L AFFIDAMENTO DEI LAVORI PUBBLICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L AFFIDAMENTO DEI LAVORI PUBBLICI"

Transcript

1 Corso di Estimo L AFFIDAMENTO DEI LAVORI PUBBLICI Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello

2 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori Definizione di contratto di appalto Il contratto d appalto è una tipologia contrattuale in cui una parte (appaltatore) assume l obbligazione di compiere per l altra parte (appaltante o committente) un opera o un servizio contro un corrispettivo in denaro. L art del Codice civile definisce appalto un contratto con il quale una parte assume con organizzazione di mezzi necessari e gestione a proprio rischio il compimento di un opera o di un servizio verso un corrispettivo in denaro.

3 Principale normativa di riferimento Il nuovo codice dei contratti pubblici di lavori, servizi, forniture introdotto con il D.Lgs. 163/2006 ha riassunto e coordinato disposizioni contenute nei vari provvedimenti: - Legge 11 febbraio 1994 n. 109 Legge quadro sui lavori pubblici e successive modificazioni (L 216/1995 e L 415/1998, L 340/2000, L 166/2002). - DPR del 21 dicembre 1999 n. 554 Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici. - Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del 19 aprile 2000 n.145 Regolamento recante il capitolato generale d appalto dei lavori pubblici ai sensi dell art. 3 comma 5 della legge 11 febbraio 1994, n.109 e successive modificazioni. - Nuovo sistema di qualificazione delle imprese DPR n. 34/ D.Lgs. 4 agosto 1996 n. 494 Attuazione della direttiva CEE concernente prescrizioni minime e di salute da attuare nei cantieri temporanei o mobili e successive modificazioni.

4 Gli elementi essenziali della normativa La programmazione dei lavori (programma triennale e piano annuale) che lega il finanziamento delle opere al bilancio dell ente; L introduzione della figura del responsabile unico del procedimento RUP; La definizione dell iter progettuale in fasi: preliminare, definitiva ed esecutiva, al fine di limitare il ricorso a modifiche operative dei lavori varianti e a conseguenti aggravi di spesa; L introduzione di strumenti di controllo e monitoraggio della spesa: Autorità di vigilanza e Osservatorio sui LLL.PP.; La qualificazione dei soggetti appaltatori; La creazione di una serie di garanzie per i lavori (polizza assicurativa per danni di esecuzione e responsabilità civile verso terzi, polizza indennitaria decennale); La definizione di norme acceleratorie sui contenziosi tra PA e appaltatore.

5 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori Soggetti appaltanti Sono tenuti ad applicare le norme sui lavori pubblici (stazioni appaltanti): Enti pubblici Concessionari di LLPP; Concessionari di pubblici servizi Società che operano in settore speciali (energia, acqua, trasporti, telecomunucazioni) Soggetti privati con contributo di amministrazioni aggiudicatrici > 50% Lavori pubblici da realizzarsi da parte di privati, titolari di Permessi di Costruire, che assumono in via diretta l esecuzione di opere di urbanizzazione a scomputo totale o parziale di oneri.

6 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori Le fasi ed i soggetti Appalto dei servizi Appalto dei lavori Appalto dei servizi PROGRAMMAZIONE PROGETTAZIONE ESECUZIONE ACCETTAZIONE Programma triennale Piano annuale Progetto Preliminare Definitivo Esecuzione dei lavori Collaudo Esecutivo Responsabile del Procedimento Progettista incaricato Responsabile del procedimento Impresa (appaltatore) Direttore dei lavori Responsabile del procedimento Collaudatore Impresa (appaltatore) Direttore dei lavori Responsabile del procedimento

7 La programmazione dei lavori pubblici L attività di realizzazione dei lavori pubblici di importo superiore ai , di cui deve essere verificata la conformità urbanistica, fa riferimento a due tipi di programmazione, IL PROGRAMMA TRIENNALE dei lavori, approvato dal Consiglio Comunale, basato sulla fattibilità del progetto individuando: Le risorse finanziarie; Le caratteristiche funzionali; Le caratteristiche tecniche; La gestione dell opera Il programma è articolato individuando le priorità principali (lavori di manutenzione, recupero del patrimonio esistente, completamento lavori iniziati, lavori con capitali privati) IL PIANO ANNUALE dei lavori, approvato dal Consiglio Comunale, si articola per PROGETTI PRELIMINARI (eccetto le manutenzioni per cui basta una stima sommaria dei costi) Essi vengono allegati al Bilancio di Previsione dell ente per l anno successivo.

8 Il Responsabile unico del procedimento RUP (art. 10 TU) E una figura tecnica abilitata responsabile per le fasi di progettazione, affidamento ed esecuzione del progetto. Coordina la regolarità tecnico-amministrativa della progettazione, valuta fase per fase le problematiche e la rispondenza agli input richiesti, seleziona i progettisti, il D.L., il collaudatore, i commissari di gara, ecc.. Controlla l iter progettuale: il progetto preliminare (art. 46 DPR 554/99) viene verificato su profili di coerenza esterna (inserimento nel contesto socio-economico e ambientale) e di coerenza interna (capacità di soddisfare le prestazioni richieste con minimizzazione dei costi di realizzazione, gestione e manutenzione). Il progetto esecutivo viene controllato con il verbale di validazione : in contraddittorio con i progettisti, verifica la conformità alle fasi precedenti, la completezza di tutti gli elaborati richiesti dalla legge, l acquisizione dei pareri e della documentazione tecnicoamministrativa-economica; Prima dell avvio delle procedure di gara, controlla che il DL certifichi l accessibilità degli immobili e l assenza di impedimenti sopravvenuti e la realizzabilità del progetto; Prima della stipula del contratto sottoscrive un verbale di permanenza delle condizioni, per l immediata cantierabilità dei lavori.

9 Progetto preliminare Il progetto preliminare stabilisce i profili e le caratteristiche più significative dell opera, in funzione delle dimensioni economiche e della tipologia e categoria dell intervento, ed è composto, salva diversa determinazione del responsabile del procedimento, dai seguenti elaborati: a) relazione illustrativa; b) relazione tecnica; c) studio di prefattibilità ambientale; d) indagini geologiche, idrogeologiche e archeologiche preliminari; e) planimetria generale e schemi grafici; f) prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza; g) calcolo sommario della spesa. Qualora il progetto debba essere posto a base di gara di un appalto concorso o di una concessione di lavori pubblici: a) sono effettuate, sulle aree interessate dall intervento, le indagini necessarie quali quelle geologiche, geotecniche, idrologiche, idrauliche e sismiche e sono redatti le relative relazioni e grafici; b) è redatto un capitolato speciale prestazionale. Qualora il progetto preliminare è posto a base di gara per l affidamento di una concessione di lavori pubblici, deve essere altresì predisposto un piano economico e finanziario di massima. Il progetto preliminare è presentato alle amministrazioni comunali dall avente diritto a richiedere il permesso di costruire per l esecuzione delle opere di urbanizzazione a scomputo totale o parziale del contributo previsto.

10 Progetto definitivo Il progetto definitivo, redatto sulla base delle indicazioni del progetto preliminare approvato e di quanto emerso in sede di eventuale conferenza di servizi, contiene tutti gli elementi necessari ai fini del rilascio della concessione edilizia, dell'accertamento di conformità urbanistica o di altro atto equivalente. Esso comprende: a) relazione descrittiva; b) relazioni geologica, geotecnica, idrologica, idraulica, sismica; c) relazioni tecniche specialistiche; d) rilievi planoaltimetrici e studio di inserimento urbanistico; e) elaborati grafici; f) studio di impatto ambientale ove previsto dalle vigenti normative ovvero studio di fattibilità ambientale; g) calcoli preliminari delle strutture e degli impianti; h) disciplinare descrittivo e prestazionale degli elementi tecnici; i) piano particellare di esproprio; l) computo metrico estimativo; m) quadro economico.

11 Progetto esecutivo Il progetto esecutivo costituisce la ingegnerizzazione di tutte le lavorazioni e, pertanto, definisce compiutamente ed in ogni particolare architettonico, strutturale ed impiantistico l intervento da realizzare. Il progetto è redatto nel pieno rispetto del progetto definitivo nonché delle prescrizioni dettate in sede di rilascio della concessione edilizia o di accertamento di conformità urbanistica, o di conferenza di servizi o di pronuncia di compatibilità ambientale ovvero il provvedimento di esclusione delle procedure, ove previsti. Il progetto esecutivo è composto da: a) relazione generale; b) relazioni specialistiche; c) elaborati grafici comprensivi anche di quelli delle strutture, degli impianti e di ripristino e miglioramento ambientale; d) calcoli esecutivi delle strutture e degli impianti; e) piani di manutenzione dell opera e delle sue parti; f) piani di sicurezza e di coordinamento; g) computo metrico estimativo definitivo e quadro economico; h) cronoprogramma; i) elenco dei prezzi unitari e eventuali analisi; l) quadro dell incidenza percentuale della quantità di manodopera per le diverse categorie di cui si compone l opera o il lavoro; m) schema di contratto e capitolato speciale di appalto.

12 Progetto pubblico e disciplina edilizia Il progetto, già in fase di approvazione nel PROGRAMMA Triennale e nel Piano Annuale, deve indicare se rispetta la programmazione urbanistica. L approvazione del progetto definitivo da parte di un amministrazione aggiudicatrice equivale a: Dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità ed urgenza ai fini dell esproprio. Il progetto esecutivo dovrà recepire tutti i pareri e i nulla-osta necessari e/o obbligatori (vedi Regolamento interno all Ente): Soprintendenze, VV.F, Genio Civile, Consorzi di Bonifica, Commissione Arte Sacra, U.L.S.S., Settori specifici (Traffico, Verde, Urbanistica, ecc.), Commissione Edilizia Integrata e non, ecc. L approvazione del progetto esecutivo da parte di un amministrazione aggiudicatrice equivale al Permesso di costruire.

13 Il quadro economico dei lavori a) LAVORI Importo lavori a misura, a corpo, in economia; Importo per l attuazione dei piani di sicurezza b) SOMME A DISPOSIZIONE DELLA STAZIONE APPALTANTE : 1- lavori in economia, previsti in progetto ed esclusi dall appalto; 2- rilievi, accertamenti e indagini; 3- allacciamenti ai pubblici servizi; 4- imprevisti; 5- acquisizione aree o immobili; 6- accantonamento di cui all articolo 26, comma 4, della Legge; 7- spese tecniche relative alla progettazione, alle necessarie attività preliminari, nonché al coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, alle conferenze di servizi, alla direzione lavori e al coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, assistenza giornaliera e contabilità, assicurazione dei dipendenti; 8- spese per attività di consulenza o di supporto; 9- eventuali spese per commissioni giudicatrici; 10- spese per pubblicità e, ove previsto, per opere artistiche; 11- spese per accertamenti di laboratorio e verifiche tecniche previste dal capitolato speciale d appalto, collaudo tecnico amministrativo, collaudo statico ed altri eventuali collaudi specialistici; 12- I.V.A ed eventuali altre imposte.

14 La sicurezza nei cantieri edili La normativa vigente in materia di sicurezza e salute nei cantieri mira a prevenire infortuni a lavoratori edili. Le principali fonti normative sono: D. Lgs 626/94 inerente la sicurezza e la salute dei lavoratori durante e negli ambienti di lavoro; D.Lgs. 494/96 inerente la sicurezza e la salute dei lavoratori nei cantieri temporanei o mobili; D. Lgs. 528/99 ad integrazione e modifica del D.Lgs. 494/96; D. Lgs. 222/03 Regolamento attuativo sui contenuti minimi dei piani di sicurezza e coordinamento ei cantieri temporanei o mobili in attuazione della Legge 109/1994.

15 Il Piano di sicurezza e coordinamento Se in cantiere è prevista la presenza anche non contemporanea di più imprese è obbligatoria la nomina del COORDINATORE IN FASE DI PROGETTAZIONE che redarrà: IL PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO; IL FASCICOLO DELL OPERA; la redazione della NOTIFICA PRELIMINARE, effettuata dal COMMITTENTE IL PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO fa parte integrante del contratto di appalto; i costi vanno evidenziati nel bando di gara in quanto non sono soggetti al ribasso d asta. l appaltatore dovrà redigere il PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA con indicati gli accorgimenti operativi per garantire la sicurezza dei lavoratori che dovrà preventivamente essere approvato dal Coordinatore in fase di esecuzione.

16 Il Piano sostitutivo di sicurezza Nel caso in cui in cantiere non ricada nella fattispecie del piano di sicurezza e coordinamento (ovvero non ricorra la presenza contemporanea di più imprese e cantiere con più di 200u/g o lavorazioni pericolose) l appaltatore dovrà redigere: il PIANO SOSTITUTIVO DI SICUREZZA il PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA Essi fanno parte integrante del contratto di appalto; dovranno essere consegnati dalla ditta appaltatrice entro 30 gg. dall aggiudicazione e comunque prima della consegna dei lavori e accettati dalla D.L.

17 La Stima dei costi della sicurezza Il Piano di coordinamento e di sicurezza dovrà prevedere i seguenti costi : ONERI SPECIFICI espressamente prescritti per quello specifico cantiere che dovranno avere riscontro in una specifica voce di ELENCO PREZZI e COMPUTO Apprestamenti previsti dal piano; Misure preventive e protettive e dispostivi di protezione individuali previsti dal piano per lavori interferenti; Impianti di terra, protezione scariche atmosferiche, antincendio, protezione fumi; Mezzi e servizi di protezione collettiva; Procedure per specifici motivi di sicurezza; Interventi per sfasamento spaziale e temporale lavorazioni interferenti; Misure di coordinamento per l uso comune di apprestamenti, ecc. ONERI GENERICI misure non espressamente previste per il cantiere, ma che rientrano comunemente in una regolare esecuzione in modalità di sicurezza. Possono essere stimati come percentuale sulla lavorazione.

18 Sistemi di affidamento dei lavori 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori e dei servizi Sistemi di realizzazione dei lavori pubblici: Appalto per sola esecuzione di lavori pubblici progettazione esecutiva ed esecuzione di lavori pubblici (appalto integrato) lavori pubblici da eseguirsi da parte di privati, titolari di permesso di costruire per la realizzazione opere di urbanizzazione a scomputo Concessione di costruzione e gestione Lavori in economia

19 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori Procedure di scelta del contraente Procedura Aperta Ristretta Negoziata Le procedure di affidamento comprendono sia l affidamento di lavori, servizi, o forniture, o incarichi di progettazione, mediante appalto, sia l affidamento di lavori o servizi mediante concessione, sia l affidamento di concorsi di progettazione e di concorsi di idee

20 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori Procedure di scelta del contraente: aperta La procedura aperta (ex pubblico incanto), in cui ogni operatore economico interessato può presentare un offerta, garantisce la più ampia possibilità di partecipazione e concorrenza. dovrebbe costituire la regola per le stazioni appaltanti Nella procedura aperta: il bando di gara indica i requisiti tecnici ed economici che i partecipanti devono possedere il possesso dei requisiti tecnico ed economici richiesti dal bando di gara viene verificato in sede di valutazione delle offerte (apertura delle buste) tutti gli interessati possono partecipare inviando la propria offerta, senza nessuna preventiva selezione da parte della Pubblica Amministrazione appaltante

21 Procedure di scelta del contraente: ristretta 1 Generalità 2 Progettazione 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori Ogni operatore economico può richiedere di partecipare, ma possono presentare un offerta soltanto gli operatori economici invitati dalle stazioni appartanti Nella procedura ristretta (ex licitazione privata) il momento in cui si verificano i requisiti per la partecipazione alla gara è separato da quello della presentazione dell offerta Durante una prima fase si attua, in base ai requisiti tecnici richiesti, una selezione tra tutti coloro che hanno presentato la propria candidatura. Successivamente la stazione appaltante invita i canditati ritenuti idonei a presentare la propria offerta economica. Si distinguono più fasi: qualificazione invito presentazione delle offerte valutazione delle offerte assegnazione dell appalto

22 Procedure di scelta del contraente: negoziata 1 Generalità 2 Progettazione 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori La procedura negoziata (ex trattativa privata) è quella in cui: sono le procedure in cui le stazioni appaltanti consultano gli operatori economici da loro scelti e negoziano con uno o più di essi le condizioni dell appalto La procedura negoziata: permette alla pubblica amministrazione appaltante di contrattare direttamente le condizioni per la realizzazione dell opera con i singoli possibili appaltatori è applicabile in casi particolari avviene mediante gara informale. Si distinguono le seguenti fasi: invito di soggetti provvisti dei requisiti trattativa assegnazione dell appalto

23 Appalto di lavori: soggetti 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori ammessi a partecipare alle gare Le principali categorie di soggetti ammessi a partecipare alle gare per l affidamento di lavori pubblici sono: imprese individuali consorzi fra imprese associazioni temporanee di imprese (ATI), con impresa capogruppo (mandataria) e altre imprese (mandanti) gruppo europeo di interesse economico (GEIE) ai sensi del decreto legislativo 23 luglio 1991, n. 240

24 Appalto di lavori: 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori qualificazione dei soggetti I soggetti esecutori dei lavori pubblici devono essere qualificati da SOA (società che sono organismi di diritto privato di attestazione) secondo il regolamento di qualificazione di cui al DPR 34/2000. Le SOA attestano l esistenza nei soggetti qualificati di: a) certificazione di sistema di qualità conforme alle norme europee della serie UNI EN ISO 9000 e alla vigente normativa nazionale, rilasciata da soggetti accreditati ai sensi delle norme europee della serie UNI CEI EN b) dichiarazione della presenza di elementi significativi e tra loro correlati del sistema di qualità rilasciata dai soggetti di cui alla lettera a) c) requisiti di ordine generale nonché tecnico-organizzativi ed economico-finanziari conformi alle disposizioni comunitarie in materia di qualificazione

25 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori Appalto di lavori: requisiti dei soggetti I soggetti partecipanti alle gare devono possedere i requisiti: tecnico-organizzativi economico-finanziari in rapporto all entità e alla tipologia dei lavori Esempi di categorie: OG 1 - Edifici civili e industriali OG 2 Restauro di immobili sottoposti a tutela OG 7 Opere marittime OG 12 Opere di bonifica e di protezione ambientale. Classifiche: Fino a determinati livelli di importo dei lavori

26 Appalto di lavori: pubblico incanto e licitazione privata 1 Generalità 2 Progettazione 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori I contratti di appalto di lavori pubblici sono affidati mediante pubblico incanto o licitazione privata quando hanno per oggetto: la sola esecuzione dei lavori pubblici (la gara si basa su progetto esecutivo) la progettazione esecutiva e l esecuzione dei lavori pubblici (appalto integrato: la gara si basa su progetto definitivo) in presenza di una delle seguenti condizioni: - lavori di importo inferiore a euro - lavori la cui componente impiantistica o tecnologica incida per più del 60% del valore dell opera - lavori di manutenzione, restauro e scavi archeologici - lavori di importo pari o superiore a 10 milioni di euro

27 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori Appalto - concorso L appalto concorso: è consentito per speciali lavori o per opere complesse o ad elevata componente tecnologica, la cui progettazione richieda il possesso di competenze particolari o la scelta di soluzioni tecniche differenziate lo svolgimento della gara si basa su un progetto preliminare e di un capitolato prestazionale il bando di gara indica i requisiti tecnici inderogabili l offerta ha per oggetto il progetto esecutivo ed il prezzo

28 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori Appalto di lavori: procedura negoziata La trattativa privata è ammessa: per l affidamento di lavori pubblici di importo inferiore a ,00 euro o inferiore a ,00 euro se trattasi di opere di ripristino di opere esistenti danneggiate da eventi imprevedibili o di restauro e manutenzione di beni mobili e superfici decorate per lavori pubblici lavori pubblici da eseguirsi da parte di privati, titolari di permesso di costruire per la realizzazione opere di urbanizzazione a scomputo, sotto la soglia europea per lavori, servizi e forniture in economia Deve essere garantito il rispetto dei principi di trasparenza, concorrenza, rotazione, non discriminazione, parità di trattamento e proporzionalità

29 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori La concessione dei lavori pubblici Le concessioni di lavori pubblici sono affidate: tramite licitazione privata a base di gara è posto il progetto preliminare hanno per oggetto la progettazione definitiva, la progettazione esecutiva e l esecuzione dei lavori pubblici e di lavori ad essi strutturalmente e direttamente collegati, nonché la loro gestione funzionale ed economica. La controprestazione a favore del concessionario consiste nel diritto di gestire funzionalmente e di sfruttare economicamente i lavori realizzati L amministrazione aggiudicatrice, al fine di assicurare il perseguimento dell equilibrio economico-finanziario degli investimenti del concessionario, può stabilire che la concessione abbia una durata anche superiore a trenta anni.

30 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori Tipologie di appalto e modalità di offerta Modalità di liquidazione 1) Appalto a corpo: le opere vengono liquidate a forfait, ovvero una somma determinata fissa ed invariabile e riferita globalmente all opera nel suo complesso, indipendentemente dalle quantità effettivamente realizzate. il prezzo è fisso ed invariabile 2) Appalto a misura: Contratto per cui il corrispettivo viene valutato in funzione delle quantità di ogni lavorazione effettivamente realizzate e del relativo prezzo unitario. il prezzo è variabile 3) Appalto a corpo e a misura Possono essere stipulati per qualsiasi tipo di opera. Sono obbligatori per appalti integrati di progettazione esecutiva ed esecuzione qualora riguardino lavori la cui parte impiantistica o tecnologica incida per più del 50% sul valore complessivo dell opera Possono essere stipulati esclusivamente per lavori inferiori a ,00 euro e i contratti relativi ad opere di manutenzione, restauro e scavi archeologici, nonché alle opere in sotterraneo e di consolidamento dei terreni. - Non possono essere stipulati per appalti integrati di prog. esec. ed esecuzione, di cui al punto 1. - Possono essere stipulati per qualsiasi tipologia di lavoro diversa da quella di cui al punto 2; in ogni caso la parte relativa alle opere da liquidare a misura deve riguardare le lavorazioni per le quali in sede di progettazione risulti eccessivamente oneroso in maniera certa e definita le rispettive quantità Tipo di offerta sono appaltati mediante: - ribasso sull importo dei lavori a base d asta - offerta a prezzi unitari sono appaltati mediante: - ribasso sull elenco prezzi posto a base d asta - offerta a prezzi unitari sono appaltati mediante: - esclusivamente con offerta a prezzi unitari

31 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori Criteri di aggiudicazione L aggiudicazione degli appalti mediante pubblico incanto o licitazione privata è effettuata con: il criterio del prezzo più basso il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (solo per importi superiori a 5mln euro e per soluzioni progettuali di particolare valore tecnico) L aggiudicazione dell appalto integrato è effettuata con: il criterio del prezzo più basso il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (se il progetto definitivo può essere migliorato) L aggiudicazione degli appalti mediante appalto-concorso, nonché l affidamento di concessioni mediante licitazione privata, avvengono con: il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa

32 Il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa 1 Generalità 2 Progettazione 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori nei casi di appalto-concorso,di pubblico incanto o licitazione privata: il prezzo il valore tecnico ed estetico delle opere progettate il tempo di esecuzione dei lavori il costo di utilizzazione e di manutenzione ulteriori elementi individuati in base al tipo di lavoro da realizzare in caso di licitazione privata relativamente alle concessioni: il prezzo il valore tecnico ed estetico dell opera progettata il tempo di esecuzione dei lavori il rendimento la durata della concessione le modalità di gestione, il livello ed i criteri di aggiornamento delle tariffe da praticare all utenza ulteriori elementi individuati in base al tipo di lavoro da realizzare

33 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori Pubblicità a) per i lavori di importo pari o superiore alla soglia comunitaria, IVA esclusa, prevedere l obbligo dell invio dei bandi e degli avvisi di gara nonché degli avvisi di aggiudicazione all ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee; b) per i lavori di importo pari o superiore a un milione di euro, IVA esclusa, prevedere forme unificate di pubblicità a livello nazionale; c) per i lavori di importo inferiore a un milione di euro, IVA esclusa, prevedere forme di pubblicità semplificata a livello regionale e provinciale;

34 3 Appalto lavori 4 Direzione Lavori Il Subappalto L impresa appaltatrice può fare eseguire alcune opere previste nel progetto da altre ditte subappaltatore alle seguenti condizioni: l ente deve indicare nel progetto e nel bando di gara la/e categorie prevalente/i con i relativi importi. l impresa appaltatrice dovrà indicare in sede di offerta le opere che intende subappaltare ll subappalto non potrà superare: 1. il 30% per la normativa nazionale, 2. il 50% della categoria prevalente per la normativa regionale; il subappaltatore dovrà dimostrare di possedere idonea attrezzatura tecnica, di avere eseguito lavori analoghi nell ultimo quinquennio, che il costo della manodopera non supera il 15%; la ditta appaltatrice dovrà consegnare all ente 20 gg. prima dell effettivo inizio delle lavorazioni il contratto stipulato con la ditta subappaltatrice; la ditta dovrà presentare all ente 20 gg. Dopo ogni singolo pagamento, le fatture quietanziate (che dimostrano l avvenuto pagamento del subappaltatore)

35 Ufficio della direzione lavori DIRETTORE DEI LAVORI DIRETTORE OPERATIVO OPERE STRUTTURALI DIRETTORE OPERATIVO IMPIANTI ELETTRICI DIRETTORE OPERATIVO IMPIANTI MECCANICI DIRETTORE OPERATIVO COORD. ESEC. LAVORI ISPETTORI DI CANTIERE L'ufficio di direzione lavori è preposto alla direzione ed al controllo tecnico, contabile e amministrativo dell'esecuzione dell intervento secondo le disposizioni che seguono e nel rispetto degli impegni contrattuali.

36 Funzioni del direttore dei lavori di controllo: dei lavori secondo progetto e contratto dei lavori a regola d arte di interlocutore con l appaltatore di coordinatore e supervisore dell Ufficio D.L. di accettare e verificare i materiali di verifica di regolarità dell impresa nei confronti dei dipendenti di verifica e aggiornamento dei documenti per la manutenzione

37 Funzioni dei direttori operativi di coadiuvare il D.L. nel: verificare le lavorazioni eseguite verificare l avvenuta denuncia e deposito dei calcoli programmare e coordinare le attività dell'ispettore dei lavori curare e monitorare l'aggiornamento del cronoprogramma identificare gli interventi necessari ad eliminare difetti progettuali o esecutivi individuare le cause che influiscono negativamente sulla qualità dei lavori e proporre al D.L le azioni correttive; assistere i collaudatori esaminare e approvare il programma delle prove di collaudo e messa in servizio degli impianti svolgere le funzioni di C.E.L. (coordinatore per l esecuzione dei lavori), se il D.L. non ha i requisiti collaborare alla tenuta dei libri contabili.

38 Funzioni degli ispettori di cantiere di collaborare con il direttore dei lavori nella sorveglianza dei lavori a tempo pieno durante il periodo di svolgimento di lavori che richiedono controllo quotidiano, nonché durante le fasi di collaudo e delle eventuali manutenzioni.

39 La contabilità dei lavori Gli atti contabili redatti dal direttore dei lavori sono atti pubblici a tutti gli effetti di legge, e hanno ad oggetto l accertamento e la registrazione di tutti i fatti producenti spesa. L'accertamento e la registrazione dei fatti producenti spesa devono avvenire contemporaneamente al loro accadere, in particolare per le partite la cui verificazione richieda scavi o demolizioni di opere al fine di consentire che con la conoscenza dello stato di avanzamento dei lavori e dell'importo dei medesimi, nonché dell'entità dei relativi fondi, l'ufficio di direzione lavori si trovi sempre in grado: a) di rilasciare prontamente gli stati d'avanzamento dei lavori ed ì certificati per il pagamento degli acconti; b) di controllare lo sviluppo dei lavori e di impartire tempestivamente le debite disposizioni per la relativa esecuzione entro i limiti delle somme autorizzate; c) di promuovere senza ritardo gli opportuni provvedimenti in caso di deficienza di fondi.

40 Gli atti amministrativi dell appalto Al fine della gestione dell appalto il Direttore Lavori deve redigere una serie di atti che scandiscono l evolversi dei lavori: Verbale di Validazione Verbale di permanenza delle condizioni Verbale di consegna lavori Verbale di sospensione e ripresa dei lavori Verbale di concordamento nuovi prezzi Ordini di servizio Verbale di ultimazione lavori Certificato di regolare esecuzione Comunicazione enti previdenziali Notifica preliminare. e inoltre:

41 Il verbale di validazione Il Verbale di validazione deve essere sottoscritto dal responsabile del procedimento in contradditorio con i progettisti prima dell approvazione del progetto per confermare la conformità del progetto esecutivo alla normativa vigente Si tratta di un operazione di controllo da effettuarsi prima degli atti formali di approvazione VENEZIA, lì COMUNE DI VENEZIA Settore LAVORI PUBBLICI VERBALE DI VALIDAZIONE del PROGETTO FAX SIMILE (artt.47 e 48, DPR 554/99) Oggetto: Progetto di sostituzione condotte idriche in via Roma Primo Stralcio Ai sensi degli artt. 47 e 48 del D.P.R. 554/99 il Responsabile del procedimento arch.., ha verificato: che i progettisti risultano essere dipendenti del Comune di Venezia, Settore Lavori Pubblici; la completezza, adeguatezza e chiarezza degli elaborati progettuali (art.16, comma 2, L.109/94); l esistenza di computi metrici-estimativi e la loro corrispondenza con gli elaborati grafici, descrittivi e le prescrizioni capitolari; la rispondenza delle scelte progettuali alle esigenze di manutenzione e gestione; la non esigenza di valutazione di impatto ambientale; l esistenza della dichiarazione di conformità urbanistico-edilizia; la possibilità di poter assicurare l'immediata eseguibilità del cantiere; la rispondenza del progetto ai pareri acquisiti; il coordinamento tra le prescrizioni del progetto e le clausole dello schema di contratto e del capitolato speciale d appalto, nonché la rispondenza di queste ai canoni della legalità. Di quanto sopra si è pertanto redatto il presente verbale, provvedendo quindi alla validazione del progetto in oggetto, ai sensi degli artt.47 e 48 del D.P.R. 554/99. Il Progettista Il Responsabile del Procedimento Arch. Arch

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

INDICE PARTE II - CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI NEI SETTORI ORDINARI

INDICE PARTE II - CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI NEI SETTORI ORDINARI INDICE SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE E ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 12 APRILE 2006, N. 163, RECANTE CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE

Dettagli

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO RELATORE : ING. PAOLO MOLAIONI ING. PIETRO FRATINI 1) LE ORIGINI DELLA VERIFICA DEL

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

I MODELLI PROCEDURALI PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE

I MODELLI PROCEDURALI PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE I MODELLI PROCEDURALI PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE di Andrea Missori aggiornamento: febbraio 2013 This work is licensed under the Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ (tratto da Linee guida per la qualificazione del procedimento di Lavori Pubblici - IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

REDAZIONALI LA FASE DI VERIFICA E VALIDAZIONE DEL PROGETTO ALLA LUCE NEL NUOVO REGOLAMENTO DEI CON- TRATTI PUBBLICI

REDAZIONALI LA FASE DI VERIFICA E VALIDAZIONE DEL PROGETTO ALLA LUCE NEL NUOVO REGOLAMENTO DEI CON- TRATTI PUBBLICI REDAZIONALI LA FASE DI VERIFICA E VALIDAZIONE DEL PROGETTO ALLA LUCE NEL NUOVO REGOLAMENTO DEI CON- TRATTI PUBBLICI del Dott. Ing. Andrea Di Stazio La fase di verifica e validazione del progetto costituisce

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture BANDI-TIPO per l affidamento di lavori pubblici di importo superiore a 150.000 euro nei settori ordinari Documento di Consultazione

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

(ultimo aggiornamento: legge 11 novembre 2014, n. 164 e legge 27 febbraio 2015, n. 11)

(ultimo aggiornamento: legge 11 novembre 2014, n. 164 e legge 27 febbraio 2015, n. 11) Decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207 Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

FOCUS REGOLAMENTO D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207

FOCUS REGOLAMENTO D.P.R. 5 OTTOBRE 2010, N. 207 FOCUS La normativa precedente a confronto con il nuovo regolamento attuativo del codice dei contratti pubblici Tabella di comparazione Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi

Dettagli

SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Modello per la richiesta telematica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC)

SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Modello per la richiesta telematica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Modello per la richiesta telematica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) MODELLO UNIFICATO: 1) APPALTI DI LAVORI PUBBLICI Quadri da compilare : "A" + "B"

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione VIGILANZA CONTRATTI PUBBLICI Revisione ed aggiornamento della determinazione del 7 luglio 2010, n. 5 Linee guida per l affidamento dei servizi attinenti all architettura

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

POR CAMPANIA FESR 2007-2013 Asse 6-Obiettivo Operativo 6.1. PIU EUROPA della Città di Caserta

POR CAMPANIA FESR 2007-2013 Asse 6-Obiettivo Operativo 6.1. PIU EUROPA della Città di Caserta OGGETTO: Affidamento della progettazione definitiva ed esecutiva sulla base del progetto preliminare ed esecuzione dei lavori, nonché affidamento dell incarico di coordinatore per la sicurezza in fase

Dettagli

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali FESR-ASSE II- Qualità degli ambienti scolastici (Avviso prot. AOODGAI n. 7667/15-06-2010) MANUALE DELLE PROCEDURE PER L ESECUZIONE

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE

CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE PROCEDURA NEGOZIATA ART. 33 L.P. 26/1993 PROCEDURE IN ECONOMIA ART. 52 L.P. 26/1993 COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO PROCEDURE NEGOZIATE: CRITERI PER LA

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13 del 26 febbraio 2014. REGOLAMENTO

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Supplemento n. 1 al B.U. n. 20/I-II del 15/05/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 15/05/2012 Nr. 20/I-II 200 ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Il progetto definitivo

Dettagli

RISPOSTA Il disciplinare di gara non contiene alcuna prescrizione in ordine alla natura dell agenzia di recapito.

RISPOSTA Il disciplinare di gara non contiene alcuna prescrizione in ordine alla natura dell agenzia di recapito. Tra le modalità di presentazione è prevista anche mediante agenzia di recapito: deve essere autorizzata o possiamo mandare anche un semplice pony di agenzie di recapito private? Il disciplinare di gara

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA Poiché risulta che alla gara possono partecipare anche imprese in possesso di attestazione SOA per la sola costruzione indicando i progettisti si chiede quale

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli