Tabagismo e inquinamento ambientale nelle patologie dell apparato respiratorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tabagismo e inquinamento ambientale nelle patologie dell apparato respiratorio"

Transcript

1 Respiro è Vita: il 2009 anno per la Salute del Respiro Fattori di rischio, epidemiologia, costi ed implicazioni sociali delle malattie respiratorie nelle realtà sanitarie italiane Catanzaro, 15 Ottobre 2009 Tabagismo e inquinamento ambientale nelle patologie dell apparato respiratorio Francesco Romano Pneumologia Oncologica UF di Aerobiologia Medica e Patologia Respiratoria da Ambiente Cosenza

2 Il respiro dovrebbe entrare in noi come perle preziose e nessun recesso gli sarebbe precluso Wang Chung-Yu ( d.c.)

3 L inquinamento atmosferico viene definito come presenza nell'atmosfera di sostanze che di solito non sono presenti nella normale composizione dell aria, oppure lo sono ad un livello di concentrazione inferiore, e che causano un effetto misurabile sull essere umano, sugli animali, sulla vegetazione o sui diversi materiali.

4 FONTI di INQUINAMENTO Naturali (attività vulcanica, processi di erosione del suolo, decomposizione di materia organica) Legate alle attività umane (Traffico veicolare, processi industriali, combustione)

5 Principali inquinanti antropogenici e relative sorgenti più comuni Sorgenti Inquinanti CO CO 2 NO 2 PM ETS SO 2 VOCs O 3 * Radon Apparecchiature a gas/kerosene mal ventilate Combustione di biomasse (legno/carbone) Sigarette/sigari/pipa Combustione Fumo di tabacco (ETS) Combustione di legno/gas Traffico autoveicolare Combustione di combustibili fossili (carbone/derivati del petrolio) legno o gas: impianti di riscaldamento, industrie, centrali termoelettriche, incendi Motori Diesel combustibili fossili Combustione di carbone/petrolio/gas Mobili nuovi in legno pressato/formica, solventi, vernici, colle, isolanti, prodotti per pulizia Materiale da costruzione, acqua domestica Sorgenti indoor Sorgenti outdoor * Inquinante secondario da ossidazione (prevalentemnte di NO 2 ) in presenza di forteirradiazione solare o alta temperatura.

6 CONCETTO DI ESPOSIZIONE L esposizione umana potrebbe essere definita come quell evento che porta una persona al contatto con una determinata concentrazione di inquinante, per un certo periodo di tempo. Iter dell evento esposizione : sorgente emissione concentrazione esposizione dose effetto Gli effetti sulla salute dipendono sia dalla concentrazione che dal tempo di esposizione

7

8 Doll R, Int J Tuberc Lung Dis, 1999

9 FUMO CAUSA E FATTORE AGGRAVANTE DI MOLTE PATOLOGIE RESPIRATORIE Il fumo causa oltre l 80% delle BPCO e dei tumori polmonari Aggrava l asma bronchiale negli adulti e favorisce l insorgenza di asma nei bambini esposti a fumo passivo Influenza in modo negativo la patologia infettiva polmonare e favorisce la tubercolosi E correlato ad alcuni quadri di interstiziopatie polmonari diffuse, quali istiocitosi X, DIP, RB ILD

10 QUOZIENTI DI MORTALITA ATTRIBUIBILE AL FUMO TUTTE LE CAUSE 0.15 TUMORI MALIGNI 0.26 Polmone 0.85 Esofago 0.71 Cavità buccale/faringe 0.68 Laringe 0.68 Trachea, Bronchi 0.68 Pancreas 0.28 Vescica 0.34 Reni e vie urinarie 0.25 MALATTIE RESPIRATORIE 0.41 Polmonite 0.37 Bronchite cronica, Enfisema 0.85 MALATTIE SISTEMA CIRCOLATORIO 0.09 Ipertensione 0.47 Malattie ischemiche 0.47 Malattie cerebro-vascolari 0.44 Aneurisma aorta 0.65 Arteriopatia obliterante 0.21

11 TUMORI PER I QUALI ESISTE SUFFICIENTE EVIDENZA DI CANCEROGENICITÀ DEL FUMO DI TABACCO (IARC Working Group) N di studi valutati Sito neoplastico caso-controllo coorte RR medio Polmone > Tratto urinario Cavità orale Oro-ipofaringe Esofago (K squamoso) Laringe Esofago (adenok) 10 NR Pancreas Naso Seni paranasali Nasofaringe Stomaco Fegato Rene Cervice Uterina Leucemia mieloide NR Vineis P, et al. J Natl Cancer Inst 2004; 96 (2):

12 CAUSE DI CANCEROGENESI FUMO CORRELATA MUTAZIONE DI GENI ONCOSOPPRESSORI MUTAZIONE DI ONCOGENI DOMINANTI ALTERAZIONE DELLA CLEARANCE MUCO- CILIARE DEPRESSIONE DELLA RISPOSTA IMMUNITARIA IPOSSIEMIA

13 Tabelle per la valutazione del rischio respiratorio Cancro polmonare Probabilità di ammalarsi per le diverse classi di età e in funzione dell età alla cessazione POPOLAZIONE MASCHILE POPOLAZIONE FEMMINILE

14 CELLULAR MECHANISMS OF COPD CD8 + lymphocyte? Cigarette smoke Alveolar macrophage MCP-1 Neutrophil chemotactic factors Cytokines (IL-8) Mediators (LTB 4 ) Neutrophil PROTEASE INHIBITORS - PROTEASES Neutrophil elastase Cathepsins Matrix metalloproteinases Alveolar wall destruction (Emphysema) Mucus hypersecretion (Chronic bronchitis)

15 Mortality in relation to smoking: 50 years' observations on male British doctors Richard Doll, Richard Peto, Jillian Boreham, Isabelle Sutherland BMJ 2004;328:

16 Tabelle per la valutazione del rischio respiratorio - BPCO Probabilità di ammalarsi di BPCO nei 10 anni successivi all età attuale del soggetto POPOLAZIONE MASCHILE POPOLAZIONE FEMMINILE

17 TOBACCO LEADS TO THE DEVELOPMENT OF ASTHMA Case control study of adults in Scotland, years old 102 adult-onset wheezers Adult onset wheeze associated with: Current smoking (RR 2.0) Atopy Family history of atopy Gilliland, AJRCCM 2006;175:1094

18 Tobacco leads to persistent asthma Increased RR of exacerbations Cassino, AJRCCM 1999;159:1773 Increased frequency and severity of symptoms Sioux, ERJ 2000;15:470

19 Tobacco exposure increases the likelihood of severe asthma Prospective cohort study of 451 nonsmoking adults with asthma Increasing exposure to ETS was associated with Worse quality of life (general and asthma-specific) More urgent and ER visits Eisner, AJRCCM 1998;158:170

20 NEI PAZIENTI CON PATOLOGIA INFETTIVA POLMONARE

21 SMETTERE DI FUMARE E UTILE NEI PAZIENTI AFFETTI DA PATOLOGIA RESPIRATORIA?

22

23 EFFICACIA DEGLI INTERVENTI ANTIFUMO L efficacia e il costo dei vari interventi che mirano a promuovere la cessazione tabagica sono molto vari, ma in ogni caso, almeno quelli con una riconosciuta efficacia scientifica (ACHPR), tutti vantaggiosi da un punto di vista del rapporto costo-beneficio e del rapporto costo-efficacia. (Cromwel J et al, JAMA 1997; 278: )

24 RISCHIO CUMULATIVO DI MORTALITÀ PER CANCRO DEL POLMONE TRA GLI UOMINI INGLESI FUMATORI IN RELAZIONE ALL ETÀ DI CESSAZIONE DEL FUMO Peto R, et Al. BMJ 2000; 321: 323-9

25 FEV1 (% del valore a 25 anni) DISASSUEFAZIONE effetti sulla funzione respiratoria 100 Mai fumato o non suscettibile ai danni del fumo Invalidità Decesso Fumatore regolare e suscettibile ai danni da fumo Smesso a 45 anni Smesso a 65 anni Età (anni)

26 Piano Regionale Tabagismo

27

28 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO Fonti di inquinamento atmosferico fisse mobili Impianti riscaldamento Impianti industriali Centrali elettriche Automezzi Aerei Navi e natanti

29 Inquinanti primari: vengono direttamente emessi nell atmosfera da determinate sorgenti (i piu comuni sono quelli prodotti da processi di combustione, come SO 2, alcuni NO x, CO x e PM) Inquinanti secondari: si producono per effetto di reazioni chimiche tra gli inquinanti primari ed altri inquinanti presenti nell aria o componenti naturali dell atmosfera, soprattutto ossigeno ed acqua (tipico inquinante secondario e O 3 )

30 Tipo di inquinamento e conseguenze sulla salute RIDUCENTE Complesso smog di Londra SO 2 Smoke (particelle sospese) Idrocarburi policiclici OSSIDANTE Complesso smog di Los Angeles NO NO 2 O 3 Aldeidi Idrocarburi volatili Effetti a breve termine Effetti a lungo termine

31 Inquinamento outdoor - Effetti Respiratori -

32 Effetti respiratori acuti (short-term, per esposizione breve ad elevate concentrazioni di inquinanti) Incremento di mortalità giornaliera Incremento di riacutizzazioni (in soggetti con malattie cardiorespiratorie) che si possono tradurre in: incremento di ricoveri ospedalieri (frequenza e durata), visite in PS o mediche, uso di farmaci specifici, assenteismo da lavoro/scuola, decremento della produttività lavorativa/ scolastica, della funzionalità polmonare Incremento di sintomi respiratori acuti (fischi/sibili, tosse, catarro, infezioni) Decremento della funzionalità polmonare Adattato da:

33 Effetti respiratori cronici (long-term, per esposizione prolungata a livelli di concentrazione anche lievi) Incremento di mortalità Incremento di incidenza/prevalenza di malattie croniche respiratorie (es asma e BPCO) Incremento di cancro polmonare Decremento nella funzionalità polmonare Adattato da:

34 Principali fonti di emissione del particolato atmosferico Emissioni in provincia di Milano Inventario delle emissioni (INEMAR 2001) PM10 Produzione energia e trasform. combustibili Combustione non industriale Combustione nell'industria Processi produttivi Estrazione e distribuzione combustibili 4% Uso di solventi 70% 12% Trasporto su strada Altre sorgenti mobili e macchinari Trattamento e smaltimento rifiuti Agricoltura 3% 1% 4% Altre sorgenti e assorbimenti

35 Dove si depositano le polveri sottili (PM10, PM2.5, PM1, PM0.3)?

36 Historical PM Events of Health Significance Meuse Valley, Belgium 1930 PM from coal combustion 63 dead, 6000 ill Donora, Pennsylvania 1948 PM from zinc smelter 20 dead, 7000 hospitalized out of a town of 14,000 London, UK 1952 PM from combustion, air inversion deaths estimated originally, revised to 12,000 potential deaths

37 Aree urbane colpite da epidemie di asma bronchiale CITTA Los Angeles (1960) AGENTE IN CAUSA Ozono, NO 2, Particolato incombusto Tokyo-Yokohama (1960) Inquinanti o allergeni (?) New Orleans ( ) Marsiglia ( ) Barcellona ( ) Napoli (1993) Indonesia, Malesia, Borneo, Filippine, Singapore (1997) SO 2, polvere di carbone, polveri di granaglie, soia (?) Ricino Soia Soia Gas tossici (SO 2, CO 2, CO, ecc.) e materiale particolato derivante da estesi incendi di foreste e aree agricole

38 Associations between PM and Respiratory Health Effects of PM on respiratory symptoms (upper and lower airways). (Pope et al, ARRD 1991; Hoek and Brunekreef, Environ Res 1994; Schwartz et al, AJRCCM 1994; Braun-Fahrlander et al, AJRCCM 1997; Tager et al, AJRCCM 1999; Horak et al, ERJ 2002;Annesi-Maesano I ERJ 2007); Hospitalization for respiratory and cardiovascular diseases. (Morgan et al, AJPH 1998; Schwartz J & Morris, AJE 1995,Dockery DW,Stone PH,NEJM)); Asthma attacks. (Ostro et al, AJPH 1991; Schwartz J et al, ARRD 1993); Asthma medication use. (Pope et al, ARRD 1991; Roemer et al, ARRD 1993); Lung function. (Hoek & Brunekreef, AEH 1993; Ackermann-Liebrich et al, AJRCCM 1997); Lung function in children. (Horak FJ et al.erj 2002); Mortality. (Dockery et al, NEJM 1993; Schencker, NEJM 1993; Pope et al, AJRCCM 1995; Schwartz, Epidemiology 2000.

39 Association between PM and Respiratory Effects reference: USEPA, 2002

40 I VEICOLI A MOTORE ED IL LORO EFFETTO SULL INQUINAMENTO URBANO I principali inquinanti prodotti dagli AUTOVEICOLI sono: il biossido di zolfo (SO 2 ); gli ossidi di azoto (NO x ); il monossido di carbonio (CO); gli idrocarburi incombusti (HC); i composti del piombo (Pb); le polveri sospese totali (PST) tra cui il particolato, costituito da particelle carboniose emesse principalmente dai motori diesel.

41 Si pensa che le polveri incombuste emesse dai motori Diesel stimolino la sintesi di IgE, facilitando così la sensibilizzazione in soggetti predisposti e il successivo sviluppo di malattie respiratorie d origine allergica Diaz-Sanchez et al, J Immunol 1997 Nel A et al. JACI 1998 Frew et al, ERM n Sydbom et al, Eur Respir J 2001 Senechal et al, AJRCCM 2003 Peden DB et al JACI 2005 McCreanor J et al NEJM 2007

42 Incremento di ricoveri per incremento di 10 g/m 3 della media di PM 2.5

43 Soot=fuliggine, proxy di PM 2.5 per ogni incremento di 1 interquartile della concentrazione media annuale

44 Ultrafine particles ( 0.1 ) Fine particles ( 2.5 ) Per ogni incremento di 1 interquartile Fig. 4. Comparison of the effect estimates of the 5-day means of fine and ultrafine particles in a) single and b) two-pollutant models for prevalence of inhaled short-acting b2-agonist use, corticosteroid use and wheezing. The results suggest that reported inhaled asthma medication use and asthma symptoms increase in association with ultrafine and fine particulate air pollution and with gaseous pollutants, such as NO 2, in adults in Erfurt, Germany.

45 Exposure response relation between distance of home from nearest main road and parent-reported wheeze in secondary schoolchildren.

46 È stato mostrato che l esposizione dell uomo a O 3 causa una serie di reazioni nelle vie aeree superiori ed inferiori, come 1. Alterazione della permeabilità delle vie aeree (Koren et al, Toxicol Pathol 1991) 2. Riduzioni della funzione polmonare (Hazbun et al, AJRCCM 1993) 3. Aumento delle resistenze delle vie aeree (Seale et al, ARRD 1993) 4. Aumento della reattività agli aeroallergeni (Molfino et al, Lancet 1991; Peden et al, AJRCCM 1995; Jorres et al, AJRCCM 1996;D Amato & Cecchi Clin Exp Alergy 2008) 5. Perturbazione delle difese antiossidanti (Bolmberg et al, Eur Respir J 1999; D Amato et al Eur Respir J 2002; Clin Exp Allergy 2005; Allergy 2007) 6. Neutrofilia delle vie aeree (Schelegle et al, ARRD 1991; Stenfors et al, Respir Med 2002)

47 Nei bambini che avevano praticato 3 o più sports all'aperto in zone con alti livelli di Ozono si aveva un rischio triplicato di incidenza di asma rispetto ai bambini che non avevano praticato sports all'aperto. Dati relativi agli ultimi 4 aa Proxy di tempo trascorso all esterno

48 In un recente report, WHO riporta associazioni positive tra rischio di mortalità per cause non accidentali ed inquinanti outdoor, significative per quanto riguarda mortalità respiratoria e PM. Source: WHO Health Risks of Particulate Matter from Long Range Transboundary Air Pollution. European Centre for Environment and Health. Bonn Office.

49 Inquinamento outdoor - Riacutizzazioni -

50 Meta-analisi di studi sull effetto a breve termine di esposizione a PM 10 in bambini asmatici Changes of daily air pollutants and changes of daily health outcomes (hospitalizations, emergency room visits, drugs, symptoms, lung function)

51 PM 10 e visite in PS/ricoveri ospedalieri per asma (per ogni incremento di 10 g/m 3 ) White 1994 Atkinson 1999 Norris 1999 Gouv eia 2000 Tolbert 2000 Anderson studi Atkinson 2001, Ba Atkinson 2001, Bi Atkinson 2001, L Atkinson 2001, N Atkinson 2001, P Atkinson 2001, R Atkinson 2001, S Thompson 2001 Lee 2002 Lin 2002 Stima Complessiv a (EC) 0,85 0,9 0,95 1 1,05 1,1 1,15 OR (I.C. 95%) tra PM 10 e ricoveri in ospedale o al Pronto Soccorso per asma Romeo et al, Epidemiol Prev 2006

52 PM 10 ed episodi di fischi (per ogni incremento di 10 g/m 3 ) Pope 1992 Roemer 1993 Romieu 1996 Gielen 1997 Romieu 1997 Delfino 1998 Roemer 1998 Roemer 1998 Segala 1998 Boezen 1999 Boezen 1999 van der Zee 1999 van der Zee 1999 Yu 2000 Ostro 2001 Delfino 2002 Just 2002 Mortimer 2002 Delfino 2003 Slaughter studi Stima complessiva (EC) OR (I.C. 95%) tra PM 10 ed episodi di sibili Romeo et al, Epidemiol Prev 2006

53 PM 10 e assunzione di antiasmatici (per ogni incremento di 10 g/m 3 ) Roemer 1993 Gielen 1997 Peters 1997 Roemer studi Roemer 1998 Segala 1998 van der Zee 1999 van der Zee 1999 Slaughter 2003 Stima complessiva (EC) OR (I.C. 95%) tra PM 10 e utilizzo di farmaci per l asma Romeo et al, Epidemiol Prev 2006

54 ETS PM Effetti sulla salute di comuni inquinanti indoor Biomass wood/coal NO 2 Mould

55 Principali inquinanti indoor Fattori Fisici: Temperatura, umidità, illuminazione, Vibrazioni, rumore Inquinanti inorganici: Monossido di carbonio (CO) Biossido di carbonio (CO 2 ) Biossido d azoto (NO 2 ) Particolato respirabile Fibre minerali Inquinanti organici: Composti organici volatili (VOC) Formaldeide Fumo di tabacco ambientale (ETS) Pesticidi Contaminanti biologici: Virus Batteri Allergeni: Muffe/funghi Acari dalla polvere Forfora di animali Scarafaggi Piante verdi Inquinanti esterni (pollini/muffe) Viegi G et al, Int J Tuberc Lung Dis 2004

56 Rischio di sintomi respiratori Malattie Respiratorie Acute Studi Epidemiologici Indoor nelle aree del Delta del Po e di Pisa PM NO 2 Malattie Respiratorie Acute senza febbre

57 Rischio di elevata variazione diurna del picco di flusso espiratorio (PEF) Studi Epidemiologici Indoor nelle aree del Delta del Po e di Pisa PM

58 ETS Bambini: Fumo corrente dei genitori significativamente associato a maggior rischio di sintomi asmatici, più elevato se fumavano entrambi i genitori (OR=1,3, IC95% 1,0-1,7). Fumo corrente della sola madre associato a maggior rischio di tosse/catarro persistenti (OR=1,5 IC95% 1,0-2,1). Adolescenti: Fumo corrente di almeno uno dei genitori associato con sintomi asmatici negli ultimi 12 mesi (OR=1,5 IC 95% 1,1-1,9).

59 Mould Bambini

60 Mould Adolescenti

61 Conclusioni Il fumo di tabacco è causa e fattore aggravante di numerose patologie respiratorie Il trattamento della dipendenza da fumo è prevenzione e terapia delle malattie respiratorie L inquinamento atmosferico è associato a mortalità e morbidità indotte da malattie respiratorie e cardiovascolari Vivere intorno a strade ad elevato traffico veicolare è associato ad un aumento delle patologie respiratorie PM e ozono sono fattori che aggravano l asma ed aumentano gli effetti degli allergeni anemofili

62 Grazie per l attenzione

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico T.erritorio di Ra.venna LP3. Giuliano Silvi, Cristina Raineri, Valeria Frassineti

S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico T.erritorio di Ra.venna LP3. Giuliano Silvi, Cristina Raineri, Valeria Frassineti Direzione Gen. Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità Pubblica Dipartimento di Sanità Pubblica - Ravenna Provincia di Ravenna Comune di Ravenna S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013 ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE Bollettino 2013 Informazioni derivate da: ISTAT SDO Schede ministeriali tossicodipendenze ESPAD, PASSI FATTI E CIFRE

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 9ª Versione, data revisione: Dicembre 2013, sostituisce la versione del por luglio 2010. Aggiornato con A.St.A. Europe (Agglomerated Stones Association of Europe) SILESTONE Scheda di Dati di Sicurezza

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valeria Garbero vgarbero@golder.it Politecnico di Torino e Golder Associates, Natasa

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente 2 ELEMENTI DI SINTESI SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Nel presente capitolo viene inquadrata la situazione del sistema aria sul territorio regionale. Viene valutata l entità della pressione esercitata sul

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

L aria che respiro. L inquinamento atmosferico locale e globale. Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria

L aria che respiro. L inquinamento atmosferico locale e globale. Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria L inquinamento atmosferico locale e globale L aria che respiro Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria www.regione.lombardia.it L aria che respiro L inquinamento atmosferico

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione Stime di rischio stocastico e detrimento sanitario G. Trenta, AIRM, Roma L IPOTESI PORTANTE: LNT Ancorché ci siano riconosciute eccezioni, per i

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI

TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI IL PROBLEMA DELLA QUALITÀ DELL ARIA NEGLI AMBIENTI CHIUSI L argomento, di

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica

L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica L asma bronchiale nel bambino raccomandazioni per la pratica clinica Un modello per introdurre cambiamenti nel percorso diagnostico-assistenziale della malattia cronica Modena, Giugno 2004 Raccomandazioni

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia (affiliata all International Society of Doctors for the Environment, in rapporto consultivo con l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

OSPEDALI SENZA FUMO. Una proposta operativa per lavorare in rete. a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo

OSPEDALI SENZA FUMO. Una proposta operativa per lavorare in rete. a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo OSPEDALI SENZA FUMO Una proposta operativa per lavorare in rete a cura del gruppo di studio regionale sottogruppo Ospedali e ASL senza fumo Introduzione Il sottogruppo regionale, nel definire le proprie

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Verso ospedali e servizi sanitari liberi dal fumo. Manuale pratico per il controllo del fumo di tabacco negli ambienti sanitari

Verso ospedali e servizi sanitari liberi dal fumo. Manuale pratico per il controllo del fumo di tabacco negli ambienti sanitari Verso ospedali e servizi sanitari liberi dal fumo Manuale pratico per il controllo del fumo di tabacco negli ambienti sanitari VERSO OSPEDALI E SERVIZI SANITARI LIBERI DAL FUMO Manuale pratico per il

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

COME CREARE UN AMBIENTE DI LAVORO LIBERO DA FUMO

COME CREARE UN AMBIENTE DI LAVORO LIBERO DA FUMO COME CREARE UN AMBIENTE DI LAVORO LIBERO DA FUMO GUIDA PRATICA PER IMPRENDITORI, LAVORATORI E CITTADINI ALLA APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 51 DELLA LEGGE 3/2003 (del 16/1/2003) Questa guida ha lo scopo di

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Gasolio

SCHEDA DI SICUREZZA Gasolio Data di emissione: 30/11/2008 Revisione 0 del 30/11/2008 1 Identificazione del prodotto e della società Nome del prodotto : GASOLIO Numero CAS: 68334-30-5 Impiego: carburante per motori a combustione interna,

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli