, transennamenti, recupero di beni preziosi o di prima necessità, recupero di opere d arte e beni culturali, costruzione di teleferiche, ponti, passaggi, piattaforme, impianti, ecc) che vengono realizzati durante la prima fase dell emergenza, allo scopo di evitare o sottrarre a ulteriori danni per effetto di incendio, di frane, delle repliche sismiche, o di cedimenti strutturali,o delle avverse condizioni metereologiche, o di sciacallaggio, e/o tutelare l incolumità delle persone e/o ripristinare rapidamente le normali attività economico sociali svolte dalla popolazione prima dell evento avverso. Questo obiettivo viene fondamentalmente riferito a ipotesi di lavorio capaci di contrastare azioni dovute alle semplici azioni di gravità, eventualmente congiunte a minime vibrazioni ambientali prodotte dal traffico, dal vento o da lievi scosse sismiche di intensità sostanzialmente inferiori a quelle che hanno determinato gli interventi di soccorso, con provvedimenti indilazionabili destinati a tutelare per tempi limitati cui devono seguire opere conclusive con provvedimenti di somma urgenza a cura degli uffici preposti. Nel caso specifico le opere provvisionali per la chiesa campestre di San Sebastiano in Castel Boglione sono state eseguite grazie alla Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile per il Piemonte che ha ritenuto di inserire l attività all interno di un corso di addestramento e formazione del personale del Piemonte e della Valle d Aosta, offrendo in questo modo l opportunità di utilizzare manodopera che si è distinta per l entusiasmo e la professionalità effettuando in tempi brevi operazioni specialistiche anche con lavori in quota. L intervento dei VVF ha completato quanto previsto nella progettazione concordata con la Curia Vescovile di Acqui, condivisa dal Sindaco di Castel Boglione, approvata dalla Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici competente per territorio, ed ha ulteriormente provveduto anche alla riparazione del tetto, al consolidamento del campanile e al puntellamento interno della volta della chiesa e dell altare, opere aggiuntive a quelle previste in progetto. Al termine dei lavori è stata rimossa la recinzione per significare che l area era stata restituita alla comunità posta in sicurezza. Nell immediato si raccomanda la posa della porta a chiusura dell accesso alla chiesa per evitare che il locale ritorni sporco com era prima dell intervento. Come noto l intervento con le opere provvisionali non è conclusivo e il ripristino della struttura dovrà avvenire con il consolidamento di fondazione degradato a causa dell abbassamento del livello stradale della viabilità Provinciale e della mancata regimazione delle acque piovane. IAC dott. arch. Franco Sasso addestramento operativo a Castel Boglione, chiesa San Sebastiano, settembre 2004, pag 41

14 Hanno partecipato al corso di formazione dal 13 al 17 settembre 2004 realizzando l opera provvisionale di puntellamento della chiesa campestre di San Sebastiano in Castel Boglione: QUAL. COGNOME E NOME Comando mestieri Personale discente V.P. MARSENGO Silvio CN Muratore V.P. NOBILIO Ferruccio CN Geom. Carpentiere in legno C.S. CANTONI Roberto VCO Geom. Carpentiere in legno e ferro V.P. BARTOLI P. Luigi VCO Muratore V.P. BERNASCONI Corrado VCO Responsabile della sicurezza, Fotografo, Carpentiere in legno C.S. CESALE Angelo VC Elettricista e fabbro V.P. LIVELLI Antonello VC Muratore e carpentiere in legno V.P. GILI Pietro BI Fabbro C.S. PERAZIO Claudio BI Geom. V.P. CONTE P. Giorgio AL Muratore e carpentiere in legno V.P. VILLATI Alessio AL Muratore V.P. GUGLIELMINETTI Danilo AT Fabbro, muratore V.P. SCHIAVINATO Ivo AT Geo Carpentiere in legno V.P. CHIRCO Antonino NO Muratore e carpentiere in legno V.P. ROMERIO Enrico NO Idraulico, carpentiere in legno C.S. SCALFI Daniele AO Carpentiere in legno C.S. BORGA Ugo AO Carpentiere in legno C.S. BIANCO Giuseppe TO elettricista C.S. CALLI Danilo TO Direttore dei lavori, Geo, fabbro, Carpentiere in legno C.T.A DESDERI Danilo CN Direttore dei lavori A.T.A BERTUCCI Antonino BI Assente per malattia dal 14/7 Direttore del corso e Istruttori I.A.D. SASSO Franco Direttore del corso di formazione C.S. PASSUELLO G. Matteo VC formatore C.S. BEDINO Bruno CN formatore C.S. MONTRUCCHIO Giovanni AT formatore V.P. LA ROSA Piero AT formatore C.S. MORETTO Giuseppe AL assistente C.S. BENIGNO Vincenzo AL assistente addestramento operativo a Castel Boglione, chiesa San Sebastiano, settembre 2004, pag 42

Linee guida posizionamento di catene e tiranti

Linee guida posizionamento di catene e tiranti Opere Provvisionali Linee guida posizionamento di catene e tiranti Incatenamento di edificio in struttura muraria con tiranti e angolari in acciaio; tiranti con acciaio in barra trafilata, ovvero in acciaio

Dettagli

Linee guida potatura e taglio alberi secolari

Linee guida potatura e taglio alberi secolari Linee guida potatura e taglio alberi secolari La riduzione del rischio di caduta di alberi secolari o di rami cresciuti in contesti urbani o in parchi monumentali non può essere condotta attraverso l'eliminazione

Dettagli

Progetto di formazione per la realizzazione di opere provvisionali:

Progetto di formazione per la realizzazione di opere provvisionali: Progetto di formazione per la realizzazione di opere provvisionali: linee guida configurate a seguito della esperienza di lavoro del puntellamento della chiesa di San Sebastiano a Castel Boglione, anche

Dettagli

Castello d Annone demolizione tetto pericolante

Castello d Annone demolizione tetto pericolante Piano di sicurezza nell intervento VVF Castello d Annone demolizione tetto pericolante Riferimenti storico-architettonici Progetto del corso di formazione Progetto delle opere Organizzazione dell intervento:

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA A cura di Pier Luigi Ghisi OBIETTIVO PRINCIPALE Descrivere l approccio che è stato utilizzato nella

Dettagli

Ministero dell interno Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco. Mauro Caciolai Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco

Ministero dell interno Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco. Mauro Caciolai Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco Standardizzazione delle opere provvisionali post sismiche adottate dal Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco Mauro Caciolai Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco Bisogna rendere ogni cosa Il più semplice

Dettagli

redatto nel rispetto dell allegato XIV del d.lgs. 81/2008 e s.m.i.

redatto nel rispetto dell allegato XIV del d.lgs. 81/2008 e s.m.i. PROGRAMMA DEL CORSO BASE PER COORDINATORE PER LA SICUREZZA - 0 ORE redatto nel rispetto dell allegato XIV del d.lgs. 1/0 e s.m.i. OPERATORE CENTRO EDILE PER LA FORMAZIONE E LA SICUREZZA CODICE COORDINATORE

Dettagli

NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI

NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI Per. Ind. Michele Luongo - C.P.T. LUCCA INTRODUZIONE Nelle costruzioni vengono utilizzate

Dettagli

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE CENNI RIGUARDANTI IL D.LGS N.81 DEL 09/04/2008 E S.M.I. Articolo 150 RAFFORZAMENTO DELLE STRUTTURE Articolo 151 ORDINE DELLE DEMOLIZIONI Articolo 152 MISURE DI SICUREZZA

Dettagli

Ancoraggi autoperforanti Micropali e tiranti

Ancoraggi autoperforanti Micropali e tiranti w w w. s o i l n a i l i n g. i t Consolidamento frane e terreni Soil Nailing / Pareti Chiodate Bonifiche montane Ancoraggi autoperforanti Micropali e tiranti INTERVENTI di controllo e miglioramento statico

Dettagli

Piano delle misure. Progetto: Casa modello (2011) per il piano per la sicurezza integrale - Fase esecutiva

Piano delle misure. Progetto: Casa modello (2011) per il piano per la sicurezza integrale - Fase esecutiva Piano delle misure per il piano per la sicurezza integrale - Fase esecutiva Progetto: Casa modello (2011) Committente: Cooperativa Immobiliare Campo Sereno, 9999 Briantea Edizione del 11. aprile 2011 Versione

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015 CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro Modulo n. 1 SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI Collocazione

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Individuazione dei criteri seguiti per la valutazione Per ogni lavoratore vengono individuati i relativi pericoli connessi con le lavorazioni stesse, le attrezzature impiegate

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

L ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE L ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE 1 L ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE 1. Studio dell area; 2. Individuazione interferenze; 3. Delimitazioni provvisorie; 4. Recinzione/Cesata; 5. Servizi Igienico assistenziali;

Dettagli

Il calcolo degli oneri della sicurezza

Il calcolo degli oneri della sicurezza Il calcolo degli oneri della sicurezza Pier Luigi GHISI 1/7 Le metodologie di calcolo errate Oggi resta ancora diffusa l abitudine dei progettisti e/o dei coordinatori, di stimare gli oneri della sicurezza

Dettagli

Comune di Fauglia Provincia di Pisa

Comune di Fauglia Provincia di Pisa Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= Oggetto: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.11.2005, n. 62/R (misure preventive e protettive per

Dettagli

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO COMUNE DI NICHELINO SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PER IL PAESAGGIO DEL PIEMONTE SOPRINTENDENZA PER I BENI STORICO-ARTISTICI E DEMOANTROPOLOGICI DEL PIEMONTE CNA - POLITECNICO DI TORINO IL

Dettagli

PIANO FORMATIVO DESTINATARI DELLA FORMAZIONE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE ASSOCIAZIONE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE CITTA DI ASTI

PIANO FORMATIVO DESTINATARI DELLA FORMAZIONE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE ASSOCIAZIONE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE CITTA DI ASTI PIANO FORMATIVO DESTINATARI DELLA VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE ASSOCIAZIONE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE CITTA DI ASTI Via Monti, 52 14100 Asti (AT) Iscrizione Dipartimento di Protezione Civile n 25285 A225

Dettagli

Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro COPERTURE NON PRATICABILI

Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro COPERTURE NON PRATICABILI Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro COPERTURE NON PRATICABILI Come intervenire in sicurezza Infortuni mortali in Regione Lombardia per caduta dall alto (24% totale inf. mortali) Periodo

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA. Intervento di Restauro e Risanamento conservativo. della Chiesa di Montosero dedicata a Sant Andrea

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA. Intervento di Restauro e Risanamento conservativo. della Chiesa di Montosero dedicata a Sant Andrea RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA Intervento di Restauro e Risanamento conservativo della Chiesa di Montosero dedicata a Sant Andrea Anno 2010 1. Introduzione Questa relazione ha l obiettivo di mettere in

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI INTERVENTI DI: ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA RISCHI CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI DI COSTRUZIONE, MANUTENZIONE, MODIFICA STRUTTURE TRADIZIONALI

Dettagli

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1. Premessa Il presente Piano di manutenzione è relativo alle opere strutturali da eseguire per il ripristino

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI U CHECK LIST PER LA CUREZZA NEI CANTIERI EDILI LE CONDERAZIONI ESPOSTE SO FRUTTO ESCLUVO DEL PENERO 1DEGLI AUTORI E N HAN CARATTERE IN ALCUN MODO IMPEGTIVO PER L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DI APPARTENENZA.

Dettagli

37. AMBITO AVA FIUME SECCHIA OPERE DI INTERESSE PUBBLICO: CENTRALE IDROELETTRICA A VALLE DEL VIADOTTO DELLA STRADA PEDEMONTANA Il progetto di impianto idroelettrico è previsto su un area demaniale, a ridosso

Dettagli

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture.

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. In particolare vengono progettati e realizzati interventi di ingegneria strutturale quali:

Dettagli

Una simile correlazione positiva si ha tra la formazione e le variabili documentazione (0,191**), figure (0,141**), stato del cantiere (0,166**).

Una simile correlazione positiva si ha tra la formazione e le variabili documentazione (0,191**), figure (0,141**), stato del cantiere (0,166**). Abstract Gli RLST della provincia di Ravenna da anni esercitano la loro funzione visitando cantieri del territorio. I dati da loro raccolti nel corso delle visite consentono di delineare un immagine dei

Dettagli

CONSOLIDAMENTO DELLA STRADA PROVINCIALE DEL CANALICCHIO. Progettazione Esecutiva FASCICOLO DELL'OPERA

CONSOLIDAMENTO DELLA STRADA PROVINCIALE DEL CANALICCHIO. Progettazione Esecutiva FASCICOLO DELL'OPERA FASCICOLO DELL OPERA INDICE: PREMESSA E NOTE DI CONSULTAZIONE... IV CAPITOLO I: DESCRIZIONE DELL'OPERA E L INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI INTERESSATI... V SCHEDA I: DESCRIZIONE SINTETICA DELL OPERA ED INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

Prova a rottura per scorrimento su pannelli prodotti dalla Nidyon Costruzioni S.p.A. di Santarcangelo di Romagna.

Prova a rottura per scorrimento su pannelli prodotti dalla Nidyon Costruzioni S.p.A. di Santarcangelo di Romagna. DISTART DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELLE STRUTTURE, DEI TRASPORTI, DELLE ACQUE, DEL RILEVAMENTO, DEL TERRITORIO LABORATORIO PROVE STRUTTURE Bologna, 5 Febbraio 2009 POS. 212/08 Prova a rottura per scorrimento

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

LINEA FERROVIARIA GENOVA - LA SPEZIA MESSA IN SICUREZZA VERSANTE SOVRASTANTE FERMATA MANAROLA KM 78+692 (COMUNE DI RIOMAGGIORE)

LINEA FERROVIARIA GENOVA - LA SPEZIA MESSA IN SICUREZZA VERSANTE SOVRASTANTE FERMATA MANAROLA KM 78+692 (COMUNE DI RIOMAGGIORE) LINEA FERROVIARIA GENOVA - LA SPEZIA MESSA IN SICUREZZA VERSANTE SOVRASTANTE FERMATA MANAROLA KM 78+692 (COMUNE DI RIOMAGGIORE) INTRODUZIONE La parete rocciosa sovrastante la linea ferroviaria Genova -

Dettagli

di Torino 1 Premessa

di Torino 1 Premessa COMUNE DI POZZUOLI PROVINCIA DI NAPOLI Direzione 4^ - Lavori Pubblici Pubblica Illuminazione e sottoservizi Agibilità e impianti Manutenzione beni patrimoniali Programma Triennale delle OO. PP. 2013/2015

Dettagli

Direzione Provinciale Inps di Verona. Lavori di adeguamento antincendio piano interrato primo stralcio

Direzione Provinciale Inps di Verona. Lavori di adeguamento antincendio piano interrato primo stralcio Direzione Provinciale Inps di Verona Lavori di adeguamento antincendio piano interrato primo stralcio Cantiere: Direzione Provinciale Inps - Verona piano interrato : Via Cesare Battisti 19 del Comune di

Dettagli

CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA

CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA Restauro e ripristino con miglioramento sismico Responsabile unico del procedimento: Progetto architettonico: Progetto strutturale: Arch. Rossella Cadignani

Dettagli

Diocesi di Reggio Emilia Guastalla

Diocesi di Reggio Emilia Guastalla Diocesi di Reggio Emilia Guastalla Sisma maggio 2012 Edifici di Culto Scheda sintetica di valutazione dei danni oggetto: Quadro economico riassuntivo (da allegare alla relazione tecnica) Noi sottoscritti

Dettagli

Linee guida posa di catene con le fibre sintetiche

Linee guida posa di catene con le fibre sintetiche Opere Provvisionali Linee guida posa di catene con le fibre sintetiche Incatenamento di elementi strutturali con fasce in fibra e tiranti regolabili; la fasciatura consente di applicare anche su superfici

Dettagli

Titolo: Verbale di sopralluogo preliminare congiunto sul luogo delle lavorazioni/servizi appaltati. Committente...

Titolo: Verbale di sopralluogo preliminare congiunto sul luogo delle lavorazioni/servizi appaltati. Committente... Pagina: 1 Verbale di sopralluogo preliminare congiunto sul luogo delle lavorazioni/servizi appaltati Committente... Area interessata dai lavori/servizi:... Oggetto del /servizio:... Il giorno..., sul luogo

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 97 del 31 gennaio 2012

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 97 del 31 gennaio 2012 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 97 del 31 gennaio 2012 COMMITTENTE: UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA Viale della Costituzione, 3 35010 Cadoneghe (PD) tipologia intervento Per i lavori di:

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

L a q u a l i t à d a l l e s p e r i e n z a. L a q u a l i t à n e l l a s s i s t e n z a

L a q u a l i t à d a l l e s p e r i e n z a. L a q u a l i t à n e l l a s s i s t e n z a L a q u a l i t à d a l l e s p e r i e n z a L a q u a l i t à n e l l a s s i s t e n z a Ambiente Sicurezza Igiene sul lavoro Formazione e Informazione Certificazioni di sistema e di prodotto Analisi

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

PROVINCIA NELL AMBITO DELLA DISCIPLINA STRADALE ANNO 2008

PROVINCIA NELL AMBITO DELLA DISCIPLINA STRADALE ANNO 2008 STATO DI SERVIZIO DELLE FORZE DELL ORDINE NELLA CITTÀ DI MILANO E NELLA PROVINCIA NELL AMBITO DELLA DISCIPLINA STRADALE ANNO 2008 COMPARTIMENTO DELLA POLIZIA STRADALE PER LA LOMBARDIA L attività svolta

Dettagli

Demolizione di una sovrastruttura in acciaio su pontile

Demolizione di una sovrastruttura in acciaio su pontile ECOMONDO Rimini, 10 Novembre 2011 Demolizione di una sovrastruttura in acciaio su pontile Ing. Marco Frigerio Demolizione di una sovrastruttura in acciaio su pontile La sicurezza degli operatori e dell

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP09 Rev: 09/07/2009 9.47.00 Pagina 1/8 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA CON PIANTA AD L E PADIGLIONE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Si tratta

Dettagli

Reti di sicurezza. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Reti di sicurezza. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Reti di sicurezza Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

IL RUOLO DELL OFFICINA QUALIFICATA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE

IL RUOLO DELL OFFICINA QUALIFICATA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE Convegno 02/10/2015 GIS Piacenza. LA MANUTENZIONE E L AGGIORNAMENTO DEI REQUISITI DI SICUREZZA INDICAZIONI NORMATIVE E OBBLIGHI GIURIDICI. IL RUOLO DELL OFFICINA QUALIFICATA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE

Dettagli

LAVORI IN QUOTA E DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DI III CATEGORIA + INSTALLATORE QUALIFICATO DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO STRUTTURALE

LAVORI IN QUOTA E DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DI III CATEGORIA + INSTALLATORE QUALIFICATO DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO STRUTTURALE CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA LAVORI IN QUOTA E DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DI III CATEGORIA + INSTALLATORE QUALIFICATO DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Corso tecnico formativo della

Dettagli

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO VALIDO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DI AZIENDE

CATALOGO FORMATIVO VALIDO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DI AZIENDE CATALOGO FORMATIVO VALIDO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DI AZIENDE LEGISLATIVI I corsi di formazione risultano conformi (per contenuti e durata) a quanto previsto dal D.Lgs 81/2008 (e s.m.i.)

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

PROVINCIA di TREVISO. COMUNE DI PEDEROBBA Centro commerciale "Area ex Funghi del Montello" A-12 1^ EMISSIONE DESCRIZIONE

PROVINCIA di TREVISO. COMUNE DI PEDEROBBA Centro commerciale Area ex Funghi del Montello A-12 1^ EMISSIONE DESCRIZIONE PROVINCIA di TREVISO COMUNE DI PEDEROBBA Centro commerciale "Area ex Funghi del Montello" PROGETTO DEFINITIVO INDICAZIONE PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI SICUREZZA 3 2 1 0 REV PROGETTISTI: Arch. CON: Urb.

Dettagli

Perizia tecnica relazione integrativa

Perizia tecnica relazione integrativa Studio di Ingegneria Ing.Vincenzo Sanzone Via Palmerino n 42, Palermo Partita IVA : 05993070829 Email: ing.sanzone@libero.it Perizia tecnica relazione integrativa Condominio Via Selinunte n 9 Palermo,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI U.L.S.S. n. 7 UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA Sede : Via Lubin 16, - 31053 PIEVE DI SOLIGO - Telefono (0438) 663931 Codice Fiscale - P. IVA 00896790268 UNI EN ISO 9001:2000 certificato n 13724/05/S DOCUMENTO

Dettagli

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO DURATA IL CORSO SPECIFICO PER L UTILIZZO DI POMPE PER CALCESTRUZZO HA UNA DURATA COMPLESSIVA DI 16 ORE ORGANIZZATE IN TRE MODULI: MODULO DI BASE (4 ORE) E MODULO TECNICO

Dettagli

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO?

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? FASE DI LAVORO: MANUTENZIONE IMPIANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI OBIETTIVO MANUTENZIONI IN SICUREZZA ELABORATO TECNICO

Dettagli

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto.

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto. Note introduttive Il presente documento fa proprie le indicazioni di cui all Art. 34. Relazione generale del progetto esecutivo del d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207: 1. La relazione generale del progetto

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA II DIPARTIMENTO - 1 SERVIZIO PROGRAMMAZIONE PIANO DELLE OO.PP. E VIABILITA

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA II DIPARTIMENTO - 1 SERVIZIO PROGRAMMAZIONE PIANO DELLE OO.PP. E VIABILITA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA II DIPARTIMENTO - 1 SERVIZIO PROGRAMMAZIONE PIANO DELLE OO.PP. E VIABILITA LAVORI URGENTI DI RICOSTRUZIONE DI UN TRATTO DI MURO AD ALTO RISCHIO CROLLO SULLA S.P. 41 TAVOLA

Dettagli

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA ESTRATTO DAL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA DEL CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU A TORRE 1. OGGETTO DELL INTERVENTO 1.1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

COMUNE DI AYAS LAVORI DI RAZIONALIZZAZIONE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA ACQUEDOTTISTICO DI AYAS

COMUNE DI AYAS LAVORI DI RAZIONALIZZAZIONE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA ACQUEDOTTISTICO DI AYAS Regione Autonoma Valle d Aosta COMUNE DI AYAS Comune di Ayas LAVORI DI RAZIONALIZZAZIONE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA ACQUEDOTTISTICO DI AYAS ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI PROGETTAZIONE: MANDATARIA: stecingegneria

Dettagli

LAVORO SULLE COPERTURE

LAVORO SULLE COPERTURE 1 LAVORO SULLE COPERTURE UNI EN 8088 2 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati (definizioni) [UNI 8088] Tipi di coperture [UNI 8088] MANTO DI COPERTURA Per manto di copertura si intende l insieme degli

Dettagli

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Parapetti provvisori Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

FORMAZIONE COORDINATORI SICUREZZA. I Lavori in Quota. Elaborato Utilizzato per Corso AGGIORNAMENTO COORDINATORI (40 ore) 2011 Seravezza Querceta

FORMAZIONE COORDINATORI SICUREZZA. I Lavori in Quota. Elaborato Utilizzato per Corso AGGIORNAMENTO COORDINATORI (40 ore) 2011 Seravezza Querceta FORMAZIONE COORDINATORI SICUREZZA I Lavori in Quota Elaborato Utilizzato per Corso AGGIORNAMENTO COORDINATORI (40 ore) 2011 Seravezza Querceta Rischio cadute dall alto Normative Nazionali e Regionali (su

Dettagli

La seguente relazione tecnica è volta dunque a descrivere il progetto nelle sue fasi.

La seguente relazione tecnica è volta dunque a descrivere il progetto nelle sue fasi. STAGE 2014 ANTONIO SALLEMI ITS 2 Il presente documento descriverà nel dettaglio l esperienza di stage effettuata nei mesi di Aprile, Maggio e Giugno 2014 tramite una precisa analisi tecnico-relazionale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Nell ambito dell incarico ricevuto dall Amministrazione Comunale con Determinazione del Responsabile n.976 del 23/08/2005, è stato redatto il progetto esecutivo

Dettagli

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO FASCICOLO INFORMATIVO DELL'OPERA Responsabile del Procedimento: Arch.

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

Redazione e gestione di una specifica parte di PSC. Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT

Redazione e gestione di una specifica parte di PSC. Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT Redazione e gestione di una specifica parte di PSC Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT 2014 PSC? POS 2 PSC una relazione tecnica e prescrizioni correlate alla complessità dell opera da realizzare ed

Dettagli

MINISTERO LAVORO circolare 19 marzo 1980, n. 15

MINISTERO LAVORO circolare 19 marzo 1980, n. 15 MINISTERO LAVORO circolare 19 marzo 1980, n. 15 Prevenzione infortunistica: attrezzature per getto di calcestruzzo con tecnologia a tunnel. Si rende noto che la Pretura di Roma - Sezione IX penale - ha

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali 14 giugno 2012 - Fenestrelle (TO) ASL CN2 Alba-Bra Servizio di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (S.Pre Pre.S.A.L.) TITOLO IV D.L.gs 81/08

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ENAV S.p.A. ROMA ACC CIAMPINO pag. 1 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OGGETTO: Ristrutturazione Uffici, Piastra, Hall, Centro servizi, Foresteria e Sala Convegni - PROGETTO DEFINITIVO OPERE STRUTTURALI - STECCA

Dettagli

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA.

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA. COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA. 00304260409 PROGETTO ESECUTIVO Relativo a: Intervento finalizzato al Miglioramento

Dettagli

n. eventi 2007 308 Gennaio 2009 76 Febbraio 2009 34 Marzo 2009 24 I trimestre 2009 134

n. eventi 2007 308 Gennaio 2009 76 Febbraio 2009 34 Marzo 2009 24 I trimestre 2009 134 ANALISI DEI CASI VERIFICATISI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI BRESCIA E STATISTICA DELLE CAUSE Ing. Pier Nicola Dadone Comando provinciale Vigili del Fuoco di Brescia Statistica 2007-9 degli incendi

Dettagli

Misure di prevenzione e protezione. a seguito di eventi calamitosi

Misure di prevenzione e protezione. a seguito di eventi calamitosi ANCE GIOVANI L AQUILA ANCE GIOVANI L AQUILA Provincia di L Aquila Prevenzione e Sicurezza in Edilizia Misure di prevenzione e protezione per la manutenzione dei sistemi di sicurezza e delle opere provvisionali

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA Sistemi di protezione collettivi ed individuali con riferimento alle normative europee UNI EN 13374 e UNI EN 795. I lavori in quota possono esporre

Dettagli

Documentazione disponibilità Luogo di conservazione Provincia di Pistoia preliminare

Documentazione disponibilità Luogo di conservazione Provincia di Pistoia preliminare 1 te generali Il presente piano di manutenzione relativo alla realizzazione della Variante alla SR 66 Pistoiese in località Limestre (San Marcello P.se), è redatto tenendo conto delle specifiche norme

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Introduzione Principio Di norma, quando si sceglie l ubicazione di una gru a torre bisogna fare in modo che la movimentazione dei carichi sul cantiere

Dettagli

Passerella Ciclopedonale sul torrente Tesa in Alpago (BL)

Passerella Ciclopedonale sul torrente Tesa in Alpago (BL) Passerella Ciclopedonale sul torrente Tesa in Alpago (BL) Testo e immagini gentilmente concesse da BDL Progetti srl - Ing. Boranga Il manufatto in oggetto costituisce l elemento principale e di maggior

Dettagli

Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV

Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV DOMANDA DI ADESIONE ALLE COMPONENTI DI CMP-MI. PRIMA PARTE (anagrafica) Cognome Nome Nato a il Residente a Indirizzo Codice fiscale Numero di telefono

Dettagli

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici CAPITOLO I 1.1 - DESCRIZIONE SINTETICA DELL OPERA Il progetto riguarda i lavori di adeguamento/miglioramento sismico controllato della scuola primaria Colombo nell'ambito del piano per la messa in sicurezza

Dettagli

155 6 0 - DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO - SETTORE OPERE IDRAULICO - SANITARIE ORDINANZA DEL SINDACO

155 6 0 - DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO - SETTORE OPERE IDRAULICO - SANITARIE ORDINANZA DEL SINDACO 155 6 0 - DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO - SETTORE OPERE IDRAULICO - SANITARIE ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2014-26 DATA 04/02/2014 OGGETTO: OGGETTO: CONVALIDA DI SGOMBERO CAUTELATIVO,

Dettagli

manuale di utilizzo e manutenzione

manuale di utilizzo e manutenzione Dispositivo classe A2 su tetti inclinati manuale di utilizzo e manutenzione CONFORME ALLA NORMA UNI EN 795-2005 CLASSE A2 Dispositivo classe A2 su tetti inclinati Indice 1. NOTE GENERALI DI SICUREZZA pag.

Dettagli

lavori in fune - edilizia acrobatica - monumenti - grandi opere - tralicci - fotografia industriale

lavori in fune - edilizia acrobatica - monumenti - grandi opere - tralicci - fotografia industriale Lavori in fune significa operare appesi a corde E un servizio utilizzabile in edilizia, nel restauro, per la fotografia industriale e non, per la manutenzione di tralicci, antenne, ripetitori, per intervenire

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi è stata effettuata in conformità alla normativa italiana vigente: - D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, "Attuazione dell'art. 1 della legge 3 agosto

Dettagli

CATALOGO CORSI 2014/2015

CATALOGO CORSI 2014/2015 Verona, 18 settembre 2014 A tutte le imprese iscritte alla Cassa Edile di Verona CATALOGO CORSI 2014/2015 Riprendono dal mese di ottobre i corsi che ESEV e CPT offrono all intero settore dell edilizia.

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PROGETTISTI: RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO:

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PROGETTISTI: RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Giunta Regionale Direzione Generale Ambiente e Difesa del Suolo e della costa Servizio Tecnico di Bacino Romagna (Cesena, Forlì, Ravenna, Rimini) Sede di Rimini DI PRONTO INTERVENTO D.Lgs. 1010/48 PI11101

Dettagli

Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione

Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione Sergio LAGOMARSINO Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni,dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Genova sergio.lagomarsino@unige.it

Dettagli