PROCEDURA OPERATIVA INFORTUNI ALUNNI E PERSONALE DELLA SCUOLA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURA OPERATIVA INFORTUNI ALUNNI E PERSONALE DELLA SCUOLA"

Transcript

1 PROCEDURA OPERATIVA INFORTUNI ALUNNI E DELLA SCUOLA SCOPO: rendere chiare ed uniformi le modalità di denuncia di eventuali infortuni. CAMPO DI APPLICAZIONE 1 : la procedura si applica agli INFORTUNI ALUNNI FA AZIONI DOCUMENTI RESPONSABILE TEMPI Prestare assistenza all alunno e dare immediata 1 notizia di qualsiasi infortunio accade, anche lieve, al Dirigente Scolastico o al collaboratore vicario 5 1 1!" #$%&'!(() #*#+,-)+., #//00/* #)+,))*')+,+. 5%!(()#!(()&## :$';;;# %#;;;# %#<# Intervento dell addetto Pronto Soccorso interno alla scuola per valutare se è necessario l intervento del Il collaboratore scolastico del piano dove si è verificato l infortunio procede ad comunicare al personale della segretaria alunni il nominativo dell alunno La segreteria alunni procede ad avvisare i familiari Richiedere immediatamente alla famiglia il referto medico originale relativo all infortunio che deve essere inoltrato alla scuola mediante lettera di trasmissione dalla quale si possa desumere l orario di consegna della documentazione medica Stilare subito il modello di relazione e consegnarla in segreteria area alunni Gli infortuni di 1 giorno, escluso quello dell evento, dovranno essere segnalati, per fini statistici, all INAIL e all assicurazione scolastica mediante la trasmissione della relazione del docente e del referto medico Gli infortuni di giorni, escluso quello dell evento, dovranno essere segnalati entro giorni: all INAIL, alla P.S. (in mancanza ai C.C. o al Sindaco del Comune) e all assicurazione scolastica In caso di morte o pericolo di morte denuncia telegrafica all INAIL e denuncia diretta alla P.S. Devono essere annotati sul registro tutti gli infortuni che abbiano richiesto l intervento del e quelli che comportano un assenza di almeno 1 giorno escluso quello dell evento Predisporre un apposito fascicolo dell incidente dove deve essere custodita tutta la documentazione Ritirare sempre la documentazione relativa alla privacy Nel caso di richiesta di rientro in vigenza di prognosi, accertarsi che il Dirigente Scolastico, ne abbia dato l autorizzazione Nel caso in cui l infortunio guaribile entro giorni si prolunghi oltre il termine della denuncia decorre dal giorno si assunzione al protocollo del certificato medico attestante il prolungamento LETTERA DI TRASMISONE DEL ORIGINALE MODULO INFORTUNI ALUNNI DELL APPOTA TELEGRAMMA REGISTRO INFORTUNI INFORMATIVA PRIVACY E CONSENSO TRATTAMENTO DATI AUTORIZZAZIONE DIRIGENTE DELL APPOTA ADDETTO PRONTO LA RICHIESTA DELL INTERVENTO L INTERVENTO DELL ADDETTO AL PRONTO AVER RICEVUTO LA DAL DOPO L ASSTENZA ALL ALUN ENTRO ORE AL RIENTRO IN CLASSE DELL ALUN

2 DIAGRAMMA INFORTUNI ALUNNI FA INIZIO INFORTUNIO ALUN D.S. E ADDETTO PRONTO 1// INTERVENTO FAR RILASCIARE IL DALLA FAMIGLIA COMUNICARE ALLA FAMIGLIA E METTERE AGLI ATTI /5 RELAZIONE INFORTUNIO ALUNNI DEL SUPERIORE A 1 GIOR INAIL ASCURAZIONE SCOLASTICA REGISTRARE L INFORTUNIO NEL REGISTRO INFORTUNI : INAIL PS ASCURAZIONE SCOLASTICA ENTRO ORE IN CASO DI MORTE O PERICOLO DI MORTE ALL INAIL E ALLA P.S. // PREDIPSOZIONE FASCICOLO RITIRARE LA DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLA PRIVACY AUTORIZZAZIONE D.S IN CASO DI VIGENZA DI PROG 1 ESTENSTIONE DELLA PROG OLTRE I GG DENUNCIA DAL NUOVO CERTIFICATO MEDICO (FA //) 1

3 CAMPO DI APPLICAZIONE : la procedura si applica agli INFORTUNI ALUNNI E DURANTE LE VITE GUIDATE FA AZIONI DOCUMENTI RESPONSABILE TEMPI Prestare assistenza all infortunato e dare immediata 1 notizia di qualsiasi infortunio accade, anche lieve, PRESENTE al Dirigente Scolastico o al collaboratore vicario e ALL EVENTO alla famiglia dell alunno 5 Portare subito l alunno in ospedale o fare intervenire l autoambulanza e richiedere la documentazione medica Stilare subito il modello di relazione infortuni predisposto Trasmettere con urgenza via fax alla scuola la relazione e la documentazione medica con prognosi, da consegnare al rientro in originale alla segreteria area alunni; dalla lettera di trasmissione della suddetta documentazione si deve poter desumere l orario di consegna Segnalare l infortunio, qualsiasi sia la prognosi, all INAIL, alla P.S. (in mancanza ai C.C. o al Sindaco del Comune) e all assicurazione scolastica; per eventi accaduti in territorio estero l autorità di P.S. da considerare è quello del primo luogo di fermata in territorio italiano; se l infortunato è personale estraneo alla scuola non va fatta la comunicazione all INAIL. In caso di morte o pericolo di morte denuncia telegrafica all INAIL solo per il personale scolastico; per tutti va data immediata comunicazione alla P.S. Registrare l infortunio sull apposito registro Predisporre un apposito fascicolo dell incidente dove deve essere custodita tutta la documentazione Ritirare sempre la documentazione relativa alla privacy Nel caso di richiesta di rientro in vigenza di prognosi, accertarsi che il Dirigente Scolastico, ne abbia dato l autorizzazione Nel caso in cui l infortunio guaribile entro giorni si prolunghi oltre il termine della denuncia decorre dal giorno si assunzione al protocollo del certificato medico attestante il prolungamento RELAZIONE INFORTUNI RELAZIONE CERTIFICATO MEDICO CON PROG LETTERA DI TRASMISONE TELEGRAMMA REGISTRO INFORTUNI INFORMATIVA PRIVACY E CONSENSO TRATTAMENTO DATI AUTORIZZAZIONE DIRIGENTE DELL APPOTA ENTRO ORE RIENTRO AL LAVORO

4 DIAGRAMMA INFORTUNI ALUNNI E DURANTE LE VITE GUIDATE FA INIZIO INFORTUNIO ALUN D.S. E FAMIGLIA 1 ASSTENZA IN OSPEDALE O AUTOAMBULANZA RELAZIONE INFORTUNIO TRASMISONE DOCUMENTAZIONE ALLA SCUOLA ESTER ALLA SCUOLA PS E ASCURAZIONE SCOLASTICA ENTRO ORE IN CASO DI MORTE O PERICOLO DI MORTE ALLA P.S. REGISTRARE L INFORTUNIO NEL REGISTRO INFORTUNI ENTRO ORE: INAIL PS ASCURAZIONE SCOLASTICA ENTRO ORE IN CASO DI MORTE O PERICOLO DI MORTE ALL INAIL E ALLA P.S. 5/ PREDIPSOZIONE FASCICOLO RITIRARE LA DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLA PRIVACY AUTORIZZAZIONE D.S IN CASO DI VIGENZA DI PROG ESTENSTIONE DELLA PROG OLTRE I GG DENUNCIA DAL NUOVO CERTIFICATO MEDICO (FASE 5)

5 CAMPO DI APPLICAZIONE : la procedura si applica del IN SERVIZIO FA AZIONI DOCUMENTI RESPONSABILE TEMPI Prestare assistenza all infortunato e dare immediata 1 notizia di qualsiasi infortunio accade, anche lieve, PRESENTE al Dirigente Scolastico o al collaboratore vicario ALL EVENTO 5 Intervento dell addetto Pronto Soccorso interno alla scuola per valutare se è necessario l intervento del Il collaboratore scolastico del piano dove si è verificato l infortunio procede ad comunicare al personale della segretaria alunni il nominativo dell infortunato La segreteria procede ad avvisare i familiari Richiedere immediatamente alla famiglia il referto medico originale relativo all infortunio che deve essere inoltrato alla scuola mediante lettera di trasmissione dalla quale si possa desumere l orario di consegna della documentazione medica Far stilare il modello di relazione e consegnarla in segreteria area alunni Gli infortuni devono essere segnalati entro giorni: all INAIL e alla P.S. (in mancanza ai C.C. o al Sindaco del Comune) e all assicurazione scolastica In caso di morte o pericolo di morte denuncia telegrafica all INAIL e alla P.S. Annotare l infortunio sull apposito registro Predisporre un apposito fascicolo dell incidente dove deve essere custodita tutta la documentazione Ritirare sempre la documentazione relativa alla privacy LETTERA DI TRASMISONE DEL ORIGINALE MODULO INFORTUNI DELL APPOTA TELEGRAMMA REGISTRO INFORTUNI INFORMATIVA PRIVACY E CONSENSO TRATTAMENTO DATI ADDETTO PRONTO INFORTUNATO LA RICHIESTA DELL INTERVENTO L INTERVENTO DELL ADDETTO AL PRONTO AVER RICEVUTO LA DAL DOPO L ASSTENZA ALL ALUN ENTRO ORE Nel caso di richiesta di rientro in vigenza di prognosi, accertarsi che il Dirigente Scolastico, ne abbia dato l autorizzazione AUTORIZZAZIONE DIRIGENTE ASSTENZI AREA RIENTRO AL LAVORO

6 DIAGRAMMA INFORTUNI IN SERVIZIO FA INIZIO INFORTUNIO D.S. E ADDETTO PRONTO 1// INTERVENTO FAR RILASCIARE IL DALLA FAMIGLIA COMUNICARE ALLA FAMIGLIA E METTERE AGLI ATTI /5 RELAZIONE INFORTUNIO : INAIL PS ASCURAZIONE SCOLASTICA / ENTRO ORE IN CASO MORTE O PERICOLO DI MORTE ALL INAIL E ALLA P.S. REGISTRARE L INFORTUNIO NEL REGISTRO INFORTUNI PREDIPSOZIONE FASCICOLO RITIRARE LA DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLA PRIVACY AUTORIZZAZIONE D.S IN CASO DI VIGENZA DI PROG

7 CAMPO DI APPLICAZIONE : la procedura si applica del ESTRANEO ALL INTER DELLA SCUOLA FA AZIONI DOCUMENTI RESPONSABILE TEMPI Prestare assistenza all infortunato e dare immediata 1 notizia di qualsiasi infortunio accade, anche lieve, PRESENTE al Dirigente Scolastico o al collaboratore vicario ALL EVENTO 5 Intervento dell addetto Pronto Soccorso interno alla scuola per valutare se è necessario l intervento del Il collaboratore scolastico del piano dove si è verificato l infortunio procede ad comunicare al personale della segretaria alunni il nominativo dell infortunato La segreteria procede ad avvisare i familiari Richiedere immediatamente alla famiglia il referto medico originale relativo all infortunio che deve essere inoltrato alla scuola mediante lettera di trasmissione dalla quale si possa desumere l orario di consegna della documentazione medica Far stilare il modello di relazione e consegnarla in segreteria area alunni Gli infortuni devono essere segnalati entro giorni: all Assicurazione Scolastica, e alla P.S. (in mancanza ai C.C. o al Sindaco del Comune) ed eventualmente alla ditta presso la quale lavora In caso di morte o pericolo di morte denuncia diretta all autorità di P.S. Annotare l infortunio sull apposito registro Predisporre un apposito fascicolo dell incidente dove deve essere custodita tutta la documentazione Ritirare sempre la documentazione relativa alla privacy LETTERA DI TRASMISONE DEL ORIGINALE MODULO INFORTUNI ADATTATO DELL APPOTA TELEGRAMMA REGISTRO INFORTUNI INFORMATIVA PRIVACY E CONSENSO TRATTAMENTO DATI ADDETTO PRONTO INFORTUNATO LA RICHIESTA DELL INTERVENTO L INTERVENTO DELL ADDETTO AL PRONTO AVER RICEVUTO LA DAL DOPO L ASSTENZA ENTRO ORE Nel caso in cui l infortunato opera all interno della scuola ma titolare di altra ditta, accertarsi, in caso di richiesta di rientro in vigenza di prognosi, che il Dirigente della ditta, ne abbia dato l autorizzazione AUTORIZZAZIONE DIRIGENTE ASSTENZI AREA AL RIENTRO

8 DIAGRAMMA INFORTUNI ESTRANEO ALL INTER DELLA SCUOLA FA INIZIO INFORTUNIO D.S. E ADDETTO PRONTO 1// INTERVENTO FAR RILASCIARE IL DALLA FAMIGLIA COMUNICARE ALLA FAMIGLIA E METTERE AGLI ATTI /5 RELAZIONE INFORTUNIO : PS ASCURAZIONE SCOLASTICA ENTRO ORE IN CASO MORTE O PERICOLO DI MORTE ALLA P.S. / REGISTRARE L INFORTUNIO NEL REGISTRO INFORTUNI PREDIPSOZIONE FASCICOLO RITIRARE LA DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLA PRIVACY N APPARTENENTE ALLA SCUOLA MA OPERANTE IN AUTORIZZAZIONE DEL TITOLARE DELLA DITTA IN CASO DI VIGENZA DI RIENTRO

CIRCOLARE N.106/14-15

CIRCOLARE N.106/14-15 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO TIVOLI 1-TIVOLI CENTRO VIA DEL COLLEGIO 2-00019 TIVOLI (RM) TEL 0774-312194-314549

Dettagli

CIRCOLARE N. 20 OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. -

CIRCOLARE N. 20 OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. - REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "SALVATORE TODARO" Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria

Dettagli

DIRETTIVA DIRIGENZIALE OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. -

DIRETTIVA DIRIGENZIALE OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. - DISTRETTO SCOLASTICO N. 27 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO G. Rodari 80024 CARDITO (NA) - Via Prampolini - Tel. 081 8313317 Cod.Fiscale: 80103720639-Cod.Meccanog. NAEE 118005 e-mail naee118005@istruzione.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE GREGORIO RONCA ISO 9001/UNI EN ISO 9001 Ed. 2000 cert. N IT 03/ 0419 Sede centrale Solofra

Dettagli

Circolare n. 16 Falconara M.ma 12/10/2015. Al Personale Docente e ATA All Albo d Istituto

Circolare n. 16 Falconara M.ma 12/10/2015. Al Personale Docente e ATA All Albo d Istituto Circolare n. 16 Falconara M.ma 12/10/2015 Al Personale Docente e ATA All Albo d Istituto OGGETTO: D. Lgs. 81/2008. Sicurezza a scuola. INFORTUNI: gestione e disciplina. 1) Infortunio/malore ad alunno:

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 A. S. 2015/16

CIRCOLARE N. 42 A. S. 2015/16 Ai docenti Al personale ATA e al DSGA CIRCOLARE N. 42 A. S. 2015/16 Oggetto: PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI Facendo seguito al Regolamento di Istituto deliberato nella sua nuova versione dal

Dettagli

LISTA DI DISTRIBUZIONE

LISTA DI DISTRIBUZIONE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMILOGIA E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITA 5. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONE 8. ALLEGATI LISTA DI DISTRIBUZIONE nome/funzione Preside

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

PR_MP6_02 INFORTUNI ALUNNI E PERSONALE

PR_MP6_02 INFORTUNI ALUNNI E PERSONALE Pagina 1 di 6 PR_MP6_02 INFORTUNI ALUNNI E PERSONALE revisione data Descrizione modifiche Redazione e verifica Approvazione 0 3/7/03 Prima emissione RSGQ 1 20/3/06 Aggiornamento riferimenti documentazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni CIRCOLARE N 088 [CIRC_088 - tutti - Infortuni Gestione e disciplina] Terni, li 23 settembre

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Comprensivo R. FUSARI Via A. De Gasperi, 30 26823 Castiglione d Adda (LO) - Tel. 0377900482 Fax 0377901508 www.iccastiglione.gov.it C.F.82503260158C.M.LOIC80800N

Dettagli

Ufficio Programmazione Risorse Umane. Circolari e Documenti vari sui Cotratti prestazione d'opera (ex art.2222)

Ufficio Programmazione Risorse Umane. Circolari e Documenti vari sui Cotratti prestazione d'opera (ex art.2222) Ufficio Programmazione Risorse Umane Circolari e Documenti vari sui Cotratti prestazione d'opera (ex art.2222) Ufficio Personale Siena, 26 SET. 2000 Ai Presidi di Facoltà Ai Direttori di Dipartimento Ai

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

SEGRETERIA STUDENTI. Indice

SEGRETERIA STUDENTI. Indice SEGRETERIA STUDENTI Indice INDICE... 1 DEFINIZIONE DI PROCESSO... 2 INTERAZIONI CON GLI ALTRI PROCESSI... 2 ACRONIMI... 2 MODULI INTRODOTTI E MODALITÀ DI ARCHIVIAZIONE... 6 DATI DI EMISSIONE... 6 Rev.

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA 02 30/09/2006 SOMMARIO

PROCEDURA GESTIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA 02 30/09/2006 SOMMARIO Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RESPONSABILITÀ...2 3 FLOW ATTIVITÀ...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 4 RACCOLTA DATI E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONEERRORE. IL SEGNALIBR

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOVANNI XXIII SAN FERDINANDO DI PUGLIA, 16-10-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOVANNI XXIII SAN FERDINANDO DI PUGLIA, 16-10-2015 DIRETTIVA 5 PROT. 2910 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOVANNI XXIII SAN FERDINANDO DI PUGLIA, 16-10-2015 A: PERSONALE SCOLASTICO, ALUNNI, FAMIGLIE DSGA ALBO DELL ISTITUTO, ALBO DEL SITO WEB DIRETTIVA INFORTUNI

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... CAMPO DI APPLICAZIONE... SCOPO... ISTRUZIONE OPERATIVA PER CORSI DI STUDIO, MASTER, SCUOLA SPECIALIZZAZIONE...

SOMMARIO PREMESSA... CAMPO DI APPLICAZIONE... SCOPO... ISTRUZIONE OPERATIVA PER CORSI DI STUDIO, MASTER, SCUOLA SPECIALIZZAZIONE... SOMMARIO PREMESSA... CAMPO DI APPLICAZIONE... SCOPO... ISTRUZIONE OPERATIVA PER CORSI DI STUDIO, MASTER, SCUOLA SPECIALIZZAZIONE... DIAGRAMMA DI FLUSSO PER CORSI DI STUDIO, MASTER, SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO IL D.Lgs. 81/2001. STUDIO CONSICUR dott. Luca Vincenzo Fanesi

IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO IL D.Lgs. 81/2001. STUDIO CONSICUR dott. Luca Vincenzo Fanesi L obbligo della denuncia infortunio e malattia professionale Il registro infortuni LA TUTELA ASSICURATIVA SUI LUOGHI DI LAVORO IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO IL D.Lgs. 81/2001 STUDIO CONSICUR dott. Luca

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

Gestione servizio di segreteria (Processo di Supporto)

Gestione servizio di segreteria (Processo di Supporto) Istituto Comprensivo E. Curti di Gemonio Gestione servizio di segreteria (Processo di Supporto) Codice PQ 043 Modalità di distribuzione Copia non controllata Copia controllata numero 1 consegnata a: Dirigente

Dettagli

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI

PROCEDURA DEL SISTEMA QUALITA. NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E SICUREZZA DEGLI ALUNNI NORME UNI EN ISO 9001:2008 Data 28/01/2015 Pag. 1 di 6 CONTROLLO E DEGLI ALUNNI Indice 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA' 4. PROCEDURA 4.1 Rilascio del diario 4.2 Assenze 4.2.1 Assenze

Dettagli

F.A.Q. DOMANDE FREQUENTI (breve guida alle denunce infortuni rimborso spese mediche responsabilità)

F.A.Q. DOMANDE FREQUENTI (breve guida alle denunce infortuni rimborso spese mediche responsabilità) F.A.Q. DOMANDE FREQUENTI (breve guida alle denunce infortuni rimborso spese mediche responsabilità) I N D I C E 1. Cos è l infortunio e quando possiamo dire di essere di fronte ad un infortunio? 2 2. Quando

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA DSA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA DSA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA DSA In attesa dei decreti attuativi della legge N. 170 8 Ottobre 2010, la nostra scuola si è così organizzata in materia di DSA. LA COMMISSIONE DSA IL CLINICO OGNI SINGOLO DOCENTE

Dettagli

KIT SINISTRI Assicuratrice Milanese

KIT SINISTRI Assicuratrice Milanese KIT SINISTRI Assicuratrice Milanese Gestione del rischio scolastico COSA DEVE FARE LA SCUOLA? GESTIONE DEI SINISTRI SE IL SINISTRO AVVIENE A SCUOLA O DURANTE ATTIVITÀ CHE COMPORTANO LA PRESENZA DI PERSONALE

Dettagli

POS_23 PROCEDURA PER LA DICHIARAZIONE INFORTUNI STUDENTI E SOGGETTI AD ESSI EQUIPARATI

POS_23 PROCEDURA PER LA DICHIARAZIONE INFORTUNI STUDENTI E SOGGETTI AD ESSI EQUIPARATI Pagina 1 di 6 PROCEDURA PER LA DICHIARAZIONE INFORTUNI STUDENTI E SOGGETTI AD ESSI EQUIPARATI LF Pagina 1 di 6 Pagina 2 di 6 SCOPO La presente Procedura costituisce MODALITÀ DI COMUNICAZIONE DEGLI INFORTUNI

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

Testo aggiornato affisso Prot. 1270 del 29/01/2013 all Albo il 29/01/2013 REGOLAMENTO DEL TIROCINIO

Testo aggiornato affisso Prot. 1270 del 29/01/2013 all Albo il 29/01/2013 REGOLAMENTO DEL TIROCINIO Testo aggiornato affisso Prot. 1270 del 29/01/2013 all Albo il 29/01/2013 REGOLAMENTO DEL TIROCINIO (II Stralcio della bozza di Regolamento degli studenti approvato con delibera del Consiglio Accademico

Dettagli

GESTIONE DEGLI INFORTUNI

GESTIONE DEGLI INFORTUNI GESTIONE DEGLI INFORTUNI - MODALITA OPERATIVE - Introduzione Nota per Medici Specializzandi - Recapiti utili Cosa fare in caso di infortunio con prognosi da 0 a 3 giorni o Eventuali riscontri di malattie

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO: REGIO DECRETO L. n. 30/1898 ISTITUISCE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO: REGIO DECRETO L. n. 30/1898 ISTITUISCE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO NORMATIVA DI RIFERIMENTO: REGIO DECRETO L. n. 30/1898 ISTITUISCE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO (DA CUI SUCCESSIVAMENTE NASCE L INAIL) DPR 547/1955 NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

SEZIONE I Scopo, Campo di applicazione, Riferimenti normativi e abbreviazioni e definizioni

SEZIONE I Scopo, Campo di applicazione, Riferimenti normativi e abbreviazioni e definizioni LICEO SCIENTIFICO STATALE "ALDO MORO" Via XX Settembre, 5-42100 REGGIO EMILIA Tel. 0522/517384 0522/511699 0522/921955 Fax 0522/ 922077 Cod. Fisc. 80016270359 E MAIL. segreteria@liceomoro.it - WEB: www.liceomoro.it

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità Istituto Superiore di Sanità Linea guida di Sicurezza N 4 PROCEDURA PER SEGNALAZIONE INFORTUNI INCIDENTI EMERGENZE VERSIONE DATA DI EMIS- SIONE PREPARATA DA 01 03/02/2011 SPP APPROVATA DA Lgs. N.4 Procedura

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NELLA ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO. Dott.ssa Antonina Sanna Maggio 2014

TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NELLA ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO. Dott.ssa Antonina Sanna Maggio 2014 TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NELLA ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Dott.ssa Antonina Sanna Maggio 2014 La normativa vigente D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. -Tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

Paolo Mascagni 21-06-14

Paolo Mascagni 21-06-14 Paolo Mascagni 21-06-14 EVENTI LESIVI DA CAUSA LAVORATIVA INFORTUNIO Evento avvenuto per causa violenta (concentrata nel tempo), in occasione di lavoro, da cui sia derivata la morte o un inabilità permanente

Dettagli

INAIL Direzione Regionale Lombardia. Le prestazioni INAIL

INAIL Direzione Regionale Lombardia. Le prestazioni INAIL INAIL Direzione Regionale Lombardia Le prestazioni INAIL 1 LE PRESTAZIONI ASSICURATIVE A FRONTE DEL PAGAMENTO DEL PREMIO ASSICURATIVO QUANDO SI VERIFICA UN EVENTO INDENNIZZABILE L INAIL EROGA DUE TIPI

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 36 DEL

Dettagli

P4 FORMAZIONE DEI. Formazione specifica dei lavoratori: GESTIONE INFORTUNI E PIANO DI PS

P4 FORMAZIONE DEI. Formazione specifica dei lavoratori: GESTIONE INFORTUNI E PIANO DI PS Formazione specifica dei lavoratori: GESTIONE INFORTUNI E PIANO DI PS P4 FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08 (art. 37) E ACCORDO STATO-REGIONI 21/12/2011 GESTIONE DEGLI INFORTUNI e INCIDENTI Occorre

Dettagli

MODULO DI DENUNCIA SINISTRO TESSERATI F.I.G.C. (DA COMPILARSI IN OGNI SUA SINGOLA VOCE IN STAMPATELLO) N. DOSSIER Contattare il numero verde 800 338168 per farsi comunicare il numero di dossier. DATI DELL

Dettagli

Vademecum ASSICURAZIONI 2007 Per informazioni tel. 06/68166222 fax 06/68166236 email: assicura@agesci.it

Vademecum ASSICURAZIONI 2007 Per informazioni tel. 06/68166222 fax 06/68166236 email: assicura@agesci.it Vademecum ASSICURAZIONI 2007 Per informazioni tel. 06/68166222 fax 06/68166236 email: assicura@agesci.it Contatti: Agesci Gabriella Valdroni Piazza Pasquale Paoli 18 00186 Roma tel 06/68166222 fax 06/68166236

Dettagli

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI (Approvato con delibera di C.C. n.34 del 37/11/2009 ) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO Pagina 1 di 5 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITÀ 4. PROCEDURA 4.1 Registro elettronico 4.1.1 Preparazione 4.1.2 Gestione 4.1.3 Istruzioni operative Prima emissione Gruppo Qualità Responsabile

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SCOLASTICO

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SCOLASTICO REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 09.04.2013 Pagina 1 SOMMARIO ART. 1 OGGETTO 3 ART. 2 MODALITA DI ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO 3 ART. 3 UTENTI

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale LICEO ERASMO DA ROTTERDAM Gestione del personale Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo Erasmo da Rotterdam PQ04gestione del personale_11_2010rev2 INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE

Dettagli

Prot. n. 16568 del 21/03/2014. Oggetto: Invio modulistica INAIL

Prot. n. 16568 del 21/03/2014. Oggetto: Invio modulistica INAIL Prot. n. 16568 del 21032014 Ai Medici 118 Oggetto: Invio modulistica INAIL Direttore Centrale Operativa 118 Via Roma 56 53100 SIENA tel. 0577 536853 fax 0577 536118 e-mail: si118@usl7.toscana.it Il medico

Dettagli

Assistenti Amministrativi. Sig.ra Neri Paola

Assistenti Amministrativi. Sig.ra Neri Paola Assistenti Amministrativi Sig.ra Neri Paola Gestione del Personale - Cura e gestione della trasmissione dei contratti del personale neo immesso in ruolo alla RGS; - Conferma in Ruolo, proroga periodo di

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CASTELLAMONTE Piazzale Di Vittorio, 2 10081 CASTELLAMONTE Telefono e Fax 0124515213 E@mail TOEE09100R@istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CASTELLAMONTE Piazzale Di Vittorio, 2 10081 CASTELLAMONTE Telefono e Fax 0124515213 E@mail TOEE09100R@istruzione. DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CASTELLAMONTE Piazzale Di Vittorio, 2 10081 CASTELLAMONTE Telefono e Fax 0124515213 E@mail TOEE09100R@istruzione.it VIAGGI D ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE Norme, Opportunità,

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Approvato con delibera Consiglio comunale n.36 del 29/09/2009 così come modificato con deliberazione di C.C. n.48 del 29/09/2014 SOMMARIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 10 VICENZA

ISTITUTO COMPRENSIVO 10 VICENZA ISTITUTO COMPRENSIVO 10 VICENZA Scuola dell infanzia Carlo Collodi REGOLAMENTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI La scuola è un ambiente educativo sereno, governato dal rispetto dei diritti e dei doveri di ognuno.

Dettagli

FASCICOLO INFORMATIVO PER INSEGNANTI E PERSONALE AMMINISTRATIVO

FASCICOLO INFORMATIVO PER INSEGNANTI E PERSONALE AMMINISTRATIVO www.ictramonti.org Autonomia Scolastica n. 24 Istituto Comprensivo Statale G. Pascoli Via Orsini - 84010 Polvica - Tramonti (SA)Tel e Fax. 089876220 - C.M. SAIC81100T - C.F. 80025250657 Email :saic81100t@istruzione.it-

Dettagli

KIT SINISTRI AIG EUROPE LIMITED

KIT SINISTRI AIG EUROPE LIMITED KIT SINISTRI AIG EUROPE LIMITED Gestione del rischio scolastico COSA DEVE FARE LA SCUOLA? GESTIONE DEI SINISTRI SE IL SINISTRO AVVIENE A SCUOLA O DURANTE ATTIVITÀ CHE COMPORTANO LA PRESENZA DI PERSONALE

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Prot. n. AOODRCA.REG.UFF. 3649/U Napoli, 20 maggio 2014 Ai Dirigenti Scolastici delle Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado della

Dettagli

SEDE di Via Massaua. Scuola Primaria.

SEDE di Via Massaua. Scuola Primaria. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato A alla delibera di C. C. n. 14 del 30.08.2012 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli

QUESTURA DI CHIETI UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

QUESTURA DI CHIETI UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO QUESTURA DI CHIETI UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REGOLAMENTO INTERNO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO E MISURE ORGANIZZATIVE SUL DIRITTO DI ACCESSO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento.

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO "MARCO EMILIO LEPIDO" Via Premuda 34 - REGGIO EMILIA Tel. e Fax. 0522/301282-0522/300221 E-mail: segretlep@tin.it (segreteria) - Sito internet: www.iclepido.gov.it Scuola Secondaria

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "ALDO MORO"

LICEO SCIENTIFICO STATALE ALDO MORO LICEO SCIENTIFICO STATALE "ALDO MORO" Via XX Settembre, 5-42124 REGGIO EMILIA Tel. 0522/517384-0522/511699 - Fax 0522/ 922077 Cod. Fisc. 80016270359 - C.M. REPS03000B e-mail: dsga@liceomoro.gov.it - segreteria@liceomoro.gov.it

Dettagli

PROCEDURE PER IL TESSERATO C.S.A.In. DA SEGUIRE IN CASO DI INFORTUNIO

PROCEDURE PER IL TESSERATO C.S.A.In. DA SEGUIRE IN CASO DI INFORTUNIO PROCEDURE PER IL TESSERATO C.S.A.In. DA SEGUIRE IN CASO DI INFORTUNIO La denuncia deve essere effettuata dall Assicurato o da chi ne fa le veci o eventuali aventi causa, entro 30 giorni dalla data dell

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA Entrata 8.10 8.15 Chiusura cancelli: 8.20 Ingresso Gli alunni non possono accedere nei locali scolastici se non 5 minuti prima dell inizio delle lezioni. L ingresso

Dettagli

REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI

REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI REGOLAMENTO E LINEE GUIDA ALL'INCENTIVAZIONE AI PRIVATI CITTADINI CHE ADOTTANO CANI RANDAGI RICOVERATI PRESSO I CANILI CONVENZIONATI ART.1-FINALITA'... ART.2-REQUISITI E DOMANDA PER L'AFFIDAMENTO DEGLI

Dettagli

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Pag. 1 di 8 Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Sommario GENERALITÀ... 2 STRUMENTI DI PRIMO SOCCORSO... 2 REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO... 3 GESTIONE PROCESSO DI PRIMO SOCCORSO...

Dettagli

INFORTUNI E PREVENZIONE

INFORTUNI E PREVENZIONE Analisi degli infortuni in ambito scolastico 3.3 CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Analisi del fenomeno infortunistico INFORTUNI E PREVENZIONE

Dettagli

Università Politecnica delle Marche Facoltà di Medicina e Chirurgia Polo Didattico di Ascoli Piceno

Università Politecnica delle Marche Facoltà di Medicina e Chirurgia Polo Didattico di Ascoli Piceno Università Politecnica delle Marche Facoltà di Medicina e Chirurgia Polo Didattico di Ascoli Piceno Procedura di gestione degli Infortuni sul lavoro Studenti Corso di Laurea in Infermieristica Elenco emissioni/approvazioni/revisioni

Dettagli

L INAIL nel TU della salute e sicurezza sul lavoro

L INAIL nel TU della salute e sicurezza sul lavoro L INAIL nel TU della salute e sicurezza sul lavoro D. Lgs. 81/08 D. Lgs. 106/2009 (decreto correttivo) Sede di Treviso dott. Antonio Salvati Ufficio Attività Istituzionali 1 Art. 9 c. 1 Enti pubblici con

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI Approvato con D.C.C. n. 2 in data 12-02-2015 Art.1 Il Comune di Roncaro volendo garantire nell ambito del proprio territorio attività

Dettagli

REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA I N D I C E Articolo 1 - Oggetto del Regolamento Articolo 2 - Composizione e nomina della Commissione Mensa Articolo 3 - Durata e funzionamento Articolo 4 - Modalità di comportamento

Dettagli

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania)

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMEN- TO DANNI DERIVANTI DA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 17/03/2014) Sommario

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI"

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI COMUNE DI MEZZAGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI" Approvato con delibera di C.C. nr. 18 del 09-06-2015 INDICE art.1 DISPOSIZIONI GENERALI art. 2 CONSEGNA DEL BENE art.3

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL SERVIZIO Il servizio di refezione scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze. Il servizio

Dettagli

Roma 12/12/2011 prot. 0080177 pos.

Roma 12/12/2011 prot. 0080177 pos. Roma 12/12/2011 prot. 0080177 pos. Ai Signori Presidi di Facoltà Ai Direttori di Dipartimento Ai Direttori Biblioteche Centrali di Facoltà Ai Direttori dei Centri Interdip. Interunivers. Ai Direttori Centri

Dettagli

Qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer tyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty

Qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer tyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty Qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer tyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty ISTITUTO COMPRENSIVO uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui ROMOLO ONOR opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiop

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Integrazione malattia Durante l assenza del lavoratore l impresa, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 27 del C.C.N.L in

Dettagli

Le verifiche periodiche: obblighi e soggetti abilitati

Le verifiche periodiche: obblighi e soggetti abilitati SEMINARIO DI SVILUPPO PROFESSIONALE DEI FORMATORI IPAF 2016 Le verifiche periodiche: obblighi e soggetti abilitati Maurizio Quaranta - IPAF Jacopo Bolpagni - BUREAU VERITAS Bologna, 21 Gennaio 2016 Savoia

Dettagli

lezioni, con la direttiva allegata intendo riportare alla Vostra attenzione alcune indicazioni sul tema

lezioni, con la direttiva allegata intendo riportare alla Vostra attenzione alcune indicazioni sul tema Circolare n.11 Laveno M., 7.9.2015 Ai Docenti Ai Collaboratori Scolastici E p.c. Ai Genitori Sito Web/Albo E p.c. al DSGA SEDI OGGETTO: Direttiva sulla vigilanza all interno dell Istituto Gentili Docenti

Dettagli

PROCEDURE PER IL TESSERATO C.S.A.In. DA SEGUIRE IN CASO DI INFORTUNIO

PROCEDURE PER IL TESSERATO C.S.A.In. DA SEGUIRE IN CASO DI INFORTUNIO PROCEDURE PER IL TESSERATO C.S.A.In. DA SEGUIRE IN CASO DI INFORTUNIO La denuncia deve essere effettuata dall Assicurato o da chi ne fa le veci o eventuali aventi causa, entro 30 giorni dalla data dell

Dettagli

I.N.A.I.L. L INFORTUNIO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

I.N.A.I.L. L INFORTUNIO E LE MALATTIE PROFESSIONALI I.N.A.I.L. L INFORTUNIO E LE MALATTIE PROFESSIONALI Premessa: La Costituzione Italiana garantisce a tutti i cittadini il diritto alla salute sul luogo di lavoro. Lo Stato stabilisce l obbligo di assicurare

Dettagli

La Cassa Edile all atto dell invio alle imprese dell assegno di rimborso, trasmette alle stesse un prospetto con l indicazione del conteggio di

La Cassa Edile all atto dell invio alle imprese dell assegno di rimborso, trasmette alle stesse un prospetto con l indicazione del conteggio di Le Associazioni Nazionali sopra indicate hanno stabilito in particolare che le somme erogate dalle imprese per il titolo suddetto debbono essere mutualizzate presso la Cassa Edile a norma della regolamentazione

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi

PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi PROCEDURA GESTIONALE 07 Gestione degli Infortuni, Non Conformità, Incidenti e Comportamenti Pericolosi DIPARTIMENTO: Direzione Sanitaria UNITA OPERATIVA: Servizio Prevenzione Protezione Preparato da: Operatori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SELVAZZANO DENTRO II

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SELVAZZANO DENTRO II ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SELVAZZANO DENTRO II Via Cesarotti, n 1/A - 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) Tel. 049 638 633 - Fax 049 638 716 Comunicazione n. 8 del 18/09/2015 AI GENITORI DEGLI ALUNNI LORO

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO SOCCORSO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del

Dettagli

Regolamento viaggi d istruzione e visite guidate

Regolamento viaggi d istruzione e visite guidate Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO GIANNI RODARI Via Niobe, 52 00118 ROMA C.F. 97028710586 Tel/fax 06 79810110 Tel. 06 79896266 e-mail: RMIC833007@ISTRUZIONE.IT

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI TRIGOLO (Provincia di Cremona) Allegato alla delibera C.C. n. 33 del 28.08.2007 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI MENSA SCOLASTICA IL SEGRETARIO COMUNALE IL SINDACO DOTT.SSA VINCENZA ZUMBOLO

Dettagli

Disposizioni generali di prevenzione antinfortunistica, protezione civile e profilassi sanitaria

Disposizioni generali di prevenzione antinfortunistica, protezione civile e profilassi sanitaria ISTITUTO COMPRENSIVO NOVENTA DI PIAVE Via Guaiane, 30020 NOVENTA DI PIAVE (VE)- tel.: 0421/307516 fax 0421/307814 VEIC817005- C.F. 93000020276 e-mail: VEIC817005@istruzione.it Disposizioni generali di

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

IL PRIMO SOCCORSO QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE LE NORME DEL D.M. 388/03 LE RESPONSABILITA DEL PERSONALE SCOLASTICO PRESENZA

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DELLA PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DI SICUREZZA, IGIENE NEI LUOGHI DI LAVORO E LEGALITA NELLA REALIZZAZIONE DI UNA NUOVA RESIDENZA UNIVERSITARIA IN PISA Protocollo di intesa a programmare, ferme restando

Dettagli

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E COMMISSIONE MENSA Approvato con deliberazione del C.C. n.43 del 28.11.2000 Modificato con deliberazione

Dettagli

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO INDICE Premessa pag. 2 Addetti al Primo Soccorso pag. 3 Procedure impartite agli addetti al Primo Soccorso pag. 3 Attivazione del soccorso: procedura pag. 4

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Comune di Azzano San Paolo Assessorato Pubblica Istruzione P.zza IV nov. Tel. 035/530130 Fax 035/530073 C.F./IVA n. 00681530168 REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

ASSISTENTI AMMINISTRATIVI AREE DI COMPETENZA

ASSISTENTI AMMINISTRATIVI AREE DI COMPETENZA Sig.ra Angela ROSINI Assume l incarico di Vicaria del DSGA e lo sostituisce nei casi di assenza; collabora con i colleghi nei casi di necessità e li sostituisce in caso di AREA ALUNNI Iscrizione alunni

Dettagli

FAC SIMILE da non allegare alla domanda di adesione. La Convenzione verrà successivamente trasmessa in duplice copia per la sottoscrizione

FAC SIMILE da non allegare alla domanda di adesione. La Convenzione verrà successivamente trasmessa in duplice copia per la sottoscrizione CONVENZIONE PER L ATTIVITÀ DI COMPILAZIONE, GESTIONE DELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE UNICHE E TRASMISSIONE DELLE ATTESTAZIONI ISEE/ISEEU (AI SENSI DEL D.LGS. 109/98 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI)

Dettagli

VADEMECUM 626 e PRIVACY

VADEMECUM 626 e PRIVACY Nascita Unità Locale SGST srl www.bernieri.com - Tel. Fax 02341146 C.so Sempione 76, Milano VADEMECUM 626 e PRIVACY Chiamare SGST Srl : mail sgst@bernieri.com Fare effettuare le visite mediche ai lavoratori

Dettagli

GUIDA ALL ASSISTITO LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA DIRETTA IL NETWORK PREVIMEDICAL E IL REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA

GUIDA ALL ASSISTITO LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA DIRETTA IL NETWORK PREVIMEDICAL E IL REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA GUIDA ALL ASSISTITO LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA DIRETTA La presente guida, presentata qui nella sua prima edizione, si propone di fornire le indicazioni all Assistito circa

Dettagli

Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella

Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella Allegato 1 Linea di indirizzo 1/2010 Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella 1. Scopo Lo scopo di questa procedura è definire le responsabilità e le modalità di gestione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli IV - V. PACIFICI

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli IV - V. PACIFICI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli IV - V. PACIFICI Strada della Leonina,8-00010 Villa Adriana (RM) Tel/fax

Dettagli

REGOLAMENTO DI SERVIZIO

REGOLAMENTO DI SERVIZIO REGOLAMENTO DI SERVIZIO ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 INTRODUZIONE UTENZA MODALITÀ DI ISCRIZIONE RETTA DI FREQUENZA E PAGAMENTI CONVENZIONI E RIDUZIONI ADEMPIMENTI IN CASO DI INFORTUNI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO DIGITALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 34 del 14/4/2011 Depositato

Dettagli

Circ. n. 16 Milano, 17 settembre 2015. D.L.vo 81/08 s.m.i. Informazioni al personale. INFORTUNI E MALORI A SCUOLA, CHE COSA FARE?

Circ. n. 16 Milano, 17 settembre 2015. D.L.vo 81/08 s.m.i. Informazioni al personale. INFORTUNI E MALORI A SCUOLA, CHE COSA FARE? Circ. n. 16 Milano, 17 settembre 2015 Al personale docente Al personale ATA p.c. Al RLS Sestito Pietro Paolo Oggetto: D.L.vo 81/08 s.m.i. Informazioni al personale. INFORTUNI E MALORI A SCUOLA, CHE COSA

Dettagli

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica

Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica www.comune.bottanuco.bg.it Regolamento per l attuazione del servizio di Mensa Scolastica (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 40 del 29.9.2005 e modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli