Raccomandazioni per un corretto percorso diagnostico terapeutico delle REAZIONI AVVERSE AD ALIMENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raccomandazioni per un corretto percorso diagnostico terapeutico delle REAZIONI AVVERSE AD ALIMENTI"

Transcript

1 Raccomandazioni per un corretto percorso diagnostico terapeutico delle REAZIONI AVVERSE AD ALIMENTI

2 SOMMARIO Premessa 3 Criteri di eliggibilità ed inclusione 4 Cenni epidemiologici 6 Sistemi e flussi informativi 12 Inquadramento clinico 15 Le criticità attuali 18 Problemi relativi alla diagnosi 22 Il percorso diagnostico di riferimento 24 Il percorso tipo del paziente con RAA 25 Definizione delle attività, competenze, ruoli e responsabilità 27 Test non accreditati 29 Trattamento e prevenzione 30 Appendice 32 Glossario 33 Letteratura di riferimento 37 Linee Guida e Position Papers 40 Normativa 42

3 PREMESSA Il presente documento si configura come strumento di consultazione, maneggevole e di rapido utilizzo, con l obiettivo di garantire l uniformità nelle procedure diagnostico terapeutiche relative alle reazioni avverse ad alimenti (RAA). Per favorire la lettura e la consultazione da parte degli operatori sanitari, si è scelto di snellire il più possibile la struttura del documento, costituito principalmente dal Percorso di Riferimento che espone la pianificazione logica e cronologica degli interventi necessari e ottimizzati nell approccio sanitario e socio assistenziale rivolto ai soggetti con sospetto o affetti da allergie o intolleranze alimentari. Sono indicate tutte le attività e le procedure (o interventi) considerate come livello minimo essenziale e pertanto irrinunciabili. In Appendice sono consultabili l elenco delle abbreviazioni utilizzate in materia di Reazioni avverse da alimenti, il glossario con le definizioni di alcuni sintomi o cortei sindromici citati nel testo - alcune delle definizioni sono trascritte dalla Traduzione Italiana dell Allergy Definitions Glossary WAO/EAACI le fonti di letteratura e le linee guida esistenti, la normativa di riferimento. Il presente documento ha quindi la finalità di offrire a tutti gli operatori interessati nel processo di care (Specialisti in Allergologia e Immunologia Clinica della Rete Regionale di Allergologia, MMG, PLS, Aziende Ospedaliere, Presidi Ospedalieri di ASL, Centri per la ristorazione collettiva, ecc.), linee d indirizzo, semplici e contestualizzabili nelle realtà locali di tutto il territorio regionale, per la costruzione di un percorso di diagnosi, cura e assistenza che garantisca livelli essenziali e uniformi d intervento a tutti i soggetti con sospetto di o affetti da RAA. La necessità di elaborare questo documento deriva dalla crescente richiesta di prestazioni diagnostiche e di cura, numerose e spesso incongrue, conseguenti a una non corretta e completa informazione sul cibo e sulle reazioni avverse conseguenti a ingestione di alimenti e che induce la necessità di tutela adeguata dei pazienti. Gli obiettivi principali del documento sono: 1) Definire i corretti criteri per individuare i soggetti a rischio o con sospetta RAA, limitatamente al problema della INTOLLERANZE ed ALLERGIE ALIMENTARI 2) Definire i criteri che individuano i soggetti da segnalare all Osservatorio per le Gravi Reazioni Allergiche della Rete Regionale Ospedaliera di Allergologia (RRA) 3) Definire i corretti criteri per effettuare le diagnosi differenziali 4) Definire il processo e le procedure appropriate di diagnosi, trattamento (terapia dietetica, terapia farmacologia, immunoterapia) e follow-up, nelle diverse situazioni cliniche tenendo anche conto dell età del paziente 5) Migliorare il sistema di tutela dei soggetti affetti da intolleranza e allergia agli alimenti nella ristorazione collettiva (in particolare in quella scolastica), anche attraverso strumenti semplici, esaustivi e uniformi che facilitino la comunicazione del rischio tra operatori sanitari e operatori della ristorazione collettiva 6) Definire competenze, ruoli e responsabilità degli attori coinvolti nel processo di care delle RAA. 3

4 CRITERI DI ELEGGIBILITÀ E DI INCLUSIONE CRITERI DI ELEGGIBILITÀ I criteri individuati che sostengono la stesura di un documento a carattere regionale riferito al problema delle RAA sono: Elevata prevalenza percepita delle RAA nella popolazione generale a fronte di una ben inferiore prevalenza reale. Gravità di alcuni quadri clinici primitivi o secondari a RAA e necessità di garantire un corretto e adeguato approccio diagnostico terapeutico assistenziale ai pazienti che ne sono affetti. Alterata percezione, nella popolazione generale, del nesso causale fra ingestione di alimenti e sintomatologia soggettiva con conseguente ricorso a test diagnostici non scientificamente validati, a self therapy e ad ingiusticata e spesso eccessiva richiesta di prestazioni sanitarie, con aumento dei costi sanitari complessivi e del rischio di omessa, ritardata o errata diagnosi. Necessità di uniformare su tutto il territorio regionale il processo di management delle reazioni avverse agli alimenti definendo anche ruoli, competenze e responsabilità. CRITERI DI INCLUSIONE E DI ESCLUSIONE I criteri d inclusione identificano i criteri di scelta e le caratteristiche dei soggetti a rischio di manifestare o che hanno manifestato RAA. Sono definite RAA tutte le reazioni caratterizzate dalla comparsa di un sintomo/segno clinico cronologicamente plausibile e correlabile all ingestione e/o contatto e/o inalazione di un determinato alimento. Le RAA sono distinte in reazioni alimentari tossiche e reazioni alimentari non tossiche o da ipersensibilità. Le reazioni alimentari tossiche si possono presentare in tutti gli individui purché abbiano ingerito dosi sufficienti di tossine contenute negli alimenti (es. intossicazione da funghi, gastroenterite da tossine batteriche contenute in cibi avariati). La patogenesi delle reazioni alimentari non tossiche può essere immunomediata (allergie alimentari) o non immunomediata (intolleranze alimentari). Le allergie alimentari (reazioni da ipersensibilità di natura allergica) sono riconducibili a un processo di sensibilizzazione a determinate proteine nei confronti delle quali il sistema immunitario può reagire con qualunque tipo di meccanismo immunologico (anticorpale o cellulare, anche se il meccanismo più comune è quello anticorpale mediato dalla produzione di IgE specifiche). Le intolleranze alimentari (reazioni da ipersensibilità di natura non allergica) sono reazioni avverse a un alimento senza che sia possibile dimostrare un meccanismo immunologico. Queste reazioni sono riconducibili a meccanismi di tipo enzimatico (es. intolleranza al lattosio) o di tipo farmacologico (secondarie all ingestione di amine vasoattive o additivi contenuti negli alimenti), ecc. SOGGETTI INCLUSI Sono definiti oggetto del presente documento tutti i soggetti con sospetto di allergia o intolleranza alimentare. I sintomi e segni clinici che pongono il sospetto di allergia o intolleranza alimentare sono molteplici e proteiformi e dipendono dalla sostanza alimentare incriminata e dalla quantità ingerita, dalla 4

5 tipologia di allergene eventualmente contenuto, dalla modalità di esposizione e da fattori specifici dell ospite (età, abitudini alimentari, atopia, attività lavorativa, ecc.). Alcuni quadri clinici (anafilassi, angioedema, asma, orticaria, ), in particolare quando insorgono acutamente dopo il contatto o ingestione di alimenti, evocano fortemente il sospetto diagnostico. Altre manifestazioni cliniche, in particolare se croniche e/o riferite all apparato gastroenterico, non sono patognomoniche e possono essere sintomo di altre importanti patologie (IBD, neoplasie, ) e pertanto, in alcuni casi, il sospetto di allergia o intolleranza alimentare deve essere posto dopo aver escluso altre possibili importanti affezioni. SOGGETTI ESCLUSI Sono esclusi tutti i soggetti con sospetto clinico o affetti da reazioni alimentari tossiche per la specifica eziologia e per il differente approccio diagnostico e terapeutico. Il Deficit di G6PD (Favismo) e la Malattia Celiaca sono state escluse dal presente documento. La prima per l unico e patognomonico quadro di presentazione clinica (crisi emolitica acuta dopo esposizione), la seconda per lo specifico e complesso meccanismo patogenetico autoimmunitario già oggetto di precedente PDTA elaborato dall AReSS in anni passati, cui si rimanda (Regione Piemonte DGR n del , BUR n.34 del ). Schema inquadramento diagnostico differenziale delle reazioni avverse agli alimenti Reazione avversa ad alimento SI Ingestione di tossine alimentari? NO Reazione tossica Reazione da ipersensibilità SI Reazione immunomediata NO SI Presenza di Anti TG/EMA NO CELIACHIA ALLERGIA ALIMENTARE INTOLLERANZA ALIMENTARE 5

6 CENNI EPIDEMIOLOGICI L inquadramento dal punto di vista epidemiologico delle allergie o intolleranze alimentari è stato tradizionalmente di difficile trattazione. Fornire dati precisi di prevalenza e incidenza delle allergie e intolleranze alimentari non è agevole sia in relazione all approccio diagnostico, non semplice per sua natura, sia a causa della percezione soggettiva di tali reazioni, largamente influenzata da fattori psicologici, sia per la diversa distribuzione geografica/genetica delle stesse. Il tutto è ulteriormente complicato, nell ambito della classe medica, da atteggiamenti non corretti e non equilibrati, sempre oscillanti tra la negazione e la sovrastima del fenomeno. Un dato evidente e condiviso è che la prevalenza, maggiore nell infanzia, tende progressivamente a ridursi nell età adulta. Secondo alcuni studi pubblicati un significativo numero di persone negli USA e in Europa, oltre il 20%, è convinta di manifestare reazioni avverse ad alimenti. La reale presenza di allergia o intolleranza alimentare è confermata da test adeguati solo in circa il 2% circa degli adulti. Parimenti elevata e alterata sembra essere inoltre la percezione dei genitori rispetto alla presenza di allergia/intolleranza alimentare come causa di disparati disturbi del proprio bambino (40-60% vs 4-8% delle diagnosi realmente confermate). E interessante notare come, in Piemonte, in base ad un censimento condotto nel 2006, fossero particolarmente numerose le diete speciali sanitarie richieste per allergia/intolleranza alimentare per/di bambini che usufruiscono della mensa scolastica. I dati di tale censimento evidenziavano come su diete speciali (pari al 74%) richiedevano l esclusione di due o più alimenti perché sospettati come allergogeni. Il dato è ovviamente sproporzionato rispetto alla effettiva prevalenza delle allergie alimentari e induce costi rilevanti per l allestimento di diete diversificate. L allergia alimentare, in particolare nei bambini, è sicuramente una causa importante di tutti gli episodi di anafilassi trattati nei dipartimenti di emergenza in Europa occidentale e negli Stati Uniti. L ipersensibilità nei confronti degli alimenti varia in funzione dell età del paziente, della regione geografica d appartenenza e delle abitudini alimentari. Gli alimenti coinvolti nella prima infanzia sono soprattutto quelli di origine animale come latte e uova, mentre nell età adulta hanno maggiore importanza alimenti di origine vegetale come frutta e verdura. La crescente disponibilità di alimenti molto allergenici come alcuni frutti esotici (es. il kiwi, sesamo) ha provocato, inoltre, una migrazione di talune allergie alimentari verso l Europa. Le allergie alimentari hanno raramente un ruolo primario nella comparsa della dermatite atopica, tuttavia è frequente riscontrare, in pazienti con dermatite atopica, la presenza di IgE specifiche verso allergeni alimentari. Nella maggioranza dei casi (circa 8 bambini su 10) intorno ai 3-6 anni di età, viene acquisita una tolleranza spontanea nei confronti del latte vaccino e dell uovo. Una parte dei soggetti allergici potrebbe sviluppare sensibilità ad altri alimenti e/o sintomi da cross sensibilizzazione pollini/alimenti. L allergia alle arachidi, alle nocciole, ai semi di sesamo, e prodotti ittici se presente nell infanzia, tende invece a persistere anche nell età adulta. La malattia allergica, nell infanzia, soprattutto nei primi due anni di vita, inizia con il coinvolgimento primario della cute (dermatite atopica) e frequentemente continua negli anni successivi (nell ambito della cosiddetta marcia allergica ), persistendo o meno la dermatite atopica, con successivo coinvolgimento delle vie aeree (rinite e asma bronchiale da ipersensibilità a allergeni ambientali). 6

7 LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA IN PIEMONTE Nel data base della Rete Regionale Ospedaliera di Allergologia della Regione Piemonte (RRA) sono presenti, alla data del 30 giugno 2013, i dati di circa pazienti con oltre diagnosi. La diagnosi della sezione Reazione avverse da alimenti è presente circa volte, pari al 3.77% del totale, e comprende sia le reazioni allergiche IgE mediate sia quelle rilevate come non IgE mediate, ovvero intolleranza al lattosio, celiachia, reazioni aspecifiche da alimenti con meccanismo non identificato. Nella seguenti figure sono riportate numero e tipologie di diagnosi, anche divise per fasce di età, relative alla sezione diagnostica Reazioni avverse ad alimenti. I pazienti che presentano reazioni allergiche particolarmente gravi sono segnalati all Osservatorio per le Gravi Reazioni Allergiche, parte integrante della RRA e il cui data base è in condivisione con il sistema informativo regionale dell emergenza urgenza (SEST /118). 7

8 LA RETE REGIONALE OSPEDALIERA DI ALLERGOLOGIA (RRA) Distribuzione delle diagnosi dei pazienti nati in Italia Dati aggiornati al 30/06/2013 8

9 Pazienti con diagnosi di reazioni avverse ad alimenti (divisi per fasce di età) Tra 0 e Tra 4 e Tra 7 e Tra 11 e Tra 15 e Tra 18 e Tra 31 e Tra 41 e 3 anni 6 anni 10 anni 14 anni 17 anni 30 anni 40 anni 50 anni Tra 51 e Oltre anni anni Allergia alimentare Anafilassi alimentare (non IgE mediata) Anafilassi alimentare da esercizio fisico Anafilassi da allergia alimentare (IgE mediata) Angioedema alimentare (non IgE mediato) Angioedema alimentare indotto da esercizio fisico Orticaria alimentare IgE mediata Orticaria alimentare non IgE mediata Reazioni aspecifiche da alimenti Sindrome allergica orale Sindrome Orticaria-Angioedema alimentare Totale Diagnosi Distribuzione delle diagnosi nei pazienti over 60 ( soggetti) 9

10 LʼOSSERVATORIO REGIONALE PER LE GRAVI REAZIONI ALLERGICHE Numero e distribuzione delle diagnosi segnalate (4323 casi) Dati aggiornati al 30/06/

11 Numero e distribuzione per fasce di età delle diagnosi segnalate Non presente 0-3 Anni 4-6 Anni 7-17 Anni Anni Anni oltre 60 Anni Totale Anafilassi da puntura di imenottero ,166 Anafilassi da allergia alimentare (IgE mediata) ,539 Anafilassi Anafilassi da farmaci Shock anafilattico Anafilassi alimentare (non IgE mediata) Anafilassi idiopatica Asma bronchiale allergico Anafilassi alimentare da esercizio fisico Angioedema da allergia alimentare (IgE mediata) Anafilassi da esercizio fisico Sindrome Orticaria-Angioedema alimentare Angioedema da puntura di imenotteri Altro Totale complessivo ,444 1,634 1,181 5,256 Anafilassi over 60 (555 M / 417 F) 11

12 SISTEMI E FLUSSI INFORMATIVI L integrazione, l interazione e il coordinamento organizzativo e clinico richiedono necessariamente l esistenza di sistemi informativi che permettono la programmazione delle attività, la comunicazione e il continuo scambio di dati fra strutture e operatori. I sistemi informativi, oltre a migliorare l efficienza organizzativa, consentono di ottenere dati aggiornati epidemiologici e di attività e, attraverso la rilevazione e il controllo continuo degli indicatori di processo ed esito individuati, aiutano a sorvegliare decisioni, comportamenti e sviluppo del processo assistenziale in un ottica di governo clinico del sistema. Nella situazione attuale sono disponibili diverse banche dati che permettono di recuperare importanti flussi informativi: RETE REGIONALE OSPEDALIERA DI ALLERGOLOGIA (RRA) Da oltre 20 anni la Regione Piemonte presta particolare attenzione alle problematiche allergologiche, che interessano una larga parte della popolazione (25-30%) e nel corso degli anni ha elaborato e approvato disposizioni e norme per promuovere e garantire sull'intero territorio un'assistenza adeguata ai cittadini allergici. La RRA è il primo, e finora unico, esperimento europeo di una rete integrata di servizi specialistici in grado di rilevare dati epidemiologici, fornire l'assistenza ai soggetti allergici con prestazioni omogenee sul territorio, rilevare elementi di spesa, sia diagnostica sia terapeutica, e, tramite l'osservatorio per le gravi reazioni allergiche, dare una puntuale assistenza a coloro che hanno subito reazioni allergiche di particolare gravità. I Servizi di allergologia, attivi in tutte le aziende sanitarie piemontesi, sono raccordati tra loro da un sistema informativo dedicato, che facilita anche l applicazione di protocolli comuni in grado di permettere l erogazione di prestazioni di prevenzione, diagnosi e cura efficaci e omogenee delle allergopatie. Il sistema consente di approfondire la conoscenza del fenomeno allergie nel suo insieme, clinico ed epidemiologico, di apportare miglioramenti nell'organizzazione e di individuare le migliori tecniche diagnostiche e terapeutiche (www.regione.piemonte.it/sanita/program_sanita/specialita/allergo.htm). OSSERVATORIO PER LE GRAVI REAZIONI ALLERGICHE E parte integrante della RRA. All Osservatorio sono segnalati tutti i casi di sospetta reazione grave, con sintomatologia compatibile con l allergia alimentare e non solo. L Osservatorio provvede alla gestione successiva del paziente indirizzandolo al centro della RRA, in grado di approntare gli accertamenti necessari, più vicino alla sua residenza. Il data base dell Osservatorio è interfacciato con il sistema dell Emergenza Urgenza 118 che può accedere, tramite allerta automatica su numero telefonico del chiamante ovvero tramite tessera identificativa univoca in distribuzione ai soggetti segnalati all Osservatorio. Gli operatori della RRA informano il paziente e forniscono gratuitamente il farmaco salva vita adrenalina nella formulazione autoiniettabile a tutti i soggetti segnalati all Osservatorio a rischio di nuovi episodi di anafilassi. 12

13 CENTRO REGIONALE PER LE ALLERGIE E LE INTOLLERANZE ALIMENTARI (CReALIA)(DD n. 756 del ) L Osservatorio Regionale per le Allergie e Intolleranze Alimentari (CReAlIA) è uno strumento di conoscenza e sorveglianza epidemiologica relativa alla presenza degli allergeni negli alimenti. Si propone di stimare l'impatto del problema e valutare l'efficacia degli interventi di sorveglianza, prevenzione e gestione del rischio adottati a livello regionale. Inoltre intende contribuire alla comunicazione del rischio attraverso l'efficace circolazione delle conoscenze accumulate. Si fonda sull'interdisciplinarietà e sull'integrazione delle attività delle varie strutture coinvolte a livello della sanità regionale. CReAlIA si propone, nel suo ruolo, di collaborare con i vari attori coinvolti e in particolare: - Servizi del SSN e Regionale - Laboratori di analisi pubblici e privati - Centro di Riferimento Regionale per la sorveglianza, la prevenzione e il controllo delle Malattie Trasmesse da Alimenti - Rete Regionale Ospedaliera di Allergologia della Regione Piemonte e Osservatorio Regionale Gravi Reazioni Allergiche - Rete Regionale dei Servizi di Epidemiologia - Presidi ospedalieri - Associazioni di consumatori - Associazioni di produttori - Operatori della ristorazione collettiva pubblica e privata - Grande Distribuzione Organizzata In particolare CReAlIA intende operare con lo scopo di coordinare l attività di programmazione scientifica, risk assessment, sorveglianza e analisi epidemiologica nell ambito delle allergie alimentari; al tal fine l attività sarà incentrata su tre livelli principali: - valutazione del rischio legato alla presenza di allergeni non dichiarati in etichetta. In questo ambito CReAlIA si propone di sorvegliare mediante la progettazione di piani strutturati il grado di rispondenza alla normativa in materia di etichettatura e allergeni alimentari. Dopo una fase preliminare di ricognizione dei flussi attualmente esistenti e di analisi dei bisogni informativi sarà avviata l organizzazione di un Sistema Informativo dedicato e interfacciabile con quelli esistenti. Sarà inoltre effettuata una verifica periodica e puntuale delle notifiche di allerte all interno del Sistema di Allarme Rapido per Alimenti e Mangimi (RASFF). Obiettivo specifico di questa fase è di verificare lo stato delle conoscenze e la promozione di nuove ricerche interdisciplinari (di base e applicative) mirate alla migliore comprensione e gestione del problema Allergie Alimentari in tutte le sue connotazioni (epidemiologiche, cliniche, chimiche e biochimiche, analitiche, normative e tecnologiche). Inoltre, poiché dalla corretta valutazione del rischio è imprescindibile la disponibilità di tecniche analitiche affidabili, in questo livello di attività sarà promossa la definizione di protocolli operativi analitici che garantiscano performance adeguate in fase di controllo ufficiale. Inoltre CReAlIA potrebbe fornire un supporto tecnico ai laboratori che si dedicano all'autocontrollo in termini di formazione o di organizzazione di circuiti inter-laboratorio. 13

14 - gestione del rischio mirata alla tutela della salute dei consumatori allergici, mediante la creazione di reti di collaborazione tra strutture pubbliche e private e la progettazione anche in collaborazione con altre Istituzioni Accademiche e Scientifiche di nuove soluzioni per la produzione di alimenti allergen-free. In particolare saranno sviluppate linee guida e buone pratiche evidence based, sulla base delle nuove conoscenze acquisite e dei fattori di rischio identificati. - comunicazione del rischio; questo livello di attività risulta particolarmente strategico nell ambito delle allergie alimentari, in cui gli effetti acuti e l attuale scarsa possibilità di definire le dosi-soglia rendono la corretta informazione il maggiore strumento di prevenzione di episodi morbosi e gravi. CReAlIA in questo ambito si adopererà per coordinare la divulgazione scientifica e tecnologica a livello Regionale, predisponendo diversi strumenti di comunicazione in base al target (medici, insegnanti, operatori del settore alimentare, genitori, bambini); sarà inoltre data pubblicità agli operatori e al consumatore delle informazioni ottenibili dalle notifiche di allerte all interno del Sistema RASFF inerenti la presenza di allergeni non dichiarati in etichetta, sostenendo ed integrando eventuali azioni di ritiro e richiamo di prodotti pericolosi per i consumatori allergici a livello regionale. Infine sarà perseguito l obiettivo di sensibilizzare i MMG, i PLS ed i medici dei presidi ospedalieri (extra RRA) alla segnalazione degli episodi di manifestazione allergica dopo consumo di alimenti contenenti allergeni non dichiarati. SISTEMA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE TRASMESSE DA ALIMENTI (MTA) Coordinato dal Centro di Riferimento Regionale per le MTA (CRR MTA), questo sistema informativo su web raccoglie dati relativi ai casi di tossinfezioni, intossicazioni, reazioni da sostanze chimiche, avvelenamenti da funghi, inoltre, effettua indagini epidemiologiche e ispettive. I dati sono trasmessi dai SIAN e ciascun SIAN ha costituito un gruppo di lavoro specifico coordinato da un referente per le MTA. RASSF (RAPID ALERT SYSTEM FOR FOOD AND FEED) In caso di alimenti non conformi (per es. a causa della presenza di allergeni non indicati in etichetta), i Servizi del Dipartimento di Prevenzione (medici e veterinari) attivano l allerta secondo le procedure della Comunità Europea, oppure, in caso di allerta già attivati, intervengono per verificare il rispetto delle procedure di ritiro/richiamo. Pur sottolineando la ricchezza delle banche dati e dei flussi informativi attualmente a disposizione, occorre evidenziare che sono ancora rilevabili difficoltà nella raccolta dati e nello scambio di informazioni in tempo reale fra i differenti data base e gli attori coinvolti. Il presente documento si propone come strumento condiviso che funga da riferimento e indirizzo per tutti gli attori coinvolti al fine di garantire appropriatezza e uniformità di intervento su tutto il territorio piemontese. 14

15 INQUADRAMENTO CLINICO ALLERGIE ALIMENTARI Le allergie alimentari sono manifestazioni cliniche mediate da una risposta immunitaria anomala nei confronti di alimenti che si presentano in un soggetto sensibilizzato. Queste reazioni si presentano solitamente subito dopo l ingestione di uno o più alimenti e spesso sono dose indipendenti. In relazione al meccanismo immunologico implicato le allergie alimentari sono ulteriormente classificate in reazioni IgE mediate, reazioni cellulo-mediate e reazioni miste IgE e cellulo-mediate. ALLERGIE ALIMENTARI IgE MEDIATE Le forme mediate da anticorpi appartenenti alla classe IgE sono le più caratteristiche, clinicamente contraddistinte da reazioni immediate, riproducibili e diagnosticabili mediante esecuzione di test in vivo e/o in vitro che evidenziano la presenza, nel soggetto affetto, di IgE specifiche verso l allergene alimentare (fonte allergenica o determinante allergenico). L alterata risposta immunologica è, almeno in parte, determinata geneticamente, è condizionata dalla tolleranza individuale (integrità della barriera intestinale, immunità naturale e adattativa) ed è favorita dalle proprietà intrinseche dell allergene coinvolto (solubilità in acqua, componente glicoproteica, stabilità agli acidi, calore e proteasi). Ciò spiega il numero relativamente ristretto di alimenti allergenici e potrebbe spiegare la frequenza elevata di allergie alimentari nei primi anni di vita, quando non è ancora presente una maturità completa della barriera intestinale. Processi infiammatori possono aumentare la permeabilità della barriera intestinale e la relativa perdita della tolleranza. FORME NON IgE MEDIATE (CELLULO-MEDIATE) O MISTE Le forme non IgE mediate sono ipotizzate in una minoranza dei casi e sono caratterizzate dall assenza di anticorpi IgE specifici nella cute o nel siero. Queste forme sono quelle più facilmente responsabili della sintomatologia gastroenterica e sono principalmente secondarie a infiammazione acuta o cronica del tratto intestinale con coinvolgimento principale di cellule come gli eosinofili e i linfociti. INTOLLERANZE ALIMENTARI Con il termine di intolleranza alimentare sono indicate le risposte anomale, dose dipendenti, a un alimento o un additivo (conservante/colorante/residui della lavorazione) presente negli alimenti, in grado di determinare quadri clinici simili a quelli delle allergie alimentari ma con meccanismi non riconducibili ad alcun coinvolgimento, dimostrabile, del sistema immunitario. Possono essere causate da un difetto congenito o acquisito dei processi di trasporto, da cattiva digestione da deficit enzimatici come la lattasi (intolleranze enzimatiche), da malassorbimento, da alterazioni metaboliche, o da un aumentata sensibilità a sostanze farmacologicamente attive come istamina, tiramina, ecc (intolleranze farmacologiche). Alcune reazioni avverse da intolleranza agli alimenti possono conseguire alla quantità di cibo ingerito, alla fermentazione batterica di carboidrati complessi o di altri composti non digeribili, che non sono assorbiti nel tratto prossimale dell intestino, in molti altri casi il meccanismo è ignoto. 15

16 ASPETTI CLINICI DELL ALLERGIA ALIMENTARE Le manifestazioni cliniche sicuramente attribuibili ad allergia alimentare sono fondamentalmente quelle dimostrate da challenge test standardizzati (DBPCFC) oppure, in alternativa, quelle in cui, senza necessità di eseguire il DBPCFC, il risultato dei test allergologici è completamente coerente con una storia anamnestica tipica, raccolta in ambito specialistico. Reazioni allergiche ad alimenti che agiscono con un meccanismo IgE mediato possono coinvolgere vari organi e apparati (cute, apparato respiratorio, apparato gastro-intestinale, apparato cardiovascolare). Tali reazioni sono varie e imprevedibili. Un alimento può determinare una reazione lieve ma può essere causa di una reazione più grave se ingerito in associazione a FANS/ASA, alcool, ACE inibitori/ß bloccanti e/o prima o durante lo svolgimento di esercizio fisico più o meno intenso. Eventuali comorbilità (es. asma bronchiale non controllata dalla terapia) possono condizionare enormemente il decorso della reazione. Per tali motivi non è stato finora possibile stabilire delle dosi soglia per ogni singolo alimento sia perché tali dosi soglia variano da paziente a paziente sia perché nel singolo paziente variano in base alle sue condizioni cliniche, ad assunzioni farmacologiche, ecc. L orticaria acuta (o meglio la sindrome orticaria/angioedema - SOA ad insorgenza acuta) è una delle manifestazioni più frequenti di allergia alimentare. L orticaria acuta è anche il sintomo più comunemente manifestato dai pazienti sottosposti a DBPCFC; gli alimenti più spesso coinvolti sono il latte, le uova, pesce, frutta secca, additivi. L orticaria è di solito associata ad altri sintomi dipendenti dal coinvolgimento del tratto gastrointestinale o dell apparato respiratorio. L orticaria cronica di solito non è associata con allergie alimentari. L orticaria causata da alimenti può essere conseguente al contatto con cute e mucose. Nella dermatite atopica (DA) l allergia alimentare può svolgere un ruolo importante non tanto come causa ma come condizione che ne peggiora il decorso. Il DBPCFC eseguito su pazienti con DA ha dimostrato che l allergia alimentare ha importanza in percentuale molto variabile (35-80%) dei bambini affetti da DA moderata a grave. Latte, uova, grano e soia sono gli alimenti più frequentemente coinvolti. L anafilassi da alimenti è una grave reazione allergica sistemica, IgE-mediata, potenzialmente pericolosa per la vita, ad insorgenza acuta e rapida evoluzione che interessa almeno due organi o apparati (cutaneo, gastrointestinale, respiratorio, cardiovascolare). In relazione al numero di organi e apparati coinvolti e alla severità dei sintomi, l anafilassi può essere definita lieve, moderata o grave. L anafilassi da alimenti compare con maggiore frequenza nei soggetti giovani (infanti, bambini, adolescenti e giovani adulti), fattori di rischio sono la presenza di asma bronchiale, una precedente reazione sistemica non anafilattica allo stesso alimento, la sensibilizzazione verso allergeni delle arachidi, della frutta secca e delle rosacee. In casi più rari possono verificarsi reazioni anafilattiche ad alimenti correlate all esercizio fisico (anafilassi alimentare da doppio stimolo). A livello GE possono anche manifestarsi altre patologie come l esofagite eosinofila, la gastroenterite eosinofila caratterizzate da un infiltrato infiammatorio della mucosa caratterizzato prevalentemente da eosinofili. Queste patologie possono essere associate ad allergia alimentare ed in questo caso una dieta sembra essere in grado di ridurre l'infiltrato mucosale e i sintomi. La sindrome orale allergica (OAS) è una manifestazione molto comune di allergia alimentare insorgente soprattutto in adulti sensibilizzati verso allergeni pollinici. La sindrome orale allergica isolata, di regola, compare dopo pochi secondi/minuti dal contatto o ingestione di cibi di origine ve- 16

17 getale, prevalentemente crudi ed è tipicamente caratterizzata da prurito e/o formicolio e/o bruciore delle labbra, della lingua, della bocca e/o del palato con senso di vellichio ed eventualmente da edema labiale e/o della lingua e, talora, da prurito auricolare. In alcuni casi i sintomi possono coinvolgere anche altri organi e diventare più gravi anche in base alle caratteristiche della proteina sensibilizzante. Ci possono essere livelli di gravità crescente a secondo se i sintomi sono solo a carico della mucosa orale o anche a carico di altri apparati (epigastralgie, diarrea, orticaria, rino-congiuntiviti, asma, edema della glottide, shock anafilattico). Alcune patologie sono probabilmente dipendenti da meccanismi cellulo mediati: la proctocolite indotta da proteine alimentari è una colite con emissione di numerosi scariche diarroiche contenenti sangue con anemia e perdita di peso corporeo, generalmente causata da allergia alle proteine del latte vaccino. L enteropatia indotta da proteine alimentari è appannaggio della prima infanzia, si manifesta con infiammazione intestinale e perdita di integrità dei villi con conseguente sindrome da malassorbimento; quando innescato da latte vaccino è generalmente definita come Intolleranza al latte vaccino. L enterocolite indotta da proteine alimentari si manifesta con vomito, diarrea, grave disidratazione fino allo shock, ed è dipendente, in genere, da latte, soia e cereali. La Sindrome di Heiner è stata descritta come una malattia che dipende da immunità IgG-mediata alle proteine del latte vaccino che provoca sanguinamento occulto intestinale, anemia ed emosiderosi polmonare. Schema classificazione reazioni avverse agli alimenti, basato sui meccanismi (EAACI) Ingestione di tossine alimentari? Reazione avversa ad alimento SI Reazione tossica NO Reazione da ipersensibilità SI CELIACHIA Presenza di anti ttg/ema SI SI Allergia IgE mediata NO ALLERGIA ALIMENTARE Presenza di IgE specifiche Reazione immunomediata NO Allergia cellulo mediata Intolleranza enzimatica Intolleranza farmacologica NO SI SI INTOLLERANZA ALIMENTARE Deficit enzimatico NO Intolleranza a sostanze NO Intolleranza indefinita 17

18 LE CRITICITA ATTUALI CRITICITÀ DIAGNOSTICHE La diagnosi di allergia o intolleranza alimentare è spesso difficoltosa sia a causa delle caratteristiche proprie della patologia, sia a causa dell interazione di più fattori (genetici, immunologici, metabolici, neuroendocrini, psicologici e ambientali). I sintomi delle allergie e delle intolleranze alimentari non sono specifici, spesso sono simili o comuni fra le forme di allergia e intolleranza e possono anche presentarsi in altre patologie (malattie infiammatorie croniche intestinali, forme infettive, disordini metabolici) con cui è necessario effettuare una diagnosi differenziale. Il nesso causale sintomo-alimento è spesso difficile da individuare a causa del tempo di latenza variabile fra assunzione di un alimento e comparsa delle manifestazioni cliniche oppure in relazione allo andamento cronico recidivante dell affezione, scarsamente correlabile all assunzione di uno specifico alimento. Inoltre può essere presente una sensibilizzazione ad allergeni alimentari (positività in vivo e/o in vitro) in assenza di qualsiasi quadro clinico correlabile. Le difficoltà diagnostiche, in particolare per le forme miste o per le rare manifestazioni non IgE mediate, sono strettamente legate ed aggravate dall assenza di protocolli diagnostici e test allergologici specifici, appropriati ed uniformemente accettati a livello internazionale e dal ridotto numero di strutture di riferimento ove tali indagini possano essere eseguite o correttamente completate. Il sospetto di allergia/intolleranza alimentare, pertanto, può essere sovra o sottostimato e non correttamente indagato e trattato. La diagnosi corretta permette di selezionare i casi per i quali è sicuramente necessaria l esclusione totale dell alimento responsabile ed evita ai soggetti sani, diete gravose, inutili e a volte controindicate per gli eventuali deficit nutrizionali che ne possono conseguire. In considerazione della particolare gravità clinica di alcune forme di allergia alimentare, un attento e tempestivo approccio diagnostico consente di individuare i soggetti a rischio di anafilassi che necessitano della prescrizione di adrenalina auto iniettabile e di piani di trattamento e prevenzione personalizzati. La non corretta valutazione (sopra o sottovalutazione) di una reazione avversa ad alimenti può comportare, in particolare per i bambini/adolescenti, inutili limitazioni alle normali attività sociali oppure, per contro, può esporre al contatto accidentale con gli alimenti da evitare con conseguenze talora pericolose anche per la vita. CRITICITÀ GESTIONALI ED ORGANIZZATIVE Sono state individuate criticità nella gestione (eliminazione dell ingestione/contatto con l alimento/i incriminato/i, follow up. tempi di reintroduzione degli alimenti esclusi), solo apparentemente di semplice attuazione e peraltro condotta in modo non uniforme sul territorio regionale. Sono evidenziabili difficoltà nella gestione ambientale e sociale (scolastica, lavorativa, ricreativa, ecc.) del paziente con allergia alimentare, in particolare in età pediatrica quando è fondamentale costruire percorsi d inserimento del bambino allergico, negli asili o a scuola (accoglienza, comprensione e conoscenza del problema), formulazione, preparazione ed erogazione di pasti sostitutivi, strategie di intervento in caso di reazione imprevista. Un approccio non corretto al problema può ingenerare o peggiorare il senso di diversità e di emarginazione e, nei casi più gravi, il timore di reazioni invalidanti e pericolose, tutto ciò con ricadute sul piano psicologico per il bambino/adolescente (a volte anche per l adulto) in ambito scolastico, lavorativo, famigliare e relazionale in genere. 18

19 Il solo sospetto di allergia alimentare condiziona il paziente e la sua famiglia ad una angosciante e continua attenzione nell evitare il contatto con l alimento incriminato. La qualità di vita del nucleo familiare peggiora significativamente nell esasperata ricerca di diete alternative che tengano conto della palatabilità, dei gusti personali, dell opportunità di evitare deficit nutrizionali e delle difficoltà di preparazione dei cibi da parte dei servizi di ristorazione collettiva. Dal punto di vista organizzativo è anche rilevante il numero elevato di richieste improprie di visita specialistica allergologica relativo a questo tipo di patologie per cui si ritiene necessario migliorare la formazione dei prescrittori anche attraverso l organizzazione, nelle singole Aziende sanitarie, di incontri di aggiornamento basati su un format educativo comune, elaborato a livello regionale ed affidato agli operatori della Rete Regionale di Allergologia (RRA). RISTORAZIONE COLLETTIVA La ristorazione collettiva comprende vari ambiti, riservati a persone sane o con patologie croniche stabilizzate (ristorazione collettiva scolastica e aziendale) o indirizzati a soggetti ammalati con necessità di cura, riabilitazione o lungo-degenza (ristorazione ospedaliera e assistenziale). La Regione Piemonte lavora da molti anni per assicurare ai cittadini un pasto sicuro, sano, piacevole e personalizzato (per esigenze attinenti la salute o le scelte etiche e religiose) in tutti questi ambiti. Già nel 2007 le Proposte operative mirate ai tre ambiti principali di ristorazione collettiva (Scolastica, Ospedaliera e Assistenziale) hanno focalizzato necessità e diritti del cittadino e del paziente con esigenze nutrizionali speciali. Le Linee Guida ministeriali del dicembre 2010 in ambito di Ristorazione Sanitaria hanno ribadito questo diritto e focalizzato le necessarie condizioni organizzative a tutela dello stesso. Sul versante sanitario i SIAN (Servizi Igiene Alimenti e Nutrizione) svolgono attività di controllo sulla ristorazione collettiva pubblica e privata, affiancando alla vigilanza igienico-sanitaria il controllo sulle diete speciali e le procedure relative con un ruolo particolarmente spiccato nell ambito della ristorazione scolastica. Le SODNC (Strutture Operative di Dietetica e Nutrizione Clinica) operano particolarmente sul versante ospedaliero e assistenziale, garantendo l adeguatezza nutrizionale dei menu proposti, verificando i menu (Dietetici), l allestimento e la composizione delle diete speciali (a composizione o a consistenza modificata per esigenze patologiche). Entrambe queste reti di servizi operano con approccio multiprofessionale che coinvolge prevalentemente medici specialisti, dietisti e, nei SIAN, tecnici della prevenzione. Tutte queste attività sono integrate con le attività promosse e coordinate da comuni, enti socio-assistenziali, ditte di ristorazione collettiva, associazioni di cittadini utenti. A partire da queste considerazioni, si ritiene essenziale l informazione e il coinvolgimento delle istituzioni e delle figure professionali sopra ricordate per: promuovere cultura inerente le RAA; stimolare l inserimento nella ristorazione collettiva di protocolli e procedure finalizzati all allestimento di diete idonee a persone/pazienti con diagnosi accertata di RAA; facilitare l organizzazione in ambito ospedaliero di diete adeguate al percorso diagnostico di RAA; prevedere l organizzazione di piani dietetici non ghettizzanti, né monotoni dal punto di vista della qualità organolettica e della rotazione, stimolando la preparazione di piatti analoghi a quelli consumati dalla maggioranza dei commensali adeguati alle esigenze cliniche e prendendo esempio dalle raccomandazioni in tal senso fornite all interno del PDTA celiachia redatto dall AReSS Piemonte; promuovere cultura in tal senso nel personale addetto alla ristorazione (sia esso dipendente della 19

20 pubblica amministrazione o di ditte in appalto) al fine di garantire la sicurezza necessaria sull intera filiera produttiva, anche attraverso percorsi formativi ad hoc Permangono infatti difformità nella gestione delle diete speciali che dipende frequentemente dalle dimensioni dei Comuni e delle Ditte appaltatrici. I Comuni più grandi, con un numero maggiore di bambini allergici/intolleranti, hanno maggiori opportunità di conoscenza e formazione e maggiore disponibilità di risorse (es. dietisti/professionisti dedicati), in egual misura le Ditte appaltatrici più grandi possiedono maggiori conoscenze e migliori capacità di gestione del rischio. La precisione e l ampiezza del capitolato d appalto stipulato tra Comune e Ditta appaltatrice sono anch esse strettamente legate alle dimensioni del Comune. E rilevabile inoltre una certa variabilità nella formulazione delle certificazioni, in quanto non sono uniformemente definite le figure accreditate o abilitate alla certificazione per patologia e per la dieta speciale e non sono uniformi i criteri certificativi. Solo in alcune realtà la stesura dei menù personalizzati avviene correttamente (menù individualizzati, nutrizionalmente equilibrati e non troppo diversi da quelli normali ). Frequentemente i menù non sono scritti a carattere di stampa, contengono errori e/o imprecisioni nella stesura, oppure variazioni e/o correzioni scritte a mano, a volte sono corretti dai genitori e non sono vistati dagli operatori preposti. Critica è anche la gestione operativa dei pasti, non è definita la figura responsabile della formulazione e controllo dei menù, la formazione degli operatori è a volte carente e inadeguata, così come inadeguata è la richiesta di garanzie ai fornitori di materie prime, con possibilità di contaminazioni, ecc. Difficile è infine la comunicazione fra scuola e SIAN, in particolare in occasione di eventi avversi, sia a causa della scarsa formazione degli operatori scolastici, sia a causa della mancanza di una specifica definizione di ruoli, competenze e responsabilità. SIAN I Servizi di Prevenzione delle ASL, in particolar modo i SIAN (Servizi di Igiene Alimenti e Prevenzione) dei Dipartimenti di Prevenzione, sono stati coinvolti dalla Regione nella tutela dei soggetti allergici ed intolleranti sin dal 2000, a seguito della DGR del 10/4/2000, che ha promosso l inserimento nei capitolati scolastici di garanzie per la preparazione di pasti speciali per soggetti affetti da allergie e intolleranze e altre condizioni. Nel corso degli anni i SIAN hanno inserito nella propria programmazione le seguenti attività : vigilanza sull applicazione della DGR suddetta censimento e vigilanza nutrizionale sulla ristorazione scolastica con attenzione alle diete speciali organizzazione di corsi di formazione per gli operatori SIAN organizzazione di corsi di formazione per responsabili e operatori della ristorazione collettiva, pubblica e assistenziale programmi di campionamento per ricerca di allergeni e glutine in prodotti di uso corrente e destinati ad alimentazione particolare La necessità di collaborazione fra SIAN e Rete Regionale di Allergologia al fine di uniformare l approccio territoriale al problema delle diete speciali nella ristorazione scolastica, ha portato in anni passati alla costituzione di un gruppo di lavoro formalizzato con Determinazione Dirigenziale n.129 del , che ha prodotto alcuni documenti pubblicati sul sito della Regione atti a certificare la sospetta o accertata reazione avversa ad alimenti ed utilizzati in via sperimentale da alcune ASL. Nella pagina seguente sono raffigurate i moduli (scaricabili dal sito della Regione Piemonte) delle certificazioni relative alla sospetta o accertata allergia alimentare, all intolleranza alimentare e ai soggetti che necessitano di dietoterapia per altre patologie. 20

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore

Allergie alimentari e sicurezza del consumatore Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine

Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine La contaminazione con glutine di cibi che ne sono apparentemente privi è tema molto sentito e resta tuttora vivo il dibattito su come «gestire» le informazioni

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli