Studio di Consulenza del Lavoro Potito di Nunzio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio di Consulenza del Lavoro Potito di Nunzio"

Transcript

1 Studio di Consulenza del Lavoro Potito di Nunzio ANCL IL RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI INDUSTRIA

2

3 Decorrenza: Il CCNL decorre dal , salve le particolari decorrenze specificate nei singoli articoli. Scadenza:

4 Determinazione del minimo contrattuale art. 3 Trattamento minimo complessivo di garanzia (TMCG) Anzianità di servizio nell azienda con qualifica di dirigente Fino a 6 anni , , ,00 Superiore a 6 anni compiuti , , ,00

5 Determinazione del minimo contrattuale art. 3 Resta fermo che ai fini del confronto tra il TMCG" e il trattamento economico annuo lordo riconosciuto al dirigente si prendono in considerazione: - il minimo contrattuale comprensivo dell'importo ex meccanismo di variazione automatica; - l'importo ex elemento di maggiorazione; - gli aumenti di anzianità; - i superminimi e/o sovraminimi e/o assegni "ad personam"; nonchè tutti gli elementi della retribuzione mensile, anche in natura, corrisposti in forma continuativa o no, ad eccezione dei compensi di importo variabile collegati ad indici e/o risultati ("management by objective") concordati individualmente e/o collettivamente, delle gratifiche "una tantum", nonchè dell'importo aggiuntivo per rimborso spese non documentabili. Nuova, invece, è la previsione per cui esclusivamente per il personale dirigente impegnato in attività direttamente connesse alle vendite e la cui retribuzione sia collegata, per accordi collettivo o individuali, a compensi di natura variabile denominati Piani di vendita di durata annuale o semestrale con anticipazioni corrisposte sul base mensile ai fini del confronto in oggetto verranno prese in considerazione anche le somme corrisposte a seguito dei medesimi Piani di vendita.

6 Determinazione del minimo contrattuale art. 3 Attenzione l adeguamento del TMCG NON ha effetto sugli importi riconosciuti a titolo di incentivazione all esodo nell ambito di risoluzioni consensuali definite prima del con riguardo a dirigenti ancora in servizio alla stessa data.

7 Disciplina transitoria art. 3 In via transitoria e per la vigenza del CCNL continua ad essere corrisposto un importo pari a Euro 129,11 lordo al dirigente in servizio alla data del e che non abbia maturato il numero massimo di 10 scatti di anzianità al compimento di ciascun biennio di anzianità di servizio con tale qualificai e con effetto dal primo giorno successivo al biennio stesso.

8 Disciplina transitoria art. 3 (segue) A tal fine si considera utile l anzianità di servizio maturata nel corso del 2009 per i dirigenti in servizio al Pertanto, per i dirigenti che hanno maturato un biennio nel corso del 2009, devono essere corrisposti gli arretrati in una unica soluzione unitamente alla prima mensilità utile. Il numero massimo di scatti NON puo mai superare i 10, compresi gli aumenti di anzianità maturati nella vigenza dei precedenti CCNL. A tal fine, nel cedolino paga si deve evidenziare, in apposita casella, il numero degli aumenti degli scatti maturata da ciascun dirigente.

9 Disciplina transitoria art. 3 (segue) NON ASSORBIBILITA GLI IMPORTI SPETTANTI A TITOLO DI AUMENTO DI ANZIANITA, IN CONSIDERAZIONE DELLA LORO SPECIFICA NATURA, POSSONO ESSERE ASSORBITI DA AUMENTO ECONOMICI STRUTTURALI RICONOSCIUTI AL DIRIGENTE IN SEDE AZIENDALE A PARTIRE DALL

10 Disciplina transitoria art. 3 (segue) RIASSUMENDO: - MATURAZIONE DELLO SCATTO DI ANZIANITA SOLO SE IL DIRIGENTE E IN FORZA NEL NUMERO MAX SCATTI: 10 - ASSORBIMENTO POSSIBILE SOLO SU AUMENTI STRUTTURALI CONCESSI DA PER SCATTI MATURATI DA TALE DATA - SE NON E POSSIBILE L ASSORBIMENTO, SI DEVONO PAGARE GLI ARRETRATI PER GLI SCATTI MATURATI DA

11 Management by objective (MBO) art. 4 (nuovo) Compensi di importo variabile collegati a indici e/o risultati Informazione, di norma a carattere annuale, alle RSA circa i criteri e le modalità di attuazione dei sistemi incentivanti e premianti adottati. Le parti sociali hanno predisposto, in allegato al rinnovo, tre modelli alternativi di MBO che le aziende possono utilizzare qualora le stesse non vi avessero gia provveduto autonomamente.

12 Trasferte e missioni art. 10 Si conferma che oltre al rimborso delle spese documentate di viaggio, vitto ed alloggio, nei limiti della normalità, al dirigente in trasferta per periodi non inferiori a 12 ore e non superiori a due settimane è dovuto, per ogni giorno di trasferta, un importo aggiuntivo in cifra fissa per rimborso spese non documentabili. A decorrere dal 1 gennaio 2010, detto importo sara pari a Euro 80,00. A decorrere dal 1 gennaio 2012, detto importo sara pari a Euro 85,00.

13 Copertura assicurativa art. 12 Resta confermato che l'azienda stipuli, nell'interesse del dirigente, una polizza che assicuri, comunque una sola volta, in caso di morte o in caso di invalidità permanente tale da ridurre in misura superiore ai 2/3 la capacità lavorativa specifica del dirigente, per cause diverse da quella dell'infortunio comunque determinato e da malattia professionale, una somma, sempre in aggiunta al normale trattamento di liquidazione, pari, a. quando il dirigente non abbia figli a carico né coniuge: i. euro ,80: dal 1/7/2005 ii. euro ,22: dall 1/7/2007 iii. euro , 00: dall b. quando il nucleo familiare del dirigente interessato risulti composto da uno ovvero da più figli a carico e/o dal coniuge i. euro ,92: dall 1/7/2005 ii. euro ,91: dall 1/7/2007 iii. euro , 00: dall

14 Copertura assicurativa art. 12 Resta fermo che il dirigente concorrerà al costo del relativo premio con l'importo di euro 150,00 annui [e non piu euro ] che saranno trattenuti dall'azienda sulla sua retribuzione secondo apposite modalità. Qualora il rapporto di lavoro prosegua dopo l'avvenuto riconoscimento dello stato di invalidità, la somma assicurata dalla polizza è corrisposta contestualmente all'esito di tale riconoscimento.

15 Indennita supplementare art. 19 Ove il Collegio, con motivato giudizio, riconosca che il licenziamento è ingiustificato ed accolga quindi il ricorso del dirigente, dispone contestualmente, a carico dell'azienda, una indennità supplementare delle spettanze contrattuali di fine lavoro, graduabile in relazione alle valutazioni del Collegio circa gli elementi che caratterizzano il caso in esame fra: - un minimo, pari al corrispettivo del preavviso individuale maturato, maggiorato dell'importo equivalente a due mesi del preavviso stesso; - un massimo, pari al corrispettivo di 22 mesi di preavviso. Il rinnovo dispone che l importo massimo sara così riformulato: 21 mesi, con decorrenza mesi, con decorrenza

16 Indennita supplementare art. 19 (segue) Totalmente riscritta, invece, la norma sull aumento della indennità supplementare in ragione dell età del dirigente. Pertanto, l indennità supplementare è automaticamente aumentata, in relazione all'età del dirigente licenziato, ove questa risulti compresa fra i 50 [prima: 46] ed i 59 [prima: 56 anni], nelle seguenti misure, calcolate con i criteri indicati dal CCNL [invariati rispetto al passato]: - 7 mensilità in corrispondenza del 54 e 55 anno compiuto; - 6 mensilità in corrispondenza del 53 e 56 anno compiuto; - 5 mensilità in corrispondenza del 52 e 57 anno compiuto; - 4 mensilità in corrispondenza del 51 e 58 anno compiuto; - 3 mensilità in corrispondenza del 50 e 59 anno compiuto.

17 Informazione e consultazione dei dirigenti art. 20 L art. 20 risulta completamente riscritto rispetto al testo previgente. Costituzione di RSA ad opera dei sindacati aderenti a Federmanager Comunicazione dei nominativi dei dirigenti che rappresentano le RSA anche al datore di lavoro Compiti delle RSA: esame delle questioni inerenti l applicazione di clausole contrattuali, ivi comprese quelle relative al riconoscimento della qualifica dirigenziale.

18 Informazione e consultazione dei dirigenti art. 20 Incontro (almeno) semestrale tra RSA e D.A. in merito a informazioni circa: Andamento attivita di impresa Situazione economica Investimenti Politiche retributive e sistema di retribuzione variabile Decisioni che possono incidere sostanzialmente sull organizzazione del lavoro N.b. non c è obbligo di preventiva consultazione qualora la divulgazione di informazioni riservate (che non possono mai essere trasmesse a terzi) possa recare danno all impresa e /o creare notevoli difficoltà.

19 Informazione e consultazione dei dirigenti art. 20 (segue) Costituzione di una commissione di conciliazione entro il primo semestre di applicazione dell accordo di rinnovo Applicazione del D.lgs. n. 25 del 2007 (istitutiva di un quadro generale relativo all'informazione e alla consultazione dei lavoratori) per quanto non disciplinato espressamente in sede di rinnovo.

20 PREVINDAI

21 CONTRIBUZIONE AL PREVINDAI Premesso quanto segue con riferimento alla individuazione della CLASSE di appartenenza dei dirigenti (così come in vigore oggi), si illustra a seguire la contribuzione dovuta al Fondo : Classe 1 "vecchio iscritto Dirigente titolare di una posizione pensionistica complementare, costituita prima del 29 aprile 1993, sempreché conservata. Classe 2 "nuovo iscritto ante" Dirigente con prima iscrizione alla previdenza obbligatoria antecedente al 29 aprile 1993, privo, alla data del 29 aprile 1993, di qualsiasi posizione pensionistica complementare (o che se ne sia successivamente privato). Classe 3 "nuovo iscritto post" Dirigente con prima iscrizione alla previdenza obbligatoria posteriore al 28 aprile 1993 e anteriore al 1 gennaio Classe 4 "nuovissimo iscritto post" Dirigente con prima iscrizione alla previdenza obbligatoria posteriore al 31 dicembre Classe 8 Dirigente iscritto al Fondo con conferimento tacito del TFR.

22 CONTRIBUZIONE AL PREVINDAI FINO AL 31/12/2009 QUALIFICA RETRIBUZIONE ANNUA DIRIGEN TE AZIENDA QUOTA TFR Classe 1 sino a ,00 4,00 4,00 3% RUT PREVINDAI Classe 2 sino a ,00 4,00 4,00 4%RUT Classe 3/4 sino a ,00 4,00 4,00 100,00 Classe 8 100,00

23 CONTRIBUZIONE AL PREVINDAI NOVITA DEL RINNOVO DALL Le innovazioni introdotte riguardano principalmente la contribuzione: 1. l'introduzione di un massimale unico pari a per tutti i dirigenti (senza distinzione, quindi, tra vecchi e nuovi/nuovissimi iscritti), ferma restando l'aliquota minima del 4%, sia a carico del datore di lavoro che del dirigente. Per effetto della nuova formulazione, dal 1 gennaio 2010 l'indennità sostitutiva di preavviso diventa imponibile per tutti gli iscritti (sinora lo è stata solo per i "vecchi iscritti"); 2. il riconoscimento al datore di lavoro della facoltà di versare ulteriore contribuzione in favore dei propri dirigenti, anche qualora questi ultimi non versino a proprio carico un contributo superiore al minimo contrattuale;

24 CONTRIBUZIONE AL PREVINDAI (segue) NOVITA DEL RINNOVO DALL la previsione, per i dirigenti per i quali l'azienda contribuisce al Fondo, che versano anche una quota a proprio carico e che abbiano un'anzianità dirigenziale presso l'impresa superiore a sei anni compiuti, di un contributo aziendale annuo che non potrà essere inferiore a dal 1 gennaio 2010, a per il 2012, ed a a decorrere dal 2013; 4. Il confronto tra il CONTRIBUTO MINIMO e la contribuzione CONTRATTUALE (4%) si effettua a fine anno o a fine rapporto qualora a tale data il dirigente abbia maturato un anzianità nella qualifica superiore a 6 anni. Eventuali differenze devono essere versare al fondo unitamente alla contribuzione del 4 trimestre di ogni anno ovvero a quella del trimestre nel quale ricade la cessazione.

25 CONTRIBUZIONE AL PREVINDAI (segue) NOVITA DEL RINNOVO DALL Le modalità operative per i versamenti delle nuove contribuzioni saranno oggetto di apposita circolare che verrà trasmessa in tempo utile alle imprese. Restano confermate la facoltà per il dirigente di versare contribuzione aggiuntiva a proprio carico senza alcun limite di massimale e la quota di Tfr da versare al Fondo (pari al 3% per i "vecchi iscritti" e al 4% per i "nuovi", sempreché gli interessati non abbiano optato per il versamento dell'intero accantonamento).

26 FASI

27 CONTRIBUZIONE AL FASI Di seguito, il prospetto della contribuzione al FASI dal 2009 al 2012 Contribuzione Contributo a carico azienda per dirigenti in servizio 1.440, , , ,00 Contributo a carico azienda per dirigenti pensionati 972, , , ,00 Contributo a carico del dirigente in servizio 732,00 800,00 844,00 880,00 L aumento della contribuzione è legato alla introduzione di nuove prestazioni a carico del FASI.

28 GSR - FASI

29 GSR - FASI Il FASI-GSR rappresenta la Gestione Separata di sostegno al reddito a favore dei dirigenti involontariamente disoccupati. Viene erogato un trattamento economico integrativo dell'indennità di disoccupazione ordinaria corrisposta dall'inps. Conclusa la fase sperimentale, le parti sociali confermano la volonta di continuare con un sistema di sostegno al reddito così come è stato delineato negli scorsi anni.

30 GSR - FASI Si conferma il versamento, a carico delle aziende, di un contributo di euro 100,00 annuale per ciascun dirigente in servizio. Invece, per accedere alle prestazioni del Fondo, si riduce il requisito della anzianità complessivamente maturata nella qualifica anche in diverse aziende: si passa da 24 a 18 mesi, con decorrenza Varia la misura del trattamento economico corrisposto: - da 1/1/2010: aumento da Euro 1500,00 a Euro 2.000,00 mensili lordi a. per 8 mesi, se il dirigente ha un età inferiore a 50 anni b. per 18 mesi, se il dirigente ha un età pari o superiore a 50 anni. N.b.: l incremento di 500 euro mensili per il totale dei mesi spettanti (8/18) puo essere destinato, a richiesta del manager, per un servizio di placement. Il dirigente deve esercitare l opzione entro 3 mesi dalla decorrenza della prestazione, sempre che egli sia iscritti all Agenzia del Lavoro di Fondirigenti e abbia svolto presso la Fondazione il percorso per il bilancio delle competenze. n.b.: al dirigente che non esercita l opzione, l importo viene erogato in una unica soluzione unitamente al trattamento integrativo relativo al mese successivo.

31 GSR - FASI In via sperimentale, a decorrere dall 1/1/2009 e per l intera durata del CCNL, l accesso alle prestazioni viene esteso anche ai casi di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro. I dirigenti interessati potranno beneficiare dell integrazione erogata dal Fondo se ricorrono le seguenti condizioni: Dal CUD dell anno precedente la risoluzione del rapporto risulti una retribuzione annua lorda globale non superiore ad Euro per i dirigenti con anzianità nella qualifica nella stessa azienda fino a 6 anni o ad Euro se l anzianità risulti superiore. L importo complessivamente erogato oltre al TFR e le competenze spettanti non sia superiore ad Euro , elevati ad Euro in caso di anzianità superiore ai 6 anni.

