Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port"

Transcript

1 Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access.

2 Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI SUI PORT Domande poste dai pazienti A proposito dei rischi e delle complicanze TESTIMONIANZA DI UN MEDICO 1

3 IL PORT Il Port 2

4 IL PORT Che cos è? Perché mi hanno consigliato l uso di un port sottocutaneo? A che cosa serve? Quanto tempo dovrò utilizzarlo? Quando si prescrive un trattamento che necessita una frequente somministrazione di farmaci in vena o nutrimento o ripetuti prelievi sanguigni, si ha talvolta la necessità di un accesso venoso. Utilizzando infatti ripetutamente le vene superficiali del braccio si incorre nel rischio di sclerosi delle vene a causa delle numerose punture. I prodotti iniettati sono inoltre spesso consistenti (nutrimento) e aggressivi (chemioterapici) causando una fragilità venosa e rendendo la ricerca di una vena difficile per l'infermiera e dolorosa per il paziente. Per questo motivo è preferibille che l infusione avvenga direttamente nel vaso sanguigno, il port viene quindi impiantato per permettere un facile e diretto accesso al circolo sanguigno. Il Port impiantabile permette di evitare : La fragilità delle vene superficiali Il dolore delle punture venose Il Port sarà utilizzato per la tutta durata del trattamento e potrà essere rimosso al termine. L impianto di un Port non è un azione irreversibile. 3

5 IL PORT Che cos è? Il principio p di funzionamento di un Port è molto semplice: Il medico inserisce una piccola capsula di circa 2cm di diametro appena sotto la pelle (Port) e introduce l estremità del catetere (tubicino flessibile) al quale è collegata in una grande vena (la vena cava che va direttamente al cuore). Ogni volta che un'iniezione, una perfusione o un prelievo saranno necessari, l ago pungerà il port invece delle vostre vene. Capitale venoso preservato (Miglior qualità di vita (possibilità di bagni e docce), comodità estetica) Facilita il prelievo dei campioni di sangue Minor rischio di infezioni Perfusione più comoda perché di facile e veloce accesso Lunga durata di vita del dispositivo Possibilità di somministrare importanti quantitativi di farmaci e nutrizione parenterale senza danneggiare la vena 4

6 IL PORT Che cos è? Come ormai avrete compreso Il Port è in realtà composto di 2 elementi: la capsula e il catetere. CAPSULA La principale caratteristica del Port è la sua misura. Può essere in titanio i o in polimero, plastico. In termine di funzionalità non c'è differenza. Catetere I cateteri sono prodotti con materiale biocompatibile (silicone o poliuretano) per essere ben tollerati dall organismo. Oltre alle loro qualità meccaniche (flessibilità, resistenza), devono essere resistenti ai farmaci iniettati. Il medico sceglie il port sottocutaneo più adatto alla corporatura e alla terapia di ciascun paziente. La sua valutazione dipenderà dalla natura dei prodotti che saranno iniettati e dal tipo di esame radiologico al quale sarete sottoposti durante il trattamento IL PORT È impiantato nei trattamenti a lunga durata,per evitare punture multiple, l indebolimento delle vene e il vostro fastidio. È costituito da una capsula che si inserisce appena sotto la pelle, i farmaci fluiscono dal port alla circolazione sanguigna tramite un tubicino flessibile chiamato catetere. È completamente biocompatible per evitare ogni rischio di rigetto. 5

7 IL PORT Dove viene posizionato? Non c è uno specifico posto per il port. La cosa fondamentale è che il catetere arrivi in una grossa vena affinché i prodotti iniettati siano efficaci il più velocemente possibile. Il Port sarà posizionato in funzione di : Della vostra morfologia Delle vostre attività Delle abitudini del vostro medico Spesso viene posizionato nella parte superiore del torace, a destra e il catetere è introdotto nella vena giugulare o succlavia. Esistono anche daltri siti di inserimento possibili, tutti efficaci : Sul torace, vena giugulare o succlavia 2 Sul braccio, vena brachiale o basilica 3 3 Sulla coscia, vena femorale o iliaca 6

8 Come viene impiantato il port? COME VIENE IMPIANTATO IL PORT? 7

9 COME VIENE IMPIANTATO IL PORT? L intervento Come si svolge l intervento? Bisogna essere a digiuno, è necessario venire accompagnati? E doloroso? PRIMA DELL'INTERVENTO Il port viene impiantato mediante un breve intervento chirurgico effettuato in ambulatorio, senza ospedalizzazione. Non è necessaria alcuna peparazione il giorno prima. Non è necessario essere a digiuno. NON dimenticate di : segnalare ogni trattamento in corso chiedere il parere del medico in relazione all assunzione o l interruzione i di anticoagulanti o aspirina i segnalare ogni allergia (in particolare agli anestetizzanti locali) Il giorno dell'esame esame si raccomanda di : NON applicare prodotti cosmetici sulla pelle (crema, profumo..) NON mettere gioielli, smalto lavarsi con il bétadine (?) 8

10 COME VIENE IMPIANTATO IL PORT? L intervento L'INTERVENTO L impianto del port può effettuarsi in anestesia locale, generale o sotto sedazione, con la responsabilità di un anestesista, di un chirurgo o di un radiologo. L'intervento e to dura meno di un'ora. Non dovreste provare alcun dolore, in caso contrario dovete informare immediatamente il medico affinché prenda le dovute misure. L impianto del port si effettua in 3 fasi Introduzione del catetere nella vena È la fase più lunga in quanto bisogna trovare la vena adatta. Il medico pratica una incisione di pochi millimetri per localizzare la vena stabilita. Una volta fatto questo, il catetere può essere introdotto. Impianto del port La capsula viene inserita appena sotto la pelle, in una piccola loggetta di 1-2 cm di diametro localizzata generalmente sul torace. È posizionata in maniera di essere visibile il meno possibile. Oggi i produttori,come BARD, propongono modelli sempre più discreti, per un maggior comfort ed estetica del paziente. Sutura L'ultima fase è la sutura della logetta. Ci vogliono solamente alcuni minuti. 9

11 COME VIENE IMPIANTATO IL PORT? L intervento DOPO L'INTERVENTO Nelle 48 ore che seguono l impianto è frequente una costrizione o un dolore alla base del collo, vi saranno quindi prescritti degli antidolorifici. ifi i Il bendaggio può essere tolto dopo alcuni giorni (circa 4), i fili della sutura sono generalmente riassorbibili, in caso contrario sarà il medico a rimuoverli. In seguito non sarà necessario alcun bendaggio. Con questo dispositivo potrete condurre una vita normale, sono da evitare ovviamente gli sport violenti. Consigliato l utilizzo della cintura di sicurezza in auto. Vi sarà consegnata una scheda di identificazione medica contenente informazioni importanti riguardanti il port. Con queste informazioni, qualsiasi operatore medico qualificato sarà in grado di prestare le necessarie cure. Il port può rimanere impiantato per lungo tempo. L impianto di un port è del tutto rapido e indolore, può essere effettuato in anestesia locale o generale e dura meno di un'ora. 10

12 Port impiantabile Come conviverci? Quali sono le regole igieniche? Che cosa devo sapere per vivere bene con il mio port? Il port non dovrebbe interferire nella vita quotidiana. Il medico, nel limite del possibile, terrà conto del vostro ritmo di vita e delle vostre attività nella sceltadelmodelloedella posizione dell impianto. Dopo alcuni giorni, una volta cicatrizzata la ferita, sarà possibile intraprendere alcune attività moderate quali bagno, doccia, piscina etc.. Successivamente, in relazione alla vostra tipologia di trattamento e dei suoi effetti, potrete riadattare il vostro ritmo di vita. È obbligatorio prendersi cura del proprio port. Ciò significa tenerlo sotto controllo in maniera di eliminare qualsiasi possibile complicazione. Nella maggior parte dei casi sono gli infermieri professionali che si occupano della cura del port in quanto è necessaria una grande attenzione. Infatti, poichè tutto ciò che viene introdotto nel port impiantabile raggiunge direttamente la circolazione sanguigna, l'asepsi (assenza di microbi) è fondamentale FASE 1 FASE 2 Inserimento. dell ago nella membrana del port per la somministrazione dei famaci e connessione alla linea di perfusione. Al termine di ciascun trattamento, prima di ritrarre l ago, il dispositivo dovrà essere sciacquato con una particolare soluzione fisiologica. 11

13 DOMANDE DOMANDE 12

14 DOMANDE Poste dai pazienti Il Port influirà sulle mie normali attività quotidiane? Nei primi giorni che seguono l impianto, è preferibile evitare attività pesanti. Una volta guarita la ferita, nei periodi in cui il port non viene usato, dovreste essere in grado di riprendere le vostre normali attività quotidiane, come fare la doccia, nuotare o fare jogging. Dovrò mettere una benda sul port? Sarà necessaria una benda solo fino alla guarigione della ferita, una volta rimarginata non è necessaria alcuna benda se il port non viene usato. Nel caso in cui dobbiate fare un infusione continua di fluidi, può essere necessario usare un cerotto per stabilizzare e proteggere l ago. Consultate comunque il vostro medico. Devo evitare di indossare determinati tipi di indumenti? Chiedete al vostro medico o agli infermieri perchè la risposta dipende da punto in cui il port è stato impiantato. Può essere necessario evitare alcuni indumenti, come bretelle o reggiseni con determinati tipi di spalline. Sarò addormentato durante l intervento? Ciò dipended dal tipo di anestesia. Nel caso di un'anestesia locale non sarete addormentati. Dovrò essere ricoverato? Bisogna prendere in considerazione vari fattori. Tuttavia alcuni pazienti ritornano a casa il giorno stesso. 13

15 DOMANDE Poste dai pazienti Il port può essere estratto se non ne ho più bisogno? Si. Il port può essere estratto avvalendosi di una semplice procedura chirurgica, simile a quella di impianto iniziale. Il port fa scattare gli allarmi ai controlli di sicurezza (ad esempio negli aeroporti e negozi)? Nel caso di dispositivo iti in plastica il problema non dovrebbe porsi e nel caso del titanio normalmente i sistemi di sicurezza non sono in grado di rilevare le piccole quantità di metallo presenti nel port. 14

16 DOMANDE A proposito dei rischi e delle complicazioni I problemi più frequenti : POSIZIONAMENTO DEL CATETERE Talvolta, per ragioni anatomiche, la vena che si ricerca è di difficile accesso. In questo caso, la ricerca può durare alcuni minuti e causare un ematoma postimpianto. E anche possibile che la vena sia fragile o per natura o a causa dei precedenti trattamenti., in questo caso l'inserimento del catetere può essere meno agevole. OCCLUSIONE DEL CATETERE Dolore e gonfiore del braccio possono far sospettare un occlusione del catetere. Ciò può essere anche la conseguenza della forte viscosità dei prodotti somministrati, i ti per evitare questo tipo di ostruzione sono iniettatei t regolarmente delle soluzioni di risciacquo. La vena inoltre, a causa della conformazione anatomica, può seguire una via sinuosa che potrebbe provocare un piegamento del catetere e provocare dunque un occlusione. 15

17 DOMANDE A proposito dei rischi e complicazioni INFEZIONE DEL PORT/CATETERE Raramente è possibile che nei giorni seguenti l impianto del port si manifesti un infezione infezione, riconoscibile da rossori localizzati nell area del dispositivo. L'infezione è una complicazione non comune in quanto i materiali utilizzati sono biocompatibili, quindi generalmente accettati dal nostro organismo e l impianto si effettua in ambiente sterile. Ogni intervento sul corpo umano, anche se eseguito con la massima competenza e asepsi, sempre comporta una percentuale di rischio di infezione. L impianto del port ha complicazioni molto limitate e ben conosciute dall equipe medica. 16

18 TESTIMONIANZA DI UN MEDICO TESTIMONIANZA DI UN MEDICO 17

19 TESTIMONIANZA DI UN MEDICO COME VOI Gli è stato comunicato che avrebbero dovuto effettuare l impianto di un port.. Si sono porti molte domande Oggi, attraverso le testimonianze di medici e infermieri, avete la possibilità di dividere la loro personale esperienza. 18

20 TESTIMONIANZA DI UN MEDICO Centro di Lotta Contro il Cancro Strasbourg - Francia Dott. Christian Dahlet L impianto del port rappresenta un importante progresso, determinante nella chemioterapia, nell'alimentazione parenterale a lungo termine e nei ripetuti prelevamenti del sangue. Grandi miglioramenti sono stati effettuati nel dispositivo (port più piccoli, cateteri con maggior tollerabilità) e nell aspetto tecnico di impianto (maggior esperienza dei medici e degli infermieri, localizzazione della vena con ecografia, assenza di dolore) I benefici sono molto chiari per il paziente: Impianto in ambulatorio in anestesia locale, l senza ospedalizzazione; i il dispositivo funziona bene e si verificano poche complicazioni. In una recente intervista, rivolta a pazienti di un reparto oncologico, più del 90% si è dichiarato soddisfatto o molto soddisfatto di poter o di aver potuto beneficiare di un port impiantabile. 19

21 Bard ringrazia il Team dei professionisti che con i loro consigli hanno contribuito alla realizzaione di questo opuscolo a Voi dedicato: Mr C. Dahlet, Centro di Lotta Contro il Cancro, Strasbourg - Francia Mr J.Y. Coquin, Centro di Lotta Contro il Cancro, Marseille Francia Mr J. Gilette, Centro di Lotta Contro il Cancro, St Cloud - Francia Dalinda Elguidaoui Riferimento: ONCPGP05int Bard is a registered trademark of C. R. Bard, Inc, or an affiliate. Copyright 2006 Bard Access Systems. All right reserved.

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

astoplastica Riduttiva

astoplastica Riduttiva astoplastica Riduttiva 1 MASTOPLASTICA RIDUTTIVA Quando una donna ha le mammelle molto grandi e cadenti può accusare una serie di disturbi dovuti al peso eccessivo; male alla schiena e al collo, irritazioni

Dettagli

GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE. CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL Dialisi Oggiono

GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE. CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL Dialisi Oggiono GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL Dialisi Oggiono GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE a cura di Coodinatori e infermiere CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL

Dettagli

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminello 42 02100 RIETI Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE TERAPIA ANTALGICA Responsabile

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

LA CURA DELLE VARICI CON IL LASER NOTIZIE PREOPERATORIE

LA CURA DELLE VARICI CON IL LASER NOTIZIE PREOPERATORIE Dott. UGO BACCAGLINI SPECIALISTA IN CHIRURGIA GENERALE SPECIALISTA IN CHIRURGIA TORACO-POLMONARE LA CURA DELLE VARICI CON IL LASER NOTIZIE PREOPERATORIE 1 INDICE COME POSSO CURARE LE VENE VARICOSE? Posso

Dettagli

1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale, se devo comunque essere sottoposta all anestesia generale?

1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale, se devo comunque essere sottoposta all anestesia generale? ANESTESIA LOCALE (LOCOREGIONALE) PER LA CHIRURGIA DEL SENO: DOMANDE FREQUENTI Dott. med. A. Saporito, Capoclinica Servizio Anestesia ORBV 1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale,

Dettagli

BLEFAROPLASTICA LA CHIRURGIA DELLE PALPEBRE

BLEFAROPLASTICA LA CHIRURGIA DELLE PALPEBRE BLEFAROPLASTICA LA CHIRURGIA DELLE PALPEBRE dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA dottor Luigi Izzo CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA Gentilissima/o Paziente,

Dettagli

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI.

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. Definizione e scopo: Consiste nell inserimento percutaneo di un ago di plastica o in metallo in una vena. I cateteri venosi periferici si usano per: Ottenere campioni

Dettagli

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica: l alternativa alla chirurgia Negli ultimi venti anni la Radiologia Interventistica si è guadagnato il prezioso ruolo

Dettagli

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC I.P. Serena Mazzini, Sez. di Medicina Interna, Gerontologia e Geriatria Dr. Massimo Gallerani, U.O. Complessa

Dettagli

Chirurgia TECNICA DI NUSS AOU MEYER

Chirurgia TECNICA DI NUSS AOU MEYER TECNICA DI NUSS Nel 1998 viene pubblicata la tecnica di Nuss che ha la particolarità di non richiedere resezioni costali o sternali, né incisione nella regione mediana dello sterno. La tecnica di Nuss

Dettagli

Dispositivi per la terapia del dolore aspetti pratici. Maria Paola Manfredi - S.C.Terapia del Dolore e Cure Palliative

Dispositivi per la terapia del dolore aspetti pratici. Maria Paola Manfredi - S.C.Terapia del Dolore e Cure Palliative Dispositivi per la terapia del dolore aspetti pratici Maria Paola Manfredi - S.C.Terapia del Dolore e Cure Palliative Dolore Oncologico Dolore Cronico Dolore Oncologico La via di somministrazione: orale

Dettagli

IN REGIME DI DAY SURGERY ERNIA INGUINALE ERNIA OMBELICALE ERNIA EPIGASTRICA LAPAROCELE

IN REGIME DI DAY SURGERY ERNIA INGUINALE ERNIA OMBELICALE ERNIA EPIGASTRICA LAPAROCELE Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche Dott. V. Barbieri - Direttore PATOLOGIE CHIRURGICHE DELLA PARETE ADDOMINALE IN REGIME DI DAY SURGERY ERNIA INGUINALE ERNIA OMBELICALE ERNIA EPIGASTRICA

Dettagli

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico:

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico: Catetere Venoso Centrale e Periferico, Presidi necessari alla gestione. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza:

Dettagli

IL PICC. Catetere venoso centrale ad inserimento periferico. Guida per il paziente e l infermiere

IL PICC. Catetere venoso centrale ad inserimento periferico. Guida per il paziente e l infermiere IL PICC Catetere venoso centrale ad inserimento periferico Guida per il paziente e l infermiere Indice Introduzione Pag. 2 Dati paziente e Picc Pag. 3 Paziente Cos è il Picc? Pag. 4 Quando è utile tale

Dettagli

LE MIGLIORI CANDIDATE ALL'INTERVENTO DI COMPLICANZE

LE MIGLIORI CANDIDATE ALL'INTERVENTO DI COMPLICANZE astopessi 1 MASTOPESSI Con il passare degli anni le mammelle di una donna subiscono dei cambiamenti dovuti a fattori come la gravidanza, l'allattamento e la forza di gravità. Poichè la cute perde la sua

Dettagli

Che cosa è un epidurale?

Che cosa è un epidurale? CONTROLLO DEL DOLORE POST-OPERATORIO CON L ANALGESIA EPIDURALE Questo foglietto vuole essere un informativa per il paziente e la sua famiglia circa il controllo del dolore postoperatorio attraverso l utilizzo

Dettagli

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni Dispositivo di assistenza meccanica al circolo Consigli per la prevenzione delle infezioni Gentile questo e il vademecum del dispositivo di assistenza meccanica al circolo che le è stato applicato. Lo

Dettagli

Informazioni ai pazienti per ERCP (rappresentazione delle vie biliari e del pancreas con mezzo di contrasto)

Informazioni ai pazienti per ERCP (rappresentazione delle vie biliari e del pancreas con mezzo di contrasto) - 1 - Informazioni ai pazienti per ERCP (rappresentazione delle vie biliari e del pancreas con mezzo di contrasto) Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Pag. 1 di 5 NORMA UNI EN ISO 9001:2008 REG.N.3000/GA1-A GASTROENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Gentile Signora/e,come le è stato detto dal medico, Dott., per proseguire

Dettagli

Pubblicazione in collaborazione con l'azienda Unità sanitaria locale di Ravenna

Pubblicazione in collaborazione con l'azienda Unità sanitaria locale di Ravenna Coordinamento editoriale e di redazione: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Carlo Naldoni Redazione testi: Gianni Saguatti, Debora Canuti, Marilena Manfredi, Mario Taffurelli Grafica: Tracce, Modena Stampa:

Dettagli

Seno. Personalmente, nell ambito della mia specializzazione, ho sempre nutrito un interesse particolare verso la chirurgia estetica del seno.

Seno. Personalmente, nell ambito della mia specializzazione, ho sempre nutrito un interesse particolare verso la chirurgia estetica del seno. Seno Personalmente, nell ambito della mia specializzazione, ho sempre nutrito un interesse particolare verso la chirurgia estetica del seno. Mastoplastica Additiva E uno degli interventi di chirurgia estetica

Dettagli

La Rachicentesi. (Puntura Lombare) in Ematologia. Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia

La Rachicentesi. (Puntura Lombare) in Ematologia. Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia Informazione per pazienti La Rachicentesi (Puntura Lombare) in Ematologia Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia Dott. Francesco Merli - Direttore Cristiana Caffarri - Coordinatore Infermieristico

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI PACEMAKER BIVENTRICOLARE (CRT)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI PACEMAKER BIVENTRICOLARE (CRT) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI PACEMAKER BIVENTRICOLARE (CRT) FINALITÀ DELL INTERVENTO Il pacemaker biventricolare (CRT), in grado di stimolare l atrio destro (o comunque

Dettagli

Dott. Nicola Pittoni

Dott. Nicola Pittoni Dott. Nicola Pittoni MINI-RINOPLASTICA La Mini-Rinoplastica, o Chirurgia del naso, è l intervento che può cambiare la forma del dorso del naso, spianando cioè la cosiddetta gobba. Di seguito si forniscono

Dettagli

1st page. Cosa dovrebbero sapere i genitori a proposito della sicurezza radiologica nella Radiologia Interventistica Pediatrica

1st page. Cosa dovrebbero sapere i genitori a proposito della sicurezza radiologica nella Radiologia Interventistica Pediatrica 1st page Cosa dovrebbero sapere i genitori a proposito della sicurezza radiologica nella Radiologia Interventistica Pediatrica 1 2nd page Le tecniche di produzione di immagini aiutano i medici a vedere

Dettagli

Chirurgia robotica nella neoplasia faringo-laringea

Chirurgia robotica nella neoplasia faringo-laringea Chirurgia robotica nella neoplasia faringo-laringea Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

Ospedale Classificato Equiparato Sacro Cuore Don Calabria Presidio Ospedaliero Accreditato Regione Veneto

Ospedale Classificato Equiparato Sacro Cuore Don Calabria Presidio Ospedaliero Accreditato Regione Veneto Ospedale Classificato Equiparato Sacro Cuore Don Calabria Presidio Ospedaliero Accreditato Regione Veneto Rev 0 del 01.12.09 Reparto di Chirurgia Plastica Primario: Dr. C. Cristofoli Rif. Norma UNI EN

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE BIVENTRICOLARE (CRT - D)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE BIVENTRICOLARE (CRT - D) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE BIVENTRICOLARE (CRT - D) FINALITÀ DELL INTERVENTO Il defibrillatore biventricolare (CRT D), in grado di stimolare l atrio

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: REVISIONE O SOSTITUZIONE DI DISPOSITIVO IMPIANTABILE (PACEMAKER O DEFIBRILLATORE)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: REVISIONE O SOSTITUZIONE DI DISPOSITIVO IMPIANTABILE (PACEMAKER O DEFIBRILLATORE) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: REVISIONE O SOSTITUZIONE DI DISPOSITIVO IMPIANTABILE (PACEMAKER O DEFIBRILLATORE) FINALITÀ DELL INTERVENTO La revisione o sostituzione del dispositivo

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

L Aspirato Midollare. e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia

L Aspirato Midollare. e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia L Aspirato Midollare Informazione per pazienti e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia Dott. Francesco Merli - Direttore Cristiana Caffarri - Coordinatore

Dettagli

SORRIDI SEI CON BTK! ECCO LA GUIDA A TUTTO QUELLO CHE AVRESTI VOLUTO SAPERE SULL IMPLANTOLOGIA DENTALE. Lavoriamo con il sorriso, per il sorriso.

SORRIDI SEI CON BTK! ECCO LA GUIDA A TUTTO QUELLO CHE AVRESTI VOLUTO SAPERE SULL IMPLANTOLOGIA DENTALE. Lavoriamo con il sorriso, per il sorriso. SORRIDI SEI CON BTK! ECCO LA GUIDA A TUTTO QUELLO CHE AVRESTI VOLUTO SAPERE SULL IMPLANTOLOGIA DENTALE. Lavoriamo con il sorriso, per il sorriso. www.bioteconline.com SORRISO il nostro biglietto da visita

Dettagli

Uso del casco stereotassica o del neuronavigatore per test diagnostici e biopsie

Uso del casco stereotassica o del neuronavigatore per test diagnostici e biopsie Uso del casco stereotassica o del neuronavigatore per test diagnostici e biopsie La biopsia cerebrale è una metodica che deve essere estremamente precisa. Per il chirurgo è necessario raggiungere una zona

Dettagli

Guida per il paziente

Guida per il paziente Il presente foglio illustrativo è stato elaborato da Sirtex Medical Limited (Sirtex) ed è destinato a fornire al paziente e ai suoi familiari una panoramica della Radioterapia Interna Selettiva con microsfere

Dettagli

MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO

MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA dottor Luigi Izzo CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA La chirurgia plastica

Dettagli

Protesi al silicone - Incisione areolare

Protesi al silicone - Incisione areolare Protesi al silicone - Incisione areolare L aumento del seno o mastoplastica additiva è una delle procedure di chirurgia estetica più diffuse. Col tempo i fattori quali l età, la genetica, la gravidanza,

Dettagli

LIFTING ENDOSCOPICO TEMPORO FRONTALE E PERIOCULARE. dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA

LIFTING ENDOSCOPICO TEMPORO FRONTALE E PERIOCULARE. dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA LIFTING ENDOSCOPICO TEMPORO FRONTALE E PERIOCULARE dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA dottor Luigi Izzo CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA Il lifting endoscopico

Dettagli

Artroprotesi di Ginocchio. VenetoSportsMed

Artroprotesi di Ginocchio. VenetoSportsMed Artroprotesi di Ginocchio VenetoSportsMed Se il vostro ginocchio è severamente danneggiato dall artrosi potrebbe risultarvi difficile svolgere le semplici attività quotidiane come il camminare; il dolore

Dettagli

Dott. Nicola Pittoni Medico Chirurgo Specialista in Dermatologia Chirurgia Estetica

Dott. Nicola Pittoni Medico Chirurgo Specialista in Dermatologia Chirurgia Estetica Dott. Nicola Pittoni Medico Chirurgo Specialista in Dermatologia Chirurgia Estetica I segni dell'invecchiamento cutaneo si evidenziano anche sul volto con il trascorrere degli anni aggravati dall esposizione

Dettagli

Guida all utilizzo della PEG

Guida all utilizzo della PEG Guida all utilizzo della PEG INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL

Dettagli

Fibromi uterini, le soluzioni possibili

Fibromi uterini, le soluzioni possibili Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico Universitario A. Gemelli ROMA Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna e della Vita Nascente Dipartimento di Bioimmagini e Scienze Radiologiche

Dettagli

Consenso informato relativo all intervento di mastopessi o mastopessia

Consenso informato relativo all intervento di mastopessi o mastopessia Consenso informato relativo all intervento di mastopessi o mastopessia La mastopessi si propone di rimodellare e risospendere la mammella senza ridurne ne aumentarne il volume. L operazione prevede lo

Dettagli

Opuscolo per il paziente

Opuscolo per il paziente Opuscolo per il paziente Chemioembolizzazione transarteriosa con microsfere a rilascio di farmaco (detace): Un opzione mininvasiva per il trattamento degli epatocarcinomi Diagnosi di epatocarcinoma La

Dettagli

POSIZIONAMENTO ECO-GUIDATO DI PICC E MIDLINE

POSIZIONAMENTO ECO-GUIDATO DI PICC E MIDLINE 2. Vene Brachiali Seconda scelta Vicine all arteria brachiale Vicine al nervo brachiale Aspetto a mickey mouse Vena brachiale Arteria brachiale Vena brachiale Vena basilica 2. Vene Brachiali Seconda scelta

Dettagli

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO Combattere i tumori è possibile. Prima di tutto prevenendone la comparsa attraverso la riduzione dei fattori di rischio, adottando stili di vita sani come evitare il

Dettagli

INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI SVUOTAMENTO LATERO-CERVICALE

INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI SVUOTAMENTO LATERO-CERVICALE UNITA OPERATIVA COMPLESSA DI OTORINOLARINGOIATRIA Direttore: Carlo Alicandri Ciufelli NOTA ORL 35 Revisione 1 del 09.09.2010 Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI SVUOTAMENTO

Dettagli

MASTOPLASTICA RIDUTTIVA: RIDUZIONE DEL VOLUME DEL SENO

MASTOPLASTICA RIDUTTIVA: RIDUZIONE DEL VOLUME DEL SENO MASTOPLASTICA RIDUTTIVA: RIDUZIONE DEL VOLUME DEL SENO La finalità dell'intervento chirurgico di mastoplastica riduttiva consiste nella diminuzione del volume del seno e il suo conseguente rimodellamento.

Dettagli

Servizio di Prevenzione e Protezione Tel. 095/7262177 Tel/Fax 095/7262170

Servizio di Prevenzione e Protezione Tel. 095/7262177 Tel/Fax 095/7262170 1 Introduzione La puntura e il taglio accidentale rappresentano per diffusione, frequenza e rischio di infezione, le modalità di esposizione al rischio biologico più preoccupante e devono essere, conseguentemente,

Dettagli

LA BELLEZZA NELLO SGUARDO L intervento di blefaroplastica

LA BELLEZZA NELLO SGUARDO L intervento di blefaroplastica LA BELLEZZA NELLO SGUARDO L intervento di blefaroplastica In che cosa consiste l intervento? La blefaroplastica è un intervento mirato a correggere gli eccessi cutanei palpebrali e a eliminare le borse

Dettagli

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA OPUSCOLO CON INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo

Dettagli

Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di VARICOCELECTOMIA per la cura del VARICOCELE

Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di VARICOCELECTOMIA per la cura del VARICOCELE PROF. FRANCESCO MONTORSI PROFESSORE ORDINARIO DI UROLOGIA UNIVERSITA VITA SALUTE SAN RAFFAELE MILANO Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di VARICOCELECTOMIA per la cura del VARICOCELE

Dettagli

www.sicpre.it Riduzione del seno

www.sicpre.it Riduzione del seno Riduzione del seno I seni troppo grandi rispetto alle proporzioni del resto del corpo sono spesso causa di dolori al collo o alla schiena, nonché di piaghe o irritazioni sulle spalle dovute alle spalline

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

CONSENSO INFORMATO ALL INTERVENTO DI CORREZIONE DELL ECTROPION

CONSENSO INFORMATO ALL INTERVENTO DI CORREZIONE DELL ECTROPION AMBULATORIO DI CHIRURGIA OCULARE SANTA LUCIA s.r.l. SOCIETA UNINOMINALE DIRETTORE SANITARIO: Prof. Vincenzo Sarnicola Via Mazzini, 60 58100 Grosseto tel. 0564.414775 fax 0564.413023 www.studiosarnicola.it

Dettagli

MASTOPLASTICA ADDITIVA Tutte le informazioni di cui hai bisogno. Masino Scutari Centro Chirurgico Scutari

MASTOPLASTICA ADDITIVA Tutte le informazioni di cui hai bisogno. Masino Scutari Centro Chirurgico Scutari MASTOPLASTICA ADDITIVA Tutte le informazioni di cui hai bisogno. Masino Scutari Centro Chirurgico Scutari MASTOPLASTICA ADDITIVA Introduzione La mastoplastica additiva è impiegata per aumentare il volume

Dettagli

GLOB Il Potere di Trasformare

GLOB Il Potere di Trasformare GLOBAL Indice 1 Introduzione 2 Anatomia del seno 3 Opzioni di incisione e posizionamento 5 Tipi di protesi mammarie (con foto prima e dopo ) 10 L intervento 11 Periodo di convalescenza 11 Polizza Mentor

Dettagli

Informativa per il trattamento chirurgico del Varicocele

Informativa per il trattamento chirurgico del Varicocele Informativa per il trattamento chirurgico del Varicocele Il presente documento ha lo scopo di informarla e di fornirle, in maniera il più possibile semplice e comprensibile, tutte le notizie circa la sua

Dettagli

1. Che cos'è l'anestesia? L anestesia generale. La sedazione. L anestesia locale

1. Che cos'è l'anestesia? L anestesia generale. La sedazione. L anestesia locale 1. Che cos'è l'anestesia? Il termine anestesia significa insensibilità al dolore e ad altre sensazioni provocate dagli atti diagnostici o terapeutici. L anestesia in realtà non è che l insensibilizzazione

Dettagli

DEFINIZIONE EPIDEMIOLOGIA

DEFINIZIONE EPIDEMIOLOGIA DEFINIZIONE Il Varicocele è la dilatazione varicosa delle vene nello scroto. I testicoli ricevono il sangue dall'arteria testicolare che è situata all'interno dell'addome; il sangue viene quindi trasportato

Dettagli

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica

Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica Percorso del paziente sottoposto ad indagine diagnostico/interventistica 118 Territorio 118 PS Spoke UO cardiologia Spoke PS Hub Reparti di degenza Azienda AUSL UO cardiologia Hub Oggetto Scopo Campo di

Dettagli

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori NOVITà Indicazione pediatrica Guida per i genitori Che cos è la vaccinazione antiallergica? 3 n Rinocongiuntivite allergica: una condizione diffusa 3 n La vaccinazione antiallergica 4 Che cos è GRAZAX?

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Agnese Teruzzi, 78 anni Ex consulente d'azienda Operata 5 anni fa di protesi alle anche Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

PROMEMORIA ALLEGATO AL CONSENSO INFORMATO ALL INTERVENTO DI CORREZIONE DELL ENTROPION

PROMEMORIA ALLEGATO AL CONSENSO INFORMATO ALL INTERVENTO DI CORREZIONE DELL ENTROPION Società Italiana di Chirurgia Oftalmoplastica Consensi Informati PROMEMORIA ALLEGATO AL CONSENSO INFORMATO ALL INTERVENTO DI CORREZIONE DELL ENTROPION DEFINIZIONE DI ENTROPION L entropion consiste nell

Dettagli

FENOMENO DI RAYNAUD E SCLEROSI SISTEMICA AFFRONTARE LA MALATTIA: CONSIGLI E INDICAZIONI

FENOMENO DI RAYNAUD E SCLEROSI SISTEMICA AFFRONTARE LA MALATTIA: CONSIGLI E INDICAZIONI FENOMENO DI RAYNAUD E SCLEROSI SISTEMICA AFFRONTARE LA MALATTIA: CONSIGLI E INDICAZIONI CHE COS È IL FENOMENO DI RAYNAUD È definito come una variazione di colore della cute delle mani o delle estremità

Dettagli

Per una rapida e sicura rimozione endovenosa delle vene varicose e delle varici

Per una rapida e sicura rimozione endovenosa delle vene varicose e delle varici Per una rapida e sicura rimozione endovenosa delle vene varicose e delle varici Dove passione e tecnologia si incontrano, nasce l'innovazione... Le vene varicose influenzano la qualità della vita di milioni

Dettagli

Guida alla Gestione del Catetere Venoso Centrale

Guida alla Gestione del Catetere Venoso Centrale Istituto Ortopedico Rizzoli Via Pupilli, 1-40136 Bologna SEZIONE DI CHEMIOTERAPIA Tel.: 051-6366829 - Fax: 051-6366277 Guida alla Gestione del Catetere Venoso Centrale 1 A cura del Personale Infermieristico

Dettagli

Dr. Ugo Baccaglini SPECIALISTA IN CHIRURGIA GENERALE SPECIALISTA IN CHIRURGIA TORACO-POLMONARE

Dr. Ugo Baccaglini SPECIALISTA IN CHIRURGIA GENERALE SPECIALISTA IN CHIRURGIA TORACO-POLMONARE Dr. Ugo Baccaglini SPECIALISTA IN CHIRURGIA GENERALE SPECIALISTA IN CHIRURGIA TORACO-POLMONARE Ambulatorio: Poliambulatorio S. Polo - Via T. Aspetti, 106 PD Tel. 049/8643200 Guida per il paziente con ernia

Dettagli

CATETERE VENOSO PERIFERICO POSIZIONAMENTO E GESTIONE

CATETERE VENOSO PERIFERICO POSIZIONAMENTO E GESTIONE 1 REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N 16 C.F. e P.I. 00349050286 Unità Operativa Anestesia e Rianimazione Direttore dr. Claudio Mongiat Tel.: 049/97188334 Fax: 049/9718368 e-mail:claudio.mongiat@sanita.padova.it

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

LITOTRISSIA EXTRACORPOREA ESWL

LITOTRISSIA EXTRACORPOREA ESWL Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche Dott. V. Barbieri - Direttore LITOTRISSIA EXTRACORPOREA ESWL Day Surgery Dott. Verter Barbieri - Responsabile Medico Fiorenza Costi - Coordinatore Infermieristico

Dettagli

Consenso informato all intervento di MASTOPLASTICA ADDITIVA. Prof. Massimo Monti. Specialista in chirurgia generale e chirurgia plastica

Consenso informato all intervento di MASTOPLASTICA ADDITIVA. Prof. Massimo Monti. Specialista in chirurgia generale e chirurgia plastica Consenso informato all intervento di MASTOPLASTICA ADDITIVA Per la paziente Prof. Massimo Monti Specialista in chirurgia generale e chirurgia plastica Lo scopo del seguente modulo di consenso è di fornire

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD) FINALITÀ DELL INTERVENTO Il defibrillatore (Internal Cardioverter-Defibrillator - ICD) è in grado di trattare

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è la colonscopia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è la colonscopia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Che cosa è la colonscopia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 23-0 09/09/2012 INDICE Che cos è la "colonscopia? 4 Chi fa la colonscopia e a

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Tutti hanno ragione: esprimete la vostra volontà.

Tutti hanno ragione: esprimete la vostra volontà. Informazioni per la donazione di organi, tessuti e cellule in caso di decesso. Tutti hanno ragione: esprimete la vostra volontà. «Fondamentalmente sono favorevole alla donazione di organi e tessuti. Ma

Dettagli

Introduzione La mastoplastica additiva

Introduzione La mastoplastica additiva Introduzione La mastoplastica additiva è uno degli interventi di chirurgia plastica oggi più eseguiti e richiesti ma la decisione di impiantare una protesi mammaria ha grande importanza. Prima di procedere,

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI:

OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI: OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI: Dott. Riccardo Cappato Presidente ANA-Aritmie Prof. Francesco Furlanello Coordinatore Nazionale Attività Formativa ANA-Aritmie Silvia Siminelli Segretario Generale ANA-Aritmie

Dettagli

FIBROADENOMA. Che cosa è un Fibroadenoma?

FIBROADENOMA. Che cosa è un Fibroadenoma? FIBROADENOMA Che cosa è un Fibroadenoma? Il fibroadenoma è un tumore benigno che si forma più frequentemente negli anni in cui la donna è fertile; si riscontra nel 25 % donne asintomatiche. Due i tipi

Dettagli

SKA ORTHOPÄDIE. Informazioni per i pazienti. Ente giuridico: Warmbader Krankenanstalten GmbH Direzione medica: Primario dr.

SKA ORTHOPÄDIE. Informazioni per i pazienti. Ente giuridico: Warmbader Krankenanstalten GmbH Direzione medica: Primario dr. SKA ORTHOPÄDIE Ente giuridico: Warmbader Krankenanstalten GmbH Direzione medica: Primario dr. Christian Aigner Tel. +43- (0) 4242-3006 Fax +43- (0) 4242-3006-6177 Mail orthopaedie@lkh-vil.or.at Web www.med-warmbad.at

Dettagli

ADDOMINOPLASTICA: CORREZIONE CHIRURGICA DELL'ADDOME RILASSATO ED ADIPOSO

ADDOMINOPLASTICA: CORREZIONE CHIRURGICA DELL'ADDOME RILASSATO ED ADIPOSO ADDOMINOPLASTICA: CORREZIONE CHIRURGICA DELL'ADDOME RILASSATO ED ADIPOSO L addominoplastica comprende tutte le varie tipologie di intervento di chirurgia plastica dell addome. Si basa sulla rimozione chirurgica

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE

NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Pag. 1 di 4 NORMA UNI EN ISO 9001:2008 REG.N.3000/GA1-A GASTROENTEROLOGIA ED ENDOSCOPIA DIGESTIVA NOTA INFORMATIVA PER IL PAZIENTE Gentile Signora/e,come le è stato detto dal medico Dott., per proseguire

Dettagli

MASTOPESSI. Dott. Nicola Pittoni

MASTOPESSI. Dott. Nicola Pittoni Dott. Nicola Pittoni MASTOPESSI Informazioni circa l intervento di Mastopessi Un seno eccessivamente sviluppato o cadente o mal conformato può essere corretto e ricondotto ad un aspetto esteticamente più

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE SUGLI IMPIANTI DENTALI! CI PIACE FAR SORRIDERE LA GENTE

TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE SUGLI IMPIANTI DENTALI! CI PIACE FAR SORRIDERE LA GENTE D E N T A L I M P L A N T S Y S T E M TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE SUGLI IMPIANTI DENTALI! CI PIACE FAR SORRIDERE LA GENTE QUESTO STUDIO UTILIZZA IMPIANTI DENTAL TECH. ed insieme vogliamo dare risposta

Dettagli

Informazioni ai pazienti per endosonografia inferiore (sonografia interna attraverso l ano)

Informazioni ai pazienti per endosonografia inferiore (sonografia interna attraverso l ano) - 1 - Informazioni ai pazienti per endosonografia inferiore (sonografia interna attraverso l ano) Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente

Dettagli

AGOASPIRATO ECO-GUIDATO DI TESSUTI E ORGANI SUPERFICIALI

AGOASPIRATO ECO-GUIDATO DI TESSUTI E ORGANI SUPERFICIALI AGOASPIRATO ECO-GUIDATO DI TESSUTI E ORGANI SUPERFICIALI Data di acquisizione: 1 - Generalità del Paziente Cognome Nome Data di nascita Etichetta Paziente 2 - Quale procedura mi viene proposta? La presente

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

ANESTESIA REGIONALE. 1 Cosa accade prima dell'anestesia regionale?

ANESTESIA REGIONALE. 1 Cosa accade prima dell'anestesia regionale? ANESTESIA REGIONALE Fiume, Salvatore (1915-1997) Portatori di pesce La paura di sottoporsi ad una anestesia generale, di addormentarsi e rimanere in un stato d'incoscienza, non è la sola ragione per ricorrere

Dettagli

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE Infusione di liquidi Infusione rapidacontrollata Infusione controllata nelle 24h I sistemi di Infusione meccanica in uso sono: Pompa volumetrica Pompa elastomerica Pompa

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

Consegnato il firma...

Consegnato il firma... Ambulatorio di Chirurgia Oculare Santa Lucia Direttore Sanitario Dott. Giuseppe Eugenio Apuzzo Via Mazzini. 60 58100 Grosseto Tel. 0564-414775 Cell. Emergenze 320-0558171 Fax 0564-413023 e-mail: info@studiosarnicola.it

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Nei casi di grave e media asimmetria mammaria, non è possibile ottenere un buon risultato inserendo di prima istanza una protesi nella mammella, pertanto si deve preventivamente posizionare in regione

Dettagli

LAB-NEWS Anno 1 n 6 Giugno 2006

LAB-NEWS Anno 1 n 6 Giugno 2006 1 IL CARCINOMA DELLA PROSTATA Il carcinoma della prostata rappresenta una grave questione di sanità pubblica e la sua incidenza è destinata ad aumentare nei prossimi anni, a causa del costante aumento

Dettagli

Informazioni ai pazienti per esame con capsula endoscopica

Informazioni ai pazienti per esame con capsula endoscopica - 1 - Informazioni ai pazienti per esame con capsula endoscopica Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito

Dettagli