L allattamento nell infanzia: il latte materno i sostituti e le loro reazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L allattamento nell infanzia: il latte materno i sostituti e le loro reazioni"

Transcript

1 L allattamento nell infanzia: il latte materno i sostituti e le loro reazioni Giovanni Cavagni Allergologia

2

3 IL SUCCO DELLA VITA Nutrimento ottimale: almeno per i primi sei mesi di vita Nutrizionale Immunologico Metabolico Psicologico UNICO ED IRRIPETIBILE

4

5 Il latte materno, in particolare il colostro, contiene nutrienti che forniscono protezione passiva dalle infezioni e dalle malattie immunomediate e stimolano la maturazione attiva del sistema immune mucosale del lattante. Hanson LA 2004 L intestino è il maggior organo immunitario umano ed è la sede del maggior numero di cellule immunocompetenti e di altri tipi cellulari coinvolti nella risposta immunitaria. Kelly D Proc Nutr Soc 2000

6

7 L ingestione di colostro è in grado di facilitare la maturazione delle cellule della mucosa gastrointestinale e di accelerare lo sviluppo di una integra barriera mucosa. Alcuni studi suggeriscono quindi che il latte possa contenere un fattore di crescita della mucosa che faciliterebbe la precoce maturazione dell intestino (gut( gut-closure). Heird W.C. Pediatr Res. Udall J.N. Pediatr Res.

8

9 Elementi immunomodulanti del latte materno Sostanze ad attività antibiotica Immunoglobuline: SlgA, SlgG, SlgM Lattoferrina, lattoferrina B e H Lisozima Lattoperossidasi Anticorpi idrolizzanti i nucleotidi κ-caseina e α-lattalbumina Aptocorrina Mucine Lattoaderine Elemento secretorio libero Oligosaccaridi e prebiotici Acidi grassi Leucociti e citochine materne scd14 Fattori del Complemento loro Fattori recettori di assuefazione/priming Citochine: β-defensina-1 IL-10 e TGFβ Recettori Toll-like Anticorpi Fattori anti-idiotipici Bifidus Elementi dello sviluppo immunitario Macrofagi Neutrofili Linfociti Citochine Fattori di crescita Ormoni Peptidi del latte Acidi grassi polinsaturi a catena lunga Nucleotidi Molecole di adesione Sostanze antinfiammatorie Citochine: IL-10 e TGFβ Antagonista del recettore per IL-1 Recettori per TNFα e IL-6 scd14 Molecole di adesione Acidi grassi polinsaturi a catena lunga Ormoni e fattori di crescita Osteoprotegerina

10 Claud EC, Modulation of human intestinal epithelial cell interleukin-8 secretion by human milk factors. Pediatr Res2003;53:

11 The effect of breast milk and blf on the stimulation of inflammatory cytokines after an inflammatory stimulus with LPS. Haversen L. Lactoferrin down-regulates the LPS-induced cytokine production in monocytic cell via NF-kB. Cell Immunol 2002

12 Nel topo, gli allergeni inalati dalla madre sono presenti nel latte materno. L allergene ingerito dal topo è accompagnato dal TGF-β presente nel latte; allergene e TGF-β, sono sufficienti ad indurre differenziazione T cellulare. Il risultato è che, nei modelli animali, il topo durante l allattamento, è provvisto di cellule regolatoriecd4+ con protezionespecificaper l allergene. TCR: T cell receptor; Treg: regulatory T cell; TGF-βR: TGF-β receptor. Verhasselt V. Neonatal Tolerance under Breastfeeding Influence: The presence of allergen and Trasforming Growth Factor-beta in breast milk protects the progeny from allergic asthma. The Journal of Pediatrics; Febbraio 2010, Vol 156, No2, Suppl.1

13 Il latte materno è ricco di acidi grassi polinsaturi a lunga catena (AGPI-LC) un rapporto elevato omega6/omega3 stimolerebbe la risposta immunitaria in senso Th1 piuttosto che Th2 Das UN. Breast-feeding, atopy, and asthma. J Allergy Clin Immunol Hoppu U,. Breast milk fatty acid composition is associated with development of atopic dermatitis in the infant. J Pediatr Gastroenterol Nutr Chouraqui JP. Archiv Ped 2008.

14 Alcuni studi hanno riportato un effetto protettivo dell allattamento materno prolungato, sull asma e sull allergia. Gdalevich M. J Am Acad Dermatol 2001; Gdalevich M. J Pediatr 2001; Saarinen UM. Lancet 1995; Dell S. Arch Pediatr Adolesc Med 2001; Kull I. J Allergy Clin Immunol 2004; Rothenbacher D.Clin Exp Allergy 2005 Altri studi tuttavia non hanno dimostrato alcuna riduzione, ma addirittura hanno riportato un incremento del rischio di asma e allergia, in bambini con allattamento materno prolungato. Stabell Benn C. Am J Epidemiol 2004; Burgess SW. Pediatrics 2006; Takemura Y.Am J Epidemiol 2001; Sears MR, Lancet 2002; Purvis DJ. Br J Dermatol 2005; Wegienka G. Ann Allergy Asthma Immunol 2006; Kramer MS.BMJ 2007; Duncan JM, Sears MR Curr Opin Allergy Clin Immunol Latte materno e allergie

15 Breast-feedingin relation to asthma, lungfunction, and sensitization in young school children Inger Kull JACI, 2010 Exclusivebreast-feeding(>4 months) and asthmaduringthe first 8 yearsof life among children in a birth cohort from Stockholm(N= 3825).

16 LATTE DI BANCA LATTE UMANO DONATO LATTE DI DONNA

17 BANCA DI LATTE UMANO La composizione del latte umano è ottimale non solo per la qualità dei suoi nutrienti, tanto da essere definito più che un alimento un sistema biologico,, ma anche per un effetto dietoterapico farmacologico. e

18 Dal seno In banca IL DONO DELLE BALIE MODERNE UNA PROPOSTA POSITIVA RACCOLTA DEL LATTE NEI VARI REPARTI DI MATERNITA AL DOMICILIO DELLE NUTRICI LITRI DI LATTE IN UN ANNO PASTI DI LATTE PERCHÈ PER CHI COME

19 PATOLOGIE PIÚ RICORRENTI POTERE NUTRIZIONALE Prematurità Gravi malnutrizioni (malformazioni congenite) Chirurgia intestinale neonatale AIDS POTERE TERAPEUTICO-FARMACOLOGICO Pseudoostruzione intestinale cronica Malattie metaboliche Gravi intolleranze alimentari Diarrea intrattabile del lattante

20 mammiferi alternativi... (Iacono G et al. Use of ass milk in multiple food allergy. J Ped Gastroenterol Nutr 1992; 14: ) (Businco L et al. Dieta e allergia Riv Ital Pediatr 1999; 25: ) (Restani P et al. Cross-reactivity between milk proteins from different animal species. Clin Exp Allergy 1999; 29: )

21 LATTE DI ASINA

22 dati analitici e fisiologici dei diversi latti a confronto con quello di donna COMPOSIZIONE PER 100 gr. Estratto secco Grassi Lattosio Sali Sostanze azotate Valore energetico Totale Caseina % Kj/Kg Latte umano ,6 Asina ,4 Vacca ,0 Capra Pecora ,4

23 composizione della frazione proteica del latte nelle diverse specie animali PROTEINE % TOTALI CASEINA ALBUMINE Donna 1.03 ( ) 0.4 ( ) 0.60) 0.4 Asina 2.00 ( ) Cavalla 2.2 ( ) 2.2) Bovina 3.3 ( ) 2.5 ( ) 2.8) 0.23 Capra ( ) 0.6 Pecora 5.3 ( ) 4.5 ( ) 4.6) 1.7

24 Caratteristiche nutrizionali del latte di asina presenta uno scarso contenuto in sostanza secca, materia grassa e proteine; ricco in lattosio e in calcio; tenori simili al latte umano in caseine e sieroproteine; tale caratteristica della frazione proteica del latte ha influito sui risultati nutrizionali positivi riscontrati in alcuni studi;

25 Caratteristiche nutrizionali del latte di asina ricco in acidi grassi poliinsaturi a lunga catena (rapporto w6 /w3 simile al latte di donna) elevata percentuale in acido linoleico (ac. grasso poliinsaturo essenziale non sintetizzato dall organismo); questi acidi grassi poliinsaturi sembrano avere proprietà immunostimolanti e ipocolesterolemizzanti.

26 Caratteristiche nutrizionali del latte di asina elevato contenuto di lattosio assai prossimo a quello del latte di donna; tale disaccaride ha un ruolo fondamentale in quanto stimola l assorbimento intestinale del calcio, influenzando positivamente la mineralizzazione ossea e il corretto sviluppo del sistema nervoso nei primi mesi di vita del bambino.

27 Reperibilità del latte di asina in Italia pochi gli allevamenti di asine da latte con esiguo numero di capi difficoltà nella mungitura (se non in vicinanza del puledro) produzione del latte soltanto durante il periodo di allattamento del puledro capacità volumetrica della mammella scarsa (produzione giornaliera < a 2 litri).

28 Reperibilità del latte di asina la lattazione presenta differenze in composizione e durata tra le razze; necessario selezionare razze in grado di fornire latte con parametri di composizione standardizzabili; gestire correttamente gli allevamenti (corretta igiene ambientale e controlli di salute sugli animali); trovare la modalità più idonea alla conservazione del latte (refrigerazione o altro trattamento termico) che ne preservi le caratteristiche nutrizionali e ne garantisca la sicurezza sotto il profilo igienico. l elevato costo

29 Storia naturale dell allergia al latte vaccino

30 Rischio genetico di allergia Fattori ambientali Atopia (sensibilizzazione) Tolleranza (non atopico) Fattori ambientali Allergia alimentare IgE-mediata Fattori ambientali Tolleranza (atopico)

31 Allergia alle proteine del latte vaccino (APLV) Colpisce il 3.5% circa dei bambini di età inferiore ai 3 anni Sintomi a carico della cute, delle vie respiratorie e del tratto gastroenterico Metà circa di queste reazioni sono mediate da IgE specifiche Sicherer SH, Sampson HA, 2008

32 APLV Il 75% circa dei bambini affetti guariscono spontaneamente entro il 3 compleanno I meccanismi immunologici che sottendono lo sviluppo della tolleranza sono sconosciuti Sicherer SH, Sampson HA, 2008

33 CLASSIFICAZIONE EAACI SULLE REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI EAACI Task Force sulla Nomenclatura Ipersensibilità alimentare Allergia alimentare Ipersensibilità non allergica intolleranza Allergia alimentare IgE mediata Allergia alimentare non IgE mediata Allergy,, 2006; 56: 813

34 ALLERGIE GASTROINTESTINALI: CLASSIFICAZIONE IgE Non-IgE Ipersensibilità gastrointestinale immediata Oral allergy syndrome Esofagite allergica eosinofila Gastrite allergica eosinofila Gastroenterocolite allergica eosinofila Enterocolite da proteine alimentari Proctite da proteine alimentari Enteropatia da proteine alimentari Celiachia Sampson HA, et al J Pediatr Gastroenterol Nutrit 2000; 30:

35 Le intolleranze alimentari 1) Intolleranze enzimatiche: il deficit di lattasi 2) Intolleranze farmacologiche: suscettibilità di alcuni pazienti a determinate sostanze (istamina, caffeina, solanina, tiratina, triptamina, feniletilamina, serotonina, teobromina) presenti in diversi alimenti 3) Intolleranze da meccanismi sconosciuti o pseudoallergiche (da additivi) 4) la celiachia

36 DIETA DI ELIMINAZIONE Eliminazione dell alimento sospetto Dieta oligoantigenica Dieta elementare Una volta sospettato che un alimento possa determinare una manifestazione allergica, è necessaria la sua completa eliminazione dalla dieta per settimane (forme IgE mediate, colite, enterocolite) o fino a 3 mesi (malassorbimento( malassorbimento,, gastroenterite eosinofila etc) Il successo della dieta di eliminazione dipende da corretta identificazione dell allergene possibilità di mantenere una dieta completamente priva dell allergene ergene altri fattori non siano in grado di scatenare sintomi simili a quelli della allergia nel periodo di osservazione

37 ALLERGIE ALIMENTARI NON IgE MEDIATE iter diagnostico ANAMNESI DIETA DI ELIMINAZIONE ESAMI DI LABORATORIO TEST DI PROVOCAZIONE ORALE

38 Indagine Conoscitiva sulla Anafilassi 140 bambini 5% 0% 1% 8% 0% 86% Alimenti Vaccini Farmaci Insetti Idiopatica Latex

39 Indagine Conoscitiva sulla Anafilassi 140 bambini Alimenti responsabili 4% 7%4% 3%2% 9% 23% Latte e derivati Semi Pesci Soia Frutta 7% 41% Uovo Crostacei Grano Vegetali

40 la clinica Esame obiettivo Anamnesi accurata

41 gli SPT Test in vivo Esame obiettivo Anamnesi accurata

42

43 Chapman J. A. et al, Ann All. Asthma immunol, 2006

44 i test in vivo sono. cute, estratto ed operatore dipendente!!!

45 Le IgE specifiche Test in vitro Test in vivo Esame obiettivo Anamnesi accurata

46 il ruolo degli anticorpi IgE specifiche La quantità di IgE specifiche sieriche verso il latte vaccino può accuratamente definire la sensibilità clinica del paziente in atto c è una diretta correlazione tra livelli di IgE specifiche alimentari e le probabilità che un individuo reagirà all assunzione del latte. Sampson HA, 2005

47 Cut-off IgEs for CMP Autor IgE s Sampson ku/ / L Sampson ku/ / L Roehr ku/ / L Garcia-Ara 2001 (< 2 years) 5 ku/ / L Saarinen ,5 ku/ / L Gugten ku/l

48 Allergia alimentare La ricerca di IgE specifiche per il latte vaccino Può essere potenzialmente dannosa in assenza di indicazioni cliniche Ha valenza prognostica per lo sviluppo di asma È condizione indispensabile per la esecuzione del TPO in un soggetto con storia di anafilassi

49 Le nuove tecnologie Dal genetic engineering (80s) agli allergeni ricombinanti e alla allergologia molecolare (90s) Dalle nanotecnologie del DNA (DNA chips) (90s) alle protein chips e ai microarray immunoassays (2002) Verso una Component Resolved Diagnosis (CRD)

50 Allergen Microarrays consentono di identificare gli epitopi allergenici; E verosimile che il repertorio epitopico degli Ab IgE per un determinato allergene sia correlato con la reattività clinica, la storia naturale e con la gravità della malattia; Il repertorio epitopico del paziente può consentirci di preparare molecole sostitutive e molecole tollerogeniche su misura per quel paziente.

51 Dipartimento di Medicina Pediatrica; UOC Allergologia ISAC Cow s Milk allergens Bos d 4: α-lactoalbumin ISAC CRD 89 Bos d 5: β-lactoglobulin A Bos d 5: β-lactoglobulin B Bos d 7: IgG bovine COMPONENT-BASED ALLERGEN MICROARRAY NELLA DIAGNOSI DI ALLERGIA ALIMENTARE AL LATTE VACCINO E ALL UOVO 16 APRILE 2010 Bos d 6: BSA (bovine serum albumin) Bos d 8: Casein Bos d 8a: α-casein Bos d 8b: β-casein Bos d 8k: κ-casein Bos d: Lactoferrin

52

53 Conclusioni permette di non eseguire il TPO ai pz con IgEs > CDP, ma poiché il numero dei falsi negativi è relativamente alto (22% for CM and 21% for HE) suggerisce di eseguire il TPO nei pz con IgEs<CDP, che nella maggior parte dei casi sarà negativo riducendo quindi notevolmente il rischio del TPO L uso seriale dei due test non migliora il PPV e l NPV, ma ha un riscontro notevole nella pratica clinica: infatti permette di fare una prima selezione con ImmunoCAP (test con ridotto costo e diffuso nei vari centri) e testare con l indagine molecolare solo i pz con CDP ImmunoCAP <95% nei centri di II-III III livello dove COMPONENT-BASED ALLERGEN MICROARRAY NELLA DIAGNOSI DI ALLERGIA ALIMENTARE AL LATTE VACCINO E ALL UOVO 16 APRILE 2010

54 conclusione Nella pratica clinica l utilizzo sequenziale dei due test ImmunoCAP e ISAC può rappresentare un approccio diagnostico in vitro che consente di arrivare al TPO con minor probabilità di comparsa di sintomatologia rischiosa.

55 RAST 1 ml ml = 1 test Estratti non standardizzati Phadebas RAST µl Estratti standardizzati Prime molecole da DNA ricombinante ELISA (96-wells) µl Molecole natural o ricombinanti standardizzazione ed automazione del dosaggio per le IgE specifiche Immuno-CAP 50 µl ImmunoCAP Rapid 110µ s.i gtt = >100 test ISAC nanolitri

56 il gold standard Esame obiettivo Test di provocazione Dieta di eliminazione Test in vitro Test in vivo Anamnesi accurata

57 Recovery of IgE ( ) and non-ige ( ) mediated CMA in 39 children; onset of asthma or allergic rhinitis aeroallergens asthma y 1y 2y 3y 5y 10y 15y (Host A., 2002)

58 SPT in a birth cohort study (543 children). Dean T et al, JACI any aero food Milk or Egg sensitization at 1y is a risk of sensitization for % OR p 0 1y 2y 3y Rate of sensitization HDM Cat Grass Peanut % neg pos 0 2y 3y Further sensitization

59 APLV Alimenti sostitutivi del LV basati sull idrolisi parziale o spinta delle proteine contengono quantità residue di molecole antigenicamente attive delle PLV. L idrolisi enzimatica e il trattamento con il calore possono generare nuovi epitopi allergenici. Caffarelli C., Plebani A., and Cavagni G Clin Exp All, 2002

60 Latte di capra: limiti nutrizionali Inadeguato nel primo anno di vita (dispepsia putrefattiva, disidratazione) per eccessiva quota proteica, osmolarità e carico renale di soluti. Deve essere diluito. Deficiente in vitamina B12, B6, C, D, ferro ed acido folico (se non integrato espone a rischi carenziali, soprattutto anemia megaloblastica).

61 Cross-reattività tra LC e LV... Jenkins JA, jaci 2007

62 Cross-reattività reattività tra LC e LV Con SDS-PAGE latte vaccino e latte di capra mostrano frazioni proteiche simili. (Restani P, Gaiaschi A, Plebani A et al. Cross-reactivity reactivity between milk proteins from different animal species. Clin Exp Allergy 1999; 29: ) La sequenza aminoacidica della α- caseina di capra è omologa al 87-94% a quella bovina ed ovina. (Spuergin P, Walter M, Schiltz E et al. Allergenicity of α- casein from cow, sheep and goat. Allergy 1997; 52: )

63 Bottle fed infants with cow s milk protein allergy should not be fed preparations based on unmodified milk of other species (such as goat s s or sheep s s milk) because of a high rate of cross reactivity. (Joint statement of ESPACI and ESPGHAN. Dietary products used in infants for treatment and prevention of food allergy. Arch Dis Child 1999; 81: 80-84) 84)

64 In sintesi: quale sostituto? Lattanti con APLV IgE mediata: secondo le linee guida ESPACI/ESPGHAN sono di scelta le formule di idrolisati proteici spinti (previo SPT ed eventuale TPO in ambiente protetto se positivo) ma la maggior parte di questi bambini tollera anche le formule a base di soia. Enterocolite o enteropatia da LV: è l idrolisato spinto. d elezione Allergia o successiva enteropatia all idrolisato: trovano indicazione le miscele di aminoacidi.

65 terapia eziologica Esame obiettivo Test di provocazione Test in vitro Test in vivo desensibilizzazione Anamnesi accurata

66 Tolleranza indotta ovvero desensibilizzazione al latte vaccino Principio: un paziente esposto a dosi crescenti di alimento in causa può sviluppare una tolleranza nel tempo mantenendo nel quotidiano l esposizione all allergene. A chi? Nella nostra esperienza abbiamo selezionato pazienti definiti superallergici con rischio di anafilassi anche per contatto con tracce dell alimento. Come? Il protocollo prevede una fase rush ospedaliera, in cui la dose di alimento viene aumentata nel corso di 3 giornate di ricovero e di una fase di mantenimento, in cui il bambino nel mese successivo assume una dose pari a quella tollerata in ospedale. Nel corso dei ricoveri, il latte viene progressivamente sostituito con ogni altro derivato del latte. Durante tutto il trattamento il bambino è in terapia antistaminica per via orale a dosi standard; durante il ricovero viene garantito un accesso venoso per un eventuale intervento farmacologico

67 Attuali raccomandazioni ESPGHAN Committe on Nutrition l allattamento con latte materno esclusivo per 6 mesi è una indicazione corretta In tutti i lattanti l introduzione di alimenti complementari non dovrà avvenire prima della 17 settimana e non dovrà essere ritardata oltre le 26 settimane. Gli alimenti devono essere aggiunti uno alla volta per individuare reazioni ad una singola sostanza Tenere presente che un ritardo nell introduzione nella dieta o una eliminazione di latte vaccino può avere conseguenze nutrizionali e che non c èc evidenza scientifica che l evitare l o l introdurre in tempi ritardati alimenti come il pesce o le uova riduca le allergie, sia nel lattante a rischio di allergia che nel lattante non a rischio ESPGHAN Committee on Nutrition J Ped Gastrenterol Nutr

68 Nel 2008 the American Academy of Pediatrics (AAP) Committee ha pubblicato un aggiornamento (rispetto alle raccomandazioni fornite nel 2000) riguardo l impatto dell intervento nutrizionale sullo sviluppo delle malattie allergiche nei lattanti e nei bambini Greer FR, Sicherer SH, Burks AW. Effects of early nutritional interventions on the development of atopic diseas in infants and children: the role of maternal dietary restriction, breast feeding, timing of introduction of complementary foods, and hydrolyzed formulas. Pediatrics 2008; 121:

69 AAP-2008 clinical report Per bambini ad alto rischio vi è evidenza che l allattamento al seno esclusivo per almeno 4 mesi riduce l incidenza cumulativa di dermatite atopica e allergia alle proteine del latte vaccino nei primi due anni di vita Vi è evidenza che l allattamento al seno esclusivo per almeno 3 mesi protegge dall insorgenza di wheezing nei primissimi anni di vita; ma in bambini ad alto rischio non è dimostrato che questo sia protettivo nei confronti dell insorgenza di asma dopo i sei anni In studi su bambini ad alto rischio che non sono allattati esclusivamente al seno per mesi o che sono a latte vaccino di formula, vi è evidenza modesta che la DA possa essere ritardata o prevenuta con l utilizzo degli idrolisati di formula, rispetto al latte vaccino di formula; in particolare gli idrolisati estensivi sembrerebbero più efficaci degli idrolisati parziali Non ci sono evidenze che supportino l utilizzo del latte di soia al fine di prevenire le malattie allergiche Greer R. Pediatrics. 2008;121:

70 AAP-2008 clinical report Gli alimenti solidi non dovrebbero essere introdotti prima dei mesi; al momento non esistono evidenze convincenti che ritardare la loro introduzione oltre questo periodo abbia un effetto protettivo sullo sviluppo delle malattie atopiche, sia che il bambino assuma latte materno o formulato. Questa raccomandazione si applica anche ad alimenti ritenuti altamente allergenici quali pesce, uova, o alimenti con proteine delle arachidi. Nei lattanti dopo i 4 e i 6 mesi non ci sono dati sufficienti a supportare un qualsiasi intervento dietetico al fine di prevenire lo sviluppo di malattie atopiche Greer R. Pediatrics. 2008;121:

71 Nessuna prova di efficacia di strategie preventive basate sulla esclusione di alimenti (in gravidanza, in allattamento, nello svezzamento) Il carico antigenico precoce per os ( la conoscenza intestinale ) ) rende ( induce la tolleranza )

72 Finestra di tolleranza per l introduzione l di alimenti complementari Prescott S. Pediat Aller Immunol 2008; Poole JA. Pediatrics 2006; Filipiak B. J Pediatr 2007; Mihrshahi S. Clin Exp Allergy 2007 Poole JA. Pediatrics 2006; Norris JM. JAMA 2005

73 Dual-allergen-exposure hypothesis for pathogenesis of food allergy.

74 Consigli dietetici per il lattante a rischio atopico -l allattamento al seno per quanto si vuole ma senza accanimento -Svezzamento tra i 4 e i 6 mesi senza esclusine alcuna dei principali alimenti tipici delle abitudini alimentari della famiglia con dermatite atopica -trattamento locale antinfiammatorio (steroidi topici) ed emollienti, dimenticando l allergia l alimentare (!!!) con reazione anafilattica all assunzione assunzione del latte

75 Il dosaggio delle IgE definisce solo il tipo di allergia al latte vaccino il rischio di TPO positivo il rischio di sviluppare altre sensibilizzazioni Il test di provocazione deve essere eseguito sempre (eccetto che nella anafilassi) e ripetuto ogni mesi L approccio astensionistico con latti idrolizzati va perseguito in attesa di preparati ideali personalizzati e non è indicato il ricorso a latti di altre specie L approccio con la desensibilzzazione al latte richiede centri specializzati e cautela per l alto l rischio di eventi avversi. Deve essere eseguito in ambiente protetto. Non abbiamo dati sulla protezione nei confronti di ulteriori sensibilizzazioni e al momento può essere indicato nei soggetti che non hanno acquisito tolleranza dopo anni Sanchez-Valverde F et al, allergy 2009

76 latte d asina come sostituto in mancanza del materno per il lattante risultati incoraggianti (tollerabilità(, palatabilità, adeguatezza nutrizionale) necessità di conferme su più ampie casistiche opportuni studi più approfonditi sulle caratteristiche nutrizionali del latte asina al momento attuale: utilizzo solo nell ambito di studi controllati necessaria più facile reperibilità e costi più bassi (16 euro/litro) rigorose norme e controlli di tipo igienico - sanitario

77 Grazie!

78 Oral food challenge test: mild and severe reaction in 29 children with CMA 6 mild severe >9 mm (Duse M et al, RIP 1999)

79 il gold standard Esame obiettivo Test di provocazione Dieta di eliminazione Test in vitro Test in vivo Anamnesi accurata

80 Lo studio delle IgE specifiche per le PLV può fornirci informazioni utili per la scelta dell alimento sostitutivo? Optical density Casein fraction coated microtitre plates. α-casein polyclonalab 0 I I I µg/ml I Plebani A et al, Clin Exp Allergy, 1997

81 LATTE UMANO ALIMENTO tollerabilità, digeribilità, assorbimento composizione bilanciata tutti i nutrienti essenziali 45 tipi di fattori bioattivi con attività funzionale enzimi, ormoni, fattori di crescita e anti-infettivi infettivi Bambino SISTEMA BIOLOGICO Bambino sano malato EFFETTO NUTRIZIONALE FARMACOLOGICO Terapeutico Preventivo

82 Il dosaggio delle IgE definisce solo il tipo di CMA il rischio di challenge positivo il rischio di sviluppare altre sensibilizzazioni Il test di provocazione deve essere eseguito sempre (eccetto che nella anafilassi) e ripetuto ogni 6-12 mesi L approccio astensionistico con latti idrolizzati va perseguito in attesa di preparati ideali personalizzati e non è indicato il ricorso a latti di altre specie L approccio con SOTI richiede centri specializzati e cautela per l alto rischio di eventi avversi. Deve essere eseguito in ambiente protetto. Non abbiamo dati sulla protezione nei confronti di ulteriori sensibilizzazioni e al momento può essere indicato nei soggetti che non hanno acquisito tolleranza dopo 3-5 anni Sanchez-Valverde F et al, allergy 2009

83 A IL-2 IL-10 Th3 Y IgM-B TGF-β Y Y T IL-10 IL-6 CD28 B7 TCR Ag/ MHC APC T T T T T T B IgA-B IgA-PC C Tolleranza ad alte dosi: anergia Tolleranza a basse dosi T APC CD95 CD95L T T TGF-β TGF-βR Tr1 T TGF-β TGF-βR Th3 IL-10 IL-10R T CD25

84 a Y b Th2 IL-4 IL-13 BB Y ECP, EPO, EDN, MBP IL-4 IL-13 V V VLA-4 EO IL-13 IL-5 Infiammazione/anafilassi Mc YY PC PG,LT4, PAF Y IgE Y YY

85

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Ipersensibilità alimentare

Ipersensibilità alimentare ! " # $ " %% " # %& EAACI : European Academy of Allergology and Clinical Immunology Ipersensibilità alimentare Allergia alimentare Ipersensibilità non allergica IgE mediata Non IgE mediata Allergy, 2001;56:813

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO PRESUNTO ALLERGICO. F. Paravati Crotone

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO PRESUNTO ALLERGICO. F. Paravati Crotone ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO PRESUNTO ALLERGICO F. Paravati Crotone Allergia Alimentare epidemiologia 3-5% della popolazione pediatrica fino a 8 aa: (6-8% dei lattanti) convinzione nei genitori per una possibile

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

LE ALLERGIE ALIMENTARI

LE ALLERGIE ALIMENTARI UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 LE ALLERGIE ALIMENTARI Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio ALLERGIE-INTOLLERANZE L allergia alimentare è una reazione di ipersensibilità

Dettagli

Medical & Scientific Affairs Manager

Medical & Scientific Affairs Manager Battaini Fabio Medical & Scientific Affairs Manager L importanza dell allattamento al seno Il latte materno rappresenta l alimento migliore per il lattante e va favorito fino a quando è possibile: contiene

Dettagli

IPLV: QUALE TERAPIA DIETETICA? Enza D Auria Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

IPLV: QUALE TERAPIA DIETETICA? Enza D Auria Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano IPLV: QUALE TERAPIA DIETETICA? Enza D Auria Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano IPERSENSIBILITA ALIMENTARE Allergia alimentare (reazioni agli alimenti scatenate da meccanismo

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

UFFICIO STAMPA & RASSEGNA STAMPA a cura di

UFFICIO STAMPA & RASSEGNA STAMPA a cura di SICUREZZA ALIMENTARE Tutte le risposte su allergie e intolleranze: il quiz dalla FSA inglese. A cura di Roberto Bernardini e di Iride dello Iacono del SIAIP Pubblicato da Redazione Il Fatto Alimentare

Dettagli

L Allergia Alimentare (AA) rappresenta un problema emergente in relazione alla prevalenza nella popolazione

L Allergia Alimentare (AA) rappresenta un problema emergente in relazione alla prevalenza nella popolazione Position statment: diagnostica in vivo ed in vitro nell adulto delle allergie alimentari IgE mediate Position statment: in vivo and in vitro diagnosis of food allergy in adults D. Macc hia 1, S. Capr etti

Dettagli

Master di II livello. Università Cattolica del Sacro Cuore. Malattie Allergiche Severe. Anno Accademico 2014 2015. Programma definitivo

Master di II livello. Università Cattolica del Sacro Cuore. Malattie Allergiche Severe. Anno Accademico 2014 2015. Programma definitivo Master di II livello Università Cattolica del Sacro Cuore Malattie Allergiche Severe (alimenti, farmaci, imenotteri, lattice, anafilassi ed asma grave) Anno Accademico 2014 2015 Programma definitivo 21

Dettagli

Allergia alimentare nel bambino piccolo (1 anno d età)

Allergia alimentare nel bambino piccolo (1 anno d età) Allergia alimentare nel bambino piccolo (1 anno d età) E l età in cui l allergia alimentare è più frequente = 2,5-3 % > 8%? A seconda dei metodi di diagnosi e della popolazione studiata L alimento più

Dettagli

COSA SONO LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? COME SI POSSONO CLASSIFICARE LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI?

COSA SONO LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? COME SI POSSONO CLASSIFICARE LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? Dott. Lorenzo Bettoni Sito web: www.lorenzobettoni.it E-mail: info@lorenzobettoni.it COSA SONO LE REAZIONI AVVERSE A FARMACI? Per reazione avversa a farmaci si intende qualsiasi risposta non desiderata

Dettagli

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Il latte costituisce l alimento primordiale per tutti i mammiferi. È composto da sostanze provenienti dal sangue per filtrazione diretta e da componenti

Dettagli

Quando inserire gli alimenti: dal passato ad oggi

Quando inserire gli alimenti: dal passato ad oggi : allergie Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica 05 06/2012 14-18 Quando inserire gli alimenti: dal passato ad oggi Sabrina Di Pillo, Alessandra Scaparrotta, Anna Cingolani, Nicola Pietro Consilvio,

Dettagli

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 BANCA DEL LATTE UMANO DONATO di Cesena presso la Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale dell Ospedale M. Bufalini. Per maggiori informazioni contattare il numero: 0547/394362

Dettagli

La diagnosi molecolare nelle allergie da alimenti vegetali.

La diagnosi molecolare nelle allergie da alimenti vegetali. La diagnosi molecolare nelle allergie da alimenti vegetali. Renato Rossi Rete di Allergologia Regione Piemonte Rivarossa Team Alba (CN) Negli ultimi anni l impiego di tecniche di biologia molecolare ha

Dettagli

Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze. Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo

Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze. Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo 1 Categorie di reazioni ai cibi reazioni immunologiche mediate da anticorpi IgE

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE VI ABBIAMO SEMPRE DETTO SUL RAPPORTO TRA ECZEMA E ALLERGIE ALIMENTARI FORSE NON ERA VERO

TUTTO QUELLO CHE VI ABBIAMO SEMPRE DETTO SUL RAPPORTO TRA ECZEMA E ALLERGIE ALIMENTARI FORSE NON ERA VERO Eczema e allergie alimentari: una rivoluzione copernicana TUTTO QUELLO CHE VI ABBIAMO SEMPRE DETTO SUL RAPPORTO TRA ECZEMA E ALLERGIE ALIMENTARI FORSE NON ERA VERO La terra gira intorno al sole Due teorie

Dettagli

ALLERGIE O INTOLLERANZE ALIMENTARI?

ALLERGIE O INTOLLERANZE ALIMENTARI? ALLERGIE O INTOLLERANZE ALIMENTARI? ALLERGIA ALIMENTARE reazione anomala mediata dal sistema immunitario nei confronti di uno o più alimenti riconosciuti erroneamente come estranei INTOLLERANZA ALIMENTARE

Dettagli

Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano. Test di provocazione orale con alimento Documento condiviso

Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano. Test di provocazione orale con alimento Documento condiviso Gruppo di studio di pneumoallergologia pediatrica marchigiano Bianchi Annamaria, Caferri Monaldo, Candelotti Paolo, Carotti Giuliana, De Angelis Fiorella, De Colli Rosa, Filomeni Nazzareno, Franceschini

Dettagli

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore Ministero della Salute Dipartimento sanità pubblica veterinaria, sicurezza alimentare organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

Allergie ed intolleranze alimentari: dal PDTA della Regione Piemonte al presente-futuro della diagnostica molecolare.

Allergie ed intolleranze alimentari: dal PDTA della Regione Piemonte al presente-futuro della diagnostica molecolare. Allergie ed intolleranze alimentari: dal PDTA della Regione Piemonte al presente-futuro della diagnostica molecolare Gianni Cadario Rete Regionale di Allergologia e Osservatorio Gravi Reazioni Allergiche

Dettagli

Pediatria Preventiva e Sociale

Pediatria Preventiva e Sociale allattamento al seno è il modo naturale di alimentare L il lattante ed il bambino. L allattamento al seno esclusivo per i primi sei mesi assicura una crescita, uno sviluppo ed una salute ottimali. Dopo

Dettagli

PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE

PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE 1. Perché l allattamento al seno è importante 3 Sessione 1 PERCHÈ L'ALLATTAMENTO AL SENO É IMPORTANTE Introduzione Prima di imparare come aiutare le madri, dovete capire perché l allattamento al seno è

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Allergia Alimentare: il labirinto del latte. Vito L. Miniello

Allergia Alimentare: il labirinto del latte. Vito L. Miniello Allergia Alimentare: il labirinto del latte Vito L. Miniello Clinica Pediatrica S. Maggiore Dip.to di Biomedicina dell Età Evolutiva Università di Bari Ipersensibilità EAACI (the European Academy of Allergology

Dettagli

Alimentazione e sicurezza

Alimentazione e sicurezza Alimentazione e sicurezza I prodotti destinati ad una alimentazione particolare R&D Plada H.J.Heinz I prodotti destinati ad una alimentazione particolare Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione

Dettagli

39 23,33 2 2 ;6 6 3 6 32 3 2 3 " < =;< ; 3 ;; 36 6 > =2

39 23,33 2 2 ;6 6 3 6 32 3 2 3  < =;< ; 3 ;; 36 6 > =2 !"# $!('$('((**+$,%**(-$.(*% /0 ) %$&'()%(*$% 1 2 3432 $ *+(-(7 %'$(8%$!('$('(%'%$.(* 9 3: 3 2 2, - $%*.$%*)(' $.(*%" 2% -$ 6 678 39 23,33 2 2 ;6 6 3 6 32 3 2 3 " < =;< ; 3 ;; 36 6 > =2 332? 5 $'%$.(*%+%*%A$

Dettagli

INTOLLERANZE ALIMENTARI

INTOLLERANZE ALIMENTARI Dott. Lorenzo Grandini Naturopata iridologo Biologo nutrizionista INTOLLERANZE ALIMENTARI VERO O FALSO? LA STORIA Hare (1905) pubblica The food factor in Disease Shannon (1922) e Duke (1925) pubblicano

Dettagli

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole LA FENIL CHETO NURIA O PKU Malattie Rare Informazioni per le scuole LA FENILCHETONURIA LA FENILCHETONURIA O PKU E LA PIU FREQUENTE MALATTIA CONGENITA DEL METABOLISMO DELLE PROTEINE GLI ERRORI CONGENITI

Dettagli

ANAFILASSI DA CONTATTO CON ALBUME IN LATTANTE CON STORIA FAMILIARE POSITIVA PER ATOPIA

ANAFILASSI DA CONTATTO CON ALBUME IN LATTANTE CON STORIA FAMILIARE POSITIVA PER ATOPIA Napule è... PEDIATRIA PREVENTIVA E SOCIALE 30 APRILE - 3 MAGGIO 2015 Hotel Royal Continental, Napoli ANAFILASSI DA CONTATTO CON ALBUME IN LATTANTE CON STORIA FAMILIARE POSITIVA PER ATOPIA Cristiana Indolfi

Dettagli

La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte

La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte Il latte di asina nell alimentazione umana: ruolo della frazione proteica La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte Grigio Siciliano (100)

Dettagli

Le caseine caprine, peptidi bioattivi e allergenicità. Anna Maria Caroli Università degli Studi di Brescia

Le caseine caprine, peptidi bioattivi e allergenicità. Anna Maria Caroli Università degli Studi di Brescia Le caseine caprine, peptidi bioattivi e allergenicità Anna Maria Caroli Università degli Studi di Brescia 1 Composizione chimica del latte Bovino Capra Pecora Acqua % 87-89 83-89 79-82 Residuo % 11-13

Dettagli

L Allergia Alimentare

L Allergia Alimentare L Allergia Alimentare Elena Lionetti Dipartimento di Scienze Mediche e Pediatriche Università di Catania L allergia alimentare: Le linee guida NIAID Guidelines, J Allergy Clin Immunol 2010 WAO Guidelines,

Dettagli

Allergico o no? Patient Diagnostics Test Rapidi per Allergie

Allergico o no? Patient Diagnostics Test Rapidi per Allergie Allergico o no? Patient Diagnostics Test Rapidi per Allergie Gli unici test rapidi a domicilio per allergie Test allergico generico (IgE) Test allergico alle uova Test intolleranza al glutine Test allergico

Dettagli

Perché è. meglio. allattare. al seno?

Perché è. meglio. allattare. al seno? meglio Perché è allattare al seno? Il latte materno è l'alimento perfetto creato da Madre Natura per nutrire il tuo bambino e farlo crescere in salute. Non a caso l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

ALLERGIE ALIMENTARI: UNA PATOLOGIA SOVRA O SOTTOSTIMATA? Giovanni Gatto, U.O. di Gastroenterologia, A.O. Villa Sofia C.T.O.

ALLERGIE ALIMENTARI: UNA PATOLOGIA SOVRA O SOTTOSTIMATA? Giovanni Gatto, U.O. di Gastroenterologia, A.O. Villa Sofia C.T.O. ALLERGIE ALIMENTARI: UNA PATOLOGIA SOVRA O SOTTOSTIMATA? Giovanni Gatto, U.O. di Gastroenterologia, A.O. Villa Sofia C.T.O. Palermo PREVALENZA DI ALLERGIA BAMBINI** Riferita dai genitori: ~ 28% Confermata:

Dettagli

Posso davvero dare tutto e presto al bambino a rischio di trofoallergia?

Posso davvero dare tutto e presto al bambino a rischio di trofoallergia? Posso davvero dare tutto e presto al bambino a rischio di trofoallergia? Calvani Mauro Azienda Ospedaliera S. Camillo-Forlanini UOC di Pediatria e Ematol. Pediatrica Ambulatorio Allergologico Roma The

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE È considerato lattante un individuo fra 0 e 1 anno di età. Le esigenze e quindi gli apporti nutrizionali in questa fase della crescita sono correlati a caratteristiche

Dettagli

Latte e tubo digerente Lucio Capurso

Latte e tubo digerente Lucio Capurso Latte e tubo digerente Lucio Capurso 57 Latte e tubo digerente Lucio Capurso, Primario Emerito di Gastroenterologia nell Azienda Ospedaliera San Filippo Neri di Roma, è uno dei grandi luminari dell apparato

Dettagli

STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH

STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH Management gestionale Metodo di gestione 4.5.1 STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH I suinetti lattanti e svezzati hanno un potenziale

Dettagli

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Baia di Conte Alghero - 9 16 Settembre 2006 C è un razionale nella scelta di una formula funzionale nell alimentazione del lattante? V. Tripodi Dipartimento

Dettagli

Reazioni allergiche a farmaci

Reazioni allergiche a farmaci Reazioni allergiche a farmaci Il rapido e progressivo sviluppo negli ultimi anni di sempre nuovi farmaci per il trattamento delle diverse malattie, ed il loro maggior consumo e abuso ha portato come conseguenza

Dettagli

NUTRIZIONE CORRELATA ALLA FASE DELLA PATOLOGIA E AL TRATTAMENTO CHIRURGICO Valutazione dello stato nutrizionale MNA-SGA Misure antropometriche Anamnesi alimentare 1. abitudini 2. preferenze 3. cambiamenti

Dettagli

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze.

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. Le malattie autoimmuni e gli ormoni femminili. La maggior parte delle malattie autoimmuni (artrite reumatoide, sindrome di Sjogren, sclerodermia,

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

LATTE D'ASINA: PERCHÉ?

LATTE D'ASINA: PERCHÉ? LATTE D'ASINA: PERCHÉ? Da 7000 anni l asino lavora al fianco dell uomo svolgendo i lavori più faticosi: tirando l aratro e l erpice, facendo girare la macina del grano e il frantoio per le olive. Trainando

Dettagli

Allergia al Grano. Gluten Free Day - Roma 30/11/2014 Cristiano Caruso Unità di Allergologia Complesso Integrato Columbus- Roma carusocristiano1@tin.

Allergia al Grano. Gluten Free Day - Roma 30/11/2014 Cristiano Caruso Unità di Allergologia Complesso Integrato Columbus- Roma carusocristiano1@tin. Allergia al Grano Gluten Free Day - Roma 30/11/2014 Cristiano Caruso Unità di Allergologia Complesso Integrato Columbus- Roma carusocristiano1@tin.it Interesse nelle patologie correlate al glutine Catassi

Dettagli

IL LATTE CRUDO. Il latte crudo può essere definito come:

IL LATTE CRUDO. Il latte crudo può essere definito come: IL LATTE CRUDO Il latte crudo può essere definito come: «Latte prodotto mediante secrezione della ghiandola mammaria di vacche, pecore, capre e bufale, non sottoposto ad una temperatura superiore a 40

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano LATTE E DERIVATI E TUMORE Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano MEDIE (g/die) DI CONSUMO DI LATTICINI IN ITALIA: INDAGINE INRAN-SCAI 2005

Dettagli

EFFICACIA DEL LATTE D ASINA NELLA TERAPIA DELL ALLERGIA ALLE PROTEINE DEL LATTE VACCINO

EFFICACIA DEL LATTE D ASINA NELLA TERAPIA DELL ALLERGIA ALLE PROTEINE DEL LATTE VACCINO Torino, 23 aprile 2013 SANITA E BENESSERE NELL ALLEVAMENTO DELL ASINA EFFICACIA DEL LATTE D ASINA NELLA TERAPIA DELL ALLERGIA ALLE PROTEINE DEL LATTE VACCINO Dott.ssa Giovanna Monti Dipartimento di Scienze

Dettagli

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI Allergie alimentari : si manifestano con reazione immediata (orticariaangioedema ) e produzione di IgE. Pseudo allergie : dovute a deficit enzimatici (lattosio,fruttosio,sorbitolo)

Dettagli

Intolleranze alimentari? È ora di agire!

Intolleranze alimentari? È ora di agire! Intolleranze alimentari? È ora di agire! In Svizzera, ben oltre 1 milione di persone soffre di un intolleranza alimentare. L intolleranza al lattosio (zucchero del latte) e al glutine (proteine dei cereali)

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

IL BAMBINO CON ALLERGIA ALLE PROTEINE DEL LATTE VACCINO

IL BAMBINO CON ALLERGIA ALLE PROTEINE DEL LATTE VACCINO Università degli studi di Parma - Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Dipartimento Materno-Infantile U.O.C. di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Scuola di Specializzazione in Gastroenterologia

Dettagli

Intolleranze Alimentari

Intolleranze Alimentari Nell'ambito delle "reazioni avverse al cibo" è opportuno schematizzare quanto classificato dall'accademia Europea di Allergologia ed Immunologia Clinica. L'allergia alimentare è mediata immunologicamente

Dettagli

Impiego del latte di asina nel bambino con allergia alle proteine del latte vaccino. Revisione della letteratura

Impiego del latte di asina nel bambino con allergia alle proteine del latte vaccino. Revisione della letteratura Impiego del latte di asina nel bambino con allergia alle proteine del latte vaccino. Revisione della letteratura Iride Dello Iacono Unità Operativa di Pediatria, Ospedale Fatebenefratelli, Benevento iridedello@hotmail.com

Dettagli

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Corso per farmacisti operanti nei punti di erogazione diretta delle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna AUSL Piacenza

Dettagli

Il vostro bambino e lo Screening Neonatale

Il vostro bambino e lo Screening Neonatale Il vostro bambino e lo Screening Neonatale Guida per i Genitori A cura di: Centro Fibrosi Cistica e Centro Malattie Metaboliche AOU A. Meyer, Firenze Cari genitori, la Regione Toscana, secondo un programma

Dettagli

Diagnosi e terapia della enterocolite indotta da proteine alimentari (FPIES) Commissione Allergie Alimentari della SIAIP

Diagnosi e terapia della enterocolite indotta da proteine alimentari (FPIES) Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Diagnosi e terapia della enterocolite indotta da proteine alimentari (FPIES) Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo?

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo? Convegno: Le nuove frontiere della trasformazione del siero del latte: da costo a valore aggiunto Milano, 2 dicembre 2012 Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è

Dettagli

1. L ALLERGIA ALIMENTARE

1. L ALLERGIA ALIMENTARE 1. L ALLERGIA ALIMENTARE 1.1 DEFINIZIONE Il Sottocomitato Europeo per le Reazioni Avverse agli Alimenti dell Accademia Europea di Allergologia e Immunologia Clinica ha proposto una classificazione delle

Dettagli

QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA

QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA LA FILIERA LATTE DELL ASINO AMIATINO: VALORIZZAZIONE, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SOSTENIBILE E CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITA QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA Prof.ssa Mina Martini Rispescia

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

Il latte d asina: utilizzo negli alimenti speciali per bambini

Il latte d asina: utilizzo negli alimenti speciali per bambini Il latte d asina: utilizzo negli alimenti speciali per bambini Amedeo Conti Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari CNR, Torino Torino, 9 novembre 2012 Il latte d asina Composizione e proprietà

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE GIACOMO FALDELLA Dip. Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Pediatriche - Università di Bologna Nutrizione infantile 1 EFFETTI IMMEDIATI 2 EFFETTI A LUNGO

Dettagli

PREVENZIONE ALLERGIE ALIMENTARI. Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica AO Luigi Sacco Università degli Studi di Milano

PREVENZIONE ALLERGIE ALIMENTARI. Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica AO Luigi Sacco Università degli Studi di Milano PREVENZIONE ALLERGIE ALIMENTARI Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica AO Luigi Sacco Università degli Studi di Milano Fattori Fattori genetici genetici Allergeni inalanti inalanti e e alimentari Virus

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana

Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana Dalla sperimentazione allo sviluppo e diffusione delle

Dettagli

Gli effetti e le patologie cutanee correlate con l alimentazionel

Gli effetti e le patologie cutanee correlate con l alimentazionel Gli effetti e le patologie cutanee correlate con l alimentazionel Massimo Gola Docente di Dermatologia Allergologica Università degli Studi di Firenze gola.m@alice.it REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI RAA

Dettagli

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE Roberto Giangiacomo CRA Istituto Sperimentale Lattiero Caseario, Lodi Convegni Qualyfood - CremonaFiere Spa - 27 ottobre 2005 - Dairy.it:

Dettagli

Dietista Anna Battistin Dipartimento A.I.S. per la Salute della Donna e del Bambino - Azienda Ospedaliera di Padova

Dietista Anna Battistin Dipartimento A.I.S. per la Salute della Donna e del Bambino - Azienda Ospedaliera di Padova NUTRIZIONE ENTERALE NEL BAMBINO CRITICO 13 novembre 2014 Dietista Anna Battistin LA REALTA PEDIATRICA I pazienti pediatrici rappresentano una popolazione particolarmente vulnerabile, con specifiche necessità

Dettagli

Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri. Dr. Grazia Manfredi 2006

Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri. Dr. Grazia Manfredi 2006 Immunoterapia iposensibilizzante specifica nelle malattie allergiche respiratorie e da veleno di imenotteri Dr. Grazia Manfredi 2006 A.R.I.A. Position Paper 2001 Allontanamento dell allergene indicato

Dettagli

VANTAGGI DEL LATTE MATERNO

VANTAGGI DEL LATTE MATERNO VANTAGGI DEL LATTE MATERNO VANTAGGI PER LA SOCIETA ECONOMICI: Risparmio sulla spesa dei latti adattati Risparmio sui costi dell assistenza sanitaria per mamma e bambino nel primo anno, in quanto l allattamento

Dettagli

Vennero dosate le IgEs e le IgG4s all età di 8 e 12 mesi e vennero registrati gli Eventi Avversi.

Vennero dosate le IgEs e le IgG4s all età di 8 e 12 mesi e vennero registrati gli Eventi Avversi. Palmer DJ, Metcalfe J, Makrides M, Gold MS, Quinn P, West CE, Loh R, Prescott SL Early regular egg exposure in infants with eczema: A randomized controlled trial. J Allergy Clin Immunol. 2013 Aug;132(2):387-392

Dettagli

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi immunologici ELISA classici ELISA modificati Agglutinazione su vetrino Turbidimetrici/nefelometri Su sangue in toto Fonti di variabilità tra metodi per il dosaggio

Dettagli

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR)

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Sommario Colostro e colostratura Il passaggio dall alimentazione lattea a quella solida:

Dettagli

Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di

Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di reazioni allergiche nella popolazione mondiale. Nell

Dettagli

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti.

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti. La parte dell Ig che non lega l antigene (la parte Fc, viola chiaro nel disegno) è responsabile delle funzioni effettrici dell Ig e quindi ne determina l attività biologica. Quando un Ig ha legato un antigene,

Dettagli

DIETA E STILI DI VITA

DIETA E STILI DI VITA Salute del bambino e sicurezza alimentare: analisi del rischio di d adenti chimici e fattori associati a stili di vita ISS Roma 22-23 23 giugno 2005 DIETA E STILI DI VITA Marco Silano, M.D. Dipartimento

Dettagli

Viaggi di gusto IRASE UIL. Il latte vegetale. di Daniela Leone

Viaggi di gusto IRASE UIL. Il latte vegetale. di Daniela Leone Viaggi di gusto IRASE UIL Il latte vegetale di Daniela Leone Questo articolo prende in rassegna le caratteristiche dei diversi tipi di latte vegetale: da quelli più utilizzati, come quello di soia o di

Dettagli

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica La Desensibilizzazione o Immunoterapia Allergene specifica Le allergie interessano il 25% della popolazione italiana e raggiungeranno 1 persona su 2 entro il 2010 La ragione di questo aumento è in parte

Dettagli

Allergia. Cosa sono e come si presentano. Cosa sono e come si presentano - Prevenzione - Sintomi - Esami - Terapia - Prognosi - Shock anafilattico

Allergia. Cosa sono e come si presentano. Cosa sono e come si presentano - Prevenzione - Sintomi - Esami - Terapia - Prognosi - Shock anafilattico Allergia Cosa sono e come si presentano - Prevenzione - Sintomi - Esami - Terapia - Prognosi - Shock anafilattico Cosa sono e come si presentano Le allergie sono una eccessiva reazione a sostanze che in

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Questo modulo è proposto in versione ridotta a scopi dimostrativi! e non rappresenta l effettiva durata del prodotto finale Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Stefania Agrigento

Dettagli

PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO

PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO PREVENZIONE DELLE COMUNI PATOLOGIE RESPIRATORIE DEL BAMBINO DR.ANTONELLO ARRIGHI Specialista in Pediatria Professore a Contratto Università di Parma, Facoltà di Medicina Docente A.I.O.T. Associazione Medica

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari

Vivere con le allergie e le intolleranze alimentari A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO III DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE

Dettagli

ALLERGIA ALIMENTARE: QUALI INTERVENTI DI PREVENZIONE E TERAPIA?

ALLERGIA ALIMENTARE: QUALI INTERVENTI DI PREVENZIONE E TERAPIA? Assemblea Nazionale di Federsanità ANCI Torino, 6-7 dicembre 2007 PARTECIPARE AL PROGETTO SALUTE Stili di vita e generazioni ALLERGIA ALIMENTARE: QUALI INTERVENTI DI PREVENZIONE E TERAPIA? Dott.ssa Giovanna

Dettagli

Il pediatra e il nutrizionista

Il pediatra e il nutrizionista Milano, 17 Ottobre 2015 Il pediatra e il nutrizionista Dott. ssa Sophie Guez UOSD Pediatria ad Alta Intensità di Cura Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico Milano Bisogni energetici

Dettagli

Il bambino con APLV: dal caso clinico alla gestione della terapia

Il bambino con APLV: dal caso clinico alla gestione della terapia Il bambino con APLV: dal caso clinico alla gestione della terapia Nunzia Maiello Servizio Asma e Fisiopatologia Respiratoria infantile M Miraglia del Giudice Dipartimento di Pediatria Seconda Università

Dettagli