L allattamento nell infanzia: il latte materno i sostituti e le loro reazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L allattamento nell infanzia: il latte materno i sostituti e le loro reazioni"

Transcript

1 L allattamento nell infanzia: il latte materno i sostituti e le loro reazioni Giovanni Cavagni Allergologia

2

3 IL SUCCO DELLA VITA Nutrimento ottimale: almeno per i primi sei mesi di vita Nutrizionale Immunologico Metabolico Psicologico UNICO ED IRRIPETIBILE

4

5 Il latte materno, in particolare il colostro, contiene nutrienti che forniscono protezione passiva dalle infezioni e dalle malattie immunomediate e stimolano la maturazione attiva del sistema immune mucosale del lattante. Hanson LA 2004 L intestino è il maggior organo immunitario umano ed è la sede del maggior numero di cellule immunocompetenti e di altri tipi cellulari coinvolti nella risposta immunitaria. Kelly D Proc Nutr Soc 2000

6

7 L ingestione di colostro è in grado di facilitare la maturazione delle cellule della mucosa gastrointestinale e di accelerare lo sviluppo di una integra barriera mucosa. Alcuni studi suggeriscono quindi che il latte possa contenere un fattore di crescita della mucosa che faciliterebbe la precoce maturazione dell intestino (gut( gut-closure). Heird W.C. Pediatr Res. Udall J.N. Pediatr Res.

8

9 Elementi immunomodulanti del latte materno Sostanze ad attività antibiotica Immunoglobuline: SlgA, SlgG, SlgM Lattoferrina, lattoferrina B e H Lisozima Lattoperossidasi Anticorpi idrolizzanti i nucleotidi κ-caseina e α-lattalbumina Aptocorrina Mucine Lattoaderine Elemento secretorio libero Oligosaccaridi e prebiotici Acidi grassi Leucociti e citochine materne scd14 Fattori del Complemento loro Fattori recettori di assuefazione/priming Citochine: β-defensina-1 IL-10 e TGFβ Recettori Toll-like Anticorpi Fattori anti-idiotipici Bifidus Elementi dello sviluppo immunitario Macrofagi Neutrofili Linfociti Citochine Fattori di crescita Ormoni Peptidi del latte Acidi grassi polinsaturi a catena lunga Nucleotidi Molecole di adesione Sostanze antinfiammatorie Citochine: IL-10 e TGFβ Antagonista del recettore per IL-1 Recettori per TNFα e IL-6 scd14 Molecole di adesione Acidi grassi polinsaturi a catena lunga Ormoni e fattori di crescita Osteoprotegerina

10 Claud EC, Modulation of human intestinal epithelial cell interleukin-8 secretion by human milk factors. Pediatr Res2003;53:

11 The effect of breast milk and blf on the stimulation of inflammatory cytokines after an inflammatory stimulus with LPS. Haversen L. Lactoferrin down-regulates the LPS-induced cytokine production in monocytic cell via NF-kB. Cell Immunol 2002

12 Nel topo, gli allergeni inalati dalla madre sono presenti nel latte materno. L allergene ingerito dal topo è accompagnato dal TGF-β presente nel latte; allergene e TGF-β, sono sufficienti ad indurre differenziazione T cellulare. Il risultato è che, nei modelli animali, il topo durante l allattamento, è provvisto di cellule regolatoriecd4+ con protezionespecificaper l allergene. TCR: T cell receptor; Treg: regulatory T cell; TGF-βR: TGF-β receptor. Verhasselt V. Neonatal Tolerance under Breastfeeding Influence: The presence of allergen and Trasforming Growth Factor-beta in breast milk protects the progeny from allergic asthma. The Journal of Pediatrics; Febbraio 2010, Vol 156, No2, Suppl.1

13 Il latte materno è ricco di acidi grassi polinsaturi a lunga catena (AGPI-LC) un rapporto elevato omega6/omega3 stimolerebbe la risposta immunitaria in senso Th1 piuttosto che Th2 Das UN. Breast-feeding, atopy, and asthma. J Allergy Clin Immunol Hoppu U,. Breast milk fatty acid composition is associated with development of atopic dermatitis in the infant. J Pediatr Gastroenterol Nutr Chouraqui JP. Archiv Ped 2008.

14 Alcuni studi hanno riportato un effetto protettivo dell allattamento materno prolungato, sull asma e sull allergia. Gdalevich M. J Am Acad Dermatol 2001; Gdalevich M. J Pediatr 2001; Saarinen UM. Lancet 1995; Dell S. Arch Pediatr Adolesc Med 2001; Kull I. J Allergy Clin Immunol 2004; Rothenbacher D.Clin Exp Allergy 2005 Altri studi tuttavia non hanno dimostrato alcuna riduzione, ma addirittura hanno riportato un incremento del rischio di asma e allergia, in bambini con allattamento materno prolungato. Stabell Benn C. Am J Epidemiol 2004; Burgess SW. Pediatrics 2006; Takemura Y.Am J Epidemiol 2001; Sears MR, Lancet 2002; Purvis DJ. Br J Dermatol 2005; Wegienka G. Ann Allergy Asthma Immunol 2006; Kramer MS.BMJ 2007; Duncan JM, Sears MR Curr Opin Allergy Clin Immunol Latte materno e allergie

15 Breast-feedingin relation to asthma, lungfunction, and sensitization in young school children Inger Kull JACI, 2010 Exclusivebreast-feeding(>4 months) and asthmaduringthe first 8 yearsof life among children in a birth cohort from Stockholm(N= 3825).

16 LATTE DI BANCA LATTE UMANO DONATO LATTE DI DONNA

17 BANCA DI LATTE UMANO La composizione del latte umano è ottimale non solo per la qualità dei suoi nutrienti, tanto da essere definito più che un alimento un sistema biologico,, ma anche per un effetto dietoterapico farmacologico. e

18 Dal seno In banca IL DONO DELLE BALIE MODERNE UNA PROPOSTA POSITIVA RACCOLTA DEL LATTE NEI VARI REPARTI DI MATERNITA AL DOMICILIO DELLE NUTRICI LITRI DI LATTE IN UN ANNO PASTI DI LATTE PERCHÈ PER CHI COME

19 PATOLOGIE PIÚ RICORRENTI POTERE NUTRIZIONALE Prematurità Gravi malnutrizioni (malformazioni congenite) Chirurgia intestinale neonatale AIDS POTERE TERAPEUTICO-FARMACOLOGICO Pseudoostruzione intestinale cronica Malattie metaboliche Gravi intolleranze alimentari Diarrea intrattabile del lattante

20 mammiferi alternativi... (Iacono G et al. Use of ass milk in multiple food allergy. J Ped Gastroenterol Nutr 1992; 14: ) (Businco L et al. Dieta e allergia Riv Ital Pediatr 1999; 25: ) (Restani P et al. Cross-reactivity between milk proteins from different animal species. Clin Exp Allergy 1999; 29: )

21 LATTE DI ASINA

22 dati analitici e fisiologici dei diversi latti a confronto con quello di donna COMPOSIZIONE PER 100 gr. Estratto secco Grassi Lattosio Sali Sostanze azotate Valore energetico Totale Caseina % Kj/Kg Latte umano ,6 Asina ,4 Vacca ,0 Capra Pecora ,4

23 composizione della frazione proteica del latte nelle diverse specie animali PROTEINE % TOTALI CASEINA ALBUMINE Donna 1.03 ( ) 0.4 ( ) 0.60) 0.4 Asina 2.00 ( ) Cavalla 2.2 ( ) 2.2) Bovina 3.3 ( ) 2.5 ( ) 2.8) 0.23 Capra ( ) 0.6 Pecora 5.3 ( ) 4.5 ( ) 4.6) 1.7

24 Caratteristiche nutrizionali del latte di asina presenta uno scarso contenuto in sostanza secca, materia grassa e proteine; ricco in lattosio e in calcio; tenori simili al latte umano in caseine e sieroproteine; tale caratteristica della frazione proteica del latte ha influito sui risultati nutrizionali positivi riscontrati in alcuni studi;

25 Caratteristiche nutrizionali del latte di asina ricco in acidi grassi poliinsaturi a lunga catena (rapporto w6 /w3 simile al latte di donna) elevata percentuale in acido linoleico (ac. grasso poliinsaturo essenziale non sintetizzato dall organismo); questi acidi grassi poliinsaturi sembrano avere proprietà immunostimolanti e ipocolesterolemizzanti.

26 Caratteristiche nutrizionali del latte di asina elevato contenuto di lattosio assai prossimo a quello del latte di donna; tale disaccaride ha un ruolo fondamentale in quanto stimola l assorbimento intestinale del calcio, influenzando positivamente la mineralizzazione ossea e il corretto sviluppo del sistema nervoso nei primi mesi di vita del bambino.

27 Reperibilità del latte di asina in Italia pochi gli allevamenti di asine da latte con esiguo numero di capi difficoltà nella mungitura (se non in vicinanza del puledro) produzione del latte soltanto durante il periodo di allattamento del puledro capacità volumetrica della mammella scarsa (produzione giornaliera < a 2 litri).

28 Reperibilità del latte di asina la lattazione presenta differenze in composizione e durata tra le razze; necessario selezionare razze in grado di fornire latte con parametri di composizione standardizzabili; gestire correttamente gli allevamenti (corretta igiene ambientale e controlli di salute sugli animali); trovare la modalità più idonea alla conservazione del latte (refrigerazione o altro trattamento termico) che ne preservi le caratteristiche nutrizionali e ne garantisca la sicurezza sotto il profilo igienico. l elevato costo

29 Storia naturale dell allergia al latte vaccino

30 Rischio genetico di allergia Fattori ambientali Atopia (sensibilizzazione) Tolleranza (non atopico) Fattori ambientali Allergia alimentare IgE-mediata Fattori ambientali Tolleranza (atopico)

31 Allergia alle proteine del latte vaccino (APLV) Colpisce il 3.5% circa dei bambini di età inferiore ai 3 anni Sintomi a carico della cute, delle vie respiratorie e del tratto gastroenterico Metà circa di queste reazioni sono mediate da IgE specifiche Sicherer SH, Sampson HA, 2008

32 APLV Il 75% circa dei bambini affetti guariscono spontaneamente entro il 3 compleanno I meccanismi immunologici che sottendono lo sviluppo della tolleranza sono sconosciuti Sicherer SH, Sampson HA, 2008

33 CLASSIFICAZIONE EAACI SULLE REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI EAACI Task Force sulla Nomenclatura Ipersensibilità alimentare Allergia alimentare Ipersensibilità non allergica intolleranza Allergia alimentare IgE mediata Allergia alimentare non IgE mediata Allergy,, 2006; 56: 813

34 ALLERGIE GASTROINTESTINALI: CLASSIFICAZIONE IgE Non-IgE Ipersensibilità gastrointestinale immediata Oral allergy syndrome Esofagite allergica eosinofila Gastrite allergica eosinofila Gastroenterocolite allergica eosinofila Enterocolite da proteine alimentari Proctite da proteine alimentari Enteropatia da proteine alimentari Celiachia Sampson HA, et al J Pediatr Gastroenterol Nutrit 2000; 30:

35 Le intolleranze alimentari 1) Intolleranze enzimatiche: il deficit di lattasi 2) Intolleranze farmacologiche: suscettibilità di alcuni pazienti a determinate sostanze (istamina, caffeina, solanina, tiratina, triptamina, feniletilamina, serotonina, teobromina) presenti in diversi alimenti 3) Intolleranze da meccanismi sconosciuti o pseudoallergiche (da additivi) 4) la celiachia

36 DIETA DI ELIMINAZIONE Eliminazione dell alimento sospetto Dieta oligoantigenica Dieta elementare Una volta sospettato che un alimento possa determinare una manifestazione allergica, è necessaria la sua completa eliminazione dalla dieta per settimane (forme IgE mediate, colite, enterocolite) o fino a 3 mesi (malassorbimento( malassorbimento,, gastroenterite eosinofila etc) Il successo della dieta di eliminazione dipende da corretta identificazione dell allergene possibilità di mantenere una dieta completamente priva dell allergene ergene altri fattori non siano in grado di scatenare sintomi simili a quelli della allergia nel periodo di osservazione

37 ALLERGIE ALIMENTARI NON IgE MEDIATE iter diagnostico ANAMNESI DIETA DI ELIMINAZIONE ESAMI DI LABORATORIO TEST DI PROVOCAZIONE ORALE

38 Indagine Conoscitiva sulla Anafilassi 140 bambini 5% 0% 1% 8% 0% 86% Alimenti Vaccini Farmaci Insetti Idiopatica Latex

39 Indagine Conoscitiva sulla Anafilassi 140 bambini Alimenti responsabili 4% 7%4% 3%2% 9% 23% Latte e derivati Semi Pesci Soia Frutta 7% 41% Uovo Crostacei Grano Vegetali

40 la clinica Esame obiettivo Anamnesi accurata

41 gli SPT Test in vivo Esame obiettivo Anamnesi accurata

42

43 Chapman J. A. et al, Ann All. Asthma immunol, 2006

44 i test in vivo sono. cute, estratto ed operatore dipendente!!!

45 Le IgE specifiche Test in vitro Test in vivo Esame obiettivo Anamnesi accurata

46 il ruolo degli anticorpi IgE specifiche La quantità di IgE specifiche sieriche verso il latte vaccino può accuratamente definire la sensibilità clinica del paziente in atto c è una diretta correlazione tra livelli di IgE specifiche alimentari e le probabilità che un individuo reagirà all assunzione del latte. Sampson HA, 2005

47 Cut-off IgEs for CMP Autor IgE s Sampson ku/ / L Sampson ku/ / L Roehr ku/ / L Garcia-Ara 2001 (< 2 years) 5 ku/ / L Saarinen ,5 ku/ / L Gugten ku/l

48 Allergia alimentare La ricerca di IgE specifiche per il latte vaccino Può essere potenzialmente dannosa in assenza di indicazioni cliniche Ha valenza prognostica per lo sviluppo di asma È condizione indispensabile per la esecuzione del TPO in un soggetto con storia di anafilassi

49 Le nuove tecnologie Dal genetic engineering (80s) agli allergeni ricombinanti e alla allergologia molecolare (90s) Dalle nanotecnologie del DNA (DNA chips) (90s) alle protein chips e ai microarray immunoassays (2002) Verso una Component Resolved Diagnosis (CRD)

50 Allergen Microarrays consentono di identificare gli epitopi allergenici; E verosimile che il repertorio epitopico degli Ab IgE per un determinato allergene sia correlato con la reattività clinica, la storia naturale e con la gravità della malattia; Il repertorio epitopico del paziente può consentirci di preparare molecole sostitutive e molecole tollerogeniche su misura per quel paziente.

51 Dipartimento di Medicina Pediatrica; UOC Allergologia ISAC Cow s Milk allergens Bos d 4: α-lactoalbumin ISAC CRD 89 Bos d 5: β-lactoglobulin A Bos d 5: β-lactoglobulin B Bos d 7: IgG bovine COMPONENT-BASED ALLERGEN MICROARRAY NELLA DIAGNOSI DI ALLERGIA ALIMENTARE AL LATTE VACCINO E ALL UOVO 16 APRILE 2010 Bos d 6: BSA (bovine serum albumin) Bos d 8: Casein Bos d 8a: α-casein Bos d 8b: β-casein Bos d 8k: κ-casein Bos d: Lactoferrin

52

53 Conclusioni permette di non eseguire il TPO ai pz con IgEs > CDP, ma poiché il numero dei falsi negativi è relativamente alto (22% for CM and 21% for HE) suggerisce di eseguire il TPO nei pz con IgEs<CDP, che nella maggior parte dei casi sarà negativo riducendo quindi notevolmente il rischio del TPO L uso seriale dei due test non migliora il PPV e l NPV, ma ha un riscontro notevole nella pratica clinica: infatti permette di fare una prima selezione con ImmunoCAP (test con ridotto costo e diffuso nei vari centri) e testare con l indagine molecolare solo i pz con CDP ImmunoCAP <95% nei centri di II-III III livello dove COMPONENT-BASED ALLERGEN MICROARRAY NELLA DIAGNOSI DI ALLERGIA ALIMENTARE AL LATTE VACCINO E ALL UOVO 16 APRILE 2010

54 conclusione Nella pratica clinica l utilizzo sequenziale dei due test ImmunoCAP e ISAC può rappresentare un approccio diagnostico in vitro che consente di arrivare al TPO con minor probabilità di comparsa di sintomatologia rischiosa.

55 RAST 1 ml ml = 1 test Estratti non standardizzati Phadebas RAST µl Estratti standardizzati Prime molecole da DNA ricombinante ELISA (96-wells) µl Molecole natural o ricombinanti standardizzazione ed automazione del dosaggio per le IgE specifiche Immuno-CAP 50 µl ImmunoCAP Rapid 110µ s.i gtt = >100 test ISAC nanolitri

56 il gold standard Esame obiettivo Test di provocazione Dieta di eliminazione Test in vitro Test in vivo Anamnesi accurata

57 Recovery of IgE ( ) and non-ige ( ) mediated CMA in 39 children; onset of asthma or allergic rhinitis aeroallergens asthma y 1y 2y 3y 5y 10y 15y (Host A., 2002)

58 SPT in a birth cohort study (543 children). Dean T et al, JACI any aero food Milk or Egg sensitization at 1y is a risk of sensitization for % OR p 0 1y 2y 3y Rate of sensitization HDM Cat Grass Peanut % neg pos 0 2y 3y Further sensitization

59 APLV Alimenti sostitutivi del LV basati sull idrolisi parziale o spinta delle proteine contengono quantità residue di molecole antigenicamente attive delle PLV. L idrolisi enzimatica e il trattamento con il calore possono generare nuovi epitopi allergenici. Caffarelli C., Plebani A., and Cavagni G Clin Exp All, 2002

60 Latte di capra: limiti nutrizionali Inadeguato nel primo anno di vita (dispepsia putrefattiva, disidratazione) per eccessiva quota proteica, osmolarità e carico renale di soluti. Deve essere diluito. Deficiente in vitamina B12, B6, C, D, ferro ed acido folico (se non integrato espone a rischi carenziali, soprattutto anemia megaloblastica).

61 Cross-reattività tra LC e LV... Jenkins JA, jaci 2007

62 Cross-reattività reattività tra LC e LV Con SDS-PAGE latte vaccino e latte di capra mostrano frazioni proteiche simili. (Restani P, Gaiaschi A, Plebani A et al. Cross-reactivity reactivity between milk proteins from different animal species. Clin Exp Allergy 1999; 29: ) La sequenza aminoacidica della α- caseina di capra è omologa al 87-94% a quella bovina ed ovina. (Spuergin P, Walter M, Schiltz E et al. Allergenicity of α- casein from cow, sheep and goat. Allergy 1997; 52: )

63 Bottle fed infants with cow s milk protein allergy should not be fed preparations based on unmodified milk of other species (such as goat s s or sheep s s milk) because of a high rate of cross reactivity. (Joint statement of ESPACI and ESPGHAN. Dietary products used in infants for treatment and prevention of food allergy. Arch Dis Child 1999; 81: 80-84) 84)

64 In sintesi: quale sostituto? Lattanti con APLV IgE mediata: secondo le linee guida ESPACI/ESPGHAN sono di scelta le formule di idrolisati proteici spinti (previo SPT ed eventuale TPO in ambiente protetto se positivo) ma la maggior parte di questi bambini tollera anche le formule a base di soia. Enterocolite o enteropatia da LV: è l idrolisato spinto. d elezione Allergia o successiva enteropatia all idrolisato: trovano indicazione le miscele di aminoacidi.

65 terapia eziologica Esame obiettivo Test di provocazione Test in vitro Test in vivo desensibilizzazione Anamnesi accurata

66 Tolleranza indotta ovvero desensibilizzazione al latte vaccino Principio: un paziente esposto a dosi crescenti di alimento in causa può sviluppare una tolleranza nel tempo mantenendo nel quotidiano l esposizione all allergene. A chi? Nella nostra esperienza abbiamo selezionato pazienti definiti superallergici con rischio di anafilassi anche per contatto con tracce dell alimento. Come? Il protocollo prevede una fase rush ospedaliera, in cui la dose di alimento viene aumentata nel corso di 3 giornate di ricovero e di una fase di mantenimento, in cui il bambino nel mese successivo assume una dose pari a quella tollerata in ospedale. Nel corso dei ricoveri, il latte viene progressivamente sostituito con ogni altro derivato del latte. Durante tutto il trattamento il bambino è in terapia antistaminica per via orale a dosi standard; durante il ricovero viene garantito un accesso venoso per un eventuale intervento farmacologico

67 Attuali raccomandazioni ESPGHAN Committe on Nutrition l allattamento con latte materno esclusivo per 6 mesi è una indicazione corretta In tutti i lattanti l introduzione di alimenti complementari non dovrà avvenire prima della 17 settimana e non dovrà essere ritardata oltre le 26 settimane. Gli alimenti devono essere aggiunti uno alla volta per individuare reazioni ad una singola sostanza Tenere presente che un ritardo nell introduzione nella dieta o una eliminazione di latte vaccino può avere conseguenze nutrizionali e che non c èc evidenza scientifica che l evitare l o l introdurre in tempi ritardati alimenti come il pesce o le uova riduca le allergie, sia nel lattante a rischio di allergia che nel lattante non a rischio ESPGHAN Committee on Nutrition J Ped Gastrenterol Nutr

68 Nel 2008 the American Academy of Pediatrics (AAP) Committee ha pubblicato un aggiornamento (rispetto alle raccomandazioni fornite nel 2000) riguardo l impatto dell intervento nutrizionale sullo sviluppo delle malattie allergiche nei lattanti e nei bambini Greer FR, Sicherer SH, Burks AW. Effects of early nutritional interventions on the development of atopic diseas in infants and children: the role of maternal dietary restriction, breast feeding, timing of introduction of complementary foods, and hydrolyzed formulas. Pediatrics 2008; 121:

69 AAP-2008 clinical report Per bambini ad alto rischio vi è evidenza che l allattamento al seno esclusivo per almeno 4 mesi riduce l incidenza cumulativa di dermatite atopica e allergia alle proteine del latte vaccino nei primi due anni di vita Vi è evidenza che l allattamento al seno esclusivo per almeno 3 mesi protegge dall insorgenza di wheezing nei primissimi anni di vita; ma in bambini ad alto rischio non è dimostrato che questo sia protettivo nei confronti dell insorgenza di asma dopo i sei anni In studi su bambini ad alto rischio che non sono allattati esclusivamente al seno per mesi o che sono a latte vaccino di formula, vi è evidenza modesta che la DA possa essere ritardata o prevenuta con l utilizzo degli idrolisati di formula, rispetto al latte vaccino di formula; in particolare gli idrolisati estensivi sembrerebbero più efficaci degli idrolisati parziali Non ci sono evidenze che supportino l utilizzo del latte di soia al fine di prevenire le malattie allergiche Greer R. Pediatrics. 2008;121:

70 AAP-2008 clinical report Gli alimenti solidi non dovrebbero essere introdotti prima dei mesi; al momento non esistono evidenze convincenti che ritardare la loro introduzione oltre questo periodo abbia un effetto protettivo sullo sviluppo delle malattie atopiche, sia che il bambino assuma latte materno o formulato. Questa raccomandazione si applica anche ad alimenti ritenuti altamente allergenici quali pesce, uova, o alimenti con proteine delle arachidi. Nei lattanti dopo i 4 e i 6 mesi non ci sono dati sufficienti a supportare un qualsiasi intervento dietetico al fine di prevenire lo sviluppo di malattie atopiche Greer R. Pediatrics. 2008;121:

71 Nessuna prova di efficacia di strategie preventive basate sulla esclusione di alimenti (in gravidanza, in allattamento, nello svezzamento) Il carico antigenico precoce per os ( la conoscenza intestinale ) ) rende ( induce la tolleranza )

72 Finestra di tolleranza per l introduzione l di alimenti complementari Prescott S. Pediat Aller Immunol 2008; Poole JA. Pediatrics 2006; Filipiak B. J Pediatr 2007; Mihrshahi S. Clin Exp Allergy 2007 Poole JA. Pediatrics 2006; Norris JM. JAMA 2005

73 Dual-allergen-exposure hypothesis for pathogenesis of food allergy.

74 Consigli dietetici per il lattante a rischio atopico -l allattamento al seno per quanto si vuole ma senza accanimento -Svezzamento tra i 4 e i 6 mesi senza esclusine alcuna dei principali alimenti tipici delle abitudini alimentari della famiglia con dermatite atopica -trattamento locale antinfiammatorio (steroidi topici) ed emollienti, dimenticando l allergia l alimentare (!!!) con reazione anafilattica all assunzione assunzione del latte

75 Il dosaggio delle IgE definisce solo il tipo di allergia al latte vaccino il rischio di TPO positivo il rischio di sviluppare altre sensibilizzazioni Il test di provocazione deve essere eseguito sempre (eccetto che nella anafilassi) e ripetuto ogni mesi L approccio astensionistico con latti idrolizzati va perseguito in attesa di preparati ideali personalizzati e non è indicato il ricorso a latti di altre specie L approccio con la desensibilzzazione al latte richiede centri specializzati e cautela per l alto l rischio di eventi avversi. Deve essere eseguito in ambiente protetto. Non abbiamo dati sulla protezione nei confronti di ulteriori sensibilizzazioni e al momento può essere indicato nei soggetti che non hanno acquisito tolleranza dopo anni Sanchez-Valverde F et al, allergy 2009

76 latte d asina come sostituto in mancanza del materno per il lattante risultati incoraggianti (tollerabilità(, palatabilità, adeguatezza nutrizionale) necessità di conferme su più ampie casistiche opportuni studi più approfonditi sulle caratteristiche nutrizionali del latte asina al momento attuale: utilizzo solo nell ambito di studi controllati necessaria più facile reperibilità e costi più bassi (16 euro/litro) rigorose norme e controlli di tipo igienico - sanitario

77 Grazie!

78 Oral food challenge test: mild and severe reaction in 29 children with CMA 6 mild severe >9 mm (Duse M et al, RIP 1999)

79 il gold standard Esame obiettivo Test di provocazione Dieta di eliminazione Test in vitro Test in vivo Anamnesi accurata

80 Lo studio delle IgE specifiche per le PLV può fornirci informazioni utili per la scelta dell alimento sostitutivo? Optical density Casein fraction coated microtitre plates. α-casein polyclonalab 0 I I I µg/ml I Plebani A et al, Clin Exp Allergy, 1997

81 LATTE UMANO ALIMENTO tollerabilità, digeribilità, assorbimento composizione bilanciata tutti i nutrienti essenziali 45 tipi di fattori bioattivi con attività funzionale enzimi, ormoni, fattori di crescita e anti-infettivi infettivi Bambino SISTEMA BIOLOGICO Bambino sano malato EFFETTO NUTRIZIONALE FARMACOLOGICO Terapeutico Preventivo

82 Il dosaggio delle IgE definisce solo il tipo di CMA il rischio di challenge positivo il rischio di sviluppare altre sensibilizzazioni Il test di provocazione deve essere eseguito sempre (eccetto che nella anafilassi) e ripetuto ogni 6-12 mesi L approccio astensionistico con latti idrolizzati va perseguito in attesa di preparati ideali personalizzati e non è indicato il ricorso a latti di altre specie L approccio con SOTI richiede centri specializzati e cautela per l alto rischio di eventi avversi. Deve essere eseguito in ambiente protetto. Non abbiamo dati sulla protezione nei confronti di ulteriori sensibilizzazioni e al momento può essere indicato nei soggetti che non hanno acquisito tolleranza dopo 3-5 anni Sanchez-Valverde F et al, allergy 2009

83 A IL-2 IL-10 Th3 Y IgM-B TGF-β Y Y T IL-10 IL-6 CD28 B7 TCR Ag/ MHC APC T T T T T T B IgA-B IgA-PC C Tolleranza ad alte dosi: anergia Tolleranza a basse dosi T APC CD95 CD95L T T TGF-β TGF-βR Tr1 T TGF-β TGF-βR Th3 IL-10 IL-10R T CD25

84 a Y b Th2 IL-4 IL-13 BB Y ECP, EPO, EDN, MBP IL-4 IL-13 V V VLA-4 EO IL-13 IL-5 Infiammazione/anafilassi Mc YY PC PG,LT4, PAF Y IgE Y YY

85

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine

Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine La contaminazione con glutine di cibi che ne sono apparentemente privi è tema molto sentito e resta tuttora vivo il dibattito su come «gestire» le informazioni

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Jane Gick www.e-imd.org Indice Introduzione...3 Il metabolismo...4 Ecco come l organismo utilizza le proteine...4 Quali sono

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Vitamina D. Pro-ormoni di natura lipidica. - VITAMINA D 2 (ergocalciferolo) di origine vegetale - VITAMINA D 3 (colecalciferolo) di origine animale

Vitamina D. Pro-ormoni di natura lipidica. - VITAMINA D 2 (ergocalciferolo) di origine vegetale - VITAMINA D 3 (colecalciferolo) di origine animale LA SUPPLEMENTAZIONE DI VITAMINE ED INTEGRATORI ALLA DIMISSIONE Dott.ssa Federica Mignone Vitamina D Pro-ormoni di natura lipidica - VITAMINA D 2 (ergocalciferolo) di origine vegetale - VITAMINA D 3 (colecalciferolo)

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Prevenzione e controllo dell influenza. Campagna di vaccinazione antinfluenzale per la stagione 2014-15

Prevenzione e controllo dell influenza. Campagna di vaccinazione antinfluenzale per la stagione 2014-15 PROTOCOLLO VACCINAZIONE ANTI-INFLUENZALE Prevenzione e controllo dell influenza. Campagna di vaccinazione antinfluenzale per la stagione 2014-15 Il presente documento contiene: Protocollo operativo Allegato

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio Cinzia La Rocca Dip. Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Reparto di Tossicologia Alimentare

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli