PROCEDURA OPERATIVA INFORTUNI ALUNNI E PERSONALE DELLA SCUOLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURA OPERATIVA INFORTUNI ALUNNI E PERSONALE DELLA SCUOLA"

Transcript

1 PROCEDURA OPERATIVA INFORTUNI ALUNNI E DELLA SCUOLA SCOPO: rendere chiare ed uniformi le modalità di denuncia di eventuali infortuni. CAMPO DI APPLICAZIONE 1 : la procedura si applica agli INFORTUNI ALUNNI FA AZIONI DOCUMENTI RESPONSABILE TEMPI Prestare assistenza all alunno e dare immediata 1 notizia di qualsiasi infortunio accade, anche lieve, al Dirigente Scolastico o al collaboratore vicario 5 1 1!" #$%&'!(() #*#+,-)+., #//00/* #)+,))*')+,+. 5%!(()#!(()&## :$';;;# %#;;;# %#<# Intervento dell addetto Pronto Soccorso interno alla scuola per valutare se è necessario l intervento del Il collaboratore scolastico del piano dove si è verificato l infortunio procede ad comunicare al personale della segretaria alunni il nominativo dell alunno La segreteria alunni procede ad avvisare i familiari Richiedere immediatamente alla famiglia il referto medico originale relativo all infortunio che deve essere inoltrato alla scuola mediante lettera di trasmissione dalla quale si possa desumere l orario di consegna della documentazione medica Stilare subito il modello di relazione e consegnarla in segreteria area alunni Gli infortuni di 1 giorno, escluso quello dell evento, dovranno essere segnalati, per fini statistici, all INAIL e all assicurazione scolastica mediante la trasmissione della relazione del docente e del referto medico Gli infortuni di giorni, escluso quello dell evento, dovranno essere segnalati entro giorni: all INAIL, alla P.S. (in mancanza ai C.C. o al Sindaco del Comune) e all assicurazione scolastica In caso di morte o pericolo di morte denuncia telegrafica all INAIL e denuncia diretta alla P.S. Devono essere annotati sul registro tutti gli infortuni che abbiano richiesto l intervento del e quelli che comportano un assenza di almeno 1 giorno escluso quello dell evento Predisporre un apposito fascicolo dell incidente dove deve essere custodita tutta la documentazione Ritirare sempre la documentazione relativa alla privacy Nel caso di richiesta di rientro in vigenza di prognosi, accertarsi che il Dirigente Scolastico, ne abbia dato l autorizzazione Nel caso in cui l infortunio guaribile entro giorni si prolunghi oltre il termine della denuncia decorre dal giorno si assunzione al protocollo del certificato medico attestante il prolungamento LETTERA DI TRASMISONE DEL ORIGINALE MODULO INFORTUNI ALUNNI DELL APPOTA TELEGRAMMA REGISTRO INFORTUNI INFORMATIVA PRIVACY E CONSENSO TRATTAMENTO DATI AUTORIZZAZIONE DIRIGENTE DELL APPOTA ADDETTO PRONTO LA RICHIESTA DELL INTERVENTO L INTERVENTO DELL ADDETTO AL PRONTO AVER RICEVUTO LA DAL DOPO L ASSTENZA ALL ALUN ENTRO ORE AL RIENTRO IN CLASSE DELL ALUN

2 DIAGRAMMA INFORTUNI ALUNNI FA INIZIO INFORTUNIO ALUN D.S. E ADDETTO PRONTO 1// INTERVENTO FAR RILASCIARE IL DALLA FAMIGLIA COMUNICARE ALLA FAMIGLIA E METTERE AGLI ATTI /5 RELAZIONE INFORTUNIO ALUNNI DEL SUPERIORE A 1 GIOR INAIL ASCURAZIONE SCOLASTICA REGISTRARE L INFORTUNIO NEL REGISTRO INFORTUNI : INAIL PS ASCURAZIONE SCOLASTICA ENTRO ORE IN CASO DI MORTE O PERICOLO DI MORTE ALL INAIL E ALLA P.S. // PREDIPSOZIONE FASCICOLO RITIRARE LA DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLA PRIVACY AUTORIZZAZIONE D.S IN CASO DI VIGENZA DI PROG 1 ESTENSTIONE DELLA PROG OLTRE I GG DENUNCIA DAL NUOVO CERTIFICATO MEDICO (FA //) 1

3 CAMPO DI APPLICAZIONE : la procedura si applica agli INFORTUNI ALUNNI E DURANTE LE VITE GUIDATE FA AZIONI DOCUMENTI RESPONSABILE TEMPI Prestare assistenza all infortunato e dare immediata 1 notizia di qualsiasi infortunio accade, anche lieve, PRESENTE al Dirigente Scolastico o al collaboratore vicario e ALL EVENTO alla famiglia dell alunno 5 Portare subito l alunno in ospedale o fare intervenire l autoambulanza e richiedere la documentazione medica Stilare subito il modello di relazione infortuni predisposto Trasmettere con urgenza via fax alla scuola la relazione e la documentazione medica con prognosi, da consegnare al rientro in originale alla segreteria area alunni; dalla lettera di trasmissione della suddetta documentazione si deve poter desumere l orario di consegna Segnalare l infortunio, qualsiasi sia la prognosi, all INAIL, alla P.S. (in mancanza ai C.C. o al Sindaco del Comune) e all assicurazione scolastica; per eventi accaduti in territorio estero l autorità di P.S. da considerare è quello del primo luogo di fermata in territorio italiano; se l infortunato è personale estraneo alla scuola non va fatta la comunicazione all INAIL. In caso di morte o pericolo di morte denuncia telegrafica all INAIL solo per il personale scolastico; per tutti va data immediata comunicazione alla P.S. Registrare l infortunio sull apposito registro Predisporre un apposito fascicolo dell incidente dove deve essere custodita tutta la documentazione Ritirare sempre la documentazione relativa alla privacy Nel caso di richiesta di rientro in vigenza di prognosi, accertarsi che il Dirigente Scolastico, ne abbia dato l autorizzazione Nel caso in cui l infortunio guaribile entro giorni si prolunghi oltre il termine della denuncia decorre dal giorno si assunzione al protocollo del certificato medico attestante il prolungamento RELAZIONE INFORTUNI RELAZIONE CERTIFICATO MEDICO CON PROG LETTERA DI TRASMISONE TELEGRAMMA REGISTRO INFORTUNI INFORMATIVA PRIVACY E CONSENSO TRATTAMENTO DATI AUTORIZZAZIONE DIRIGENTE DELL APPOTA ENTRO ORE RIENTRO AL LAVORO

4 DIAGRAMMA INFORTUNI ALUNNI E DURANTE LE VITE GUIDATE FA INIZIO INFORTUNIO ALUN D.S. E FAMIGLIA 1 ASSTENZA IN OSPEDALE O AUTOAMBULANZA RELAZIONE INFORTUNIO TRASMISONE DOCUMENTAZIONE ALLA SCUOLA ESTER ALLA SCUOLA PS E ASCURAZIONE SCOLASTICA ENTRO ORE IN CASO DI MORTE O PERICOLO DI MORTE ALLA P.S. REGISTRARE L INFORTUNIO NEL REGISTRO INFORTUNI ENTRO ORE: INAIL PS ASCURAZIONE SCOLASTICA ENTRO ORE IN CASO DI MORTE O PERICOLO DI MORTE ALL INAIL E ALLA P.S. 5/ PREDIPSOZIONE FASCICOLO RITIRARE LA DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLA PRIVACY AUTORIZZAZIONE D.S IN CASO DI VIGENZA DI PROG ESTENSTIONE DELLA PROG OLTRE I GG DENUNCIA DAL NUOVO CERTIFICATO MEDICO (FASE 5)

5 CAMPO DI APPLICAZIONE : la procedura si applica del IN SERVIZIO FA AZIONI DOCUMENTI RESPONSABILE TEMPI Prestare assistenza all infortunato e dare immediata 1 notizia di qualsiasi infortunio accade, anche lieve, PRESENTE al Dirigente Scolastico o al collaboratore vicario ALL EVENTO 5 Intervento dell addetto Pronto Soccorso interno alla scuola per valutare se è necessario l intervento del Il collaboratore scolastico del piano dove si è verificato l infortunio procede ad comunicare al personale della segretaria alunni il nominativo dell infortunato La segreteria procede ad avvisare i familiari Richiedere immediatamente alla famiglia il referto medico originale relativo all infortunio che deve essere inoltrato alla scuola mediante lettera di trasmissione dalla quale si possa desumere l orario di consegna della documentazione medica Far stilare il modello di relazione e consegnarla in segreteria area alunni Gli infortuni devono essere segnalati entro giorni: all INAIL e alla P.S. (in mancanza ai C.C. o al Sindaco del Comune) e all assicurazione scolastica In caso di morte o pericolo di morte denuncia telegrafica all INAIL e alla P.S. Annotare l infortunio sull apposito registro Predisporre un apposito fascicolo dell incidente dove deve essere custodita tutta la documentazione Ritirare sempre la documentazione relativa alla privacy LETTERA DI TRASMISONE DEL ORIGINALE MODULO INFORTUNI DELL APPOTA TELEGRAMMA REGISTRO INFORTUNI INFORMATIVA PRIVACY E CONSENSO TRATTAMENTO DATI ADDETTO PRONTO INFORTUNATO LA RICHIESTA DELL INTERVENTO L INTERVENTO DELL ADDETTO AL PRONTO AVER RICEVUTO LA DAL DOPO L ASSTENZA ALL ALUN ENTRO ORE Nel caso di richiesta di rientro in vigenza di prognosi, accertarsi che il Dirigente Scolastico, ne abbia dato l autorizzazione AUTORIZZAZIONE DIRIGENTE ASSTENZI AREA RIENTRO AL LAVORO

6 DIAGRAMMA INFORTUNI IN SERVIZIO FA INIZIO INFORTUNIO D.S. E ADDETTO PRONTO 1// INTERVENTO FAR RILASCIARE IL DALLA FAMIGLIA COMUNICARE ALLA FAMIGLIA E METTERE AGLI ATTI /5 RELAZIONE INFORTUNIO : INAIL PS ASCURAZIONE SCOLASTICA / ENTRO ORE IN CASO MORTE O PERICOLO DI MORTE ALL INAIL E ALLA P.S. REGISTRARE L INFORTUNIO NEL REGISTRO INFORTUNI PREDIPSOZIONE FASCICOLO RITIRARE LA DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLA PRIVACY AUTORIZZAZIONE D.S IN CASO DI VIGENZA DI PROG

7 CAMPO DI APPLICAZIONE : la procedura si applica del ESTRANEO ALL INTER DELLA SCUOLA FA AZIONI DOCUMENTI RESPONSABILE TEMPI Prestare assistenza all infortunato e dare immediata 1 notizia di qualsiasi infortunio accade, anche lieve, PRESENTE al Dirigente Scolastico o al collaboratore vicario ALL EVENTO 5 Intervento dell addetto Pronto Soccorso interno alla scuola per valutare se è necessario l intervento del Il collaboratore scolastico del piano dove si è verificato l infortunio procede ad comunicare al personale della segretaria alunni il nominativo dell infortunato La segreteria procede ad avvisare i familiari Richiedere immediatamente alla famiglia il referto medico originale relativo all infortunio che deve essere inoltrato alla scuola mediante lettera di trasmissione dalla quale si possa desumere l orario di consegna della documentazione medica Far stilare il modello di relazione e consegnarla in segreteria area alunni Gli infortuni devono essere segnalati entro giorni: all Assicurazione Scolastica, e alla P.S. (in mancanza ai C.C. o al Sindaco del Comune) ed eventualmente alla ditta presso la quale lavora In caso di morte o pericolo di morte denuncia diretta all autorità di P.S. Annotare l infortunio sull apposito registro Predisporre un apposito fascicolo dell incidente dove deve essere custodita tutta la documentazione Ritirare sempre la documentazione relativa alla privacy LETTERA DI TRASMISONE DEL ORIGINALE MODULO INFORTUNI ADATTATO DELL APPOTA TELEGRAMMA REGISTRO INFORTUNI INFORMATIVA PRIVACY E CONSENSO TRATTAMENTO DATI ADDETTO PRONTO INFORTUNATO LA RICHIESTA DELL INTERVENTO L INTERVENTO DELL ADDETTO AL PRONTO AVER RICEVUTO LA DAL DOPO L ASSTENZA ENTRO ORE Nel caso in cui l infortunato opera all interno della scuola ma titolare di altra ditta, accertarsi, in caso di richiesta di rientro in vigenza di prognosi, che il Dirigente della ditta, ne abbia dato l autorizzazione AUTORIZZAZIONE DIRIGENTE ASSTENZI AREA AL RIENTRO

8 DIAGRAMMA INFORTUNI ESTRANEO ALL INTER DELLA SCUOLA FA INIZIO INFORTUNIO D.S. E ADDETTO PRONTO 1// INTERVENTO FAR RILASCIARE IL DALLA FAMIGLIA COMUNICARE ALLA FAMIGLIA E METTERE AGLI ATTI /5 RELAZIONE INFORTUNIO : PS ASCURAZIONE SCOLASTICA ENTRO ORE IN CASO MORTE O PERICOLO DI MORTE ALLA P.S. / REGISTRARE L INFORTUNIO NEL REGISTRO INFORTUNI PREDIPSOZIONE FASCICOLO RITIRARE LA DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLA PRIVACY N APPARTENENTE ALLA SCUOLA MA OPERANTE IN AUTORIZZAZIONE DEL TITOLARE DELLA DITTA IN CASO DI VIGENZA DI RIENTRO

CIRCOLARE N.106/14-15

CIRCOLARE N.106/14-15 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO TIVOLI 1-TIVOLI CENTRO VIA DEL COLLEGIO 2-00019 TIVOLI (RM) TEL 0774-312194-314549

Dettagli

CIRCOLARE N. 20 OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. -

CIRCOLARE N. 20 OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. - REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "SALVATORE TODARO" Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria

Dettagli

DIRETTIVA DIRIGENZIALE OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. -

DIRETTIVA DIRIGENZIALE OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. - DISTRETTO SCOLASTICO N. 27 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO G. Rodari 80024 CARDITO (NA) - Via Prampolini - Tel. 081 8313317 Cod.Fiscale: 80103720639-Cod.Meccanog. NAEE 118005 e-mail naee118005@istruzione.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE GREGORIO RONCA ISO 9001/UNI EN ISO 9001 Ed. 2000 cert. N IT 03/ 0419 Sede centrale Solofra

Dettagli

Circolare n. 16 Falconara M.ma 12/10/2015. Al Personale Docente e ATA All Albo d Istituto

Circolare n. 16 Falconara M.ma 12/10/2015. Al Personale Docente e ATA All Albo d Istituto Circolare n. 16 Falconara M.ma 12/10/2015 Al Personale Docente e ATA All Albo d Istituto OGGETTO: D. Lgs. 81/2008. Sicurezza a scuola. INFORTUNI: gestione e disciplina. 1) Infortunio/malore ad alunno:

Dettagli

PR_MP6_02 INFORTUNI ALUNNI E PERSONALE

PR_MP6_02 INFORTUNI ALUNNI E PERSONALE Pagina 1 di 6 PR_MP6_02 INFORTUNI ALUNNI E PERSONALE revisione data Descrizione modifiche Redazione e verifica Approvazione 0 3/7/03 Prima emissione RSGQ 1 20/3/06 Aggiornamento riferimenti documentazione

Dettagli

LISTA DI DISTRIBUZIONE

LISTA DI DISTRIBUZIONE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMILOGIA E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITA 5. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONE 8. ALLEGATI LISTA DI DISTRIBUZIONE nome/funzione Preside

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Classico e Artistico Terni CIRCOLARE N 088 [CIRC_088 - tutti - Infortuni Gestione e disciplina] Terni, li 23 settembre

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA 02 30/09/2006 SOMMARIO

PROCEDURA GESTIONE SERVIZIO DI SEGRETERIA 02 30/09/2006 SOMMARIO Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RESPONSABILITÀ...2 3 FLOW ATTIVITÀ...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 4 RACCOLTA DATI E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONEERRORE. IL SEGNALIBR

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOVANNI XXIII SAN FERDINANDO DI PUGLIA, 16-10-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOVANNI XXIII SAN FERDINANDO DI PUGLIA, 16-10-2015 DIRETTIVA 5 PROT. 2910 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIOVANNI XXIII SAN FERDINANDO DI PUGLIA, 16-10-2015 A: PERSONALE SCOLASTICO, ALUNNI, FAMIGLIE DSGA ALBO DELL ISTITUTO, ALBO DEL SITO WEB DIRETTIVA INFORTUNI

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

Ufficio Programmazione Risorse Umane. Circolari e Documenti vari sui Cotratti prestazione d'opera (ex art.2222)

Ufficio Programmazione Risorse Umane. Circolari e Documenti vari sui Cotratti prestazione d'opera (ex art.2222) Ufficio Programmazione Risorse Umane Circolari e Documenti vari sui Cotratti prestazione d'opera (ex art.2222) Ufficio Personale Siena, 26 SET. 2000 Ai Presidi di Facoltà Ai Direttori di Dipartimento Ai

Dettagli

SEGRETERIA STUDENTI. Indice

SEGRETERIA STUDENTI. Indice SEGRETERIA STUDENTI Indice INDICE... 1 DEFINIZIONE DI PROCESSO... 2 INTERAZIONI CON GLI ALTRI PROCESSI... 2 ACRONIMI... 2 MODULI INTRODOTTI E MODALITÀ DI ARCHIVIAZIONE... 6 DATI DI EMISSIONE... 6 Rev.

Dettagli

Disposizioni generali di prevenzione antinfortunistica, protezione civile e profilassi sanitaria

Disposizioni generali di prevenzione antinfortunistica, protezione civile e profilassi sanitaria ISTITUTO COMPRENSIVO NOVENTA DI PIAVE Via Guaiane, 30020 NOVENTA DI PIAVE (VE)- tel.: 0421/307516 fax 0421/307814 VEIC817005- C.F. 93000020276 e-mail: VEIC817005@istruzione.it Disposizioni generali di

Dettagli

SEZIONE I Scopo, Campo di applicazione, Riferimenti normativi e abbreviazioni e definizioni

SEZIONE I Scopo, Campo di applicazione, Riferimenti normativi e abbreviazioni e definizioni LICEO SCIENTIFICO STATALE "ALDO MORO" Via XX Settembre, 5-42100 REGGIO EMILIA Tel. 0522/517384 0522/511699 0522/921955 Fax 0522/ 922077 Cod. Fisc. 80016270359 E MAIL. segreteria@liceomoro.it - WEB: www.liceomoro.it

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO IL D.Lgs. 81/2001. STUDIO CONSICUR dott. Luca Vincenzo Fanesi

IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO IL D.Lgs. 81/2001. STUDIO CONSICUR dott. Luca Vincenzo Fanesi L obbligo della denuncia infortunio e malattia professionale Il registro infortuni LA TUTELA ASSICURATIVA SUI LUOGHI DI LAVORO IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO IL D.Lgs. 81/2001 STUDIO CONSICUR dott. Luca

Dettagli

Parte prima 4. Gestione degli incidenti in laboratorio. SiRVeSS

Parte prima 4. Gestione degli incidenti in laboratorio. SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione degli incidenti in laboratorio Parte prima 4 FORMAZIONE PARTICOLARE DEI PREPOSTI EX D.Lgs. 81/08 (art. 37) E ACCORDO STATO-REGIONI 21/12/2011

Dettagli

KIT SINISTRI AIG EUROPE LIMITED

KIT SINISTRI AIG EUROPE LIMITED KIT SINISTRI AIG EUROPE LIMITED Gestione del rischio scolastico COSA DEVE FARE LA SCUOLA? GESTIONE DEI SINISTRI SE IL SINISTRO AVVIENE A SCUOLA O DURANTE ATTIVITÀ CHE COMPORTANO LA PRESENZA DI PERSONALE

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

di Redazione Indicitalia Risorse Umane >> Gestione organizzazione del personale

di Redazione Indicitalia Risorse Umane >> Gestione organizzazione del personale CALCOLO DELL INFORTUNIO di Redazione Indicitalia Risorse Umane >> Gestione organizzazione del personale RIFERIMENTI NORMATIVI DPR 30 giugno 1965, n.1124 (c.d. Testo Unico / T.U.) L infortunio è l evento

Dettagli

POS_23 PROCEDURA PER LA DICHIARAZIONE INFORTUNI STUDENTI E SOGGETTI AD ESSI EQUIPARATI

POS_23 PROCEDURA PER LA DICHIARAZIONE INFORTUNI STUDENTI E SOGGETTI AD ESSI EQUIPARATI Pagina 1 di 6 PROCEDURA PER LA DICHIARAZIONE INFORTUNI STUDENTI E SOGGETTI AD ESSI EQUIPARATI LF Pagina 1 di 6 Pagina 2 di 6 SCOPO La presente Procedura costituisce MODALITÀ DI COMUNICAZIONE DEGLI INFORTUNI

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... CAMPO DI APPLICAZIONE... SCOPO... ISTRUZIONE OPERATIVA PER CORSI DI STUDIO, MASTER, SCUOLA SPECIALIZZAZIONE...

SOMMARIO PREMESSA... CAMPO DI APPLICAZIONE... SCOPO... ISTRUZIONE OPERATIVA PER CORSI DI STUDIO, MASTER, SCUOLA SPECIALIZZAZIONE... SOMMARIO PREMESSA... CAMPO DI APPLICAZIONE... SCOPO... ISTRUZIONE OPERATIVA PER CORSI DI STUDIO, MASTER, SCUOLA SPECIALIZZAZIONE... DIAGRAMMA DI FLUSSO PER CORSI DI STUDIO, MASTER, SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE...

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL PERSONALE SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI ALLIEVI SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO PER IL PERSONALE SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI ALLIEVI SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO PER IL PERSONALE SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI ALLIEVI SCUOLA PRIMARIA ENTRATA ED ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI Il personale docente deve trovarsi sul luogo di lavoro almeno 5 minuti prima dell'orario

Dettagli

PRIMO SOCCORSO AZIENDALE (nota informativa per le aziende)

PRIMO SOCCORSO AZIENDALE (nota informativa per le aziende) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO certificato secondo la rma UNI EN ISO 9001 Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Responsabile Dott. Giorgio Luzzana 24125 Bergamo Via B.go Palazzo

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità Istituto Superiore di Sanità Linea guida di Sicurezza N 4 PROCEDURA PER SEGNALAZIONE INFORTUNI INCIDENTI EMERGENZE VERSIONE DATA DI EMIS- SIONE PREPARATA DA 01 03/02/2011 SPP APPROVATA DA Lgs. N.4 Procedura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 12. Prot. n. 4643/A32 Bologna, 17.09.2012

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 12. Prot. n. 4643/A32 Bologna, 17.09.2012 Prot. n. 4643/A32 Bologna, 17.09.2012 -A tutto il personale dell'i.c. Loro sedi -All albo informatico Oggetto: norme di funzionamento generale Con la presente circolare si evidenziano le norme di funzionamento

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale LICEO ERASMO DA ROTTERDAM Gestione del personale Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo Erasmo da Rotterdam PQ04gestione del personale_11_2010rev2 INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015

Scuola Secondaria di Primo Grado M.E.Lepido. Presenza dei genitori a scuola anno scolastico 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO "MARCO EMILIO LEPIDO" Via Premuda 34 - REGGIO EMILIA Tel. e Fax. 0522/301282-0522/300221 E-mail: segretlep@tin.it (segreteria) - Sito internet: www.iclepido.gov.it Scuola Secondaria

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

Circ. n. 16 Milano, 17 settembre 2015. D.L.vo 81/08 s.m.i. Informazioni al personale. INFORTUNI E MALORI A SCUOLA, CHE COSA FARE?

Circ. n. 16 Milano, 17 settembre 2015. D.L.vo 81/08 s.m.i. Informazioni al personale. INFORTUNI E MALORI A SCUOLA, CHE COSA FARE? Circ. n. 16 Milano, 17 settembre 2015 Al personale docente Al personale ATA p.c. Al RLS Sestito Pietro Paolo Oggetto: D.L.vo 81/08 s.m.i. Informazioni al personale. INFORTUNI E MALORI A SCUOLA, CHE COSA

Dettagli

Circolare n. 72. Direzione generale Direzione centrale rischi. Roma, 3 settembre 2015. Al Ai

Circolare n. 72. Direzione generale Direzione centrale rischi. Roma, 3 settembre 2015. Al Ai Direzione genere Direzione centre rischi Circolare n. 72 Al Ai Roma, 3 settembre 2015 Direttore genere vicario Responsabili di tutte le Strutture centri e territorii e p.c. a: Organi istituzioni Magistrato

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Prot. n. AOODRCA.REG.UFF. 3649/U Napoli, 20 maggio 2014 Ai Dirigenti Scolastici delle Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado della

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DELL 08.04.2008 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina la gestione e l uso

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "ALDO MORO"

LICEO SCIENTIFICO STATALE ALDO MORO LICEO SCIENTIFICO STATALE "ALDO MORO" Via XX Settembre, 5-42124 REGGIO EMILIA Tel. 0522/517384-0522/511699 - Fax 0522/ 922077 Cod. Fisc. 80016270359 - C.M. REPS03000B e-mail: dsga@liceomoro.gov.it - segreteria@liceomoro.gov.it

Dettagli

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Questo documento vuole essere un ausilio a tutti i lavoratori si trovassero nella necessità di denunciare un infortunio, una malattia professionale, un danno

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell articolo 1 della Legge 123/2007, in materia

Dettagli

INFORTUNI E PREVENZIONE

INFORTUNI E PREVENZIONE Analisi degli infortuni in ambito scolastico 3.3 CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Analisi del fenomeno infortunistico INFORTUNI E PREVENZIONE

Dettagli

ing. Domenico Mannelli Le banche dati: dal dato alla prevenzione

ing. Domenico Mannelli Le banche dati: dal dato alla prevenzione ing. Domenico Mannelli Le banche dati: dal dato alla prevenzione Menomazione della capacità lavorativa o morte provocata da causa violenta in occasione dei lavori CAUSA VIOLENTA ELEMENTO DETERMINANTE IN

Dettagli

04 15/01/14 Inserimento cartella personale 03 15/10/13 Cambio intestazione 02 2/05/09 III edizione

04 15/01/14 Inserimento cartella personale 03 15/10/13 Cambio intestazione 02 2/05/09 III edizione I.S. PRU04 Pag. 1 di 9 Procedura GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. RESPONSABILITA 5. MODALITA OPERATIVE 6. MODULISTICA APPLICABILE REV. DATA MOTIVAZIONE

Dettagli

ORGANIZZAZIONE. a. garantire le informazioni su atti e procedimenti amministrativi inerenti il cittadino.

ORGANIZZAZIONE. a. garantire le informazioni su atti e procedimenti amministrativi inerenti il cittadino. ORGANIZZAZIONE Il compito essenziale dell URP è di fornire all utenza dell Istituto adeguate informazioni relative ai servizi, alle strutture, ai compiti, ai procedimenti e al funzionamento dell Amministrazione,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli IV - V. PACIFICI

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli IV - V. PACIFICI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli IV - V. PACIFICI Strada della Leonina,8-00010 Villa Adriana (RM) Tel/fax

Dettagli

I.N.A.I.L. L INFORTUNIO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

I.N.A.I.L. L INFORTUNIO E LE MALATTIE PROFESSIONALI I.N.A.I.L. L INFORTUNIO E LE MALATTIE PROFESSIONALI Premessa: La Costituzione Italiana garantisce a tutti i cittadini il diritto alla salute sul luogo di lavoro. Lo Stato stabilisce l obbligo di assicurare

Dettagli

Descrizione del flusso di selezione ed importazione degli infortuni dal gesionale del Pronto Soccorso al gestionale SPISAL.

Descrizione del flusso di selezione ed importazione degli infortuni dal gesionale del Pronto Soccorso al gestionale SPISAL. Descrizione del flusso di selezione ed importazione degli infortuni dal gesionale del Pronto Soccorso al gestionale SPISAL. Gestionale PS. Il PS ULSS 5 dispone di un software gestionale per registrare

Dettagli

FAQ. Denunce Infortunio INAIL

FAQ. Denunce Infortunio INAIL FAQ Denunce Infortunio INAIL INDICE INTRODUZIONE al documento FAQ Denunce Infortunio INAIL... 3 1. Devo inserire una nuova denuncia di infortunio e devo scegliere tra le due tipologie selezionabili (ordinaria

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO Pagina 1 di 5 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITÀ 4. PROCEDURA 4.1 Registro elettronico 4.1.1 Preparazione 4.1.2 Gestione 4.1.3 Istruzioni operative Prima emissione Gruppo Qualità Responsabile

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO: REGIO DECRETO L. n. 30/1898 ISTITUISCE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO: REGIO DECRETO L. n. 30/1898 ISTITUISCE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO NORMATIVA DI RIFERIMENTO: REGIO DECRETO L. n. 30/1898 ISTITUISCE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO (DA CUI SUCCESSIVAMENTE NASCE L INAIL) DPR 547/1955 NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

KIT SINISTRI Assicuratrice Milanese

KIT SINISTRI Assicuratrice Milanese KIT SINISTRI Assicuratrice Milanese Gestione del rischio scolastico COSA DEVE FARE LA SCUOLA? GESTIONE DEI SINISTRI SE IL SINISTRO AVVIENE A SCUOLA O DURANTE ATTIVITÀ CHE COMPORTANO LA PRESENZA DI PERSONALE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo via Cittadini n. 1-20157 Milano Tel. 02/3575716/8 fax 02/39001523 E mail: paolofrisimi@tin.it - Sito web:www.ipsfrisi.it REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

Dettagli

PROCEDURE PER IL TESSERATO C.S.A.In. DA SEGUIRE IN CASO DI INFORTUNIO

PROCEDURE PER IL TESSERATO C.S.A.In. DA SEGUIRE IN CASO DI INFORTUNIO PROCEDURE PER IL TESSERATO C.S.A.In. DA SEGUIRE IN CASO DI INFORTUNIO La denuncia deve essere effettuata dall Assicurato o da chi ne fa le veci o eventuali aventi causa, entro 30 giorni dalla data dell

Dettagli

UFFICIO SINDACALE SERVIZIO LIBRI PAGA NOTIZIE FLASH CONGUAGLIO DI FINE ANNO LAVORATORI CON PIÚ RAPPORTI DI LAVORO

UFFICIO SINDACALE SERVIZIO LIBRI PAGA NOTIZIE FLASH CONGUAGLIO DI FINE ANNO LAVORATORI CON PIÚ RAPPORTI DI LAVORO I precedenti numeri del Notiziario Paghe sono scaricabili dal sito www.acaweb.it/archivio_notiziari.asp Piazza San Paolo 3 ALBA Tel. 0173/226611 fax 0173/362139 http://www.acaweb.it E-mail: ascom.alba@acaweb.it

Dettagli

La prevenzione degli infortuni. La prevenzione degli infortuni -- Programma LEONARDO

La prevenzione degli infortuni. La prevenzione degli infortuni -- Programma LEONARDO La prevenzione degli infortuni Infortuni in Italia (*) 1987 1994 Numero Totale 795.562 925.886 Mortali 1.447 1.128 Ogni anno 1 infortunio ogni 15 lavoratori 1 infortunio mortale ogni 8.100 lavoratori (*)

Dettagli

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Pag. 1 di 8 Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Sommario GENERALITÀ... 2 STRUMENTI DI PRIMO SOCCORSO... 2 REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO... 3 GESTIONE PROCESSO DI PRIMO SOCCORSO...

Dettagli

Roma 12/12/2011 prot. 0080177 pos.

Roma 12/12/2011 prot. 0080177 pos. Roma 12/12/2011 prot. 0080177 pos. Ai Signori Presidi di Facoltà Ai Direttori di Dipartimento Ai Direttori Biblioteche Centrali di Facoltà Ai Direttori dei Centri Interdip. Interunivers. Ai Direttori Centri

Dettagli

Polizza CNCE - LAVORATORI - Numero di polizza 2438/77/116122775

Polizza CNCE - LAVORATORI - Numero di polizza 2438/77/116122775 Polizza CNCE - LAVORATORI - Numero di polizza 2438/77/116122775 Modulo 4 (per la denuncia di sinistro) Prestazione: TRATTAMENTO DI CURE PER LA RIABILITAZIONE NEUROMOTORIA PRESSO ISTITUTO ABILITATO AI SENSI

Dettagli

MODULO DI FORMULAZIO E OFFERTA

MODULO DI FORMULAZIO E OFFERTA ALLEGATO 2 MODULO DI FORMULAZIO E OFFERTA La sottoscritta Società iscritta al RUI al n con la presente proposta che costituirà parte integrante della polizza di formula la migliore offerta relativamente

Dettagli

Con l acquisto si avrà diritto a ricevere gratuitamente la newsletter Aggiornamenti ed Adempimenti

Con l acquisto si avrà diritto a ricevere gratuitamente la newsletter Aggiornamenti ed Adempimenti Spett.le OGGETTO: Offerta per elaborazione buste paga ed adempimenti mensili Come da Vs. gentile richiesta, siamo lieti di presentare l offerta per l espletamento delle attività in oggetto. Al fine di

Dettagli

PROCEDURE PER IL TESSERATO C.S.A.In. DA SEGUIRE IN CASO DI INFORTUNIO

PROCEDURE PER IL TESSERATO C.S.A.In. DA SEGUIRE IN CASO DI INFORTUNIO PROCEDURE PER IL TESSERATO C.S.A.In. DA SEGUIRE IN CASO DI INFORTUNIO La denuncia deve essere effettuata dall Assicurato o da chi ne fa le veci o eventuali aventi causa, entro 30 giorni dalla data dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SELVAZZANO DENTRO II

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SELVAZZANO DENTRO II ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SELVAZZANO DENTRO II Via Cesarotti, n 1/A - 35030 SELVAZZANO DENTRO (PD) Tel. 049 638 633 - Fax 049 638 716 Comunicazione n. 8 del 18/09/2015 AI GENITORI DEGLI ALUNNI LORO

Dettagli

GESTIONE DEGLI INFORTUNI

GESTIONE DEGLI INFORTUNI GESTIONE DEGLI INFORTUNI - MODALITA OPERATIVE - Introduzione Nota per Medici Specializzandi - Recapiti utili Cosa fare in caso di infortunio con prognosi da 0 a 3 giorni o Eventuali riscontri di malattie

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 REGOLAMENTO D ISTITUTO La Costituzione repubblicana, lo Statuto delle studentesse e degli studenti e il Regolamento dell autonomia delle Istituzioni

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE INFORTUNI IN AMBITO AZIENDALE

PROCEDURA GESTIONE INFORTUNI IN AMBITO AZIENDALE Rev. n o 2 novembre 2015 U.O. C. Prevenzione Protezione Aziendale Tel. 0825.292182 Fax 0825.292181 e-mail: uoppa@aslavellino.it GESTIONE INFORTUNI Pagina 1 di 11 PROCEDURA GESTIONE INFORTUNI IN AMBITO

Dettagli

Paolo Mascagni 21-06-14

Paolo Mascagni 21-06-14 Paolo Mascagni 21-06-14 EVENTI LESIVI DA CAUSA LAVORATIVA INFORTUNIO Evento avvenuto per causa violenta (concentrata nel tempo), in occasione di lavoro, da cui sia derivata la morte o un inabilità permanente

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO SOCCORSO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del

Dettagli

Ispezioni e ricorsi i casi in azienda. Denuncia di infortunio tardata: una sanzione elevata che richiede attenzione

Ispezioni e ricorsi i casi in azienda. Denuncia di infortunio tardata: una sanzione elevata che richiede attenzione Ispezioni e ricorsi i casi in azienda Denuncia di infortunio tardata: una sanzione elevata che richiede attenzione a cura di Fabrizio Vazio Esperto in materia previdenziale e assicurativa La problematica

Dettagli

Adempimenti medico-legali negli infortuni e nelle malattie professionali

Adempimenti medico-legali negli infortuni e nelle malattie professionali SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE CORSO 2010/2013 SEDE DI REGGIO EMILIA Adempimenti medico-legali negli infortuni e nelle malattie professionali Dr. Gianni Gilioli Medico Competente

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

ADEMPIMENTI CONNESSI ALLO SVOLGIMENTO DELL'ATTIVITA' DIDATTICA

ADEMPIMENTI CONNESSI ALLO SVOLGIMENTO DELL'ATTIVITA' DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo di Belgioioso Via F.lli Cervi, 4 27011 Belgioioso : 0382969143 : 0382960367 Uffici: pvic814003@istruzione.it sms.adanegri.belg@libero.it

Dettagli

Prot. 2860/A7a Napoli, 29.08.2013 CIRCOLARE N 4. Oggetto: Disposizioni per l a. s. 2013/2014 per il personale DOCENTE e ATA.

Prot. 2860/A7a Napoli, 29.08.2013 CIRCOLARE N 4. Oggetto: Disposizioni per l a. s. 2013/2014 per il personale DOCENTE e ATA. Prot. 2860/A7a Napoli, 29.08.2013 CIRCOLARE N 4 Al personale docente Al personale ATA Alle RSU d Istituto All ALBO Oggetto: Disposizioni per l a. s. 2013/2014 per il personale DOCENTE e ATA. Nell augurare

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAGENTA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAGENTA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAGENTA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAGENTA ISO 9001/2000 Certificato n 9175.ISDM Sedi associate I.P.S.I.A."LEONARDO DA VINCI" Via Novara, 113 20013 MAGENTA (MI) tel.

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA

REGOLAMENTO INTERNO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA REGOLAMENTO INTERNO DEL SERVIZIO VOLONTARIO DI VIGILANZA ECOLOGICA Art. 1 Disposizione generale 1. Il presente Regolamento disciplina il funzionamento del Servizio volontario di Vigilanza ecologica istituito

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE LUIGI GALVANI Via GALVANI, 7-20124 MILANO TEL. 0288440253 FAX 0288440286

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO INAIL 2015:

INFORTUNIO SUL LAVORO INAIL 2015: INFORTUNIO SUL LAVORO INAIL 2015: PROCEDURE, RETRIBUZIONE E PAGAMENTO dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, gennaio 2015 L infortunio sul lavoro INAIL 2015 è un incidente che avviene in occasione dell

Dettagli

IL DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA SICUREZZA NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DEL PIEMONTE La gestione del rapporto assicurativo

IL DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA SICUREZZA NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DEL PIEMONTE La gestione del rapporto assicurativo IL DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA SICUREZZA NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DEL PIEMONTE La gestione del rapporto assicurativo Maria GULLO INAIL Piemonte 17 ottobre 2013 IIS A. Volta Spalto Marengo 42 Alessandria

Dettagli

COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino R E G O L A M E N T O. Stralcio al Regolamento di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi

COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino R E G O L A M E N T O. Stralcio al Regolamento di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE D I PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON-LINE Stralcio al Regolamento di Organizzazione degli Uffici e

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Regina Margherita Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo

Dettagli

MILANO BONCOMPAGNI INAIL NON SOLO ASSICURAZIONE MA UN SISTEMA INTEGRATO PER LA TUTELA DEI LAVORATORI E PER LA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE

MILANO BONCOMPAGNI INAIL NON SOLO ASSICURAZIONE MA UN SISTEMA INTEGRATO PER LA TUTELA DEI LAVORATORI E PER LA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE MILANO BONCOMPAGNI INAIL NON SOLO ASSICURAZIONE MA UN SISTEMA INTEGRATO PER LA TUTELA DEI LAVORATORI E PER LA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE MILANO BONCOMPAGNI Il mutato quadro normativo intervenuto in tempi

Dettagli

Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO. PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D.

Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO. PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D. Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D.Lgs 81/08 e smi) OGGETTO: PIANO PRIMO SOCCORSO DATA: 15/11/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Novità introdotte dal D.Lgs. 81/08 rispetto al precedente D.Lgs. 626/94 Novità introdotta dal D.Lgs. 106/09 Indicazioni e suggerimenti 6 81 D.Lgs. 81/2008 Attuazione

Dettagli

ASSISTENTI AMMINISTRATIVI AREE DI COMPETENZA

ASSISTENTI AMMINISTRATIVI AREE DI COMPETENZA Sig.ra Angela ROSINI Assume l incarico di Vicaria del DSGA e lo sostituisce nei casi di assenza; collabora con i colleghi nei casi di necessità e li sostituisce in caso di AREA ALUNNI Iscrizione alunni

Dettagli

Testo aggiornato affisso Prot. 1270 del 29/01/2013 all Albo il 29/01/2013 REGOLAMENTO DEL TIROCINIO

Testo aggiornato affisso Prot. 1270 del 29/01/2013 all Albo il 29/01/2013 REGOLAMENTO DEL TIROCINIO Testo aggiornato affisso Prot. 1270 del 29/01/2013 all Albo il 29/01/2013 REGOLAMENTO DEL TIROCINIO (II Stralcio della bozza di Regolamento degli studenti approvato con delibera del Consiglio Accademico

Dettagli

Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto

Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto Ai Sigg. Genitori della Scuola Primaria Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto Si portano a conoscenza dei genitori degli alunni iscritti alla Scuola Primaria

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON-LINE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON-LINE e-mail vric857007@istruzione.it PEC vric857007@pec.itruzione.it Sito: www.icnogara.gov.it REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON-LINE Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto n. 6 del

Dettagli

-danni materiali all'abitazione, allo studio o impresa dell'assicurato che ne rendano indispensabile e indifferibile la sua presenza

-danni materiali all'abitazione, allo studio o impresa dell'assicurato che ne rendano indispensabile e indifferibile la sua presenza ANNUL L AMENTO VIAGGIO La Società indennizzerà, in base alle condizioni del presente contratto, l'assicurato, i suoi familiari come indicato al paragrafo successivo ed un compagno di viaggio, del corrispettivo

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE. (Regolamento approvato con deliberazione C.C. n. 32 del 6.08.

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE. (Regolamento approvato con deliberazione C.C. n. 32 del 6.08. COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO UTILIZZO PARCO AUTO COMUNALE (Regolamento approvato con deliberazione C.C. n. 32 del 6.08.2010) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI DI SEGRETERIA. a.s. 2012-13

ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI DI SEGRETERIA. a.s. 2012-13 L i c e o C l a s s i c o St. M. M i n g h e t t i Via Nazario Sauro n. 18-40121 Bologna Centralino 051 2757511 Fax 051 230145 e-mail minghetti@iperbole.bologna.it C. F. 80074710379 pec: amministrazione@pec.liceominghetti.it

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI PROCEDURA PENALE I LEZIONE X LE NOTIFICAZIONI PROF. GIANLUCA D AIUTO Indice 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

Unità di Prevenzione e Diagnosi - Medicina del lavoro

Unità di Prevenzione e Diagnosi - Medicina del lavoro CONTRATTO DI AFFIDAMENTO CONSULENZA Tra La UPD Unità di Prevenzione e Diagnosi Società Semplice Professionale fra i Medici Bertazzoni Tazio, Grazioli Pietro, Passarino Stefano, Rovesti Dino P.I. 01959780204,

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI NEL COMPARTO DELLA CERAMICA 1

EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI NEL COMPARTO DELLA CERAMICA 1 EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI NEL COMPARTO DELLA CERAMICA 1 PREMESSA Il comparto della ceramica per piastrelle rappresenta, da vari decenni, una delle realtà industriali di maggiore rilievo della nostra

Dettagli

Privacy e lavoro, le indicazioni del Garante della Privacy per una corretta gestione del lavoro pubblico e privato

Privacy e lavoro, le indicazioni del Garante della Privacy per una corretta gestione del lavoro pubblico e privato SUPPLEMENTO N. 17 25 maggio 2015 Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 IN QUESTO NUMERO Privacy e lavoro, le indicazioni del Garante della Privacy per una corretta gestione del lavoro pubblico

Dettagli

IMPRESE COMMERCIALI I DATORI DI LAVORO E L INAIL

IMPRESE COMMERCIALI I DATORI DI LAVORO E L INAIL IMPRESE COMMERCIALI I DATORI DI LAVORO E L INAIL L INAIL tutela il lavoratore contro i danni fisici ed economici derivanti da infortuni o malattie causati dall attività lavorativa, ed esonera il datore

Dettagli