Project financing. Prof. Antonio Salvi Università Bocconi e Cà Foscari di Venezia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Project financing. Prof. Antonio Salvi Università Bocconi e Cà Foscari di Venezia"

Transcript

1 Project financing Prof. Antonio Salvi Università Bocconi e Cà Foscari di Venezia

2 Indice degli argomenti 1. Definizione e caratteristiche 2. Ruolo delle banche 3. Sviluppo del progetto: lo Special Purpose Vehicle 4. Fasi del project financing 5. Flussi di cassa 6. Progettazione della struttura finanziaria 7. Investimenti pubblici e finanza di progetto 8. Project finance Initiative 2

3 Definizione Operazione di finanziamento in cui: L iniziativa economica è realizzata attraverso la costituzione di una società di progetto (Special Purpose Vehicle Spv) che consente la separazione economica e giuridica dell investimento (principio di ring fence) L investimento è valutato da banche ed azionisti principalmente per la sua capacità di generare ricavi I flussi di cassa connessi alla gestione delle opere realizzate sono la fonte primaria per il servizio del debito e la remunerazione del capitale di rischio Le garanzie principali sono prevalentemente di natura contrattuale piuttosto che reale

4 Le garanzie per le banche Nel project financing le garanzie si distinguono in: - Reali - Contrattuali - Di rivalsa Il project financing è di solito classificato in due diverse tipologie di garanzia: - Without recourse (senza rivalsa): non è prevista alcuna garanzia di rivalsa sui promotori o i terzi La capacità di generazione di flussi di cassa e la strutturazione contrattuale dell iniziativa sono gli unici elementi di valutazione per le banche - Limited recourse (con rivalsa limitata): sono previste garanzie di rivalsa sui promotori o i terzi In ogni caso, la principale garanzia è la presenza di un sistema di contratti sottostanti al progetto armonizzati tra loro e con la convenzione finanziaria

5 Definizione di project financing: la copertura dei rischi Caratteristiche tipiche delle operazioni di project financing : - Elevata leva finanziaria - Scarsità di beni da offrire in garanzia Ripartizione contrattuale dei rischi tra i soggetti coinvolti nell operazione Eventuali diritti di rivalsa su soggetti diversi (es: promotori) come garanzia accessoria al progetto

6 Specificità del project financing Il termine project financing indica una vasta gamma di strutture finanziarie studiate in funzione dello specifico progetto che si intende realizzare Le operazioni sono uniche come i progetti da finanziare ed ognuna possiede caratteristiche peculiari Project financing è quindi un operazione di finanziamento che è valutata da azionisti e banche finanziatrici principalmente per le sue capacità di generare ricavi e dove i flussi di cassa connessi alla gestione sono la fonte primaria per il servizio del debito e la remunerazione del capitale di rischio.

7 Il Ring Fence E la separazione economica e giuridica del progetto dalle altre iniziative dei promotori Si realizza attraverso la costituzione di una SPV, titolare dei principali diritti ed obblighi relativi al progetto Protegge, in favore delle banche, il flusso di cassa del progetto dalle altre attività dei promotori Consente ai promotori di non iscrivere in bilancio i debiti della società di progetto

8 Tipologie di project financing Le operazioni di project financing nel modello anglosassone si articolano sulle possibili varianti di tre schemi operativi base: - BOT (build, operate and transfer), che prevede la costruzione, la gestione ed il trasferimento finale delle opere - BOST (build, operate, subsidize, operate and transfer), simile al BOT, ma a causa dell insufficiente livello delle tariffe, la fase di costruzione e gestione beneficia di contributi pubblici - BOO (build, operate and own), che prevede la costruzione, la gestione ed il possesso delle opere realizzate Il legislatore italiano ha optato per la struttura BOT e BOST.

9 Differenza tra PF e concessione La costituzione di una società di progetto da parte del concessionario distingue un operazione di PF da una tradizionale concessione di costruzione e gestione. Se il concessionario costituisce una società di progetto, trasferisce la concessione a questa nuova entità e ha inizio l operazione di PF; altrimenti, può proseguire attraverso la gestione tradizionale. Due principali vantaggi nel PF: - Il rischio è limitato al solo capitale versato nella società - Si consente ai soggetti finanziatori di giudicare esclusivamente la redditività del progetto e non la consistenza patrimoniale dell impresa.

10 Indice degli argomenti 1. Definizione e caratteristiche di un operazione di project financing 2. Il ruolo delle banche nelle operazioni di project financing 3. Lo sviluppo del progetto: la struttura dello Special Purpose Vehicle 4. Le fasi del project financing 5. Flussi di cassa 6. La progettazione della struttura finanziaria 7. Investimenti pubblici e finanza di progetto 8. Project finance initiative 10

11 Gli intermediari finanziari coinvolti nel PF Banche commerciali Banche d investimento Società di leasing Compagnie di assicurazione Investitori istituzionali - E importante notare che non esistono campi esclusivi che identificano un legame netto tra intermediario e funzione svolta: vi è piuttosto un criterio di dominanza di un area d affari rispetto alle altre nell ambito delle attività di un operatore finanziario.

12 Le macroclassi di servizi offerti dagli intermediari finanziari Servizi di consulenza: - Orientati alla definizione del profilo di rischio dell operazione, dei tempi di attuazione e delle dimensioni della stessa al fine di renderla proponibile alla comunità dei finanziatori - Possono essere svolti anche da soggetti non rappresentati da intermediari, quali consulting firms, professionisti indipendenti o lo stesso sponsor Servizi di finanziamento: - Attengono all attività di lending vera e propria e consistono nella concessione di capitale di credito o, più raramente, di rischio - Rappresenta un area d affari in cui gli intermediari finanziari, ed in particolare le banche commerciali, svolgono un ruolo prevalente.

13 Tipologie di servizi proposte dagli intermediari finanziari Advisory (consulenza) Lending Analisi degli aspetti tecnici (in associazione con i consulenti tecnici) Analisi degli aspetti normativi e legali (in associazione con gli avvocati) Due diligence nell operazione dei soggetti coinvolti Sviluppo delle ipotesi di allocazione dei rischi Redazione del business plan ed elaborazione delle analisi di sensibilità Determinazione del fabbisogno finanziario e delle modalità di copertura Identificazione delle modalità di approvvigionamento di capitale di debito e rischio Organizzazione e negoziazione dei termini del finanziamento (arranging) Organizzazione e negoziazione dei termini di emissioni obbligazionarie (global coordination) Erogazione di finanziamenti ponte (bridge financing) Sottoscrizione di finanziamento bancario (underwriting) Erogazione di finanziamenti in pool (lending) Concessione di leasing impiantistico Conferimento di capitale di rischio Conferimento di mezzanine financing Prestazione di garanzie Gestione tecnica dei rapporti con lo Spv: agency, tenuta della documentazione, monitoraggio dell uso dei fondi da parte del prenditore

14 Advisory I compiti dell advisor sono: - Comprendere gli obiettivi degli sponsor e individuare possibili soluzioni per il loro raggiungimento, che può anche non essere il project financing - Valutare i rischi del progetto, ricercando strategie per la loro gestione - Assistere i promotori nelle fasi contrattuali - Assistere i promotori nella certificazione di tutte le autorizzazioni ottenute - Assistere i promotori nella stesura e nella revisione dei business plan - Evidenziare eventuali problemi non considerati dagli sponsor ma comunque rilevanti

15 Arranging L arranging è un ambito competitivo ristretto alle banche commerciali che possiedono le seguenti caratteristiche: - Dotate di un buon posizionamento internazionale - Dotate di una considerevole forza finanziaria ed una robusta dotazione di mezzi propri Consiste nell ottenimento del mandato del prenditore di fondi (Spv) a strutturare e gestire il contratto di finanziamento L arranger deve essere in grado di contattare il maggior numero di banche possibile e svolgere un attività di coordinamento di tutti i lender.

16 L arranging - segue L attività di arranging si associa strettamente alla prestazione agli sponsor di una garanzia di underwriting, cioè di sottoscrizione a fermo del finanziamento con la quale è garantita la disponibilità di fondi anche in assenza di finanziatori interessati al progetto L istituto arranger deve possedere una forza finanziaria notevole per poter prestare una garanzia di underwriting, poiché in caso di mancato collocamento del prestito, l intero impegno grava sul suo bilancio. La garanzia di underwriting è molto apprezzata dalle banche chiamate a finanziare lo SPV, in quanto segnala la fiducia riposta dall arranger nell iniziativa

17 Fattori di selezione dell arranger Gli sponsor selezionano gli arranger sulla base dei seguenti fattori (simili anche per la scelta dell advisor): - Esperienza maturata in operazioni precedenti - Reputazione - Flessibilità - Costo del finanziamento Quest ultimo è stato per molti anni il principale fattore discriminante. Oggi però la forte competizione ha ridotto le differenze di pricing a pochi basis point. In questo contesto gli altri fattori assumono rilievo sostanziale.

18 Integrazione dei ruoli di advisor e arranger Integrazione Specializzazione Il financial advisor prescelto ricopre anche il ruolo di arranger Zona intermedia: concorrenza tra consulente finanziario e potenziali arranger Separazione netta tra financial advisor ed arranger Riduzione conflitti d interesse Spv - intermediario

19 Banche commerciali e banche d investimento Le banche sono l intermediario finanziario di maggior peso nelle operazioni di project financing. Storicamente esiste una separazione tra le due categorie di banche, riscontrabile ancora oggi Banca commerciale Raccolta diretta da pubblico al dettaglio Impieghi verso clientela imprese tipicamente ispirata a logiche di lending puro Presenza capillare sul territorio Significativa incidenza del margine d interesse sulla redditività globale Orientamento alle relazioni stabili con la clientela Banca d investimento Raccolta principalmente interbancaria Assenza di articolazione territoriale spinta Impieghi per tagli di operazioni rilevanti con forte componente di intermediazione mobiliare e di servizio (finanza mobiliare, corporate finance, asset and risk management) Modesta incidenza del margine d interesse sulla redditività globale Orientamento al singolo deal

20 Banche commerciali e banche d investimento - segue Banche commerciali: La raccolta è stabile ed a costi contenuti La presenza internazionale favorisce la prestazione di servizi di arrangement Banche d investimento: La componente di redditività preponderante è rappresentata dalle commissioni sui servizi erogati La raccolta è rilevante ma poco remunerativa perché attivata sui mercati interbancari Area elettiva è l intermediazione finanziaria e l erogazione di servizi di finanziamento Area elettiva è l advisory, più vicina alla consulenza che all intermediazione finanziaria in senso proprio

21 Financial advisors 2003 Pos. Financial Adviser name Project Amt $m No. %Share 1 Citigroup 8, PricewaterhouseCoopers 6, CSFB 5, Banca Intesa 5, Macquarie Bank 4, ABN Amro 4, Societe Generale 3, Deutsche Bank 3, Babcock & Brown 2, Sumitomo Mitsui Banking 2,

22 Global arrangers 2003 Pos. Arranger name Loan Amt ($m) No. %Share 1 Royal Bank of Scotland 2, Credit Agricole - Credit Lyonnais 2, BBVA 2, WestLB 1, Societe Generale 1, ANZ Investment Bank 1, Bank of Scotland 1, Mitsubishi Tokyo Financial Group 1, Sumitomo Mitsui Banking 1, Citigroup 1,

23 Global providers of PF loans 2003 Pos. Provider name Loan Amt $m No. %Share 1 Credit Agricole - Credit Lyonnais 1, Royal Bank of Scotland 1, ING Group 1, Citigroup 1, WestLB 1, Mitsubishi Tokyo Financial Group 1, BNP Paribas 1, JBIC 1, Bank of Scotland 1, ANZ Investment Bank 1,

24 PF legal advisors 2003 Pos. Legal Adviser name Project Amt $m No. %Share 1 Allen & Overy 8, Clifford Chance 8, Latham & Watkins 6, Freshfields Bruckhaus Deringer 5, Milbank Tweed Hadley & McCloy 3, Linklaters 3, Norton Rose 3, White & Case 3, Baker & McKenzie 3, Skadden Arps Slate Meagher & Flom 3,

25 Modelli competitivi nel settore del project financing B A Classificazione per numero di mandati Approccio integrato (Modello emergente) Focalizzazione sull arranging Focalizzazione sull advisory Operatori marginali A Classificazione per ammontare di arranging B

26 Esempi di classificazione Approccio integrato Citigroup RBS Societe Generale Sumitomo CSFB Focalizzazione sull advisory Banca Intesa Deutsche bank Macquarie bank ABN Amro Focalizzazione sull arranging BNP Paribas ING Group BBVA (Banco Bilbao..)

27 Investitori istituzionali Gli investitori istituzionali perseguono politiche di asset allocation orientate all investimento in valori mobiliari emessi da soggetti che attuano iniziative caratterizzate da un livello di rischio medio-alto e da una durata temporale lunga Il coinvolgimento di investitori istituzionali nelle fasi iniziali di operazioni di project financing non è comunque comune nel continente europeo proprio per via del basso rating associato ai titoli. Si tratta per lo più di fondi pensione o fondi di venture capital, entrambi poco diffusi in Italia.

28 Gli altri ruoli nel sindacato di prestito Lead manager, manager e co-manager - Sono banche che erogano una quota parte del finanziamento strutturato dall arranger. La differenza tra le categorie risiede nell importo della partecipazione; inoltre, lead manager e manager possono essere chiamati all underwriting di parte del fnanziamento insieme all arranger Participant - Sono banche ed intermediari che prestano una quota inferiore alla soglia di lending commitment. Di solito le banche italiane non hanno rivestito ruoli più rilevanti di questo Documentation bank - Responsabile della corretta stesura dei documenti relativi al prestito Agent bank - Gestore dei flussi di incasso e pagamento dello Spv durante la vita operativa del progetto

29 La struttura delle commissioni Le componenti di costo sostenute dagli sponsor sono essenzialmente due: - Il compenso per l attività di advisoring Retainer fee Success fee - Il compenso per l attività di arranging Arranging fee Ogni banca partecipante all operazione riceve dall arranger una parte delle commissioni pagate dagli sponsor in funzione dei ruoli ricoperti nel pool.

30 Il compenso per l attività di advisory Retainer fee: - destinate alla copertura del costo sostenuto dall advisor durante la fase di studio ed elaborazione della proposta Success fee : - È la parte più consistente, pagata solo in caso di successo dell operazione - È sempre strutturata su base percentuale rispetto al valore del debito, in modo da incentivare l advisor a strutturare l operazione alle condizioni più convenienti per gli sponsor, ossia con gradi di leverage più elevati - Lo standard di mercato vede la dimensione della success fee variabile tra lo 0,5 e l 1% del valore del debito

31 Il compenso per l attività di arranging Arranging fee: - Riconosciuta una sola volta a titolo di remunerazione per la strutturazione definitiva del finanziamento - È sempre strutturata su base percentuale rispetto al valore del debito, per le stesse ragioni viste per la success fee pagata all advisor - Lo standard di mercato vede la dimensione della arranging fee variabile tra lo 0,7 e l 1% del valore del debito Può riguardare: - Compenso per il puro arranging - Compenso per attività di arranging e underwriting Se l operazione prevede co-arranger, a questi è corrisposta una porzione dell arranging fee in proporzione all ammontare sottoscritto, secondo una percentuale inferiore

32 I compensi ai partecipanti e alla banca agente Banche partecipanti: - Up-front fee (variabile tra i 20 e i 40 b.p. sull importo del finanziamento assunto da ciascuna di esse) - commitment fee, calcolata proporzionalmente al tempo sulla differenza tra l importo massimo messo a disposizione dello Spv e l importo erogato all inizio di ciascun periodo di riferimento Banca agente: - Importo fisso annuo stabilito dalle parti in funzione del numero di banche partecipanti al sindacato

33 Esempio di calcolo delle commissioni Importo debito sindacato: Success fee advisor: 0,75% Arranging fee: 1,00% Co-arranging fee: 0,80% Up-front management fee: 0,20% Intermediari coinvolti Ruolo Commissione Importo sottoscritto Importo finanziato Banca A Advisor Success fee n.a. Banca B Lead arranger Arranging fee Banca C Co-arranger Arranging fee Banca D Manager Up-front fee n.a Banca E Manager Up-front fee n.a Banca F Manager Up-front fee n.a

34 Importi da corrispondere a ciascun partecipante Success fee advisor: x 0,75 b.p.= Retrocessione delle commissioni Commissione Banca B Banca C Banca D Banca E Banca F Arranging fee n.a. n.a. n.a. n.a. Co-arranging fee n.a. n.a. n.a. Up-front fee Totale percepito Il lead manager (Banca B) incamera un arranging fee complessiva e procede poi al ribaltamento del compenso agli altri partecipanti

35 Retrocessione dell arranging fee Co-arranging fee 800 mila Arranging fee 2 milioni Totale percepito 850 mila Up-front fee 350 mila

36 Percentuali di rendimento Rendimento semplice Banca B Banca C Banca D Banca E Banca F 3,40% 3,40% 0,20% 0,20% 0,20%

37 Indice degli argomenti 1. Definizione e caratteristiche 2. Ruolo delle banche 3. Sviluppo del progetto: la struttura dello SPV 4. Fasi del project financing 5. Flussi di cassa 6. Progettazione della struttura finanziaria 7. Investimenti pubblici e finanza di progetto 8. Project finance initiative 37

38 Necessità di creazione di una SPV La società progetto è lo strumento mediante il quale il finanziamento di progetto separa i rapporti patrimoniali che fanno parte del progetto dalle economie esterne Una società dedicata è quindi necessaria affinché il progetto possa essere finanziabile su base without recourse Si distinguono infatti rischi di progetto (titolarità della società progetto) e rischi non di progetto (non appartengono alla società progetto che deve, anzi, esserne spesso protetta) Le ragioni per la creazione di una Spv sono di natura difensiva e di natura positiva

39 Ragioni difensive e positive per la creazione di una SPV Ragioni difensive: - La possibile esistenza di attività estranee al progetto, pregresse o in corso, crea un rischio di emissione di passività che contaminerebbero il patrimonio della società debitrice del finanziamento del progetto, ponendo il bilancio del debitore a disposizione dei finanziatori e l intero suo patrimonio a loro garanzia Ragioni positive: - L esistenza di una società progetto dedicata consente la canalizzazione del cash flow generato dal progetto alla soddisfazione dei creditori secondo un ordine di priorità coincidente con il modello finanziario È opportuno infine considerare che la consueta presenza di una pluralità di sponsor determina la naturale costituzione di società in joint venture

40 Soluzioni pratiche per l organizzazione della società progetto La società progetto può essere costituita nella forma giuridica di una srl o di una spa - Tali tipologie, essendo società di capitali, consentono la limitazione delle responsabilità per le obbligazioni sociali, rendendo giuridicamente possibile la costituzione di finanziamenti without recourse - La società in accomandita per azioni (sapa) è tipologia destinata quasi unicamente a fini estremamente specifici tra i quali non si contemplano operazioni di project financing - La prassi italiana ha visto una prevalenza di società progetto srl, probabilmente a causa della maggiore semplicità organizzativa ed al minore impegno di capitale richiesto rispetto alla società per azioni

41 Indice degli argomenti 1. Definizione e caratteristiche di un operazione di project financing 2. Il ruolo delle banche nelle operazioni di project financing 3. Lo sviluppo del progetto: la struttura dello Special Purpose Vehicle 4. Le fasi del project financing 5. Flussi di cassa 6. La progettazione della struttura finanziaria 7. Investimenti pubblici e finanza di progetto 8. Project finance initiative 41

42 Principali fasi di un operazione di project financing Tre fasi logiche fondamentali: - Identificazione di un iniziativa Consiste nell analisi dell idea progettuale e nella successiva determinazione della struttura dell operazione e delle condizioni contrattuali, attraverso l attività di negoziazione - Implementazione dell iniziativa Si concretizza nella sottoscrizione dei contratti e nell attuazione del progetto - Gestione economica delle opere realizzate Ha inizio con l accettazione delle opere realizzate ed è la fase di produzione dei beni e/o erogazione dei servizi. In questa fase hanno luogo i primi rientri economici e il rimborso dei finanziamenti

43 Fasi di un iniziativa Test viabilità Accordi e negoziazioni Monitoraggio Periodo rimborso debito EVENTI Proposta Studi e analisi Finanziamenti Accettazione provvisoria Ripagamento FASI IDENTIFICAZIONE IMPLEMENTAZIONE GESTIONE A B C DOCUMENTI Raccolta e analisi dati Realizzazione Produzione Modello finanziario Studio fattibilità Term sheet Contratti commerciali e di finanziamento Rapporto di monitoraggio

44 Fase 1: L identificazione dell iniziativa Ogni operazione d project financing è il frutto di un attività negoziale che consente di definire dettagliatamente il progetto e comporre gli interessi in gioco Già in questa fase le banche assumono tutti i ruoli principali che di solito svolgono in operazioni di project financing - Il ruolo più delicato in questa fase è quello dell advisor finanziario Due ipotesi tipiche di coinvolgimento in questa fase: Per iniziativa di promotori privati Per iniziativa di un soggetto appartenente alla publica amministrazione

45 L advisor nella fase di identificazione Nella fase iniziale la consulenza di una banca è indispensabile per formulare un ipotesi finanziaria accettabile dal mercato o impostare una vera e propria gara tra istituti finanziatori Il lavoro di sintesi dell advisor finanziario consiste nella produzione di tre documenti principali: - Studio di fattibilità - Information memorandum (utilizzato anche in fase di sindacazione) - Term sheet e piano con flussi di cassa del progetto

46 Studio di fattibilità È documento interno di lavoro privo di caratteristiche standard Volto alla valutazione di un duplice aspetto: - Fattibilità tecnica (effettiva possibilità di dare al progetto la struttura desiderata - Fattibilità economico - finanziaria (valutazione dell equilibrio economico-finanziario del progetto) Raccolta informazioni essenziali alla costruzione di una preliminare cash-flow analysis Basso grado di dettaglio L ipotesi finanziaria è articolata secondo scenari alternativi sui quali applicare analisi di sensitività

47 Term sheet È il documento sintetico che riassume termini e condizioni del finanziamento; è costantemente aggiornato durante la fase di implementazione del progetto Elementi principali contenuti nel term sheet: Debitore (solitamente lo Spv) Soci del debitore Fonti di finanziamento (importo e scomposizione nelle categorie di equity, mezzanine e debito) Termini di utilizzo e rimborso dei prestiti Tasso d interesse applicato Commissioni per le banche Banche finanziatrici e ruolo ricoperto Pacchetto delle garanzie Covenants

48 Information memorandum È il documento di base che contiene tutti i principali elementi di un operazione Ha due obiettivi fondamentali: - Elaborare in modo analitico e coordinato il progetto definendone aspetti economici, giuridici e finanziari - Promuovere il finanziamento del progetto sui mercati finanziari

49 Le principali informazioni contenute nell information memorandum Descrizione del progetto Promotori e struttura societaria Quadro normativo di riferimento e rapporti con le istituzioni Costruzione delle opere Tecnologia del progetto Impatto ambientale Caratteristiche del mercato di riferimento Gestione dell iniziativa Contratti commerciali (fornitura di materie prime, contratti di cessione di prodotti, etc.) Modello economico-finanziario Struttura finanziaria del progetto Analisi di sensitività Garanzie ed aspetti assicurativi

50 Fase 2: L implementazione del progetto In questa fase sono definitivamente sottoscritti i contratti ed inizia la realizzazione del progetto: - Costruzione delle opere - Erogazione dei finanziamenti - Monitoraggio delle opere in costruzione Criticità: - È una fase molto delicata, perché di lunga durata (anche diversi anni) ed assenza di produzione di ricavi - Possono presentarsi problemi relativi all entrata in vigore dei contratti, pregiudicando la realizzazione stessa del progetto La fase termina con il collaudo delle opere

51 Fase 3: La gestione commerciale Consiste nella gestione operativa dell opera e si collega all incasso dei ricavi ed al servizio del debito Durante questo periodo le banche monitorano costantemente i conti economici del progetto, con attenzione al servizio del debito - Una società di revisione indipendente è incaricata di redigere situazioni finanziarie della società di progetto Il rimborso totale del debito indica il termine dell operazione di project financing dal punto di vista delle banche. Per i promotori l operazione può continuare; i flussi finanziari prodotti da questo momento sono a loro disposizione

52 Indice degli argomenti 1. Definizione e caratteristiche di un operazione di project financing 2. Il ruolo delle banche nelle operazioni di project financing 3. Lo sviluppo del progetto: la struttura dello Special Purpose Vehicle 4. Le fasi del project financing 5. Flussi di cassa 6. La progettazione della struttura finanziaria 7. Investimenti pubblici e finanza di progetto 8. Project finance initiative 52

53 Flussi di cassa e gestione dei rischi Ricavi monetari caratteristici Costi per acquisti di input Costi per manutenzione e riparazioni Costi per assicurazioni Imposte = Flusso di circolante della gestione corrente Variazione delle poste di circolante Investimenti netti in immobilizzazioni = Flusso di cassa operativo Take or pay agreement: contratti di acquisto incondizionato. Nel caso in cui lo SPV non possa fornire quanto promesso il compratore paga ugualmente ma lo SPV garantisce una fonte alternativa e l eventuale rimborso dei maggiori costi sostenuti dall acquirente Put or pay: il fornitore vende allo SPV volumi prefissati di input a prezzi prefissati. In caso di mancata fornitura il fornitore viene chiamato a reintegrare il maggior costo dovuto alla ricerca di altra fonte di input O&M agreement: contratto a prezzo fisso in cui il gestore assume il rischio dell andamento dei costi operativi Contratti di assicurazione Contratti di costruzione chiavi in mano

54 Dai FCO ai dividendi Flusso di cassa operativo (netto d imposta) Interessi passivi Rimborso del capitale = Flusso di cassa disponibile ± Accantonamento/prelievo a/da reserve account Contratto di finanziamento = Dividendi agli sponsor

55 La dinamica dei flussi operativi cumulati in un progetto d investimento 0 Fase di costruzione j Fase operativa k(pay-back) n tempo Termine del progetto Testing Nella fase di costruzione i flussi finanziari di natura operativa sono negativi; il fabbisogno di fondi deve trovare copertura nel pool di banche finanziatrici Dopo l istante j, il progetto entra nella fase operativa e inizia a produrre i ricavi, e quindi le entrate, destinati a spesare i costi della gestione Graficamente, la distanza tra il punto j e il punto k, che rappresenta il pay-back non attualizzato dell investimento, dipende dalla copiosità dei flussi di cassa operativi dopo il termine della fase di costruzione

56 Indice degli argomenti 1. Definizione e caratteristiche di un operazione di project financing 2. Ruolo delle banche nelle operazioni di project financing 3. Sviluppo del progetto: la struttura della SPV 4. Fasi del project financing 5. Flussi di cassa 6. Progettazione della struttura finanziaria 7. Investimenti pubblici e finanza di progetto 8. Project finance initiative 56

57 Analisi del fabbisogno finanziario complessivo Il fabbisogno finanziario complessivo deve coprire la somma di 5 elementi: 1. Il costo complessivo delle immobilizzazioni necessario per il completamento del progetto e la sua entrata in funzione 2. L ammontare di costi operativi ante-completamento del progetto (es. salari, utenze varie etc.) 3. Gli interessi necessari a remunerare il capitale di debito qualora dovuti prima che il progetto entri in funzione 4. L investimento iniziale nel capitale circolante netto commerciale 5. Un margine di sicurezza per coprire eventuali sottostime dei costi (cost overruns)

58 Fonti di copertura: l equity Il capitale azionario ricopre un ruolo molto importante: - Consente di sostenere e finanziare le fasi di progettazione, di studio ed analisi di fattibilità fino alla predisposizione del business plan da sottoporre ai finanziatori - Attribuisce al progetto un maggiore grado di bancabilità 3 modalità di conferimento: - Conferimento iniziale - Conferimento pro-rata - Conferimento finale Diverso grado di convenienza per lo sponsor Il capitale proprio non viene mai remunerato prima dell entrata in funzione del progetto. A partire da tale momento, inoltre, i creditori possono chiedere di aumentare i dividendi progressivamente. Aumentare il grado di equity è dunque una modalità per evitare che il PF nasconda un appalto mascherato, perché si disincentiva la SPV a disinteressarsi della gestione.

Il project finance. Lorenzo Faccincani

Il project finance. Lorenzo Faccincani Il project finance Lorenzo Faccincani 1 Il project finance: definizione Il project finance è un operazione di finanziamento di una particolare unità economica nella quale un finanziatore è soddisfatto

Dettagli

I d n ice c e d el e la l ez e ion o e Il project financing: contenuti e condizioni di utilizzo D f e in i zio i n o e Ambito di applicazione

I d n ice c e d el e la l ez e ion o e Il project financing: contenuti e condizioni di utilizzo D f e in i zio i n o e Ambito di applicazione LUISS Guido Carli Cattedra di Tecnica bancaria (Corporate e investment banking) Le operazioni di finanza strutturata: il project finance Domenico Curcio, Ph.D. Roma, 8 maggio 2009 Indice della lezione

Dettagli

Le fonti di finanziamento nel project financing

Le fonti di finanziamento nel project financing Le fonti di finanziamento nel project financing Giuseppe G. Santorsola Università Parthenope Aspetti generali La Finanza di Progetto nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta

Dettagli

Lo Strumento del Project Finance a sostegno delle Imprese. Centrobanca - Corporate Finance Division Project Finance 28 Novembre 2008

Lo Strumento del Project Finance a sostegno delle Imprese. Centrobanca - Corporate Finance Division Project Finance 28 Novembre 2008 Lo Strumento del Project Finance a sostegno delle Imprese Centrobanca - 28 Principali differenze tra Project Finance e Corporate Finance Finanza d Impresa Project Finance Garanzie del finanziamento Effetti

Dettagli

Il PPP e la FP per la realizzazione di infrastrutture pubbliche: aspetti giuridici ed economico finanziari

Il PPP e la FP per la realizzazione di infrastrutture pubbliche: aspetti giuridici ed economico finanziari PREFETTURA DI LATINA Seminario sul Partenariato Pubblico Privato e la Finanza di Progetto Il PPP e la FP per la realizzazione di infrastrutture pubbliche: aspetti giuridici ed economico finanziari Latina,

Dettagli

Operazioni di Project Finance

Operazioni di Project Finance Università degli Studi di Milano-Bicocca Anno Accademico 2005 / 2006 Operazioni di Project Finance Corso di Risk Management S Milano, 22 Marzo 2006 definizione Finanziamento tipicamente di natura bancaria:

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Emanuele Scarnati. Responsabile Direzione Corporate Finance. Piano di Sviluppo delle città e Project Financing. Palermo, 19 aprile 2013

Emanuele Scarnati. Responsabile Direzione Corporate Finance. Piano di Sviluppo delle città e Project Financing. Palermo, 19 aprile 2013 Emanuele Scarnati Responsabile Direzione Corporate Finance Piano di Sviluppo delle città e Project Financing Palermo, 19 aprile 2013 Generalità sul Project Financing Punti di attenzione e opportunità 2

Dettagli

Project Finance e Partenariato Pubblico Privato

Project Finance e Partenariato Pubblico Privato FORUM RINNOVABILI 2008 Lo sviluppo delle fonti rinnovabili nella nuova politica energetica del Sistema Paese Unità Tecnica Finanza di Progetto Project Finance e Partenariato Pubblico Privato Roma, 18 Giugno

Dettagli

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti

Project Financing. Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari. Lecce 2 ottobre 2003. Sommario degli argomenti Project Financing Caratteristiche generali ed aspetti economico-finanziari Lecce 2 ottobre 2003 A cura del Dott. Massimo Leone Sommario degli argomenti 1. Introduzione al project financing 2. Il project

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO ANALISI DI FATTIBILITA ECONOMICO - FINANZIARIA PARCO DELLO SPORT DI MONZA 1. Executive Summary L analisi della fattibilità economico finanziaria ha come finalità la verifica della sostenibilità economico-finanziaria

Dettagli

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. NUOVO NIDO PER L INFANZIA Modello Economico-Finanziario Comune di Bomporto 16/02/2010 Sommario Indice...Errore. Il segnalibro non è definito. LE IPOTESI DEL MODELLO ECONOMICO E FINANZIARIO... 3 Il progetto

Dettagli

PPP e Pubblica Amministrazione profili operativi

PPP e Pubblica Amministrazione profili operativi DIPE Unità Tecnica Finanza di Progetto PPP e Pubblica Amministrazione profili operativi MASTER DIFFUSO Roma, 12-15 15 Maggio 2008 1 UTFP : Linee di attività L Unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP) è

Dettagli

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento:

Possiamo pertanto identificare due modelli di riferimento: FINANZA AZIENDALE Appunti 5 - (9-6 CFU) Cap. 15 libro Project Financing La realizzazione di un progetto complesso (la costruzione di una centrale energetica, di una raffineria, di un oleodotto, di un impianto

Dettagli

Il Project Financing: aspetti negoziali. e clausole d uso

Il Project Financing: aspetti negoziali. e clausole d uso Il Project Financing: aspetti negoziali Operazioni di finanza strutturata: esame della struttura di una operazione di Project Financing e contratti collegati e clausole d uso I contratti internazionali

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini

IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. Marco Righini IL PROJECT FINANCING IN CONCRETO: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Classificazione delle opere in PPP Progetti dotati di generare reddito Progetti dove il soggetto privato fornisce direttamente servizi alla

Dettagli

Perché parliamo di project finance?

Perché parliamo di project finance? Il project finance Perché parliamo di project finance? Operazione di finanziamento in crescita negli ultimi anni Ampiamente utilizzato sia nei PVS che nei Paesi Industrializzati 2 Agenda 1. Cos è il project

Dettagli

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance FINANZIA ENERGIA I progetti di investimento con il project finance Erba, 3 dicembre 2009 2 Brady Italia Mariano Kihlgren, amm. delegato Giuseppe Michelucci, partner 3 Brady Italia Brady Italia opera da

Dettagli

il Project Financing per lo sviluppo dei sistemi di trasporto la valorizzazione del progetto: il piano industriale e finanziario

il Project Financing per lo sviluppo dei sistemi di trasporto la valorizzazione del progetto: il piano industriale e finanziario il Project Financing per lo sviluppo dei sistemi trasporto la valorizzazione del progetto: il piano industriale e finanziario 7 Marzo 2002 1 definizione definizione Project Project Financing Financing

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. Acquisition & Mezzanino

Gestione Finanziaria delle Imprese. Acquisition & Mezzanino GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE L acquisition finance e il debito mezzanino L acquisition finance Sostegno finanziario alle operazione di acquisizione di aziende da parte di investitori finanziari o

Dettagli

Garanzie e interventi della Sace nella strutturazione dei finanziamenti per le infrastrutture

Garanzie e interventi della Sace nella strutturazione dei finanziamenti per le infrastrutture Garanzie e interventi della Sace nella strutturazione dei finanziamenti per le infrastrutture Intervento SACE nelle infrastrutture strategiche: l approccio L approccio di SACE Coinvolgimento sin dalla

Dettagli

IL FINANCING DELLE START UP

IL FINANCING DELLE START UP IL FINANCING DELLE START UP Facoltà Medicina e Chirurgia Verona Lunedì 4 maggio 2009 1 Il Business Plan (BP) è uno strumento di pianificazione strategica 2 1 Il processo di redazione del BP 1 - Executive

Dettagli

DIREZIONE INFRASTRUTTURE E GRANDI OPERE

DIREZIONE INFRASTRUTTURE E GRANDI OPERE DIREZIONE INFRASTRUTTURE E GRANDI OPERE Project Finance Infrastructure Finance General contracting Corporate Finance Consulenza Strutturazione di fonti di debito e consulenza per: progetti di infrastrutture

Dettagli

LE AREE D AFFARI DEL CORPORATE & INVESTMENT BANKING

LE AREE D AFFARI DEL CORPORATE & INVESTMENT BANKING LE AREE D AFFARI DEL CORPORATE & INVESTMENT BANKING Giuseppe G. Santorsola Università Parthenope - Napoli 1 SOMMARIO La finanza mobiliare Il corporate finance Il merchant banking La finanza strutturata

Dettagli

Introduzione al Project Finance

Introduzione al Project Finance Introduzione al Project Finance Avv. Riccardo Bicciato Dipartimento di Diritto Bancario e Finanziario Bonelli Erede Pappalardo Milano, 4 ottobre 2013 www.beplex.com Indice della presentazione Cosa si intende

Dettagli

Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili

Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili Marco Martorana, Energy Product Specialist Competence Center for Renewable Energies Roma, 23 Settembre 2010 UNICREDIT LEASING E LE

Dettagli

Il Project Financing

Il Project Financing Il Project Financing Agenda 1. Introduzione 2. Rischi del progetto 3. Le fonti di finanziamento del progetto 4. I soggetti coinvolti 5. Le garanzie 6. Il PF in Italia Master di I livello in Finanza aziendale

Dettagli

LO SVILUPPO DEL MODELLO FINANZIARIO NEL PROJECT FINANCE

LO SVILUPPO DEL MODELLO FINANZIARIO NEL PROJECT FINANCE FACOLTA DI ECONOMIA CATTEDRA DI FINANZA AZIENDALE LO SVILUPPO DEL MODELLO FINANZIARIO NEL PROJECT FINANCE Relatore: Prof. Ernesto Monti Candidato: Gioacchino Giordano Matr. 146341 ANNO ACCADEMICO 2008/2009

Dettagli

INDICE. Capitolo primo IL PROJECT FINANCING: EVOLUZIONE STORICA E MER- CATO

INDICE. Capitolo primo IL PROJECT FINANCING: EVOLUZIONE STORICA E MER- CATO INDICE Capitolo primo IL PROJECT FINANCING: EVOLUZIONE STORICA E MER- CATO 1. Evoluzione storica del project financing. 5 2. Il project financing nella prospettiva del partenariato pubblico-privato. 6

Dettagli

Piano economico finanziario

Piano economico finanziario Economica del Progetto Corso del prof. Stefano Stanghellini Piano economico finanziario Contributo didattico: prof. Sergio Copiello Pagamento tariffe Prestazione di servizi Soggetti e risorse Pagamento

Dettagli

Strumenti finanziari per la realizzazione di infrastrutture idriche

Strumenti finanziari per la realizzazione di infrastrutture idriche Strumenti finanziari per la realizzazione di infrastrutture idriche Roma 25 Gennaio 2006 Gabriele Ferrante Unità tecnica Finanza di Progetto 1 Introduzione Premesse La situazione della finanza pubblica

Dettagli

Loan Capital Union Merger & Acquisition

Loan Capital Union Merger & Acquisition Regulated by UIC n 37740 M&A L.BO M.BO FAMILY.BO VENTURE CAPITAL FIN.POOL-MUTUI-LEASING FAMILY OFFICE IPO-PRIVATE EQUITY APF-FINANZIAMENTI DESTINATI CASH & RISK MANGEMENT TRUST PRIVATE EQUITY START UP

Dettagli

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Obiettivi del corso Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Studiare l articolazione e l organizzazione dei mercati in cui questi strumenti vengono negoziati Principali

Dettagli

Il project financing per l attuazione di opere di interesse pubblico

Il project financing per l attuazione di opere di interesse pubblico Il project financing per l attuazione di opere di interesse pubblico Venezia, 3 dicembre 2014 Valentina Antoniucci valutareilprogetto2@gmail.com Estimo Corso di laurea magistrale in Architettura per il

Dettagli

Base Target High Dividend Scheda Sintetica - Informazioni specifiche

Base Target High Dividend Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali caratteristiche del fondo interno. INFORMAZIONI

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Il modello dell intermediario mobiliare L intermediario creditizio

Dettagli

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio The Economics of Structured Finance Economia delle scelte di portafoglio La finanza strutturata è il pooling di attività (e.g. prestiti, obbligazioni, mutui) e la conseguente emissione di trance con differenti

Dettagli

Impianti fotovoltaici su tetto Finanziabilità del progetto e struttura dei rischi. Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (Tv)

Impianti fotovoltaici su tetto Finanziabilità del progetto e struttura dei rischi. Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (Tv) Impianti fotovoltaici su tetto Finanziabilità del progetto e struttura dei rischi Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (Tv) 3 novembre 2011 Le esigenze del mercato Legate all investitore e all importo

Dettagli

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali

Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Il Project Financing per il Social Housing: profili generali Dott. Livio Pasquetti Studio Paratore Pasquetti & Partners Seminario introduttivo Strumenti finanziari alternativi per l»edilizia residenziale

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

Strumenti finanziari in senso lato a disposizione dell impresa: profili generali

Strumenti finanziari in senso lato a disposizione dell impresa: profili generali Fabio Alberto Regoli Strumenti finanziari in senso lato a disposizione dell impresa: profili generali STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELL IMPRESA E INTERNAZIONALIZZAZIONE TORINO, 10 MAGGIO 2012 Impresa e investimento.

Dettagli

SEMINARIO: IL PROJECT FINANCING * * * Milano, 11 gennaio 2013. Avv. Silvia Beccio Senior Associate presso Tonucci & Partners

SEMINARIO: IL PROJECT FINANCING * * * Milano, 11 gennaio 2013. Avv. Silvia Beccio Senior Associate presso Tonucci & Partners * * * Milano, 11 gennaio 2013 Avv. Silvia Beccio Senior Associate presso Tonucci & Partners Un autorevole esperto della materia ha definito il project financing come «un operazione di finanziamento di

Dettagli

L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo

L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo 1 L evoluzione dei servizi bancari in Italia Struttura conto economico nel periodo 1993-2001 (valori in percentuale

Dettagli

Il trust nelle operazioni di project financing e finalizzato ad operazioni di finanziamento

Il trust nelle operazioni di project financing e finalizzato ad operazioni di finanziamento Il trust nelle operazioni di project financing e finalizzato ad operazioni di finanziamento Damiano Montani Professore Aggregato Università degli Studi di Bergamo Il trust nelle operazioni di finanziamento

Dettagli

Il finanziamento delle start-up

Il finanziamento delle start-up Il finanziamento delle start-up Ing. Diego Viviani MIP - Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale diego.viviani@polimi.it Indice Introduzione Le fonti di finanziamento dell impresa I

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Raynaud and Partners Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex.

Raynaud and Partners Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex. Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex.it FUND RAISING E REAL ESTATE NEL MERCATO INTERNAZIONALE E DOMESTICO: SPUNTI

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

Base Target 04/2022 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8

Base Target 04/2022 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

METODOLOGIE E CASI DI PROJECT FINANCING NEGLI ENTI LOCALI

METODOLOGIE E CASI DI PROJECT FINANCING NEGLI ENTI LOCALI METODOLOGIE E CASI DI PROJECT FINANCING NEGLI ENTI LOCALI PROJECT FINANCING APPLICATO ALL EDILIZIA CIMITERIALE: IL NUOVO CIMITERO MONUMENTALE MILANO SUD Intervento dell Ing. Alberto Fecchio Presidente

Dettagli

Caso pratico di redazione di un piano di risanamento

Caso pratico di redazione di un piano di risanamento S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CONVEGNO: DIAGNOSI E SOLUZIONI PER LA CONTINUITA D IMPRESA Caso pratico di redazione di un piano di risanamento GIANNICOLA ROCCA 21 Luglio 2012 - Sala Falck

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

La gestione della raccolta bancaria (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

La gestione della raccolta bancaria (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 La gestione della raccolta bancaria (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Definizioni Nella prassi bancaria, il termine raccolta viene utilizzato per

Dettagli

Cartolarizzazioni di immobili e crediti. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Cartolarizzazioni di immobili e crediti. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Cartolarizzazioni di immobili e crediti Cartolarizzazione Consiste in un operazione di conversione di assets di bilancio in titoli: consente di convertire parte delle proprie attività in titoli con la

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

Meccanismi di finanziamento delle infrastrutture idriche

Meccanismi di finanziamento delle infrastrutture idriche Meccanismi di finanziamento delle infrastrutture idriche Roma 12 luglio 2005 Gabriele Pasquini Unità tecnica Finanza di Progetto 1 Introduzione Premesse La situazione della finanza pubblica ed i vincoli

Dettagli

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf 22 19 CHE COS È IL PROJECT FINANCING? Per Project Financing (PF Finanza di Progetto) si intende il finanziamento di un progetto

Dettagli

Banca & Impresa & PA: L efficienza del Sistema Paese per lo Sviluppo

Banca & Impresa & PA: L efficienza del Sistema Paese per lo Sviluppo Banca & Impresa & PA: L efficienza del Sistema Paese per lo Sviluppo Criticità legali nella strutturazione delle operazioni di Project Financing Rodolfo Errore Head of Project Partner Simmons & Simmons

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad

LEASING. È un contratto mediante il quale una parte (locatore), cede ad LEASING Il codice civile non menziona esplicitamente fra i singoli contratti la locazione finanziaria per cui quest ultima si configura come un contratto atipico È un contratto mediante il quale una parte

Dettagli

MARGHINE LA FRONTIERA VERDE

MARGHINE LA FRONTIERA VERDE MARGHINE Piano d Azione per l Energia Sostenibile della Comunità Pioniera del Marghine ALLEGATO A.2 ANALISI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE AZIONI CHIAVE DICEMBRE 2012 PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Dettagli

Profilo della partnership

Profilo della partnership Analisi e Sviluppo di Iniziative in Project Financing Profilo della partnership Attività e Settori Anno 2014 Albion srl Via Crocefisso, 21 20122 Milano T. +39 02 58324882 www.albion.it info@albion.it Contenuti

Dettagli

DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI

DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI DOMANDE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI STRUMENTI FINANZIARI Cap. 1. La moneta e i bisogni di pagamento 1) Si illustrino i problemi che incontrano gli scambisti nel regolamento di uno scambio monetario.

Dettagli

Il mondo del Private Equity

Il mondo del Private Equity Pietro Busnardo Il mondo del Private Equity Obiettivi e modalità di intervento Reggio Emilia, 11 marzo 2014 Cosa si intende per Private Equity Finanza Debito Equity Mercati Corporate Il Private Equity

Dettagli

23. Fondi del personale

23. Fondi del personale 23. Fondi del personale La voce comprende: 382 PIRELLI & C. S.p.A. MILANO Fondi pensione: - finanziati 157.368 118.234 - non finanziati 88.752 88.050 TFR (società italiane) 56.783 74.559 Piani di assistenza

Dettagli

PIANO DI CONSULENZA PROJECT FINANCING ATENA

PIANO DI CONSULENZA PROJECT FINANCING ATENA PIANO DI CONSULENZA PROJECT FINANCING ATENA 1 Sommario: PIANO DI CONSULENZA... 1 PROJECT FINANCING ATENA... 1 I PERCORSI DI CONSULENZA ATENA : la Consulenza a misura di ogni esigenza... 3 I MODULI CHE

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 4 Il contratto di finanziamento Le principali clausole di un contratto di finanziamento

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QS. Data di istituzione e inizio operatività del fondo interno: 15/03/2014

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QS. Data di istituzione e inizio operatività del fondo interno: 15/03/2014 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE IL PROJECT FINANCING NELLE ENERGIE RINNOVABILI. IL CASO DEL MERCATO FOTOVOLTAICO. PROJECT FINANCING IN RENEWABLE ENERGY.

Dettagli

SOLUZIONI PER OPERARE CON L ESTERO

SOLUZIONI PER OPERARE CON L ESTERO SOLUZIONI PER OPERARE CON L ESTERO ORIENTARSI NEL BUSINESS INTERNAZIONALE L attività con l estero rappresenta un area di business di estrema importanza per molte imprese italiane. Operare nei mercati internazionali,

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 2 Il finanziamento immobiliare strutturato Il finanziamento immobiliare strutturato Finanziare

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

I crediti di firma ed il credito al consumo

I crediti di firma ed il credito al consumo I crediti di firma ed il credito al consumo Economia delle aziende di credito A.A. 2008/2009 1 I crediti di firma 1) Introduzione 1.1 I crediti di firma 1.2 Funzione dei crediti di firma 2) Le accettazioni

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Corso di TRASPORTI E TERRITORIO. prof. ing. Agostino Nuzzolo

Corso di TRASPORTI E TERRITORIO. prof. ing. Agostino Nuzzolo Corso di TRASPORTI E TERRITORIO prof. ing. Agostino Nuzzolo Il Project Financing nella realizzazione delle infrastrutture di trasporto 1 Il Project Financing Definizione Il Project Financing g( (o finanza

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione finanziaria. La scelta dei progetti di investimento

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione finanziaria. La scelta dei progetti di investimento Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione finanziaria. La scelta dei progetti di investimento dott. Matteo Rossi La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso di decisioni

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE PARTE SECONDA Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 Sezione I Fonti normative Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 01/12/2010-01/12/2015 A TASSO VARIABILE SUBORDINATO LOWER TIER II Codice ISIN IT0004654866

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Metodologia Rating di emissione

Metodologia Rating di emissione Metodologia Rating di emissione giugno 2014 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONI...3 CERVED GROUP RATING... 3 IL RATING di emissione... 3 LA SCALA DI RATING...3 METODOLOGIA DI RATING DI EMISSIONE...5 Ambito

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione IAS 39 Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione Finalità 1 La finalità del presente Principio è stabilire i principi per rilevare e valutare le attività

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti Le operazioni di cartolarizzazione Le operazioni di cartolarizzazione nelle banche Evoluzioni recenti 2 Le operazioni

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

Welcome Energy: benvenuta energia pulita. Dedicato ad aziende ed enti

Welcome Energy: benvenuta energia pulita. Dedicato ad aziende ed enti Welcome Energy: benvenuta energia pulita. Dedicato ad aziende ed enti Il Gruppo MPS per la produzione di energie rinnovabili. Le sfide poste dai cambiamenti climatici sono notevoli e, se non saranno affrontate

Dettagli