ISBN UTET GIURIDICA 1 eá un marchio registrato e concesso in licenza da UTET S.p.A. a Wolters Kluwer Italia Giuridica S.r.l.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISBN 978-88-598-0172-6. UTET GIURIDICA 1 eá un marchio registrato e concesso in licenza da UTET S.p.A. a Wolters Kluwer Italia Giuridica S.r.l."

Transcript

1 I casi del diritto ELENA CALICE LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELL APPALTATORE E DEL COSTRUTTORE

2 # 2007 Wolters Kluwer Italia Giuridica S.r.l. Strada I, Palazzo F Milanofiori Assago (MI) Redazione Giuridica: Corso Vittorio Emanuele II, Torino Sito Internet: UTET GIURIDICA 1 eá un marchio registrato e concesso in licenza da UTET S.p.A. a Wolters Kluwer Italia Giuridica S.r.l. I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale, con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche), sono riservati per tutti i Paesi. Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall'art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n Le riproduzioni diverse da quelle sopra indicate (per uso non personale ± cioeá, atitolo esemplificativo, commerciale, economico o professionale ± e/o oltre il limite del 15%) potranno avvenire solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Corso di Porta Romana, Milano - e sito web Project editor: Maria Cristina Bozzo Redazione: Luca Dentis Editing: ToEdit di Elena Marchisio - Torino Fotocomposizione: Finotello - Borgo San Dalmazzo (CN) Stampa: Tipografia Gravinese - Torino ISBN

3 Sommario Presentazine.... p. IX CAPITOLO I Gli elementi del contratto di appalto: le scelte contrattuali in fase di redazione Sommario: 1. La disciplina codicistica del contratto di appalto: elementi essenziali ed effetti. 2. La nullitaá del contratto di appalto in assenza di permesso di costruzione. 3. La deducibilitaá in contratto del rilascio del titolo abilitativo: la questione della finzione di avveramento. 4. Gli orientamenti della dottrina...» 1 Caso 1. La redazione di un contratto di appalto in assenza di permesso di costruire...» 9 Indice dei contenuti: a) Indicazione dei lavori. b) Il corrispettivo dell'appalto elapossibilitaá di revisione. c) Il direttore dei lavori. d) I diritti e gli obblighi delle parti in sede di esecuzione. e) Tempi di esecuzione, verifica, collaudo e consegna dell'opera. f) La condicio iuris. g) Il subappalto. h) Lo scioglimento del contratto. i) L'elezione di domicilio....» 9 Materiali Il contratto di appalto....» 19 Principio di diritto...» 28 Bibliografia....» 29 CAPITOLO II Le ``fasi'' del contratto di appalto Sommario: 1. Le fasi del contratto di appalto: la valenza del collaudo, della verifica e dell'accettazione dell'opera. 2. Le norme processuali di riferimento...» 31 Caso 1. La valenza del certificato di collaudo negli appalti pubblici e privati» 35 Indice dei contenuti: a) Appalto privato: nozione ed efficacia della fase del collaudo. b) L'appalto pubblico: complessa serie procedimentale che si V

4 Sommario conclude con l'atto di collaudo. c) La regolare contabilitaá di cantiere e le relazioni con la fase del collaudo. d) Competenza nella risoluzione delle controversie sorte dopo l'approvazione del collaudo... p. 38 Materiali Il precedente...» 44 Atti della causa...» 46 Principio di diritto...» 54 Bibliografia....» 54 CAPITOLO III L'autonomia dell'appaltatore ed i ``poteri'' del committente Sommario: 1. Le norme sostanziali di riferimento. 2. L'autonomia dell'appaltatore. 3. Le istruzioni del committente e del direttore dei lavori. 4. Disciplina processuale applicabile Il concorso di responsabilitaá tra committente, appaltatore, direttore dei lavori e progettista Il processo cautelare uniforme...» 57 Caso 1. Quando l'appaltatore eá un nudus minister?....» 81 Materiali Atti della causa...» 82 Principio di diritto...» 99 Bibliografia....» 99 VI CAPITOLO IV Le difformitaá, i vizi dell'opera e la responsabilitaá per i danni arrecati ai terzi Sommario: 1. Natura giuridica della garanzia per le difformitaá eivizi dell'opera. 2. I rimedi a fronte delle difformitaá e dei vizi. 3. La responsabilitaá per rovina di edifici e di altri immobili. 4. Termini e disciplina. 5. I gravi difetti di un immobile in condominio. 6. La responsabilitaá del direttore dei lavori ai sensi dell'art c.c. 7. La responsabilitaá per danni causati nel corso dell'esecuzione dei lavori. 8. La responsabilitaá del costruttorevenditore per mancato rilascio del certificato di agibilitaá. 9. L'accertamento tecnico preventivo. 10. La consulenza tecnica preventiva. 11. La denuncia di danno temuto...» 101 Caso 1. La natura giuridica della responsabilitaá prevista dall'art c.c.» 129 Materiali Sentenza , n » 131 Principio di diritto...» 133

5 Sommario Caso 2. La responsabilitaá decennale del costruttore e dell'appaltatore.. p. 133 Materiali Atti della causa...» 134 Principio di diritto...» 143 Caso 3. La tutela dei diritti dei terzi e la responsabilitaá ai sensi degli artt e 2051 c.c.....» 143 Materiali Atti della causa...» 143 Principio di diritto...» 152 Caso 4. I rapporti tra garanzia nella vendita e garanzia nel contratto di appalto: vizi e certificato di agibilitaá....» 152 Materiali Atti della causa...» 153 Il precedente...» 160 Principio di diritto...» 161 Bibliografia....» 161 CAPITOLO V La vendita di immobili da costruire e gli obblighi del costruttore Sommario: 1. I ``tentativi'' legislativi di tutela degli acquirenti di immobili da costruire. 2. L'ambito di applicazione soggettivo ed oggettivo della nuova disciplina. 3. La fideiussione obbligatoria Le sanzioni per la mancata prestazione della garanzia fideiussoria. 4. L'assicurazione obbligatoria. 5. Il contenuto obbligatorio del contratto preliminare Le ``sanzioni'' conseguenti alla violazione delle prescrizioni di contenuto. 6. Il frazionamento del mutuo fondiario e dell'ipoteca. 7. Il divieto di stipula in assenza di cancellazione o frazionamento di ipoteche e pignoramenti. 8. Il diritto di prelazione legale nell'esecuzione forzata. 9. Il fallimento del costruttore e l'azione revocatoria....» 163 Caso 1. La redazione di un contratto preliminare di vendita di immobile da costruire...» 204 Indice dei contenuti: a) L'indicazione del codice fiscale e del regime patrimoniale della famiglia. b) Descrizione dell'immobile e delle pertinenze di uso esclusivo. c) Provenienza dell'immobile. d) Predisposizione del regolamento condominiale. e) Menzione di vincoli/atti d'obbligo. f) LibertaÁ dell'immobile ed obblighi di cui all'art. 8. g) Il corrispettivo. h) Menzione degli estremi e della consegna della fideiussione. i) Termini per la stipula VII

6 Sommario del contratto definitivo. l) Garanzie. m) Menzioni urbanistiche. n) La polizza indennitaria. o) Consegna dei documenti... p. 204 Materiali Contratto preliminare di vendita di immobile da costruire...» 212 Principio di diritto...» 219 Bibliografia....» 219 CAPITOLO VI La responsabilitaá civile per mancata alienazione del posto auto Sommario: 1. La disciplina degli spazi a parcheggio. 2. La natura giuridica dello spazio a parcheggio ``obbligatorio''. 3. L'interpretazione giurisprudenziale del vincolo a parcheggio. 4. Posti auto in condominio. 5. Gli effetti della legge di semplificazione. 6. La responsabilitaá civile del costruttore per mancata alienazione del posto auto. 7. Legittimazione processuale passiva e titolaritaá passiva del rapporto sostanziale...» 223 Caso 1. NegoziabilitaÁ separata dello spazio a parcheggio e responsabilitaá.» 245 Materiali Atti della causa...» 247 Principio di diritto...» 259 Bibliografia....» 259 VIII

7 Presentazione La collana I Casi del Diritto nasce con l'intento di fornire a tutti gli operatori del diritto una guida pratica e autorevole per affrontare temi particolarmente complessi e di frequente applicazione. I singoli temi vengono affrontati attraverso una disamina di tutte le argomentazioni e interpretazioni relative alla fattispecie analizzata e attraverso la descrizione di prassi concrete, in modo da fornire un quadro d'insieme utile per orientarsi nello svolgimento dell'attivitaá professionale quotidiana. Ciascun argomento eá affrontato in una prospettiva sinottica in cui gli aspetti sostanziali e processuali di ogni istituto vengono analizzati congiuntamente e dove l'analisi della giurisprudenza e della dottrina non si esaurisce in una mera rassegna di posizioni, magari discordanti, ma eá affrontata criticamente in modo da consentire all'operatore del diritto di individuare di volta in volta le soluzioni piuá appropriate al caso concreto. La collana vuole, infatti, fornire un commento ed una spiegazione compiuta delle fattispecie analizzate, dei diritti fatti valere e delle modalitaá operative concrete dell'attivitaá forense. Ciascun volume della collana ha l'obiettivo di costituire una guida ragionata per affrontare casi concreti, attraverso l'analisi realizzata da professionisti specializzati nel settore, che mettono a disposizione la propria esperienza: i temi prescelti sono trattati inserendo tutto quel patrimonio di informazioni che rappresentano il know-how di un professionista e che sono funzionali alla comprensione dei diritti e della loro tutela, sia in fase giudiziale che extragiudiziale. L'Editore IX

8

9 CAPITOLO 1 Gli elementi del contratto di appalto: le scelte contrattuali in fase di redazione Sommario 1. La disciplina codicistica del contratto di appalto: elementi essenziali ed effetti. 2. La nullitaá del contratto di appalto in assenza di permesso di costruzione. 3. La deducibilitaá in contratto del rilascio del titolo abilitativo: la questione della finzione di avveramento. 4. Gli orientamenti della dottrina. ± Caso 1. La redazione di un contratto di appalto in assenza di permesso di costruire. Indice dei contenuti: a) Indicazione dei lavori. b) Il corrispettivo dell'appalto e la possibilitaá di revisione. c) Il direttore dei lavori. d) I diritti e gli obblighi delle parti in sede di esecuzione. e) Tempi di esecuzione,verifica,collaudo e consegna dell'opera. f) La condicio iuris. g) Il subappalto. h) Lo scioglimento del contratto. i) L'elezione di domicilio. ± Il contratto di appalto. ± Principio di diritto. ± Bibliografia. Riferimenti normativi: artt. 1346, 1418, 1655, 1664 c.c. 1. LA DISCIPLINA CODICISTICA DEL CONTRATTO DI APPALTO: ELEMENTI ESSENZIALI ED EFFETTI. Il contratto di appalto costituisce una delle figure che trova piuá di frequente applicazione nel campo della contrattazione immobiliare. Obiettivo dell'analisi che segue eá individuare i connotati tipici di tale contratto in modo da guidare il professionista nella relativa redazione,avendo cura di evidenziare le pattuizioni alle quali occorre prestare particolare attenzione. SaraÁ poi analizzata una fattispecie particolare: la redazione del contratto di appalto in assenza del titolo abilitativo alla costruzione. Ai sensi dell'art c.c. l'appalto eá il contratto con il quale una parte assume,con organizzazione dei mezzi necessari e con ge- Inquadramento normativo Norme sostanziali 1

10 1 Gli elementi del contratto di appalto: le scelte contrattuali in fase di redazione stione a proprio rischio,il compimento di un'opera o di un servizio verso un corrispettivo in denaro. In omaggio alla tradizione romanistica,il legislatore ricomprende la normativa sull'appalto nel piuá vasto quadro della locazione. Come noto,nella locatio conductio si suole distinguere gli schemi negoziali della locatio operis, caratterizzata da prestazioni di lavoro autonomo,dalla locatio operarum, che riguarda il lavoro subordinato,e dalla locatio rei, alla quale si riconducono i contratti di locazione e affitto. Tradizionalmente l'obbligazione dell'appaltatore eá un'obbligazione di risultato in quanto egli eá tenuto a garantire il risultato finale (la realizzazione corretta dell'opera o del servizio appaltato) e non solo a prestare una determinata quantitaá di lavoro. Carattere distintivo dell'appalto rispetto al contratto d'opera manuale risiede nella circostanza che l'appaltatore daá vita ad una organizzazione a carattere di impresa,con prevalente impiego di lavoro subordinato. Dal punto di vista della natura giuridica,il contratto di appalto eá un contratto commutativo, e non aleatorio,in quanto al momento della conclusione del contratto eá nota l'entitaá delle reciproche prestazioni. Parte della dottrina ha sostenuto che il contratto in esame puoá definirsi un contratto aleatorio,in senso meramente economico, stante la possibilitaá che «il costo effettivo dell'opera o del servizio risulti poi maggiore del previsto o addirittura del prevedibile 1». Il contratto di appalto eá, inoltre,un contratto sinallagmatico ad effetti obbligatori in quanto da esso nascono le reciproche obbligazioni,dell'appaltatore,di garantire un determinato risultato e, del committente,di pagare il corrispettivo dovuto. Si discute se l'appalto importi l'assunzione di obbligazioni eccedenti o meno i limiti dell'ordinaria amministrazione,soprattutto per stabilire quali norme regolino la capacitaá del committente o dell'assuntore a stipulare il contratto di appalto. Il contratto di appalto eá normalmente considerato un atto ecce- 1 RUBINO, IUDICA, Dell'appalto, incomm. Scialoja-Branca, sub artt , Bologna-Roma, 1992, 303; STOLFI, Appalto (contratto di), in ED, II, Milano, Cfr. inoltre M. MIGLIETTA, A. MIGLIETTA, L'appalto privato, Torino, 2006 e RUSSO, CRIACO, L'appalto privato, Torino,

11 INQUADRAMENTO NORMATIVO dente l'ordinaria amministrazione,quando si tratta di stabilire la capacitaá di rendersi appaltatore,in quanto la produzione del risultato di lavoro promesso avviene a mezzo di un'organizzazione imprenditoriale determinando a carico del patrimonio dell'appaltatore rischi analoghi a quelli che derivano dall'esercizio del commercio 2. Per stabilire,invece,la capacitaá del committente di stipulare il contratto di appalto,si fa normalmente ricorso al criterio che si adotta per decidere se un negozio debba considerarsi eccedente o meno i limiti dell'ordinaria amministrazione. Il criterio piuá diffuso eá quello che fa dipendere la soluzione del problema dalla funzione economica che nel singolo caso il negozio spiega rispetto al patrimonio del soggetto. Di conseguenza,l'appalto saraá per il committente un atto di ordinaria amministrazione o meno,a seconda che il negozio tenda alla conservazione o invece alla trasformazione del patrimonio del committente medesimo 3. L'appalto eá, inoltre,un contratto oneroso in quanto il committente eá tenuto al pagamento di un corrispettivo in denaro e,dal punto di vista formale,se appalto privato,eá un contratto a forma libera,non richiedendo la sua stipulazione formule solenni. Costituisce un'eccezione a detto principio l'appalto di costruzione di immobile in cui l'appaltatore fornisca il suolo: il committente in tale caso,infatti,acquista il suolo e la costruzione a titolo derivativo dall'appaltatore e si rientra,pertanto,nell'ipotesi prevista dall'art. 1350,n. 1,c.c. Fa eccezione altresõá il contratto di costruzione di navi e di aeromobili,che va redatto per iscritto,a pena di nullitaá, secondo quanto previsto dagli artt. 237,1 o co.,e 852,c. nav. L'insegnamento tralatizio pone in risalto la natura intuitu personae del contratto di appalto per indicare la preponderanza dell'elemento fiduciario che caratterizza la prestazione dell'appaltatore, il quale eá tenuto al conseguimento di un risultato rispondente al soddisfacimento dell'interesse giuridico del committente. 2 Cfr., in tal senso, RUBINO, L'appalto, intratt. Vassalli, VII, 3, Torino, 1958, FERRARA, Gli atti di amministrazione, Fi, 1903; JANNUZZI, LOREFICE, Manuale della volontaria giurisdizione, Milano, 2004; SANTORO-PASSARELLI, Dottrine generali del diritto civile, Napoli, 1966; TAMPONI, L'atto non autorizzato nell'amministrazione dei patrimoni altrui, instudi di diritto civile diretti da NicoloÁ e Santoro Passarelli, Milano,

12 1 Gli elementi del contratto di appalto: le scelte contrattuali in fase di redazione La natura fiduciaria della prestazione dedotta quale oggetto del contratto eá fondamento e presupposto della previsione codicistica della facoltaá di recesso del committente (art c.c.),esercitabile ad nutum e cioeá senza condizione alcuna,ogniqualvolta debba ritenersi compromesso il rapporto di fiducia. L'obbligazione dell'appaltatore si dice abbia natura tecnica in quanto l'opera da realizzare,oltre che essere conforme alle pattuizioni negoziali,deve rispondere alle regole dell'arte come prescrive,esplicitamente,l'art. 1662,2 o co.,c.c.,e,implicitamente,l'art. 1667,1 o co.,c.c. Per regole dell'arte si intendono le conoscenze generali di una certa disciplina tecnica che di per seâ non costituiscono disposizioni giuridiche,ma lo diventano quando la legge le richiama obbligando alla loro osservanza. Per cioá che attiene alla sua conclusione il contratto di appalto ha natura consensuale perfezionandosi con il semplice scambio dei consensi delle parti. La dottrina e la giurisprudenza hanno da tempo differenziato i vari momenti conclusivi del contratto di appalto: la verifica,il collaudo,l'accettazione e la consegna. Ognuno di questi momenti ha una sua rilevanza specifica e diverse sono state le occasioni nelle quali la giurisprudenza e la dottri- & na hanno avuto modo di pronunciarsi sul punto. Inquadramento giurisprudenziale edottrinale Indirizzi giurisprudenziali 4 2. LA NULLITA Á DEL CONTRATTO DI APPALTO IN ASSENZA DI PERMESSO DI COSTRUZIONE. La giurisprudenza unanime ritiene nullo il contratto di appalto diretto alla costruzione di un'opera edilizia in assenza dei titoli abilitativi di cui all'art. 46,d.p.r ,n La nullitaá in oggetto eá ovviamente diversa da quella prescritta dalla norma da ultimo citata in quanto non deriva dalla inosservanza di prescrizioni formali, previste per i contratti di trasferimento o di costituzione di diritti reali su beni immobili 4, ma dalla illiceitaá della costruzione realizzata in assenza del titolo abilitativo. In particolare,secon- 4 Sulle quali amplius CASU,RAITI, Condono edilizio e attivitaá negoziale,inquaderni di Notariato, Milano, 1999.

13 INQUADRAMENTO GIURISPRUDENZIALE E DOTTRINALE do parte della giurisprudenza «il contratto di appalto diretto alla costruzione di un'opera edilizia senza la prescritta licenza o concessione eá nullo ``ab origine'' per illiceitaá dell'oggetto,derivante dal contrasto con norme imperative,cioeá con gli artt. 31 e 41,l. urbanistica ,n (anche nel testo modificato con l , n. 765,artt. 10 e 13). Quale conseguenza della asserita nullitaá, secondo il citato orientamento,l'appaltatore non puoá pretendere in forza del contratto nullo ex artt e 1418 c.c. il pagamento del corrispettivo pattuito qualora egli,con l'ordinaria diligenza,avrebbe potuto avere conoscenza della reale situazione attraverso una indagine conoscitiva presso gli uffici del locale comune». Dalla suddetta nullitaá discende l'inesistenza del diritto dell'appaltatore al corrispettivo pattuito (Cass.,sez. I, ,n. 9508,Contr.,1999, 12,1131; Cass.,sez. II, ,n. 4640,RFI, 1991, Appalto, 14). Secondo un orientamento piuá recente della Suprema Corte,in caso di nullitaá del contratto di appalto per assenza del titolo abilitativo,il committente,anche se non deve corrispondere il corrispettivo pattuito,ha comunque l'obbligo di pagare un importo a titolo di indebito arricchimento. Il vincolo sussiste anche se il diritto sull'immobile abusivamente costruito eá solo precario percheâ sullo stesso pende,o l'autoritaá puoá ancora emettere,un ordine di demolizione (Cass.,sez. II, ,n. 2884,VN, 2002,307; Cass., sez. II, ,n ,GDir, 2003,39,51). Da tener distinta dalla mancanza del titolo abilitativo eá la mancanza del certificato di agibilitaá. E Á pacifico che,in caso di compravendita di un immobile,il venditore eá tenuto a consegnare fra i vari documenti, ex art c.c., quando si tratta di immobili ad uso di civile abitazione,anche il certificato di agibilitaá. La mancanza di tale certificato costituisce un ostacolo insormontabile all'utilizzabilitaá della cosa anche nel caso del contratto di appalto; tale mancanza non determina peroá la nullitaá del contratto ma potrebbe al piuá configurare un inadempimento contrattuale che puoá dare luogo alla risoluzione del negozio o porsi,piuá spesso e piuá limitatamente,come fonte di obbligazione risarcitoria per il fatto stesso di essere stato oggetto di consegna un immobile privo dei titoli previsti dalla legge. 5

14 1 Gli elementi del contratto di appalto: le scelte contrattuali in fase di redazione La nullitaá de qua non sussiste con riguardo a contratti attinenti alla semplice progettazione dell'opera,contratti che,avendo per oggetto soltanto una prestazione di opera intellettuale,hanno una funzione ed efficacia del tutto autonoma e indipendente dalla esecuzione dell'opera (Cass., ,n. 4773; Cass.,sez. II, ,n. 783,RFI, 1987, Appalto, 35). In tema di appalto di opere pubbliche,la giurisprudenza ha ritenuto che «ove l'opera contrasti con le previsioni degli strumenti urbanistici,la mancanza della concessione edilizia rende il contratto nullo ab origine, per violazione di norme imperative,anche se essa agisce come impossibilitaá sopravvenuta, percheâ successiva alla conclusione del contratto e anteriormente all'inizio dei lavori» (Cass., ,n. 1052). Conforme alla giurisprudenza di legittimitaá eá anche la giurisprudenza di merito. Di particolare rilievo eá una recente sentenza della Corte d'appello di Napoli secondo la quale nemmeno a nulla rileva il successivo provvedimento di concessione in sanatoria,in quanto la nullitaá, una volta verificatasi,anche se non ancora dichiarata,impedisce sin dall'origine al contratto di produrre gli effetti suoi propri e ne rende inammissibile anche la convalida ai sensi dell'art c.c. (A. Napoli,sez. III, ; nello stesso senso T. Nuoro, , RFI, 1994, Appalto, n. 28; T. Cagliari, , RFI, 1990, Appalto, n. 11). Dal punto di vista soggettivo,la giurisprudenza ha ritenuto che «non appare corrispondente all'ordinaria diligenza,ai fini dell'art c.c.,concludere un contratto di appalto di costruzione in assenza di certezza sull'esito della relativa domanda di concessione ad aedificandum» (T. Crema, ,n. 28). 3. LA DEDUCIBILITA Á IN CONTRATTO DEL RILASCIO DEL TITOLO ABILITATIVO: LA QUESTIONE DELLA FINZIONE DI AVVERAMENTO. 6 La mancanza del permesso di costruire,come si vedraá meglio di seguito,non impedisce la stipula del contratto di appalto qualora il rilascio del titolo abilitativo venga dedotto in condizione.

15 INQUADRAMENTO GIURISPRUDENZIALE E DOTTRINALE In proposito,la giurisprudenza ha ritenuto che l'art c.c. ± a norma del quale la condizione si ha per avverata se eá mancata per causa imputabile alla parte interessata al non avveramento ± si applica anche quando l'evento futuro sia il rilascio di una concessione amministrativa,ove risulti accertato che,senza il comportamento della parte suddetta,la concessione sarebbe stata emanata (Cass.,sez. II, ,n. 2168,Contr.,1998,6,553). In senso parzialmente diverso si eá pronunciata altra parte della giurisprudenza di legittimitaá secondo la quale «quando l'efficacia (o la risoluzione) di un contratto sia subordinata ad un avvenimento futuro e incerto (n.d.r. il rilascio del permesso di costruire), il comportamento di una parte che,avendone l'interesse abbia impedito l'evento,assume rilievo,ai sensi dell'art c.c.,solo se la condizione eá apposta nell'interesse dell'altra parte,in quanto nell'ipotesi di condizione bilaterale entrambi i contraenti hanno necessariamente interesse a che la condizione,pattuita a favore di ciascuno di essi,si avveri (Cass.,sez. II, ,n. 4178, MGI, 1998; Cass.,sez. II, ,n ,MGI, 1996; Cass., sez. II, ,n. 5975,Rass. DC, 1994,831; Cass., , n. 3936, MGI, 1983). & 4. GLI ORIENTAMENTI DELLA DOTTRINA. Indirizzi dottrinali La dottrina segue all'unisono l'orientamento giurisprudenziale suesposto ritenendo,in particolare,che la ratio della nullitaá per illiceitaá sia da rinvenire nel contrasto con le norme imperative che impongono il preventivo rilascio del titolo abilitativo. Degna di nota eá la circostanza che alcuni autori sostengano che tale nullitaá trovi la sua giustificazione nella illiceitaá della causa del contratto e non del suo oggetto. In proposito,deve anzitutto rilevarsi che quante volte risulta illecita la causa,anche l'oggetto eá illecito. Se difatti la causa del contratto consiste nella funzione economico-sociale concretamente assolta dal negozio,allora vuol dire che «essa risulteraá sempre dalla combinazione delle prestazioni che individuano la proiezione funzionale del bene della vita su cui il contratto incide, con la conseguenza che 7

16 1 Gli elementi del contratto di appalto: le scelte contrattuali in fase di redazione illiceitaá della causa ed illiceitaá dell'oggetto, seppur logicamente distinguibili, finiranno nella sostanza col coincidere» 5. Non cosõá saraá a dire per l'inversa ipotesi,giaccheâ l'accertata illiceitaá dell'oggetto non sempre implica l'illiceitaá della causa. CosõÁ nella fattispecie che ci occupa,ove le parti nel concludere il contratto di appalto ignorino la circostanza del mancato rilascio del titolo abilitativo,dovraá negarsi la nullitaá del negozio sotto il profilo dell'illiceitaá della causa,posto che lo scopo pratico economico-individuale del contratto non eá la realizzazione di un immobile abusivo. Il negozio,tuttavia,resta nondimeno nullo per la illiceitaá dell'oggetto stante il contrasto oggettivo dell'attivitaá spiegata dalle parti con le disposizioni di cui alla l. n. 1150/1942 (c.d. legge urbanistica generale) e della l. n. 765/1967 (c.d. legge ponte). In mancanza del permesso di costruire,la dottrina ritiene che comunque si possa perfezionare un contratto di appalto avente per oggetto un immobile da costruire purcheâ si subordini l'efficacia di detto contratto alla condizione sospensiva del rilascio del titolo abilitativo. Queste conclusioni ripropongono il tema della c.d. condizione legale.in questo tipo di condizione gli eventi che possono determinare l'avveramento o il non avveramento sono sottratti alla volontaá delle parti,in quanto trovano la loro fonte nell'ordinamento. E Á opportuno osservare come nella pratica sia molto difficile trovarsi di fronte ad una mera condizione di diritto. Spesso esse sono condizioni legali legate,percheâ si verifichino o vengano meno,a comportamenti volontari di una parte del negozio. Nel caso che ci occupa,la condizione legale del rilascio del permesso di costruire,percheâ possa verificarsi,richiede necessariamente la collaborazione del privato. Assai controversa,in dottrina e in giurisprudenza,eá la questione dell'applicabilitaá della finzione di avveramento alle condizioni legali. Da un lato la giurisprudenza eá orientata nel senso dell'inapplicabilitaá vista l'essenzialitaá, in questo caso,dell'esistenza dell'evento 8 5 DE SIATI, Diritto all'indennizzo in favore del costruttore nell'ipotesi di appalto immobiliare relativo a edificio abusivo, UA, 2002, 6, 659.

17 CASISTICA condizionante per l'attuazione degli effetti giuridici della fattispecie; la condicio iuris, infatti,consiste in eventi che hanno la loro fonte nell'ordinamento giuridico e non,come accade nelle condizioni volontarie,nell'autonomia negoziale. Non manca,peroá, chi ritiene che l'art c.c. costituisca una regola generale che puoá operare anche nel campo della condizione legale. Aderendo all'impostazione che considera inapplicabile il rimedio dell'art c.c.,qualora l'avveramento della condizione mancasse per fatto imputabile alla parte che aveva interesse contrario, opereranno rimedi alternativi che ``sanzioneranno'' ugualmente il contraente che ha impedito ± violando la normativa di correttezza degli artt e 1175 c.c. ± il verificarsi della condizione. Tali rimedi saranno la risoluzione per inadempimento ed il risarcimento danni. & CASO 1±LA REDAZIONE DI UN CONTRATTO DI APPALTO IN ASSENZA DI PERMESSO DI COSTRUIRE CASISTICA FATTI L'impresa edile ``Alfa s.r.l.'' richiede la redazione di un contratto di appalto privato con l'impresa individuale Beta. DOMANDE DELLE PARTI Il legale viene incaricato di specificare in modo analitico le obbligazioni assunte dalle parti,con riferimento anche ad eventuali future modifiche nel prezzo dei materiali,e di indicare la soluzione che garantisca meglio i loro interessi in assenza dei necessari provvedimenti amministrativi. PARTICOLARITA Á DEL CASO La fattispecie in esame consente di affrontare le questioni della possibilitaá della stipula di un contratto di appalto in assenza del permesso di costruire e della deducibilitaá in condizione del rilascio del titolo abilitativo. Indice dei contenuti: a) Indicazione dei lavori. b) Il corrispettivo dell'appalto e la possibilitaá di revisione. c) Il direttore dei lavori. d) I diritti e gli obblighi delle parti in sede di esecuzione. e) Tempi di esecuzione,verifica, collaudo e consegna dell'opera. f) La condicio iuris. g) Il subappalto. h) Lo scioglimento del contratto. i) L'elezione di domicilio. 9

18 1 Gli elementi del contratto di appalto: le scelte contrattuali in fase di redazione Il legale incaricato della redazione del contratto di appalto,stante l'orientamento della giurisprudenza unanime,al fine di tutelare le parti e di evitare l'applicazione della sanzione civilistica della nullitaá, avraá cura di rendere edotte le parti della possibilitaá dell'apposizione di una condizione sospensiva (secondo lo schema dell'art c.c.) e precisamente della condizione sospensiva del rilascio del permesso di costruire. Nella redazione del contratto si eá specificato che nel caso in cui il permesso di costruire non venga rilasciato,la condizione deve intendersi mancata,espressamente esclusa l'applicazione dell'art c.c.,non essendo possibile,come detto,la produzione degli effetti del contratto di appalto in difetto dei provvedimenti amministrativi necessari. Di seguito,si indicheranno le clausole che eá necessario e/o opportuno vengano inserite nel contratto. 10 a) INDICAZIONE DEI LAVORI. Art. 1 del contratto di appalto Nella redazione di ogni contratto di appalto eá bene indicare con precisione i lavori da eseguire. SaraÁ opportuno allegare la planimetria e gli elaborati progettuali previa visione delle parti. Gli elaborati dovranno essere messi a disposizione anche del direttore dei lavori percheâ possa compiutamente valutarli ai fini dell'accettazione dell'incarico. Il progetto puoá essere sommario (o di massima) quando prevede solo le linee essenziali per una individuazione dell'opera da eseguire,mentre prende il nome di esecutivo se offre lo sviluppo analitico e completo dell'opera con tutti i dati necessari alla sua concreta attuazione. L'art. 4,lett. a),l ,n. 1086,in materia di opere in cemento armato e a struttura metallica,prevede che dal progetto esecutivo debbano evincersi in modo chiaro ed esauriente l'ubicazione,il tipo,le dimensioni delle strutture e quanto consenta comunque di definire chiaramente l'opera. Nel contratto di appalto privato la legge non dice quale parte sia onerata della redazione del progetto,per cui sono fondamentali al riguardo le pattuizioni contrattuali.

19 CASISTICA Se,come nel caso di specie,il committente non incarica l'appaltatore della redazione del progetto,questi saraá limitato nella sua autonomia imprenditoriale in quanto dovraá strettamente attenersi alle disposizioni progettuali,salvo che non vi riscontri difetti. b) IL CORRISPETTIVO DELL'APPALTO E LA POSSIBILITA Á DI REVISIONE. Art. 2 del contratto di appalto Quanto al pagamento del corrispettivo dell'appalto,si eá precisato che esso debba avvenire a stati di avanzamento consentendo cosõá al committente il controllo sulle singole fasi di esecuzione. Trattasi di obbligazione di valuta che,in quanto tale,soggiace al principio nominalistico,con la conseguenza che la sopravvenuta svalutazione monetaria non comporta l'adeguamento automatico del credito. Quanto alle modalitaá di determinazione del prezzo,puoá suggerirsi alle parti,come normalmente accade nella prassi,di convenire il pagamento in relazione al corpo dell'immobile e non alla sua misura (cfr. amplius artt e 1538 c.c.). Per agevolare l'esecuzione del contratto si eá ritenuto utile inserire una previsione in forza della quale,pur in mancanza di tutte le finiture,il committente si obbliga a prendere in consegna l'opera salvo il diritto di detrarre dalla residua somma da pagarsi una somma predeterminata da corrispondersi ad ultimazione delle suddette rifiniture. Da ultimo il richiamo all'art c.c.: come noto,la norma in esame si pone per un verso quale eccezione al principio dell'invariabilitaá del prezzo e,per altro verso,quale norma speciale rispetto all'art c.c.,a differenza del quale non prevede il rimedio della risoluzione del contratto,bensõá la sola revisione del prezzo. E Á bene ricordare che la norma concerne solo le cause naturali,oltre che l'aumento nel costo dei materiali o della mano d'opera, che,usando la diligenza e perizia media,non fossero prevedibili al momento di conclusione del contratto di appalto. Il diritto dell'appaltatore all'aggiornamento dei prezzi deve ritenersi elemento naturale del contratto di appalto il quale,in quanto tale,non deve essere espressamente previsto in sede di stipula del contratto (anche se una previsione ad hoc sembra opportuna al fine di evitare potenziali controversie),ferma restando la facoltaá 11

20 1 Gli elementi del contratto di appalto: le scelte contrattuali in fase di redazione delle parti di accordarsi per la sua esclusione o per una diversa disciplina della fattispecie. In dottrina si eá rilevato che tra i possibili fatti imprevedibili vi eá la svalutazione monetaria,nel limite della misura in cui essa si eá discostata dal suo normale andamento. Sempre al fine di ridurre le possibili contestazioni,si eá ritenuto utile introdurre una deroga quantitativa al disposto dell'art c.c.,innalzando ad un quinto la soglia della variazione del costo dei materiali o della mano d'opera utile per chiedere la revisione del corrispettivo pattuito. 12 c) IL DIRETTORE DEI LAVORI. Art. 3 del contratto di appalto E Á stata inserita in contratto la nomina di un direttore lavori a controllo della corretta esecuzione dei lavori e lo si eá chiamato alla stipula per l'accettazione dell'incarico. La previsione di un direttore dei lavori eá facoltativa negli appalti privati ed eá, al contrario, obbligatoria negli appalti pubblici. Quella del direttore lavori eá una figura preposta alla direzione ed al controllo tecnico,contabile e amministrativo dell'esecuzione dell'intervento nel rispetto delle disposizioni e degli impegni contrattuali e di progetto. Il direttore dei lavori,infatti,all'atto dell'assunzione dell'incarico,deve prendere esatta cognizione di tutti gli elaborati progettuali e del contratto. Nei casi in cui la dimensione dell'appalto lo richieda,eá organizzato un ufficio di direzione dei lavori,ovvero una struttura articolata composta da piuá unitaá che puoá essere costituita dal direttore dei lavori,dal direttore operativo e dall'ispettore di cantiere,ognuno con compiti specifici. Oltre alle funzioni precedentemente definite,al direttore dei lavori fanno carico tutte le attivitaá ed i compiti allo stesso espressamente demandati dalla legge e anche quelli di: ± verificare periodicamente il possesso e la regolaritaá da parte dell'appaltatore della documentazione prevista dalle leggi vigenti in materia di obblighi nei confronti dei dipendenti; ± curare la costante verifica di validitaá del programma di manutenzione,dei manuali d'uso e di manutenzione,modificandone e aggiornandone i contenuti a lavori ultimati.

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli,

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, 1) OPERE EDILI MAL ESEGUITE Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, dal 1667 al 1673 (vedi di seguito), proprio al problema della "difformità

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto

Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto Le Guide per il Cittadino Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto di compravendita immobiliare Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Cittadinanzattiva Confconsumatori

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 Roma, 8 gennaio 2004 Alle Direzioni Regionali del Lavoro - LORO SEDI Alle

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

DOSSIER GLI ONERI DI COSTRUZIONE

DOSSIER GLI ONERI DI COSTRUZIONE DOSSIER GLI ONERI DI COSTRUZIONE L'esecuzione di interventi edilizi è onerosa: il titolare del permesso abilitativo deve infatti versare alla pubblica amministrazione un contributo equivalente al costo

Dettagli

Commissione Protocolli. Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie

Commissione Protocolli. Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie Commissione Protocolli Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie In caso di contratti di finanziamento tra Istituti di Credito e soggetti qualificabili come "consumatori", il Notaio, pur in

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli