14/03/2015 GENETICA FORENSE. Laboratoriodi Genetica forense DMU e Scienze Biomediche

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "14/03/2015 GENETICA FORENSE. Laboratoriodi Genetica forense DMU e Scienze Biomediche"

Transcript

1 GENETICA FORENSE Laboratoriodi Genetica forense DMU e Scienze Biomediche 1

2 LE DISCIPLINE MEDICO-LEGALI PATOLOGIA FORENSE TOSSICOLOGIA FORENSE ANTROPOLOGIA FORENSE BOTANICA e PALINOLOGIA FOR. BALISTICA FORENSE ZOOLOGIA FORENSE GENETICA FORENSE - DNA LE DISCIPLINE MEDICO-LEGALI PATOLOGIA FORENSE TOSSICOLOGIA FORENSE ANTROPOLOGIA FORENSE BOTANICA e PALINOLOGIA FOR. BALISTICA FORENSE ZOOLOGIA FORENSE GENETICA FORENSE - DNA 2

3 QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA CAMPIONI RIFERIMENTO E PREL.COATTIVI L INTERPRETAZIONE DEL DATO LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA CAMPIONI RIFERIMENTO E PREL.COATTIVI L INTERPRETAZIONE DEL DATO LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. 3

4 Ricerca della traccia e SOPRALLUOGO GIUDIZIARIO: ispezione di luoghi e cose per accertare le tracce e gli altri effetti materiali che il reato abbia lasciato (CLEMENTE PUCCINI) AMBIENTE VIVENTE CADAVERE LA SFIDA NELLE ANALISI BIOLOGICO-FORENSI Proteggerne l affidabilità dall esame della scena del crimine/vittima/sospettato alla presentazione dei risultati in tribunale 4

5 ESTERNI Istituto di Medicina Legale dell'universit degli Studi di Mil ano Laboratorio di Ematologia e Genetica forense Via L. Mangiagalli, Milano tel.: Π5703 Π5717 fax: SCHEDA DI REGISTRAZIO NE REPERTI n. progressivo Cognome / Nome data arrivo / repertazione provenienza tipo di plico (plastica, carta, ecc.) consegnato da verbale di consegna r si (v. allegato) r no sigillato r aperto r chiuso con punti metallici r sigillo non integro r rimozione sigilli/punti metallici r si r no descrizione reperti altri reperti conservati altrove r si r no dove sigillo apposto N. frigo -80 C r -2 0 C r +4 C r collocazione 14/03/2015 LA TRACCIA Se non è raccolta in modo appropriato, può non essere analizzabile. Se non viene correttamente impacchettata può subire contaminazione. Se non viene correttamente conservata, può deteriorarsi e non essere più analizzabile. Se la documentazione non è sufficiente, l origine della traccia può essere contestata. LA CATENA DI CUSTODIA trasporto campioni residui analisi 5

6 RICERCA DELLA TRACCIA 6

7 La ricerca delle tracce LA RICERCA DELLE TRACCE: METODI FISICI 7

8 RICERCA DI TRACCE DI LIQ. SEMINALE LA RICERCA DELLE TRACCE: METODI CHIMICI IL LUMINOL (PER IL SANGUE) 8

9 LUMINOL 9

10 LA RICERCA DELLE TRACCE SU SOGGETTO VIVENTE LA VITTIMA L INDAGATO/ SOSPETTATO VIOLENZA SESSUALE E TRACCE BIOLOGICHE 10

11 Margini ungueali Margini ungueali 11

12 UNGHIE: DNA POSITIVO NEL 35% DEI CASI DI OMICIDIO (studio anni ) Margini ungueali QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA CAMPIONI RIFERIMENTO E PREL.COATTIVI L INTERPRETAZIONE DEL DATO LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. 12

13 BLOODSTAIN PATTERN ANALYSIS BLOODSTAIN PATTERN ANALYSIS Disciplina delle Scienze forensi che utilizza metodi scientifici per la ricostruzione di fatti di sangue 13

14 40 cm cm cm cm cm cm ,5/12=0,458 Arcsen 0,458 = 27,26 Ang. di impatto = 27,26 14

15 COSA NONCI DICE LA BPA LA QUANTITA DI SANGUE LA DISTANZA DI CADUTA L ESATTOPUNTO DI ORIGINE (C E SOVRASTIMA) L EPOCA DELLA DEPOSIZIONE CHI E STATO 15

16 QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA CAMPIONI DIAGNOSI RIFERIMENTO GENERICA: è sangue, saliva, capello? E FURTO DNA L INTERPRETAZIONE DIAGNOSI DI SPECIE: DEL è umano? DATO LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. luminol 16

17 SALIVA O LIQUIDO SEMINALE? 17

18 QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA CAMPIONI RIFERIMENTO E FURTO DNA L INTERPRETAZIONE DIAGNOSI DEL DATO INDIVIDUALE LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. 18

19 Il profilo del DNA il profilo del DNA NON sono analizzati i geni: NO predisposizione a malattie, colore occhi, capelli, pelle, statura. DNA NUCLEARE STRs - Autosomi - cr. Y - cr. X SNPs DNA MITOCONDRIALE La variazione genetica tra gli individui è misurabile. La statistica indica la significatività di un match Analisi DNA efficiente e riproducibile (il risultato deve reggere in tribunale). Validazione DNA al 99,9% = tra gli individui: variabilità sta nel rimanente 0,1% 19

20 1985: A.Jeffreys e il DNA fingerprinting DNA FINGERPRINTING 20

21 15-20 ANNI FA OGGI PCR DNA ecc... 1 CICLO 2 CICLO 3 CICLO 21

22 Dove sono i marcatori per l identificazione? TPOX D3S1358 TH01 D5S818 FGA CSF1PO vwa D13S317 D7S820 D16S539 D8S1179 VALIDATI ALL USO FORENSE D21S11 Amel X STR X Amel Y STR Y QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA CAMPIONI RIFERIMENTO E PREL.COATTIVI L INTERPRETAZIONE DEL DATO LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. 22

23 LA NORMATIVA IN TEMA DI PRELIEVO COATTIVO Art. 2 Cost: La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell uomo sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità Art. 13 Cost: La libertà personale è inviolabile. Non è ammessa alcuna forma di detenzione, di ispezione o perquisizione personale né qualsiasi altra restrizione della libertà personale se non per atto motivato dell autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge. [ ] È punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libertà. LA NORMATIVA IN TEMA DI PRELIEVO COATTIVO Sentenza n Cost Sentenza n Cost Legge 31 luglio 2005 n

24 Legge istitutiva il DNA database nazionale e disciplina del prelievo coattivo (L. 30 giugno 2009, n. 85) "Adesione della Repubblica italiana al Trattato concluso il 27 maggio 2005 [ ], relativo all'approfondimento della cooperazione transfrontaliera, in particolare allo scopo di contrastare il terrorismo, la criminalità transfrontaliera e la migrazione illegale (Trattato di Prüm). Istituzione della banca dati nazionale del DNA e del laboratorio centrale per la banca dati nazionale del DNA. Delega al Governo per l'istituzione dei ruoli tecnici del Corpo di polizia penitenziaria. Modifiche al codice di procedura penale in materia di accertamenti tecnici idonei ad incidere sulla libertà personale". QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA CAMPIONI RIFERIMENTO E PREL.COATTIVI L INTERPRETAZIONE DEL DATO LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. 24

25 ESCLUSIONE, NON ESCLUSIONE,? ESCLUSIONE

26 ESCLUSIONE NON ESCLUSIONE

27

28 APPROCCIO STATISTICO PRESENTAZIONE RISULTATI NON FACILE QUANTI MARCATORI PER IDENTIFICAZIONE? marcatori 1 su milioni di miliardi La probabilità di discriminare un soggetto falsamente accusato di aver lasciato quella traccia è > 99, % 28

29 LA SCIENTIFICITA DEL TEST DNA E DI ALTRE SCIENZE FORENSI Es: i toolmarks LA SCIENTIFICITA DEL TEST DNA E DI ALTRE SCIENZE FORENSI La domanda: in quanti altri tagli o proiettili si rileva lo stesso pattern? 29

30 Di qui la scientificità dell analisi del DNA rispetto alle altre discipline forensi SEMPRE COSI FACILE? 30

31 ANALISI E INTERPRETAZIONE TR. FRESCA INDAGATO TR. MISTA? TR. SCARSA? TRACCIA CON DNA DEGRADATO NESSUN RISULTATO IL CASO BORDERLINE ESCLUSIONE O NON ESCLUSIONE? INDAGATO 1ng 50 µl PCR Drop Out TRACCIA LCN 8pg Drop In Sbilanciamento 5 µl PCR Da: D. Hobson - LCN Workshop AAFS

32 ESCLUSIONE, NON ESCLUSIONE,? ESCLUSIONE, NON ESCLUSIONE, NON CONCLUSIVO 32

33 L IMPORTANZA DEL CONTRADDITTORIO TRA LE PARTI IL TEST DEL DNA INTEGRA GLI ELEMENTI A DISPOSIZIONE DEGLI INVESTIGATORI E DEL GIUDICE. 33

34 COSA NON PUÒ DIRE IL TEST DEL DNA QUANDO LA TRACCIA È STATA DEPOSTA IN QUALI CIRCOSTANZE / MODALITÀ IN UNA TRACCIA MISTA LA COMPONENTE MINORE SPARISCE IN UNA TRACCIA MISTA QUALE SIA STATA DEPOSTA PER PRIMA. QUESTIONI TECNICO-GIURIDICHE NELLE ANALISI GENETICO-FORENSI RICERCA E RACCOLTA DELLE TRACCE RICOSTRUZIONE DEL FATTO (FORMA E POSIZIONE DELLE TRACCE) DETERMINAZIONE NATURA TRACCE DETERMINAZIONE SESSO/ORIGINE DNA CAMPIONI RIFERIMENTO E PREL.COATTIVI L INTERPRETAZIONE DEL DATO LA RELAZIONE DI PERIZIA / CT. 34

35 IMPIEGO DEL TEST GENETICO-FORENSE Mezzo di prova (penale) Test di paternità Disastri di massa 95% Uso clinico (scambio campioni, chimerisimi) Cadaveri non identificabili Ricostruzioni storiche Impiego militare (id. soldati) IL TEST DEL DNA FORENSE IN ITALIA CARABINIERI ISTITUTI UNIVERSITARI POLIZIA LABORATORI PRIVATI IL PROBLEMA DEL N. DI ACCERTAMENTI! 35

Casi pratici. Associazione Identificazioni Forensi - A.I.Fo.

Casi pratici. Associazione Identificazioni Forensi - A.I.Fo. Casi pratici LA REPERTAZIONE Consiste in quell insieme di operazioni mediante le quali gli investigatori raccolgono tutti gli oggetti che potranno costituire fonte di prova e provvedono a custodirli con

Dettagli

IL LABORATORIO DI IMMUNOEMATOLOGIA FORENSE

IL LABORATORIO DI IMMUNOEMATOLOGIA FORENSE IL LABORATORIO DI IMMUNOEMATOLOGIA FORENSE Carlo Previderè Dipartimento di Sanità Pubblica,, Medicina Sperimentale e Forense Sezione di Medicina Legale e Scienze Forensi Università degli Studi di Pavia

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Sandro Pertini Campobasso

Istituto d Istruzione Superiore Sandro Pertini Campobasso Istituto d Istruzione Superiore Sandro Pertini Campobasso Progetto ARACNE La medicina forense Lavoro eseguito da: Di Bartolomeo Alessia Genovese Francesca Mastropaolo Giulia Venturini Giusy Classe IV Sez.

Dettagli

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE Premessa... pag. XV CAPITOLO I CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE 1. Scienza e società...» 1 2. Scienza forense e investigazione penale...» 13 3. Il procedimento probatorio basato sul DNA..........» 21 4. Cenni

Dettagli

DUE O TRE COSE CHE NON SI SANNO SUL TEST DEL DNA

DUE O TRE COSE CHE NON SI SANNO SUL TEST DEL DNA Milano, 23 marzo 2015 DUE O TRE COSE CHE NON SI SANNO SUL TEST DEL DNA LA PROSPETTIVA DEL GENETISTA Andrea Piccinini Sezione di Medicina legale - Università degli Studi di Milano andrea.piccinini@unimi.it

Dettagli

La prova del DNA Avv. Giorgio Ponti Dott. Ugo Ricci Associazione Identificazioni Forensi

La prova del DNA Avv. Giorgio Ponti Dott. Ugo Ricci Associazione Identificazioni Forensi La prova del DNA Avv. Giorgio Ponti Dott. Ugo Ricci Associazione Identificazioni Forensi www.aifo-italia.it La Prova del DNA Il DNA può dirci se un soggetto ha lasciato parte di sé su un oggetto o se è

Dettagli

Genetica forense e analisi del DNA

Genetica forense e analisi del DNA Genetica forense e analisi del DNA Siena, 19 marzo 2010 Dott. Ugo Ricci Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi SOD DIAGNOSTICA GENETICA Via delle Oblate, 1 50141 Firenze e-mail: ricciugog@gmail.com

Dettagli

pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA

pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA INDICE pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA 1.1. Il concetto d identificazione... 9 1.2. L identificazione nella storia....

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Giurisprudenza

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Giurisprudenza Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Giurisprudenza Master in Scienza e Tecnica delle Investigazioni Forensi (Master di II Livello) Indicazioni Generali Il Master nasce con lo scopo di formare

Dettagli

Sezione I La scienza nel processo. Capitolo I LA PROVA SCIENTIFICA: IL SUO INGRESSO NEL PROCESSO

Sezione I La scienza nel processo. Capitolo I LA PROVA SCIENTIFICA: IL SUO INGRESSO NEL PROCESSO INDICE pag. Presentazione (Guido Piffer)............................ Premessa introduttiva................................. Ringraziamenti..................................... Gli autori........................................

Dettagli

Criminalistica e scienze forensi - CA01

Criminalistica e scienze forensi - CA01 Denominazione Criminalistica e scienze forensi - CA01 Metodologia Workshop e laboratorio Edizione Seconda Periodo di svolgimento Sabato 14 e domenica 15 novembre 2009 (tutto il giorno) Ore complessive

Dettagli

Tutela degli animali: applicazione pratica delle normative per gli organi di Polizia Giudiziaria.

Tutela degli animali: applicazione pratica delle normative per gli organi di Polizia Giudiziaria. Tutela degli animali: applicazione pratica delle normative per gli organi di Polizia Giudiziaria. Seriate 28 febbraio 2013 con il patrocinio degli assessorati al commercio e all ambiente ambiente del Comune

Dettagli

FORENSE TERAPIA GENICA

FORENSE TERAPIA GENICA FORENSE TERAPIA GENICA Lezione16 Variabilità genetica nelle scienze forensi A cosa serve? *Identificare individui che hanno commesso dei crimini *Predire la popolazione di origine di un DNA (es. Africano,

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN SCIENSE FORENSI, CRIMINOLOGIA INVESTIGATIVA, SOPRALLUOGO TECNICO SULLA SCENA DEL CRIMINE E CRIMINAL PROFILING

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN SCIENSE FORENSI, CRIMINOLOGIA INVESTIGATIVA, SOPRALLUOGO TECNICO SULLA SCENA DEL CRIMINE E CRIMINAL PROFILING CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN SCIENSE FORENSI, CRIMINOLOGIA INVESTIGATIVA, SOPRALLUOGO TECNICO SULLA SCENA DEL CRIMINE E CRIMINAL PROFILING La CSI Academy SaS, con la partnership scientifica dell'aisf (Accademia

Dettagli

L apporto delle scienze forensi nel procedimento penale e nel contesto delle indagini difensive

L apporto delle scienze forensi nel procedimento penale e nel contesto delle indagini difensive L apporto delle scienze forensi nel procedimento penale e nel contesto delle indagini difensive Corso di formazione con attribuzione di 16 crediti da parte dell Ordine degli Avvocati di Milano Aula Magna

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore VALDITARA Norme per la istituzione di una banca dati nazionale del DNA e per la disciplina delle operazioni peritali eseguibili

Dettagli

SCIENZE FORENSI E CRIMINALISTICA: NUOVE TECNICHE DI ANALISI E APPLICAZIONI PRATICHE Bologna, 21-22 novembre 2014

SCIENZE FORENSI E CRIMINALISTICA: NUOVE TECNICHE DI ANALISI E APPLICAZIONI PRATICHE Bologna, 21-22 novembre 2014 PROGRAMMA PRIMA GIORNATA 21 novembre 2014 Scienze forensi: tecniche d analisi e applicazioni pratiche Chairman 1 a sessione: Dott. Andrea Del Ferraro - Dirigente Polizia Scientifica Bologna h 9,30 h 10,00

Dettagli

Programma Corso di Perfezionamento in Antropologia e Odontologia Forense. Anno accademico 2013-2014. (Provvisorio)

Programma Corso di Perfezionamento in Antropologia e Odontologia Forense. Anno accademico 2013-2014. (Provvisorio) Programma Corso di Perfezionamento in Antropologia e Odontologia Forense Anno accademico 2013-2014 (Provvisorio) Giovedì 3 luglio ore 8:45 Registrazione dei partecipanti Ore 9:00 Saluto ai partecipanti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 149 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ASCIERTO Disposizioni in materia di prelievo coattivo di materiale biologico finalizzato all

Dettagli

Sperimenta il BIOLAB

Sperimenta il BIOLAB Sperimenta il BIOLAB I numeri del BIOLAB Il Maserati porta annualmente al CusMiBio circa 200 alunni dalla 2^ alla 5^ Liceo Scientifico tecnologico per fare 2-3 laboratori di Genetica, Citologia e Biologia

Dettagli

geneticaforense@biogem.it 0825.881811-0825.881812

geneticaforense@biogem.it 0825.881811-0825.881812 geneticaforense@biogem.it 0825.881811-0825.881812 Il sistema giudiziario, per risolvere casi complessi deve sempre più spesso ricorrere all utilizzo di accertamenti tecnico biologici mediante l analisi

Dettagli

Università degli Studi di Torino Dipartimento di Anatomia, Farmacologia e Medicina Legale Laboratorio di Scienze Criminalistiche.

Università degli Studi di Torino Dipartimento di Anatomia, Farmacologia e Medicina Legale Laboratorio di Scienze Criminalistiche. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Anatomia, Farmacologia e Medicina Legale Laboratorio di Scienze Criminalistiche Genetica Forense Sarah Gino SAL (STATO AVANZAMENTO LAVORI) Informazioni

Dettagli

PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE

PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE www.forzearmate.org Servizi di Informazione Assistenza - Consulenza legale Diritti - Banca dati - Convenzioni CHI SIAMO E COSA FACCIAMO SIDEWEB è una società di servizi nata dall entusiasmo e dall esperienza

Dettagli

CONSIDERAZIONI TECNICHE SULLA PERIZIA RELATIVA AL PP 11/13 CORTE DI ASSISE DI FIRENZE

CONSIDERAZIONI TECNICHE SULLA PERIZIA RELATIVA AL PP 11/13 CORTE DI ASSISE DI FIRENZE CONSIDERAZIONI TECNICHE SULLA PERIZIA RELATIVA AL PP 11/13 CORTE DI ASSISE DI FIRENZE Dr.ssa FRANCESCA TORRICELLI Direttore SOD Diagnostica Genetica Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze mail:

Dettagli

Biologia e genetica di popolazioni in ambito forense, dalla traccia biologica alle ultime metodiche per lo studio dei polimorfismi STR's

Biologia e genetica di popolazioni in ambito forense, dalla traccia biologica alle ultime metodiche per lo studio dei polimorfismi STR's Biologia e genetica di popolazioni in ambito forense, dalla traccia biologica alle ultime metodiche per lo studio dei polimorfismi STR's Dott. Giorgio Portera Dip. di Biotecnologie Mediche e Medicina Traslazionale

Dettagli

V Giornata di Genetica Forense Roma, 5 giugno 2013 INDAGINI GENETICHE SU REPERTI OSSEI MEDIANTE POWERPLEX FUSION SYSTEM: RISULTATI PRELIMINARI

V Giornata di Genetica Forense Roma, 5 giugno 2013 INDAGINI GENETICHE SU REPERTI OSSEI MEDIANTE POWERPLEX FUSION SYSTEM: RISULTATI PRELIMINARI V Giornata di Genetica Forense Roma, 5 giugno 2013 INDAGINI GENETICHE SU REPERTI OSSEI MEDIANTE POWERPLEX FUSION SYSTEM: RISULTATI PRELIMINARI Silvia Zoppis, Manuela Rosini, Carla Vecchiotti Università

Dettagli

363 Legge federale sull utilizzo di profili del DNA nel procedimento penale e per l identificazione di persone sconosciute o scomparse

363 Legge federale sull utilizzo di profili del DNA nel procedimento penale e per l identificazione di persone sconosciute o scomparse Legge federale sull utilizzo di profili del DNA nel procedimento penale e per l identificazione di persone sconosciute o scomparse (Legge sui profili del DNA) del 20 giugno 2003 (Stato 1 gennaio 2015)

Dettagli

La prova del DNA per la ricerca della verità

La prova del DNA per la ricerca della verità www.aifo-italia.it Pontassieve, 16 ottobre 2009 La prova del DNA per la ricerca della verità Relatori: Pietro SUCHAN DDA di Firenze Ugo RICCI Genetista Forense Giorgio PONTI - Avvocato Leonardo LANZI Fisico,

Dettagli

Studio Criminalistica

Studio Criminalistica Data: 00/00/00 Studio Criminalistica Analisi e Valutazioni in ambito psicologico e criminologico Corso di Criminologia per i Professionisti Eventi di informazione/formazione su tematiche criminologiche

Dettagli

LA PROVA DEL DNA PER LA RICERCA DELLA VERITÀ

LA PROVA DEL DNA PER LA RICERCA DELLA VERITÀ Collana diretta da Eraldo STEFANI Ugo Ricci Carlo Previdero Paolo Fattorini Fabio Corradi LA PROVA DEL DNA PER LA RICERCA DELLA VERITÀ Aspetti giurìdici, biologici e probabilistici Presentazione a cura

Dettagli

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI INDICE Presentazione... Avvertenza... pag VII XIII Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI 1. Costituzione della Repubblica Italiana... 3 2. Convenzione per la salvaguardia dei diritti

Dettagli

1 - L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA. ELEMENTI DI ETICA MEDICA E IL CODICE DEONTOLOGICO

1 - L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA. ELEMENTI DI ETICA MEDICA E IL CODICE DEONTOLOGICO Indice INTRODUZIONE..................................................... XI Capitolo 1 - L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA. ELEMENTI DI ETICA MEDICA E IL CODICE DEONTOLOGICO Generalità............................................................

Dettagli

Disciplina: MEDICINA LEGALE Docente: Dott. Antonio OSCULATI Recapito: antonio.osculati@uninsubria.it

Disciplina: MEDICINA LEGALE Docente: Dott. Antonio OSCULATI Recapito: antonio.osculati@uninsubria.it Corso integrato: MEDICINA LEGALE Disciplina: MEDICINA LEGALE Docente: Dott. Antonio OSCULATI Recapito: antonio.osculati@uninsubria.it Programma: Definizione della medicina legale; Metodologia medico-legale;

Dettagli

Investigazioni scientifiche e difensive penali

Investigazioni scientifiche e difensive penali Scuola di specializzazione in Psicoterapia dello Sviluppo e l Adolescenza n. 190 (314/D) riconosciuta con Decreto Direttoriale 1 agosto 2006 Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 9 agosto 2006 n. 184

Dettagli

Opuscolo delle informazioni generali

Opuscolo delle informazioni generali DEPARTMENT OF HEALTH & MENTAL HYGIENE OFFICE OF CHIEF MEDICAL EXAMINER 520 First Avenue New York, NY 10016 Charles S. Hirsch M.D., Chief Medical Examiner Telefono: 212-447-2030 Fax: 212-447-2716 Sito Web

Dettagli

www.aifo-italia.it Siena, 4 giugno 2009 Relatori Dott.ssa Ilaria Carboni - biotecnologa Dott. Ugo Ricci - biologo genetista

www.aifo-italia.it Siena, 4 giugno 2009 Relatori Dott.ssa Ilaria Carboni - biotecnologa Dott. Ugo Ricci - biologo genetista www.aifo-italia.it Corso professionalizzante per addetti sala autoptica Genetica forense Siena, 4 giugno 2009 Relatori Dott.ssa Ilaria Carboni - biotecnologa Dott. Ugo Ricci - biologo genetista DI COSA

Dettagli

CHIMICA e CHIMICO CLINICO, FORENSE E DELLO SPORT

CHIMICA e CHIMICO CLINICO, FORENSE E DELLO SPORT Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 CHIMICA e CHIMICO CLINICO, FORENSE E DELLO SPORT Aggiornato il 7 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA...

Dettagli

NUOVI ONORARI CONSULENTI GIUDIZIARI

NUOVI ONORARI CONSULENTI GIUDIZIARI NUOVI ONORARI CONSULENTI GIUDIZIARI Il decreto appresso riportato adegua, con decorrenza dal 20 agosto 2002, i compensi spettanti per le prestazioni dei consulenti giudiziari. L adeguamento riguarda le

Dettagli

Articolo 1. Articolo 2

Articolo 1. Articolo 2 Allegato Tabelle contenenti la misura degli onorari fissi e di quelli variabili dei periti e dei consulenti tecnici, per le operazioni eseguite su disposizione dell'autorità giudiziaria in materia civile

Dettagli

In partnership con. Master di I livello

In partnership con. Master di I livello In partnership con Master di I livello In "Criminologia Investigativa, Scienze Forensi, Analisi della Scena del Crimine ed Investigazioni private" (1500 h 60 cfu) Anno Accademico 2013/2014 I edizione I

Dettagli

In partnership con. Master di I livello

In partnership con. Master di I livello In partnership con Master di I livello In "Criminologia Investigativa, Scienze Forensi, Analisi della Scena del Crimine ed Investigazioni private" (1500 h 60 cfu) Anno Accademico 2014/2015 II edizione

Dettagli

IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA NELLA REGIONE PIEMONTE.

IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA NELLA REGIONE PIEMONTE. IL REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA NELLA REGIONE PIEMONTE. Dr Mario Spinelli Direttore S.C. Medicina Legale ASL n. 15 Cuneo NORMATIVA T.U delle Leggi Sanitarie n. 1265 del 27 luglio 1934 ( Tit. VI) D.

Dettagli

EDSEG CITTA DEI RAGAZZI

EDSEG CITTA DEI RAGAZZI EDSEG CITTA DEI RAGAZZI ALLIEVO CLASSE 1 2 3 4 5 A B C D ES 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 6 ES 6.1 6.2 6.3 7 È stato commesso un omicidio, ma l indiziato nega tutto. Afferma di non conoscere la vittima. Dice di

Dettagli

SCHEDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SVOLGIMENTO DELLE ANALISI. Avente sede in / Residente in Via Tel. C.F. e/o P. IVA

SCHEDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SVOLGIMENTO DELLE ANALISI. Avente sede in / Residente in Via Tel. C.F. e/o P. IVA SCHEDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SVOLGIMENTO DELLE ANALISI La Ditta / L Agenzia Investigativa / Il Sig. / La Sig.ra Avente sede in / Residente in Via Tel. C.F. e/o P. IVA (i dati personali di cui sopra sono

Dettagli

In partnership con. Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale (ex art. 6 comma 2 lettera c - L. 341/90)

In partnership con. Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale (ex art. 6 comma 2 lettera c - L. 341/90) In partnership con Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale (ex art. 6 comma 2 lettera c - L. 341/90) In "Criminologia Investigativa, Scienze Forensi, Analisi della Scena del Crimine ed Investigazioni

Dettagli

Corso di Alta Formazione in Criminalistica Forense

Corso di Alta Formazione in Criminalistica Forense Bracco Investigation Srl CORSO DI FORMAZIONE Corso di Alta Formazione in Criminalistica Forense La prevenzione del crimine è un percorso che si deve affrontare in chiave multidisciplinare per affrontare

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

Omicidio di Meredith Kercher Tribunale di Perugia

Omicidio di Meredith Kercher Tribunale di Perugia Omicidio di Meredith Kercher Tribunale di Perugia ULTERIORI RILIEVI PERSONALI SULLA FEDERA DEL CUSCINO RITROVATO SOTTO IL CADAVERE Prof. Francesco Vinci docente di Medicina Legale, Patologia Forense, Indagini

Dettagli

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE D.M. 30 maggio 2002 Adeguamento dei compensi spettanti ai periti, consulenti tecnici, interpreti e traduttori per le operazioni eseguite su disposizione dell'autorità giudiziaria in materia civile e penale.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni... INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni... INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE INDICE SOMMARIO Abbreviazioni... XV INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE 1. I tribunali penali internazionalizzati: nozione. Origine e inquadramento del fenomeno... 1 2. Problemi di classificazione

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Sezione Prima LE TECNICHE INFORMATICO-GIURIDICHE DI INVESTIGAZIONE DIGITALE di Giovanni Ziccardi

INDICE-SOMMARIO. Sezione Prima LE TECNICHE INFORMATICO-GIURIDICHE DI INVESTIGAZIONE DIGITALE di Giovanni Ziccardi Sezione Prima LE TECNICHE INFORMATICO-GIURIDICHE DI INVESTIGAZIONE DIGITALE di Giovanni Ziccardi CAPITOLO I SCIENZE FORENSI E TECNOLOGIE INFORMATICHE 1. Scienze forensi ed evoluzione tecnologica..................

Dettagli

ELENCO INSERIMENTI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

ELENCO INSERIMENTI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO ELENCO INSERIMENTI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Allegato 1 CODICE SELEZIONE DET.01 Dipartimento di Architettura Tecnico esperto in ricerche nel campo della progettazione architettonica e urbana, sia

Dettagli

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE Consuela Cigalotti Possono aver luogo in momenti diversi nel complesso iter in cui si articola il procedimento penale. INDAGINI PRELIMINARI

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI RISCONTRI DIAGNOSTICI

LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI RISCONTRI DIAGNOSTICI PROCURA della REPUBBLICA Presso il TRIBUNALE per i minorenni di TORINO LA NORMATIVA ITALIANA IN MATERIA DI RISCONTRI DIAGNOSTICI Codice di procedura penale Il regolamento di polizia mortuaria - DPR 285/1990

Dettagli

IL DNA fingerprinting

IL DNA fingerprinting IL DNA fingerprinting It has long been an axiom of mine that the little things are infinitely the most important Sherlock Holmes IL DNA fingerprinting è attualmente la tecnica più potente per identificare

Dettagli

NOTE SU. obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria. obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio

NOTE SU. obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria. obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio NOTE SU obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio 1 È previsto dall art 365 codice penale quale delitto

Dettagli

Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione.

Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione. CIRCOLARE n. 16 26 luglio 2012 GDV/fp Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione. Con nota dello scorso

Dettagli

Capitolo Primo. Tossicologia forense. 1. Compiti e finalità della tossicologia forense 1 2. La responsabilità professionale del tossicologo forense 4

Capitolo Primo. Tossicologia forense. 1. Compiti e finalità della tossicologia forense 1 2. La responsabilità professionale del tossicologo forense 4 INDICE Prefazione alla V edizione XIII Capitolo Primo Tossicologia forense 1. Compiti e finalità della tossicologia forense 1 2. La responsabilità professionale del tossicologo forense 4 Capitolo Secondo

Dettagli

TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI

TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI Convegno A.I.PRO.S. RICOSTRUZIONE DELLA DINAMICA DI UN INCENDIO E Roma I.S.A. - 28 settembre 2006 TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI 2 Il punto di partenza

Dettagli

Master di I livello C.S.I. (1500 h 60 cfu) Anno Accademico 2015/2016 I edizione I sessione

Master di I livello C.S.I. (1500 h 60 cfu) Anno Accademico 2015/2016 I edizione I sessione Master di I livello In C.S.I. "Crime Scene Investigation" (1500 h 60 cfu) Anno Accademico 2015/2016 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano, attiva il Master di

Dettagli

La normativa italiana in materia di riscontri diagnostici

La normativa italiana in materia di riscontri diagnostici La normativa italiana in materia di riscontri diagnostici Il regolamento di polizia mortuaria - DPR 285/1990 La legge n.31/2006 Legge SIDS Scopo della relazione è 1) analizzare i rapporti tra Autorità

Dettagli

Programma dettagliato

Programma dettagliato N. 50 crediti ECM per Medici e Psicologi Evento accreditato da Ordine degli Avvocati di Monza - N. 20 crediti formativi Programma dettagliato MODULO 1: L'agente di primo intervento e la gestione della

Dettagli

Tecniche Investigative e Biologia Forense

Tecniche Investigative e Biologia Forense Dipartimento di Scienze Forensi Dipartimento di Scienze della Security, Investigazione e Intelligence Bando del Corso Interdipartimentale di Formazione in Tecniche Investigative e Biologia Forense Comitato

Dettagli

Potenzialità e limiti della prova del DNA in ambito forense: Il DNA è un frammento del Crime Solving Puzzle

Potenzialità e limiti della prova del DNA in ambito forense: Il DNA è un frammento del Crime Solving Puzzle Potenzialità e limiti della prova del DNA in ambito forense: Il DNA è un frammento del Crime Solving Puzzle Dott. Massimo Pezzuti, Biologo Forense Ph.D. in Biologia Avanzata Specialista in form. (V anno)

Dettagli

L abuso sessuale. Giampiero Bagnati Sezione Polizia Giudiziaria Carabinieri, Grosseto. 18 La rete degli interventi contro la violenza N.

L abuso sessuale. Giampiero Bagnati Sezione Polizia Giudiziaria Carabinieri, Grosseto. 18 La rete degli interventi contro la violenza N. 18 La rete degli interventi contro la violenza N. 199/200 L abuso sessuale Giampiero Bagnati Sezione Polizia Giudiziaria Carabinieri, Grosseto Abstract L argomento legato alla violenza sessuale rappresenta

Dettagli

C.S.I Crime Scene Investigation

C.S.I Crime Scene Investigation con il patrocinio di Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale (ex art. 6 comma 2 lettera c - L. 341/90) In C.S.I Crime Scene Investigation (1000 h 40 CFU) Anno Accademico 2015/2016 edizione

Dettagli

SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO SOCIALI ANNO ACCADEMICO 2014-2015 CORSO DI LAUREA

SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO SOCIALI ANNO ACCADEMICO 2014-2015 CORSO DI LAUREA SCUOLA SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO SOCIALI ANNO ACCADEMICO 2014-2015 CORSO DI LAUREA GIURISPRUDENZA SEDE DI PALERMO MAGISTRALE INSEGNAMENTO MEDICINA LEGALE E DELLE ASSICURAZIONI AMBITO DISCIPLINARE

Dettagli

Indice sommario. Norme sull ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà

Indice sommario. Norme sull ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà Indice sommario - Costituzione della Repubblica italiana... pag. XLVII - Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali...» LXIX Titolo I - Trattamento penitenziario

Dettagli

Chimica, Materiali e Biotecnologie

Chimica, Materiali e Biotecnologie Nell indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie sono attive per l anno scolastico in corso le articolazioni: Biotecnologie ambientali Biotecnologie sanitarie Chimica e materiali Il diplomato in Chimica,

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN GENETICA FORENSE A.A. 2012/2013 Direttore: Prof. Giovanni Arcudi Vicedirettore: Dott. Emiliano

Dettagli

TRATTATO DI PRÜM. UNA RIVOLUZIONE SILENZIOSA (FINORA) di Ciro Sbailò (7 agosto 2009)

TRATTATO DI PRÜM. UNA RIVOLUZIONE SILENZIOSA (FINORA) di Ciro Sbailò (7 agosto 2009) TRATTATO DI PRÜM. UNA RIVOLUZIONE SILENZIOSA (FINORA) di Ciro Sbailò (7 agosto 2009) Con il consenso di tutte le forze politiche, e qualche rara voce critica, il 24 giugno di quest anno il Senato ha approvato

Dettagli

L Ostetrica/o Legale e Forense: ruolo e funzioni, evoluzione storica

L Ostetrica/o Legale e Forense: ruolo e funzioni, evoluzione storica L Ostetrica/o Legale e Forense: ruolo e funzioni, evoluzione storica Padova, 21 aprile 2012 Evoluzione storica Inquadramento contesto professionale Medicina Legale nata dalle esigenze della giustizia,

Dettagli

Summer School 2016 sulle scienze della vita Ottava edizione

Summer School 2016 sulle scienze della vita Ottava edizione Summer School 2016 sulle scienze della vita Ottava edizione La Fondazione Golinelli propone per l ottavo anno consecutivo la Summer School sulle scienze della vita, organizzata nell ambito dell area progettuale

Dettagli

LE NUOVE DROGHE ED ADDICTION COMPORTAMENTALI Aspetti Medico-Legali

LE NUOVE DROGHE ED ADDICTION COMPORTAMENTALI Aspetti Medico-Legali LE NUOVE DROGHE ED ADDICTION COMPORTAMENTALI Aspetti Medico-Legali Varese, 05 dicembre 2012 Cesare Garberi DBSCV - Sez. Medicina Legale Università dell Insubria Problematiche Medico-Legali delle droghe

Dettagli

Violenza sulle donne e Salute di Comunità Priorità e Strumenti:

Violenza sulle donne e Salute di Comunità Priorità e Strumenti: Violenza sulle donne e Salute di Comunità Priorità e Strumenti: 4 incontri formativi in AvRomagna Cesena 30 ottobre 2013 Marisa Bianchin Azienda Usl Ravenna 1 OMS - le radici della violenza: Modello ecologico

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI 1 e 2 LIVELLO CRIMINOLOGIA

MASTER UNIVERSITARIO DI 1 e 2 LIVELLO CRIMINOLOGIA MASTER UNIVERSITARIO DI 1 e 2 LIVELLO OBIETTIVI Il master in Criminologia intende offrire la conoscenza dei principali ambiti di intervento inerenti la criminologia e la psicopatologia forense. Grazie

Dettagli

Scienze Criminologiche

Scienze Criminologiche Alfa Ri.For.Ma. S.r.l. Ricerca Scientifica & Sviluppo Tecnologico Formazione & Language Centre Marketing & Communication Campobasso Corso di perfezionamento in Scienze Criminologiche Corso realizzato in

Dettagli

REGISTRO DELLE LEZIONI 2004/2005. Tipologia. Addì 14-10-2004. Tipologia. Addì 27-10-2004. Tipologia

REGISTRO DELLE LEZIONI 2004/2005. Tipologia. Addì 14-10-2004. Tipologia. Addì 27-10-2004. Tipologia La Immunuematologia Forenze nell'ambito della Medicina Legale: Il sopralluogo Giuduziario Addì 13-10-2004 Addì 14-10-2004 La perizia Ematologica La paternità controversa:riconscimento e discnoscimento

Dettagli

LA SCENA DEL CRIMINE DIGITALE. Le Tecniche di Intervento in un Nuovo Campo di Investigazione. Roma, 23-24 Maggio 2014

LA SCENA DEL CRIMINE DIGITALE. Le Tecniche di Intervento in un Nuovo Campo di Investigazione. Roma, 23-24 Maggio 2014 CORSO INTERNAZIONALE DI ALTA FORMAZIONE LA SCENA DEL CRIMINE DIGITALE Le Tecniche di Intervento in un Nuovo Campo di Investigazione Roma, 23-24 Maggio 2014 L Osservatorio sulla Sicurezza e Difesa CBRNe

Dettagli

DEL LABORATORIO TOSSICOLOGICO DI RIFERIMENTO SERVIZIO DI DIAGNOSI CHIMICO TOSSICOLOGICA

DEL LABORATORIO TOSSICOLOGICO DI RIFERIMENTO SERVIZIO DI DIAGNOSI CHIMICO TOSSICOLOGICA CARTA DEI SERVIZI DEL LABORATORIO TOSSICOLOGICO DI RIFERIMENTO SERVIZIO DI DIAGNOSI CHIMICO TOSSICOLOGICA Rev.2 del 03/01/08 Pagina 1 di 11 Indice 1. Presentazione della Carta dei Servizi 2. Principi della

Dettagli

* Obiettivi trasversali con tecnologia

* Obiettivi trasversali con tecnologia Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Capitolo 10 Il DNA antico ed il DNA forense

Capitolo 10 Il DNA antico ed il DNA forense Capitolo 10 Il DNA antico ed il DNA forense 10.1 Introduzione Negli ultimi decenni l analisi del DNA ha acquistato sempre più importanza nel mondo scientifico divenendo versatile, al centro cioè di attività

Dettagli

Protocollo Aziendale Catena di Custodia Tossicologia

Protocollo Aziendale Catena di Custodia Tossicologia Protocollo Aziendale Catena di Custodia Data emissione: 08/06/15 Revisione: 01 Responsabile: Dr. Stefano Venarubea Pag. 0 di 7 Pag. 1 di 7 1.1 Introduzione Il prelievo del campione è il primo passo della

Dettagli

Art. 2. 4 modulo I DIRITTI. Classificazione dei diritti. Esercitazioni 30/09/14

Art. 2. 4 modulo I DIRITTI. Classificazione dei diritti. Esercitazioni 30/09/14 Art. 2 4 modulo I DIRITTI Prima parte Cost. artt. 1-54 = Costituzione dei diritti La Repubblica riconosce (giusnaturalismo: i diritti preesistono allo Stato) Tesi aperta e tesi chiusa Tesi intermedia accolta

Dettagli

L accertamento tributario e procedimento penale

L accertamento tributario e procedimento penale L accertamento tributario e procedimento penale a cura di: Rosario Fortino Avvocato Tributarista in Cosenza fortinoepartners@libero.it Riflessione critica sulla utilizzabilità degli atti di polizia tributaria,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE IN PSICOLOGIA GIURIDICA E CRIMINOLOGIA Elementi di clinica e psichiatrico-forensi

CORSO DI FORMAZIONE IN PSICOLOGIA GIURIDICA E CRIMINOLOGIA Elementi di clinica e psichiatrico-forensi CORSO DI FORMAZIONE IN PSICOLOGIA GIURIDICA E CRIMINOLOGIA Elementi di clinica e psichiatrico-forensi Ente proponente: MICROPSYCHOLOGY Coordinatori Didattici: Dott. Antonio Violo Dott. Antonio Minopoli

Dettagli

05/07/2015. Catena di custodia dei reperti. Una corretta raccolta della traccia CATENA CUSTODIA REPERTI - CONTAMINAZIONE

05/07/2015. Catena di custodia dei reperti. Una corretta raccolta della traccia CATENA CUSTODIA REPERTI - CONTAMINAZIONE CATENA CUSTODIA REPERTI - CONTAMINAZIONE Una corretta raccolta della traccia Riconoscere. La persona che reperta le tracce deve conoscere le potenziali tracce presenti sulla scena del crimine che possono

Dettagli

Sicurezza Alimentare. La Polizia Giudiziaria. Applicazione dei provvedimenti sanzionatori. I Anno

Sicurezza Alimentare. La Polizia Giudiziaria. Applicazione dei provvedimenti sanzionatori. I Anno Introduzione alla Normativa nazionale ed Europea, in tema di alimenti; Depenalizzazioni dei reati in tema di alimenti. Illecito penale e non nella normativa sanzionatoria vigente; Nozioni su Polizia Amministrativa

Dettagli

II CAPITOLO. Il test sul DNA presuppone la raccolta di campioni biologici da

II CAPITOLO. Il test sul DNA presuppone la raccolta di campioni biologici da II CAPITOLO 2.1 La non coercibilità. Il test sul DNA presuppone la raccolta di campioni biologici da sottoporre ad analisi e a successivo confronto. Il prelievo di materiale biologico dall imputato o indagato

Dettagli

Alcol e sostanze: i dati raccolti dal laboratorio di Area Vasta Romagna

Alcol e sostanze: i dati raccolti dal laboratorio di Area Vasta Romagna Alcol e sostanze: i dati raccolti dal laboratorio di Area Vasta Romagna Pievesestina 14 giugno 2013 Laboratorio unico di Area Vasta Romagna Unità Operativa CORELAB Settore di Farmaco Tossicologia Afferiscono

Dettagli

Criminalistica, tecniche investigative applicate (Prima Parte) Indice

Criminalistica, tecniche investigative applicate (Prima Parte) Indice LEZIONE CRIMINALISTICA, TECNICHE INVESTIGATIVE APPLICATE (PRIMA PARTE) DOTT. ROBERTO MASSARI Indice 1 CRIMINOLOGIA, CRIMINALISTICA E INVESTIGAZIONE ----------------------------------------------------

Dettagli

Master professionalizzante in Psicologia Forense

Master professionalizzante in Psicologia Forense Master professionalizzante in Psicologia Forense ad orientamento fenomenologico relazionale Tecniche e strumenti per la consulenza in ambito civile e penale Catania, 2016 2017 PROGRAMMA e CALENDARIO PROVVISORIO

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 30 maggio 2002 Adeguamento dei compensi spettanti ai periti, consulenti tecnici, interpreti e traduttori per le operazioni eseguite su disposizione dell'autorita' giudiziaria

Dettagli

Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche

Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Reparto Tecnologie Informatiche L Arma LArma dei Carabinieri ed i Crimini ad alta tecnologia Narni, 15 maggio 2009 Magg. CC Ing. Marco Mattiucci Reparto

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia OGGETTO: schema di regolamento recante Disposizioni di attuazione della legge 30 giugno 2009, n. 85, concernente l istituzione della banca datti nazionale del DNA e del laboratorio

Dettagli

Alfa Ri.For.Ma. S.r.l. Ricerca Scientifica & Sviluppo Tecnologico Formazione & Language Centre Marketing & Communication SALERNO

Alfa Ri.For.Ma. S.r.l. Ricerca Scientifica & Sviluppo Tecnologico Formazione & Language Centre Marketing & Communication SALERNO Alfa Ri.For.Ma. S.r.l. Ricerca Scientifica & Sviluppo Tecnologico Formazione & Language Centre Marketing & Communication SALERNO Corso di Alta Formazione in Scienze criminologiche, investigative e politiche

Dettagli

Verbale n. 3: Discussione dei titoli e delle pubblicazioni scientifiche

Verbale n. 3: Discussione dei titoli e delle pubblicazioni scientifiche Verbale n. 3: Discussione dei titoli e delle pubblicazioni scientifiche Il giorno 24.10.2011 alle ore 11,00, presso la sede dell Università degli Studi Parthenope di Napoli, in Via Acton 38, si riunisce

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa,

Il Comitato dei Ministri, secondo l articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d Europa, Raccomandazione Rec (2012)5 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sul Codice Europeo di Etica per il personale penitenziario (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 aprile 2012 nel corso della

Dettagli

SCHEDA TECNICA. contenente i riferimenti ad articoli e normative rilevanti ai fini delle investigazioni difensive

SCHEDA TECNICA. contenente i riferimenti ad articoli e normative rilevanti ai fini delle investigazioni difensive SCHEDA TECNICA contenente i riferimenti ad articoli e normative rilevanti ai fini delle investigazioni difensive 1) CONVENZIONE PER LA SALVAGUARDIA DEI DIRITTI DELL UOMO E DELLE LIBERTA FONDAMENTALI Art.

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO. per professionisti operanti in campo forense e sanitario. con crediti ECM (1 LIVELLO) (Italiano - Inglese)

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO. per professionisti operanti in campo forense e sanitario. con crediti ECM (1 LIVELLO) (Italiano - Inglese) CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO per professionisti operanti in campo forense e sanitario con crediti ECM (1 LIVELLO) (Italiano - Inglese) L Ordine dei chimici di Palermo in collaborazione con il Consiglio

Dettagli