32 BILANCIO DELLE COMPETENZE

33 Bilancio delle competenze Le parti sociali, convenendo sull importanza dello sviluppo delle competenze dei dirigenti, si sono proposte di promuovere lo strumento del bilancio delle competenze. Il bilancio delle competenze è posto in favore sia dei dirigenti in servizio con almeno 3 anni di anzianità nella qualifica sia dei manager disoccupati (all interno di specifici percorsi di placement). Per i dirigenti in servizio tale strumento è utilizzabile non più di una volta ogni 5 anni e potrà costituire il presupposto per i successivi corsi di formazione che saranno indirizzati dai risultati dello stesso. Prevede un questionario di autovalutazione e incontri con esperti formatori che interpreteranno i dati ottenuti predisponendo un piano dei fabbisogni formativi individuali. Il bilancio di competenze sarà curato e offerto da Fondirigenti sulla base di uno specifico Piano formativo condiviso dalle parti a livello nazionale.

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI ACCORDO DI RINNOVO 30 DICEMBRE 2014

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI ACCORDO DI RINNOVO 30 DICEMBRE 2014 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI ACCORDO DI RINNOVO 30 DICEMBRE 2014 Indice Art. 3 - Trattamento minimo complessivo di garanzia DISCIPLINA

Dettagli

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2492 Roma 31 dicembre 2014 ALLE ALLE ALLE ASSOCIAZIONI E SINDACATI TERRITORIALI UNIONI REGIONALI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE COMPONENTI

Dettagli

Qui di seguito in estrema sintesi i punti salienti dell intervento che verranno. L argomento assegnato, funzionale al prossimo rinnovo contrattuale, è

Qui di seguito in estrema sintesi i punti salienti dell intervento che verranno. L argomento assegnato, funzionale al prossimo rinnovo contrattuale, è BREVE SINTESI DELL INTERVENTO PROGRAMMATO PER IL CONVEGNO DEL 16.03.13 Qui di seguito in estrema sintesi i punti salienti dell intervento che verranno in quella sede espressi in modo organico. L argomento

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO 02 2015

NEWSLETTER LAVORO 02 2015 AVVOCATI COMMERCIALISTI CONSULENTI del LAVORO NEWSLETTER LAVORO 02 2015 Normativa lavoro 1. Jobs Act: approvazione decreto contratto tutele crescenti e novità in via di approvazione 2. Stabilizzazione

Dettagli

Dirigenti Industria: le novità del Ccnl

Dirigenti Industria: le novità del Ccnl Dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2018 Dirigenti Industria: le novità del Ccnl Daniele Colombo - Avvocato Revisione del trattamento economico complessivo di garanzia, rafforzamento del ruolo della contrattazione

Dettagli

ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI

ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI Addì, 22 dicembre 2010, in Roma CONFAPI FEDERMANAGER e Premesso

Dettagli

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Guida al Lavoro PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Previndai è il

Dettagli

http://tuttolavoro.indicitalia.it/

http://tuttolavoro.indicitalia.it/ Page 1 of 54 DIRIGENTI - Aziende industriali CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO per i dirigenti di aziende industriali 25 NOVEMBRE 2009 (*) (Decorrenza: 25 novembre 2009 - Scadenza: 31 dicembre 2013)

Dettagli

CCNL DIRIGENTI CONFSERVIZI 21.12.2004

CCNL DIRIGENTI CONFSERVIZI 21.12.2004 Confservizi CCNL DIRIGENTI CONFSERVIZI 21.12.2004 e successivi accordi CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIRIGENTI DELLE IMPRESE ADERENTI ALLE ASSOCIAZIONI DELLA CONFSERVIZI STIPULATO TRA

Dettagli

DIRIGENTI DI AZIENDE INDUSTRIALI

DIRIGENTI DI AZIENDE INDUSTRIALI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 29/06/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i DIRIGENTI. delle imprese dei servizi di pubblica utilità. 22 dicembre 2009

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i DIRIGENTI. delle imprese dei servizi di pubblica utilità. 22 dicembre 2009 Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i DIRIGENTI delle imprese dei servizi di pubblica utilità 22 dicembre 2009 Testo coordinato del CCNL sottoscritto da Confservizi e Federmanager in data 9 febbraio

Dettagli

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Dirigenti industria TCO Inizio validità: 25.11.2009 - Scadenza economica: - Scadenza normativa: Fonti del testo unico

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Dirigenti industria TCO Inizio validità: 25.11.2009 - Scadenza economica: - Scadenza normativa: Fonti del testo unico www.unicolavoro.ilsole24ore.com Dirigenti industria TCO TESTO COORDINATO DEL CCNL PER IL SETTORE DIRIGENTI - INDUSTRIA DA VALERE PER IL PERIODO 2015-2018 Inizio validità: 25.11.2009 - Scadenza economica:

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIRIGENTI DI AZIENDE INDUSTRIALI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIRIGENTI DI AZIENDE INDUSTRIALI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIRIGENTI DI AZIENDE INDUSTRIALI 25 NOVEMBRE 2009 (*) (Decorrenza: 25 novembre 2009 - Scadenza: 31 dicembre 2013) Parti stipulanti Confindustria e la Federazione

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO. per i dirigenti di aziende industriali 25 NOVEMBRE 2009 (*)

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO. per i dirigenti di aziende industriali 25 NOVEMBRE 2009 (*) CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO per i dirigenti di aziende industriali 25 NOVEMBRE 2009 (*) (Decorrenza: 25 novembre 2009 - Scadenza: 31 dicembre 2013) Parti stipulanti Confindustria e la Federazione

Dettagli

Contratto: DIRIGENTI - Aziende industriali CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO

Contratto: DIRIGENTI - Aziende industriali CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO Contratto: DIRIGENTI - Aziende industriali CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO per i dirigenti di aziende industriali 23 MAGGIO 2000 (Decorrenza: 1 gennaio 2000 - Scadenza: 31 dicembre 2003) La parte

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

Testata cedolino -Anagrafica azienda -Anagrafica dipendente -Qualifica e livello. Corpo cedolino(parte1) -Assenza, Malattia -Assegni nucleo familiare

Testata cedolino -Anagrafica azienda -Anagrafica dipendente -Qualifica e livello. Corpo cedolino(parte1) -Assenza, Malattia -Assegni nucleo familiare Testata cedolino -Anagrafica azienda -Anagrafica dipendente -Qualifica e livello Corpo cedolino(parte1) -Assenza, Malattia -Assegni nucleo familiare -TFR Corpo cedolino(parte2) -Area previdenziale -Ferie

Dettagli

I N D I C E +"#$%&' &( #$%&' &(, ! 0 )1 " - )5 ! 1*

I N D I C E +#$%&' &( #$%&' &(, ! 0 )1  - )5 ! 1* I N D I C E! " #$%&' &( +"#$%&' &( #$%&' &(, #-$.&/( 0! 0 )1 " )2 3 4 %, - )5 # )6 #! 1* )* )) ) )! 2 " % 1! 7!7 + 16 )1! )66 4 2* 888 8 19 1:1**: 21 1) 1:1**: 2: 29 1:1**: 4 2 ; 2) 00

Dettagli

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A CGIL CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A cura di: Staff Formazione Ufficio Vertenze Confederale CGIL LIGURIA Versione integrale 1 2 LE LEGGI DELLO STATO ED I CONTRATTI DI LAVORO DETTANO LE NORME CHE DISCIPLINANO

Dettagli

La nuova previdenza complementare

La nuova previdenza complementare Concreto Fondo Pensione Complementare Nazionale La nuova previdenza complementare La nuova previdenza complementare 1 Agenda Adesione esplicita e tacita Fonti di finanziamento e regole per la deducibilità

Dettagli

Gli elementi della retribuzione

Gli elementi della retribuzione Gli elementi della retribuzione Che cosa è la retribuzione netta Con questa lezione entriamo nel vivo della compilazione della busta paga, dopo aver appreso le nozioni preliminari necessarie alla comprensione

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in Il TFR TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Che cos è? Il Trattamento di Fine Rapporto (la cosiddetta liquidazione ) è una somma aggiuntiva che viene corrisposta dal datore di lavoro al proprio dipendente al termine

Dettagli

la Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica - CONFETRA

la Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica - CONFETRA L anno 2004, il giorno 16 del mese di aprile in Roma tra la Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica - CONFETRA e MANAGERITALIA - Federazione Nazionale dei Dirigenti, Quadri e Professional

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIRIGENTI DI AZIENDE INDUSTRIALI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIRIGENTI DI AZIENDE INDUSTRIALI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIRIGENTI DI AZIENDE INDUSTRIALI 25 NOVEMBRE 2009 (*) (Decorrenza: 25 novembre 2009 - Scadenza: 31 dicembre 2013) Parti stipulanti Confindustria e la Federazione

Dettagli

Elementi Costitutivi della Retribuzione

Elementi Costitutivi della Retribuzione Elementi Costitutivi della Retribuzione Nel porsi la domanda: "sono ben ricompensato?" un lavoratore deve prendere in considerazione molti aspetti, non solo la retribuzione. Deve prendere in conto, come

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI 1 GENNAIO 2015-31 DICEMBRE 2018 I N D I C E NOTA DI INTENTI Pag. PARTE PRIMA COSTITUZIONE DEL RAPPORTO

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE GLI AUTORI

SOMMARIO PRESENTAZIONE GLI AUTORI PRESENTAZIONE SOMMARIO GLI AUTORI Capitolo 1 - IL TFR DEFINIZIONE DI TFR Indennità di anzianità Trattamento di Fine Rapporto BENEFICIARI ANTICIPAZIONI 1. Limiti numerici al numero dei richiedenti 2. Limitazioni

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR A cura di Maria Rosa Gheido 1 LEGGE DELEGA n. 243/2004 (luglio 2004) AVVISO COMUNE DELLE PARTI SOCIALI (febbraio e luglio 2005) DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Nota operativa n.j. Direzione Centrale Previdenza Ufficio I - Pensioni UfficiO 111- TFS,TFR, ASV e Previdenza Complementare. Roma, ~ O6EN.

Nota operativa n.j. Direzione Centrale Previdenza Ufficio I - Pensioni UfficiO 111- TFS,TFR, ASV e Previdenza Complementare. Roma, ~ O6EN. Istituto Nazionole di Previdenza per i Dipendenti dell'amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio I - Pensioni UfficiO 111- TFS,TFR, ASV e Previdenza Complementare Roma, ~ O6EN. 2011

Dettagli

INDICE. Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI

INDICE. Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI INDICE Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI Definizione di TFR... pag. 10 Fonti normative...» 10 Soggetti beneficiari... pag. 12 Decesso del dipendente...» 12 Cessione e pignoramento del TFR...» 13 Calcolo

Dettagli

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR Slide n.1 La pensione in rapporto all ultima retribuzione Ipotesi: Lavoratore con 35 anni di

Dettagli

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego 11. ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO di Barbara Buzzi Dal 1 gennaio 2013 è istituita una nuova prestazione di sostegno al reddito (Assicurazione Sociale per l Impiego ASpI) che sostituisce le attuali

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità

La retribuzione globale annua di cui al presente articolo viene erogata in 14 (quattordici) mensilità TITOLO XXX Trattamento economico Articolo 7 NORMALE RETRIBUZIONE La normale retribuzione del lavoratore è costituita dalle voci sotto indicate alle lettere a), b), c) e d), nonché da tutti gli altri elementi

Dettagli

Oggetto: Lavoro CCNL dirigenti trasporti Contributi al Fondo di Assistenza Sanitaria M.Besusso (FASDAC) - Chiarimenti.

Oggetto: Lavoro CCNL dirigenti trasporti Contributi al Fondo di Assistenza Sanitaria M.Besusso (FASDAC) - Chiarimenti. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 - tel. 06/8559151 - fax 06/8415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 28 novembre

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 Art. 1 Campo di applicazione, durata e decorrenza del contratto

Dettagli

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 29/03/2011. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

ACCORDO PLURIMO SU BASE

ACCORDO PLURIMO SU BASE [VZ/ACC] ACCORDO PLURIMO SU BASE INDIVIDUALE A LIVELLO AZIENDALE PER L ATTIVAZIONE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE EX ART-3, c.1, lett.a), E PER GLI EFFETTI DELL ART.12, c.2 E 13 DEL D.LGS. 05.12.2005,

Dettagli

DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009

DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009 DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009 ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO CCNL 94 97 ART. 33 Cause di cessazione del rapporto

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov.

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov. JOBS ACT I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI 9 febbraio 2015, Ancona Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro www.an.camcom.gov.it 1 IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nonostante

Dettagli

Art.5 Congedi dei genitori Art.6 Congedi per la formazione

Art.5 Congedi dei genitori Art.6 Congedi per la formazione CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO ALL AREA DELLA DIRIGENZA DEL COMPARTO DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI PER IL BIENNIO ECONOMICO 2000/2001 Art.1 Stipendi tabellari 1. I bene ci economici

Dettagli

PIATTAFORMA RINNOVO CCNL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE

PIATTAFORMA RINNOVO CCNL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE PIATTAFORMA RINNOVO CCNL LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE Premessa Quanto realizzato fino ad oggi ha reso evidente come sia difficile affrontare in maniera separata i temi contrattuali rendendo, invece,

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

CCNL dirigenti magazzini generali 1 febbraio 2000

CCNL dirigenti magazzini generali 1 febbraio 2000 CCNL dirigenti magazzini generali 1 febbraio 2000 Art. 1 - Qualifica e suo riconoscimento - Applicabilità del contratto - Controversie Art. 2 - Istituzione del rapporto Art. 3 - Etica del servizio Art.

Dettagli

Capo I Programma di Previdenza Complementare

Capo I Programma di Previdenza Complementare Regolamento disciplinante il trattamento pensionistico complementare del personale CONSOB assunto a far data dal 28 aprile 1993. Capo I Programma di Previdenza Complementare Sezione I Definizioni e finalità

Dettagli

Informativa TFS (IPS Enti Locali) TFS Regionale

Informativa TFS (IPS Enti Locali) TFS Regionale Informativa TFS (IPS Enti Locali) TFS Regionale A seguito dell informativa data dall Amministrazione in sede di delegazione trattante del 23 luglio u.s., sulla modifica del Regolamento Regionale (DGR 361/2015),

Dettagli

ASPI assicurazione sociale per impiego

ASPI assicurazione sociale per impiego ASPI assicurazione sociale per impiego Riforma del mercato del lavoro Legge 92/2012 Enzo Mologni 01-10-2013 ASPI Assicurazione sociale per impiego dal 01-01-2013 In vigore dal 1/1/2013 è un indennità mensile

Dettagli

Tabella dei contributi in vigore dal mese di gennaio 2015

Tabella dei contributi in vigore dal mese di gennaio 2015 Tabella dei contributi in vigore dal mese di gennaio 2015 Impiegati e operai Ente al quale sono dovuti i contributi: INPS Voci azienda Fino a 15 dipendenti lavoratori (imprese fino ed oltre 15 dipendenti)

Dettagli

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP)

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) LO SCOPO Il FIP qui descritto è una forma pensionistica complementare individuale di tipo assicurativo, ché ha lo scopo di consentire all aderente di attivare un piano

Dettagli

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni.

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma SINTESI DEGLI INTERVENTI DI RIFORMA ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL INPGI NELLA SEDUTA

Dettagli

Adepp ASSOCIAZIONE DEGLI ENTI PREVIDENZIALI PRIVATI

Adepp ASSOCIAZIONE DEGLI ENTI PREVIDENZIALI PRIVATI Adepp ASSOCIAZIONE DEGLI ENTI PREVIDENZIALI PRIVATI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIRIGENTE DEGLI ENTI PREVIDENZIALI PRIVATIZZATI 1 ART. 1 (applicazione, decorrenza e durata

Dettagli

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga * aggiornato al 20 luglio 2009 CHE COS È è un documento obbligatorio

Dettagli

a) favoriscano il mutamento e il rinnovamento delle professionalità; b) realizzino politiche attive di sostegno del reddito e dell occupazione.

a) favoriscano il mutamento e il rinnovamento delle professionalità; b) realizzino politiche attive di sostegno del reddito e dell occupazione. DM 1 luglio 2005, n. 178 Regolamento per l istituzione del Fondo di solidarietà per il sostegno al reddito, dell occupazione, della riconversione e della riqualificazione professionale del personale di

Dettagli

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga.

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Obbligo della retribuzione globale di fatto. Come abbiamo detto, la tredicesima si calcola sulla base della retribuzione

Dettagli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli LA GUIDA DEL CONTRIBUENTE è una pubblicazione del Ministero delle Finanze Segretariato generale Ufficio per l informazione del contribuente Per ulteriori informazioni: www.finanze.it La Guida è distribuita

Dettagli

LA RIFORMA DEL TFR E GLI OBBLIGHI POSTI A CARICO DEI DATORI DI LAVORO

LA RIFORMA DEL TFR E GLI OBBLIGHI POSTI A CARICO DEI DATORI DI LAVORO LA RIFORMA DEL TFR E GLI OBBLIGHI POSTI A CARICO DEI DATORI DI LAVORO La riforma del TFR e della previdenza complementare, prevista dalla legge finanziaria dello Stato per il 2007, stabilisce che tutti

Dettagli

L'Assicurazione Sociale per l'impiego

L'Assicurazione Sociale per l'impiego L'Assicurazione Sociale per l'impiego (ASpI) è la nuova forma di assicurazione istituita presso la Gestione prestazioni temporanee dei lavoratori dipendenti, finalizzata a garantire l'indennità mensile

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR 1 SISTEMA PENSIONISTICO ATTUALE 1^ PILASTRO: previdenza obbligatoria (Inps,Inpdap,Casse professionali ecc ) ASSICURA LA PENSIONE BASE 2^ PILASTRO

Dettagli

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE ANALISI DELLA RETRIBUZIONE DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Definizione di cedolino paga ------------------------------------------------------------------------- 3 1 Definizione di cedolino paga

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

E veniamo ai dettagli:

E veniamo ai dettagli: Alle prime luci dell'alba di sabato 29 settembre si è chiusa, con la sottoscrizione di un verbale di accordo, la procedura avviatasi in data 22/06/2012 a seguito della presentazione da parte della Banca

Dettagli

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria I decreti attuativi del jobs act Il Governo, alla vigilia di Natale, ha approvato due schemi di D.Lgs, il primo sul contratto a tutele crescenti e il secondo sulla nuova prestazione sociale per l impiego

Dettagli

SPECIALE RIFORMA MERCATO DEL LAVORO AMMORTIZZATORI SOCIALI

SPECIALE RIFORMA MERCATO DEL LAVORO AMMORTIZZATORI SOCIALI Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita. LEGGE n. 92 28 giugno 2012 Affrontiamo una prima analisi del testo di legge pubblicato in gazzetta ufficiale, focalizzando

Dettagli

Adepp ASSOCIAZIONE DEGLI ENTI PREVIDENZIALI PRIVATI

Adepp ASSOCIAZIONE DEGLI ENTI PREVIDENZIALI PRIVATI Adepp ASSOCIAZIONE DEGLI ENTI PREVIDENZIALI PRIVATI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIRIGENTE DEGLI ENTI PREVIDENZIALI PRIVATI 2004-2007 1 ART. 1 (applicazione, decorrenza e durata

Dettagli

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato.

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato. Settore Artigiano Accordo interconfederale - 15 dicembre 2009 Accordi - 15 dicembre 2009 Retribuzioni contrattuali dal 1º gennaio 2010 e bilateralità â Parti stipulanti: Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani

Dettagli

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa, autorizzate e

Dettagli

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA?

A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A.S.P.I. : QUESTA SCONOSCIUTA? A C U R A D I F R A N C E S C O G E R I A C O N S U L E N T E D E L L A V O RO W W W. L A B O R T R E. W O R D P RE S S. C O M In queste pagine potete trovare una breve sintesi

Dettagli

INDICE. Contratto Collettivo di Lavoro per i Dirigenti di Enav S.p.A... pag. 7. Preambolo al CCNL dei Dirigenti di Enav S.p.A... pag.

INDICE. Contratto Collettivo di Lavoro per i Dirigenti di Enav S.p.A... pag. 7. Preambolo al CCNL dei Dirigenti di Enav S.p.A... pag. 1 2 INDICE Contratto Collettivo di Lavoro per i Dirigenti di Enav S.p.A.... pag. 7 Preambolo al CCNL dei Dirigenti di Enav S.p.A... pag. 9 Parte Prima - Costituzione del rapporto Art. 1 - Qualifica. pag.

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani Novità del Collegato Lavoro Dott. Massimo Brisciani Disposizioni varie in materia di previdenza ISCRIZIONE E CANCELLAZIONE DALL ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE art. 43 A decorrere dal 1 gennaio 2010, ai fini

Dettagli

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari

Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Mb!sjgpsnb!efm!UGS! Forme Pensionistiche Complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa,

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA 1 COS È LA BUSTA PAGA è un documento obbligatorio (Legge 5 gennaio 1953, n. 4) che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e previdenziali che il lavoratore

Dettagli

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione.

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione. DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE Roma, 4-7-2005 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali e per loro tramite: - Alle Amministrazioni Statali - Agli Enti con Personale Iscritto alle Casse CPDEL,

Dettagli

Roma, 12 febbraio 2013

Roma, 12 febbraio 2013 Roma, 12 febbraio 2013 C.C.N.L. Industria alimentare 27.10.2012 Fondo per il sostegno alla maternità/paternità e per la promozione della bilateralità di settore Avvio contribuzione da parte delle Aziende

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

CGIL - fp/enti Locali dirigenti FIRMATO CGIL FIRMATO CISL/FPS FIRMATO CISL FIRMATO. UIL/FPL.dirigenti FIRMATO UIL FIRMATO

CGIL - fp/enti Locali dirigenti FIRMATO CGIL FIRMATO CISL/FPS FIRMATO CISL FIRMATO. UIL/FPL.dirigenti FIRMATO UIL FIRMATO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL AREA DELLA DIRIGENZA DEL COMPARTO DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI PER IL BIENNIO ECONOMICO 1.1.2000-31.12.2001 A seguito del parere favorevole espresso

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

ACCORDO ISTITUTIVO FONDOPOSTE ACCORDO PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DI POSTE ITALIANE S.P.

ACCORDO ISTITUTIVO FONDOPOSTE ACCORDO PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DI POSTE ITALIANE S.P. ACCORDO ISTITUTIVO FONDOPOSTE ACCORDO PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DI POSTE ITALIANE S.P.A il giorno 26 luglio 2002, in Roma tra Poste Italiane S.p.A.

Dettagli

CIRCOLARE n. 3/2013 Roma, 10 gennaio 2012 Prot. n. 55 AS/bf

CIRCOLARE n. 3/2013 Roma, 10 gennaio 2012 Prot. n. 55 AS/bf CIRCOLARE n. 3/2013 Roma, 10 gennaio 2012 Prot. n. 55 AS/bf ALLE ASSOCIAZIONI E SINDACATI PUBBLICI ESERCIZI ADERENTI ALLA CONFEDERAZIONE GENERALE ITALIANA DEL COMMERCIO TURISMO E SERVIZI E p.c.: AI SIGG.

Dettagli

Fondo di Previdenza Complementare Mario Negri Modifiche regolamentari introdotte dal 1 gennaio 2007 e facoltà di destinazione del TFR

Fondo di Previdenza Complementare Mario Negri Modifiche regolamentari introdotte dal 1 gennaio 2007 e facoltà di destinazione del TFR Fondo di Previdenza Complementare Mario Negri Modifiche regolamentari introdotte dal 1 gennaio 2007 e facoltà di destinazione del TFR Slide n.1 La pensione in rapporto all ultima retribuzione Ipotesi:

Dettagli

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013 AREA RISORSE E SISTEMI Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Sitpendi e altri Compensi Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti A tutto il Personale

Dettagli

TRATTAMENTI PENSIONISTICI DEL PERSONALE UNIVERSITARIO

TRATTAMENTI PENSIONISTICI DEL PERSONALE UNIVERSITARIO TRATTAMENTI PENSIONISTICI DEL PERSONALE UNIVERSITARIO Con circolare n.23 del 30.3.2004 l INPDAP ha diretto istruzioni alle Università aderenti alla sperimentazione liquidazione dei trattieni pensionistici.

Dettagli

Misure urgenti in materia di previdenza complementare

Misure urgenti in materia di previdenza complementare Misure urgenti in materia di previdenza complementare Il Consiglio dei Ministri di venerdì 10 novembre 2006 ha approvato il decreto legge in materia di previdenza complementare in coerenza con l anticipo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

Conoscere la busta paga Solo alcune informazioni utili

Conoscere la busta paga Solo alcune informazioni utili Conoscere la busta paga Solo alcune informazioni utili La busta paga La busta paga è il prospetto che indica la somma che il lavoratore percepisce come compenso per un determinato periodo di lavoro. Essa

Dettagli

Assicurazione Sociale Per l'impiego A.S.P.I.

Assicurazione Sociale Per l'impiego A.S.P.I. Assicurazione Sociale Per l'impiego A.S.P.I. A.S.P.I. tutela la disoccupazione, ma prevede anche misure di tutela in costanza del rapporto di lavoro in ipotesi di sospensione dell'attività Tutela della

Dettagli

D I L A V O R O P E R I D I R I G E N T I D I A Z I E N D E FIAT E CNH INDUSTRIAL. 30 luglio 2014

D I L A V O R O P E R I D I R I G E N T I D I A Z I E N D E FIAT E CNH INDUSTRIAL. 30 luglio 2014 D I L A V O R O P E R I D I R I G E N T I D I A Z I E N D E FIAT E CNH INDUSTRIAL 30 luglio 2014 I N D I C E NOTA DI INTENTI PARTE PRIMA COSTITUZIONE DEL RAPPORTO Art. 1 Qualifica e suo riconoscimento

Dettagli

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 SINTESI CCNL LAVORO DOMESTICO decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 Indice della Sintesi Contrattuale Artt.

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. ISCRITTO ALL'ALBO DEI FONDI PENSIONE - I SEZIONE SPECIALE - FONDI PENSIONE PREESISTENTI CON SOGGETTIVITA' GIURIDICA

Dettagli

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in Che cos è? Il Trattamento di Fine Rapporto (la cosiddetta liquidazione ) è una somma aggiuntiva che viene corrisposta dal datore di lavoro al proprio dipendente al termine del rapporto di lavoro. Questo

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI A cura di Alessandra Gerbaldi 1 LA BUSTA PAGA NEL CASO DI LAVORO STRAORDINARIO Di seguito si ipotizza il caso di un lavoratore, dipendente di azienda che applica

Dettagli